Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


SESSO - ORMONI - PERSONALITA' maschile o femminile, oppure ?
FAR all’AMORE e GUSTARE le GIOIE del SESSO   
MAKING LOVE and ENJOYING SEX
 

SESSO - ORMONI - PERSONALITA' maschile o femminile, oppure ?
-
vedi: Omosex od altro - Continua in: SESSO, pag.2

Come nasce il sesso in un soggetto
Cromosomi, DNA, Ormoni,

Le funzioni sessuali sono governate da specifici ormoni. Si tratta di sostanze chimiche prodotte da una ghiandola endocrina, che agisce a distanza rispetto al luogo di produzione. Vengono trasportati dal sangue per agire come messaggeri chimici sugli organi bersaglio e regolarne l'attività. Sono rilasciati dal cervello e in particolare in due ghiandole: l'ipotalamo e l'ipofisi.
Gli ormoni sessuali femminili
Gli estrogeni vengono prodotti dalle ovaie, soprattutto durante la prima fase del ciclo mestruale. Intervengono nella regolazione dei processi legati alla riproduzione e sono responsabili dei caratteri sessuali secondari femminili.
Ovaie, utero e mammelle sono i tre principali “bersagli” degli estrogeni, ma gli effetti si vedono anche su pelle, capelli, cervello, ossa, fegato, cuore e circolazione.
Il progesterone è il più importante fra gli ormoni progestinici. Viene prodotto nelle ovaie, soprattutto durante la 2° metà del ciclo; contribuisce a predisporre l'utero alla gravidanza, perché prepara l’endometrio ad accogliere l’ovulo fecondato; se la fecondazione non avviene, i livelli di progesterone diminuiscono e si ha la mestruazione.
Gli ormoni sessuali maschili
Gli androgeni rappresentano i più importanti ormoni maschili. Il rappresentante fondamentale è il testosterone che regola la produzione e la maturazione degli spermatozoi (gameti maschili) e la loro emissione attraverso l'eiaculazione. La completa maturazione dello spermatozoo richiede due mesi e mezzo. È formato da una testa dove è contenuto il corredo cromosomico ed una lunga coda che gli permette di avanzare. In ogni eiaculazione sono presenti decine di milioni di spermatozoi vitali.
Il maschio è quindi sempre fecondo, al contrario della donna la cui fertilità è circoscritta a pochi giorni ogni mese nel periodo dell'ovulazione.
Sesso e sessualita'
Il sesso e' generato e gestito dall'Essere, quando viene ad essere concepito nell'utero materno e quindi dal DNA (DNA materno + DNA Paterno) esistente nelle prime cellule che poi generano anche, quelle specializzate, le ghiandole endocrine, e successivamente dagli ormoni preparati ed inviati in circolo da esse.
Quando alcune parti delle cellule della madre, nutrice, sono in stato di malfunzione e/o contengono mutazioni genetiche acquisite dalla nutrice, l'informazione delle alterazioni, passano anche nel feto e possono facilmente modificare gli ormoni che le cellule del feto producono e quindi alterare anche altre cellule che li ricevono, specialmente quelle nervose dell'encefalo, generando possibili alterazioni della personalita' del soggetto, gia' nella placenta.
E' quindi nella placenta che avvengono le prime azioni per la divisione-formazione del sesso (organi sessuali = vagina o pene) e della successiva sessualita' (maschile o femminile) del futuro Uomo.
Quindi l'alimentazione della madre, assieme al DNA acquisito, formano il sesso e la sessualita' del nascituro; cio' significa che a seconda del tipo di alimentazione, salute o malattia, intossicazioni, infiammazioni, mutazioni genetiche o meno della madre e/o del padre, acquisite anche con i vaccini, possono influire sulla sessualita' del nascituro che puo' subire anche alterazioni alle ghiandole endocrine e quindi agli ormoni prodotti da esse, dalle normali linee della Natura anche per il sesso.
Vaccinare il nascituro significa amplificare le possibilita' che esso abbia anche e non solo turbe sessuali di vario tipo.
vedi: Possibili danni sessuali-sessualita' dai Vaccini

Figura che illustra quali cromosomi vi sono nella femmina e quali nel maschio, in quanto sono essi che determinano il sesso del futuro uomo.

