Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


INFLUENZA SUINA - 4 (Influenza A, H1N1)
Ecco il recente studio che ha coinvolto più di 17.000 bambini fino a 19 anni
Questo studio-indagine attualmente in corso è stato avviato dall’omeopata Andreas Bachmair.

 

Lettera da INVIARE al MINISTRO e Vice Ministro della Sanita' Italiano
Continua in: Influenza Suina - 2 (A)  +  Influenza Suina - 3 (A) +  Influenza Suina - 1 (A)

Egregio Signor Ministro,
Egregio Signor Vice Ministro,
Vi scrivo in merito alla supposta “pandemia” A/H1N1, meglio nota come “febbre suina”.
Secondo quanto avete dichiarato ai media, sono previste per l’Italia due tranches di vaccinazioni, la prima in autunno 2009 ed una successiva all’inizio del 2010.
Come cittadino italiano e contribuente, mi permetto dunque di sottoporVi alcuni seri  e gravi dubbi riguardo all’opportunità della campagna di vaccinazione: 

1. Secondo quanto apprendo dalle Vostre dichiarazioni ai media, i sintomi dell’influenza A/H1N1 non sarebbero altro che quelli della normale influenza stagionale, in forma più lieve per giunta. E mentre l’influenza stagionale provoca fino a 5000 decessi ogni anno solo in Italia, in questi mesi la A/H1N1 ha provocato poco più e solo 700 decessi in tutto il mondo. 
Dove sarebbe la "pandemia"...?

2. E’ perfino superfulo rammentarVi, Signor Ministro e Signor Vice Ministro, quanto possa essere nocivo il vaccino al sistema immunitario, specialmente nei bambini e negli anziani, e di conseguenza quanto sia inopportuno scegliere la strada del vaccino per malattie di poco conto e scarsamente nocive come questa influenza suina. 

vedi per i particolari:
Per brevita’ vi abbiamo inserito i i Links ove trovate la raccolta di testi utili e complementari:
http://www.mednat.org/vaccini/interrogazione_parl.htm  
http://www.mednat.org/vaccini/immunogenetica.htm  
http://www.mednat.org/vaccini/uranio_comm_parlam.htm
http://www.mednat.org/vaccini/uranio_comm_parlam2.htm
http://www.mednat.org/vaccini/interrog_parlam.htm  
http://www.mednat.org/vaccini/epatite_engerix_b.htm    
(bustarella  di 300.000 euri, data a De Lorenzo x far varare l’obbligo vaccino x EpatiteB)
http://www.mednat.org/vaccini/guerra_golfo_vaccini.htm  
http://www.mednat.org/vaccini/guerra_golfo_vaccini2.htm  
http://www.mednat.org/vaccini/guerra_balcani_vaccini.htm  
http://www.mednat.org/vaccini/guerra_balcani.htm
http://www.mednat.org/vaccini/alluminio.htm
http://www.mednat.org/vaccini/neurotossicita_mercurio.htm
http://www.mednat.org/vaccini/immunodepressione_vaccino.htm http://www.mednat.org/vaccini/immunodepressione_vaccino2.htm
http://www.mednat.org/vaccini/immunogenetica.htm
http://www.mednat.org/vaccini/mutazioni_genetiche.htm
http://www.mednat.org/vaccini/mutaz_dai_vaccini.htm

continua anche qui:  
http://www.mednat.org/vaccini/vaccini_base.htm
http://www.mednat.org/vaccini/vaccini2_base.htm
http://www.mednat.org/vaccini/vaccini3_base.htm
http://www.mednat.org/vaccini/vaccini_base4.htm  

3. Gravissime accuse contro L’OMS, le case farmaceutiche Baxter, Sanofi-Aventis e Novartis e una serie di personaggi di rilievo della finanza e della politica internazionale sono state mosse dalla nota giornalista Jane Burgermeister.
Secondo la denuncia della signora Burgermeister, sia il vaccino
che la stessa epidemia A/H1N1 sarebbero armi biologiche deliberatamente utilizzate per la riduzione della popolazione mondiale. L’ingiunzione dell’affermata giornalista contiene una dettagliata documentazione, atta a dimostrare la reale entità dell’epidemia di influenza suina e del relativo vaccino, nonché le gravissime responsabilità degli enti e delle persone chiamate in causa. Riporto qui il link al documento, nell’auspicio che possa essere preso in esame e valutato dal Ministero della Salute http://wakenews.net/Microsoft_Word__Criminal_Charges__Swine_flu_edits_v2_1_.pdf

4. Sulla base dell’ingiunzione presentata dalla Burgermeister, sono attualmente in preparazione un’ulteriore ingiunzione ed una mozione ad opera di un team di esperti legali americani. Per quanto le gravissime accuse mosse contro l’OMS e Big Pharma siano ancora da dimostrare in tribunale, sarebbe quantomeno opportuno che il Ministero della Salute tenesse conto di queste, prima di “buttarsi a pesce” nell’avventura di una vaccinazione di massa.

5. Lo stesso OMS non ha escluso rischi, affermando che "nella produzione di alcuni vaccini per la pandemia sono coinvolte nuove tecnologie che non sono state ancora valutate estensivamente per la loro sicurezza in certi gruppi della popolazione".

6. Una serie di eventi e circostanze getta pesanti ombre su questa vaccinazione, nonché sul ruolo di Big Pharma nella politica sanitaria dell’OMS.
Riporto al termine di questo messaggio una serie di link ad articoli
sull’ argomento, sicuramente di Vostro interesse.

7. Il Vice Ministro Fazio ha dichiarato che il costo per l’acquisto dei vaccini ammonterebbe a “poche” centinaia di milioni di euro. Una cifra, secondo il Vice Ministro, che non creerebbe problemi, neanche in “periodi di magra” come questi. Con tutto il rispetto, considero questa dichiarazione un vero e proprio insulto ai cittadini che faticano ad arrivare a fine mese!

8. Articolo 32 della Costituzione della Repubblica Italiana: “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana”.
Quindi cio' significa che: "Nessuno può essere obbligato ad un determinato trattamento sanitario se non per disposizioni di legge"; La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana”.
Le ricordo sig. Ministro e vice Ministro che: " i limiti imposti dal rispetto della persona umana" li definisce l'essere stesso e NON lo stato o terzi...!

Inoltre, il consenso informato dinanzi alla proposta di trattamento sanitario costituisce un fattore ineludibile.
Art. 13: La LIBERTA’ PERSONALE è INVIOLABILE... NON è ammessa forma alcuna di... qualsiasi altra restrizione della LIBERTA’ PERSONALE... 

Per questa serie di ragioni, mi appello al Vostro buon senso, nonché alla Vostra professionalità, nel chiederVi di riconsiderare la Vostra posizione sulla campagna di vaccinazione per l’A/H1N1 indicata dall’OMS, sulla base di quanto riportato sopra. Al di là delle direttive dell'OMS, la responsabilità politica in materia di sanità in Italia spetta al Ministero e per questo mi rivolgo a Voi.
Vi anticipo che, nell’eventualità di una vaccinazione di massa, non mi sottoporrò ad essa, ne' io ne' la mia famiglia !.
Se anche tale vaccinazione fosse fortemente vincolante o addirittura (Dio non voglia) coatta, la rifiuterei comunque, sulla base dei punti elencati sopra, nonche' delle ingiunzioni presentate.
Sono in procinto di contattare la signora Burgermeister ed alcune delle più note associazioni italiane in difesa della libertà di scelta in materia di vaccinazioni, sperando di ricevere aiuto e consiglio.
Includo in copia conoscenza CC alcuni dei migliori siti internet italiani di informazione, al fine di lasciare una traccia di quanto Vi ho scritto. Se i gestori di tali siti internet e blog vorranno pubblicare questo mio appello a Voi, hanno il mio pieno consenso a farlo.
Auspico anzi che da tale lettera possa eventualmente nascere una petizione da sottoporre alla cortese attenzione del Ministero della Salute, al fine di sensibilizzarlo ulteriormente al problema, poiché al di là della preoccupazione di alcuni cittadini per questa influenza suina, preoccupazione esclusivamente generata dal vergognoso ed ingiustificato allarmismo dei media tradizionali (un vero e proprio “terrorismo mediatico”), tanti Italiani sono contrari al vaccino, lo reputano inutile e nocivo e vi intravedono i forti interessi lobbistici di Big Pharma, se non addirittura il tentativo di introdurre politiche di
“militarizzazione” della sanità e di recare danno alla salute della popolazione. 

Nella speranza che gli argomenti esposti possano essere da Voi presi in considerazione, argomenti NON nuovi, ma da voi sempre, mai presi in considerazione....
Vi porgo Distinti Saluti

P.S.
Come indicato al punto 6 della lettera, includo i link ad alcuni articoli italiani e stranieri sull’argomento:
http://www.mednat.org/vaccini/influenza_suina.htm
http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php h
ttp://www.disinformazione.it/baxter_influenza_aviaria.htm
http://www.birdflu666.wordpress.com/
http://www.naturalnews.com/025760.html

Segue firma:
Il sottoscritto, G. Paolo Vanoli - Giornalista (Albo speciale) - Consulente in Scienza della Nutrizione e Medicine Naturali
info@mednat.org - webmaster di: www.mednat.org  ha GIA' INVIATO questa e.mail ai due destinatari - Fatelo anche VOI !

Continua in:Influenza Suina - 1 (A) + Influenza Suina - 2 (A) +  Influenza Suina - 3 (A)  + Germi e virus NON sono le cause delle malattie  

Corruzione del Governo svedese tramite un dirigente della farmaceutica per autorizzare un vaccino  della suina-maiala-H1N1-A !
Video: https://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=61BkDx5Gh9w#t=0 

vedi anche: Vitamina D previene influenza + Catarro, tosse, raffreddore + Vaccino per l'influenza pericoloso + Influenza come curarla + Vaccini inefficaci, anzi tossici


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Influenza Suina, farmaci e Vaccini - Chi ci perde e chi ci guadagna ? - Tratto da lastampa.it - Ago. 2009
Sale la febbre per la ricerca del farmaco e il business si fa miliardario. Se da un lato il virus H1N1 terrorizza il mondo, qualcuno non perde occasione per incassare. Il giro d'affari dell'influenza vale 10 miliardi di dollari per aziende farmaceutiche come
Big Pharma, chiamate in fretta e furia a preparare l'antidoto. Anche se ogni singola dose di vaccino è destinata a costare una decina di euro, infatti, è il volume delle vendite a fare massa.
Stando ai calcoli di J. P. Morgan i governi dei vari paesi hanno già prenotato, presso le
3-4 aziende in grado di produrre il vaccino su larga scala, almeno 600 milioni di dosi, per un controvalore di 3 miliardi di euro, circa 4,3 miliardi di dollari. Nei giorni scorsi, si è aggiunta la Francia, con un ordine per 94 milioni di dosi e un assegno da 1 miliardo di euro. E la lista è destinata ad allungarsi.
FTAOnline
J. P. Morgan stima che, alla fine, ai 600 milioni di dosi già prenotate se ne sommeranno altri 350 milioni, per un'ulteriore fattura di oltre 2 miliardi e mezzo di dollari, più di 1,8 miliardi di euro. Di fatto, per
Big Pharma è un affare a colpo sicuro. Il miliardo di dosi prenotate, o in via di prenotazione, è largamente insufficiente a coprire una popolazione mondiale che sfiora i 7 miliardi di persone. Ma è anche, più o meno, il massimo che gli impianti attuali possano produrre, sotto forma di fiale da iniettare (in Europa) o di spray nasale (negli Usa). Non ci saranno rimanenze di magazzino.
I protagonisti
I giganti dell'industria farmaceutica protagonisti del business miliardario sono i soliti noti, da GlaxoSmithKline a Sanofi Aventis, passando per Novartis, Astra Zeneca.
Non solo vaccini però.
Oltre agli antinfluenzali infatti ci sono anche le medicine per chi, l'influenza, l'ha già presa. Anche qui, è
Big Pharma a dominare il mercato. Anzitutto con il Tamiflu della Roche. E poi con il Relenza, ancora di GlazoSmithKline. Secondo J. P. Morgan, Tamiflu e Relenza porteranno, rispettivamente a Roche e Glaxo, vendite per 1,8 miliardi di dollari nei paesi ricchi, più 1,2 miliardi di dollari nei paesi in via di sviluppo. Complessivamente, altri 3 miliardi di dollari, oltre 2 miliardi di euro. Fra vaccini e medicine, il rischio pandemia vale per Big Pharma, circa 10 miliardi di dollari.

Il business dei vaccini
Un business relativamente recente quello dei vaccini che in origine non sembrava convincere troppo le aziende farmaceutiche multinazionali, che ricavavano meno della vendita di un farmaco ordinario. Pioniera del settore fu la Wyeth con un vaccino contro lo pneumococco (84 dollari a dose), seguita dalla Merck con uno contro il papilloma (130 dollari a dose).
A questo punto
Big Pharma ha scoperto il settore dando inizio al grande Risiko farmaceutico: Novartis ha comprato Chiron, Sanofi ha preso Aventis Pasteur, Astra Zeneca Medimmune, Glaxo ID Biomedical, ancora Sanofi la Acambis, Pfizer ha assorbito Wyeth. Una concentrazione di mezzi e ricerca non indifferente.

Numeri e nomi di chi ci guadagna
L’articolo “Chi ci guadagna ? “ della lastampa.it risale al 29Lug. 2009 e l’incipit è ben chiaro: Influenza suina, un business contagioso !
Eh si, è proprio contagioso,
poichè i numeri di questa “finta” pandemia sono enormi. Nello specifico non stiamo parlando di “numero di contagiati” e di “morti”. Che, al contrario, sono più che rassicurando a livello epidemiologico. Il riferimento è al numero di milioni e milioni di euro o dollari che verranno praticamente bruciati nell’acquisto di farmaci e vaccini antinfluenzali.
Da un lato ci sono uomini terrorizzati dal virus che viene pompato come “pandemico”, dall’altro le aziende farmaceutiche che, con una certa connivenza politica e dei media, sti stanno già fregando le mani, in vista di utili miracolosi.
Il giro d’affari dell’influenza vale 10 miliardi di dollari per aziende farmaceutiche come
Big Pharma, chiamate in fretta e furia a preparare l’antidoto. Anche se ogni singola dose di vaccino è destinata a costare una decina di euro, infatti, è il volume delle vendite a fare massa.
Stando ai calcoli di J. P. Morgan i governi dei vari paesi hanno già prenotato, presso le 3-4 aziende in grado di produrre il vaccino su larga scala, almeno 600 milioni di dosi, per un controvalore di 3 miliardi di euro, circa 4,3 miliardi di dollari.
Nei giorni scorsi, si è aggiunta la Francia, con un ordine per 94 milioni di dosi e un assegno da 1 miliardo di euro. E la lista è destinata ad allungarsi. J. P. Morgan stima che, alla fine, ai 600 milioni di dosi già prenotate se ne sommeranno altri 350 milioni, per un’ulteriore fattura di oltre 2 miliardi e mezzo di dollari, più di 1,8 miliardi di euro.
Di fatto, per
Big Pharma è un affare a colpo sicuro. Il miliardo di dosi prenotate, o in via di prenotazione, è largamente insufficiente a coprire una popolazione mondiale che sfiora i 7 miliardi di persone. Ma è anche, più o meno, il massimo che gli impianti attuali possano produrre, sotto forma di fiale da iniettare (in Europa) o di spray nasale (negli Usa). Non ci saranno rimanenze di magazzino.
I giganti dell’industria farmaceutica protagonisti del business miliardario sono i soliti noti, da GlaxoSmithKline a Sanofi Aventis, passando per Novartis, Astra Zeneca. Non solo vaccini però.
Oltre agli antinfluenzali infatti ci sono anche le medicine per chi, l’influenza, l’ha già presa. Anche qui, è
Big Pharma a dominare il mercato. Anzitutto con il Tamiflu della Roche. E poi con il Relenza, ancora di GlazoSmithKline.
Secondo J. P. Morgan, Tamiflu e Relenza porteranno, rispettivamente a Roche e Glaxo, vendite per 1,8 miliardi di dollari nei paesi ricchi, più 1,2 miliardi di dollari nei paesi in via di sviluppo. Complessivamente, altri 3 miliardi di dollari, oltre 2 miliardi di euro.
Fra vaccini e medicine, il rischio pandemia vale, per
Big Pharma, circa 10 miliardi di dollari.
Quello dei vaccini è un business relativamente recente e che, in origine, non sembrava convincere troppo le aziende farmaceutiche multinazionali, che ricavavano meno della vendita di un farmaco ordinario. Pioniera del settore fu la Wyeth con un vaccino contro lo pneumococco (84 dollari a dose), seguita dalla Merck con uno contro il papilloma (130 dollari a dose).
A questo punto Big Pharma ha scoperto il settore dando inizio al grande Risiko farmaceutico: Novartis ha comprato Chiron, Sanofi ha preso Aventis Pasteur, Astra Zeneca Medimmune, Glaxo ID Biomedical, ancora Sanofi la Acambis, Pfizer ha assorbito Wyeth.
Una concentrazione di mezzi e ricerca non indifferente che, onestamente, tutto sembra tranne che fatta a vantaggio dell’umanità. Rimane ancora una ulteriore domanda, però, da porsi, chi c’è dietro a questi nomi ? Di chi sono queste aziende?  I giornali ancora non ce li dicono e, forse, non lo diranno mai.
Tratto da: wordpress.com

USA - Pagati $ 29 milioni, per far varare l'obbligo vaccinale per l'influenza suina..... - June 01, 2009
CDC Vaccine Advisor Pockets $29 Million Promoting Vaccines - By David Gutierrez, staff writer

NaturalNews - Dr. Paul Offit of the Children's Hospital of Philadelphia (CHOP) received at least $29 million from his share of royalties for Merck's Rotateq vaccine after using his position with the Centers for Disease Control and Prevention to ensure that childhood vaccination with the vaccine became compulsory.

According to a report on the Web site "Age of Autism," a review of CHOP's royalties schedules reveals that Offit likely received between $29 million and $55 million for his work developing the Rotateq vaccine for rotavirus, which causes diarrhea in infants. Because the vaccine is jointly owned by CHOP and by the Wistar Institute but Offit is the only inventor listed on the patent from CHOP, he received 100 percent of inventor's rights payments from CHOP.

"Clearly, based on the distribution of income rights outlined in [CHOP's policies], Paul Offit had a greater personal interest in Rotateq's commercial success than any other single individual in the world," article authors Dan Olmsted and Mark Blaxill write. "And more than other individual in the world, he found himself in a position to directly influence that success."

Between 1998 and 2003, Offit sat on the U.S. government's Advisory Committee on Immunization Practices (ACIP). His involvement with development of Rotateq began before and ended after these dates.

While a member of the ACIP, Offit consistently voted in favor of making vaccination against rotavirus part of the compulsory U.S. childhood immunization schedule. He also voted to rescind recommendation of Wyeth's competing vaccine RotaShield, while aggressively advocating for the idea that other rotavirus vaccines would be less dangerous.

"Unlike most other patented products, the market for mandated childhood vaccines is created not by consumer demand, but by the recommendation of an appointed body called the ACIP," Olmsted and Blaxill write. "In a single vote, ACIP can create a commercial market for a new vaccine that is worth hundreds of millions of dollars in a matter of months."

In the case of Rotateq, its addition to the vaccine schedule led to an increase in yearly revenue of $655 million over the course of two years.

