Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT


 


CORRUZIONE,
BUGIE delle ASL, degli Enti vaccinatori e TRUFFE  allo stato per i VACCINI,
OBBLIGHI e LIBERTA' di SCELTA 
(BALLE e REALTA' )
 

Continua da: Corruzione - 1

ll CDC ha ammesso che tra 1955-1963 più di 98 milioni di americani hanno ricevuto una o più dosi di un vaccino per la poliomielite che è stato contaminato da un virus per il cancro chiamato virus Simian 40 (SV40).
http://www.vaccines.news/2015-09-23-cdc-admits-98-million-americans-were-given-cancer-virus-via-the-polio-shot.html


Il CDC ha messo l'articolo nel suo sito in basso nella pagina, insieme a Google, ma poi lo ha rapidamente tolto, ma il sito è stato memorizzato nella cache, che per fortuna e' stato salvato per simboleggiare questa grande ammissione ed oscuramento.
Ad ulteriore conferma questa ammissione incredibile, assistente professore di patologia alla Loyola University di Chicago Dr. Michele Carbone è stata in grado di verificare autonomamente la presenza del virus SV40 in campioni di tessuto e tessuto osseo delle pazienti che sono morti durante quel periodo. Ha scoperto che il 33% dei campioni con tumori ossei osteosarcoma, il 40% di altri tumori ossei, e il 60% dei tumori polmonari del mesotelioma tutto conteneva questo oscuro virus. Questo lascia la postulazione che verso l'alto di 10-30.000.000 effettivamente contratta e sono stati influenzati negativamente da questo virus, per essere mortale accurate.

 

MOLTI VACCINI sono IRRADIATI con COBALTO 60 (isotopo radioattivo del metallo Cobalto) e la perdita della Radioattivita' di cio' che e' stato irradiato si esaurisce fra i 5 ed i 7 anni....dall'irradiazione...
Il Cobalto 60 è un isotopo radioattivo e instabile del cobalto che decadendo emette radiazioni ionizzanti. I raggi gamma prodotti dalla sorgente di Co-60 penetrano il materiale e deviano gli elettroni dalla loro orbita. Per le applicazioni a scopo di sterilizzazione (come viene fatto per i vaccini), questo fenomeno ha un effetto disgregante sul DNA 
vedi: la prova dell'iradiazione, nello studio nel PDF

La Corruzione è ovunque
(Italy) - 15/03/2016
Nella relazione dell’Anac (Autorità Nazionale Anticorruzione) depositata il 10 marzo il suo presidente, Raffaele Cantone, scrive di una sistematica e diffusa violazione delle norme e di un ricorso generalizzato e indiscriminato a procedure prive di evidenza pubblica, con il conseguente incremento di possibili fenomeni distorsivi che agevolano il radicarsi di prassi corruttive.
L’indagine ha rivelato un sistema corruttivo endemico e ampiamente diffuso in tutti i gangli vitali dello Stato centrale e periferico.
Sul fatto che la corruzione sia ovunque non c’è dubbio. L’unico punto in cui non sono d’accordo è che sembra sia limitata a Roma.
La corruzione in Italia è ovunque
Il problema infatti non sono tanto i fenomeni “acuti” come il caso “Mafia Capitale”, ma il fatto che la corruzione si è trasformata da fenomeno ordinario a sistema consolidato sostituendosi alle normali procedure, per cui è la “non corruzione” ad essere diventata un fenomeno eccezionale.
Ricordiamoci che Tangentopoli ha cominciato a perdere popolarità quando ha cominciato ad indagare anche tra la gente comune.
Il problema è fondamentalmente culturale. Ecco perché noi, con la Scuola di Legalità “don Peppe Diana”, invece di invocare per i corrotti giudizi universali e ghigliottine, che poi in concreto si traducono in un nulla di fatto, proviamo a instillare il concetto di onestà nelle scuole di ogni ordine e grado spiegando il semplice pensiero che essere corrotti e/o far finta di non vedere la corruzione e non denunciare, porta il caos per la comunità, e ad un disastro nel lungo termine che coinvolgerà soprattutto i giovani e il loro futuro.
C’è tanto da fare e se ai proclami non seguiranno i fatti tra un anno purtroppo scriveremo le stesse cose.
By Vincenzo Musacchio  - Tratto da:  wallstreetitalia.com

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

La CORRUZIONE ed il MITO dei FARMACI SICURI ed EFFICACI, per l'INTEGRITA' ISTITUZIONALE:
La LINEA su CUI si BASA la CORRUZIONE.
Se la "corruzione" è definita come un danno dell'integrità o del principio morale, la corruzione istituzionale è la deviazione di un'istituzione da una previsione di integrità. Nel caso del congresso US, l'integrità richiede che i rappresentanti democraticamente eletti devono dedicarsi esclusivamente ai migliori interessi del popolo che rappresentano.
Secondo i saggi seminali sulla corruzione istituzionale, da Dennis Thompson e Larry Lessig, [2]
Questa linea di base di integrità è danneggiata perché le elezioni non sono più finanziate pubblicamente.
Di conseguenza, i rappresentanti del Congresso devono costantemente raccogliere fondi da una minuscola parte percentuale della popolazione e rispondere alle loro priorità.
Questa corruzione di dipendenza crea "un'influenza sull'economia", anche se gli attori individuali sono forse bene intenzionati. [3] esempi di Lessig ritraggono come la segretezza e la razionalizzazione mascherino distorsioni nel processo democratico e nella sua missione.

Il concetto di corruzione istituzionale mette in evidenza numerose distinzioni – tra ciò che è legale o illegale; tra la brava gente che fa cose cattive, non fra cattive persone che fanno cose buone; tra l'influenza ma non fra i soldi che influenzano le decisioni.
Queste sono le estremità di continuo e c'è una necessità di riconoscere tra i gradi di corruzione. [4] certi interessi particolari influenzano i membri del Congresso per rendere legale ciò che è stato prima illegale o altro gioco con altre regole, quindi la linea tra legale e illegale è sfuocata, perciò rende difficile determinare l'intento della legge. [5] come una democrazia elettorale corretta è dedicata ai sistemi pubblici di buoni intenti, come l'assistenza sanitaria si fonda sui principi morali di beneficenza, sul giuramento d'Ippocrate "primo, non nuocere", sul rispetto per l'autonomia e la giusta distribuzione delle scarse risorse. [6]
Basata su questi principi, la cura della salute dei lavoratori che sono tenuti ad utilizzare la migliore scienza medica per alleviare le loro sofferenze e i loro dolori, per curare le malattie e affrontare i rischi per la loro salute.
"La CORRUZIONE ISTITUZIONALE nell'ASSISTENZA SANITARIA, E' COSTITUITA da DEVIAZIONI di QUESTI BASILARI PRINCIPI."
Tratto da:
https://www.facebook.com/TheLibertyBeaconProject/photos/a.223219014477910.57895.222092971257181/735724949893978/?type=3

CORRUZIONE nella sanita': http://www.vacciniinforma.it/?p=3312

Un esempio di come gli "enti a tutela della salute", FALSIFICANO la verita' sui vaccini

Tratto da: https://fraser.stlouisfed.org/docs/publications/histstatus/hstat1970_cen_1975_v1.pdf

L'Istituto Superiore di Sanità (ISS) sul suo sito istituzionale, evidenzia un grafico che....inizia dal 1980 e non dal citato 1920...il solito trucco per prendere i dati che interessano....e falsificare la verità ! Come potete osservare la difterite era già in calo vertiginoso prima della introduzione del vaccino....
Ecco come si falsificano le verita' sui vaccini.....per i Conflitti di interesse (se non addirittura di Corruzione) dei dirigenti degli enti a tutela della salute...si ma di quella dei fatturati di Big Pharma.
vedi: Esposto presentato alla Procura della Repubblica nel Febb. 2015 contro i dirigenti degli "enti a tutela della salute"

IMPORTANTE:
PROPOSTA di LEGGE per  STUDIO negli  USA sullo STATO di SALUTE FRA BAMBINI VACCINATI e NON VACCINATI (di nessun vaccino)
Il DISEGNO di LEGGE n° 3069 a FIRMA della DEPUTATA MALONEY NON E' STATO APPROVATO per cui  E' RIMASTO sulla CARTA.... e NEPPURE DISCUSSO dal CONGRESSO....a dimostrazione che NON si vuole fare vere ricerche sui gravi DANNI dei VACCINI......Big Pharma ringrazia...

"Noi medici siamo plagiati, fin dall'inizio, dagli insegnamenti universitari che ci vengono propinati da un manipolo di "professori"
 che
hanno il solo interesse di lasciarci nell'ignoranza sulla vera origine delle malattie. Alcuni di noi, alla fine, raggiungono la consapevolezza e mettono in moto delle grosse energie che provocano reazioni positive nel Tutto."
 By  Dott.
Giuseppe De Pace (medico ortopedico ospedaliero)La Figura qui sotto, illustra la Corruzione nel mondo, ma per quanto riguarda BIG PHARMA (industria farmaceutiche) la Corruzione e' totale in tutti i paesi del mondo, perche' hanno immesso i LORO uomini nelle posizioni chiave dei Ministeri, Enti di controllo, Agenzie, ecc. !


La mafia dei Vaccini e' qui indicata
:
 


Parlamentari pagati dalle Lobbies ? - Roma Ott. 2013 
L'intervista a un assistente di un Senatore che svelerebbe i traffici illeciti tra parlamentari e Lobbies.
Video dell'intervista: 
http://www.video.mediaset.it/video/iene/puntata/390060/roma-parlamentari-pagati-dalle-lobbies.html

http://www.internationalpost.org/contents/Conflitti_d%E2%80%99interesse_e_corruzione_in_sanit%C3%A0_1494.html#.VHoBoDGG98F

40 soggetti dirigenti del Ministero della NON salute + ISS + Aifa sono stati indagati a luglio dalla Procura delle Repubblica del Lazio...per Conflitti di interesse, spese anomale..., falsi vaccini, e molto altro .......

Ecco una prova documentale della corruzione che le case farmaceutiche attuano regolarmente ed e' una forma minima....leggete con attenzione le ultime frasi....


RICERCA DEVIATA ai MEDICINALI che MANTENGONO la MALATTIA CRONICA.
INTERVISTA al PREMIO NOBEL per la  MEDICINA: RICHARD J. ROBERTS. - MEDITATE  e CONDIVIDETE !

Il vincitore del Premio Nobel per la Medicina, Richard J.Roberts, denuncia il modo in cui operano le grandi industrie farmaceutiche nel sistema capitalistico, anteponendo i benefici economici alla salute e rallentando lo sviluppo scientifico nella cura delle malattie perché guarire non è fruttuoso come la cronicità.


I personaggi che fanno le regole e le leggi sulle vaccinazioni sono spesso implicati nella
vendita dei vaccini.
Ad esempio, la dr Julie Gerberding, che è stata alla direzione del CDC per 8 anni, è oggi presidente della Merck Vaccini.
Il dr. Paul Offit, membro dell'Advisory Committee on Immunization Practice (ACIP), ha addirittura sviluppato e registrato all'ufficio brevetti il suo stesso vaccino.
 