Sesso, per i maschi è una priorità: lo rivelano i "misteriosi neuroni"
Studio su Nature: cellule trovate nel cervello di un verme funzionano come un campanello che ricorda l'urgenza dell'accoppiamento
Scoperte da un gruppo internazionale coordinato da Arantza Barrios, dell'University College di Londra, queste cellule "misteriose" sono uniche e sono sfuggite finora all'analisi di laboratorio: di derivazione gliale (cellule che costituiscono il sistema nervoso insieme ai neuroni), si sviluppano con la maturità sessuale e funzionano come un campanello d'allarme che costantemente ricorda al maschio che le esigenze legate al sesso sono prioritarie, tanto che durante l'accoppiamento fanno passare in secondo piano perfino l'esigenza di mangiare.
Come il cromosoma Y è unico nel genoma maschile, i neuroni appena individuati sono esclusivi del cervello dei maschi e sono la chiave che spiega le differenze nell'apprendimento e nelle abilità cognitive rispetto alle femmine.
"Abbiamo dimostrato come le differenze genetiche e quelle nello sviluppo tra i due sessi siano legate a cambiamenti strutturali nel cervello che avvengono durante la maturità sessuale", osserva Barrios. "Questi cambiamenti - ha aggiunto - fanno sì che il cervello maschile funzioni in modo diverso, rendendo i maschi più inclini a ricordare gli incontri sessuali avuti in passato ed a considerare il sesso una priorità".
Non è la prima volta che gli studi nel campo della neurologia di genere evidenziano caratteristiche diverse del cervello maschile e femminile: genetiche, ormonali, fisiche.
I maschi hanno sei volte e mezzo la materia grigia delle donne, che è collegata all’intelligenza generale, ad esempio, mentre le femmine hanno dieci volte la materia bianca del maschio, che ha la funzione di relazionare le aree cerebrali tra loro.
Ma è la prima volta che vengono scoperte delle cellule presenti specificatamente nel cervello maschile.
Non resta che aspettare che gli studi sul cervello del verme C. elegans possano fornire altre risposte su quello degli esseri umani.

Fare l'Amore o fare Sesso:
Sentimento di viva affezione verso una persona che si manifesta come desiderio di procurare il suo bene e di ricercarne la compagnia: amore ... non è altro che unimento spirituale de l’anima e de la cosa amata (Dante); a. materno, filiale, fraterno; a. alla famiglia, agli amici; l’a. del padre, che questi ha per i figli o che essi hanno per lui. Può indicare l’affetto reciproco: a. coniugale;
Era tra questi due solo un a. Ed un volere (Caro); e per estens., la concordia dei sentimenti: vivere, procedere d’a. e d’accordo.
Può anche essere rivolto a sé stesso, come manifestazione di egoismo e di egocentrismo: l’a. di sé, avere un esagerato a. di sé; in partic., amor proprio, onesta ambizione di non rimanere indietro agli altri in una competizione, in un lavoro comune e sim.; desiderio di rivelare e far apprezzare le proprie capacità e buone doti, impegnando la propria volontà nello sforzo di accrescerle e potenziarle: avere, non avere, essere privo di amor proprio; non hai un briciolo di amor proprio;
Sentimento che attrae e unisce due o piu' persone (ordinariamente ma non necessariamente di sesso diverso), e che può assumere forme di pura spiritualità, forme in cui il trasporto affettivo coesiste, in misura diversa, con l’attrazione sessuale, e forme in cui il desiderio del rapporto sessuale è dominante, con carattere di passione, talora morbosa e ossessiva; comune a tutte queste forme è, di norma, la tendenza più o meno accentuata al rapporto reciproco ed esclusivo.

