Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


DANNO BIOLOGICO da VACCINO
(Valutazione, esami e Cura)
ELENCO degli ESAMI di LABORATORIO (pre e/o post Vaccinali)
"Vaccine Nation" è un documentario che racconta l'incredibile storia di Alan Yurko e della sua famiglia.
Danni dei VACCINI (English) +
Gravissimi i Danni dei vaccini
Metalli tossici dei vaccini = Autismo vedi: PDF -  dott. M. Proietti
Sindrome della permeabilita' intestinale ed autismo
Il Thimerosal dei vaccini distrugge e/o altera la flora intestinale essendo una sostanza altamente tossica
Ecco il recente studio che ha coinvolto più di 17.000 bambini fino a 19 anni
Questo studio-indagine attualmente in corso è stato avviato dall’omeopata Andreas Bachmair.

Vaccino Acelluvax (Chiron-Novartis) DANNOSO
Danni dei vaccini relazione di un padre

20 FATTI misconosciuti sui Vaccini + Perche' vaccinare ? + I miti dei Vaccini
MINISTERO della "SALUTE" italiano, avvelena i  nostri bambini con i Vaccini !
La scomparsa delle malattie infettive NON e' dovuta ai vaccini ! (Francais)
Lettera di un padre di bambino rovinato dai Vaccini

Leggere i disastri fatti dal vaccino per lo  HPV in India e non solo
Premi in denaro ai medici che vaccinano...
Danni al sistema enzimatico da Vaccini e metalli 
By Giusy Arcidiacono (CT) - arcidiaconogiusy@hotmail.com -
Perito Commerciale - chimico
vedi qui: INGREDIENTI TOSSICI anche OCCULTI, di alcuni VACCINI analizzati
http://realtofantasia.blogspot.it/2016/01/mthfr-disturbi-neurologici-indotti.html?m=1
Danni neurologici con i Vaccini + Gravi i danni con i Vaccini
Bibliografia aggiuntiva:
http://treasoncast.com/2014/04/05/anti-vaccination-peer-reviewd-research-list/
Bibliografia su Autismo dai vaccini
Nei Vaccini immessi i microchips con la nanotecnologia
http://loveforlife.com.au/content/09/09/15/microchip-implants-ready-be-used-swine-flu-vaccines-chip-located-tip-needle
 

La Prevenzione, il riconoscimento, la Cura del danno Biologico e neuro-comportamentale indotto dalle  vaccinazioni infantili.
By Massimo Montinari - Carlo Tonarelli - Associazione Universo Bambino - Associazione A.P.O.I. (pediatri omeopati italiani)

Riassunto:
Alla stragrande maggioranza dei bambini italiani vengono somministrati nei primi ventiquattro mesi di vita, 21 vaccini di cui 12, comunque, di Legge (NdR: gli altri non sono normati da Leggi, sono facoltativi).
Tutto questo senza tenere alcun conto di possibili interferenze costituzionali o miasmatiche o della tossicità indotta dagli stessi costituenti vaccinali.

Diversi omeopati, in tutto il mondo, si sono occupati del problema raccogliendo i casi clinici dei soggetti che hanno subito danni da vaccinazione senza però approfondire il meccanismo immunogenetico del danno.
Il presente studio si pone l'obiettivo di fornire.
1) indicazioni sul danno biologico prodotto da metalli pesanti ed eccipienti contenuti nei vaccini.
2) indicare gli screening da effettuare nei neonati prima di sottoporli a pratica vaccinale tramite la tipizzazione linfocitaria (*) ed HLA (C).
NdR: (C) "Le Tipizzazioni HLA (sierologica e/o molecolare) vengono eseguite in laboratorio attrezzato, esclusivamente a livello genomico.
Le attività diagnostiche principali del laboratorio sono la tipizzazione di pazienti e dei loro familiari (padri e nonni).
Gli esami HLA eseguiti sono : tipizzazione genomica HLA-A, HLA-B, HLA-C;HLA-DRB a bassa risoluzione;
HLA-DQB1 a bassa risoluzione; HLA-DRB ad alta risoluzione; HLA-DQB1 ad alta risoluzione;
HLA-DQA1 ad alta risoluzione; HLA-DPB1 ad alta risoluzione; ricerca dell’HLA-B27 (la ricerca dell’HLA-B51 si esegue tramite tipizzazione completa HLA-B)".
3) indicare gli esami diagnostici (A) da effettuare per confermare, in presenza di sintomi concordanti, il danno biologico subito.
4) analizzare i sintomi presenti nei bambini con lesioni cerebrali minime e danno neuro­comportamentale e la loro possibilità di recupero tramite il trattamento omeopatico individualizzato.
5) sollecitare il Ministero della Salute e le aziende farmaceutiche ad una produzione di vaccini che possano ridurre il danno biologico.
6) favorire a livello nazionale l'introduzione dello screening della tipizzazione linfocitaria e HLA in bassa risoluzione.
(*) - Tipizzazione linfocitaria: Rappresenta un indispensabile parametro nella diagnosi di malattie ematologiche (del sangue) e del sistema immune. I linfociti sono un tipo di globuli bianchi del sangue, con i macrofagi ed i monociti sono responsabili della risposta immunitaria.
Questo test può venire effettuato con cellule in sospensione (sangue periferico, midollo osseo, tessuti in sospensione) e con preparati stabili su vetrino (sezioni di tessuto, strisci - Campione di sangue venoso prelevato dalla vena brachiale o da puntura del dito o del lobo auricolare od in caso di neonato, dal tallone - citocentrifugati) con vari metodi: anticorpi monoclonali, immunofluorescenza diretta ed indiretta, metodi immunoenzimatici. È utile per la diagnosi e la prognosi delle leucemie linfatiche acute e croniche  nelle immunodeficienze primitive e secondarie (come in corso di AIDS)  nelle malattie autoimmuni e per i trapianti d’organo.
NdR: Esami consigliati sono quelli speciali sul sangue del pz., per il controllo del sistema enzimatico + allergia al glutine + malassorbimento + mineralogramma + pH digestivo per le malattie infiammatorie intestinali + malfunzione cellulare e tissutale + ricerca di determinati virus e batteri.

Parole chiave : Vaccinazioni, danno biologico da metalli, tipizzazione linfocitaria e HLA, tipologie omeopatiche da danno biologico da vaccinazioni.

INTEGRAZIONE delle VACCINAZIONI (facoltative e/o raccomandate) ad OFFERTA GRATUITA con quelle OBBLIGATORIE
- Delib. GR. 586 del 4/6/1999 -
Con tali Piani è stato stabilito il calendario delle vaccinazioni raccomandate ad offerta gratuita integrato con il calendario delle vaccinazioni obbligatorie e sono state introdotte alcune importanti novità quali il richiamo al 12°/14° anno per Tetano/difterite adulti, una puntuale strategia per il morbillo con l’introduzione della seconda dose al 5°/6°anno come strategia di recupero dei soggetti non vaccinati nel corso del secondo anno di vita; ovvero come recupero/richiamo all’età di 11 - 12 anni, indipendentemente dall’aver superato una o due delle corrispondenti malattie, e l’estensione dell’offerta attiva della vaccinazione antitetanica a gruppi di popolazione a rischio diversi da quelli soggetti all’obbligo.
Le Aziende Sanitarie sono state inoltre invitate ad avvalersi dei Medici Pediatri per la somministrazione dei vaccini dell’età pediatrica.

vedi Calendario vaccinale Italia + Vedi vaccinazioni facoltative e non +
Sfogo sdegnato di una madre verso un pediatra

Premessa
L’Immunità di gregge, è la supposta carta vincente per la difesa della vaccinazione in TV, Internet, riviste mediche e giornali, sul motivo per cui dovremmo essere vaccinati più e più volte per tutta la vita, con un numero sempre crescente di vaccini e cio' per ogni malattia.
Lo sbandierato a 360° "supposto successo delle vaccinazioni" è basato fondamentalmente su "teorie" che si danno per scontate, senza controllarle. Quando si entra nei particolari si evince e si dimostra invece che il tasso di incidenza e di morte di molte malattie infettive, è diminuito radicalmente nel e dal momento in cui si registrava un miglioramento delle condizioni, igienico-sanitarie, abitative, alimentari e delle procedure di isolamento,
Pero' siccome nello stesso periodo sono stati introdotti i vaccini, la medicina ufficiale ha dato per scontato che la sola vaccinazione sia stata interamente responsabile della scomparsa di queste "malattie" e per far quadrare questa teoria fasulla, ha cambiato nome alle malattie.....QUI in queste pagine ve ne daremo la dimostrazione !


L'uso dei vaccini per tentare di eliminare le malattie è una pratica introdotta negli Stati Uniti e da lì esportata in tutto il mondo, lasciando a parte le non trascurabili implicazioni economiche della questione, la medicina ufficiale è certamente favorevole all'uso più largo possibile dei vaccini. Perché ?
Le malattie, in essa, sono concepite com'entità a sé stanti, e quelle causate da microrganismi come i virus e i batteri sono considerati come prove evidenti di ciò.
Visto il "successo" della prima vaccinazione di massa, quella per il vaiolo, e i progressi nel campo dell'immunologia e della biologia, si è pensato di combattere anche le altre malattie infettive facendo terra bruciata intorno agli agenti di queste malattie, privandoli del Terreno sul quale si possono riprodurre, sviluppare. Il ragionamento non fa una grinza, se si ragiona solo in termini di malattie e non di persone: o meglio le persone sono considerate ma sempre come potenziali malati.
NdR - vedi: la Verita' sulle statistiche delle campagne Vaccinali

Quindi per evitare - proposito eccellente - un certo numero di complicanze e di decessi dovuti alle malattie, perciò si propone la vaccinazione e s'introducono, già sai primi tre mesi di vita, nell'organismo del bambino:
- virus pericolosi (proteine eterologhe=estranee),cioe' tossine con parti di DNA, proteine complesse (NdR: provenienti da animali) - altre sostanze di cui si conosce solo l'effetto diretto di stimolazione della risposta anticorpale, ma non si sa nulla sui possibili effetti a lunga data.
Sebbene, in astratto, l'immunità dell'organismo contro certe malattie potrebbero aumentare per mezzo di un vaccino - che è quanto si desidererebbe - la pratica in realtà mostra che l'intero sistema difensivo (sistema immunitario e non solo) può esserne molto indebolito mediante l'Immunosoppressione post- vaccinale -
vedi anche: Immunodepressione da vaccino = mini Aids
Un aspetto assolutamente certo e riscontrabile in tutte le vaccinazioni consiste nella soppressione post- vaccinale della difese immunitarie, con un massimo di caduta dei livelli di linfociti 10 giorni dopo l'inoculazione.
Questa fase, sembra non sia molto nota ai medici che vaccinano.
Un vaccino diminuisce l'immunità mediata da linfociti, del 50%, più di due vaccini insieme, del 70%
I vaccini riducono il numero dei globuli bianchi, la capacità fagocitante dei neutrofili polimorfonucleati (B), la vitalità dei linfociti, la segmentazione dei neutrofili (l).
La letteratura medica ci da indicazioni puntuali su vaccini di un tipo che possono aumentare l'incidenza di malattie virali d'altro tipo osserviamo, ad esempio, un gruppo di bambini apparentemente in buona salute, sviluppare dopo una vaccinazione, tutta una serie d'infezioni, oppure bambini in cui preesistenti disturbi si aggravano nettamente.

NdR: (B) -
I granulociti neutrofili o granulociti polimorfonucleati (PMN) fanno parte del sistema immunitario innato e rappresentano una prima linea di rapida difesa dell'ospite contro le infezioni; partecipano inoltre alla riparazione dei danni tessutali indotti dalle cause più disparate. La diminuzione del loro numero nel sangue periferico è definita neutropenia.
La neutropenia è spesso classificata in base al numero dei PMN nel sangue periferico come lieve, moderata, grave o molto grave. I pazienti neutropenici, particolarmente quelli con forme moderate-gravi e persistenti, sono a rischio di infezioni batteriche e micotiche potenzialmente mortali. Le cause di neutropenia sono numerose, in parte congenite e in parte acquisite.
Fra queste ultime particolarmente importanza rivestono, per la loro frequenza, le neutropenie causate da farmaci fra i quali ricordiamo i vaccini, gli antitiroidei e molti antibiotici.

Confronto fra Bambini Vaccinati, sempre malati e Bambini NON vaccinati, piu' sani
NUOVA ZELANDA, studio pubblicato, indicante la notevole differenza di sopravvivenza fra Vaccinati e NON vaccinati !
Rapporto fra Bambini vaccinati e quelli NON vaccinati con meno ospedalizzazioni e morte
Vaccinazioni e risultati sulla salute:
Un sondaggio di Bambini dai 6 ai 12 anni fra quelli vaccinati e non vaccinati, sulla base delle relazioni di madri

FUOCO di sant'ANTONIO = INFIAMMAZIONE Intestinale
La gastroenterite (malattie gastrointestinali) è una forte infiammazione intestinale ed è responsabile, dopo la puberta', di milioni di casi di diarrea o stitichezza o stipsi e molto altro ancora, ad esempio epatiti.

In Italia ogni anno 450.000 bambini (ne nascono 500.000 all'anno, nel 2016 = 480.000) vengono ammalati dai vaccini di queste malattie infiammatorie, che in eta' adulta possono, se non eliminate con la medicina naturale, ma mantenute latenti nell'organismo con i farmaci che medici impreparati propinano ai pazienti, riesplodere anche e non solo, nel fuoco di sant'Antonio, infatti in questo  "fuoco", si trovano gli stessi virus, come conseguenza, NON come causa, di quello del vaccino della varicella, ecc. !, cio' significa che nei vaccinati la cosa e' molto piu' frequente.

Quando la termica viscerale, scatenata dalle disbiosi, generate dai vaccini, farmaci, alimenti inadatti,  cioe' quella dell'apparato grastrointestinale, per le indotte alterazioni di pH digestivo, flora batterica, sistema enzimatico, aumenta anche di poco, - vedi:
Dottrina Termica - nasce l'infiammazione, ed essa DEVE essere eliminata dall'organismo ed il "fuoco di sant'antonio" e' una delle varie modalita' che la Natura ha inventato per eliminarla, facendola fuori uscire dalla pelle....naturalmente questo fuoco = infiammazione, crea dolore intenso nella fase di uscita.
Alle volte nella fase di eliminazione l'infiammazione invade dei centri nervosi sottocutanei e quindi produce dolori intensi e continui all'addome che in alcuni casi possono arrivare anche alle braccia.
Solitamente colpisce piu' facilmente chi ha contratto in precedenza la varicella e/o chi e' stato vaccinato anche per la varicella e e/o e' frutto di un intenso e continuo stress emotivo; questa infiammazione-infezione esordisce con dolore intenso, debolezza fisica, poi passa in certi soggetti a prurito ed intorpidimento, seguito da un'eruzione di vescicole su base eritematosa che si sviluppano lungo tutto il decorso della malattia.
Che cosa e' questa FORTE infiammazione (che i medici impreparati/allopati chiamano impropriamente Fuoco di s. Antonio) che infiamma Intestino, mesenterio, peritoneo, nervi relativi e viciniori e che si manifesta con forti dolori all'addome, di cui non si comprende l'origine e che inizia la parte virulenta con esantemi cutanei dolorosi, e quali ne sono le cause, che nei bambini quando e' in forma lieve, e' chiamato spesso rosolia, morbillo, meningite, epatite, orecchioni, ecc., ed alle volte si trasforma in vescicole per cui viene chiamato varicella o lieve/leggero vaiolo !

Quindi questo "fuoco" e' BENEFICO e va aiutato ad uscire con le varie tecniche della medicina naturale, che i medici impreparati della medicina allopatica NON conoscono, infatti tendono a bloccare l'infiammazione con dei farmaci che mantengono dentro l'infiammazione; cio' generera' nel tempo altri e piu' gravi danni, perche' l'infiammazione puo' spostarsi altrove e generare altri guai.
Coloro che vivono con il malato, e che lo toccano, magari solo per errore, nelle parti interessate, devono stare attenti a lavarsi bene le mani, per non assumere per via cutanea i liquidi tossici che il malato sta eliminando e che  
sono contenuti nelle vescicole in fase umida (primi giorni di malattia) e quindi occorre stare attenti per non venire a contatto con le lesioni, tenendo presente comunque che non tutti coloro che vengono a contatto con sostanze tossico-inquinanti o con batteri o virus eterologhi=estranei, si ammalano, perche' tutto dipende dalla qualita' immunitaria del loro terreno psico-biofisiologico, e quindi dalla matrice.
In genere questo tipo di infiammazione e relativa eliminazione, arriva una volta sola nella vita, se eliminata con la medicina naturale.

Per eliminare l'infiammazione si inizia con il cambiare alimentazione che DEVE necessariamente essere assolutamente CRUDISTA (vegetali, meglio verdure, insalate, crude ecc., e poca o niente frutta se non come centrifugati, oppure digiuno e centrifugati di verdura e frutta crude) + aglio  (compresse mattina e sera) + Equilibratore Ionico + clisteri giornalieri + cataplasmi freddi sul ventre giorno e notte (voce cataplasmi) + riposo a letto, magari con frizioni fredde ogni ora, senza passare sulla parte irritata, sulla quale puo' essere messo del bianco di uovo sbattuto (che si solidifica per l'alta temperatura) per piu' volte, oppure il cataplasma di argilla o fango freddo anche sulle parti ove compaiono le macchie.
Alle volte puo' comparire uno stato febbrile, buon segno perche vuol dire che state eliminando tutta la infiammazione.

Sindrome infiammatoria chiamata "Asia" scatenata dai vaccini !
ASIA_Sindrome infiammatoria-dai-vaccini-Riassunto.pdf
Tratto da:  http://www.assis.it/wp-content/uploads/2014/12/ASIARiassunto.pdf
... ed e' noto che... le infiammazioni sono foriere di qualsiasi tipo di sintomi, che i medici impreparati allopati chiamano erroneamente "malattie"....
e se questa infiammazione raggiunge le meningi, si chiama meningite, se raggiunge la pelle, si chiama morbillo, e se raggiunge il cervello ed i neuroni si chiama autismo oppure SIDS...ecc. a seconda di dove va l'infiammazione la cosiddetta "malattia" cambia nome, ma e' sempre la stessa...i vari nomi servono per spaventare i popoli che ignorano i fatti, per farli vaccinare !

Un neurochirurgo descrive i danni neurologici dei Vaccini:
-
https://www.facebook.com/vaccinibasta/posts/1101566029922074?notif_t=like&notif_id=1473664982013714
+ Bibliografia su Autismo dai vaccini

https://www.scribd.com/doc/220807175/127-Research-Papers-Supporting-the-Vaccine-Autism-Link

Video, registrato (telecamera nascosta) in una ASL italiana, una pediatra racconta la verita' sui Vaccini !

Associazione temporale di alcuni disturbi NeuroPsichiatrici DOPO la vaccinazione di bambini e adolescenti:
Uno studio Pilota con  casi-controllo
http://journal.frontiersin.org/article/10.3389/fpsyt.2017.00003/full


FINALMENTE.....la FDA conferma che i Vaccini possono produrre l' Autismo

http://www.getcancercure.com/fda-announce-that-dtap-vaccine-causes-autism/
 

Dal bugiardino del vaccino Tripedia, che potete scaricare direttamente dal sito della FDA 
(* vedi sotto) americana, leggiamo:

"Adverse events reported during post-approval use of Tripedia vaccine include idiopathic thrombocytopenic purpura, SIDS, anaphylactic reaction, cellulitis, autism, convulsion/grand mal convulsion, encephalopathy, hypotonia, neuropathy, somnolence and apnea."

Traduzione: "Reazioni avverse denunciate durante l'utilizzo post-approvazione del vaccino Tripedia includono: purpura trombocitopenica idiopatica, sindrome da morte improvvisa del lattante, reazione anafilattica, cellulite, autismo, convulsioni/epilessia, encefalopatia, ipotonicità, neuropatie, sonnolenza, interruzione del respiro."
[...]

Il bugiardino fa poi seguire una frase molto ambigua: 
"Events were included in this list because of the seriousness or frequency of reporting. Because these events are reported voluntarily from a population of uncertain size, it is not always possible to reliably estimate their frequencies or to establish a causal relationship to components of Tripedia vaccine."
Traduzione:
"Questi casi sono stati inclusi nella lista per la loro gravità o per la frequenza delle denunce. Poichè questi episodi sono stati riferiti volontariamente da un numero imprecisato di persone, non è sempre possibile stimare in modo affidabile la loro frequenza o stabilire una relazione causale con i componenti del vaccino Tripedia."


Il bugiardino dice anche: 
"The vaccine is formulated without preservatives, but contains a trace amount of thimerosal."
Traduzione:
"Il vaccino è preparato senza conservanti, ma contiene quantità tracciabili di Thimerosal."
Ricordate, i famosi "trace amounts" del Thimerosal "scomparso" dai vaccini ?


* AGGIORNAMENTO: Il documento è stranamente scomparso dal sito della FDA. Ora lo si può trovare su Wayback Machine....strano vero ?.....Big Pharma corre ai ripari....

Ma tutto cio' e' possibile per tutti gli altri vaccini !

ENORME AUMENTO dell’AUTISMO in AMERICA (denuncia) e risarcimento multimilionario a due di essi:
http://www.huffingtonpost.com/david-kirby/post2468343_b_2468343.html?utm_source=Alert-blogger&utm_medium=email&utm_campaign=Email+Notifications


Importante e bello studio del prof. Katsunari Nishihara
In sostanza questo ricercatore mette in correlazione una cronica infezione da virus, batteri (qualsiasi, quindi anche vaccinali) e patogeni di varia natura anche di origine intestinale, che influirebbero negativamente sul sistema mitocondriale dei neuroni e provocherebbero psicosi e problemi sensopercettivi tipici anche e non solo dell'autismo

Sindrome infiammatoria chiamata "Asia" scatenata dai vaccini !
ASIA_Sindrome infiammatoria-dai-vaccini-Riassunto.pdf
Tratto da:  http://www.assis.it/wp-content/uploads/2014/12/ASIARiassunto.pdf
... ed e' noto che... le infiammazioni sono foriere di qualsiasi tipo di sintomi, che i medici impreparati allopati chiamano erroneamente "malattie"....

PROTEINE alimentari introdotte nei vaccini, per creare allergie fin da piccoli ai lattanti !
 
vedi lo studio dimostrativo in PDF

AUSTRALIA - Stato del Victoria - Giugno 2016
I bambini iper intelligenti sono esenti  dai Vaccini in Australia !
Un programma scolastico per studenti dotati, sta offrendo forme di esenzione di vaccinazione e sollecitando gli studenti a evitare il Wi-Fi nelle scuole, sostenendo che i bambini dotati hanno "connessioni neurologiche extra" che li rendono più suscettibili a reazioni allergiche.
Pat Slattery, il fondatore di WiseOnes, un popolare programma per studenti dotati, che lavorano nelle scuole dello Stato del Victoria, pubblicato sul suo sito web, che i bambini dotati hanno "sensibilità fisiologiche in più per il cibo o sostanze chimiche" e sono inclini a sviluppare reazioni negative per la salute, con le vaccinazioni.
In un post che da allora è stato rimosso...., si fa riferimento a informazioni che collegano i vaccini per l'autismo, e dice ai genitori di scrivere mail, per richiedere una richiesta di esenzione vaccinazione. 
"Sono preoccupato perché sappiamo quanto i bambini dotati più sensibili sono dovute alla loro connessioni neurologiche aggiuntive. Dando loro neurotossine con i vaccini, sembra illogico. Sono disposto ad aiutare ad educare i figli in linea di rifiuto dei vaccini", scrive.
Il programma pretende di lavorare con 30 scuole vittoriane, che sono elencati sul sito web, mentre la signora Slattery porta bandiera del rifiuto, sta progettando di espandere il programma per NSW e Queensland.  Ms Slattery lavora con altri insegnanti per fornire il programma nelle scuole.

Read more:
http://www.theage.com.au/victoria/antivaccination-program-offered-to-gifted-children-in-primary-schools-20160621-gpnzzp.html#ixzz4CDbFuAMH
Follow us:
@theage on Twitter | theageAustralia on Facebook


Commento NdR: ma i bambini normali, non iper intelligenti, cioe' non dotati.....invece si possono vaccinare con le sostante tossiche vaccinali per inquinare i loro organismi..e farli facilmente ammalare....?... questo perche' i vostri figli sono carne da macello.
..genitori SVEGLIA !

