Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


POLIO e VACCINI - 2
... le FALSITA' degli enti vaccinatori...
Il Thiomersal dei vaccini produce danni anche gravi
Metalli tossici
Danni al sistema enzimatico da Vaccini e metalli 
By Giusy Arcidiacono (CT) - arcidiaconogiusy@hotmail.com -
Perito Commerciale - chimico
Sindrome della permeabilita' intestinale ed autismo
Metalli tossici dei vaccini = Autismo vedi: PDF dott. M. Proietti
Il Thimerosal dei vaccini distrugge e/o altera la flora intestinale essendo una sostanza altamente tossica
Ecco il recente studio che ha coinvolto più di 17.000 bambini fino a 19 anni
Questo studio-indagine attualmente in corso è stato avviato dall’omeopata Andreas Bachmair.

PDF degli studi sui danni dei vaccini, dal 1926 al 2009
La scomparsa delle malattie infettive NON e' dovuta ai vaccini !
(Francais)
Premi in denaro ai medici che vaccinano...
Fallimento della vaccinazione per la Polio e FALSA eradicazione
Bibliografia aggiuntiva:
http://treasoncast.com/2014/04/05/anti-vaccination-peer-reviewd-research-list/
 

Continua da:  Polio Vaccini - 1  +  Polio mielite - 1 (in Inglese Polio) e da Poliomielite - 2
DATI  sui casi di Meningite asettica DOPO vaccino per la POLIO + DATI  su VACCINO per la POLIO

VACCINI per la Polio e Paralisi
J Virol . 1997 Ottobre; 71 (10): 7758-7768. - PMCID: PMC192128

Evoluzione del tipo Sabin 1 poliovirus nell'uomo: caratterizzazione dei ceppi isolati da pazienti con associata al vaccino della poliomielite paralitica.
By MM Georgescu , J Balanant , A Macadam , D Otelea , M Combiescu , AA Combiescu , R Crainic , e F Delpeyroux - Informazioni Autore ► copyright e licenza ►
Questo articolo è stato citato da altri articoli in PMC.

ESTRATTO
ceppi attenuati del vaccino antipolio orale Sabin replicano nell'intestino umano e in rari casi causare poliomielite paralitica associata al vaccino (VAPP). Reversione di ceppi vaccinali verso un fenotipo patogeno è probabilmente una delle principali cause di VAPP, una malattia più frequentemente associata con tipo 3 e tipo 2 ceppi e più raramente con il (Sabin 1) ceppo del tipo 1. Per identificare i determinanti e meccanismi di sicurezza contro patogenicità del ceppo Sabin 1, abbiamo caratterizzato i cambiamenti genetici e fenotipici in sei virus Sabin 1-derivati ​​isolati da pazienti immunocompetenti con VAPP. I genomi di questi ceppi effettuate sia poche o numerose mutazioni dall'originale Sabin 1 genoma. 
Valutata in topi transgenici portatori del recettore poliovirus umano (PVR-Tg topi), tutti tranne uno sforzo avevano perso il fenotipo attenuato. Quattro ceppi hanno presentato solo un fenotipo neurovirulento moderata, probabilmente dovuto almeno in parte alla ritorni al wild-type il genotipo, che sono stati rilevati nella regione non codificante 5' del genoma. I ritorni trovano in maggior parte dei ceppi in posizione nucleotidica 480, sono noti per essere associati con un aumento della neurovirulenza. 
La costruzione e la caratterizzazione di Sabin 1 mutanti implicati un ritorno alla posizione 189, che si trova in un ceppo, nel cambiamento fenotipico. La presenza di 71 mutazioni in un ceppo neurovirulento suggerisce che un ceppo del vaccino-derivato può sopravvivere per lungo tempo negli esseri umani. Sorprendentemente, nessuno dei ceppi analizzati erano come neurovirulento a topi PVR-Tg come era il tipo selvatico genitore di Sabin 1 (Mahoney) o un neurovirulento precedentemente identificato Sabin 1 mutante selezionato a una temperatura elevata in cellule coltivate. Così, nell'intestino umano, il ceppo Sabin 1 non necessariamente evolvere verso le caratteristiche genetiche e di alta neuropathogenicity del suo genitore wild-type.

TESTO INTERO - Il testo completo di questo articolo è disponibile in formato PDF (282K).

RIFERIMENTI SELEZIONATI
Fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC192128/

These references are in PubMed. This may not be the complete list of references from this article.

- Abe S, Ota Y, Doi Y, Nomoto A, Nomura T, Chumakov KM, Hashizume S. Studies on neurovirulence in poliovirus-sensitive transgenic mice and cynomolgus monkeys for the different temperature-sensitive viruses derived from the Sabin type 3 virus. Virology. 1995 Jun 20;210(1):160–166. [PubMed]

- Balanant J, Guillot S, Candrea A, Delpeyroux F, Crainic R. The natural genomic variability of poliovirus analyzed by a restriction fragment length polymorphism assay. Virology. 1991 Oct;184(2):645–654. [PubMed]

- Bârlean L, Avram G, Pavlov E, Cotor F. Investigation of five cases of vesicular enteroviral stomatitis with exanthema induced by coxsackie A5 virus. Rev Roum Virol. 1994 Jan-Jun;45(1-2):3–9. [PubMed]

- Borzakian S, Pelletier I, Calvez V, Colbere-Garapin F. Precise missense and silent point mutations are fixed in the genomes of poliovirus mutants from persistently infected cells. J Virol. 1993 May;67(5):2914–2917. [PMC free article] [PubMed]

- Bouchard MJ, Lam DH, Racaniello VR. Determinants of attenuation and temperature sensitivity in the type 1 poliovirus Sabin vaccine. J Virol. 1995 Aug;69(8):4972–4978. [PMC free article] [PubMed]

- Christodoulou C, Colbere-Garapin F, Macadam A, Taffs LF, Marsden S, Minor P, Horaud F. Mapping of mutations associated with neurovirulence in monkeys infected with Sabin 1 poliovirus revertants selected at high temperature. J Virol. 1990 Oct;64(10):4922–4929. [PMC free article] [PubMed]

- Chumakov KM, Dragunsky EM, Norwood LP, Douthitt MP, Ran Y, Taffs RE, Ridge J, Levenbook IS. Consistent selection of mutations in the 5'-untranslated region of oral poliovirus vaccine upon passaging in vitro. J Med Virol. 1994 Jan;42(1):79–85. [PubMed]

- Colbère-Garapin F, Christodoulou C, Crainic R, Garapin AC, Candrea A. Addition of a foreign oligopeptide to the major capsid protein of poliovirus. Proc Natl Acad Sci U S A. 1988 Nov;85(22):8668–8672. [PMC free article] [PubMed]

- Colston E, Racaniello VR. Soluble receptor-resistant poliovirus mutants identify surface and internal capsid residues that control interaction with the cell receptor. EMBO J. 1994 Dec 15;13(24):5855–5862. [PMC free article] [PubMed]

- Contreras G, Dimock K, Furesz J, Gardell C, Hazlett D, Karpinski K, McCorkle G, Wu L. Genetic characterization of Sabin types 1 and 3 poliovaccine virus following serial passage in the human intestinal tract. Biologicals. 1992 Mar;20(1):15–26. [PubMed]

- Couderc T, Delpeyroux F, Le Blay H, Blondel B. Mouse adaptation determinants of poliovirus type 1 enhance viral uncoating. J Virol. 1996 Jan;70(1):305–312. [PMC free article] [PubMed]

- Crainic R, Couillin P, Blondel B, Cabau N, Boué A, Horodniceanu F. Natural variation of poliovirus neutralization epitopes. Infect Immun. 1983 Sep;41(3):1217–1225. [PMC free article] [PubMed]

- De la Torre JC, Giachetti C, Semler BL, Holland JJ. High frequency of single-base transitions and extreme frequency of precise multiple-base reversion mutations in poliovirus. Proc Natl Acad Sci U S A. 1992 Apr 1;89(7):2531–2535. [PMC free article] [PubMed]

- Dildine SL, Semler BL. The deletion of 41 proximal nucleotides reverts a poliovirus mutant containing a temperature-sensitive lesion in the 5' noncoding region of genomic RNA. J Virol. 1989 Feb;63(2):847–862. [PMC free article] [PubMed]

- Dildine SL, Semler BL. Conservation of RNA-protein interactions among picornaviruses. J Virol. 1992 Jul;66(7):4364–4376. [PMC free article] [PubMed]

- Dunn G, Begg NT, Cammack N, Minor PD. Virus excretion and mutation by infants following primary vaccination with live oral poliovaccine from two sources. J Med Virol. 1990 Oct;32(2):92–95. [PubMed]

- Fichot O, Girard M. An improved method for sequencing of RNA templates. Nucleic Acids Res. 1990 Oct 25;18(20):6162–6162. [PMC free article] [PubMed]

- Filman DJ, Syed R, Chow M, Macadam AJ, Minor PD, Hogle JM. Structural factors that control conformational transitions and serotype specificity in type 3 poliovirus. EMBO J. 1989 May;8(5):1567–1579. [PMC free article] [PubMed]

- Friedrich F, Filippis AM, Ferreira FC, Oliveira MJ, Schatzmayr HG, Da-Silva EE. Poliovirus type 1 isolated from a vaccine-associated case of paralytic poliomyelitis in Brazil. Braz J Med Biol Res. 1996 Jan;29(1):15–18. [PubMed]

- Friedrich F, Filippis AM, Ferreira FC, Schatzmayr HG, Da Silva EE. Genomic characterization of type 1 Sabin-related polioviruses isolated in Brazil. Acta Virol. 1995 Feb;39(1):23–29. [PubMed]

- Furione M, Guillot S, Otelea D, Balanant J, Candrea A, Crainic R. Polioviruses with natural recombinant genomes isolated from vaccine-associated paralytic poliomyelitis. Virology. 1993 Sep;196(1):199–208. [PubMed]

- Georgescu MM, Tardy-Panit M, Guillot S, Crainic R, Delpeyroux F. Mapping of mutations contributing to the temperature sensitivity of the Sabin 1 vaccine strain of poliovirus. J Virol. 1995 Sep;69(9):5278–5286. [PMC free article] [PubMed]

- Georgescu MM, Delpeyroux F, Tardy-Panit M, Balanant J, Combiescu M, Combiescu AA, Guillot S, Crainic R. High diversity of poliovirus strains isolated from the central nervous system from patients with vaccine-associated paralytic poliomyelitis. J Virol. 1994 Dec;68(12):8089–8101. [PMC free article] [PubMed]

- Guillot S, Otelea D, Delpeyroux F, Crainic R. Point mutations involved in the attenuation/neurovirulence alternation in type 1 and 2 oral polio vaccine strains detected by site-specific polymerase chain reaction. Vaccine. 1994 May;12(6):503–507. [PubMed]

- Harber J, Bernhardt G, Lu HH, Sgro JY, Wimmer E. Canyon rim residues, including antigenic determinants, modulate serotype-specific binding of polioviruses to mutants of the poliovirus receptor. Virology. 1995 Dec 20;214(2):559–570. [PubMed]

- Hogle JM, Chow M, Filman DJ. Three-dimensional structure of poliovirus at 2.9 A resolution. Science. 1985 Sep 27;229(4720):1358–1365. [PubMed]

- Horie H, Koike S, Kurata T, Sato-Yoshida Y, Ise I, Ota Y, Abe S, Hioki K, Kato H, Taya C, et al. Transgenic mice carrying the human poliovirus receptor: new animal models for study of poliovirus neurovirulence. J Virol. 1994 Feb;68(2):681–688. [PMC free article] [PubMed]

- Kawamura N, Kohara M, Abe S, Komatsu T, Tago K, Arita M, Nomoto A. Determinants in the 5' noncoding region of poliovirus Sabin 1 RNA that influence the attenuation phenotype. J Virol. 1989 Mar;63(3):1302–1309. [PMC free article] [PubMed]

- Kean KM, Wychowski C, Kopecka H, Girard M. Highly infectious plasmids carrying poliovirus cDNA are capable of replication in transfected simian cells. J Virol. 1986 Aug;59(2):490–493. [PMC free article] [PubMed]

- Kirkegaard K. Mutations in VP1 of poliovirus specifically affect both encapsidation and release of viral RNA. J Virol. 1990 Jan;64(1):195–206. [PMC free article] [PubMed]

- Kohara M, Abe S, Kuge S, Semler BL, Komatsu T, Arita M, Itoh H, Nomoto A. An infectious cDNA clone of the poliovirus Sabin strain could be used as a stable repository and inoculum for the oral polio live vaccine. Virology. 1986 May;151(1):21–30. [PubMed]

