Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


ENERGO - MEDICINA
(Energo Kinesiologia) - NUTRIPUNTURA
ENERGO - MEDICINE
(Energo Kinesiology)
 

ENERGO_MEDICINA 

Affermano i fondatori:
L’Energo Medicina è una tecnica d’approccio sanitario che non nuoce al paziente ed utilizza tutte le tecniche possibili le adatta ad ogni individuo nel rispetto energetico del soggetto quale regola fondamentale.
Questa tecnica è quella che in Medicina Biologica si può chiamare la medicina religiosa, cioè quella medicina che "rilega", collega tutte le cose.
Il dott. Patrik Veret e sua moglie (francesi), sono coloro che ne hanno ripreso la guida e la ripropongono all’attenzione dei tecnici, medici e ricercatori di oggi. 
Essa deriva in gran parte dall’insegnamento della energo-cromo-kinesi ed è una medicina Universale che comprende le tecniche del passato rivedute, ampliate e spiegate alla luce delle scoperte tecnologiche utili alla sanità ed essa permette a tutti i medici di qualsiasi dottrina: allopatica, omeopatica, naturista, un più completo ed organico avvicinamento alla sacra funzione sacerdotale di quella sanitaria; infatti essa include anche l’uso di alcune sostanze farmaceutiche, purché esse vengano preventivamente testate con e sul paziente e siano consigliate allo stesso, tenendo conto in primis delle condizioni psichiche, fisiche, energetiche, genetiche, cosmogoniche (le energie Yin e Yang), base di funzionamento delle strutture dei Viventi; tutto ciò in perfetto accordo con il principio Ipocratico: ...curare con coscienza e conoscenza... 
In questa medicina, non esistono più le contrapposizioni tipiche esistenti fra: allopatici, omeopatici, naturisti, in quanto ognuno di loro acquisisce la conoscenza utile ad armonizzare ed arricchire le carenze ed i limiti delle tecniche della propria specializzazione con nuovi dati che integrano e migliorano tutto ciò che è già stato acquisito nella scuola ed all’Università. 
Tutto ciò è possibile solamente se il medico od il tecnico ha un’apertura mentale scevra da schemi, indottrinamenti, tali da precludere la possibilità di apprendimento dei nuovi dati sul vero, profondo e più complesso funzionamento del Terreno, cioe' delle varie strutture
spirituali/ energetico /elettromagnetico/ fluidico/biologico/fisico di ogni essere Vivente.

In questa Medicina, come in quelle antiche, si parte dall’assioma che tutte le strutture Viventi sono come Campi bio elettronici pensanti (circuiti oscillanti per “rivelare” lo Spirito, il Pensiero), che sono costantemente collegati attraverso delle prese alla "corrente" (onda) elettroenergetica Universale e da questa traggono il proprio sostentamento e quando queste varie prese sono difettose, il malessere, la malattia appare. Il saper aiutare a reinnescare le prese di corrente di ogni malato, è l’arte che si deve saper conoscere e praticare prima su se stessi e poi sui propri famigliari e pazienti. 

In questa medicina, come in quelle antiche, si parte dall’assioma che tutte le strutture Viventi sono come che sono costantemente collegati attraverso delle prese alla corrente (onda) elettro energetica Universale e da questa traggono il proprio sostentamento e quando queste varie “prese” sono difettose il malessere, la malattia appare.
Essa integra fra le proprie tecniche di indagine, anche l’Osteopatia come terapia e con gli specifici test della Kinesiologia o con le apparecchiature Bio elettroniche, è in grado di controllare l’efficacia o meno di un prodotto da somministrare, l’utilità o meno delle tecniche da applicare al soggetto per una terapia raddrizzante.

La Medicina Universitaria d’oggi, quella detta Allopatica, ha fatto progressi nell’esplorazione dell’organismo umano, ma tutte queste investigazioni anche se profonde, NON tengono conto del “soffio” od energia anche elettromagnetica che lo anima secondo ritmi propri ed unici.
Il saper aiutare a reinnescare le prese di corrente d’ogni malato, è l’arte che si deve saper conoscere e praticare prima su se stessi e poi sui propri famigliari e pazienti.
Questa tecnica medicale integra fra le proprie tecniche d’indagine, l’Osteopatia come terapia e con gli specifici test della Kinesiologia è in grado di controllare l’efficacia o meno di un prodotto da somministrare, l’utilità o meno delle tecniche da applicare al soggetto per una terapia raddrizzante.
Il dott. Patrik Veret e sua moglie (francesi) ne sono i fondatori e sono coloro che ne hanno preso la guida e la ripropongono all’attenzione dei tecnici, medici e ricercatori d’oggi.
Essa deriva in gran parte dall’insegnamento della energo/cromo/kinesi ed è una medicina Universale che comprende le tecniche del passato rivedute, ampliate e spiegate alla luce delle scoperte tecnologiche utili alla sanità.
Essa permette a tutti i medici di qualsiasi “dottrina”: allopatica, omeopatica, naturista, un più completo ed organico avvicinamento alla sacra sacerdotalità della funzione sanitaria; essa include anche l’uso di alcune sostanze farmaceutiche purché esse vengano preventivamente testate con e sul paziente e siano consigliate allo stesso, tenendo conto in primis delle condizioni psichiche/fisiche/energetiche/genetiche e cosmogoniche - le energie Yin e Yang - basi di funzionamento delle strutture dei Viventi; tutto ciò in perfetto accordo con il principio Ippocratico: Curare con Scienza e Coscienza”.