Gli esperti di vaccini del CDC, hanno spesso conflitti di interesse - 18/03/2010
CDC e Conflitti di interesse - 1 + CDC e Conflitti di interesse - 2 + CDC e Conflitti di interesse - 3 + Corruzione + Danni dei Vaccini + Contro Immunizzazione

CDC conflitti di interesse anche per i vaccini + anche per la FDA
http://healthimpactnews.com/2014/cdcs-purchase-of-4-billion-of-vaccines-a-conflict-of-interest-in-overseeing-vaccine-safety/

US – Anche negli Stati Uniti, SPUNTANO le PROVE che un SENATORE HA RICEVUTO una TANGENTE, per FAR PASSARE le LEGGE che ha RESO OBBLIGATORIE le VACCINAZIONI !
http://www.naturalnews.com/050398_vaccine_legislation_Senator_Pan_political_corruption.html#ixzz3fvGLHlTr

Italy - Parlamentari pagati dalle Lobbies ? - Roma Ott. 2013 
L'intervista a un assistente di un Senatore che svelerebbe i traffici illeciti tra parlamentari e Lobbies.
Video dell'intervista: 
http://www.video.mediaset.it/video/iene/puntata/390060/roma-parlamentari-pagati-dalle-lobbies.html

Informatore dei CDC CONFESSA la FRODE e le FALSIFICAZIONI sugli studi della correlazione VACCINO=AUTISMO

 

Corruzione del Governo Svedese tramite un dirigente della farmaceutica per autorizzare un vaccino  della Influenza suina-maiala - H1N1 - A !
- Video: https://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=61BkDx5Gh9w#t=0 


Credo che ormai tutti sappiano che i vaccini e le campagne vaccinali nel mondo intero, non sono altro che un affare tra alcuni politici corrotti e/o indottrinati e le "famiglie" azionarie delle multinazionali farmaceutiche che formano le Lobbies - BIG PHARMA + Big Pharma 2 + Danni dei vaccini (English)

Ricerca medica sul collegamento fra Vaccini e malattie autoimmuni !
http://info.cmsri.org/the-driven-researcher-blog/first-medical-textbook-devoted-to-research-linking-vaccines-to-autoimmunity


CANADA
Il dott. Moulden medico canadese, ha fatto delle importanti ricerche sui danni neurologici dei vaccini:
http://healthimpactnews.com/2014/dr-andrew-moulden-every-vaccine-produces-harm/

Il Dott. Moulden ha anche messo a punto una nuova tecnologia in immagini per evidenziare i disturbi e i danni neurologici prodotti in seguito alle vaccinazioni di rutine, cioe' le varie ischemie da essi indotte nei tessuti nervosi e non.
Il dott. Moulden spiega che i vaccini provocano una iper-reattività del sistema immunitario nel corso del quale i leucociti si precipitano ad attaccare i prodotti estranei iniettati nel flusso sanguigno. Dato che questi ultimi sono troppo grandi per penetrare i piccoli capillari dove ci sono i prodotti estranei, i leucociti finiscono per ostruire, bloccare e deteriorare questi vasi micro capillari. La strada viene quindi interrotta dai globuli rossi più piccoli che devono portare l’ossigeno ai diversi organi che si trovano vicino ai capillari ostruiti dalle sostanze estranee e dai leucociti.
Queste particelle che raggiungono il cervello, disturbano o impediscono la circolazione sanguigna, possono provocare l’autismo, la morte improvvisa dei neonati o molte altre malattie del bambino o dell’adulto. Proprio come succede con attacco cardiaco, ogni volta che i tessuti hanno carenza di ossigeno, é possibile subire un attacco cardiaco, cerebrale, problemi al fegato o ai reni. Si tratta qui di una grande scoperta di cui però si nega l’informazione a favore della disinformazione.
Davvero inquietante
!
Questo medico il Dott. Andrew Moulden è MORTO  (probabilmente assassinato) in modo inspiegabile nel novembre 2013 al età di 49, subito dopo aver pubblicato Le SUE RICERCHE CHE DIMOSTRANO il DANNO CAUSATO dai VACCINI, RICONOSCIBILI SOLO da un SEMPLICE ESAME ESTERNO
http://vaccineimpact.com/2015/dr-andrew-moulden-learning-to-identify-vaccine-damage/  

Il dott. Thomas Rivers nel 1935 riuscì a produrre un'infiammazione del cervello in scimmie di laboratorio iniettando loro ripetutamente estratti sterilizzati di cervello e midollo osseo di coniglio.

I bambini NON vaccinati sono più sani - Bologna, 28 ottobre 2015
A sostenerlo non sono pseudo-guaritori, maghi o fattucchieri. Ma oltre 120 medici che, dopo settimane di dibattiti e polemiche sul tema, escono allo scoperto con una lettera aperta all’Istituto superiore di sanità. Primo firmatario il cardiologo Roberto Gava, membro della ‘Società medicina centrata sulla persona’ di Bologna, appoggiato da oltre una ventina di professionisti emiliano-romagnoli e marchigiani.
Il corposo documento prende le mosse dalle affermazioni del presidente dell’Istituto, il professor Gualtiero Ricciardi (leggete i conflitti di interesse che questo soggetto ha con la GSK, produttore di vaccini), che ha recentemente sostenuto la sicurezza dei vaccini pediatrici: "Su 19 milioni di vaccinazioni ci sono stati soli 5 casi di reazioni gravi, peraltro non mortali".
Non è esattamente così per i firmatari della missiva che rivelano l’esistenza di "reazioni avverse che ammontano a migliaia di rilievi all’anno".
Non per questo vogliono essere classificati come i fautori del no, senza se e senza ma. E infatti nella premessa mettono in chiaro che, oggigiorno, un qualsiasi medico dotato "di buon senso" e di "un minimo di conoscenza scientifica" non può essere "contro le vaccinazioni pediatriche".
Ma poi mettono sul tavolo la loro esperienza sul campo. E cioè "pratica medica specializzata" accanto al bambino malato, non "frettolosa ma fatta di osservazione e ascolto, di considerazione di quello che lui ci comunica e subliminale e di quello che i genitori raccontano". E tutto ciò "ci ha aperto gli occhi".
La conclusione è destinata a suscitare scalpore: "I bambini non vaccinati appaiono indubbiamente e globalmente più sani, meno soggetti alle patologie infettive, specie delle vie aeree, meno soggetti ai disturbi intestinali e alle patologie croniche, meno soggetti a patologie neurologiche e comportamentali e scarsi consumatori di farmaci e di interventi sanitari".
- vedi questo studio: Confronto fra vaccinati e NON vaccinati

Video su: I BAMBINI NON VACCINATI SONO molto PIU' SANI di quelli VACCINATI !
Nel 1992 I.A.S. ha condotto un sondaggio sulla salute e la vaccinazione dei bambini della Nuova Zelanda ed ha trovato solide prove scientifiche che I BAMBINI NON VACCINATI sono PIU' SANI dei loro coetanei vaccinati !

Video, Vaccinazioni Forzate = bambini handicappati e non solo....

ECCO lo "SPONSOR" UFFICIALE dell'UFFICIO PASTORALE della "SALUTE" di VERONA, e "FORSE" ANCHE QUELLO di "TUTTA L'ITALIA & C."
"A.I.T.Sa.M.
- Sezione di Verona Ufficio Pastorale della Salute
- Diocesi di Verona
- Fondazione Smith Kline".
La Fondazione GlaxoSmithKline (camaleonticamente trasformatasi in Apuit)

COSA NE PENSATE di CIO' IN MERITO alla SICUREZZA per la NOSTRA SALUTE e SOPRATTUTTO alla SICUREZZA per la SALUTE dei NOSTRI FIGLI ?
Sarà gradito un vostro commento. GAT
http://ts1.mm.bing.net/th?id=H.4935859240043719&pid=1.9&m&w=300&h=300&p=0

Possibile che nessun magistrato si sia preso la briga d'indagare su questo "Conflitto d'Interesse"??
Non c'è nessun magistrato, con le palle, che voglia farlo??
Speriamo di SI, altrimenti significherebbe che, il Italia, la GIUSTIZIA E' MORTA e SEPOLTA.

Un binomio perfetto, per arrivare prima in paradiso, con raccomandazione e santa benedizione.
Ecco allora spiegato il perché la multinazionale GlaxoSmitKline (oggi camaleonticamente trasformatasi in Apuit) in Italia fa tranquillamente tutti i suoi sporchi interessi mentre, in altre nazioni del mondo viene molte volte condannata a delle multe molto salate e al ritiro immediato dei suoi vaccini. Qui da noi in Italia, sa di essere molto più "protetta perché la sua protezione arriva da molto alto", addirittura "dall'alto dei CIELI" (del Vaticano).
Mi sembra che il concetto sia ben chiaro, o mi sbaglio ?
Tanto questo "binomio" non verrà mai nemmeno sfiorato da qualcuno, che si giustificherà sempre dicendo: "la fede me lo impedisce".
Però sappia quel "qualcuno" che esistono altri veri sentimenti nella fede: La SPERANZA e la CARITA'.


Inoltre:
BIG PHARMA si e' INSINUATA come un SERPENTE VELENOSO ANCHE nella  Chiesa Cattolica...
Vi CHIEDERETE COSA ha a che FARE un PRETE con una CASA FARMACEUTICA ?
Dopo Bill Gates, il miliardario filantropo legato a filo doppio con Big Pharma & C...., eccone un altro…
Don Roberto Vesentini (fondazione Smith Kline…)
Stando così le cose… questo "don" promosso a "mons.", sembrerebbe essere l'anello di congiunzione fra le tre componenti di questa "loggia".
Il connubio che si è creato tra le tre potenti lobby della politica/religione/finanza, così rappresentate:
"A.I.T.Sa.M. - Sezione di Verona Ufficio Pastorale della Salute - Diocesi di Verona - Fondazione Smith Kline".
http://www.fsk.it/fondazione/veronasalute.asp
VIDEO Don Visentini e i disabili che Dio ama....:
http://youtu.be/fKKB1gOpHXs

By Giorgio Tremante

Commento NdR: e li vaccinano rovinandoli tanto... si perche' li "amano"...

Case farmaceutiche e corruzione: lo scandalo planetario della Glaxo Smith Kline -26/04/2014
La Glaxo Smith Kline è con le spalle al muro. La casa farmaceutica inglese sta collezionando accuse di corruzione in giro per il mondo, senza tregua. Le ultime arrivano da Libano e Giordania. Il 16 aprile il Wall street journal scrive che è entrato in possesso di mail secondo cui lo staff dell’azienda avrebbe corrotto i medici locali con viaggi e campioni di farmaci in omaggio che avrebbero potuto vendere direttamente ai pazienti.

Appena due giorni prima un’inchiesta del programma Panorama della Bbc rivela che in Polonia il manager regionale della Glaxo Smith Kline e 11 dottori sono sotto indagine per un presunto giro di mazzette versato ai camici bianchi in cambio della prescrizione del farmaco antiasmatico Seretide. L’episodio risale a quattro anni fa e a denunciarlo è un ex rappresentante della ditta, Jarek Wisniewiski. Proprio in quel periodo (dal 2010 al 2012) il colosso del farmaco inglese dichiara di essere impegnato in un programma di formazione sull’asma. Ma Wisniewiski smentisce: i soldi investiti in realtà servono a pagare i dottori compiacenti che assicurano di aumentare gli ordini del farmaco. Ai microfoni della Bbc l’ex dipendente va giù schietto: “Al meeting ho detto che ho pagato il corso e che ho bisogno di più prescrizioni di Seretide. Così hanno capito esattamente per quale motivo stavo pagando”.

Un altro ex rappresentante della Gsk, che però preferisce rimanere anonimo, racconta che da una parte l’azienda remunera con denaro i medici per tenere lezioni inesistenti e dall’altra, i medici fanno schizzare le vendite del farmaco. Un do ut des papale papale. Wisniewiski conferma: “Cento sterline dovevano fruttare oltre cento prescrizioni del prodotto”. E aggiunge che non si comporta così di sua spontanea volontà: l’ordine di fare i giochi sporchi è impartito dal manager regionale. Anzi, a lui non sta bene, lo fa presente all’azienda ma i capi minacciano di licenziarlo o di emarginarlo.
La Gsk in effetti ammette di avere ripreso e punito un suo impiegato nel 2011. In un report pubblicato sul sito web della multinazionale si legge che solo nel 2013 sono state commesse dallo staff 161 violazioni delle politiche di marketing e vendita e 113 segnalazioni. Con il risultato che 48 persone sono state licenziate o hanno lasciato volontariamente il posto di lavoro.  

Ancora in aprile, il 6: una persona informata degli affari di Gsk in Medioriente rivela al Wall street journal che in Iraq l’azienda di nascosto arruola come sui rappresentati di vendita 16 medici e farmacisti che lavorano nel Governo. A questi paga anche le trasferte per le conferenze internazionali. In più, dà delle tangenti sostanziose ad altri medici in cambio delle prescrizioni dei suoi prodotti. Come da copione, la Gsk vince un contratto con il ministero della Salute iracheno per la fornitura del vaccino Rotarix contro la gastroenterite e i funzionari del ministro con le loro famiglie se ne vanno in vacanza in Libano spesati dall’azienda.