- Li J, Zhang LB, Yoneyama T, Yoshida H, Shimizu H, Yoshii K, Hara M, Nomura T, Yoshikura H, Miyamura T, et al. Genetic basis of the neurovirulence of type 1 polioviruses isolated from vaccine-associated paralytic patients. Arch Virol. 1996;141(6):1047–1054. [PubMed]

- Lu HH, Yang CF, Murdin AD, Klein MH, Harber JJ, Kew OM, Wimmer E. Mouse neurovirulence determinants of poliovirus type 1 strain LS-a map to the coding regions of capsid protein VP1 and proteinase 2Apro. J Virol. 1994 Nov;68(11):7507–7515. [PMC free article] [PubMed]

- Lu Z, Rezapkin GV, Douthitt MP, Ran Y, Asher DM, Levenbook IS, Chumakov KM. Limited genetic changes in the Sabin 1 strain of poliovirus occurring in the central nervous system of monkeys. J Gen Virol. 1996 Feb;77(Pt 2):273–280. [PubMed]

- Macadam AJ, Arnold C, Howlett J, John A, Marsden S, Taffs F, Reeve P, Hamada N, Wareham K, Almond J, et al. Reversion of the attenuated and temperature-sensitive phenotypes of the Sabin type 3 strain of poliovirus in vaccinees. Virology. 1989 Oct;172(2):408–414. [PubMed]

- Macadam AJ, Ferguson G, Burlison J, Stone D, Skuce R, Almond JW, Minor PD. Correlation of RNA secondary structure and attenuation of Sabin vaccine strains of poliovirus in tissue culture. Virology. 1992 Aug;189(2):415–422. [PubMed]

- Macadam AJ, Pollard SR, Ferguson G, Dunn G, Skuce R, Almond JW, Minor PD. The 5' noncoding region of the type 2 poliovirus vaccine strain contains determinants of attenuation and temperature sensitivity. Virology. 1991 Apr;181(2):451–458. [PubMed]

- Martin A, Benichou D, Couderc T, Hogle JM, Wychowski C, Van der Werf S, Girard M. Use of type 1/type 2 chimeric polioviruses to study determinants of poliovirus type 1 neurovirulence in a mouse model. Virology. 1991 Feb;180(2):648–658. [PubMed]

- McGoldrick A, Macadam AJ, Dunn G, Rowe A, Burlison J, Minor PD, Meredith J, Evans DJ, Almond JW. Role of mutations G-480 and C-6203 in the attenuation phenotype of Sabin type 1 poliovirus. J Virol. 1995 Dec;69(12):7601–7605. [PMC free article] [PubMed]

- Minor PD. The molecular biology of poliovaccines. J Gen Virol. 1992 Dec;73(Pt 12):3065–3077. [PubMed]

- Murdin AD, Wimmer E. Construction of a poliovirus type 1/type 2 antigenic hybrid by manipulation of neutralization antigenic site II. J Virol. 1989 Dec;63(12):5251–5257. [PMC free article] [PubMed]

- Muzychenko AR, Lipskaya GYu, Maslova SV, Svitkin YV, Pilipenko EV, Nottay BK, Kew OM, Agol VI. Coupled mutations in the 5'-untranslated region of the Sabin poliovirus strains during in vivo passages: structural and functional implications. Virus Res. 1991 Oct;21(2):111–122. [PubMed]

- Najita L, Sarnow P. Oxidation-reduction sensitive interaction of a cellular 50-kDa protein with an RNA hairpin in the 5' noncoding region of the poliovirus genome. Proc Natl Acad Sci U S A. 1990 Aug;87(15):5846–5850. [PMC free article] [PubMed]

- Nakano JH, Hatch MH, Thieme ML, Nottay B. Parameters for differentiating vaccine-derived and wild poliovirus strains. Prog Med Virol. 1978;24:178–206. [PubMed]

- Nicholson R, Pelletier J, Le SY, Sonenberg N. Structural and functional analysis of the ribosome landing pad of poliovirus type 2: in vivo translation studies. J Virol. 1991 Nov;65(11):5886–5894. [PMC free article] [PubMed]

- Nomoto A, Omata T, Toyoda H, Kuge S, Horie H, Kataoka Y, Genba Y, Nakano Y, Imura N. Complete nucleotide sequence of the attenuated poliovirus Sabin 1 strain genome. Proc Natl Acad Sci U S A. 1982 Oct;79(19):5793–5797. [PMC free article] [PubMed]

- Nottay BK, Kew OM, Hatch MH, Heyward JT, Obijeski JF. Molecular variation of type 1 vaccine-related and wild polioviruses during replication in humans. Virology. 1981 Jan 30;108(2):405–423. [PubMed]

- Omata T, Kohara M, Kuge S, Komatsu T, Abe S, Semler BL, Kameda A, Itoh H, Arita M, Wimmer E, et al. Genetic analysis of the attenuation phenotype of poliovirus type 1. J Virol. 1986 May;58(2):348–358. [PMC free article] [PubMed]

- Otelea D, Guillot S, Furione M, Combiescu AA, Balanant J, Candrea A, Crainic R. Genomic modifications in naturally occurring neurovirulent revertants of Sabin 1 polioviruses. Dev Biol Stand. 1993;78:33–38. [PubMed]

- Pelletier J, Kaplan G, Racaniello VR, Sonenberg N. Cap-independent translation of poliovirus mRNA is conferred by sequence elements within the 5' noncoding region. Mol Cell Biol. 1988 Mar;8(3):1103–1112. [PMC free article] [PubMed]

- Percy N, Belsham GJ, Brangwyn JK, Sullivan M, Stone DM, Almond JW. Intracellular modifications induced by poliovirus reduce the requirement for structural motifs in the 5' noncoding region of the genome involved in internal initiation of protein synthesis. J Virol. 1992 Mar;66(3):1695–1701. [PMC free article] [PubMed]

- Pilipenko EV, Blinov VM, Romanova LI, Sinyakov AN, Maslova SV, Agol VI. Conserved structural domains in the 5'-untranslated region of picornaviral genomes: an analysis of the segment controlling translation and neurovirulence. Virology. 1989 Feb;168(2):201–209. [PubMed]

- Rezapkin GV, Chumakov KM, Lu Z, Ran Y, Dragunsky EM, Levenbook IS. Microevolution of Sabin 1 strain in vitro and genetic stability of oral poliovirus vaccine. Virology. 1994 Jul;202(1):370–378. [PubMed]

- Rico-Hesse R, Pallansch MA, Nottay BK, Kew OM. Geographic distribution of wild poliovirus type 1 genotypes. Virology. 1987 Oct;160(2):311–322. [PubMed]

- Sabin AB. Oral poliovirus vaccine: history of its development and use and current challenge to eliminate poliomyelitis from the world. J Infect Dis. 1985 Mar;151(3):420–436. [PubMed]

- Skinner MA, Racaniello VR, Dunn G, Cooper J, Minor PD, Almond JW. New model for the secondary structure of the 5' non-coding RNA of poliovirus is supported by biochemical and genetic data that also show that RNA secondary structure is important in neurovirulence. J Mol Biol. 1989 May 20;207(2):379–392. [PubMed]

- Strebel PM, Aubert-Combiescu A, Ion-Nedelcu N, Biberi-Moroeanu S, Combiescu M, Sutter RW, Kew OM, Pallansch MA, Patriarca PA, Cochi SL. Paralytic poliomyelitis in Romania, 1984-1992. Evidence for a high risk of vaccine-associated disease and reintroduction of wild-virus infection. Am J Epidemiol. 1994 Dec 15;140(12):1111–1124. [PubMed]

- Strebel PM, Sutter RW, Cochi SL, Biellik RJ, Brink EW, Kew OM, Pallansch MA, Orenstein WA, Hinman AR. Epidemiology of poliomyelitis in the United States one decade after the last reported case of indigenous wild virus-associated disease. Clin Infect Dis. 1992 Feb;14(2):568–579. [PubMed]

- Sutter RW, Brink EW, Cochi SL, Kew OM, Orenstein WA, Biellik RJ, Hinman AR. A new epidemiologic and laboratory classification system for paralytic poliomyelitis cases. Am J Public Health. 1989 Apr;79(4):495–498. [PMC free article] [PubMed]

- Tardy-Panit M, Blondel B, Martin A, Tekaia F, Horaud F, Delpeyroux F. A mutation in the RNA polymerase of poliovirus type 1 contributes to attenuation in mice. J Virol. 1993 Aug;67(8):4630–4638. [PMC free article] [PubMed]

- Wimmer E, Hellen CU, Cao X. Genetics of poliovirus. Annu Rev Genet. 1993;27:353–436. [PubMed]

- Zavate O, Avram G, Pavlov E, Burlea-Iriciuc A, Ivan A, Cotor F. Coxsackie A virus-associated herpetiform angina. Virologie. 1984 Jan-Mar;35(1):49–53. [PubMed]

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Enterovirus 71
I bambini ammalati in Cina a causa dell’Enterovirus 71, sono stati colpiti da una epidemia il cui focolaio si fa risalire al mese di Marzo 2008, i malati sarebbero circa 3.000; disappunto nel constatare che nessuno, da Marzo a oggi, aveva dato l’allarme di un contagio epidemico cosi’ ampiamente diffuso, incuria o volonta’ di nascondere il fatto ?

Tremila bambini contagiati e almeno 21 morti a causa dell'epidemia di Enterovirus 71 che ha colpito la provincia cinese di Anhui. Lo afferma l'agenzia cinese Xinhua, citata dalla Reuters.
L'epidemia e' scoppiata ai primi di marzo 2008 ma se ne e' avuta notizia solo il 23 aprile, quando anche l'Organizzazione Mondiale della Sanita' ha emesso un bollettino sull'argomento.
Secondo l'agenzia di stampa, il ritardo nella segnalazione dell'epidemia ha provocato polemiche sui media cinesi, che hanno chiesto di destituire i vertici delle autorita' sanitarie locali. La maggior parte delle vittime e' fra i due e i sei anni, e al momento sarebbero 900 i bambini ricoverati di cui alcuni in condizioni gravi.
Della famiglia degli enterovirus, i secondi piu' comuni nell'uomo dopo i rinovirus, fanno parte diversi tipi, compreso anche quello per la poliomielite (NdR: contenuto nei vaccini per la Polio).
L'Ev71 e', insieme ad altri della famiglia dei Cosaksievirus, responsabile della malattia detta di “mani, piedi e bocca”, che da' sintomi come febbre e rush cutanei poco pericolosi.
Si trasmette per via oro-fecale, ed e' legato anche a situazioni di scarsa igiene, soprattutto negli asili.
Come riporta l'OMS, "gli enterovirus sono comuni e distribuiti in tutto il mondo, e anche se spesso le infezioni sono asintomatiche, occasionalmente ci sono delle epidemie di forme che danno sintomi piu' gravi, talvolta fatali".
(NdR: quelli per la Polio sono proprio contenuti nei vaccini Sabin e/o Salk per la Poliomielite)
vedi: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18329759  +  http://www.emedicine.com/MED/topic681.htm
http://www.cdc.gov/Ncidod/EID/vol2no3/dasilva.htm

Roma, 20 ott. 2008 (Adnkronos Salute) - Nuovo allarme in Cina dove torna la paura per la malattia 'mano-piede-bocca', che avrebbe provocato la morte di tre bambini e il contagio di almeno 113 persone nei primi giorni di ottobre. Le piccole vittime dell'enterovirus 71 avevano tutte meno di un anno d'eta'. I casi sono stati registrati nella citta' di Janou, rende noto l'agenzia di Stato Nuova Cina, nella provincia sudorientale di Fujian.
Al momento 22 persone si troverebbero inoltre ricoverate in ospedale a causa del virus Ev-71, alla base della patologia diffusa in Cina. La malattia ha fatto registrare un anomalo aumento dei casi negli ultimi mesi: 42 persone hanno perso la vita tra aprile e maggio scorso a fronte di 27.500 persone infette. Chi viene colpito dal virus riporta delle ulcere nella mucosa della bocca e vesciche sulle mani e sui piedi. Da qui l'insolito nome dato alla patologia, che può risultare letale nei bambini a causa del loro sistema immunitario debole.