Vaccini: Adiuvanti in Alluminio = disordini Biologicineurologici, immunitari, autismo, ecc.
https://autismovaccini.org/adiuvanti-in-alluminio-e-disordini-neurologici/  

CANADA
Il dott. Moulden medico canadese, ha fatto delle importanti ricerche sui danni neurologici dei vaccini:
http://healthimpactnews.com/2014/dr-andrew-moulden-every-vaccine-produces-harm/

Il Dott. Moulden ha anche messo a punto una nuova tecnologia in immagini per evidenziare i disturbi e i danni neurologici prodotti in seguito alle vaccinazioni di rutine, cioe' le varie ischemie da essi indotte nei tessuti nervosi e non.
Il dott. Moulden spiega che i vaccini provocano una iper-reattività del sistema immunitario nel corso del quale i leucociti si precipitano ad attaccare i prodotti estranei iniettati nel flusso sanguigno. Dato che questi ultimi sono troppo grandi per penetrare i piccoli capillari dove ci sono i prodotti estranei, i leucociti finiscono per ostruire, bloccare e deteriorare questi vasi micro capillari. La strada viene quindi interrotta dai globuli rossi più piccoli che devono portare l’ossigeno ai diversi organi che si trovano vicino ai capillari ostruiti dalle sostanze estranee e dai leucociti.
Queste particelle che raggiungono il cervello, disturbano o impediscono la circolazione sanguigna, possono provocare l’autismo, la morte improvvisa dei neonati o molte altre malattie del bambino o dell’adulto. Proprio come succede con attacco cardiaco, ogni volta che i tessuti hanno carenza di ossigeno, é possibile subire un attacco cardiaco, cerebrale, problemi al fegato o ai reni. Si tratta qui di una grande scoperta di cui però si nega l’informazione a favore della disinformazione.

Davvero inquietante
!
Questo medico il Dott. Andrew Moulden è MORTO  (probabilmente assassinato) in modo inspiegabile nel novembre 2013 al età di 49, subito dopo aver pubblicato Le SUE RICERCHE CHE DIMOSTRANO il DANNO CAUSATO dai VACCINI, RICONOSCIBILI SOLO da un SEMPLICE ESAME ESTERNO
http://vaccineimpact.com/2015/dr-andrew-moulden-learning-to-identify-vaccine-damage/  

Eventi avversi (danni) neurologici dopo la vaccinazione. Dipartimento di Pediatria Riabilitazione dell'Università di Medicina di Bialystok, Polonia, EU
Neurologic adverse events following vaccination. Department of Pediatric Rehabilitation of the Medical University of Bialystok, Poland

Il dott. Thomas Rivers nel 1935 riuscì a produrre un'infiammazione del cervello in scimmie di laboratorio iniettando loro ripetutamente estratti sterilizzati di cervello e midollo osseo di coniglio.

Studio scientifico mostra che il tasso di mortalità infantile aumenta all'aumentare del numero di dosi vaccinali somministrate
.
 Qui nel sito qui sotto segnalato, trovate la traduzione dell'abstract (riassunto) dell'articolo "Infant mortality rates regressed against number of vaccine doses routinely given: Is there a biochemical or synergistic toxicity?" di Neil Z Miller e Gary S Goldman, pubblicato orginalmente sulla rivista scientifica ufficiale Human & Experimental Toxicology - 2011 September; 30(9): 1429, e reperibile su internet sul sito istituzionale medico-scientifico National Center for Biotechnology Information (.nih.gov significa che è ospitato sul sito governativo del National Institute of Health, ovvero il Ministero della Salute Federale degli USA):
 
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3170075/
 Continua QUI:
http://scienzamarcia.blogspot.it/2013/03/studio-scientifico-mostra-che-il-tasso.html

Un sistema immunitario indebolito si manifesta spesso con raffreddori cronici, infezioni alle orecchie, bronchiti, mal di gola, questi sono quadri oramai frequenti di malattia, l'indebolimento immunitario e' poi peggiorato da un accanimento terapeutico farmacologico (soprattutto Vaccinale) irrazionale con l'utilizzo anche di antibiotici e antinfìammatori, così che vediamo bambini piccoli sempre più malati.
L'indebolimento delle difese si può ascrivere ad uno spostamento dal livello dell'immunità cellulare (legata all'attività dei globuli bianchi) al livello dell'immunità umorale (quella legata all'attività anticorpale): una vaccinazione eccita e "rinforza" l'immunità umorale ed indebolisce quella cellulare. (2,3,4,5,6)

Se ciò accade quando il bambino ha solo pochi mesi di vita e la sua immunità cellulare è in via di formazione, la conseguenza sarà una forte diminuzione del suo meccanismo naturale di difesa e una maggiore sensibilità a contrarre infezioni in genere.
La maggior parte degli immunologi è dell'opinione che il sistema immunitario dell'organismo se è spostato troppo dal livello cellulare al livello umorale, diventa molto meno efficace e qualsiasi disturbo comincia ad assumere un carattere di cronicità: questo spiega il considerevole aumento delle "allergie" nei bambini.
La vaccinazione non fa altro che realizzare proprio quel che tutto il corpo e il sistema immunitario cercano di evitare o prevenire quando entrano in contatto con un virus: ovvero l'iniezione immette il virus direttamente nel sangue, senza che siano state attivate le difese locali e fagocitarie, offrendogli accesso libero e indisturbato verso alcuni target più delicati e questa volta vulnerabili.
Un'altro degli effetti della vaccinazione è di aumentare la permeabilità intestinale ed ematoencefalica, con la conseguenza di favorire il passaggio virale ai tessuti periferici. (7,8,9,10)
Sta di fatto che i vaccini sono agenti invasivi nel corpo umano.
La storia della medicina dimostra che dopo l'utilizzo di un prodotto vaccinale su larga scala, per un periodo sufficientemente lungo, questo provoca danni a numerosi bambini e finisce per essere ritirato dal commercio (vedi vaccino  antipertosse cellulare, antiepatite B, antiPolio ecc.)
Quando la scienza e lo Stato "scoprono" questi effetti dannosi corrono ai ripari: non mettono ovviamente in discussione il principio della vaccinazione e della sua obbligatorietà e tanto meno i metodi di sperimentazione, controllo e distribuzione del prodotto, bensì organizzano una campagna pubblicitaria a sostegno del nuovo prodotto che immetteranno in commercio e ne decantano i sicuri benefici - come sta accadendo adesso per la vaccinazione esavalente.
vedi anche: Influenza suina

Per questo motivo il pediatra omeopata, viene sempre più spesso consultato da quei genitori che si sono avvicinati all'omeopatia perché critici nei confronti della medicina allopatica.
Non si può affermare che esista un'opposizione preconcetta da parte dei pediatri omeopati - il concetto di vaccinazione è assimilabile al principio omeopatico del simile che cura il simile, inoltre è innegabile che questo tipo d'intervento sanitario abbia contribuito efficacemente ad eliminare o per lo meno a ridurre la morbosità d'alcune gravi malattie, anche se certi studi statistici contestano questo dato.
Le vaccinazioni sono un'arma di prevenzione per le malattie infettive ed una delle conquiste della medicina, hanno un unico difetto sono dei farmaci e sono iniettati in lattanti a tre mesi nuovamente a quattro mesi e ancora a 12 mesi e a 15 mesi.

Per questi motivi nonostante che da parte dei pediatri tradizionali, delle autorità sanitarie, degli organi di stampa, ci sia un coro unanime d'inviti più o meno categorici a far fare ai bambini i vaccini sia obbligatori che facoltativi, i dubbi e le perplessità sulle vaccinazioni non sono pochi.
A nostro parere l'informazione ricorrente fornita circa la totale innocuità dei vaccini ha determinato una falsa certezza negli operatori sanitari e negli utenti della sanità perciò qualunque segno clinico di reazione avversa da vaccino, anche sospetto, non è preso in considerazione, quasi mai sono segnalati i segni mascherati d'encefalite blanda da vaccino quali: iporesponsività, pianto inconsolabile protratto per alcune ore, obnubilamento del sensorio, iperpiressia superiore ai 38°.
In genere questi eventi occorrono dopo la somministrazione della seconda dose vaccinale e sono banalizzati dai genitori, quasi contenti che il bambino, nelle 24 /48 ore dopo la vaccinazione, sia febbrile e in stato soporoso; confortati dai pediatri curanti che prescrivono l'antipiretico di turno e che parlano di reazioni innocue e pienamente accettabili: quali il grosso pomfo cutaneo che si forma nel punto d'inoculazione del vaccino sul quadricipite femorale.
Manca quindi l'attestazione di tali reazioni - che sono molto frequenti - alle strutture sanitarie "accreditate", quindi l'esclusione di tali dati dalle statistiche nazionali dalle quali sono estrapolati gli studi epidemiologici riconosciuti.
Anche perché, di solito, sono esposti solo quelli che sono i vantaggi delle vaccinazioni, e gli effetti " collaterali" presi in considerazione da parte della medicina ufficiale sono limitati a quelli direttamente e immediatamente connessi con la malattia per la quale si vaccina.
Il Ministero della Salute ha avviato nel 2003 in tutta Italia una vasta campagna vaccinale con il vaccino trivalente MPR (Morbillo-Pertosse-Rosolia) che è eseguito, in sostanza obbligatoriamente, sui bambini al 15° mese di vita.
L'Italia rimane uno dei pochi paesi dove sono scarsi gli studi epidemiologici che mettano in discussione i metodi impiegati per la reazione passiva relativa agli eventi avversi post-vaccinali, anzi si osserva un'evidente sottostima di tali eventi. Ma possiamo assicurare che tale vaccino spostando l'equilibrio immunitario - come già detto - sta generando molti malati di tipo cronico.

VIDEO da visionare:  http://blip.tv/worldadaptive/vaccinazioni-killer-il-ragionevole-dubbio-6627872

Il LATO OSCURO delle VACCINAZIONI OBBLIGATORIE (FAI GIRARE)
FATELO VEDERE a TUTTE le MAMME d'ITALIA
Un video molto interessante che solleva parecchi dubbi sulla bontà dei vaccini; smobilitando la fiducia incondizionata delle persone che hanno cosi uno strumento necessario per poter firmare il consenso prima della vaccinazione.
Si mette in dubbio la capacita di immunizzazione, quindi il presupposto di una vaccinazione cioè l efficacia del vaccino che non viene mai dimostrata da chi lo produce.
Si enunciano i risultati di analisi di laboratorio su campioni in vendita di vaccini in cui sono stati rinvenuti (in tutte le 20 fiale esaminate) pezzi nanoscopici di metalli appositamente inseriti (titanio, alluminio, rame) per causare patologie a lungo termine nel soggetto inoculato.
Se ne conclude che: questi vaccini sono purtroppo utilizzati dalle case farmaceutiche come vere e proprie armi chimiche, atti alla creazione di patologie e quindi futuro lucro per tutto il comparto ospedaliero e farmaceutico.

Vaccini obbligatori o no, tutti quanti sono da sempre sbandierati come utili e sicuri anche e non solo dal Ministero della salute, ma esiste una sentenza ben precisa (ignorata da tutti…) che mostra come tali distinzioni fra vaccini obbligatori e non, NON possono sussistere - vedi: Sentenza Corte Costituzionale
Le famiglie dei danneggiati da vaccino dal canto loro sottolineano “lo stato di abbandono in cui sono  state lasciate dalle cosiddette “istituzioni che dovrebbero tutelare”, infatti “tutelano” ma solo i fatturati di Big Pharma….". + Corruzione per i Vaccini

Gli esperti di vaccini del CDC, hanno spesso conflitti di interesse - 18/03/2010
CDC e Conflitti di interesse - 1 + CDC e Conflitti di interesse - 2 + CDC e Conflitti di interesse - 3 + Corruzione + Danni dei Vaccini + Contro Immunizzazione

CDC conflitti di interesse anche per i vaccini + anche per la FDA
http://healthimpactnews.com/2014/cdcs-purchase-of-4-billion-of-vaccines-a-conflict-of-interest-in-overseeing-vaccine-safety/

Parlamentari pagati dalle Lobbies ? - Roma Ott. 2013 
L'intervista a un assistente di un Senatore che svelerebbe i traffici illeciti tra parlamentari e Lobbies.
Video dell'intervista: 
http://www.video.mediaset.it/video/iene/puntata/390060/roma-parlamentari-pagati-dalle-lobbies.html

Informatore dei CDC CONFESSA la FRODE e le FALSIFICAZIONI sugli studi della correlazione VACCINO=AUTISMO

ll CDC ha ammesso che tra 1955-1963 più di 98 milioni di americani hanno ricevuto una o più dosi di un vaccino per la poliomielite che è stato contaminato da un virus per il cancro chiamato virus Simian 40 (SV40).
http://www.vaccines.news/2015-09-23-cdc-admits-98-million-americans-were-given-cancer-virus-via-the-polio-shot.html

Il CDC ha messo l'articolo nel suo sito in basso nella pagina, insieme a Google, ma poi lo ha rapidamente tolto, ma il sito è stato memorizzato nella cache, che per fortuna e' stato salvato per simboleggiare questa grande ammissione ed oscuramento.
Ad ulteriore conferma questa ammissione incredibile, assistente professore di patologia alla Loyola University di Chicago Dr. Michele Carbone è stata in grado di verificare autonomamente la presenza del virus SV40 in campioni di tessuto e tessuto osseo delle pazienti che sono morti durante quel periodo. Ha scoperto che il 33% dei campioni con tumori ossei osteosarcoma, il 40% di altri tumori ossei, e il 60% dei tumori polmonari del mesotelioma tutto conteneva questo oscuro virus. Questo lascia la postulazione che verso l'alto di 10-30.000.000 effettivamente contratta e sono stati influenzati negativamente da questo virus, per essere mortale accurate.

 

MOLTI VACCINI sono IRRADIATI con COBALTO 60 (isotopo radioattivo del metallo Cobalto) e la perdita della Radioattivita' di cio' che e' stato irradiato si esaurisce fra i 5 ed i 7 anni....dall'irradiazione...
Il Cobalto 60 è un isotopo radioattivo e instabile del cobalto che decadendo emette radiazioni ionizzanti. I raggi gamma prodotti dalla sorgente di Co-60 penetrano il materiale e deviano gli elettroni dalla loro orbita. Per le applicazioni a scopo di sterilizzazione (come viene fatto per i vaccini), questo fenomeno ha un effetto disgregante sul DNA 
vedi: la prova dell'iradiazione, nello studio nel PDF

Video su
: I BAMBINI
NON VACCINATI SONO molto PIU' SANI di quelli VACCINATI !
Nel 1992 I.A.S. ha condotto un sondaggio sulla salute e la vaccinazione dei bambini della Nuova Zelanda ed ha trovato solide prove scientifiche che I BAMBINI NON VACCINATI sono PIU' SANI dei loro coetanei vaccinati !

I bambini NON vaccinati sono più sani - Bologna, 28 ottobre 2015
A sostenerlo non sono pseudo-guaritori, maghi o fattucchieri. Ma oltre 120 medici che, dopo settimane di dibattiti e polemiche sul tema, escono allo scoperto con una lettera aperta all’Istituto superiore di sanità. Primo firmatario il cardiologo Roberto Gava, membro della ‘Società medicina centrata sulla persona’ di Bologna, appoggiato da oltre una ventina di professionisti emiliano-romagnoli e marchigiani.
Il corposo documento prende le mosse dalle affermazioni del presidente dell’Istituto, il professor Gualtiero Ricciardi (leggete i conflitti di interesse che questo soggetto ha con la GSK, produttore di vaccini), che ha recentemente sostenuto la sicurezza dei vaccini pediatrici: "Su 19 milioni di vaccinazioni ci sono stati soli 5 casi di reazioni gravi, peraltro non mortali".
Non è esattamente così per i firmatari della missiva che rivelano l’esistenza di "reazioni avverse che ammontano a migliaia di rilievi all’anno".
Non per questo vogliono essere classificati come i fautori del no, senza se e senza ma. E infatti nella premessa mettono in chiaro che, oggigiorno, un qualsiasi medico dotato "di buon senso" e di "un minimo di conoscenza scientifica" non può essere "contro le vaccinazioni pediatriche".
Ma poi mettono sul tavolo la loro esperienza sul campo. E cioè "pratica medica specializzata" accanto al bambino malato, non "frettolosa ma fatta di osservazione e ascolto, di considerazione di quello che lui ci comunica e subliminale e di quello che i genitori raccontano". E tutto ciò "ci ha aperto gli occhi".
La conclusione è destinata a suscitare scalpore: "I bambini non vaccinati appaiono indubbiamente e globalmente più sani, meno soggetti alle patologie infettive, specie delle vie aeree, meno soggetti ai disturbi intestinali e alle patologie croniche, meno soggetti a patologie neurologiche e comportamentali e scarsi consumatori di farmaci e di interventi sanitari".
- vedi questo studio: Confronto fra vaccinati e NON vaccinati


Nuova Zelanda -  2013: una mamma testimonia dopo la morte del suo bambino vaccinato
Come puo' vivere una madre quando il suo bambino è morto a causa delle vaccinazioni, mentre tutto quello che può sentire dai medici, dal governo e dai media (lunga mano di Big Pharma) è che i vaccini sono sicuri ed efficaci ?
Non posso dire che ho creduto nei vaccini. Io non sapevo nulla e non ho fatto comunque nulla per informarmi.
Non è questo anche ciò che fanno la maggior parte dei genitori ? Abbiamo semplicemente fatto esattamente quello che i medici, personale della clinica ci hanno detto. Beh, questo è quello che ho fatto senza chiedere e pensare.
Nei verbali delle vaccinazioni, sta scritto che il mio bambino non smetteva di piangere. Le sue lacrime sono durate quasi tutto il giorno e quando lui non piangeva, urlava !
Cio' era abbastanza strano perché in precedenza era stato un bambino felice, placido, che si agitava quando ha vedeva sua madre.
Il medico mi ha detto a quel punto, che le sue reazioni sono abbastanza "normali" e che tutto sarebbe passato un paio di giorni dopo.
Dopo il primo giorno, sembrava aver quasi completamente recuperato, tranne qualche irritabilità, agitazione insolita. Passarono le settimane e tutto sembrava tornato alla normalità.
A 4 mesi, ho doverosamente portato dal medico per il successivo ciclo di vaccinazioni .
Questa volta, le sue grida erano molto più forti e io non ero più in grado di calmarlo. Quando ho voluto allattarlo, lui continuava a vomitare e ha continuato a urlare.
Prima di ricevere la sua prima vaccinazione, non aveva mai vomitato. Dopo di che, ho chiamato il medico per dirgli cosa stava succedendo. Il medico mi ha detto di smettere di allattare e di dargli solo del succo. Riuscì di tanto in tanto a trattenere qualcosa, ma spesso continuava a vomitare.
Il giorno dopo, ho chiamato di nuovo il medico per dirgli che a mio parere, quello che era successo era stato il risultato delle sue vaccinazioni.  Lei ha risposto "no" e che si trattava di una pura coincidenza e mi ha indirizzato da uno specialista.
Nei giorni che hanno preceduto il mio appuntamento con lo specialista, il mio bambino ha iniziato a fare cose strane, inarcava la schiena e urlava di dolore, a volte il suo corpo era rigido come una tavola. I suoi occhi si rovesciavano nelle orbite.
Non aveva temperatura, cioe’ febbre. Pero' tremava quando era freddo. Fu solo più tardi che il medico mi disse che erano convulsioni e crisi epilettiche. Il vomito non sempre si fermava e mia  sorella mi ha consiglio' di smettere di allattare. Ma ha anche vomitato le bottiglie di latte che gli ho dato successivamente.
Tutto cio’ mi ha sempre molto spaventata.
Quindi abbiamo fatto le analisi con uno specialista. Dopo qualche giorno abbiamo ricevuto i risultati: allergia al grano.
Così ho smesso di dargli il cereale che avevo iniziato a dargli un paio di settimane prima, ma gli stessi sintomi continuarono a rimanere.  Ho quindi deciso di andare in una grande città per avere un po' più di aiuto.
Il primo medico che ho visto mi ha chiesto di portare il mio bambino in ospedale per sottoporsi a una batteria di test - molti di questi test sono stati fatti in anestesia. Così ho firmato un modulo in cui si affermava tra l'altro che il mio bambino poteva morire come risultato di questi test. Come mai non ho avuto alcuna informazione su questo, ho firmato non comprendendo molto il gergo medico, e poi volevo il mio bambino potesse recuperare, ed ho avuto la fiducia perché i medici dicono di sapere cio’ che fanno.  
A quel tempo il mio bambino aveva perso peso e nulla di cio' che i medici mi avevano consigliato, funzionava.
Dopo le prove per mesi in ospedale, siamo stati chiamati in un ufficio ci hanno detto che non sapevano perché il nostro piccolo si stava deteriorando nella sua salute e che sarebbe potuto morire nei mesi successivi.
A questo punto, mi sono reso conto che tutti questi problemi sono stati effettivamente somatizzati due volte ed ogni volta dopo la vaccinazione. A quel tempo, non ho detto niente perché mi sono sempre fidata dei medici.
Mia madre, che era con me, mi ha detto: "Non posso credere che abbiamo usato i nostri figli come cavie per mesi senza riuscire a trovare una soluzione ai suoi problemi".
I due medici più anziani hanno lasciato la stanza ed i due giovani che stavano valutando la situazione in modo diverso, ci hanno detto che pensavano che potrebbe essere la malattia chiamata Alexander.
Hanno detto che il problema era genetico. Hanno detto che non avrei mai dovuto avere più figli perché potrebbero essere influenzati anche dagli stessi problemi.
Ho chiesto a mia sorella che ha lavorato per un medico se conoscesse la malattie Alexander. Mi porse tre pagine di informazioni sulla lista dei sintomi di questa malattia. Il mio bambino ha avuto due dei molti sintomi: convulsioni e vomito. (In seguito ho appreso che questi sintomi si verificano in molte altre malattie) ...
Così ho finalmente portato la nostra piccola casa a morire. Quasi non si muoveva, è rimasta così per quasi un anno, ella non era piu’ cresciuta dall'età di quattro mesi, da quando ha ricevuto i vaccini. In realtà, era rimasto alla fase di neonato anche se aveva la dimensione (lunghezza) come quella di un bambino piu' grande.  
Quando il sangue ha iniziato a venire fuori dalla sua bocca, ho dovuto portarlo in ospedale dove è morto poche settimane dopo.
  
Sono i vaccini che lo hanno ucciso, su questo argomento, non ho dubbi. Se lui fosse scivolato sotto il lavello e avesse bevuto la stessa miscela di metalli tossici pesanti, formaldeide, proteine estranee, più virus e una miriade di altre tossine, i servizi di emergenza medica, avrebbero parlato di avvelenamento.
Ma perché questi prodotti sono stati iniettati direttamente nel suo corpo, con i vaccini, si è parlato di coincidenze ! Strano dunque ! Da allora, ho incontrato molti genitori che mi hanno raccontato storie simili.
  
La mia cara zia che lavorava nel reparto pediatrico di un grande ospedale, mi ha detto senza mezzi termini, che aveva visto molti bambini che hanno avuto gli stessi sintomi come la mia, e l'unica cosa che tutti questi piccoli avevano in comune, era che erano stati vaccinati. Ha continuato a spiegarmi che questi casi non sono mai iscritti nei registri ospedalieri come danno da vaccino, ma quando si parla con i genitori, visto il tempo di correlazione, essi confermano ogni cosa.

Pochi anni dopo ho avuto un altro figlio. Questa volta sono stata determinata a non abbassare la guardia.
Ho cominciato a fare ricerche sui vaccini. Queste sono le stesse indicazioni che gli effetti collaterali del vaccino sono stampati nei loro bugiardini.
Quindi, i miei sospetti erano ben confermati anche dalle aziende farmaceutiche stesse, ed i medici avevano mentito a me, e non avevano prestato attenzione alle mie preoccupazioni circa la vaccinazione.
La mia fede cieca nella professione medica non mi permise quindi di indagare effettivamente sulla questione.
  
Ma da allora ho letto centinaia di libri e articoli scritti da alcuni medici il cui coraggio che avevano preso, si sono presi la briga di studiare ulteriormente la questione.
Ho letto un sacco di riviste mediche, visto anche il DVD fatto da quei medici che hanno voluto mettere in guardia i genitori sui pericoli delle vaccinazioni.
Ora ho tre figli sani e NON vaccinati. Non sono mai stati malati a differenza dei loro amici vaccinati che a volte somatizzano proprio le malattie contro le quali sono state esplicitamente vaccinati ....
  
