Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


Vaccini: mucca pazza, mercurio e sindrome dei Balcani sui militari Italiani
"Vaccine Nation" è un documentario che racconta l'incredibile storia di Alan Yurko e della sua famiglia.
Il Thimerosal dei vaccini distrugge e/o altera la flora intestinale essendo una sostanza altamente tossica

 

Italia: Da diversi anni, l'Associazione nazionale assistenza vittime arruolate nelle Forze armate e famiglie dei caduti porta avanti col Comitato genitori di militari caduti in tempo di pace un'opera di denuncia per far conoscere i casi di militari italiani presenti nelle missioni in Macedonia e Kosovo deceduti, colpiti da patologie tumorali, o a cui sono nati figli malformati.
A tutt'oggi 2007 sono circa 170 i morti per “sindrome dei Balcani”, e più di 2600 gli ammalati. Nel 2013 sono c.a.4.000 gli ammalati di cui il 10% e' gia' morto !
Le autorità governative e le "commissioni appositamente costituite" per indagare sul fenomeno, hanno escluso ogni correlazione tra l'uranio impoverito e il tumore che ha colpito i soldati, ma sono affiorati i FATTI che dimostrano che sono i Vaccini che ammalano ed uccidono i nostri militari.
 

Secondo uno schieramento trasversale composto da parlamentari, associazioni di militari, medici e scienziati, la vera causa delle patologie sarebbe nei vaccini: un cocktail di 30-35 vaccinazioni, fra quelle effettuate da bambini (circa 16) + quelle al servizio militare (altrettante) fatte ai militari in tempi strettissimi, prima della partenza. Sarebbero state queste a indebolire gravemente le difese immunitarie dei nostri militari. 

vedi:  DANNI dei VACCINI anche ai Bambini
+ Meccanismo dei Danni dei Vaccini + Uranio Impoverito ? NO sono i Vaccini + Contenuto dei Vaccini + Falsita' della medicina ufficiale +  1000 studi sui Danni dei Vaccini  +  Malassorbimento
Negli USA dal 1988 le vaccinazioni si sono triplicate ed i casi di Autismo sono aumentati del 270 % !!
Metalli tossici dei vaccini = Autismo vedi: PDF -  dott. M. Proietti

video del dott. Massimo Montinari a Don Chisciotte  - Ott. 2012


La sezione senese della Lega per la Lotta contro i Tumori, il dipartimento di Scienze Ambientali dell'Università di Siena e il comando militare regionale
, hanno promosso una dettagliata indagine svolta nelle regioni del Kosovo maggiormente colpite dai bombardamenti dell'operazione condotta nel 1999 dalla Nato contro la Jugoslavia: i livelli di radioattività provocati dall'uso di proiettili contenenti uranio impoverito sono quasi insignificanti.
Gli esami fatti su ben 602 soldati italiani di un intero reggimento e su alcuni civili che hanno operato nell'area dei Balcani hanno dato risultati negativi, sono tutti quanto immunodepressi.

Per i vari casi di leucemia che hanno colpito i militari italiani impegnati anche in quella operazione, le autorità si trincerano dietro un "no comment", ed aggiungono al massimo di rivalutare l'ipotesi "sfiga". 
Inoltre, dato che il numero di persone colpite si aggirerebbe attorno alla media, ciò significa che data la concentrazione di malati "alquanto curiosa" tra i reduci del Kosovo - fanno sapere i vertici militari....pero' i fatti dimostrano che il 70% dei militari ammalatisi, NON si sonon mai recati in zone di guerra, ma sono rimasti sul territorio italiano...quindi ?? ... sono i Vaccini

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>
 

Des produits bovins de pays à risque ESB, utilisés dans des vaccins (Francais) - 09/02/2001
Prodotti Bovini dai paesi a rischio BSE, utilizzati nei vaccini

 

WASHINGTON (AFP) USA - Des produits bovins provenant de pays où sévit l'encéphalopathie spongiforme bovine (ESB) ou d'origine géographique inconnue sont utilisés pour la fabrication de vaccins aux Etats-Unis, a-t-on appris jeudi auprès de l'Agence américaine de contrôle des médicaments (FDA).

