Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


VACCINO "gratuito" per il Tumore alla cervice dell'Utero - 2 
(Gardasil + Cervarix ....vaccinano gratuitamente, tanto gli Stati, con le ns. tasse,
arricchiscono le industrie farmaceutiche.... e regalano Danni ai Cittadini)
Ecco il recente studio che ha coinvolto più di 17.000 bambini fino a 19 anni
Questo studio-indagine attualmente in corso è stato avviato dall’omeopata Andreas Bachmair.

La scomparsa delle malattie infettive NON e' dovuta ai vaccini ! (Francais)
Premi in denaro ai medici che vaccinano...
Ormoni e menopausa: sabotaggio farmacologico della salute delle donne, oltre al Vaccino per HPV
 

Negli Stati Uniti, che sono stati i primi ad autorizzare il vaccino nel giugno 2006 - solo 5 Stati dei 50 lo raccomandano.
Dopo le violente polemiche esplose nel Texas, giungono le voci di medici, scienziati ed esperti che testimoniano di non essere stati consultati prima della travolgente ordinanza esecutiva del governatore del Texas Rick Perry e denunciano che il Gardasil è pericoloso e non testato, distribuito per puro profitto, responsabile di pericolosi effetti collaterali.

vedi: DIAGNOSI PRECOCE e SICURA del RISCHIO di CANCRO o MENO all'UTERO + Cancro all'Utero - 1
+  Medici pagati dall'industria dei Vaccini + Medici impreparati

VIDEO inchiesta su Gardasil, HPV e papilloma virus

Confessione shock di un ex dirigente di un'industria farmaceutica
https://www.youtube.com/watch?v=zDOi81tiWz8&feature=youtu.be


SPAGNA - Smettere di vaccinare per lo HPV (cancro all’utero) - Giugno 2015 - Gardasil-Cervarix
Stop vaccinations against HPV – 26/06/2015
http://sanevax.org/spain-stop-vaccinations-against-hpv/
Firmare la petizione:
http://saludnutricionbienestar.com/peticion-virus-papiloma/firma/index_f2.php?xc1=XSP1R507&d


L'Association Press denuncia che il governatore del Texas Rick Perry ha stretti legami con la Merck Pharmaceutical da cui ha ricevuto soldi per la sua campagna di rielezione. "Perry ha legami con donne di Governo, gruppo di pressione intergovernativo nazionale che si batte per una legge obbligatoria e ha ricevuto fondi dalla Merck".
Tutti e 50 gli Stati sono stati bersaglio, tramite pagamenti ai governatori e ai funzionari, degli sforzi dei maggiori lobbisti
(NY Times 17.02.07).

Anche in Europa esiste la lobby delle donne che hanno siglato la giornata anti-HPV.
In Italia nel giugno '07 è stata costituita la "Commissione Salute delle Donne" a tal fine. Nel novembre '05 nasce l'Osservatorio Nazionale sulla salute della donna (O.N.Da), presidente Francesca Merzagora voluto da ditte farmaceutiche che "credono nella sua mission", collegato all'IEO istituto oncologico di Veronesi che si è posto come pioniere della Vaccinazione anti-HPV iniziando uno studio clinico per vaccinare a 17 e 18 anni. Collabora nella campagna di propaganda partita il 23 Febbraio dal Ministero della Sanità, che comprende spot televisivi e radiofonici ingannevoli di "persuasione mediatica".

In un editoriale, Charlotte J Haug, editore del Journal of Norwegian Medical Association, sottolinea che c’è scarsa evidenza che il vaccino contro il papillomavirus eviti l’insorgenza di tumore alla cervice.
Rimangono ancora aperte diverse questioni: a) qual è la durata dell’immunità indotta dal vaccino ? b) la soppressione di alcuni sierotipi oncogeni di HPV ( HPV-16 e HPV-18 ) comporterà la sostituzione con altri ceppi di papillomavirus ?
La Haug ha sottolineato come la gestione della vaccinazione di massa per il papillomavirus sia stata presa dai politici senza che ci fosse evidenza scientifica per farlo.
Gardasil è un vaccino quadrivalente della Merck & Co, approvato dall’FDA ( Food and Drug Administration ) nel 2006; Cervarix è un vaccino bivalente della GlaxoSmithKline che non ha ancora ottenuto l’approvazione negli Stati Uniti.
( Xagena Medicina )
Fonte: NEJM, 2008 -  vedi: Gardasil & Cervarix

Cosa c'è nel vaccino ? Il virus (papilloma) geneticamente modificato. Chiarito questo non c'è logica nella direttiva Ministeriale. Perché produrre un danno immediato alle bambine di 11-12 anni che non fanno sesso, per evitare una "ipotetica malattia" fra 20-30-40anni con un vaccino sperimentale che avrebbe copertura non garantita e di soli 5 anni ?
Promemoria: il cancro all'utero NON e' causato da un virus: vedi: Cancro e Medicina Naturale

Le REAZIONI da VACCINO  - "Quando succede a Voi od al Vostri bambini, I rischi sono del 100%"