A luglio 2013 scoppia lo scandalo in Cina. Qui la multinazionale inglese spende 320 milioni di sterline per corrompere la classe medica con denaro e favori sessuali. La strategia ogni volta è fare finta di cadere dalle nuvole. Per questo qualche giorno fa la Gsk invia dei nuovi dirigenti per controllare che le vendite siano fatte in modo pulito tentando di salvarsi la reputazione. Come se la pratica del comparaggio dipendesse soltanto dai singoli rappresentanti e non dai vertici.

Il record è negli Stati Uniti: nel 2012 l’azienda paga tre miliardi di dollari di multe per aver corrotto i dottori in cambio della prescrizione di antidepressivi per indicazioni non autorizzate.
Lo scorso dicembre Andrew Witty, l’amministratore delegato della Gsk, intervistato dal New York Times promette che la sua azienda d’ora in poi farà la brava e non darà più soldi sottobanco ai dottori. Ma i danni ormai sono fatti e nessuno ci assicura che non siano ripetuti.         
By Chiara Daina -  Tratto da: ilfattoquotidiano.it

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Cina: maxi multa alla Glaxo Smith Kline per corruzione - 27/02/2015
In Cina l'azienda farmaceutica Glaxo Smith Kline (Gsk) è stata multata e costretta a pagare 380 milioni di euro per aver pagato tangenti per milioni di dollari a medici e funzionari pubblici cinesi per far usare i suoi prodotti. È quanto ha riferito l’agenzia di stampa Xinhua.
L'ex dirigente della Gsk Cina Mark Kelly e altri funzionari sono stati condannati a pene detentive da due a quattro anni. Reilly è stato condannato a tre anni di carcere.
Nel luglio del 2013 le autorità cinesi avevano annunciato di aver aperto un’inchiesta contro la Gsk, con l’accusa di aver messo in piedi un sistema corruttivo per un giro di milioni di dollari. La polizia aveva parlato di un volume di tangenti di quasi 500 milioni di dollari (380 milioni di euro) dal 2007 e aveva identificato 46 sospetti.
Queste “attività illegali” commesse in Cina sono “in contrasto con i valori e gli standard dei dipendenti della Glaxo Smith Kline”.
È quanto ha scritto l'azienda farmaceutica in un comunicato in cui ha espresso le sue “sincere scuse” al governo cinese.


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

35 MILIARDI di Lire OFFERTI a TINA ANSELMI nel 1979
L’Italia è stata oggetto di corruzioni eclatanti nel settore dei vaccini. Basti pensare alla senatrice democristiana Tina Anselmi, Ministro della Sanità che, per recedere dalle sue intenzioni di ritirare un migliaio di farmaci e di vaccini dalla circolazione,  ricevette un proposta di mazzetta da 35 miliardi di lire, depositati confortevolmente in qualsiasi banca svizzera di suo gradimento.
DENUNCIATA la CORRUZIONE, le SALTO’ in ARIA L’AUTO TRE GIORNI DOPO
Il giorno dopo la Anselmi, rese pubblico in Parlamento il gravissimo tentativo di corruzione. Correva l’anno 1979. Pochi giorni dopo la sua auto saltò in aria in una via di Roma, e solo per strana coincidenza, l’onesta Anselmi arrivò alla sua vettura due minuti dopo, grazie a una telefonata imprevista che le salvò la vita.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

USA - Corruzione Istituzionale e la politica farmaceutica - By Marc A. Rodwin:
http://papers.ssrn.com/sol3/DisplayAbstractSearch.cfm
"Institutional Policy, corruzione e farmaceutici”, By Christopher Alkenbrack, che lavora presso la Harvard University Law School
Uno sguardo feroce a Big Pharma. Come afferma Christopher:
"Immaginate, in cui il mondo sarebbe oggi se non ci fosse tanta corruzione nella realizzazione della politica sui farmaci !
Penso anche che sia il momento di ignorare il termine "cospirazione teorica ", quando si tratta di farmaci e la grande industria farmaceutica. E 'diventato ormai chiaro per tutti che il loro unico obiettivo è vivere come parassiti sulle spalle dei malati.
Uno degli altri termini che ho imparato a disprezzare è che la "medicina e’ basata sull'evidenza". Questa è un’altra frase coniata dalla grande industria farmaceutica e dai loro lacche', per respingere qualsiasi ricerca che non hanno fatto loro.
http://www.internationalpost.org/contents/Conflitti_d%E2%80%99interesse_e_corruzione_in_sanit%C3%A0_1494.html#.VHoBoDGG98F

Il rapporto Corruption perceptions index  (Cpi – Indice della corruzione percepita)  di Transparency international misura la corruzione nel settore pubblico e politico di 168 paesi nel mondo.
Nel Cpi 2015, la 22esima edizione del rapporto pubblicata oggi, l’Italia si classifica al 61esimo posto nel mondo, con un voto di 44 su 100.
«Rispetto allo scorso anno – sottolinea Transparency International Italia – si assiste a un minimo miglioramento nel giudizio sul nostro Paese, che infatti guadagna un punto (da 43 a 44) e 8 posizioni nel ranking mondiale (da 69 a 61). Pur migliorando a livello globale rispetto agli anni precedenti, la posizione dell’Italia rimane purtroppo in fondo alla classifica europea, seguita solamente dalla Bulgaria e dietro altri paesi generalmente considerati molto corrotti come Romania e Grecia, entrambi in 58esima posizione con un punteggio di 46». 
Presentando il Cpi 2015, Virginio Carnevali, presidente di Transparency international Italia, ha detto: «Constatiamo con piacere che finalmente si è avuta un’inversione di tendenza, seppur minima, rispetto al passato, che ci fa sperare in un ulteriore miglioramento per i prossimi anni. Come dimostra la cronaca, la strada è ancora molto lunga e in salita, ma con la perseveranza i risultati si possono raggiungere. In questi giorni la Camera ha approvato le norme sul whistleblowing, le pubbliche amministrazioni stanno diventando via via più aperte e trasparenti, una proposta di regolamentazione delle attività di lobbying è arrivata a Montecitorio. Azioni queste che denotano come una società civile più unita su obiettivi condivisi e aventi come focus il bene della res publica porti necessariamente un contributo fondamentale al raggiungimento di traguardi importanti».

Il presidente di Unioncamere, Ivan Lo Bello, ha evidenziato che «un passo in avanti del nostro Paese nelle classifiche internazionali sulla percezione della corruzione è sempre una buona notizia. Per compiere un salto di qualità importante occorre però un ruolo più forte della società civile che deve acquisire la consapevolezza che un sistema dove è grande la corruzione non crea ricchezza e alimenta profonde distorsioni del mercato. La battaglia per legalità e trasparenza è resa meno difficile dalla rivoluzione digitale in atto, e anche su questo fronte occorre insistere con decisione per fare della macchina pubblica un attore trasparente, imparziale e rispettoso delle regole del mercato». Il primo e forse più trascurato mezzo per prosciugare la corruzione i Italia rimane infatti quell’atteso e mai davvero arrivato slancio del comparto pubblico – tutto, dal legislatore nazionale al più piccolo amministratore – verso la chiarezza normativa. Bonificando la palude di leggi e cavilli ridondanti e contraddittori, che bloccano cittadini e imprenditori onesti, e dove invece criminali e corruttori trovano il loro habitat ideale per prosperare. La certezza del diritto, e quella del dovere, rimane per l’Italia una delle vie maestre sulla quale costruire il proprio rilancio, sociale, civile, industriale: anche il terreno della green economy, da questo punto di vista, non fa certo eccezione.

Se dall’Italia si allarga lo sguardo al resto del mondo, fa particolarmente impressione il crollo del Brasile nel Cpi 2015: il caso Petrobras, la compagnia petrolifera di Stato, ha fatto perdere al colosso sudamericano ben 5 punti, facendolo passare dal 69esimo al 76esimo posto. In testa e in coda al Corruption perceptions index la situazione resta invece praticamente invariata. Somalia e Corea del Nord (entrambe a 8 punti) si confermano anche quest’anno come i due Paesi più opachi, preceduti da Afghanistan (11 punti), Sudan (12), Sud Sudan e Angola (15), Libia e Iraq (16), Venezuela e Guinea Bissau (17).

Il Paese meno corrotto del mondo è la Danimarca (91 punti) e gli altri campioni della top ten della trasparenza sono Finlandia (90), Svezia (89), Nuova Zelanda (88), Olanda e Norvegia (87), Svizzera (86), Singapore (85), Canada (83), Germania, Lussemburgo e Gran Bretagna (81).
I Paesi che scendono maggiormente nella classifica Cpi 2015 sono l’Australia liberaldemocratica che ha dovuto cambiare premier, il Brasile, la Spagna governata dai Popolari e la Turchia islamista e repressiva di Erdogan. A fare il salto maggiore nell’indice di trasparenza sono la Grecia di Syriza e di Tsipras, il Senegal che si è liberato del precedente governo corrotto, e la Gran Bretagna conservatrice.
Il Paese più corrotto del G20 è la Russia (29 punti), preceduta a fondo classifica da Argentina (32), Messico (35), Indonesia (36), Cina (37) e India e Brasile (38). Il paese più virtuoso del G20 resta invece il Canada, seguito da Germania, Gran Bretagna, Australia, Stati Uniti (76), Giappone (75), Francia (70), Corea del sud (56) e Arabia Saudita (52). L’Italia è nona insieme al Sudafrica e poco prima della Turchia (42 punti).
Fonte: http://docs.dpaq.de/10286-corruption_perceptions_index_2015_report_embargo.pdf   

Medici pagati da Big Pharma:
https://vactruth.com/2016/03/22/why-doctors-recommend-vaccinations/

La corruzione accade ed avviene in tutti i paesi del mondo, perche' la "sanita' " e' in mano a Big Pharma e/o ai suoi uomini messi nei posti chiave dei governi....

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

ATTENZIONE: Corruttori e Corrotti per far varare le Leggi per i Vaccini "Obbligatori":
Anti Polio, anti Vaiolo obbligatorie Leggi varate rispettivamente nel 1996 e nel 1968:
- antipoliomielitica (L. 4 febbraio 1966 n° 51) - Con il decreto del 7/4/99 le prime due dosi di antipolio vengono somministrate con vaccino Salk anzichè Sabin.
- antitetanica (L. 20 marzo 1968 n° 419)
Il 26 giugno del 1981. Il Decreto legge n. 34 sancisce per l’Italia la sospensione dall’obbligatorietà della vaccinazione anti-vaiolosa.
All'epoca chi governava l'Italia - http://www.governo.it/Governo/Governi/governi.html - era il III Governo Moro (23/02/1966 - 24/06/1968)  - Coalizione politica DC- PSI - PSDI - PRI
Prima Legge di Indennizzo per i danni dei vaccini:
http://storia.camera.it/governi/iii-governo-moro + http://www.governo.it/Governo/Governi/moro3.html
In quegli anni era Ministro della Sanita’: Luigi Mariotti  (PSI) dal 23/02/1966 al 24/06/1968
e come Ministro all’Industria, commercio e artigianato Giulio Andreotti  (DC) il cui figlio L. Andreotti e’ stato messo successivamente a capo, in Italia, di una grande industria farmaceutica, la Bristol Myers Squibb….

- antidifterica (L. 6 giugno 1939 n° 891 - L. 27 aprile 1981 n° 166) - Allora vi era il governo fascista di Mussolini...
- antiepatite virale B (L. 27 maggio 1991 n° 165) - e' stato "varata" la Legge dell'obbligo con una bustarella di 600 milioni di lire data al poco onorevole ex ministro De Lorenzo.

Oggi nel 2010 hanno tolto i vari vaccini monovalenti, bivalenti, trivalenti, quadrivalenti, pentavalenti e li hanno sostituiti con l'esavalente che contiene 2 vaccini NON obbligatori, spacciandoli per tali....

