Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


VACCINAZIONI di MASSA 

Il Thiomersal dei vaccini produce danni anche gravi
Metalli tossici
Alluminio ed altro....nei Vaccini ecco i gravi danni:
http://edgytruth.com/2016/07/18/vaccine-ingredients-comprehensive-guide/#
Danni al sistema enzimatico da Vaccini e metalli 
By Giusy Arcidiacono (CT) - arcidiaconogiusy@hotmail.com -
Perito Commerciale - chimico
Sindrome della permeabilita' intestinale ed autismo
Metalli tossici dei vaccini = Autismo vedi: PDF dott. M. Proietti
Il Thimerosal dei vaccini distrugge e/o altera la flora intestinale essendo una sostanza altamente tossica
Ecco il recente studio che ha coinvolto più di 17.000 bambini fino a 19 anni
Questo studio-indagine attualmente in corso è stato avviato dall’omeopata Andreas Bachmair.

l'ASL DEVE per legge affiggere (esporre) su di una parete, gli effetti collaterali dei vaccini in ogni locale ove si vaccina
La scomparsa delle malattie infettive NON e' dovuta ai vaccini ! (Francais)
Premi in denaro ai medici che vaccinano...
Bibliografia aggiuntiva:
http://treasoncast.com/2014/04/05/anti-vaccination-peer-reviewd-research-list/
 

VACCINAZIONI di MASSA:  da ORWELL  a  MATRIX

By Gianni Lannes
La fantascienza ha sostituito la realtà. La tecnocrazia ha preso il posto della democrazia. Il DNA umano è un’antenna.
Le informazioni basilari sono alla portata di tutti, basta collegarle.
Certo, conflitti di interesse, affarismo e corruzione abbondano, ma pochi hanno intuito il vero obiettivo finale.
I Vaccini sono il cavallo di Troia per entrare - con un pretesto inesistente (le epidemie) - dentro il corpo e dominarlo dalla culla alla tomba. In quale inferno tecnologico ci stanno incanalando ?
Ecco un video illuminante dell’università Bocconi risalente al 24 settembre 2012 alla presenza del ministro Passera, a cui partecipa la Novartis (che poi cederà il settore vaccini alla Glaxo-GSK) e il Corriere della Sera, in particolare il vice direttore Massimo Mucchetti, poi eletto al Parlamento nelle file del piddì (PD), e firmatario di atti parlamentari relativi alla vaccinazione coercitiva:
https://www.youtube.com/watch?v=sKqFyQLhPKg
E’ interessante il passaggio dal minuto 86 al 102: gli esperti parlano di sanità, microchip nel corpo e cosa deve fare lo Stato per favorire le multinazionali. IBM e GOOGLE si stanno posizionando, il pro rettore Perrone parla esplicitamente di “situazione tra Matrix e Orwell”.  Bernabè della Telecom sfiora anche la "privacy".
Pochi giorni dopo tale evento, il governo Monti vara il decreto legge 18 ottobre 2012, numero 179 ("Ulteriori  misure urgenti per la crescita del Paese", articolo 12), poi il decreto legge 69/2013 (articolo 17 - decreto del "Fare").

Il 29 settembre 2014, a Washington viene imposta all’Italia - tramite i plaudenti Lorenzin, Pecorelli (dirigente dell'Aifa , che e' stato sospeso per Conflitti di interesse e destituito...) e Guerra dirigente del settore Vaccini del ministero della "salute"...  - la sperimentazione coercitiva di massa.  - vedi Corruzione di Big Pharma per i Vaccini e farmaci...
L’indomani, Raniero Guerra con un piede nel consiglio d’amministrazione della fondazione Glaxo Smith Kline (produttori mondiali di vaccini, pluri denunciata e condannata ai risarcimenti..) viene nominato direttore generale del ministero “salute”: questo funzionario statale il 10 giugno 2017 ha diramato una circolare operativa sulla vaccinazione obbligatoria.
Poi colleghiamo questo:
http://formiche.net/2017/04/03/casaleggio-watson-ibm-ivrea/
E si capisce allora perché gli eterodiretti onorevoli "grullini "sono per la massima copertura vaccinale:
http://www.ilblogdellestelle.it/il_m5s_e_a_favo.html 
Il 31 marzo 2016, mister Renzi ha venduto i dati sensibili presenti e futuri degli italiani all'Ibm, mentre il cosiddetto ufficio del garante della privacy ancora tace (Soro & Iannini: magistrato e moglie di Bruno Vespa):
http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2017/06/61-milioni-di-italiani-venduti-allibm.html
Lo stesso Renzi è il firmatario il 29 settembre 2017 del dpcm 178 sul fascicolo sanitario elettronico sollecitato dall'Ibm, ovvero dall'impresa che fornisce i servizi.
Poi ragioniamo sugli studi di Ibm:
http://www.hwupgrade.it/news/cpu/30-miliardi-di-transistor-in-un-chip-ibm-dimostra-per-la-prima-volta-i-5-nanometri-con-nanofogli-di-silicio_69108.html
... e riflettiamo sugli annunci di Bill Gates:
 https://www.youtube.com/watch?v=6WQtRI7A064
.... fino a giungere:
http://www.quotidianosanita.it/scienza-e-farmaci/articolo.php?articolo_id=12858
 ... e qui:
 
http://www.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/medicina/2017/04/05/via-a-test-vaccini-allergie-nanotech-10-volte-piu-potenti_5cb744a1-d6f8-42ba-a971-2ffa49f701dd.html
... in corsa il premio: 
http://www.aifa.gov.it/content/italia-capofila-le-strategie-vaccinali-livello-mondiale
Infine il decreto legge DL LORENZIN,  che apre le porte alla sperimentazione proprio sul gregge più idoneo, quello italiano:
https://www-03.ibm.com/press/us/en/pressrelease/52531.wss
https://www.youtube.com/watch?time_continue=5&v=JPLv04O1VjE
http://journals.plos.org/plosone/article/file?id=10.1371/journal.pone.0051062&type=printable

Nel frattempo, il sistema di potere - che utilizza per il lavoro sporco politicanti e lacchè dei mass media - provvede come al solito a dividere in fazioni il gregge degli italidioti, per far perdere di vista il vero obiettivo, vale a dire il controllo della macchina sull'essere umano. Tutti connessi ? No, interconnessi ad un'intelligenza artificiale. Elementare Watson.
Riferimenti: 
Gianni Lannes, Il GRANDE FRATELLO. STRATEGIE del DOMINIO, Modena, 2012


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Aumentano i casi di meningite
vedi:
CONTRO IMMUNIZZAZIONE + Contro Immunizzazione - 2 + Controllo Popolazione

Crescono i casi di meningite da pneumococco in Italia, ma stranamente ciò avviene nel Nord, dove si vaccina di più.
Risultano infatti 309 casi denunciati nel 1999 contro i 109 del 1994, principalmente bambini fra i 13 e i 18 mesi (24 Ore-Sanità 3-9 luglio 2001). L'allarme viene lanciato dal Moige, un'associazione di genitori.
L'incidenza della malattia nel Nord è di 7.4 per milioni di abitanti, nel Centro di 5.8 e nel Sud di 2 per milione (in Molise nessun caso registrato). Poiché il tasso di mortalità per questa malattia sfiora il 60% è da escludere che tali notevoli differenze d'incidenza sulla popolazione infantile siano imputabili alla mancata  segnalazione dei pediatri del Sud e del Centro, come ci vorrebbero far credere. Inoltre sembra poco probabile che quei pediatri vogliano correre il rischio di non denunciare una malattia con decorso spesso mortale. 
Tratto da: COMILVA.org

vedi:
OMS + MAFIA SANITARIA + Big Pharma + Big Pharma 2 + Big Pharma 3 + Unicef + Ministero della sanita' informato sui danni dei Vaccini + Falsita' della medicina ufficiale + Corruzione nella Sanita' italiana = Aifa + Il padre pago' Poggiolini, il figlio l'Aifa + Malattie inventate + Quanti animali vengono UCCISI per i test sui vaccini ? + Info Generali sui Vaccini + Effetto Gregge + Perche' vaccinare ? + Sfogo sdegnato di una madre verso un pediatra

L’Immunità di gregge, è la supposta carta vincente per la difesa della vaccinazione in TV, Internet, riviste mediche e giornali, sul motivo per cui dovremmo essere vaccinati più e più volte per tutta la vita, con un numero sempre crescente di vaccini e cio' per ogni malattia.
 
Lo sbandierato a 360° "supposto successo delle vaccinazioni" è basato fondamentalmente su "teorie" che si danno per scontate, senza controllarle. Quando si entra nei particolari si evince e si dimostra invece che il tasso di incidenza e di morte di molte malattie infettive, è diminuito radicalmente nel e dal momento in cui si registrava un miglioramento delle condizioni, igienico-sanitarie, abitative, alimentari e delle procedure di isolamento,
 Pero' siccome nello stesso periodo sono stati introdotti i vaccini, la medicina ufficiale ha dato per scontato che la sola vaccinazione sia stata interamente responsabile della scomparsa di queste "malattie" e per far quadrare questa teoria fasulla, ha cambiato nome alle malattie.....QUI in queste pagine ve ne daremo la dimostrazione !


Vaccini obbligatori o no, tutti quanti sono da sempre sbandierati come utili e sicuri anche e non solo dal Ministero della salute, ma esiste una sentenza ben precisa (ignorata da tutti…) che mostra come tali distinzioni fra vaccini obbligatori e non, NON possono sussistere - vedi: Sentenza Corte Costituzionale
Le famiglie dei danneggiati da vaccino dal canto loro sottolineano “lo stato di abbandono in cui sono  state lasciate dalle cosiddette “istituzioni che dovrebbero tutelare”, infatti “tutelano” ma solo i fatturati di Big Pharma….". + Corruzione per i Vaccini


Danni dei Farmaci e Vaccini, eminenti medici/ricercatori indipendenti lo confermano

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Uno studio scientifico mostra che il vaccino quadrivalente per il papilloma virus può causare vasculopatia autoimmuni fatali (ovvero mortali).
Lo studio realizzato dai due medici canadesi Lucija Tomljenovic e Cristopher A. Shaw si intitola "Morte dopo il vaccino contro il papilloma virus, c'è una relazione causale o è una coincidenza ? " e si può leggere (in inglese) al seguente link
http://sanevax.org/wp-content/uploads/2012/10/Tomljenovic-Shaw-Gardasil-Causal-Coincidental-2167-7689-S12-001.pdf.
Le conclusioni dell'articolo non sono per niente ambigue: il vaccino in questione può innescare una reazione autoimmune che può essere talora mortale. Le conclusioni sono motivate dal fatto che molte delle reazioni avverse a tale vaccino finora registrate corrispondono a sintomi di vasculopatia cerebrale.
Studi come questo ovviamente mettono in un angolo tutti i ministeri della sanità che negano continuamente ogni correlazione tra le morti ed i vaccini.

Le RICERCHE MOSTRANO un NESSO fra MICROBIOMA Intestinale (intestino) e CERVELLO
- 09/01/2015
Chiamate collettivamente microbioma, le migliaia di miliardi di microbi che abitano il corpo umano vivono principalmente nell’intestino, dove ci aiutano a digerire il cibo, a sintetizzare le vitamine e a difenderci dalle infezioni. Ora, recenti ricerche sul microbioma hanno dimostrato che la sua influenza si estende ben oltre l’intestino, fino ad arrivare al cervello. Negli ultimi 10 anni, vari studi hanno collegato il microbioma intestinale a una serie di comportamenti complessi, come umori ed emozioni, appetito e ansia.
Il microbioma intestinale sembra contribuire al mantenimento della funzionalità cerebrale, ma non solo: potrebbe anche incidere sul rischio di disturbi psichiatrici e neurologici, fra cui ansia, depressione e autismo. Una delle modalità più sorprendenti con cui il microbioma influisce sul cervello è durante lo sviluppo.
“Esistono delle finestre evolutive critiche in cui il cervello è più vulnerabile poiché si sta preparando a rispondere al mondo circostante”, spiega Tracy Baie, docente di neuroscienze presso la facoltà di veterinaria dell’Università della Pennsylvania. “Così, se l’ecosistema microbico della madre si modifica - per esempio a causa di infezioni, stress  o diete - ciò cambierà il micro bioma intestinale del neonato, e gli effetti possono durare tutta la vita.”
Altri ricercatori stanno esplorando la possibilità che il microbioma abbia un ruolo nelle malattie neurodegenerative come l’Alzheimer e il Parkinson.
Fonte: MedicalXpress.com : http://tinyurl.com/kaa2j36

IMPORTANTE da ricordare:
Una delle caratteristiche dei danni cellulari dei vaccini e’ quella di inibire e/o alterare la formazione di proteine essenziali allo sviluppo regolare dei tessuti ed organi di un bambino, e fra questa una si chiama Eps8 e gioca un ruolo fondamentale nei processi di memoria e apprendimento.
Milano 2013 (I) - A svelarne i meccanismi molecolari, un team di ricercatori italiani dell’Università degli Studi di Milano, Istituto di Neuroscienze del Cnr e Humanitas. Lo studio, pubblicato su Embo Journal, aprirà la strada a nuovi percorsi di cura per affrontare i gravi problemi legati ad autismo e ritardo mentale e dello sviluppo.

