Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


SINDROME della GUERRA del GOLFO - 2 e
Danni dei VACCINI propinati con i vaccini, ai soldati USA e della Gran Bretagna
Ecco il recente studio che ha coinvolto più di 17.000 bambini fino a 19 anni
Questo studio-indagine attualmente in corso è stato avviato dall’omeopata Andreas Bachmair.

 

UK Londra, 20 Set. 05 - La "sindrome della guerra del Golfo" diventa una malattia ufficiale nel Regno Unito. La magistratura ha riconosciuto che i disturbi accusati da Daniel Martin sono la conseguenza del servizio prestato durante la guerra del Golfo nel 1991 (asma, ansia, e problemi di memoria).
La "sindrome della guerra del Golfo", che può provocare cancro, nevrosi e fatica cronica avrebbe colpito 6.000 militari britannici. E sembra che anche 45.000 soldati statunitensi soffrano della stessa malattia. 
E' possibile che fra le cause scatenanti ci siano anche vaccini, esposizione a gas nervino e uranio impoverito. (AGI) - Red/Cis - 201543 -

Ricordiamo che tutti i militari all'arrivo in caserma ricevono una dose di vaccini importante che si somma a quella gia' ricevuta da bambini, per cui al servizio militare hanno gia' ricevuto nel loro corpo, sommando le cose,  circa 20-35 vaccini !

Quindi  NON esiste nessun militare NON "super vaccinato" - quelli che dovevano andare  da qualche parte nel mondo, per varie operazioni, li hanno ri-vaccinati ancora di piu'; quindi facendo la somma totale, quei poveri militari hanno nell'organismo circa 30-35  vaccini, con tutte le conseguenze del caso: intossicazioni, infiammazioni, immunodepressioni e mutazioni genetiche piu' o meno occulte trasmissibili alla prole !

ULTIME info ITALIA:
Nel 2012 i soldati italiani ammalati sono circa 3.700 e 560 quelli gia' morti e si registrano 10 casi di figli nati con gravi deformazioni
 !!!  Ed aumenteranno ancora di piu...purtroppo, perche' sono tutti super vaccinati ....
il 70 % di questi militari ammalati e/o morti NON si e’ MAI recato in zone di guerra, ne' e' stato a contatto con Uranio impoverito ! ! e' una strage di stato.....!
Il personale non militare (non vaccinato) che si e’ recato nei Balcani, pur essendosi trovato nelle zone bombardate, NON ha avuto i problemi dei militari.

VACCINI OMICIDIO di MASSA + vedi Danni dei Vaccini
 

Il dottor Stephen J. Seligman, immunologo del New York Medical College, lancia un'allarme:
un vaccino contro una patologia provocata da flavivirus, come il West Nile virus e la febbre gialla, potrebbe dar vita ad altre forme virali contro le quali la comunità scientifica si troverebbe impreparata.

Questo vaccino potrebbe generare una combinazione fra il virus della febbre Dengue e il virus della febbre gialla. Questo è un rischio che potrebbe manifestarsi spontaneamente in quanto questi vaccini sono composti da virus virulenti, per cui degli agenti infettivi si potrebbero ricombinare fra loro e anche con altre specie di virus, facendo nascere nuove tipologie virali sconosciute.

 
Un giornalista americano, ha scritto che la prima guerra del Golfo ha dimostrato che il sistema immunitario dei soldati, già indebolito dai diversi vaccini sperimentati su di essi, reagisce male alle armi chimiche, alle sostanze tossiche industriali, allo stress, alla caffeina, agli insetticidi e ai residui contaminati. 
La Royal Society of England, a questo proposito, ha pubblicato dei dati che dimostrano come i soldati che hanno inalato o ingerito sui campi di battaglia una grande quantità di Ui, soffrano d'insufficienza renale. 

 L’Uranio Impoverito (DU) è all'incirca il 40% meno radioattivo dell'uranio naturale ed emette particelle alfa e beta, oltre a raggi gamma. Le particelle alfa non riescono ad oltrepassare la barriera opposta dalla cute, mentre le beta sono bloccate dalla maggior parte degl'indumenti. I raggi gamma sono una forma d'energia altamente penetrante, ma la quantità emessa dal DU è molto bassa.


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

"Quei vaccini mortali non sono mai cambiati"

Parla Joyce Ryley, portavoce dell'Associazione dei veterani del Golfo. «La Sindrome ha già ucciso 30-40mila soldati. Altri si stanno ammalando ora»
A. D O. - Abbiamo intervistato la signora Joyce Ryley, portavoce dell Associazione dei veterani americani della guerra del Golfo.

Cosa è successo al generale Blanck, accusato da molti veterani di essere il vero responsabile della «Sindrome del Golfo», avendo approvato nel 1991 l uso dei
vaccini incriminati ?

Il generale Blanck si è ritirato dall’esercito. Vive in Texas e insegna in una scuola. Molti veterani malati vorrebbero sedersi intorno ad un tavolo con lui, e magari anche Schwarzkopf, per spiegare come la vita di tanti militari e civili americani sia stata sconvolta per sempre, grazie alle loro scelte.