Alcuni fatti semplici che tutti possono verificare:
Sindrome della morte improvvisa del lattante (SIDS) si verifica soprattutto a 2, 4 e 6 mesi tutti dopo le vaccinazioni di routine - alcuni di loro sono senza dubbio a causa di vaccinazioni. (Queste sono anche le età in cui il vaccino viene inoculato ai bambini).
Gli Stati Uniti hanno già versato miliardi di dollari a titolo di risarcimento per le famiglie i cui figli hanno sofferto effetti collaterali dopo la vaccinazione.
  
Non c'è assolutamente alcuna prova scientifica che  alti livelli di anticorpi siano equivalenti ad una ipotetica immunità e proteggano da una malattia. A quanto pare i medici vogliono prove scientifiche, quando si hanno effetti collaterali, pero’ non vi è alcuna prova scientifica che elevati livelli di anticorpi siano uguali a una vera e propria "protezione", vale a dire ad una vera immunità. Al contrario, vi è la prova contraria, proprio dall'ultima epidemia di pertosse che si è verificata in popolazioni super vaccinate.
  
Sono terribilmente triste di sapere che ci sono migliaia di bambini in tutto il mondo, la cui salute è, o è stata danneggiata, che sono o saranno disabili o muoiono ogni anno.
Sono profondamente triste perché questi piccoli non hanno voce per resistere contro le potenti aziende farmaceutiche.  
Suggerisco a tutti di controllare il significato e la definizione di "sicuro" ed " efficace".
Quello che si impara non è affatto cio’ che le aziende farmaceutiche ed i medici vorrebbero farci credere.
Poiché viviamo in un sistema che nega o minimizza gli effetti collaterali dei vaccini, in un sistema in cui il rischio di malattia sono esagerati, non sarà mai possibile per noi conoscere il vero rapporto rischio / beneficio. Ma ricordate che se il bambino è vaccinato, il rischio è al 100% ...
Fonte : Naturematters.info

Per chi è a favore delle vaccinazioni, si consiglia questo bel scritto, questa lettera concisa e convincente scritta dal medico neurologo dott. Russell Blaylock di fama mondiale, saprà smantellare tutti gli argomenti utilizzati a sostegno di questa disumana pratica barbarica. -  Dicembre 2009
Ho avuto il privilegio di incontrare il dottor Blaylock nel corso di una conferenza pochi anni fa.
Lui è molto intelligente, un pensiero chiaro, logico medico che non ha paura degli effetti negativi sulla sua carriera nell’affermare la verità sulle atrocità delle vaccinazioni. Ascoltare un medico come il dottor Blaylock che non ha alcun interesse finanziario o di altro tipo su questo argomento, solo per parlare della verità per amore dell’obbiettività è infinitamente più prezioso che ascoltare medici e altri "esperti" che lo fanno per interesse.
By Sarah, TheHealthyHomeEconomist.com

VACCINI: PERTOSSE, con quello  ACELLULARE (DTPa) si DIFFONDE l’INFEZIONE – Nov 2013
Still contagious. The current whooping cough vaccine may allow people to spread the disease even if they don't get sick, a new animal study suggests […] “There's a difference between protecting individuals from illness and bringing down the incidence of pertussis in the population,” Merkel says. “To do both we may need a different vaccine.”
TRADUZIONE
Ancora contagiosa. Un nuovo studio sugli animali suggerisce che l’attuale vaccino contro la pertosse può permettere alle persone di diffondere la malattia, anche se non si ammalano […] "C'è differenza tra proteggere gli individui dalla malattia e abbattere l'incidenza della pertosse nella popolazione", dice Merkel "Per fare entrambe le cose potremmo aver bisogno di un vaccino diverso."

FONTE: Science 25 Novembre, 2013
http://news.sciencemag.org/health/2013/11/whooping-cough-vaccine-does-not-stop-spread-disease-lab-animals

Tod J. Merkel ricercatore presso l'Ufficio ricerca vaccini e revisioni della FDA, è l' autore principale di uno studio condotto dalla stessa FDA e pubblicato in PNAS dal titolo: “Acellular pertussis vaccines protect against disease but fail to prevent infection and transmission in a nonhuman primate model” http://www.pnas.org/content/111/2/787.full.pdf )
Lo studio ha evidenziato come i babbuini vaccinati fossero protetti da sintomi severi associati alla pertosse ma non dalla colonizzazione del batterio, non si liberassero dell’infezione prima degli animali “naive” (ndt: non da esperimento), e trasmettessero facilmente la Bordetella pertussis ai loro contatti non vaccinati.
I ricercatori hanno argomentato che questo era dovuto alle differenze tra l’ immunità conferita dalla infezione contratta naturalmente e quella conferita dal vaccino. L’infezione naturale conferisce una robusta immunità cellulo-mediata (cioè mediata da cellule: i linfociti) che la vaccinazione in realtà previene favorendo l’immunità umorale (cioè mediata da anticorpi), che significa che il vaccino stimola la produzione di anticorpi ma non la memoria di cui le cellule hanno bisogno per una immunità robusta e di lunga durata.
“When you’re newly vaccinated you are an asymptomatic carrier, which is good for you, but not for the population” ovvero “quando sei stato da poco vaccinato, sei un portatore asintomatico, cosa che va bene per te ma non per il resto della popolazione” - By Tod J. Merkel
http://www.nytimes.com/2013/11/26/health/study-finds-vaccinated-baboons-can-still-carry-whooping-cough.html?_r=0

Commento NdR: Questo è esattamente l’opposto di quanto viene solitamente detto ai genitori riguardo la necessità di vaccinarsi, perché il “gregge” ha bisogno di essere vaccinato per proteggere coloro che non possono essere vaccinati (neonati, immunodepressi, ecc.)
Infatti la BALLA spaziale dell’effetto gregge (protezione del gregge = le pecore) NON esiste !
 

Un'altro studio recente della FDA, afferma che negli US:
"Ci sono stati 48.000 casi denunciati lo scorso anno 2014, nonostante gli alti tassi di vaccinazione", ha detto Anthony Fauci, MD, direttore del National Institute of Allergy e Malattie infettive del NIH. "Questa rinascita suggerisce la necessità di ricerche sulle cause che stanno dietro l'aumento di infezioni e modi più efficaci per prevenire la diffusione della malattia."
"
Questa ricerca suggerisce che, anche se gli individui immunizzati con un vaccino acellulare possono essere protetti dalle malattie, essi possono ancora essere infettati con i batteri e sono in grado di diffondere l'infezione ad altri, inclusi i bambini piccoli che sono suscettibili di malattia pertosse".
In parole povere: i vaccinati NON sono protetti dal vaccino e possono anche infettare altri soggetti.....
Tratto da: http://www.fda.gov/NewsEvents/Newsroom/PressAnnouncements/ucm376937.htm
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20200027

Il passaggio a un vaccino per la pertosse creato artificialmente, in laboratorio, con le tecniche di ingegneria genetica, è responsabile dell’aumento dei casi di mortalità verificatisi per la malattia negli Stati Uniti.
E’ quanto suggerisce e dimostra un nuovo studio a firma della Monash University, la più grande Università australiana, con campus localizzati in Malesia, Sud Africa, India e Italia.
I risultati sottolineano la necessità di condurre una ricerca simile in Australia e nel Regno Unito, sotto la supervisione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, dove i casi di pertosse sono entrati in una pericolosa spirale verso l’alto negli ultimi dieci anni, come afferma il Dr. Manoj Gambhir, Professore Associato presso la sede australiana della Monash University.


vedi: Pertosse e Cure naturali + Pertosse +  Pertosse 2 + Polio e Vaccini + Come nasce l'Unica malattia del Vivente + I germi non solo causa di malattia + Effetto Gregge Pertosse 2 + Trivalente - 2 +  Interrogazione Parlamentare + Morti per vaccino + Penta Vaccini, i loro pericoli + Meccanismo dei danni dei vaccini

UK (Gran Bretagna)
Negli anni 1950 (mese di aprile), l'Associazione Medicale Britannica, ha sospeso e proibito il vaccino per la difteritepertosse a seguito di numerosi casi di poliomielite (paralisi infantile) constatati sui bambini vaccinati da quel vaccino.
Tratto da: I ciarlatani della medicina, a pag. 170.


VACCINI: PERTOSSE, con quello  ACELLULARE (DTPa) si DIFFONDE l’INFEZIONE – Nov 2013
Still contagious. The current whooping cough vaccine may allow people to spread the disease even if they don't get sick, a new animal study suggests […] “There's a difference between protecting individuals from illness and bringing down the incidence of pertussis in the population,” Merkel says. “To do both we may need a different vaccine.”
TRADUZIONE
Ancora contagiosa. Un nuovo studio sugli animali suggerisce che l’attuale vaccino contro la pertosse può permettere alle persone di diffondere la malattia, anche se non si ammalano […] "C'è differenza tra proteggere gli individui dalla malattia e abbattere l'incidenza della pertosse nella popolazione", dice Merkel "Per fare entrambe le cose potremmo aver bisogno di un vaccino diverso."

FONTE: Science 25 Novembre, 2013
http://news.sciencemag.org/health/2013/11/whooping-cough-vaccine-does-not-stop-spread-disease-lab-animals

Tod J. Merkel ricercatore presso l'Ufficio ricerca vaccini e revisioni della FDA, è l' autore principale di uno studio condotto dalla stessa FDA e pubblicato in PNAS dal titolo: “Acellular pertussis vaccines protect against disease but fail to prevent infection and transmission in a nonhuman primate model” http://www.pnas.org/content/111/2/787.full.pdf )
Lo studio ha evidenziato come i babbuini vaccinati fossero protetti da sintomi severi associati alla pertosse ma non dalla colonizzazione del batterio, non si liberassero dell’infezione prima degli animali “naive” (ndt: non da esperimento), e trasmettessero facilmente la Bordetella pertussis ai loro contatti non vaccinati.
I ricercatori hanno argomentato che questo era dovuto alle differenze tra l’ immunità conferita dalla infezione contratta naturalmente e quella conferita dal vaccino. L’infezione naturale conferisce una robusta immunità cellulo-mediata (cioè mediata da cellule: i linfociti) che la vaccinazione in realtà previene favorendo l’immunità umorale (cioè mediata da anticorpi), che significa che il vaccino stimola la produzione di anticorpi ma non la memoria di cui le cellule hanno bisogno per una immunità robusta e di lunga durata.
“When you’re newly vaccinated you are an asymptomatic carrier, which is good for you, but not for the population” ovvero “quando sei stato da poco vaccinato, sei un portatore asintomatico, cosa che va bene per te ma non per il resto della popolazione” - By Tod J. Merkel
http://www.nytimes.com/2013/11/26/health/study-finds-vaccinated-baboons-can-still-carry-whooping-cough.html?_r=0

Commento NdR: Questo è esattamente l’opposto di quanto viene solitamente detto ai genitori riguardo la necessità di vaccinarsi, perché il “gregge” ha bisogno di essere vaccinato per proteggere coloro che non possono essere vaccinati (neonati, immunodepressi, ecc.)
Infatti la BALLA spaziale dell’effetto gregge (protezione del gregge = le pecore) NON esiste !

Quindi secondo le fonti ufficiali i soggetti, bambini, ragazzi, adulti, vaccinati con il vaccino per la Pertosse, Varicella o con il Morbillo, ecc., possono facilmente "infettare" gli altri,... purtroppo questa possibilita' e' valida anche per tutti gli altri soggetti vaccinati di QUALSIASI VACCINO  !

Nel 2014, un innovativo studio pubblicato sulla rivista Clinical Infectious Diseases
, tra gli autori del quale ci sono scienziati che lavorano per Bureau of Immunization, New York City Department of Health and Mental Hygiene e National Center for Immunization and Respiratory Diseases, Centers for Disease Control and Prevention (CDC),  ha preso in esame le prove che, nel  focolaio di morbillo scoppiato a New York nel 2011, sia gli  individui precedentemente vaccinati che quelli con "immunità" da vaccino, erano in grado di essere infettati con il morbillo e di infettare altri (trasmissione secondaria).
Questa scoperta ha suscitato anche l’attenzione dei media, come l’articolo apparso su Sciencemag.org nell’aprile 2014 intitolato:
“Per la prima volta una epidemia di morbillo è stata ricondotta ad un individuo completamente vaccinato“.
Questo studio rivoluzionario intitolato “Epidemia di morbillo tra persone "immunizzate" (vaccinate) in precedenza, New York City,  2011”, ha riconosciuto che, “il morbillo può manifestarsi anche in individui vaccinati, ma non è stata documentata la trasmissione secondaria da tali individui”.
Al fine di scoprire se individui completamente vaccinati per il morbillo siano capaci di essere infettati e di trasmettere l’infezione ad altri, gli studiosi hanno preso in esame i casi sospetti ed i contatti esposti durante l‘epidemia di morbillo del 2011 a New York. Si concentrarono su un paziente che aveva ricevuto due dosi di vaccino per il morbillo e fu scoperto che,
”su 88 contatti, quattro casi secondari avevano ricevuto due dosi di vaccino anti- morbillo o avevano una precedente positività di anticorpi IgG per il morbillo . Tutti i casi sono stati confermati in laboratorio, i sintomi clinici erano coerenti con il morbillo e presentavano un’alta presenza di anticorpi IgG caratteristica di una risposta immunitaria secondaria.”

La loro importante conclusione fu la seguente:
 ”Questa è la prima segnalazione di trasmissione del morbillo da un individuo vaccinato due volte. La manifestazione clinica e i dati di laboratorio erano tipici del morbillo in un individuo mai esposto al virus.
Casi secondari avevano risposte anticorpali anamnestiche robuste. Nessun caso terziario si è verificato nonostante i numerosi contatti. Questo focolaio sottolinea la necessità di una approfondita indagine epidemiologica e di laboratorio dei casi sospetti di morbillo a prescindere dallo status vaccinale“.
Ovviamente questo fenomeno: individuo completamente vaccinato che infetta altri individui completamente vaccinati, è stato ignorato dalle agenzie sanitarie e dai media.
Questi dati confermano la possibilità che, durante il focolaio di morbillo verificatosi a Disney, soggetti precedentemente vaccinati (chiunque facente parte del 18% che si sa essersi infettato-ammalato) possono essere stati infettati o anche aver contratto il morbillo dal vaccino e aver trasmesso il morbillo sia ai vaccinati che ai non vaccinati.
Fonte: http://www.greenmedinfo.com/blog/measles-transmitted-vaccinated-gov-researchers-confirm - a mezzo: comilva.org

Ecco altra bibliografia che dimostra questi fatti:
- http://www.hopkinsmedicine.org/kimmel_cancer_center/patient_information/Patient%20Guide%20Final.pdf
- http://www.stjude.org/stjude/v/index.jsp?vgnextoid=20206f9523e70110VgnVCM1000001e0215acRCRD
- Outbreak of Measles Among Persons With Prior Evidence of Immunity, New York City, 2011
http://cid.oxfordjournals.org/content/early/2014/02/27/cid.ciu105
- Detection of Measles Virus RNA in Urine Specimens from Vaccine Recipients 

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/7494055
- Comparison of the Safety, Vaccine Virus Shedding and Immunogenicity of Influenza Virus Vaccine, Trivalent, Types A and B, Live Cold-Adapted, Administered to Human Immunodeficiency Virus (HIV)-Infected and Non-HIV Infected Adults 
http://jid.oxfordjournals.org/content/181/2/725.full
- Sibling Transmission of Vaccine-Derived Rotavirus (RotaTeq) Associated with Rotavirus Gastroenteritis 
http://pediatrics.aappublications.org/content/125/2/e438

- Polio vaccination may continue after wild virus fades 
http://www.cidrap.umn.edu/news-perspective/2008/10/polio-vaccination-may-continue-after-wild-virus-fades
- Engineering attenuated virus vaccines by controlling replication fidelity 
http://www.nature.com/nm/journal/v14/n2/abs/nm1726.html
- CASE of VACCINE-ASSOCIATED MEASLES FIVE WEEKS POST-IMMUNISATION, BRITISH COLUMBIA, CANADA, October 2013 

http://www.eurosurveillance.org/ViewArticle.aspx?ArticleId=20649
- The Safety Profile of Varicella Vaccine: A 10-Year Review

http://jid.oxfordjournals.org/content/197/Supplement_2/S165.full
- Comparison of Shedding Characteristics of Seasonal Influenza Virus (Sub)Types and Influenza A(H1N1)pdm09; Germany, 2007 - 2011 
http://journals.plos.org/plosone/article?id=10.1371/journal.pone.0051653
- Epigenetics of Host-Pathogen Interactions: The Road Ahead and the Road Behind 

http://journals.plos.org/plospathogens/article?id=10.1371/journal.ppat.1003007
- Animal Models for Influenza Virus Pathogenesis and Transmission
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3063653/
- Acellular pertussis vaccines protect against disease but fail to prevent infection and transmission in a nonhuman primate mode 

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24277828
- Study Finds Parents Can Pass Whooping Cough to Babies
http://www.nytimes.com/2007/04/03/health/03coug.html?_r=0

- Immunized People Getting Whooping Cough
 http://www.kpbs.org/news/2014/jun/12/immunized-people-getting-whooping-cough/
 

Perché i produttori di vaccini (ad esempio quello per lo HPV) vogliono  che il vaccino e le sue sostanze possano attraversare la barriera emato -encefalica ? Non c'è un rischio noto e famoso ?
Si può chiedere perché il polisorbato-80 che è nei vaccini, se vi è un rischio che ciò permette agli elementi del vaccino di attraversare la barriera emato -encefalica. Dopo tutto, che cosa sono i componenti del vaccino sono tenuti a entrare nel cervello ? La risposta è ovvia e chiara : no !
Ho sentito da persone che si chiedevano se polisorbato 80 non sia stato utilizzato intenzionalmente nei vaccini come parte di una vasta sperimentazione medica sulla razza umana, come e’ stato osservato e successo nella seconda guerra mondiale.
Un bambino su sei soffre di una forma di disabilità dello sviluppo neurologico e delle malattie neurodegenerative negli adulti sono in aumento. E' chiaro che elementi molto negativi potrebbero influenzare il cervello umano ed ammalarlo. La domanda logica da porsi è questa: NON e' che il polisorbato 80 è volutamente utilizzato nei vaccini per causare danni, piuttosto che contribuire al bene di tutti, ed e’ parte di un importante programma che sarebbe quello di indebolire e deteriorare la razza umana ?
Ma quando la gente si avventura  per fare una domanda simile, la possibilità che questa cosa sia vera è inconcepibile per la maggior parte di essi, e sembra anche essere talmente ridicolo, come un cinismo su ciò che è generalmente accettato come vero perché "non avrebbero potuto mai fare questo" e "come possiamo sfidare il " miracolo di vaccini", e coloro che fanno questa domanda sono spesso accusati di essere complottisti e sono poi ostracizzati per il loro estremismo .
Il dibattito su questo tema è dunque così facilmente e comodamente respinto, mentre la base scientifica per questa domanda ha ancora un senso, ma non viene presa in considerazione.
Naturalmente, quando qualcosa di così ovvio e così chiaramente falso, è portato alla luce, è molto più facile per gli avversari di attaccare coloro che fanno le domande, e quindi di allontanarsi dalla scienza, piuttosto che affrontare il vero problema.
Si è detto che la presenza di polisorbato 80 nei vaccini contribuisce alla dispersione degli elementi del vaccino in tutto il corpo. Ovviamente non si specifica che uno dei possibili elementi, ad esempio il polisorbato 80 relativo al vaccino, raggiungerà precisamente il cervello, così come il funzionamento interno di quasi ogni cellula delle varie parti del corpo.
Ma nessuno studio è stato intrapreso per determinare se il polisorbato 80 può almeno parzialmente ad agire sul sistema nervoso centrale e le funzioni cellulari di tutto il corpo.
Invece, si continua ad aggiungere sempre più vaccini contieni polisorbato 80 al programma di vaccinazione e continuiamo a vedere un numero crescente di bambini e adulti affetti da malattie croniche debilitanti che interessano varie parti corpo ....
Newsletter del dottor Palevsky, 26 agosto 2013
Tratto da: http://expovaccins.over-blog.com/m/article-119738911.html

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Uno studio scientifico mostra che il vaccino quadrivalente per il papilloma virus può causare vasculopatia autoimmuni fatali (ovvero mortali).
Lo studio realizzato dai due medici canadesi Lucija Tomljenovic e Cristopher A. Shaw si intitola "Morte dopo il vaccino contro il papilloma virus, c'è una relazione causale o è una coincidenza ? " e si può leggere (in inglese) al seguente link
http://sanevax.org/wp-content/uploads/2012/10/Tomljenovic-Shaw-Gardasil-Causal-Coincidental-2167-7689-S12-001.pdf.
Le conclusioni dell'articolo non sono per niente ambigue: il vaccino in questione può innescare una reazione autoimmune che può essere talora mortale. Le conclusioni sono motivate dal fatto che molte delle reazioni avverse a tale vaccino finora registrate corrispondono a sintomi di vasculopatia cerebrale.
Studi come questo ovviamente mettono in un angolo tutti i ministeri della sanità che negano continuamente ogni correlazione tra le morti ed i vaccini.

IMPORTANTE da ricordare:
Una delle caratteristiche dei danni cellulari dei vaccini e’ quella di inibire e/o alterare la formazione di proteine essenziali allo sviluppo regolare dei tessuti ed organi di un bambino, e fra questa una si chiama Eps8 e gioca un ruolo fondamentale nei processi di memoria e apprendimento.
Milano 2013 (I) - A svelarne i meccanismi molecolari, un team di ricercatori italiani dell’Università degli Studi di Milano, Istituto di Neuroscienze del Cnr e Humanitas. Lo studio, pubblicato su Embo Journal, aprirà la strada a nuovi percorsi di cura per affrontare i gravi problemi legati ad autismo e ritardo mentale e dello sviluppo.

Roma, 20 maggio 2013 - Eps8 gioca un ruolo cruciale nel funzionamento del cervello e la sua assenza genetica causa  deficit di apprendimento e memoria in alcune patologie del sistema nervoso, tra cui l’autismo e il ritardo mentale. In particolare una ricerca, condotta da Istituto di neuroscienze del Consiglio nazionale delle ricerche (In-Cnr) di Milano, Università degli Studi di Milano e Humanitas dimostra che la proteina Eps8 è fondamentale per la plasticità sinaptica e svela i meccanismi molecolari attraverso cui controlla tale processo.
“La comunicazione fra le cellule nervose è fondamentale nel funzionamento del cervello”, spiega Michela Matteoli dell’Università di Milano, associata In-Cnr e responsabile del Laboratorio di farmacologia e patologia cerebrale di Humanitas, coordinatrice dello studio insieme a Elisabetta Menna dell’In-Cnr. “Le ‘sinapsi’, che mediano il trasferimento dell'informazione tra i neuroni, sono strutture altamente dinamiche, che variano di numero e forma sia durante lo sviluppo del cervello sia nell’organismo adulto, grazie alla ‘plasticità neuronale’, che è alla base di molte fondamentali funzioni dell’organismo, come l’apprendimento, l'attenzione, la percezione, il processo decisionale, l'umore e l’affetto”. 

Lo studio Eps8 controls dendritic spine density and synaptic plasticity through its actin capping activity, pubblicato su ‘Embo Journal’, consente ora un importante avanzamento. “La sinapsi solitamente si forma tra il terminale di un assone, che conduce gli impulsi del neurone, e la membrana del dendrite, le fibre che si ramificano dal neurone e trasportano il segnale nervoso, mediante piccole protrusioni chiamate spine dendritiche”, continua Matteoli. “Il nostro lavoro dimostra che le modificazioni strutturali delle spine dendritiche durante i processi di plasticità sinaptica  sono in gran parte a carico del citoscheletro di actina (una sorta di ‘impalcatura cellulare’) e della proteina Eps8”.

“La proteina Eps8 è dunque essenziale nei processi di plasticità sinaptica”, aggiunge Elisabetta Menna. “Tanto che la sua assenza genetica può essere causa di deficit di memoria e apprendimento, associati a difetti morfologici delle sinapsi eccitatorie dell’ippocampo, che appaiono immature e incapaci di aumentare di numero. È quanto avviene, per esempio, nel cervello di pazienti affetti da autismo”.