A l'issue de contrôles, la FDA a découvert qu'en dépit de ses recommandations, cinq groupes pharmaceutiques, dont l’entreprise Aventis, GlaxoSmithKline, et la North American Vaccine, racheté en novembre par Baxter International, continuent de fabriquer des vaccins avec de produits susceptibles d'être contaminés par la maladie de la vache folle (ESB).

La FDA a demandé à ces fabricants de remplacer ces produits par d'autres provenant exclusivement de pays sans risque d'ESB, tout en précisant que le risque de contagion par la variante humaine de cette maladie est minime pour les patients vaccinés, soit de l'ordre de 1 pour 40 millions de doses.

Aucun cas de la variante de la maladie Creutzefeldt-Jakob, transmise à l'homme par la consommation de produits bovins contaminés, n'a jusqu'ici été décelée aux Etats-Unis, a indiqué la FDA.

Les vaccins faits à partir de tissus de bovins importés de pays à hauts risques où est présente l'EBS sont des vaccins requis pour les enfants. Il s'agit notamment de vaccins contre la grippe à virus B, produit par Aventis Pasteur et SmithKline Beecham, contre la diphtérie, le tétanos et la coqueluche fabriqués par North American Vaccine et SmithKline Beecham et d'un vaccin contre l'hépatite A produit également par SmithKline Beecham.

Les vaccins faits à partir de tissu de bovins d'origine géographique inconnue sont un vaccin contre la polio produit par Aventis Pasteur, l'Anthrax, administré à tous les soldats américains déployés dans le Golfe, et fabriqué par BioPort, et un vaccin contre la pneumonie produit par American Home Products.

© 2001 AFP. Tous droits de reproduction et de représentation réservés.


Danemark:  des vaccins risquent d'être contaminés par l'ESB - 20 août 2001

COPENHAGUE (AFP) - Deux médecins danois ont exprimé leurs craintes face au vaccin pour enfants contre la rougeole, les oreillons et la varicelle, MFR, qui pourrait constituer un risque de contamination par la maladie de Creutzfeldt-Jakob, une variante humaine de la maladie de la "vache folle".

Dans un article publié lundi par la revue hebdomadaire des praticiens danois, Ugeskrift for Laeger, les docteurs Viggo Kragh Joergensen et Palle Rosted ont appelé la direction de la Santé publique à clairement indiquer le risque potentiel que comporte ce vaccin et les conséquences que sa prise peut entraîner.

Le vaccin MFR (les initiales des trois maladies concernées) contient, selon ces médecins, un produit sanguin, l'albumine humaine, produite à partir d'un mélange de milliers de portions de plasma sanguin. Ce plasma est testé pour le VIH du sida et l'hépatite virale, mais non pour la maladie de la "vache folle".

"Il y a toujours un risque dont il faut tenir compte", ont-ils estimé, soulignant qu'il y avait 0,3 milligramme d'albumine dans chaque dose de vaccin MFR.

L'albumine est en outre utilisée contre la chute de la pression artérielle, ont-ils rappelé, observant une préoccupation croissante dans le monde médical face au risque que l'encéphalopathie spongiforme bovine (ESB) soit transférée à l'être humain par le biais de produits sanguins.

Le directeur de l'Institut de Sérologie d'Etat, qui a homologué les vaccins pour enfants, a averti sur les ondes de la radio publique DR, qu'il "ne conseillait pas aux parents de ne pas vacciner leurs enfants. D'ailleurs, le ministère de la Santé publique ne le fait pas au Danemark, et on ne le fait nulle part ailleurs dans le monde".

Il a estimé que "les risques de contamination étaient théoriques et tout à fait hypothétiques, qu'on n'est pas sûr que cette maladie soit véhiculée par voie sanguine, et qu'on a uniquement des soupçons là-dessus dans des circonstances particulières".