L’uomo di oggi deve confrontarsi continuamente con l’inquinamento del proprio corpo e quello dell’ambiente circostante; gli oceani, i mari, i laghi i fiumi, stanno morendo lentamente e la vita vegetale ed animale ne sta già soffrendo abbondantemente; le varie nazioni del mondo producono prodotti tossici ed inquinanti e non sanno come evitarlo.
Gli stessi umani si auto intossicano con l’uso di alimentazione industriale, vaccini e farmaci di ogni tipo, utilizzati senza tenere conto dell’inquinamento ed infiammazioni che essi producono ed impedendoci di prendere Coscienza sul perché e per come della malattia e sui suoi profondi significati.
Essi vivono come “zombi” permanentemente legati alla psico dipendenza dal medico, alle loro pillole e non comprendono più le finalità e gli scopi della Vita e non sanno più accedere alle referenze ultime che si trovano nelle sacre Leggi Universali della stessa Natura, ma che si leggono sopra tutto all’interno di se stessi.
Perché un soggetto si ammala ? Lo abbiamo già affermato  più volte; egli si ammala solamente in quanto ha trasgredito una o più Leggi della Natura generando quindi dei Conflitti Spirituali, quelle che regolano le strutture delle Creature Viventi, intossicandosi e creando infiammazioni che permettono se rese coniche la degenerazione cellulare e quindi tissutale.
Evidentemente si tratta non solo di malattia corporea, ma anche di malattia di incoerenza della Mente (la personalità), diciamo dell’Anima (corpo energetico informato in un corpo fisico) ed Ego/IO, cioè l’Essere stesso.
Volere dissociare ciò che la Natura ha unito in modo indissolubile, è sacrilego ed eretico in modo totale.
La Materia (informata) è legata indissolubilmente allo Spirito (Pensiero) e viceversa; l’uno non esiste se non esiste l’altro. Trattasi della stessa identica “cosa”, vista sotto le sue 2 forme (In-Form-Azione > "energia=materia solida=consistente").

Carlo Rubbia, noto scienziato Italiano, ha detto: “la materia è fatta di energia mentale”, frase che si definisce da sé, ma che purtroppo non viene facilmente compresa.
Per cui l’approccio sanitario DEVE sempre ed inevitabilmente comprendere le due parti dell’essere ovvero le due facce della stessa medaglia. L’essere si esprime con la sua personalità ricercando Salute o malattia a seconda delle sue Consapevolezze della sua Coerenza o meno riguardo alle Leggi ed alle finalità, della Manifestazione dell’UniVerso.

Bisogna altresì ridare all’uomo il Suo posto nell’ambiente perché egli riprenda coscienza della sua Identità, affinché egli possa risalire di livello nella sua Coscienza, attraverso la Conoscenza, per ritrovarsi Lui stesso quale scintilla Divina o Sacra, che non attende che di essere penetrata ed accesa d’Amore come una sposa vergine e così si esprima con tutto il suo corpo di rappresentazione, (Pensiero/Materializzato) fin in ogni organo, sistema, cellula, molecola, Atomo, Elettrone di se stessi e dell’ambiente, l’Universo.
Essere Se stessi è prendere coscienza della propria Identità profonda ed è anche prendere coscienza delle relazioni con l’Ambiente e l’Universo stesso.
Il principio di Identità è un principio di RI-CONOSCENZA, cioè riconoscere (Tutto è già conosciuto a livello inconscio e registrato nel DNA) e farsi riconoscere, passando l’informazione dall’inconscio al conscio per decifrarlo con la razionalità per poter così esercitare la volontà nella comunicazione e nell’azione diretta e di conseguenza partecipare alla Vita Universale creando e trasformando.

Tutto è Energia e l’Energia è Ritmo (vibrazione o frequenza ondulatoria) e tutto è in correlazione con Tutto; ogni organo o sistema sono fra loro in stretta interdipendenza e questi lo sono con l’energia della materia e quest’ultima lo è con quella dell’UniVerso.

Siccome la malattia è di fatto una perturbazione del “sistema eco biologico” corporeo che segue uno schema identico e parallelo a quello del sistema biologico del pianeta Terra e quello del Creato nella Sua totalità, occorre quindi lavorare seguendo schemi identici, cioè “Etico eco biologici”, per riordinare le alterazioni acido/basiche che determinano le colonizzazioni fungine e quelle termico nutrizionali, disintossicando l’organismo, tutti fatti indotti dalle conflittualità generate dalle Trasgressioni Etiche alle Leggi del suddetto sistema.