L’importanza di tale scoperta, che riprende un precedente studio dello stesso gruppo che aveva evidenziato un ruolo  della proteina Eps8 nello sviluppo neuronale, è legata alle sue possibili ricadute cliniche. “La speranza è che sezionare i meccanismi alla base della plasticità dei neuroni e delle loro interazioni (sinapsi), e dunque della memoria e dell’apprendimento, possa aprire percorsi terapeutici innovativi per affrontare i gravi problemi legati alla disabilità intellettiva e le varie patologie del sistema nervoso centrale, tra cui l’autismo e il ritardo mentale”, conclude la ricercatrice dell’In-Cnr.
Tratto da: lescienze.it

Video (english): Immunity, Infectious Disease, and Vaccination - By Raymond Obomsawin
(Immunita', Infezioni, malattie e Vaccini)

 

video del dott. Massimo Montinari a Don Chisciotte  - Ott. 2012


Il giuramento d'Ipocrita
- (Parte del dialogo del video)
 

VACCINI OMICIDIO di MASSA
 

AFRICA 2010 - BAMBINI resi ZOMBI dai VACCINI

I  danni da Mercurio e Alluminio e NON solo....
II  21 giugno 2000 il FDA (Food and Drug Administration, USA)   ha affermato che i bambini che ricevono dosi multiple dei vaccini contenenti thimerosal (composto di mercurio) potrebbero essere esposti ad una quantità totale di mercurio che eccede i limiti federali. Il 1° luglio 2000, la FDA ha quindi inviato una lettera ai produttori di vaccini chiedendo la rimozione del thimerosal.
Anche l'agenzia europea per la valutazione dei prodotti medicinali (NdR: EMEA  - ente che e' stato ben informato sui danni dei vaccini, ma che fa orecchio da "mercante" al servizio di Big Pharma...) ha sollecitato le industrie farmaceutiche a mettere a punto un vaccino pediatrico senza thimesoral al più presto possibile (NdR: per lasciar terminare le scorte a Big Pharma, della salute dei sudditi dell'impero sanitario, a questo ed altri "enti" NON interessa nulla...).
Per rispondere a questa richiesta le aziende produttrici di vaccini hanno sollecitato e ottenuto una campagna di massa con vaccino esavalente privo di thimerosal ma contenente alte dosi d'Alluminio.
I nostri ragazzi di 12 anni sono vaccinati per l'epatite B stanno ricevendo dal 1992 vaccino contenente thimerosal, le scorte americane si esauriranno nel 2008, ma il ministero della salute ha garantito che dal luglio 2004, il vaccino antiepatite B sarà senza thimerosal (NdR: successivamente ha permesso alle aziende dei vaccini di terminare le scorte fino alla fine del 2008....).
In Italia, i nostri figli hanno ricevuto contemporaneamente (dal 1992 due vaccini), poi, ben tre vaccini che contengono mercurio, (vaccino per il Morbillo, iniettabile, per l'Epatite B, e l'AntiDiftoTetanica (NdR: 3 vaccini in uno)).
La dose di mercurio nei vaccini a tre mesi è equivalente a 30 volte l'esposizione giornaliera massima
Oltre questo, i vaccini contengono quantità - seppur infinitesimali, ma farmacologicamente attive - di stabilizzanti tipo formaldeide (Polio Salk), albumina umana ovvero cellule diploidi umane, aminoacidi, neomicina solfato, fenolsulfonftaleina (NdR: una tintura rossa utilizzata anche nei test di funzionalita' renale), lattosio, mannitolo (nei vaccini x il Morbillo, Parotite, Rosolia) o antibiotici tipo kanamicina e streptomicina (nei vaccini x Difterite - Tetano) che spesso sono necessari per prevenire la crescita batterica e stabilizzare l'antigene.
Inoltre i vaccini sono composti da sostanze chimiche chiamate adiuvanti, necessarie perché il vaccino provochi la risposta anticorpale, ma di cui non è chiaro il meccanismo d'azione, anche se è chiaro che senza adiuvanti i vaccini non funzionano (ottimo esempio di medicina "scientifica" !?).
L'adiuvante più usato è l'alluminio (Alluminio ossido idrato (A1OH3) e Alluminio fosfato (A1PO4) assieme al Fenossietanolo.
(NdR: Sono tossici il Fenossietanolo (phenoxyethanol), che e’ un conservante ed il glicole dietilenico monoetiletere - thoxydiglycol - anche se sono tra le meno tossiche della loro categoria (eteri di glicole etilenico), in un avviso dell'8 novembre 2000, la Commissione di Sicurezza dei Consumatori raccomanda di sostituire queste sostanze nei prodotti cosmetici.", che pero’ rimangono nei vaccini….
In diversi casi si possono scatenare reazioni da ipersensibilità verso questi componenti, anche se il più delle volte sono ben difficile capire quale sia il componente che ha scatenato la reazione nel ricevente.
vedi: Contenuto dei vaccini


La tossicità del Mercurio
Ampiamente discussa risulta l'etiopatogenesi della "sindrome autistica" (AS) che riconosce diversi fattori quali: l'azione del Mercurio, dell'Alluminio, dei DNA virus, virus lenti, da Fenilchetonuria, Istidinemia, Deficit di adenilosuccinato-liasi, Deficit di Diidropirimidina deidrogenasi, Superattività della  5'-nucleosidasi, Deficit di Fosforibosil Pirofosfato,  Carenza  dell'enzima  ornitina transcarbamilasi, esposizione al Talidomide.
Tra le ipotesi etiopatogenetiche maggiormente accreditate nella letteratura internazionale rientra l'azione di metalli tossici, quali il Mercurio (Hg) e l'Alluminio (Al) con riferimento alla loro azione sulle funzioni biochimiche delle cellule nervose, sia neuroni, sia cellule appartenenti alla GLIA, e l'azione dei virus lenti.
Importantissimo è il ruolo ricoperto dal fenotipo d'ogni paziente, infatti, le reazioni avverse del SNC sono strettamente correlate a particolari aplotipi.
Ci riferiamo espressamente alla possibilità documentata che i metalli pesanti, specie il Mercurio (Hg), sotto forma di vapori, adiuvanti vaccinali, amalgama dentale, o prodotti industriali, possano determinare  irreversibili  danni  enzimatici nel  ciclo  della respirazione  cellulare,  con  danni irreversibili sul DNA, sia nucleare, sia mitocondriale.

Ciò che è importante considerare è che l'azione dei metalli pesanti, con la conseguente insorgenza di una sindrome autistica (AS), non è correlata alle dosi "tossiche" degli stessi, ma all'azione diretta, anche di minimi quantitativi che sono in grado di agire sulla biochimica delle cellule nervose.
Studi clinici confermano che il mercurio:
1 - produce danno biologico agli esseri umani alle dosi considerate tollerabili (11)
2 - iniettato è più dannoso del mercurio ingerito (12)
3 - colpisce il sistema nervoso centrale è particolarmente dannoso per il cervello in fase di sviluppo. (13,14)
4 - entra molto più facilmente nei tessuti cerebrali del bambino perché la barriera ematocerebrale è più recettiva; è stato dimostrato che neonati esposti al mercurio, diversamente da ciò che accade negli adulti, accumulano notevolmente più mercurio nel cervello rispetto ad altri organi.
5 - i bambini sotto i sei mesi non riescono ad espellere mercurio, principalmente per la loro incapacità a produrre bile, la principale via d'escrezione del mercurio organico.

La tossicità del mercurio è cumulativa e si verifica quando la velocità d'esposizione è maggiore di quella d'eliminazione.
In tal modo c'è una neurotossicità ritardata nel tempo, che può manifestarsi mesi (NdR: anche dopo anni) dopo l'esposizione interferendo con la migrazione neuronale e deprimendo la divisione cellulare nel cervello in via di sviluppo, due vie che stanno alla base del danno  autistico.
La commissione dell'FDA americano ha valutato in uno studio del 2001  la possibilità di correlazione fra Thimerosal e specifici sintomi neurocomportamentali in 400.000 bambini seguiti nell'ambito del progetto di monitoraggio sulla sicurezza dei vaccini (15). E' stata dimostrata una correlazione statisticamente significativa tra esposizione cumulativa al mercurio e ritardi nello sviluppo, tic, sindrome da deficit attentivo, minori capacita di linguaggio e d'apprendimento.

L'organo  bersaglio è rappresentato quindi dalla struttura cellulare della Glia, altamente immunocompetente per la presenza sulla superficie delle proprie cellule di un grande numero di molecole HLA.
Sulla Glia si attivano reazioni immunitarie verso agenti patogeni tra cui DNA virus, stealth virus (NdR: uno stealth virus è un virus, che e' una proteina a DNA in parte preesistente nei grassi, che nasconde i cambiamenti che apporta a livello di sistema immunitario, strutture di directory e dimensioni di file, facendo credere al S.I., che effettua la scansione del virus lento per il suo riconoscimento, che tutto stia procedendo normalmente) e virus lenti (Virus "lenti" caratterizzati da un lungo intervallo tra l'infezione e l'insorgenza dei sintomi), quali quelli presenti, sotto forma attenuata, in alcuni vaccini.
(NdR: o per vaccini introdotti in precedenza o mutazioni genetiche trasmesse dai genitori per le loro vaccinazioni subite).

Dagli studi presentati da Sallie Bernard   si evidenzia come sia importante il ruolo ricoperto dall'aplotipo individuale nella slatentizzazione (NdR: far emergere precocemente cio' che e' latente) di reazioni avverse, e su tale guida è utile riferirsi.
Studi clinici hanno dimostrato che la molecola dell'alluminio ha la facoltà di allontanare tra loro le molecole HLA di superficie, determinando la rottura dei legami aminoacidici e la conseguente formazione d'antigeni solubili.
Recentemente l'alluminio rientra come fattore etiopatogenico nelle encefalopatie, osteopatie (NdR: Le osteopatie metaboliche sono la conseguenza di una grave alterazione del metabolismo del tessuto osseo. Le complicazioni possono essere anche gravi: alterazione della struttura scheletrica con maggiore incidenza di fratture e compromissione della funzione di sostegno dello scheletro. In alcuni casi si possono avere modificazioni della calcemia, importante parametro del sangue da cui dipende la funzione di molti organi vitali, tra i quali il cuore)  ed anemie specificatamente osservate nel corso dei trattamenti dialitici (dialisi).
E' stato anche ipotizzato che rientri nella patogenesi della malattia d'Alzheimer, comunque studi sperimentali su animali hanno confermato la neurotossicità.
Sono  state  anche  ipotizzate  le  associazioni tra neurotossicità ed  osteotossicità con  alcune preparazioni alimentari per neonati e nelle soluzioni per la nutrizione parenterale domiciliare (riduzione della velocità di sintesi ossea).
P. Zatta che opera presso il CNR è coordinatore del progetto "Interdisciplinary approach to thè study of alumin toxicity" (13) a nella sua relazione presentata alla conferenza internazionale Metalli e Cervello ha fra l'altro raccomandato:
1 ) I pazienti a rischio di sovraccarico iatrogeno da alluminio sono i pazienti con insufficienza renale i neonati e i bambini.
La concentrazione d'alluminio del siero di questi pazienti dovrebbe essere inferiore a 30 mg/L.
2)  II contenuto d'alluminio dovrebbe essere specificato su tutte le preparazioni alimentari e nei prodotti farmaceutici
3)  I neonati pre-termine sono particolarmente vulnerabili agli effetti tossici dell'alluminio per la loro funzione renale immatura - sono vaccinati comunque fra il 2° e il 3° mese di vita.
4)   Tutte   le  preparazioni  da  infondere  per  via  endovenosa   dovrebbero  essere  controllate monitorando l'alluminio.
Il contenuto massimo d'alluminio da infondere a neonati e bambini dovrebbe essere di 10 microgrammi /L.

Non tutti i bambini cui è iniettata una certa dose di mercurio e d'alluminio sviluppano le stesse reazioni.
La suscettibilità all'intossicazione dipende da fattori genetici e ambientali quali:
1) l'abilità a disintossicare i metalli pesanti
2) la capacità a mantenere una microflora intestinale equilibrata, da cui dipende la maggior parte della rimozione dei metalli.
3) l'ipersensibilità immunitaria al mercurio e all'alluminio.

Autismo o encefalopatia blanda da vaccinazioni infantili
II patologo olandese E.de Vries dimostrò per primo negli anni 60 che il cervello dei bambini a causa della propria immaturità, non è in grado di reagire fino a circa il terzo anno di vita al danno causato dalla vaccinazione.
Nei primi tre anni si crea al massimo un edema cerebrale e questa reazione asintomatica, denominata da de Vries "encefalopatia post-vaccinica blanda", si distingue dalla encefalite post- vaccinica che avviene solo dopo il terzo anno d'età quando la struttura cerebrale del bambino è più matura.
Questa differenziazione tra le forme di patologie (encefalite ed encefalopatia) non fa ancora parte della cultura medica generale, pur avendo ampie conseguenze L'encefalite ha un quadro clinico ben definito e riconoscibile mentre l'encefalopatia è difficilmente riconoscibile spesso, immediatamente dopo la vaccinazione, i bambini hanno febbre, disturbi intestinali, inappetenza, alterazioni del tono dell'umore e del sonno etc... che possono essere di breve durata ma che possono anche persistere a lungo; non pochi casi giungono alla nostra osservazione in cui i genitori dicono "Da quando ha fatto la vaccinazione non è più lui ".
Per le USL o i medici pediatri tradizionali questi disturbi non esistono o non sono da mettere in correlazione con la vaccinazione, ma piuttosto con la dentizione o con altre motivazioni.
Per stabilire una correlazione causa-effetto fra una patologia e un trattamento farmacologico, nel nostro caso le vaccinazioni infantili, occorre che siano soddisfatte alcune condizioni:

A) La condizione clinica del paziente era buona prima del vaccino
B) Ci sono state reazioni avverse ai vaccini, cioè reazioni con una chiara correlazione temporale con la vaccinazione. Reazioni locali: l'iniezione spesso causa un ematoma o l'infiammazione di un nervo che dura diversi giorni, spesso associata a rialzo termico ( questa reazione non è mai segnalata all'autorità sanitaria).
Reazioni allergiche: alle diverse componenti sopra illustrate dei vaccini. Scatenamento della malattia: può accadere che la vaccinazione provochi la malattia per evitare la quale si è fatta la vaccinazione.

L'indagine tramite le molecole HLA classe I e II (C)
Se questa indagine clinica fino a ieri non poteva essere considerata sufficientemente comprovante il danno biologico e neurocomportamentale provocato da vaccino oggi la correlazione fra molecole HLA di classe II e patologie post-vaccinali, autoimmunitarie è il risultato dello studio di diversi autori.
E' oggi molto ampio il capitolo relativo alla correlazione fra HLA e malattie, infatti, sono stati individuati molti antigeni d'istocompatibilità correlati a patologie autoimmunitarie altamente invalidanti, che con meccanismi oramai in via di completa definizione, potrebbero essere attivate in seguito allo stimolo diretto sul DNA.
L'associazione tra HLA e malattie autoimmunitarie è dunque abbondantemente documentata in letteratura, come è certa la multifattorialità nella loro azione. Gli antigeni del sistema HLA si ritrovano sulle cellule di tutti gli organi, ad eccezione del globulo rosso maturo non nucleato dell'uomo.
La sintesi di questi markers immunogenetici si effettua in seno al complesso d'istocompatibilità situato, nell'uomo, sul braccio corto del cromosoma sei. I geni del sistema HLA sono suddivisi in quattro gruppi :A,B,C,D.
Si è visto che alcuni markers HLA sono predittivi per malattie quali xeliachia, psoriasi, arterite reumatoide giovanile, sclerosi a placche, miastenia, diabete, morbo di Graves, rettocolite ulcerosa ed altre.
Tutte malattie che possono essere scatenate e slatentizzare, per i motivi che ho sopra esposto dai vaccini I vaccini peptidici esplicano un ruolo fondamentale per l'attivazione di tale sistema, infatti C.Cox e A.Coulter (16) hanno documentato, come altri centri di ricerca nel mondo, che i vaccini agiscono direttamente sull'HLA, senza dunque la presenza di ulteriori fattori di attivazione.
Tale studio australiano rappresenta la conferma di quanto presentato da R.K. Gupta e G.R. Siber (17) che già nel 1995 dimostravano le possibili reazioni avverse causate dalla presenza di eccipienti tossici nei vaccini.

Sottopopolazioni linfocitarie -  HLA e vaccinazioni
Mitchell e altri (18) hanno dimostrato che l'HLA ricopre un ruolo fondamentale nella slatentizzazione di patologie a lui correlate ,infatti, nei casi specifici ,la presenza di antigeni DR1 e DR4 era associata ad artropatia post-vaccinale con incidenza di circa otto volte superiore alla norma,mentre i geni DR4 e DR6 manifestavano un'incidenza 7,1 volte superiore.
Poland ed altri (19) ponevano le basi della stretta correlazione tra alleli HLA classe I ,infatti documentavano che diversi alleli HLA classe I (HLA B13 ,B44 e Cw5) erano associati all'assenza di risposta immune al vaccino antimorbillo , mentre altri alleli di classe I (HLA B7 e B51) erano invece associati ad una iper-risposta immune.
Da tale lavoro si osservava come i livelli di immunizzazione al vaccino antimorbillo fossero strettamente correlati ad alleli di classe I.
Nell'agosto del 1999 E. Fombonne (20) a completamento della sua ipotesi iniziale , poneva la discussione sull'ipotesi etiopatogenetica che vedeva il virus del morbillo e il vaccino antimorbillo associati all'insorgenza di autismo anche A.K. Akoberg e Thomas (21) hanno documentato la correlazione fra autismo, malattia infiammatoria cronica e vaccinazione MPR.
Poland in un nuovo studio del marzo 1999(22) ha documentato il meccanismo immunogenetico della risposta anticorpale al vaccino antimorbillo con il relativo ruolo dei geni HLA: tale studio dimostrava il diretto interessamento delle molecole HLA di classe I e II che intervenivano nella risposta anticorpale al vaccino.
Nel settembre 1999 G.T.Roberts (23) e altri pubblicavano sul Lancet un lavoro relativo alla stretta correlazione fra vaccinazione MPR e autismo.
Encefalopatie post-vaccinazione antimorbillo sono state documentate nel lavoro di R.M. Souza e altri nel febbraio 2000 che ha riportato i dati relativi ai controlli eseguiti in seguito ad una campagna vaccinale del 1998 in Australia. P.Griffin (24) nell'agosto 2000 ha pubblicato un lavoro su autismo e vaccino MPR, sempre nello stesso periodo M. Campbell (25) presentava un lavoro sugli effetti avversi psico-neurologici riscontrati su giovani adulti in seguito a vaccinazione antimorbillo.
Da segnalare sempre sullo stesso argomento i recenti lavori di Bitun A. e di Maldonado.(26,27)

II vaccino antiepatite B e il DTP, esercitano la propria azione sul complesso maggiore di istocompatibilità (28) mediante molecole ad azione co-stimolante che ne accentuano l'immunogenicità quali il thimerosal,l'alluminio idrossido e gli altri adiuvanti contenuti nei vaccini. Le corrette risposte immunitarie dei vaccini sono strettamente dipendenti dall'intervento delle sottopopolazioni linfocitarie, spesso non idoneamente considerate nel corso delle comuni pratiche profilattiche.
In particolare rivestono un ruolo fondamentale gli helper T linfociti (HTL) che svolgono la propria azione nella induzione delle risposte immuni sia umorali, sia cellulari. Diverse sono le malattie autoimmunitarie HLA correlate , che presentano un esordio post-vaccinale.(29-30)
A rendere più complessa la genetica delle malattie autoimmunitarie contribuisce anche il fenomeno detto Linkage Disequilibrium, perciò alcuni alleli HLA sono ereditati in associazione fra di loro: la suscettibilità alla malattia potrebbe pertanto essere legata non a un singolo allele, ma alla contemporanea presenza di altri alleli coereditati a quello presumibilmente correlato.
Nel 1992 nel corso del 1° International Workshop on soluble HLA Antigens Saririan Wall e Almeida (31) presentavano uno studio che dimostrava l'incremento sierico dei livelli di molecole HLA di classe I, successivo alla somministrazione vaccinale antinfluenzale ; questo dimostrava che in seguito allo stimolo vaccinale , nei soggetti responder, si presentavano in circolo alti livelli di antigeni solubili questo venne confermato nei lavori presentati gli anni successivi .(32)

Nel 1966 Montinari, Faviono, Roberto (33) presentavano uno studio su 48 pazienti affetti da patologie post-vaccinali con interessamento del SNC e di altri apparati nei quali i primi sintomi erano insorti in concomitanza o immediatamente dopo la somministrazione di vaccini.
Tutti i pazienti erano sottoposti a indagini sierologiche per virus erpetici (IgG e IgM) nonché tipizzazione tessutale HLA DR-DQ allo scopo di accertare una eventuale correlazione tra l'insorgenza di patologie a carico del SNC e questi antigeni, tale da spiegare una possibile base immunogenetica di tipo autoimmunitario nei processi di demielinizzazzione.
Il confronto statistico aveva messo in evidenza un aumento degli antigeni HLA A3 e HLA DR7. La presenza di A3 e/o DR7 era stata osservata nel 73% dei pazienti; con tale studio si proponeva di indagare sull'etiopatogenesi di altre malattie autoimmunitarie. Nel 1996 anche Choen Shoenfeld (34) potesse indurre autoimmunità, nel 1997 anche Kalmar (35) sottolineava l'importanza del sistema HLA nella risposta ai vaccini.
Montinari e Favoino (36 ) presentavano un altro studio su antigeni HLA e patologie post vaccinali.
Nel 1998 Shields e Kubota (37) hanno dimostrato l'effetto della beta2 microglobulina umana sul complesso maggiore di istocompatibilità di classe I. Così Poland (38) ha evidenziato una stretta correlazione tra gli alleli HLA-DQAI e la risposta umorale alla vaccinazione antimorbillo. Mitchell (39) ha presentato uno studio relativo all'associazione tra artrite reumatoide e vaccinazione antirosolia.

Cosa fare nei bambini che devono essere vaccinati per Legge al terzo mese
II governo Inglese ha stanziato 50 milioni di sterline per poter effettuate la tipizzazione sierologica e molecolare HLA dal sangue del funicolo ombelicale sui neonati.
Questo per avere la predittività di malattie immunitarie, i genetisti inglesi hanno convito Tony Blair che 10 mila malattie sono causate da mutazione dei singoli geni, il che equivale al 5% di tutta la popolazione e che sei inglesi su dieci sviluppano malattie che il test DNA evidenzia, non si vuole affermare che molte più malattie e più malati cronico-degenerativi stanno facendo saltare la spesa sanitaria e si sta cercando la strada per correre ai ripari.
La strada intrapresa dal governo inglese è per noi altamente auspicabile per arrivare a capire quanto e come le vaccinazioni inducano la slatentizzazione delle malattie immunogenetiche.

Il dott. M. Montinari consiglia:
In tutti
i bambini PRIMA delle vaccinazioni di
Legge e NON, è altamente consigliato richiedere i seguenti esami:
1)  Richiesta  di Tipizzazione linfocitaria
2)  Richiesta per  l'estrazione  DNA tipizzazione  genomica HLA (A,B,C)  DR,  DQ,  in  bassa risoluzione da effettuarsi presso un laboratorio di tipizzazione tissutale
3)  Es. emocromo con formula e dosaggio immunoglobuline
I dati raccolti vanno confrontati con la tabella sotto riprodotta:
Tabella - Malattie secondo la tipizzazione sierologica e Molecolare HLA
Questi quindi i Primi esami da fare su di un bambino che presenti sintomi da reazione a vaccinazione: :
1) Ricerca anticorpi (1°,2°,3°) Antipoliovirus
2) Markers Epatite B e C
3) Test tipizzazzione tissutale HLA ( A,B,C) e HLA DQ- DR (sierologica)
4) IgG e IgM per CMV , EBV , VZV , HSV ( 1° e 2°)
5) Emocromo
6) Anticorpi antiendomisio, antigliadina, transglutaminasi

Stiamo valutando l’opportunità e l’affidabilità del Cytotoxic test - test citotossico - sul sangue da additivi e alimenti.