a. ardente, appassionato, sviscerato, morboso, disperato; a. corrisposto, non corrisposto; pene, turbamenti, sofferenze, tormenti, febbre d’a.; giurare eterno a.; cedere, abbandonarsi, resistere all’a.; dare la prova dell’a., o una prova d’a., si diceva, nel passato, quando una donna cedeva alle richieste sessuali da parte dell’uomo (e analogam., pretendere, esigere una prova d’a.); a. puro, sensuale (o dei sensi); a. romantico, che si esprime in forme di tenerezza sognante; a. platonico, casto, che si appaga dell’unione spirituale con la persona amata, secondo la dottrina platonica per cui l’amore è contemplazione della bellezza e impulso di elevazione morale (nel linguaggio com. è però talvolta inteso come amore unilaterale, non rivelato e non corrisposto); a. libero, libertà di unione sessuale fuori del matrimonio; a. eterosessuale, fra persone di sesso diverso; a. omosessuale, fra persone dello stesso sesso (v. omosessualità).
Come materia di scritti, opere letterarie e sim.: versi, prose, romanzi, canzoni d’a.; le lettere d’a. del Foscolo. Locuzioni: accendersi, ardere, bruciare d’a.; languir d’a.; filare il perfetto a. (v. filare3, n. 2 e); patire di mal d’a., essere fortemente innamorato, soffrire per un amore ostacolato o non corrisposto; figlio dell’a., eufem., figlio naturale. Fare all’a. (region. fare l’a.), avere una relazione amorosa, amoreggiare, o, anche, unirsi nel rapporto sessuale (con quest’ultima accezione, oggi quasi esclusivam. fare l’amore); fig.: fare all’a. con una cosa, desiderarla, aver l’occhio su quella: è tanto tempo che faccio all’a. con quell’appartamento; qualche furbo, che forse sarà già un pezzo che fa all’a. a quelle quattro braccia di terra (Manzoni). Proverbî: chi ha fortuna in amor non giochi a carte (e in altra forma: chi è sfortunato al gioco è fortunato in a.); a. e tosse non si possono celare.

Con senso più esplicitamente erotico: igiene, fisiologia dell’a.; a. ancillari; unirsi, congiungersi, letter. mescolarsi, confondersi in a., riferito a uomini o ad animali. - Tratto dall'enciclopedia Treccani

Fare Sesso, più di amici e conoscenti, amplifica la soddisfazione complessiva nella Vita. - 19/04/2013
La curiosa risultanza emerge da uno studio del sociologo Tim Wadsworth della University of Colorado Boulder, pubblicato su Social Indicators Research, che ha analizzato le risposte di un campione di 15.386 individui dal 1993 al 2006.
La felicità e il piacere in relazione alla propria vita sessuale, sostiene Wadsworth, possono aumentare o diminuire a seconda di come gli individui si percepiscono paragonandosi ai loro coetanei.
La correlazione tra felicità e frequenza del sesso elevata è costante in tutte le persone, ma chi crede di avere una vita sessuale meno soddisfacente in termini di frequenza rispetto ai coetanei è meno felice di chi invece è convinto di avere una vita sessuale come quella degli altri, o migliore.
Ciò che emerge è che se il sesso rende felici tout court, con livelli di soddisfazione maggiori di oltre il 50% per chi ha una vita sessuale attiva e regolare, il senso di felicità aumenta o diminuisce per effetto del paragone con gli altri: chi infatti dichiara di fare sesso due-tre volte al mese, ma pensa che i suoi amici lo facciano ogni settimana, ha una probabilità minore del 14% di riportare un alto livello di felicità. Insomma, la felicità a letto non dipende solo da noi stessi e dal partner, ma anche da ciò che noi pensiamo degli altri e della loro vita sessuale. Quanto sesso fare, dunque, per essere al top della felicità ? Una misura qui non esiste, ma il nuovo studio indica che l'importante è che il sesso che facciamo sia, comunque, più di quello che fanno gli altri.