Pertanto ogni tipo di Medicina seria
, deve tenere conto di questo importante fatto e trovare le compatibilità anche energetiche fra prodotti consigliati e paziente; occorre una Medicina di “sintesi”, che permetta di utilizzare OGNI disciplina ed ogni tecnica terapeutica utile, dando loro un carattere di Unità, a condizione che esse corrispondano alle sacre Leggi della Vita nell’UniVerso; in caso contrario esse indurranno una ulteriore perturbazione patologica di effetto iatrogeno (generato dal medico).
La malattia è una alterazione di queste “vibrazioni meccaniche” dovute all’alterazione termica molecolare e delle variazioni di quella atomica.
Occorre anche considerare che la malattia è: in primis a livello fisiologico, un’anomala distribuzione nelle varie parti del corpo delle Energie vitali (Solare e Terrestre), prodotte dalla trasgressione (incoerenza) alle Leggi che regolano le strutture Viventi che producono lo scompenso termico fra visceri e pelle e che poi si traducono in alterazioni Termico/Nutrizionali (cioè intossicazioni ed infiammazioni) e di conseguenza in deficienza immunitaria, deficit genetico ed anche nella perturbazione dell’Identità dell’individuo, ovvero nella sua correlazione comportamentale fra se stesso, gli altri e l’ambiente.
Pertanto il tecnico o medico DOVRA’ tenere conto di questo e considerare la patologia una forma di disordine psichico, energetico, fisico.

Si può quindi affermare che il malato è un individuo che si è staccato dalle “prese” energetiche Universali e pertanto va riallacciato a tali prese con le opportune tecniche o prodotti agendo sui vari corpi (fisico, astrale od emozionale, spirituale) e cioè sui metalli della struttura, sugli amminoacidi, sugli organi, sul DNA (acido desossiribonucleico) ed infine sulla Psiche dell’essere affinché riprenda possesso delle giuste informazioni sulle trasgressioni effettuate alle leggi che regolano l’Universo e così si riallacci a tutte le “prese” informazionali, emozionali, energetiche, biologiche, in modo che egli si deprogrammi dai falsi schemi mentali e conoscendo le Verità su di Lui e sugli scopi dell’Universo, possa rendersi sempre più Consapevole e si riallacci così ai bioritmi della Natura, cioè a quelli che regolano secondo i loro propri orologi biologici ogni molecola, cellula, organo, sistema, (il battito del cuore, la respirazione, le fluttuazioni ormonali, i cicli femminili, la diastola o sistola di ogni organo, i ritmi del sonno veglia, ecc.).

Esistono 4 regni (minerale, vegetale, animale, Umano) e vi è una interdipendenza ed una filiazione nella genesi di questi regni, che si riconoscono tutti e che partecipano all’economia del “sistema” Universale ed alla presa di Coscienza della Manifestazione.

Il regno minerale è in corrispondenza con tutti i metalli nel corpo fisico, fin nella struttura del DNA cellulare; i minerali si ritrovano ovunque negli organismi viventi ed i trattamenti terapeutici con i minerali rimettono in ordine le strutture perturbate dell’individuo, che si manifestano, con sintomi funzionali ed alterazioni per intossicazione, sopra tutto sulla funzionalità delle ghiandole endocrine che vengono riattivate alle loro normali funzioni.
Essi possono trovarsi sotto forma ponderale in certi settori dell’organismo ed in traccia in altri che, combinandosi con gli enzimi creano i metallo/enzimi oppure con delle molecole come quelle dell’emoglobina ed ancora a livello dell’informazione nel DNA.
I metalli ed i metalloidi, possiamo chiamarli “residui fossili cosmici”, che sono anche identificabili e presenti nell’organismo degli esseri viventi.
I lavori di Padre Etienne Guillé affermano che i metalli hanno ugualmente un’azione al livello del DNA legandosi alle basi e possono così modificarne l’informazione.
Il premio Nobel (nel 1981) Barbara Mac Clintok, ha dimostrato con i suoi lavori che il DNA non era immutabile, ma che esso poteva subire delle mutazioni in funzione del Terreno nel quale è inserito.
L’effeto Kevran permette di comprendere come ogni sostanza introdotta nell’organismo e quindi anche i metalli, possono in virtù delle debole energie esistenti, modificare la propria natura ionica molecolare in altre nature e strutture e ciò in dipendenza del tipo di carica bioelettronica del Terreno, (dei liquidi extra ed endocellulari) nei quali si ritrovano.