La presenza di alleli indicanti la possibilità di malattia autoimmunitaria deve essere certificata alle autoritarie sanitarie con una lettera tipo quella sotto presentata e il ciclo vaccinale deve essere sospeso ! I genitori diventano obiettori nei confronti delle vaccinazioni e verranno , nel peggiore dei casi multati , cioè avranno una sanzione amministrativa.
Bisogna informare i genitori che non occorre essere vaccinati per poter frequentare la
scuola e il bambino non vaccinato non è soggetto a nessun tipo di preclusione nella comunità.
Le REAZIONI da VACCINO  - "Quando succede a Voi od al Vostri bambini, I rischi sono del 100%"

vedi: Meccanismo delle Mutazioni  cromosomiche cercare in questa pagina: Aberrazioni Cromosomiche + Meccanismi delle Mutazioni al DNA cellulare  (del mitocondrio) + GRAVI DANNI dei VACCINI + Valutazione prevaccinali + Effetto Gregge + PDF - Danni neurologici provocati dai vaccini (english) + Nuove malattie con i Vaccini (francais) + Danni anche Neurologici dai Vaccini (video da visionare) + Danni neurologici con i vaccini

Le RICERCHE MOSTRANO un NESSO fra MICROBIOMA Intestinale (intestino) e CERVELLO - 09/01/2015
Chiamate collettivamente microbioma, le migliaia di miliardi di microbi che abitano il corpo umano vivono principalmente nell’intestino, dove ci aiutano a digerire il cibo, a sintetizzare le vitamine e a difenderci dalle infezioni. Ora, recenti ricerche sul microbioma hanno dimostrato che la sua influenza si estende ben oltre l’intestino, fino ad arrivare al cervello. Negli ultimi 10 anni, vari studi hanno collegato il microbioma intestinale a una serie di comportamenti complessi, come umori ed emozioni, appetito e ansia.
Il microbioma intestinale sembra contribuire al mantenimento della funzionalità cerebrale, ma non solo: potrebbe anche incidere sul rischio di disturbi psichiatrici e neurologici, fra cui ansia, depressione e autismo. Una delle modalità più sorprendenti con cui il microbioma influisce sul cervello è durante lo sviluppo.
“Esistono delle finestre evolutive critiche in cui il cervello è più vulnerabile poiché si sta preparando a rispondere al mondo circostante”, spiega Tracy Baie, docente di neuroscienze presso la facoltà di veterinaria dell’Università della Pennsylvania. “Così, se l’ecosistema microbico della madre si modifica - per esempio a causa di infezioni, stress  o diete - ciò cambierà il micro bioma intestinale del neonato, e gli effetti possono durare tutta la vita.”
Altri ricercatori stanno esplorando la possibilità che il microbioma abbia un ruolo nelle malattie neurodegenerative come l’Alzheimer e il Parkinson.
Fonte: MedicalXpress.com : http://tinyurl.com/kaa2j36

Commento NdR: ma cio’ puo’ accadere anche e non solo per i vaccini che il neonato subisce dai due, tre mesi  in avanti…infatti se una madre ha delle amalgami dentali in bocca (contengono mercurio) il neonato potra’ subire delle conseguenze anche gravi.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

ELENCO degli ESAMI di laboratorio, da far EFFETTUARE per CONTROLLARE se un BAMBINO puo' ESSERE VACCINATO SENZA PERICOLO e per i DANNI dei VACCINI (esami pre e/o post vaccinali) 
Si consiglia malgrado tutto di NON vaccinare MAI i vostri figli ! - Danni neurologici con i vaccini
Parlatene e consigliateli al vs Pediatra per l'utilizzo di questi esami.

Consigli del dott. Gava

Prima di eseguire i test, ricordo che è essenziale raccogliere una adeguata e minuziosa storia clinica fisiologica e patologica sia dell’individuo interessato che dei suoi familiari e correlare questi rilievi con un minuzioso esame obiettivo del vaccinando, perché sarà proprio in base a questi dati che si potrà scegliere i test più appropriati.

 

Va subito detto che, stando alla letteratura scientifica più aggiornata, non esistono test specifici che siano sicuramente predittivi per una tale finalità, nonostante alcuni Autori stiano lavorando già da vari anni ad alcune nuove idee. Comunque, è altrettanto vero che disponiamo oggigiorno di strumenti laboratoristici molti validi tra i quali spiccano in particolare:

- tipizzazione HLA sierologica di classe I e II;

- tipizzazione linfocitaria con ricerca dei Th1 e Th2;

- dosaggio delle immunoglobuline, specie le IgE;

- valutazione dello stress ossidativo (che è legato alla presenza dei radicali liberi dell’ossigeno [ROS] e/o dell’azoto [RNS]);

- valutazione del danno da stress ossidativo;

- valutazione della funzionalità mitocondriale;

- valutazione della capacità di detossificazione;

- dosaggio dei minerali presenti nell’organismo con particolare riguardo a quelli tossici;

- dosaggio di alcuni acidi organici urinari, metaboliti intermedi di alcune reazioni biologiche;

- dosaggio del criptopirrolo urinario;

- dosaggio dell’istamina ematica;

- dosaggio di alcune vitamine;

- dosaggio degli aminoacidi urinari.

 

Questi sono gli esami principali che dovrebbero essere eseguiti prima e dopo la vaccinazione e confrontati con i dati clinici e anamnestici del soggetto, perché è dalle loro informazioni comparate che si può avere la conferma o meno delle alterazioni che andiamo cercando.

Tratto da: Gava R. Le Vaccinazioni Pediatriche. Revisione delle conoscenze scientifiche. Edizioni Salus Infirmorum, Padova, 3a ed., 2010)

TIPIZZAZIONE HLA di classe I e classe II - E’ oggi molto documentato in letteratura il capitolo relativo alla correlazione fra le molecole HLA di classe II e le patologie post-vaccinali autoimmunitarie (A).
Infatti, sono state individuate molte molecole correlate a patologie autoimmunitarie altamente invalidanti che, con meccanismi ormai definiti, potrebbero essere attivate in seguito ad uno stimolo diretto sul DNA.
Pur non essendo riconosciuto come test di screening, per i motivi legislativi sopra descritti, è comunque riconosciuto come test di supporto diagnostico anche per la celiachia.
(A) - Questo studio pubblicato il 30 luglio 2011 sul Journal of Neuroimmunology sostiene nella sua sostanza la ricerca scientifica sempre più crescente  che punta a considerare l’autismo come una patologia causata da un disordine medico – piuttosto che psicologico o psichiatrico -  e sottolinea l’importanza di ulteriori indagini e di un dibattito aperto circa le possibili cause e trattamenti.

TIPIZZAZIONE LINFOCITARIA (B) – E’ un altro esame molto importante che comprende la conta leucocitaria con dosaggio delle sottopopolazioni linfocitarie. Infatti è noto scientificamente che tra linfociti Th1 e linfociti Th2 ci deve essere un adeguato rapporto, perchè, se dall’esame ematico emerge uno sbilanciamento di questo rapporto:
- a favore dei Th1, è possibile dedurre che uno squilibrio immunitario importante causato dai vaccini multipli potrebbe causare future patologie autoimmunitarie;
- a favore dei Th2, è possibile dedurre che uno squilibrio immunitario importante causato dai vaccini somministrati troppo precocemente, potrebbe causare future patologie allergiche oltre a un calo dei granulociti neutrofili e un aumento dei granulociti eosinofili;
Pertanto, per poter formulare una prognosi futura è molto utile dosare il rapporto Th1/Th2 e anche le citochine plasmatiche prodotte da questi linfociti: interleuchina 2 (recettore), interleuchina 4, interleuchina 5 (e' prodotta dalle cellule T e dalle mast-cellule, determina l'induzione della differenziazione degli eosinofili, l'aumento della produzione di IgA, la costimolazione della crescita delle cellule B nei topi), interleuchina 6, interleuchina 10, TNF alfa, TNF beta, INF (interferone) gamma.
(B) - DESCRIZIONE ANALISI (sangue)
Rappresenta un indispensabile parametro nella diagnosi di malattie ematologiche e del sistema immune. E' applicabile a cellule in sospensione (sangue periferico, midollo osseo, tessuti in sospensione) ed a preparati stabili su vetrino (sezioni di tessuto, strisci citocentrifugati) con i metodi: immunofluorescenza diretta ed indiretta, immunoenzimatici, anticorpi monoclonali.
APPLICAZIONI:
- nelle malattie linfoproliferative permette di caratterizzare il tipo di neoplasia e di definire la prognosi.
- nelle immunodeficienze primitive permette di dimostrare la riduzione o l'assenza di determinate popolazioni di linfociti circolanti. - nelle immunodeficienze secondarie mediante il rapporto CD4/CD8, per valutare variazioni dovute a vecchiaia, infezioni virali, neoplasie, sarcoidosi.
- nelle malattie autoimmuni, nelle neoplasie e nelle malattie infettive (virali acute, protratte, croniche), nel periodo post-trapianto d'organo, per valutare il grado di attivazione delle cellule immunocompetenti.
LIMITI dell' INDAGINE I risultati sono influenzati da variabili relative al soggetto testato (età, ritmo cardiaco, stress, fumo, sforzo fisico, terapie farmacologiche) ed alla metodica usata, ora del prelievo. Rapporto CD4/CD8 (helper/suppressor): 1,3-1,5 (valori normali).

DOSAGGIO delle IMMUNOGLOBULINE  IgA IgG IgM IgE 
Mi soffermo in particolar modo sull’importanza delle IgE che, come le IgA, si trovano principalmente nelle secrezioni a livello delle mucose, specie respiratorie e gastrointestinali, e svolgono un ruolo nella difesa contro i parassiti.
Esse sono poco rappresentate nel sangue ma, come è accaduto ad esempio a mio figlio nei precedenti ricoveri, aumentano in modo vertiginoso nelle patologie allergiche e parassitarie (ecco perchè se associate alla positività di un esame colturale delle feci sono indice di Disbiosi Intestinale).  - vedi: PDF Disbiosi e malfunzione intestinale
Le immunoglobuline (Ig) sono proteine del sangue meglio note come anticorpi. Sono prodotte dai linfociti B (un tipo di globuli bianchi) quando il sistema immunitario entra in contatto con sostanze estranee (antigeni). Il loro dosaggio, pertanto, è indicativo di infezioni o allergia in atto.
Esistono cinque classi di immunoglobuline: IgA, IgD, IgG, IgE, IgM. Le IgA sono gli anticorpi particolarmente presenti nelle secrezioni (saliva, lacrime, muchi, ecc.) ed in quanto tali costituiscono una vera e propria barriera che le mucose oppongono ad un agente infettivo che vuole introdursi nel nostro organismo. Le IgD, pur costituendo meno dell'1% delle immunoglobuline totali presenti nel sangue, sono presenti in grande quantità su molti linfociti B (globuli bianchi addetti alle difese immunitarie).
Le IgG, o gammaglobuline, costituiscono circa il 70-75% delle immunoglobuline presenti nel sangue e svolgono un ruolo importante nella difesa delle infezioni, ovvero nell'uccisione dei microrganismi che causano le infezioni. In particolare, le IgG sono gli unici anticorpi umani capaci di agire contro le tossine (sostanze velenose) prodotte dai batteri.
Le IgE, pur essendo presenti nel sangue in esiguo numero, sono presenti sulla superficie di alcune cellule del sistema immunitario di tutti gli individui ed agiscono come recettori per gli antigeni, producendo la liberazione di alcune sostanze (anzitutto l'istamina), che provocano le reazioni allergiche (asma, orticaria, febbre da fieno).
Le IgE svolgono anche un importante ruolo nella protezione dai parassiti (organismi che vivono a spese di un altro organismo, ricavandone le sostanze necessarie per la propria sopravvivenza e, dunque, danneggiandolo), soprattutto i vermi. Le IgM costituiscono circa il 10% delle immunoglobuline presenti nel sangue. Sono le prime globuline che vengono prodotte in caso di infezione (per allertare il sistema immunitario è sufficiente che una sola IgM si leghi ad un certo antigene).


VALUTAZIONE dello STRESS OSSIDATIVO, ovvero di una condizione patologica derivante dal fisiologico equilibrio tra la produzione e l’eliminazione, da parte dei sistemi di difesa antiossidante, di specie chimiche molto reattive chiamate comunemente radicali liberi. Oggi molti studi scientifici contribuiscono allo stress ossidativo lo sviluppo di una vasta gamma di malattie, tra cui il morbo di Alzheimer, il morbo di Parkinson, le patologie causate dal diabete, l’artrite reumatoide, la SLA e le malattie neurodegenerative in genere (qualcuno conosce l’Autismo?).
Ai laboratori Fleming di Brescia viene effettuata la ricerca dell’enzima glutatione-perossidasi, anche tramite il loro pannello Oxytest, mentre tale esame è stato addirittura proibito in alcuni ospedali… come mai ?

OXI test è un percorso diagnostico in grado di valutare il benessere, il livello di invecchiamento, e lo Stress Ossidativo di un individuo. Integra in modo ponderato esami riguardanti i nostri metabolismi (ad esempio quello dei carboidrati e quello dei grassi ematici, esami del sistema ormonale e del sistema immunitario…) aggregandoli ad esami che rappresentano i capisaldi del benessere e dello studio dello stress ossidativo.
Tra questi ad esempio:
Omega 3 sull’equilibrio degli acidi grassi polinsaturi, test della disbiosi sullo stato della flora intestinale, D.ROMS test sulla quantificazione dei Radicali liberi, PAB test sullo scudo totale antiossidante, e il dosaggio della Vitamina C ed E.
Tutti questi valori analitici, opportunamente integrati, sono valutati ed espressi con un indice di stress ossidativo capace di disegnare complessivamente lo stato di benessere o di invecchiamento.

L'esame comprende i seguenti analiti:
OXI TEST MASCHILE:
Emocromo - Creatinina
GPT - GGT
Amilasi - Bilirubina totale
Acido urico - CPK
Colesterolo totale - Trigliceridi
Colesterolo HDL - Ferro (sideremia)
Testosterone - TSH
Elettroforesi - PCR
Insulina - Glicemia
Cortisolo salivare - Proteine totali
Metaboliti reattivi dell'ossigeno
Potenziale biologico antiossidante
Vitamina A - Vitamina E
Omega screening - Disbiosi test
Omocisteina - Zinco sierico
Rame sierico (cupremia)
Rapporto zinco/rame

OXI TEST FEMMINILE:
Emocromo - Creatinina
GPT - GGT
Amilasi - Bilirubina totale
Acido urico - CPK
Colesterolo totale - Trigliceridi
Colesterolo HDL - Ferro (sideremia)
17 ß estradiolo - TSH
Elettroforesi - PCR
Insulina - Glicemia
Cortisolo salivare - Proteine totali
Metaboliti reattivi dell'ossigeno
Potenziale biologico antiossidante
Vitamina A - Vitamina E
Omega screening - Disbiosi test
Omocisteina - Zinco sierico
Rame sierico (cupremia)
Rapporto zinco/rame

Tempo di refertazione: 20 giorni

Ebbene qui nasce il sospetto di malafede: il glutatione, che è il principale composto coinvolto nella difesa cellulare antiossidante, all’interno delle cellule può trovarsi in forma libera oppure legato alle protiene; il glutatione libero è presente principalmente nella sua forma ridotta (GSH), che viene convertito nella forma ossidata (GSSG) durante una condizione di stress ossidativo.
Eseguendo il dosaggio plasmatico del rapporto tra glutatione ridotto e glutatione ossidato (GSH/GSSG), se risulta alterato dopo la vaccinazione è sinonimo di certezza di avvenuto danno vaccinale !
I vaccini sono farmaci altamente ossidanti pertanto risulta estremamente utile dosare i TITOLI (cisteina e glutatione)

VALUTAZIONE del DANNO da STRESS OSSIDATIVO tramite il test della 8-idrossi 2 -deossiguanosina (8-oxodG) urinaria che, come ci ricordano i laboratoristi dell’Istituto di Medicina Rigenerativa e Anti-Aging di Treviso, “fornisce informazioni sull’impatto che lo stress ossidativo ha avuto sul DNA“.

RICERCA e DOSAGGIO dei MINERALI con particolare riguardo a quelli tossici attraverso un mineralogramma da capello (eseguibile anche in Italia a Civitanova Marche in laboratorio riconosciuto anche dal Ministero della Salute, perchè usa parametri italiani [???] e non americani) ed una mineralizzazione eritrocitaria (H. S.Raffele di Milano oppure Laboratori Fleming di Brescia)

DOSAGGIO AMINOACIDI PLASMATICI & URINARI è un dato molto utile per valutare l’attività del metabolismo dell’organismo. Infatti, l’alterazione del contenuto aminoacidico si riflette sempre sull’equilibrio ossidoriduttivo inducendo uno stato sistemico di stress ossidativo.
Autism Dev Disord 2003 Feb;33(1):93-7
Livelli plasmatici degli aminoacidi in bambini autistici e loro famigliari
Aldred S, Moore KM, Fitzgerald M, Waring RH.
Pharmaceutical Sciences Research Institute, Aston University, Birmingham, B4 7ET, United Kingdom.
I livelli plasmatici degli aminoacidi sono stati dosati in pazienti autistici e con Sindrome di Asperger, nei loro genitori e fratelli. I risultati sono stati confrontati con un gruppo di controllo selezionato per età. Nei pazienti autistici o con Sindrome di Asperger, nei loro fratelli e genitori sono stati rilevati valori elevati di acido glutamico, fenilanina, asparagina, tirosina, alanina e lisina (p <.0,5) rispetto al gruppo di controllo, con valori plasmatici ridotti di glutamina.
I dosaggi degli altri aminoacidi sono normali.
Questi risultati mostrano che i bambini con disturbi dello spettro autistico vengono da famiglie con un anomalo metabolismo degli aminoacidi, inoltre forniscono ulteriori prove di una causa biochimica della malattia.
PMID: 12708584 [PubMed - in process]

DOSAGGIO delle VITAMINE ANTIOSSIDANTI come le vitamine C, A, E. Queste vitamine rappresentano un sistema antiossidante alternativo o parallelo al sistema che vede impegnato il glutatione.

DOSAGGIO dell’ISTAMINA importante neurotrasmettitore e neuromodulatore del cervello presente in tutte le cellule nervose e in particolare nelle terminazioni nervose, ma anche nei basofili del sangue e nei mastociti (cellule immunitarie note soprattutto per i loro effetti indesiderati: causano infatti allergie, asma, eczemi, febbre e, in alcuni casi, letali shock anafilattici).
L’istamina influenza l’umore, l’appetito, il sonno, il pensiero; accelera il metabolismo, aumenta il calore corporeo, è essenziale per la funzionalità del sistema immunitario e, dal punto di vista analitico, l’istamina ematica è un marcatore di metilazione !

DOSAGGIO del CRIPTOPIRROLO URINARIO – E’ stato dimostrato che il criptopirrolo, trovato in larga misura in pazienti schizofrenici e meno spesso in persone equilibrate, si lega irreversibilmente alla Vitamina B6 formando un composto che poi si combina con lo Zinco e alla fine tutto viene espulso attraverso le urine causando una carenza di Vitamina B6 e Zinco (sbaglio oppure è ciò che avviene proprio nell’Autismo?).
La misurazione del criptopirrolo urinario (pirroluria) può essere utile nella valutazione dei soggetti con “disturbo del sistema nervoso centrale“, ed è stato dimostrato scientificamente che i pazienti che mettono in evidenza una eccessiva concentrazione urinaria di questo composto rispondono positivamente alle dosi di Vitamina B6 e Zinco!

Anticorpi Anti-MBP (Proteina Basica della Mielina) IgM, Anticorpi Anti-NAFP (Proteine dei Neurofilamenti) IgM, Anticorpi Anti Fibrillarina (Fibrillarina Abs) IgM, Anticorpi Anti serotonina: in sostanza i primi sono anticorpi presenti in pazienti con SLA, i secondi sono presenti nella proteina acida fibrillare negli astrociti della GLIA e quindi sono anticorpi contro gli stessi componenti dell’encefalo, i terzi sono anticorpi antinucleo indotti in maniera specifica dal Mercurio !… e gli ultimi sono anticorpi contro la serotonina, ovvero noto neurotrasmettitore sintetizzato dal cervello, denominato anche “ormone del buonumore” perchè principalmente coinvolto nella regolazione dell’umore.

Dosaggio quantitativo dei seguenti anticorpi dei markers vaccinali: Ab anti-Morbillo IgG, Ig M / Ab anti- Parotite IgG, Ig M / Ab anti -Rosolia IgG, IgM / Ab anti-difterite IgG , anti- tetano, IgG / Anticorpi anti-HBs / anticorpi anti-poliomielite.

Esami di laboratorio di base:
Gruppo sanguigno, Emocromocitometrico, VES, TAS, Proteina C reattiva, Markers Herpes + Cytomegalovirus, Markers E-Barr + Adenovirus, Markers Rotavirus + Varicella Zooster, Marker epatite A e B, Antigene Helicobacter pylori fecale, Anticorpi Anti Transglutaminasi, Proteine Totali + Elettroforesi, Fibrinogeno, Emoglobina glicosilata, Cortisolo, Colesterolo totale [HDL, LDL, Lp(a)], Trigliceridi, Omocisteina plasmatica, SGOT + SGPT + Gamma-GT, Amilasi + Lipasi + CPK, LDH + Fosfatasi Alcalina, Uricemia, Creatinina, Ammoniemia, Elettroliti, Ferritina + Rame + Zinco, Fosforo, Magnesio, Calcio sierico, Dosaggio Vitamina D (25OH calciferolo), + Urinocultura (per STREPTO / STAFILO / ENTEROBATERI / PSEUDOMONAS / MICETI / CANDIDA), Esame Feci (elminti, giarde, salmonella shighella) e Coprocultura (Candida e Clostridi), Serotonina plasmatica, Dopamina-Epinefrina-Norepinefrina plasmatiche, TSH – FT3 – FT4.

Esami strumentali: in tutta sincerità, una volta scoperta una reazione autoimmune a livello cerebrale, non ho ritenuto necessario esporre mio figlio alla tossicità di anestesie (tranne che per una RMN Encefalo senza mezzo di contrasto) e mezzi di contrasto.
Però se tutto ciò fosse ritenuto indispensabile, dal medico e/o struttura ospedaliera, per effettuare ulteriori approfondimenti (per escludere patologie) si può effettuare:
- RMN Encefalo + SPECT
- Elettroencefalogramma
- Ecografia addominale
- Endoscopia alta e bassa
….ma in questo ultimo caso quanto può consolarci sapere che nostro figlio ha l’intestino devastato?

Nel migliore dei casi (si fa per dire) gli verrà diagnosticata una enterocolite autistica, mentre nel peggiore dei casi (perchè significa che è stato ricoverato in terapia intensiva per una grave reazione avversa causata dal vaccino) gli verrà trovato il virus del morbillo vaccinale (si differisce da quello selvaggio) che gira incontrastato in attiva replicazione a tal punto che potrebbe essere isolato nel liquor cefalorachidiano tramite puntura lombare.

Questo è stato il lungo percorso di indagine di un semplice genitore che ha voluto dare una spiegazione ai fatti, alle problematiche di suo figlio, e non si è fidato delle tante “balle” che la scienza moderna a volte ci propina esclusivamente per sostenere interessi economici di aziende farmaceutiche quotate in borsa che hanno la mission di creare malattia anzichè preservare la salute !
Tratto in parte da. autismovaccini.com

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>
                                     
Lettera tipo da inviare alla ASL
Si certifica che il bambino.......nato il........ è stato sottoposto dal sottoscritto a visita medica, anamnesi familiare, ad accertamenti immunologici e immunogenetici.

Presenta i seguenti antigeni d'istocompatibilità correlati a :
HLA(A-B-C) ....Esempio.....
Al (Vitiligine, m.di Hodgkin, epatite cronica attiva senza ant.su.Epat.B, dermatite erpetiforme, m. di Grave, tiroidite di Hashimoto, miastenia grave, epatite cronica attiva, lussazione congenita dell'anca, CR prostata, CR fegato, Iperfunzione adenocorticale, A19 (30) Sarcoma Kaposi, rettocolite ulcerosa, panencefalite sclerosante sub acuta, linfoma addominale, B18 nefropatia memebranosa idiopatica, diabete mellito giovanile, CW4 psoriasi,s chizofrenia, diabete mellito giovanile, CW7 psoriasi, epatite cronica attiva).
HLA (DR-DQ)
DR7 (Artrite reumatoide, sclerosi multipla, alterata conduzione del neuorne, m.celiaco, s.di Behcet, s.nefrosica, psoriasi)
DRll (Ipotiroidismo, tiroidite di Hashimoto, artrite reumatoide, anemia perniciosa, sarkoma di Kaposi, scleroderma d'AIDS)
DQ3 m.celiaco

L'esame obiettivo evidenzia la presenza di:
In considerazione del fenomeno detto Linkage disequilibrium per cui alcuni alleli HLA sono ereditati in associazione fra loro la suscettibilità alla malattia potrebbe essere legata non ad un singolo allele, ma alla contemporanea presenza d'altri alleli coereditati assieme a quello presumibilmente correlato.
Nel caso in esame il bambino è un soggetto a rischio per patologie autoimmunitarie quali rtiroidite, sclerosi multipla, artrite reumatoide.