La ragione psicologica di ciò varia, però, da uomo a donna:
Per gli uomini - sottolinea Paola Vinciguerra, psicoterapeuta e presidente dell'Associazione Europea Disturbi da Attacchi di Panico (Eurodap) - fare sesso di più rispetto agli amici diventa un atteggiamento di comparazione ed equivale al dire 'sono piu' maschio, più forte, funziono meglio, proprio perche' spesso gli uomini identificano il proprio se' attraverso l'attività sessuale".
Per le donne, invece, afferma, "sapere di fare più sesso rispetto alle amiche è una rassicurazione. La donna si sente desiderata attraverso il rapporto sessuale, e dunque più forte e senz'altro più felice". Anche se, conclude l'esperta, resta una differenza di fondo: "Per le donne, l'attività sessuale non è centrale di per se' e ciò che dà maggior sicurezza è, invece, l'essere cercate e volute".
Tratto da: repubblica.it

Ricordati: Il tuo corpo sa fare l'amore meglio di quanto credi. Se così non fosse la razza umana sarebbe estinta da millenni.

FORIA, il LUBRIFICANTE alla CANNABIS e COCCO che FA IMPAZZIRE le DONNE con ORGASMI da 15 MINUTI - 25/07/2014
Le donne stanno per impazzire. Esiste infatti un lubrificante vaginale a base di cannabis e olio di cocco, già testato su cento donne, che hanno riscontrato fino a 15 minuti di orgasmi multipli, da sole o con un partner. Foria – così è stato ribattezzato il lubrificante – promette di rivoluzionare l’esperienza sessuale delle donne mettendo a frutto una conoscenza che da sempre fa parte del bagaglio di esperienze e tradizioni di  molte culture orientali: l’utilizzo della marijuana come afrodisiaco naturale.
Foria è stato creato e testato dal collettivo “Aphrodite group”, gruppo di pazienti di cannabis terapeutica e operatori sanitari che si persegue il duplice scopo di “garantire terapie a base di cannabis sicure e di alta qualità” e di “accrescere l’accesso delle donne al piacere ed al benessere attraverso terapie naturali”.Foria è a base di cannabis (con thc) e potenziato con olio di cocco, che emana un buon odore e una protezione naturale dalle infezioni vaginali grazie al ph naturalmente basso. È stato sperimentato da donne dai 21 ai 70 anni, sia da sole che in compagnia.  Tutte hanno testimoniato una maggior facilità a raggiungere orgasmi di maggiore intensità, sino ad alcuni casi in cui si sono registrate esperienze fuori dal comune, come orgasmi multipli e prolungati della durata di 15 minuti.
Tratto da: tag24.it

Alla scoperta del corpo femminile e maschile
Suggerire al proprio partner gesti, sfioramenti e situazioni eccitanti è fondamentale conoscere il proprio corpo. Praticare del sano autoerotismo, piacersi, guardarsi allo specchio, accarezzarsi, sono tutte condizioni normali e importanti per aumentare le sensazioni erotiche.
Ogni donna e/o ogni maschio sa - o può scoprire - quali sono le zone più sensibili per tracciare una mappa del proprio eros.
Pensate piuttosto al vostro corpo come a uno strumento musicale, e alle corde giuste da toccare per produrre le note migliori. E lasciatevi andare prima di tutto verso voi stessi, anche con il vostro partner.
- Organo sessuale femminile
- Clitoride
- Frenulo (del pene)
- Pene
- Punto G
- Punto L maschile
- Sperma o liquido seminale maschile

Una giornata di solo sesso  ? Perché no. Basta organizzarsi.
Dedicarsi l'uno all'altra potrebbe essere un ottimo modo di riaccendere la passione, festeggiare san Valentino, regalarsi una vacanza dal resto del mondo.
Quindi fissate la data, avvisate amici-parenti-scocciatori che non sarete reperibili per un giorno, staccate telefoni, cellulari, ipad e tutto quanto vi metta in connessione con gli altri e concentratevi invece sul vostro partner, la giornata trascorrerà piacevolmente lenta, senza fretta o stress.
vedi:
Circoncisione + Omosessualita' &C.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