Il regno vegetale corrisponde sopra tutto al corpo eterico/astrale ed all’apparizione dei lipidi, glucidi e protidi, delle proteine e degli amminoacidi fin nel DNA. Quando si parla di vita vegetativa vuol dire che l’essere ha perso ogni reazione animale egli non è più cosciente dell’ambiente esterno.
Il vegetale ha un’organizzazione unitaria con programma genetico in stretto rapporto con l’Universo eterico/astrale (infatti le piante hanno solo reazioni emozionali e poco razionali) vi è una stretta relazione fra malattia e vegetali, fra una pianta ed una patologia in quanto certe piante hanno un trofismo particolare su certi organi o funzioni; vi è di fatto un legame certo ed unico fra queste due manifestazioni (pianta e malattia) che va riscoperto per mezzo della decodifica degli aminoacidi dell’organismo; questo regno è costituito da un’alta percentuale di liquidi rispetto ai solidi che lo compongono, pertanto esso ha una notevole importanza quando desideriamo modificare i liquidi dei corpi perché esso agisce sopra tutto su questi (sangue, liquor, linfa nervosa, urina, saliva, liquidi inter ed extra cellulari, ecc.).
Una tecnica di riordino effettuata con l’aromaterapia sarà di notevole supporto, magari basata sull’aromatogramma che permette di trovare le essenze battericide.
Certi oli essenziali saranno di valido aiuto, quando vi sono delle perturbazioni metaboliche.

Il regno animale ha un’organizzazione dei sistemi inscatolati fra di loro ed in stretta interdipendenza con degli organi che lavorano in sintonia con altri e che partecipano all’unità dei corpi ed ogni organo ha la “sua” indipendenza come ogni animale e la sua Identità. Esso corrisponde sopra tutto al corpo astrale/spirituale (organizzazione di sé e delle relazioni con gli altri e l’ambiente).

Infine il regno Umano od Omminale, verticalizzandosi, erigendosi, con lo sviluppo del neocerebellum, può indurre facilmente anche delle perturbazioni organiche del proprio corpo, per mezzo dei comportamenti non guidati dalla sua corteccia cerebrale nell’organismo intero; egli quindi prende anche coscienza sempre più complessa e completa di sé, dell’ambiente e può disporre di più gradi di libertà; va perciò aiutato dal tecnico/medico/terapeuta a riprendere la Sua identità facendo sì che egli recuperi la sua Salute comprendendo le sue Trasgressioni e ripristinando la sua giusta Etica razionale.
Esso corrisponde sopra tutto al corpo Spirituale/Divino (quello delle Informazioni, delle Consapevolezze o prese di Coscienza).

Occorre quindi ricordarsi di avvicinarsi alla Salute ed alla malattia con il dovuto rispetto e le giuste tecniche, tenendo conto di tutti questi fattori con un approccio terapeutico che tenga conto di quest’ordine:
1) controllo e riordino dei Minerali di struttura.
2) controllo degli amino acidi e dei loro programmi informatici mental/corporei.
3) degli organi e della loro propria identità.
4) infine dell’Uomo come unità Coscienziale attraverso un’opera di rieducazione alla Salute e di presa di coscienza della propria Identità e della Sua appartenenza all’ordine ed alla partecipazione alla manifestazione della Vita nell’UniVerso, quale Dio in fase di formazione ed alla Sua possibilità di trasformare, creando nuove forme per la Natura stessa; infatti come egli crea in se stesso la malattia egli può e deve creare la Salute.
O ci si impedisce di riconoscersi con la Materia (in-formata) e di trasformarsi con la Divinità Creatrice e creante dell’UniVerso. Vediamo di comprendere quale è il nostro livello.
Ogni medico o tecnico deve in primis sapersi auto riconoscere a quale livello è, oppure sarà un falso profeta.
Il trattamento terapeutico quindi dovrà seguire questi meccanismi di azione riordinante.

1 - il Metallo e la sua struttura si tratteranno con i metalli.

2 - il Vegetale, con i rimedi provenienti dalle piante.

3  - l’Animale, con i prodotti provenienti dal regno animale (estratti d’organo).

4 - gli Ormoni, con gli ormoni corrispondenti dal punto di vista energetico.
Metalli ed Ormoni si situano alle due estremità di una stessa evoluzione.

Le neuroscienze con le loro scoperte sull’esplorazione funzionale del sistema nervoso centrale aprono le porte alla comprensione dei meccanismi di funzionamento della coscienza per mezzo dell’immaginazione e della sua stretta correlazione ed interferenza sui  fisici dell’organismo intero.
Ciò comprova il nesso e la stretta interdipendenza fra psichismo e reazioni neuro-endocrino-immunologiche.
Si può schematizzare in modo molto generico, il modo relazionale, comportamentale di ogni individuo in funzione del legame ormonale, esempio:
Il tiroideo sarà estremamente sensibile, sarà facile alle lacrime al minimo stress.
Il medullo surrenalico arrossirà e scaricherà adrenalina facilmente.
Il cortico surrenalico avrà facilmente malesseri e non potrà stare in piedi.
Il gonadico farà a pugni facilmente.