Sources for this story include: ageofautism.com

Tratto da: naturalnews.com

BIG PHARMA esulta e ringrazia....Continua in: Influenza Suina - 1 (Influenza A) + Germi e virus NON sono le cause delle malattie

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Doctors Express Serious Reservations About Safety  
Hilo, HI-Discussing H1N1 vaccine safety, on behalf of Hawaii legislators considering the question, Dr. Michele Carbone, Director of the Cancer Research Center of Hawaii, and full Professor and Chairman, Department of Pathology at the John A. Burns School of Medicine, openly acknowledged

This is the first time since the initial transmissions took place in 1972-74, that a leading expert in the field of vaccine manufacturing and testing has openly admitted the Merck & Co. liability for AIDS.
The matter-of-fact disclosure came during discussions of polio vaccines contaminated with SV40, the fortieth simian (monkey) virus discovered that caused cancer in nearly every species infected by injection. Many authorities now admit much, possibly most, of the world's cancers came from the Salk and Sabin polio vaccines, and hepatitis B vaccines, produced in monkeys and chimps."There is no question that the FDA is much more vigilant today than it was 4 years ago,"
Dr. Carbone wrote. "I guess they learned the lesson from the SV40 mess.  "On the other hand, you can only test for what you know: new viruses are discovered continuously and some of them, for example HIV, are quite dangerous....[M]any people, for example, received in the early days hepatitis vaccines contaminated with HIV," Professor Carbone wrote.  

The vaccine testing expert stated, "This is to say that although I do believe -and hope- that the present vaccines are safe and clean, and this is partly based on my experience in testing polio vaccines prepared in the Western world after 1963 (see Cutrone R et al, Cancer Research 2005), neither I nor anybody in the world can assure you that with 100% confidence."Also engaged in the discussion was Rev. Roxanne Hampton, who sourced the legislative resolution urging passage of vaccination exemptions for religious persons in the State of Hawaii and elsewhere. Rev. Hampton raised the question of vaccine makers' reliability, to which Dr. Carbone responded.

 Dr. Leonard G. Horowitz, a vaccine risk investigator and author of sixteen books including Emerging Viruses:  AIDS & Ebola--Nature, Accident or Intentional ? (Tetrahedron, LLC, 1-888-508-4787) was also invited to reply to the question of H1N1 safety testing.

"Dr. Carbone's testimony is very important," Dr. Horowitz said, addressing the little-known fact that "1) HIV was spread via the earliest hepatitis B vaccines, and 2) Despite the most advanced intelligence in vaccine science, there is no certainty that benefits outweigh risks, since the full extent of H1N1 vaccine risks are not known."
 "Without certainty, and the past history, it is my humble opinion," Dr. Horowitz added, "you would have to be a complete fool to trust the people that promote getting vaccinated this flu season (or any flu season for that matter)."

Dr. Horowitz went on to address the problem of lacking confidence in the H1N1 vaccines by considering those who manufactured the fright and these viral vaccines.
"Regarding #1, it is gross criminal negligence that Dr Carbone's factual statement has never been adequately investigated or acknowledged by anyone with authority in the four groups that produced that horrible HIV-contaminated hepatitis B vaccine, manufactured using chimpanzees (not VERO cell cultures contaminated with SV40, as Baxter Corp. is doing for some of its H1N1 flu vaccines)."Dr. Horowitz cited the FDA, CDC, NIAID, and Merck & Co. as responsible for the production of the hepatitis B vaccines that massive evidence suggests triggered AIDS.
"This evidences gross official criminal malfeasance at the highest levels of health science and the US Government,"
Dr. Horowitz charged. He then went on to discuss the earlier pan-genocide as it relates to today's H1N1 pandemic:
 "At that time 1972-74, Dr. David Sencer was the CDC director who was very knowledgeable about this hepatite B vaccine investigation by NY University Medical Center researcher, Saul Krugman, et. al. His collaborators were at the New York City (NYC) Blood Bank, including Wolf Szmuness.
 "Dr. Sencer was also the CDC director who authorized the Public Health Service to conduct the Tuskeegee Syphilis study.
 "As HIV-was out-breaking in NYC (and due to this same vaccine in Africa and Willowbrook State School for mentally retarded children on Staten Island, NY) Dr. Sencer was "demoted" to go from Atlanta, and transition from CDC director, to become the Health Department Director for the City of New York. This was done so that he could oversee the propaganda for damage control at the New York Blood Bank, created and controlled by the Rockefeller family (including Sen. Jay Rockefeller advancing the Senate Democratic Party's health care reform plan).

"Dr. Sencer was successful in preventing safety testing of the contaminated blood. This intended delay, according to medical historians and lawsuits, spread HIV/AIDS internationally along with the herpes type viruses, including Epstein Barr causally-linked to several cancers and immune dysfunctions.
"Also at that time, as Willowbrook children were dying of the 'abuse' Geraldo Rivera was reporting, and Dr. Sencer was transitioning from CDC to the NYC Health Dept., in neighboring Fort Dix, New Jersey, a mysterious Swine flu outbreak occurred in military personnel, none of whom had any contact with pigs. That virus had been, according to experts, extinct for two decades.
"The 1976-1977 outbreak was most likely a military experiment, and precisely like the 2009 Mexican H1N1 outbreak in its media propaganda. The media promoted the 1976 Swine Flu campaign that was devastating in its side effects and adverse events including Guillain-Barre, that my mother died from, linked to this vaccination. In 1977, the swine flu outbreak has been widely acknowledged by top officials, including Dr. Sencer himself, to have been "laboratory sourced." Dr. Sencer wrote in a CDC publication, that this swine flu outbreak came from "a refrigerator."
"In 1997, it was Dr. Sencer who led the team of virologists to Alaska, against international outrage and protests from leading scientists. He and his team, under top secret security, resurrected the 1918 Spanish flu virus and genetically reconstructed it. This was the virus said to have killed 50 million people worldwide. At that moment, it was a no-brainer for all these protesting scientists, that this virus would outbreak from containment in a high level security "refrigerator."
"H1N1 currently circulating, carries genes from this virus! Since this virus had gone extinct, and only existed in military labs, it is safe to say its genes were recombined with avian H1N1 and swine H1N1 to give you this never-before-seen "reassortant"-- the 2009 H1N1 pandemic.
"Now it was Reuter's News Service, Thomas Glocer, Editor-in-Chief that broke world news in April regarding the Mexican outbreak. Thomas Glocer's propaganda alleged H5N1 was possibly in this mix--a virus that kills 60% of humans infected. Thomas Glocer is a Director, on the Board of Directors, of Merck & Co. owner of CSL, Inc. the H1N1 Swine Flu vaccine maker that provided the world's safety testing and assurances of vaccine safety for pregnant women, babies, and children.

"These safety tests were conducted in Australia at the Victoria Women's Hospital directed by Elisabeth Murdoch, Rupert Murdoch's mother. The children were tested at the Murdoch Children's Research Institute under the direction of Sarah Murdoch, Rupert's daughter-in-law. FOX, Time Warner, and more are controlled by Murdoch. This GROSS CONFLICTING INTEREST would stun the world; yet it is not being reported at all in mainstream media despite my best efforts.
"The other day, Dr. Oz told America on ABC that everyone needs to get vaccinated. The financier behind ABC-Disney is Lloyd Blankfein. Thomas Glocer, Rupert Murdoch, and Lloyd Blankfein are David Rockefeller's partners in Partnership for New York City, the world's premier biotechnology trust, advancing "genetopharmaceuticals"- vaccines for everything. These are the people that dictate what people like Dr. David Sencer and Dr. Anthony Fauci (NIAID AIDS Czar, premier promoter of H1N1 Flu vaccines) say and do.
 "By the way, Dr. Fauci joined Dr. Oz on ABC the other day as "the government's leading flu vaccine expert." Dr. Fauci, the co-patent holder, and royalty earner for IL-2, a vaccine adjuvant, did not disclose his conflicting interest, nor the amount of money he has been paid for IL-2's use in vaccines. Nor did Dr. Oz who, in his book, urged readers to examine ingredients carefully prior to consuming products. The fact is, the ingredients of the H1N1 flu vaccines are not listed in the package inserts. One needs to go to their patents to find them.
"Suffice it to say, only mentally-manipulated fools think these vaccines are safe. Further only downright idiots would consent to getting vaccinated this flu season having the aforementioned intelligence."

For your benefit, linked on FLUscam.com's home page is a new 8 page, full color, H1N1 FLU Newsletter freely downloadable in pdf format for mailing and distributing widely. (Click the link near the upper right side of the page to download the H1N1 FLU 2009 Newsletter .pdf) This was published by Tetrahedron, LLC as a public service with support from natural products manufacturers and promoters. This provides more stunning revelations about those who control media and medicine in-so-far-as this pandemic."
Best wishes for staying healthy as the injected highly unstable flu viruses circulate in the population picking up other genes, including potentially H5N1 shipped by 'accident' by Baxter Corp. to 18 labs across Europe earlier this year.

NOTE  TO  JOURNALISTS: Michele Carbone, M.D., Ph.D. can be contacted at: 651 Ilalo St, BSB 231-H, University of Hawaii, Honolulu HI 96813; tel:  808-440-4596; fax:  808 587-0790; e-mail:  mcarbone@crch.hawaii.edu  Dr. Horowitz is available for interviews through Tetrahedron, LLC. Dr. Horowitz and Sherri Kane are advancing Healthy World Organization (HWO), a natural alternative to the UN's World Health Organization. Information about HWO is available at: HealthyWorldOrganization.org. For more information about the dangers of flu vaccinations, see Dr. Horowitz's comprehensive website FLUscam.com. Dr. Horowitz endorses natural alternatives to vaccines including covalently-bonded silver hydrosols, alkalizing water, and vitamins C and D. See FLU "TO Dos" and OxySilver.com. For persons vaccinated and suffering toxic reactions, Dr. Horowitz recommends natural detoxification methods including the use of ZeoLife.net.     
217 Cedar St., Suite #326, Sandpoint, ID 83864; 208-265-8065;  (E-mail) tetra@tetrahedron.org   -  http://www.tetrahedron.org   

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Qualche informazione sui vaccini contro il nuovo H1N1 (H1N1v)

L'FDA (Agenzia del farmaco degli USA) ha approvato il 15 settembre i vaccini anti H1N1
A questo indirizzo si può leggere il comunicato stampa con i link alle schede tecniche e altre informazioni.
Sono tutti e quattro vaccini senza adiuvante, uno dei 4 è spray (endonasale) a virus vivi attenuati (disponibile solo negli USA).
Gli studi clinici su questi vaccini sono ancora in corso per cui l'FDA riporta nelle schede tecniche i dati relativi a vaccini antinfluenzali stagionali prodotti dalle medesime case farmaceutiche. La decisione è stata giustificata con il fatto che le rispettive tecnologie utilizzate per allestire i vaccini anti H1N1v sono le stesse usate per i precedenti. Ma l’antigene (derivato dal virus) è un altro. Sarebbe come se si autorizzasse un nuovo farmaco sulla base di studi fatti su un altro della stessa categoria, ma con un principio attivo diverso.
l'FDA afferma inoltre di essersi basata su dati preliminari. Se i dati preliminari sono quelli pubblicati di recente sul NEJM, non sono convincenti.  A questo link si può scaricare l'articolo di riferimento (a libero accesso e in formato PDF).
Lo studio riguarda 240 adulti (18-64 anni) e presenta diverse debolezze metodologiche: manca il braccio di controllo (per cui è difficile attribuire significato certo ai risultati visti. Sono dovuti al vaccino o contatto naturale con il virus pandemico ?) e il 45% dei soggetti arruolati aveva ricevuto anche il vaccino contro l'influenza stagionale cosa che potrebbe interferire con la risposta immunitaria. Tre dei 4 vaccini approvati dall'FDA prevedono l'uso anche nei bambini ma per età diverse.
Riguardo ai dati sui bambini, il 21 settembre è uscita una nota del Dipartimento malattie infettive del National Istitute of Health (NIH) di Bethesda degli USA, sui risultati preliminari relativi a studi con vaccini senza adiuvante. I numeri sono talmente esigui che è impossibile trarre conclusioni. Si parla di 25 bb tra i 7 e i 10 anni, di cui il 76% avrebbe avuto una buona risposta anticorpale al vaccino. Quelli di età inferiori hanno risposto male, il che sembra confermare la scarsa efficacia del vaccino antinfluenzale nei bambini più piccoli. Qui trovate la nota dell'NIH.

L'EMEA (Agenzia del farmaco europea) ha autorizzato il 30 settembre 2 vaccini anti H1N1v

A questo indirizzo si può leggere la nota dell'EMEA con i link alle schede tecniche e altre informazioni.

Ecco le schede tecniche (in formato PDF) dei 2 vaccini:
Focetria della Novartis

Pandemrix della GlaxoSmithKline (se vedete uscire una pagina bianca è solo la prima pagina, fate scorrere le pagine e vedrete il testo)
Entrambi contengono un adiuvante.
Focetria contiene MF59 e Pandemrix contiene AS03
Tutti e due gli adiuvati contengono squalene (olio di pesce, derivato in particolare dallo squalo).
Cosa sappiamo di questi due adiuvanti ?
La stessa Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) dichiara che alcuni vaccini pandemici allestiti con nuove tecnologie non sono stati valutati estesamente su alcuni gruppi di popolazione (per esempio i bambini ?) riguardo alla sicurezza.
Comunicato dell’OMS

L'MF59 viene utilizzato da anni in un vaccino della Novartis (Fluad) autorizzato solo dai 65 anni in su. Gli studi pubblicati sui bambini sono scarsi e riguardano piccoli numeri. Una revisione del 2008 condotta da personale della stessa Novartis, conclude che i dati sono insufficienti (Vaccine 26 (2008) 3209–3222). In uno studio pubblicato di recente sul Pediatric Infectious Disease Journal che riguarda 130 bambini vaccinati con antinfluenzale contenente MF59, si afferma che devono essere raccolti ulteriori dati sulla reattogenicità e la sicurezza in questa età (Pediatr Infect Dis J 2009;28: 563–571).
Anthony Fauci che dirige il Dipartimento per le malattie infettive dell’NIH ha riferito in un’intervista a Nature dello scorso agosto, che mentre in Europa si dispone di dati sugli effetti di questi adiuvanti negli anziani, non ci sono dati soddisfacenti per quanto riguarda i bambini.
Quindi negli Usa si e’ deciso di non mettere adiuvanti nei vaccini per i bambini: non c’e’ il tempo sufficiente per raccogliere dati. Quelli riferiti dall’EMEA nelle informazioni sul prodotto (Focetria), riguardano 471 bambini vaccinati contro l’H5N1, pochi anche questi, e gli studi di riferimento non sono attualmente accessibili.
Sull'AS03 i dati riportati sulla scheda tecnica di Pandemrix si riferiscono agli studi per il vaccino della GSK contro l'H5N1.
I numeri che riguardano i bambini sono molto piccoli e ogni paragrafo in cui si parla di fasce di età pediatrica inizia dicendo "se la vaccinazione è considerata necessaria ... " quasi a togliersi ogni responsabilità.

Un adiuvante simile (AS04) è contenuto nel Cervarix, il vaccino contro il papillomavirus della GSK, utilizzato da alcuni anni, prevalentemente in Europa.
Riguardo alle donne gravide, sulle schede tecniche di entrambi i prodotti si dichiara che “non si dispone attualmente di dati sull’uso in gravidanza”. Si afferma poi che “i dati sulle donne gravide vaccinate con diversi vaccini non adiuvati contro l’influenza stagionale non suggeriscono malformazioni o tossicità neonatale” e che “gli studi su animali con i nuovi vaccini contro l’H1N1v non indicano tossicità riproduttiva”.
Si conclude infine che l’uso di questi ultimi vaccini “può essere considerato durante la gravidanza se si pensa che sia necessario, tendendo conto delle raccomandazioni ufficiali”. Un bel problema per chi dovrà decidere.

Per quanto riguarda l’efficacia, poco sappiamo per ora dei nuovi vaccini. La quantità di anticorpi evocati dagli altri prodotti a cui si fa riferimento, sarà la stessa ? E poi la produzione di anticorpi non significa automaticamente che il vaccino proteggerà dalle complicazioni e dalla morte. Servono studi disegnati apposta per verificarlo, studi che non abbiamo neppure per la vaccinazione contro l’influenza stagionale, come segnalato da tempo dalla Cochrane Vaccines Field (BMJ 2006;333;912-915).

Molti si chiedono come mai l'FDA, contrariamente all’EMEA, non ha finora (Sett.2009) autorizzato vaccini adiuvati.
(NdR: alla data di Ott. 2009 la FDA ha come l'Emea ha autorizzato l'utilizzo di 2 vaccini con adiuvanti L’industria prospetta per il futuro un ampio uso di queste sostanze (molte sono allo studio) che aumentano la risposta immunitaria e rendono quindi più efficaci antigeni che evocano una scarsa produzione di anticorpi, come accade per l’antinfluenzale, inoltre permettono un risparmio sui costi consentendo di utilizzare minori quantità di antigene per ogni dose. Ricevere meno antigene, quindi meno “principio attivo” sarebbe un vantaggio anche per chi si vaccina. Rimane però il dubbio, se pure quasi solo teorico, che gli adiuvanti possano interferire in modo indesiderato sui meccanismi del sistema immunitario favorendo risposte paradosse di tipo autoimmune. Questo sarebbe il motivo delle resistenze dell’FDA, stando a quanto dice la Morgan Stanley Research Europe in un documento del maggio 2008. I dubbi sulla sicurezza a distanza degli adiuvanti vengono in effetti sollevati da diversi autori (Drug Discovery Today 2009; 14: 541-551, FDA meeting December 2008, BioPharm International, August 2007). Sarà quindi necessario che la sorveglianza tenga conto anche di questa ipotetica reazione a lungo termine, tutt’altro che facile da monitorare. E viene da chiedersi se sia il caso di somministrare vaccini adiuvati a bambini e gravide, senza un’adeguata sperimentazione clinica che riguardi anche questo aspetto.

C’è poi da tenere sotto controllo l’eventuale comparsa di sindrome di Guillain- Barrè (neuropatia periferica che può dare paralisi), visto l’eccesso di casi osservato nel 1976 dopo la vaccinazione di 40 milioni di americani contro un virus influenzale anch’esso di derivazione suina.
L’eventuale uso di confezioni multidose – previste sia per i vaccini autorizzati in Europa che negli USA - creano ulteriori incertezze. Intanto contengono Thiomersal, un sale di mercurio usato come disinfettante, oggetto di accese discussioni nei primi anni 2000 dopo che la stessa FDA chiese che venisse tolto quanto prima dai vaccini per un principio di cautela a fronte della potenziale tossicità (neurologica e renale) del mercurio. Gli studi al riguardo eseguiti finora non hanno dimostrato una correlazione causale con effetti gravi, ma la maggior parte dei vaccini – specie quelli per i bambini - oggi non lo contiene più per una doverosa prudenza.

