Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 

Si fanno sempre più forti le pressioni delle grandi multinazionali per ottenere l'autorizzazione necessaria alla produzione di cibi geneticamente modificati anche in Europa.
Per rifiutarci di divenire ignare cavie di questo gigantesco esperimento sulla nostra pelle, possiamo utilizzare due armi che hanno già prodotto notevoli risultati:
1) come consumatori, scegliere prodotti da agricoltura biologica (senza uso di chimica,
OGM (Organismi Geneticamente Modificati), addittivi cancerogeni...) e boicottare le ditte che non si impegnano a rifiutare gli OGM.
Sono le nostre scelte al supermercato ad influenzare le grandi scelte di mercato !
Spedisci un' e-mail ai seguenti indirizzi, scrivendo nell'oggetto: "I won't buy genetically modified foods"

Fra i 3 maggiori produttori di sementi, cibi e farmaci transgenici
http://www.info.novartis.com/contact/

Fra i 3 maggiori produttori di sementi, cibi e farmaci transgenici
http://uscrop.bayer.com/general_questions.html

Fra i 3 maggiori produttori di sementi, cibi e farmaci transgenici
http://www.monsanto.com/monsanto/contact/default.htm

McDonald's usa ingredienti transgenici
http://www.mcdonalds.com/countries/usa/corporate/info/contacts/comments/food/index.html

Prodotti transgenici
www.cspinet.org

Queste sono le aziende che non hanno fornito garanzie sull'utilizzo o meno di ingredienti e derivati di origine transgenica nei prodotti di diretto consumo alimentare
- ecco la lista dei prodotti transgenici - http://artenamir.supereva.it - www.namir.it

Telefona ai numeri verdi del "servizio consumatori" di queste ditte, e chiedi che non usino OGM nei loro prodotti, perchè sei preoccupato per la tua salute; se rispondono che non li usano, chiedi che lo indichino chiaramente sulle etichette ( come previsto dal regolamento comunitario n.1139):


AMADORI      tel. 800216653
ARGEL           tel. 02/376741
GALBANI       tel. 800328468
DANONE       tel. 800804037
SPLENDID      tel. 800011877
SIMMENTHAL tel. 800055200
KRAFT           tel. 800015655
INVERNIZZI     tel. 800015941
NESTLE'         tel. 800434434
NOVARTIS (Cereal, Pesoforma, Ovomaltina, Dietorelle ecc.)  tel. 800018124
SAN CARLO   tel. 02/ 62651
CALVE'           tel. 02/97208400

Tutte queste ditte sono...a rischio OGM! (fonte: Greenpeace)

2) è importante fare pressioni per ottenere normative che ci tutelino! Invia un' e-mail ai seguenti indirizzi, scrivendo:
" Chiedo che ai cibi transgenici venga applicato il Principio di precauzione: dato che non si è certi della loro innocuità per la salute
umana e per l'ambiente, non devono venire commercializzati esponendo la popolazione a gravi rischi.Chiedo che venga rivista la Direttiva Europea 98/44 CEE , impedendo la brevettazione di piante, animali e parti del corpo umano."
"I want genetically modified foods to be subjected to the Precautonary principle: since we aren't sure they are safe for human helth and
enviroment, they musn't be marketed, with potental hard risks for people. I want the European Directive 98/44 CEE to be changed, in order to forbid patents on plants, animals and parts of human body."
marco.loprieno@dg11.cec.be
aldo.longo@dg16.cec.be
Commissione europea   sanco-helpline@cec.eu.int - agrilib@cec.eu.int - envinfo@cec.eu.int
Parlamento europeo   civis@europarl.eu.int
Consiglio dell'Ue  public.info@consilium.eu.int
Agenzia europea dell'ambiente  eea@eea.eu.int
Agenzia europea per la valutazione dei prodotti medicinali mail@emea.eudra.org
Ufficio comunitario delle varietà vegetali  cpvo@cpvo.fr - heinz.scherrer@dg2.cec.be - klaus.krisor@dg11.cec.be

