Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


POLIOMIELITE paralitica in Bambini dello Zimbabwe (Africa),
associata alla Vaccinazione per la polio
 

Nello Zimbabwe, inoltre, c’è una forte carenza di cibo dovuta alla siccità ed al fatto che i contadini sono sempre più colpiti da malattie, diventando improduttivi (NdR: e cio' grazie anche alla campagne vaccinali dell'OMS e dell'Unicef).
Questo provoca degli effetti dannosi sul 90% dei pazienti malati di AIDS, determinando il 60-80% delle morti.
Fonte bibliografica: “ZIMBABWE: Poverty, Malnutrition Hinder Zimbabwe’s AIDS Battle” - Agence France Presse (06.15.04)-

Alla conferenza di Vienna di luglio 2010, l'allarme è stato lanciato ufficialmente.
Se nel 2008 erano stati raccolti 7,7 miliardi di dollari per la lotta all'Aids, nel 2009 la cifra è scesa a 7,6 miliardi. Le risorse diminuiscono mentre il Sudafrica ha bisogno di un'iniezione supplementare di fondi pari a 272 milioni di dollari l'anno.
Diminuiscono i fondi ma il numero dei malati cresce, anche perché l'Organizzaziono Mondiale della Sanità ha rivisto i parametri in base ai quali il paziente va sottoposto ad Art: il valore di riferimento del CD4, l'esame che calcola il numero di cellule sano in grado di combattere l'infezione, è passato da 200 a 350. Con un 300 fino a poco fa non si poteva chiedere la terapia antiretrovirale, adesso si.
I numeri dell'emergenza. Il picco lo si toccherà nel 2021, quando il Sudafrica da solo avrà bisogno di quattro miliardi di dollari. Quest'anno il governo ha stanziato poco meno di 600 milioni di dollari, ai quali si sono aggiunti altri 500 milioni stanziati dal Pepfar (Presindet's Emergency Plan for Aids relief, ndr) americano, con un aumento di 120 milioni rispetto all'anno precedente.
Questo nonostante il programma Usa sia in disarmo. E infatti che il Pepfar stia per essere ripensato non è una novità. Il problema è che questo avviene mentre gli stessi donatori internazionali, pressati dalla crisi, chiudono il rubinetto e mentre stati come il Sudafrica hanno bisogno di più risorse.
La Banca Mondiale non offre stanziamenti per l'Art ma solo per la tecnologia medica; il Global Fund ha visto contrarsi bruscamente i suoi fondi, che in parte arrivano proprio da quell'Unitaid che adesso sta smobilitando: dal 2012 si prosciugherà definitivamente il flusso di denaro diretto nella Repubblica Democratica del Congo, in Malawi, Mozambico e Zimbabwe.

vedi: Poliomielite cause  +  Genocidio con i Vaccini all'AIDS + Contro Immunizzazione + L'altra storia dell'Aids + Hiv virus inventato

Titolo originale: Paralytic poliomyelitis associated with live oral poliomyelitis vaccine in child with HIV infection in Zimbabwe:
case report -  Autori: Inam Chitsike, Ralph van Furth Copyright (C) 2000 BMJ
http://www.bmj.com/cgi/collection?coll_id=198

Abstract

Obiettivo: descrivere le complicazioni della vaccinazione con vaccino orale antipolio da virus vivo attenuato in bambini affetti da HIV.

Località: Teaching Hospital, Harare, Zimbabwe.

Soggetti: un bambino di 4 anni e mezzo e la madre. Risultati da sperimentazione clinica e di laboratorio.
Risultati: Due settimane dopo aver ricevuto la seconda dose di vaccino antipolio orale nel corso delle giornate nazionali dedicate all'immunizzazione il bambino ha sviluppato una paralisi alla gamba destra.

Le analisi di laboratorio indicano un titolo elevato di anticorpi contro il virus della polio tipo 2, come pure degli anticorpi contro HIV-1, un basso tenore di CD4, un rapporto CD4/CD8 pari a 0.47 e una ipergammaglobulinemia.
Non manifesta alcun anticorpo contro la difterite, tetano o poliovirus tipo 1 e 3, sebbene sia stato vaccinato anche contro difterite, tetano e pertosse e polio orale durante il suo primo anno di vita e successivamente trattato con una nuova dose di vaccino DTP all'età di 24 mesi. Non manifesta la sintomatologia clinica dell'AIDS anche se la madre risulta affetta da AIDS e tubercolosi.