Signora Ryley, quanti veterani sono affetti dalla «Sindrome del Golfo», e quanti sono morti ?
Come sapete il contingente americano nella guerra del golfo era composto da circa 700.000 soldati. Secondo le nostre stime gli ammalati ora sono circa 400.000 e sono già morti tra i 30 ed i 40mila veterani. Rispetto al 1995-96, quando lei girò il suo documentario, le cifre sono quadriplicate.
Questi dati sono confermati dalle ricerche del dott. Garth Nicholson, che da anni studia l’evoluzione della «Sindrome del Golfo».
Il Dipartimento della difesa ha ammesso che solo 230mila soldati sono ammalati.
Ma le loro cifre non tengono conto dei riservisti. E in ogni caso c è ancora la tendenza, da parte del Dipartimento, ad interpretare la sindrome soprattutto come malattia mentale, una specie di esaurimento nervoso che ha colpito i reduci del Golfo.
Quando una malattia colpisce il 5-10% della popolazione si parla di epidemia: nel caso della Sindrome del Golfo ormai più del 50% dei veterani è coinvolto.
Ma per l’esercito questo non è un problema, perché il 98% dei 700mila soldati spediti nel Golfo nel `91 è ormai fuori servizio. Sono malati e non servono più. Adesso ci sono le nuove leve, ragazzi di vent’anni pronti di nuovo a combattere.

Quali sono secondo lei le vere cause della «Sindrome del Golfo» ?
Oltre che dalle armi di Saddam, le nostre truppe sono state contaminate dalle nostre bombe e pallottole all’ uranio impoverito
e dalla miscela di vaccini che avrebbe dovuto proteggerci dagli agenti chimici e batteriologici. I vaccini, oltre a non proteggerci, hanno contribuito ad abbassare le nostre difese immunitarie, interagendo tra di loro in maniera inaspettata.
I vaccini che ci sono stati somministrati erano sperimentali, e continuano ad esserlo anche ora. Non hanno mai avuto un regolare test da parte della «Drug and Food administration», l’organismo incaricato di verificarne la nocività per l'organismo umano.
E poi, si parla sempre di antrace ma ce ne sono centinaia di varianti: come è possibile che il Pentagono sappia in anticipo quale tipo verrà usato ? Come fanno ad essere sicuri che quella certa miscela di vaccini può effettivamente proteggere ?
Lo sa perché sono così sicuri ?
Perché ?
Perché gli Usa nel 1984, durante l'amministrazione Reagan, hanno venduto a Saddam i componenti per l'antrace ed altri batteri, e poi Saddam ha usato queste armi contro l’Iran.
Quando andammo nel Golfo ci somministrarono una certa miscela di vaccini idonea a proteggerci da quello stesso tipo di antrace che avevamo dato a Saddam. Ma evidentemente le armi biochimiche nel frattempo avevano avuto un evoluzione.

Il Pentagono vi ha mai comunicato l'esatta composizione di questa misteriosa miscela di vaccini ?
O era considerato segreto militare ?
Ci venivano date informazioni sui vaccini che eravamo obbligati a prendere, ma noi non sapevamo di rischiare una contaminazione chimica o batteriologica.
Lei ha detto giorni fa alla Bbc che anche i soldati americani e inglesi vaccinati di recente si stanno ammalando.

Il 35% circa dei militari
ha accusato gravi reazioni dopo la somministrazione dei vaccini.
Di solito dopo la terza iniezione si avvertono i primi sintomi, soprattutto problemi neurologici. C è il caso del soldato Joseph Johnnet, di 21 anni, che dopo avere accusato gravi malori è stato buttato fuori dall esercito, essendogli stato riconosciuto il 30% di invalidità e un assegno di 300 dollari al mese. Sua madre è inferocita con l esercito ed ha aperto un sito web per rendere pubblica questa scomoda verità. Joseph ora è molto malato.

Riuscite a comunicare all'opinione pubblica questa drammatica situazione ? Cercate di mettervi in contatto con i nuovi arruolati ?
Nel 1995 eravamo riuniti in centinaia di associazioni di reduci. Ora siamo rimasti in pochi a lottare, perché la malattia debilita, le forze diminuiscono, e molti nostri compagni sono morti. Ma sono aumentati i civili, in America, che credono alla nostra versione dei fatti e sono contro questa nuova guerra.
Dobbiamo fare capire ai civili di tutto il mondo che la «Sindrome del Golfo» non è una malattia che attacca solo i militari, ma una minaccia per l’intera umanità.
I veterani ammalati infettano inconsapevolmente, durante il periodo di incubazione, mogli, fidanzate e parenti, persone che vivono a stretto contatto con loro.
E poi deve essere chiaro che i civili di qualsiasi paese, in caso di un attacco terroristico biochimico, sarebbero costretti dal proprio governo a prendere gli stessi vaccini che hanno fatto ammalare i soldati americani. Costretti: quando si scatena un epidemia non ci si può rifiutare, all’interno di una comunità, di farsi immunizzare.

Tratto da: amid.it/