Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


DANNI da VACCINO per l'INFLUENZA
- 1
INDIA: 4 bambini morti dopo una vaccinazione - vedi VIDEO
60 bambini ammazzati dai vaccini:
http://abcnews.go.com/Health/cdc-officials-flu-outbreak-killed-63-children/story?id=52961173

Ecco il recente studio che ha coinvolto più di 17.000 bambini fino a 19 anni
Questo studio-indagine attualmente in corso è stato avviato dall’omeopata Andreas Bachmair.
Uno studio-ricerca dimostra, che bambini NON vaccinati sono più sani che i bambini vaccinati
La scomparsa delle malattie infettive NON e' dovuta ai vaccini ! (Francais)
Premi in denaro ai medici che vaccinano...
Alluminio ed altro....nei Vaccini ecco i gravi danni:
http://edgytruth.com/2016/07/18/vaccine-ingredients-comprehensive-guide/#
Migliaia di bambini UCCISI con i vaccini per l'influenza
 
Microbioma, omeostasi, stress ossidativo, mutazioni DNA, danni da farmaci e VACCINI

INFLUENZA: INDAGINE, SOLO UN MEDICO SU QUATTRO si VACCINA - 27/03/2006
vedi:
Influenza e vaccini + Nanoparcitelle e metalli tossico-nocivi nei vaccini + Danni dei vaccini + Bibliografia sui danni + Danni del Vaccino + Danni dei vaccini (English)


Gli infermieri e gli operatori sanitari degli Stati Uniti rifiutano i vaccini influenzali obbligatori
- http://realfarmacy.com/22000-nurses-flu/


Solo un medico su quattro, in Italia, decide di vaccinarsi contro l'influenza. E' quanto risulta da una indagine condotta dall' istituto di virologia dell' università di Milano, presentata a un convegno a San Marino sui sistemi sanitari e l' innovazione.
A 1.150 farmacisti, medici e infermieri sono stati consegnati dei questionari lo scorso autunno per comprendere il loro comportamento in vista della stagione vaccinale.
Gli italiani che quest' anno (2006) si sono vaccinati sono stati più che nel passato: 16,5 milioni contro i 12 dello scorso anno. Il questionario ha chiesto a medici, farmacisti e infermieri se erano a conoscenza dei rischi dell' influenza stagionale. I più informati si sono dimostrati i medici (80%), seguiti dai farmacisti e infermieri (per entrambi il 60%-70% circa).
I più convinti sull' efficacia del vaccino sono stati i farmacisti: 90% contro il 70% delle altre due categorie.
Ma a scegliere la vaccinazione sono state percentuali molto più piccole: solo il 25% dei medici, che peraltro hanno consigliato nel 70% dei casi la vaccinazione ai propri pazienti, e il 20% di farmacisti e infermieri.
By BR/ARS

Parere di un Medico:

Può sembrare strano che un medico con 19 anni di esperienza abbia preso con forza le distanze dalla pratica vaccinale.
E potrebbe apparire ancor più strano il fatto che, con una carriera di successo da nefrologa, abbia fatto le valigie e si sia lasciata l’ospedale alle spalle senza rimpianti. Al culmine della carriera, ho abbandonato tutto e mi sono lasciata alle spalle un lavoro molto remunerativo e una splendida reputazione. Ecco com’è andata.

Come la maggior parte dei medici, ho ricevuto un rapido sommario del calendario vaccinale per adulti e bambini, mi è stato detto che i vaccini sono sicuri ed efficaci, e mi è stato raccomandato di somministrarli secondo il piano previsto.

Non ho mai messo in dubbio il piano vaccinale e la mia posizione in merito era largamente indifferente.

Dopo quasi vent’anni di lavoro nel sistema medico convenzionale, diverse cose sono venute a convergere, proiettandomi in una nuova modalità di pensiero.

Non avrei mai immaginato che l’establishment medico mi sarebbe apparso come un flagrante violatore della vita, o che sarebbe entrato in conflitto con i miei princìpi morali e spirituali… ma così è stato.

L’evento più memorabile è avvenuto durante l’inverno del 2009, quando il vaccino antinfluenzale H1N1 è stato somministrato come dose separata dal vaccino per l’influenza stagionale. Molti medici erano scettici a proposito della pratica vaccinale antinfluenzale, e molti dei miei colleghi in ospedale firmarono il modulo per l’esenzione ed evitarono di farsi vaccinare.

Tuttavia, molti pazienti fiduciosi non ebbero il discernimento per rifiutare e dovetti osservare su di loro il potenziale esito della vaccinazione a livello renale.

Quell’inverno, tre pazienti in rapida successione furono trasportati al pronto soccorso del mio ospedale con un blocco renale completo.

Quando li raggiunsi, ciascuno di essi mi disse spontaneamente:  “Stavo bene finché non ho fatto quel vaccino !”.
Tutti e tre avevano un’anamnesi prima del ricovero di normale funzionalità renale e per tutti e tre fu necessaria una forma intensa di dialisi. Alla fine due si ripresero e il terzo morì diversi mesi dopo per le complicanze, si suppone dovute alle altre malattie pregresse. Dopo questa serie di eventi, iniziai a registrare per ogni paziente l’anamnesi vaccinale e fui sorpresa di trovare collegamenti che avrebbero potuto palesarsi anche solo chiedendo: ”Quando ha fatto l’ultimo vaccino ?”. La mia opinione è che molti casi di supposta malattia renale idiopatica (termine medico che indica l’origine sconosciuta della malattia) non siano idiopatici affatto.

Durante le settimane di dialisi dei tre pazienti che avevano avuto il blocco renale, mi capitò di imbattermi, lungo i corridoi, nel primario di medicina interna, con il quale avevo sempre intrattenuto una buona relazione e con cui eravamo in ottimi rapporti. Mi chiese, come al solito: “Come va ? come procede il lavoro nel reparto di nefrologia ?” e decisi di raccontargli cosa stava succedendo e come credessi che il vaccino per l’influenza stesse creando problemi.
Dopo avergli raccontato una piccola parte delle mie osservazioni, egli ‘si irrigidì, il volto teso, il linguaggio del corpo mutato, e mi chiese perché dessi la colpa al vaccino. “Hanno solo preso l’influenza, e il vaccino non ha avuto tempo di fare effetto!” fu il secco responso.
Replicai sottolineando il fatto che mai, in tutta la mia carriera di nefrologa e internista, avevo visto un caso di completo blocco renale in presenza di influenza, a meno che il paziente non fosse gravemente disidratato o avesse preso dosaggi copiosi di ibuprofene, cosa che non era vera per nessuno dei tre pazienti. Ma ancor più impressionante era il fatto che nessuno dei tre aveva mostrato sintomi influenzali prima del blocco renale.
La conversazione proseguì e finimmo per discutere del problema delle meningiti negli adolescenti e negli studenti universitari. Suggerii che droghe, vaccini, mancanza di riposo e la cattiva alimentazione di questi ragazzi potessero renderli più vulnerabili
Continua QUI:
https://www.facebook.com/1978599219135586/photos/a.1990016737993834.1073741829.1978599219135586/1990021297993378/?type=3&theater

VACCINO ANTI INFLUENZALE ?!? - Feb. 2019
"Mi sono ammalato di influenza, ma per fortuna ero vaccinato, così l'ho presa leggera"
Quante volte avete sentito questa frase?
Ecco....una persona comune potrebbe anche prendere per buono queste frasi, ma un medico, come professionista della salute, dovrebbe invece spiegare come stanno veramente le cose.
Premettendo che un medico che abbia veramente studiato e sia aggiornato riguardo le più recenti evidenze ed i più recenti paradigmi che governano la medicina (parlo in particolare della psiconeuroendocrinoimmunologia e dell'epigenetica), non può essere favorevole ad una vaccinazione di massa per nessun vaccino (non a caso l'85% dei medici si guarda bene dal vaccinarsi!), ma eventualmente ad una vaccinazione mirata e consigliata in base a forti evidenze, a forte beneficio e sempre seguendo il principio di precauzione, se parliamo del vaccino antinfluenzale, è ormai risaputo che ha una efficacia molto bassa (si e no 20%) e variabile (mutazioni apparentemente non rilevanti del ceppo virale su cui è costruito bastano a ridurne di molto l'efficacia), ma molto importanti sono anche le condizioni del sistema immunitario del soggetto che riceve la vaccinazione (ricordo esistono i no e low responder, le donne pare rispondano meglio, come pare che aplotipi HLA DRB e DQB siano legati ai no responder, come SNPs legati alle citochine modificano la risposta).

Ricerche non tanto recenti (iniziate negli anni 90), dimostrano però che addirittura uno stato psicologico negativo, quindi di paura, di forte stress, di spavento, porta a reagire male alla vaccinazione, ed avere quindi un titolo anticorpale più basso.
Questo, a detta dei ricercatori (l'immunologo Glaser, la psichiatra Kiecolt e il neuroscienziato Davidson in primis), sarebbe dovuto ad una maggiore attivazione dell'emisfero cerebrale destro, in particolare della corteccia prefrontale, la cui iperattivazione è ormai accertato sia legata ad un indebolimento della risposta immunitaria, dovuta all'attivazione dell'asse dello stress, aumento del cortisolo, e conseguente soppressione della risposta immunitaria ai virus, cioè del circuito dei linfociti Th1, a favore dell'inefficace, infiammatorio e allergizzante circuito Th2.
Tutto ciò per spiegare che anche la vaccinazione, oggi, deve essere intesa e valutata in ottica PNEI, soprattutto se questa mancanza di valutazione e mancanza di conoscenza fisiopatologica ed immunologica può provocare danni anche seri, oltre a non copertura anticorpale.
Come vedete poi ogni cosa che dico non è affatto pseudo-scientifica o pregiudizievole, ma anzi è per responsabilizzare e informare correttamente e completamente i genitori di piccoli pazienti che, purtroppo, per piccole disattenzioni e mancanza di conoscenza, ancora oggi vengono gravemente danneggiati, quando basterebbe davvero poco per evitare tremende sofferenze.
By Diego Tommasone su Facebook

P.S. Per chi dicesse: "e tu chi sei per parlare ?", rispondo semplicemente che non sono un prof. universitario, non sono immunologo o virologo, però ho un master in malattie pediatriche complesse e un master in psiconeuroendocrinoimmunologia, sto conseguendo il terzo master in ricerca clinica e sono cultore in epigenetica.

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29388196
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12960387
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12883106
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29360511


Commento
NdR: chissa' perche' ?, ma perche' gli operatori sanitari, sanno che il vaccino non serve a prevenire, anzi producendo maggiore sensibilita' perche' immunodeprime l'organismo, il corpo e' piu' facilmente soggetto alle varie malattie ..!

Il vaccino antinfluenzale inattivato non sembra essere efficace nel prevenire i ricoveri correlati all'influenza nei bambini, specialmente quelli con asma. Infatti, i bambini che ottengono il vaccino antinfluenzale sono più a rischio per l'ospedalizzazione rispetto ai loro coetanei che non ricevono il vaccino, secondo una nuova ricerca che verrà presentata il 19 maggio 2018, alla 105a Conferenza Internazionale della American Thoracic Society di San Diego.

Credo che tutti sappiano che la vaccinazione "obbligatoria" non è altro che un affare tra alcuni politici e le "famiglie" proprietarie delle multinazionali farmaceutiche che formano le Lobbies - BIG PHARMA + Big Pharma 2 + Danni dei vaccini (English)
 
Sono efficaci i Vaccini ? - vedi ad esempio quello per la Pertosse
Ultimamente alcuni media in vari paesi del mondo, quelli legati a
Big Pharma, hanno scatenato una campagna diffamatoria contro i genitori che, essendosi informati, hanno detto "no grazie" ai vaccini.
Volete vaccinarvi ? Liberissimi di farlo ! Così le case farmaceutiche vi lasciano in pace e guadagnano un sacco di soldi sulla vostra pelle e su quella dei vostri figli….
http://www.shafaqna.com/english/component/k2/item/5102-anti-vaccination-propagandists-help-create-the-worst-whooping-cough-epidemic-in-70-years.html

Studio dei CDC, confermano che il vaccino per influenza aumenta enormemente gli aborti spontanei !

L’articolo/studio/ricerca su: Progression of renal disease in Henoch-Schönlein purpura after influenza vaccination 
"Progressione della patologia renale in un malato di porpora di Henoch-Schönlein dopo vaccinazione anti-influenzale", riporta il caso di un uomo di 23 anni che aveva già sofferto di porpora di HS 10 anni prima, e che è stato messo in dialisi dopo una grave ricaduta della malattia con interessamento dei reni. Il commento degli autori è il seguente: 
“La nefropatia della Porpora di HS può essere esacerbata da vari farmaci o in seguito a infezioni minori ma non eravamo consapevoli che la vaccinazione potesse causare una simile riacutizzazione. È stato ancora più sorprendente notare che tale riacutizzazione ha portato alla transizione da una leggera glomerulonefrite focale ad una forma diffusa, proliferativa e rapidamente progressiva di nefropatia, dal momento che un tale drammatico cambiamento nel corso di una nefropatia si verifica raramente”. 
Anche l'articolo Antineutrophil Cytoplasmic Antibody Vasculitis Associated with Influenza Vaccination 
“Vasculite con anticorpi citoplasmatici antineutrofili associate con vaccinazione anti-influenzale”, descrive 2 pazienti con vasculite associata ad anticorpi citoplasmatici antineutrofili (AAV) diagnosticata 2/4 settimane dopo il vaccino, uno dei pazienti ha avuto complicazioni nefrologiche tali da essere messo in dialisi finendo per perdere la funzionalità renale. Inoltre nella rassegna della letteratura dei casi (di questo tipo di vasculite associata a vaccinazione anti-influenzale) si cita un altro caso (questa volta fatale) di disfunzione renale e un altro caso mortale (polmonite bilaterale).
Nell’articolo leggiamo testualmente:
L’associazione temporale suggerisce che il vaccino anti-influenzale possa essere un fattore di innesco per l’induzione della vasculite in individui predisposti.    
(…) gli organi comunemente affetti da AAV comprendono reni e polmoni. Il trattamento con ciclofosfamide e cortisonici è stato efficace nell’indurre la remissione dalla vasculite nella maggior parte dei casi. Due pazienti hanno raggiunto lo stadio finale della malattia renale [disfunzione renale]. Ci sono state due morti, una dovuta a vasculite refrattaria e l’altra a polmonite bilaterale.
Al fine di valutare il rischio relativo di tali reazioni avverse correlate ai vaccini, sono necessari test clinici o studi epidemiologici su una popolazione statistica più ampia. Inoltre è possibile che esistano ulteriori casi di AAV associate al vaccino anti-influenzale ma che non vengano diagnosticati e non vengano segnalati a causa di una mancanza di consapevolezza e della rarità di tale associazione. Febbre, malessere, mialgia e altri sintomi sistemici, sebbene raramente segnalati, possono manifestarsi dopo la vaccinazione anti-influenzale senza che vengano attribuiti ad una forma di AAV.


Uso dei vaccini coniugati: Haemophilus Influenzae tipo b.
Uno studio brasiliano del 2003 ha dimostrato che la meningite da H. influenzae di tipo a, fino a quel momento di importanza minore, era già aumentata di otto volte entro un anno dall'inizio del programma di vaccinazione per l'Hib, uno sviluppo inquietante per il futuro.
Nello studio si legge: ".....L'incidenza di meningite da H. influenzae di tipo a, è aumentata di 8 volte (da 0,02 a 0,16 casi / 100.000 anni-persona, P = 0,008)...""...Pertanto, l'immunizzazione di Hib ha contribuito a un aumento del rischio di meningite da H. influenzae di tipo a attraverso la selezione di cloni di H. influenzae circolanti..." [Ribeiro, G., et al., “Prevention of HiB Meningitis and Emergence of Serotype Replacement with Type A Strains after Introduction of HiB Immunization in Brazil,” Journal of Infectious Diseases 187:109, 2003.]
By: https://academic.oup.com/jid/article/187/1/109/797761

Aumento del rischio di infezioni da virus respiratorio noninfluenza associato al ricevimento di vaccino influenzale inattivato.

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22423139

 

L' efficacia del vaccino influenzale trivalente inattivato in ricoveri correlati all'influenza nei bambini: uno studio caso-controllo.

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22525386

 

Speciazione di metil e etil-mercurio nei capelli di neonati allattati, esposti in maniera acuta a vaccini contenenti il thimerosal.

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21575620

 

Confronto fra aborti (perdite fetali) riportati con sistema VAERS, e tossicità fetale da vaccino influenzale somministrato durante il biennio 2009/2010.

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3888271/

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Vaccini & Epatite autoimmune: recenti studi medici pubblicati su riviste scientifiche di qualità confermano la correlazione con lo sviluppo di questa patologia - Agosto 2018
L'epatite autoimmune (AIH) è una forma aggressiva di epatite, infiammazione cronica del fegato, a eziologia sconosciuta e a patogenesi autoimmunitaria. - vedi: https://it.wikipedia.org/wiki/Epatite_autoimmune

Recenti studi medici affermano che i vaccini possono causare questa patologia. Per conferma leggiamo dal sito istituzionale medico-scientifico National Center for Biotechnology Information (.nih.gov significa che è ospitato sul sito governativo del National Institue of Health, ovvero il Ministero della Salute Federale degli USA) Quindi una rivista di qualità peer reviewed quali Pubmed

Luglio 2018 - Estratto
FONDAMENTO LOGICO:
Sebbene l'immunizzazione possa causare l'epatite autoimmune (AIH), fino ad oggi non sono stati riportati casi di AIH secondari alla vaccinazione contro il virus dell'influenza. Questo documento descrive 2 donne che hanno sviluppato AIH dopo aver ricevuto la vaccinazione contro il virus dell'influenza.

PREOCCUPAZIONI E DIAGNOSI DEL PAZIENTE:
Due donne hanno presentato un aumento degli enzimi epatici dopo aver ricevuto la vaccinazione contro il virus dell'influenza. Entrambi i pazienti sono stati diagnosticati con AIH utilizzando i criteri del gruppo internazionale di epatite autoimmune.

INTERVENTO E RISULTATI:
Entrambi i pazienti sono stati trattati con prednisolone. Dopo l'inizio del prednisolone, i livelli sierici di aminotransferasi sono stati osservati per ritornare all'intervallo di riferimento in entrambi i pazienti.

LEZIONI:
La vaccinazione contro il virus dell'influenza potrebbe innescare lo sviluppo di AIH. I medici dovrebbero essere consapevoli del fatto che l'AIH può verificarsi dopo la vaccinazione contro il virus dell'influenza.
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30045302

Se pensate che sia un caso isolato allo leggete questo...  - Agosto 2016
Scand J Gastroenterol. 2017 Jan; 52 (1): 18-22. doi: 10.1080 / 00365521.2016.1224379. Epub 26 ago 2016.