Commento
NdR: i Vaccini producono proprio immunodepressione quindi questi soggetti vaccinati sono in balia delle malattie piu' disparate, ma e sopra tutto di questa proteina tossica (enterovirus 71), mutazione del virus del vaccino per la Polio.
Ricordiamo che il vaccino per la Polio e’ prodotto su colture della “scimmia verde africana
Il vaccino della Polio introduce per ogni vaccinazione-vaccino, negli organismo umani oltre 1.500.000 proteine virali tossiche che in certe condizioni febbrili possono rilasciare il loro DNA (messaggio tossico), e dato che il virus/vaccino per la polio e’ anche un virus neutropico, esso puo' intaccare e non poco il sistema nervoso centrale e periferico.
Questo “nuovo” virus Enterovirus 71 null’altro e’ che una delle infinite possibili varianti del virus della Polio iniettato a miliardi di esseri umani, che ormai sono a rischio di qualsiasi malattia.
Il virus responsabile di questa sindrome si e' verosimilmente originato da una mutazione di un virus simile che infetta la scimmia verde africana e che e’ sto iniettato nei vaccinati del mondo intero ed i piu’ deboli  immunitariamente iniziano a slatentizzare anche questa patologia.
I presunti virus quali pseudo "cause", sono una cosa assolutamente secondaria o terziaria NON CAUSALE, infatti quei virus che si riscontrano nelle analisi del sangue o tessuti, e' la malattia stessa che li produce o vengono iniettati direttamente con i vaccini !

….
The patient had received three doses of Sabin vaccine, dated November 6, 1998, January 13, 1999 and March 30, 1999…..
http://www.scielo.br/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S1413-86702003000400009&lng=in&nrm=iso&tlng=in

References

1. Schmidt NJ., Lennette EH., Ho HH. An apparently new enterovirus isolated from patients with disease of central nervous system. Journal of Infectious Diseases 1974;129: 304-9.        

2. Chonmaitree T., Menegus MA., Schervish-Swierkosz EM., Schwalenstocker BA. Enterovirus 71 infection: report of an outbreak with two cases of paralysis and a review of the literature. Pedriatrics 1981; 67: 489-493.       

3. Nagy G., Takátsy S., Kurán E. et al. Virological diagnosis of enterovirus type 71 infections: experiences gained during an epidemic of acute CNS diseases in Hungary in 1978. Archives of Virology 1982;71:217-27.       

4. Alexander JP., Baden L., Pallansch MA., Anderson LJ. Enterovirus 71 infections and neurologic disease- United States 1985-1989. The Journal of Infectious Diseases 1994;169:905-908.        

5. Lum LCS., Wong KT., Lam SK. et al. Fatal enterovirus 71 encephalomyelitis. The Journal of Pediatrics 1998;133(6): 795-798.        

6. Monto H., Eng-Rin C., Kwo-Hsiung H. et al. An epidemic of enterovirus 71 infection in Taiwan. The New England Journal of Medicine 1999;341: (N13) 929-935.       

7. Da Silva EE., Fillipis AM., Schatzmayr HG., Cortes LC. - Evidence of enterovirus 71 infection in Brazil. Memórias do Instituto Oswaldo Cruz 1990;85: 131-40.        

8. Takimoto S., Waldman EA., Moreira RC. et al. Enterovirus 71 infection and acute neurological disease among children in Brazil (1988-1990). Transaction of the Royal Society of Tropical Medicine and Hygiene 1998;92: 25-28.        

9. Hanson RR., Myers H., Thompson FE. Case of paralytic illness associated with Enterovirus 71 infection. MMWR 1988;37(7):107.        

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Polioral (vaccino per la polio SABIN)
Composizione. Sospensione acquosa, in terreno di Earle con lattalbumina 0,5% di virus poliomelitico attenuato dei tipi 1,2,3, coltivato su cellule di rene di Cercopithecus aethiops (un primate ndr) e stabilizzata con Cloruro di magnesio 1M.
Controindicazioni. Ipersensibilita' accertata verso uno dei componenti della formulazione (vengono fatte analisi di tollerabilita' ai bambini di 3 mesi prima di sottoporli a vaccinazione ? ndr).
La vaccinazione e' controindicata nei soggetti con alterazioni dello stato immunitario (agammaglobulinemia, ipogammaglobulinemia, immunodeficienza combinata umorale o cellulo-mediata); nei soggetti affetti da leucemie, linfomi, neoplasie, patologie del sistema nervoso centrale croniche convulsivanti, nei bambini sani conviventi con persone affette da immunodeficienza. La vaccinazione e' differita in casi di malattie acute febbrili , diarrea o altri disturbi intestinali; in trattamento con farmaci immunodepressori. Il verificarsi di qualsiasi reazione neurologica successiva alla vaccinazione costituisce controindicazione alla somministrazione di ulteriori dosi di vaccino.
Tra gli effetti indesiderati. Molto raramente sono stati descritti casi di malattia paralitica associati alla vaccinazione, anche in persone a diretto contatto con soggetti vaccinati (meno di un caso ogni tre milioni di dosi somministrate). Raramente possono verificarsi diarrea, esantema allergico e polineuriti.
Fonte: Ministero della Sanita' il 12/10/98.

CDC ammette che 98 milioni di americani sono stati CONTAMINATI dal vaccino per la Polio che conteneva lo SV40

Nei vaccini venduti al terzo mondo si é scoperto che molti di questi contenevano l'ormone B-hCG un anti fertile se immesso in un vaccino.
La corte Suprema delle Filippine ha scoperto che oltre 3 milioni di ragazze e donne hanno assunto questi vaccini contaminati, cosí come in Nigeria, Tailandia ecc...
Per chi non abbia ancora visto questi video-documenti scioccanti:
http://uk.youtube.com/watch?v=edikv0zbAlU
http://it.youtube.com/watch?v=wg-52mHIjhs&feature=related
Sembrerebbe che oltre al profitto a tutti i costi, ci sia dietro qualcosa d'altro....impedire alle donne dei paesi del terzo mondo... di avere figli....

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

L'Aids e' stato INVENTATO con il VACCINO ORALE per la Polio in Africa:
http://www.biasco.ch/originedelmale/download/files/Tgcom2.pdf


Hilary Koprowski (nato a Varsavia, 5 dicembre 1916) e' uno scienziato polacco, inventore del vaccino per  la poliomielite.
Laureato in medicina negli ultimi anni '30 del novecento presso l'Universita' di Varsavia, si trasferì in Brasile in seguito all'invasione nazista della Polonia. Qui, e al termine della guerra si trasferi negli Stati Uniti, e proseguì i suoi studi ed esperimenti su un vaccino per la poliomielite. Trovata la sintesi, la prima vaccinazione sugli esseri umani avvenne nel 1950, in seguito testata su larghissima scala, prevalentemente nel continente africano, nel quale genero’ nella popolazione vaccinata (giovani) le basi dell’AIDS e di altre malattie immunitarie.
Fu però il vaccino ideato da Albert Bruce Sabin ad essere utilizzato su scala mondiale, per la sua “maggiore sicurezza ed efficienza” che scateno’ infine l’AIDS in Africa negli anni 80' !

L'Epatite B e' stata "inventata" con il vaccino per la Polio Sabin = visionare le comprovanti statistiche Istat  !
Cosi come la Meningite e' stata inventata dai vaccini per la Polio + EpatiteB  !

vedi: Fallimento della vaccinazione per la Polio e FALSA eradicazione

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

RITIRATO VACCINO per la POLIO  -  Danni dei Vaccini (testimonianze)
EUROPRESS 20 ottobre 2000 - dal "THE TIMES"
- INGHILTERRA -
Il dipartimento della Sanita' ha imposto il ritiro dal mercato di un particolare tipo di vaccino antipoliomielite, regolarmente usato fino ad ora. La causa del ritiro sembrerebbe dovuta alla diffusione del cosiddetto "morbo della mucca pazza".

Francia - 13/06/08  Les Echos online, Herald Tribune - Sospeso vaccino di Sanofi Pasteur MSD:
Le autorita' sanitarie francesi hanno sospeso, temporaneamente, la distribuzione del vaccino DTPolio (difterite, tetano, polio) in seguito ad un aumento significativo di segnalazioni di reazioni allergiche dall'inizio dell'anno; la Sanofi ha immediatamente ritirato i lotti immessi sul mercato per misura "precauzionale",... cosi hanno detto i dirigenti della Sanofi.

Italy, Cassazione: ……"
non e' reato non vaccinare i figli"
Commento: secondo l'art. 1 del Decreto Legislativo n. 480 del 13/7/94, l'inosservanza di una ordinanza del Sindaco e' depenalizzata. Anche per questo ciò significa che la cosa non può portare ad una denuncia penale per l'art. 650 del Codice Penale come in passato, quindi e' priva di effetti. In altre circostanze La Cassazione (I Sez. Penale) ha sentenziato che la disobbedienza all’Ordinanza del Sindaco non può dare luogo ad una denuncia penale per l’art. 650.

Testo degli articoli:
Chi non vaccina i figli non commette reato e, quindi, non può essere punito con la reclusione, ma e' passibile soltanto di ammenda. Lo ha stabilito la Cassazione nel prendere in considerazione la vicenda di una madre torinese che non aveva osservato l'ordinanza con la quale il sindaco le aveva intimato di sottoporre la figlia minorenne alle vaccinazioni Obbligatone.
E così 1a madre, in primo grado, oltre all'ammenda, si era addirittura vista condannata a due mesi di reclusione per non aver rispettato l'ordine, dato ai fini di "impedire l'invasione o la diffusione di malattie infettive".

Nel secondo grado di giudizio alla madre era stata condonata la pena detentiva e rideterminata in 100 mila lire l'ammenda. Fino al ricorso in Cassazione quando i supremi giudici hanno annullato la sentenza impugnata perché il fatto non costituisce reato.

Polioral (vaccino  per la polio SABIN)
Composizione. Sospensione acquosa, in terreno di Earle con lattalbumina 0,5% di virus poliomelitico attenuato dei tipi 1,2,3, coltivato su cellule di rene di Cercopithecus aethiops (un primate ndr) e stabilizzata con cloruso di magnesio 1M.

Controindicazioni. Ipersensibilita' accertata verso uno dei componenti della formulazione (vengono fatte analisi di tollerabilita' ai bambini di 3 mesi prima di sottoporli a vaccinazione? ndr). La vaccinazione e' controindicata nei soggetti con alterazioni dello stato immunitario (agammaglobulinemia, ipogammaglobulinemia, immunodeficienza combinata umorale o cellulo-mediata); nei soggetti affetti da leucemie, linfomi, neoplasie, patologie del sistema nervoso centrale croniche convulsivanti, nei bambini sani conviventi con persone affette da immunodeficienza. La vaccinazione e' differita in casi di malattie acute febbrili , diarrea o altri disturbi intestinali; in trattamento con farmaci immunodepressori. Il verificarsi di qualsiasi reazione neurologica successiva alla vaccinazione costituisce controindicazione alla somministrazione di ulteriori dosi di vaccino.

Tra gli effetti indesiderati. Molto raramente sono stati descritti casi di malattia paralitica associati alla vaccinazione, anche in persone a diretto contatto con soggetti vaccinati (meno di un caso ogni tre milioni di dosi somministrate). Raramente possono verificarsi diarrea, esantema allergico e polineuriti.
Fonte: Ministero della Sanita' il 12/10/98.


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

William F. Koch, uno scienziato rinomato nel mondo nel campo dei virus e della ricerca sul cancro, scrisse nel suo testo "Una introduzione alla Terapia dei Radicali Liberi (1961)",
"La capsula proteica (del virus) ha potenze antigeniche specifiche che forniscono risposte immunologiche specifiche e reazioni sierologiche. Questa e' la parte che e' convertibile in un vaccino usato per eccitare reazioni immunologiche nel paziente. Non c'e' risposta immunologica alla parte della nucleoproteina sebbene questa sia la parte che causa la patologia."
Egli quindi riafferma"...i vaccini contro un virus specifico non immunizzano contro la nucleoproteina che e' il reale patogeno, specialmente dopo che e' penetrato e si e' integrato con la cellula ospite, cosi' il discorso riguardo la cura ..e' una perdita di tempo.
Perfino la prevenzione della infezione virale per mezzo del vaccino incontra la piu' grande opposizione statistica da quando sono state registrate le vaccinazioni a larga scala del vaiolo e di Salk. In linea con quanto e' noto riguardo la struttura dei vaccini, le statistiche appaiono logiche allorche' mostrano che la paralisi da polio e' aumentata sia in incidenza che in mortalita' a causa dell'uso del vaccino".
Egli presenta quindi i numeri di casi di "polio" riportati in maggiori aree diverse degli USA e del Canada, prima e dopo l'uso del vaccino di Salk:

EFFETTO del VACCINO per la POLIO
AREA RIPORTATA NUMERO dei  CASI/ANNO NUMERO deiCASI/ANNO PRIMA del VACCINO e DOPO il VACCINO:

MONTREAL MENO di 100 CASI 521 CASI, 27 MORTI
OTTAWA 64 CASI, 7 MORTI 455 CASI, 41 MORTI
(In tutto il Canada ci furono 7 volte piu' casi di paralisi con un piu' alto tasso di mortalita' dopo l'uso del vaccino)

DETROIT 226 CASI 697 CASI
USA 5987 CASI, 8531 CASI, 3090 PARALIZZATI 5661 PARALIZZATI
(in North Carolina e Tennessee, dove la vaccinazione era OBBLIGATORIA, ci fu un aumento del 400%)

Koch commenta quindi la sua esperienza col colera suino (hog cholera) e la rabbia a Cuba ed in Sud America. "Dovrebbe essere detto che ogni epidemia di malattia virale trattata...seguiva la vaccinazione entro pochi mesi, quando ci sarebbe dovuto essere protezione invece di una epidemia."