Le indagini immunologiche hanno evidenziato la presenza di IgA:
Tali patologie possono essere slatentizzate da virus - DNA, infezioni streptococciche, agenti chimici come adiuvanti presenti nei vaccini - aluminio, mercurio, ac.acetilsalicilico.

PERTANTO si CONTROINDICA, VISTA la FAMILIARITÀ' POSITIVA per HLA, la vaccinazione Anti-epatite B e altre vaccinazioni di legge.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Cosa fare nei bambini già vaccinati che presentano sintomi di malassorbimento e malattia celiaca o disturbi di tipo neuro-comportamentale.
I  rapporti immunogenetici  fra sistema nervoso, malassorbimento e malattia celiaca.
II lavoro che presento scaturisce dallo studio di questo gruppo di medici dell'associazione Universo-Bambino che sotto la guida di Massimo Montinari ha maturato un'esperienza che è sintetizzata in questo estratto :

Approccio omotossicologico alla "sindrome autistica"
Montinari M.G. MD FRSH *, Gamba W. MD, Costi A. BD**, Rabolli P. MD,
Rotunno C. MD, Resasco M. MD, Tonarelli C. MD, Conte M. MD, Roberto A. MD
Corso di Omotossicologia - Azienda Ospedaliera - Ospedale Policlinico Consorziale - Bari- Italia
*Dirigente Medico Azienda Ospedaliera - Ospedale Policlinico Consorziale - Bari
Direttore del Corso di Omotossicologia.
** Specialista in Biochimica e Chimica Clinica

PROTOCOLLO MONTINARI - vedi: Il libro ormai esaurito, del dott. Massimo Montinari
Materiali e metodi
Con il nostro studio ci riferiamo a 730 casi di pazienti affetti da AS con età variabile tra i 3 anni e 32 anni, osservati dal gennaio 1996 al gennaio 2003, in trattamento omotossicologico, formulato dal dott M.. Montinari, ed in costante osservazione clinica.
Questi pazienti rientrano nella casistica di 1180 pazienti osservati dagli autori, di cui 450 sono usciti dallo studio osservazionale per precise motivazioni individuali.
Tutti i pazienti erano già in trattamento riabilitativo senza presentare recuperi soddisfacenti: di questi n° 473 erano Maschi e n° 257 Femmine.
Nel corso del trattamento omotossicologico abbiamo impostato un progetto di collaborazione con genitori, terapisti della riabilitazione e neuropsichiatri infantili al fine di valutare, descrivendole, le variazioni comportamentali, le nuove eventuali acquisizioni cognitive e relazionali, l'incremento del proprio vocabolario, le risposte alla Comunicazione Facilitata (CF), quando applicata, e il linguaggio proprio.

Per ogni paziente, se scolarizzato, è stata chiesta anche la valutazione psico-pedagogica dai propri insegnanti per la determinazione del profitto e di eventuali progressi nell'apprendimento e socializzazione.
Tutti i pazienti osservati sono stati testati per i virus erpetici e sottoposti a Tipizzazione Tessutale HLA (A,B,C) e HLA DR-DQ, tutti sono stati testati per malattie metaboliche e sono stati eseguiti esami genetici che hanno escluso pertanto malattie genetiche, metaboliche o da virus erpetici( EBV, CMV,HSV loe2°,VZV).

Ogni paziente è stato sottoposto a ricerca degli anticorpi per Antipoliovirus  (test dineutralizzazione), Antimorbillo, Antiparotite, Antirosolia.
Ogni paziente è stato sottoposto a studi immunologici quali la ricerca delle IgA, IgG, IgM, IgE, e Sottopopolazioni   linfocitarie.  
Sono   state  eseguite   valutazioni   neurologiche,   psichiatriche   e psicologiche , nonché i pazienti sono stati tutti sottoposti a RMN encefalo ed EEG, e ad ulteriori studi specialistici in relazione ai singoli casi osservati.

Quali conclusioni offre la ricerca
L'esperienza maturata sulla cura dei casi giunti alla nostra osservazione negli ambulatori dell'associazione Universo-bambino ha dimostrato, come già preannunciato da studi di ricercatori molto attenti, una stretta correlazione tra i danni prodotti da vaccini sul sistema nervoso centrale , in particolare le cellule che compongono la GLIA e sul sistema immunitario dell'apparato digerente e del sistema neuroendocrino.
I  ricercatori si sono concentrati sul ruolo ricoperto dalle funzioni biochimiche dei mitocondri,in particolare nel ciclo di Krebs, che rappresentano il motore energetico cellulare e nel quale l'eventuale carenza enzimatica potrebbe consentire un accumulo di radicali liberi con il conseguente blocco delle funzioni cellulari.
II  disordine del sistema immune intestinale glutine -dipendente conduce ad un elevato rischio di sviluppare malattie ad  alterata risposta  immunologica quindi  sia malattie  autoimmuni  che neurologiche.
Abbiamo constatato che la malattia autoimmune si sviluppa in un soggetto con malattia celiaca non diagnosticata. La malattia celiaca è un'intolleranza permanente al glutine la cui diagnosi fino al 1995 era affidata unicamente all'istologia della mucosa intestinale, mentre oggi di grande ausilio si presenta Io studio immunologia) e immunogenetico quali la ricerca degli, oramai tradizionali, anticorpi antigliadina (AGD), antiendomisio (AEM) e anticorpi antitransglutaminasi.
La ricerca contemporanea delle tre specificità anticorpali conferisce un'elevata sensibilità e specificità ai test sierologici.

La tipizzazione HLA e la celiachia
Ma cosa ancora più importante che abbiamo rilevato è lo studio del fenomeno HLA mediante il quale è possibile individuare precocemente nel neonato aplotipi a rischio di malattia (40). Il 90% dei pazienti affetti da celiachia presenta cloni di linfociti T HLA-DQ ristretti glutine specifici.

Condizione necessaria per sviluppare la celiachia è la presenza sulla membrana delle cellule immunocompetenti di una molecola HLA di classe II formata da due particolari catene alfa e beta ( il cosidetto eterodimero HLA) codificate dagli alleli Alfa0501 e Beta0201 ,in grado di legare con alta affinità peptidi e gliadina e di presentarli agli specifici linfociti T.(41,42,43,44)

Quando la tipizzazione HLA era effettuata con tecniche sierologiche questa configurazione prendeva il nume di DQ2.In realtà , non sempre al fenotipo DQ2 corrisponde la presenza dell'eterodimero caratteristico della celiachia .L'eterodimero è sempre presente quando al DQ2 si associa il DR3 (Aplotipo DQ2-DR3) e in soggetti con aplotipo DQ2-DR7/DR5.

Nel primo caso, l'analisi di linkage ci mostra che sullo stesso cromosoma sono presenti sia i geni della catena a, alfa0501,sia quelli della catena b, beta0201 (configurazione in cis)
Nel secondo caso i due geni si trovano su cromosomi diversi (in trans) : sul cromosoma che esprime la specicicità sierologica DR7 è presente la sequenza A0501 per la catena alfa .In una minoranza dei celiaci (8%) la predisposizione è legata al DQ8 associato al DR 53 egualmente dotato di alta affinità per la gliadina.
Nella quasi totalità dei pazienti con malattia celiaca sono stati dimostrati anticorpi antigliadina (AGD) E' stato osservato che il titolo degli AGD è correlato con l'attività della malattia e si riduce in maniera drammatica nei pazienti sottoposti a dieta priva di glutine.

Quindi uno dei primi sintomi riscontrabili nel bambino che ha subito danno vaccinale è la constatazione di un malassorbimento dovuto a danno intestinale con scatenamento della malattia celiaca.

I primi esami da fare ad un bambino che presenti sintomi da reazione a vaccinazione sono quindi :
1)   Ricerca anticorpi (1°,2°,3°) Antipoliovirus
2)   Markers Epatite B e C
3)   Test tipizzazzione tissutale HLA ( A,B,C) e HLA DQ- DR (sierologica)
4)   IgG e IgM per CMV , EBV , VZV, HSV ( 1° e 2°)
5)   Emocromo
6)   Anticorpi antiendomisio, antigliadina, transglutaminasi

Stiamo valutando l'opportunità e l'affidabilità del Cytotoxic test - test citotossico - sul sangue da additivi e alimenti (anche perché è un test a pagamento). La risposta a tale esami ci indicherà la strada terapeutica da seguire.

Nel corso della terapia omotossicologica di Massimo Montinari non si sono mai osservati effetti collaterali o reazioni indesiderate.
Dopo i primi dieci-quindici giorni di somministrazione dei prodotti, i pazienti presentavano un quadro clinico caratterizzato da aumento del nervosismo, iperattività, in alcuni casi aumento delle stereotipie; tali manifestazioni regredivano spontaneamente dopo alcuni giorni ed erano strettamente correlate con la liberazione dai tessuti di amine tossiche che, drenando nel tubo digerente, avrebbero potuto stimolare i recettori neuro-gliari mediante il circolo entero-ematico.
Tali manifestazioni erano strettamente associate alla disbiosi intestinale che, nei primi venti giorni di terapia, assumeva un proprio idoneo equilibrio con l'eliminazione di feci fortemente maleodoranti per alcuni giorni, fino alla completa eliminazione dei radicali liberi in eccesso presenti.
Nel corso della terapia si sconsigliava la somministrazione di: antibiotici, cortisonici, immunosoppressori e farmaci a componente chimica.

Il quadro clinico dei pazienti si modificava lentamente, ma progressivamente; in genere i primi segni clinici che indicavano un miglioramento, si presentavano nei primi due-tre mesi di terapia, caratterizzati da una maggiore attenzione del paziente verso il mondo circostante, riduzione delle stereotipie, maggiore apprendimento di informazioni fornite dai terapisti, coordinamento dei movimenti finalizzati e del pensiero, acquisizione di vocaboli, risposta precisa ad ordini e richiesta motivata e finalizzata, interessamento della sfera affettiva con evidente comparsa dell'affettività e della partecipazione alla vita familiare e sociale.
I progressi sono stati costanti e stabili, anche se la terapia ha subito brevi interruzioni.

Perché parlare di un problema come quello delle vaccinazioni a un congresso di omeopati ?
II  criterio di valutazione delle malattie croniche  adottato da Hahnemann trova una buona corrispondenza nella ricerca di base della moderna immunopatologia.
Secondo l'originario modello omeopatico, infatti, le malattie  croniche  sono  innescate da  un  processo infettivo che determina, nell'individuo, una graduale ed ingravescente alterazione della Forza Vitale.
Tale alterazione si manifesta con una sintomatologia evolutiva e può essere facilmente paragonata alla risposta immunitaria, mediante la quale l'individuo interagisce in maniera specifica con l'agente patogeno innescante.
Il ruolo degli agenti infettivi, in base a questo modello, non è deterministico sulle conseguenze patogenetiche, bensì mediato dalla risposta immunitaria specifica, fornendo un ottimo esempio di modello patologico condivisibile dalla metodologia omeopatica.
Il modello patogenetico innescato dalle vaccinazioni presenta analogie con la metodologia di studio delle malattie croniche ereditata da  S. Hahnemann.
In  base a questa analogia,  il  cui  elemento caratteristico è l'innesco infettivo, è possibile individuare un farmaco che offra un buon criterio di similitudine sulla sintomatologia globale dei pazienti e sugli elementi etiologici della malattia.
Alcuni agenti infettivi, infatti, intervengono nell'attivazione del processo specifico, inducendo una risposta immune (più  precisamente autoimmune) recuperando  la nozione hahnemanniana di specifico antinfettivo, lo studio della materia medica ci permetterà di individuare i rimedi in grado di agire sulla risposta immunitaria specifica.
Inoltre l'analisi omeopatica dei sintomi offre un metodo solido per "trattare il paziente e non la malattia" e il rimedio prescritto secondo la legge dei simili è "specifico" a una sindrome particolare di malattia, a un particolare complesso di sintomi.

I bambini che hanno subito danni da vaccini a livello borderline quindi non autistici sono la stragrande maggioranza e per la maggior parte ancora misconosciuti dai genitori e dai pediatri curanti.
Pensiamo anche ai ragazzi che a 12 anni sono sottoposti a vaccinazione Epatite B con thimerosal.
Sia a livello fisico ma ancor più a livello neuro-comporatamentale, questi bambini e ragazzi , presentano quadri di similitudine con i tanti nostri rimedi.
Sono state individuati durante le visite le  seguenti, più  frequenti,  tipologie di bambini corrispondenti a rimedi ben descritti nella materia medica omeopatico - di cui qui accenno un sunto parziale e per ovvie ragioni approssimativo:

Il rimedio statisticamente più significativo è il:
MERCURIUS Dulcis, solubilis, corrosivus, cinnabaris:  autoritario aggressivo vendicativo tanto   impulsivo  e  violento  quanto lento   a  capire,   memoria  debole,   difficoltà  per   la matematicaxosciente della sua debolezza è diffidente e sospettoso, impaziente e inquieto.
Bambino con scialorrea dentizione ritardata e dismorfìca,  mani umidicce e untuose,  sudorazione abbondante soprattutto alla nuca e al collo. Sono bambini che vengono portati per i disturbi del sonno o della digestione , insorti dopo il 2° vaccino. Il sonno è agitato frequenti risvegli con incubi, aggrava per il caldo del letto.
La digestione diventa lenta e difficoltosa con diarree mucose e sanguinanti accompagnate da dolori addominali ( pensare subito alla celiachia).
STRAMONIUM: paura di rimanere da solo con enorme ansia di notte che obbliga i genitori ad addormentarsi accanto al bambino, terrori notturni, paura del buio, paura dell'acqua, paura dei cani, grande sete, violento, rabbia violenta, gelosia, agitazione estrema, si strappa i vestiti di dosso. OPIUM: totale indifferenza,come se fosse in un sogno, estrema sonnolenza, irresoluto, respirazione irregolare, bocca aperta durante il sonno, respiro stertoroso, occhi aperti durante il sonno, forte costipazione con feci dure, nere come palle.
SACCHARUM: molto pallido, bianco come lo zucchero, suda a profusione sopratutto di notte, tocca tutto,s i succhia le dita e si mette tutto in bocca, si mangia le unghie, anche le unghie dei piedi, ha paura di rimanere da solo, nostalgia di casa, strema agitazione che aggrava dopo aver mangiato   dolci, dolore attorno all'ombelico, estremamente agitato, geloso, aggressivo,i rresoluto,difficoltà di  concentrazione,  va da un  gioco  all'altro cambiando continuamente la sua attività, non riesce a fissare l'attenzione.
BELLADONNA : soffre di mal di testa, agitazione estrema, crisi di delirio selvaggio (morde, sputa, tira gli oggetti), ha allucinazioni vede mostri, cose orribili sulle pareti dei muri, facce mostruose, digrigna i denti, iperestesia di tutti i sensi, sensibile alla luce, ad essere toccato, aggrava col movimento, testa calda ed estremità fredde, avversione ai cibi caldi alle verdure ed al latte, tocca tutto, irritabile al risveglio, malizioso, ostinato
TARENTULA: grande agitazione, estremamente frettoloso, deve muoversi sempre non riesce a stare mai fermo, sensibile alla musica, violento, distruttivo, paura delle cose volanti, avversione ad essere toccato, ostinato, disobbediente, eptomane, vede mostri, animali, insetti, fantasmi.
VERATRUM: rimedio femminile per la pubertà, ragazze con difficoltà mestruali, agitate, quasi isteriche con manie, tagliano i vestiti, non sorridono mai sempre tristi,estrema freddolosità o di tutto il corpo o del naso della faccia: Disperano di guarire, oscene, ninfomani, baciano tutti, sono ossessionate dall'idea del matrimonio.
MEDHORRINUM: frettoloso, impaziente, agitazione dei piedi, si mangia le unghie, deve lavarsi le mani, bambino con deficit neurofisiologici: difficoltà di concentrazione errori nello scrivere, nel parlare, nell'ortografia e di orario, comportamento aggressivo e irrequieto: picchia , rompe gli oggetti, collera, furia, permaloso, urla durante il sonno, posizione genu-pettorale, dondolio della testa, bruxismo
CUPRUM METALLICUM: avversione ad essere toccato, crampi o spasmi, sensibile al dolore, grande agitazione e tensione mentale, ene i pugni chiusi, paura degli estranei, avversione ad essere toccato,dittatoriale, molto irritabile, sputa in faccia, desidera mordere, piedi freddi, irritabile, distruttivo, terrori notturni, loquace.
LYCOPODIUM: dittatoriale, mancanza di fiducia in se stesso, necessità di essere continuamente approvato del suo comportamento, paura delle novità, irritabile e triste al mattino al risveglio, desiderio di dolci, insolente, disubbidiente, ipersensibile al dolore, agitato anche da seduto, flatulenza, borborigmi, distensione addominale.
TUBERCOLINUM BOVINUM: aggressivo distruttivo, irritabile al mattino al risveglio, vendicativo, mai soddisfatto, dal comportamento imprevedibile, si offende facilmente, desiderio di cambiare continuamente , getta gli oggetti, profusa sudorazione nel sonno, desiderio di dolci, di sale e latte, appetito vorace,impulso a correre, capriccioso, ostinato, enuresi, ansioso di notte.
CHAMOMILLA: violento, rabbia violenta, irritabilità, estrema sensibilità al dolore, impazienza, capricciosità, insoddisfazione, desiderio di essere trasportato, tanta sete, grande agitazione, sudorazione profusa di notte, diarrea verdastra come di uova sbattute, escoriazione attorno all'ano, coliche con flatulenza.
CALCAREA CARBONICA: obeso, pigro, ostinato,avversione ai cibi caldi, desiderio di dolci di gelato e latte, sudorazione alla testa, piedi freddi sopratutto di notte, costipazione.
BARYTA CARBONICA: Estrema debolezza. Estrema incertezza nel prendere qualsiasi decisione. Si mangia nervosamente le unghie. Dismorfismo - nanismo mancanza di fiducia in sé stessi, indecisione. Difficoltà scolastiche, scarsa concentrazione. Perdita della fiducia in sé stessi, rifiuto della scuola.
CARCINOSINUM - CARCINOSINUM   CUPRUM:   sensibile   alle   critiche,   si   offende facilmente, rifiuta di obbedire ai genitori, risponde male, picchia i fratelli più piccoli, è un bulldozer, Sclere blu, macchie a caffé e latte, nei sulla schiena, verruche sulle mani e i piedi, ama la natura, desiderio di cioccolato, ama il mare, gli animali, i temporali, difficoltà ad addormentarsi.
E' chiaro che non esiste il rimedio omeopatico per   gli effetti collaterali da vaccinazione, l'omeopatia è un metodo scientifico in quanto da al medico la possibilità di prendere in esame tutte le differenze minime, ma significative fra un paziente e l'altro.

Commento NdR: oltre a questo DATI, e' di fondamentale importanza l'utilizzo e la ricerca dei cibi adatti al soggetto malato, ma e per TUTTI (malati e non), ricordarsi che
in Medicina Naturale e nell’Igienismo si consiglia per TUTTI i malati i centrifugati di frutta e di verdura.
Con la centrifuga si separa il succo dalla polpa che sono solo fibre e scorie le quali, in caso di intestini infiammati, potrebbero essere poco salubri.  Il succo centrifugato invece è un concentrato di vitamine, minerali e antiossidanti.
Si puo’ utilizzare sia frutta che verdura: mele, pere, fragole, kiwi, arance, ginseng; oppure carote, spinaci, verza, cetrioli,  finocchi, rape. Molto buone sono le combinazione tra loro.

Questo il nesso provato dei Danni dei Vaccini = Intossicazione (per le sostanze vaccinali) + Infiammazione + disbiosi = alterazione enzimatica e di flora oltre che di pH digestivo = problemi gastrointestinali piu' o meno gravi, con immediata proliferazione di parassitismo e di candidosi, senza contare le micro ischemie cerebrali e l'alterazione della funzione cellulare (e quella dei mitocondri), es. nella preparazione della mielina per il sistema nervoso, prima enterico e poi superiore (nella testa) che poi possono scatenare qualsiasi tipo di malattie: nervose, degenerative, organiche e sistemiche, disbiosi intensive, celiachie, epilessie, autismo, sclerosi, distrofie, allergie, asma, ecc.........;
In tutti questi casi NON si devono utilizzare farmaci, specie per l'epilessia e/o antobiotici, ma solo detossicare + disinfiammare + alimentare il soggetto con frutta e verdure frullate, meglio se centrifugate e prodotti dell'orto biodinamici fatti in pappine come per i lattanti, dato che il loro intestino e' stato "resettato" dai vaccini, eliminando latte e latticini (per la caseina che contengono), tutti i tipi di cereali (per il glutine che contengono) ricordiamo che queste due sostanze si tramutano nell'intestino di coloro che hanno questi sintomi (malattia), in sostanze che generano reazioni oppiacee e quindi super eccitanti o il loro contrario...abulia assenza di reazioni...

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Il dott. Massimo Montinari a cui si deve il grande sforzo di aver avviato questo lavoro sulle vaccinazioni ha intrapreso un trattamento omotossicologico che ha migliorato la qualità della vita di molti piccoli pazienti e ha ottenuto dei risultati insperabili. Credo che dobbiamo trarre esperienza da quanto Montinari ha realizzato, ma dobbiamo integrare al suo metodo il metodo omeopatico unicista.

Quindi mi permetto di proporvi un Protocollo di cura, tenendo conto che le indagini biochimiche intraprese supportano, che nei disturbi neurocomportamentali, fino all'autismo in un bambino che abbia subito danno biologico da vaccinazione, vi sia un disturbo metabolico nel quale alcuni componenti peptidici, attivati biologicamente, derivanti principalmente da glutine e caseina del cibo.
Peptidi che non riescono ad essere smantellati correttamente dall'organismo e che ,in presenza di danni alla membrana intestinale, passano in elevate quantità nel sangue.
La presenza di questi composti nel sangue e nelle urine è rilevabile. L'azione di filtro della barriera sanguigna del cervello è gravemente compromessa nei casi di autismo, e dunque si verifica un ulteriore passaggio di queste sostanze , questa volta nei tessuti cerebrali.
I peptidi arrivati in tal modo nel cervello hanno la capacità di attivare i recettori oppioidi
(Per informazioni sui test di peptidi oppiodi K. Reichelt Pediatrie research istitute Oslo Norway e-mail Reichelt@klinmed.uio.no o prof. P: Shattock - university of Sudeland e-mail aru@sunderland.ac.uk

Protocollo di cura 1. Sospensione della caseina : Alimenti con proteine del latte

DIETA PRIVA DI PROTEINE DEL LATTE VACCINO
- vedi: Bevete piu' latte che vi fa male
EVITARE I SEGUENTI PRODOTTI : latte (fresco, conservato, in polvere, ad alta digeribilità, ecc.) burro, latte di soja, panna, yogurt, formaggi latte condensato, liofilizzato, in polvere, siero di latte, latticello, lattosio, caseinati, creme di ogni tipo, salse cremose, besciamella, purea di patate biscotti (PLASMON compresi), dolci, torte, paste croissant, merendine gelati cremosi, gelati confezionati cioccolato al latte nutella e similari prodotti tipo ovomaltina, nesquick, ecc.
prosciutto cotto, mortadella, pancetta, lardo, salame industriale, wurstel carne di vitello, omogeneizzati al vitello maionese confezionata cibi fitti nel burro pastella (frittelle, ecc.) pane bianco, pane al latte pizza marmellata di castagna farinalattea (sapone di marsiglia, cosmetici contenenti derivati del latte)

CONTROLLARE E SELEZIONARE I SEGUENTI PRODOTTI: TUTTI GLI ALIMENTI CONFEZIONATI
pane, pasta, pasta all'uovo, grissini, crackers salse, condimenti, caramelle, chewing-gum dolcificanti, surgelati, saponi, shampoo, detersivi, (cosmetici, creme idratanti, detergenti, notte/giorno, ecc.