Epatite autoimmune correlata al vaccino: la stessa malattia dell'epatite autoimmune idiopatica ? Due rapporti clinici e revisione.
van Gemeren MA 1, van Wijngaarden P 1, Doukas M 2, de Man RA 3.
Informazioni sull'autore

Estratto
L'epatite autoimmune (AIH) si sviluppa in individui geneticamente predisposti dopo un innesco provocatorio o ambientale. Questi fattori sono sconosciuti ma possono includere infezioni virali, tossine ambientali, droghe e vaccinazioni. Pochi rapporti sono stati scritti sulla vaccinazione come potenziale fattore scatenante dell'epatite autoimmune. In questo articolo, descriviamo inoltre due casi di AIH correlati al vaccino. In entrambi i casi è necessaria una terapia immunosoppressiva a lungo termine. Inoltre, presentiamo i casi di AIH correlata al vaccino dalla letteratura e li confrontiamo con l'AIH idiopatica e i nostri casi.

PAROLE CHIAVE: Virus dell'epatite A; epatite autoimmune; autoimmunità; vaccinazione
PMID: 27565372 - DOI: 10,1080 / 00365521.2016.1224379 - [Indicizzato per MEDLINE
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27565372

Medicina (Baltimora). 2018 Jul; 97 (30): e11621. doi: 10.1097 / MD.0000000000011621.
Epatite autoimmune in seguito alla vaccinazione contro il virus dell'influenza: due case report.
Sasaki T 1, Suzuki Y 1, Ishida K 2, Kakisaka K 1, Abe H 1, Sugai T 2, Takikawa Y 1.
Informazioni sull'autore

Estratto
FONDAMENTO LOGICO:
Sebbene l'immunizzazione possa causare l'epatite autoimmune (AIH), fino ad oggi non sono stati riportati casi di AIH secondari alla vaccinazione contro il virus dell'influenza. Questo documento descrive 2 donne che hanno sviluppato AIH dopo aver ricevuto la vaccinazione contro il virus dell'influenza.

PREOCCUPAZIONI E DIAGNOSI DEL PAZIENTE:
Due donne hanno presentato un aumento degli enzimi epatici dopo aver ricevuto la vaccinazione contro il virus dell'influenza. Entrambi i pazienti sono stati diagnosticati con AIH utilizzando i criteri del gruppo internazionale di epatite autoimmune.

INTERVENTO E RISULTATI:
Entrambi i pazienti sono stati trattati con prednisolone. Dopo l'inizio del prednisolone, i livelli sierici di aminotransferasi sono stati osservati per ritornare all'intervallo di riferimento in entrambi i pazienti.

LEZIONI:
La vaccinazione contro il virus dell'influenza potrebbe innescare lo sviluppo di AIH. 
I medici dovrebbero essere consapevoli del fatto che l'AIH può verificarsi dopo la vaccinazione contro il virus dell'influenza.
PMID: 30045302 - DOI: 10,1097 / MD.0000000000011621 - [Indicizzato per MEDLINE] 

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Vaccinazione anti-influenzale 
La vaccinazione anti-influenzale è raccomandata e offerta gratuitamente alle donne che all’inizio della stagione epidemica dell’influenza si trovino nel secondo o terzo trimestre di gravidanza. Infatti, l’influenza stagionale aumenta il rischio di ospedalizzazione materna, prematurità, parto cesareo, distress fetale, basso peso del nascituro e interruzione di gravidanza. Anche nei neonati al di sotto dei 6 mesi di vita, per cui non esiste ancora un vaccino, l’influenza aumenta il rischio di malattia severa e complicanze. La vaccinazione in gravidanza ha, invece, un effetto protettivo sui neonati attraverso il passaggio di anticorpi protettivi dalla madre. Sebbene siano disponibili pochi studi in grado di valutare l’immunogenicità ed efficacia della vaccinazione anti-influenzale in donne in gravidanza, i dati mostrano una risposta sierologica leggermente inferiore/simile, nelle donne gravide rispetto alle donne non gravide della stessa età. Studi di letteratura mostrano una riduzione del rischio di prematurità e basso peso alla nascita in neonati nati da gestanti che nel corso del secondo o terzo trimestre di gravidanza avevano effettuato la vaccinazione anti-influenzale, così come una riduzione significativa del rischio di contrarre la malattia nei mesi successivi alla nascita e una riduzione del rischio di sviluppare infezioni delle alte vie respiratorie e otiti medie nei bambini al di sotto dei 12 mesi di vita.

Capito cari politici  e ministro della "salute" ?  Recentemente Lei (on Grillo 2018) ha raccomandato la vaccinazione anti-influenzale alle donne in gravidanza.
Ripetendo il mantra: «Le vaccinazioni sono uno degli strumenti preventivi più efficaci in Sanità Pubblica. Esse sono in grado di prevenire, in modo EFFICACE e SICURO, lo sviluppo di alcune malattie infettive». 

Ecco il perche'....:
Vaccini per l'influenza, scientificamente somministrati per indebolire la risposta immunitaria negli anni successivi.… ricercatori storditi - 17/01/2018
Uno studio medico condotto presso il Wexner Medical Center dell’Ohio State University  ha rilevato che le donne che hanno ricevuto vaccini antinfluenzali hanno avuto una risposta indebolita del sistema immunitario negli anni successivi .
Lisa Christian, PhD, la ricercatrice principale dello studio, ha concluso: “Le prove crescenti mostrano che coloro che hanno ricevuto un vaccino antinfluenzale nell’anno precedente hanno una bassa risposta anticorpale nell’anno in corso.”

Lo studio dimostra ancora una volta che la narrativa ufficiale del settore dell’influenza – e dei suoi complicati media aziendali è falsa e deliberatamente ingannevole. Lungi dall’offrire protezione a prova di bomba, i vaccini antinfluenzali rendono le persone più vulnerabili alle infezioni influenzali , il che contribuisce naturalmente a far prendere più influenza all’influenza e quindi a pensare erroneamente che hanno bisogno di più vaccini antinfluenzali per “maggiore protezione”.

Leggi anche questo : 
https://koenig2099.wordpress.com/2017/11/06/i-bambini-non-vaccinati-sembrano-essere-immuni-al-virus-misterioso-che-si-diffonde-attualmente-nel-midwest-statunitense/
Eppure sono gli stessi vaccini antinfluenzali che stanno portando ad un aumento delle infezioni influenzali.
Il vaccino antinfluenzale, in altre parole, perpetua il mito secondo cui i vaccini antinfluenzali sono necessari assicurando che l’influenza si diffonda più rapidamente di quanto altrimenti accadrebbe. In effetti, i vaccini antinfluenzali diffondono le stesse infezioni che generano una maggiore domanda di vaccini antinfluenzali. 
La struttura è una bufala medica “perfetta” che si perpetua e radica nella falsa scienza e nella propaganda incessante dei media .

Nel video di notizie qui sotto, imparerai anche:

  • Le persone che hanno avuto una vaccinazione antinfluenzale del 2008 hanno avuto un aumento del 250% delle infezioni influenzali negli anni successivi.

  • Uno studio pubblicato su Human & Environmental Toxicology ha rilevato che i vaccini antinfluenzali legati al mercurio hanno causato un aumento del 4,250% delle morti fetali durante la stagione influenzale del 2009.

  • La narrativa dell’influenza spinto dall’industria dei vaccini è una BUFALA medica che è facilmente smentita dalle prove basate sui fatti.

  • Le persone che subiscono una vaccinazione antinfluenzale saranno le prime a morire in una vera pandemia globale perché sono state rese vulnerabili alle infezioni.

Guarda il video completo, di seguito, per ulteriori dettagli: https://player.vimeo.com/video/238605969
Tratto da:
https://www.naturalnews.com/2017-10-17-bombshell-flu-shots-scientifically-proven-to-weaken-immune-response-in-subsequent-years-researchers-stunned.html#

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Negli USA dal 1988 le vaccinazioni si sono triplicate ed i casi di Autismo sono aumentati del 270 % !!
vedi anche Polio + Vaiolo + Difterite + Tetano + Epatite B + Pertosse + Morbillo + Parotite
... ecco come si genera e si mantiene il mercato dei malati .... grazie a Big Pharma

IMPORTANTE: NON e' vero che i virus sono nell'aria, come ci raccontano i medici allopati e gli "esperti" che vogliono spaventare le popolazioni con la paura delle epidemie (es. influenze tipo Spagnola, Sars, Aviaria, Suina ecc.) che si diffondono nell'aria che respiriamo, per il semplice motivo che i virus (proteine a DNA con involucro di grassi) NON possono galleggiare e quindi viaggiare  nell'aria, cioe' nelle bollicine di vapore acqueo in sospensione nell'aria - vedi: Flugge, come ci raccontano i cosiddetti "esperti", gestiti dalle multinazionali dei farmaci vaccini, perche essi sono 1.000 volte piu' grandi della piu' grossa bollicina di vapore o di gas nell'aria
, ma possono essere trasportate, queste speciali proteine dai cibi, acque e/o inoculate con i Vaccini ! ! !

Secondo uno studio canadese, del 15 giugno 2004, si constatava addirittura che “…a causa delle vaccinazioni anti-influenzali, tendevano ad ammalarsi di più le persone che si vaccinavano, rispetto a quelle che non lo avevano fatto…”.
Infine, nel febbraio del 2005, sulla rivista “Arch. Int. Med.” ( Eelko H.: Clinical effectiveness of influenza vaccination in persons younger than 65 years with high-risk medical conditions, Arch. Int. Med., Vol. 165, No. 3, February 14, 2005), si è concluso che “…negli Stati Uniti, negli ultimi 25 anni, non è stato possibile correlare la maggior diffusione della vaccinazione con una diminuzione di mortalità nei soggetti con oltre 65 anni, per complicazioni da influenza (bronco-plomoniti, etc….)….”.CANADA Communicable Disease Report 15 June 2004 Volume 30 Number 12.pdf

Australia, STOP alla vaccinazione antinfluenzale dei bambini sino a cinque anni
Troppe reazioni avverse ai vaccini, in particolare al Fluvax di CSL, ritirato dal mercato  
L’Australia ha sospeso per quest’anno la vaccinazione contro l’influenza stagionale dei bambini sani fino a cinque anni, dopo che si sono verificati numerosi casi di reazioni negative, come febbre e convulsioni, nelle 24 ore successive alla vaccinazione.

La decisione riguarda tutti i vaccini, anche se quello più direttamente sotto accusa e che è stato ritirato dal commercio è il Fluvax, prodotto dalla casa farmaceutica australiana CSL Biotherapies.

I Vaccini creano Mutazioni Genetiche nei Mitocondri delle cellule, mutazioni che sono trasmissibili alla prole, dalla via materna. Nelle cellule infettate da virus si risvegliano i retrovirus piu’ vecchi.
Dei ricercatori hanno osservato che quando il metabolismo della cellula infettata da un virus (NdR: che puo’ essere anche vaccinale) essa viene ingannata al fine di riprodurre il virus che la infetta, pero’ in essa decade la funzionalità di alcune reazioni biochimiche di contenimento e di funzione cellulare: sintesi e specializzazione delle proteine, specializzazione degli enzimi e duplicazione del DNA.
Quindi anche l'infezione da virus vaccinale e’ in grado quindi di riattivare genomi di precedenti virus, o di quelli iniettati con i vaccini ai genitori, nonni, avi del vaccinato, virus, che erano divenuti parte del genoma delle cellule dei genitori, nonni, avi, generando anticipatamente qualsiasi tipo di patologia; il meccanismo si chiama slatentizzazione = liberare anticipatamente patologie.
Di fatto i Vaccini sono un cocktail di Tossine altamente pericolose che possono rimanere inerti per anni e riesplodere come bombe a tempo anche dopo 30-40 anni o piu’, in uno stato febbrile… che alterano il Terreno in modo importante, specie negli organismi non perfettamente sani, per problemi ereditari e/o di alimentazione inadatta alla Perfetta Salute.


La Merck ammette l'inoculazione del virus del cancro
- La divisione vaccini della farmaceutica Merck, ammette l'inoculazione del virus del cancro per mezzo dei vaccini.
 La sconvolgente intervista censurata, condotta dallo studioso di storia medica Edward Shorter per la televisione pubblica di Boston WGBH e la Blackwell Science, è stata tagliata dal libro "The Health Century" a causa dei sui contenuti - l'ammissione che la Merck ha tradizionalmente iniettato il virus (SV40 ed altri) nella popolazione di tutto il mondo.
 Questo filmato contenuto nel documentario "In Lies We Trust: The CIA, Hollywood & Bioterrorism", prodotto e creato liberamente dalle associazioni di tutela dei consumatori e dall'esperto di salute pubblica, dott.  Leonard Horowitz, caratterizza l'intervista ad uno dei maggiori esperti di vaccini del mondo, il Dott. Maurice Hilleman, che spiega perché la Merck ha diffuso l'AIDS, la leucemia e altre orribili piaghe nel mondo : http://www.youtube.com/watch?v=edikv0zbAlU


Nei vaccini venduti al terzo mondo si é scoperto che molti di questi contenevano l'ormone B-hCG un anti fertile se immesso in un vaccino.
La corte Suprema delle Filippine ha scoperto che oltre 3 milioni di ragazze e donne hanno assunto questi vaccini contaminati, cosí come in Nigeria, Tailandia ecc...
Per chi non abbia ancora visto questi video-documenti scioccanti:
http://uk.youtube.com/watch?v=edikv0zbAlU
http://it.youtube.com/watch?v=wg-52mHIjhs&feature=related
Sembrerebbe che oltre al profitto a tutti i costi, ci sia dietro qualcosa d'altro....impedire alle donne dei paesi del terzo mondo... di avere figli....
 

Vaccinare per primi i bambini in eta' scolare e i loro genitori e' il miglior modo di usare le dosi di vaccino per fermare l'influenza - ANSA - Roma 20 AGO  2009 
Per uno studio pubblicato su Science, gli scolari e i loro genitori sono coloro che diffondono piu' facilmente il virus influenzale e vaccinare per primi questi due gruppi e' il modo per utilizzare al meglio i vaccini disponibili.
Per lo studio, la vaccinazione per classi di eta' e' la risposta migliore contro l'influenza stagionale e quella H1N1, la suina.

Commento NdR: ...a parte le mostruose falsita' dichiarate.....la verita' e' che i bambini sono, al contrario, coloro che, siccome sono pluri-vaccinati, facilmente somatizzano, ad ogni cambio di stagione, ogni tipo di influenza, per l'immunodepressione e le disbiosi croniche indotte dai vaccini; Inoltre con queste false affermazioni si vuol far passare l'idea che i sani (che non hanno l'influenza, bambini o genitori) sono gli "untori" i propagatori dell'influenza stessa.
NULLA di piu' falso biologicamente parlando !...ma queste BUGIE vengono propagate per poter in un secondo momento, accusare coloro che rifiuteranno di vaccinarsi, come "untori" dell'influenza; siamo in pieno medio evo, quando misero al rogo milioni di persone sane perche' dicevano, che essi "propagavano" (come untori) la peste.....

Le RICERCHE MOSTRANO un NESSO fra MICROBIOMA Intestinale (intestino) e CERVELLO - 09/01/2015
Chiamate collettivamente microbioma, le migliaia di miliardi di microbi che abitano il corpo umano vivono principalmente nell’intestino, dove ci aiutano a digerire il cibo, a sintetizzare le vitamine e a difenderci dalle infezioni. Ora, recenti ricerche sul microbioma hanno dimostrato che la sua influenza si estende ben oltre l’intestino, fino ad arrivare al cervello. Negli ultimi 10 anni, vari studi hanno collegato il microbioma intestinale a una serie di comportamenti complessi, come umori ed emozioni, appetito e ansia.
Il microbioma intestinale sembra contribuire al mantenimento della funzionalità cerebrale, ma non solo: potrebbe anche incidere sul rischio di disturbi psichiatrici e neurologici, fra cui ansia, depressione e autismo. Una delle modalità più sorprendenti con cui il microbioma influisce sul cervello è durante lo sviluppo.
“Esistono delle finestre evolutive critiche in cui il cervello è più vulnerabile poiché si sta preparando a rispondere al mondo circostante”, spiega Tracy Baie, docente di neuroscienze presso la facoltà di veterinaria dell’Università della Pennsylvania. “Così, se l’ecosistema microbico della madre si modifica - per esempio a causa di infezioni, stress  o diete - ciò cambierà il micro bioma intestinale del neonato, e gli effetti possono durare tutta la vita.”
Altri ricercatori stanno esplorando la possibilità che il microbioma abbia un ruolo nelle malattie neurodegenerative come l’Alzheimer e il Parkinson.
Fonte: MedicalXpress.com : http://tinyurl.com/kaa2j36

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Negli anni 1998, 1999 e 2000 si manifestarono in Italia, numerosi casi di malattie simil-influenzali che colpirono intere famiglie. In quel periodo, presso l’UO di Pediatria dell’Ospedale L. Sacco di Milano, furono ricercati sull’aspirato naso-faringeo di 116 bambini ricoverati gli antigeni di virus respiratorio sinciziale, adenovirus, virus influenzali A e B, virus parainfluenzali 1,2,3.
I risultati, che ho ricavato dalle cartelle cliniche, sono stati i seguenti:
- esame negativo per 95 bambini/116
- positività per virus respiratorio sinciziale in 5 soggetti ricoverati dal 26 gennaio al 6 marzo 1998; un soggetto ricoverato nel febbraio 1999 e 8 soggetti ricoverati dal 1° gennaio al 30 marzo 2000
- positività per adenovirus in 2 bambini ricoverati in giugno e luglio 1999
- positività per influenza A in tre soggetti ricoverati il 10,13 e 14 gennaio 2000
- positività per influenza B in un bambino ricoverato il 27 gennaio 2000
- nessuna positività per virus parainfluenzali 1 e 2
- un bambino positivo per virus parainfluenzale 3 ricoverato nell’agosto 1999

Nello stesso periodo, in altri 120 bambini furono ricercate nel siero le IgM specifiche per EBV, virus del morbillo, adenovirus, parvovirus B19, bacillo della pertosse, mycoplasma pneumoniae. Come è noto, la positività delle IgM indica una infezione in atto o molto recente per il patogeno indicato.
- EBV = 19 positività/69 sieri esaminati. Per 31/69 soggetti la sierologia indicava infezione pregressa.
- virus del morbillo = 23 IgM positive/34 sieri esaminati. In 7 soggetti la sierologia indicava protezione da infezione pregressa o vaccinazione. Due sieri erano dubbi (probabile sieroconversione in atto), due negativi.
- adenovirus = 46/83 sieri positivi
- parvovirus B19 = 4/17 positivi
- pertosse = 16/26 positività
- mycoplasma pn = 15 sieri positivi/44
La scelta dei patogeni da indagare sierologicamente è stata fatta dal medico di guardia o di reparto sulla base del sospetto clinico. Le indagini relative alla sierologia per morbillo sono state richieste solo dalla scrivente in quanto gli altri medici non le ritenevano necessarie.
Alcuni bambini hanno mostrato contemporaneamente positività per le IgM anti-morbillo e per IgM specifiche di altri patogeni. In particolare,
- IgM anti-morbillo + IgM anti-mycoplasma pn = 4 soggetti
- IgM anti-morbillo + IgM anti-adenovirus = 8 soggetti
- IgM anti-morbillo + IgM anti-pertosse = 4 soggetti
- IgM anti-morbillo + IgM anti-EBV = 3 soggetti
- un bambino di 3a6m, ricoverato il 17.03.1999 aveva sullo stesso prelievo IgM positive per morbillo, parvovirus B19, pertosse, mycoplasma pn;
- un ragazzino di 11a3m, ricoverato il 28.09.2000, aveva IgM positive per morbillo, adenovirus, pertosse
- un altro soggetto di 4a4m, ricoverato il 20.10.2000, aveva IgM positive per morbillo, adenovirus, mycoplasma pn.