Gli esperti di vaccini del CDC, hanno spesso conflitti di interesse - 18/03/2010
CDC e Conflitti di interesse - 1 + CDC e Conflitti di interesse - 2 + CDC e Conflitti di interesse - 3 + Corruzione + Danni dei Vaccini + Contro Immunizzazione

CDC conflitti di interesse anche per i vaccini + anche per la FDA
http://healthimpactnews.com/2014/cdcs-purchase-of-4-billion-of-vaccines-a-conflict-of-interest-in-overseeing-vaccine-safety/

Parlamentari pagati dalle Lobbies ? - Roma Ott. 2013 
L'intervista a un assistente di un Senatore che svelerebbe i traffici illeciti tra parlamentari e Lobbies.
Video dell'intervista: 
http://www.video.mediaset.it/video/iene/puntata/390060/roma-parlamentari-pagati-dalle-lobbies.html

Informatore dei CDC CONFESSA la FRODE e le FALSIFICAZIONI sugli studi della correlazione VACCINO=AUTISMO

Uno studio scientifico mostra che il vaccino quadrivalente per il papilloma virus può causare vasculopatia autoimmuni fatali (ovvero mortali).
Lo studio realizzato dai due medici canadesi Lucija Tomljenovic e Cristopher A. Shaw si intitola "Morte dopo il vaccino contro il papilloma virus, c'è una relazione causale o è una coincidenza ? " e si può leggere (in inglese) al seguente link
http://sanevax.org/wp-content/uploads/2012/10/Tomljenovic-Shaw-Gardasil-Causal-Coincidental-2167-7689-S12-001.pdf.
Le conclusioni dell'articolo non sono per niente ambigue: il vaccino in questione può innescare una reazione autoimmune che può essere talora mortale. Le conclusioni sono motivate dal fatto che molte delle reazioni avverse a tale vaccino finora registrate corrispondono a sintomi di vasculopatia cerebrale.
Studi come questo ovviamente mettono in un angolo tutti i ministeri della sanità che negano continuamente ogni correlazione tra le morti ed i vaccini.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Dorme 23 ore al giorno dopo il vaccino HPV: è in coma vigile – 15 Nov. 2011
UK – Una ragazza di 13 anni è in “coma vigile”: dorme per 23 ore al giorno dopo aver avuto una grave reazione al vaccino contro il cancro del collo dell’utero. Lucy Hinks non è più in grado di camminare o parlare, dopo le iniezioni somministratele a scuola.

I genitori hanno invitato gli altri a verificare gli effetti collaterali del vaccino Cervarix. A loro era stato detto che il vaccino aveva pochi effetti collaterali e che avrebbe protetto la figlia dal cancro alla cervice. Ma Steve e Pauline Hinks sono convinti che dietro alla misteriosa malattia della loro figlia Lucy, ci sia il controverso vaccino che la costringe a dormire fino a 23 ore al giorno. I test hanno finora escluso un tumore al cervello e la febbre ghiandolare e il consulente pediatrico della 13enne sta valutando i potenziali collegamenti con il vaccino Cervarix.
La vaccinazione rientra in un programma nazionale che ha avuto inizio a settembre del 2008. E’ già stata collegata a diversi casi di ragazze che hanno mostrato gravi effetti collaterali. Prima di ricevere il vaccino, infatti, Lucy era in perfetta salute: vantava un eccellente record di frequenza scolastica ed era tra i migliori studenti del suo anno. Poche settimane dopo la somministrazione della terza dose di Cervarix, a maggio di quest’anno, ha cominciato a sentirsi esausta. A luglio aveva perso circa sei kg di peso e dormiva per quasi tutto il giorno.
“Certe notti ero così preoccupata che mi svegliavo diverse volte per assicurarmi che stesse ancora respirando” ha detto la madre. “Ero preoccupata riguardo alle controindicazioni del vaccino ma sono stata rassicurata dall’infermiera della scuola che si trattava di effetti collaterali estremamente improbabili”. Il signor Hinks, manager per la salute e la sicurezza alla fabbrica di pneumatici Pirelli di Carlisle, ha dichiarato: “Siamo alla disperata ricerca di un qualche tipo di trattamento che ci dia indietro nostra figlia”.

Il vaccino viene somministrato alle ragazze di età compresa tra i 12 e i 13 anni in un programma nazionale precedentemente testato con studi clinici, risalenti al 2005, effettuati su oltre 18.000 donne sotto i 26 anni. Il vaccino è più efficace se somministrato alle ragazze prima che diventino sessualmente attive. Nel primo anno di attivazione del programma più di 2.000 ragazze nel Regno Unito hanno riscontrato problemi di salute dopo essere state vaccinate.
Un portavoce della GlaxoSmithKline, produttrice del Cervarix, ha detto che la società prende molto sul serio il riscontro di reazioni avverse e ha aggiunto che la Medicine safety agency verifica regolarmente tutti i casi di presunti effetti collaterali negativi, concludendo che “non erano identificabili rischi nuovi o gravi durante l’uso di Cervarix nel Regno Unito e che il bilancio dei benefici e dei rischi restava positivo”.
Tratto da. blizquotidiano.it

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

This is not a vaccine against cervical cancer; rather it is a vaccine against HPV which is contracted through sexual relations. Merck admits in its own literature that it did not prove that the vaccine would prevent cancer. The HPV vaccine only protects against 4 of the 127 strains of HPV. According to the British medical journal,
The Lancet, the vaccine is only effective for 4-1/2 years. A booster injection will be needed every five years. This has not even been discussed. You can count on Merck to lobby to have this booster shot mandated and paid for with tax dollars.