Ciò significa quindi che, ad ogni variazione delle quantità presenti di ormoni nell’organismo dovute all’alterazione, malfunzione delle ghiandole endocrine, corrisponde sempre un’alterazione della spiritualità del soggetto. La prova  nelle alterazioni spirituali riscontrate nei soggetti che hanno subito asportazione chirurgica di ghiandole endocrine ! L’alterazione della funzionalità della tiroide in particolare, determina alterazioni dell’umore e quindi della spiritualità del soggetto.
Molti studi infine hanno dimostrato che variazioni comportamentali, affettive ed in special modo la depressione, possono precedere gli effetti fisiologici di alterazione della secrezione del cortisolo.
Ecco perché ritrovare i giusti bioritmi di ogni vibrazione (frequenza vibratoria) dei sistemi, organi, cellule, molecole, atomi Elettroni, IO, con le loro proprie Identità collegandosi alle frequenze Universali che li attivano è la giusta strada da seguire.

La malattia, afferma la Medicina Cosmogenetica, è anche e quindi una alterazione delle  “vibrazioni meccaniche cellulari” dovute all’alterazione termica molecolare e dalle variazioni di quella atomica.
Come imparare a risentire questi “ritmi” ? Già molti scienziati hanno dimostrato l’esistenza dei bioritmi legati ed interdipendenti dai bioritmi Universali, ma per coloro che ne fossero all’oscuro segnaliamo alcuni di questi: gli studi di Kolisko sulla dinamolisi capillare sono la dimostrazione dell’influenza dei ritmi cosmici sull’acqua; essendo i corpi Viventi composti in prevalenza da liquidi se ne comprende l’importanza.

Anche Schwenk ha confermato Kolisko. Barbara Mac Clintock ha dimostrato che le sequenze del DNA mutano con il Cosmo (le variazioni bio elettro diamagnetiche delle stelle, sole, pianeti, luna, terra), per questa scoperta ha ricevuto il premio Nobel nel 1981.

L’agopuntura da millenni conosce ed utilizza queste scoperte; la BEV/BTA, l’EAV, Vega, Mora test, ecc., confermano anche nell’era moderna queste affermazioni: analizzando le energie od il sangue, urina, saliva (BEV/BTA), si nota con certezza, come le interferenze cosmogoniche modificano istantaneamente i liquidi dei corpi viventi.
Ogni scienziato moderno parla di morfogenetica, che sarebbe responsabile della coerenza dei differenti elementi, che costituiscono i vari corpi dell’Essere vivente.
L’effetto Kirlian permette di rivelare dei campi energetici con colori e forme corona diverse; nel 1960 il dott. Kilner a Londra utilizzava per visualizzare questa “aura” energetica, uno schermo di cianina.

Come possiamo vedere sono molti i ricercatori che ormai riconoscono il corpo umano come un’entità energetica pensante (un ologramma pensante) e come tale va trattata anche nel caso di malattia; cioè si devono utilizzare tutte le tecniche a disposizione per meglio conoscere il paziente, aiutandolo sopra tutto con tecniche diagnostiche e terapeutiche atossiche.
Lasciamo a coloro che desiderano appropriarsi dei particolari di questa tecnica l’onere della ricerca perché abbiamo solo voluto farne conoscere i primi rudimenti ed indicare una strada da percorrere; per facilitare segnaliamo il libro in francese del dott. Patrick Veret: “La Medicine Cosmo genetique où l’Energo Medicine”.
Recente nuova pubblicazione, dello stesso autore: “La Spasmphilie enfin vaincue”- Edition du Rocher.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

La Nutripuntura, (Energomedicina) e’ una micronutrizione cellulare al servizio della salute degli organismi Viventi.
La (nutrizione endocellulare) è la disciplina medica complementare che nasce dalle ricerche sulle relazioni fra gli oligoelementi e i circuiti di comunicazione del corpo umano, chiamati meridiani, normalmente utilizzati in Agopuntura.
Le ricerche hanno portato alla definizione di 38 oligoelementi, ai quali si aggiunge un regolatore nutrizionale generale che agisce sull’equilibrio del doppio strato lipoproteico di tutte le membrane
cellulari.
La disciplina ha sviluppato in particolare lo studio dei legami che intercorrono tra i meridiani del corpo e i comportamenti, e ha approfondito la psicofisiologia degli organi, portando così una comprensione nuova dei fenomeni detti “psicosomatici”.
Questa Tecnica, re-inventata dal dott. Patrick Veret, e' nata in Francia negli anni 80; è un mezzo innovativo che si propone di rafforzare le correnti vitali dell'organismo attivando le sue capacità di autoregolazione.

Il suo obiettivo è quello di mantenere l'individuo in uno stato di salute ottimale attraverso una "manutenzione stagionale" o occasionale dell'organismo.