Le Dr. Doris I. Stenver, de l'Agence des médicaments, a affirmé, dans un communiqué conjoint avec la direction de la santé publique, "qu'il n'y avait aucun risque réel lié au vaccin MFR, et que les avantages de l'utilisation de ce vaccin dépassaient nettement les inconvénients".

Le médecin a souligné que le programme MFR de vaccination des enfants existait au Danemark depuis 14 ans, et qu'il était aussi en vigueur dans la plupart des pays sans qu'on ait enregistré un seul cas de maladie de Creutzfeldt-Jakob lié à ce vaccin.

Les autorités danoises n'ont jamais constaté de cas de cette maladie dans le royaume.

 http://www.health.fgov.be/WHI3/krant/krantarch2001/kranttekstaug1/010821c04afp.htm

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Vaccini: BSE, mercurio e sindrome dei Balcani sui militari Italiani  +  Uranio impoverito ? no sono i Vaccini

3 dicembre 2004 - Elio Rossi

E' uscito a novembre dopo 2 anni di lavoro e la spesa di 81 miliardi di lire il rapporto della commissione parlamentare inglese sull'epidemia dell'encefalite spongiforme bovina (BSE) ovvero il morbo della mucca pazza, e la sua diffusione all'uomo, che ha causato nel Regno Unito fino ad ottobre 2000 almeno 84 casi censiti e 77 persone decedute.

Il rapporto conferma la responsabilità del governo inglese in carica in quegli anni di omissione dei necessari controlli e di avere sottovalutato ripetutamente le denunce della comunità scientifica sul rischio di contagio dall'animale all'uomo e sulla possibilità di trasmissione alimentare della malattia.
Non solo. Era stata intrapresa, a beneficio degli allevatori e dell'economia inglese, una campagna di massa di rassicurazione sull'innocuità della carne bovina e di accusa di allarmismo sociale e catastrofismo per chi mostrava di temere che potesse accadere ciò che poi in effetti successe. Naturalmente la scoperta dei nuovi casi di BSE rilevati a partire da novembre, prima in Francia poi in Spagna, Germania, Grecia, ha smentito nei fatti le parole rassicuranti spese fino a quel momento e ha riportato drammaticamente alla ribalta il problema, tanto da costringere in dicembre i ministri della Agricoltura dei paesi dell'Unione Europea alla grave decisione di sospendere l'autorizzazione all'uso di farine animali per almeno 6 mesi su bovini ed altri erbivori.
I primi risultati del test di screening della malattia fatto in modo estensivo su tutta la popolazione bovina nella Loira, Bassa Normandia e Bretagna, hanno consentito di censire 2 animali su 1000 ammalati di BSE, portando a 162 i casi totali di malattia animale registrati in Francia fino al novembre 2000 e di dimostrare che le più colpite sono le vacche nate fra il 1993 e il 1995. Casi di BSE sono stati segnalati dopo lo screening di massa anche in Germania, paese ritenuto fino a poco tempo fa esente dall'infezione, mentre in Italia al momento non vengono segnalati casi sospetti, ma i tests sono (naturalmente) in ritardo di esecuzione.
A questo punto suonano male i comunicati di rassicurazione che il Ministero della Sanità inglese ha emesso dopo avere ordinato il ritiro dal commercio di un vaccino antipolio contenente materiale derivato da tessuto bovino proveniente da capi inglesi e quindi considerati a rischio di encefalopatia spongiforme. Secondo le autorità sanitarie, infatti, il rischio di contrarre la malattia con il vaccino antipolio era infinitamente piccolo, dato che fino ad quel momento non erano stati registrati casi di contagio da siero di vitello, il materiale impiegato nella preparazione del vaccino.
Il vaccino sequestrato è un vaccino Sabin, prodotto dalla casa farmaceutica Medeva, in violazione alle norme europee e inglesi che vietano esplicitamente l'impiego di derivati da tessuti bovini provenienti da paesi in cui si sono verificati casi di morbo di Jacob. Nessun controllo è stato effettuato per accertare che la ditta seguisse scrupolosamente le norme di fabbricazione, con il risultato che per molti anni sono stati vaccinati con quel prodotto migliaia di piccoli pazienti. Poco tempo dopo la diffusione di questa informazione, il giornale La Repubblica del 21/12/00 pubblica la notizia che in Irlanda il siero (?) di un donatore ammalato di Cruezfeld - Jakob è stato utilizzato per la preparazione del vaccino antipolio. Quindi non solo materiale bovino potenzialmente infetto ma materiale umano contaminatoè stato mescolato con il siero di 63000 donatori", come ha dichiarato il Ministro della Sanità irlandese.
Il governo dice che non ci sono rischi fino a quando non muore qualcuno e che per verificare se il rischio teorico diventa reale ci vogliono comunque almeno 10 anni è stato il commento dei genitori, giustamente preoccupati, e delle associazioni di auto aiuto a tutta la vicenda.
Non è la prima volta che viene lanciato un allarme che porta poi al sequestro cautelativo di un vaccino. Per esempio nel 1992 venne ritirato dalla circolazione un vaccino antiparotite in associazione con l'antimorbillo e l'antirosolia, su segnalazione delle autorità sanitarie inglesi che avevano registrato una percentuale di encefaliti postvaccinali superiori a quelle previste. I vaccini Pluserix e Immravax, contenenti il ceppo virale Urabe Am9 avevano prodotto sintomi di meningite in 53 pazienti per una morbilità di 1 caso su 11 000 dosi.
Non più tardi di un paio di anni fa era stato ritirato dal commercio un vaccino anti haemophilus, il vaccino antimeningite, perché prodotto utilizzando materiale bovino inglese.
Almeno 100 sarebbero i farmaci ancora in commercio in Italia contenenti derivati da tessuto bovino, pur essendo già stati ritirati dal mercato nel '94/'95 i farmaci che contenevano derivati da tessuto nervoso bovino, per i quali è stato emanato un decreto applicativo della direttiva UE 1999/82/Ce a tutela del consumatore.
Comunque questo allarme sulla possibile connessione antipolio e morbo della mucca pazza non è che l'ultima di una lunga serie di problemi che il Sabin ha sollevato da quando, sostituendo più di 40 anni fa il Salk, è stato impiegato su larga scala mondiale. 