The vaccine was approved by the Food and Drug Administration (FDA) in mid 2006. Remember the FDA does not perform studies on drugs or vaccines prior to approval. The FDA relies solely on studies performed by drug companies. Only one drug company study is required for approval of a product. Merck performed a five year study of its vaccine using 25,000 women, mostly in third world countries. Only 1184 were pre-teenagers.

The average age of a woman with cervical cancer is 48. The effectiveness or dangers of this vaccine will not be known for at least a decade. Cervical cancer results in just 3,700 deaths nationally every year compared to heart disease which kills over 300,000 women annually.
Tratto da: www.americanvision.org/articlearchive2007/02-12-07.asp


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Independent health researcher Grace Filby, who won a Churchill Fellowship for her research into phage therapy, is calling on the government for more research into the possible side-effects of the HPV vaccine that is currently being given to teenage girls.
Filby believes that not enough is known about the effects of the vaccine on children with pre-existing medical conditions and weakened immune systems. She says, "We simply do not know whether the vaccine interacts with other medication or medical conditions, and the manufacturers have not studied it yet. This could be a very valid reason why some families and schools might hesitate or opt out."
She has this week written to UK education ministers and health officials calling for urgent small-scale independent studies that would highlight any health problems stemming from vaccinations already carried out.
Sources: Medical News Today October 1, 2008

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Stupro Sanitario: la storia del vaccino per il virus del papilloma... l'amore che non c'e'
Il dopoguerra fu un periodo di grandi scoperte e di massicce crescite esponenziali di nuove molecole e fatturati per le multinazionali farmaceutiche, in tutto il mondo.
Noi siamo convinti che nessun popolo piu' degli italiani abbia permesso e tenuto alto il budget delle multinazionali farmaceutiche, questo per diversificati tipici fattori socio-culturali dell'italiano medio.
Tuttavia, il terreno fertile, l'humus per le farmaceutiche holding s.p.a., ebbe ad essere legato, da una parte grazie alle "blindature" delle logiche politiche, e dall'altra grazie all'assistenzialismo senza controllo ne' verifiche.
Insomma, la sanita' era una voragine che senza mostrare nulla, inghiottiva pubblici denari. Cosi', d'incanto, le holding farmaceutiche investivano sulla tipicita' italica, e non certo sulla salute degli italiani.
La tipicita' -una delle tante- consisteva che l'italiano, un po' per una ottima alimentazione (quella mediterranea), un po' per propieta' genetiche, godeva di ottima salute e "consumava" consistenti quantita' di farmaci, o almeno cosi traspariva dai fatturati delle holding.
La voragine divento' tremenda, terremotando le casse del Tesoro Italiano, quando nacquero le U.S.L., le famigerate unita' sanitarie locali che servivano ad amplificare le blindature politiche sulla sanita'.
Tuttavia, la forza trainante del "sistema" era fatta dalla gente comune, anche se non lo sapeva. Non era difficile trovare il medico di famiglia immerso in una pletora di malati di nulla (buona parte di essi non aveva perfettamente nulla!).
Dopo gli anni '80, quando nei canali televisivi presero piede le prime trasmissioni dedicate alla salute, il medico si ritrovava lo studio pieno di "dotti", che le "terapie" le pretendevano. Era un disagio per il medico, almeno per i piu' coscienziosi, la maggior parte. I piu' coraggiosi -me ne ricordo personalmente diversi- ponevano, appeso alla porta, un cartello con su scritto "qui non si prescrive la Citrosodina", ed era un monito per coloro i quali si agitavano nel volere la prescrizione di quel farmaco o quell'altro.
In definitiva era anche l'esercizio di un potere, garantito dall'illiberta' all'italiana, che permetteva di poter scegliere altro medico, sempre all'interno del Comune di residenza, e non tra tutti i medici abilitati all'esercizio professionale, come sarebbe stato giusto poter fare.

Nessuno ci faceva caso.
Le famiglie erano sorridenti, c'era un'aria di festa, la domenica tutti a messa, con l'abito nuovo, i lavoratori non erano precari, il sistema funzionava, la mutua sanitaria era d'oro. Una abitudine maldestra, unita a quel "senso di conservazione" italico, faceva scattare quel bisogno di sicurezza, di aver una farmacia privata in casa,  ricchissima. La stragrande mole di questa consistente farmacia finiva per andare nelle pattumiere, perche' inutilizzata e scaduta.
Negli anni a seguire, dopo i grassi scandali dei vari Ministeri della Sanita' degli anni '80, dagli anni '90 in avanti si cerco' –invano– di arginare le spese, ma questo avveniva vessando inutilmente il cittadino. Un esempio era la banale gastrite (in un mondo stressato all'italiana, era facile che arrivasse, peraltro passeggera): era d'obbligo per la prescrizione farmaceutica sottoporsi alla verifica della non piacevole endoscopia digestiva.
In altre parole, dopo che si erano distrutte, sperperate, polverizzate, stuprate le casse per la Sanita', i politici -nostri dipendenti come li chiamerebbe Grillo- intendevano metterci tubi dentro…. Una vera vergogna. La maggior parte dei bisognosi, finiva per acquistarlo di propria tasca.
Comunque, le vicende di sperpero di denaro pubblico non sono mai finite, per nulla.