FATE SESSO che fa BENE - Il sesso come medicina, per vivere più a lungo e senza il mal di testa

Continua in: SESSO - 2 ....e se volete ridere sul tema...: http://nonciclopedia.wikia.com/wiki/Sesso
 

 

 

 

E se il sesso facesse passare il mal di testa invece che farlo venire ?
L’attività sessuale non è solo divertente, ma può aiutare a vivere più a lungo e a vivere una vita più felice. Non è una grande scoperta, ma avere il supporto della scienza in questo caso potrebbe spingere qualcuno a sfruttare di più questa miniera di buonumore e salute.
Il sesso, innanzitutto, è un ottimo analgesico. Merito dell’ormone ossitocina che viene prodotto nel corpo ogni volta che si svolge attività sessuale e che è responsabile del raggiungimento dell’orgasmo. Grazie all’ossitocina vengono realizzate le endorfine, che a livello corporeo provocano la sensazione di piacere ed aiutano a dare sollievo anche ad eventuali dolori articolari e muscolari o a risolvere eventuali mal di testa.
Recenti ricerche dimostrano inoltre che le persone che fanno attività sessuale costante sono più felici e riescono a gestire meglio i livelli di stress durante la giornata. Nelle coppie il sesso può aiutare ad affrontare meglio i periodi di stress particolarmente intensi, come ad allontanare le tensioni quotidiane. Dopo un orgasmo l’essere umano raggiunge uno stato di calma e di rilassamento particolarmente profondo e questo è anche il motivo per cui spesso gli uomini si addormentano dopo l’attività sessuale. Comunque fare sesso regolarmente può aiutare a dormire meglio e a sentirsi più ricchi di energie il mattino successivo. Naturalmente un buon riposo è il primo passo per riuscire a gestire meglio lo stress durante la giornata.
Non è necessario sottolineare che durante l’attività sessuale e a causa dell’eccitamento il sangue viene pompato più velocemente attraverso arterie e vene. Questo permette una migliore ossigenazione di tessuti  e organi, e naturalmente, del cervello. In questo modo si migliorano le performance del nostro corpo ad ogni livello, sia fisico che intellettuale. Se hai bisogno di rimetterti in forma e fare un detox, prova dunque a sostituire l’ennesima dieta con un po’ di sesso in più.
Il sesso è anche un ottimo esercizio fisico e un vero e proprio allenamento se viene fatto con una certa regolarità. Essere in forma permette inoltre di sentirsi più a proprio agio nudi e questo innescherà una catena virtuosa di cui beneficerà anche la silhouette. In più, durante l’attività sessuale si consumano circa 150 calorie ogni mezz’ora. La quantità di energia bruciata dipende dalla lunghezza delle prestazioni e dal vigore delle performance, ma anche in questo caso un’eventuale dieta ne beneficerà.

 

 

 

Il testosterone e gli estrogeni che aumentano durante l’attività sessuale non contribuiscono soltanto al piacere. Il testosterone, per esempio, fortifica i muscoli e le ossa e aiuta il cuore a mantenersi sano. Nelle donne ad aiutare il cuore a star bene sono gli estrogeni che si sviluppano soprattutto attraverso carezze e coccole ed è per questo che le donne le amano così tanto !

Infine, la costanza serve anche a rallentare l’invecchiamento. Almeno due orgasmi alla settimana levano il medico di torno e sembrano essere il segreto dell’eterna giovinezza. Ogni volta che si raggiunge l’orgasmo, infatti, viene prodotto l’ormone DHEA che migliora il funzionamento del sistema immunitario, aiuta la pelle a rimanere giovane, aumenta le capacità cerebrali e funziona da antidepressivo. Niente più scuse.
By
Ambra Jantar  -
Tratto da: canali.libero.it

Leggi: L'ultima Truffa del secolo passato........ vedi: Prostata  +  Prostatite  +  Viagra e suoi Danni
+ Circoncisione
È possibile che la pandemia di AIDS sia stata causata da vaccini per la polio contaminati con un virus delle scimmie e utilizzati in Africa alla fine degli anni '50 ? Ebbene purtroppo SI !!