Credo che ormai tutti sappiano che la vaccinazione "obbligatoria" non è altro che un affare tra alcuni politici e le "famiglie" proprietarie delle multinazionali farmaceutiche che formano le Lobbies di BIG PHARMA + Big Pharma 2 ...ovviamente per indurre alla vaccinazione....si fece e si fa SEMPRE del terrorismo mediatico sulla popolazione ed ai politici, quelli ignari, spaventandoli, elencando le varie ed ipotetiche “malattie” che si potrebbero scatenare se non ci si vaccina, quindi loro dicono che occorre vaccinarsi, ma questi stessi terroristi mediatici, fino ai medici ufficiali che sponsorizzano i vaccini, non si rendono conto delle loro stupidate e qui in queste pagine ve lo dimostriamo:

ITALIA = ANDREOTTI (JR) idem come negli USA.......
Ricordo che
negli anni 1963 e 1966 l'on. Andreotti era MOLTO presente nei vari governi che controllavano l'Italia in quei periodi ....e proprio "strano caso" in quei periodi furono varati l'obbligo per il vaccino per la Polio e quello per il Tetano... ed il figlio ebbe successivamente un posto di "onore" nella direzione di una casa farmaceutica....

DIETRO la MULTA alla BRISTOL MYERS, una TRAMA di LOBBY e SOCIETÀ OFFSHORE
- 29 MAG 2013

18 milioni di Euros, sono una sommetta per il gigante biofarmaceutico diretto da Lamberto Andreotti (figlio dell’On Andreotti ex DC) , e Bristol Myers Squibb che ha pagato per chiudere il contenzioso fiscale, nel silenzio dei media - Ma l’indagine ha scoperto 30 anni di tasse evase, accordi segreti con Menarini, e prezzi gonfiati a spese di cittadini e Sistema Sanitario Italiano.
Diciotto milioni di euro sono una somma insignificante per un gigante biofarmaceutico che nel 2012 ha annunciato un fatturato netto di 17,6 miliardi. L'ottobre scorso, la controllata italiana del gruppo americano Bristol Myers Squibb non ha perciò esitato a pagare quella cifra per chiudere un contenzioso con l'Agenzia delle Entrate.
L'unico rischio era il danno reputazionale. E per questo Bms Srl ha fatto tutto in sordina.
Nessun annuncio stampa, nessun comunicato agli investitori. Una piccola cifra per chiudere un piccolo incidente.
La realtà è però ben altra cosa. Tre sostituti della Procura di Firenze - Luca Turco, Giuseppina Mione e Ettore Squillace Greco - hanno infatti portato alla luce una trama trentennale fatta di società offshore e accordi segreti con Alberto Aleotti, proprietario della Menarini e principale socio commerciale di Bms in Italia.

Una lunga e meticolosa inchiesta condotta dal Nucleo Antisofisticazioni e Sanità di Firenze lascia pensare che questi accordi abbiano permesso ad Aleotti di evadere tasse, accumulando più di un miliardo di euro in vari paradisi fiscali sparsi per il mondo, e alla Bms di ottenere prezzi più alti del dovuto per i propri farmaci, con i conseguenti ricavi aggiuntivi dirottati su controllate estere registrate in Paesi con trattamento fiscale più favorevole.
A farne le spese: il sistema sanitario nazionale e i cittadini privati che per decenni avrebbero pagato una sorta di sovratassa né dichiarata né giustificata.
Nell'ultimo bilancio, la multinazionale di base su Park Avenue, a Manhattan, ha minimizzato il tutto spiegando che "nell'ottobre 2012 è stato raggiunto un accordo" e che comunque "le accuse contro l'azienda riguardano sospette attività di un ex dipendente che ha lasciato l'azienda negli anni 90". Il riferimento è all'ex direttore generale di Bms Srl Guido Porporati.

Tempi di prescrizione a parte, Bristol Myers Squibb conta evidentemente sul fatto che i protagonisti della vicenda sono da anni in pensione.
Invece c'è un legame diretto con l'attuale vertice della multinazionale newyorkese: l'amministratore delegato del gruppo Bms è infatti un italiano dal cognome pesante, Lamberto Andreotti, il figlio di Giulio Andreotti (ex DC), che in quanto responsabile della controllata italiana sul finire degli anni '90 e gli inizi del 2000 fu interessato agli accordi sottobanco con la Menarini.
Documenti sequestrati dai Nas attestano un rapporto personale tra l'attuale Ad della multinazionale e Alberto Aleotti. Quest'ultimo ha infatti seguito con grande attenzione la scalata al vertice della multinazionale da parte del figlio dell'ex primo ministro democristiano recentemente deceduto.
Il primo documento che li riguarda entrambi è un fax che il 16 febbraio 1999 il capo della divisione legale di Bms Europa inviò a uno dei suoi assistenti per fornire "il quadro d'insieme dei rapporti con la Menarini" e "le informazioni necessarie a soppesare la situazione e a partecipare ai relativi colloqui con... Lamberto Andreotti".
Pochi mesi prima, L. Andreotti (Jr), il figlio dello storico uomo politico era appena stato nominato capo della controllata italiana del gruppo, la Bms Srl, e avrebbe dovuto incontrarsi con il suo principale socio commerciale in Italia, Alberto Aleotti.
"Gli accordi con la Menarini sono antichi e penso questo sia dovuto in parte allo stretto rapporto di lavoro sorto fra l'ex direttore generale Guido Porporati e il presidente della Menarini A. Aliotti (sic) e in parte alla capacità che aveva un'azienda italiana di assicurare prezzi accettabili... visti i parametri dettati dai meccanismi di prezzatura vigenti al tempo in Italia", scriveva l'avvocato A.J.W. Jackson.
Il significato di queste parole è reso meno oscuro da documenti che i Nas fiorentini hanno sequestrato negli uffici della Menarini e della Bms Srl.
Da questi risulta che per ogni nuovo farmaco da introdurre nel mercato italiano, il gruppo americano prima firmava un accordo di co-commercializzazione nel mercato nazionale con la Menarini e poi affidava ad Aleotti il compito di gestire la procedura di autorizzazione e definizione del prezzo con le autorità sanitarie.
Quest'ultimo usava la propria influenza per ottenere una corsia preferenziale e soprattutto strappare il prezzo più alto possibile sia per il farmaco che avrebbe commercializzato la sua Menarini sia per l'equivalente venduto da Bms.
Il tipo di "influenza" in questione è venuto alla luce in un procedimento penale del tribunale di Napoli per il quale ad Aleotti è stata applicata la pena di un anno e sette mesi di reclusione.
Motivo: aveva pagato diversi funzionari del ministero della Sanità - incluso il ministro della sanita' Francesco De Lorenzo (quello del vaccino per l'EpatiteB, che si prese una tangente di 300.000 € per far varare l'obbligo alla vaccinazione per l'epatiteB)  - perché compissero "atti contrari ai propri doveri d'ufficio e consistenti nell'assicurare... una trattazione privilegiata alle pratiche relative ai farmaci".
Più in dettaglio, la sentenza spiega che "Aleotti, titolare dell'industria farmaceutica Menarini, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, consegnava a Vittoria Antonio, componente del Cip farmaci, organismo preposto alla trattazione delle pratiche di revisione prezzi dei prodotti farmaceutici, la somma complessiva di 60-70 milioni (lire) circa".
Ben più sostanzioso il contributo versato al famoso Duilio Poggiolini che, secondo la sentenza, ricevette da Aleotti un totale di 1 miliardo e 100 milioni di lire nella sua veste di direttore generale del Servizio Farmaceutico del Ministero della sanità.
Oltre ai soldi, in quell'inchiesta Poggiolini rivelò ai magistrati di aver ricevuto anche le pressioni di molti uomini politici, intervenuti per tentare di influenzare le decisioni del ministero della Sanità.
Tra questi citò anche Giulio Andreotti. Il quale è passato agli annali della storia dell'industria farmaceutica italiana per essere stato Presidente del consiglio nel maggio 1978, quando il Governo riconobbe per la prima volta i brevetti farmaceutici.
Dalla sentenza del procedimento napoletano emerge inoltre che a pagare il ministro De Lorenzo era stato anche il direttore generale di Bms Srl, Guido Porporati. Che aveva versato 300 milioni di lire per conto della sua e di altre aziende farmaceutiche nordamericane.
Sebbene quelle tangenti siano state versate negli anni '80 e primi '90, secondo la Procura di Firenze il loro impatto sui consumatori e sul servizio sanitario nazionale si è protratto per l'intera durata del brevetto di ogni farmaco. E cioè per due decenni.
Dalla corruzione alla sospetta truffa: gli inquirenti ritengono che per ottenere prezzi più alti del dovuto, Menarini e Bms abbiano perpetrato una sistematica opera di sovrafatturazione dei cosiddetti "ingredienti attivi", le sostanze chimiche alla base dei farmaci.
Il metodo è consistito nel creare una rete di intermediari fittizi con sede nell'Isola di Man, in Svizzera, Nuova Zelanda e Honk Kong, attraverso i quali Bms ha fatto per decenni transitare i propri prodotti all'ingrosso.
Da questi intermediari che i Nas hanno ritenuto essere stati controllati dallo stesso Aleotti, gli ingredienti attivi venivano poi rivenduti al gruppo Menarini a prezzi gonfiati poi presentati all'autorità sanitaria a riprova del costo di produzione dei farmaci.
Secondo i sostituti di Firenze, Guido Porporati avrebbe "fornito il proprio consapevole contributo causale alla commissione del descritto reato di truffa aggravata e continuata, nell'interesse della società italiana Bms Srl". E, per via della durata dei brevetti, la truffa in questione avrebbe avuto "una consumazione prolungata dal 1984 al 2010".
Il Sole 24 Ore ha chiesto a Bms di rispondere, ma il gruppo farmaceutico americano si è limitato a dire di non poter fare commenti su un'inchiesta in corso, sottolineando però il fatto che sta collaborando con le autorità.
Lamberto Andreotti non è in alcun modo coinvolto nell'inchiesta giudiziaria fiorentina, ma il fax del 16 febbraio 1999 fa dedurre che fosse stato messo al corrente degli accordi di sospetta sovrafatturazione tra Bms e Aleotti: "Per ragioni a voi comprensibili associate... a meccanismi di determinazione del prezzo, i prodotti non sono forniti direttamente alla Menarini ai prezzi indicati", si legge nel fax. "Ci sono invece degli accordi che designano società terze deputate a interporsi nella catena di compravendita di materiale all'ingrosso o di specifici prodotti intermedi".

Negli archivi della Menarini, i Nas hanno trovato un memorandum dal quale risulta che, poco dopo la spedizione di quel fax, in effetti Andreotti incontrò il proprietario della Menarini.
I loro nomi sono citati in un promemoria interno come "presenti" all'incontro organizzato con "l'intento di mantenere gli impegni per il futuro al di là delle persone che saranno il riferimento" e per "andare al di là dei rapporti personali passati, per garantire la continuità".
"La Bms aveva piena consapevolezza del sistema di approvvigionamento creato con la Menarini", ci conferma un ex alto dirigente di Bms Srl. "Io stesso tenevo due libri contabili, uno ufficiale che riportava i prezzi maggiorati degli ingredienti attivi e dei prodotti all'ingrosso in modo che potessero poi essere dedotti a fini fiscali in Italia, e uno a scopo interno, condiviso solo con il quartier generale di New York, che serviva a stabilire le performance infra-gruppo. E, cosa ancor più importante per noi, per i bonus di fine anno".
Nel giugno del 2011 Alberto Aleotti ha saldato con la cifra record di 330 milioni di euro il contenzioso che aveva aperto con l'Agenzia delle Entrate dopo che gli erano state accertate imposte evase per circa mezzo miliardo. E adesso è sotto processo presso il Tribunale di Firenze per truffa aggravata ai danni dello Stato.
Lamberto Andreotti e la sua Bms se la sono invece cavata con molto meno: una multarella da 18 milioni.
By Claudio Gatti - Tratto da: "Il Sole 24 Ore"

"... Io facevo l'internato per la tesi di laurea nella clinica di malattie infettive del prof. Elio Guido Rondanelli, negli anni 83-84-85, proprio in quel periodo in cui la cricca De Lorenzo - Poggiolini spalleggiata dal professore, stava tramando per rendere obbligatorietá del vaccino anti epatite B , nonostante l'evidenza dei fatti, cioé i danni che provocava nei soggetti sani, visti coi miei occhi. Per quello, inorridito e scandalizzato, non sono riuscito a rimanere lí, presa la mia laurea, me ne sono andato".
By dott. Enzo Grubissa


Tratto da  "PANORAMA", deI 14 Nov. 1993
Un sistema marcio e corrotto di cui Poggiolini era solo il guardaportone” spiega Ivan Cavicchi coordinatore del settore Sanità della Cgil, “Qui c’è la complicità dei ministri, De Lorenzo in testa, ma anche del Consiglio Superiore della Sanità, del luminari del comitato bioetlco, dei professori foraggiati dall’industria farmaceutica,  un’intera organizzazione finalizzata a fare soldi sulla pelle dei cittadini” .