Esiste poi un rischio infettivo collegato all’uso delle confezioni multidose che l’Australian Infection Control Association e l’Australasian Society of Infectious Diseases, hanno segnalato (“a significant potential risk to patient safety") al loro governo (BMJ 2009;339:b3656).
Il vaccino contro l’influenza stagionale può difendere dal nuovo virus H1N1 ?
(NdR: NO anzi aumenta il rischio del 50% di contrarree l'influenza Suina (A) , secondo uno studio recente !)
I risultati di uno studio effettuato durante l’epidemia dei mesi scorsi in Australia, mostrano che il vaccino stagionale – anche se contiene uno dei tanti tipi già conosciuti di H1N1- non offre protezione significativa contro il nuovo H1N1in nessuna fascia di età (Euro Surveill. 2009;14(31)). Ciò conferma l’ipotesi che, per essere efficace, il vaccino debba essere altamente specifico.
Come potrebbe reagire il sistema immunitario alle due vaccinazioni contro l’H1N1v e il virus dell’influenza stagionale? 
Non si sa. Anthony Fauci, in un’intervista pubblicata su Nature, dice che non sono mai stati testati gli effetti della somministrazione di due vaccini contro due diversi H1N1. Se si fa prima il vaccino contro l’H1N1 pandemico, quello contro il virus influenzale stagionale aumentera’ la risposta oppure creerà una competizione antigenica o, ancora, un’interferenza ? Potrebbe essere che dandoli assieme l’organismo dia una risposta potenziata contro l’influenza stagionale e non svolga invece un buon lavoro contro quello pandemico oppure ne amplifichi la risposta. E se si da’ il vaccino pandemico dopo la vaccinazione per l’influenza stagionale, ne aumenterebbe l’effetto oppure lo annullera’ ?
Dal punto di vista immunologico e’ impossibile fare previsioni
.
Di fronte a tutte queste domande con risposte incerte, non stupisce che in tutto il mondo molti operatori sanitari, primi destinatari del vaccino contro il nuovo virus, non vogliano vaccinarsi. Sono uno su due ad Hong Kong (BMJ 2009;339:b3391), uno su tre in Francia (L’Express 9/9/2009), un terzo degli infermieri nel Regno Unito (BMJ 2009;339:b3421) e in Spagna i medici hanno espresso la loro contrarietà in un documento congiunto pubblicato su più di 30 Blog sanitari (El Pais 3/9/2009). Non mancano neppure le posizioni critiche di parti consistenti di cittadini che non desiderano vaccinarsi o vaccinare i propri figli. Le registrano indagini eseguite in Canada, Israele (BMJ 2009;339:b3461) e negli Stati Uniti (LA Times 25/9/2009). Gli operatori sanitari di New York si sono ribellati all’obbligatorietà imposta loro per la vaccinazione, che prevede addirittura la perdita del posto di lavoro per chi non si vaccina. Chiedono maggiori certezze su efficacia e sicurezza.
La notizia si può leggere qui.
Se tante sono le incertezze sui vaccini, non mancano neppure sulla malattia. Questo nuovo virus, a detta di tutti, non ha provocato per ora epidemie più gravi dell’influenza stagionale, ma rimangono da indagare le rare forme respiratorie gravi viste anche nei sani più spesso in giovane età. Attualmente le informazioni non sono sufficienti per esprimersi, servirebbero accertamenti approfonditi, compresa l’autopsia. Così come nessuno è in grado di sapere se il virus rimarrà tale o cambierà (per mutazione? riassortimento con altri virus?) diventando più aggressivo. E se cambiasse, i vaccini mirati all’attuale H1N1 potrebbero non essere utili.
Tutto ciò che si può fare è informare correttamente i medici e i cittadini su ciò che si sa e ciò che non si sa, lasciando a ciascuno la facoltà di decidere.
Tratto da: quaderniacpnews.blogspot.com

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Vaccinazione influenza suina - influenza A. H1N1
L’Unione Europea ha concesso l'approvazione di armi batteriologiche non testate, per l’impiego come vaccini contro "influenza suina".
Il caso dell’ influenza suina. - Lunedi, 28 Settembre 2009


L'Agenzia Europea del farmaco (EMEA) ha autorizzato la commercializzazione di due vaccini contro l'influenza suina:
Focetria prodotto da Novartis e Pandemrix prodotto da GlaxoSmithKline, che è classificato dalla EU come arma batteriologica.
L'autorizzazione è stata data a dispetto del fatto che i vaccini non sono stati testati.
"Attualmente non esiste alcuna esperienza clinica con Focetria (H1N1) negli adulti, compresi gli anziani, bambini o adolescenti", afferma l'EMEA, sul suo sito web sulla pandemia influenzale H1N1, dopo aver dato l'approvazione per il vaccino il giorno 24 settembre 2009.
http://www.emea.europa.eu/influenza/vaccin...a/focetria.html

Inoltre, l’ EMEA dichiara sul suo sito web sulla pandemia che non c'è "nessuna esperienza clinica nei pazienti anziani, nei bambini o negli adolescenti" con il vaccino Pandemrix.
"attualmente c’è una esperienza clinica molto limitata con una indagine sulla formula della sperimentazione di Pandemrix (H1N1), negli adulti sani, di età compresa tra 18-60 anni, contenente una quantità maggiore di antigene (vedere paragrafo 5.1), e nessuna esperienza clinica nei pazienti anziani, nei bambini o negli adolescenti. "

http://www.emea.europa.eu/influenza/vaccin.../pandemrix.html
La Commissione europea dovrebbe dare l'approvazione per i due vaccini non testati all'inizio di Ottobre, (ad Ott. 2009 l'Emea ha approvato 3 vaccini)  aprendo la strada ai governi per avviare campagne di vaccinazione di massa in tutta l'Unione Europea.
Le donne in gravidanza e bambini di sei mesi sono stati identificati come gruppi prioritari dalla Commissione europea e dall' OMS per la vaccinazione contro ’ "influenza suina" anche se non sono disponibili dati clinici.
"Attualmente non ci sono dati disponibili sull'uso di Focetria in gravidanza", afferma l'EMEA nel suo sito web.
http://www.emea.europa.eu/influenza/vaccin...a/focetria.html

L'EMEA, ha riferito Novartis sta valutando la sicurezza del vaccino ed i suoi effetti indesiderati dopo che Focetria è stato somministrato .
"La ditta che produce Focetria raccoglierà informazioni sulla sicurezza del vaccino, mentre viene utilizzato. Ciò comprende informazioni sui suoi effetti collaterali e la sua sicurezza nei bambini, donne in gravidanza, pazienti con patologie gravi e le persone che hanno problemi con il loro sistema immunitario".
L'EMEA ha detto anche GSK (*GlaxoSmithKline) sta valutando la sicurezza del vaccino Pandemrix dopo che è stato somministrato alle persone.
http://www.emea.europa.eu/influenza/vaccin...pandemrix.html2

" Il Pandemrix è stato autorizzato in 'circostanze eccezionali'. Ciò significa che non è stato possibile ottenere informazioni complete sul vaccino pandemico.
Quali informazioni sono ancora attese per Pandemrix?
La ditta che produce Pandemrix raccoglierà informazioni sulla sicurezza e l'efficacia del vaccino, e le trasmetterà al CHMP (* Il Comitato tecnico per i prodotti medicinali a uso umano ) per la valutazione.
Quali sono le misure prese per garantire l'uso sicuro di Pandemrix?
La ditta che produce Pandemrix raccoglierà informazioni sulla sicurezza del vaccino, mentre viene utilizzato. Ciò comprende informazioni sui suoi effetti collaterali e la sicurezza negli anziani, donne in gravidanza, pazienti con patologie gravi e le persone che hanno problemi con il loro sistema immunitario ".
L'approvazione dell'EMEA per questi vaccini è basata sui dati dai cosiddetti "mock up" (* prototipo di vaccino) sui vaccini che risalgono al 2007 e il 2008, ma questi "mock up"sui vaccini, in realtà sono “mock up” fatti su vaccini completamente differenti .

"L'approvazione è stata data, sulla base di dati da un mock up sul vaccino H5N1 e mock-up per il Focetria, a Novartis Vaccines and Diagnostics Srl il 2 maggio 2007.
"Questa elaborazione dei dati informativi è stata raccomandata dal CHMP il 24 settembre 2009."
http://www.emea.europa.eu/influenza/vaccin...a/focetria.html

“La Commissione europea ha rilasciato un'autorizzazione all'immissione in commercio, valida in tutta l'EU per il mock up sul vaccino H5N1 per il Pandemrix alla GlaxoSmithKline Biologicals sa. il 20 maggio 2008. "
L’impiego nelle forse armate Svedesi e Svizzere, ampiamente riportato dai media, mette in guardia, in modo molto evidente, dall’usare vaccini contro l’influenza suina, e sulla loro pericolosità.

L’ EMEA sembra aver travisato sistematicamente i dati relativi al Focetria e Pandemrix al fine di presentarli come sicuri e controllati, quando ciò non è sicuro e non testato, in un atto che è una frode penale.
L’EMEA è per due terzi finanziata dalle aziende farmaceutiche, sollevando così interrogativi su quanto l’ente sia indipendente.

Questa è una sintesi dei dati reperiti sul database Big Pharma e sul database GSK, il Panderimix come arma batteriologica
"Prepandrix; Pandemrix - H5N1 del virus dell'influenza, inattivato, , con l'adiuvante AS03, vaccino contro l'influenza aviaria, vaccino contro l'influenza aviaria, vaccino contro la pandemia di influenza"
Società partecipanti:
Centers for Disease Control and Prevention (CDC) - R & D; Tech. ; USA marchio.
GlaxoSmithKline Biologicals SA (GSK) - Manuf. ; R & D; Tech. ; Europa marchio.
GlaxoSmithKline plc (GSK) - Capogruppo
Monografia ampiezza = 15.988 caratteri (non compresa l'indicizzazione, nomenclatura, link, ecc su questa pagina)
Testo monografia parziale:
393 -Vaccino influenzale, H5N1/GSK
Vaccino contro la pandemia influenzale, antigene di superficie, inattivato; vaccino contro pandemia influenzale, pandemia - Prepandrix; Pandemrix; vaccino contro il virus dell'influenza H5N1; vaccino contro l'influenza aviaria, H5N1 virus dell'influenza, inattivato, vaccino contro l'influenza aviaria, virus H5N1 dell'influenza (A / Indonesia).
Stato: vaccino approvato nel quadro dell'Unione europea nel maggio 2008; con l'aggiunta di Stati Uniti e di altri paesi associati'
Società partecipanti:
GlaxoSmithKline Biologicals SA - Manuf.: R &S; Tech.; Marchio Europa.
GlaxoSmithKline plc - Capostipite.
Centers for Disease Control & Prevention (CDC) - R & S Tech.; .. Marchio USA
Descrizione: Prepandrix "vaccino prepandemico"virus dell'influenza H5N1 convenzionale coltivato nell’uovo (A/VietNam/1194/2005 NIBRG-14) nucleo inattivato 2 , antigene vaccino frazionato.
Il nucleo H5N1 2, materiale sfuso viene creato a partire da un virus versione da laboratorio matrice del virus wild-type (*virus selvaggio ), forniti dal US Centers for Disease Control and Prevention (CDC).
Il virus di riferimento, A/Vietnam/1194/2004 (H5N1) NIBRG-14, è stato sviluppato utilizzando la genetica inversa, con il riassortimento del ceppo combinante l'H5 e i segmenti di N1, con la struttura base del ceppo del virus dell'influenza PR8 . Inoltre, l'H5 è stato progettato per eliminare il tratto polibasico di aminoacidi all’HA cleava (* scissione delle emoagglutinine) …. troncato (solo l'inizio).

Nomenclatura:
Infleunza Vaccino, H5N1/GSK [BIO]
Prepandrix [TR]
Pandemrix [TR]
Vaccino contro pandemia influenzale, antigene di superficie, inattivato [EU]
Vaccino influenzale prepandemico (H5N1) (virione, frazionato, inattivato, adiuvato) A/VietNam/1194/2004 NIBRG-14 [EU]
Vaccino influenzale pandemico (H5N1) (frazionato, virione <*cioè singola particella virale>inattivato, adiuvato) [EU]
vaccino contro l'influenza aviaria [SY]
vaccini contro l'influenza aviaria [SY]
virus dell'influenza H5N1 (A / Indonesia) vaccino [SY]
vaccino contro l'influenza, pandemia [SY]
H5N1 del virus dell'influenza, inattivato, vaccino con adiuvante AS03 [SY]
Indice prodotti
prodotti biofarmaceutici
utilizzati materiali di origine bovina
materiali provenienti da polli
vaccini, inattivati
vaccini, subunità
vaccini, virali
SB001 BIOPHARMA prod. (convenzionale).
Regolamentazione / Stato/Indice :
EU200 attualmente approvato in UE
EU666 Biodifesa, scorte
UM100 / Distribuzione Controllata dal Governo negli Stati Uniti
US666 Biodifesa, scorte
Distribuzione Controllata EM160 / dal Governo in EU
Indice biologico:
embrioni di pollo (uova)
virus dell'influenza, l'H5N1
cultura di virus
Indice chimica:
alfa-tocoferolo
alluminio, adiuvante
Adiuvante AS03 (*Adiuvante AS03 composto di squalene (10,69 milligrammi), DL-Alfα-tocoferolo (11,86 milligrammi) e polisorbato 80 (4,86 milligrammi).
Daronrix (* vaccino contro l’influenza Aviaria, pandemie influenzali GSK)
fosfato disodico
formaldeide
cloruro di magnesio
Octoxynol-10 (*emulsionanante tensioattivo)
polisorbato 80 (Tween 80 ) (*mulsionante cosmetico,catalogato anche come diserbante e microbicida)
cloruro di potassio
potassio fosfato monobasico
cloruro di sodio
di sodio desossicolato
squalene

Timerosal o Tiomersal
vitamina E
(*) note aggiuntive del traduttore
Fonte:
http://www.prisonplanet.com/eu-approval-gr...u-vaccines.html

INFO supplementari dettagliate - Ingredienti del vaccino:
Adiuvante alluminio: un composto contenente alluminio. Rilascia un antigene (una sostanza attiva che è in grado di generare una risposta immunitaria maggiore dal corpo, e quindi lo fa reagire con i prodotti di tale risposta), causando forti reazioni che possono compromettere il sistema immunitario. È stato associato alla Sindrome della Guerra del Golfo che ha causato enormi danni permanenti a migliaia di militari. L'alluminio è una causa nota di disfunzione cognitiva.

AS03: squalene, l'adiuante di cui la GlaxoSmithKline detiene i diritti di proprietà. (Più avanti c'è la descrizione dello squalene)

Daronrix: vaccino della Glaxo dell'influenza aviaria H5N1.

Fosfato disodico: una polvere bianca, solubile in acqua salata. E' usato come additivo anti agglomerante Questa sostanza chimica inorganica è usata anche come fungicida e microbicida.

Formaldeide: una nota sostanza cancerogena e tossica per l'apparato riproduttivo e per lo sviluppo. È interessante notare che, nel 2007, la California ha utilizzato più di 30.000 tonnellate di questa sostanza cancerogena come microbicida sulle 50 più importanti coltivazioni sparse nel suo territorio.

Octoxynol 10: (anche noto come Triton X-100) un detergente, emulsionante, umidificante e antischiuma. (L'Octoxynol-9 è un spermicida.) Può alterare l'attività metabolica, danneggiare le membrane, e causare un rapido declino delle funzioni delle cellule.

Polisorbato 80: Conosciuto anche come Tween 80. È usato come emulsionante nei cosmetici, ed è uno degli ingredienti del Gardasil, il vaccino contro il cancro al collo dell'utero che viene imposto o promosso alle adolescenti. Questo ingrediente è noto per provocare infertilità, convulsioni epilettiche, aborti spontanei, e shock anafilattici che possono essere mortali. Finora sono stati segnalati 28 morti a causa del Gardasil, viene impiegato anche come diserbante e funghicida.

Cloruro di sodio: sale da tavola raffinato. Il sale naturale è un complesso minerale che equilibra l'acqua dentro e fuori le nostre cellule. Al contrario il sale raffinato, cloruro di sodio, viene trattato chimicamente e contiene molte altre sostanze chimiche nascoste che distruggono le proprietà curative del sale naturale. Il corpo può ottenere la maggior parte del suo fabbisogno giornaliero da una dieta con alimenti biologici che escluda gli alimenti lavorati.

Squalene: un olio naturale ricavato dagli squali (per lo più si trova nel fegato). Lo squalene induce infiammazioni croniche mediate dal sistema immunitario, in particolare delle giunture, che i medici chiamano artrite reumatoide. Le conseguenze sulle persone che hanno già una infiammazione prodotta dal sistema immunitario non sono irrilevanti, come pure l'insorgenza di nuovi casi di lupus e stanchezza cronica. Lo squalene viene aggiunto a tutti i nuovi vaccini. E' associato alle migliaia di militari che hanno contratto la "Sindrome della Guerra del Golfo" e hanno subito danni irreparabili del sistema immunitario, compreso lupus, sclerosi multipla, fibromialgia e artrite reumatoide.

Thimerosal: (Mercurio) Lo si trova in tutte le dosi multiple di vaccini. Qualsiasi quantità di mercurio è altamente tossica. Non esiste un livello di sicurezza. Questo è stato più volte associato ai tassi crescenti di autismo, sclerosi multipla, e ADHD.

Vitamina E: Questa vitamina antiossidante aiuta a proteggere le funzioni dei globuli rossi del sangue, e contribuisce a ossigenare i nostri tessuti. Le fonti migliori sono gli oli vegetali pressati a freddo ottenuti dal germe di grano, semi di girasole e di cartamo da coltivazioni biologiche. La vitamina E ricavata dal mais o dalla soia ora proviene spesso da fonti geneticamente modificate, e puoi stare certo che i vaccini contengono quella.
Traduzione a cura di: empa.forumcommunity.net
Puoi usare questa traduzione divulgandola la sola cosa che ti chiediamo è di citare la fonte correttamente.
Grazie.


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

I VACCINI SONO MOLTO PIÙ LETALI dell'INFLUENZA SUINA - 27.07.2009
Il seguente rapporto è stato sottoposto a Sir Liam Donaldson, Direttore Medico del Regno Unito, e all'Agenzia per gli Alimenti e i Medicinali (Food and Drug Administration, FDA) degli USA.

Nell'aprile 2009 ci fu lo scoppio dell'influenza suina in Messico e negli USA, propagatosi velocemente in tutto il mondo trasmettendosi tra uomini. A giudicare dai primi dati pubblicati a maggio, il nuovo tipo A H1N1 dell'influenza è diverso da qualsiasi altro tipo registrato fino a quel momento [1,2].
Si tratta di un'eteroclita combinazione di sequenze di ceppi virali dell'influenza aviaria, umana e suina del Nordamerica e dell'Eurasia. Un eminente virologo di Canberra ha dichiarato ai media che il virus potrebbe essere stato creato in laboratorio e liberato accidentalmente [3]. Alcuni analisti suggeriscono addirittura, senza prove a sostegno, che sia stato creato intenzionalmente come arma biologica [4], mentre altri incolpano l'industria dell'allevamento intensiva e il grande traffico di animali su grandi distanze, che fornisce molte possibilità per la generazione di ricombinanti esotici [5].

Ciò che preoccupa maggiormente i cittadini, sono però i programmi di vaccinazione di massa che i governi stanno preparando per combattere la pandemia, che potrebbero essere peggio della pandemia stessa.

Un'organizzazione si oppone alla vaccinazione lampo degli alunni
Il governo statunitense conta di vaccinare (NfR: obbligatoriamente) tutti i bambini a settembre, quando incomincerà il nuovo anno scolastico, e il gruppo National Vaccine Information Center (NVIC) ha richiesto al governo Obama e a tutti i governatori degli Stati che mostrino che questa decisione è “necessaria e sicura” [6] e ha preteso “solidi meccanismi di raccolta dati, registrazione, supervisione e notifica della sicurezza del vaccino, così come l'indennizzo economico per le possibili lesioni che potrebbe causare”.

