Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


LEGGI per le Vaccinazioni - 2 
 

Continua in: Leggi regionali per i vaccini - 1

Si, abolire obbligo
+ Obbligo va abolito + A Scuola senza Vaccini + Scuola senza Vaccini
Entro 2010 in tutte le nazioni dell'Europa si doveva superare l'obbligo vaccinale, in realta' nel 2017, si sono resi obbligatori 35 vaccini nei primi 3 anni in Italia ed in Francia 40 !

Big Pharma
non e' contenta....e quindi fara' di tutto renderli obbligatori e nel 2017 ci e' riuscita con la complicita' del ministro della NON salute B. Lorenzin con la sua Legge119/17
 


La legge voluta dalla signora Lorenzin (parlamentare e addirittura ministro senza essere mai stata eletta da nessuno) NON tiene conto di tutte le leggi nazionali ed internazionali che calpesta,  essi sono in sintesi:   

- Art. II-63, II-81 e II-84 della Costituzione dell’Unione Europea, Carta dei diritti fondamentali dell'Unione Europea, Trattato, in vigore il 12/01/2009;
- Art. II-21, II-14 e II 24 della Costituzione dell'Unione Europa, - Art. 12, 26, 29 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo; Recepita e Ratificata dal Governo Italiano con la legge 881/1977;
- Art. 3, 10, 14, 20 e 21 della Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea;
-  Art.  9 della Convenzione Europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali del 4/11/1950
-  Art.  2 primo protocollo aggiuntivo del 20/03/1982 della Convenzione Europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali del 4/11/1950;
- Art. 4, 5 e 13 del Patto Internazionale sui Diritti Economici, sociali, culturali del 19/12/1966;
- Art. 1, 4 e 5 della Convenzione Internazionale contro la discriminazione nel campo dell’educazione adottata dalla 11° Conferenza Generale dell’UNESCO a Parigi del 14/12/1960 ed il 21/112/1965;
- Art. 8, 9,17 della Convenzione Europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali del 4/11/1950, Recepita e Ratificata dal Governo Italiano con la legge 848/1955;
-  Art. 3, 10, 14, 20 e 21 della Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea;
- Art. 2 Primo protocollo aggiuntivo del 20/03/1982 della Convenzione Europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali del 4/11/1950;
-  Art. 4. 5 e 13 del Patto Internazionale sui Diritti Economici del 19/12/1966;
-  gli articoli 4 e 5 della Convenzione Internazionale contro la discriminazione nel campo dell’educazione adottata dalla 11° Conferenza Generale dell’UNESCO a Parigi il 14/12/1960
- Art. 2, 4 e 5 della Convenzione di Oviedo del 1977, Convenzione sui Diritti dell'Uomo e la Biomedicina, recepita e ratificata dal Governo Italiano con la legge 145/2001;
- Art. 4 Carta Europea dei Diritti del Malato di Bruxelles;
-  Art. 3 Carta di Nizza
- Art. 2, 16, 28 della Convenzione sui Diritti del Bambino ratificata dal Governo Italiano con la legge 65/1992;
- Art. 27, 29, 34 della Convenzione sul Diritto dei Trattati, adottata a Vienna il 23/5/1969 e ratificata dal Governo Italiano con la legge 112/1974 (Un trattato non crea ne' obblighi ne' diritti per uno Stato terzo senza il consenso di quest’ultimo);
- Art. 1, 2, 3, 10, 28, 32 e 34 della Costituzione della Repubblica Italiana;
Oltre agli articoli 13, 14, 21, 28, 33, 41 e 77 della Costituzione e gli articoli 323 e 658 del Codice Penale.
- Art. 16 del Codice Deontologico Medico

E ad alcune sentenze italiane in materia vaccinale e non:
- Corte Costituzionale, Sentenza n°307/1990 (14-22 Giugno 1990);
- Corte Costituzionale, Sentenza n°132/1992 (16-17 Marzo 1992);
- Corte Costituzionale, Sentenza n°258/1994 (20-23 Giugno 1994) Legittimità Costituzionale leggi dell’obbligo vaccinale;
- Corte Costituzionale, Sentenza n°27/1998 (23-28 Febbraio 1998) Indennizzo per danni da vaccino causati da vaccinazioni Antipolio antecedenti alle leggi dell’obbligo;
- Corte Costituzionale, Sentenza n°423/2000 (9-16 Ottobre 2000) Indennizzo per danni da vaccinazioni Anti-epatite B, effettuate prima dell’entrata in vigore della legge dell’obbligo;
- Corte Costituzionale, Sentenza n°461/2005 (14 Dicembre 2005);
- Corte costituzionale, Sentenza n°107/2012 (26 Aprile 2012);
- Corte Costituzionale, Giudizio di Legittimità Costituzionale dell’Articolo 1, Lettera C)  della legge del 5 Marzo 1963, n° 292 (Vaccinazione Anti-Tetanica Obbligatoria);  
- Corte di Cassazione, Sentenza n°23676/2008 (15 Settembre 2008)