Conclusioni:
La poliomielite paralitica in questo bambino affetto da HIV è stata causata dal poliovirus tipo 2 dopo la vaccinazione antipolio orale.

"Il paziente malato di Aids NON muore a causa del virus dell'HIV ma per alterazioni dell'assorbimento intestinale  e quindi per ipoalimentazione  (malNutrizione), dovuta a una grave micosi." (By Dott. Gerhard Orth, Leuthkirch)

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Aumento della predisposizione al morbillo ed autismo, nei bambini americani
Titolo originale: Increased Susceptibility to Measles in Infants in the United States

Autori: Mark Papania*, Andrew L. Baughman*, Susan Lee*, James E. Cheek, William Atkinson*, Stephen C. Redd*, Kenneth Spitalny, Lyn Finelli, and Lauri Markowitz*

From the * National Immunization Program, and the Division of Field Epidemiology, Epidemiology Program Office, Centers for Disease Control and Prevention, Atlanta, Georgia; the § Department of Health, Austin, Texas; and theDepartment of Health and Senior Services, Trenton, New Jersey. Copyright © 1999 by the American Academy of Pediatrics http://www.pediatrics.org

Traduzione sintetica e commento
Le donne nate negli USA
DOPO l'introduzione della vaccinazione per il morbillo, nel 1963, trasferiscono MENO anticorpi specifici di questa malattia ai loro figli rispetto alle donne nate prima di questa data. Questo fatto può comportare un aumento della suscettibilità verso la malattia nei loro figli: i risultati di questa ricerca dimostrano che nei bambini nati da questa generazione di madri (dopo il 1963) il morbillo compare nel 33% dei casi, mentre fra i bambini di donne nate prima del 1963 la percentuale scende al 12%. Altri fattori di rischio significativo in questo caso sono rappresentati dalla maggiore età in cui compare la malattia e il fatto che le madri stesse sviluppano il morbillo dopo il parto.
Le conclusioni della ricerca indicano quindi la maggiore suscettibilità al morbillo dei figli di madri nate dopo il 1963: l'indicazione finale è quella di vaccinare questi bambini contro il morbillo all'età di 12 mesi, al fine di ridurre il fattore di rischio all'esposizione verso la malattia.
Tutto ciò è perfettamente
DEMENZIALE secondo una logica scientifica: la vaccinazione delle madri ha sostanzialmente debilitato le capacità difensive dell'organismo dei figli verso la malattia e il continuare a vaccinare i figli non può far altro che potenziale questo danno ! Viceversa, secondo una logica di PROFITTO delle Industrie Farmaceutiche produttrici dei vaccini il ragionamento non fa una piega: ECCO COME COSTRUIRSI il MERCATO del FUTURO !
La notizia è stata diffusa in data 3 dicembre anche dalla Reuters Health Information. Testo integrale dell'Abstract, in lingua originale

Background.
Women born in the United States after measles vaccine licensure in 1963 transfer less measles antibody to their infants than do older women. This may result in increased susceptibility to measles among infants.

Objective. To determine the effect of maternal year of birth on the risk for measles in infants.

Methods.

We enrolled 128 unvaccinated infants 15 months of age who had documented exposure to measles from 1990 through 1992 in a retrospective cohort study. We interviewed their mothers by telephone to obtain demographic data, medical and vaccination history, and details of measles exposure and outcome. We used logistic regression analysis to estimate the effect of maternal year of birth.

Results. Infants whose mothers were born after 1963 had a measles attack rate of 33%, compared with 12% for infants of older mothers. In logistic regression analysis, the adjusted odds ratio for maternal year of birth (born after 1963) was 7.5 (95% confidence interval 1.8, 30.6). Other significant risk factors were older infant age, mothers who developed measles after delivery, and exposure within 2 days of the rash onset of the exposing case.

Conclusions.

Infants whose mothers were born after 1963 are more susceptible to measles than are infants of older mothers.

An increasing proportion of infants born in the United States may be susceptible to measles. Infants at high risk of exposure to measles should be vaccinated at 12 months of age. Vaccination programs that reduce transmission of the measles virus in the general population reduce the risk of infant exposure to measles.
Key words: measles, maternal antibody, measles vaccine, infants.
 

HOME

BACK