Ricerca medica sul collegamento fra Vaccini e malattie autoimmuni !
http://info.cmsri.org/the-driven-researcher-blog/first-medical-textbook-devoted-to-research-linking-vaccines-to-autoimmunity

AUSTRALIA - Stato del Victoria - Giugno 2016
I bambini iper intelligenti sono esenti  dai Vaccini in Australia !
Un programma scolastico per studenti dotati, sta offrendo forme di esenzione di vaccinazione e sollecitando gli studenti a evitare il Wi-Fi nelle scuole, sostenendo che i bambini dotati hanno "connessioni neurologiche extra" che li rendono più suscettibili a reazioni allergiche.
Pat Slattery, il fondatore di WiseOnes, un popolare programma per studenti dotati, che lavorano nelle scuole dello Stato del Victoria, pubblicato sul suo sito web, che i bambini dotati hanno "sensibilità fisiologiche in più per il cibo o sostanze chimiche" e sono inclini a sviluppare reazioni negative per la salute, con le vaccinazioni.
In un post che da allora è stato rimosso...., si fa riferimento a informazioni che collegano i vaccini per l'autismo, e dice ai genitori di scrivere mail, per richiedere una richiesta di esenzione vaccinazione. 
"Sono preoccupato perché sappiamo quanto i bambini dotati più sensibili sono dovute alla loro connessioni neurologiche aggiuntive. Dando loro neurotossine con i vaccini, sembra illogico. Sono disposto ad aiutare ad educare i figli in linea di rifiuto dei vaccini", scrive.
Il programma pretende di lavorare con 30 scuole vittoriane, che sono elencati sul sito web, mentre la signora Slattery porta bandiera del rifiuto, sta progettando di espandere il programma per NSW e Queensland.  Ms Slattery lavora con altri insegnanti per fornire il programma nelle scuole.

Read more:
http://www.theage.com.au/victoria/antivaccination-program-offered-to-gifted-children-in-primary-schools-20160621-gpnzzp.html#ixzz4CDbFuAMH
Follow us:
@theage on Twitter | theageAustralia on Facebook

Commento NdR: ma i bambini normali, non iper intelligenti, cioe' non dotati.....invece si possono vaccinare con le sostante tossiche vaccinali per inquinare i loro organismi..e farli facilmente ammalare....?... questo perche' i vostri figli sono carne da macello.
..genitori SVEGLIA !

MOLTI VACCINI sono IRRADIATI con COBALTO 60 (isotopo radioattivo del metallo Cobalto) e la perdita della Radioattivita' di cio' che e' stato irradiato si esaurisce fra i 5 ed i 7 anni....dall'irradiazione...
Il Cobalto 60 è un isotopo radioattivo e instabile del cobalto che decadendo emette radiazioni ionizzanti. I raggi gamma prodotti dalla sorgente di Co-60 penetrano il materiale e deviano gli elettroni dalla loro orbita. Per le applicazioni a scopo di sterilizzazione (come viene fatto per i vaccini), questo fenomeno ha un effetto disgregante sul DNA 
vedi: la prova dell'iradiazione, nello studio nel PDF

Uno studio in inglese dimostra, che bambini NON vaccinati sono più sani che i bambini vaccinati
http://www.naturalblaze.com/2014/02/studies-prove-without-doubt-that.html

I bambini NON vaccinati sono più sani - Bologna, 28 ottobre 2015
A sostenerlo non sono pseudo-guaritori, maghi o fattucchieri. Ma oltre 120 medici che, dopo settimane di dibattiti e polemiche sul tema, escono allo scoperto con una lettera aperta all’Istituto superiore di sanità. Primo firmatario il cardiologo Roberto Gava, membro della ‘Società medicina centrata sulla persona’ di Bologna, appoggiato da oltre una ventina di professionisti emiliano-romagnoli e marchigiani.
Il corposo documento prende le mosse dalle affermazioni del presidente dell’Istituto, il professor Gualtiero Ricciardi (leggete i conflitti di interesse che questo soggetto ha con la GSK, produttore di vaccini), che ha recentemente sostenuto la sicurezza dei vaccini pediatrici: "Su 19 milioni di vaccinazioni ci sono stati soli 5 casi di reazioni gravi, peraltro non mortali".
Non è esattamente così per i firmatari della missiva che rivelano l’esistenza di "reazioni avverse che ammontano a migliaia di rilievi all’anno".
Non per questo vogliono essere classificati come i fautori del no, senza se e senza ma. E infatti nella premessa mettono in chiaro che, oggigiorno, un qualsiasi medico dotato "di buon senso" e di "un minimo di conoscenza scientifica" non può essere "contro le vaccinazioni pediatriche".
Ma poi mettono sul tavolo la loro esperienza sul campo. E cioè "pratica medica specializzata" accanto al bambino malato, non "frettolosa ma fatta di osservazione e ascolto, di considerazione di quello che lui ci comunica e subliminale e di quello che i genitori raccontano". E tutto ciò "ci ha aperto gli occhi".
La conclusione è destinata a suscitare scalpore: "I bambini non vaccinati appaiono indubbiamente e globalmente più sani, meno soggetti alle patologie infettive, specie delle vie aeree, meno soggetti ai disturbi intestinali e alle patologie croniche, meno soggetti a patologie neurologiche e comportamentali e scarsi consumatori di farmaci e di interventi sanitari".
- vedi questo studio: Confronto fra vaccinati e NON vaccinati

Video su
: I BAMBINI
NON VACCINATI SONO molto PIU' SANI di quelli VACCINATI !
Nel 1992 I.A.S. ha condotto un sondaggio sulla salute e la vaccinazione dei bambini della Nuova Zelanda ed ha trovato solide prove scientifiche che I BAMBINI NON VACCINATI sono PIU' SANI dei loro coetanei vaccinati !


VACCINI OMICIDIO di MASSA
Studio scientifico mostra che il tasso di mortalità infantile aumenta all'aumentare del numero di dosi vaccinali somministrate.
 Qui nel sito qui sotto segnalato, trovate la traduzione dell'abstract (riassunto) dell'articolo "Infant mortality rates regressed against number of vaccine doses routinely given: Is there a biochemical or synergistic toxicity?" di Neil Z Miller e Gary S Goldman, pubblicato orginalmente sulla rivista scientifica ufficiale Human & Experimental Toxicology - 2011 September; 30(9): 1429, e reperibile su internet sul sito istituzionale medico-scientifico National Center for Biotechnology Information (.nih.gov significa che è ospitato sul sito governativo del National Institute of Health, ovvero il Ministero della Salute Federale degli USA):
 
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3170075/
 Continua QUI:
http://scienzamarcia.blogspot.it/2013/03/studio-scientifico-mostra-che-il-tasso.html
 

MINERALOGRAMMA (test per conoscere il livello ed il tipo di intossicazioni da minerali e metalli tossici anche dei vaccini)

Farmaci , Soldi, Bugie: www.informatori.it/informatori/farsold.htm
L'F.D.A. (USA) ha TENUTO NASCOSTE le PROVE della PERICOLOSITÀ dei CIBI TRANSGENICI e di molti Farmaci e Vaccini   (vedi la trasmissione Report -Rai3 del 20704/08)

CDC e Conflitti di interesse - 1 + CDC e Conflitti di interesse - 2 + CDC e Conflitti di interesse - 3 + Corruzione
CDC conflitti di interesse anche per i vaccini
http://healthimpactnews.com/2014/cdcs-purchase-of-4-billion-of-vaccines-a-conflict-of-interest-in-overseeing-vaccine-safety/

Parlamentari pagati dalle Lobbies ? - Roma Ott. 2013 
L'intervista a un assistente di un Senatore che svelerebbe i traffici illeciti tra parlamentari e Lobbies.
Video dell'intervista: 
http://www.video.mediaset.it/video/iene/puntata/390060/roma-parlamentari-pagati-dalle-lobbies.html

Informatore dei CDC CONFESSA la FRODE e le FALSIFICAZIONI sugli studi della correlazione VACCINO=AUTISMO

Le REAZIONI da VACCINO  - "Quando succede a Voi od al Vostri bambini, I rischi sono del 100%"

vedi: Meccanismo delle Mutazioni  cromosomiche cercare in questa pagina : Aberrazioni Cromosomiche + Meccanismi delle Mutazioni al DNA cellulare  (del mitocondrio) + Siamo contro la cosiddetta "immunizzazione" !

Bibliografia per i Danni dei vaccini - vedi anche: http://www.greenmedinfo.com/page/vaccine-research

IMPORTANTE: OGNI tipo di Vaccino produce Stress ossidativo cellulare e quindi tissutale !

video del dott. Massimo Montinari a Don Chisciotte  - Ott. 2012

Vaccini: esperimenti medici sulle masse
di Dewey Ross Duffel & Ingri Cassel [02/10/2006]
Fino a poco tempo fa, poche persone interrogavano i loro dottori quando l'ostetrica dell'ospedale portava via i loro neonati perché fossero "ripuliti". Questo prima di realizzare che in quel periodo sono spesso soggetti ad interventi medici non necessari, come le iniezioni di Vitamina K e contro l'epatite B.

La maggior parte dei genitori non è consapevole che il vaccino per l'epatite B non è mai stato clinicamente testato sui bambini sotto i cinque anni di età. Infatti, tutti i vaccini attualmente in uso sono autorizzati soprattutto in base ad una specifica risposta di anticorpi e non su studi che ne provino la sicurezza o l'efficacia.
Queste enormi sperimentazioni mediche sui nostri bambini contin uano all'età di due mesi, durante il primo controllo del neonato, quando il pediatra raccomanda che siano somministrate cinque iniezioni di TaP, Hib, Hep B (la seconda dopo la nascita), IPV (vaccino inattivo contro la poliomelite), e PCV (vaccino pneumococcico) durante la visita e tutte nel giro di mezz'ora.

A causa della fiducia dei genitori nell'esperienza e lo studio del loro pediatra, la maggior parte dei genitori non mette in dubbio che sia saggio iniettare tutti questi antigeni nel loro prezioso bambino in un tanto breve periodo di tempo. La marea sta cambiando, comunque, perché tante persone sono testimoni di amici e famigliari che soffrono di reazioni negative alle vaccinazioni di routine.

La ricerca rivela che la propaganda di promozione dei vaccini non è sostenuta dalla scienza. Nonostante questa ricerca richieda considerevoli tempo ed energia, molti genitori hanno scoperto che è uno studio che avrebbero voluto fare prima. La vaccinazione non è una pr ocedura di emergenza e nulla è più importante dei nostri bambini. Un a dilazione di pochi mesi nel fare questa decisione vitale è certamente giustificata.

I Vaccini creano Mutazioni Genetiche nei Mitocondri delle cellule, mutazioni che sono TRASMISSIBLI alla prole, dalla via materna. Nelle cellule infettate da virus si risvegliano i retrovirus piu’ vecchi.
Dei ricercatori hanno osservato che quando il metabolismo della cellula infettata da un virus (NdR: che puo’ essere anche
vaccinale) essa viene ingannata al fine di riprodurre il virus che la infetta, pero’ in essa decade la funzionalità di alcune reazioni biochimiche di contenimento e di funzione cellulare: sintesi e specializzazione delle proteine, specializzazione degli enzimi e duplicazione del DNA.
Quindi anche l'
infezione da virus vaccinale e’ in grado quindi di riattivare genomi di precedenti virus, o di quelli iniettati con i vaccini ai genitori, nonni, avi del vaccinato, virus, che erano divenuti parte del genoma delle cellule dei genitori, nonni, avi, generando anticipatamente qualsiasi tipo di patologia; il meccanismo si chiama slatentizzazione = liberare anticipatamente patologie.
Di fatto i
Vaccini sono un cocktail di Tossine altamente pericolose che possono rimanere inerti per anni e riesplodere come bombe a tempo anche dopo 30-40 anni o piu’, in uno stato febbrile… che alterano il Terreno in modo importante, specie negli organismi non perfettamente sani, per problemi ereditari e/o di alimentazione inadatta alla Perfetta Salute.

Mentre continua ad emergere la verità sugli estremi pericoli dei vaccini e dei prodotti farmaceutici, la Big Pharma è sempre più disperata, non sapendo più come costringere il pubblico a fidarsi dei suoi prodotti. Ora sta lavorando in stretta collaborazione con le autorità politiche (inclusi i governatori di diversi stati) per rendere coercitive le vaccinazioni sui bambini. Ciò contempla la criminalizzazione dei genitori che rifiutino di esporre i propri figli ai pericoli derivanti da queste sostanze chimiche.
In sostanza, la
Big Pharma spera di trasformare in criminali i seguaci della medicina naturale.