Le BUGIE di DE LORENZO, BIANCO, CIRINO POMICINO, oltre a vari Politici, per far varare l'obbligo alla Vaccinazione, per il vaccino per l'epatite B, (chiamato falsamente: Antiepatite B)
Delle quattro vaccinazioni obbligatorie questa, voluta da De Lorenzo che ha ammesso in Tribunale (dietro denuncia di una associazione contraria ai vaccini) di aver ricevuto una tangente di lire 600 milioni = € 300.000 dalla casa farmaceutica GSK (confermata dall'amministratore delegato italiano), De Lorenzo e' stato condannato ed imprigionato anche per altri reati, ma la legge sull'obbligo dell'epatiteB e' rimasta.... (qui i particolari)
Inoltre essa gode di molti studi pubblicati sulla sua pericolosità e nessun pediatra serio ha il coraggio di difenderne l'obbligo.

Conclusione:
"Nell'anno 2013
, l'ex ministro della sanità Francesco De Lorenzo (soprannominato all'apice della sua carriera "Sua Santità") e' stato nominato presidente dell' ECPC che riunisce circa 300 associazioni di malati di cancro in tutta Europa..
http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/08/13/de-lorenzo-ai-vertici-di-fondazione-insieme-contro-cancro-ed-e-subito-polemica/683741/
Leggete perchè è stato condannato...
http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/04/12/lorenzo-poggiolini-condannati-cassazione-dovranno-pagare-milioni-testa-allo-stato/204037/
"La sentenza aveva preso le mosse dalle sentenze penali definitive per i reati di corruzione o concussione “ascritti ai convenuti – si legge nella sentenza – che, negli anni 1982-1992, nelle posizioni rispettivamente rivestite nell’ambito della pubblica amministrazione, avevano percepito somme da numerose case farmaceutiche, producendo un danno erariale derivato dalla ingiustificata lievitazione della complessiva spesa farmaceutica", non è forse legittimo sospettare che la European Cancer Patient Coalition (ECPC) non sia altro che un fantoccio delle case farmaceutiche che cosi ripagano un loro umile servitore, e non come vogliono farci credere un associazione di malati di cancro... non tutto è ciò che sembra signori... e pensare che questi dovrebbero pensare alla nostra salute, indicarci la retta via... mi sa che pensano più alla loro di salute che alla nostra ! "
Tratto da: ilfattoquotidiano.it

Bustarelle ai politici italiani: http://www.iene.mediaset.it/puntate/2013/05/19/roma-parlamentari-pagati-dalle-lobbies-_7909.shtml
http://www.internationalpost.org/contents/Conflitti_d%E2%80%99interesse_e_corruzione_in_sanit%C3%A0_1494.html#.VHoBoDGG98F

Vaccini obbligatori o no, tutti quanti sono da sempre sbandierati come utili e sicuri anche e non solo dal Ministero della salute, ma esiste una sentenza ben precisa (ignorata da tutti…) che mostra come tali distinzioni fra vaccini obbligatori e non, NON possono sussistere - vedi: Sentenza Corte Costituzionale
Le famiglie dei danneggiati da vaccino dal canto loro sottolineano “lo stato di abbandono in cui sono  state lasciate dalle cosiddette “istituzioni che dovrebbero tutelare”, infatti “tutelano” ma solo i fatturati di Big Pharma….".

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Soldi e salute
'Bought': la storia nascosta dietro i vaccini, Big Pharma ed il cibo - 21/10/2013
“Bought”, ovvero “corrotto”. È questo il titolo del documentario diretto da Bobby Sheehan e prodotto da Jeff Hays che denuncia le pressioni dell'industria farmaceutica ed i rischi per la salute derivanti dalle vaccinazioni e dagli OGM.
Il film sarà prodotto con fondi raccolti tramite donazioni dei cittadini attraverso il sito www.supportboughtmovie.com.
“Noi viviamo in un paese dove esiste un programma di vaccinazioni obbligatorie per i bambini, un cavallo di troia per lo Stato paternalista – ha affermato Hays – con l’Obamacare anche per gli adulti sono diventate obbligatorie certe vaccinazioni e chi si rifiuta perde il lavoro.
Tutto ciò viene fatto in nome della salute pubblica ma a spese del nostro personale diritto di scegliere cosa mettere dentro al nostro corpo”.
Hays spiega che tra il 1988 ed il 2009 la Corte Federale Americana ha riconosciuto indennizzi a 1322 famiglie per i danni cerebrali provocati dalle vaccinazioni; alle famiglie dei danneggiati sono stati pagati 2 miliardi di dollari; ogni anno vengono segnalati circa 30mila casi di eventi avversi da vaccino e questo accade fin dal 1990 con un 13% che riporta disabilità permanente, ricoveri e morte; l’80% delle sindromi influenzali in inverno non è causata dal virus dell’influenza”.
Non sarà quindi un caso se il 60% degli operatori sanitari rifiuta di farsi somministrare il vaccino antinfluenzale ogni anno.
Fonte: aamterranuova.it

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Provare a essere informati invece di supporre - 17 Agosto 2013
Gli scienziati pubblicano di aver scoperto un 30ennio di Cover-up (copertura) da parte del Governo sui Vaccini….
La ricerca da parte della University of British Columbia di (UBC), Dipartimento di Oftalmologia, Visual Sciences, Medicina Sperimentale e Neuroscienze che hanno esposto (riscontrato) 30 anni di corruzione e di BUGIE sulla politica vaccinale da parte del governo.
Una vasta indagine sui meccanismi interni del sistema sanitario nazionalizzato nel Regno Unito ha rivelato uno scioccante scandalo di incontri ufficiali da parte dei comitati di vaccini del governo britannico ed  esperti medici indipendenti con connessioni del settore dei farmaci-vaccini.
Dr. Chris Shaw e il Dott. Lucija Tomljenovic, presso la University of British Columbia in Canada, hanno pubblicato un articolo “investigativo” con recensione sul
Journal of Biochemistry, sui particolari legami governativi con le aziende farmaceutiche e la cooperazione del governo con i produttori di vaccini in materia di strategie volte a incrementare l'aumento dei vaccini nella popolazione.
Secondo il Dott. Chris Shaw e il Dott.essa Lucija Tomljenovic, gli organi consultivi e quelli  che governano il settore della politica di vaccinazione nel Regno Unito hanno ormai, per molti decenni, nascosto la verità sui pericoli dei vaccini, e volutamente spinto i vaccini non sicuri sul pubblico al fine di sostenere il programma di vaccinazione ufficiale.
Una citazione dal pubblicato, “peer reviewed paper” afferma: "Le autorità sanitarie britanniche si sono impegnati in questa pratica per gli ultimi 30 anni, a quanto pare per il solo scopo di proteggere il programma nazionale di vaccinazione".
Come risultato della politica di vaccinazione promossa dal governo britannico, molti bambini sono stati vaccinati senza che ai genitori siano stati rese note le informazioni critiche sui rischi dimostrati di gravi reazioni nocive.

Vi è ora una pletora di prove scientifiche che i vaccini siano effettivamente implicati nella maggior parte delle malattie comuni oggi e che i vaccini per l'infanzia, influenza ed altri tipi di vaccinazioni sistematicamente distruggono il sistema immunitario del corpo.
Inoltre, la ricerca mostra legami causali tra aumentate esposizioni verso i
sali di alluminio utilizzati ed il Thiomersal (mercurio), come adiuvanti nei vaccini ed un aumento dei livelli di difficoltà neurologiche in popolazioni esposte a quei vaccini.
By:
Why Don't You Try This? - Perché non provare questo ?
Sources:
The Vaccine Hoax is Over. Documents from UK reveal 30 Years of Coverup (nsnbc.me)
The vaccination policy and the Code of Practice of the Joint Committee on Vaccination and Immunisation (JCVI): are they at odds? (ecomed.org.uk)
The Health Hazards of Disease Prevention – Proceedings (ecomed.org.uk)
Responses to UBC vaccine paper a problem for free scientific inquiry and expression (vancourier.com)

E' inquietante sapere che la maggior parte della letteratura medica (90 %) che e’ stata fatta dai ricercatori, arriva direttamente dalla ricerca medica delle case farmaceutiche e che questi studi/ricerche sono SPONSORIZZATI dalla società che produce il vaccino. E che ogni ricerca che esprime opposizione alla vaccinazione è screditata e messa a tacere.
Ulteriori ricerche scientifiche hanno concluso risultati simili, come quella del Dott. Wakefield che ha pubblicizzato e confermato il legame tra disturbi gastrointestinali, l'autismo ed il vaccino MMR. - vedi link between stomach disorders, autism and the MMR vaccine.
 
Inoltre, un recente studio condotto dalla omeopata dott.essa Andreas Bachmair ha concluso che i bambini vaccinati hanno fino al 500% in più di malattie rispetto ai bambini non vaccinati.  vedi link: vaccinated children have up to 500% more disease

Read More:
The Lead Vaccine Developer Comes Clean So She Can “Sleep At Night”
Courts quietly confirm MMR Vaccine causes Autism
Vaccine Court Awards Millions to Two Children With Autism
Bayer and US Government Knowingly Gave HIV to Thousands of Children
Vaccine-nation: Poisoning the Population, One Shot at a Time
Supreme Court Rules Drug Companies Exempt From Lawsuits


Per i genitori interessati alla ricerca della verità, vale la pena ricordare che le stesse persone che possiedono le aziende farmaceutiche di tutto il mondo, forniscono, controllano o possiedono  anche propri principali punti vendita di notizie per i media.

vedi anche: also own mainstream media news outlets.


Gli esperti di vaccini del CDC, hanno spesso Conflitti di interesse PDF - 1 - 18/03/2010

vedi anche:
Conflitto di interesse + Conflitti di interesse PDF - 2 + Conflitti di Interesse, denuncia del Governo Ii - PDF + CDC - 1 + CDC - 2  + FDA
+ Conflitti di Interesse, business farmaci e vaccini
+ Conflitti di interesse dell'AIFA
 vedi anche:
ISS + Ministero della salute + EMA  + CNR e Corruzione + Consenso Informato

http://www.internationalpost.org/contents/Conflitti_d%E2%80%99interesse_e_corruzione_in_sanit%C3%A0_1494.html#.VHoBoDGG98F

PROMEMORIA NdR:
Le epidemie NON  esistono
, sono nomi inventati per tentare di spiegare come mai una piccola parte della popolazione che non supera mai una piccola percentuale, vedi le epidemie di influenze, si ammala in certi periodi di tempo abbastanza ravvicinati. La vera spiegazione e’ che certi terreni (i liquidi del corpo) alterati, similari bioelettronicamente, in certi periodi od in certe circostanze, si ammalano e cosi pare che sia una epidemia, in realta’ si tratta di ammalamento zonale o temporale di certi terreni similari.