Dopo la recente vicenda dell'aviaria, che aveva visto i media quasi unanimi nel consigliare il "vaccino anti-influenzale" che proteggeva da questa influenza (una vera bufala mediatica), ne troviamo un'altra fresca fresca, e tutto con il "delicato" avallo di una ministro della Salute, donna per giunta. Stiamo parlando di un nuovo vaccino, questa volta e' contro il "cancro" quello del collo dell'utero. E' una follia, una autentica follia, ci volevano donne e perfino emancipate…. al ministero della Salute.
Siamo all'ennesimo stupro sanitario.

La vaccinazione anti HPV ?
Ma i costi vertiginosi della gestione della salute necessitavano di questa bufala, oppure di metodi razionali e di razionalizzazione delle priorita' della salute collettiva, a beneficio dell'intera cittadinanza?
Una domanda che rigiriamo volentieri all'On. Livia Turco che non c'e' piu', ma rimane il fantasma del suo "eccellente lavoro" al dicastero della Salute.
Una buona parte di mamme si son viste recapitare dall'A.S.L.O. (la vecchia U.S.L.) l'avviso per l'inoculazione del "nuovo vaccino" alle loro bambine, quelle di 12 anni, circa 280 mila in tutta Italia. Il vaccino e' il Gardasil , contro il virus del papilloma, quello che sarebbe responsabile del cancro della cervice, ma l'incidenza e' dell'1%, cioe' 25 volte piu' basso del cancro al seno. Tra l'altro, esistono tecniche superlative per lo screening di un cancro –quello della cervice- che rimane per fortuna poco diffuso, lo screening del PAP-TEST, che se fosse eseguito con regolarita' –ogni 2-3 anni dopo i 25 anni- sarebbe il miglior mezzo di contrasto a qualsiasi patologia dell'apparato genitale femminile, con costi molto contenuti.
Cosi' continua la disinformazione italica, lo screening - il PAP-test - viene praticato da una fascia di donne, quelle piu' informate e culturalmente piu' avanzate, rimanendo poco presente, quando del tutto assente nelle altre, con picchi al ribasso per il Sud -Italia.
Non sarebbe decisamente saggia, la possibilita' di usare le scuole italiane, pagate dal contribuente, per una idonea educazione sessuale, piuttosto che l'ora di "utile" sessofobica religione-confessionale, che e' la causa primaria della disinformazione sopratutto tra i piu' giovani in materia ?

Siamo ancora al medioevo.
Progressi scientifici, miglioramenti delle condizioni socio-sanitarie, hanno ulteriormente permesso di arginare la forma di cancro, abbassando ulteriormente la sua bassa incidenza –a differenza del cancro al seno- soprattutto tra le minorenni. In altre parole, per ogni donna che muore di cervico-carcinoma, ne muoiono 25 di cancro al seno, e ben 13 di cancro al polmone (anch'esso non molto diffuso).
E' alto il sospetto che ci siano grossi interessi per il superfinanziamento -costosissimo ed inadeguato- per una patologia di cosi' bassa frequenza, con un trend favorevole ed in ribasso da poter gestire invece con una specifica –scolastica- informazione.
Iniziamo a dire che il Gardasil -nome del vaccino anti-HPV- ha trovato la sua efficacia in studi redatti, finanziati e sponsorizzati dalle medesime aziende che lo producono e commercializzano, al momento sembra solo una, la Merck & Co.

E' legittimo il sospetto di conflitti d'interesse ?
E, come mai Paesi di elevata civilta' giuridica, non stanno prevedendo il "prezioso" vaccino per le minorenni, gli USA, ad esempio, il Canada, ed altri Paesi Europei quali la Finlandia, Paese che sta sviluppando anche degli studi indipendenti?
Ma in Italia il rischio che tali studi/verifiche assumano i volti fantasma di nuovi "casi Di Bella", sono alti.,
E' ragionevole attendere i lavori con i risultati internazionali, sospendendo, nel frattempo come misura cautelativa, la programmata vaccinazione di massa, oltremodo operata su minorenni, quindi incapaci di poter scegliere, se non in subordine ai genitori, sovente aizzati dai responsabili delle A.S.L..?
Va oltremodo segnalato che le verifiche sulla bonta' del Gardasil (effettuate dalle medesime holding di produzione e commercializzazione) hanno solo 3 anni, solo tre.
Va ancora segnalato che l'effetto "protettivo" del Gardasil nei confronti dell'onco-genesi del papilloma virus, puo' creare una selettivita' che apre la strada ad ulteriori virus potenzialmente oncogeni, vanificando, azzerando e -peggio ancora- amplificando la onco-genesi -fortunatamente molto bassa- dei virus che possono albergare nell'apparato genitale femminile, soprattutto in condizioni di scarsa igiene intima.
Va segnalato che, allo stato non si conoscono i tempi di "protezione" del Gardasil e si ignora se dopo qualche anno dovesse essere necessario ottemperare un richiamo, con i relativi rischi per la salute ed il raddoppio dei costi per la collettivita'.
Va inoltre aggiunto che, il vaccino in esame, provoca effetti momentanei -non si conoscono quelli sulla lunga distanza-   dovuti a gradi differenti di dolorabilita' nel punto di inoculazione, ma anche di fenomeni di bronco-spasmo, efalea, congestione e dolorabilita' dell'apparato femminile, ipertensione, disturbi della mobilita', disturbi del sensorio, della vista.
Il VAERS (Registro internazionale per gli eventi avversi alle vaccinazioni) ha finora registrato 3 casi di morte immediatamente successiva alla vaccinazione, ed oltre 1000 casi di seri effetti avversi:
http://www.judicialwatch.org/archive/2007/GardasilVAERSDeaths.pdf