Breve storia dei problemi causati dal vaccino per la Polio
Tra i problemi principali che la vaccinazione antipolio Sabin ha sollevato nel corso del tempo c'è anche la possibile trasmissione della malattia del bambino all'adulto attraverso il contagio da contatto con le feci (polio da pannolino) che contengono il virus vaccinale. Essendo gli adulti pur vaccinati spesso non protetti o scarsamente protetti, questo è un problema da non sottovalutare.
Un famoso caso in Italia fu quello occorso al sig. Nurnberg, che contrasse la malattia dal figlio nel 1970 e morì nel 1978 all'età di 39 anni; la moglie, medico, per anni portò avanti una causa in cui si sosteneva la trasmissibilità della malattia attraverso le feci contaminate dal vaccino. Trasmissibilità negata inizialmente dalle autorità sanitarie (nella fattispecie l'Istituto di virologia dell'Università di Milano) e infine ammessa dopo anni di faticosa indagine e diverse perizie mediche.
Ci sono diverse ipotesi che spiegano la possibilità di contrarre la polio da vaccino.
La malattia si trasmetterebbe con il vaccino a virus vivo attenuato o per una riattivazione della virulenza del virus attenuato oppure per un'attivazione innescata dal vaccino di ceppi virali selvaggi di cui il paziente può essere portatore.
Negli Stati Uniti per esempio nella decade dal 1973 al 1984 i casi di polio sono stati 138 di cui il 105 (76%) derivato da vaccinazione (JAMA, 257:1335-40;1987) Siccome la stragrande maggioranza dei casi era avvenuta in corrispondenza della prima somministrazione (82 - 94%), si deve considerare che l'eventualità potesse quindi verificarsi ogni 520 000 dosi somministrate, anziché ogni 2.6 milioni, cioè considerando tutte le 3 inoculazioni previste, come si è sempre sostenuto.
Già nei primi programmi di vaccinazione di massa si constatava un'alta percentuale di polio in soggetti vaccinati, il 20 - 28% dei casi (J.Pediatr. 91:2, 317-330, 1962).
I pericoli derivanti dall'uso di un vaccino vivo attenuato sono stati tali da determinare nella primavera del 1999 l'adozione da parte del Consiglio Superiore di Sanità di un nuovo protocollo vaccinale antipolio, tuttora in vigore, che prevede la somministrazione di vaccino Salk nelle prime due dosi e l'uso del Sabin nella terza.
Si è parlato anche della possibile trasmissione attraverso il vaccino antipolio Sabin del virus SV40 che causa tumori cerebrali (ependimomi) nei bambini (1). Dal momento che non esisteva alcuna prova di avvenuta esposizione di questi pazienti all'SV40 si ipotizzò che i bambini al momento della nascita fossero stati contagiati dalla madre vaccinata per la poliomielite con un vaccino antipolio contaminato dall'SV40 negli anni dal 1955 al 1962.
L'ipotesi di gran lunga più inquietante è stata tuttavia avanzata qualche anno fa a proposito di una possibile correlazione tra vaccinazione antipolio e la diffusione del virus HIV e dell'Aids. L'ipotesi nasce dalla scoperta di campioni di vaccino antipolio Sabin contaminati con il virus SIV che provoca una sindrome da immunodeficienza nelle scimmie, del tutto simile a quella provocata dall'HIV negli umani. Siccome il virus della polio veniva coltivato su reni di scimmia è possibile che le scimmie malate abbiano contagiato le colture virali e che il virus SIV si sia così trasmesso all'uomo. Il virus scimmiesco originariamente non patogeno per l'uomo, nel corso di milioni di inoculazioni e passaggi dai primati all'uomo avrebbe potuto subire le mutazione che ne hanno permesso la
trasformazione da SIV a HIV e la conseguente patogenicità che ha in seguito originato l'Aids e la sua diffusione pandemica.
 