La Leva di Archimede - Associazione di Consumatori per la Libertà di Scelta - http://www.laleva.cc

vedi:  Tracciabilita' dei Cibi

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

PERICOLO per la SALUTE .... OGM: ....CI STIAMO PREPARANDO
24/11/10 - Germania: Corte costituzionale riafferma la validità delle “regole stringenti” sugli Ogm
12/11/10 - “Eurobarometro sulla biotecnologia 2010”: cresce in Europa l’opposizione al cibo Ogm
Fonte: Greenpeace
10/11/2010 - Unione europea: debutto disastroso per la patata Amflora
Contaminazione, rifiuto sociale e il ricorso di cinque governi sintetizzano il suo primo anno di coltivazione
04/11/10 - Unione europea: per l’EFSA anche il mais “Smartstax” è sicuro -
Fonte: Testbiotech
01/11/2010 - Giappone: approvato un protocollo internazionale contro i rischi posti dagli Ogm
14/10/2010 - Brasile: esperto mondiale di genomica ammette: siamo stati ingenui
13/09/10 - Stati Uniti: Fondazione Gates investe nella Monsanto

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

PROPOSTE  DI BIOSICUREZZA PER UNA MORATORIA DEGLI OGM
ACCADEMIA MEDITERRANEA PER L’AGROECOLOGICA E LA VITA (AMA LA VITA) - RETE ZEROGM
“Carta di Montebelluna” - Set. 2009

 “L’inviolabilità della Memoria Genetica di tutti gli Organismi Viventi (DNA), regolata da Leggi fisiche perfette, sancita dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, per il rispetto della Vita” (Michele Trimarchi, Candidato Premio Nobel per la Pace, 1986)

Premessa
Sono oramai numerose le evidenze scientifiche che testimoniano l'impossibilità della coesistenza tra coltivazioni OGM e non OGM, senza che le prime inquinino, irreversibilmente, le seconde. Risulta pertanto inutile discutere sulla libertà di coltivazione degli OGM, dal momento che, una volta introdotti gli OGM nell’ambiente, non sarebbe più possibile coltivare nel medio e lungo periodo i vegetali naturali, ne si potrebbe proporre ancora il miglioramento genetico dei medesimi, non potendo utilizzare aree agricole non inquinate.
Supponendo, quindi, certo l’inquinamento irreversibile del territorio, una volta introdotti gli OGM nell’ambiente, si tratta di stabilire quali dei due diritti debba prevalere: quello di chi vorrebbe continuare a coltivare il prodotto naturale (convenzionale e biologico) o quello di chi vorrebbe coltivare i vegetali OGM.
Ogni altro problema in merito avrebbe un valore relativo e secondario rispetto a quello principale di stabilire quale delle due coltivazioni debba essere permessa e se una tale decisione, vista la gravità delle implicazioni,  possa essere riservata esclusivamente al legislatore, comunitario e nazionale, ovvero non sia il caso di promuovere consultazioni della popolazione prima di scegliere il da farsi, tanto più che è la stessa Direttiva 2001/18/CE a prevedere queste consultazioni con il 10° “considerando” e gli artt. 9 e 32 (di recepimento, quest’ultimo, del Protocollo di Cartagena)..

Proposte
A seguito delle continue pressioni operate dalle multinazionali, che pretendono la “tolleranza” di livelli di contaminazione generalizzata da OGM, quale "Cavillo di Troia" per ottenere autorizzazioni alle coltivazioni transgeniche (OGM), con la certezza di una conseguente “naturale” (non accidentale), inevitabile ed irreversibile contaminazione di tutte le filiere agroalimentari,
Sulla base dell’esperienza pluriennale dei maggiori paesi produttori di OGM (Canada, USA, Argentina, Brasile, Messico, India) che conferma l’inquinamento irreversibile del territorio e la impossibilità di far coesistere aree OGM con aree OGM free,
In virtù della natura non vincolante della Raccomandazione della Commissione 2003/556/CE,
Per il venir meno della libertà di iniziativa economica, in quanto essa non appartiene solo a chi intendesse coltivare OGM, ma anche a coloro che vogliono continuare a coltivare prodotti tradizionali e biologici non contaminati da OGM, i quali rappresentano un diritto precedente,
A seguito dell'entrata in vigore del nuovo regolamento Europeo sull'Agricoltura Biologica, che consentirebbe la tolleranza di contaminazioni “accidentali” da OGM (senza etichettatura) anche nei prodotti biologici, così come in quelli convenzionali, violando in tal modo la libertà di scelta dei produttori e quella dei consumatori di non alimentarsi con OGM,
In considerazione del diritto precedente dell'agricoltura tradizionale e biologica a rischio di erosione genetica e di contaminazione irreversibile del territorio e delle sementi da OGM, con conseguente minaccia per i diritti umani inviolabili e la sovranità alimentare e nazionale,
Per il rischio di distruzione del ruolo multifunzionale tradizionalmente svolto dal mondo rurale e di dipendenza dell'agricoltura e degli esseri umani dai proprietari di OGM brevettati,