Poco dopo lo scoppio dell'influenza suina ad aprile, i Dipartimenti della Salute e della Sicurezza Interna degli USA, hanno dichiarato lo stato d'emergenza nazionale per la salute pubblica. Sono state chiuse alcune scuole, sono state messe in quarantena alcune persone e le compagnie farmaceutiche hanno ricevuto contratti dal valore di 7 miliardi di dollari per la fabbricazione di vaccini ora oggetto di un controllo urgente da parte della FDA [7]: questo vuol dire che saranno testati in solo qualche settimana su centinaia di bambini e adulti volontari, prima di essere somministrati a tutti gli alunni in autunno.
Inoltre, secondo la legge federale approvata dal Congresso dal 2001, una Autorizzazione di Uso d'Emergenza fa sì che le compagnie farmaceutiche, i responsabili sanitari e chiunque somministri a qualche statunitense vaccini sperimentali durante uno stato d'emergenza di salute pubblica, siano protetti contro qualsiasi possibile denuncia nel caso di persone lese.
La Segretaria del Dipartimento della Salute e Servizi Umani degli USA, Kathleen Sebelius, ha concesso ai fabbricanti di vaccini la totale impunità davanti alla legge contro qualsiasi processo penale che possa derivare dalla somministrazione di nuovi vaccini dell'influenza suina, e alcuni Stati hanno persino dichiarato legalmente obbligatoria la vaccinazione.

La NVIC vuole sapere se gli Stati sono preparati a rispondere alle norme di sicurezza sulle vaccinazioni del National Childhood Vaccine Injury Act del 1986, che includono:
1) Dare ai genitori informazioni scritte sui benefici e i rischi del vaccino prima che i bambini siano vaccinati;
2) Avere un registro delle vaccinazioni fatte ai bambini, incluso il nome del fabbricante e il numero di lotto;
3) Registrare le vaccinazioni somministrate nella storia clinica del bambino 
4) Annotare nella storia clinica del bambino i gravi problemi di salute che sorgono dopo la vaccinazione e darne comunicazione immediata al Sistema Federale di Informazione sulle conseguenze dannose del vaccino.
La NVIC vuole anche sapere se gli Stati sono pronti a indennizzare i bambini lesi dalle vaccinazioni dell'influenza suina, se i genitori riceveranno “informazioni complete e veritiere sui rischi del vaccino dell'influenza suina” e se hanno il diritto di “rifiutare” la vaccinazione.

Barbara Loe Fisher, co-fondatrice e presidente dell'NVIC, ha dichiarato [6]: “I genitori e i legislatori dovrebbero chiedersi subito: perché sono i bambini a ricevere per primi le vaccinazioni sperimentali dell'influenza suina? Le scuole hanno gli strumenti per ottenere il consenso informato con la firma dei genitori prima della vaccinazione, per avere registri esatti di ogni vaccinazione e per selezionare biologicamente i bambini che corrono un rischio elevato di avere reazioni al vaccino? Coloro che somministrano queste vaccinazioni, sapranno come controllare in seguito i bambini e registrare, comunicare e trattare i gravi problemi di salute che si presenteranno? E gli Stati, avranno i mezzi economici per indennizzare i bambini danneggiati ?

L'OMS e la febbre della vaccinazione di massa
L'ordine di vaccinazione di massa viene dall'Organizzazione Mondiale della Sanità [8]. All'inizio di luglio, un gruppo di esperti in vaccinazioni è giunto alla conclusione che la pandemia è incontenibile, e Marie-Paul Kieny, direttrice dell'OMS per la ricerca sui vaccini, ha detto che tutte le nazioni dovevano avervi accesso e che già a settembre dovrebbe esserci un vaccino disponibile.

I critici sottolineano che gli “esperti in vaccini” sono controllati dai fabbricanti di vaccini, i quali faranno benefici con i contratti assai lucrativi di vaccini e farmaci antivirali firmati dai governi. Però, l'argomento decisivo contro le vaccinazioni di massa è semplicemente il fatto che i vaccini iniettabili dell'influenza non funzionano e sono pericolosi [9].

I vaccini iniettabili dell'influenza sono inefficaci e aumentano i rischi di asma
Ci sono ragioni ampiamente conosciute per cui le vaccinazioni per l'influenza non daranno nessun risultato, come già era stato detto sulle tanto annunciate vaccinazioni contro la “pandemia di influenza aviaria” che ancora deve arrivare [10] (How to Stop Bird Flu Instead, SiS 35). Il virus dell'influenza cambia velocemente – anche senza l'aiuto dell'ingegneria genetica in laboratorio e soprattutto con l'aiuto dell'industria dell'allevamento intensiva -, mentre i vaccini mirano a ceppi specifici. Inoltre, il vaccino contro l'influenza non è permanente e deve essere fatto ogni anno; i vaccini sono difficili da produrre in forma massiccia e alcune varietà non si sviluppano in nessun modo nei laboratori.

Numerosi studi hanno mostrato che i vaccini iniettabili dell'influenza offrono poca o nessuna protezione contro le infezioni e le malattie e non c'è ragione di credere che i vaccini contro l'influenza suina saranno diversi.
Una rianalisi di 51 diversi studi su più di 294.000 bambini ha stabilito che, a partire dai due anni di età, i vaccini a base di virus attenuato dell'influenza somministrati con atomizzatori nasali impedirono l'82% dei casi di malattia, mentre i vaccini iniettabili fabbricati a partire da virus inattivi ne impedirono solo il 59%. L
a prevenzione della “sindrome pseudoinfluenzale”, causata da altri tipi di virus, fu rispettivamente solo del 33% e del 36%. Nei bambini di età inferiore ai due anni, l'efficacia del vaccino fu simile a quella del placebo. Non fu possibile analizzare la sicurezza dei vaccini degli studi per l'assenza di informazioni e la mancanza di standardizzazione delle poche informazioni disponibili [11]. Un rapporto pubblicato nel 2008 stabilì che i vaccini antinfluenzali nei bambini piccoli non diminuirono la quantità di visite mediche e ospedaliere dovute all'influenza [12].
Allo stesso tempo, uno studio su 800 bambini asmatici stabilì che coloro che ricevettero un vaccino influenzale corsero un rischio significativamente maggiore di visite mediche e al pronto soccorso legate all'asma [13]; i quozienti di probabilità erano rispettivamente di 3,4 e di 1,9. Questo è stato confermato da un rapporto pubblicato nel 2009, secondo il quale i bambini asmatici a cui venne somministrato il FluMist corsero un rischio tre volte maggiore di ricovero.
I vaccini influenzali sono inutili anche per gli adulti e gli anziani, dato che offrono poca o nessuna protezione contro le infezioni o le malattie come la pneumonia (Vedi nota [9]).

Coadiuvanti tossici in alcuni vaccini influenzali
I vaccini possono essere pericolosi in quanto tali, in particolare quelli creati con virus, attenuati o i nuovi vaccini ricombinanti di acido nucleico [10]; hanno il potenziale per creare virus tramite ricombinazione e gli acidi nucleici ricombinanti potrebbero causare malattie autoimmuni.

Un'altra fonte importante di tossicità nei vaccini influenzali sono i coadiuvanti, sostanze aggiunte per migliorare l'immunogenità dei vaccini. C'è una notevole letteratura medica sulla tossicità dei coadiuvanti. La maggior parte dei vaccini influenzali contengono concentrazioni pericolose di mercurio sotto forma di thimerosal un conservante letale 50 volte più tossico dello stesso mercurio [9]. In dosi sufficientemente elevate, può causare disfunzioni immunitarie, sensoriali, neurologiche, motorie e comportamentali a lungo termine. All'avvelenamento da mercurio si associano anche l'autismo, il deficit di attenzione, la sclerosi multipla, le deficienze del linguaggio e dell'articolazione della parola.
L'Istituto di Medicina ha avvertito che a lattanti, bambini e donne incinte non dovrebbero essere fatte iniezioni contenenti thimerosal, ma la maggior parte dei vaccini influenzali ne contengono 25 microgrammi.

Un altro coadiuvante comune è il potassio-allume o idrossido di alluminio, che può causare allergie al vaccino, anafilassi, fibromialgia macrofagica, una sindrome da infiammazione cronica. Nei gatti, l'alluminio provoca anche fibrosarcoma nella zona dell'iniezione [15]. I numerosi coadiuvanti apparsi in tempi recenti non sono certo migliori: potrebbero addirittura essere peggio. Secondo uno studio apparso in una rivista dedicata alla scienza e al business farmaceutico [15], la maggior parte dei nuovi coadiuvanti, incluso l'MF59, l'ISCOMS, il QS21, l'AS09 e l'AS04, hanno “una reattogenia e una tossicità sistemica locale sostanzialmente superiori a quelle del potassio-allume”.

Situazione attuale dei vaccini per l'influenza suina
Cinque diverse compagnie hanno ricevuto contratti per produrre il vaccino su scala mondiale: Baxter International, GlaxoSmithKline, Novartis e Sanofi-Aventis e AstroZeneca [16]. Dati i problemi per la produzione in grandi quantità, queste aziende hanno la ferma intenzione di far sì che dosi inferiori di vaccini agiscano più velocemente con una maggiore gamma di coadiuvanti [17]. E questo con l'approvazione dell'OMS (si veda più avanti). I vaccini per l'influenza si producono solitamente con virus non virulenti dell'influenza (attenuati o indeboliti). Per essere efficaci, i geni del virus non virulento usato, devono corrispondere a quelli del ceppo virale che si diffonde nella popolazione. L'attivazione del sistema immunitario per esposizione alla forma non patogena del ceppo patogeno dà origine alla produzione di anticorpi che danno una protezione contro il ceppo patogeno. La produzione del virus non virulento implica in primo luogo l'identificazione e in seguito, la riproduzione dei sottotipi di due delle proteine di superficie del virus, l'emagglutinina (H) e la neuramidasi (N), che determinano la virulenza del ceppo e la capacità di diffusione e che sono anche le proteine obiettivo dei vaccini.

Virus influenzali
Esistono tre tipi di virus influenzali: A, B e C. (NdR: cosi’ ci dicono i medici ufficiali ma NON e’ cosi – vedi : Influenza)
Il virus dell'influenza di tipo A è la principale causa di malattie negli uccelli e nei mammiferi. Il suo genoma consiste in 8 segmenti RNA codificanti per 11 proteine e i virus si classificano secondo il sottotipo in base alle due glicoproteine di superficie principali (proteine con complesse catene laterali di carboidrati): l'emagglutinina (H) e la neuramidasi (N) [18]. Il genoma segmentato permette al virus di “ricombinare” nuovamente i segmenti, così come di ricombinarli nei segmenti, aumentando così considerevolmente il tasso di evoluzione e di generazione di nuovi ceppi. La ricombinazione è ampiamente realizzata anche in laboratorio nel processo di creazione di ceppi vaccinali. Fino ad ora, i sottotipi 16H e 9N in numerose combinazioni sono stati individuati tra uccelli selvatici [19].

Innanzitutto si creano i virus che servono da materiale di partenza per la produzione su grande scala di virus vivi non virulenti dell'influenza. I virus che servono da “seme” sono stati approvati dall'OMS e dall'FDA statunitense. Il metodo tipico di produzione del virus che serve da seme è la ricombinazione. Si inietta in uova di pollo un ceppo standard non patogeno di influenza che si sa svilupparsi bene in quell'ambiente, e il ceppo portatore dei geni che esprimono i sottotipi delle proteine H e N del vaccino voluto. I due virus si moltiplicano e e i loro otto segmenti di genoma si raggruppano, con 256 combinazioni possibili. Si selezionano quindi i virus ricombinanti ottenuti, alla ricerca del virus desiderato, con sei segmenti di genoma che permettono al ceppo standard di svilupparsi facilmente nelle uova, più i geni H e N del ceppo in circolo. Il virus che fa da seme viene quindi iniettato in milioni di uova per la produzione del vaccino. Questo metodo convenzionale di produzione di una scorta di “semi” si completa in circa uno o due mesi [20].

È possibile che i sistemi di coltura cellulare sostituiscano eventualmente le uova di pollo. Baxter International ha richiesto il brevetto per un processo che usa la coltura cellulare per produrre quantità di virus infettivi, che vengono raccolti, inattivati con formaldeide e luce ultravioletta, e in seguito con detergente [21]. Baxter ha prodotto vaccini del virus H5N1 completo in una linea cellulare Vero ricavata dal rene di scimmia verde africana, e ha realizzato test clinici di fase 1 e 2 con e senza idrossido di alluminio come coadiuvante [22,23]. Il principale risultato è che il coadiuvante tossico non ha aumentato gli anticorpi neutralizzanti contro il ceppo del vaccino. Baxter è riuscita a creare il vaccino contro l'H1N1 alla fine di luglio o inizio agosto, ma non ha ancora rivelato pubblicamente i dettagli della produzione di questo vaccino [16].

A dicembre, una succursale della Baxter in Austria inviò un vaccino dell'influenza umana contaminato con il mortifero virus aviario vivo H5N1 a 18 paesi, tra cui la Repubblica Ceca, dove test clinici dimostrarono che causò la morte dei furetti a cui questo venne iniettato [24]. I giornali cechi si chiesero se la Baxter volesse deliberatamente cominciare una pandemia.

Anche Novartis, altro gigante dell'industria farmaceutica, ha annunciato il 13 giugno di aver creato un vaccino contro l'influenza suina con una tecnologia basata su cellule e sul coadiuvante registrato MF59®. Il coadiuvante MF59® ha una base oleosa e contiene Tween80, Span85 e squalene [25]. In studi su topi, realizzati con coadiuvanti a base oleosa, gli animali rimasero storpiati e paralizzati. Lo squalene produsse gravi sintomi di artrite nei topi e gli studi su esseri umani che ricevettero tra 10 e 20 ppb (parti per miliardo) di squalene, mostrarono un grave impatto sul sistema immunitario e lo sviluppo di disturbi autoimmuni [26].
Novartis fece notizia nel 2008 con un test clinico del vaccino H5N1 in Polonia. L'esperimento fu condotto da infermiere e medici locali che somministrarono il vaccino a 350 indigenti, dei quali 20 morirono. I medici e le infermiere partecipanti furono portati in tribunale dalla polizia polacca [27,28]. Novartis disse che le morti non erano legate al vaccino H5N1 [29], che era stato “somministrato a altre 3.500 persone senza che nessuna di queste morisse”.

GlaxoSmithKline fabbricherà il proprio vaccino con antigeni del ceppo influenzale recentemente isolato; conterrà anche il proprio coadiuvante AS03 con marchio registrato, approvato dall'Unione Europea nel 2008 insieme al suo vaccino per l'influenza aviaria H5N1. Secondo la Relazione di Valutazione Pubblica Europea [30], il coadiuvante AS03 è composto da squalene (10,86 milligrammi), DL-α-tocoferolo (11,86 miligrammi) e polisorbato 80 (4,85 miligrammi). Anche il vaccino H5N1 contiene 5 microgrammi di thimerosal, così come polisorbato 80, octoxinolo 10 e diversi sali inorganici. La compagnia promuove con forza diversi sistemi di coadiuvanti, come il suo “ventaglio di coadiuvanti”, che riduce la dose dei vaccini [31].

Un recente studio dell'OMS sui principali produttori di vaccini ha concluso che lo scenario migliore è la potenziale produzione di 4.900 milioni di dosi di vaccino H1N1 all'anno, tenendo conto tra i vari fattori che ogni produttore scelga la formulazione di dosi più basse (che includeranno coadiuvanti tossici) e che si abbia la maggior capacità di produzione. La dottoressa Margareth Chan, direttrice generale dell'OMS, e il segretario generale dell'ONU, Ban-Ki-Mon, si sono riuniti il 19 maggio con alti funzionari dei fabbricanti di vaccini e hanno chiesto loro di riservare parte della loro capacità di produzione per i paesi poveri che, altrimenti, avrebbero poco, o nessun accesso al vaccino in caso di pandemia [32].

L'ultima vaccinazione di massa negli Stati Uniti fu un disastro. Nel 1976, vennero scoperti casi di influenza suina tra i soldati di Fort Dix (New Jersey) e uno di questi morì, probabilmente più per esaurimento fisico che per l'infezione [7]. Questo portò al lancio di una vaccinazione di massa di 40 milioni di persone contro una pandemia che non si verificò mai. Ci furono migliaia di richieste di risarcimento dei danni. Almeno 25 persone morirono e 500 svilupparono la sindrome paralitica di Guillain-Barré [33,34].

La maggior parte delle sindromi dell'influenza suina sono lievi
Il 22 luglio 2009, i Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie (CDC) contarono un totale di 40.617 casi negli USA, di cui 319 morti, ossia un quoziente di morti/caso dello 0,8%; il tasso reale delle morti, però – tra tutti i casi di infezione, includendo i lievi, che non vengono comunicati – è probabilmente più basso. Gli esperti pensano che viene comunicato solo un caso ogni 20 [36].

Il Regno Unito è il paese europeo più toccato e della pandemia si è parlato ogni giorno nei giornali del mese di luglio. Il 23 luglio è stato diffuso un nuovo numero di assistenza telefonica perché la gente possa avere informazioni e Tamiflu senza andare da un medico. Questa settimana c'è stato un aumento record dei casi fino a 100.000 e un totale di 30 morti fino ad ora [37], ossia un quoziente di morti/caso dello 0,03%, che dà un'idea più esatta del tasso reale di morte.

Sir Liam Donaldson, direttore medico del Regno Unito, ha ordinato al NHS (Sistema sanitario nazionale) di prepararsi a un totale di 65.000 morti, con un picco di 350 al giorno [38]. Fino ad ora non è stato programmato nessun piano di vaccinazione di massa, ma il governo del Regno Unito ha chiesto in anticipo 195 milioni di dosi di vaccino a GlaxoSmithKline (GSK).

Il vaccino che la GSK sta sviluppando sarà testato su un piccolo numero di persone, dato che secondo alcune informazioni [39], la compagnia farmaceutica britannica “valuta il pericolo di una pandemia rispetto ai rischi di un vaccino non sicuro”.
Il professor Hugh Pennington, microbiologo in pensione dell'Università di Alberdeen (Scozia), ha definito che è questo, ad essere “pericoloso”: “Limitando i test clinici, Glaxo alza il pericolo che la dose di vaccino non sia calibrata in modo adeguato, e questo potrebbe portare a vaccini che non proteggono dal virus o che, nella peggiore delle ipotesi, non siano sicuri”, ha detto.
Pennington ha aggiunto che la capacità del vaccino di attivare le difese dell'organismo è fondamentale e richiede test per determinare la dose migliore e, se richiesto, un coadiuvante che incrementi l'immunità (come si sa, GSK sta definitivamente promuovendo una nuova gamma di coadiuvanti tossici). Ha fatto riferimento anche all'incidente di Fort Dix del 1976.

La Francia ha richiesto i vaccini a Sanofi, GSK e Novartis, però non vede la ragione di chiedere ai fabbricanti di ridurre o saltare i test clinici [16]. Sanofi-Aventis, il produttore farmaceutico francese che sviluppa il proprio vaccino per l'influenza suina, dovrebbe aver cominciato a testare il prodotto all'inizio di agosto e pensa di aver bisogno di due mesi e mezzo di esperimenti prima di avere un vaccino che sia “sicuro e efficace”; secondo Albert Garcia, che parlava a nome dell'Unità Vaccini della compagnia, “il vaccino sarà pronto a novembre o dicembre”.
Tuttavia, Baxter dovrebbe aver prodotto un vaccino all'inizio di agosto per test clinici.