L’impressione che ho avuto è quella di un inquinamento ambientale da virus morbillosi resistenti agli agenti atmosferici (si tratta evidentemente dei virus diffusi con i vaccini, dal momento che il virus selvaggio non resiste nell’ambiente esterno). Tali virus tendono a dare infezioni lievi o asintomatiche, ma in grado di ridurre le difese dell’organismo (nei pochi soggetti nei quali ho potuto verificarlo, ho osservato una riduzione dei linfociti NK).
Il soggetto così colpito diventa particolarmente suscettibile alle infezioni da patogeni verso i quali non è protetto e suscettibile alle patologie da riattivazione dei virus erpetici.
L’altro dato inquietante emerso in occasione della pandemia simil-influenzale di alcuni anni fa è che la positività delle IgM anti-morbillo si osserva anche nei soggetti vaccinati contro il morbillo. Il che suggerisce che la costituzione antigenica del virus contenuto nei vaccini varia con il tempo a differenza di quanto avviene per il virus selvaggio.
By Dott. Franco Anedda (medico) - 03 febbraio 2008
Tratto da: doctornews.it/forum

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Uno studio spinge le province (canadesi) ad un ripensamento sul piano per l'influenza suina 
30 Set. 2009 - Canada – Winnipeg
Un rapporto suggerisce che le persone che vengono vaccinate, per l'influenza stagionale, hanno maggiore probabilità di contrarre il virus H1N1.
Uno “sconcertante” studio canadese che lega il virus H1N1 ai vaccini per l'influenza stagionale sta creando scompiglio nel piano nazionale contro l'influenza nel caos e sta mettendo alla prova la fiducia dei cittadini nei confronti delle agenzie governative responsabili per la protezione della salute.
Distribuito per una revisione autorevole la scorsa settimana, lo studio ha creato confusione tra gli esperti di malattie infettive suggerendo che le persone vaccinate contro l'influenza stagionale hanno una probabilità doppia di contrarre l'influenza suina.
Lo studio è attualmente oggetto di una revisione autorevole, ed i conduttori di tale ricerca, Danuta Skowronski del British Columbia Centre for Disease Control (Centro per il Controllo delle Malattie della Columbia Britannica) e Gaston De Serres della Laval University  non devono aprire bocca fin quando non verrà pubblicato.
Dopo avere incontrato un forte scetticismo iniziale sia in Canada che all'estero, lo studio ha convinto finora diverse agenzie sanitarie delle province canadesi ad annunciare una frettolosa sospensione delle vaccinazioni stagionali, da tempo un capisaldo della pianificazione della sanità pubblica.
“Ha confuso tutto in una maniera molto pesante,” ha detto il dottor Ethan Rubinstein, direttore del dipartimento per le malattie infettive degli adulti dell'Università di Manitoba. “E certamente ci è costato la credibilità da parte dei cittadini a causa delle raccomandazioni conflittuali. Fino alla scorsa settimana, c'era sempre stato un forte incoraggiamento nei confronti della vaccinazione per l'influenza stagionale.”
Questo sabato il Quebec si è accodato ad Alberta, Saskatchewan, Ontario e Nuova Scozia nel sospendere le vaccinazioni per l'influenza stagionale per tutte le persone al di sotto dei 65 anni di età. Il ministro della salute del Quebec ha annunciato che posporrà le vaccinazioni a gennaio, lasciando liberi i mesi autunnali perché gli specialisti si concentrino sulle vaccinazioni contro il virus H1N1, che si aspetta sia il ceppo di influenza più severo di questa stagione.
“Quando l'ondata del virus H1N1 è passata, ci sarà tempo a sufficienza per vaccinare contro l'influenza stagionale,” ha detto il dottor Rubinstein.
La Columbia Britannica dovrebbe annunciare una simile sospensione durante una conferenza stampa lunedì mattina. Altre province, inclusa quella del Manitoba, stanno ancora ponderando una risposta alla ricerca.
La provincia del New Brunswick resiste solitaria, ed ha annunciato la scorsa settimana che porterà avanti le vaccinazioni per l'influenza stagionale per tutti i residenti ad ottobre, come originariamente pianificato.
Fino adesso l'impatto dello studio è confinato al Canada. Ricercatori negli Stati Uniti, Gran Bretagna ed Australia non hanno riportato lo stesso fenomeno.
Marie-Paule Kieny, la direttrice della ricerca sui vaccini dell'Organizzazione Mondiale della Salute, ha detto la scorsa settimana che i dati canadesi sono un'anomalia sul piano internazionale e che potrebbero costituire uno “study bias.”
Una commissione internazionale sta attualmente controllando i dati della ricerca. “Il processo di revisione è stato accelerato, quindi speriamo in una risposta entro pochi giorni” ha detto Roy Wadia, portavoce del British Columbia Centre for Disease Control. Il dottor Rubinstein, che ha letto lo studio, ha affermato che appare ben fondato. “Ci sono un grande numero di autori, tutti eccellenti e credibili ricercatori” ha detto. “E l'ampiezza del campione studiato è molto ampio – 12 o 13 milioni di persone prese dai sistemi centrali di raccolta dati di tre province. La ricerca è solida.”
La sospensione della vaccinazione non si applica a persone al di sopra dei 65 anni di età. I più anziani sono considerati più suscettibili di sviluppare severi sintomi influenzali. allo stesso tempo essi sono portatori di anticorpi ad un'influenza del1957 che sembra proteggano dall'attuale versione del virus H1N1.
Anche se il legame statistico è provato, la connessione tra i vaccini contro l'influenza stagionale ed il virus H1N1 resta misteroso. Una ipotesi è che il vaccino tiene occupate le cellule che altrimenti produrrebbero anticorpi all'H1N1
Ma, secondo il dottor dott.  Rubinstein, la ricerca mostra che le persone che hanno ricevuto il vaccino contro l'influenza stagionale del 2007-08 sono rimaste vulnerabili all'insorgere dell'influenza suina del 2009 – un intervallo che dovrebbe fornire un sufficiente tempo di recupero alla maggior parte dei sistemi immunitari.
“Non comprendiamo il meccanismo,” ha detto il dottor Rubinstein. “Al momento attuale é alquanto sconcertante.”
By Patrick White - Tratto da: scienzamarcia.blogspot.com + www.mednat.org
* Il Canada si suddivide in 13 entità territoriali, 10 dei quali vengono denominate Province e 3 Territori; i Territori rappresentano le zone più fredde che si affacciano sul mare artico.
Fonte:
www.theglobeandmail.com/news/technology/science/study-prompts-provinces-to-rethink-flu-plan/article1303330/

Commento NdR: ......"Non comprendiamo il meccanismo"...questa l'affermazione di questi "studiosi" che non studiano,...... e quindi non sanno....
Per la Medicina Naturale il meccanismo e' semplice:
Introducendo proteine a DNA tossico nocive (il virus del vaccino) ed eterologhe, cioe' estranee, le reazioni  dell'organismo sono molteplici, oltre a quelle inerenti le sostanze tossico nocive dei "coadiuvanti" che generano reazioni "allergiche", ma  le reazioni piu' importanti sono quelle riguardanti il Dna mitocondriale, delle cellule nel quale la proteina a DNA (virus) viene ad essere introdotta,  il quale una volta decodificato il contaminante (proteina tossica complessa a DNA = virus), il Dna del mitocondrio,  viene ad alterarsi e la cellula inizia a malfunzionare, specie  nella sintesi e specializzazione delle proteine, essa inizia quindi ad entrare in uno stato di stress ossidativo, senza contare che il virus (proteina complessa a DNA) oltre ad alterare il buon funzionamento della cellula e quindi dei tessuti, organi e sistemi ai quali appartiene, indebolisce immediatamente il sistema immunitario, che rimane incapace a reagire alla nuova influenza generata dal vaccino...ed a altre possibili malattie (qualsiasi)

Anche il braccio corto del cromosoma 6 e' investito dalle mutazione genetiche che i vaccini producono.
Le prove ? sono negli studi del dott. M. Montinari - medico della Polizia di Stato di Firenze - ed in studi prodotti e pubblicati nel mondo intero. + vedi: Mutazioni Genetiche dai Vaccini - 2   +  Mutazioni Genetiche - 3
Questo articolo canadese prova 2 cose: la prima e' che il vaccino non serve a nulla, ma che e' anche pericoloso perche' immunodeprime il soggetto vaccinato, infatti ha un rischio doppio di contrarre le influenze e non solo....

Traduction en Francais du Commentaire NdR:....Cela prouve 2 choses, que le vaccin ne sert a rien et en plus qu'il est un produit immuno déprimant.
"Nous ne comprenons pas le mécanisme" dit le chercheur, qui ne sait rien, ni ne comprend  ....
Pour la Médecine Naturelle ce mécanisme est simple:
Quand on introduit des protéines à ADN, toxiques et nuisibles (le virus du vaccin, ou des éléments de la coque de ce virus), ces structures sont hétérologues et donc étrangères. Les réactions vont être multiples: réactions de l'organisme pour les conservateurs et les adjuvants qui génèrent des allergies. Mais les réactions les plus importantes, sont celles qui  concernent l'ADN des mitochondries dans les cellules. La protéine virale à ADN du virus va pénétrer dans ces mitochondries.
L’ADN de la mitochondrie  va alors décoder l'ADN du virus  (c’est une protéine complexe a ADN). En réalisant cette opération la cellule se modifie  et commence à altérer ses fonctions. Surtout la synthèse de ces nouvelles protéines dans la cellule provoque un état de stress oxydatif, et ce mécanisme met  immédiatement le système immunitaire en état de faiblesse. Le système immunitaire devient incapable de réagir aux nouvelles grippe engendrées par le vaccin ou par d’autres maladies (peu importe les quelles). En fait le bras court du chromosome 6 est investi de cette mutation génétique.
Les preuves de ces réactions se trouvent dans les travaux de l'équipe du prof.  M. Montinari (médecin rechercheur de la Police d'Etat Italienne de Florence - 1995 et dans d'autres études dans le monde entier ! )


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

In un'intervista pubblicata sull'ultimo numero del BIF (Bollettino di informazione sul farmaco dell'AIFA), Tom Jefferson spiega i risultati della revisione Cochrane pubblicata lo scorso febbraio sul BMJ, che indaga la correlazione tra la pubblicazione (e diffusione/citazione) degli studi sull'antinfluenzale e il tipo di finanziamento.
I risultati confermano in parte quanto già visto in altri ambiti e cioè che gli studi finanziati dall'industria hanno maggiore probabilità di riportare risultati positivi sull'efficacia dei loro prodotti.
La novità è il riscontro di una scarsa correlazione tra la qualità degli studi e la loro pubblicazione sulle riviste più prestigiose (ad elevato impact factor), così come la loro diffusione attraverso i reprint tradotti in varie lingue per essere distribuiti ai medici.
Jefferson ricorda che la Cochrane ha eseguito diverse revisioni sull'antinfluenzale che hanno sollevato da tempo dubbi sulle prove scientifiche di efficacia di questa vaccinazione.
E si chiede se ci saranno dei motivi per cui mentre nella comunità scientifica cresce la perplessità, governi, media e opinion leaders "continuano tranquillamente a raccomandare l'uso di questi vaccini senza neanche chiedersi come è possibile farlo in assenza di prove scientifiche". Ce lo chiediamo anche noi.
Leggere l'intervista a Jefferson:
http://www.agenziafarmaco.it/allegati/bif1_09_vaccini.pdf
Leggi l'articolo sul BMJ
www.bmj.com/cgi/reprint/338/feb12_2/b354?maxtoshow=&HITS=10&hits=10&RESULTFORMAT=&fulltext=Jefferson+&searchid=1&FIRSTINDEX=0&sortspec=date&resourcetype=HWCIT

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Pero' l'OMS vuole vaccinare tutti con i nuovi
vaccini....e fa... Terrorismo mediatico
La stagione dell'influenza - L'Oms: vaccino per tutti - Ma in Italia prevenzione per 1 su 4
Strage stagionale. Killer
una serie di virus che "muta" ogni anno per eludere gli sforzi degli investigatori che vogliono arrestarli per sempre. E che stanno mettendo a punto l'arma totale: un vaccino universale che con una sola iniezione protegge da tutti i ceppi virali per 5-10 anni. Nel frattempo i killer, per rendere ancora più complicata l'azione di prevenzione, girano di solito in tre. La triade dell'influenza. E ogni anno cambiano formazione.
Quindi il vaccino va sempre rifatto. -  (NdR: cosi' i fatturati delle case farmaceutiche non subiscono collassi....) .
Si parla tanto della temuta pandemia ricordando i 40 milioni di morti dovuti al virus della Spagnola nel 1919, ma intanto ogni anno solo in Italia muoiono dalle 7.500 alle 8.500 persone per l'influenza e le sue complicazioni.
NdR: trattasi di BALLE spaziali, vedi: Terrorismo mediatico
Soprattutto anziani già acciaccati da malattie respiratorie, cardiovascolari, diabete, obesità: 250-500 mila i morti nel mondo ogni anno (più delle vittime della strada) e un numero di persone infettate compreso fra 300 milioni e un miliardo (5-15% della popolazione globale).
Ecco come l'OMS terrorizza le popolazioni del mondo, perche' essa e' al servizio delle multinazionali dei Vaccini
......Ma la verita' e' che l'influenza non e' causata da virus - vedi: Influenza

Lo scienziato, medico, che ha affermato che l'epidemia di influenza (2018) e' stata propagata dal vaccino per l'influenza e che sono morte migliaia di persone, e' SCOMPARSO....
https://teapartyorg.ning.com/forum/topics/cdc-doctor-who-claimed-flu-shot-caused-outbreak-missing-feared

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Il Tamiflu funziona ?
Perché uno dei più ampi studi sul Tamiflu non è stato pubblicato ? Quali verità si nascondono dietro gli studi presentati per l'approvazione del farmaco? Dubbi sulla veridicità dei dati e sull'uso di ghostwriter emergono da un'indagine congiunta della Cochrane Collaboration, BMJ e Channel 4 News. "Abbiamo imparato a non fidarci degli studi pubblicati e non, ma soprattutto a stare sempre attenti alle bufale", commenta Tom Jefferson della Cochrane.
Non esistono chiare evidenze sull'efficacia del Tamiflu nel prevenire le complicanze influenzali. È quanto emerge dalla revisione sistematica pubblicata sul BMJ, il cui editor-in-Chief, Fiona Godlee, dichiara: "I Governi di tutto il mondo hanno speso miliardi per un farmaco, la cui efficacia la comunità scientifica non è in grado di giudicare". Tom Jefferson della Cochrane Collaboration, commenta: "Abbiamo imparato a non fidarci degli studi pubblicati e non".

Svizzera 2009 - Un farmaco per polli come noi. Con questo titolo il manifesto di ieri ha pubblicato un'inchiesta sulla curiosa storia del Tamiflu. Una pillola tutta d'oro: nonostante non sia certo che funzioni, e sia assodato che sull'influenza normale sia una "mezza tacca", sessanta governi ne hanno fatto scorte per il 25 per cento della loro popolazione.
La Roche sta facendo soldi a palate. e pure la ditta che detiene i diritti sul principio attivo: si chiama Gilead Sciences e uno degli azionisti si chiama.. Donald Rumsfeld.
Il capo del Pentagono, secondo il periodico americano Fortune, con l'ossessione pandemica da Tamiflu avrebbe guadagnato in pochi mesi almeno un milione di dollari.
Poco male.. se almeno l'OMS fosse certa che queste scorte abbiano un senso !
E invece.. storia educativa di come ci pigliano in giro a colpi di campagne riuscite di comunicazione e marketing.

Commento NdR: e nell' intervista qui sopra, non si parla delle controindicazioni e degli insulti severi che questo "farmaco" tossico produce....

Ecco la verita': Gli effetti nocivi sul Cervello da parte del farmaco per l'influenza = Tamiflu della Roche - Big Farma !
Tamiflu's Effects On Your Brain 
The FDA has been reviewing reports of abnormal behavior and other brain effects in more than 1,800 children who had taken the flu medicine Tamiflu.
The symptoms have included convulsions, delirium or delusions, and in Japan, five deaths have been reported in children under 16 as a result of neurological or psychiatric problems. Four were fatal falls, and one was a brain infection in a patient with leukemia. There have also been nine deaths among older teens and adults, attributed to neuropsychiatric problems or brain infections.
Fonte: USA Today December 1, 2007

La truffa del Tamiflu che si diceva curava aviaria e suina...:
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4375804/
http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/04/12/farmaci-e-studi-clinici-lo-scandalo-tamiflu-e-il-silenzio-della-roche/949196/
http://gaianews.it/salute/truffa-tamiflu-non-curava-la-suina-e-laviaria-54019.html

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

I Medici italiani NON si vaccinano
Tra i 3 e i 5 milioni di italiani verranno colpiti da dicembre a marzo dall'influenza, virus che non si preannuncia piu' aggressivo dei precedenti, al di la' delle variabili imprevedibili.
E solo il 20% degli addetti al settore sanitario (medici e infermieri) si vaccina, un dato decisamente troppo basso tra chi dovrebbe essere ben consapevole dell'efficacia del "cordone di sicurezza" creato dalla profilassi. I dati emergono dal 24esimo Congresso della Societa' Italiana di Medicina Generale (SIMG), tenuto a Firenze dal 22 al 24 novembre 2007.

Commento NdR: mica stupidi...essi sanno molto bene che:
1 - primo non serve il vaccino per evitare l'influenza...anzi e' pericoloso
2 - che il vaccino e' pericoloso per il sistema immunitario e crea mutazioni genetiche occulte e trasmissibili alla prole !
 
3 - Influenza Suina od A (H1N1)

18/03/2010 - Un semplice vaccino antinfluenzale e una donna di Como di 46 anni, si è ritrovata con braccia e gambe semi paralizzate. Adesso gli avvocati della donna, cassiera al supermercato, vogliono fare luce sulla situazione, in quanto la documentazione firmata dalla paziente prima del vaccino, non prevedeva l'eventualità di contrarre la sindrome di Barrè".

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

MUORE dopo il Vaccino per l'influenza
La vittima è una 72enne di Teodorano. Da quattro anni soffriva di bronchite asmatica. L'esposto in Procura è stato presentato dal figlio: "Voglio sapere perché è morta mia mamma". Il reato che si prospetta è omicidio colposo.