Nella "polio", per esempio, parecchie malattie sono state rinominate e piazzate sotto un altro capitolo.
Quando fu introdotto il vaccino, i CDC (Centers for Desease Control: Centri per il controllo delle Malattie) emisero "...nuove linee guida diagnostiche che relegarono quelle che sarebbero state diagnosi di polio alle vecchie diagnosi di meningite dei giorni pre-polio." (T.C. Fry).
 
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

CONTAMINANTI nel Vaccino per la Poliomielite
Come riporta William Carlsen nel suo articolo su SFGATE "Il virus canaglia nel vaccino"
Il vaccino di Salk era prodotto facendo crescere il virus nel tessuto renale delle scimmie asiatiche. Il virus veniva poi ucciso con formaldeide. Di questo modo, quando il vaccino veniva iniettato negli umani, la morte del virus generava anti corpi in grado di sconfiggere la polio. Che idea semplice e meravigliosa ! O così sembrava.

Quello che milioni di persone vaccinate non sapevano, neanche volendolo fino al 1959, fino a quando Bernice Eddy, guardando nel suo microscopio nell'Istituto Nazionale della Salute (NIH), trovò che le cellule dei reni delle scimmie, le stesse usate per fare i vaccini, morivano per cause sconosciute. Così cominciò a sperimentare.

Preparò estratti da reni di 8 - 10 scimmie Rhesus. Poi ne iniettò piccolissime quantita' sotto la pelle di 23 porcellini d'india appena nati. Entro nove mesi furono riscontrati "tumori grandi, maligni e sottocutanei" in 20 degli animali- e il mondo rimase traumatizzato. O no ?

Eddy cerca di spargere la voce
Sconvolto che un virus delle scimmie potesse contaminare il famoso vaccino per la poliomielite, il 6 Luglio 1960, Eddy condivise le sue scoperte con il Dr. Joseph Smadel, capo della divisione biologica del NIH, che licenziò sommariamente i tumori come "accumuli" inoffensivi.
Nel frattempo al laboratorio Merck della Pennsylvania, il Dr. Maurice Hilleman e il Dr. Ben Sweet isolavano il virus.
Lo chiamarono Simian Virus 40 o SV40 perche' era il quarantesimo virus trovato nel tessuto renale. Un po' troppo per una medicina definita "miracolosa".
Nonostante tutto, sembrava che avessimo vinto la guerra contro la poliomielite. Il 60% della popolazione americana, qualcosa come 98 milioni di persone, aveva preso almeno una dose del vaccino di Salk e il numero dei casi era notevolmente diminuito.

Intanto, un vaccino orale per la poliomielite sviluppato dal virologo Albert Sabin affrontava le prove finali in Russia e in tutto l'Est Europa. Era gia' stato preso da decine di milioni di persone ed era pronto per essere distribuito negli USA. La sua grande differenza era che, al contrario del vaccino di Salk, la versione di Sabin conteneva una forma viva ma indebolita del virus (in formaldeide) della poliomielite così da "promettere" l'immunita' a vita.

Fortunatamente, il Servizio per la Salute Pubblica Americano (PHS) ufficiale condusse test e trovò il virus SV40 in entrambi i vaccini. Il PHS stimò che un terzo dei vaccini di Salk fosse contaminato e che il virus SV40 causava il cancro negli animali di laboratorio. Immaginate il panico delle aziende e del governo a questa notizia, che non condivisero neanche lontanamente con il pubblico.

All'inizio del 1961, gli addetti del PHS cominciarono a "venire incontro" alle principali case farmaceutiche che distribuivano i vaccini.
Stranamente, queste ultime non avevano trovato nessuna prova che il virus potesse essere pericoloso per gli uomini.
Nel marzo dello stesso anno, il PHS ordinò ai produttori di eliminare il virus SV40 da tutti i futuri vaccini. Sarebbe stato adottato un nuovo piano per neutralizzare il ceppo attivo della poliomielite, utilizzando, per creare il vaccino, scimmie verdi africane libere dal Virus SV40 invece delle scimmie precedenti. Incrementando ancora il traffico di scimmie.
(NdR: Il virus SV40 e' rimasto comunque nei vaccini fino quasi agli anni 90')

Sorprendentemente, il personale del PHS non ritirò i vaccini gia' presenti sul mercato da piu' di un anno. Tutto era nelle mani dei medici e questi generalmente non raccontavano ai pazienti degli effetti del vaccino sui piccoli.
Il loro discutibile ragionamento era che qualsiasi informazione circa la pericolosita' del vaccino avrebbe scatenato il panico tra la gente e messo in pericolo la campagna di vaccinazione. E i milioni di persone che prendevano il vaccino ?
Non erano forse messe in pericolo ?

La prima rivelazione
La storia della contaminazione del vaccino di Salk uscì con poco scalpore il 26 Luglio 1961, a pagina 33 del New York Times. Veniva riportato che Merck e altri produttori avevano interrotto la produzione fino a quando non fossero riusciti a eliminare il "virus della scimmia" dal vaccino. Chiamato in causa, il PHS disse che non c'erano prove che il virus fosse pericoloso. Eccetto naturalmente i 20 piccoli porcellini d'india infettati.

Nel 1962, uno studioso di epidemie di Harvard, il Dr. Joseph Fraumeni, entrò nell'Istituto Nazionale sul Cancro e gli fu assegnato il compito di verificare se ci fossero stati degli aumenti di tumori tra i pazienti che avevano utilizzato il vaccino di Salk. Con due colleghi, Fraumeni testò campioni del vaccino da maggio a giugno 1955, i primi mesi della campagna nazionale per l'immunizzazione. Poi divisero i risultati in "assente," "basso" o "alto" secondo l'ammontare di virus SV40 riscontrato.

Fu l'unica volta che le autorita' americane vollero misurare questo livello nei vaccini tra il '55 e il '62. Gli altri campioni immagazzinati vennero poi distrutti. Fraumeni individuò casi dove la contaminazione era distribuita nei mesi chiave. La California ricevette un vaccino con basso livello del virus. Lo studio prese in considerazione anche la fascia di morti per cancro dai 6 agli 8 anni vaccinati durante questo breve tempo analizzando il gruppo per 4 anni.

I risultati, pubblicati nel giornale dell'Associazione Nazionale Medici, non mostravano una reale differenza tra il numero di morti per tumori tra gli Stati con alto o basso livello del virus SV40 nel vaccino e quelli negli Stati dove il virus era assente.

Eppure dopo poco piu' di un anno, dopo "reportage isolati" che collegavano il virus con il cancro nell'uomo, Fraumeni riconsiderò che poteva essere creato un altro gruppo di pazienti che avevano usato il vaccino per tenerli sotto osservazione. Questo gruppo sara' oggetto delle prove condotte nei primi anni '60 all'Ospedale Generale Metropolitano di Cleveland.
Per vedere i differenti effetti causati dalla differente presenza del virus SV40 nei vaccini, i ricercatori dell'ospedale iniettavano ai neonati delle famiglie nere piu' povere dosi che oscillavano intorno alle 100 volte le dosi consigliate agli adulti. Non proprio una bella azione verso questi bambini.

Gli esperimenti durarono 3 anni, coinvolgendo 1.073 bambini, alla maggioranza dei quali fu dato il Sabin per via orale, dopo che e' stato dimostrato che contiene il virus SV40. Un reportage del 1982 minimizza le limitazioni dello studio dicendo che la maggioranza dei bambini ha dato esito negativo e che comunque i tumori connessi con il virus SV40 possono impiegare dai 17 ai19 anni per manifestarsi e che oltretutto c'era ancora meno probabilita' di contrarre il virus con il vaccino per via orale.

Nonostante il campanello d'allarme delle critiche, tutto viene insabbiato dicendo che le scoperte erano "rassicuranti e coerenti nel determinare che il virus SV40 non e' cancerogeno per l'essere umano". Poi fermarono gli studi, reclamando "grosse difficolta' ed ostacoli nel tracciare il particolare gruppo dai risultati negativi". Nessuna menzione però al al comportamento distruttivamente razzista con il quale e' stato condotto lo studio e che ha segnato anche la posizione del governo per anni.

BOOM, 1988
A Boston, il Dr. Robert Garcea e il suo assistente, il Dr. John Bergsagel, usarono un nuovo strumento, la reazione a catena di polimerasi, PCR, per cercare un paio di virus comuni nel cervello di bambini con tumori. In piu' della meta' dei tumori risultò un DNA alterato e finalmente si accorsero che si trovavano di fronte al SV40.

La PCR era capace di amplificare piccole parti del DNA, facendo indagini molto piu' credibili delle prime che venivano fatte con test primitivi. I risultati furono inquietanti, indicando che i bambini erano troppo giovani per avere assunto i vaccini contaminati e che in qualche maniera il virus li aveva infettati, trasferendogli il cancro.

Nello stesso anno, il Dr. Michele Carbone trovò qualcosa molto simile a un tumore nei laboratori dell'Istituto Nazionale della Salute (NIH) a Bethesda. Carbone fece vari esperimenti che dimostrarono che il 60% dei porcellini d'india, dopo che gli era stato iniettato del SV40 nel cuore, contraevano un tumore letale: mesotelioma. Stava accadendo qualcosa di terribile.

Carbone usò infine la PCR per testare 48 pazienti affetti da mesotelioma ricoverati al NIH. Quando scoprì che 28 di essi risultavano positivi al virus SV40 rimase esterrefatto. La PCR stava scatenando un'ondata di scoperte su questo virus. Dalla fine del 1996, dozzine di scienziati collegano il virus SV40 con una varieta' di tumori alle ossa e un ampio ventaglio di quelli al cervello, un incremento del 30 per cento rispetto a 20 anni prima.

Al NIH di Bethesda, gli addetti diventavano sempre piu' preoccupati per le scoperte sul virus SV40. E questi risultati erano particolarmente interessanti per Fraumeni, che fu promosso a direttore della Divisione Epidemiologia e Genetica del Cancro all'Istituto Nazionale sui Tumori (NCI). i suoi primi studi lanciavano una sfida a chi sosteneva che il virus SV40 non fosse rischioso.

Qualcosa in piu' sul NCI, National Cancer Institute
La verita' e' che il National Cancer Institute (NCI-Frederick) e le 37 organizzazioni partners hanno sede a Fort Detrick, a circa 20 minuti da Bethesda, nel Maryland.
Fort Detrick e' di proprieta' del United States Army Medical Research and Materiel Command
[Ricerca medica e materiale di controllo dell'esercito degli USA, USAMRMC n.d.t]. Tra gli obiettivi primari c'e' la ricerca e lo sviluppo biomedico.
Qui e' dove e' stato sviluppato il virus dell'AIDS, non dalle scimmie.

In un articolo nell' Online Journal nel 2005, The AIDS virus: Made in the USA ?, scriveva che il "Dr. Robert Strecker indicava che il virus dell'AIDS fosse stato sviluppato dal NCI, in cooperazione con l'Organizzazione Mondiale della Sanita' (OMS), in un laboratorio a Fort Detrick in Maryland.
Dal 1970 al '74, queste strutture erano parte dell'Unita' di Guerra batteriologica degli Stati Uniti, conosciuta come l'Unita' Malattie Infettive dell'Esercito, o Divisione Operazioni Speciali, anche ricordato come il laboratorio della guerra chimica e batteriologica dell'esercito.
Dopo il 1974, la struttura fu rinominata National Cancer Institute (NCI).
D'accordo con i ricercatori William Cooper (ex ufficiale della Marina Militare), citato nell'articolo di Larry Jamison' Is The AIDS Virus Man Made ? (L'AIDS e' stato inventato dall'uomo ?), "questo lavoro fu supervisionato dalla CIA sotto il progetto chiamato MK-NAOMI".

Commento NdR: Il virus SV 40 e' rimasto comunque nei vaccini fino quasi agli anni 90'

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Nell'elenco medico-sanitario delle varie malattie per la "polio", per esempio, parecchie malattie sono state rinominate e piazzate sotto un altro capitolo, per far quadrare i conti....e le statistiche sulla Polio
Quando fu introdotto il vaccino per la Polio, i CDC (Centers for Desease Control: Centri per il controllo delle Malattie) emisero "...nuove linee guida diagnostiche che relegarono quelle che sarebbero state diagnosi di polio alle vecchie diagnosi di meningite dei giorni pre-polio."  (By T.C. Fry).