Una sanzione pecuniaria prevede una discriminazione di estrazione sociale, poiché genera un conflitto tra chi ha i mezzi economici per poter far fronte alla sanzione e chi non ne ha, violando:
- Art. 2 e 12 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo;
- Art. 14  della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo.

INOLTRE:
Gli articoli 56 e 58 della Costituzione sono inequivocabili: i deputati (56) e i senatori (58) devono essere eletti a suffragio universale e DIRETTO, cosa che da qualche legislatura non avviene, perché gli elettori, del tutto al di fuori della Costituzione, danno il loro voto ad un partito il quale poi decide al suo interno chi siederà nelle poltrone.
Dunque, il parlamento nato in quella maniera è del tutto abusivo.ùù
Applicando dopo averla tirata per i capelli una norma risalente al diritto romano, però, il parlamento può continuare ad operare fino a scadenza a patto che non debordi dall’ordinaria amministrazione. Ora, però, chiamare ordinaria amministrazione un dettato come quello che impone un trattamento sanitario obbligatorio, per di più applicato a casaccio e totalmente al di fuori della più elementare buona pratica medica, mi pare un po’ ardito. Insomma, se noi vivessimo in uno stato di diritto, quella follia sarebbe niente di più di carta straccia partorita da un buontempone. 

- SENTENZA del Tribunale di Napoli che spiega che le Vaccinazioni NON SONO OBBLIGATORIE !
La corte di Appello di Napoli ha rigettato la domanda di coercizione della madre che rifiutava di vaccinare la figlia, temendo per le ripercussioni sulla sua salute.
 vedi PDF della sentenza + Sentenza  del Tribunale di Bari
e
- CASSAZIONE: NON  e' REATO NON VACCINARE i FIGLI in ITALIA
- Sentenza RIMINI - 2012, NON obbligo vaccinazione
- NON e' REATO NON VACCINARE i propri FIGLI 
- Art. 16 del Codice Deontologico Medico

QUINDI:
- NEGARE i rischi gravi e sottovalutare la frequenza delle reazioni avverse dei vaccini; le ASL parlano di vaccinazioni consigliate (4) ed obbligatorie (10), perché nel 2017 sono state rese obbligatori 39 vaccini da propinare entro i 3 anni che sono autentiche BOMBE tossiche che ammaleranno sempre piu' i bambini !

- NON CONSEGNARE al Vaccinando od ai Genitori dei bambini da vaccinare, il Foglietto accompagnatorio dei vaccini, chiamato giustamente Bugiardino, obbligatorio per legge per tutti i farmaci, quindi anche i vaccini, in modo che si possano rendere conto di quali rischi possono correre vaccinando o vaccinandosi !
vedi: Contenuto dei Vaccini

- NON dare notizia dell'esistenza di una Legge che riconosce un indennizzo ai danneggiati da vaccino;

- Se i Vaccini sono Farmaci e il numero delle malattie dette impropriamente “infettive”, oggi è estremamente contenuto, e tutto cio’ grazie ed in rapporto alle migliorate condizioni di igiene, di alimentazione, di bonifica del territorio ed i protocolli di cura sono assai piu’ efficaci di un tempo, perché si mantiene obbligatoria la vaccinazione di massa ?
- E’ possibile che una singola, predeterminata formulazione di farmaci, vaccini, visto il loro contenuto tossico e quindi nocivo, possa giovare ogni anno ugualmente a 500.000 bambini italiani di due mesi di vita ?