L'esposto in Procura è stato firmato dal figlio di Maria, Giancarlo Castellucci. È stato sottoscritto nell'ufficio dei carabinieri della polizia giudiziaria, martedì mattina verso mezzogiorno. Più o meno ventiquattr'ore dopo la morte della madre di Giancarlo. Ora il fascicolo passerà sul tavolo del magistrato di turno, il sostituto procuratore della Repubblica Marilù Gattelli. Primo innesco della procedura d'inchiesta. Il fascicolo è 'contro ignoti'. Nel senso che non ci sono indagati. Potrebbero esserci. Perché comunque è questa l'evoluzione degli eventi dell'indagine. Così funziona di norma.

Il reato che si prospetta è quello di omicidio colposo, tipico degli accertamenti su casi di decessi che all'origine potrebbero avere una responsabilità medica. Bisogna capire cos'ha provocato l'arresto cardiaco, ultimo gradino di una genesi che deve trovare la sua radice.
Per questo appare certa l'autopsia affidata a un medico legale, che verrà eseguita nelle prossime ore (tanto che il funerale, previsto per oggi, è stato rinviato). Su un binario parallello si muoveranno gli inquirenti, che dovrebbero sentire i protagonisti del caso: medico di base, altri medici, infermieri.

"Non voglio accusare nessuno, voglio sapere perché è morta mia mamma - dice Giancarlo Cavallucci -. Lei soffriva di bronchite asmatica.
Prendeva dei farmaci, il suo medico sapeva quali. La settimana scorsa non è stata bene. Allora abbiamo deciso che non appena si fosse rimessa sarebbe andata a farsi il vaccino. L'ha sempre fatto". Lunedì Maria va dal suo medico, accompagnata dal marito Romano. Dopo il vaccino, nella sala d'attesa del medico, Maria sviene. Il medico allerta il 118. Poi la morte. "Perché? Voglio sapere questo. Ho fatto l'esposto per avere giustizia in nome di mia madre. E anche perché il vaccino lo fanno in tanti, e non per morire. Cos'è successo? - si chiede Giancarlo ".
Fonte: Il Resto del Carlino.

Commento NdR: dato che i vaccini creano immunodepressione, intossicazioni, infiammazioni e mutazioni genetiche, e' facile che vi sia dietro le intensive campagne di vaccinazioni per l'influenza (vaccino che NON serve per essere esenti dall'influenza (e' stato dimostrato che non serve a questo scopo), puo' darsi che i governi abbiano interesse a fare la propaganda per "far fuori"....piu' facilmente gli anziani...per non pagare le loro pensioni....
Questo e' cio' che ha detto proprio il ricercatore che ha inventato il vaccino il giorno della presentazione del vaccino ai medici.
In Italia a fine novembre e dicembre 2014, i giornali hanno riportato oltre 23 morti, paralisi e altre malattie autoimmuni, per la vaccinazione del Fluad, vaccino per l'influenza, i danni successivi, le paralisi, ed i problemi cardiocircolatori, sono stati occultai dai mass media, perche' ricattati da Big Pharma.....
Anche negli US si contano i morti per il vaccino per l'influenza
http://vaxtruth.org/2015/01/healthy-children-adults-vaccinated-with-flu-shot-are-dying/


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Il Vaccino NON protegge...anzi
I presidenti dell'Istituto Robert-Koch e Paul-Ehrlich hanno rinnovato l'invito alla popolazione tedesca perche' si vaccini contro l'influenza. E si sono rivolti in particolare alle persone oltre i sessant'anni, piu soggette a possibili complicazioni. Ma nello stesso giorno, "The Lancet Infectious Diseases" riportava uno studio che mette in dubbio la scientificita' di questi consigli.
Epidemiologi statunitensi sostengono  che gli effetti positivi, attribuiti alla somministrazione del vaccino sulle persone anziane, sono "esagerati". L'analisi di numerosi studi sul vaccino antinfluenzale tra i senior, concludono che il rischio di morire in conseguenza di una grippe e' effettivamente piu' alta dopo i 65 anni, ma non c'e' evidenza che il vaccino lo riduca in modo significativo, spiega l'equipe di Lone Simosen.

vedi: Terrorismo Mediatico
"La prossima pandemia di influenza potrebbe essere imminente" è il monito lanciato dall'Oms, che avverte: "In corso di pandemia i sistemi sanitari nazionali rischiano di essere sopraffatti".
Modelli predittivi, preparati dalle aziende produttrici di vaccini....."stimano" infatti che, durante un'epidemia globale, i soli Paesi industrializzati potrebbero ritrovarsi a fare i conti con 57-132 milioni di pazienti da visitare e 1-2,2 milioni di ricoveri in ospedale. Per evitare il tilt, "questo è il momento di agire vaccinandosi", dicono gli "specialisti".....al servizio delle multinazionali dei Vaccini = BIG PHARMA


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

VACCINI per l’l’Influenza
Fino a che punto il vaccino per l’influenza, per il quale ogni autunno si mobilitano i mass media, facendo terrorismo mediatico per mezzo di giornalisti compiacenti o venduti, mette al riparo dalla minaccia ricorrente di finire a letto con la febbre ?
Il vaccino per l'nfluenza è un esempio emblematico della comunicazione imperfetta tra ricerca scientifica e pratica medica, sostiene Tom Jefferson, medico epidemiologo, autore del saggio Attenti alle bufale (Il Pensiero scientifico) e curatore dell’omonimo sito.Agitare lo spauracchio della pandemia influenzale, giocando sull’equivoco che vaccinandosi ci si protegge da tutti i virus dell’influenza, serve solo a vendere più vaccini. Ed è grave che siano enti pubblici a fare previsioni azzardate e a gonfiare i consumi di vaccini in un palese conflitto di interessi.

In The Lancet - Vol. 370, 6 ottobre 2007, lo studio pubblicato dimostra che non ci sono evidenze che il vaccino eviti morti negli anziani. E da sei mesi a due anni il vaccino antinfluenzale equivale a un placebo. La campagna vaccinale, sostiene Jefferson, non si basa su evidenze scientifiche, c’entrano piuttosto il mercato, l’industria che li produce ed i governi collusi con le case farmaceutiche.
Perché i cosiddetti “esperti” si prestano a far circolare messaggi fuorvianti ? “Dietro ogni bufala ci sono cattivi maestri, persone che impartiscono cattive lezioni selezionando o deformando le informazioni disponibili. O semplificando artificialmente i messaggi” scrive Vittorio Demicheli nella prefazione al libro. “Alcuni di questi cattivi maestri agiscono per puro interesse economico, altri per mantenere la propria fama e la propria capacità di influenzare le decisioni. Altre volte per pura e semplice presunzione”.
Il vaccino per l’influenza, secondo Jefferson, è un esempio di come i conflitti di interesse occulti riguardino istituzioni che prendono decisioni senza tener conto di ogni evidenza contraria.  Jefferson fornisce nel suo saggio le informazioni utili per evitare le trappole della disinformazione: e come si individua un conflitto di interessi o di nascosta pubblicità farmaceutica. Il repertorio dei trucchi di cui gli esperti si servono per non essere smascherati è insospettabile.
Sintesi di un articolo di Panorama, 2008

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Vaccinare gli anziani contro l'influenza, siamo sicuri che serva ?
Un commento di Tom Jefferson della Cochrane Vaccines Field comparso di recente su Lancet, ripropone ancora una volta la riflessione sull'efficacia della vaccinazione contro l'influenza. Questa volta negli anziani.
Le prove del beneficio della vaccinazione sulla mortalità sono controverse, come afferma Lone Simonsen su Lancet Infectious Disease, nell'articolo commentato da Jefferson. Il tipo di studi utilizzato, la possibilità che vengano vaccinati gli anziani meno fragili, le morti valutate per tutte le cause e non solo influenza o polmoniti, possono inficiare i risultati e renderli più favorevoli alla vaccinazione di quanto non sia nella realtà.
Una realtà che andrebbe studiata meglio per capire se davvero questa vaccinazione porta dei benefici.
Ne ha parlato anche la BBC e radio3 scienza ha trasmesso un dibattito tra Jefferson e Crovari (Università di Genova) : http://tinyurl.com/3ch7py

Jefferson conclude il suo commento su Lancet chiedendosi "Potrebbero i governi essere abbastanza coraggiosi e onesti per rivedere le loro amate politiche vaccinali?". Ce lo chiediamo anche noi.
Il commento di Jefferson su Lancet tradotto in italiano, gentilmente concesso dagli Autori
il riferimento bibliografico:
Jefferson T, Di Pietrantonj C. Inactivated influenza vaccines in the elderly - are you scure ? Lancet 2007: 370:1199-1200.
Cosa dice la BBC : http://news.bbc.co.uk/2/hi/health/7010717.stm


Il vaccino contro l'influenza stagionale non riduce, numeri alla mano, i rischi di decesso tra le persone anziane: è una doccia fredda, in vista della prossima stagione invernale, lo studio dei ricercatori canadesi della scuola di salute pubblica dell'università canadese dell'Alberta.
Rileggendo la letteratura scientifica sul tema, gli scienziati definiscono «esagerati» i supposti benefici della vaccinazione.
E in base a una ricerca condotta su 700 anziani, la metà dei quali vaccinata e l'altra no, gli epidemiologi canadesi concludono che «ogni eventuale beneficio è di poco conto, e dunque non statisticamente significativo». «Forse frutto - ipotizzano sulle pagine dell'American journal of respiratory and critical care medicine - di altri comportamenti salutari adottati da chi ha anche deciso di vaccinarsi».

Dunque, argomentano i ricercatori, «i benefici precedentemente attribuiti al vaccino erano invece non direttamente riconducibili alla vaccinazione per l'influenza, ma ad altri fattori non ben specificati». E per suffragare queste affermazioni rilevano come, a fronte di percentuali di vaccinazione aumentate negli ultimi 20 anni tra il 15% e il 65% nella popolazione anziana, «ne' le percentuali di accessi in ospedale, ne' quelle di mortalità, sono proporzionalmente diminuite».

In più, rilevano gli epidemiologi canadesi, «solo il 10% dei decessi tra gli over 65 registrati in Usa durante la stagione invernale sono attribuibili all'influenza. Di conseguenza, l'affermazione secondo cui il "vaccino per l'influenza riduce la mortalità del 50% non è fondata». Ciononostante gli scienziati suggeriscono ancora la vaccinazione per alcune categorie a rischio, per esempio per chi ha malattie respiratorie o deficit immunitari, o per i loro familiari a stretto contatto. Ma al contempo i ricercatori suggeriscono a queste stesse persone «di adottare stili di vita più salutari e accorti». Tra cui «il lavaggio frequente delle mani e lo stare alla larga da bambini malati e ospedali».

E alle aziende impegnate nella produzione dei vaccini per l'influenza, gli epidemiologi si permettono di chiedere di «mettere in campo un maggiore sforzo, per sviluppare prodotti di nuova generazione. Magari specialmente indicati per la popolazione anziana».
Tratto da: ilmessaggero.it

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Vaccino per l‘influenza: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18556629
Am J Respir Crit Care Med. 2008 Sep 1;178(5):527-33. Epub 2008 Jun 12. Mortality reduction with influenza vaccine in patients with pneumonia outside "flu" season: pleiotropic benefits or residual confounding ?
Eurich DT, Marrie TJ, Johnstone J, Majumdar SR.
Department of Public Health Sciences, School of Public Health, University of Alberta, 13-103 Clinical Sciences Bldg., Edmonton, AB, T6G 2G3 Canada. - By deurich@ualberta.ca

RATIONALE: Observational studies suggest a 50% mortality reduction for older patients receiving influenza vaccination; some deem this magnitude of benefit implausible and invoke confounding by the "healthy user effect" as an alternate explanation. OBJECTIVES:
To evaluate unrecognized confounding by hypothesizing the presence of a 50% mortality reduction with vaccination for patients with pneumonia outside of influenza season. METHODS: Clinical, laboratory, and functional data were prospectively collected on 1,813 adults with community-acquired pneumonia admitted to six hospitals outside of influenza season in the Capital Health region (AB, Canada).
Vaccination status was ascertained by interview and chart review.
Outcome was in-hospital mortality. Influenza-vaccinated patients were matched to a nonvaccinated control using propensity scores, and then multivariable regression was used to determine the independent association between vaccination and mortality. MEASUREMENTS AND MAIN

RESULTS: The cohort consisted of 352 vaccine recipients and 352 matched control subjects. Most (85%) patients were 65 years or older, 29% had severe pneumonia, and 12% died. Influenza vaccination was associated with a 51% mortality reduction (28 of 352 [8%] died vs. 53 of 352 [15%] control subjects; unadjusted odds ratio [OR], 0.49; 95% confidence interval [CI], 0.30-0.79; P = 0.004) outside influenza season. Adjustment for age, sex, and comorbidities did not alter these findings (adjusted OR, 0.45; 95% CI, 0.27-0.76). More complete adjustment for confounding (e.g., functional and socioeconomic status) markedly attenuated these benefits and their statistical significance (adjusted OR, 0.81; 95% CI, 0.35-1.85; P = 0.61). CONCLUSIONS: The 51% reduction in mortality with vaccination initially observed in patients with pneumonia who did not have influenza was most likely a result of confounding. Previous observational studies may have overestimated mortality benefits of influenza vaccination.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Vaccini inquinati negli USA, ed in Italia, NON si sa....
Segnalato da Silvia Milani, ULSS 13, Dolo (VE). Fonte: Owen Dyer, Factory's loss of licence halves supply of flu vaccine to US, British Medical Journal 2004;329:876 (16 October). Anche su:
http://news.bbc.co.uk/1/hilhealthl3717726.stm,
Tuesday, 5 October, 2004, 17:06 GMT 18:06 UK, Flu vaccine licence is suspended, "The UK government has suspended the manufacturing licence of major flu vaccine maker Chiron".

Gli ufficiali sanitari americani devono far fronte alla mancanza di metà della fornitura di vaccino per l'influenza prevista per questo autunno, in seguito alla decisione dell'Agenzia di Controllo della Produzione di Farmaci e Presidi Sanitari britannica di chiudere temporaneamente l'impianto di produzione di Liverpool di una delle maggiori ditte produttrici di vaccini.

L'Agenzia ha revocato I' autorizzazione alla produzione dello stabilimento della Chiron Corporation per tre mesi in seguito a un'ispezione all'impianto che ha rivelato possibili contaminazioni ed ora sono in corso ulteriori indagini. 
L'Agenzia non ha fornito altri dettagli, ma in agosto la Chiron aveva confermato che circa 4 milioni di dosi di Fluvirin (il vaccino antinfluenzale di questa stagione) erano potenzialmente contaminate con Serratia marcescens, un batterio di solito legato a infezioni polmonari o contratte attraverso la dialisi.
Tratto da: www.comilva.org 

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

SANITA': USA -  WASHINGTON, VACCINO per l'INFLUENZA
POCO EFFICACE PER ANZIANI
Il vaccino antinfluenzale ? Non serve a nulla o quasi perché non diminuisce il tasso di mortalità tra gli anziani.
Lo sostiene un recente studio realizzato dal 'National Institute of Allergy and Infectious Disease' di Chicago, secondo cui il numero dei decessi delle persone anziane negli ultimi vent'anni è rimasto invariato nonostante sia cresciuto del 65% il numero di coloro che hanno utilizzato il vaccino.
Gli scienziati, all'inizio, avevano invece previsto che il vaccino avrebbe diminuito la mortalità tra gli anziani anche del 40%, una cifra che è stata smentita dalla realtà.
Secondo i ricercatori del centro sulle malattie infettive ed allergiche di Chicago gli studi precedenti avevano evidenziato, sbagliando, un calo della mortalità in quanto non avevano preso in considerazione una serie di fattori come le complicazioni derivanti dall'influenza una volta guariti, e la mancata formazione di anticorpi nelle persone anziane.
(ANSA). - STG*RL - 14-FEB 2005

Le autorita' USA si guardano bene di segnalare all'opinione pubblica, la tragica conclusione della campagna vaccinale per l'influenza del 1976, che costo 135 milioni di dollari e fu sospesa per la sopravvenuta paralisi di circa 200 soggetti con la morte di 100 di questi; il National Inquirer accuso' il governo USA di negligenza grave !

IL VACCINO ANTINFLUENZALE NON PROTEGGE GLI ANZIANI - Ricerca ne mette in dubbio l'efficacia su alcune categorie
(Agi) - Washington - Il vaccino contro l'influenza non e' in grado di proteggere gli anziani dall'influenza. In particolare, dalla polmonite provocata il piu' delle volte da complicazioni sorte per via dell'influenza. A sostenerlo e' stato un gruppo di ricercatori del Group Health Center for Health Studies in uno studio pubblicato sulla rivista The Lancet. Per arrivare a queste conclusioni i ricercatori hanno effettuato una ricerca su piu' di 3.500 pazienti con un'eta' superiore ai 65 anni. Dall'analisi dei dati non e' emerso alcun legame tra la vaccinazione influenzale e il rischio di polmonite. ''Questo suggerisce che il vaccino antinfluenzale non protegge gli anziani, come e' stato pensato finora'', ha detto Michael L. Jackson, coordinatore dello studio. ''Il nostro e' di gran lunga il piu' grande studio sul vaccino antinfluenzale negli anziani'', ha aggiunto il ricercatore. Infatti, il lavoro dei ricercatori ha considerato diverse variabili. ''Abbiamo cercato di superare i limiti dei precedenti studi condotti da altri'', ha spiegato Jackson. ''Questi studi - ha aggiunto - possono aver sovrastimato i benefici del vaccino antinfluenzale negli anziani per varie ragioni''.
Per esempio, alcune ricerche hanno considerato solo casi di polmonite trattati in un ospedale. Altri hanno incluso tra i pazienti anche gli anziani che hanno avuto problemi al sistema immunitario, che avrebbero potuto limitare i potenziali effetti benefici della vaccinazione. In generale, non sono stati considerati tutte quelle variabili che avrebbero potuto influenzare i risultati.
Il nuovo studio ha quindi scoperto, valutando tutte le variabili, che il vaccino non protegge totalmente gli anziani dalla polmonite conseguente all'influenza. ''Nonostante i nostri risultati, e anche se le risposte immunitarie diminuiscono con l'eta', il vaccino antinfluenzale - ha precisato Jackson - e' sicuro. Pertanto appare opportuno vaccinarsi, anche se cio' potrebbe ridurre solo leggermente il rischio di polmonite e d! i morte' '. Il ricercatore ha infatti concluso che ''le persone con un'eta' superiore ai 65 anni dovrebbero comunque sottoporsi annualmente ai vaccini influenzali come al solito''. Ma ha precisato che i ricercatori dovranno ora lavorare per capire meglio come rendere piu' efficaci i vaccini per gli anziani. Tratto da: http://salute.agi.it


Commento NdR
: le BALLE che si raccontano per convincere a vaccinarsi non hanno mai fine, sono solo BUGIE e NON si parla MAI di avventi avversi dei vaccini !!! in piu' con il vaccino per l'influenza che aumenta i morti fra gli anziani....non si pagano le pensioni perche'  il pensionato muore.......e lo stato risparmia !
...... e non e' finita qui:.......