Mercurio e metalli pesanti nei vaccini
Per fortuna se non altro i vaccini antipolio non contengono normalmente mercurio, il thimerosal. Anche di questo problema si comincia a discutere su giornali e tv, nonostante le associazioni per la libertà terapeutica insistessero da anni nel segnalarne l'esistenza.
Il thimerosal è un conservante a base di mercurio, usato fin dagli anni Trenta per prevenire l'inquinamento batterico dei vaccini e ancora presente in alcuni vaccini, come per esempio quello contro l'Haemophilus influenzae di tipo b (Hib), i tossoidi della difterite e del tetano, la pertosse acellulare ( DTPa), l'epatite B, l'influenza.
Anche in questo caso le autorità sanitarie si sono affrettate a rassicurare la popolazione sulla non tossicità del mercurio alle dosi contenute nei vaccini. Per esempio lo ha fatto Francesco Tancredi, primario di pediatria all'Ospedale Annunziata di Napoli sul Corriere Salute del 22/10/2000 secondo il quale se le dosi sono di 3.3 mcg/Kg di peso e il vaccino antiepatite B ha 12.5 mcg di thimerosal, la quantità di mercurio del vaccino è ben al di sotto della soglia stabilita dall'OMS. L'organizzazione Mondiale della Sanità infatti fornisce un valore provvisorio di assunzione settimanale di 3.3 mg/kg, per la popolazione in genere, ma la dose per donne gravide e per bambini dovrebbe essere inferiore. Inoltre al mercurio contenuto nell'antiepatite B si devono aggiungere le
quantità contenute nel vaccino antitetanico e antidifterico (vedi Tabella 1)
L'EPA, l'Agenzia di Protezione Ambientale, stima che il 7% delle donne in età fertile negli Stati Uniti consumano 0.1 mg//kg o più di mercurio al giorno, attraverso il pesce proveniente da aree ad alto rischio, e l'1% delle donne consumano 0.37 mg/kg per giorno o più. Le leggi per la limitazione dell'esposizione sono basate sull'assunzione alimentare del mercurio, ma non sulla tossicità della sostanza somministrata per via iniettiva.
Le madri inoltre assumono il mercurio attraverso l'alimentazione, soprattutto il pesce pescato in acque inquinate. Il mercurio accumulato in queste donne viene trasferito ai loro bambini durante la gestazione e l'allattamento. Successive esposizioni a sostanze organiche a base di mercurio provenienti da altre fonti, inclusi i prodotti biologici, si presume si aggiungano a questi valori corporei di base. La lunga emivita dell'etilmercurio (in media 50 giorni) risulta in un accumulo che potrebbe essere pericoloso allo sviluppo cerebrale del feto, che è il più suscettibile a composti organici mercuriali, rispetto al cervello dell'adulto.
I dati di 2 studi recenti che hanno esaminato la relazione tra esposizione a metilmercurio e alterazioni neuropsicologiche in bambini suggeriscono che esposizioni rilevanti intermittenti inducono un rischio maggiore delle piccole dosi ripetute giornalmente (4, 6,7). In bambini delle isole Faeroese di 7 anni esposti in utero (durante la gravidanza) a dosi intermittenti di metilmercurio nel cibo sono stati riscontrati lievi danni neurologici valutati sulla base di test neuropsicologici specifici (10).