Il British Medical Journal pubblica un interessante articolo sul numero del 29 ottobre 2005 dal titolo:
"I medici che redigono Linee Guida hanno legami con l'industria del farmaco".
Potete leggerlo cliccando qui:
http://bmj.bmjjournals.com/cgi/content/full/331/7523/982-a
In
sintesi: vi si descrive un'indagine fatta dai giornalisti di Nature (pubblicata il 20 ottobre su questa rivista) riguardo a 215 Linee Guida sui farmaci registrati nel 2004 presso la US National Guideline Clearinghaouse. Un terzo degli autori che hanno redatto le LG dichiarano legami con l'industria.
Ma ciò che è più interessante è che il Direttore del Centro per la Scienza di pubblico interesse con sede a Washington - che per primo aveva iniziato la ricerca - riferisce a BMJ che molti medici non rivelano le loro connessioni con l'industria anche quando queste vengono richieste.
Mancano infatti regole standard al riguardo e non esistono punizioni per non aver fornito le informazioni.

Commento by  David Icke: "È il modo del sistema di usare la carota per il pappagallo e il bastone al coloro che resistono.
Pertanto, è redditizio per i medici di fare pressioni sui loro pazienti ai fini di  rendere labili le loro difese immunitarie e quelli dei loro figli, che vengono raggiunte con i cocktail degli intrugli che escono dalle aziende come Merck, GlaxoSmithKline e Sanofi-Aventis.
Il più grande nove giganti farmaceutici ha realizzato profitti di 30,6 miliardi dollari, nel solo 2001, per cui vi è abbondanza di “rifiuti” ($) nella vasca del maiale, per ungere le ruote all'interno dei vari livelli della sanita’, e fare in modo che le vaccinazioni siano un bene per la professione medica, ma non per le persone che li utilizzano".


La Vaccinazione e' nei fatti, la Mutilazione Rituale del Sistema Immunitario degli esseri viventi

VACCINI OMICIDIO di MASSA - vedi anche: I VERI PADRONI del MONDO (Finanziario e Sanitario)
 

VACCINI PEDIATRICI CORRUTTORI & VENDUTI
Si inventano malattie e si alimentano epidemie per imporre nuovi mercati e fagocitare profitti stellari.
Per quale ragione la legge truffaldina numero 165 (obbligatorietà del vaccino anti epatite B), promulgata nel 1991 da Francesco Cossiga sotto il governo di Giulio Andreotti, su proposta dell'allora ministro della sanità Francesco De Lorenzo non è mai stata abrogata nonostante i suoi esiti devastanti.
Da allora sono passati ben 13 governi (Amato, Ciampi, Berlusconi, Dini, Prodi, D’Alema, D’Alema, Amato, Berlusconi, Berlusconi, Prodi, Berlusconi, Monti) ma nessuno ha preso l’iniziativa, forse perché troppo indaffarati da sottovalutare un problema umano basilare. In sede giudiziaria c’è stata una conferma passata in giudicato sulla corruzione di Francesco De Lorenzo & soci, al soldo della multinazionale di morte Smith Kline che ha “sponsorizzato” l’introduzione illecita di questo dannoso vaccino.
Eppure non si muove una foglia. Puntualizza e rammenta l’associazione Comilva (NdR: e
www.mednat.org) a difesa delle persone:
«Il 27 maggio 1991, con la legge 165 si istituisce l’obbligo dell’antiepatite B, legge voluta dall’allora Ministro della sanità Francesco De Lorenzo, coinvolto nello scandalo di Tangentopoli: in quanto Ministro della Sanità ottenne, nell'ambito delle indagini su tangenti, una condanna definitiva a 5 anni, 4 mesi e 10 giorni di reclusione con l'accusa di "associazione per delinquere e corruzione finalizzata al finanziamento illecito ai partiti".
Suo degno compare in questa iniziativa fu il dott. Duilio Poggiolini, direttore generale del servizio farmaceutico nazionale del Ministero della Sanità di Francesco De Lorenzo, coinvolto nell'inchiesta Mani Pulite sullo scandalo di Tangentopoli, membro della loggia massonica P2. Implicato nello scandalo per le infezioni HIV ed epatite C dovute a trasfusioni da sangue infetto sempre nello stesso periodo.
Il Ministro De Lorenzo fu perseguito con procedimento penale per avere percepito nell’occasione dalla casa farmaceutica produttrice del vaccino, SmithKline Beecham
una “tangente” di L. 600.000.000 (€ 300.000), procedimento definito con patteggiamento da parte dell’imputato».
Addirittura con tanto di decreto l’allora ministro Veronesi (favorevole al nucleare) il 20 novembre dell’anno 2000, senza alcun tentennamento ha aggiornato il “Protocollo per l’esecuzione della vaccinazione contro l’epatite virale B”.
Quante vite sono state irreversibilmente danneggiate dai luminari di turno e dai politicanti da baraccone ?
Basta poco per cancellare un crimine di Stato ancora in atto che attenta alla vita dei bambini, i più indifesi. Una civiltà si misura dal grado di attenzione verso i più deboli.
Tre domande al primo ministro Mario Monti:
Quanti sono i danneggiati da vaccino in Italia ?
Se la vaccinazione (anche quella coatta) non ha controindicazioni per quale ragione è stata varata la Legge 25 febbraio,1992, numero 210 (Indennizzo a favore dei soggetti danneggiati da complicanze di tipo irreversibile a causa di vaccinazioni obbligatorie, trasfusioni e somministrazione di emoderivati) ?
Infine, perché approvare il Decreto 12 dicembre 2003  (Nuovo modello: segnalazione di reazione avversa a farmaci e vaccini) se la procedura è regolare e non ci sono complicazioni sanitarie nella popolazione pediatrica, come da sempre propagandato dal Ministero della salute

vedi anche: Esperimenti (approvati dal ministero) sui Bambini anche con i vaccini
+ PDF del Ministero sulla sperimentazione dei vaccini sui bambini
INTERROGAZIONE PARLAMENTARE del 1996 - Danni dei Vaccini sui bambini - inevasa....

Cronaca nera 
I ricchi e potenti votati al dio denaro non pagano mai e nuocciono ancora alla collettività, grazie alla disattenzione generale. Ministri, baroni universitari, manager pubblici, funzionari dello Stato, medici in posti chiave di responsabilità, si prodigano ad imporre e restringere la qualità di vita della popolazione italiana dentro il meccanismo della malattia perenne (cronica).
I morti non torneranno in vita e i malati danneggiati dalle vaccinazioni affaristiche, dettate dalla società britannica Smith Kline Beeecham non guariranno, comunque dovranno risarcire lo Stato (si fa per dire) con oltre 5 milioni di euro ciascuno, per danno di immagine l’ex ministro della Sanità
Francesco De Lorenzo (ospite fisso televisivo per anni del "piduista" Maurizio Costanzo) e l’ex direttore generale del Servizio farmaceutico Duilio Poggiolini.
E’ la sentenza numero 5756 della Corte di Cassazione che, pronunciandosi a sezioni unite civili, ha confermato il 12 aprile 2012 una decisione  della Corte dei conti sullo scandalo della sanità nel periodo 1982-1992.
La somma che De Lorenzo e Poggiolini dovranno versare allo Stato è di 5.164.569 euro ciascuno: bruscolini per chi maneggiava ed accumulava lingotti e marenghi d’oro.
La sentenza aveva preso le mosse dalle sentenze penali definitive per i reati di corruzione o concussione «ascritti ai convenuti - è scritto nella sentenza - che, negli anni 1982-1992, nelle posizioni rispettivamente rivestite nell’ambito della pubblica amministrazione, avevano percepito somme da numerose case farmaceutiche, producendo un danno erariale derivato dalla ingiustificata lievitazione della complessiva spesa farmaceutica».
Nella medesima sentenza sono state confermate anche le condanne ai risarcimenti dell’ex segretario personale del ministro Giovanni Marone, nonché di Antonio Boccia, componente della Cip farmaci, entrambi a 2.582.284,50 euro; confermate le condanne anche per Elio Guido Rondanelli (dipendente del ministero) e Pier Carlo Muzio a 516.456 mila euro ciascuno e Antonio Brenna (presidente della commissione Cip farmaci) a 2.582.284 euro.
In totale il risarcimento ammonta a 13 milioni e 427.878 euro.

Tenetevi forte: i mostri (salvo Poggiolini e De Lorenzo) sono ancora in circolazione e possono fare ancora tanti danni.

Solo in Italia con le disgrazie altrui si realizzano fortune economiche e si occupano poltrone ambite. In altri termini si fa carriera, invece di scontare qualche decennio in un campo di rieducazione umana. L’etica è un dettaglio superato.
Il professorone Antonio Boccia, già condannato con sentenza definitiva (attesta la Corte Suprema) per la vicenda corruttiva innescata dalla multinazionale britannica per l’inutile e famigerato vaccino anti epatite B, è l’attuale direttore Dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive Sapienza Università di Roma. Al contempo il luminare è organicamente inserito nelle attività accademiche della multinazionale Smith Kline. Ovviamente, non è il solo: a scorrere i rapporti della Smith Kline degli ultimi due anni, scoviamo altri dirigenti dello Stato, politicanti mutanti e replicanti nonché  sanitari  d’ogni specie.

Sorprese preventive - Filantropi con le vite degli altri. La Smith Kline è un gruppo industriale a livello mondiale che definisce e plasma sulla base dei propri interessi economici la salute dell’essere umano.
Da decenni alla stregua della Novartis (a cui lo Stato tricolore ha elargito 220 milioni di euro per un vaccino inutile: quello della maiala, suina, H1N1) detta legge ai governi italiani (fantoccio) nazionali e regionali, cooptando gli esperti di turno e modellando a proprio piacimento il futuro. Ivan Illich non avrebbe immaginato la portata ai giorni nostri della nemesi medica, vale a dire la deriva sociale e culturale, o meglio i disastri pianificati dagli inventori della malattie, addirittura finanziati con denaro pubblico.
Il documento che ricalca le direttive impartite dagli illuminati Rockefeller & Rothschild accoppiata all’eugenetica propugnata recentemente da Bill Gates,  è inequivocabile: «Questa pubblicazione, curata dalla Fondazione Smith Kline, è una presentazione del RAPPORTO PREVENZIONE 2011 (NdR: firmato dagli amici della Glaxo Smith Kline
)
Le attività di prevenzione dedicata alla XII Conferenza Nazionale di Sanità Pubblica Roma 12-15 ottobre 2011».
Ergo: una multinazionale responsabile di stragi in mezzo mondo, più volte condannata negli Stati Uniti d’America a maxi risarcimenti economici, quindi senza alcuna credibilità a livello planetario,
si prende cura addirittura della popolazione italiana.
Nel lavoro ben remunerato, è coadiuvata da uno stuolo di "esperti" del Belpaese.
Nel volume pubblicato dalla casa editrice Il Mulino è sorprendente la presentazione a cura di Antonio Boccia, Walter Riccardi e Paolo Villari: «la convinzione, tra gli studiosi di sanità pubblica e gli operatori del settore, è che il cammino da fare per il raggiungimento nel nostro paese di una prevenzione realmente al passo dei tempi, sia ancora lungo.
In quest’ottica si inserisce l’iniziativa della Fondazione Smith Kline (vedi FSK), in collaborazione con la Società italiana di igiene, medicina preventiva e sanità pubblica (SItI), di costituire un gruppo di esperti per discutere lo stato della prevenzione in Italia, anche nel più ampio contesto europeo, per analizzare e diffondere le "migliori pratiche preventive" (NdR: in parole povere soprattutto le vaccinazioni) e per proporre innovazione in termini di politica sanitaria, di percorsi organizzativi e di tecnologie.
Il gruppo di esperti è così costituito:
- Prof. Antonio Boccia, direttore Dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive Sapienza Università di Roma, SItI

- Prof. Francesco Calamo Specchia, Università Cattolica del Sacro Cuore

- Prof. Cesare Cislaghi, Agenzia per i Servizi sanitari regionali, Università di Milano

- Dott. Antonio Federici, Ministero della Salute

- Dott. Fausto Francia, Dipartimento di prevenzione Ausl di Bologna, SItI - Dott. Domenico Lagravinese, Dipartimento di prevenzione Asl di Bari, SItI

- Dott. Lorenzo Marensi, Unità Operativa Igiene Asl 3 - Genovese, SItI

- Dott. Fabrizio Magrelli, Dipartimento di Prevenzione Asl RM/B Roma; SItI

- Dott.ssa Anna Lisa Nicelli, Fondazione Smith Kline

- Dott.ssa Maria Grazia Pompa, Ministero della Salute

- Prof. Giovanni Renga, Università di Torino, Fondazione Smith Kline

- Prof. Walter Ricciardi, direttore Istituto di Igiene Università Cattolica del Sacro Cuore, SItI

- Dott. Giuseppe Scaramuzza, Cittadinanzattiva - Prof. Carlo Signorelli, Università di Parma, SItI

- Prof. Marco Trabucchi, Università di Tor Vergata, Fondazione Smith Kline

- Prof. Paolo Villari, Sapienza Università di Roma, SItI.