Se le mamme desiderassero sapere quanto dura l'immunita', e se fra qualche anno si dovra' fare un richiamo, o se l'essersi vaccinati non porra' altri problemi piu' avanti, e se le bambine che si vaccinano oggi saranno davvero protette dal cancro domani, per nessuna di tali domande c'e' una risposta.
 
L'EMEA, l'Agenzia Europea per i Medicinali, con il preciso indirizzo di "tutela e promozione della sanita' pubblica e la salute degli animali mediante la valutazione ed il controllo dei medicinali per uso umano e veterinario" scrive:
http://www.emea.europa.eu/humandocs/PDFs/EPAR/gardasil/H-703-PI-it.pdf

Come con qualsiasi altro vaccino, la vaccinazione con Gardasil potrebbe non assicurare la protezione di tutti i soggetti vaccinati. Gardasil proteggera' soltanto contro le patologie causate da HPV tipi 6, 11, 16 e 18. Pertanto, devono continuare ad essere seguite precauzioni appropriate contro le malattie sessualmente trasmesse.
Gardasil non ha mostrato di avere effetto terapeutico. Il vaccino non e' pertanto indicato per il trattamento del carcinoma del collo dell'utero, delle lesioni displastiche di alto grado del collo dell'utero, della vulva e della vagina o dei condilomi genitali.
Il vaccino non e' altresi' indicato per prevenire la progressione di altre lesioni gia' esistenti correlate con il Papillomavirus Umano.
La vaccinazione non sostituisce l'abituale screening del collo dell'utero. Poiche' nessun vaccino e' al 100% efficace e poiche' Gardasil non protegge contro i tipi HPV non contenuti nel vaccino o contro infezioni preesistenti da HPV, l'abituale screening del collo dell'utero mantiene importanza critica e deve essere effettuato in accordo con le raccomandazioni locali.
Non vi sono dati disponibili circa l'impiego di Gardasil in soggetti con una risposta immunitaria ridotta. I soggetti con una risposta immunitaria ridotta, dovuta all'impiego di una forte terapia immunosoppressiva, ad un difetto genetico, ad infezione da Virus dell'Immunodeficienza Umana (HIV), o ad altre cause, possono non rispondere al vaccino.
La durata della protezione conferita non e' attualmente nota. Una efficacia protettiva prolungata e' stata osservata per un periodo di 4 anni e mezzo dopo il completamento del ciclo di 3 dosi.
Sono in corso studi di follow-up a pu'ù lungo termine.
 
Nel Notiziario Ministeriale del Febbraio 2008, la ex-direttrice del dicastero della Salute, On. Livia Turco, scriveva: "L'offerta pubblica gratuita della vaccinazione e' rivolta alle bambine tra gli 11 e i 12 anni perche' in questa fascia e' massimo il profilo beneficio-rischio" .
Stranamente i rischi non li enuncia, li omette con "sapiente" "volperia" politica, una rimozione chirurgica alla quale noi siamo enormemente abituati a decifrarne il senso.
Interessante e' anche "l'offerta pubblica gratuita": chi la paga l'On. Livia Turco ?
Inoltre nel gennaio 2007, presiedeva una commissione Europea appositamente costituitasi per verificare il problema "Gardasil", si arrivo' velocemente alla constatazione che "si correva troppo in fretta" interrogandosi se tale procedura non potesse risultare prematura e quindi socialmente pericolosa.
Tra i pochi Paesi non poteva mancare ovviamente l'Italia, cioe' tra quelli che ponevano a regime la vaccinazione di massa con il Gardasil.
Restiamo distanti da tale procedura sanitaria.
La scarna documentazione –per giunta di parte- del reale beneficio del vaccino, un dubbioso ed instabile equilibrio tra costi e benefici, le incertezze e le contraddizioni negli studi realizzati, le medesime sulla opportunita' economica che grava e graverebbe sull'intera collettivita' italiana, i dubbi sulla sicurezza... fanno di questa vaccinazione un autentico stupro sanitario.
Il rischio che siano intervenute le holding premendo su chi doveva prendere tali decisioni e' verosimile.
Non sarebbe una novita'.
Sarebbe sufficiente prendere in visione e valutare il passato, senza "meravigliarci" con quale "metodologia" le holding continuino "a programmarsi e programmarci " nuovi sistemi e "nuovi" protocolli per vecchie e nuove patologie che permettano loro di poter proporre quello che producono.
Anche se quello che propongono e' una autentica porcata, una schifezza, come per la vaccinazione di cui sopra.