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Meno malattie cardiache per chi fa sesso regolarmente - 14/08/2012
Cuore: per la sua salute, sesso due volte a settimana - Fare sesso due volte a settimana riduce il rischio di malattie cardiache.
Avere rapporti sessuali almeno due volte a settimana riduce il rischio di attacco cardiaco
Ecco uno di quei “sacrifici” per la salute che si fanno volentieri. Tra tutte le modifiche allo stile di vita che ci potremmo sentire richiedere per salvaguardare la salute del cuore, infatti, quella di fare sesso due volte a settimana è di certo quella che accoglieremmo con più entusiasmo – a differenza di molte altre che, in genere, prevedono proprio delle rinunce a cose che ci piacciono o che ci piace fare.
Il sesso dunque come toccasana. Non è in verità la prima volta che lo sentiamo dire: sono molti infatti gli studi che suggeriscono come lo “sport da letto” sia benefico per uomini e donne. Questa volta, però, a beneficiare dei vantaggi da sesso sono i maschi, i quali sono stati oggetto di un nuovo studio che ha voluto indagare gli effetti sul sistema cardiovascolare dei rapporti sessuali. Anche le donne ne beneficiano, sia chiaro, ma questo studio si è concentrato solo sugli uomini.
Secondo la ricerca degli scienziati del New England Research Institute (Massachusetts), pubblicata sull’American Journal of Cardiology, fare pertanto sesso due volte a settimana riduce del 45% il rischio di subire un attacco cardiaco o sviluppare malattie cardiocircolatorie.

I ricercatori statunitensi hanno coinvolto oltre 1.000 uomini di età compresa tra i 40 e i 70 anni, che facevano parte di un progetto a lungo termine denominato Massachusetts Male Ageing Study, iniziato nel 1987. Tutti i partecipanti sono stati seguiti per 16 anni e, tra le varie altre indagini, sono stati interrogati su quante volte avevano rapporti sessuali durante la settimana, il mese e l’arco dell’anno. Gli esami clinici a cui sono stati sottoposti comprendevano il controllo della salute del cuore e la possibile presenza di malattie cardiovascolari. Inclusi nell’indagine sono stati anche considerati fattori di rischio come l’età, il peso, la pressione sanguigna e i livelli di colesterolo.
A conferma dei benefici mentali e fisici che apporterebbe fare sesso, i risultati di questo studio mostrano che chi aveva rapporti sessuali almeno due volte a settimana aveva meno probabilità di sviluppare malattie cardiovascolari, rispetto a coloro che invece avevano rapporti sessuali una volta al mese o anche meno.
Poiché il motivo per cui chi fa sesso regolarmente è più sano non è del tutto chiaro, i ricercatori ipotizzano che le ragioni possano essere diverse: tra queste vi è una componente emotiva che verrebbe soddisfatta; una sorta di attività fisica che presuppone il fare sesso e che dunque si riflette sulla salute cardiovascolare; la possibilità che dietro vi sia una relazione stabile con una partner che implica un sostegno psicologico e sociale, il quale, a sua volta, è in grado di ridurre lo stress. Questi e altri fattori insieme concorrerebbero tutti a migliorare lo stato di salute generale e di conseguenza, quello cardiovascolare.
Bene. Teniamolo presente e diamoci da fare.
Tratto da: 3.lastampa.it

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Germania, all’Istituto di Sessuologia di Amburgo, il dott. W. Habermehel suo direttore, ha condotto una ricerca che conferma quanto bene faccia….fare all’amore !, gli ormoni e l’adrenalina prodotti durante i rapporti sessuali, aumentano la capacità creativa e quella di concentrazione; l’endorfina e la serotonina liberate al momento dell’orgasmo accrescono la fiducia in se stessi e la propria sicurezza.
Con 30 minuti di sesso si bruciano 350 calorie come 40 minuti di jogging; le donne che hanno una vita sessuale intensa hanno più estrogeni e la pelle più liscia ed elastica.