Patrick Véret, insieme all’esperta di psicosomatica Yvonne Parquer, riassume i fondamenti di base della Nutripuntura e soprattutto mette a disposizione i suoi vent’anni di esperienza clinica, arricchiti dai corsi e contatti con le decine di medici che la praticano in Europa.
Nutripuntura: una nutrizione energetica di organi e meridiani. E' sia uno strumento pratico (complementi nutrizionali prodotti in Francia) che un metodo per approfondire la conoscenza dell'uomo e della donna, per riequilibrare i loro organismi, i loro disagi e riportare armonia e benessere sia nel corpo che nella mente. Molto efficace e in armonia con le stagioni.
L'obiettivo della Nutripuntura è di favorire la circolazione delle correnti vitali sostenere la salute ed evitare l'apparizione della malattia. Un approccio basato sulle conoscenze millenarie dell'agopuntura che sposa la Medicina Tradizionale Cinese con le più recenti scoperte in biologia cellulare.

Pur avendo obiettivi comuni con l'agopuntura, questa tecnica si distingue per la sua originalità e utilizza, al posto degli aghi, mezzi meno invasivi e indolori.

Si serve infatti di nutrimenti endocellulari, una gamma di prodotti a base di oligoelementi, la cui sinergia attiva, proprio come gli aghi in agopuntura, la circolazione d'informazioni elettromagnetiche indispensabili alla vita cellulare.

Quest'equilibrio permette ad ogni cellula di attingere nella corrente circolatoria gli elementi di cui ha bisogno per il suo metabolismo, senza rischi di carenze nutrizionali. Ma non solo…

Dinamizzare la Salute al ritmo delle stagioni. Se il corpo è un mezzo incredibilmente sofisticato che ci permette di agire, di muoverci e di arricchire la nostra banca dati di migliaia d'informazioni, perché non occuparsi regolarmente della sua manutenzione, mettendo in fase i suoi ritmi con quelli scanditi dalla natura ?

L'assetto neuro-ormonale, le funzioni ghiandolari e le esigenze nutrizionali di ogni individuo si modificano in funzione degli stimoli climatici che determinano l'accrescimento o la diminuzione dell'attività di alcuni neuromediatori, considerati come le parole chiave del linguaggio cellulare.

Mantenere l'equilibrio dei ritmi biologici, sincronizzati sull'alternanza delle stagioni, è l'obiettivo principale della Nutripuntura.

Secondo la Medicina Tradizionale Cinese, medicina più volte millenaria, ogni stagione stimola l'attività di una coppia di organi permettendo così all'organismo di adattarsi armoniosamente ai cambiamenti dell'ambiente.

L'autunno sollecita l'attività dei polmoni e del colon, l'inverno quella dei reni e della vescica, la primavera il fegato e la vescica biliare, l'estate il cuore e l'intestino tenue, senza dimenticare la quinta stagione, la fine dell'estate, durante la quale lo stomaco, la milza ed il pancreas sono al massimo della loro attività.

Se ogni individuo ha le sue debolezze, costituzionali o acquisite, queste si accentuano di preferenza nel periodo dell'anno in cui un organo già fragilizzato viene sollecitato dai cambiamenti climatici.

"Grazie ad una nutrizione cellulare specifica per ogni stagione è possibile non solo sostenere l'organo-bersaglio, ma migliorarne nel tempo la funzionalità” assicura il Dott. Antonio Dell'Aglio, odontoiatra olistico di Bari, specialista in Nutripuntura."

Molti tra i miei pazienti, amici e familiari hanno ottenuto dei benefici enormi utilizzando la Nutripuntura stagionale.

Dopo aver identificato i circuiti da sostenere, il terapista consiglia i nutrimenti più adatti alla persona che può fare delle "sedute di Nutripuntura" stando comodamente a casa o al lavoro. Sono infatti delle compresse da masticare che attivano dei punti precisi situati sui meridiani d'agopuntura. Oggi conosciamo una quantità enorme di stimoli suscettibili d'interferire sul nostro equilibrio cellulare.

Se lasciamo da parte le predisposizioni genetiche, la geobiologia, l'inquinamento o l'alimentazione, e prendiamo in considerazione solo i sentimenti, il carattere, le relazioni umane o l'educazione ci troviamo di fronte a un'enorme banca di informazioni uditive, visive e tattili, capaci di condizionare il funzionamento armonioso del nostro organismo.

Sostenere i circuiti più sollecitati, diversi per ognuno, diventa dunque indispensabile per ottimizzare la circolazione, il trattamento e l'integrazione cerebrale delle informazioni che si registrano ad ogni istante, spesso a nostra insaputa, nella memoria cellulare", conclude.

38 "nutrienti" per attivare il flusso elettromagnetico dei meridiani.

Ad ogni nutrimento endocellulare è stato assegnato un numero (38 in tutto) per distinguere la sua azione sui diversi circuiti del corpo nel quale scorrono le informazioni elettromagnetiche che governano i suoi "programmi".