La
FDA ha già criminalizzato le compagnie produttrici di supplementi nutrizionali che osino dire la Verità sui benefici alla salute derivanti dai loro prodotti. Inoltre, i genitori che rifiutano di iniettare ai propri figli i prodotti farmaceutici imposti da Big Pharma, verranno criminalizzati, radunati e incarcerati per "rifiuto di accondiscendere alle politiche sanitarie".
Tutto ciò viene perpetrato dallo Stato col pretesto di "
proteggere i bambini" dai genitori che credono nella medicina naturale (è folle, vero, pensare che proteggere i propri figli da sostanze chimiche tossiche è oggi un crimine negli Stati Uniti ?).

Il fine ultimo di tutto questo è l'applicazione delle tattiche di
Medicina a Mano Armata a tutti noi. Compresi gli adulti e gli anziani. Chiunque soffra, per esempio, di colesterolo alto e non si assoggetti ai farmaci statinici della Big Pharma, potrà essere arrestato, legato a un tavolo e curato contro la sua volontà. Chi è affetto da cancro, potrà essere arrestato per aver scelto di curarlo con medicine botaniche sicure ed efficaci, anziché con farmaci brevettati e fonti di alti profitti per la Big Pharma.
Se pensate che già oggi le prigioni siano strapiene a causa degli arresti per possesso di marijuana e per altri crimini di nessun rilievo, aspettate che lo Stato inizi ad arrestare tutte le mamme e i papà del paese che rifiutano di partecipare al pazzesco e
dannosissimo sistema farmacologico che domina oggi la sanità americana e mondiale.

AFRICA - vedi: anche QUI
Campagne di vaccinazioni in Africa 
(Congo) da parte dell’ENI Foundation - Aprile 2008

Nei vaccini venduti al terzo mondo si é scoperto che molti di questi contenevano l'ormone B-hCG un anti fertile se immesso in un vaccino.
La corte Suprema delle Filippine ha scoperto che oltre 3 milioni di ragazze e donne hanno assunto questi vaccini contaminati, cosí come in Nigeria, Tailandia ecc...
Per chi non abbia ancora visto questi video-documenti scioccanti:
http://uk.youtube.com/watch?v=edikv0zbAlU
http://it.youtube.com/watch?v=wg-52mHIjhs&feature=related
Sembrerebbe che oltre al profitto a tutti i costi, ci sia dietro qualcosa d'altro....impedire alle donne dei paesi del terzo mondo... di avere figli....

La Merck ammette l'inoculazione del virus del cancro - La divisione vaccini della farmaceutica Merck, ammette l'inoculazione del virus del cancro per mezzo dei vaccini.
 La sconvolgente intervista censurata, condotta dallo studioso di storia medica Edward Shorter per la televisione pubblica di Boston WGBH e la Blackwell Science, è stata tagliata dal libro "The Health Century" a causa dei sui contenuti - l'ammissione che la Merck ha tradizionalmente iniettato il virus (SV40 ed altri) nella popolazione di tutto il mondo.
 Questo filmato contenuto nel documentario "In Lies We Trust: The CIA, Hollywood & Bioterrorism", prodotto e creato liberamente dalle associazioni di tutela dei consumatori e dall'esperto di salute pubblica, Dr. Leonard Horowitz, caratterizza l'intervista ad uno dei maggiori esperti di vaccini del mondo, il Dott. Maurice Hilleman, che spiega perché la Merck ha diffuso l'AIDS, la leucemia e altre orribili piaghe nel mondo : http://www.youtube.com/watch?v=edikv0zbAlU


I medici americani registrano ogni anno migliaia di reazioni serie ai vaccini
, incluse centinaia di morti e di menomazioni permanenti.
Le popolazioni completamente vaccinate sono state investite da epidemie, e i ricercatori attribuiscono dozzine di condizioni neurologiche e immunologiche croniche ai programmi di "immunizzazione" (vaccinazioni) di massa.
Vi sono migliaia di studi medici pubblicati che documentano il fallimento dei vaccini e le reazioni avverse, e dozzine di libri scritti da medici, ricercatori e scienziati indipendenti che rivelano serie lacune nella teoria e pratica della falsamente detta "immunizzazione".

MITI dei VACCINI

Mito n°1: "..i vaccini sono completamente innocui..?"
Il VAERS (sistema che riporta gli effetti avversi ai vaccini) dell' FDA (Food and Drug Administration) riceve annualmente 11.000 rapporti su serie reazioni avverse ai vaccini, di cui l'1% rappresenta le morti causate dalle reazioni al vaccino.
La maggior parte delle morti sono ascrivibili al vaccino della pertosse. Studi internazionali hanno dimostrato che la vaccinazione è causa della SIDS (sindrome di morte infantile improvvisa).
Mito n°2: "..i vaccini sono molto efficaci..?"
La letteratura medica possiede un numero sorprendente di ricerche che documentano il fallimento del vaccino.
Epidemie di morbillo, orecchioni, vaiolo, polio si sono manifestate in popolazioni vaccinate.
Nel 1989 il CDC (Center for Diesease Control and Prevention) riportò:.."nelle scuole con un livello di vaccinazioni superiore al 98% si sono avute epidemie  (morbillo) fra i bambini di età prescolare.."  "..l'apparente paradosso è che, quando il tasso di immunizzazione al morbillo aumenta a livelli alti in una popolazione, il morbillo diventa una malattie di persone immunizzate..".
Mito n°3: "..i vaccini sono la ragione principale del basso tasso di malattie..?"
Secondo l'Associazione Britannica per il Progresso della Scienza, le malattie infantili diminuirono del 90% fra il 1850 ed il 1940, parallelamente al miglioramento delle pratiche sanitarie ed igieniche, ben prima che fossero introdotti i programmi di vaccinazione obbligatoria. A sottolineare questa conclusione è stato un recente rapporto dell' OMS (Organizzazione Mondiale per la Sanità), il quale trovò che la malattia e i tassi di mortalità nei paesi del terzo mondo non hanno un legame diretto con le procedure di immunizzazione o il trattamento medico,  ma sono strettamente collegate con gli standard igienici ed alimentari.
Mito n°4: "..la vaccinazione si basa su fondate teorie  e pratica dell'immunizzazione..?"
L'evidenza clinica sta nella loro capacità di stimolare la produzione di anticorpi. Quello che non è chiaro è se tale produzione produca immunità.  Per esempio i bambini anemici di agammaglobine sono incapaci di produrre anticorpi, tuttavia guariscono dalla malattie infettive quasi con la stessa velocità degli altri bambini.
L'immunità naturale è un fenomeno complesso che coinvolge molti organi e sistemi. 
Mito n°5: "..le malattie infantili sono pericolose..?"
La maggior parte delle malattie infettive dell'infanzia hanno poche serie conseguenze al giorno d'oggi. 
Persino le statistiche conservatrici del CDC sulla pertosse durante il 1992/1994 indicano un tasso di guarigione del 98.8%.
Nella maggior parte delle volte, la malattie produce immunità per tutta la vita, mentre l'immunità del vaccino è solo temporanea.
(NdR: questa immunita' temporanea NON esiste e' frutto della fantasia dei medici vaccinatori indottrinati dalle multinazionali dei vaccini !)
Mito n°6: "..mio figlio non ha avuto reazioni, quindi non vi è nulla di cui preoccuparsi..?"
Gli effetti negativi documentati del vaccino includono disturbi immunologici e neurologici cronici, quali autismo, iperattività, scarsità di attenzione, dislessia, allergie, cancro, ecc.
I componenti del vaccino includono prodotti cancerogeni, thimerosal, il fosfato di alluminio e la formaldeide. Il dilemma è che gli  elementi virali presenti nel vaccino possono perdurare e mutare nel corpo umano per anni, con conseguenze imprevedibili.
Mito n°7: "..esiste solo la vaccinazione..?"

Storicamente l'omeopatia si è rivelata più efficace della medicina ortodossa, nel trattare e prevenire le malattie. Si è riscontrato che i rimedi omeopatici sono più efficaci quando vengono assunti durante i periodi di incremento del rischio, poiché non contengono sostanze tossiche, non danno effetti collaterali.
"Qualunque sia il vostro pensiero riguardo alle vaccinazioni, prendete una decisione informata: perché ne avete tutto il diritto.
La responsabilità è molto elevata, soprattutto pensando che state giocando con la vita dei vostri figli.
Non prendete una decisione basandovi su questo resoconto, ma cercate da voi." 
Tratto da: NEXUS NEW TIME Edizione italiana n°15
 

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Vaccinazioni pediatriche di massa, che senso hanno ? - 17 gennaio 2013
Italy - La campagna nazionale di vaccinazioni pediatriche ha avuto dei graduali ma significativi cambiamenti negli ultimi due decenni.
Una volta le vaccinazioni obbligatorie erano solo 3, ma dal 1991 sono diventate 4 essendo stata resa obbligatoria la vaccinazione antiepatite B.
A partire dal 2001, però, al posto di questi 4 vaccini (difterite, tetano, poliomielite, epatite B), senza alcuna legge dello Stato, si è imposta di fatto l’usanza di somministrare l’Esavalente che, oltre ai precedenti 4 vaccini, contiene anche quello contro pertosse e l’emofilo B (NdR: meningite).
Il vaccino Esavalente è sicuramente di comodo uso, ma è altrettanto sicuro ?
Gli studi pubblicati dall’Industria Farmaceutica sembrerebbero garantirlo, ma la letteratura scientifica indipendente denuncia che il rischio che un bambino ha di subire danni da vaccino è tanto maggiore quanto più il bambino è piccolo e tanto è maggiore il numero di vaccini somministrati contemporaneamente (cfr. il mio articolo “Pericolo esavalente: vaccino ritirato”).
Però ci si chiede: se lo Stato impone 4 vaccini, perché i genitori devono essere costretti, di fatto, a somministrarne 6 ?
Chi ha permesso all’Industria Farmaceutica di togliere dal commercio alcuni vaccini singoli ?
Contemporaneamente a questi interventi, negli ultimi anni abbiamo anche assistito ad una improvvisa abolizione della distinzione tra vaccini obbligatori e facoltativi, con la conseguenza che i genitori credono che tutti i vaccini siano obbligatori, mentre restano obbligatori sempre e solo i suddetti 4.
Cosa giustifica questa politica sanitaria ? Sono forse aumentati i casi di queste patologie infettive pediatriche ? E se questo non è accaduto, cos’altro può spiegare tali prese di posizione ? E ancora: al giorno d’oggi nel nostro Paese sono ancora razionali le campagne vaccinali obbligatorie di massa ?
Una risposta dettagliata a queste domande richiede più spazio di quello ora disponibile, ma credo che un accenno sia possibile (l’argomento è stato ampiamente trattato nel mio libro “Le Vaccinazioni Pediatriche” con più di 1500 studi scientifici discussi nel testo).

1) Il vaccino esavalente è sicuro ?
Chi sapeva che il vaccino esavalente è stato sospettato di aver causato numerosi casi fatali di edema cerebrale nei neonati e che per questo nel 2006 è stato ritirato e sostituito dall’attuale (sospeso recentemente per rischio di infezione) ?
Il Prof. Randolf Penning dell’Istituto di Medicina Legale di Monaco ha documentato più di 120 casi e 6 di questi erano morti lo stesso giorno della vaccinazione o il giorno dopo, mentre al pubblico il ritiro era stato giustificato da una scarsa protezione verso l’epatite B (cfr. il mio articolo “A proposito dei recenti vaccini ritirati e della libertà vaccinale”)

2) Chi ha permesso all’Industria Farmaceutica di togliere dal commercio alcuni vaccini singoli ?
La commercializzazione dei farmaci (i vaccini sono farmaci) è regolata dall’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) che è un Ente pubblico che opera in autonomia, trasparenza (NdR: NON e' vero, vedi qui) ed economicità sotto la direzione del Ministero della Salute.

3) Sono aumentati i casi delle patologie infettive pediatriche controllabili dai vaccini ?
Certamente no, ma non possiamo neppure dire che le vaccinazioni di massa hanno ridotto le malattie infettive a loro associate, perché tutti gli studi epidemiologici indicano che le malattie infettive sono calate grazie alle migliorate condizioni igieniche e ben prima delle vaccinazioni di massa.
Un editoriale di una rivista di pediatria afferma: “Nella storia, la maggior diminuzione della morbilità e mortalità causate dalle malattie infettive non è stata merito dei moderni antibiotici o dei vaccini, ma dell’introduzione dell’acqua pulita e delle fognature” (J. Pediatr. 1999).

Fig. 1 – Calo della mortalità pediatrica per pertosse e morbillo in Inghilterra e Galles dal 1850 al 1970 (McKeown T. The Modern Rise of Population. Academic Press, New York, 1976)

4) Oggi, nel nostro Paese, sono ancora razionali le campagne vaccinali obbligatorie di massa ?
Negli altri Paesi europei le vaccinazioni pediatriche obbligatorie sono molto scarse e anche estremamente eterogenee (vaccini obbligatori in uno Stato non lo sono negli altri). Essendo farmaci, i vaccini hanno potenziali effetti indesiderati (nel nostro Paese mancano gli studi di farmacovigilanza vaccinale): come possiamo iniettare nei neonati (potenzialmente sani) dei farmaci senza avere un minimo di bilancio indipendente del rapporto rischio/beneficio ? E perché iniettarli indiscriminatamente ?
I trattamenti farmacologici vengono sempre personalizzati negli adulti: perché i bambini dovrebbero fare eccezione ?  
Stiamo distruggendo il presente, il futuro e la felicità dei nostri figli ?