Anche il New York Times del 28 agosto 2004 si è occupato di una questione molto scottante che ha coinvolto l'azienda farmaceutica produttrice di vaccini Chiron.

A questa url potete trovare l'articolo
http://www.nytimes.com/2004/08/28/national/28flu.html
scritto da LAWRENCE K. ALTMAN.
Cosa è accaduto ? Dopo la diffusione della notizia secondo cui alcuni lotti di vaccino antinfluenzale prodotto dalla Chiron erano avariati, l'azienda ha confermato che si sta indagando anche sull'uso di un altro vaccino in Brasile. 
Le autorità sanitarie brasiliane hanno infatti ufficialmente vietato per ora l'utilizzo del vaccino trivalente della Chiron contro morbillo, parotite e rosolia poiche' si sono manifestati, dopo il suo uso, gravi reazioni allergiche nei bambini che lo avevano ricevuto. La Chiron e le autorità brasiliane stanno quindi esaminando i casi di almeno 125 bambini con questo genere di reazioni. La Chiron, peraltro, ha firmato un contratto con il governo degli Stati Uniti per produrre vaccini umani contro due ceppi dell'influenza dei polli che si è diffusa in Asia.
Il vaccino della Chiron che ha prodotto le tante reazioni avverse nei bambini brasiliani è prodotto in Italia; i bambini avevano manifestato molte meno reazioni avverse dopo avere ricevuto il vaccino di un'altra azienda
farmaceutica, come dichiarato dal rappresentante brasiliano della Pan AMerican Health Organization the vaccine.
Come dichiarato da rappresentanti della Chiron, il vaccino MPR è venduto in Italia, in Asia e in Sud America, ma non negli Stati Uniti.
Questa notizia è stata diffusa anche dal National Vaccine Information Center americano www.nvic.org
Se lo stesso vaccino sospeso in Brasile è venduto anche in Italia, speriamo che le autorità sanitarie italiane  indaghino a fondo anche sulla situazione dei bambini italiani che lo hanno ricevuto.
January 10, 2004
  
Commento NdR: e' passato tanto tempo ed in Italia, NESSUNO ha fatto NULLA
Inoltre, questi studi dimostrano e confermano cio' che insegniamo da decenni e cioe' che i Vaccini producono nei soggetti sottoposti a quelle infauste pratiche in-sanitarie, spacciate per tecniche preventive, Malnutrizione con perdita di fattori vitali essenziali alla vita sana, alterazione e perdita di: flora batterica autoctona, vitamine, minerali, proteine vitali), oltre alle mutazioni genetiche occulte, immunodepressioni, intossicazioni, infiammazioni e contaminazioni da virus e/o batteri pericolosi che nel tempo possono produrre malattie le piu' disparate !

vedi: Bibliografia Danni dei vaccini  +  Bibliografia danni 2  +  1.000 studi sui Danni dei Vaccini + Statistiche Istat sui vaccini

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

FUOCO di sant'ANTONIO = INFIAMMAZIONE Intestinale
La gastroenterite (malattie gastrointestinali) è una forte infiammazione intestinale ed è responsabile, dopo la puberta', di milioni di casi di diarrea o stitichezza o stipsi e molto altro ancora, ad esempio epatiti.

In Italia ogni anno 450.000 bambini (ne nascono 500.000 all'anno, nel 2016 = 480.000) vengono ammalati dai vaccini di queste malattie infiammatorie, che in eta' adulta possono, se non eliminate con la medicina naturale, ma mantenute latenti nell'organismo con i farmaci che medici impreparati propinano ai pazienti, riesplodere anche e non solo, nel fuoco di sant'Antonio, infatti in questo  "fuoco", si trovano gli stessi virus, come conseguenza, NON come causa, di quello del vaccino della varicella, ecc. !, cio' significa che nei vaccinati la cosa e' molto piu' frequente.

Quando la termica viscerale, scatenata dalle disbiosi, generate dai vaccini, farmaci, alimenti inadatti,  cioe' quella dell'apparato grastrointestinale, per le indotte alterazioni di pH digestivo, flora batterica, sistema enzimatico, aumenta anche di poco, - vedi:
Dottrina Termica - nasce l'infiammazione, ed essa DEVE essere eliminata dall'organismo ed il "fuoco di sant'antonio" e' una delle varie modalita' che la Natura ha inventato per eliminarla, facendola fuori uscire dalla pelle....naturalmente questo fuoco = infiammazione, crea dolore intenso nella fase di uscita.
Alle volte nella fase di eliminazione l'infiammazione invade dei centri nervosi sottocutanei e quindi produce dolori intensi e continui all'addome che in alcuni casi possono arrivare anche alle braccia.
Solitamente colpisce piu' facilmente chi ha contratto in precedenza la varicella e/o chi e' stato vaccinato anche per la varicella e e/o e' frutto di un intenso e continuo stress emotivo; questa infiammazione-infezione esordisce con dolore intenso, debolezza fisica, poi passa in certi soggetti a prurito ed intorpidimento, seguito da un'eruzione di vescicole su base eritematosa che si sviluppano lungo tutto il decorso della malattia.
Che cosa e' questa FORTE infiammazione (che i medici impreparati/allopati chiamano impropriamente Fuoco di s. Antonio) che infiamma Intestino, mesenterio, peritoneo, nervi relativi e viciniori e che si manifesta con forti dolori all'addome, di cui non si comprende l'origine e che inizia la parte virulenta con esantemi cutanei dolorosi, e quali ne sono le cause, che nei bambini quando e' in forma lieve, e' chiamato spesso rosolia, morbillo, meningite, epatite, ecc., ed alle volte si trasforma in vescicole per cui viene chiamato varicella o lieve/leggero vaiolo !

Quindi questo "fuoco" e' BENEFICO e va aiutato ad uscire con le varie tecniche della medicina naturale, che i medici impreparati della medicina allopatica NON conoscono, infatti tendono a bloccare l'infiammazione con dei farmaci che mantengono dentro l'infiammazione; cio' generera' nel tempo altri e piu' gravi danni, perche' l'infiammazione puo' spostarsi altrove e generare altri guai.
Coloro che vivono con il malato, e che lo toccano, magari solo per errore, nelle parti interessate, devono stare attenti a lavarsi bene le mani, per non assumere per via cutanea i liquidi tossici che il malato sta eliminando e che  
sono contenuti nelle vescicole in fase umida (primi giorni di malattia) e quindi occorre stare attenti per non venire a contatto con le lesioni, tenendo presente comunque che non tutti coloro che vengono a contatto con sostanze tossico-inquinanti o con batteri o virus eterologhi=estranei, si ammalano, perche' tutto dipende dalla qualita' immunitaria del loro terreno psico-biofisiologico, e quindi dalla matrice.
In genere questo tipo di infiammazione e relativa eliminazione, arriva una volta sola nella vita, se eliminata con la medicina naturale.

Per eliminare l'infiammazione si inizia con il cambiare alimentazione che DEVE necessariamente essere assolutamente CRUDISTA (vegetali, meglio verdure, insalate, crude ecc., e poca o niente frutta se non come centrifugati, oppure digiuno e centrifugati di verdura e frutta crude) + aglio  (compresse mattina e sera) + Equilibratore Ionico + clisteri giornalieri + cataplasmi freddi sul ventre giorno e notte (voce cataplasmi) + riposo a letto, magari con frizioni fredde ogni ora, senza passare sulla parte irritata, sulla quale puo' essere messo del bianco di uovo sbattuto (che si solidifica per l'alta temperatura) per piu' volte, oppure il cataplasma di argilla o fango freddo anche sulle parti ove compaiono le macchie.
Alle volte puo' comparire uno stato febbrile, buon segno perche vuol dire che state eliminando tutta la infiammazione.

Sindrome infiammatoria chiamata "Asia" scatenata dai vaccini !
ASIA_Sindrome infiammatoria-dai-vaccini-Riassunto.pdf
Tratto da:  http://www.assis.it/wp-content/uploads/2014/12/ASIARiassunto.pdf
... ed e' noto che... le infiammazioni sono foriere di qualsiasi tipo di sintomi, che i medici impreparati allopati chiamano erroneamente "malattie"....
e se questa infiammazione raggiunge le meningi, si chiama meningite, se raggiunge la pelle, si chiama morbillo, e se raggiunge il cervello ed i neuroni si chiama autismo oppure SIDS...ecc. a seconda di dove va l'infiammazione la cosiddetta "malattia" cambia nome, ma e' sempre la stessa...i vari nomi servono per spaventare i popoli che ignorano i fatti, per farli vaccinare !

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Ecco alcuni Consigli e Terapie Naturali per evitare o guarire dall'Influenza (qualsiasi tipo) senza farmaci ne' vaccini

COSA si DEVE  FARE per  PREVENIRE e o CURARE l'influenza ?:

Il segreto  è tenere il proprio sistema immunitario in buona salute.

- Avere, in quel periodo e non  solo, una alimentazione prettamente Vegetariana e Crudista + succhi di frutta vera

- Fare ogni settimana un clistere di camomilla e se ci si ammala, il giorno stesso nel quale viene accertata lo stato febbrile, alla sera.
-
riposo a letto per almeno 2 giorni per poter fare le reazioni termiche adatte (caldo-fredde)
- Fare quindi nello stato febbrile 8 frizioni fredde (vedi frizioni), facendo reazione ben calda a letto.

- Eliminare zucchero e dolci in genere + carni rosse e formaggi.

- Assumere forti dosi di Aglio e Biancospino (sotto ogni forma) alla mattina ed alla sera.

- Assumere fermenti lattici + enzimi ed Omega 3 di buona qualità.

- Fare esercizio fisico (camminare almeno 1 ora al giorno)

- Assumere Vitamina D e C dai cibi + sali minerali adatti.

- Dormire molto e con qualità; l'aglio + biancospino favorira' le buone dormite

- Gestire lo stress in modo efficace, se vi è eccesso di stress, l'organismo non sarà in grado di fronteggiare le malattie.

Queste le semplici tecniche RISOLUTIVE e non esiste convalescenza da farmaco....
Nelle forme lievi della crisi di eliminazioni (influenza), perche' cosi' si chiamano TUTTE le malattie di questo tipo (non vi sono differenze fra di esse), e' possibile anche farle in piedi e lavorare lo stesso, facendo a  casa comunque quelle tecniche, quindi questo comportamento e' anche un notevole risparmio per la societa', per mancanza o ridotta dei tempi della malattia e per la convalescenza inesistente.
Mangiare principalmente e ad ogni pasto, FRUTTA VERDURA fresca e/o essicata (la piu' varia possibile) + semi di qualsiasi tipo (pochi semi ogni giorno) + riso integrale o semi integrale + legumi cotti (pochi)  + ogni tanto pesce crudo (quello a forma di pesce) + alghe cotte e crude essicate.
Nel caso di colon irritato frullare il tutto.
In inverno, riscaldare i cibi a 30 gradi oppure utilizzare brodi naturali caldi ad ogni pasto importante.
Fare 4 o 5 pasti al giorno, cosi' come indicato, pulire l'intestino 1 volta alla settimana od assumere delle erbe emolienti 1 volta alla settimana.
Bere acqua la piu' pura possibile, latte di riso o di avena, poco quello di soia, molti succhi di frutta cruda e fresca (di tutti i tipi a seconda del gusto e/o delle necessita' di ognuno) , spremuti a freddo o frullati.
Ogni tanto un pasto (ogni 15 giorni) come e di cosa  piace, ma con MOLTA parsimonia (poco, in quantita'). 
Cosi' starete sempre bene.

FITOTERAPIA - I rimedi più usati sono le tinture madri (T.M.), i macerati glicerici (M.G.), le capsule (cps.) e le compresse (cpr.).
- L'echinacea (radice di Echinacea angustifolia) sotto forma di T.M, cps. o cpr. è  il rimedio più noto ed utilizzato come immunostimolante
- L'uncaria (corteccia e pianta in toto di Uncaria tomentosa ) T.M.,  cps. o cpr. -  il ribes nero (gemme di Ribes nigrum ) M.G. -
- L'eleuterococco (radice di Eleutherococcus senticosus) T.M.,  cps. o cpr. -  la rosa canina (bacche o giovani getti di Rosa canina) T.M. , M.G.,  cps. o cpr.
- Propoli (resina di Propolis) T.M., soluzione idroglicerica, cps. o cpr. oppure la propoli in grani. 

OMEOPATIA 
- Influenzinum 9 CH e Anas barbiarae 200K  (autolisato filtrato di cuore e fegato di anatra, portatrice sana dei virus influenzali )
- Vincetoxicum officinalis 5CH o 9CH (granuli) che stimola la produzione di interferone gamma e di altri componenti cellulari del sistema immunitario (Linfociti T, macrofagi e polimorfonucleati).

vedi anche: Vitamina D previene influenza + Catarro, tosse, raffreddore + Vaccino per l'influenza pericoloso + Influenza come curarla

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Prevenzione di episodi influenzali con colostro in confronto con la vaccinazione
M.R. CESARONE, G. BELCARO, U. CORNELLI, A. DI RENZO, F. MUCCI, M. DUGALI, M. CACCHIO, M. CORNELLI, R. ADOVASIO, F. FANO, A. LEDDA, A. RICCI, S. STUARD, G. VINCIGUERRA

Il colostro è la sostanza prodotta dalla ghiandola mammaria nelle prima 48-72 ore dopo la nascita. Questo periodo è talmente importante che, senza di esso, molti mammiferi neonati non sopravviverebbero.
Per diverse ragioni, il colostro umano non può essere utilizzato facilmente o costituire una fonte primaria di prodotto da utilizzare.
Nell'ultimo decennio è stato individuato nel colostro bovino la più valida fonte alternativa di produzione - sia per qualità che quantità - per la somministrazione nell'uomo.
Oltre ad essere fonte importante di proteine, grassi, carboidrati, vitamine e minerali, il colostro umano contiene molte molecole biologicamente attive, essenziali per le funzioni immunitarie e di crescita.
I fattori, presenti anche nel colostro bovino, sono praticamente identici a quelli rilevabili nel colostro umano, ma molti risultano in quantità più rilevanti e farmacologicamente interessanti (ad esempio alcune immunoglobuline e growth factors sono presenti in quantità circa 4 volte maggiori rispetto a quelle rilevabili nel colostro umano).
I componenti più importanti del colostro sono i fattori immunitari ed i diversi fattori di crescita. I fattori immunitari forniscono l'immunità generica e la protezione contro le infezioni nelle prime settimane di vita, mentre i fattori di crescita stimolano lo sviluppo del neonato. Dopo la pubertà la quantità di fattori immunitari e di crescita presenti nel nostro organismo comincia a ridursi.
Successivamente con l'avanzare dell'età diventiamo genericamente più vulnerabili alle malattie, il livello di energia si riduce, la pelle comincia a perdere elasticità, il peso tende ad aumentare e si riduce il tono muscolare. Inoltre considerando che viviamo in un ambiente "tossico", pieno di elementi inquinanti ed allergizzanti ed in condizioni diverse dal nostro sistema evolutivo, associato inoltre ad una serie rilevante di fattori di accumulo (zuccheri, grassi e sale in particolare) la generica diminuzione dell'efficienza immunitaria potrebbe essere alla base di numerose malattie e disfunzioni.
Diverse ricerche hanno dimostrato che il colostro possiede capacità immunitarie naturali e fattori di crescita che portano l'organismo ad uno stato di omeostasi, uno stato naturale di benessere e buona salute. Il colostro favorisce la funzione immunitaria naturale e ci rende capaci di reagire agli effetti dannosi degli agenti inquinanti e degli allergeni quando entriamo in contatto con essi. Inoltre, i fattori di crescita presenti nel colostro creano una sorta di "effetto collaterale" positivo nell'organismo sano, una aumentata capacità di metabolizzare i grassi, maggiore facilità nell'aumentare la massa muscolare, e "ringiovanire" muscoli e cute.
Esistono oltre 90 componenti conosciuti nel colostro. Quelli principali sono i fattori immunitari e di crescita. Esso contiene inoltre un equilibrio preciso di vitamine, minerali ed amminoacidi.
Tutti questi fattori agiscono in perfetta sinergia per ristabilire e mantenere uno stato di buona salute.

Fattori immunitari
È stato dimostrato che i fattori presenti nel colostro aiutano l'organismo a respingere virus, batteri e funghi. Ogni fattore gioca un ruolo specifico nella difesa del nostro organismo. Inoltre, il colostro contiene oltre 20 anticorpi specifici, inclusi quelli per Coli, Salmonella, Rotavirus, Candida, Streptococco, Stafilococco, Helycobacter Pilori, ed altri.
Diversi studi, sia in vitro che clinici, hanno evidenziato che oltre alle immunoglobuline il colostro presenta un fattore che rinforza un sistema immunitario poco attivo, mentre tende ad equilibrare un sistema immunitario iperattivo, come quello presente nelle malattie autoimmuni.

Fattori di crescita
I fattori di crescita aiutano a costruire e risanare ossa, muscoli, tessuto nervoso e connettivo, cute e cartilagine. È stato dimostrato che questi fattori aumentano la massa muscolare, aiutano l'organismo a bruciare grassi e favoriscono la guarigione delle ferite. Infine, è stato suggerito che i fattori di crescita rallentino addirittura l'invecchiamento attenuando i segni dell'età.
I fattori di crescita presenti nel colostro possono:
- influire sul metabolismo cerebrale regolando alcuni mediatori migliorando l'umore
- aiutare la rigenerazione e migliorare la crescita normale di muscoli, ossa, cartilagini, cute, collagene e tessuto nervoso danneggiati o invecchiati
- promuovere il consumo di grassi per l'energia al posto di tessuto muscolare in casi di digiuno (dieta) e costruire e - conservare un muscolo magro (indipendentemente dalla dieta)
- favorire la regolazione dei livelli di glucosio ematico e sostanze chimiche cerebrali, aumentando attenzione e concentrazione
- favorire la guarigione della cute se applicati localmente
- riparare selettivamente RNA e DNA del nostro organismo

Altri componenti utili
Alcune vitamine e minerali che rappresentano nutrienti essenziali per un metabolismo, crescita e sviluppo normali e sono indispensabili per mantenere un buono stato di salute sono rilevabili nel colostro (anche in base alla dieta). Diversi amminoacidi sono inoltre rilevabili in vari tipi di colostro. Questi componenti delle proteine sono necessari per la crescita e lo sviluppo dell'organismo. Essi sono divisi in essenziali (non prodotti dal nostro organismo) e non essenziali (possono essere prodotti nell'organismo).