L’obiettivo è quello di pubblicare un Rapporto prevenzione annuale, che si affianca al consueto Rapporto sanità della Fondazione Smith Kline, suddiviso in una prima parte dedicata alle attività dell’Osservatorio italiano sulla prevenzione (Oip) ed una seconda parte relativa ad uno specifico tema di approfondimento.
La seconda parte del Rapporto si apre con una riflessione sulla governance della prevenzione tra livello centrale e livello regionale, fornendo a Boccia et al. l’opportunità di schematizzare i principali atti legislativi e programmatori posti in essere nell’ambito della prevenzione dopo la riforma federalista dello stato del 2001 a partire dall’accordo di Cernobbio del 2004 per finire con il Piano nazionale della prevenzione 2010-2012, in cui si affronta in modo sistematico il tema della governance alla luce della riforma del titolo V della Costituzione identificando il modello della stewardship.
Si tratta di una strategia di gestione “orizzontale” del sistema sanitario che viene proposta con forza dal World health organization (WHO; Organizzazione mondiale della sanità - OMS) e che molti paesi europei stanno adottando.
In questo modello il ministero svolge un ruolo di indirizzo e coordinamento, ma anche di interlocutore con le regioni; queste ultime possono assumere lo stesso ruolo – quello di steward – nei confronti delle Aziende sanitarie locali (Asl).

Nel secondo contributo Ricciardi et al. affrontano il tema delle malattie "prevenibili" con la vaccinazione, riassumendo le tormentate vicende dei Piani nazionali vaccinazioni ed evidenziando come si stia facendo prepotentemente strada l’idea che da una parte debbano essere chiaramente individuati criteri per l’inclusione dei vaccini nei piani nazionali di "immunizzazione attiva", dall’altra che le metodologie di valutazione debbano essere rigorose e multidimensionali». vedi: la Falsita' dell'effetto Gregge - Herd Immunity

Identikit della Fondazione Smith Kline
La Fondazione Smith Kline è retta da un Consiglio di Amministrazione composto di nove membri comprendenti:
il Presidente ed il Vice Presidente e Segretario Generale (della GSK).
Cinque Consiglieri sono proposti da istituzioni pubbliche:
- Ministero della Salute - Dr. Emanuele Calvario, Segretario Particolare del Ministro
- Ministero dell'Università e della Ricerca - nomina in via di formalizzazione
- Ministero dell'Economia e delle Finanze - Dr. Roberto Basso, Portavoce del Ministro
- Istituto Superiore di Sanità - Dr. Angelo Lino Del Favero, Direttore Generale
- Conferenza Stato Regioni - Prof ssa Flavia Franconi, Assessore alla Salute della Regione Basilicata

Quattro Consiglieri vengono designati dalla società fondatrice GlaxoSmithKline S.p.A. (GSK):
- Prof. Angelo Riccaboni, Magnifico Rettore dell'Università di Siena
- Prof. Gilberto Corbellini, Professore ordinario di Storia della Medicina e docente di Bioetica presso Università La Sapienza di Roma
- Dr.ssa Anna Lisa Nicelli, Vice Presidente e Segretario Generale FSK
- Dr. Giuseppe Recchia, Vice President Medical &Scientific GSK

vedi anche: Ministero informato dei gravi danni dei vaccini fa finta di nulla....ed i Giudici pure...
.Esposto 2 + Esposto 3
Ecco la lista dei Corruttori  e dei Corrotti della Sanita' Italiana:
http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2012/10/vaccini-pediatrici-ecco-corruttori.html

Ed e' essa stessa che cita chi sono gli esperti che pianificano la prevenzione in Italia.
Sulla scena controllori e controllati insieme appassionatamente.
- L'onnipresente “Antonio Boccia è Direttore del Dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive, Sapienza Università di Roma e Presidente eletto della S.It.I. (Società Italiana di Igiene, Medicina preventiva e Sanità Pubblica);
- Cesare Cislaghi, è Responsabile della Sezione LEA e Monitoraggio Spesa sanitaria dell’Agenas (Agenzia Nazionale per i Servizi sanitari regionali), Università degli Studi di Milano; 
- Antonio Federici, è dirigente del Ministero della salute e del Centro nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie Centro nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie;
- Domenico Lagravinese è Coordinatore del Collegio operatori sanità pubblica (S.It.I.), Direttore del Dipartimento di Prevenzione e del Servizio Igiene e Sanità Pubblica dell’Asl di Bari;
- Anna Lisa Nicelli è Vice Presidente e Segretario Generale della Fondazione Smith Kline, Roma;
- Giovanni Renga è Professore Emerito di Igiene del Dipartimento di Sanità Pubblica e di Microbiologia, Università di Torino, S.It.I. (Società Italiana di Igiene, Medicina preventiva e Sanità Pubblica);
- Walter Ricciardi è Direttore dell’Istituto di Igiene, Università Cattolica Sacro Cuore di Roma, S.It.I. (Società Italiana di Igiene, Medicina preventiva e Sanità Pubblica);
- Carlo Signorelli è Professore Ordinario di Igiene generale e applicata dell’Università degli Studi di Parma e Vicepresidente S.It.I. (Società Italiana di Igiene, Medicina preventiva e Sanità Pubblica);
- Marco Trabucchi è Professore Ordinario nella Facoltà medica dell’Università di Roma Tor Vergata e Responsabile dell’Area Politiche Sociali e Sanitarie della Fondazione Smith Kline, Roma;
- Paolo Villari è Professore Ordinario, Dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive, Sapienza Università di Roma e Segretario generale della S.It.I. (Società Italiana di Igiene, Medicina preventiva e Sanità Pubblica).

Questi signori, sono membri del Board Prevenzione della Fondazione Smith Kline: Maurizio Bassi, Antonio Boccia, Francesco Calamo Specchia, Cesare Cislaghi, Antonio Federici, Fausto Francia, Domenico Lagravinese, Lorenzo Marensi, Fabrizio Magrelli, Anna Lisa Nicelli, Maria Grazia Pompa, Giovanni Renga, Walter Ricciardi, Giuseppe Scaramuzza, Carlo Signorelli, Marco Trabucchi e Paolo Villari”.

Testimone diretto - Giorgio Tremante è un uomo libero, ben consapevole del dolore dei figli (NdR: due figli uccisi ed un terzo cerebroleso dai vaccini).
Lui stesso racconta del processo a De Lorenzo e Poggiolini: «Come Presidente del Comilva, allora, avevo firmato il documento per la costituzione di parte civile in tale procedimento.
Avevamo in mano le prove, per mezzo di una dichiarazione del direttore responsabile della ditta produttrice del vaccino per l’epatite B, SmithKline Beecham, che riferiva che all’allora Ministro della Sanità era stata pagata una tangente di 600 milioni di lire (€ 300.000) perché facesse passare, come poi avvenne per mezzo di vari sotterfugi, la legge che imponeva in Italia, allora l’unica nazione al mondo, l’obbligatorietà di tale vaccinazione.
Nonostante il parere negativo di moltissimi scienziati in campo internazionale, fra i quali lo stesso scopritore del vaccino antipoliomielitico, acceso sostenitore delle vaccinazioni, Albert Sabin. Il quale durante una trasmissione televisiva su Rai 3, “Mi manda Lubrano” alla quale io stesso partecipai in diretta, mentre lo scienziato in differita, fece queste precise  affermazioni: “...Durante il mio ultimo soggiorno in Italia sono venuto a sapere che era stata appena approvata la legge che introduceva la vaccinazione obbligatoria contro l’epatite B. A mio giudizio si tratta di un errore grossolano e sono certo che il ministro della Sanità è stato molto mal consigliato. In realtà in Italia oltre l’ottanta per cento di casi  si verificano tra i tossicodipendenti che fanno uso di siringhe infette o che non cambiano siringhe o tra omosessuali promiscui di sesso maschile. Affrontando questi aspetti del problema si otterrebbero risultati migliori di quelli garantiti dalla vaccinazione obbligatoria previsti dalla legge appena approvata...” 
Successe poi che i signori “imputati” chiesero il patteggiamento, ragion per cui, la nostra parte civile da quel procedimento venne estromessa.
Il resto della storia “De Lorenzo e Poggiolini” è nota a tutti per cui ritengo superfluo rammentarla.  Nonostante ciò il vaccino per l’epatite B è rimasto 
obbligatorio ancora oggi nel nostro Paese»

GlaxoSmithKline (GSK) è una multinazionale farmaceutica che attualmente fattura 23 miliardi di euro e vanta un utile di oltre 5 miliardi di euro all'anno. Dopo una lunga indagine  e diverse ammissioni di colpevolezza, una delle aziende farmaceutiche più grandi al mondo, è stata recentemente condannata  dalla FDA (l'ente governativo statunitense di controllo sui farmaci) ad una sanzione di   3 miliardi di dollari per colpa civile e penale in fatti riguardanti la vendita, l'approvazione ed il commercio di una serie di farmaci di sua produzione. L'enorme somma è la sanzione più alta mai assegnata negli Stati Uniti d'America in frodi sanitarie.
I farmaci coinvolti sono diversi, Paxil
, Wellbutrin, Avandia, Advair ed altri, si tratta di antidepressivi e farmaci per il diabete (alcuni in vendita anche in Italia anche se l'azione legale riguarda solo il territorio nordamericano).
All'estero - La stessa GSK è accusata in Argentina per la morte di 14 bambini sottoposti al test del vaccino Synflorix 1. Infatti la Argentinean Federation of Health Professionals (Federazione Argentina di Professionisti per la Salute) ha accusato la Glaxo SmithKline,   di aver fatto pressioni su famiglie povere e svantaggiate per reclutare i loro figli in test clinici sul Synflorix: un vaccino sperimentale pediatrico sulla polmonite.  Ma non solo: la GSK  è indagata anche in Francia.
L'associazione Comilva ha denunciato 4 anni fa la situazione alle autorità giudiziarie italiane:
Procura della Repubblica di Verona (procedimento penale numero 2048/08):
"L’indagine promossa dalla magistratura francese nei confronti dei dirigenti di Glaxo Smith Kline sui danni, anche mortali, provocati dalla vaccinazione antiepatite B, per omessa informazione sui suoi effetti collaterali, evidenzia la necessità di un accertamento sulla sicurezza delle procedure di informazione e di somministrazione dei vaccini anche da parte della magistratura italiana, e ciò considerato l’alto numero di danni da vaccinazione finalmente emerso con la relazione (doc. 4 dell’esposto) del Servizio Sanità Pubblica e Screening della Regione Veneta:
il predetto documento, che rappresenta l’unica statistica ufficiale sui danni da vaccinazione portata, nel nostro Paese, a conoscenza del pubblico, consente di stabilire per la prima volta un rapporto attendibile fra numero di bambini nati in un certo anno e numero delle reazione avverse a vaccini; rapporto che evidenzia come tali danni non rappresentino eccezionali tragici esiti di una pratica ma eventi del tutto ordinari di un sistema di somministrazione dei vaccini gestito - come si documenterà - senza alcuna effettiva precauzione". 
Sentenza della Cassazione, n 5756 del 2012: http://img109.imageshack.us/img109/9544/sentenzacassazione2012.pdf
Smith Kline: Rapporto prevenzione, 2011: http://img210.imageshack.us/img210/8660/smithklinerapportopreve.pdf
By Gianni Lannes – Tratto da: sulatestagiannilannes.blogspot.it

vedi: Corruzione Farmaceutici - 1 PDF + Corruzione Farmaceutici - 2 PDF

vedi: "Vaccine Nation" è un documentario che racconta l'incredibile storia di Alan Yurko e della sua famiglia.