Anche Glaxo ha annunciato di star sviluppando una maschera facciale coperta di antivirus per evitare le infezioni e di star accelerando la produzione del suo Relenza per i pazienti già affetti da influenza suina.

È evidente che ci sono modi più sicuri e efficaci di combattere la pandemia che le vaccinazioni di massa: lavarsi spesso le mani, starnutire in un fazzoletto di carta che si può presto buttare, evitare riunioni non necessarie e ritardare l'inizio dell'anno scolastico – tutto questo, consigliato dai governi – e, potremmo aggiungere, mangiare sano, fare esercizio e assumere abbastanza vitamina D per aumentare la propria immunità naturale [10].

Bibliografia
1. New details on virus’s promiscuous past”, Jon Cohen, Science 2009, 324, 1127.

2. Garten RJ, Davis CT,Tussell CA et al. Antigenic and genetic charaatcteristics of swine-origin 2009 A (H1N1) influenza viruses circulating in humans. Science 2009, 325, 197-201.

3. Virologist to make his case for lab origin of swine flu”, Peter Duveen, Opednews.com, 4 July 2009,http://www.opednews.com/articles/Virologist-to-make-his-cas-by-Peter-Duveen-090630-103.html

4. Is swine flu a biological weapon?”, Paul Joseph Watson, PrisonPlanet.com 27 April 2009, http://www.prisonplanet.com/is-swine-flu-a-biological-weapon.htm

5. CDC confirms ties to virus first discovered in U.S. pig factories” Michael Greger, 3 May 2009,http://www.hsus.org/farm/news/ournews/swine_flu_virus_origin_1998_042909.html

6. “Swine flu vaccine should not be given to children in schools”, Barbara Loe Fisher, National Vaccine Information Center, 22 July 2009,http://www.nvic.org/NVIC-Vaccine-News/July-2009/Swine-Flu-Vaccine-Should-Not-Be-Given-to-Children.aspx

7. “Now legal immunity for swine flu vaccine makers” F, William Engdahl, Global Research 20 July 2009, http://www.globalresearch.ca/index.php?context=va&aid=14453

8. Swine flu pandemic now ‘unstoppable’: WHO official”, Agence France-Presse 13 July 2009, Calgary Herald, http://www.calgaryherald.com/Swine+pandemic+unstoppable+official/1788693/story.html

9. What are the dangers of mandatory swine flu vaccination? Dr. Mercola, June 2009,http://blogs.mercola.com/sites/vitalvotes/archive/2009/07/15/What-are-the-Dangers-of-MandatoryMandatory-Swine-Flu-Vaccination.aspx

10. Ho MW. How to stop bir flu instead of the vaccine-antiviral model. Science in Society 35. 40-42, 2007.

11. Jefferson T, Rivett A, Harnden A, DiPietrantoni C, and Demicheli V. Vaccines for preventing influenza in healthy children (Review). Cochrane Database Systematic Review 23 April 2009, http://mrw.interscience.wiley.com/cochrane/clsysrev/articles/CD004879/pdf_fs.html

12. Szilagyi PG, Fairbrother G, Griffin MR et al. Influenza vaccine effectiveness among children 6 to 59 months of age during 2 influenza seasons: a case-cohort study. Arch Pediatr Adolesc Med 2008, 162, 943-51. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18838647

13. Christy C, Aligne C, Auinger P, Pulcino T and Weitzman M. Effectiveness of influenza vaccine for the prevention of asthma exacerbations. Arch. Dis Child 2004, 89, 734-5, http://www.pubmedcentral.nih.gov/articlerender.fcgi?tool=pubmed&pubmedid=15269071

14. Flu vaccination may triple risk for flu-related hospitalization in children with asthma, 25 May 2009, http://www.medscape.com/viewarticle/703235

15. Petrovsky N, Heinzel S, Honda Y, Lyons AB. New-age vaccine adjuvants, friend or foe? BioPharm International 2 August 2007, http://biopharminternational.findpharma.com/biopharm/article/articleDetail.jsp?id=444996&sk=&date=&pageID=5

16. “Update: 1-Baxter can take no more H1N1 flu vaccine orders”, Bill Berkerto, 16 July 2009, Reuters. http://www.reuters.com/article/marketsnews/idINN1644290820090716?rpc=33

17. H1N1 ‘swine flu’ vaccine, postnote, May 2009, number 331, http://www.parliament.uk/documents/upload/postpn331.pdf

18. Avian Influenza (Bird Flu) CDC, 18 November 2005, http://www.cdc.gov/flu/avian/gen-info/flu-viruses.htm

19. Olsen B, Munster VJ, Wallensten A, Waldenstrom J, Osterhaus ADME and Fouchier RAM. Global patterns of influenza A virus in wild birds. Science 2006, 312, 384-8.

20. Hood E. Environews Innovations 2006 Environmental Health Perpectives 114,A108-111.

21. Kistner,O,Tauer,C, Barrett,N. Mundt,W. Method for Producing Viral Vaccines 2009 Patent application US2009/0060950A1

22. Ehrlich HJ, Müller M, Oh HM, Tambyah PA, Joukhadar C, Montomoli E, Fisher D, Berezuk G, Fritsch S, Löw-Baselli A, Vartian N, Bobrovsky R, Pavlova BG, Pöllabauer EM, Kistner O, Barrett PN; Baxter H5N1 Pandemic Influenza Vaccine Clinical Study Team. A clinical trial of a whole-virus H5N1 vaccine derived from cell culture. N Engl J Med. 2008 Jun 12;358(24):2573-84.

23. Ketel.W,Dekker,C,Mink,C,Campbell,J,Edwards,K,Patel,S,Ho,D,Talbot,H,Guo,K,Noah,D,Hill,H.Safety and immunogenicity of inactivated, Vero cell culture-derived whole virus influenza A/H5N1 vaccine given alone or with aluminum hydroxide adjuvant in healthy adults Vaccine 2009 in press doi:10.1016/j.vaccine.2009.03.015

24. “Bird flu mix-up could have spelled disaster”, NewScientist 6 March 2009, http://www.newscientist.com/article/mg20126983.400

25. Kenney RT and Edelman R. Survey of human-use adjuvants. Expert Review of Vaccines April 2003; 2(2):167-88,http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12899569?ordinalpos=5&itool=EntrezSystem2.PEntrez.Pubmed.Pubmed_ResultsPanel.Pubmed_DefaultReportPanel.Pubmed_RVDocSum

26. “Vaccines may be linked to Gulf War Syndrome”, Chiroweb.com, June 12, 2000, http://www.chiroweb.com/mpacms/dc/article.php?id=31730

27. “Homeless people die after bird flu vaccine trial in Poland”, Mathew Day, Telegraph, 2 July 2008,http://www.telegraph.co.uk/news/worldnews/europe/poland/2235676/Homeless-people-die-after-bird-flu-vaccine-trial-in-Poland.html

28. “Homeless people die after trials of bird-flu vaccine”, 10 July 2008, Pharmaceutical Portal for Poland,http://www.pharmapoland.com/next.php?id=62409

29. “Polish industry not dented by deaths”, Emma Dorey, Entrepreneur, 21 July 2008,http://www.entrepreneur.com/tradejournals/article/181991358.html

30. Pandermrix = European Public Assessment Report [EMEA] 27 September 2009,http://www.emea.europa.eu/humandocs/Humans/EPAR/pandemrix/pandemrix.htm

31. Vaccine adjuvant system technology background information. GlaxoSmithKline, accessed 25 July 2009,http://www.gsk.com/media/flu/flu-adjuvant.pdf

32. Collin N, de Radiguès X, Kieny MP; the World Health Organization H1N1 Vaccine Task Force.New influenza A(H1N1) vaccine: How ready are we for large-scale production? Vaccine. 2009 Jun 26 in press doi:10.1016/j.vaccine.2009.06.034

33. 1976 swine flu outbreak, Wikipedia, 22 July 2009,http://en.wikipedia.org/wiki/1976_swine_flu_outbreak

34. Haber P, Sejvar J, Mikaeloff Y and DeStefano F. Vaccine and Guilaain-Barre syndrome. Drug Saf 2009, 32, 309-23.

35. 2009 flu pandemic in the United States”, Wikipdeia, 22 July 2009,http://en.wikipedia.org/wiki/2009_flu_pandemic_in_the_United_States

36. 2009 flu pandemic, Wikipedia,http://en.wikipedia.org/wiki/2009_flu_pandemic

37. “Swine flu website overwhelmed by demand as new cases double in a week”, Owen Bowcott and Severin Carrell, The Guardian, 23 July 2009,http://www.guardian.co.uk/world/2009/jul/23/swine-flu-website-overwhelmed

38. “Swine flu: medical chief orders NHS to prepare for 65 000 deaths – with a toll of as many as 350 a day”, Daniel Martin, The Daily Mail, 17 July 2009, T, http://www.dailymail.co.uk/news/article-1200012/Swine-flu-Every-child-16-vaccinated--when.html

39. “Glaxo to limit tests of flu vaccine, citing urgency”, Jason Gale and Trista Kelley, Bloomberg Press, 22 July 2009,http://www.bloomberg.com/apps/news?pid=20601102&sid=apkg_4J.PCEw
© Copyright Mae-Wan Ho, Institute of Science in Society, 2009 
Mae-Wan Ho è una genetista britannica famosa per la sua opposizione all'ingegneria genetica. 
Joe Cummins è professore emerito di Genetica del Dipartimento di Biologia dell'Università Western Ontario (Canada). Appartengono entrambi all'Institute of Science in Society.
Titolo originale: "The vaccines are far more deadly than the swine flu"
Fonte: http://www.i-sis.org.uk/  + 
Link
Traduzione per www.comedonchisciotte.org
a cura di Marina Gerenzani

Altra Bibliografia sulla Suina:
1. New details on virus’s promiscuous past”, Jon Cohen, Science 2009, 324, 1127.

2. Garten RJ, Davis CT,Tussell CA et al. Antigenic and genetic charaatcteristics of swine-origin 2009 A (H1N1) influenza viruses circulating in humans. Science 2009, 325, 197-201.

3. Virologist to make his case for lab origin of swine flu”, Peter Duveen, Opednews.com, 4 July 2009, http://www.opednews.com/articles/Virologist-to-make-his-cas-by-Peter-Duveen-090630-103.html

4. Is swine flu a biological weapon ?”, Paul Joseph Watson, PrisonPlanet.com 27 April 2009, http://www.prisonplanet.com/is-swine-flu-a-biological-weapon.htm

5. CDC confirms ties to virus first discovered in U.S. pig factories” Michael Greger, 3 May 2009, http://www.hsus.org/farm/news/ournews/swine_flu_virus_origin_1998_042909.html

6. “Swine flu vaccine should not be given to children in schools”, Barbara Loe Fisher, National Vaccine Information Center, 22 July 2009, http://www.nvic.org/NVIC-Vaccine-News/July-2009/Swine-Flu-Vaccine-Should-Not-Be-Given-to-Children.aspx

7. “Now legal immunity for swine flu vaccine makers” F, William Engdahl, Global Research 20 July 2009, http://www.globalresearch.ca/index.php?context=va&aid=14453

8. Swine flu pandemic now ‘unstoppable’: WHO official”, Agence France-Presse 13 July 2009, Calgary Herald, http://www.calgaryherald.com/Swine+pandemic+unstoppable+official/1788693/story.html

9. What are the dangers of mandatory swine flu vaccination? Dr. Mercola, June 2009, http://blogs.mercola.com/sites/vitalvotes/archive/2009/07/15/What-are-the-Dangers-of-MandatoryMandatory-Swine-Flu-Vaccination.aspx

10. Ho MW. How to stop bir flu instead of the vaccine-antiviral model. Science in Society 35. 40-42, 2007.

11. Jefferson T, Rivett A, Harnden A, DiPietrantoni C, and Demicheli V. Vaccines for preventing influenza in healthy children (Review). Cochrane Database Systematic Review 23 April 2009, http://mrw.interscience.wiley.com/cochrane/clsysrev/articles/CD004879/pdf_fs.html

12. Szilagyi PG, Fairbrother G, Griffin MR et al. Influenza vaccine effectiveness among children 6 to 59 months of age during 2 influenza seasons: a case-cohort study. Arch Pediatr Adolesc Med 2008, 162, 943-51. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18838647

13. Christy C, Aligne C, Auinger P, Pulcino T and Weitzman M. Effectiveness of influenza vaccine for the prevention of asthma exacerbations. Arch. Dis Child 2004, 89, 734-5, http://www.pubmedcentral.nih.gov/articlerender.fcgi?tool=pubmed&pubmedid=15269071

14. Flu vaccination may triple risk for flu-related hospitalization in children with asthma, 25 May 2009, http://www.medscape.com/viewarticle/703235

15. Petrovsky N, Heinzel S, Honda Y, Lyons AB. New-age vaccine adjuvants, friend or foe? BioPharm International 2 August 2007, http://biopharminternational.findpharma.com/biopharm/article/articleDetail.jsp?id=444996&sk=&date=&pageID=5

16. “Update: 1-Baxter can take no more H1N1 flu vaccine orders”, Bill Berkerto, 16 July 2009, Reuters. http://www.reuters.com/article/marketsnews/idINN1644290820090716?rpc=33

17. H1N1 ‘swine flu’ vaccine, postnote, May 2009, number 331, http://www.parliament.uk/documents/upload/postpn331.pdf

18. Avian Influenza (Bird Flu) CDC, 18 November 2005, http://www.cdc.gov/flu/avian/gen-info/flu-viruses.htm

19. Olsen B, Munster VJ, Wallensten A, Waldenstrom J, Osterhaus ADME and Fouchier RAM. Global patterns of influenza A virus in wild birds. Science 2006, 312, 384-8.

20. Hood E. Environews Innovations 2006 Environmental Health Perpectives 114,A108-111.

21. Kistner,O,Tauer,C, Barrett,N. Mundt,W. Method for Producing Viral Vaccines 2009 Patent application US2009/0060950A1

22. Ehrlich HJ, Müller M, Oh HM, Tambyah PA, Joukhadar C, Montomoli E, Fisher D, Berezuk G, Fritsch S, Löw-Baselli A, Vartian N, Bobrovsky R, Pavlova BG, Pöllabauer EM, Kistner O, Barrett PN; Baxter H5N1 Pandemic Influenza Vaccine Clinical Study Team. A clinical trial of a whole-virus H5N1 vaccine derived from cell culture. N Engl J Med. 2008 Jun 12;358(24):2573-84.

23. Ketel.W,Dekker,C,Mink,C,Campbell,J,Edwards,K,Patel,S,Ho,D,Talbot,H,Guo,K,Noah,D,Hill,H.Safety and immunogenicity of inactivated, Vero cell culture-derived whole virus influenza A/H5N1 vaccine given alone or with aluminum hydroxide adjuvant in healthy adults Vaccine 2009 in press doi:10.1016/j.vaccine.2009.03.015

24. “Bird flu mix-up could have spelled disaster”, NewScientist 6 March 2009, http://www.newscientist.com/article/mg20126983.400

25. Kenney RT and Edelman R. Survey of human-use adjuvants. Expert Review of Vaccines April 2003; 2(2):167-88, http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12899569?ordinalpos=5&itool=EntrezSystem2.PEntrez.Pubmed.Pubmed_ResultsPanel.Pubmed_DefaultReportPanel.Pubmed_RVDocSum

26. “Vaccines may be linked to Gulf War Syndrome”, Chiroweb.com, June 12, 2000, http://www.chiroweb.com/mpacms/dc/article.php?id=31730

27. “Homeless people die after bird flu vaccine trial in Poland”, Mathew Day, Telegraph, 2 July 2008, http://www.telegraph.co.uk/news/worldnews/europe/poland/2235676/Homeless-people-die-after-bird-flu-vaccine-trial-in-Poland.html

28. “Homeless people die after trials of bird-flu vaccine”, 10 July 2008, Pharmaceutical Portal for Poland, http://www.pharmapoland.com/next.php?id=62409

29. “Polish industry not dented by deaths”, Emma Dorey, Entrepreneur, 21 July 2008, http://www.entrepreneur.com/tradejournals/article/181991358.html

30. Pandermrix = European Public Assessment Report [EMEA] 27 September 2009, http://www.emea.europa.eu/humandocs/Humans/EPAR/pandemrix/pandemrix.htm

31. Vaccine adjuvant system technology background information. GlaxoSmithKline, accessed 25 July 2009, http://www.gsk.com/media/flu/flu-adjuvant.pdf

32. Collin N, de Radiguès X, Kieny MP; the World Health Organization H1N1 Vaccine Task Force.New influenza A(H1N1) vaccine: How ready are we for large-scale production? Vaccine. 2009 Jun 26 in press doi:10.1016/j.vaccine.2009.06.034

33. 1976 swine flu outbreak, Wikipedia, 22 July 2009, http://en.wikipedia.org/wiki/1976_swine_flu_outbreak

34. Haber P, Sejvar J, Mikaeloff Y and DeStefano F. Vaccine and Guilaain-Barre syndrome. Drug Saf 2009, 32, 309-23.

35. 2009 flu pandemic in the United States”, Wikipdeia, 22 July 2009, http://en.wikipedia.org/wiki/2009_flu_pandemic_in_the_United_States

36. 2009 flu pandemic, Wikipedia, http://en.wikipedia.org/wiki/2009_flu_pandemic

37. “Swine flu website overwhelmed by demand as new cases double in a week”, Owen Bowcott and Severin Carrell, The Guardian, 23 July 2009, http://www.guardian.co.uk/world/2009/jul/23/swine-flu-website-overwhelmed

38. “Swine flu: medical chief orders NHS to prepare for 65 000 deaths – with a toll of as many as 350 a day”, Daniel Martin, The Daily Mail, 17 July 2009, T, http://www.dailymail.co.uk/news/article-1200012/Swine-flu-Every-child-16-vaccinated--when.html

39. “Glaxo to limit tests of flu vaccine, citing urgency”, Jason Gale and Trista Kelley, Bloomberg Press, 22 July 2009, http://www.bloomberg.com/apps/news?pid=20601102&sid=apkg_4J.PCEw

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Il CASO MOSHE - l'FBI lo arresta perche' divulgava documenti segretati sull'influenza suina ed i vaccini
Chi è Joseph Moshe ? In Italia il suo nome è ancora poco conosciuto, ma all’estero è un personaggio molto chiacchierato. Questo microbiologo del Mossad, esperto in malattie delle piante, con numerose pubblicazioni a suo nome riguardanti la manipolazione genetica dei virus, il cui profilo ufficiale è rintracciabile sul sito Biomedexperts.com, nel mese di agosto ha fatto un’inquietante dichiarazione che, se fosse confermata, rappresenterebbe una realtà sconcertante nell’ambito dell’affare virus H1N1. Il problema principale è che non solo non vi è stata alcuna smentita ufficiale di quanto da lui dichiarato, non solo come vedremo vi è stata un’ammissione da parte di uno dei soggetti citati da Moshe, ma quel che colpisce maggiormente è che nei giorni successivi alle dichiarazioni, il Dott. Moshe è stato arrestato dall’FBI con un’operazione degna dei migliori film di spionaggio ed è sparito dalla circolazione.

Le fonti per la storia che stiamo per raccontare sono numerose, per lo più provenienti da articoli di stampa estera come http://www.unfictional.com/category/big-pharma e http://willyloman.wordpress.com/2009/08/24/who-is-joseph-moshe/.
Ma andiamo per ordine.