Colostro e prevenzione delle malattie influenzali
Molto si è discusso e molte discussioni sono ancora in corso sulla efficacia dei vaccini anti-influenzali anche se il loro utilizzo è ampiamente diffuso e raccomandato. Molti gruppi di soggetti non hanno alcun beneficio documentato scientificamente dall'uso dei vaccini.
Molti sono gli studi eseguiti per stabilire l'efficacia ed il livello di protezione dalle infezioni di tipo influenzale da parte dei vaccini ma manca tuttora una solida evidenza sulla loro efficacia anche considerando il costo di questi prodotti. Il problema della vaccinazione è tuttora controverso e possono essere presenti effetti collaterali conosciuti. Inoltre, teoricamente è possibile avere effetti a distanza determinati da altri elementi che non siano conosciuti attualmente (ad esempio frazioni virali o altri fattori non conosciuti).
Il colostro, in genere, risulta efficace nello stimolare e modulare la risposta immunitaria e mantenere uno stato di buona salute, inoltre non presenta effetti collaterali.
Lo scopo del nostro studio è stato quello di valutare l'efficacia dell'uso del colostro orale nella prevenzione delle malattie influenzali legate alla stagione invernale, in paragone con il vaccino anti-influenzale e considerando anche un gruppo di soggetti, senza profilassi, come riferimento.

Risultati. Nei soggetti trattati con colostro il numero medio di episodi per individuo, in 2 mesi (0,335; range 0-3) è stato inferiore sia a quello registrato in soggetti non trattati (è stato il 25% di quelli registrati nel gruppo non trattamento; P<0.05) che a quello relativo ai trattati con il solo vaccino (nei soggetti che hanno usato il colostro gli episodi sono stati il 30% rispetto a quelli vaccinati ma senza colostro; P<0.05). La differenza è significativa (P<0.05) sia considerando il follow-up a 2 mesi che quello a 3 mesi. Il numero di
giorni di malessere è stato circa 3 volte superiore nei soggetti non trattati con colostro ed in quelli vaccinati ma senza colostro.
I costi rilevabili in base ai giorni persi di lavoro, al trattamento necessario in caso di influenza ed alle eventuali complicanze hanno seguito lo stesso andamento. Nei soggetti trattati con colostro il costo dovuto ai giorni ed agli episodi di malessere è stato circa il 30% di quello osservato nei gruppi che non hanno usato il colostro. Se si considerano anche i giorni di ricovero (osservati solo nei soggetti non trattati con colostro), susseguenti a complicanze broncopolmonari, la differenza tra costi diventa veramente rilevante (P<0.05).
Conclusioni.
In conclusione il colostro è almeno 3 volte più efficace e cost-effective della vaccinazione nel prevenire episodi influenzali.

PREVENTION OF FLU EPISODES WITH COLOSTRUM: COMPARISON WITH VACCINATION - THE EPIDEMIOLOGICAL STUDY IN SAN VALENTINO
San Valentino-Vasto  -  Vascular Screening Project - Department of Biomedical Sciences, G. D'Annunzio University, Chieti, Pescara, Italy


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>


Gli effetti NOCIVI sul Cervello da parte del vaccino per l'influenza
= Tamiflu della Roche - Big Farma
Novartis sospende la distribuzione in Canada dei vaccini stagionali per l'influenza:  Agriflu e Fluad - 26/10/2012

Un caso esemplare, secondo La Placa, e' quello avvenuto nel 1976 negli  Stati Uniti, nel New Jersey, quando si temette che fra le reclute di Fort Dix si stesse diffondendo un virus influenzale del tipo H1N1, molto simile a quello della Spagnola che nel 1918 fece milioni di vittime in tutto il mondo.  Non appena si scateno' l'allarme 40 milioni di persone negli Stati Uniti vennero vaccinate in un tempo record. Tuttavia il focolaio influenzale svani' rapidamente e la successiva comparsa di malattie neurologiche associate alla vaccinazione origino' un contenzioso per i risarcimenti richiesti...., tuttora aperto.

Centinaia di bambini con danni cerebrali per il vaccino per l'influenza, ricevono risarcimento dallo stato-governo Britannico (UK) - 20/04/2015
Hundreds of children brain damaged by the swine flu vaccine to receive $90 million in financial compensation from UK government !
http://www.naturalnews.com/049423_swine_flu_vaccine_brain_damage_financial_compensation.html#ixzz3Y3isYoYG

By Mike Adams, the Health Ranger
Tags: swine flu vaccinebrain damagefinancial compensation


Il vaccino antinfluenzale contiene 25.000 volte più mercurio di quello legalmente consentito nell'acqua potabile !
- 24 giugno 2014  
Nel caso in cui ve lo siete perso, i test di laboratorio recentemente condotti presso il Natural News Forense Food Lab, ha trovato che i vaccini per l'influenza stagionale, che vengono pubblicizzati praticamente su tutti i giorni, per i neonati, donne in gravidanza e gli anziani, contengono scandalosamente alti livelli di mercurio neurotossico.
Fiale di vaccino antinfluenzale prese da un lotto prodotto dal gigante farmaceutico britannico GlaxoSmithKline (GSK) sono stati analizzati e si e' trovato che  contengono 51 parti per milione di mercurio, ovvero 25.000 volte il massimo legale per l'acqua potabile da bere, stabilito dalla Environmental Protection Agency (EPA).

Questa scoperta scioccante è stato realizzata utilizzando con una tecnologia avanzata, la spettrometria di massa la quale con una precisione incredibile, lo ha confermato, riempiendo il vuoto lasciato dalle agenzie di regolamentazione della nazione, che non sono riusciti a condurre questo tipo di sicurezza testare se stessi.
A milioni di persone sono iniettati i vaccini influenzali ogni anno, e la maggior parte di loro sono completamente all'oscuro che uno dei metalli più tossici conosciuti dall'uomo, sia stato inserito direttamente nel tessuto muscolare senza sosta, in tutti loro.

"Il Mercurio è una delle sostanze più tossiche conosciute per l'umanità", ha spiegato il Dr. David Brownstein, un medico di famiglia e specialista di medicina olistica, con scheda certificata, sul suo blog. "Per più di venti anni, ho testato quasi tutti i pazienti che ho visto nel mio studio con la contaminazione da metalli pesanti. ...
Ho scoperto che oltre l'80% dei miei pazienti, sia sani e malati, hanno tossicità del mercurio."
Le donne incinte, bambini e anziani sono stati incoraggiati ad ricevere per le iniezioni vaccinali di mercurio !
Presentando questo tipo di dati concreti, che contraddice totalmente la posizione ufficiale del governo sui vaccini, ha scatenato molti attacchi velenosi da arrabbiati pro-vaxxers che insistono che il mercurio è completamente sicuro.
Uno che o essi sostengono che il mercurio non viene più aggiunto ai vaccini, una menzogna detestabile che continua a danneggiare i più vulnerabili tra noi, compresi i bambini innocenti.
Si può vedere di persona sull'inserto ufficiale farmaco per FluLaval, il vaccino per l'influenza valutate dalla Natural News, che il vaccino  infatti, contengono mercurio.

La seguente citazione è presa direttamente dal RxList.com, il cosiddetto "Indice Drug Internet", dimostrando che il mercurio aggiunto vaccini per l'influenza contenuta sotto forma di Thimerosal: "Thimerosal, un derivato del mercurio, è aggiunto come conservante.
Ogni dose di 0,5 ml contiene 50 mcg thimerosal [microgrammi] ([meno] 25 mcg di mercurio).
Ogni dose di 0,5 mL può anche contenere quantità residue di ovalbumina ([meno
o uguale a] 0,3 mcg), formaldeide ([inferiore o uguale a] 25 mcg), e sodio desossicolato ([meno] 50 mcg) dal processo di fabbricazione. "
Eppure, anche con tutti questi contaminanti aggiunto, le donne incinte, gli anziani e bambini piccoli sono stati vaccinati per ottenere questa intossicazione ogni anno dalle autorità sanitarie.

Non importa che ognuno di questi ingredienti sia una neurotossina nota, per non parlare del fatto che la formaldeide è una causa nota di cancro - ecco la "linea giusta" e ottenere i vostri vaccini di influenza, perché il governo dice che sono un bene per voi !

Il doppio standard di mercurio continua a devastare la salute pubblica
L'ironia in tutto questo è che il governo ora ammette che il mercurio è tossico, almeno quando si proviene da altre fonti.
L'amministrazione Obama, come abbiamo recentemente riportato, è in una crociata per chiudere tutte le centrali a carbone, con la scusa che si fanno decadere le quantita' pesanti di mercurio in atmosfera. E gli avvertimenti ufficiali del governo dicono alle donne in gravidanza di evitare il mercurio dal tonno in scatola.
Ma per quanto riguarda il mercurio ancora in uso nei vaccini e otturazioni dentali ?

Perché l'esposizione al mercurio, da queste fonti i vaccini, e' completamente sicura, secondo il governo, ma il mercurio nei prodotti alimentari e ciminiere dovrebbe essere evitato ?
Per le notizie più precise sui vaccini ed i metalli pesanti, come il mercurio in agguato in loro, visitare Vaccines.NaturalNews.com e HeavyMetals.NaturalNews.com, rispettivamente.

By Ethan A. Huff
Fonti per questo articolo:
- http://blog.drbrownstein.com
- http://www.cdc.gov
- http://www.rxlist.com
- http://science.naturalnews.com

Tratto da: 
http://www.naturalnews.com/045705_flu_vaccine_mercury_heavy_metals.html#ixzz4LRl1i0wB

"Vi prego di non sottoporvi a vaccinazione anti-influenzale" - 14/10/2012
Ho studiato l'inganno del "vaccino antinfluenzale" per oltre 10 anni e posso affermare in piena sicurezza e con prove illimitate che NESSUNO ha bisogno di questa "vaccinazione" tossica.
L'intera campagna per il "vaccino antinfluenzale" è una truffa gigantesca e mortale.
"Abbiamo scoperto che gli individui clinicamente normali di 60-65 anni che ricevono il vaccino per l'influenza tre o quattro volte nel corso di cinque anni, cinque anni più tardi hanno una incidenza di Alzheimer 10 volte maggiore dei soggetti di pari età che non hanno ricevuto il vaccino", dice il dott. H. Hugh Fudenburg, MD.
Nota: il CDC (Centers for disease Control and Prevention), centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, ente pubblico USA] non può capire da dove proviene l'Alzheimer. Giusto!
Il 90% dei nostri anziani sono sottoposti alla tossina "vaccino contro l'influenza".
In Canada sono 16 in totale le morti su una popolazione pediatrica di 7.860.000 persone, la maggioranza delle quali - il 60 per cento o più - non sono vaccinate.
A titolo di confronto, nello stesso quadriennio, l'identico gruppo pediatrico statunitense ha avuto 553 morti associate all'influenza.
In confronto, su base pro capite, gli Stati Uniti presentano un tasso di mortalità incredibilmente più alto di 3,2 volte rispetto al Canada".
Nota: quindi tutto quello che dobbiamo fare per migliorare i nostri risultati con l'influenza, e risparmiare molte vite e denaro, è FERMARE le SIRINGHE tossiche.
Da notare che l'Alzheimer non é che un simbolo delle legioni di problemi di salute causati dalla "vaccinazione contro l'influenza stagionale".
Basta porsi questa semplice domanda: Perché sono iniettati 25 mcg di mercurio, dimostrato essere estremamente neurodegenerativo, e il "vaccino H1N1", provato capace di provocare l'aborto, in 200 milioni di cittadini degli Stati Uniti ogni anno, comprese donne incinte e bambini di 6 mesi ?
Il Canada dimostra che fermare la folle "vaccinazione antinfluenzale" farà risparmiare una enormità di vite umane e denaro.
L' "influenza stagionale", e cosa più importante, tutta l'influenza virale è causata principalmente dalla diminuzione stagionale nei livelli di vitamina D. Quindi la "cura" per l'influenza stagionale e per tutte le influenze virali è sole e vitamina D.

Bambina di 8 anni muore dopo somministrazione di FluMist, vaccino per l'influenza, il CDC lo incolpa  ! US - 24/06/2016
I Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie dicono che il vaccino, spray nasale, chiamato "FluMist" non è efficace, ed i genitori di una giovane ragazza che è morta di influenza dopo aver ricevuto il vaccino, stanno raccontando la loro storia su Fox 13 a Salt Lake City.
"Anche se abbiamo creduto che lei fosse protetta dalla influenza, mentre non lo era affatto".
La sua famiglia dice che è stata vaccinata con uno spray nasale chiamato FluMist.
Questa settimana, il CDC ha detto quel modo di "immunizzazione" è stato del tutto inefficace a prevenire l'influenza lo scorso anno, ed ora che stanno chiedendo i medici di non usarlo. Questa settimana il CDC ha detto il vaccino FluMist NON funziona.
Il CDC sta chiedendo i medici a non utilizzare il FluMist per la stagione influenzale di quest'anno. Il Dipartimento della Salute dello Utah, però, aveva già acquistato 1.200 dosi e quindi le ha commercializzate e fatte inoculare.....
Fonte: 
http://fox13now.com/2016/06/24/parents-of-utah-girl-killed-by-influenza-speak-after-cdc-advises-against-using-flumist


23 anziani vaccinati, con il Vaccino per l'Influenza, sono MORTI ! vedi QUI:
http://autismovaccini.org/2013/10/09/vaccino-antinfluenzale-fluzone-23-anziani-muoiono-durante-la-sperimentazione/
Nel 2015-2016 ne sono morti in Italia, circa 100....,e la mattanza continua...

ENORME AUMENTO dell’AUTISMO in AMERICA (denuncia) e risarcimento multimilionario a due di essi:
http://www.huffingtonpost.com/david-kirby/post2468343_b_2468343.html?utm_source=Alert-blogger&utm_medium=email&utm_campaign=Email+Notifications

Anche in sud Corea:
http://news.yale.edu/2011/05/09/prevalence-autism-south-korea-estimated-1-38-children
Sono i  Vaccini che scatenano questa:
Sindrome infiammatoria chiamata "Asia" scatenata dai vaccini !
ASIA_Sindrome infiammatoria-dai-vaccini-Riassunto.pdf
Tratto da:  http://www.assis.it/wp-content/uploads/2014/12/ASIARiassunto.pdf
... ed e' noto che... le infiammazioni sono foriere di qualsiasi tipo di sintomi, che i medici impreparati allopati chiamano erroneamente "malattie"....
e se questa infiammazione raggiunge le meningi, si chiama meningite, se raggiunge la pelle, si chiama morbillo, e se raggiunge il cervello ed i neuroni si chiama autismo oppure SIDS...ecc. a seconda di dove va l'infiammazione la cosiddetta "malattia" cambia nome, ma e' sempre la stessa...i vari nomi servono per spaventare i popoli che ignorano i fatti, per farli vaccinare !

TROVATO un meccanismo di azione delle tossine dei VACCINI anche sul cervello  ! - 22/03/2009
ANSA, Roma - Esiste un passaggio segreto che permette alle cellule immunitarie di penetrare nel cervello e di aprire la strada ad una seconda ondata di cellule pericolose, capaci di scatenare malattie autoimmunitarie, come la sclerosi multipla, nelle quali il sistema immunitario aggredisce l’organismo al quale appartiene.
La scoperta della nuova porta, pubblicata sulla rivista Nature Immunology, potrebbe portare in futuro a nuove armi per contro la sclerosi multipla, "ma non solo: lo stesso meccanismo potrebbe essere coinvolto in altre malattie autoimmuni", osserva la coordinatrice della ricerca, l’italiana Federica Sallusto, dell’Istituto svizzero per la Ricerca in Biomedicina (Irb) di Bellinzona, diretto da Antonio Lanzavecchia.
Oltre che con Lanzavecchia, il lavoro e' stato condotto in collaborazione con Andrea Reboldi, dell’Irb, e da Antonio Uccelli, dell’università di Genova. Il passaggio segreto che permette di entrare nel cervello alle cellule apripista e' il plesso coroideo, una vera e propria matassa di vasi sanguigni nella quale viene prodotto il liquido spinale. e' una via d’ingresso alternativa a quella che da tempo e' considerata il «portone principale», ossia la barriera emato-encefalica.
Che ci fosse un’altra entrata era noto, spiegano i ricercatori, ma questa era considerata una sorta di "porta di servizio", di importanza secondaria. Adesso, osserva Lanzavecchia, "conosciamo la funzione di questa porta segreta e si può pensare a future strategie terapeutiche in grado di bloccare questo ingresso".

Altro meccanismo di azione delle tossine vaccinali di qualsiasi vaccino, anche nel cervello:
I Macrofagi
molte volte trasportano le sostanze vaccinali nel cervello ed in tutti i tessuti del corpo, ecco una descrizione del  meccanismo:
L'alluminio (od altri metalloidi tossici, ad esempio il Thiomersal) contenuto in vari Vaccini esempio: influenza, esavalente  comprese, viene trasportato nel cervello dai macrofagi .... e cio' spiega il meccanismo della cosiddetta SIDS o morte nella culla, che nei fatti e' una danno vaccinale e non una nuova malattia !
Ecco spiegato il meccanismo biologico ed il diagramma del tragico evento....
Il meccanismo viene ben spiegato qui:  ciò che in realtà accade è che un tipo di globuli bianchi chiamati a macrofagi (MF) ingerisce (processo è chiamato "fagocitosi") gli AANs prima che si sciolgano. (
Aluminum Adjuvant Nanoparticles = AANs)
L'ingestione di corpi estranei è un comportamento normale per MF.
La loro funzione principale è la fagocitosi cioè la capacità di inglobare nel loro citoplasma particelle estranee, anche nanoparticelle, compresi i microrganismi (batteri e funghi estranei), e di distruggerle. Inoltre, fatto importante da tenere in considerazione in  questi casi, secernono citochine ad attività proinfiammatoria e presentano l'antigene ai linfociti T-CD4.
Quando MFs rilevano batteri o altri agenti patogeni, i loro campi magnetici li invitano ad ingerire gli agenti patogeni, e distruggerli con gli enzimi. I MFs sanno assieme ad altre cellule del sistema immunitario circa il patogeno introdotto e come rilevarlo. MFs ingeriscono anche molti tipi di nanoparticelle.
Il problema è che AANs non sono digeriti dagli enzimi MF. E gli AANs, una volta all'interno degli MF, si sciolgono lentamente.
Le AANs persistono per lungo tempo (anni) e causano nei MF a far fuoriuscire lentamente alluminio.
Gli MF che consumano gli AANs divengono altamente contaminati con l'alluminio o con altri metalli tossici e nanoparticelle ingerite, e li diffondono ovunque vanno. E vanno in tutto il corpo. MFs e non viaggiano solo nel sangue, il che spiega il motivo per cui non si trova facilmente nel sangue l'alluminio dopo la vaccinazione, perche' e' gia stato fagocitato (ingerito) dagli MF e perche' gli MF viaggiano anche attraverso il sistema linfatico.
I campi magnetici sono in grado di "viaggiare" (informare) attraverso la barriera emato-encefalica (BBB). Gli MFS, una volta caricati con AANs, agiscono come un cavallo di Troia e trasportano le AANs nel cervello. Questo è dannoso, perché il cervello è molto sensibile all' alluminio.