Infine, se i vaccini forniscono solo un’immunità temporanea e specifica proteggendo, se va bene, solo verso alcuni tipi di germi, invece di praticare queste vaccinazioni di massa, non è molto più logico, utile, sicuro ed economico agire potenziando l’immunità aspecifica del singolo bambino che lo proteggerà non verso alcuni germi, ma verso tutti i germi, anche se in modo non assoluto ?
Oggi, questo approccio è perfettamente fattibile !
By Roberto Gava - Tratto da: il fattoquotidiano.it


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

In Italia la regione Lombardia riconosce ai medici di base un emolumento per ogni paziente vaccinato, e tale consuetudine malgrado non sia recente, è assolutamente vera (vedi a puro titolo di esempio l'archivio storico del Corriere della Sera:
 http://archiviostorico.corriere.it/2010/ottobre/06/Vaccini_medici_pagati_cottimo_co_7_101006021.shtml
1 - Il medico di base non ha un rapporto dipendente con la ASL, ma di tipo convenzionato, a differenza dei medici dipendenti che lavorano nelle ASL
2 - Il medico di base percepisce un emolumento aggiuntivo rispetto alla quota base per ogni assistito, in caso di prestazioni particolari ( ad esempio la medicazione di una ferita, l'applicazione di un catetere vescicole....od una pratica vaccinale)

L'emolumento (che viene spesso incluso nella voce "rimborso", analogamente ai famigerati "rimborsi elettorali"...) ha come scopo quello di incentivare la pratica delle vaccinazioni volontarie, soprattutto nella fascia di età (soggetti over 65) che hanno scarsamente risposto in passato agli appelli del Ministero della Salute (cioe’ ...delle Industrie Farmaceutiche...)
Se un soggetto desidera sottoporsi alla vaccinazione per il virus dell'influenza e si reca presso un centro pubblico della ASL, il medico che - dopo aver (adeguatamente?) informato il paziente, gli pratica l'iniezione necessaria per la vaccinazione, non percepisce alcun emolumento aggiuntivo, rispetto al proprio stipendio; se al contrario il paziente ultra 65 viene vaccinato dal proprio medico di base, allora scatta l'incentivo economico, per il medico...

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Vaccini ? Medici francesi dubbiosi sull’utilità, l’efficacia e la sicurezza - 21/12/2015
Vaccino si o no? Questa la domanda che attanaglia la mente ed il cuore di tutti i genitori.
A differenza dell’America, la Francia ha deciso di agire differentemente e di guardare in faccia i danneggiati.
I francesi sono un popolo che difficilmente mette da parte i propri dubbi per sottostare ad un volere effimero.
Vediamo ad esempio come nel 1992 la Francia abbia girato le spalle a grandi catene fast food; i cittadini francesi protestarono in piazza contro McDonalds. L’attivismo portò ad un incendio  fuori da un McDonald e di nuovo nel 1999, quando José Bové smantellò un edificio McDonald in costruzione nel sud della Francia, con l’aiuto di un gruppo di compagni.
E’ noto anche la diffidenza della Francia  nei confronti della Monsanto; infatti il paese ha vietato la vendita di erbicidi contenenti glifosato mortale (Roundup). 
Questa diffidenza collettiva   è arrivata anche nei confronti del sistema vaccinale. I grandi dubbi del popolo francese  insieme ad una grande percentuale dei suoi medici,nacquero nel 2005; la perplessità circa la sicurezza e l’efficacia dei vaccini era motivo di dibattito già allora.
Una recente presentazione di Michèle Rivasi  (membro del Parlamento europeo), sottolinea lo scetticismo della sua nazione circa la profilassi vaccinale, dichiarando quanto segue:
“Tra il 2005 e il 2010, la percentuale di persone francesi pro vaccinazione è scesa dal 90% al 60% (2013 INPES Peretti-Watel). La percentuale dei francesi dubbiosi o non fiduciosi di tale profilassi, di età compresa tra 18 e 75 è aumentata dal 8,5% del 2005, raggiungendo il 38,2% nel 2010.
Nel 2005 circa  58% dei medici ha messo in dubbio la stessa utilità dei vaccini somministrati ai bambini, mentre il 31% dei medici hanno espresso dubbi sull’efficacia.
http://www.thevaccinereaction.org/2015/08/the-french-national-debate-on-vaccine-safety/
Si, in solo 5 anni (2005/2010), la percentuale del popolo francese  dubbiosa o contro la vaccinazione è aumentata dal 10% al 40%. Gli stessi Medici non sono più convinti e le percentuali di disapprovazione si dividono, come abbiamo visto, tra dubbi di utilità, di efficacia e di sicurezza.

PERCENTUALI di VACCINAZIONI a PICCO, ma NESSUN FOCOLAIO
Strano come nonostante questi dati, non si sia verificato alcun focolaio in tutti questi anni.
(NdR: e cio' succede in ogni nazione ove le vaccinazioni diminuiscono...)
Ma non sono soltanto i medici francesi ad avere dei dubbi a riguardo; ricordate la notizia delle alte percentuali di medici non vaccinatori in America ? (fonte a fine articolo).
I media inoltre in Francia giocano un ruolo risolutivo in questo argomento come per il resto. Una notizia la si cerca di dare nella maniera più corretta possibile a differenza di Stati i quali si rifiutano la parola a danneggiati o semplicemente nel riportare fatti di cronaca.
C’è in atto un piano ben preciso svolto a celare le testimonianze dei genitori. I giornalisti come molti medici sono formati in modo che venga dato risalto solo a ciò che vuole il governo e tutto questo non è possibile. Una serie di testimonianze di seguito.
http://www.thehealthyhomeeconomist.com/vaccination-sexism-media/
Inoltre, l’ondata di reazioni avverse a seguito del vaccino contro il papilloma virus umano come pure lo scandalo del meningitec (più di 550 le famiglie francesi ad aver fatto causa) hanno provocato ancor più sfiducia nel popolo, il quale ora ha compreso dell’esistenza di altri profitti dietro la dorata bugia della sanità pubblica.
La stessa Marisol Touraine si è espressa in merito, ma forse non tutti sanno che la medesima, prima di diventare ministro degli Affari sociali e della Sanità nel 2012, ha partecipato ad un’organizzazione di lobbying dell’industria farmaceutica chiamato ” Club Avenir de la Santé ” (Future of Health Club), finanziato da GSK (GlaxoSmithKline).

Ad ogni modo la questione della sicurezza del vaccino in Francia ha ricevuto una enorme copertura mediatica nel mese di aprile 2015 a seguito di una relazione del comitato tecnico della farmacovigilanza alla Direzione Generale della Sanità a seguito del decesso di due neonato deceduti nel 2012 e il 2014 a seguito della vaccinazione con Rotarix e RotaTeq.  
Il Consiglio superiore della sanità pubblica francesce (HCSP) diffuse l’avviso di sospensione della raccomandazione per il vaccino contro la gastroenterite da rotavirus indicato a tutti i bambini di età inferiore ai 6 mesi.
I vaccini orali, prodotti rispettivamente dalla GlaxoSmithKline (GSK) e dalla Merck, sono stati segnalati anche per aver causato 500 eventi avversi di cui 200 gravi.
“La trasparenza è la migliore medicina per il trattamento di argomenti scientifici infondate” – By Marisol Touraine

Ovviamente il ministero della salute francese non dorme sogni tranquilli  perché secondo un sondaggio, il 74% dei francesi non ha intenzione di vaccinarsi per l’influenza, ritenendolo inutile per il 52% e rischioso per il 22%, questo secondo un sondaggio IFOP reso pubblico il 12 ottobre scorso e realizzato per il Groupement de pharmaciens.
La macchina da guerra delle multinazionali del farmaco è partita subito al contrattacco approntando delle contromisure mirate al senso di colpa come si fa di solito in questi casi.
Il giorno dopo, 13 ottobre, è partita una campagna di “informazione” che paventava chissà quali effetti nocivi, in modo particolare il rischio di finire in ospedale nel caso in cui non si fosse scelto la via della vaccinazione.

SEMPRE la STESSA STORIA
Per placare la paura viene utilizzato il terrore come sempre. Questo atteggiamento ha iniziato a rivoltarsi contro coloro che da anni lo utilizzano per i propri scopi.
L’industria dei vaccini ora ha un volto e la popolazione è stanca di essere presa in giro.
http://circleofdocs.com/france-decides-to-opt-out-of-vaccines/
http://www.thevaccinereaction.org/2015/08/the-french-national-debate-on-vaccine-safety/
Tratto da: vacciniinforma.it

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Il complotto di Big Pharma: tanti morti e tanti soldi - 29/10/2009
Rauni Kilde è l’ex ufficiale nazionale sanitario per la Finlandia. L’intervista è di due mesi fa:
Traduzione:
- Lei pensa che questi virus siano stati specificatamente selezionati da testare su di noi per operare mutazioni della specie o per ucciderci ?
Beh come minimo ci rendono molto malati, poiché lo scopo che ho letto dell’élite, se posso usare questa parola, è quello di ridurre la popolazione del pianeta terra di almeno i due terzi, forse persino di 5 miliardi…
- Stiamo però affrontando questa nuova patologia, la suina..
Ma la suina è una enorme cavolata !
Non è la suina a essere pericolosa, è l’iniezione del vaccino ! Perché non è solo composto dal virus della suina ma è mescolato con virus umano e con virus aviario e dietro vi è l’intento di ridurre la popolazione, perché è molto tossico, e di fare guadagnare miliardi di miliardi di miliardi a coloro che li producono, Rumsfeld è uno dei proprietari di quelle aziende farmaceutiche.
Volendo ridurre la popolazione, iniziano dai bambini e dalle donne incinte, i primi da eliminare per la prossima generazione.
- Ha tentato di avvertire i governi ?
Non i governi ma ho scritto l’informazione alla Finlandia, non penso che funzionerà…
- Hanno già provato alla fine degli anni 70…
Sì, nel 1976, negli USA con l’influenza suina, ma i vaccini furono fermati  dopo tre settimane perché ci furono così tanti morti e si ammalavano della sindrome * che distrugge il sistema neurologico delle persone;  questa volta hanno portato degli accorgimenti per ricominciare; però prima hanno fatto in modo che le persone non possano più essere risarcite, in caso di conseguenze nefaste sulla salute, perché prima negli USA si dovevano pagare importi enormi in caso di danneggiamento alla salute ma adesso è stata approvata una legge secondo cui queste aziende non sono responsabili e non devono pagare alcun risarcimento né in caso di morte né in caso di danno sanitario cronico. L’hanno pensata proprio bene.
- Quindi possono avvelenarci o ucciderci e farla franca ?
Esattamente.
- Ma come mai succede ? Come mai così tanti governi lo permettono ?
Beh non lo stanno ancora permettendo perché non hanno ancora fatto niente. Stanno portando avanti un programma di terrore nei mass media, tutti i mass media: è una propaganda del TERRORE e le persone si spaventano perché non lo sanno.
L’OMS ha ordinato che tutti devono essere vaccinati obbligatoriamente. Precedentemente, l’OMS non aveva la facoltà di costringere alcun governo, poteva formulare solo raccomandazioni ma nel 1986/87 si disse che in caso di pandemia, allora l’OMS poteva impartire ordini.
All’inizio di giugno, l’OMS ha dichiarato la pandemia di livello 6, che è il massimo, ma viaggiando in qualsiasi paese del mondo si poteva constatare che non c’erano i milioni di malati di suina. E’ stato fatto solo per forzare le persone e per preparare i governi all’obbligo del vaccino. Ma non funzionerà perché le persone…
- Lei pensa che le cifre fornite dall’OMS siano false ?
Certamente sono false. Si deve sempre tener presente perché lo fanno, e il cui prodest. Cui prodest ?
Secondo me, sono stati costretti, ma da chi ? Da Big Pharma che gestisce la popolazione del mondo e il denaro del mondo, milioni e milioni.
- Qual è la strategia? Perché lo fanno? Qual è lo scopo ?
E’ quello di uccidere quante più persone possibile e di fare quanti più soldi possibile (per loro). Ma penso che abbiano mal calcolato questa volta. Perché già alla riunione del Bilderberg il 14 e il 15 maggio scorso in Grecia, si è verificata quasi una spaccatura, quando ne hanno discusso. E posso immaginare benissimo che i partecipanti usuali al Bilderberg non siano sempre d’accordo con i piani di Kissinger di eliminare gran parte della popolazione mondiale.
E ieri il governo finlandese ha preso la decisione di cambiare le leggi nel senso di non dichiarare più questa malattia come pericolosa e contagiosa, il che significa che le persone dovranno comprarsi il vaccino. Ed è anche una questione giuridica perché secondo me se una malattia non è pericolosa e contagiosa, non possono obbligarti a vaccinarti. Sono stati furbi.
Ho scritto anche all’Istituto sanitario della Norvegia il cui direttore mi ha risposto che non hanno l’intenzione di rendere il vaccino obbligatorio ma solo facoltativo; spero che nessuno lo farà, soprattutto non le donne incinte e i bambini, spero nessuno.
By Nicoletta Forcheri - Fonte: stampalibera 
Tratto da: ariannaeditrice.it 