Le VACCINAZIONI OBBLIGATORIE e NON, nei PAESI della COMUNITÀ EUROPEA (EU) - 02/03/2015  
Nazioni Europee con le Vaccinazioni Obbligatorie:
Belgio (solo per Polio), Francia, Italia (perche’ vi sono le fabbriche di vaccini), Grecia (varate sotto la vecchia dittatura) Malta, oltre a tutti i paesi ex sovietici-comunisti: Bulgaria, Repubblica Ceca, Croazia, Lettonia, Polonia, Romania, Slovacchia, Slovenia, Ungheria  = 14 Paesi

vedi anche:  Vaccini nella UE - 1 + Vaccini nella UE - 2
e
-
http://www.epicentro.iss.it/temi/vaccinazioni/Venice2010.asp
-
http://vaccine-schedule.ecdc.europa.eu/Pages/Scheduler.aspx

Nazioni Europee con le Vaccinazioni NON Obbligatorie:
Austria, Danimarca, Estonia, Finlandia, Germania, Irlanda, Islanda, Lituania, Lussemburgo, Norvegia, Olanda, Portogallo, Spagna, Svezia, UK.= 15 Paesi
Fonte: www.eurosurveillance.org/images/dynamic/EE/V17N22/art20183.pdf
mail:  info@ecdc.europa.eu - citizen_reply@edcc.ec.europa.eu
- Tratto da: Eurosurveillance, Volume 17, Issue 22, 31 May 2012 -  www.efvv.eu


Vaccini obbligatori per lo stato che non puo' esimersi dal vaccinare, dietro richiesta di un soggetto che vuole vaccinarsi, ma NON sono obbligatori per il cittadino, che si rifiuta di vaccinare i figli o di vaccinarsi lui stesso.
-
vedi: http://www.epicentro.iss.it/discussioni/vaccinazioni/vaccinazioni.asp (ha tolto l'articolo)
vedi: NON e' REATO NON VACCINARE i propri FIGLI + Sentenza RIMINI - 2012, NON obbligo vaccinazione


Regione Lazio, 2017: vaccini obbligatori ? vediamo le motivazioni fasulle delle circolari inviate alle ASL:
http://www.freedompress.cc/regione-lazio-nidi-e-materne-vietate-a-chi-non-si-vaccina-ecco-cosa-la-legge-di-giunta-non-dice/


Sapete di cosa e' morto lo scopritore della penicillina A. Fleming ?
....per una vaccinazione per il Tifo.....!

IN PIEMONTE AI GENITORI SCELTA DI VACCINARE I FIGLI 
Nuovo piano Vaccinale in Piemonte

In Piemonte cadra' la distinzione tra vaccinazioni obbligatorie e non, ma un lungo elenco di 'prioritarie' sarà sottoposto all' attenzione dei genitori che, alla fine, avranno l' ultima parola se vaccinare o meno il figlio, senza temere alcuna multa o denuncia al tribunale.
Il responsabile dell' Sanità Pubblica, Vittorio Demicheli, trova però impreciso e riduttivo parlare di abolizione dell' obbligatorietà, in merito a quanto anticipato oggi su La Stampa.
"Noi la legge - spiega - non l' abbiamo cambiata, semplicemente è una legge disattesa e inefficace. L' unica strada percorribile è l' adesione consapevole dei cittadini al piano di vaccinazione".
E di piano si tratta perché la Regione Piemonte prevede proprio una campagna di sensibilizzazione per convincere della bontà delle vaccinazioni,senza peraltro nascondere eventuali rischi collaterali, mettendo a disposizione un servizio completamente gratuito.
"E' ormai anacronistico - dice ancora Demicheli - parlare di obbligatorie e di facoltative, quasi come se attrezzarsi contro la poliomielite, ormai di fatto debellata, fosse più importante che prevenire il morbillo che, invece, può essere causa di morte. Parlare di 'prioritarie' servirà a formare un' altra mentalità".
Le 'prioritarie' indicate dal piano regionale sono quelle contro: difterite, tetano, poliomielite, epatite B, morbillo, parotite, rosolia, pertosse, haemophilus B.
A queste si aggiungono altre specifiche, per esempio, per i bambini che viaggiamo e, quindi, hanno maggiori possibilità di contrarre malattie quali la febbre gialla o tifoide, le prime sono totalmente gratis, le altre a basso costo.

"Già dal 2000 - aggiunge il direttore della Sanità Pubblica - il Tribunale per i minorenni ci aveva dato indicazione di segnalare i genitori inadempienti soltanto nel caso che le mancate vaccinazioni nascondessero situazioni di degrado, di trascuratezza. Inoltre da noi in Piemonte la copertura vaccinale è del 95% per i bambini piccoli, dell' 85%, ad esempio, per il morbillo. Una copertura tale che l' esigua minoranza di genitori che rifiuta le vaccinazioni, non pregiudica né la salute dei propri figli né quella degli altri".
La Regione, comunque, si mobilita perché si diffonda la cultura della prevenzione e, quindi, dei vaccini.
Le famiglie saranno contattate casa per casa dagli operatori sanitari che illustreranno caratteristiche e vantaggi.
Fonte: ANSA - Magg. 2006 - Torino.