In ogni caso va sottolineato che la Food and Drug Administration (F.D.A.), l'organismo statunitense di tutela della salute pubblica, ha disposto il ritiro dal commercio dei vaccini contenenti etilmercuritiosalicilato sodico o thimerosal nelle dosi attuali tossiche; con una lettera ai produttori di vaccini il 1° luglio 1999 la F.D.A. ha infatti richiesto dei programmi per la rimozione del thimerosal dai vaccini o per giustificare il suo uso in futuro. 
L'APP (American Academy of Pediatrics) e il US Public Health Service (Servizio di Salute Pubblica) hanno emanato una direttiva il 7 luglio 1999 richiedendo l'eliminazione o la riduzione del thimerosal nei vaccini per bambini e raccomandando lo slittamento della prima dose del vaccino dell'epatite B per bambini nati da donne risultate negative al test HbsAg (antigene di superficie del virus dell'epatite) dal secondo al sesto mese di vita.
Una presa di visione parallela su queste problematiche ha portato l'Agenzia Europea per la Valutazione dei Prodotti Medicinali ad emanare una nota l'8 luglio 1999 per promuovere l'uso di vaccini per bambini senza thimerosal al più presto possibile.
L'APP ha poi emanato una nota ancora più dettagliata il 14 luglio 1999 che ha informato i medici del contenuto di mercurio nei vaccini e della tossicità del mercurio, fornendo anche consigli per la riduzione dell'esposizione da mercurio da ogni sorgente e linee guida per l'uso dei vaccini antiepatite B. L'APP ha suggerito infine al FDA e ai produttori di ridurre in tempi brevi il contenuto di thimerosal dei vaccini ed in tempi molto brevi la FDA ha quindi approvato la richiesta della Merck il 27 agosto 1999 di immettere sul mercato un vaccino dell'epatite B senza thimerosal per uso infantile. Anche la Smith-Kline Beecham ha presentato domanda di approvazione di prodotti senza o con poco thimerosal.
Il Centro per la Prevenzione e Controllo delle Malattie (CDC) e l'APP hanno incoraggiato fortemente i medici a riprendere la vaccinazione antiepatite B nei neonati nati da donne HbsAg negative con prodotti senza o con quantità ridotta di thimerosal.
Lo scorso 17 ottobre 2000 il Ministero della Sanità ha invece affermato che indagini retrospettive condotte negli Stati Uniti d'America non hanno portato alla luce alcuna evidenza a sostegno di un maggiore rischio di malattie renali e di alterazioni neurologiche nei bambini vaccinati, né di altri effetti tardivi legati all'esposizione ai quantitativi di mercurio contenuti nei vaccini. Dunque il mercurio contenuto nei vaccini per l'infanzia è innocuo. Nello stesso documento si afferma però che è invece accertato che il thimerosal può essere in grado di determinare, in alcuni soggetti, sensibilizzazione anche nei confronti di altri composti mercuriali, con possibili conseguenti reazioni di ipersensibilità ritardata di tipo cellulo-mediata, i cui potenziali rischi debbono
essere considerati alla luce dei vantaggi offerti dalle vaccinazioni in termini di eliminazione o riduzione delle malattie bersaglio e delle loro complicazioni.
Tutto questo nonostante la stessa OMS abbia comunque appoggiato le prese di posizione assunte da associazioni mediche degli Stati Uniti d'America (17) e dell'Agenzia Europea per la valutazione dei medicinali (EMEA) circa l'opportunità di arrivare gradualmente all'utilizzazione di vaccini privi di thimerosal per l'immunizzazione dei bambini (13).
 