Nel dicembre 2008, un anno fa quindi, la filiale austriaca della statunitense Baxter inviò alla Avir Green Hills Biotechnology, in Austria, uno stock del virus dell’influenza umana H3N2, alterato in modo che non potesse replicarsi.
Qualche mese dopo, in febbraio, un laboratorio che lavora per la Avir, sito nella Repubblica Ceca, ha successivamente testato su una dozzina di cavie (nel caso furetti) i campioni del vaccino elaborato dalla Baxter. Inaspettatamente le cavie sono morte.
Il laboratorio ha così scoperto che il vaccino avuto dalla Baxter conteneva il virus H5N1 vivo, cioè quello dell’influenza aviaria.

Il laboratorio ha avvisato la Baxter di questo gravissimo fatto e la Baxter ha risposto che i due virus (H3N2 e H5N1) devono essere stati mescolati “per errore”.
Il caso però rimane sospetto in quanto questo tipo di operazioni sono soggette a standard di sicurezza BS3, bio-safety level 3, e una contaminazione casuale del genere è impossibile: l’unico modo per infettare un vaccino contro l’influenza umana con virus H5N1 vivo è con un’azione deliberata.
Se il vaccino fosse stato diffuso, avrebbe potuto causare una strage: il virus H3N2 avrebbe potuto fungere da vettore per il virus dell’aviaria, e le persone infettate sarebbero diventate “incubatrici” per un virus ibrido.

La Baxter aveva inviato 72 chilogrammi di questo vaccino a 18 Paesi europei, ma a tutt’oggi non si sa se effettivamente se questo stock è stato ritirato ed eliminato.

La polizia austriaca ha indagato sulla Baxter, anche grazie alle segnalazioni della giornalista Jane Burgermeister, ed è in corso un tentativo di portare in giudizio la Baxter per questa vicenda (in internet è consultabile il pdf con tutta la documentazione) con l’accusa di tentato genocidio, ma sia la polizia sia i media hanno lasciato il tutto nel silenzio assoluto.
Giungiamo ai pirmi di agosto, quando il Dott. Moshe ha chiamato in diretta lo show radio del Dr. A. True Ott, in onda su Republic Broadcasting, sostenendo di essere un microbiologo e di avere le prove che i vaccini per l’influenza suina H1N1, prodotti dalla Baxter BioPharma Solution,s erano contaminati. Ha detto che il laboratorio ucraino della Baxter di fatto sta producendo un’arma biologica travestita da vaccino. Ha sostenuto inoltre che il vaccino contiene un pericoloso adiuvante (additivo) progettato per indebolire il sistema immunitario e replicare l’RNA del virus responsabile della pandemia dell’influenza spagnola del 1918.

Se questo non fosse già abbastanza grave, Moshe ha dichiarato pure che la Medimmune, titolare del vaccino Flu Mist, uno spray nasale destinato ai bambini in età scolare negli USA, ha brevettato già nel 2008, mesi pirma del rilevamento dei primi casi di influenza H1N1, un virus ricombinato dell’influenza suina e il relativo vaccino spray contenente il virus vivo.

Quelle che seguono sono alcune delle sue affermazioni di Moshe durante l’intervista che si può ascoltare per intero all’indirizzo www.youtube.com/watch?v=CmedEmVmKSA:
- Dr. Moshe: (…) è da mesi che stiamo discutendo l’evidenza che questo è difatti una struttura di “virus rigenerato, creato in laboratorio”. Ora abbiamo parlato del brevetto della Novartis, emesso nel febbraio del 2009, e il paragrafo 32 di quel brevetto dice che questo vaccino che sta creando la Novartis “potrebbe” essere utilizzato per combattere un virus rigenerato.
- Dr. Ott: …è proprio nella fraseologia del brevetto, vero ?
Dr. Moshe: proprio nella fraseologia del brevetto (…) Ci hanno chiamato delle persone che mi hanno chiesto del prodotto “Flu Mist” della Medimmune, il vaccino principale che sarà fornito a tutti i bambini in età scolare…ci hanno chiesto cosa ne sapevamo a proposito, quale fosse la struttura del virus vivo e se potevamo trovare qualcosa in merito. Ed ho pensato, aspetta un attimo, se la Novartis ha brevettato il suo vaccino intramuscolare di sicuro la Medimmune avrà fatto lo stesso, quindi con questa intuizione sono entrato ed ho cercato nel database dell’Ufficio Brevetti Usa cercando qualcosa della Medimmune e…devo dirti cos’ho scoperto, ti scioccherà (…) Il titolo (del brevetto) era fondamentalmente su come strutturare le proteine H ed N del virus.
Beh, scavando in questo brevetto di 148 pagine, che fu concesso nel 2008…indovina…riguarda questo virus di cui stiamo ora parlando.
- Dr. Ott: 2008…
- Dr. Moshe: Si, hanno effettivamente brevettato questo virus !
- Dr.:Ott: Lo sapevano…
- Dr. Moshe: Dico questo perché sono elencate tutte le strutture genetiche che sono state praticamente forzate su questo (virus). (…) E l’ho passato a tre microbiologi per assicurarmi della cosa, per assicurarmi che non stessi leggendo qualcos’altro sulla questione…e non mi hanno risposto via email, mi hanno chiamato al telefono…hanno detto “non ci si può credere, hai assolutamente ragione, hanno brevettato questo virus ricombinato dell’influenza suina/umana/aviaria. Ed ecco come l’hanno fatto, si può confrontare il brevetto con i 6 anni di documentazione pubblicata da Taubenberger, Terrene Tumpey ed altri del gruppo…e se ne avrà conferma. (…)
Beh, è semplicemente sbalorditivo, perché lo spray della Medimmune, ciò che per loro lo rende unico, è la struttura del virus che contiene, perché si sta parlando di una struttura di virus vivo in questo spray! (…)
Questo spray della Medimmune sarà fornito principalmente agli asili, ai bambini delle medie fino all’8a classe…nelle scuole, tramite il programma HHS di Katheleen Sibelius, questo è uno spray indolore e lo spruzzeranno ovunque, lo utilizzeranno in sequenza, ma questi bambini spargeranno questi virus vivi ovunque andranno nell’arco di 3-21 giorni…-
Il pdf del brevetto della Medimmune è consultabile tramite download gratuito da Scribd

http://www.scribd.com/doc/19660910/Medimmune-H1N1-Swine-Flu-Virus-PATENT-2008)
oppure su alcuni siti come fightbackh1n1.com
http://www.fightbackh1n1.com/2009/09/medimmune-patented-h1n1-swine-flu-virus.html,
ma indubbiamente bisogna essere ricercatori ed esperti per comprendere le affermazioni di Moshe dalla semplice lettura del testo.
Ad ogni modo quanto dichiarato è assolutamente grave, ma la storia non finisce qui perché Moshe ha poi proceduto ad informare la Casa Bianca, o almeno ha tentato. Fatto sta che il giorno dopo (14 agosto) accortosi che la sua abitazione era sorvegliata, è saltato in macchina con pochi effetti personali e ha cercato, essendo di doppia cittadinanza, di rifugiarsi presso il consolato israeliano, ma una task-force dell’FBI lo ha bloccato prima, con l’accusa di avere minacciato la Casa Bianca; l’operazione è stata quantomeno singolare, un braccio di ferro durato otto ore.
Il video, reperibile su Youtube, mostra lo spiegamento di forze veramente notevole messo in campo dai federali, aiutati sembra da una squadra SWAT, per fermare il microbiologo che ha resistito, rimanendo nella sua auto, ai loro assalti portati avanti con litri di spray al peperoncino e gas lacrimogeni.
Caso ancora più strano, sul luogo del blocco i federali hanno fatto intervenire un grosso veicolo nero, che montava sul tetto qualcosa come un’antenna a microonde, probabilmente per neutralizzare un cellulare o altri apparecchi di trasmissione con cui Moshe avrebbe potuto contattare i media, o un avvocato, o chiunque potesse soccorrerlo.
Alla fine si è lasciato catturare, ma non è stato arrestato perché non vi erano accuse fondate: l’uomo non aveva espresso alcuna minaccia contro il presidente.

Si è anche ventilato che Moshe fosse un agente o ex-agente del Mossad e la sua inattaccabilità ai lacrimogeni sarebbe dovuta ad una immunità a questo tipo di armi che deriva dall’addestramento degli agenti israeliani. Fatto è che Moshe, poche ore dopo la cattura è stato espulso o mandato in Israele, dove dovrebbe trovarsi tutt’ora, ma non vi è alcuna certezza proprio perché da allora non si hanno altre notizie di lui.
Molte altre notizie interessanti su tutta questa faccenda e sui vari retroscena sono reperibili al link http://www.wikio.it/news/Joseph+Moshe che vale la pena di scorrere.
Ora però delle considerazioni sono d’obbligo. Al momento vi è una tale confusione di informazioni da parte dei media, in Italia come all’Estero, che è quasi impossibile trovare informazioni univoche e pareri concordi su tutto ciò che ruota attorno all’“affaire H1N1”.
Dubbi sulla natura del virus, dubbi sui vaccini, polemiche, allarmismi, notizie ufficiali puntualmente smentite da altrettanti comunicati ufficiali, organi mondiali di ogni tipo le cui dichiarazioni sono in continuo contrasto. In condizioni simili è facile alimentare ipotesi di complottismo e mille altre versioni quasi al limite della fantapolitica che non ci interessa alimentare.

Quello che vale la pena di ricordare è che sul sito della FAO, dopo che ad Aprile 2009 furono individuati i nuovi casi di influenza suina in Messico e isolato il virus H1N1, è apparsa questa nota informativa: “La forma del virus H1N1 attualmente in corso di diffusione è un misto di geni umani, suini e aviari, e si è rivelata essere molto contagiosa, ma non più letale dei comuni virus influenzali stagionali. Tuttavia, potrebbe teoricamente diventare più pericolosa se si combinasse nuovamente con altri virus, ad esempio con il virus H5N1, conosciuto comunemente come “influenza aviaria”, che è molto più letale, ma anche meno contagiosa tra gli uomini. Questo fenomeno è chiamato riassortimento o ricombinazione genetica e può avvenire in casi di infezioni virali simultanee del portatore.”
Un’altra tappa della storia è stata raggiunta a giugno 2009 quando l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha portato a 6 (il massimo) il livello di allarme per la diffusione dell’influenza A. E’ la prima volta in 41 anni che l’Oms porta a 6 il livello di allarme, però è stato precisato che la pandemia è «moderata» quindi l’Oms non ha raccomandato la chiusura delle frontiere né la restrizione nei movimenti di persone, beni e servizi.
La previsione è che la pandemia possa durare da uno a due anni. Il livello 6 segnala un aumento dell’estensione geografica della diffusione del virus, non necessariamente della sua gravità. «Pandemico significa globale, ma non ha connotazioni di gravità», ha puntualizzato il portavoce dell’Oms, Gregory Hartl.
A questo proposito ci sarebbe una parentesi da aprire perché ancora non è chiaro il motivo per cui la definizione di pandemia è stata modificata dall’Oms proprio un mese prima, a maggio 2009. Probabilmente perché confrontandole, appare evidente che con la precedente definizione non sarebbe stato possibile definire l’attuale condizione come livello 6.
Anche il Ministro della Salute italiano Ferruccio Fazio ha affermato che il livello 6 non è dovuto «alla gravità dei sintomi, ma alla grande diffusibilità del virus. Nel caso di una probabile recrudescenza dei contagi, e in assenza di misure di contenimento efficaci a partire dai vaccini, il pericolo è che ci possa essere un’elevata fetta di popolazione che potrebbe essere contagiata, determinando in questo modo un blocco dell’attività e forti danni all’economia dei Paesi».
La vera minaccia però sostiene che sarebbe la nascita di un virus letale dovuto al mescolamento del patrimonio genetico dei virus H1N1 e H5N1: «Un rischio legato alla pandemia della nuova influenza è quello di una possibile trasformazione del virus A/H1N1 in una forma di virus aviario fortemente aggressivo e trasmissibile nell’uomo».
Tornando a Moshe, aldilà di ogni possibile complottismo, non si può restare indifferenti di fronte ad un’affermazione che potrebbe purtroppo ricollegarsi agli ultimi eventi occorsi in Ucraina e di cui ancora poco si parla. Moshe aveva detto che il falso vaccino, in realtà una sorta di arma biologica, era stato prodotto da un laboratorio della Baxter in Ucraina.
Ebbene: proprio l’Ucraina è teatro nelle ultime settimane di una preoccupante pandemia, che dapprima si è presentata come un’influenza, ma poi è peggiorata dopo una settimana, palesandosi come una gravissima infezione polmonare virale.
Segnalata prima nella regione di Ternopil (dove le prime notizie parlavano di febbre tifoide), si sta ora spandendo rapidamente nella zona di Lvov e di Ivano-Franivsk, mettendo a letto decine di migliaia di ucraini.
Al 29 ottobre scorso, i morti erano una cinquantina e alcune centinaia gli ospedalizzati (stime molto più alte di quelle dell’influenza A che invece presenta, nonostante gli allarmismi, una mortalità bassissima, notevolmente inferiore rispetto alla stessa influenza B o stagionale). Le scuole sono state chiuse e il governo ha dichiarato lo stato di emergenza.
Un quarto dei medici che sono stati a contatto coi pazienti si sono ammalati. Apparentemente, è una malattia atipica che nessuno sa come trattare e che qualcuno già chiama «pneumonic plague», peste polmonare (cosa che non è). La pandemia ha messo in allarme la sanità della vicina Polonia. Le autorità locali hanno escluso che si tratti del virus dell’influenza suina.
Cosa dobbiamo pensare? La farmaceutica Baxter è già stata colta con le mani nel sacco a distribuire un vaccino contaminato e potenziale arma di distruzione di massa. Il virus vivo dell’aviaria non sarebbe stato soltanto capace di causare una pandemia, ma avrebbe potuto incrociarsi con il virus stagionale con cui era mescolato, unendo l’alta infettività dell’H3N2 con il carattere letale dell’H5N1. Dopo un lungo silenzio la multinazionale ha ammesso un inquinamento accidentale.

Tuttavia sono in diversi a chiedersi se era veramente accidentale, anche perché tutti sanno che una pandemia può svilupparsi solo se il virus dell’aviaria si combina insieme a un virus influenzale umano, perciò l’unica cosa a cui dovevano stare attenti era non mescolare i virus. Baxter International ha fatto sapere che la contaminazione è stata il risultato di un errore successo nel laboratorio di Orth-Donau, Austria.
Christopher Bona, il direttore della comunicazione globale bioscientifica, ha affermato che il virus liquido non era un vaccino e che è stato sviluppato solo per motivi di sperimentazione. Stranamente però in natura, il virus dell’aviaria non ne vuol sapere di ibridarsi col virus umano dell’influenza. Che qualcuno in Illinois abbia voluto dargli un “aiutino” ? 
E il brevetto della Medimmune del 2008 c’entra qualcosa ? E che dire del fatto che le spedizioni di vaccini della Baxter avvengono per lo più nell’Est Europa, fra Cecoslovacchia, Austria e Ucraina ?

In Polonia, nel 2008, a 350 polacchi senza-tetto fu inoculato un vaccino sperimentale (dietro compenso di 3-4 euro) e 21 di loro morirono. Furono arrestati medici e infermieri e secondo le poche notizie filtrate, era un vaccino convenzionale contaminato da «un medicamento contro l’influenza aviaria».La giornalista austriaca Jane Burgmeister ha denunciato la Baxter per quell’«errore umano», suggerendo già mesi fa che lo scoppio di una seria pandemia avrebbe indotto l’Organizzazione Mondiale della Sanità a portare l’allarme a «livello 6», che imporrebbe la vaccinazione obbligatoria di massa, con vaccini testati e non testati, dato il pericolo imminente. Ciò creerebbe i presupposti di profitti miliardari per le farmaceutiche.
Ribadiamo che l’errore umano invocato da Baxter suona falso per un’azienda che ha il livello BS3: troppi sistemi di sicurezza dovevano essere scavalcati, troppo personale doveva essere sbadato o reso complice. A meno che l’ordine non sia partito dalla direzione generale. Perchè Baxter non ha mandato ai vari laboratori dell’est Europa qualche fiala sbagliata: qui stiamo parlando di 72 chili di un liquido composto da virus geneticamente modificati e vivi della H5N1, virus dell’aviaria), spediti come vaccino.

Più di un sospetto viene dall’enorme allarme mediatico attorno alla pandemia suina. Le mamme angosciate affollano ospedali, studi medici e ambulatori, invocando vaccini di cui però nessuno riesce a fidarsi. I medici e gli operatori sanitari sono i primi a dichiarare di non volersi vaccinare. Gli adiuvanti inseriti nei vaccini (il famigerato MF59, vietato dalla FDA, contenente squalene e mercurio adoperati però nei vaccini delle stesse Baxter, Novartis e Sanofi-Aventis) causerebbero più danni dell’influenza stessa. E intanto pochi media ricordano che in Italia una «normale» influenza si porta via ogni anno, per complicazioni, 8 mila vittime.
In USA, il presidente ha dichiarato l’emergenza nazionale per mille morti di suina; eppure, i dati del Center for Disease Control dicono che ogni anno muoiono in USA, per complicazioni da influenza, 36 mila pazienti.
Silenzio invece sui primi morti non da influenza: ma da vaccino, una donna in Ungheria, quattro persone in Svezia. Reazioni rare, ma possibili, è la solita giustificazione delle autorità.
Intanto con lo stato d’emergenza, possono passare decreti d’emergenza, inclusa, come dicevamo, la vaccinazione obbligatoria di massa.
Ma con quali vaccini ? Con quelli che la Medimmune, nel suo formato spray, dichiara di poter distribuire in dosi considerevoli, tali da coprire in brevissimo tempo la maggioranza delle richieste, rispetto alla potenziale disponibilità di dosi per via intramuscolare prodotte dalle altre farmaceutiche ? Quello stesso vaccino che, pur contenendo virus vivi indeboliti, come afferma la Medimmune, ha fatto sparire di scena Joseph Moshe ?

E’ difficile capire a cosa stiamo andando incontro. Difficile capire chi è in buona fede e chi no. Quel che è sicuro è che pur volendo attenersi alle sole informazioni ufficiali e cercando di non fare illazioni, troppi elementi non tornano e tutta la questione appare torbida.
Nel dubbio e nell’attesa di analizzare gli sviluppi ci sentiamo di raccogliere il consiglio di altri medici.
Il primo è il Dott. John Cannell, psichiatra dello Atascadero State Hospital, California (una struttura di massima sicurezza riservata a criminali considerati “malati di mente”). Questi è riuscito a preservare i suoi pazienti da un violento attacco d’influenza che aveva colpito tutti gli altri reparti nell’aprile 2005. Nessuno dei suoi 32 pazienti ha contratto quella forma influenzale, nonostante avessero contatti con gli altri reclusi.
Tale positivo risultato era dovuto alle dosi elevate di vitamina D che egli aveva prescritto ai pazienti del suo reparto nei quali aveva riscontrato una mancanza di tale vitamina, mancanza comunissima nei nostri paesi industrializzati.
Il dettagliato del suo articolo è consultabile al link http://www.medicalnewstoday.com/articles/51913.php.