Si cambia nome ad una malattia e quindi tutto quadra......cosi si e' fatto anche per l'Aids si sono eliminate dall'elenco circa 30 malattie e sono state incluse nella voce Aids.....

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

POLIO CAUSATA dal VACCINO
Sentenza dei magistrati di Cremona -
CASALMAGGIORE 
Un miliardo e 300 milioni. E’ la cifra con la quale l’Asl di Cremona dovra' risarcire un ragazzo colpito da poliomielite dopo essere stato vaccinato: lo ha stabilito il tribunale di Cremona. Ma la somma e' destinata a raddoppiare, quando i legali avranno completato i conteggi relativi agli interessi maturati in oltre 14 anni e alla rivalutazione della lira. Non solo: l’avvocato Emilio Azzini di Casalmaggiore, rappresentante della famiglia del giovane intende anche ottenere la differenza relativa al calcolo fatto dal giorno in cui la malattia e' insorta, ne1 1983, a quello relativo all’inizio  dell’azione giudiziaria, 5 anni dopo.      
La sentenza costituisce un caso inedito perché ad essere accertata e' la responsabilita' di un' operatrice sanitaria. In precedenza, infatti, si era giunti a stabilire soltanto il nesso tra la somministrazione del vaccino antipolio e la manifestazione della malattia stessa: nel nostro paese, comunque,
i casi analoghi a questo ed in attesa di giustizia sono circa 30 mila.
Dopo pochi giorni il bambino cominciò a stare male: sempre piu' debole, aveva nausee continue e non riusciva a reggersi in piedi.        
La famiglia  chiese il parere di diversi specialisti ed il responso fu unanime: poliomielite.
lniziò così la lotta del padre del ragazzo per ottenere giustizia.
By
Rosario Pisani - tratto da "corriere della sera"

Polio da vaccino, la madre a una conferenza del Lion's
SABBIONETA
- La vicenda della piccola Silvia Lodi Rizzini, colpita da paralisi flaccida agli arti inferiori a causa del vaccino antipolio, ha commosso e fatto discutere tutta l'Italia, diventando un caso nazionale, grazie alla determinazione della madre Nadia Gatti, che ha accettato di raccontare la sua storia a stampa e tv per evitare ad altre famiglie lo stesso calvario. Sull'argomento, il Lion's Club Sabbioneta Nova Civitas, promuove una tavola rotonda per venerdì 20 ottobre, alla quale parteciperanno Nadia Gatti, l'onorevole Franco Raffaldini del gruppo di lavoro che dovrebbe preparare i provvedimenti per riconoscere ai danneggiati da vaccino gli indennizzi adeguati, il dottor Angelo Romano, primario della divisione di Pediatria dell'Ospedale Oglio Po, che ha seguito fin dall'inizio in prima persona la dolorosa vicenda e l'avvocato Emilio Azzini di Casalmaggiore, protagonista della prima sentenza in Italia che condanna una struttura sanitaria al risarcimento di 3 miliardi in un caso analogo. Nella serata, oltre alla testimonianza della madre-coraggio, verranno presi in considerazione i risvolti legislativi, medici e legali sull'argomento.
"Sulla questione del vaccino - afferma la Gatti - vogliamo piu' informazione e meno bugie.
Vogliamo che i medici e il Ministero smettano di chiamarci terroristi, perché siamo noi la parte lesa e non loro. 
Vogliamo giustizia perché siamo convinti che gia' nel 1996 il vaccino avrebbe dovuto essere cambiato ed oggi, usando il buon senso, otto bambini correrebbero felici insieme ai loro coetanei invece di subire quotidianamente dolorose fisioterapie, senza sapere nemmeno se e come cammineranno".

di Roberto Marchini (dalla Gazzetta di Mantova del 03.10.2000)

Polio, denuncia in tv. A Report – Rai 3, la storia di una madre coraggio - Sabbioneta
Nadia Gatti si batte da anni per ottenere giustizia dallo Stato (di Andrea Setti)
SABBIONETA - Le vaccinazioni obbligatorie e lo sconcertante quadro di impreparazione della sanita' pubblica nei confronti dei rischi di paralisi e di danni cerebrali sono stati gli argomenti di un'interessante inchiesta del programma "Report". 
Si tratta di una trasmissione di denuncia condotta da giovani giornalisti "free lance" che si occupano di casi scottanti raramente illuminati dai riflettori televisivi. Domenica in seconda serata, Rai 3 ha trasmesso il servizio confezionato da
Stefania Rimini che ha intervistato Nadia Gatti, madre di Silvia Lodi Rizzini, colpita da paralisi flaccida dopo il vaccino antipolio. Un vaccino, il Sabin, che dal 1999 e' stato sostituito dal Salk ritenuto piu' sicuro. "Noi siamo fortunati rispetto a tanti altri - ha spiegato davanti alle telecamere la donna - perché dopo tre anni abbiamo ricevuto il riconoscimento che i danni manifestati da nostra figlia sono provocati dalla vaccinazione. Sono tantissimi, invece, i casi che non sono stati riconosciuti e che costringono le famiglie a sopportare sofferenze di ogni genere".
Va sottolineato, tuttavia, che ancora i familiari di silvia non sono stati risarciti e anche il vitalizio previsto dalla legge (un milione e 200mila lire al mese) viene erogato soltanto al compimento del 18esimo anno di eta' da parte del danneggiato. 
Una situazione praticamente insostenibile se si pensa che le cure e dunque le spese devono essere fatte tempestivamente e non dopo decenni quando il danno e' pressocche' irreparabile. 
"Siamo ancora in attesa di una risposta da parte del Ministero della Sanita' - afferma la madre coraggio di Sabbioneta - ma se non arrivera' io e altri genitori siamo pronti ad azioni clamorose".

Un po di delusione a Casalmaggiore perché l'inchiesta non ha proposto l'intervista, pur realizzata nelle settimane scorse, a Aldo Formis, il padre di Mattia, il ragazzo che ha recentemente vinto una storica causa contro la sanita' pubblica che ora dovra' rifondere oltre tre miliardi di lire.
La televisione ha mostrato alcune riprese del Listone di Casalmaggiore ma senza commenti. 
Grande risalto, invece, ha avuto la vicenda di
Veronica Gozzi, una bambina di Parma che lamenta danni cerebrali causati dalla vaccinazione antipertosse con sostanze contenenti mercurio.
Dalla ricerca e' emerso che in Italia non e' prevista una soglia di pericolosita' oltre la quale e' sconsigliabile utilizzare vaccini con componenti mercuriali. 
(da "La Provincia" del 03.10.2000)

Tre miliardi di risarcimento per la polio da vaccino.
"Una sentenza pilota. Dara' speranza a molti"

Sul caso di Mattia Formis condanna dopo 17 anni all'ex Ussl di Viadana (CR) e all'Azienda ospedaliera cremonese
L'ex Ussl 50-52 di Viadana e l'Azienda ospedaliera cremonese sono stati condannati a pagare 3 miliardi di risarcimento alla famiglia di Mattia Formis, il giovane casalasco oggi 17enne che nell'83 si ammalò di poliomielite in seguito alla vaccinazione obbligatoria. 
La sentenza e' stata emessa dal tribunale di Cremona e costituisce un importante precedente per casi analoghi, oltre 30mila in tutta Italia.

Mattia era stato sottoposto all'antipolio con il metodo Sabin (inoculazione del vaccino attenuato), rimasto in uso in Italia sino all'anno scorso. La somministrazione avvenne quando aveva l'eta' di cinque mesi ed era reduce da un'influenza. Il vaccino gli venne dato senza una preventiva visita medica.
Dopo pochi giorni venne colpito da una grave forma di paralisi flaccida dei muscoli delle gambe che gli provocò notevoli difficolta' di deambulazione. Solo nell'86, a tre anni dall'episodio il padre Aldo presentò un esposto alla magistratura ed una richiesta di risarcimento danni. Ora il giudice ha condannato per quel fatto l'allora responsabile dell'ufficio igiene pubblica dell'Ussl viadanese, Giuseppe Chizzolini, l'assistente sanitaria che somministrò il vaccino, Maria Rosa Malacalza e l'Azienda ospedaliera di Cremona. Dovranno risarcire in solido un miliardo e 334 milioni, che con gli interessi legali lievitano a 3 miliardi e 54 milioni di lire.
"E' la prima volta che viene stabilito da un Tribunale il nesso fra la vaccinazione e la malattia" spiega Nadia Lodi Rizzini, la madre di Sabbioneta che, grazie alla sua battaglia, ha fatto modificare la legge nazionale sulle vaccinazioni. 
"Tra l'altro nelle condizioni di Mattia in Italia c'e' un alto numero di casi che per ora non e' stato quantificato".

Soddisfazione per la sentenza e' stata espressa dal padre di Mattia, Aldo, mentre l'avvocato che ha promosso la causa, Emilio Azzini, di Casalmaggiore, ha annunciato l'intenzione di ricorrere in Appello. Il risarcimento e' stato, infatti, calcolato dal momento della presentazione della denuncia, e non dal fatto in sé. Se venisse retrodatato il calcolo degli interessi, il pagamento potrebbe lievitare a circa 4 miliardi e mezzo. Si tratta di cifre che coprono solo in parte le spese mediche che la famiglia ha dovuto sopportare per la fisioterapia, la rieducazione motoria, la ginnastica e tutti i presidi sanitari dei quali il ragazzo ha avuto bisogno in questi 17 anni. La cifra sara' liquidata subito perché la sentenza e' esecutiva. 
Occorrera' stabilire, dopo lo scorporo dell'ex Ussl 50-52 se sara' l'Asl mantovana o gli Istituti Ospitalieri di Cremona a pagare ora il risarcimento.

"Una sentenza pilota. Dara' speranza a molti" (di Nadia Lodi Rizzini)
SABBIONETA. "E' una sentenza importante, che dara' speranza a tantissime famiglie che ancora oggi vivono questa situazione". Sono le parole di Nadia Lodi Rizzini, la madre della piccola Silvia, la bimba di 3 anni ammalatasi in seguito alla vaccinazione antipolio. La donna, con l'aiuto dell'associazione Vaccinetwork di Modena, ha lottato sino a far modificare la vaccinazione che in Italia non avviene piu' con il metodo Sabin.
Oggi si e' ritornati ad usare il metodo Salk che prevede l'uso di virus inattivato. Ma e' ancora poco, secondo la Lodi Rizzini che fa parte della commissione nazionale di lavoro per i danneggiati da polio, una task force di accento mantovano nella quale sono anche l'onorevole Franco Raffaldini ed il dottor Oleari, responsabile del settore prevenzione del ministero della Sanita' entrambi suzzaresi.
"Noi chiediamo" spiega la Lodi Rizzini "che l'indennizzo vitalizio mensile che oggi viene vincolato sino alla maggiore eta' dei bimbi, sia invece dato alle famiglie, che hanno spese altissime.
Che venga abolita l'umiliante visita della commissione militare e ci sia una vera informazione ai genitori prima della vaccinazione".