Sindrome della Guerra del Golfo e sindrome dei Balcani
Si sta ampliando in questi giorni l'indagine condotta sullo stato di salute dei soldati che hanno prestato servizio nelle forze armate dei paesi NATO nel corso delle varie missioni di guerra prima in Bosnia, poi in Kosovo dal 1995 ad oggi. La possibilità che il contatto prolungato con uranio impoverito (DU, depleted uranio) abbia determinato un aumento considerevole dei casi di tumori del sistema linfatico nei militari che hanno operato nelle zone di guerra. Sono già 7 i morti e 30 in totale su 40000 soldati impegnati nella ex Yugoslavia i casi di tumore (leucemia) accertati tra gli italiani, una media certamente maggiore di quanto atteso a livello nazionale: 8 - 10 casi di leucemia per 100000 abitanti nella stessa fascia di età. Almeno 9 i casi in Spagna, 9 in Belgio, 4 in Francia e 6 in Portogallo. Pare che ugualmente siano in aumento i casi di tumore fra le popolazioni residenti nelle zone contaminate, in cui per altro l'ONU ha rilevato un aumento considerevole della radioattività ambientale, ma i dati sono incerti visto la difficoltà di monitorare zone così travagliate in questi ultimi anni. 
L'OMS infatti smentisce al momento l'accertamento di qualsivoglia nesso di causalità fra esposizione all'uranio impoverito e comparsa di tumori.
Si affaccia sulla cronaca anche l'ipotesi che la contaminazione radioattiva possa avere agito in modo più patologico sulle truppe anche per uno stimolo eccessivo sul sistema immunitario esercitato dalla vaccinazione multipla a cui le truppe NATO sarebbero state sottoposte prima di partire per le aree belliche. 
Un unico shot vaccinale che, oltre alle vaccinazioni normali antitetanica, antidifterica, antipolio, antiepatite A e B, antitifica, avrebbe contenuto vaccini contro la meningite meningococcica, l'encefalite da zecca, il colera, e dal 1997 anche l'antimorbillo, parotite e rosolia.
Dal 1994 -95 si è cominciato a parlare di una possibile causa vaccinale della cosiddetta sindrome della Guerra del Golfo. Molti soldati americani, tra 70 e 90 mila, che avevano partecipato nel 1991 a quella guerra riportavano sintomi comuni quali eccessivo affaticamento, dolori muscolari e articolari, perdita di equilibrio, disturbi vescicali, eccessiva sudorazione, problemi respiratori, disturbi gastrodigestivi (nausea, vomito, diarrea) febbre, anemizzazione, e sintomi più tardivi di tipo neurologico, confusione mentale, perdita di memoria, senso di estraneità, fobia sociale. Tra le possibili cause, oltre naturalmente la possibile esposizione a gas tossici, ad armi chimiche, biologiche e a sostanze radioattive come l'uranio impoverito, è stata considerata la possibilità che
la sindrome sia stata provocata dall'inoculazione di micidiali cocktails di vaccini e antidoti, contenenti oltre a quelli precedentemente citati, l'anti botulino, antrace, peste e carbonchio. 
A queste sostanze sarebbe stata aggiunta anche una sostanza contro gli effetti dei gas nervini mai sperimentata sull'uomo in precedenza (18) e che ha provocato effetti collaterali nel 43% dei soggetti che l'avevano assunta. Anche su questi temi si sono pronunciati varie istituzioni, negando la pericolosità di queste inoculazioni e rassicurando i cittadini sulla sostanziale innocuità delle vaccinazioni nel loro complesso. Ma il dubbio ai più rimane.
Che altro aggiungere ? Siamo in attesa della prossima, nuova emergenza sanitaria. 