Gli altri due medici sono Gorton e Jarvis: nel loro lavoro “The effectiveness of vitamin C in preventing and relieving the symptoms of virus-induced respiratory infections” (Manipolative Physiol Ther, ottobre 1999 vol 22 (8), pag 530-533) hanno dimostrato che la vitamina C è molto più efficace dei vaccini nel prevenire l’influenza e nel mitigarne i sintomi (tre dosi da un grammo al giorno per un adulto a livello preventivo, un grammo ogni ora per sei ore per mitigare i sintomi dell’influenza).
Che dire ? A questo punto se proprio dobbiamo arricchire le tasche delle case farmaceutiche, cerchiamo di farlo finché sarà possibile acquistando vitamine, senz’altro sono meno nocive di vaccini e antivirali.
By Ines Curzio -
FONTE: Universalogos

Quest’opera è stata rilasciata sotto la licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia.
Per leggere una copia della licenza visita il sito web http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/it/ o spedisci una lettera a Creative Commons, 171 Second Street, Suite 300, San Francisco, California, 94105, USA. Creative Commons License Permissions beyond the scope of this license may be available at http://www.glianellimancanti.com
Tratto da: climatrix.org

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Paul Joseph Watson - Monday, April 27, 2009
There are some factors that suggest the swine flu killing people in Mexico may be a biological weapon, but obviously no such conclusion can be drawn at this time. The World Health Organization and the U.S. government have been quick to deny such claims.
The swine flu virus is described as a completely new strain, an intercontinental mixture of human, avian and swine viruses. Tellingly, there have been no reported A-H1N1 infections of pigs.
According to a source known to former NSA official Wayne Madsen, "A top scientist for the United Nations, who has examined the outbreak of the deadly Ebola virus in Africa, as well as HIV/AIDS victims, concluded that H1N1 possesses certain transmission "vectors" that suggest that the new flu strain has been genetically-manufactured as a military biological warfare weapon.
Madsen claims that his source, and another in Indonesia, "Are convinced that the current outbreak of a new strain of swine flu in Mexico and some parts of the United States is the result of the introduction of a human-engineered pathogen that could result in a widespread global pandemic, with potentially catastrophic consequences for domestic and international travel and commerce."
However, it's important to stress that it is far too early to make this assumption. We have to bear in mind that the number of victims has been comparatively low when one considers the fact that hundreds of thousands in Mexico contract infectious diseases every year related to poverty like tuberculosis and malaria.
Fort Detrick, the U.S. Army Medical Command installation that was the source of the 2001 anthrax attacks, is again attracting suspicion in light of the swine flu panic after it was revealed that criminal investigators are probing whether virus samples recently went missing from its biolabs."Chad Jones, spokesman for Fort Meade, said CID is investigating the possibility of missing virus samples from the U.S. Army Medical Research
Institute of Infectious Diseases," reports The Frederick News.
In February, USAMRIID halted their work when virus samples were discovered that were not listed in its inventory. Criminal investigators from the U.S.
Army Criminal Investigation Division unit at Fort Meade are now probing whether virus samples are missing from the Army's top biolab, which also studies pathogens including ebola, anthrax and plague.
Obviously, in light of the current swine flu scare, and the new strain's possible synthetic origin, the fact that virus samples may have gone missing from the same Army research lab from which the 2001 anthrax strain was released is extremely disturbing.
A 2008 FBI and DOJ investigation concluded that Bruce Edwards Irvins, a microbiologist, vaccinologist, and senior biodefense researcher at the United States Army Medical Research Institute of Infectious Diseases (USAMRIID) in Fort Detrick, Maryland, was responsible for mailing anthrax to members of Congress and the media in September and October 2001.
The fact that Irvins apparently committed suicide shortly before the announcement led many to suspect that he was a patsy in a wider plot.
Despite the suspicious circumstances, no autopsy was carried out on Irvins' body. His attorney was certain that Irvins, who had cooperated with the 6-year investigation, was innocent of the five anthrax deaths.
The Department of Justice initially considered Dr. Steven Jay Hatfill to be a strong suspect in the anthrax attacks, but he later sued the government and won $5.8 million in damages.

A New York Times piece on Irvins' suicide asked the hypothetical question: "What if Dr. Hatfill had committed suicide in 2002, as friends feared he might ? Would the investigators have released their evidence and announced that the perpetrator was dead ?"
Fears that a mass pandemic was being readied as a biological attack have rumbled on in the conspiracy community ever since 9/11. Investigators point to the highly unusual number of deaths of top microbiologists to suggest  that people with knowledge of the program are being eliminated.

Tratto da: en.wordpress.com

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Missing vials of a potentially  dangerous virus have prompted an Army investigation into the disappearance from a lab in Maryland
. Fort Detrick is the home of the Army's top biological research facility.
WASHINGTON (CNN) - Wed April 22, 2009
The Army's Criminal Investigation Command agents have been visiting Fort Detrick in Frederick, Maryland, to investigate the disappearance of the vials. Christopher Grey, spokesman for the command, said this latest
investigation has found "no evidence of criminal activity."
The vials contained samples of Venezuelan Equine Encephalitis, a virus that sickens horses and can be spread to humans by mosquitoes. In 97 percent of cases, humans with the virus suffer flu-like symptoms, but it can be deadly in about 1 out of 100 cases, according to Caree Vander Linden, a spokeswoman for the Army's Medical Research Institute of Infectious Diseases. There is an effective vaccine for the disease and there hasn't been an outbreak in the United States since 1971.
The vials had been at the research institute's facility at Fort Detrick, home of the Army's top biological research facility, for more than a decade.
The three missing vials were among thousands of vials that were under the control of a senior scientist who retired in 2004. When another Fort Detrick scientist recently inventoried the retired scientist's biological samples, he discovered that the three vials of the virus were missing. The original scientist's records about his vials dated back to the days of paper-and-pen inventories.
During the investigation, the retired scientist and another former Fort Detrick researcher cooperated with investigating agents and, according to Vander Linden, they came back to the facility to help look for the vials.
Vander Linden said the investigators know that several years ago an entire freezer full of biological samples broke down and all the samples had to be safely destroyed. But a complete inventory of what was in the freezer was not done before the samples were destroyed. Vander Linden said there's a "strong possibility" the vials were in that freezer and destroyed, but that isn't known for sure.
This investigation comes two months after all research at the research institute facility at Fort Detrick was halted for a complete computer-based inventory of all disease samples at the fort. That inventory is expected to be complete before summer and may help solve the mystery of the three
missing vials, officials said.
The Army investigation is in its final stages and is expected to be closed soon.
Fonte: http://www.cnn.com/2009/US/04/22/missing.virus.sample/index.html


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Ci risiamo l’influenza colpisce ancora - Ma nessuno di preoccupa del ruolo degli allevamenti intensivi nella genesi delle pandemie

“Possiamo dedurre che eventi epidemici di grandi dimensioni territoriali e di rilevante gravità sanitaria possono evolvere dall’affermarsi di ceppi virali geneticamente ibridi tra quelli umani e quelli aviari in cui ci sia la presenza combinata di siti antigenici parentali per cui la popolazione dimostri una copertura immunologica scarsa; tali ceppi possono originarsi dal riassortimento genico tra virus umani ed avicoli che può avvenire quando si ha la contemporanea presenza dei sottotipi parentali in “frullatori” quali il suino, ospite sensibile ad ambedue i ceppi, o l’uomo infettato accidentalmente da virus aviari a causa delle condizioni epidemiologiche degli uccelli da allevamento e dalla normale influenza.
Su base storica si può ipotizzare una frequenza di pandemie influenzali di tre o quattro volte per secolo con l’insorgenza di questi nuovi sottotipi virali ad alta trasmissibilità interumana per cui, pur non essendo prevedibile la sua comparsa, è possibile, vista la distribuzione negli ultimi decenni del ‘900 e le infezioni umane descritte dal ‘97, un nuovo episodio entro pochi anni "(Cazzola).

La sindrome della febbre suina in Messico non è nient’altro che la "vecchia" influenza aviaria che ritorna, dal momento che non è mai andata via.
Non si capisce perché adesso si utilizzi una definizione diversa da quella ormai consueta di influenza aviare, in quanto il virus chiamato in causa adesso è l’H1N1 ovvero un Ortomixovirus, un tipo di virus che si contraddistingue per avere moltissimi sottotipi, fatto che ha portato a identificare le diverse varianti con le due lettere H e N e una serie di numeri per ogni lettera, 1,2 3, ecc. Il virus dell’aviaria era H5N1 quello odierno, come detto, H1N1.
Per un caso non tanto strano, se la tipologia sarà confermata, si tratta dello stesso agente virale che aveva causato la famosa ‘spagnola’, l’influenza che ha ucciso più di cento milioni di persone in tutto il mondo subito dopo la prima guerra mondiale.
Al tempo la condizione sanitaria della popolazione era più fragile di quella attuale e questo è importante da capire perché si deve ricordare che le malattie, per svilupparsi, richiedono sia la presenza dell’agente infettante, virus o batterio, come uno stato immunitario insufficiente e condizioni ambientali predisponenti, ad esempio il freddo intenso. Per questo il virus oggi dovrebbe a fare meno paura che quasi cent’anni fa, per la migliore situazione sanitaria delle popolazioni in generale.
Perché il virus dai volatili o dai maiali passa all’uomo?
Da un punto di vista scientifico si ammette che i volatili siano il serbatoio di questi virus, i quali passando da animale ad animale possono mutare le loro caratteristiche, cioè diventare più virulenti, cambiare il potere infettante, cioè colpire animali che prima non erano colpiti, ecc..
Il modo con cui avviene la trasformazione è stato studiato a fondo. Passando da animale ad animale trova condizioni immunitarie diverse, le quali interferiscono con la sua struttura genetica e facilitano la modificazione del patrimonio genetico.
È naturale che tali modificazioni siano più facili laddove vi sia una grande concentrazione di animali con caratteristiche immunitarie diverse come può avvenire negli allevamenti industriali, dove gli animali sono sottoposti a stress e a continui trattamenti terapeutici, per cui si generano le condizioni migliori per indurre la trasformazione dell’agente virale.
Il virus, proprio per le sue possibilità di modificarsi, ha elevate capacità di adattarsi ad altri soggetti cioè di colpire altre specie animali, per quello che viene definito il «salto di specie», passando da quella normalmente parassitata ad altre. E questa possibilità è ciò che lo rende più pericoloso per la specie umana.
I suini sono sensibili sia ai virus influenzali umani sia a quelli aviari, è quindi abbastanza comprensibile che siano loro i responsabili del riassorbimento genetico del virus, tale da renderlo patogeno per la specie umana. Questo probabilmente è quanto avvenuto e sta avvenendo in Messico e si sta diffondendo nei vicini Stati Uniti, dal Kansas alla California allo stato di New York come nel Regno Unito e in Nuova Zelanda (il rischio di pandemia quindi è reale ed è anche medio-alto, secondo l’Oms).
Come sempre accade le autorità sanitarie si preoccupano sia per la salute sia di non provocare, come dicono, il ‘panico’ nel mercato che potrebbe mettere a rischio la filiere produttive degli animali da allevamento. Qual è allora la situazione reale o realistica? ...

Il virus H1N1 ha subito una trasformazione, un riassorbimento genetico e ha assunto a capacità di contagiare non solo i suini ma anche gli esseri umani. La trasmissione avviene tramite gli escreti, cioè il catarro bronco polmonare e le feci e non con la carne.
Tramite gli escreti il virus, di cui però non è stato comunicato il potere infettante, cioè quanto virus occorre per trasmettere effettivamente la malattia, può diffondersi e permanere nell’ambiente dal quale per scarsa igiene, per inalazione o per contaminazione degli alimenti può essere introdotto dalle persone che avranno conseguenze diverse proporzionalmente alle loro condizioni di salute. Se gli individui sono immunologicamente deboli saranno colpiti in maniera più grave.
Alcune ulteriori osservazioni sono d’obbligo per chi, come noi, da anni si occupa di salute pubblica, di salute animale, di ecologia e di rispetto della vita animale.
In queste ore dai media ci viene detto che la forma potrebbe trovare giovamento da terapie a base di Tamiflu, di cui raccontiamo la storia completa qui sotto, però è utile conoscere alcune notizie.
Si deve ricordare che il Tamiflu non è stato giudicato a livello scientifico avere grandi poteri contro i virus ciononostante con l’influenza aviare, nei cui confronti non è stata ugualmente accertata la sua utilità, ha conosciuto una fortuna tanto alta e incredibile che ha portato ad esaurire tutte le scorte, fino a quel momento invendute, ed ha garantito profitti di miliardi di euro ai suoi produttori. Tanto grandi che solamente Donald Rumsfield, che possedeva azioni della ditta che per prima aveva sviluppato l’Oseltamivir, il principio attivo del Tamiflu, ha guadagnato un milione di dollari.
Dopo un rallentamento delle vendite di alcuni anni ora la nuova sindrome promette di rinnovare i fasti commerciali del Tamiflu.
Un ulteriore elemento su cui occorrerebbe riflettere è quello interente il problema degli allevamenti intensivi. Come si è detto, sono loro i principali sospettati per indurre la trasformazione dei virus e renderli capaci di saltare le specie!
Una prima conseguenza di ciò è che le pandemie sono sempre più comuni e frequenti perché sostenute da un sistema zootecnico intensivo globale che non si pensa di modificare.
Infatti le autorità sanitarie non si preoccupano minimamente di intervenire per contenerne l’espansione anzi li sostengono anche con contributi pubblici. Però è ugualmente degno di nota che gli allevamenti industriali siano ritenuti una necessità in quanto le richieste dei consumatori e dell’industria di avere sempre maggiori quantità di cibi di origine animale, anche carne di maiali e salumi, richiedono questi sistemi zootecnici industrializzati. È però necessario un altro corollario. È chiaro che i cittadini, le persone devono comprendere che sono anche loro a indurre quei sistemi con la smodata richiesta di carne e che il loro comportamento di fatto genera una delle probabili cause delle pandemie ricorrenti.
By Enrico Moriconi - Tratto da: enricomoriconi.it

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Nella valle del contagio: Il virus è partito da qui
- Repubblica - 29 aprile 2009
La valle del Perote è duecento chilometri a est della capitale. E' in questa zona montagnosa, poco frequentata se non per chi è di passaggio verso Veracruz e il Golfo del Messico, che la grippe porcina potrebbe aver iniziato il suo contagioso viaggio in giro per il mondo. Ai piedi di queste montagne la "Granjas Carroll" ha creato quindici anni fa quello che, con orgoglio tutto messicano, viene definito il più «grande allevamento di maiali al mondo», un milione di suini, finiti adesso sotto accusa come responsabili della "peste del nuovo secolo".
Prove certe che sia iniziato tutto da qui non ce ne sono, ma gli indizi sono diversi. Tra dicembre e marzo nella comunità La Gloria, piccolo pueblo vicino ai grandi stabilimenti della "Granjas Carroll" cinquecento persone hanno avuto problemi respiratori «atipici» e due bambini sono morti di polmonite.
Nell' ultimo mese gli abitanti avevano inscenato diverse proteste, contro il governo locale (reo di «nascondere la verità») e contro l' azienda, installando lungo le strade cartelli stradali con disegnato un maiale e la scritta «pericolo !».
Per loro il dubbio è diventato certezza quando lunedì sera il ministero della Sanità ha ammesso che Edgar Hernandez, un bimbo di quattro anni, è stato contagiato dalla grippe porcina il 2 aprile scorso.
Edgar è adesso fuori pericolo, ma la data del contagio fa di lui il primo caso di virus accertato, in parallelo con Adele Maria Cruz, la "paziente zero" morta il 13 aprile scorso.
Per i pobladores di La Gloria lo sterminato allevamento di maiali ha contaminato le acque della zona, i suoi gas di scarico hanno inquinato l'aria e l'influenza mortale rischia di esplodere «con una virulenza incontrollabile». Accuse che la "Granjas Carroll" e il governo locale respingono come totale falsità.
Come prova a discarico l'azienda suina - società messicana con partecipazione americana che esporta anche in Europa (Francia, Spagna e Romania)- ha portato delle cifre che non lasciano dubbi.
Nessuno dei suoi dipendenti risulta ammalato, nessuna delle persone contagiate ha mai avuto contatti con la "Granjas" o con i maiali dello stabilimento: "Granjas Carroll
applica sistematicamente e permanentemente ai suoi maiali i vaccini per l' influenza. Le dosi sono somministrate da un laboratorio di prestigio internazionale, la Pfizer (NdR: BIG PHARMA)".
Il governatore di Veracruz si è spinto ancora più in là. Per lui la grippe porcina nasce molto lontano dal Messico («in qualche zona dell' Asia») e sarebbe arrivata fin qui attraverso immigrati asiatici che lavorano negli Stati Uniti. Tesi quantomeno singolare, che il governo locale giustifica con il fatto che il Messico è un «paese ricettore e non generatore dell' influenza classificata come A/H1 N1». Anche la autorità sanitarie locali escludono che il virus-killer sia partito da La Gloria. Secondo studi non meglio precisati l' infezione sarebbe partita da un immigrato rientrato dagli Stati Uniti che l' avrebbe trasmessa alla moglie, la quale a sua volta, avrebbe infettato le donne della piccola comunità. Alla domanda su come mai a La Gloria (località povera, dove l' igiene lascia a desiderare e l' influenza stagionale ha colpito metà degli abitanti) non ci sia - a parte il piccolo Edgar - un' epidemia di grippe porcina, nessuno sa dare risposte esaurienti.
Da Città del Messico il ministro della Sanità Josè Angel Cordova ha spiegato che a Perote si era sviluppata una forma di «influenza particolarmente grave» ma che erano stati conservati solo i prelievi del piccolo Edgar.  Quando si è iniziato a parlare del nuovo virus sono stati nuovamente analizzati, arrivando alla certezza che era stato contagiato. Il fatto che il virus sia passato dai maiali all' uomo non è stato ancora «accertato con sicurezza scientifica», fanno notare al ministero della Sanità.
I casi di Città del Messico «provano che la diffusione avviene da umano a umano», anche se è possibile che tutto sia partito dalla valle del Perote «considerato che nella capitale lavorano migliaia di persone che arrivano da quell' area».
Per provare a risolvere ogni dubbio a La Gloria sono attesi gli esperti del centro gestione crisi della Fao.
A scopo precauzionale la "Granjas Carroll" è stata dichiarata off-limits e attorno al piccolo pueblo le autorità hanno creato un cordone sanitario. - By Alberto Flores D' Arcais - Tratto da: larepubblica.it - 29/04/2009

Commento NdR: circola in internet una notizia, da far gelare il sangue: ....che la Baxter che e' un produttore di vaccini, avrebbe deliberatamente rilasciato in acquedotti in varie citta' del mondo un certo quantitativo di virus della suina A, H1N1 per cercare di propagare l'influenza suina.....

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

L’allarme mondiale per la pandemia Messicana della febbre suina
Passando alle cose più serie e ai fatti del giorno, c’è stato di  Allerta-5 da parte dell’OMS, e pare che il tetto massimo del livello 6 sia solo una questione di ore. Negli USA è stato dichiarato lo stato di emergenza nazionale. Città del Messico è in quarantena, e pertanto nel caos più totale.
Qualcuno gioca con le cifre e tende a minimizzare, mentre i morti accertati sono 140 su un totale di 1600 persone colpite da un’influenza robusta, con febbre alta, letargia, difficoltà respiratorie, e a volte pure vomito e diarrea.
In realtà minimizzare sarebbe la cosa giusta, ma bisogna capire chi minimizza e perché lo fa.
Si minimizza, per adesso, nel settore agroalimentare, per evitare quel panico che porta a danneggiare la porco-economia e la bovino-economia, che sono l’asse portante di un mondo carnivoro zoppo e debosciato. Qualche altro, infatti, massimizza e soffia sul fuoco della paura e del panico.
Saranno forse nemici in concorrena l’uno contro l’altro ? Niente affatto. Sono amici per la pelle e con legame ombelicale a doppia mandata.
Si alternano semplicemente nei loro giochini.
Un colpo al cerchio (Niente paure e niente panico, mangiate maiale e mangiate bistecca, mangiate uova e mangiate formaggio!), e un colpo alla botte (Spaventatevi gente, terrorizzatevi a morte, e soprattutto correte a fare diagnosi, mammografie, raggi alle vagine e ai testicoli, passando poi una volta per settimana ai centri vaccinazione), e alla fine si incontrano tutti assieme appassionatamente ai loro party, dove si brinderà alla ripresa dell’economia mondiale, e ai rally verso l’alto dei titoli farmaceutici.