Dal 92 la legge 210 prevede indennizzi ai danneggiati da vaccinazioni, ma estenuanti trafile per il riconoscimento della malattia. "Sono infine soddisfatta per Mattia e la sua famiglia" conclude la madre di Sabbioneta.
"Ma e' uno scandalo che questi soldi arrivino a 17 anni dall'episodio. Ora spero che l'appello continui a fare giustizia come il Tribunale di Cremona ha finalmente riconosciuto".
(da "La Gazzetta di Mantova" del 12.08.2000)

Claudia si ammala col vaccino. Poliomielitico risarcito
CREMONA — E' stata colpa di un vaccino antipolio somministrato dopo un'influenza se un bimbo di 5 mesi contrasse la poliomielite, con conseguente paralisi delle gambe. Per questo il tribunale di Cremona ha condannato l'azienda ospedaliera cremonese e i responsabili dell'ex Usl a risarcire con circa 3 miliardi i genitori di quel piccolo, che oggi ha 17 anni.
La vicenda risale al giugno del 1983: il piccolo, reduce da un'influenza, venne vaccinato senza esser sottoposto ad una preventiva visita medica. L'inchiesta si aprì nell'86 e si e' conclusa ieri con la condanna di Giuseppe Chizzolini, responsabile dell'ufficio di igiene pubblica dell'ex Usl, di Maria Rosa Malacalza, l'assistente sanitaria che somministrò il vaccino antipolio, e dell'azienda ospedaliera al pagamento di 1 miliardo e 335 milioni, che con gli interessi salgono a quasi tre miliardi. Il tribunale, che ha chiuso uno dei 30 mila casi del genere in sospeso in Italia, ha riconosciuto il nesso tra la vaccinazione e la poliomielite. (da "Il Resto del Carlino" del 12.08.2000)

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

L'incidente di Cutter:  in America il primo Vaccino per la polio ha portato una crescente crisi sui vaccini !
Durante la prima metà degli anni 1950, Jonas Salk, MD ha sviluppato il primo vaccino per la polio iniettabile contenente dei virus, che chiamano impropriamente per la polio, inattivato in formalina, che e' una sostanza cancerosa ed inoculato alla ignara popolazione, senza nessun test preliminare di controllo sulla sua innocuita', infatti genero' immediatamente un'aumento di paralisi nei vaccinati, molto ma molto di piu' che se non fosse stata per la naturale malattia !
Con il vaccino Salk sono stati vaccinati più di 1.800.000 i bambini negli Stati Uniti nel 1954.
Promosso dalla Fondazione Nazionale per la Paralisi Infantile (NFIP), ora conosciuta come la March of Dimes, "623,972 scolari sono stati iniettati con il vaccino o placebo, e più di un milione di altri hanno partecipato come controls.
Il 12 aprile 1955, Thomas Francis Jr., MD, direttore del Centro di Valutazione del vaccino per la Poliomielite presso l'Università del Michigan School of Public Health, ha annunciato al mondo che il vaccino di Salk era "sicuro, efficace e potente" - che era "fino al 90%" efficace nel prevenire polio paralitica.
Dr. Francis Jr.  era stato uno dei professori del Dr. Salk presso l'Università di School of Public Health Department di Epidemiologia del Michigan, dove ha fatto il suo Salk training post-laurea...
Durante la metà di aprile del 1955, circa 400.000 persone per lo più scolari, sono stati vaccinati negli Stati Uniti con il vaccino Salk prodotto da Cutter Laboratories.
Si scoprì che più di 200.000 di questi bambini, che vivevano in cinque stati occidentali e del Midwest (Arizona, California, Idaho, Nevada e New Mexico7), sono stati iniettati con quei vaccini , prodotti dalla Cutter, provocando 40.000 casi di poliomielite, e severamente paralizzato 200 bambini ed uccisi, 10.

Il primo di questi casi da segnalare è stato quello di una giovane ragazza di nome Susan Pierce, che aveva ricevuto il vaccino il 18 aprile 1955. Cinque giorni più tardi, ha sviluppato febbre e rigidità del collo. Sei giorni dopo, il braccio sinistro era paralizzata. Sette giorni dopo, è stata posta in un polmone d'acciaio, e nove giorni dopo, era morta.
Nel suo libro The Cutter incidente, Paul Offit, MD scrive: "Settantacinque per cento (75%) delle vittime di Cutter sono state paralizzate per il resto della loro vita." Un team guidato da epidemiologisit Alexander Langmuir della Communicable Diseases center (ora il CDC) di Atlanta, GA ha stabilito che "la malattia causata dal vaccino di Cutter era peggiore della malattia causata dalla polio naturale", aggiunge il Dott Offit.

I bambini ai quali venne iniettato il vaccino di Cutter avevano più probabilità di essere paralizzati nelle loro braccia, più probabilità di soffrire gravi e permanenti paralisi, più probabilità di richiedere assistenza respiratoria nei polmoni di ferro, e più probabilità di morire rispetto ai bambini naturalmente infetti dal polio.
Il cosiddetto "Cutter incidente" ha portato al ritiro del vaccino Cutter e l'eventuale sostituzione del Salk IPV con il vaccino per la polio orale, (OPV) sviluppato da Albert Sabin, MD e introdotto nel 1963.
Il vaccino Salk modificato inattivato è stato reintrodotta nel 1990.
Dopo gli unici casi di polio che si verificarono negli stati Uniti sono stati casi di polio da vaccino perché lo OPV può causare immunodepressione nel ricevente od con uno stretto contatto di una persona recentemente a spargimento vaccinale della polio nei fluidi corporei.
Ma il fatto che vi furono gravi danni ​​con il vaccino per la poliomielite IPV, che ha paralizzato e ucciso bambini americani è stato nascosto al pubblico per un lungo periodo.

Nel loro libro dissoluzione Illusions: la malattia, vaccini, e The Forgotten Storia, Suzanne Humphries, MD e Bystrianyk romana, scrivono: "Ci si potrebbe chiedere come mai queste importanti informazioni sono state nascoste al pubblico per quasi cinquanta anni.
 Il membro del Congresso Percy Priest ha ordinato e presieduto un'indagine completa della controversia vaccino ". Secondo loro, il deputato Prete, che ha rappresentato il 6 ° distretto del Tennessee, ha ammesso nel 1956 che,
... L'anno precedente (1955) molte persone responsabili, avevano ritenuto che il pubblico avrebbe dovuto non essere informato sul calvario di conoscenza di polemiche. Se fossero state divulgate si sarebbe ottenuto che il servizio sanitario pubblico aveva effettivamente fatto qualcosa di dannoso per la salute del popolo americano  e le conseguenze sarebbero terribili... Abbiamo ritenuto che non andava bene dire queste cose perche' se divulgate al pubblico, avrebbero portato discredito sulla scienza medica e sui servizi sanitari pubblici.
Come risultato, fu quello di ignorare gli avvertimenti di scienziati altamente qualificati che ripetutamente avevano spiegato come e perché fin dall'inizio, il vaccino aveva inutilmente infettato, paralizzato, ed ucciso bambini e messo in pericolo il loro nucleo familiare.
In secondo luogo, il Cutter Laboratories non era l'unico produttore del Salk IPV.
Wyeth Laboratories aveva prodotto un vaccino di Salk che ha causato la paralisi.
Altre aziende farmaceutiche hanno detto di aver fatto così.
Ma solo il vaccino di Cutter è stato ricordato. Ciò significa che, potenzialmente, decine di milioni di dosi del vaccino Salk sono stati venduti e iniettate in bambini negli Stati Uniti e in tutto il mondo, fino a quando il vaccino Salk è stato sostituito dal vaccino Sabin nei primi anni 1960.

Questo può aiutare a spiegare, il motivo per cui i casi di polio negli Stati Uniti sono aumentate del 50% 1957-1958, e del 80% tra il 1958 ed il 1959.
 Secondo Bernard Greenberg, PhD, capo del Dipartimento di Biostatistica presso l'Università of North Carolina School of Public Health:
In cinque stati del New England i casi di polio sono raddoppiati dopo che il vaccino per la polio è stato introdotto.
 Tuttavia nel mezzo del panico sulla poliomielite degli anni 1950, con la pressione per trovare una bacchetta magica, le statistiche sono state manipolate dalle autorità sanitarie per dare la propria impressione del contrario.  
Questi drammatici aumenti di poliomielite in seguito all'introduzione del vaccino Salk IPV si è verificato poco dopo che il governo degli Stati Uniti aveva già rilassato in modo significativo le sue "nuove" linee guida per la "diagnosi" della poliomielite.  
Incidente Cutter (primi esperimenti con il vaccino negli USA)
Dopo il trial del vaccino Salk compiuto su 1,8 milioni di bambini che erano stati inoculati con i vaccini prodotti dalle case farmaceutiche Eli-Lilly e Parke Davis, oppure trattati con placebo o non trattati ma solo sottoposti a osservazione, il 12 aprile 1955 il vaccino Salk fu dichiarato sicuro ed efficace.
Subito dopo la licenza per la sua produzione fu concessa alle case farmaceutiche Eli Lilly, Parke-Davis, Wyeth, Pitman Moore, Cutter.
Il 26 aprile, appena due settimane dopo la distribuzione del vaccino, il direttore del Laboratory of Biologic Control, William Workman, ricevette la comunicazione che cinque bambini in California erano rimasti PARALIZZATI dopo avere ricevuto il vaccino per la poliomielite Salk.
In ciascun caso la paralisi si era verificata nel braccio che era stato inoculato e in ciascun caso il vaccino era stato prodotto dai Laboratori Cutter. Il vaccino Cutter fu immediatamente ritirato, ma 380 dosi erano già state somministrate.
L’Epidemic Intelligence Service of the Communicable Diseases Center (un precursore del Center for Diseases Control and Prevention) fu interpellato perché indagasse sul rapporto di causalità fra paralisi e somministrazione del vaccino.
Gli scienziati dell’agenzia scoprirono che due lotti della produzione fatta nei Laboratori Cutter, corrispondenti a 120 dosi, contenevano polio-virus.
Fra i bambini che avevano ricevuto il vaccino da questi lotti si svilupparono 40 casi di polio abortiva, caratterizzata da mal di testa, rigidità nucale, febbre e debolezza muscolare; 50 bambini restarono permanentemente paralizzati e 5 persero la vita.
Questo rappresento' uno dei peggiori disastri farmacologici degli Stati Uniti ufficialmente ammesso....
Le autorità sanitarie US, sospesero la campagna di vaccinazione a seguito a questo grave incidente (Cutter) che causò, ufficialmente, 75 casi di poliomielite ma, ufficiosamente, ben più di 1.000. con il vaccino Salk, quindi neurovirulento.
Anche in Italia vi fu un’anomala “crescita” di casi di polio (raddoppiarono, passando da 4045 nel 1957 a  8654 nel 1958,) poco tempo dopo l’introduzione del vaccino antipoliomielitico Salk….ma le autorita in-sanitarie italiane fecero finta di nulla...come OGGI !
https://www.historyofvaccines.org/es/contenido/articulos/programas-de-compensaci%C3%B3n-por-lesiones-causadas-por-vacunas
Nel 1954, il governo ha ridefinito la poliomielite, la "Polio non fu vinta, è stata ridefinita."
Il Dr. Greenberg ha spiegato questo classico esempio di gioco di prestigio del governo...
Al fine di qualificarsi per la classificazione come poliomielite paralitica, il paziente doveva presentare sintomi di paralisi per almeno 60 giorni dopo l'insorgenza della malattia.
Prima del 1954, il paziente doveva presentare sintomi di paralisi solo per 24 ore con conferma di laboratorio e la presenza di paralisi residua non erano tenuti in considerazione.
Dopo il 1954, paralisi residua è stata determinata da 10 a 20 giorni e di nuovo 50 a 70 giorni dopo l'insorgenza della malattia.
Questo cambiamento di definizione ha fatto sì che nel 1955 abbiamo iniziato a segnalare una nuova malattia, vale a dire, la poliomielite paralitica con un paralisi più duratura....
Possiamo solo immaginare quanto peggiorò il numero ufficiale dei casi di polio durante la seconda metà degli anni 1950 in quanto ha avuto lo stesso standard di diagnosi che ha continuato ad essere seguita, piuttosto che arbitrariamente cambiato la sua definizione a metà del "guado".
Da qualsiasi parte guardiamo, le prime campagne vaccinali Salk-polio non hanno potuto essere definite, un "successo" incondizionato.
Tuttavia, dal momento che la storia è stata manipolata così più volte, la nostra comprensione della vera storia del vaccino per la poliomielite e' stata definita come un "miracolo" e che si tratta di uno dei i più grandi conquiste scientifiche di tutti i tempi.
E, come abbiamo visto, con il vaccino orale per la polio Sabin, continua a causare casi di polio in tutto il mondo, ci sono grandi domande su quanto alto sia il prezzo  che è stato e continuerà ad essere, per l'utilizzo di tale vaccino.
Se insegnate informazioni sbagliate per più di mezzo secolo alla popolazione, e' perché una particolare versione di una storia può diventare così radicata nella memoria collettiva del pubblico che pochi possono accettare che ciò che abbiamo imparato per induzione a credere di essere un indiscusso verità scientifica è, in realtà, solo un mito, perche' questa e' la scientificità delle istituzioni....a tutela della salute, si, ma di quella dei fatturati di Big Pharma....

L'Internazionale: la polio tra noi anche se il virus, ci dicono, scompare...
La rivista Internazionale, nel numero del 21 aprile 2000, pubblica un lungo articolo dedicato alla vaccinazione antipolio magnificandone i benefici e ammonendo a non allentare la morsa nei confronti della malattia, che dicono essere sempre in agguato dovunque e comunque, anche quando il virus sara' scomparso ! ?
Nel testo dell'articolo troviamo però un sacco di contraddizioni e di affermazioni che destano sconcerto.
Vi proponiamo alcuni stralci dell'articolo. "La lunga battaglia contro la polio"
La poliomielite ci dicono e' quasi scomparsa dalla faccia della terra. Ma e' davvero possibile sconfiggerla del tutto ?
By Wendy Orent, tratto da The Sciences, Usa

"I funzionari dell'OMS sperano ancora in un futuro senza polio. Quando quel momento arrivera', i campioni di virus conservati nei laboratori di tutto il mondo a scopo di ricerca verranno rintracciati, congelati e immagazzinati in luoghi sicuri con un'operazione nota come contenimento. Le scorte rimaste potrebbero essere distrutte anche se non e' ancora stato fatto alcun piano.
Allora forse le vaccinazioni potranno essere interrotte (NdR: forse ? ! ).