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Poliomielite  (vedi Grafici Vaccini - meglio ancora i dati Istat - Italia)
Il vaccino per la poliomielite è indicato con orgoglio da ogni governo come la prova definitiva che la vaccinazione di massa funziona.
Il governo statunitense fa notare che durante gli anni peggiori della polio, in America si verificarono 20.000 - 30.000 casi, rispetto ai 20-30 all'anno al giorno d'oggi. (NdR: pero' in compenso hanno avuto un'aumento esponenziale di meningiti, epatiti, distrofie, ed oggi di autismo, tutti danni conseguenti dei Vaccini)
Tuttavia il dott. Bernard Greenberg, capo del Dipartimento di Biostatistica presso l'Università della Carolina del Nord, Scuola di Sanità Pubblica, continua ad affermare che i casi di polio aumentarono del 50% tra il 1957 e il 1958 e dell' 80% al 1959, DOPO  l'introduzione della vaccinazione di massa.
In cinque stati - New England, Massachusetts, Connecticut, New Hampshire, Rhode Island e Vermont - i casi di polio più o meno raddoppiarono nel 1954 e nel  1955 dopo l'introduzione del vaccino per la poliomielite.
Malattie come la polio operano in modo ciclico. La grande epidemia di polio si verificò nel anni 1910, negli anni 1930 e negli anni 1950; poi i casi diminuirono  grandemente fino a raggiungere quasi lo zero. (NdR: oppure si trasformano dopo le campagne vaccinali in altre malattie tipo, la distrofia, le meningite, problemi neurologici ecc.)
Nei veri casi di polio, il virus (NdR: che e' una proteina complessa a DNA) e' presente nell'intestino, creando quella che ordinariamente è un'infiammazione innocua.
Il virus, originariamente sviluppato da Joan Salk, viene iniettato sotto la pelle e si dà per scontato che viaggi attraverso il flusso sanguigno per cercare di creare anticorpi che lo "bloccheranno" prima che raggiunga il sistema nervoso. Tuttavia, l'iniezione del virus della polio, non dà "un'immunità intestinale", cioè non fa crescere gli anticorpi nell'intestino. - vedi: Immunita'
Il vaccino di Salk fu poi sostituito da quello di Albert Bruce Sabin. Questo significa che, anche se non si contrarrà la polio paralizzante, il virus continuerà a vivere nell'intestino e teoricamente potrà essere trasmesso a qualcun altro.
Il vaccino originale di Salk richiedeva tre o più richiami ogni cinque anni. Quando venne somministrato per la prima volta, venne considerato un successo enorme, finché negli anni '60 la percentuale di vittime di poliomielite salì.
Il vaccino orale (OVP), venne sviluppato da Sabin, e praticamente rimpiazzò il vaccino di Salk negli anni '60.
Gli scienziati ora si rendono conto che ci sono poche prove che il vaccino permetta il raggiungimento effettivo di questa immunità tipo "porta di servizio" tra le persone vaccinate.
Questa è stata la conclusione di uno studio scientifico condotto da un gruppo di ricercatori dopo un'epidemia di polio a Taiwan, dove il 98% dei bambini era stato vaccinato.
Ci sono moltissime prove che il vaccino per la polio sia fallimentare. Molto delle epidemie dei nostri giorni si verificano più tra le persone vaccinate che tra quelle non vaccinate. 
Con il virus della polio, il problema principale è che questa versione "attenuata" del virus contenuta nel vaccino può alterarsi geneticamente nell' intestino, trasformandosi in una forma virulenta e provocando una poliomielite paralizzante in chi la riceve o in coloro con i quali vieni a contatto, ma se cio' non accade, producendo una certa immunodepressione (mini aids) ed Mutazioni genetiche nel soggetto vaccinato. - vedi anche: Immunodepressione da Vaccino - 2 

Tetano -  DifteritePertosse
L'incidenza e il numero delle morti per difterite iniziarono a diminuire molto tempo prima che il vaccino venisse introdotto, come accade per il tetano, in particolare grazie all'attenzione prestata all'igiene delle ferite.  Il grande declino delle morti per pertosse (circa l'80%) si verificò prima dell'introduzione del vaccino.

Vaccino della Pertosse:
E' riconosciuto come il più pericoloso. Di tutte le reazioni avverse alle vaccinazioni che vengono ora riportate dal Sistema Americano di Registrazione di Eventi Avversi ai Vaccini, la stragrande maggioranza sono dovuti al vaccino DPT. Incredibile ma vero, la sicurezza del vaccino contro la pertosse non è mai stata provata prima che questo venisse iniettato a milioni di neonati. Essenzialmente il vaccino come lo conosciamo oggi non è differente dal primo lotto creato nel 1912. A quel tempo due batteriologi
francesi fecero crescere il batterio della pertosse in grandi contenitori, lo uccisero con il calore, conservando questo brodo con la formaldeide e proseguendo iniettandolo a centinaia di bambini.
A differenza di molti vaccini che vengono detossificati e purificati, il vaccino della pertosse contiene ancora la "cellula completa" del batterio della pertosse. Questo significa che contiene ancora
endotossine e sostanze come pareti cellulari molto tossiche, che provocano febbre, interferenze con la crescita e morte negli animali di laboratorio. Per non parlare poi dell'aggiunta di un "adiuvante" un sale metallico (spesso un composto dell'alluminio) usato per aumentare l'effetto del vaccino, più un conservante (un derivato del mercurio). Questi ingredienti vengono usati a dispetto del fatto che la formaldeide sia cancerogena e che l'alluminio e il mercurio siano altamente tossici per gli esseri umani.

Vaccino per l'Epatite B:
L'OMS (l'Organizzazione Mondiale della Sanità) raccomanda che il vaccino per l'epatite B (HB) venga incluso nel programma di vaccinazione per neonati o bambini in tutto il mondo. In Italia il vaccino è obbligatorio. Quello di cui nessuno parla è come è
stato creato il vecchio vaccino. Nessuna produzione di vaccini è simpatica (per esempio la produzione del vaccino della pertosse utilizza il muco di bambini infetti, quella del tifo usa gli escrementi delle vittime e la rosolia viene coltivata in feti abortiti), ma questa è una delle poche che derivano direttamente dal sangue umano, in particolare, i prodotti del sangue di persone omosessuali cha avevano contratto l'epatite. Il vaccino è stato rimpiazzato negli anni'90 da una versione ottenuta tramite l'ingegneria genetica o versione a "DNA ricombinante", che viene coltivata in cellule di funghi unicellulari.
Comunque i primi vaccini derivati dal plasma non sono mai stati ritirati dal mercato. Perciò fino a poco tempo fa, chiunque si fosse vaccinato per l'epatite avrebbe potuto ricevere un vaccino derivato da sangue umano.
In un rapporto della Nuova Zelanda si parla dopo una immunizzazione di massa di eventi avversi quali: letargia e malessere, diarrea, asma, svenimenti, artrite, pallore, calo della pressione.
Tratto da Ciò che i dottori non dicono: la verità sui pericoli della medicina moderna diLynne McTaggart  - edizioni Macro

Il vaccino per il morbillo collegato ad Autismo:
I dottori britannici hanno scoperto che la vaccinazione MMR (morbillo, rosolia ed orecchioni) potrebbero innescare l'autismo. Lo studio, condotto presso il Royal Free Hospital, ad Hampstead, Londra nord, ha anche scoperto una connessione tra vaccino e
infiammazione intestinale. Ha mostrato che di 12 bambini che erano stati in precedenza diagnosticati normali, tutti hanno sviluppato una malattia intestinale e nove hanno sviluppato l'autismo. Secondo i medici coinvolti nello studio, otto dei bambini
hanno sviluppato cambiamenti nella salute e nel comportamento entro sei giorni dalla vaccinazione. In uno studio di un altro gruppo di bambini, 46 su 48 hanno sofferto di problemi intestinali e comportamentali entro sei giorni dalla vaccinazione.
Fonte: Herald Sun, Melbourne, 28 Febbraio 1998; Weekly Telegraph, Londra, 4-10 Marzo 1998

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Un ricercatore italiano, Antonio Procopio dell'Università di Chieti, insieme a due studiosi americani del NIH (National Institutes of Health), Michele Carbone ed Harvey Pass, hanno scoperto all'interno dei tumori (mesotelioma) un virus che ha tutti i connotati dello SV40 (agente infettivo dei macachi) e che non è presente nei tessuti circostanti.
Il vaccino per la Polio, si prepara su colture di cellule di scimmia, da cui il virus SV40 era passato nei vaccini distribuiti in tutto il mondo dagli anni '50 fino al 1985.
Tratto da: Panorama e l'Espresso del 10/06/94

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Un solo vaccino con  sei vaccini  (esavalente)
Da settembre l'antipolio sarà usata sempre meno,  perché sarà applicato il nuovo calendario vaccinale che prevede la somministrazione di sei vaccini con un'unica iniezione. Nell'esavalente, oltre alle quattro vaccinazioni obbligatorie per la polio, difterite, tetano ed epatite B, vi sono l'antiemofilo e l'antipertosse che sono facoltative.
"Un'unica iniezione -commenta Il Corriere della Sera del 18 luglio scorso- e andrà in soffitta anche il classico antipolio orale Sabin, più protettivo ma più suscettibile a reazioni drammatiche (un caso di paralisi su 750mila)". Intanto la nuova malattia da debellare sarebbe la varicella, responsabile di aver colpito nell'ultimo anno il 50% della popolazione infantile.
Risulta comunque che le vaccinazioni non sono particolarmente gradite dagli italiani, visto che nonostante le pressioni e le manipolazioni dell'informazione medica, meno del 60% dei bambini vengono sottoposti alle vaccinazioni raccomandate (non obbligatorie). 

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Vaccini al mercurio
Un decreto del Ministero della Sanità del 15 luglio 2000 (D.M. 15 giugno 2000) prevede l'eliminazione del mercurio nei vaccini, ma tale obbligo entrerà in vigore solo tra sei anni, nel 2007. Lo stesso decreto ha prescritto nuove modalità di compilazione degli
stampati e dei foglietti illustrativi dei medicinali contenenti  mercurio, nei quali vi dovrà essere l'avvertenza di possibili reazioni allergiche e di sensibilizzazione. La presenza del mercurio nei vaccini era poco nota all'opinione pubblica, ma una ricerca negli USA nel 1999 ha accertato che la quantità di questo elemento utilizzato come conservante nei vaccini superava di gran lunga i
limiti di sicurezza. Sempre negli USA era stato riscontrato un aumento dei casi di autismo collegato all'assunzione di mercurio nell'organismo. Di qui la decisione di vietare la produzione di tali vaccini, con la possibilità, però, di vendere le scorte fino a esaurimento. Dopo tali notizie allarmanti sono stati presentati alcuni esposti alla Magistratura da parte di alcuni cittadini ed associazioni e, quindi sono state avviate le indagini per accertare eventuali responsabilità penali. I vaccini antidifterico ed
antitetanico contengono circa 25 mcg di mercurio, il vaccino antiepatite B per uso pediatrico ne contiene 12,5 mcg, quindi sommando abbiamo 37,5 mcg di mercurio somministrati assieme, in dose settantacinque colte superiore al livello di sicurezza consigliato dall'O.M.S. (0,5 microgrammi). Nei foglietti illustrativi delle fiale, il mercurio si nasconde sotto il nome di vari composti: thiomersal, etilmercurio, mercuriotiolato, sodiomertiolato 
Tratto da: Libero 16/03/2001 e del Corriere della Sera 18/06/2001 

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Morte in culla e la vaccinazione DPT
La protezione farmacologica propinataci contro la morte in culla ? Ma è proprio questa stessa protezione farmacologica, con i vaccini dati in giovanissima età, che sembra causare la moria dei nostri bambini!
Citiamo dal libro della Dottoressa Viera Scheibner: Uno studio condotto negli USA su settanta casi di morte in culla selezionati a caso ha evidenziato che ben il 66% dei bambini deceduti aveva ricevuto il vaccino DTP (difteria, tetania, pertosse) poco tempo prima della morte: 6,5% entro le 12 ore, 13% entro 24 ore, 26% entro 3 giorni, 37% entro una settimana, 61% entro due settimane e 70% entro 3 settimane. E' stato anche scoperto che i casi di morte in culla dei bambini non vaccinati si concentravano nel periodo invernale, le morti dei bambini vaccinati succedevano durante tutto l'arco dell'anno, ma comunque sempre nel periodo subito dopo la vaccinazione. 
Le registrazioni del respiro dei neonati prima e dopo le vaccinazioni hanno mostrato un respiro normale nei sei giorni precedenti, ed un respiro a tratti difficoltoso durante i 12 giorni seguenti.
I periodi di respiro difficoltoso coincidevano con l'incidenza delle morti in culla a seguito della vaccinazione in 41 dei casi. Questa correlazione fu oggetto di uno studio separato.
Quando in Giappone, nel 1974, è stata innalzata l'età minima per ricevere la vaccinazione DTP a due anni, la morte in culla a seguito delle vaccinazioni è praticamente scomparsa ed il Giappone ha avuto, da quel periodo in poi, la mortalità infantile più bassa al mondo.
Forse sarebbe il caso di valutare queste statistiche e di trarre le dovute conseguenze anche in Italia, invece di proporre, come fa il nostro ministro dalla sanità, sempre nuove forme di "protezione farmacologica". Oppure dobbiamo pensare che il nostro sistema sanitario, incluso lo stesso ministero, siano sotto l'influenza di una lobby farmaceutica così potente da considerare qualche morte "roba da poco"?
Fonti ed altre informazioni sul tema: Il libro di Viera Scheibner - "Vaccination - A medical Assault on the Immune System" - Le citazioni da noi riportate, a cura di: ENVIRONMENT & HEALTH NEWS
www.environmenthealthzone.com
Altre info sulla dannosità della trivalente DTP   

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Vaccini LETALI - By Robert Kennedy jr

www.emergenzautismo.org ci regala questa traduzione sul più grande CRIMINE che la storia moderna possa testimoniare!  