(N.B. molti prodotti apparentemente "insospettabili" pane, pasta, grissini, ecc...contengono come additivi componenti del latte vaccino. Conviene comunque diffidare di tutto: se non si ha l'assoluta certezza che nel prodotto non sia presente latte, è meglio non assumerlo o non utilizzano) (dieta priva di latte vaccino)
CONSENTITI: latte di capra e derivati latte di riso latte di cocco latte di mandorla, margarina di soia (le altre margarine vegetali sono consentite, ma biologicamente non sono consigliabili) burro di cocco sorbetti artigianali alla frutta, dolci, biscotti e affini "esenti da latte vaccino" dolci prodotti con latti vegetali (e possibilmente zucchero grezzo), seitan, tamari, yogurt vegetale 100%, cioccolato fondente, cacao amaro pizza senza mozzarella o altri formaggi prosciutto crudo, bresaola prosciutto cotto o altri insaccati specificati "senza componenti del latte" (saponi, detergenti, cosmetici, detersivi senza componenti del latte).

ALCUNI ESEMPI DI PRODOTTI SENZA COMPONENTI DEL LATTE VACCINO:
BISCOTTI: Privolat Colussi, Pavesini, Gran Cereale Mulino Bianco, Essere cereali aggregati, Hob Nobs Me \tuu\ linee alla soia "Cercai" o "Valsoia", Tue Saiwa, biscotti e crackers Wasa. Yogurt "Biflsoy".PROSCIUTTO COTTO: Rovagnati gran biscotto, Lupi, Breda, Ferrarmi. Mortadella "Regina" Citterio Linea "Polial" Plasmon. (Linea per l'igiene "Neutralia") N.B. Sono solo alcuni esempi; i prodotti senza latte vaccino sono molti e vanno ricercati con cura.

La rimozione di prodotti caseari ha effetti di solito rapidi e visibili. Entro 3 settimane abbiamo nel 66% dei pazienti grossi benefici,abbiamo scoperto che il picco delle beta -casomorfine ( peptidi derivanti dal malassorbimento della caseina ) scompare dal profilo urinario rapidamente dopo la rimozione dei prodotti caseari (entro un paio di giorni). Nel 1995 Lucarelli S ed altri, hanno posto delle strette correlazioni tra intolleranze alimentari e autismo, in particolare, segnalando il ruolo dei peptidi alimentari nella produzione di effetti tossici a livello del SNC che interagissero con i neurotrasmettitori, evidenziavano l'intolleranza al latte vaccino presente in 36 pazienti autistici; osservavano un miglioramento dei sintomi dopo circa due mesi dalla sospensione dalla dieta del latte vaccino, con un incremento delle IgA per caseina, latto-albumina e beta-lattoglobulina, nonché IgG e IgM per caseina.

Nell'Autismo sono presenti frequentemente disordini gastrointestinali, correlati essenzialmente al malassorbimento, al quale si associa nel 70% dei casi una patologia da reflusso gastro-esofageo. Nella nostra esperienza il reflusso gastro-esofageo era correlato soprattutto a gastropatie da intolleranze alimentari (latte vaccino e glutine).

Nel novembre 1999, osservazioni analoghe sono state riportate da Horvath K ed altri : essi dimostrano la presenza, in pazienti autistici di disordini gastrointestinali, specialmente esofagite da reflusso, e malassorbimento di disaccaridi. Gli autori osservano anche un incremento di secrezione bilio-pancreatica che depone per un interessamento dei recettori della secretina del fegato e del pancreas.
E' importante documentare ulteriori condizioni di malassorbimento che favoriscono l'accumulo di amine tossiche a livello del SNC, in particolare negli astrociti.
Dopo tre settimane
2. Sospensione del glutine . Alimenti contenenti glutine
Non è una operazione semplice . La riduzione dei peptidi derivanti dal glutine non avviene immediatamente (come nel caso della caseina). Whiteley parla di una riduzione del 26% dopo cinque mesi.

DIETA PRIVA DI GLUTINE - EVITARE I SEGUENTI ALIMENTI: frumento (vedi dieta specifica) segale, orzo, avena, triticale (cereale ibrido di grano e riso) prodotti "ai cereali", al frumento, al malto malto di frumento, seitan (i seguenti cereali possono o meno dare reazioni di allergia—intolleranza in soggetti sensibili al glutine.
Si consiglia di introdurli nella dieta quotidiana uno alla volta e controllare eventuali reazioni; se non si manifestano sintomi il cereale è tollerato e può essere utilizzato 2-3 volte la settimana) grano saraceno miglio amaranto sorgo

CONSENTITI: mais, riso (preferibilmente integrale), farro (a volte può non essere ben tollerato; è una questione individuale) quinoa, tapioca, manitoba, soia e derivati (esclusa la salsa di soia), prodotti "senza glutine" (in farmacia e nei negozi di alimentazione naturale)
N.B. Sono stati generalmente citati gli alimenti "base". E' assolutamente obbligatorio controllare tutti gli alimenti preconfezionati ed informarsi al ristorante sulla composizione delle pietanze. In presenza del minimo dubbio, evitare l'assunzione dell'alimento.
N.B.
A VOLTE LE AZIENDE ED I PANIFICATORI INSERISCONO LA FARINA DI GRANO NEGLI INGREDIENTI SENZA SPECIFICARLO NEL PROSPETTO DI COMPOSIZIONE DELL'ALIMENTO.

3. Arginare i lieviti intestinali e sistemici, cura della disbiosi
Utilizzo di probiotici quali il Salivarius Casei (FI9) per almeno sei mesi . E' un nuovo probiotico che ha dimostrato di sopravvivere in tutto il tratto gastrointestinale colonizzandolo.Ha una azione immunomodulante e antinfiammatoria con formazione di cytokine IL-lbeta,IL-8 e IL-10 e una azione antiossidante ben documentata. (45-46-47)
4. Somministrazione    del    rimedio    omeopatico A. PAscending potency
Dalla 6 KV alla 30 KV alla 200KV alla MKV in kit di 4 flaconi da 10 mi a distanza di quindici giorni l'uno dall'altro con verifica mensile dei risultati e/o cambiamento di sintomi e eventuale ulteriore utilizzo di potenze crescenti o nuovo rimedio seguendo i criteri di omeopatia unicista.
5.Somministrazione di cloruro di magnesio cristallizzato e di Zn oligoelemento.

Lo Zinco_è un componente essenziale con circa 90 enzimi presenti attivamente in tutte le principali vie metaboliche (48) .
Tra i metalloenzimi zinco-dipendenti dei mammiferi, particolare importanza rivestono l'anidrasi carbonica, la fosfatasi alcalina, le carbossipeptidasi, le aminopeptidasi e numerose deidrogenasi.
Riconosciuto è il ruolo dello Zinco, quale costituente della RNA e DNA polimerasi, nella sintesi degli acidi nucleici e delle proteine, e ben dimostrato è il suo ruolo nel metabolismo degli acidi grassi e della Vitamina A (49).Lo Zinco è assorbito nel piccolo intestino mediante un meccanismo di trasporto attivo in particolare nel duodeno e nel digiuno prossimale ed è regolato dalla presenza di una proteina a basso peso molecolare "legante lo Zinco" o ZBL.
Qualunque lesione istologica della mucosa, come avviene nella m. celiaca, determina una riduzione notevole dell'assorbimento dello Zinco. Importantissimo è il ruolo ricoperto dallo Zinco nelPimmunocompetenza in età pediatrica, infatti da studi di Giovannini , Rottoli A., Riva E ed altri (50) si dimostra come deficit di zinco si associano a involuzione del timo e del tessuto linfatico, diminuzione del numero di linfociti T circolanti e parallelamente un aumento del numero di linfociti T immaturi nella milza, riduzione della proliferazione linfocitaria e delle principali funzioni della linea T e, in grado meno evidente, della linea B, caduta dei livelli plasmatici di IgG2, IgA e IgM, riduzione della citotossicità cellulo-mediata anticorpo-dipendente (ADCC) dei linfociti K, dell'attività citotossica diretta dei NK e di una sottopopolazione di linfociti T, competenze principalmente dirette alla difesa contro i tessuti neoplastici e nel rigetto dei trapianti.

Ruolo indiscusso è dunque quello ricoperto dallo zinco nel metabolismo, nell'alimentazione, nella genesi della risposta immunitaria e nel controllo delle infezioni (51,52).
Lo zinco è quindi un componente essenziale di numerosi metallo-enzimi che regolano e controllano numerose vie metaboliche interessanti i carboidrati, i lipidi, le proteine e la sintesi e la degradazione degli acidi nucleici (53) ed alcuni di questi metallo-enzimi rispondono ad una carenza di zinco con una rapida diminuzione di attività.

Nel nostro studio su pazienti affetti da AS e malassorbimento, si è osservato, spesso empiricamente, che la somministrazione di latte vaccino determina un incremento delle stereotipie ed un accumulo di tossicità, nonostante i pazienti non risultino intolleranti alle proteine del latte di vacca; è ipotizzabile che la notevole quantità di caseina presente nel latte di vacca potrebbe essere una delle cause dello scarso assorbimento di zinco da questo alimento. E' anche verosimile, come già accennato, che il ZBL siano più di uno e che nell'assorbimento dello zinco giochi un ruolo importante anche un carrier a livello della membrana (54), come non sembra migliorare l'assorbimento di zinco l'aggiunta di acido citrico al latte di donna e a latti formulati (55). La tioneina, proteina ricca di zolfo e capace di legare i metalli, gioca un ruolo importante nel passaggio dello zinco dalle cellule della mucosa intestinale ai vari distretti dell'organismo, mentre l'albumina potrebbe essere la proteina vettrice dello zinco dal sistema portale al fegato.
Il normale metabolismo intestinale dello zinco sembra includere anche un circolo enteropancreatico, infatti la sua concentrazione nel succo pancreatico è sei volte maggiore di quella della bile.
Nell'intestino gli alimenti stimolando il pancreas liberano zinco endogeno. Il chimo contiene sia zinco endogeno, che proviene dal pancreas, sia esogeno, proveniente dai cibi.

Sono da escludere dalla dieta dei pazienti gli alimenti a base di soia che ostacolano l'assorbimento dello zinco in essi contenuto, e di quello presente in altri alimenti assunti contemporaneamente.
Altra inibizione della biodisponibilità dello zinco è determinata dai fìtati, largamente rappresentati nel latte di soia, nelle fibre vegetali, ed è dimostrato che cereali e leguminose, ricchi sia di fitati che di fibre, sono alimenti che contribuiscono notevolmente a deprimere la biodisponibilità dello zinco.
Importante  osservazione  è  anche che: il  ferro  non eminico, e l'acido folico  risultano essere  inibitori    dello assorbimento   intestinale   dello   zinco,   pertanto   nei   pazienti   con malassorbimento associato a sindrome autistica, risulterebbe controindicata la la somministrazione di ferro per via orale e di acido folico.
Pertanto se ne deduce che l'aggiunta di sali di ferro ad un latte formulato provoca una significativa riduzione dell'assorbimento di zinco.
Nelle sindromi da carenza di zinco sono riconosciuti sintomi quali anoressia, ipogeusia, disgeusia, disosmia, rash cutanei, confusione mentale, atassia.
Nel 1981 Burnet ha prospettato un possibile ruolo etiologico dello zinco nella patogenesi della dementia.

Nella terapia un ruolo importante è ricoperto dal   Cloruro di Magnesio.
Ha la formula Mg CI 2 e peso molecolare 95.23; la massima presenza la si registra nell'acqua di mare con circa 7.5 g per litro.Cox I.M., Campbell M.J. e Dowson D. (18) dimostrano il ruolo ricoperto dal magnesio nella sindrome da astenia cronica ( chronic fatigue syndrome CFS).
In tale sindrome si è dimostrato come siano bassi i livelli eritrocitari di magnesio e che la somministrazione dello stesso determini uno stato di benessere in questi pazienti. Analogie etiopatogenetiche sono state da noi osservate tra la CFS e la sindrome autistica, infatti nella CFS è stata presa in considerazione la possibilità che DNA virus ( EBV, CMV, HSV, VZV) o virus Coxackie B siano all'origine della sindrome da astenia cronica i cui meccanismi sono ancora sconosciuti e discussi.
Si conoscono tre forme di Mg C12^
1)   Cloruro di Magnesio cristallizzato (Farmacopea Ufficiale)
2)   Cloruro di Magnesio essiccato (Farmacopea Tedesca e Francese)
3)   Cloruro di Magnesio anidro (Non riveste alcun interesse terapeutico)
Noi impieghiamo il Cloruro di Magnesio cristallizzato ottenuto dalla evaporazione dell'acqua di mare; contiene sei molecole di acqua (Mg C12 6H2O) con peso molecolare 203.33, sale anidro 46.84% e H2O 53.16%.
Questo risulta il solo cloruro di Magnesio iscritto alla Farmacopea Ufficiale. E' altamente igroscopico ed è molto solubile in acqua.
In forma salina, se non è ben conservato al riparo dall'aria, assorbe umidità divenendo una sostanza mielosa, successivamente sciropposa, difficilmente maneggiabile.
La posologia varia in relazione all'età e alle condizioni cliniche del paziente, al quale viene somministrata una dose massima giornaliera di 3 gr. di Magnesio Cloruro per consentire il mantenimento del pH intestinale al di sopra di 7, questo al fine di neutralizzare le ammine tossiche nel colon acido per opera di batteri e virus e miceti che decarbossilano gli amminoacidi.
Le decarbossilazioni infatti procedono particolarmente in ambiente acido con pH 3.5 e 6 ad opera di batteri, quali lo streptococcus fecalis e di miceti.
La presenza del Cloruro di Magnesio consente la creazione di un legame stabile con le  amine tossiche che vengono così eliminate direttamente con le feci senza consentirne il riassorbimento mediante il circolo entero-ematico e successivo stato di tossicità cerebrale, e fattore importantissimo risulta il coinvolgimento del magnesio nella sopravvivenza cellulare (57).

CONCLUSIONE
Il mio ringraziamento, più sentito, va a Massimo Montinari, che ha speso su questo argomento anni di lavoro e fatica ed ha pubblicato illuminanti studi e testi.
Ho tratto spunto, per questo marginale contributo, dalla Sua ineguagliabile esperienza perché penso questa presentazione necessaria per far conoscere sempre a più medici quanto sia diventato drammatico il problema "vaccinazioni" per le nuove generazioni.  Ritengo che questa esposizione possa rappresentare un utile strumento per prevenire e riconoscere il danno biologico indotto dai vaccini.
Dobbiamo adoperarci al fine di raccogliere i nostri casi di pazienti adulti e bambini soprattutto i casi misconosciuti i borderline, e presentare questa casistica in via ufficiale al Ministero della Salute.
Fare a tutti i neonati, come in Inghilterra, la tipizzazione HLA in modo da poter dimostrare, se ancora ce ne fosse bisogno, quanto dannoso sia continuare a vaccinare bambini che presentano rischio immunogenetico-miasmatico.

Carlo Tonarelli MD c/o A.P.O.I. - E.mail xharlieton@tin.it
E.mail: dott. Massimo Montinari MD FRSH: montinari.m@libero.it

Per maggiori info sul  Protocollo Montinari, scrivere a: protocollomontinari@libero.it 
E.mail. dott. Massimo Montinari MD FRSH: montinari.m@libero.it

vedi: Bibliografia Danni dei vaccini  +  Bibliografia danni 2  +  1.000 studi sui Danni dei Vaccini
Bibliografia per i Danni dei vaccini -
vedi anche: http://www.greenmedinfo.com/page/vaccine-research

Bibliografia:
1)  Robin E.M.D. "Some hidden dimensions of thè risk/benefit value of vaccine" First intemational conference on vaccination Alexandria Virginia 1997

2)  Hussey,G.D. "The effect of Edmonston-Zagreb and Schwarz measles vaccines on immune response in infants" in J. Infect dis, n.173 giugno 1996

3)  Ward B.J. Griffin D.E." Changes of cytokine production after measles virus vaccination :predominant production of IL-4 suggests induction of a Th 2 response "in Clin. Immunol. Immunophatol. n.67 maggio 1993 p. 171-177.

4)  Bernard S., Enayati A, Roger H, Binstock T,Redwood L, Me Ginnis W." Autism: a unique Type of Mercury Poisoning" . ARC Research ,April 3 2000.

5)  Kawashima ,FL, Hoshika,A.,Wakefield A ." Detection and sequancing of measles virus from peripheral mononuclear cells from patients with infiammatory bowel disease and autism "in Dig. Dis. Sci. n.45 aprile 2000 pp.723-29.

6)  O'Leary J." Mealses virus and autism" Lancet n 356 26 agosto 2000 p.772

7)  Sutter R ."Outbreak off paralitic polyomielitis in uman :evidence for widespread transmission among fully vaccinated children" in Lancet sept.1991 vol.338

8)  Wakefìeld , A.J. "Enterocolitis in children with developmental disorders" in Am J. Gastroenterol n.95 settembre 2000.

9)  Pouletty P, Ferrane S, Amesland F, Cohen N, Westholl U." Summary report from thè first intemational workshop on soluble HLA antigens. "Tissue Antigens 1993.

10)    Bernard S., Enayati A, Roger H, Binstock T,Redwood L, Me Ginnis W.

"Autismi a unique Type of Mercury Poisoning" . ARC Research .Aprii 3 2000 1 l)Environmental Protection Agency ( EPA), lead authors - Hasset _ Sipple B , Swartout J. Schoeny R. Vol.V Health "Effects of mercury and mercury compounds

Mercury "Study Reportto Congress 1997

12)Carbone E, Terrazzano G, Colonna M ed al". Naturai killer clones recognize specific soluble HLA class I molecules." Eur. J. Immunol. 1996. 13)Zatta P., « Raccomandazioni su alluminio e salute. « Prima conferenza internazionale su metalli e cervello :dalla neurochimica alla neurodegenerazione,Univ. di Padova 20-23 sett.2000

14)Lucarelli S,Frediani,Zingoli A.M., Ferruzzi F, Giardini O, Quintieri F, Barbato M, D'Eufemia P, Cardi E." Food and infantile autism." Panminerva Med 1995 sep;37(3): 137-41

15)Egan, William M. "Thimerosal in Vaccines " presentation to thè FDA September 1999.

16)Cox ,J.C, A.R." Adjuvants - a classification and a rewid of their modes of action" , in Vaccine voi. 15 n.3 1977

17) Gupta,R.K., Siber, G.R. "Adjuvants for human vaccines -current status ,problems and future prospeets" in Vaccine 13 otti995 pp. 1263-1276

18)  Mitchell, LA., Tingle , A.J., Mac William," HLA -DR class II associations with rubella vaccine -induced joint "in Infect Dis. N.177 Gennaio 1998

19)  Poland , G.a: Jacobson,r:m: Schaiid D., "The association between HLA Class I alleles and measles vaccine -induced antibody response :evidence of a significant association "in Vaccine n.16 novembre 1998.

20)  Fombonne ,E. "Inflammatory bowel disease and autism" in Lancet 28 marzo 1998n.351

21)  Akobeng,A.K. Thomas ,A.G." Inflammatory bowel disease, autism, and thè measles ,mumps e rubella vaccine "in J. Pediatr Gastroenteral Nutr, n.28 marzo 1999 ,pp.351-352.

22)  Poland,G.A. "Immunogenetic mechanisms of antibody response to measles vaccine :the role of thè HLA genes" in Vaccine n.17 26 marzo 1999.pp.1719-1725

23)  Roberts ,G.T." MMR vaccination and autism " in Lancet n.354,11 settembre 1999p.951

24)  Griffin,J.P." MMR vaccine and autism "in Adverse Drug React Toxicol Rev , n.19 Giugno 2000 pag.99-100.

25)  Campbell,M." Young adult measles vaccination " in Commun. Dis. Intell. N.24 agosto 2000 p.241-242

26)  Bitun a:et Al "Measles inclusion-body encephalitis caused by vaccine-strain of measles." Clin. Infect. Dis. 1999;29 855

27)  Maldonado Ya." Rubeola virus" ( measles and subacute sclerosing panencephalitis)

Makaela A et ali ."Neuorological disorders after MMR vaccination "Peadiatrics 2002 110:957

28)  Stajich,G.V. Lopez,G.P. Harry S.W. Sexon,W.R. "Iatrogenic exposure to mercury after hepatitis B vaccination in preterm infants" , in J.Pediatr. n.136 maggio 2000

29)  Panichi,G.,Cappellacci, S., Mola,,A. Morellini ,M. Lulli,P.Pescini,A "HLA and hypo-responsivity to anti-HBV vaccination "in Boll. Ist. Sieroter. Milan n.65 1986pag.459-463.

30)  Saririan, K. Attiyeh, E.,Contini ,P,Russo,C." sHLA Class I level in elderey humans following influenza vaccination "in2nd International Work-shop on soluble HLA Antigens .Phonix ,ottobre 1993

31)  Saririan ,K. Wall,A.,Almeida,R.Russo,c: "Increased serum HLA I Class molecule levels in elderly humans who responded to influenza vaccination "in 1° International Workshop on soluble HLA Antigens ,Paris Agosto 1992.

32)  Caillat-Zucman,S.Gimenez,J. Albuoze,G." HLA genetic heterogeneity of hepatitis B vaccine response in hemodialyzed patiens" in Kidney Int Suppl. n41 giugno 1993.

33)  Montinari ,M.G.; Favioni ,B- Roberto,A. "Diagnostic role of immunogenetics in post-vaccine diseases of thè centrai nervuos System "in Med. J Surg.Med n.2 1966

34)  Choen,A.D., Shoenfeld ,Y. "Vaccine induced autoimmunity" in J.Autoimmun n.9 dicembre 1996 pag.699-703

35)  KalmarJ.M.," El sistema HLA y las vacunaciones "in Natura Medicatrix n.46-47 1977.

36)  Montinari,M.G., Favoino,B,Roberto A." La immunogenetica en el diagnostico de las enfermedades postvacunales del SNC "in Natura Medicatrix n.46-47 1977

37)  ShieldsM.J. Kubota,R.Hodgson.W.,Jacobson,S.Biddison,W.E." The effect of human beta2-microglobulin on major histocompatibility complex I peptide loading and engineering of a high affinity variant.Implications for peptide-based vaccines "in J. Biol. chem .n.273 ottobre 1998 pp.280100-18018.

38)  Poland , G.a:,Jacobson,S,ShaidD.J. Lipsky,JJ".The influence of thè HLA-DRBI 13 allele on measles vaccine responce "in J. Invest Med n: 44 giugno 1996 pp.261-263.

39)  Mitchell,L-a:Tingle,AJ-,Mac William,L.,Horne,C.,Keown,P." HLA-DR classll associations with rubella vaccine -indiced joint manifestation "in J Infect Dis.n.177 gennaio 1998 pp.5-12.

40)  Goggins,M.Whelan,A.Kelleher,D."The immunology of coeliac disease" in Ann. Med . Interne Parus n.147 1996 pp.40-48

41)  Fernandez -Arquero,M. e coli." HLA linked genes acting as additive susceptibility factors in celiac disease "in Hum immunol n.42 aprile 1995 pp.295-3000

42)  Buoguerre , F. e coli." Synergistic effects of two HLA heterodimers in thè susceptibility to celiac disease in Tunisia" in Genet.Epidemiol,n 14 1997 pp.413-422.

43)  Holm , K. E coli," Immunoistochemical changes in thè jejunum in first degree relatives of patients with coelic diseases and thè colelic disease marker DQ genesrHLA class II antigen expression interleukin-2 receptor positive cells and dividing crypt cella, "in Gut n 35 gennaio 1994 pp.55-60.

44)  Horvath K, Papadimitriou JC, Rabsztyn A, Drachenberg C, Tildon JT. "Gastrointestinal abnormalities in children with autistic disorder". J Pediatr 1999 Nov; 135(5):559-63.