Amare i nostri figli significa salvaguardarli.
Facciamolo con amore, a partire da una sapiente, sana informazione sulla sessualita', sulle malattie sessualmente trasmissibili, sulla contraccezione di emergenza, sulla contraccezione ordinaria, semplicemente sull'amore, quello che una scuola balorda e confessionale non fa e non ha.
I nostri figli, non sono cavie umane.
Fermiamoli, senza paure ne' indugi.
Rammentiamo che nessuno puo' obbligare alla vaccinazione. In caso avverso, noi dell'Aduc siamo pronti ad intervenire.
 
P.S.
Il giorno 11 Maggio c.m., nel pomeriggio una e.mail informativa del ministero della Salute ci informa cosi':
Vaccinazione HPV sicura ed efficace
In relazione alla campagna di vaccinazione gratuita contro il papilloma virus (HPV), responsabile del cancro alla cervice uterina, i due vaccini attualmente a disposizione sul mercato italiano sono entrambi sicuri ed efficaci contro l'HPV e come tali sono stati ambedue approvati dalle autorita' italiane. E' quanto viene evidenziato in una lettera del Ministro della Salute che sara' inviata alle famiglie interessate dalla campagna di vaccinazione in corso nelle diverse Regioni italiane e rivolta alle ragazze nate nel 1997.  
By  Giuseppe Parisi - 15 Maggio 2008

Commento NdR: quello che questo medico NON tiene conto e' che il vaccino NON puo' proteggere nessuno, in quanto quel tipo di cancro NON e' prodotto da un virus (che ne e' una conseguenza) bensi' e' prodotto da: intossicazioni + infiammazioni  + alterazioni della flora batterica + enzimi + malnutrizione + proliferazione anomala della Candida (fungo) anche in loco (collo dell'utero) ecc ecc.
Le alterazioni degli enzimi, della flora e della mucosa intestinale influenzano  la salute,  non soltanto a livello intestinale, ma anche a distanza in qualsiasi parte dell'organismo.

Il Cancro nasce in sintesi e secondo la Medicina naturale (che non e' non legata alle multinazionali dei farmaci e Vaccini), perche' l’organismo del canceroso e' intossicato, e la microcircolazione, nei tessuti intossicati, viene ad essere alterata, producendo, a valle di essa, nelle cellule dei tessuti investiti da quel processo: malfunzione cellulare, (nutrimento ed eliminazione = respirazione cellulare alterata = metabolismo alterato = malnutrizione cellulare e tissutale assicurata), producendo successivamente infiammazione nei tessuti e stress ossidativo cellulare e per caduta immunodepressione, e parallelamente alterazione anche del sistema enzimatico per la precedente alterazione della flora batterica, pH digestivo non regolare (e quindi l'organismo e' mancante di minerali e vitamine ed in stato di acidosi), in quelle condizioni esso e' molto facilmente parassitato da certi, parassiti batteri e funghi (candida) i quali producono anche tossine ed ulteriori infiammazioni: Ma tutto cio' e' "gestito" come Causa primordiale dai Conflitti Spirituali (consci ed inconsci) e dall'intenso stress  del vissuto.
Il Cancro quindi e' una malattia MULTIFATTORIALE.
Quindi il medico, il terapeuta od il soggetto stesso DEVONO operare seguendo la stessa strada percorsa per l'
ammalamento.
Cioe' devono lavorare per
disintossicare il malato + disinfiammare l'organismo ed i tessuti interessati, ripristinare il pH digestivo, e normalizzare le digestioni + il malassorbimento sempre presente nel malato ed eliminare quei parassiti, batteri e funghi, che hanno proliferato in modo abnorme, per mancanza dei loro antagonisti + rinforzare il sistema immunitario SEMPRE compromesso in TUTTI i malati, cancerosi compresi ed eliminare i Conflitti Spirituali (quali Vere Cause) e lo stress esistenti, oltre a lavorare sul metabolismo alterato per ridurre ed eliminare lo stress ossidativo cellulare e quindi quello tissutale, sempre presenti in qualsiasi malattia e specie nel cancro, per i danni alla microcircolazione indotti dalle intossicazioni piu’ o meno intense.
  
Seria RICERCA sul CANCRO (
ostacolata dall'Oncologia ufficiale)  - vedi: Cancro e Medicina Naturale

In questa intervista il Dr. Maurice Hilleman rivela alcune rivelazioni sorprendenti. Egli ammette che la Merck vaccini, una delle compagnie farmaceutiche che producono vaccini, e specificatamente quello per la Polio, che essa produceva, erano stati deliberatamente contaminato con lo SV40, un virus di scimmia verde africana (sulle cui colture si produceva il vaccino), che con-scatenano il cancro !