Si chiama A-H1N1, ed è un mostriciattolo
Tali cifre tendono a variare in continuazione e probabilmente saranno almeno raddoppiate e triplicate quando queste righe arriveranno al lettore. Il responsabile viene sintetizzato con la sigla A-H1N1, un mostriciattolo, un virus ibrido sinora mai rilevato negli umani.
Gli esperti del CDC di Atlanta  (Center Disease Control),  il Centro Prevenzione Malattie più famoso al mondo, sembrano allarmati, ma in realtà non vedevano l’ora che ciò accadesse.
Più grosse ed imponenti le epidemie e più importanti loro si sentono.
Questo genoma è una mescola contenente segmenti genetici provenienti da altri quattro virus: quello dell’influenza suina e dell’aviaria del Nord America, quello dell’influenza umana e quello dell’influenza suina eurasiatica. Un cocktail nuovo e sconosciuto al sistema immunitario umano, ha commentato Pietro Corvari, epidemiologo dell’Istituto di Medicina Preventiva dell’Università di Genova.

Via libera alla carne di maiale da parte della congiura Carne-Cancro-Pandemia-Vaccino
L’infezione si starebbe trasmettendo da uomo a uomo a velocità assai superiore a quella dell’aviaria.
L’influenza suina colpisce le vie respiratorie nasali e in genere non contagia l’uomo, anche se possono verificarsi casi sporadici nelle persone a stretto contatto coi maiali.
Il CDC, nei cui uffici, nota bene, venne pianificato, disegnato e lanciato l’AIDS (che in origine si chiamava GRID, ovvero Gay Related Immunodeficiency Disease), come riportato dal professor Peter Duesberg nel suo best-seller Aids, il virus inventato, rientra sempre nel ristretto gruppo di amici del  Codex Alimentarius. Nulla di strano se il CDC si è affrettato a dichiarare che il virus messicano non può essere trasmesso per via alimentare, ma solo per via respiratoria.
E’ una questione di gioco di squadra.
La carne fa bene ai produttori (che se ne strafregano dei maiali come degli uomini), fa bene alla sanità (che grazie al consumo di carne si ingrossa, e se ne strafrega dei sani e dei malati), fa bene al sistema farmaceutico che tifa intensamente a favore di un pianeta al 100% sulla sedia a rotelle, col motorino sulle ruote ben si intende, per accedere in modo rapido alle superfarmacie di domani.

Per la Congiura del Male questa Peste Suina è un ottimo campo di allenamento per affilare le armi
Anche il CDC fa parte della Congiura del Male contro l’Umanità.
Tutti i maggiori enti mondiali della sanità e dell’alimentazione ne fanno purtroppo parte, con in testa la FDA, il WHO, la OMS, la NDC (National Dairy Council), come ne fanno parte i cartelli mondiali e le multinazionali tipo Monsanto, Bayer, Pfizer, Gsk (GlaxoSmithKline), Aventis, PhilipMorris, Unilever, Nestlé, Danone, regolarmente collegati e coinvolti nel sinistro Codex Alimentarius.
Ed hanno, ben s’intende, le spalle coperte dal sistema bancario (Rockefeller Bank in testa), dalle Sette Sorelle del petrolio, dai servizi segreti, e dalle alleanze politiche inestricabili con partiti e governi.

Il tam-tam a livello mondiale è dunque quello di via libera alla carne di maiale.
Se i porcellini si illudevano di usufruire di un bonus, ovvero di un rallentamento nelle macellazioni, di una vacanza dei loro boia, possono scordarselo da subito.
Tra le puttanate dell’AIDS, del Papillovirus e della Peste Suina, abbiamo ai nostri piedi il mondo intero
Macelli a pieno regime e magari con qualche incremento, data l’intensità della campagna pubblicitaria a favore della carne di suino e della carne in genere.
Tranquilli i porco-allevatori e contenti i fabbricanti di mascherine.
Ma quelli che gongolano di più sono i monatti, gli untori e i lazzarettieri, ovvero i fabbricanti di vaccini, tipo la GSK (GlaxoSmithKline), per le ottime prospettive che si stanno spalancando.

Cio significa che: Mondo spaventato mondo vaccinato.
Si stanno ripetendo i grandi fasti e le atroci buffonate dell’aviaria e della SARS.
Più spaventi la gente e più guadagni, lo sanno ormai a memoria.
Tra le puttanate trascorse e presenti dell’AIDS, quelle del Papilloma Virus e quelle della Peste Suina, abbiamo finalmente il mondo intero ai nostri piedi, gongolano gli emissari del Cartello Farmaceutico Mondiale, inglobati nel solito  Codex Alimentarius che si appresta a prendere in mano le redini del mondo intero.
By Valdo Vaccaro - Direzione Tecnica AVA-Roma (Associazione Vegetariana Animalista) - Direzione Tecnica ABIN-Bergamo (Associazione Bergamasca Igiene Naturale)

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Emittente del Nicaragua associa la febbre porcina alla guerra chimico-biologica

PL - L'emittente nicaraguense Radio La Primerísima ha trasmesso un allarme sull'elaborazione delle armi chimiche nei laboratori del Pentagono e sui milionari benefici per le transnazionali farmaceutiche.
L'emittente, nello spazio dedicato alla febbre porcina ha segnalato nello spazio di stampa situato nella sua pagina digitale che cita un'informazione di Radio Pacífica, sull'attuale epidemia che minaccia il mondo.
Nel caso della febbre e delle case farmaceutiche, si riferisce ai Laboratori Gilead Sciences Inc, diretti Donald Rumsfeld, ex segretario alla Difesa statunitense, che ha i diritti sul farmaco "Tamiflu".
Questo medicinale si vende come rimedio per l'influenza ed ha già fatto guadagnare cifre stratosferiche con l'influenza aviaria.
La Primerísima ha segnalato che un rivelatore lavoro d'investigazione di Informativo Pacífica, elaborato dal collettivo giornalistico che ha la base in California Pueblos Sin Fronteras, pone vari interrogativi che i media egemonici di comunicazione hanno dimenticato di considerare, nel loro affanno di provocare terrore.

Qual'è origine del nuovo virus che ha già ammazzato un centinaio di persone in Messico ?
Un rapporto di Fernando Velázquez su un articolo dell'investigatrice Lori Price nel sito web globalresearch.ca , intitolato "L'influenza tocca le note della tortura".
Il testo segnala che la febbre porcina fabbricata probabilmente nei laboratori militari degli Stati Uniti è finita sui memorandum sulla tortura ordinata dalla CIA contro i prigionieri a Guantánamo, Abu Ghraib, ed in altre prigioni segrete.
Price sottolinea nel suo studio che l'attuale isteria provocata dal virus porcino potrebbe apportare grandi guadagni a Donald Rumsfeld.
L'ex segretario alla Difesa è direttore da 20 anni del laboratorio Gilead Sciences, Inc., la firma con sede in California che fabbrica ed ha i diritti sul "Tamiflu", presunto rimedio per malattie che terrorizzano il mondo.
I comunicatori degli USA indicano che il laboratori militarizzati in tutti gli USA perfezionano armi biologiche con i virus porcini aviari, l'asiatico e altre malattie per le quali non esiste risposta immunologia.
Per esempio il giornalista Fernando Velázquez ricorda il libro "Uccidendo la speranza", in cui William Bloom ricorda come nel 1971 la CIA consegnò a degli esiliati cubani un virus che provocò la febbre porcina africana nell'Isola di Cuba.
Sei settimane dopo, un'epidemia della malattia obbligò il governo cubano a sacrificare mezzo milione di maiali.
Dieci anni dopo la popolazione fu attaccata da un'epidemia di "dengue" trasmessa dalle zanzare che fece ammalare 300.000 persone, uccidendone 158 tra le quali un centinaio di bambini piccoli. Il dengue prima non esisteva in Cuba.
By Radio La Primerísima - Mag. 2009

BIG PHARMA non ha bisogno di distribuire virus.....tanto li iniettano gia' con i vaccini virali....alla popolazione ignara e spaventata e per di piu' con il loro "consenso".....poveretti  !

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Nella descrizione dei moduli per il consenso informato, viene specificato che il vaccino FOCETRIA (Novartis) contiene un adiuvante che potenzia l'azione del vaccino (sappiamo bene che si tratta del tossico squalene) ed un conservante al mercurio del quale si legge che è da tempo utilizzato in molte preparazioni farmaceutiche.
Ah sì ?!
E come mai ci sono medici che si lamentano della presenza del mercurio nei vaccini affermando che ormai tali conservanti non si utilizzano più perchè sono nocivi ?
Wolfram Hartmann, presidente dell'Associazione professionale dei pediatri e medici per l'adolescenza accusa il governo tedesco di "disinformazione scientifica". "Il vaccino non è testato su di loro e quindi il rischio è semplicemente troppo grande perché venga usato adesso senza esitazione. - dice il dottor Hartmann - I bambini hanno un sistema immunitario che tende a reagire in modo eccessivo e che potrebbe essere sovraeccitato dall'aggiunta dei coadiuvanti. Inoltre nel vaccino è stato incluso anche il mercurio come conservante. Al giorno d'oggi questa roba è tenuta fuori dai vaccini per i bambini".
E se fa male ai bambini non crediate che faccia tanto bene agli adulti !

In realtà il mercurio è stato utilizzato per molto tempo come conservante nei vaccini, e dopo le polemiche suscitate dai fortissimi effetti avversi a carico del sistema nervoso e del sistema immunitario (nonchè di quello renale), dopo che sono state raccolte ampie prove del fatto che il mercurio sia la causa principale (se non l'unica) dell'insorgenza dell'autismo, in molte nazioni il conservante a base di mercurio è stato eliminato dai vaccini.
"Curiosamente" esso viene ancora utilizzato nelle preparazioni multidose dei vaccini influenzali, che ovviamente costano in proporzione un po' di meno di quelle monodose (prive di mercurio). Ed altrettanto "curiosamente" il primo medico vaccinato in Italia è stato sottoposto ad un vaccino monodose, e quindi senza mercurio, almeno a quanto riporta la cronaca (non mi meraviglierei se in realtà abbiano iniettato al medico in questione solo un po' di acqua distillata tanto per fare una bella fotografia propagandistica da diffondere sui mass media).

Ma leggendo un simile modulo di "consenso informato" (informato?) l'utente medio, dopo aver letto che c'è il coadiuvante che potenzia l'effetto (come suona innocua la cosa!), ed il conservante al mercurio da tempo utilizzato in molte preparazioni farmaceutiche si convince che il vaccino è sicuro, firma e si fa vaccinare.
Ma guardate un po' cosa troviamo sul sito dell'Azienda Sanitaria di Firenze (toh !, pagina rimossa, ma di cui si conserva memoria in google) : L'azienda Europea per i medicinali (EMEA) nel giugno 200 ha raccomandato alle ditte produttrici di vaccini di attuare un piano d'azione per eliminare i conservanti contenenti mercurio, principalmente tiomersale [o thimerosal], dai vaccini.
Quindi possiamo dire che da tempo il mercurio si utilizza (purtroppo) nei vaccini ma ormai ci si è accorti da tempo del danno che fa e si sta (lentamente, troppo lentamente) cercando di rimediare. L'Italia, guarda caso, è una delle nazioni più lente nell'eliminare i vaccini al mercurio, dato che ne ha rimandato continuamente la messa al bando, pur se il ministero della salute ne ha ammesso la nocività .

Ma pur decretando l'eliminazione del mercurio l'agenzia europea per i medicinali cerca di farci credere che non è il caso di evitare quelli al mercurio ancora in circolazione, perchè il danno eventuale del mercurio sarebbe minore del pericolo conseguente ad una mancata vaccinazione. Va bene, abbiamo capito, forse vogliono permettere alle case produttrici di finire le scorte dei vecchi vaccini al mercurio, avvelenandoci nel contempo, grazie di cuore!
E così le ASL riportano anche loro (vedi questo opuscolo) che l'unico effetto delle vaccinazioni al tiomersale (conservante a base di mercurio) sarebbe una lieve reazione nella zona della puntura, e cita un documento dell'OMS che parla di un rischio teorico di tossicità da mercurio.

Ah già, sarà per questo "rischio teorico" che hanno eliminato i termometri al mercurio ?
E come mai i bambini che ricevono vaccini al mercurio sviluppano l'autismo e quelli che non si vaccinano l'autismo non lo sviluppano mai ?
Gli Amish sono una comunità religiosa negli USA che non fa vaccinare i propri figli, fra di loro non si registra nessun caso di autismo ... a meno che non si tratti di bambini adottati !

Del resto recenti analisi statistiche basate su dati ufficiali del CDC (Center for Disease Control) mostrano che i bambini che ricevono vaccini al mercurio hanno una probabilità 27 volte maggiore di contrarre l'autismo rispetto a chi non assume tali vaccini.
E come mai molti bambini che scelgono di seguire le indicazioni terapeutiche dell'associazione Defeat Autism Now (DAN) guariscono parzialmente o completamente dall'autismo seguendo un protocollo medico basato sulla disintossicazione dal mercurio e dall'infezione di candida albicans (a sua volta causata dal mercurio che abbassa le difese immunitarie) ?

E adesso due paroline sullo squalene, dal momento che tanta gente, anche "dottori di chiara fama", afferma che lo squalene non è pericoloso dal momento che "è naturale e già prodotto dal nostro organismo" e che lo si può anche mangiare senza problemi. Come se ingerire una sostanza o averla iniettata fosse la stessa cosa !
Se io mangio il sanguinaccio lo digerisco e ne assimilo le componenti nutrienti, ma se io prendo del sangue di maiale e me lo inietto non fa certo lo stesso effetto, e ci potrebbe essere anche una pesante reazione di rigetto da parte dell'organismo di quelle proteine estranee somministrate per una via innaturale. Del resto lo squalene viene descritto in questo modulo come adiuvante che potenzia l'azione del vaccino, ma ciò vuol dire che tale composto iniettato (e non mangiato) aumenta la reazione immunitaria. E cosa succede quando il sistema immunitario viene sovraeccitato, quando la risposta immunitaria del nostro organismo passa il segno ? …Si sviluppano delle malattie autoimmuni !

Questo dovrebbe spiegare come sia possibile che la micropaleontologa dottoressa Viera Scheibner, che ha condotto ricerche sugli effetti collaterali negativi dei coadiuvanti nei vaccini, scriva quanto segue sullo squalene.
Lo squalene "ha contribuito alle reazioni a cascata denominate Sindrome del Golfo, artrite, fibromialgia, linfoadenopatia, eruzioni cutanee, eruzioni cutanee fotosensitive, eruzioni cutanee alle guance, sindrome da fatica cronica, cefalea cronica, perdita anormale di peli, lesioni cutanee inguaribili, stomatite aftose, vertigini, debolezza, perdita di memoria, colpi apoplettici, cambiamenti dell'umore, problemi neuropsichiatrici, effetti negativi sulla tiroide, anemia, elevato indice di eritrosedimentazione, lupus eritematoso sistemico, sclerosi multipla, Sclerosi Laterale Amiotrofica (ALS), fenomeno diRaynaud, sindrome di Sjorgren, diarrea cronica, accessi di sudore notturno e leggera febbre."

Forse capite adesso perchè negli Stati Uniti tale sostanza è vietata !

Concludo citando una parte dell'ottimo articolo di Debora Billi dal titolo vaccino squalene thimerosal e altre piacevolezze riservandomi in un prossimo futuro di chiarire come la dose di squalene presente in questi vaccini contro l'influenza suina sia maggiore di quella presente nel 1991 nei vaccini contro l'antrace, la principale causa di insorgenza della Sindrome del Golfo.

Ma cos'è lo squalene ? E' anzitutto un idrocarburo, viene prodotto da molti organismi, squali in primis, inoltre è un precursore degli steroidi, del colesterolo e della vitamina D. Hauna sua utilità, infatti viene usato anche come integratore alimentare e inserito in creme cosmetiche per le sue virtù idratanti. Proprio un bravo ragazzo.
Ma come spesso accade per le cose buone c'è il risvolto della medaglia. Tutt'altra faccenda, infatti, è iniettarselo. Che succede quando si inietta lo squalene ? Che il sistema immunitario accorre in massa a combatterlo, e già che ci si trova ha una risposta migliore anche al principio del vaccino. Fin qui la teoria: un po' terra-terra,direi. Manca però la parte fondamentale: il sistema immunitario, nella sua logica, non si limita a combattere lo squalene surrettiziamente introdotto dall'esterno, ma da quel momento avversa anche tutto lo squalene presente nell'organismo.
Le conseguenze ?
Qui si fa interessante. Uno studio (pubblicato da Experimental and Molecular Pathology ) sostiene che il 95% dei veterani affetti da Sindrome del Golfo presentano anticorpi per lo squalene, ed a tutti era stata somministrata tale sostanza attraverso un vaccino contro l'antrace. La cosa più inquietante è che altri 20 mila soldati che non avevano mai partecipato alla guerra ma erano stati vaccinati, avevano sviluppato la medesima patologia che include artrite reumatoide, problemi di equilibrio, e alla memoria, dolori muscolari e persino il morbo di Lou Gehrig.

In seguito a queste polemiche la FDA americana ha vietato l'uso di squalene nei vaccini, e infatti tale additivo (prodotto in Italia...) non esiste nel vaccino americano contro l'influenza A.
Qualche dubbio devono averlo anche in Europa, se in Germania è scoppiato uno scandalo perché i politici hanno ricevuto un vaccino senza additivo mentre alla popolazione viene appioppata la versione più chiacchierata.
Ma mentre tutti si preoccupano, e giustamente, dello squalene, nel bugiardino gentilmente messo a disposizione da Repubblica appare un'altra bestia nera: il famigeratissimo thimerosal.
E' un conservante che contiene il 48% del proprio peso in mercurio, ed è talmente tossico (specialmente per i reni ed il sistema nervoso) che, dopo una rumorosa battaglia popolare, gli organismi sanitari europei e americani lo hanno bandito dalla produzione di vaccini per bambini. Ogni anno vengono infatti prodotti milioni di vaccini anti influenza appositamente per i bambini e senza thimerosal.
By A. Marco  
    
       
Continua in: Influenza Suina - 1 (Influenza A) + Influenza Suina - 2 (A) + Influenza Suina - 3 (A) + Germi e virus NON sono le cause delle malattie

COSA si DEVE  FARE per  PREVENIRE e/o CURARE l'Influenza - 1 - vedi anche  Influenza - 2 ?
 

"Questo sito WEB vi informa", Non siamo responsabili della correttezza e/o della solvibilità degli inserzionisti del ns. Network.
 Webmaster  - Vietata la copia anche parziale dei contenuti, se non viene citata la fonte - All rights reserved - Publisher DataBit s.a.