Senza contare le possibili microischemie (vedi le scoperte del Dott. Andrew Moulden) che possono intervenire nella microcircolazione, soprattutto cerebrale od in altri luoghi...per il fatto che i globuli bianchi e di conseguenza i macrofagi nel loro processo di fagocitosi, (ingestione delle sostanze tossiche vaccinali) possono generare,.... inoltre i macrofagi secernono, nella loro azione quando hanno ingerito le sostanze vaccinali, altre sostante PRO-infiammazioni.... con tutte le conseguenze del caso, polio = paralisi, distrofie, meningiti, sclerosi, infiammazioni croniche, gastroenteriti croniche, ecc....fino alla morte nella culla = SIDS !!
 

Qui nel diagramma, viene spiegato nei particolari il tragico evento:
http://vaccinepapers.org/al-adjuvant-nanoparticles-can-travel-brain/

 

Abbiamo barattato orecchioni e morbillo contro cancro e leucemia
Sono molto poche le persone che si rendono conto del fatto che la peggiore epidemia che abbia mai colpito l’America, la cosiddetta Influenza Spagnola del 1918 sia stata causata dalla massiccia campagna di vaccinazione portata avanti in tutta la federazione [statunitense]. I dottori hanno detto alla popolazione che la malattia era causata dai germi. I virus non erano ancora noti ai tempi altrimenti sarebbero stati incolpati loro. Germi, batteri e virus, assieme ai bacilli ed ad un piccolo numero di altri organismi invisibili sono i capri espiatori sui quali i medici amano far ricadere la colpa delle cose che non comprendono.
Se un medico compie un errore nel formulare una diagnosi e prescrivere la terapia, e uccide il suo paziente, può sempre dare la colpa ai germi, ed affermare che l’infezione del suo paziente non era stata precedentemente diagnosticata e che quindi era venuto da lui troppo tardi. Se torniamo indietro al 1918, il periodo nel quale esplose l’influenza, noteremo come essa esplose subito dopo la fine della prima guerra mondiale quando i nostri soldati stavano ritornando a casa da oltre oceano.
Questa fu la prima guerra nella quale tutti i vaccini allora noti furono somministrati obbligatoriamente a tutti i militari.
Questo guazzabuglio di veleni farmacologici e di proteine putride di cui i vaccini erano composti, causò una tale diffusione di malattia e di morte tra i soldati che era un comune soggetto di discussione il fatto che i nostri uomini venivano uccisi più dalle iniezioni dei medici che dalle pallottole delle armi da fuoco. Molti furono resi invalidi e tornarono a casa o finirono in un ospedale militare, come dei rottami senza speranza, prima ancora di avere visto un girono di battaglia.
La percentuale di malattie e morti tra i soldati vaccinati fu quattro volte maggiore rispetto ai civili non vaccinati. Ma questo non fermò i promotori dei vaccini. I vaccini sono sempre stati un grande business, e così si continuò ostinatamente ad utilizzarli.
Fu una guerra più breve di quanto non avessero pensato i produttori di vaccini, durò solo un anno per noi, e così ai produttori dei vaccini restarono una quantità di vaccini inutilizzati e andati a male che volevano vendere ricavandoci un buon profitto.
E così essi fecero ciò che fanno usualmente, fecero una riunione a porte chiuse e progettarono tutto lo sporco programma, un’operazione di vaccinazione federale (mondiale) che utilizzasse tutti i loro vaccini, raccontando alla popolazione che i soldati stavano tornando a casa con molte terribili malattie contratte in paesi stranieri e che era un dovere patriottico di ogni uomo donna o bambino di proteggersi correndo ai centri di vaccinazione e facendo tutte le iniezioni.
La maggior parte della gente credette ai propri medici ed agli ufficiali governativi, e fece quanto fu loro consigliato.
Il risultato fu che la quasi totalità della popolazione si sottopose alle iniezioni senza essere sfiorata dal dubbio, e fu solo una questione di ore prima che la gente iniziasse ad agonizzare e morire, mentre molti altri collassarono colpiti da malattie di una tale virulenza che nessuno aveva mai visto niente del genere prima d’allora. Tali malattie avevano tutte le caratteristiche delle malattie contro le quali le persone erano state vaccinate, la febbre alta, i brividi, il dolore, i crampi, la diarrea, etc. della febbre tifoidea, la congestione alla gola ed ai polmoni simile a quella della polmonite e tipica della difterite, il vomito, il mal di testa, la debolezza e il tormento dell’epatite causata dai vaccini contro la febbre della giungla, e la manifestazione di piaghe sulla pelle causata dai vaccini per  il vaiolo, insieme alla paralisi causata dall’insieme dei vaccini, etc. I medici furono sconcertati, e dissero che non conoscevano la causa di questa strana e mortale malattia, e che certamente non avevano alcuna cura.
Avrebbero dovuto sapere che la causa nascosta furono le vaccinazioni, perché la stessa cosa successe ai soldati dopo avere ricevuto le iniezioni vaccinali nelle caserme. I vaccini per la febbre tifoidea causarono una forma ancora peggiore della stessa malattia, che chiamarono para-tifoide.
Quindi cercarono di sopprimere i sintomi di questa malattia con un vaccino più forte, che causò a sua volta una malattia ancora più perniciosa, che uccise e rese disabili una gran quantità di uomini.
 La combinazione di tutti quei vaccini tossici che fermentavano assieme nel corpo, causò tali violente reazioni che i medici non riuscirono ad affrontare quella situazione. Il disastro si diffuse rapidamente negli accampamenti. Alcuni ospedali militari furono riempiti esclusivamente di soldati paralizzati, e furono considerati infortuni di guerra, anche se avvenuti prima che abbandonassero il suolo Americano.

Ho parlato con alcuni dei sopravvissuti a questo massacro vaccinale quando ritornarono a casa dagli accampamenti dopo la guerra, ed essi mi raccontarono degli orrori, non della guerra in sé stessa e delle battaglie, ma delle malattie diffuse negli accampamenti.
I medici non volevano che la diffusione di questa malattia causata dai vaccini si ritorcesse contro di loro, e così di misero d’accordo tra di loro per chiamarla Influenza Spagnola. La Spagna era un luogo molto lontano, ed alcuni dei soldati erano stati lì, così l’idea di denominarla Influenza Spagnola sembrò un’ottima scelta per incolpare qualcun altro.
 Gli Spagnoli si risentirono del fatto questo flagello mondiale aveva preso la denominazione da loro. Essi sapevano che la malattia non aveva avuto origine nel loro paese. Venti milioni di persone morirono in tutto il mondo di quell’epidemia influenzale e sembrò toccare tutti i paesi che furono raggiunti dalla vaccinazione.
 La Grecia e poche altre nazioni, che non accettarono il vaccino, furono le uniche a non essere colpite dall’influenza.
Questo non dimostra forse qualcosa ? A casa (negli U.S.A.) la situazione era la stessa; gli unici che sfuggirono all’influenza furono quelli che rifiutarono le vaccinazioni.
La mia famiglia ed io fummo tra i pochi che persistettero nel rifiutare le forti pressioni della propaganda, e nessuno di noi ebbe l’influenza, nemmeno uno po’ di raffreddore, a dispetto del fatto che i malati erano tutto intorno a noi, e nel mezzo del periodo più freddo dell’inverno. Tutti sembravano averla presa.
L’intera città era prostrata, tutti malati o morenti. Gli ospedali erano chiusi perché i dottori e gli infermieri erano stati colpiti dall’influenza. Tutto era chiuso, le scuole, gli uffici, le poste, tutto insomma, Nessuno andava per strada.
Era come una città fantasma. Non c’erano medici per prendersi cura degli ammalati, e così i miei genitori andarono di casa in casa facendo il possibile per aiutare le persone colpite dalla malattia. Passarono tutto il giorno e parte della notte per alcune settimane al capezzale dei malati, e tornavano a casa solo per mangiare e per dormire.
Se i germi o i virus o i batteri, o qualsiasi altro piccolo organismo fosse stato la causa di quella malattia, essi avrebbero avuto moltissime opportunità di attaccarsi ai miei genitori e colpirli con la malattia che aveva prostrato il mondo intero.
Ma i germi non erano la causa di quella o di qualche altra malattia, e così non ne furono colpiti. Ho parlato con poche altre persone dopo di allora, che dicevano di essere sopravvissute all’influenza del 1918, e così ho chiesto loro se si erano vaccinate, e tutte quante mi hanno riferito di non avere mai creduto nella validità dei vaccini e che non ne avevano fatto nemmeno uno.
Il buon senso ci mostra che tutti quei vaccini tossici iniettati insieme nelle persone non potevano fare a meno di causare un pesante avvelenamento dei corpi, e l’avvelenamento di un qualche tipo é usualmente la causa della malattia.
L’influenza del 1918 fu la più devastante che abbiamo mai affrontato, e nel tentativo di debellarla furono usate tutte le sostanze conosciute nell’armamentario medico; ma l’aggiunta di questi farmaci, ognuno dei quali rappresenta un veleno, non fece altro che intensificare la condizione di iper - avvelenamento dei malati, in maniera tale che il trattamento della malattia uccise in realtà più di quanto non fece l’influenza stessa.
Tratto da: I. Honorof, E. McBean, Vaccination The Silent Killer (ovvero Vaccinazione il killer silenzioso) pag. 28
http://spktruth2power.wordpress.com/2009/07/11/the-1918-influenza-epidemic-was-a-vaccine-caused-disease/   

Per chi è a favore delle vaccinazioni, si consiglia questo bel scritto, questa lettera concisa e convincente scritta dal medico neurologo dott. Russell Blaylock di fama mondiale, saprà smantellare tutti gli argomenti utilizzati a sostegno di questa disumana pratica barbarica. -  Dicembre 2009
Ho avuto il privilegio di incontrare il dottor Blaylock nel corso di una conferenza pochi anni fa.
Lui è molto intelligente, un pensiero chiaro, logico medico che non ha paura degli effetti negativi sulla sua carriera nell’affermare la verità sulle atrocità delle vaccinazioni. Ascoltare un medico come il dottor Blaylock che non ha alcun interesse finanziario o di altro tipo su questo argomento, solo per parlare della verità per amore dell’obbiettività è infinitamente più prezioso che ascoltare medici e altri "esperti" che lo fanno per interesse.
By Sarah, TheHealthyHomeEconomist.com

VACCINI: PERTOSSE, con quello  ACELLULARE (DTPa) si DIFFONDE l’INFEZIONE – Nov 2013
Still contagious. The current whooping cough vaccine may allow people to spread the disease even if they don't get sick, a new animal study suggests […] “There's a difference between protecting individuals from illness and bringing down the incidence of pertussis in the population,” Merkel says. “To do both we may need a different vaccine.”
TRADUZIONE
Ancora contagiosa. Un nuovo studio sugli animali suggerisce che l’attuale vaccino contro la pertosse può permettere alle persone di diffondere la malattia, anche se non si ammalano […] "C'è differenza tra proteggere gli individui dalla malattia e abbattere l'incidenza della pertosse nella popolazione", dice Merkel "Per fare entrambe le cose potremmo aver bisogno di un vaccino diverso."

FONTE: Science 25 Novembre, 2013
http://news.sciencemag.org/health/2013/11/whooping-cough-vaccine-does-not-stop-spread-disease-lab-animals

Tod J. Merkel ricercatore presso l'Ufficio ricerca vaccini e revisioni della FDA, è l' autore principale di uno studio condotto dalla stessa FDA e pubblicato in PNAS dal titolo: “Acellular pertussis vaccines protect against disease but fail to prevent infection and transmission in a nonhuman primate model” http://www.pnas.org/content/111/2/787.full.pdf )
Lo studio ha evidenziato come i babbuini vaccinati fossero protetti da sintomi severi associati alla pertosse ma non dalla colonizzazione del batterio, non si liberassero dell’infezione prima degli animali “naive” (ndt: non da esperimento), e trasmettessero facilmente la Bordetella pertussis ai loro contatti non vaccinati.
I ricercatori hanno argomentato che questo era dovuto alle differenze tra l’ immunità conferita dalla infezione contratta naturalmente e quella conferita dal vaccino. L’infezione naturale conferisce una robusta immunità cellulo-mediata (cioè mediata da cellule: i linfociti) che la vaccinazione in realtà previene favorendo l’immunità umorale (cioè mediata da anticorpi), che significa che il vaccino stimola la produzione di anticorpi ma non la memoria di cui le cellule hanno bisogno per una immunità robusta e di lunga durata.
“When you’re newly vaccinated you are an asymptomatic carrier, which is good for you, but not for the population” ovvero “quando sei stato da poco vaccinato, sei un portatore asintomatico, cosa che va bene per te ma non per il resto della popolazione” - By Tod J. Merkel
http://www.nytimes.com/2013/11/26/health/study-finds-vaccinated-baboons-can-still-carry-whooping-cough.html?_r=0

Commento NdR: Questo è esattamente l’opposto di quanto viene solitamente detto ai genitori riguardo la necessità di vaccinarsi, perché il “gregge” ha bisogno di essere vaccinato per proteggere coloro che non possono essere vaccinati (neonati, immunodepressi, ecc.)
Infatti la BALLA spaziale dell’effetto gregge (protezione del gregge = le pecore) NON esiste !
 

Un'altro studio recente della FDA, afferma che negli US:
"Ci sono stati 48.000 casi denunciati lo scorso anno 2014, nonostante gli alti tassi di vaccinazione", ha detto Anthony Fauci, MD, direttore del National Institute of Allergy e Malattie infettive del NIH. "Questa rinascita suggerisce la necessità di ricerche sulle cause che stanno dietro l'aumento di infezioni e modi più efficaci per prevenire la diffusione della malattia."
"
Questa ricerca suggerisce che, anche se gli individui immunizzati con un vaccino acellulare possono essere protetti dalle malattie, essi possono ancora essere infettati con i batteri e sono in grado di diffondere l'infezione ad altri, inclusi i bambini piccoli che sono suscettibili di malattia pertosse".
In parole povere: i vaccinati NON sono protetti dal vaccino e possono anche infettare altri soggetti.....
Tratto da: http://www.fda.gov/NewsEvents/Newsroom/PressAnnouncements/ucm376937.htm
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20200027

Il passaggio a un vaccino per la pertosse creato artificialmente, in laboratorio, con le tecniche di ingegneria genetica, è responsabile dell’aumento dei casi di mortalità verificatisi per la malattia negli Stati Uniti.
E’ quanto suggerisce e dimostra un nuovo studio a firma della Monash University, la più grande Università australiana, con campus localizzati in Malesia, Sud Africa, India e Italia.
I risultati sottolineano la necessità di condurre una ricerca simile in Australia e nel Regno Unito, sotto la supervisione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, dove i casi di pertosse sono entrati in una pericolosa spirale verso l’alto negli ultimi dieci anni, come afferma il Dr. Manoj Gambhir, Professore Associato presso la sede australiana della Monash University.


vedi: Pertosse e Cure naturali + Pertosse +  Pertosse 2 + Polio e Vaccini + Come nasce l'Unica malattia del Vivente + I germi non solo causa di malattia + Effetto Gregge Pertosse 2 + Trivalente - 2 +  Interrogazione Parlamentare + Morti per vaccino + Penta Vaccini, i loro pericoli + Meccanismo dei danni dei vaccini

UK (Gran Bretagna)
Negli anni 1950 (mese di aprile), l'Associazione Medicale Britannica, ha sospeso e proibito il vaccino per la difteritepertosse a seguito di numerosi casi di poliomielite (paralisi infantile) constatati sui bambini vaccinati da quel vaccino.
Tratto da: I ciarlatani della medicina, a pag. 170.


VACCINI: PERTOSSE, con quello  ACELLULARE (DTPa) si DIFFONDE l’INFEZIONE – Nov 2013
Still contagious. The current whooping cough vaccine may allow people to spread the disease even if they don't get sick, a new animal study suggests […] “There's a difference between protecting individuals from illness and bringing down the incidence of pertussis in the population,” Merkel says. “To do both we may need a different vaccine.”
TRADUZIONE
Ancora contagiosa. Un nuovo studio sugli animali suggerisce che l’attuale vaccino contro la pertosse può permettere alle persone di diffondere la malattia, anche se non si ammalano […] "C'è differenza tra proteggere gli individui dalla malattia e abbattere l'incidenza della pertosse nella popolazione", dice Merkel "Per fare entrambe le cose potremmo aver bisogno di un vaccino diverso."

FONTE: Science 25 Novembre, 2013
http://news.sciencemag.org/health/2013/11/whooping-cough-vaccine-does-not-stop-spread-disease-lab-animals

Tod J. Merkel ricercatore presso l'Ufficio ricerca vaccini e revisioni della FDA, è l' autore principale di uno studio condotto dalla stessa FDA e pubblicato in PNAS dal titolo: “Acellular pertussis vaccines protect against disease but fail to prevent infection and transmission in a nonhuman primate model” http://www.pnas.org/content/111/2/787.full.pdf )
Lo studio ha evidenziato come i babbuini vaccinati fossero protetti da sintomi severi associati alla pertosse ma non dalla colonizzazione del batterio, non si liberassero dell’infezione prima degli animali “naive” (ndt: non da esperimento), e trasmettessero facilmente la Bordetella pertussis ai loro contatti non vaccinati.
I ricercatori hanno argomentato che questo era dovuto alle differenze tra l’ immunità conferita dalla infezione contratta naturalmente e quella conferita dal vaccino. L’infezione naturale conferisce una robusta immunità cellulo-mediata (cioè mediata da cellule: i linfociti) che la vaccinazione in realtà previene favorendo l’immunità umorale (cioè mediata da anticorpi), che significa che il vaccino stimola la produzione di anticorpi ma non la memoria di cui le cellule hanno bisogno per una immunità robusta e di lunga durata.
“When you’re newly vaccinated you are an asymptomatic carrier, which is good for you, but not for the population” ovvero “quando sei stato da poco vaccinato, sei un portatore asintomatico, cosa che va bene per te ma non per il resto della popolazione” - By Tod J. Merkel
http://www.nytimes.com/2013/11/26/health/study-finds-vaccinated-baboons-can-still-carry-whooping-cough.html?_r=0

Commento NdR: Questo è esattamente l’opposto di quanto viene solitamente detto ai genitori riguardo la necessità di vaccinarsi, perché il “gregge” ha bisogno di essere vaccinato per proteggere coloro che non possono essere vaccinati (neonati, immunodepressi, ecc.)
Infatti la BALLA spaziale dell’effetto gregge (protezione del gregge = le pecore) NON esiste !

Quindi secondo le fonti ufficiali i soggetti, bambini, ragazzi, adulti, vaccinati con il vaccino per la Pertosse, Varicella o con il Morbillo, ecc., possono facilmente "infettare" gli altri,... purtroppo questa possibilita' e' valida anche per tutti gli altri soggetti vaccinati di QUALSIASI VACCINO  !