VACCINO per il Tumore all'Utero (HPV) "STUPRO SANITARIO" - Italy  -  cosa e' il PAP TEST ?
Per le 280.000 bambine italiane di 11/12 anni, nate nel 1997, e per le loro mamme chiamate dal servizio sanitario ad inoculare il Gardasil alle figlie, il 2008 sarà anno di sventura perché le bambine in gran numero verranno sottoposte alla vaccinazione "contro" il Papilloma virus accusato di essere produttore di cancro al collo dell'utero, a trasmissione sessuale.
L'esca è la paura del cancro che da anni le varie lobby sanitarie istituzionali e non, Ministero compreso, coltivano per sviluppare bieche operazioni commerciali come questa e dannose pseudo-sperimentazioni di massa sulla popolazione.
Facile colpire le bambine manovrando l'ignoranza delle mamme, che se per intuizione non cedono inizialmente alla propaganda insistente ed omissiva, verranno alla fine per lo più prese all'amo con la frase "Se tua figlia avrà il tumore al collo dell'utero in futuro sarà colpa tua". Solo le più sveglie resisteranno al vile ricatto affettivo, sotto la pressione di una presunta obbligatorietà morale.

Allarmismo del tutto ingiustificato.
Dai dati scientifici il papilloma virus è presente nell'80% di uomini e donne e sovente fin dalla nascita, cioè è un normale abitatore delle mucose del pene, della vagina e della cervice, un germe che di per sé è innocuo e comune al pari di altri virus e batteri presenti. La trasmissione è anche al di fuori della via sessuale. Il contatto non comporta la malattia, ma eventualmente l'infezione generalmente transitoria. Il virus può tranquillamente scomparire da solo, anzi è la situazione più frequente e più probabile. In un 10% di casi (e più) il virus convive tutta la vita senza creare mai problemi. Il virus HPV non indica malattia, ma il rischio nell'1% dei casi di sviluppare nel tempo lesioni (macchie) trattabili. Perché si sviluppi un tumore sulla eventuale lesione non curata occorre tanto tempo circa 20/40 anni ed è un fatto eccezionale che si presenta nell'1% dei casi.
Quindi l'infezione non è una malattia ma un fattore di rischio (Dr. M. Sideri ginecoloco-oncologo).
"Se le mamme volessero sapere quanto dura l'immunità, e se fra qualche anno si dovrà fare un richiamo o se l'essersi vaccinati non porrà altri problemi più avanti, e se le bambine che si vaccinano oggi saranno davvero protette dal tumore, si dovrebbe ammettere molto candidamente che per nessuna di queste domande c'è risposta" (Dr. G. Remuzzi immunologo).

Cosa c'è nel vaccino ? Il virus (Proteina tossica a DNA - papilloma) geneticamente modificato OGM.
Chiarito questo non c'è logica nella direttiva Ministeriale.
Perché produrre un danno immediato alle bambine di 11/12 anni che non fanno sesso, per evitare una ipotetica malattia fra 20/30/40anni con un vaccino sperimentale che ha copertura non garantita e di soli 5 anni ?
Nel Notiziario Ministeriale Febbraio 2008, la Ministra Livia Turco, scrive: "l'offerta pubblica gratuita della vaccinazione è rivolta alle bambine tra gli 11 e i 12 anni perché in questa fascia è massimo il profilo beneficio-rischio". Ma i rischi non li enuncia, li omette con sapiente rimozione.
Ha ricordato che "Alla base dell'età... c'è la volontà di facilitare l'offerta anche a bambine che altrimenti non avrebbero accesso per ragioni sociali, agganciandosi alla frequentazione della scuola dell'obbligo..."(24.11.07). Quindi scelta strumentale e classista.

Turco ammette: "è un'offerta... a uso controllato per sorvegliare attivamente gli effetti sulla popolazione esposta al vaccino". Quindi è una rischiosa sperimentazione di massa sulle bambine cavie.

Turco propone: "particolare cautela di somministrazione nell'età fertile" perché "i dati attualmente disponibili non sono sufficienti...". Quindi si dovrà considerare il Ministero e la Turco responsabili penalmente di eventuali morti intrauterine o anomalie congenite da vaccino di donne rimaste gravide a sorpresa, dopo essere state vaccinate.

Turco precisa: "Saranno le evidenze scientifiche, degli studi di efficacia a dirigere la scelta di estendere la vaccinazione contro il Papilloma virus ad altre categorie di giovani donne...".

Negli Stati Uniti, che sono stati i primi ad autorizzare il vaccino nel giugno 2006, solo 5 Stati dei 50 lo raccomandano. Dopo le violente polemiche esplose nel Texas, giungono le voci di medici, scienziati ed esperti che testimoniano di non essere stati consultati prima della travolgente ordinanza esecutiva del governatore del Texas Rick Perry e denunciano che il Gardasil è pericoloso e non testato, distribuito per puro profitto, responsabile di pericolosi effetti collaterali:
Effetti negativi sono stati segnalati in 20 Stati, "le reazioni vanno dalla perdita della coscienza al collasso" riporta The Washington Time. "Alcune bambine hanno accusato gravi mal di testa, capogiri, nausea, febbre e perdita temporanea della vista...". "Segnalati 13 casi di sindrome di Guillan Barrè". Il National Vaccine Information Center segnala 5 morte, 51 invalide e 1.358 ricoverate d'urgenza.