45)  Asa Ljungh , Jinggang lan and Naoko Yanagisawa Isolation " Selection and Characteristics of Lactobacillus paracasei F19 "in Microbial Ecology in Health and Disease 2002 Suppl.3

46)  Stina Bjorneholm , Annelie Eklow, Maria Saarela Enumeration and "Identification of Lactobacillus Paracasei F19 "in Microbial Ecology in Health and Disease 2002 Suppl.3

47)  Morelli L., Campominosi E.," Genetic stability of lactobacillus paracasei FI 9" in in Microbial Ecology in Health and Disease 2002 Suppl.3

48)  Giovannelli G., Bianchini G, de Angelis GL. "Zinco e Sodio: nuovi aspetti fisiopatologici." Problemi attuali di alimentazione nell'età evolutiva - Giugno 1982.

49)  Adams H, Ashworth E, Breault GA, Guo J." Knot tied around an octahedral mental centre." Nature. 14 giugno 2001. Voi 411,

50)  Giovannini M, Rottoli A, Riva E, Bertassi F, Zecchini G, Fiocchi A." Ruolo dello Zinco nell'immunocompetenza in età pediatrica." Riv Ital Ped 1996,12,479-485.

51)  Hambidge KM. "The role of zinc and other trace metals in pediatrie nutrition and health." Pediatr. Clin North Am 1977,24,95-106,

52)  Linder MC." Nutrition and metabolism of thè trace elements: Zinc . Nutritional biochemistry and metabolism." NY, Amsterdam, Oxford, Elsevier, 1985,

53)   Kirchgessner M, Weigand E." Zinc absorpion and exeretion in relation to nutrition . "NY and Basel 1983, voi 15, pp.319-361.

54)  Menard MP, Oestreicher P, Cousins RJ." Zinc trasport by isolated, vascularly perfused rat intestine and intestinal bursh norder vesicles". The Am. Chemical Society Washington DC 1983, pp.233-246.

55)  Pedersen B, Eggum BO. ,,Interrelation between protein and zinc utilization in rats." Nutr Rep. Internat. 1983, 27,441-453.

56)  Cox IM, Cmpbell MJ, Dowson D." Magnesio intraeritrocitario e sindrome dell'astenia cronica. "The Lancet (ed it) 30 marzo 1991. Voi 337.

57)  Cupello A, Robello M. "GABA (A) receptor modulation in rat cerebellum granule cells." Receptors Channels 2000;7(2):151-71.


Danni anche Neurologici dai Vaccini
: visionare questo sito in English (con anche le citazioni bibliografiche)
http://www.vaccinationnews.com/DailyNews/May2002/MechEncephDamVax.htm
http://www.ass-ahimsa.net/vaccins11.html  +  http://www.healing-arts.org/children/vaccines/
http://users.skynet.be/nomoreillusions/vaccin_erreur_du_siecle.html
http://preventdisease.com/news/09/092109_vaccines_responsible_for_all_diseases.shtml
http://expovaccins.over-blog.com/article-32528573.html
http://www.davidicke.com/forum/showthread.php?p=1058351828
http://homeopathyworldcommunity.com/group/epidemics/forum/topics/vaccination-and-brain-damage-2
http://www.mercola.com/article/vaccines/neurological_damage.htm
http://www.infossante.com/les-dangers-de-la-vaccination-excessive-chez-les-enfants/
http://www.rense.com/general67/vacc.htm

Commento NdR: questi studi dimostrano e confermano cio' che insegniamo da decenni e cioe' che i Vaccini producono nei soggetti sottoposti a quelle infauste pratiche in-sanitarie, spacciate per tecniche preventive, Malnutrizione con perdita di fattori vitali essenziali alla vita sana, alterazione e perdita di: flora batterica autoctona, vitamine, minerali, proteine vitali), oltre alle mutazioni genetiche occulte, immunodepressioni, intossicazioni, infiammazioni e contaminazioni da virus e/o batteri pericolosi che nel tempo possono produrre malattie le piu' disparate !

vedi:
BIG PHARMA + DITTATURA SANITARIA + DANNI NEUROLOGICI dai Vaccini + Altra  Bibliografia + Falsita' della medicina ufficiale + 1000 studi sui Danni dei Vaccini + Malattie Gastrointestinali + Intolleranze Alimentari + Vaccini sicuri ? NO !  +   Terrorismo Mediatico + MEDICI IMPREPARATI + Guerra conto le Donne (con i Vaccini)  
 

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Il dott. Massimo Montinari - medico chirurgo pediatra - dal 1995, quando  annunciò la possibilità di una cura per i disturbi dello spettro autistico  e per le epilessie farmaco-resistenti, è continuo oggetto di accanite e  violente aggressioni da parte dei "rappresentanti" delle istituzione  deputate alla "tutela della salute".

Ciò è iniziato quando, a valle delle sue ricerche sui danni prodotti dalle  vaccinazioni sul sistema immunogenetico, chiese alle istituzioni preposte  l'avvio di uno studio più ampio sull'argomento.
http://blog.libero.it/CURAMONTINARI/1919781.html

Ora le aggressioni si stanno allargando anche verso chi si è attivato nel  fornirgli supporto tecnico e logistico. Ciò priva i nostri figli di una  reale possibiltà di cura. Vi assicuro che in questa condizione siamo tanti, troppi.
L'AIAS da anni è al fianco del Dott. Montinari, per consentirgli le  ricerche sulla Sindrome Artistica. Ciò non è gradito a qualcuno che ha  tutta la volontà di “oscurare” Montinari e la sua opera sanitaria.
La prima iniziativa camorristica è stata quella di privare il Congresso Internazionale sull'Autismo di Roma, del 22-24 novembre scorso, della sala della Regione Lazio, la presenza tra i relatori del Dott. Montinari.
La seconda iniziativa è quella di mettere in ginocchio" l'AIAS.
Ci si può chiedere quale sarà la prossima azione camorristica per mettere a tacere gli studi del dott. M. Montinari.
Fonte: Amici.... di M. Montinari


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

AUTISMO dai VACCINI

Il mio bambino è stato curato per i primi 8 mesi con il protocollo DANI purtroppo però i farmaci che prendeva non lo facevano dormire lo rendevano irascibile e con comportamenti scorretti. Attualmente e da
quasi 1 anno e mezzo sto attuando il protocollo del dott. M. Montinari che al posto della chelazione vera e propria offre al bambino una sorta di drenaggio con cure omotossicologiche e al quale mio figlio sta rispondendo bene, da premettere che nell'autismo non tutti i bambini sono uguali e non tutti rispondono alla stessa maniera. ù

Purtroppo l'intossicazione da mercurio che ha avuto mio figlio è derivato da un  vaccino che è stato tolto dal commercio l'Hexavac che conteneva mercurio superiore alla media, se permetti e mi dai il permesso potrei postarti della documentazione della tossicità dei metalli pesanti. Essendo moderatrice del portale autismoparliamone posso procurarti un pò di materiale ovviamente aspetto il tuo consenso. Secondo me più si informazione e meglio le persone possono scegliere  per il meglio. 
Un caro saluto
By Amelia
Fonte: amalgamaemercu...@yahoogroups.com

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

COMUNICATO STAMPA sui GRAVI DANNI dei VACCINI
Queste sono le conclusioni a cui siamo arrivati dopo anni di studi e ricerche (medici, biologi, ricercatori) e che vi comunichiamo affinche' siano divulgate ai cittadini...
vedi: Universo_Bambino/centrale1.htm

I VACCINI producono gravi DANNI (piu' o meno occulti) ai VACCINATI
SIAMO CONTRO la falsamente detta IMMUNIZZAZIONE VACCINALE perche' i  VACCINI sono MOLTO pericolosi per uomini ed animali !
Altro che immunizzazione, vaccinarsi significa, ammalarsi facilmente di qualsiasi malattia, per le mutate condizioni del Terreno fisiologico. Le autorita' e gli enti "sanitari" ripetono ogni giorno: “Non c’è nient’altro che possiate fare per proteggervi dalle malattie, perciò vaccinatevi”.
Questa affermazione è una menzogna ed una falsita’ biologica.

Le MUTAZIONI genetiche indotte da TUTTI  i  Vaccini sono ormai ben note.
Anche le malattie rare, la polio, sclerosi, distrofie, leucemie, meningiti, malattie autoimmuni o rare, aids, allergie alimentari e non, celiachia, asma, autismo, diabete, ecc. sono scatenate dai vaccini per vari motivi, mutazioni genetiche + alterazione delle funzioni endocellulari, ecc.

Autismo dai Vaccini
In Italia, nella sola UMBRIA la ns associazione ha raccolto quasi 5.000 segnalazioni di Autismo, e l'Umbria e' una piccola regione a densita' di popolazione minima, pensate a quanti bambini autistici ci sono in Italia, proporzionalmente e rispettivamente  siamo attorno ai 350.000 malati  e forse piu, malati di disfunzioni dello sviluppo, che portano all'autismo, per le ischemie (e non solo quelle) indotte dai vaccini !

Cio' significa che Tutto cio' che si dice da parte degli "enti" preposti alla salute umana, medici allopatici compresi, sui Vaccini (qualsiasi) e' completamente FALSO !
es. i virus NON sono MAI VIVI perche' sono solo sostanze
...perche' i Vaccini, oltre ad intossicare,  infiammare,  creare ischemie ed immunodepressione per tutta la vita del soggetto vaccinato, per le gravi sollecitazioni alle quali e' indotto l'organismo ed in particolare il sistema immunitario, essi  creano mutazioni genetiche nei mitocondri, trasmissibili alla prole....ecc.

Questo perche i Vaccini a virus, sono un cocktail di sostanze tossiche e di proteine complesse a DNA molto pericolose, perche' sono eterologhe=estranee, oltre ai contaminanti+adiuvanti+tossine contenuti nei Vaccini che aiutano la destabilizzazione delle funzioni di cellule, enzimi, flora batterica, sistema immunitario, DNA, generando in primis immunodepressione, mutazioni genetiche, ecc. vedi: immunogenetica.htm

Di fatto le vaccinazioni servono SOLO ad intossicare con  il contenuto dei vaccini, metalli pesanti, prodotti cancerogeni, sostanze tossiche, nanoparticelle comprese, antibiotici, prodotti antifertilita', ecc, .ed a creare ischemie, per creare, mantenere ed ampliare il mercato dei malati, utilizzando e sfruttando propinando vaccini alla popolazione piu' debole.....

Quindi e' tutto un vantaggio, NON seguire le "direttive farmacologiche o vaccinatorie" dettate dalle case farmaceutiche, di cui gli enti governativi sono solo dei lacche'....
 
I VACCINI CAUSANO anche ATTACCHI MICRO-VASCOLARI
Quindi l'unica soluzione e' NON vaccinarsi MAI !

e per finire: LOBOTOMIA con i VACCINI
http://www.youtube.com/watch?v=vHQbbU8xM14

Sclerosi e Danni dai Vaccini
http://www.youtube.com/watch?v=pNgT5X0N9Ag&feature=related
http://www.youtube.com/watch?v=0Iol8zqsnIg
http://www.youtube.com/watch?v=pNgT5X0N9Ag
http://www.youtube.com/watch?v=EwE7SZCVs60
http://www.youtube.com/watch?v=xUzi37YByzI

Morte nella culla e SIDS dopo i vaccini
http://www.mednat.org/vaccini/sids.htm

NON e' l'uranio impoverito, sono i Vaccini che ammalano ed uccidono i ns soldati !

Per ulteriori informazioni sui Gravi danni dei Vaccini vedi QUI:

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Interrogazione parlamentare
PARLAMENTO ITALIANO
285 e 286: Resoconto sommario pag. 88, del 11 GEN. 1996
Presentata agli Onorevoli Parlamentari, dal On. Pedrizzi (AN).
- Al Presidente del Consiglio dei Ministri ed al Ministro della Sanita':

Premesso:
- Che l'Associazione Universo Bambino ha diramato qualche tempo fa un comunicato riguardante le vaccinazioni praticate su neonati e le conseguenze negative che da queste possono derivare:
- Che il predetto comunicato riferiva che le vaccinazioni possono provocare nei bambini patologie gravi come, tra l'altro, distrofie, sclerosi, anemie, epilessie, morti improvvise, ecc., ecc.
Continua su:
interrogazione_parl.htm

Ad oggi NESSUN MINISTRO ha mai risposto all'interrogazione; per loro NON SE NE DEVE PARLARE MAI, chissa' perche' ?
MINISTERO della "salute" italiano ed altri Enti europei, sono stati ben informati sui DANNI dei VACCINI, NON rispondono, che siano la lunga mano di Big Pharma ?  evidentemente SI !

Il BUSINESS dei VACCINI:
...prima si creano con le vaccinazioni, le mutazioni genetiche...per creare e mantenere il mercato dei malati, e poi si **raccolgono soldi** con la questua di Telethon per la ricerca fasulla, perche' le VERE cause sono i VACCINI !

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Quando sospettare un danno da vaccino in un bambino piccolo ?  - 16/03/2012
Ricevo quotidianamente decine di email di genitori che chiedono consigli su come comportarsi con i loro figli che hanno avuto disturbi o patologie gravi dopo le vaccinazioni pediatriche. Purtroppo, io non sono assolutamente in grado di rispondere a tutti, anche se mi rendo conto che un bambino con danno da vaccino dovrebbe essere curato quanto prima per evitare che il danno si instauri irreversibilmente in lui alterando in particolare le sue capacità e le sue future potenzialità neuro-psichiche.

Ora vorrei accennare molto brevemente quando bisogna sospettare un danno vaccinale in un neonato o comunque in un bambino piccolo.
A tale riguardo ricordo che i danni da vaccino hanno praticamente sempre le seguenti caratteristiche:

- Il bambino presenta una debolezza psico-fisica precedente (più il bambino è piccolo e più è a rischio di danno vaccinale; quando invece il bambino viene lasciato crescere e maturare, il rischio di danno vaccinale si riduce, anche se non scompare del tutto).

- Il vaccino slatentizza la debolezza soggettiva di ogni bambino agendo prevalentemente sul sistema immunitario e su tutti gli apparati strettamente collegati con questo: sistema nervoso centrale e periferico, apparato gastro-enterico, apparato respiratorio e apparato cutaneo (sono comunque possibili praticamente quasi tutte le patologie pediatriche, perché il sistema immunitario è alla base di qualsiasi processo flogistico e la flogosi è alla base di qualsiasi patologia, specialmente in un bambino piccolo).

- La latenza con cui il vaccino induce un danno visibile da parte dei genitori o dei medici varia da pochi giorni a circa 1-2 mesi e dipende dall'intensità dell'alterazione immunitaria, dalla maturità tessutale (o anche età anagrafica) del bambino, dalle predisposizioni genetiche, da come si è svolta la gravidanza e specialmente il parto, dai trattamenti farmacologici assunti (specie quelli con antibiotici e corticosteroidi), dalla correttezza nutrizionale dell'alimentazione assunta dal bambino e dalla madre durante la gravidanza e dopo il parto in caso di allattamento al seno, dalle malattie avute (specie virali) sia dal bambino che dalla madre durante la gravidanza e in particolare dal numero dei vaccini ricevuti e dall'età in cui sono stati somministrati.

- Il danno da vaccino è quasi sempre aspecifico e difficilmente inquadrabile dalle nostre attuali conoscenze, almeno nei primi 1-2 anni della sua manifestazione (in un tempo successivo il danno diventerà sempre più grave e quindi evidente, ma molto raramente permetterà che i medici diagnostichino con certezza il fattore eziologico che lo ha determinato, … anche perché i vaccini non vengono quasi mai presi in considerazione).
- Il danno vaccinale in genere non risponde ai trattamenti farmacologici di routine (e se risponde, risponde parzialmente e richiede dosaggi elevati e in genere trattamenti farmacologici multipli).

- Il danno da vaccino raramente manifesta grandi alterazioni ematochimiche tra gli esami che comunemente vengono eseguiti e comunque non fornisce facili interpretazioni dei referti ematologici alla luce delle nostre attuali conoscenze fisiopatologiche.

A livello della diagnosi laboratoristica, il danno da vaccino va indagato con vari esami che possiamo suddividere in esami di primo e secondo livello.

Tra gli esami di primo livello, e quindi quelli più comuni e che dovrebbero essere eseguiti anche prima della vaccinazione, ricordiamo in particolare:
- Esame emocromocitometrico con formula leucocitaria
- VES, PCR, elettroforesi proteica
- Sideremia, ferritina, glicemia, lipemia, creatinina
- Fosfatasi alcalina, CPK, LDH, GGT, transaminasi, vitamina D3
- Elettroliti plasmatici (sodio, potassio, magnesio, calcio e fosforo inorganico)
- Dosaggio delle immunoglobuline (IgG, IgA, IgM, IgE)
- TSH, T3, T4
- Esame completo delle urine
- Tipizzazione linfocitaria
- Tipizzazione tessutale HLA di classe I e II
- Test di intolleranza alimentare (RAST-test)
- Mineralogramma del capello.

Tra gli esami di secondo livello, che dovrebbero essere eseguiti sempre quando c’è un danno vaccinale anche solo leggermente sospetto, ricordiamo in particolare:
- Valutazione dello stress ossidativo: dosaggio plasmatico del glutatione ridotto e ossidato e misura del loro rapporto (GSH/GSSG), dosaggio degli F2-isoprostani urinari, neopterina urinaria (espressione di iperattivazione immunitaria)
- Valutazione dello stress cellulare: dosaggio plasmatico del DNA cellulare libero
- Valutazione del danno genomico: dosaggio della la 8-idrossi 2-deossiguanosina urinaria (8-OHdG)
- Valutazione del danno del sistema nervoso centrale: dosaggio del criptopirrolo urinario e dell’istamina plasmatica
- Valutazione delle porfirine urinarie (uroporfirine e coproporfirine), che possono essere espressione di danno farmacologico, intossicazione di metalli tossici o di sostanze chimiche tossiche, disordini genetici, iponutrizione, patologie epatiche, stress ossidativo
- Valutazione di un danno metabolico: aminoacidi plasmatici (compresa l’omocisteina) e urinari, istamina plasmatica, acidi organici e acido orotico urinario
- Valutazione della capacità di detossificazione: dosaggio della glutatione S-transferasi
- Dosaggio plasmatico delle vitamine antiossidanti: vitamina A, C, E (queste vitamine rappresentano un sistema antiossidante alternativo o parallelo al sistema che vede impegnato il glutatione)
- Dosaggio plasmatico delle IgM e IgG verso i principali virus (Cytomegalovirus, Epstein-Barr virus, Varicella-Zoster virus, Herpes Simplex virus)
- Dosaggio plasmatico degli anticorpi verso i virus vaccinali (epatite B, poliovirus, morbillo, parotite, rosolia) e verso i batteri vaccinali (difterite, tetano, pertosse) assunti.

Alcuni esami del secondo livello possono non essere eseguiti dai comuni laboratori convenzionati con il nostro Servizio Sanitario e allora consiglio di contattare il laboratorio FLEMING di Brescia facendosi però fare prima un preventivo di spesa perché alcuni esami potrebbero essere costosi (questo laboratorio, che appartiene ad una catena europea di laboratori molto specialistici, prevede anche l’invio del sangue con corriere in modo da non doversi recare a Brescia, ma prevede pure la collaborazione con moltissimi comuni laboratori di analisi mediche presenti nelle nostre città che eseguono il prelievo e lo spediscono poi al Fleming di Brescia).

Ricordo però che, invece di eseguire a tappeto molti esami, una adeguata visita medica e un approccio rigidamente personalizzato è indispensabile per un vantaggioso percorso diagnostico e terapeutico.
Non sono molti i medici che hanno la competenza, la pazienza e la cultura sufficienti per agire in questo modo, ma i medici omeopati, specialmente di approccio unicista, sono certamente quelli che meglio di tutti hanno gli strumenti e le conoscenze appropriate per conseguire i risultati auspicati.

Bibliografia
1 - Gava R. La Sindrome Influenzale in bambini e adulti. Edizioni Salus Infirmorum, Padova, 2a edizione, 2012
2 - Gava R. Le Vaccinazioni Pediatriche. Revisione delle conoscenze scientifiche. Edizioni Salus Infirmorum, Padova, 3a ed., 2010
By dott. Roberto Gava - Tratto da: informasalus.it

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Reazioni avverse, effetti collaterali e Danni dei Vaccini

Rapporto sulla sorveglianza postmarketing dei vaccini in Italia - Anno 2012 ( AIFA )
Reazioni avverse associate alla vaccinazione anti-papillomavirus
Nel 2012, le segnalazioni riguardanti la vaccinazione anti-papillomavirus ( anti-HPV ) sono state 293 di cui 118 di Gardasil, 170 di Cervarix e 5 sono state inserite per principio attivo.
Reazioni avverse da vaccini esavalenti nell’immunizzazione contro difterite, tetano, pertosse, poliomielite, epatite B e malattie da Haemophilus influentiae di tipo B
Il vaccino esavalente ( DTP, IPV, HBV, Hib ) è tra i vaccini maggiormente utilizzati nei bambini ed è indicato per l’immunizzazione primaria contro difterite, tetano, pertosse, poliomielite, epatite B ...
Reazioni avverse da vaccini tri-, tetra-, pentavalenti contro difterite, tetano, pertosse, poliomielite ed infezione da Haemophilus influenzae di tipo B
Sono pervenute segnalazioni di reazioni avverse a seguito della somministrazione di altri vaccini disponibili contro DTP ( difterite, tetano, pertosse ), IPV ( vaccino inattivo contro la poliomielite ...
Vaccinazione contro rotavirus: possibile invaginazione intestinale
La vaccinazione contro il rotavirus viene effettuata in alcune regioni italiane e i vaccini disponibili sono il Rotarix ed il Rotateq.Complessivamente sono pervenute all’AIFA 21 segnalazioni.
Vaccinazione contro epatite A ed epatite B: reazioni avverse
Nel 2012 le segnalazioni di reazioni avverse relative a somministrazione di vaccini antiepatite, a prescindere dall’età del vaccinato, sono state 113 di cui 18 gravi ( 15.9% ); il vaccino che ha ripor ...

Controversie: Vaccino della pertosse acellulare vs a cellula intera
I vaccini acellulari contro la pertosse possono prevenire la malattia, ma non la sua trasmissione
Uno studio ha dimostrato che i vaccini acellulari contro la pertosse prevengono in modo efficace la pertosse in soggetti vaccinati, ma non sono in grado di prevenire la colonizzazione e la trasmissione agli individui non-infettati. Alcune ricerche hanno ipotizzano che i vaccini acellulari, che hanno sostituito i vaccini a cellule intere negli anni 90, possono avere un ruolo nella diffusione di malattia.

Farmacovigilanza
Prevenzione del morbillo, parotite, rosolia: il vaccino Morupar associato a manifestazioni di ipersensibilità, soprattutto cutanee
L’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco), a seguito della valutazione dei dati di farmacovigilanza, ha fornito un aggiornamento delle informazioni relative alla sicurezza.
Vaccino RotaTeq: segnalati casi di malattia di Kawasaki
L'FDA (Food and Drug Administration ) ha rivisto la scheda tecnica di RotaTeq, un vaccino per la prevenzione dell'infezione da rotavirus. Sono stati segnalati casi di malattia di Kawasaki, dopo somministrazione del vaccino. ...
Aumentato rischio di sindrome di Guillain-Barre con la co-somministrazione di Gardasil e Menactra

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>> 

Corrompevano governi, medici e funzionari di molti stati per vendere i loro prodotti.
- Stavolta l'accusa nei confronti dei Big Pharma, i colossi del farmaco, è clamorosa. E viene direttamente dal dipartimento di Giustizia americano e la Sec, la Consob statunitense, che hanno aperto un'indagine su alcune tra le più grandi e potenti multinazionali del settore farmaceutico, tra cui le quattro sorelle Merck, Bristol-Myers Squibb, GlaxoSimthKline e AstraZeneca.
Lo riporta il Wall Street Journal, secondo il quale i colossi del farmaco corrompevano i governi di numerosi paesi, tra i quali anche l'Italia, oltre a Brasile, Cina, Germania, Polonia, Russia e Arabia Saudita.
- Le Big Pharma hanno ricevuto una lettera del Dipartimento di Stato che chiede loro di giustificare alcuni movimenti di denaro. 

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>> 

Su  questo argomento (danni dei Vaccini) sfidiamo ad un dibattito, qualsiasi personaggio a favore dei vaccini, in qualsiasi sede, anche davanti ad un pubblico. Ne avranno il coraggio ? NO, come sempre scappano quando devono confrontarsi con noi !
dr. G. Paolo Vanoli - Giornalista investigativo, specializzato da 40 anni in “sanita” - (Albo speciale)  - Consulente in Scienza della Nutrizione e Medicine Naturali