Gran Bretagna, un insolito esperimento dimostra i guai dell’astinenza sessuale: “Per favore, fate l’amore, c’è la prova: la castità fa male”. L’astinenza dalle attività sessuali fa male: i maschi tendono a perdere interesse per tutto ciò che li circonda e per la vita in generale; sopra tutto le femmine si trasformano in “pile elettriche”, sempre più tese e pronte a scattare; inoltre diventano sciatte e noiose.
La rete televisiva privata ITV, raccomanda a tutti di fare l’amore; uno dei medici che ha effettuato la ricerca, ha raccontato:
La cosa più allarmante che abbiamo constatato è che anche le coppie più affiatate, più consce del fatto che stavano effettuando un esperimento al quale si erano volontariamente sottoposte, dopo un mese di astinenza hanno iniziato a distanziarsi, a condurre vite separate e persino a mettere in discussione la validità della loro unione”. 
Il sesso è senza dubbio un fattore positivo, per l’espressione della personalità e per fare in modo che tra uomini e donne che vivono insieme siano ridotte le tensioni e le tendenze alla lite. Si è potuto constatare che fare l’Amore è importante per gli umani in genere, ma maggiormente per le donne.

Ma perché amiamo, facciamo sesso, facciamo all’amore, chiaviamo, scopiamo, ecc. ? perché questi atti sono simboli che spiegano dei concetti di ordine spirituale che senza questi simbolismi, sarebbero di difficile comprensione.

L’Amore è una sensazione di ordine solo Spirituale ed è piena di sfaccettature; per godere appieno di tutti questi lati dell’Amore, occorre imparare a usare bene tutti i lati dell'amore, cioè anche il sesso e ciò a tutte le età, anche se la cultura castrante cristiana di fatto tende a posizionare il sesso come facente parte del “peccato”, ovvero della trasgressione; nulla di più falso e di più satanico; il sesso, frutto dell’amore, porta la gioia, il piacere, il godimento, attimi di felicità, tutte attitudini altamente Spirituali che avvicinano l’animo umano alla Perfezione, dato che solo Ella è in grado di far accedere alla Felicità, infatti il paradiso è da sempre sinonimo di Giustizia e Felicità.

Il sesso appunto è l’anticipazione di ciò che ci riserva il futuro, se noi saremo Coerenti nella Giustizia e nell’Amore. Quindi alla faccia dei religiosi, FATE all’AMORE con coloro che amate e NON FATE la GUERRA con nessuno ! Con questo inno alla sessualità goduta nella coerenza dell’Amore, ne esaltiamo la Potenza, la Bellezza e la complessità.

Occorre ricordare che nella specie dell’uomo, per il maschio la differenza fra gli atti sessuali e quelli amorosi è molto più marcata che nella femmina; infatti quest'ultima tende più facilmente a mescolare l’atto sessuale con l’amore/emozionale, mentre per il maschio fare sesso, è quasi sempre facilmente distinto dall’amore per la persona con la quale egli ha rapporto sessuale; quindi vi è in genere ed in questo caso, una sostanziale differenza di reazioni fra i due sessi.