In Nutripuntura infatti il corpo è concepito come un'insieme costituito da un hardware (tessuti e patrimonio genetico) e da un software (i programmi che si registrano in memoria in funzione delle esperienze e del comportamento di ognuno).

La Nutripuntura si occupa unicamente del software, favorendo la circolazione delle informazioni che attivano le correnti vitali dell'organismo.

Un approccio rivoluzionario ? In un certo senso si, ma con basi molto solide : quelle millenarie della tradizione orientale che concepisce l'organismo umano come una fitta rete di circuiti elettromagnetici, i meridiani, dalla cui attività dipende il nostro benessere.

Alla luce delle più moderne scoperte fatte in biologia cellulare, la Nutripuntura considera che la salute dipenda anche dalla presenza di alcuni oligoelementi, disponibili in ogni settore del corpo in quantità e proporzioni diverse.

In effetti per attivare la maggior parte delle reazioni cellulari si attivino, c'è bisogno di ioni metallici : la respirazione, la trasmissione dell'influsso nervoso, la contrazione muscolare, metabolismo nel suo insieme, ....dipendono dalla presenza di queste sostanze.

Molte ricerche hanno infatti concluso che la presenza di un oligoelemento permetta la circolazione d'informazioni indispensabili all'equilibrio elettromagnetico dell'organismo, come farebbero gli aghi di un agopuntura. Alcuni oligoelementi possono dunque considerarsi come dei "catalizzatori d'onda", la cui presenza favorisce il passaggio d'informazioni elettromagnetiche.

In un certo modo gli oligoelementi gestiscono la relazione che si stabilisce tra l'organismo e l'ambiente.

Individuo e ambiente

Le ricerche fatte in Nutripuntura, si sono focalizzate sui ritmi biologici e sull'impatto dell'ambiente sull'organismo, cercando di potenziare i settori, di volta in volta diversi, sollecitati da ogni stagione.

In effetti la circolazione della correnti vitali è legata all'oscillazione cellulare dell'organismo che, condizionato dal ritmo stagionale, è sintonizzato sul sistema planetario che lo circonda.

Le informazioni veicolate dai complementi utilizzati in Nutripuntura (i nutrimenti endocellulari) raggiungono selettivamente i circuiti più sollecitati dall'ambiente, o che presentano già degli squilibri funzionali, aumentando la vitalità dell'organismo, necessaria all'equilibrio dei bioritmi.

Lo studio dei bioritmi sottolinea la relazione imprescindibile che esiste tra individuo e ambiente, l'interazione costante tra interno ed esterno che annulla in un certo modo i limiti, il perimetro, del corpo umano considerando l'ambiente in cui vive come parte integrante del suo equilibrio.

In Nutripuntura l'organismo umano è considerato come un sistema aperto, in dinamica costante con l'ambiente con il quale interagisce riprogrammando continuamente i suoi cicli.

Recenti ricerche sulla fisiologia umana hanno messo in evidenza che i fattori ambientali avrebbero un ruolo determinante nei processi metabolici, addirittura superiore rispetto a quelli biologici e genetici.

Infatti non è possibile valutare l'attività psicofisica di un individuo senza prendere in considerazione il mondo che lo circonda e soprattutto la qualità e la quantità di stimoli che gli fornisce. In realtà l'equilibrio di ogni forma vivente dipende in gran parte dal tipo di contesto che la circonda.

È evidente che un neonato, se isolato e dunque privato delle induzioni indispensabili alla sua maturazione psicomotoria, non potrà attivare il processo d'apprendimento necessario per costruire il suo sistema nervoso centrale.

Impulsi gustativi, olfattivi, tattili, uditivi e visivi, insieme ad un'attività muscolare importante, partecipano dunque alla sua evoluzione: sono impulsi vitali, fondamentali per la sua maturazione psicofisica.

Un essere umano non si nutre infatti solo di alimenti ma anche di parole, di musica, di profumi, di colori, di forme, di relazioni e del contatto che stabilisce con il suo ambiente.

L'equilibrio dei 5 sensi è dunque primordiale per poter ricevere delle informazioni corrette dal mondo esterno in quanto lo squilibrio di uno di questi sensori può deformare le impressioni che capta.

"Affinare i nostri sensi è oggi possibile, grazie ad una Nutripuntura specifica da utilizzare sia quando si presenta uno squilibrio momentaneo (un deficit olfattivo per esempio), o anche preventivamente.

Inoltre, dinamizzando il gusto per esempio, si avrà un effetto positivo sulla digestione, sulla salute delle gengive e sull'atteggiamento della persona, che sarà spontaneamente meno autoritaria e dominante.

La Nutripuntura stagionale sostiene le correnti vitali dell'organismo, favorendo l'equilibrio psico - neuro - endocrino - immunitario dell'individuo.

Il risultato sarà una salute più stabile e una diminuzione dei disturbi stagionali che si presentano ciclicamente ogni anno", racconta la D.ssa Marta Buganza, odontoiatra a Verona, specialista in Nutripuntura.