Robert F. Kennedy Jr. indaga sullo scandalo dell’insabbiamento da parte del governo della connessione tra mercurio e autismo
20 Giugno 2005 - Tratto dal sito: http://www.rollingstone.com/politics/story/7395411/deadly...

Nel giugno del 2000, un gruppo di scienziati governativi e di responsabili per la sanità pubblica, si incontrarono nell'isolato centro congressi Simpsonwood di Norcross, in Georgia. Voluta dal Center for Disease Control and Prevention (CDC), la riunione si svolse presso questo eremo metodista nascosto tra i boschi in prossimità del fiume Chattahoochee, al fine di assicurare la completa segretezza.  vedi: La MAFIA SANITARIA


Il CDC non aveva emanato nessun annuncio pubblico della riunione -solo inviti privati per i 52 presenti.
C'erano gli alti funzionari del CDC e della Food and Drug Administration (FDA) (Ministero della salute statunitense), i più importanti specialisti in vaccini dell'Organizzazione Mondiale della Sanità da Ginevra e i rappresentanti delle maggiori compagnie per la realizzazione di vaccini, incluse la GlaxoSmithKline, Merk, Wyeth e Aventis Pasteur.
Tutti i dati scientifici in discussione, come ricordato ripetutamente ai partecipanti dai funzionari del CDC, erano strettamente confidenziali. Non ci sarebbero state fotocopie o documenti, nessuna prova cartacea da portarsi via alla fine delle riunioni a porte chiuse.
I dirigenti federali e i rappresentanti delle industrie si erano riuniti per discutere di un nuovo allarmante studio che sollevava preoccupazione circa la sicurezza dei comuni vaccini infantili somministrati a neonati e bambini.
(NdR: Comunque i dirigenti del convegno pubblicarono un documento di 286 pagine, per SVIARE le accuse di segretezza, ma in quella riunione gli attori principali (produttori + dirigenti degli enti governativi) si incontrarono in quella sede, anche con riunioni a "porte chiuse", non ufficiali, per discutere delle loro strategie per pilotare e smentire gli studi che erano comparsi sul collegamento Autismo e mercurio, questo per evitare di dover risarcire i migliaia di ragazzi e giovani, anche militari, che stavano intentando cause risarcitorie, la Prova ?
Qualche anno dopo il presidente Bush ed il suo governo, promulgo' una legge che proteggeva e tutelava i produttori dei vaccini affinche' NON potessero essere perseguiti in tribunale per i risarcimenti. la legge fu promulgata con un IMBROGLIO !
vedi: Produttori Tutelati  +  Guerra contro le Donne  +  MAFIA SANITARIA