Se il programma di eradicazione avra' successo sara' un trionfo per la sanita' pubblica. E soprattutto verra' risparmiato il miliardo e mezzo di dollari che ogni anno viene speso per le vaccinazioni (evidentemente si tratta di un bel volume d'affari !
Ma non sara' così facile liberarsi dalla polio come si pensava un tempo (NdR: ma va ! ).
L'analogia con la falsa l'eradicazione del vaiolo, che e' sempre stata presentata come un modello per la campagna antipolio, in realta' e' ingannevole.
Anche se una campagna mondiale di immunizzazione avrebbe permesso (NdR: cosi dicono ma NON e' cosi !) di eliminare il vaiolo gia' nel 1980, e quindi le vaccinazioni sono state interrotte, il virus non e' mai stato veramente contenuto e deve ancora essere distrutto (NdR: buono a sapersi ! Ciò significa che in un qualunque laboratorio di questo mondo possono essere rimasti campioni di virus e chiunque può farne ciò che vuole ! ).

Il progetto originario prevedeva di congelare tutte le scorte ancora esistenti nei laboratori distruggerle nel 1993.
Ma nel 1991 i servizi segreti statunitensi scoprirono che da decine di anni nell'ex Unione Sovietica era in corso un programma segreto per la coltura di tonnellate di virus del vaiolo e la realizzazione di sofisticati metodi per diffonderlo nell'atmosfera, facendo del virus un'arma biologica potenzialmente devastante. (NdR: ma non e' possibile perche esso precipita al suolo e non rimane in sospensione nelle flugge dell'aria)
Inoltre si pensa che il virus del vaiolo sia caduto nelle mani di terroristi o di Stati poco affidabili come la Corea del Nord (Cos'e' questo) ?
 Una scusa per giustificare la non volonta' di disfarsi di un virus pericoloso ? Una realta' sconcertante che nessuno aveva mai prima d'ora immaginato ? Un piano studiato a tavolino per far rientrare dalla finestra quanto uscito dalla porta ? 
Una cosa e' certa comunque: le istituzioni che si dicono paternalisticamente i fautori della salvaguardia della salute collettiva, sono assolutamente inaffidabili. - NdR).

Quando e' risultato chiaro che il vaiolo non era stato eliminato, distruggere le scorte rimaste nei laboratori non aveva piu' senso.
Anche se la poliomielite e' una malattia antica (NdR: una tavoletta di pietra dell'antico Egitto mostra un prete con una gamba rattrappita, il tipico effetto della paralisi poliomielitica), non e' mai stata un grande pericolo per l'umanita' fino al Ventesimo secolo (? NdR: Ma come ? E allora fino ad oggi cosa ci hanno raccontato ? ). 
In passato la polio, che di solito si diffonde con l'acqua contaminata, e non per mezzo dell'aria come raccontano per spaventare la gente ignorante, colpiva quasi tutti i bambini neonati. 
I piccoli acquisivano l'immunita' permanente grazie a quel primo contatto e solo i pochi che riuscivano a evitare l'infezione durante l'infanzia correvano qualche rischio. Con i miglioramenti introdotti nei sistemi di approvvigionamento idrico all'inizio del Ventesimo secolo, i bambini non erano piu' automaticamente esposti al contagio e perciò non sviluppavano piu' l'immunita' naturale.
Le rare volte che la materia fecale riusciva a penetrare in un sistema idrico moderno il virus colpiva duramente (NdR: Ma bene…! Sono riusciti ad affermare che la potabilizzazione dell'acqua ha fatto piu' danno che beneficio per la polio ! Quindi se la polio e' diventata malattia tanto temuta e' soprattutto colpa di chi ha pensato che potabilizzare l'acqua potesse essere una buona idea ! Meglio il Medioevo, dunque ! ).

I vaccini agiscono stimolando la risposta immune nella persona a cui vengono somministrati senza provocare la malattia (NdR: Questo non e' vero; ad esempio i vaccini a virus attenuati, possono provocare la malattia le ricerche pubblicate lo dimostrano). 
Il vaccino Salk era stato realizzato con poliovirus inattivati con formalina (NdR: sostanza cancerogena), che veniva iniettato in un braccio.

Purtroppo fu messo in produzione in modo affrettato: quello stesso anno i laboratori di Cutter di Berkeley, in California, prepararono alcuni lotti di vaccino, ma non li trattarono abbastanza accuratamente con la formalina (NdR: sostanza cancerogena), la soluzione di formaldeide usata per inattivare i virus. Piu' di duecento bambini a cui venne iniettato il virus contrassero la polio in seguito all'iniezione.
(NdR: Secondo altre fonti le vittime sarebbero alcune centinaia di migliaia).
Il vaccino orale non solo protegge dalla polio ma impedisce anche che le persone vaccinate diventino portatrici sane della malattia (NdR: Qui il giornalista o e' di una ignoranza spaventosa o gioca a raccontare cose non vere; e' risaputo infatti che il vaccino orale Sabin può indurre nella persona che lo riceve la poliomielite paralitica e, una volta eliminato attraverso le feci, può contagiare un'altra persona causandogli la malattia). Inoltre una persona a cui e' stato somministrato il vaccino orale e' utile all'intera comunita'.
Chi viene contagiato dal poliovirus lo elimina nel giro di sei-otto settimane con le feci (NdR: cosi ci raccontano le autorita' in-sanitarie...). Allo stesso modo le persone cui e' stato somministrato il vaccino orale eliminano la forma indebolita del virus piu' o meno nello stesso periodo di tempo. 
Se una persona cui e' stato somministrato il vaccino Sabin contagia qualcun altro in quel periodo, in realta' non fa altro che trasmettergli il vaccino e quindi consente alle persone non vaccinate di sviluppare l'immunita' (NdR: Peccato che invece raccomandino ai non vaccinati di non toccare per un mese le feci dei vaccinati perché esiste il rischio di trasmettere la malattia ! ).

Anche il vaccino antipolio orale però ha qualche problema. Il poliovirus allo stato naturale muta con estrema rapidita'.
Il problema del vaccino orale e' che anch'esso muta in modo pericoloso. Un unico cambiamento di nucleotide può far sì che il virus indebolito del vaccino orale diventi neurovirulento e in grado di provocare la paralisi.
Le mutazioni si verificano di frequente, almeno nella meta' dei casi (NdR: Ammissione sconcertante ! ) nella prima settimana dopo la vaccinazione. Il virus mutato del vaccino orale a volte può menomare ed uccidere.
Negli Stati Uniti alcuni bambini cui e' stato somministrato il vaccino orale, e alcune delle persone che li curavano, sono morte o sono rimaste paralizzati.
Volete che il mondo spenda un miliardo e mezzo di dollari per vaccinare la gente contro qualcosa che non esiste ? 
Chiede Stephen L. Cochi del National Immunization Programm del CDC di Atlanta. 'Presto avremo un mondo in cui la polio sara' solo una tra le migliaia di malattie possibili. Non ci si può vaccinare contro la paranoia.

(NdR: Meno male che qualcuno lo ha detto ! - ).
Anche se l'OMS ha in programma di sigillare tutti i materiali di ricerca che contengono il poliovirus in serbatoi di massima sicurezza, alcuni virologi sostengono che qualche campione potrebbe sfuggire al controllo.
Tanto per cominciare i campioni congelati di feci e liquido cerebrospinale potrebbero contenere il poliovirus senza che nessuno lo sappia.
Una volta interrotte le vaccinazioni questi campioni potrebbero provocare un'epidemia di polio (NdR: Come dire…Ci sara' sempre un'ipotesi possibile, per assurda e remota che sia, che giustifichera' la vaccinazione all'infinito !).
Poco piu' avanti l'articolo parla della possibilita' per un essere umano di espellere il virus della polio con le feci per anni (??) e afferma: Il poliovirus, diversamente da quello del vaiolo, può sopravvivere per mesi nel sistema fognario. Quest'affermazione contraddice completamente quanto si legge, nello stesso articolo, in un riquadro a pag. 24 della rivista: Gli animali non sono portatori e il virus non sopravvive a lungo nelle acque di scolo.
L'autore dell'articolo, evidentemente, ha un poco di confusione in testa !!
L'articolo poi lancia un altro allarme per scoraggiare la fine della vaccinazione: Se non ci sono anticorpi del poliovirus in circolazione, altri enterovirus potrebbero sviluppare la capacita' di attaccarsi al recettore del poliovirus.
Cioe' ci sarebbe la polio senza virus della polio ! Siamo alla fantascienza !
"Altrettanto difficile sarebbe la fabbricazione del vaccino una volta che la polio fosse stata sradicata (a che servirebbe un vaccino quando la malattia non esiste piu' ? - NdR).
C'e' infine un altro problema (…): il poliovirus potrebbe essere utilizzato come arma biologica. (…)
Tra cinque o dieci anni, se le vaccinazioni saranno state interrotte, vivremo in un mondo diverso, molto piu' esposto al contagio di un'arma biologica (NdR: Bene ! Continuiamo a vaccinarci per paura che gli Stati che vogliono proteggerci utilizzino contro di noi un'arma biologica prodotta col poliovirus !).
"Il vaccino orale presenta dei problemi perché le persone a cui viene somministrato immettono il virus neurovirulento nell'ambiente. Nel mondo di oggi, in cui quasi tutti sono vaccinati, l'impatto e' minimo.
Ma una volta interrotte le vaccinazioni, il ritorno alla neurovirulenza potrebbe dimostrarsi molto piu' pericoloso (NdRIn un passo precedente l'autore scriveva che i vaccinati non rappresentano pericolo alcuno per gli altri e qui si smentisce; poi afferma tacitamente che proprio perché ormai abbiamo cominciato con la vaccinazione, che infetta l'ambiente, ora non possiamo piu' smettere per paura di ribeccarci quel virus ! - ).
Esilarante e' la conclusione:
"Anche se riusciremo ad eradicare la polio, non dobbiamo pensare che potremo dimenticarcene". 
Cari lettori, a voi ogni commento (tratto in parte da "L'Internazionale" del 21/04/2000)
vedi:  Meccanismi dei danni dei vaccini

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Polio da vaccino: l'appello dei genitori dimenticati
Dopo aver riportato su questo sito le ultime novita' relative al caso dei bambini che tra il 96 e il 98 hanno riportato gravi danni causati dal vaccino antipolio, riportiamo ora questa accorata testimonianza delle vicissitudini che queste famiglie hanno dovuto affrontare. 
Si tratta del testo dell'appello che il gruppo delle famiglie coinvolte da questa tragedia ha inviato lo scorso anno al presidente della Repubblica Ciampi, al ministro Bindi e al presidente del Consiglio. La Bindi e Ciampi non hanno mai risposto; la presidenza del consiglio ha inviato alle famiglie una nota con cui dichiarava che avrebbe "liquidato" il tutto al ministero della sanita'

Sabbioneta, 03.11.99
Al Presidente della Repubblica
Carlo Azeglio Ciampi
e p.c.
al Presidente del Consiglio
e
al Ministro della Sanita'

Signor Presidente Carlo Azeglio Ciampi,
noi siamo i genitori dei "BAMBINI DIMENTICATI", ovvero quei bimbi che, dopo essere stati ammalati a 3 mesi dalla 1° vaccinazione antipolio, sono stati abbandonati a se stessi. Siamo quelli che possono dichiararsi "FORTUNATI" perché, dopo notevoli sforzi, sono riusciti a farsi riconoscere il danno da vaccino, mentre a tantissimi altri -per incompetenza, disattenzione delle strutture pubbliche o superficialita'- e' stata negata anche questa opportunita'.

I nostri figli, sani alla nascita, sono diventati i numeri di un balletto di cifre: prima 1 ogni 2.000.000, dopo 1 ogni 500.000. 
Statistiche inattendibili proprio perché nessuno si e' mai preoccupato di controllarne la veridicita' tramite le ASL o le strutture ospedaliere.

Ad alcuni dei nostri figli fu diagnosticata una paralisi post-influenzale e solo dopo varie lotte si giunse alla verita'.
Siamo i genitori "SCOMODI", quelli che sono stati dichiarati "TERRORISTI" perché, denunciando questi gravi fatti, infrangevano la sicurezza degli italiani sull'innocuita' dei vaccini.

Siamo gli stessi che si chiedono come mai il vaccino Sabin non sia stato sostituito dal vaccino Salk molto tempo fa.  L'ultimo caso di polio da virus selvaggio non importato e' stato registrato in Italia nel lontano 1982 !
Da allora sono passati 17 anni. Dal 1996 al 1999, ci sono stati 8 casi di polio accertati - i nostri- e tantissimi altri prima.
Detto questo, vogliamo precisare che non siamo contrari ai vaccini anzi, riconosciamo che a suo tempo e anche adesso, alcuni abbiano giocato un ruolo fondamentale per la tutela e la salute di milioni di bambini.
Quello che non comprendiamo, e che ci amareggia moltissimo, e' l'esser stati lasciati COMPLETAMENTE SOLI.
Non ci e' stata fornita nessuna indicazione sul dove andare e sul cosa fare per curare i nostri figli.