Gli stimoli ambientali devono essere però conformi alla maturazione neurologica di un individuo in quanto se non sono adeguati alle sue capacità d'integrazione, non si parla più di "stimoli positivi" ma di "stressori".

Si definiscono così delle informazioni che provocano nell'organismo una reazione d'allarme, quindi di resistenza ed infine d'esaurimento (come descritto da Hans Seyle), perturbandone l'omeostasi.

Quest'ultima è legata all'equilibrio nutrizionale di 60.000 miliardi di cellule che devono attingere nella corrente sanguigna tutti gli elementi necessari al loro metabolismo.

È evidente che un organismo stanco, stressato, presenterà dei problemi d'assimilazione e delle carenze nutrizionali.

Oggi siamo abituati a compensare queste carenze attraverso l'apporto ponderale di complementi alimentari.

Ma parallelamente sarebbe interessante favorire un'assimilazione equilibrata, stimolando la capacità d'autoregolazione nutrizionale dell'organismo.

Questo è l'obiettivo della Nutripuntura: favorire la circolazione delle correnti vitali, stimolando l'organismo ad autoregolarsi, senza sostituirsi alle sue funzioni, ben più complesse di quello che oggi si possa concepire.

Come utilizzare la Nutripuntura ?

L'originalità della Nutripuntura, che la distingue dall'omeo "patia" o dall'organo "terapia", è che la sua azione non è contro un sintomo o una patologia, ma in favore delle correnti che regolano la salute dell'organismo.

Favorendo il flusso di un meridiano, permette di rinforzare in qualsiasi momento un settore in difficoltà, senza dover attendere un segnale d'allarme (patologia) da parte dell'organismo: agisce preventivamente, a sostegno della vita cellulare.

Se l'organismo manifesta già un disturbo, o ha già innescato un processo degenerativo (es: un'ulcera) l'approccio resta lo stesso : "nutrire" le correnti vitali che hanno deviato dal loro percorso naturale, sostenendo l'attività elettromagnetica dei circuiti più indeboliti.

Un'azione che in questo caso completa efficacemente l'azione dei farmaci tradizionali (NdR: non di sintesi chimica).

Grazie alla sinergia dei suoi componenti, le preparazioni utilizzate migliorano gli scambi e la comunicazione cellulare, indispensabile all'equilibrio psicofisico dell'individuo.

In effetti, secondo i principi della medicina cinese, i nutrimenti endocellulari, sostenendo la circolazione delle correnti vitali dell'organismo, stimolano parallelamente la sfera psichica dell'individuo e dunque il suo comportamento.

Molti operatori della salute hanno infatti osservato che dinamizzando le correnti vitali di un settore in deficit funzionale, come il meridiano del polmone per esempio, l'individuo ritrova non solo una migliore dinamica respiratoria ma anche più fiducia in se stesso e un comportamento più tollerante.

"Si può utilizzare la Nutripuntura per far fronte ai disturbi più diversi", afferma il Dr. Fabio Burigana, omeopata di Trieste e specialista in Nutripuntura.

Per sostenere un surmenage intellettuale (molto frequente durante la preparazione di esami) uno stress post-operatorio, uno stato depressivo, uno shock emotivo, o durante un periodo delicato come l'adolescenza.

Alcuni miei pazienti hanno superato dei problemi di intolleranze alimentari grazie ad una Nutripuntura specifica che ha permesso all'organismo d'integrare delle informazioni molecolari fino ad allora "rifiutate".

In realtà non si tratta di eliminare i fattori che provocano un'intolleranza, ma di risolvere il "conflitto molecolare" che scatenano nell'organismo, conclude entusiasta.
By Christine Cuomo - Ricercatrice francese dell'Associazione Medica Internazionale di Nutripuntura Europea.

 

vedi anche: Ayurvedica + Lavaggio Energetico + Coppettazione + Riposizionamento asse Cranio-Atlante-Epistrofeo
Ben noto nel mondo e' il massaggio Ayurvedico, che utilizzando i punti dell'agopuntura Cinese + i punti ove vi e' dolore, risolve in molti casi diversi tipi di problemi.
Il  Lavaggio energetico e' un particolare tipo di massaggio che  apre i chakra  del corpo, eliminando in genere la memoria della sofferenza di vissuti dolorosi.
 

Se vuoi conoscere il tuo stato di Benessere e migliorarlo con queste speciali apparecchiature modernissime,  che neppure gli ospedali hanno, prenota via mail la consulenza QUI
Esso permette anche di analizzare qualsiasi prodotto esistente e la sua compatibilita' o meno, con il soggetto analizzato
....
vedi anche: Medicina Quantistica
Quindi se volete fare un Test di Bioelettronica (test di controllo del livello di Salute_benessere)
....
-
scrivete QUI: info@mednat.org
 

HOME

BACK