Secondo un epidemiologo del CDC, Tom Verstraeten, che aveva analizzato gli enormi archivi dell'agenzia contenenti le registrazioni mediche di 100.000 bambini, un conservante a base di mercurio (thimerosal) sembrava essere il responsabile del drammatico incremento nei casi di autismo e la base di altri disordini neurologici infantili. "Ero veramente sbalordito per ciò che vidi" disse Verstraeten a tutti i riuniti a Simpsonwood, citando lo strabiliante numero di studi recenti che indicavano un collegamento tra il thimerosal e ritardo verbale, disordine da deficit di attenzione, iperattività e autismo. Fin dal 1991, quando il CDC e la FDA avevano raccomandato tre vaccini aggiuntivi legandoli alla prevenzione da fornire a livello infantile (in un caso a poche ore dalla nascita), il numero stimato di casi di autismo era cresciuto di 15 volte, da 1 su 2500 a 1 su 166 bambini (NdR: oggi nel 2012 siamo a meno di 1 su 80 nati).
Per gli scienziati e per i medici, abituati ad affrontare questioni di vita o di morte, l'evidenza era spaventosa. "Si può fantasticare su tutto questo quanto vogliamo" disse al gruppo il dottor Bill Weil,uno specialista dell'Associazione Pediatrica Americana.
L'esito "è statisticamente rilevante". Il dottor Richard Johnston, un immunologo e pediatra dell'Università del Colorado, il cui nipote era nato la mattina del primo giorno del meeting, era ancor più preoccupato."Quello che penso ?" disse. "Perdonate questo mio commento personale. Non voglio che a mio nipote vengano inoculati vaccini che contengano thimerosal, finchè non sapremo di più su ciò che sta accadendo".
Ma invece di compiere i passi necessari per informare il pubblico e sbarazzarsi dei vaccini contenenti thimerosal, i dirigenti e l'esecutivo riuniti a Simpsonwood, spesero la quasi totalità dei successivi due giorni a discutere come coprire quei dati pericolosi. Secondo la trascrizione ottenuta grazie al Freedom of Information Act (Legge sulla libertà di Informazione), molti all'incontro erano preoccupati per quanto quelle rivelazioni sul thimerosal, avrebbero danneggiato i profitti delle compagnie farmaceutiche. "Siamo in una brutta posizione  dal punto di vista difensivo nell'eventualità di una causa legale" disse il dottor Robert Brent, pediatra all'ospedale infantile Alfred I. duPont nel Delaware."Questa sarà una risorsa per i nostri occupatissimi avvocati dell'accusa di questo stato".Il dottor Bob Chen, capo della sicurezza dei vaccini della CDC, fu sollevato dal fatto che "data la sensibilità della notizia,saremo in grado di tenere tutto questo fuori dalla portata di, diciamo così, mani meno responsabili".
Il dottor John Clements, direttore per i vaccini all'Organizzazione Mondiale della Sanità, dichiarò che "questo studio non avrebbe dovuto assolutamente essere eseguito". Aggiunse che "i risultati della ricerca debbono essere modificati", avvertendo che lo studio "sarà valutato da altri e verrà usato in altri modi fuori dal controllo di questo gruppo".
Infatti, il governo dimostrò di essere più bravo nel manipolare il problema che nel proteggere la salute dei bambini.
Il CDC pagò l'Istituto di Medicina per condurre uno nuovo studio per nascondere il rischio collegato al thimerosal, ordinando ai ricercatori di "escludere" il collegamento tra chimica e autismo. Vennero segretate le scoperte di Verstraeten, ne venne stroncata l'immediata pubblicazione e venne detto agli altri scienziati che i dati originali erano andati "perduti" e non c'era alcun modo per ricrearli. Per ostacolare la Freedom of Information Act, passò il proprio gigantesco database sui registri di vaccinazione a una azienda privata, dichiarandola off-limits ai ricercatori. Al contempo, Verstraeten pubblicò il suo studio definitivo nel 2003, andò a lavorare per la GlaxoSmithKline e rielaborò i dati per "affossare" il collegamento tra thimerosal e autismo.
I produttori di vaccini hanno iniziarono ad eliminare il thimerosal dalle iniezioni da inoculare ai neonati americani, ma hanno continuato a vendere le loro forniture di vaccini a base di mercurio fino all'anno scorso (in Italia 2008).
Il CDC e la FDA hanno dato loro una mano, acquistando i vaccini contaminati per esportarli nei paesi in via di sviluppo e permettendo alle compagnie farmaceutiche l'uso del conservante in alcuni vaccini americani, incluse svariate punture liquide ad uso pediatrico come pure nel richiamo per il tetanico inoculato di routine a 11 anni.
Le compagnie farmaceutiche stanno avendo un aiuto anche dai potenti legislatori di Washington. Il leader della maggioranza al senato Bill Frist, che ha ricevuto 873.000 dollari sotto forma di contributo dalle industrie farmaceutiche, ha lavorato per "immunizzare" i realizzatori di vaccini dalla responsabilità oggettiva in 4200 processi che erano stati intentati dai parenti di bambini danneggiati.
In cinque occasioni diverse, Frist aveva cercato di sigillare tutti i documenti governativi collegati ai vaccini (inclusa la trascrizione dell'incontro di Simpsonwood) e proteggere Eli Lilly, lo sviluppatore del thimerosal, dal mandato di comparizione.
Nel 2002, il giorno dopo che Frist aveva tranquillamente infilato un codicillo conosciuto come "Legge per la protezione di Eli Lilly" dentro ad un progetto di legge per la sicurezza nazionale, la società contribuì con 10.000 dollari alla sua campagna elettorale e comprò 5.000 copie del suo libro sul bioterrorismo. La misura fu abrogata dal Congresso nel 2003 - ma già quest'anno, Frist inserì un'altra provvigione dentro una legge antiterrorismo allo scopo di NEGARE qualsiasi indennità ai bambini che soffrono di disordini mentali connessi con le vaccinazioni. "I disegni di legge sono della massima importanza al fine di evitare il FALLIMENTO dei produttori di vaccini, che limiterebbe quindi la nostra capacità di difesa nel caso di attacco biologico per mano di terroristi" dice Dean Rose, consigliere per le politiche sulla salute di Frist.
Analogamente, molti conservatori si sono scontrati con lo sforzo del governo di nascondere i pericoli del thimerosal. Dan Burton, un rappresentante Repubblicano dell'Indiana, sovrintese una ricerca lunga tre anni sul thimerosal dopo che, a suo nipote, fu diagnosticato l'autismo. "Il thimerosal, usato come conservante nei vaccini, è direttamente responsabile dell'epidemia autistica", fu la conclusione del rapporto finale del Comitato Governativo per le Riforme. "Questa epidemia con ogni probabilità poteva essere impedita o almeno ridotta se la FDA non si fosse "addormentata" in riferimento alla mancanza di dati certi sul thimerosal iniettato, una riconosciuta neurotossina". La FDA e altre agenzie per la salute pubblica sbagliarono ad agire - aggiunse il comitato - con una "DISONESTA' istituzionale a scopo di autodifesa" e "un mal riposto protezionismo verso le industrie farmaceutiche".
La storia di come le agenzie governative per la salute fossero colluse con "Big Pharma" per nascondere il rischio-thimerosal all'opinione pubblica, è un'agghiacciante studio analitico sull'arroganza, sul potere e sulla cupidigia delle istituzioni. Sono stato trascinato in questa polemica con riluttanza. Come procuratore e ambientalista che ha passato anni lavorando su questioni di tossicità da mercurio, ho incontrato spesso madri di bambini autistici che erano assolutamente convinte che i loro bambini fossero stati danneggiati dalle vaccinazioni. Dentro di me, ero scettico.
Dubitavo che l'autismo potesse essere causato da un'unica causa e non capivo la necessità del bisogno del governo di rassicurare i genitori sulla sicurezza delle vaccinazioni: lo sradicare alcune malattie mortali dell'infanzia dipendeva da questo.
Ero tendenzialmente d'accordo con gli scettici come Henry Waxam, deputato democratico della California, che criticava i suoi colleghi dell’ House Government Reform Committee per la capacità di saltare alle conclusioni su autismo e vaccinazioni.
"Perchè dovremmo impaurire la popolazione circa le vaccinazioni" faceva notare Waxman agli interlocutori "quando conosciamo i fatti ?"
Fu soltanto dopo aver letto le trascrizioni sull'incontro di Simpsonwood, studiando le più importanti ricerche scientifiche e parlando con molti dei più eminenti specialisti, che iniziai a convincermi che il collegamento tra thimerosal e l'epidemia nei disordini neurologici dell'infanzia era realtà. Cinque dei miei figli fanno parte della "Generazione Thimerosal" (i nati tra il 1989 e il 2003) che ha ricevuto pesanti dosi di mercurio dai vaccini.
"Le classi elementari hanno un numero di bambini sopra la media con sintomi neurologici o con problemi del sistema immunitario" disse nel 1999 Patti White, un'assistente scolastica, alla HGRC. "Si suppone che i vaccini ci facciano stare meglio, ma in  ogni caso, in venticinque anni di lavoro, non ho mai visto così tanti bambini ammalati e danneggiati. Qualcosa di molto, molto sbagliato sta accadendo ai nostri bambini".
Più di 50.000 bambini soffrono oggi di autismo e i pediatri stimano oltre 40.000 nuovi casi all'anno. La malattia era conosciuta già nel 1943, quando fu identificata e diagnosticata su undici bambini nati nei mesi successivi all'introduzione del thimerosal nei vaccini infantili nel 1931.
Alcuni scettici contestano il fatto che l'incremento dell'autismo sia causato da un avvelenamento da thimerosal dei vaccini.
Essi affermano che questo incremento sia dovuto ad un miglioramento delle diagnosi - una teoria alquanto opinabile, considerando che la maggior parte dei nuovi casi di autismo sono concentrati in un'unica generazione di bambini. "Se l'epidemia è veramente il risultato di diagnosi inefficaci" sconfessa il dottor Boyd Haley, una delle autorità mondiali sulla tossicità da mercurio "allora dove sono tutti gli autistici di vent'anni d'età ?"
Altri ricercatori fanno notare che gli americano sono esposti ad un grande carico di mercurio come mai prima d'ora (dalla contaminazione del pesce alle cure dentali) e suggeriscono come il thimerosal sia solo parte di un problema su più larga scala. E' una argomento che certamente merita più attenzione di quanta ne abbia ricevuta, ma a cui sfugge il fatto che la concentrazione di mercurio nei vaccini rende irrilevante l'esposizione dei nostri bambini alle altre fonti.
Quello che più colpisce è il periodo nel quale i responsabili delle ricerche hanno voluto ignorare (e coprire) le prove contro il thimerosal. Fin dall'inizio, i dati scientifici contro l'additivo al mercurio sono stati sommersi. Il conservante, usato per arginare la crescita di funghi e batteri nei vaccini, conteneva etilmercurio, una potente neurotossina.
La quantità degli studi eseguiti, ha dimostrato che il mercurio tende ad accumularsi nel cervello dei primati e degli altri animali dopo l'inoculazione di vaccini, e che lo sviluppo del cervello dei neonati è particolarmente a rischio. Nel 1977 uno studio russo trovò negli adulti esposti, una minor concentrazione di etilmercurio rispetto ai dati su bambini americani che anni dopo ancora soffrivano di danni cerebrali.
La Russia bandì il thimerosal dai vaccini per bambini venti anni dopo e Danimarca, Austria, Giappone, Gran Bretagna e i Paesi Scandinavi ne hanno già seguito l'esempio.
"Non si può realizzare uno studio che dimostri come il thimerosal sia sicuro", afferma Haley, capo del dipartimento di Chimica dell'Università del Kentucky. "E' incredibilmente tossico.
Se si inietta thimerosal negli animali, il loro cervello si ammala. Se si applica su tessuti viventi, le cellule muoiono. Se lo inserisci in un contenitore di Petri, la cultura muore. Se si conoscono questi fatti, è sconvolgente che qualcuno voglia pensare di iniettarlo in un neonato senza causare danni".
Documenti interni rivelano che Eli Lilly, che per primo sviluppò il thimerosal, sapeva fin dall'inizio che il prodotto poteva causare danni (e anche la morte) sia in animali che esseri umani.
Nel 1930, l'azienda testò il thimerosal inoculandolo in ventidue pazienti con meningite allo stadio terminale, tutti morti a settimane dalle iniezioni - un fatto che Lilly non riportò nel suo studio dichiarando sicuro il thimerosal.
Nel 1935, i ricercatori di un'altra compagnia per la realizzazione di vaccini, la Pittman-Moore Inc., Illinois USA, avvertiva Lilly che le sue affermazioni circa la sicurezza del thimerosal "non collima con la nostra". Metà dei cani a cui la Pittman aveva iniettato vaccini basati sul thimerosal si ammalarono, conducendo i ricercatori a dichiarare che il conservante "è insoddisfacente come siero pensato per l'uso sui cani". 
Nei decenni che seguirono, le evidenze contro il thimerosal continuavano a crescere. Durante la seconda guerra mondiale, quando il Dipartimento della Difesa usava il conservante nei vaccini per i soldati, venne richiesto a Lilly di eliminare il suo "veleno". Nel 1967, uno studio di microbiologia applicata dimostrò che il thimerosal uccideva i topi se aggiunto ai vaccini iniettati.
Quattro anni dopo, gli studi di Lilly lo portarono a comprendere che il thimerosal era "tossico per i tessuti cellulari" in concentrazioni anche inferiori a una parte su un milione, cioè 100 volte meno rispetto ad una concentrazione di un vaccino standard.
Nonostante questo, le aziende continuarono a dichiarare il thimerosal come "atossico" inserendolo anzi nei disinfettanti topici. Nel 1977, dieci bambini morirono all'ospedale di Toronto quando un antisettico contenente thimerosal fu applicato sul loro cordone ombelicale.
Nel 1982, la FDA propose un bando su tutti i prodotti contenenti thimerosal e nel 1991 l'agenzia li considerò banditi dai vaccini per animali. Ma tragicamente quello stesso anno, il CDC consigliò che ai bambini fosse somministrata una serie di vaccini con mercurio. I neonati sarebbero stati vaccinati per l'Epatite B entro 24 ore dalla nascita e a due mesi per "haemophilus influenzae B" e difteria-tetano-pertosse.
Le compagnie farmaceutiche sapevano che i vaccini aggiuntivi erano pericolosi.
Lo stesso anno in cui il CDC approvava il nuovo vaccino, il dottor Maurice Hilleman, uno dei padri del programma vaccinale della Merck, avvertiva le aziende che i bambini di sei mesi a cui venivano inoculati i vaccini, sarebbero stati soggetti ad una pericolosa esposizione al mercurio. Egli raccomandava di interrompere l'uso di thimerosal "specialmente se usato su bambini e neonati", facendo notare che le industrie erano a conoscenza di alternative non tossiche. "La miglior strada da intraprendere" aggiunse " è di modificare la distribuzione degli attuali vaccini senza aggiungere conservanti".
Sia per la Merck che per le altre compagnie, comunque, l'ostacolo erano i soldi. Il thimerosal permetteva alle industrie farmaceutiche di inglobare i vaccini in fiale che contenevano dosi multiple che richiedevano una protezione aggiuntiva, in quanto più facilmente contaminabili data l'introduzione di più aghi. Le fiale più grandi costano la metà rispetto a quelle più piccole monodose, rendendo più economico alle agenzie internazionali la distribuzione per indebolire regioni a rischio epidemia.
Affrontando queste "considerazioni sui costi", la Merck ignorò gli avvertimenti di Hillman e i responsabili governativi continuarono a spingere sempre più vaccini basati sul thimerosal per i bambini.
Prima del 1989, i bambini americani in età prescolare ricevevano undici vaccinazioni (polio, difterite-tetano-pertosse e morbillo-parotite-rosolia). Un decennio dopo, grazie alle raccomandazioni federali, i bambini ricevevano un totale di 22 immunizzazioni fino all'ingresso alle elementari.
Nel momento in cui cresceva il numero dei vaccini, il tasso di crescita dell'autismo infantile diventava esponenziale. Durante gli anni novanta, a 40 milioni di bambini furono iniettati vaccini basati sul thimerosal, ricevendo livelli di mercurio mai raggiunti prima, in un periodo critico per lo sviluppo del cervello.
Malgrado il ben documentato pericolo-thimerosal, sembrava che nessuno fosse preoccupato dall'aggiungere dosi cumulative di mercurio che i bambini ricevevano dai vaccini. "Perchè la FDA ci mette così tanto per fare il calcolo?" chiese in una e-mail nel 1999 Peter Patriarca, direttore dei prodotti virali per l'agenzia. "Perchè il CDC e gli organi consultivi non hanno eseguito questi calcoli quando ampliarono rapidamente il piano di immunizzazione per l'infanzia?"
Ma in quel momento, il danno era compiuto. A due mesi, quando il cervello del neonato è ancora in uno stato critico dello sviluppo, i neonati ricevono d'ufficio 3 inoculazioni che contengono un totale di 62,5 microgrammi di etilmercurio, un livello 99 volte più elevato rispetto al limite massimo fissato dalla EPA per l'esposizione a metilmercurio, una ricosciuta neurotossina. Benchè l'industria delle vaccinazioni insista che l'etilmercurio crea un piccolo danno perchè viene scomposto velocemente ed espulso dal corpo, svariati studi (incluso uno pubblicato in aprile dall'Istituto Nazionale per la Salute) sottolinea come l'etilmercurio sia in realtà più tossico per lo sviluppo del cervello, risiedendovi più a lungo rispetto al metilmercurio.
I funzionari responsabili per l'immunizzazione dell'infanzia, insistono sul fatto che i vaccini addizionali sono necessari per proteggere i neonati dalle malattie e che il thimerosal è ancora
necessario nelle nazioni in via di sviluppo che, come spesso dichiarano, non si possono permettere le fiale a dose singola che non richiedono un conservante. Il dottor Paul Offit, uno dei principali consulenti per i vaccini della CDC, mi disse: "Penso che se veramente abbiamo un'influenza pandemica (e certamente l'avremo nei prossimi vent'anni, perchè lo diciamo sempre) non c'è modo nel quale noi possiamo immunizzare 280 milioni di persone con fiale a dose singola. Dovremmo usare fiale multidose".