BIBLIOGRAFIA
Bergsagel et al. DNA sequences similar to those os Simian virus 40 in ependymomas and choroid plexus tumors in childhood N.Engl J Med 326:15 988-993, 1992

Hooper E., Hamilton B. A Journey to the Source of HIV and AIDS. Little Brown & Company; 1999

Joint Statement of the American Academy of Pediatrics (AAP) and the United States Public Health Service (PHS). Pediatrics. 1999;104:568-569.

European Agency for the Evaluation of Medicinal Products (EMEA). EMEA public statement of thimerosal-containing medicinal products. EMEA publication No. 20962/99. http://www.eudra.org/humandocs/humans/PS.htm. Accessed October 8, 1999.

Centers for Disease Control and Prevention. Availability of hepatitis B vaccine that does not contain thimerosal as a preservative. MMWR. 1999;48:780-782.

Grandjean P, Weihe P, White RF, Debes F. Cognitive performance of children prenatally exposed to "safe" levels of methylmercury. Environ Res. 1998;77:165-172.

Davidson PW, Myers GJ, Cox C, et al. Effects of prenatal and postnatal
methylmercury exposure from fish consumption on neurodevelopment: outcomes at
66 months of age in the Seychelles Child Development Study. JAMA. 1998;280:701-707.

Grandjean P, White RF. Effects of methylmercury exposure on neurodevelopment [letter]. JAMA. 1999;281:896.

Stern AH, Gochfeld M. Effects of methylmercury exposure on neurodevelopment [letter]. JAMA. 1999;281:896-897.

Lucier G, Goyer R. Scientific issues relevant to assessment of health effects from exposure to methylmercury. Paper presented at: conference organized by Committee on Environment and Natural Resources and the Office of Science and Technology Policy, the White House.
Washington, DC: National Institute of Environmental Health Sciences; November
18-20, 1998.

National Academy of Sciences and National Research Council. Measuring Lead Exposure in Infants, Children, and Other Sensitive Populations. Washington, DC: National Academy Press; 1993.
vedi: Bibliografia Danni dei vaccini  +  Bibliografia danni 2  +  1.000 studi sui Danni dei Vaccini

Commento NdR: questi studi dimostrano e confermano cio' che insegniamo da decenni e cioe' che i Vaccini producono nei soggetti sottoposti a quelle infauste pratiche in-sanitarie, spacciate per tecniche preventive, Malnutrizione con perdita di fattori vitali essenziali alla vita sana, alterazione e perdita di: flora batterica autoctona, vitamine, minerali, proteine vitali), oltre alle mutazioni genetiche occulte, immunodepressioni, intossicazioni, infiammazioni e contaminazioni da virus e/o batteri pericolosi che nel tempo possono produrre malattie le piu' disparate ! - vedi: Contenuto dei vaccini

vedi anche: Ruolo dei Vaccini nella Guerra del Golfo  +  Contenuto dei Vaccini  +  Uranio e Vaccini - 1  +  Uranio e Vaccini - 2  +  Guerra del Golfo, Uranio o Vaccini ? 

 Pag. 6  -  Pag. 7  -  Pag. 8  -  Pag. 9  -  Pag. 10  -  Pag 11  -  Pag. 12  -  Pag. 13  - Pag 14  - Pag 15  -
 Pag. 16  -  Pag. 17  -  Pag. 18  -  Pag.19  -  Pag. 20  -  Pag. 21

vedi anche Dati ISTAT sui Vaccini
 
RICERCA Parole nel SITO