Al fine di garantire il diritto inviolabile all’integrità della salute umana ed animale, attraverso il rispetto della memoria genetica di tutti gli esseri viventi, la biosicurezza del territorio, delle coltivazioni e degli alimenti, dalle contaminazioni da OGM, con risarcimento di eventuali danni e costi di bonifica da parte dei responsabili degli inquinamenti genetici,
Vista l’opposizione alla coltivazione e all’alimentazione con OGM della stragrande maggioranza della popolazione italiana ed europea,
A seguito delle decisioni di divieto delle coltivazioni GM da parte di molti paesi Europei, tra cui Grecia, Austria, Francia, Ungheria, Lussemburgo e Germania, ratificate dalle recenti decisioni del Consiglio dei Ministri UE,
Considerata la Politica Europea di Sviluppo Rurale 2007-2013 (circa 200 miliardi di €), fortemente orientata in senso Agroambientale, a favore della riconversione biologica delle coltivazioni e degli allevamenti intensivi e del ruolo multifunzionale Agroecologico rurale,
Considerato il pericolo di danno irreparabile e irreversibile alle persone e all’ambiente da OGM, 

CHIEDIAMO
ai Ministri competenti ed alle Regioni Europee:

1. Il bando in Italia e negli Stati Europei di ogni forma di rilascio ambientale di OGM, anche a livello sperimentale, evitando impossibili piani di “coesistenza” (commistione), sulla base del principio di precauzione, applicando la clausola di salvaguardia (Dir.18/2001 CE) e la sussidiarietà, (art. 176 del Trattato UE).

2. La protezione del Germoplasma Autoctono e la conservazione della biodiversità quale patrimonio comune di tutti gli esseri umani e base fondamentale per il miglioramento genetico, generalizzando l’esclusione degli OGM, secondo quanto previsto dall’art. 4 del D.M. 18/04/2008 (Registro Nazionale delle Varietà di Conservazione), a tutte le coltivazioni.

3. Il mantenimento della tolleranza zero, ovvero dell’assenza di OGM nelle sementi di qualsiasi natura prodotte, importate e commercializzate in Italia ed in Europa.

4. Il recepimento della Direttiva 2001/18/CE, con decreto ad hoc che istituisca la consultazione popolare sugli OGM.

5. Una Civile Moratoria con sospensione sine die delle importazioni e del commercio di OGM e/o derivati, sulla base delle recenti ricerche scientifiche che hanno evidenziato pericoli per salute umana ed animale e per l’ambiente, in attesa di ulteriori studi "indipendenti" sui rischi sanitari. Evitando inutili sperimentazioni di coltivazioni OGM, che potrebbero contaminare irreversibilmente il territorio nazionale.

6. La revisione delle procedure per i pareri scientifici dell'EFSA, che devono basarsi su ricerche indipendenti e non sui dati forniti delle ditte produttrici di OGM, in palese conflitto di interesse.

7. Di stabilire l’assenza di OGM nei prodotti biologici e tradizionali italiani, senza indicazioni di limiti di rilevabilità arbitrari, che possono nascondere soglie di tolleranza.

8. L'istituzione dei test di presenza/assenza “qualitativi“ per il rilevamento di qualsiasi livello di presenza accidentale di OGM negli alimenti, per il diritto alla sicurezza ed informazione dei consumatori, a garanzia dei marchi privati o nazionali che certifichino l’assenza di OGM (previsti dal Reg. 834/2007 CE), per la gestione di eventuali contaminazioni ed inquinamenti dei prodotti e dell’ambiente.