Sebbene alcuni funzionari per la salute pubblica non fossero in mala fede, molti di loro invece che fanno parte del comitato consultivo dei CDC che ha sostenuto i vaccini addizionali, hanno un legame stretto con le industrie.
Il dottor Sam Katz, il presidente del comitato, è stato un consulente pagato per molti dei maggiori realizzatori di vaccini e fece parte di un team che sviluppò il vaccino anti-morbillo, che brevettò  nel 1963. Il dottor Neal Halsey, un altro membro del comitato, lavorò come ricercatore per le aziende di vaccini, ricevendo un onorario dai Laboratori Abbott per la sua ricerca sul vaccino per l'epatite B.
Infatti, nel ristretto circolo degli scienziati che lavorano sui vaccini, tale conflitto di interessi è comune. Il Deputato Burton afferma che il CDC "normalmente permette a scienziati con sfacciati conflitti d'interesse, di servire presso il comitato consultivo intellettuale che dà raccomandazioni sui nuovi vaccini, "sempre che essi abbiano interesse a produrne e le aziende per le quali loro si supponga siano fornitori ne abbiamo una sorveglianza imparziale". HGRC scoprì che quattro degli otto consulenti della CDC che approvarono le linee guida del vaccino per il rotavirus "avevano un LEGAME FINANZIARO con le compagnie farmaceutiche, che svilupparono varie versioni del vaccino".
Offit, che condivideva un brevetto su uno dei vaccini, mi disse che "avrebbe fatto i soldi" se il suo voto avesse portato a un prodotto commerciabile. Ma ha negato la mia idea che uno scienziato finanziato direttamente partecipi alle omologazioni del CDC, possa essere influenzato nelle sue decisioni. "Questo non mi crea nessun conflitto" insiste. "Sono semplicemente informato del procedimento e non ne sono distratto. Quando siedo attorno a quel tavolo, il mio unico intento è cercare di fare delle raccomandazioni per il massimo benessere dei bambini di questa nazione. E' offensivo dire che medici ed il personale per la salute pubblica, siano stipendiate dall'industria e perciò prendono decisioni che loro sanno essere pericolose per i bambini. Questo non è il modo di lavorare".
Altri scienziati sui vaccini e ispettori per la loro sicurezza mi hanno dato assicurazioni simili. Come Offit, essi si vedono come guardiani illuminati della salute dei bambini, orgogliosi della loro partnership con le compagnie farmaceutiche, immuni dalla seduzione del profitto personale, assediati da attivisti irrazionali, le cui campagne anti vaccini mettono a repentaglio la salute dei bambini. Loro sono spesso risentiti dall'essere messi in discussione. "La scienza" afferma Offit "è meglio lasciarla agli scienziati".
Ancora, alcuni funzionari del governo sono allarmati dall'evidente conflitto d'interessi.
Nella sua e-mail del 1999 agli amministratori del CDC, Paul Patriarca della FDA critica aspramente i controllori federali per aver mancato di valutare adeguatamente il pericolo posto in essere dall'incremento dei vaccini infantili. "Non sono sicuro che ci sarà una facile via d'uscita dalla potenziale percezione che la FDA, il CDC e gli organismi della politica vaccinale potrebbero avere, non avendo prestato finora attenzione verso l'argomento thimerosal" scrive Patriarca; la stretta vicinanza tra i funzionari normativi e le industrie farmaceutiche, aggiunge, "farà crescere anche la questione sulla diversità di organi consultivi circa la raccomandazione aggressiva verso l'uso" di thimerosal nei vaccini per bambini.
Se la normativa federale e gli scienziati governativi sbagliarono, negli anni, a comprendere il rischio potenziale connesso al thimerosal, nessuno può parlare di  ignoranza dopo l'incontro segreto di Simpsonwood. Invece di realizzare ulteriori studi per testare il collegamento tra autismo e altre forme di danno cerebrale, il CDC pose la politica sopra la scienza.
L'ente consegnò il proprio database sulle vaccinazioni infantili, che era stato sviluppato per lo più a spese dei contribuenti, ad un'azienda privata, la America's Health Insurance Plans, assicurandosi che non potesse usarlo per ricerche aggiuntive. In più, istruì l'Istituto di Medicina, un'organizzazione consultiva che è parte dell'Accademia Nazionale di Scienze, di produrre uno studio che demistificasse il collegamento tra thimerosal e disordini cerebrali.
Il CDC "voleva farci dichiarare che queste cose sono davvero sicure" disse alla dottoressa Marie McCormick, che presiedeva il Comitato di Controllo sulla Sicurezza delle Immunizzazione dello IOM, a un collega ricercatore quando si incontrarono la prima volta nel gennaio del 2001. "Noi non abbiamo mai affermato che l'autismo è un effetto collaterale proprio" dell'esposizione al thimerosal. Secondo una trascrizione dell'incontro, il capogruppo del comitato, Kathleen Stratton, affermò che lo IOM concludeva che la prova era "inadeguata per accettare o rigettare una relazione causale" tra thimerosal e autismo, che, aggiunse, era il risultato che "Walt voleva", con riferimento a Walter Orenstein, direttore del Programma Nazionale di Immunizzazione della CDC.
Per quelli che hanno dedicato le loro vite alla promozione delle vaccinazioni, le rivelazioni sul timerosal miniacciarono di mettere a repentaglio tutto ciò per cui avevano lavorato. "Qui abbiamo un drago alle spalle" disse il dottor Michael Kaback, un altro membro del comitato, “Siamo come presi in trappola. L'unico modo per uscire dalla trappola, penso sia attaccare".
Perfino in pubblico, i funzionari federali mettevano in chiaro che il loro scopo principale nello studio del thimerosal, fosse dissipare i dubbi sui vaccini. "Quattro studi attualmente in corso per escludere il collegamento proposto tra autismo e thimerosal" garantiva il dottor Gordon Douglas, l'allora direttore della pianificazione strategica per la ricerca sui vaccini all'Istituto Nazionale per la Salute, in una riunione all'Università di Princeton nel maggio del 2001. "Affinchè si annulli l'effetto dannoso delle ricerche che pretendono di collegare il vaccino per il morbillo con un rischio elevato di autismo, dobbiamo condurre e pubblicizzare studi aggiuntivi per rassicurare i genitori sulla la sicurezza". Douglas ha lavorato in passato come presidente per le vaccinazioni per la Merck, dove ignorava gli avvertimenti circa il rischio-thimerosal.
Nel maggio dell'anno scorso, l'Istituto di Medicina ha emesso il suo rapporto finale. Le conclusioni: non c'è collegamento provato tra autismo e thimerosal nei vaccini. Piuttosto che esaminare la grande letteratura raccolta che descrive la tossicità del thimerosal, fa affidamento su quattro disastrosi ed imperfetti studi epidemiologici che analizzano gli stati europei, dove i bambini ricevono dosi molto inferiori di thimerosal rispetto ai bambini americani.
Viene citata anche una nuova versione dello studio di Verstraetten, pubblicato nel giornale Pediatrics, che è stato rielaborato per ridurre il collegamento tra thimerosal e autismo.
Lo studio include bambini troppo giovani per essere diagnosticati come autistici e si è orientato verso altri che mostravano segni di disturbi. L'IOM dichiarò il caso chiuso e, con una posizione sorprendente per un gruppo scientifico, consigliò che non fossero più condotte ulteriori ricerche.
Il rapporto poteva soddisfare il CDC ma non convinse nessuno. Il deputato David Weldon, un medico repubblicano della Florida che lavorava per la HGRC, attaccò l'Istituto di Medicina, affermando che avevano contato su una manciata di studi che erano "fatalmente imperfetti"  per la "povertà di idee" e mancavano di rappresentare "tutte le ricerche scientifiche e mediche disponibili". I funzionari del CDC non erano interessati ad una onesta ricerca della Verità, mi disse Weldon, perchè "un'associazione tra vaccini e autismo, li obbligherebbe ad ammettere che la loro politica ha irrimediabilmente danneggiato migliaia di bambini.
Chi vorrebbe sentire questo sul proprio operato ?"
Sotto la pressione del Congresso e dei genitori, l'Istituto di Medicina convocò un altro comitato per discutere la perdurante preoccupazione sul programma chiamato Vaccine Safety Datalink Data Sharing. In febbraio, il nuovo comitato, composto da differenti scienziati, criticò il modo in cui la VSD s'era avvalsa dello studio di Verstraetten ed esortò il CDC a rendere disponibile per il pubblico il suo database sui vaccini.
Finora, comunque, solo due scienziati sono riusciti ad ottenerne l'accesso. Il dottor Mark Geier, presidente del Centro Genetico d'America, e suo figlio David, passarono un anno a lottare per ottenere il registro medico dal CDC. Fin dall'agosto del 2002, quando i membri del Congresso premevano per avere i dati, i Geier avevano completato sei studi che dimostravano il forte legame tra thimerosal e danni neurologici nei bambini. Uno studio, che comparava la dose totale di mercurio ricevuta dai bambini nati tra il 1981 e il 1985, con quelli nati tra il 1990 e il 1996, dimostrava una "relazione molto significativa" tra autismo e vaccini.
Un altro studio sulla performance scolastica, dimostrò che i bambini che ricevevano grosse dosi di thimerosal nei vaccini, avevano quasi tre volte la probabilità di avere una diagnosi di autismo e oltre tre volte la probabilità di soffrire di disordini del linguaggio e ritardo mentale. Un altro studio in via di pubblicazione, mostra come il tasso di autismo sia in calo dopo la recente eliminazione del thimerosal da molti vaccini.
Nel momento in cui il governo federale lavorava per evitare che gli scienziati studiassero i vaccini, altri intervenivano nello studio del collegamento con l'autismo: in aprile, il giornalista Dan Olmsted dell'UPI intraprese da solo uno degli studi più importanti e, cercando bambini che non fossero stati esposti al mercurio vaccinale (il tipo di popolazione che gli scienziati normalmente usano come "controllo" durante gli esperimenti), Olmsted incontrò gli Amish della contea di Lancaster in Pennsylvania, i quali rifiutavano di vaccinare i propri neonati. Partendo dal dato nazionale sull'autismo, Olmsted calcolò che avrebbero dovuto trovarsi 130 autistici fra di loro. Ne trovò soltanto quattro: uno era stato esposto ad alti livelli di mercurio da una centrale elettrica, gli altri tre, incluso un bambino adottato proveniente dall'esterno della comunità, avevano ricevuto le vaccinazioni.
Negli alti gradi dello stato, anche molti funzionari condussero una revisione in profondità sul thimerosal. Mentre l'Istituto di Medicina era occupato a nascondere i rischi, l'assemblea legislativa dell'Iowa passò accuratamente al setaccio tutti i dati scientifici e biologici disponibili. "Dopo tre anni di revisioni, cominciai a convincermi che c'erano un numero sufficiente di ricerche affidabili, che mostravano un legame tra mercurio e l'incremento dell'incidenza dell'autismo" afferma il Senatore dello stato Ken Veenstra, un Repubblicano che supervisionò la ricerca. "Il fatto che nell'Iowa si fosse verificato un incremento del 700% nei casi di autismo cominciato negli anni novanta, giusto dopo  che molti vaccini furono aggiunti al piano vaccinale per bambini, è da sola una solida prova". L'anno scorso, l'Iowa è diventato il primo stato a mettere al bando il mercurio nei vaccini, seguito poi dalla California. Analoghe azioni sono al vaglio in altri trentadue stati.
Invece di rispondere per le rime, la FDA continua a permettere alle aziende di includere il thimerosal in dozzine di medicinali da banco, come steroidi e iniezioni di collagene. Analogamente allarmante è che il governo continua a trasferire vaccini conservati con thimerosal verso i paesi in via di sviluppo, alcuni dei quali stanno sperimentando adesso un'improvvisa esplosione dei casi di autismo. In Cina, dove la malattia era praticamente sconosciuta prima dell'introduzione del thimerosal da parte delle compagnie farmaceutiche americane nel 1999, gli ultimi rapporti indicano che ora ci sono 1.800.000 autistici.
Nonostante il numero reale sia difficile da ottenere, i disordini autistici appaiono in crescita anche in India, Argentina, Nicaragua e altri paesi in via di sviluppo che ora usano vaccini contenenti thimerosal. L'Organizzazione Mondiale della Sanità continua ad insistere che il thimerosal è sicuro, ma promette di tenere "sotto revisione" la possibilità che sia collegato a disordini neurologici. 
Ho dedicato tempo a questo problema perchè credo che questa crisi morale debba essere fermata. Se, come le prove suggeriscono, le nostre autorità per la salute pubblica hanno permesso deliberatamente che le industrie farmaceutiche AVVELENASSERO un'intera generazione di bambini americani, le loro azioni sono la prova che dimostra uno dei più grandi scandali negli annali della medicina americana. "Il CDC è colpevole di incompetenza e grosse negligenze" afferma Mark Balaxill, vicepresidente di Safe Minds, un’organizzazione no-profit che si occupa del ruolo del mercurio nei medicinali.
"Il danno causato dall'esposizione ai vaccini è enorme. E' maggiore dell'amianto, maggiore del tabacco, più grande di qualsiasi cosa abbiamo mai visto".
E' difficile calcolare il danno per il nostro paese e per lo sforzo internazionale per sradicare le malattie epidemiche, se le nazioni del Terzo Mondo inizieranno a credere che il preludio all'iniziativa degli aiuti all'estero americani, è avvelenare i loro bambini. Non è difficile predire come questo scenario sarà interpretato dai nemici dell'America all'estero.
Gli scienziati e i ricercatori, molti di loro sinceri se non addirittura idealisti, che stanno partecipando allo sforzo di nascondere i dati scientifici sul thimerosal, sostengono che stanno cercando di migliorare l'elevato scopo di proteggere i bambini nelle nazioni in via di sviluppo dalle malattie pandemiche. Hanno un'opinione assolutamente sbagliata.
Il loro fallimento nell’eliminare il thimerosal ci porterà ad infestare la nostra nazione e le popolazioni più povere del mondo.
Tratto da: vaccinazionieautismo.myblog.it

Commento NdR: questi ricercatori e "scienziati" si dimenticano che non e' solo il mercurio che determina tutti quei problemi, e' proprio il principio del vaccino in se' che DEVE essere eliminato dalla scena sanitaria, in quanto sostanza TOSSICO-NOCIVA nel suo insieme !

vedi: Produttori Tutelati  +  Guerra contro le Donne  +  MAFIA SANITARIA

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Resistenza ai vaccini in Austria: la dott.sa Jane Burbermeiser che lavora come giornalista in ambito medico scientifico ed ha collaborato per numerose testate scientifiche come ''The Scientist'', il ''Reuter's Healt'', il ''British Medical Journal'', ''Nature'', ha sporto denuncia prima presso l'ambasciata statunitense a Vienna e poi all'FBI.

Resistenza ai vaccini in Francia: Il Professor Debre' parla in un'intervista televisiva di un'influenza blanda e denuncia il governo di terrorismo mediatico per fini politici. Debre' e' Direttore del servizio di Urologia presso l'ospedale di Cochin, membro del comitato nazionale di etica e parlamentare francese.

Resistenza ai vaccini in Italia:
Il Dottor Serravalle (NON e' l'unico medico italiano contrario ai vaccini e ve ne sono sempre piu'....) ha scritto un'aperta lettera ai genitori dando il suo parere di pediatra in merito al vaccino per l'influenza maiala, suina (A) o H1N1,  raccomandando i genitori a non vaccinare i propri figli poiche' non solo il vaccino per l'influenza suina (A) H1N1, non e' stato testato e non si conoscono di specifico gli ngredienti del vaccini ne' gli effetti collaterali, ma poiche' tutti i  vaccini possono dare  effetti collaterali e reazione avverse importanti, si consiglia e si invita la popolazione a non sottoporsi a quelle infauste profilassi in-sanitarie !
Il 18% dei bambini in eta' scolare del Regno Unito a ci e' stato somministrato l'Oseltamvir (Tamiflu) in occasione dell'epidemia, ha presentato sintomi neuropsichiatrici ed il 40% sintomi gastroenterici. Con lui si schiera anche l'Associazione Culturale dei Pediatri Italiani.
Questa dunque e' una "guerra vaccinale" per non dire batteriologica combattuta semplicemente sulla base dell'informazione tra i media, manipolati dall'OMS, dalla fondazione Rockefeller, CDC, FDA,  Governi, Ministeri della in-sanita'I.S.S., Ordini dei medici, medici vaccinatori, che disseminano terrorismo e la comunita' scientifica e quella dei semplici cittadini, pero' ben informati sui vari retroscena dei vaccini, comunita' che si sfoga su internet coinvolgendo sempre piu' persone.