Nessun aiuto, né morale, né materiale !
Le spese per cure e visite sono tutte a nostro carico, ed alcuni di noi hanno dovuto rinunciare al lavoro per accudire i propri figli.
La scorsa primavera abbiamo scritto all'On. Rosy Bindi per ottenere giustizia. Giornali e televisione ci hanno appoggiato e questo ci ha portato ad ottenere, in brevissimo tempo, il cambio del vaccino, evitando così che tanti altri bimbi dovessero affrontare lo stesso calvario dei nostri figli. E ne siamo stati felicissimi.
Il Ministro Bindi accettò di riceverci a Roma il 28 aprile scorso per discutere dei vari problemi legati alla malattia dei nostri figli.
Purtroppo dovette partire per l'Albania e noi fummo ricevuti da alcuni responsabili del Ministero. Ci furono promessi aiuto e attenzione: purtroppo le parole sono rimaste tali.
Signor Presidente, noi ci rivolgiamo a Lei per ottenere giustizia e Le chiediamo di aiutarci in questa importantissima battaglia. 
Non chiediamo elemosine, ma solo ciò che ci spetta di diritto. La legge 210/92 prevede un indennizzo mensile per 15 anni (vuol dire che passato questo lasso di tempo i nostri figli saranno guariti?), vincolato -dal giudice tutelare- in Titoli di Stato fino alla maggiore eta'. Bene, se si vuole indennizzarli per essere stati "INCIDENTI" di percorso, o meglio, per aver permesso a milioni di bambini di non ammalarsi, non sarebbe giusto togliere il ridicolo vincolo dei 15 anni e portarlo a tutta la vita? E ancora, non sarebbe giusto che venisse previsto un risarcimento anche per le famiglie? Non parliamo di danni morali, perché per quelli non c'e' prezzo, ma di danni materiali. Noi vogliamo poter curare i nostri figli nel modo migliore e dove lo riteniamo opportuno, anche all'estero se necessario.

La nostra vita e' stata sconvolta e cambiata per sempre a causa di quell'OBBLIGO, l'angoscia che ci attanaglia il cuore quando vediamo i nostri figli arrabbiarsi perché non riescono a fare ciò che fanno i loro coetanei e' grande e crescera' sempre di piu'. 
Vorremo almeno non avere problemi finanziari da risolvere ogni fine mese !

Ci aiuti ad avere di nuovo fiducia nelle istituzioni.
Non ci lasci soli.
Ringraziandola fin d'ora Le porgiamo deferenti ossequi.
Il gruppo dei genitori dei bambini colpiti da polio da vaccino.

FAM. LODI RIZZINI
FAM. MINIUCCHI
FAM. JATOSTI
FAM. TADDEO
FAM. ROBERTI
FAM. DEL FRATE
FAM. GRILLO
FAM. ACCONCIA
FAM. FECAROTTA
FAM. IACOMUSSI
By  "VacciNetwork del 15/06/2000 (sito chiuso non si sa perche' ?)

Rieti, la battaglia del piccolo Mattia

"Rimborsi a gli 800 bambini vittime del vaccino antipolio"
Commento: scusate, ma i vaccini non erano SICURI ????  Articoli di: MASSIMO CAVOLI
RIETI - Hanno lottato per piu' di un anno prima di vedersi finalmente riconosciuto il diritto a essere risarciti per i danni provocati dal vaccino antipolio ai loro figli. Sono i genitori del Comitato nazionale dei "Bambini dimenticati", guidato da alcune mamme coraggio che sono riuscite a ottenere la costituzione presso il ministero della Sanita' di una Commissione di lavoro che preparera' i provvedimenti necessari per riconoscere ai danneggiati dal vaccino diritti e idennizzi adeguati alla loro condizione. 
Un organismo del quale faranno parte tre parlamentari (Raffaldini, Suzzara, Giacco) e altrettanti rappresentanti dei genitori del Comitato nato dopo il caso di Mattia Miniucchi, il piccolo di Roccasinibalda (Rieti) rimasto paralizzato a una gamba proprio a causa del vaccino, e la cui vicenda servì ad accelerare i tempi per l'approvazione in Parlamento della nuova legge che prevede una diversa e piu' sicura somministrazione del prodotto ai bambini. Non e' stato facile arrivare a questo risultato, ci sono volute diverse iniziative parlamentari e persino un appello al presidente della Repubblica, Ciampi, ma alla fine le richieste del Comitato sono state accolte. In tutta Italia, secondo i dati forniti dal ministero in risposta a un'interrogazione presentata alla Camera, sono piu' di 450 i soggetti colpiti da polio da vaccino negli ultimi anni ma secondo i legali dei genitori ce ne sarebbero altri 370 non ancora ufficiali. 
Commenta Cinzia Bucciolotti, mamma di Mattia e tra le animatrici del Comitato: "Dopo anni di indifferenza delle istituzioni e lentezze burocratiche, il rimborso consentira' a tutte le famiglie colpite di provvedere alle necessita' dei propri figli e di curarli nel modo migliore. Non chiediamo elemosine, ma solo ciò che ci spetta".


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Dal Veneto - "Storia di Gianmaria"
Ancora una storia vissuta "difficile da accettare"
Commento: pubblichiamo questa lettera, con l'autorizzazione degli autori, perché crediamo che un forte insegnamento per tutti i genitori e gli addetti ai lavori in questo campo, possa arrivare non tanto dagli interessanti e a volte inediti articoli di cronaca che prendiamo dai giornali o da altri organi di informazione, quanto piuttosto dalla vita realmente VISSUTA tutti i santi giorni, a lottare per una sopravvivenza dignitosa e a chiedere giustizia.
Purtroppo di storie come questa ce ne sono tante, troppe, come troppe sono le colpe, le falsita' e le reticenze ai vari livelli (sanitario, giuridico, legislativo) che hanno penalizzato oltremisura la vita di questi genitori come di molti altri: oltre al danno la beffa!

Vicenza il 02.08.00
Vi invio copia della lettera che ho fatto pervenire, lo scorso anno, al Gruppo parlamentare VERDI, i quali, credo, abbiano prodotto una interpellanza Parlamentare. Vogliate perdonarmi se mi sono limitato ad apportare gli opportuni adattamenti, ma ne ho scritte a decine, in questi anni, ed ogni volta, puntualmente si riapre la vecchia ferita.
Gianmaria e' nato il 19.10.76, presso l'Ospedale civile di Vicenza, in seguito a gravidanza normale, e parto normale.
E' stato dimesso dopo una settimana, dopo essere stato sottoposto alle visite ed ai test, di rito, tutti assolutamente nella norma come si può rilevare dalla cartella clinica.
Il 17 di gennaio del 1977, e' sottoposto a vaccino antipolio. Dopo una decina di giorni, e' colto da febbre, in apparenza un normale stato febbrile come capita sovente ai bambini. Compare successivamente, dopo un paio di giorni di malessere, la prima crisi epilettica. Il Prof. Ronconi diagnostica una sindrome di West. Da allora si sono susseguiti, per numerosi anni, pellegrinaggi da una clinica all'altra, nel tentativo di liberare Gianmaria dalla morsa delle numerosissime crisi, giornaliere ma soprattutto notturne. 
Piano, piano, iniziamo a rassegnarci; nel frattempo nasce Marcello, nonostante qualche specialista ci avesse a piu' riprese scoraggiato. Marcello, gode oggi, di ottima salute.
Quattro anni fa, il neurologo che da anni segue Gianmaria, ci rilascia in una circostanza casuale, un certificato nel quale dichiara, che verosimilmente il danno subito e' riconducibile al vaccino.
Frettolosamente, metto insieme le carte che riesco a trovare, chiedo le cartelle depositate presso l'ospedale di Vicenza, e prendo disordinatamente i primi contatti. Un Signore di Verona, segnato profondamente, dal caso dei suoi due figli, mi esorta a contattare il Prof. Tarro, a Napoli.
Quest'ultimo, vista la documentazione, conferma l'ipotesi del neurologo. Nel frattempo prendo conoscenza dell'esistenza della legge 210 del 92, i cui termini erano gia' scaduti. Invio in ogni modo la documentazione ed attendo la convocazione. Qualche giorno prima del Natale del 97, dopo un anno e mezzo di attesa, Gianmaria viene sottoposto a visita presso l'ospedale militare di Verona , da due medici , militari, ed un terzo, civile, quasi a rassicurarci sulla bonta' della diagnosi che di li a qualche settimana, un mese, poco piu', il Ministero della Sanita' ci avrebbe comunicato. Due anni dopo il Ministero delle Sanita' ci comunica l'esito, fin troppo prevedibile. Abbiamo, ad ogni modo, avviata la pratica di ricorso, allegando l'esito di prove di laboratorio effettuate in breve tempo, che assumono particolare rilevanza a sostegno della nostra tesi, ma francamente non nutriamo alcuna aspettativa.
Un anno fa un funzionario della locale ASL ci aveva consigliato di rivolgerci ad un legale, ma l'ipotesi di ingaggiare un battaglia con Golia ci scoraggiava, cosicché, abbiamo smesso di roderci. Ho vinto il desiderio di imbracciare il megafono anche quando lo scorso anno, ci recammo presso il Tribunale dei Minori di Venezia, dove fummo convocati per fornire spiegazioni al nostro diniego di sottoporre Marcello al vaccino per l'epatiteB. In quella circostanza mi feci due ripide rampe di scale con Gianmaria in carrozzella, mettendo in serio pericolo la sua e la mia incolumita', nella speranza di riuscire a fare almeno arrossire il Giudice. 
Oggi, di fatto, ci troviamo con l'esercizio della Patria potesta', limitato, e stiamo aspettando che l'ASL ed il Tribunale dei Minori smettano di scaricarsi la patata bollente.
Allo stato attuale delle cose, aldila' dell'esito della querelle, (non ci attendiamo alcunché di buono), ci preoccupa un tantino il ns. futuro: Io ho esercitato dal 1990, ma sempre piu' sporadicamente, l'attivita' di agente di commercio, fra mille difficolta', dopo un periodo di 15 anni come dipendente.
Mia moglie, lavora da una decina d'anni, come dipendente; ma era tempo che uno dei due rimanesse definitivamente a casa, poiché la nonna paterna, che abita sottocasa, per ovvi motivi, trovava sempre piu' difficile lavare, vestire, sfamare, … un ragazzo che cresce.
So, di certo, che non percepirò mai alcuna pensione, ma ciò nonostante l'INPS, mi chiede dei contributi, che difficilmente posso e potrò pagare, per cui, alla luce dei miei redditi, assolutamente marginali, mi sono ritirato, a fare il papa', e speriamo che mio figlio campi a lungo! (lui percepisce l'indennita' di accompagnamento e la pensione di invalidita')
Con i miei migliori auspici – By Omero

Bibliografia su Danni alla mielina dai Vaccini:
Vaccini e demielinizzazione
- Nadler JP, Sclerosi multipla e vaccinazione antiepatite B, Clin Infect Dis, 1993; 17: 928-29

- Paradiso G. et al., Neuropatia multifocale demielinizzante a seguito di vaccino anti-tetano, Medicina (B Aires), 1990, 50(1):52-54

- Hamza H., Cao J., Li X., Zhao S., Studio in vivo degli effetti del vaccino anti-epatite B sull’espressione dei geni, dell’infiammazione e del metabolismo, Mol Biol Rep. 2012 Mar; 39 (3) :3225-33. Epub 2011 Jun 21

- Kaplanski G, Retornaz F, Soubeyrand J, Demielinizzazione del sistema nervoso centrale a seguito di vaccinazione anti-epatite B e haplotypo HLA, J Neurol Neurosurg Psychiatry, giugno 1995; 58(6):758-759

- Matyszak MK, Perry VH, Demielinizzazione del sistema nervoso centrale a seguito risposta di ipersensibilità ritardata nel tempo al bacillo Calmette-Guerin, Neuroscience, feb. 1995; 64(4):967-977


vedi anche: Autismo 1 + Autismo - 2 + Bibliografia per autismo dai Vaccini + Altra Bibliografia
Fallimento della vaccinazione per la Polio e FALSA eradicazione


Poliomielite creata-generata dal DDT, tolto il quale la polio scomparve
....e NON fu merito dei vaccini per la Polio !
 


Continua da e in: Polio Vaccini - 1 
+ Poliomielite - 1 + Poliomielite - 2