vedi anche: Bibliografia Danni dei vaccini  +  Bibliografia danni 2  +  1.000 studi sui Danni dei Vaccini
+ Danni dei Vaccini + Contro Immunizzazione

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

CORRUZIONE FARMACEUTICA - Conflitti di Interesse
Così le aziende farmaceutiche corrompono i ricercatori – Feb. 2013
Ricercatori a libro paga di aziende farmaceutiche. Scienziati che studiano un farmaco, lo testano per anni e poi ne riportano i risultati su riviste di prestigio. Sistemi sanitari che approvano e rimborsano solo le medicine testate, titolate e controfirmate, seguendo i cosiddetti “criteri scientifici”.
Medici e pazienti -rassicurati da questa mole di studi- che si fidano, i primi prescrivendolo, i secondi credendo di curarsi. E invece salta fuori il conflitto di interessi. L’azienda farmaceutica paga per farsi approvare i farmaci (NdR: vaccini compresi).
Un esempio ?
La Wyeth ha elargito somme di denaro al ricercatore Robert Lindsayautore di uno dei primi trial clinici di terapia ormonale sostitutiva (Tos), a base di estrogeni, per curare l’osteoporosi. Lindsay è anche direttore della rivista Osteoporosis International e presidente della National Osteoporosis Foundation.
L’inchiesta che ha portato a galla la corruzione è stata condotta da Charles Seife, matematico e giornalista di Washington.
Riportata dalla rivista Scientific American , la troviamo sul numero di febbraio de Le Scienze che all’argomento dedica la copertina “Fidarsi di Big Pharma ?” , l’editoriale di Marco Cattaneo e un servizio di 9 pagine.
“Quello di Lindsay è un caso tipico – spiega Seife – Negli ultimi anni le case farmaceutiche hanno trovato molti modi per mettere ingenti somme di denaro – in alcuni casi sufficienti a garantire a un figlio la frequenza all’università – nelle tasche di medici indipendenti che svolgono ricerche su farmaci in fase di produzione o commercio da parte di queste aziende.
Il problema non riguarda solo imprese e ricercatori ma il sistema: istituzioni finanziatrici, laboratori, riviste specialistiche, ordini professionali e così via. Nessuno offre un metodo di controllo in grado di evitare conflitti di interesse”.
Seife riferisce che “in tutti gli Usa ci sono scienziati che conducono ricerche finanziate dal governo e contemporaneamente prendono denaro dalle case farmaceutiche. Per avere un’idea della quantità di denaro ho consultato la banca dati ProPublica che contiene i pagamenti delle case farmaceutiche per identificare i ricercatori pagati.
Nel solo stato di New York abbiamo individuato esborsi per 1,8 milioni di dollari da parte di poche aziende a beneficiari di finanziamenti pubblici. Erano pagamenti per tenere conferenze, consulenze e altri servizi”.
Uno studio pubblicato nel 2010 sul British Medical Journal rivelò che l’87% dei ricercatori che diede parere favorevole al farmaco per il diabete Avandia prodotto dalla GlaxoSmithKline, sospettato di provocare infarti, avevano ricevuto denaro dai produttori del farmaco. Nel caso dell’Avandia la corruzione emerse anche fra i membri della commissione della Food and Drug Administration chiamata a valutare.
Seife invoca un sistema basato sull’onore, dominato dalla trasparenza, “lo richiedono le riviste specialistiche, le organizzazioni professionali e le istituzioni che finanziano le ricerche: è fondamentale che uno scienziato dichiari apertamente da chi prende soldi, dopo di che, la comunità scientifica deciderà fino a che punto fidarsi”.
Di più, direi che la trasparenza debba essere totale e interessare tutti gli anelli della catena, dal più importante al più debole.
Ciascuno di noi ha il diritto di sapere che il sistema che ha approvato le sue terapie ha preso denaro, esattamente come un lettore ha diritto di sapere chi è l’editore di un giornale e un risparmiatore ha diritto di sapere a chi consegna il suo denaro.
Il Parlamento degli Stati Uniti ha approvato quest’anno il Physician Paymentes Sunshine Act, la norma entrata in vigore a gennaio 2013 impone alle case farmaceutiche e ai produttori di dispositivi medicali di dichiarare la maggior parte dei fondi con cui vengono finanziati medici e ricercatori.
Tratto da: blog.ilgiornale.it

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

TROVATO un meccanismo di azione delle tossine dei VACCINI anche sul cervello  ! - 22/03/2009
ANSA, Roma - Esiste un passaggio segreto che permette alle cellule immunitarie di penetrare nel cervello e di aprire la strada ad una seconda ondata di cellule pericolose, capaci di scatenare malattie autoimmunitarie, come la sclerosi multipla, nelle quali il sistema immunitario aggredisce l’organismo al quale appartiene.
La scoperta della nuova porta, pubblicata sulla rivista Nature Immunology, potrebbe portare in futuro a nuove armi per contro la sclerosi multipla, "ma non solo: lo stesso meccanismo potrebbe essere coinvolto in altre malattie autoimmuni", osserva la coordinatrice della ricerca, l’italiana Federica Sallusto, dell’Istituto svizzero per la Ricerca in Biomedicina (Irb) di Bellinzona, diretto da Antonio Lanzavecchia.
Oltre che con Lanzavecchia, il lavoro e' stato condotto in collaborazione con Andrea Reboldi, dell’Irb, e da Antonio Uccelli, dell’università di Genova. Il passaggio segreto che permette di entrare nel cervello alle cellule apripista e' il plesso coroideo, una vera e propria matassa di vasi sanguigni nella quale viene prodotto il liquido spinale. e' una via d’ingresso alternativa a quella che da tempo e' considerata il «portone principale», ossia la barriera emato-encefalica.
Che ci fosse un’altra entrata era noto, spiegano i ricercatori, ma questa era considerata una sorta di "porta di servizio", di importanza secondaria. Adesso, osserva Lanzavecchia, "conosciamo la funzione di questa porta segreta e si può pensare a future strategie terapeutiche in grado di bloccare questo ingresso".

Altro meccanismo di azione delle tossine vaccinali di qualsiasi vaccino, anche nel cervello:
I Macrofagi molte volte trasportano le sostanze vaccinali nel cervello ed in tutti i tessuti del corpo, ecco una descrizione del  meccanismo:
L'alluminio (od altri metalloidi tossici, ad esempio il Thiomersal) contenuto in vari Vaccini esempio: influenza, esavalente  comprese, viene trasportato nel cervello dai macrofagi .... e cio' spiega il meccanismo della cosiddetta SIDS o morte nella culla, che nei fatti e' una danno vaccinale e non una nuova malattia !
Ecco spiegato il meccanismo biologico ed il diagramma del tragico evento....
Il meccanismo viene ben spiegato qui:  ciò che in realtà accade è che un tipo di globuli bianchi chiamati a macrofagi (MF) ingerisce (processo è chiamato "fagocitosi") gli AANs prima che si sciolgano. (Aluminum Adjuvant Nanoparticles = AANs)
L'ingestione di corpi estranei è un comportamento normale per MF. La loro funzione principale è la fagocitosi cioè la capacità di inglobare nel loro citoplasma particelle estranee, anche nanoparticelle, compresi i microrganismi (batteri e funghi estranei), e di distruggerle. Inoltre, fatto importante da tenere in considerazione in  questi casi, secernono citochine ad attività proinfiammatoria e presentano l'antigene ai linfociti T-CD4.
Quando MFs rilevano batteri o altri agenti patogeni, i loro campi magnetici li invitano ad ingerire gli agenti patogeni, e distruggerli con gli enzimi. I MFs sanno assieme ad altre cellule del sistema immunitario circa il patogeno introdotto e come rilevarlo. MFs ingeriscono anche molti tipi di nanoparticelle.
Il problema è che AANs non sono digeriti dagli enzimi MF. E gli AANs, una volta all'interno degli MF, si sciolgono lentamente.
Le AANs persistono per lungo tempo (anni) e causano nei MF a far fuoriuscire lentamente alluminio.
Gli MF che consumano gli AANs divengono altamente contaminati con l'alluminio o con altri metalli tossici e nanoparticelle ingerite, e li diffondono ovunque vanno. E vanno in tutto il corpo. MFs e non viaggiano solo nel sangue, il che spiega il motivo per cui non si trova facilmente nel sangue l'alluminio dopo la vaccinazione, perche' e' gia stato fagocitato (ingerito) dagli MF e perche' gli MF viaggiano anche attraverso il sistema linfatico.
I campi magnetici sono in grado di "viaggiare" (informare) attraverso la barriera emato-encefalica (BBB). Gli MFS, una volta caricati con AANs, agiscono come un cavallo di Troia e trasportano le AANs nel cervello. Questo è dannoso, perché il cervello è molto sensibile all' alluminio.
Senza contare le possibili microischemie (vedi le scoperte del Dott. Andrew Moulden) che possono intervenire nella microcircolazione, soprattutto cerebrale od in altri luoghi...per il fatto che i globuli bianchi e di conseguenza i macrofagi nel loro processo di fagocitosi, (ingestione delle sostanze tossiche vaccinali) possono generare,.... inoltre i macrofagi secernono, nella loro azione quando hanno ingerito le sostanze vaccinali, altre sostante PRO-infiammazioni.... con tutte le conseguenze del caso, polio = paralisi, distrofie, meningiti, sclerosi, infiammazioni croniche, gastroenteriti croniche, ecc....fino alla morte nella culla = SIDS !!

A conferma di cio' che abbiamo scritto qui sopra - Maggio 2016
Uno studio condotto da ricercatori della University of Virginia School of Medicine, negli USA, ha determinato, dopo meticolose ricerche durate anni, che il cervello è direttamente collegato al sistema immunitario tramite vasi linfatici che si pensava non esistessero. 
Si tratta di una scoperta sensazionale che ribalta decenni di insegnamenti e di teorie apprese da ogni libro di medicina.
È sorprendente che proprio tali vasi linfatici siano sfuggiti ad occhi attenti e brillanti di migliaia di ricercatori e medici dato che il sistema linfatico è stato mappato in tutto il corpo in ogni singolo dettaglio, ma il vero significato della scoperta risiede negli effetti che questa potrebbe avere sullo studio e sulle vere cause dell'autismo e/o di tutte le patologie neurologiche.
Come si studia la risposta immunitaria del cervello ?
Perché pazienti con malattie neurologiche, autismo, sclerosi multipla, ecc., presentano diversi attacchi al sistema immunitario, cioe' immunodepressioni ?, 
...ma ....ora finalmente possiamo comprendere, oltre alle cause di tali malattie, anche avvicinarci meccanicamente e realmente al problema perché il cervello è, come ogni altro tessuto, collegato al sistema immunitario periferico attraverso i vasi linfatici meningei – cosi' ha affermato Jonathan Kipnis, professore del Dipartimento UVA di Neuroscienze e direttore presso il Center for Brain Immunology and Glia (BIG) dell’Università della Virginia.

Qui nel diagramma, viene spiegato nei particolari il tragico evento:
http://vaccinepapers.org/al-adjuvant-nanoparticles-can-travel-brain/

Continua da e su: Corruzione - 1

Pag. 6  -  Pag. 7  -  Pag. 8  -  Pag. 9  -  Pag. 10  -  Pag 11  -  Pag. 12  -  Pag. 13  - Pag 14  - Pag 15  -  Pag. 16  -  Pag. 17  -  Pag. 18  -  Pag.19  -  Pag. 20  -  Pag. 21

vedi anche Dati ISTAT sui Vaccini