9. L’applicazione del criterio di responsabilità penale secondo il principio di “chi inquina paga“ i danni delle contaminazioni da OGM e le spese per l’eventuale bonifica. Oltre agli eventuali danni accertati  per la salute umana ed animale.

10. La definizione di corrette procedure di biosicurezza, atte ad evitare le contaminazioni accidentali da OGM nelle filiere biologiche e tradizionali nazionali, sulla base della Direttiva 2001/18/CE, la quale prevede che “gli  Stati membri possono adottare tutte le misure opportune per evitare la presenza involontaria di OGM in altri prodotti“.

11. Il divieto immediato di somministrazione di alimenti contenenti OGM e/o derivati negli appalti pubblici di ristorazione.

12. Il divieto di importazione di OGM per qualsiasi uso o destinazione sotto forma di semi vivi (mangimi, biocarburanti, agrofarmaceutici, cotone, ecc.). Con obbligo di devitalizzazione e/o macinazione degli OGM eventualmente importati, per evitare rischi di contaminazione ambientale.

13. Di interpellare la Corte Costituzionale sui diritti alla salute e all’integrità ambientale (Art. 9 e 32 della Costituzione) e sul rispetto della libertà di scelta e d’iniziativa economica dei produttori e consumatori. Scavalcando il Diritto Comunitario che oggi autorizza il commercio di OGM pericolosi per la salute, il loro rilascio ambientale, l’omissione di etichettatura di presenza, ecc.

14. Di sancire il Diritto Inviolabile all’Integrità della Memoria Genetica di tutti gli esseri viventi (DNA), nel rispetto della Vita e delle leggi perfette della Natura. Adoperandosi per un Bando mondiale sulla produzione e rilascio ambientale di OGM, con eventuale ricorso al Tribunale Internazionale per i Diritti Umani e per la Libertà di Iniziativa Economica e Commercio.

15. Di Sviluppare le alternative Agroecologiche praticabili (Agricoltura Biologica) in linea con i recenti Programmi Europei di Sviluppo Rurale Agroambientale e gli impegni del protocollo di Kyoto. Evitando recepimenti regionali non conformi che da anni contrastano con gli obiettivi comunitari di riconversione e sostituzione degli inputs chimici in agricoltura (Relazione 3/2005 della Corte dei Conti UE).

ai cittadini ed alle associazioni chiediamo inoltre

Di depositare in Cassazione una proposta di legge d’iniziativa popolare che istitutisca il Referendum consultivo sugli ogm, sulla quale raccogliere le firme attraverso un comitato promotore (RETE ZEROGM). Contestuale invio della stessa Proposta di Legge istitutiva a tutti i Parlamentari Nazionali, affinché venga posta all’ordine del giorno per l’approvazione.

Di attivarsi presso un Giudice ordinario in qualità di produttori che intendono mantenere i loro raccolti e/o prodotti agroalimentari 100% liberi da OGM e di consumatori che intendono tutelare il diritto alla corretta informazione, contro le soglie di tolleranza di OGM senza etichettatura (occultamento di OGM), nel caso i governi europei non si attivino con iniziative legislative nazionali, atte a garantire le filiere agroalimentari 100% libere da OGM.

Di promuovere a livello collettivo le conoscenze scientifiche sugli effetti nefasti sulla salute e l’ambiente degli OGM ed attivare, insieme ad associazioni di altre nazioni, un coordinamento d’azioni a livello europeo  volte ad impedire l’introduzione degli OGM nell’ambiente.

Di ricorrere alla Corte di Giustizia per l’abrogazione dei diritti di brevetto sul DNA, dal momento che i cosiddetti geni (frammenti di DNA) non sono invenzioni ma scoperte e, pertanto, rappresentano un patrimonio comune dell’umanità. Né gli OGM e il DNA sono stabili, come prevede un brevetto. Al fine di evitare che pochi soggetti si impadroniscano della vita e della catena agroalimentare, con forte penalizzazione della qualità dei prodotti.