Nel 2014, un innovativo studio pubblicato sulla rivista Clinical Infectious Diseases
, tra gli autori del quale ci sono scienziati che lavorano per Bureau of Immunization, New York City Department of Health and Mental Hygiene e National Center for Immunization and Respiratory Diseases, Centers for Disease Control and Prevention (CDC),  ha preso in esame le prove che, nel  focolaio di morbillo scoppiato a New York nel 2011, sia gli  individui precedentemente vaccinati che quelli con "immunità" da vaccino, erano in grado di essere infettati con il morbillo e di infettare altri (trasmissione secondaria).
Questa scoperta ha suscitato anche l’attenzione dei media, come l’articolo apparso su Sciencemag.org nell’aprile 2014 intitolato:
“Per la prima volta una epidemia di morbillo è stata ricondotta ad un individuo completamente vaccinato“.
Questo studio rivoluzionario intitolato “Epidemia di morbillo tra persone "immunizzate" (vaccinate) in precedenza, New York City,  2011”, ha riconosciuto che, “il morbillo può manifestarsi anche in individui vaccinati, ma non è stata documentata la trasmissione secondaria da tali individui”.
Al fine di scoprire se individui completamente vaccinati per il morbillo siano capaci di essere infettati e di trasmettere l’infezione ad altri, gli studiosi hanno preso in esame i casi sospetti ed i contatti esposti durante l‘epidemia di morbillo del 2011 a New York. Si concentrarono su un paziente che aveva ricevuto due dosi di vaccino per il morbillo e fu scoperto che,
”su 88 contatti, quattro casi secondari avevano ricevuto due dosi di vaccino anti- morbillo o avevano una precedente positività di anticorpi IgG per il morbillo . Tutti i casi sono stati confermati in laboratorio, i sintomi clinici erano coerenti con il morbillo e presentavano un’alta presenza di anticorpi IgG caratteristica di una risposta immunitaria secondaria.”

La loro importante conclusione fu la seguente:
 ”Questa è la prima segnalazione di trasmissione del morbillo da un individuo vaccinato due volte. La manifestazione clinica e i dati di laboratorio erano tipici del morbillo in un individuo mai esposto al virus.
Casi secondari avevano risposte anticorpali anamnestiche robuste. Nessun caso terziario si è verificato nonostante i numerosi contatti. Questo focolaio sottolinea la necessità di una approfondita indagine epidemiologica e di laboratorio dei casi sospetti di morbillo a prescindere dallo status vaccinale“.
Ovviamente questo fenomeno: individuo completamente vaccinato che infetta altri individui completamente vaccinati, è stato ignorato dalle agenzie sanitarie e dai media.
Questi dati confermano la possibilità che, durante il focolaio di morbillo verificatosi a Disney, soggetti precedentemente vaccinati (chiunque facente parte del 18% che si sa essersi infettato-ammalato) possono essere stati infettati o anche aver contratto il morbillo dal vaccino e aver trasmesso il morbillo sia ai vaccinati che ai non vaccinati.
Fonte: http://www.greenmedinfo.com/blog/measles-transmitted-vaccinated-gov-researchers-confirm - a mezzo: comilva.org

Ecco altra bibliografia che dimostra questi fatti:
- http://www.hopkinsmedicine.org/kimmel_cancer_center/patient_information/Patient%20Guide%20Final.pdf
- http://www.stjude.org/stjude/v/index.jsp?vgnextoid=20206f9523e70110VgnVCM1000001e0215acRCRD
- Outbreak of Measles Among Persons With Prior Evidence of Immunity, New York City, 2011
http://cid.oxfordjournals.org/content/early/2014/02/27/cid.ciu105
- Detection of Measles Virus RNA in Urine Specimens from Vaccine Recipients 

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/7494055
- Comparison of the Safety, Vaccine Virus Shedding and Immunogenicity of Influenza Virus Vaccine, Trivalent, Types A and B, Live Cold-Adapted, Administered to Human Immunodeficiency Virus (HIV)-Infected and Non-HIV Infected Adults 
http://jid.oxfordjournals.org/content/181/2/725.full
- Sibling Transmission of Vaccine-Derived Rotavirus (RotaTeq) Associated with Rotavirus Gastroenteritis 
http://pediatrics.aappublications.org/content/125/2/e438

- Polio vaccination may continue after wild virus fades 
http://www.cidrap.umn.edu/news-perspective/2008/10/polio-vaccination-may-continue-after-wild-virus-fades
- Engineering attenuated virus vaccines by controlling replication fidelity 
http://www.nature.com/nm/journal/v14/n2/abs/nm1726.html
- CASE of VACCINE-ASSOCIATED MEASLES FIVE WEEKS POST-IMMUNISATION, BRITISH COLUMBIA, CANADA, October 2013 

http://www.eurosurveillance.org/ViewArticle.aspx?ArticleId=20649
- The Safety Profile of Varicella Vaccine: A 10-Year Review

http://jid.oxfordjournals.org/content/197/Supplement_2/S165.full
- Comparison of Shedding Characteristics of Seasonal Influenza Virus (Sub)Types and Influenza A(H1N1)pdm09; Germany, 2007 - 2011 
http://journals.plos.org/plosone/article?id=10.1371/journal.pone.0051653
- Epigenetics of Host-Pathogen Interactions: The Road Ahead and the Road Behind 

http://journals.plos.org/plospathogens/article?id=10.1371/journal.ppat.1003007
- Animal Models for Influenza Virus Pathogenesis and Transmission
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3063653/
- Acellular pertussis vaccines protect against disease but fail to prevent infection and transmission in a nonhuman primate mode 

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24277828
- Study Finds Parents Can Pass Whooping Cough to Babies
http://www.nytimes.com/2007/04/03/health/03coug.html?_r=0

- Immunized People Getting Whooping Cough
 http://www.kpbs.org/news/2014/jun/12/immunized-people-getting-whooping-cough/
 

Ecco la realta' dei Fatti:
Thiomersal (mercurio) nei vaccini per l'influenza (vedi cosa e' l'Influenza)

Danni dei Vaccini per l’Influenza - 2013
La storia di questo anziano sessantenne in buona salute, caduto in coma vegetativo subito dopo la vaccinazione anti-influenzale è veramente una delle più tristi pagine della medicina contemporanea.
Nonostante infatti la sua condizione sia stata riconosciuta, la stato (ovvero il ministero della salute) non intende risarcirlo con la (poco credibile) scusa che quel vaccino non era obbligatorio.!!!


Vaccini obbligatori o no, tutti quanti sono da sempre sbandierati come utili e sicuri anche e non solo dal Ministero della salute, ma esiste una sentenza ben precisa (ignorata da tutti…) che mostra come tali distinzioni fra vaccini obbligatori e non, NON possono sussistere - vedi: Sentenza Corte Costituzionale
Le famiglie dei danneggiati da vaccino dal canto loro sottolineano “lo stato di abbandono in cui sono  state lasciate dalle cosiddette “istituzioni che dovrebbero tutelare”, infatti “tutelano” ma solo i fatturati di Big Pharma….". + Corruzione per i Vaccini

Italy - In Coma dopo il vaccino per l'Influenza - La notizia, si trova confermata su diversi giornali online di Nov. 2013:
http://www.ilsecoloxix.it/p/genova/2013/11/15/AQzvwLy-vaccino_spese_famiglia.shtml
http://www.genovatoday.it/cronaca/renzo-massa-coma-vaccino-influenza.html
http://www.newsit24.com/notizie/in-coma-dopo-vaccino-influenza-famiglia-si-deve-pagare-anche-spese-mediche/correlate
Renzo Massa, oggi ha sessant'anni. Di professione faceva l'idraulico. Da due anni non comunica, non si alimenta, non articola linguaggio, non riconosce le persone. E' bloccato a letto, al massimo si muove su una sedia a rotelle con l'aiuto degli assistenti. Vive, o forse è più appropriato scrivere sopravvive, in una struttura residenziale del levante di Genova senza essersi mai ripreso da quando il proprio figlio lo portò in ospedale pochi giorni dopo essersi vaccinato ed aver accusato i primi malesseri.

Mercurio = Thiomersal nei vaccini per l'influenza
 

Vaccino antinfluenzale Fluzone: 23 anziani muoiono durante la sperimentazione - 09/10/2013
Come ogni anno, la campagna mediatica per la vaccinazione antinfluenzale batte la sua grancassa.
Anche quest’anno la campagna vaccinale sarà però ricordata per l’ulteriore perdita di credibilità proposta da chi sostiene la vaccinazione come strumento unico di prevenzione.
Assumereste mai un qualunque farmaco che nella sezione dedicata alle reazioni avverse riporta il decesso ?
Il foglietto illustrativo del vaccino FLUZONE, vaccino antinfluenzale proposto agli anziani, e prodotto da Sanofi Pasteur, la quale afferma che:
Il Fluzone, vaccino contro l'influenza sviluppato da Sanofi, ha mostrato segnali positivi nella protezione degli anziani oltre i 65 anni. Lo ha comunicato la società farmaceutica; ....e tutti gli "enti a tutela" se la bevono....
....il Bugiardino pero' rivela che nel corso dei successivi 6 mesi alla vaccinazione:
1 - nella prima versione LE6390 – 6391 – 6392  (pagina 10 di 24) 7 persone sono decedute durante la sperimentazione clinica;
2 - nella revisione del 25 aprile 2013 LE6393 (pag. 6 di 19) il numero sale a 23 persone decedute durante la sperimentazione clinica

I foglietti illustrativi per i vaccini antinfluenzali mostrano una moltitudine di effetti collaterali (come tutti gli altri vaccini), tra cui il decesso (sempre banalizzato dal produttore a favore di esigenze commerciali), eppure sono commercializzati come farmaci da banco, senza obbligo di prescrizione medica (per far varare in Italia l'obbligo alla vaccinazione per l'epatite, il ministro della salute si e' preso una tangente ....). Perché ?
In un’epoca in cui le informazioni possono essere conosciute e date in tempo reale, i Ministeri per la Salute potrebbero fornire dati aggiornati quotidianamente per confrontare i dati sulla virulenza effettiva dei virus influenzali responsabili della infezione 2013.
Ma non lo fanno perche' i dirigenti dei vari enti, ministero compreso, o non sono istruiti e competenti sul tema vaccini oppure sono molto vicini alle imprese farmaceutiche, infatti essi non forniscono i loro Conflitti di interesse, malgrado l'obbligo imposto dalla legge sulla "trasparenza"....vedi:
Legge 7 agosto 1990, n. 241 (in GU 18 agosto 1990 n. 192): "Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi"

Come è avvenuto negli anni scorsi con le varie "pandemie" e specialmente nel 2009 per l’influenza suina, la truffaldina pandemia H1N1 che ad arte è stata montata sul piano mediatico, e divulgata a livello planetario, per scopi diversi da quelli scientifici, le comunicazioni giornalistiche sono spesso orientate al sensazionalismo piuttosto che alla concretezza, soprattutto in materia di Vaccini.
I dati ufficiali sulla capacità di guarigione presente in tutti gli individui normali non vengono facilmente divulgati e si cerca spesso di dare valore solo alle notizie che, generando paura, provocheranno risposte irrazionali nei cittadini i quali chiederanno di vaccinarsi e cosi i fatturati di Big Pharma aumentano sempre a discapito della salute della popolazione.
Si tratta di una situazione grave, in cui viene perso di vista l’obiettivo primario della salute, e chi tace i possibili danni da vaccinazione ha la coscienza sporca !
Tratto in parte da: autismovaccini.org

Corruzione del Governo svedese tramite un dirigente della farmaceutica per autorizzare un vaccino  della suina-maiala-H1N1-A !
Video: https://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=61BkDx5Gh9w#t=0 

vedi anche: Vitamina D previene influenza + Catarro, tosse, raffreddore + Influenza come curarla + Vaccini inefficaci, anzi tossici


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Uno studio scientifico mostra che il vaccino quadrivalente per il papilloma virus può causare vasculopatia autoimmuni fatali (ovvero mortali).
Lo studio realizzato dai due medici canadesi Lucija Tomljenovic e Cristopher A. Shaw si intitola "Morte dopo il vaccino contro il papilloma virus, c'è una relazione causale o è una coincidenza ? " e si può leggere (in inglese) al seguente link
http://sanevax.org/wp-content/uploads/2012/10/Tomljenovic-Shaw-Gardasil-Causal-Coincidental-2167-7689-S12-001.pdf.
Le conclusioni dell'articolo non sono per niente ambigue: il vaccino in questione può innescare una reazione autoimmune che può essere talora mortale.
Le conclusioni sono motivate dal fatto che molte delle reazioni avverse a tale vaccino finora registrate corrispondono a sintomi di vasculopatia cerebrale.
Studi come questo ovviamente mettono in un angolo tutti i ministeri della sanità che negano continuamente ogni correlazione tra le morti ed i vaccini.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Australia:  Sospesa vaccinazione dei bambini sotto i 5 anni a seguito di convulsioni e coma - 08 Feb. 2013
Tutti i vaccini per l’influenza stagionale per i bambini sotto i cinque anni sono stati sospesi, dopo che 23 bambini in Western Australia sono stati ricoverati in ospedale con convulsioni dopo le iniezioni.
Alcuni dei bambini vaccinati e poi ricoverati nell’ospedale di Perth,  di età compresa tra 1 e 2 anni, rimangono ricoverati a tutt’oggi, in sala rianimazione dove sono in coma.
“Non poteva piangere – la sua testa pendeva nel seggiolino e non poteva muoversi. Ero pietrificata – è stata una delle esperienze peggiori della mia vita.” Cosi racconta una delle tante mamme di bambini che dopo aver effettuato la vaccinazione contro l’influenza, sono stati ricoverati in condizioni gravi in alcuni ospedali del paese.
Il Commonwealth chief officer, l’ufficio del Ministero della Sanità, il professor Jim Bishop ha annunciato ieri la sospensione delle vaccinazioni, mentre le autorità sanitarie e giudiziarie hanno provveduto a ritirare i vaccini urgentemente  e rivedere i dati provenienti da tutto il paese, circa le risposte dopo le vaccinazioni sui bambini di età compresa tra 1 e 5 anni.
Il capo della sanità pubblica ufficiale Tarun Weeramanthri ha difeso il tempo di risposta per la chiusura del programma di vaccinazione contro l’influenza, dopo che erano state effettuate rilevazioni riguardo i bambini che dopo appunto la puntura di vaccino,  avevano cominciato ad avere effetti da convulsioni e poi il coma, circa due settimane fa !
Fonte: hangthebankers.com

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

La TOSSICITA' delle Vaccinazione e' sempre minimizzata.... 
Nessuno studio epidemiologico serio e' mai stato effettuato in Francia, quindi le encefaliti, sindrome di Guillain Barré, le polmoniti gravi, le morti a breve termine , i cancri polmonari, appaiono al seguito dei vaccini, come rendono noto le case di riposo degli anziani, ma sono ben ignorati.....ed occultati....cosi come le bronchiti, l'asma ed il diabete, gli shock anafilattici, per la rianimazione il che presupporrebbe la presenza delle sostanze necessarie  nell'ambulatorio vaccinale...che mancano spesso...le interferenze fra vaccinazione per l'influenza (e non solo) e Aids sono anch'esse occultate ! ecc.

Pubblication: (Francais)
Aucune étude épidémiologique sérieuse n'étant menée en France, les encéphalites, les syndromes de Guillain Barré, les pneumonies gravissimes, les décès à court terme et même les cancers pulmonaires apparaissant dans les suites du vaccin, notamment dans les maisons de retraite (notamment les 9 décès à Sevran en janvier 2004), sont bien entendu ignorés et occultés tout comme l'exacerbation des attein­tes bronchiques, de l'asthme et du diabète, ainsi que le risque potentiel de transmission de l'ESB ou le risque de choc anaphylactique qui suppose du matériel de réanimation à disposition lors de l'injection.

Quid, de la sélection de virus plus « virulents » et agressifs, par le jeu du constant phénomène de commutation, pouvant ultérieurement faciliter l'explosion de nouvelles maladies émergentes tels le Sras ou la grippe aviaire pour laquelle les résistances aux anti-viraux ne cessent de se développer.

Bien entendu, les interférences entre le virus vaccinal de la grippe et le résultat des tests du sida sont occultés. Pourtant le New England Journal of Medecine du 9 mai 1996 avait déclaré que « la réplication du VIH est augmentée après administration du vaccin grippal à des patients infectés par le VIH.
De plus, la vaccination semble augmenter la susceptibilité à l'infection in vitro des lymphocytes des personnes non infectées », voire leur susceptibilité à d'autres infections.

En dehors de la notion de sida, le fabricant du vaccin Influvac reconnaît également ce risque sous forme de « réponses faussement positives aux épreuves sérologiques utilisant la méthode Elisa pour détecter les anticorps contre HIV1, hépatite C, et surtout HTLV1. Infirmées par le Western Blot, ces réactions transitoires (!) faussement positives seraient dues à la réponse IgM induite par la vaccination ». 
Y aurait-il donc des perturbations immunitaires - après le vaccin contre la grippe ? 
Quant à la nature de ces perturbations et leurs conséquences éventuelles, le silence est de rigueur devant les intérêts économiques en jeu...

TF1 annonçait 2.500 décès chaque année en France par la grippe, tandis qu'Antenne 2 espérait une réduction de la mortalité annuelle de 7.500 personnes avec la vaccination !

Per quanto concerne il vaccino per l'influenza, sul sito del Ministero della salute, si rilevano questi particolari:
Controindicazioni
Il vaccino antinfluenzale non dovrebbe essere somministrato a: (riportiamo solo la parte più interesssante)
- soggetti che hanno sviluppato severe reazioni a vaccino antinfluenzale nel passato
- soggetti che hanno manifestati
Sindrome di Guillain-Barre entro 6 settimane dalla somministrazione di vaccino antinfluenzale.
http://www.ministerosalute.it/dettaglio/pdPrimoPiano.jsp?id=262&sub=5

Quindi il Ministero conferma che il vaccino antinfluenzale può provocare la sindrome di Guillain Barrè, vediamo cos'è: e' una di queste cosiddette malattie rare: colpisce poche persone nel mondo, circa 150 per milione, ed e' pressoche' incurabile (...), si annuncia in modo subdolo e puo' mettere in pericolo di vita chiunque, senza distinzioni di eta', sesso, razza (...), Presenta un esordio rapido, che puo' evolvere a paralisi totale (tetraparesi) e insufficienza cardio-respiratoria nell'arco di pochi giorni (...). colpisce senza una vera causa (essendo spesso preceduta da infezioni o vaccinazioni che sono considerati fattori "scatenanti", (...) e' una neuropatia immuno-mediata.
Il sistema immunitario, il cui compito principale e' di proteggere l'organismo contro gli agenti infettivi esterni, in questo caso, e per ragioni sconosciute, attacca parti dell'organismo causando l'insorgenza di malattie autoimmuni. Qui ad essere "attaccati" sono i nervi periferici (...)
http://www.benessere.com/salute/disturbi/gbs.htm

Continua QUI: Influenza + Influenza danni - 2 + Cure naturali per l'Influenza

Pag. 6  -  Pag. 7  -  Pag. 8  -  Pag. 9  -  Pag. 10  -  Pag 11  -  Pag. 12  -  Pag. 13  - Pag 14  - Pag 15  -
Pag. 16  -  Pag. 17  -  Pag. 18  -  Pag.19  -  Pag. 20  -  Pag. 21
vedi anche Dati ISTAT sui Vaccini