L'Association Press denuncia che il governatore del Texas Rick Perry ha stretti legami con la Merck Pharmaceutical da cui ha ricevuto soldi per la sua campagna di rielezione. "Perry ha legami con donne di Governo, gruppo di pressione intergovernativo nazionale che si batte per una legge obbligatoria e ha ricevuto fondi dalla Merck". Tutti e 50 gli Stati sono stati bersaglio, tramite pagamenti ai governatori e ai funzionari, degli sforzi dei maggiori lobbisti (NY Times 17.02.07).

Anche in Europa esiste la lobby delle donne che hanno siglato la giornata anti-HPV. In Italia nel giugno '07 è stata costituita la "Commissione Salute delle Donne" a tal fine. Nel novembre '05 nasce l'Osservatorio Nazionale sulla salute della donna (O.N.Da), presidente Francesca Merzagora voluto da ditte farmaceutiche che "credono nella sua mission", collegato all'IEO istituto oncologico di Veronesi che si è posto come pioniere della Vaccinazione anti-HPV iniziando uno studio clinico per vaccinare a 17 e 18 anni. Collabora nella campagna di propaganda partita il 23 Febbraio dal Ministero della Sanità, che comprende spot televisivi e radiofonici ingannevoli di "persuasione mediatica".

 "PROMOZIONE DELLA SALUTE DELLE DONNE" - "SALUTE DI GENERE" = nuovo mercato.
Ci volevano le donne al governo perché il sistema dei profitti sanitari proliferasse con:
- la vaccinazione anti-HPV gratuita alle minorenni e a pagamento alle ipocondriache (Turco);
- la raccolta precoce dei cordoni ombelicali presi ai neonati e alle madri sfinite dopo il parto con la clausola ricattatoria: "cordone a disposizione solo se a metà con lo Stato" (Turco);
- gli espianti/trapianti favoriti dalla Legge dell'esproprio e dai tesserini ingannevoli (Bindi); ecc.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Ci volevano le donne al governo perché il sistema dei profitti sanitari proliferasse con:
- la vaccinazione anti-HPV gratuita alle minorenni e a pagamento alle ipocondriache (Turco); - la raccolta precoce dei cordoni ombelicali presi ai neonati e alle madri sfinite dopo il parto con la clausola ricattatoria: "cordone a disposizione solo se a metà con lo Stato" (Turco);
- gli espianti/trapianti favoriti dalla Legge dell'esproprio e dai tesserini ingannevoli (Bindi); ecc.

Le donne al Governo ? Una presenza di mera copertura di giochi economici e di potere che ha facilitato la riduzione del genere femminile ad un ammasso tremebondo e ipocondriaco di corpi senza orgoglio, facili prede delle sperimentazioni di massa e utili alle speculazioni economiche sanitarie: Le donne dell'AEDfemminismo INFORMATIVA

I vaccini anti-HPV (human papilloma virus) attualmente sul mercato sono due:
* Gardasil (? 564 per tre iniezioni) commercializzato negli Stati Uniti dalla Merck Phalmaceutical, coadiuvata in Europa dalla partner francese Sanofi-Pasterur.
* In concorrenza pronto anche il Cervarix prodotto dalla GlaxoSmithKline britannica.
Si profila una guerra tra aziende per conquistare il mercato.
L'indicazione alla vaccinazione data dalle autorità è dai 9 anni ai 26, dopo i 26 solo screening. La vaccinazione proteggerebbe dai ceppi 16 e 18 sui 100 virus HPV conosciuti. Si tratta di un'iniezione intramuscolare iniziale e due richiami entro sei mesi. Si prevedono altri richiami dopo 5 anni al termine della presunta protezione. Anche i Paesi europei hanno reso disponibili sul mercato il vaccino HPV, ma l'Italia è il primo che lo distribuisce gratuitamente alle 11enni.
I finanziamenti in Italia ammontano a 100 milioni di Euro, e forse più, ciò è più che sufficiente per far capire come questo sia un business sanitario per gestire fondi da capogiro.
Fonte: www.antipredazione.org - "Lega Nazionale Contro la Predazione di Organi e la Morte a Cuore Battente".
E-mail: lega.nazionale@antipredazione.org

Commento NdR: questi studi dimostrano e confermano cio' che insegniamo da decenni e cioe' che i Vaccini producono nei soggetti sottoposti a quelle infauste pratiche in-sanitarie, spacciate per tecniche preventive, Malnutrizione con perdita di fattori vitali essenziali alla vita sana, alterazione e perdita di: flora batterica autoctona, vitamine, minerali, proteine vitali), oltre alle mutazioni genetiche occulte, immunodepressioni, intossicazioni, infiammazioni e contaminazioni da virus e/o batteri pericolosi che nel tempo possono produrre malattie le piu' disparate ! - vedi: Contenuto dei vaccini

 Pag. 6  -  Pag. 7  -  Pag. 8  -  Pag. 9  -  Pag. 10  -  Pag 11  -  Pag. 12  -  Pag. 13  - Pag 14  - Pag 15  -
 Pag. 16  -  Pag. 17  -  Pag. 18  -  Pag.19  -  Pag. 20  -  Pag. 21

vedi anche Dati ISTAT sui Vaccini