Di avviare azioni legali per la tutela ambientale e della salute, nei confronti delle Multinazionali produttrici di OGM e Pesticidi di accertata pericolosità, causa di inquinamento ambientale e biologico irreversibile.

“Non osiamo perché le cose sono difficili, ma le cose sono difficili perché non Osiamo“ (Seneca)
Massa Martana, 8 aprile 2009 (Ultima revisione: 7 settembre  2009)
Giuseppe Altieri, Agroecologo, Enrico Lucconi, Direttore Asseme
Hanno contribuito alla stesura:
Michele Trimarchi, Presidente ISN, Candidato Premio Nobel per la Pace 1986

Pietro Perrino, Direttore di Ricerca CNR – Ex.  Istituto del Germoplasma di Bari

Miguel A. Altieri, Agroecologo – Università di Berkeley (Ca)

Primi Firmatari:

Federico Fazzuoli, Giornalista Televisivo

Giuseppe Nacci, Medico

Clara Nicholls, Ricercatrice – Università di Davis (Ca)

Marina Mariani, Politecnico per il Commercio, Milano

Franco Libero Manco, Ass. Vegetariana

Maria Teresa Maresca, Medico Naturopata

Patrizia Gentilini, Oncologa

Stefano Maini, Entomologo Università di Bologna

Giovanni Burgio, Entomologo Uiversità di Bologna

Costantino Vischetti, Chimico Università di Ancona

Graziella Picchi, Autrice dell’Atlante dei Prodotti Tipici Italiani

Giovanni Malatesta, Fisico ed Agricoltore

Gaspare Buscemi, Enologo Artigiano

Sonia Toni, Giornalista

Valeria Rossi, Editrice e Giornalista

AAM Terra Nuova, Direttore Mimmo Tringale

Associazione SUM (Stati Uniti del Mondo), Presidente Daniela Commendulli
ECOR – NATURA SI - Roberto Zanoni e Fabio Brescacin

CTPB (Coordinamento Toscano Produttori Biologici) Presidente Sasha Lucibello

Associazione Italiana per l’Agricoltura Biodinamica - Presidente Franco Pedrini

ASCI (Ass. Di Solidarietà per la Campagna Italiana)

Associazione Medici per l'Ambiente - ISDE Italia, Presidente Roberto Romizi

Istituto di Medicina Naturale di Urbino, Presidente Antimo Zazzaroni

Consorzio Terra Bio, Urbino, Presidente Maurizio Gambini

Coop La Terra e il Cielo, Loris Asoli e Bruno Sebastianelli

COOP. AGRILATINA

Prometeo, Massimo Fioroni

Panta Rei – Centro di Educazione Ambientale

Arianna Editrice

Edilibri – Milano

Ass. European Consumers, Presidente Vittorio Marinelli, Marco Tiberti

AVI (Associazione Vegetariana Italiana), Presidente Carmen Somaschi

Radio Gamma 5 – Padova

Istituto MARENOSTRUM – Austria

Nerina Negrello, Pres. Lega Naz.le Contro la Predazione d’Organi e la Morte a Cuore Battente

Le Donne dell'AED, Associazione Educazione Demografica

Associazione Malattie da Intossicazione Cronica e/o Ambientale (A.M.I.C.A.)

Anna Maria Fritz, Federazione Diritto Libertà di Cura-Onlus

Giancarlo Ugazio, Ordinario di Patologia Generale Torino dal 1976 al 2007.

Antonio Gagliardi presidente Associazione Elettrosmog Volturino (FG)

Ciro Aurigemma, Psicologo ISN, Resp. AVI Ecologia, Comitato Ecologia Mandor della pace

Stefano Montanari, Ricercatore sulle nanoparticelle

ARTISTI

Carlo Faiello, Musicista della Tradizione

Elena Ledda, Musicista della Tradizione

Sandro Lazzeri, Musicista Classico e della Tradizione

Girogio Donati, Attore

 

Segreteria tecnico scientifica – RETE ZEROGM

Studio AGERNOVA - Servizi Avanzati per l'Agroecologia e la Ricerca

Email: agernova@libero.it - http://www.agernova.it - www.mangiacomeparli.net