Vi è anche un’altra sostanziale differenza: mentre nel maschio il desiderio sessuale in genere è molto più frequente e può portarlo a chiedere prestazioni sessuale molto facilmente anche ad una prostituta, nella femmina questo tipo di rapporto è più raro e non si dica che il maschio è più depravato, no, ciò deriva solo dal fatto che il maschio è molto più facilmente pronto all’atto sessuale con qualsiasi femmina che non la femmina con qualsiasi maschio, proprio perché il maschio DEVE essere sempre pronto, per il mantenimento della specie umana stessa a poter procreare; non per nulla la femmina è sterile per un certo periodo del suo ciclo mentre il maschio produce in continuazione spermatozoi; ciò dimostra la sostanziale differenza e la non uguaglianza in materia di procreazione, ma anche di sessualità.
Vi sono state da sempre, nella società umana, più prostitute (femmine) che prostituti (maschi) !
Nel maschio il desiderio (non l’orgasmo) del rapporto sessuale è molto più pronunciato che nella femmina e ciò lo porta alle volte se incapace al suo controllo, a compiere più facilmente anche atti illegali che non vanno tollerati, ma che se la società fosse meno ipocrita e più realista, potrebbero essere evitati se vi fossero meno negazioni al sesso (prostituzione e non) fatto dai cittadini in casa propria, in albergo, in auto, cioè in luoghi non pubblici.

Basterebbe preparare dei luoghi adatti, a basso costo ed in sicurezza sanitaria, dove i giovani (maschi e femmine) e tutti gli altri possano fare sesso, senza l’intervento di agenti disturbatori o di controllo di qualsiasi tipo. I maschi hanno comunque un dovere, quello di imparare a dominare il potere del pene e la sua erezione, evitando di imporsi alla femmina se essa non lo desidera; per ottenere ciò occorre che il maschio si conosca meglio.

Vi è anche differenza fra i sue sessi sul piacere sessuale: nel maschio è più corto e meno intenso, nella femmina al contrario è più lungo e molto più intenso. Già i greci, esperti amatori, conoscevano questa differenza, essi valutavano il piacere sessuale (intensità) con una scala da 1 a 10 e ne davano 9 alla femmina e solo 1 al maschio. 
La maggior parte delle femmine “gode” attraverso il clitoride (pene femminile) posizionato sopra il buco vaginale all’interno delle labbra esterne; il clitoride è paragonabile al pene maschile e svolge appunto la funzione di fornire gioia al suo strofinamento (orgasmo esterno), infatti esso è collegato agli stessi muscoli/nervi nei due sessi; anche le contrazioni (da tre a sei in genere, in certi casi anche di più – frequenza circa 0,8 secondi), sono le medesime e sono legate al tipo di orgasmo (clitorideo o vaginale); quest’ultimo tipo di orgasmo è ottenuto da una piccola minoranza di femmine; in questo caso è il clitoride che prolungandosi quando sollecitato dal desiderio sessuale e dall’atto stesso di penetrazione, all’interno della vagina nel primo terzo della vagina, (il famoso punto G); questo orgasmo è molto più intenso; altre femmine hanno contemporaneamente orgasmo clitorideo e vaginale, quando si masturbano mentre sono penetrate, in questo il caso a dette di queste, il piacere è “massimo”. Oltre al fatto fisiologico occorre inserire il concetto che la femmina partecipa molto di più mente/organo, si coinvolge molto al sesso e quindi l’orgasmo diviene più intenso.
Come potete osservare, cari maschi, esse le femmine godono molto meglio e di più; la natura ha regalato loro più possibilità di godimento perché esse lo meritano, noi maschi siamo in genere più superficiali delle femmine e quindi è giusto che sia così, inoltre esse partoriscono soffrendo, noi maschi no !
Ecco spiegato molto semplicemente, perché nel maschio, finito un atto sessuale dopo poco, egli è facilmente pronto a cercare altro sesso, mentre la femmina essendo più appagata dal precedente atto, deve avere più tempo per ricaricarsi.

Nel pene e nella vagina vi sono delle terminazioni nervose dei 2 principali sistemi nervosi SNP e SNS (Parasimpatico e Simpatico) e quelli del Sistema Nervoso viscerale e periferico.

Attraverso il desiderio si richiama lo stimolo sessuale, i baci, il leccare, le palpazioni e la manipolazione del pene, della vagina o del suo clitoride, richiamano forti desideri sessuali ed i liquidi necessari (sangue, temperatura elevata alla parte sessuale, linfa, lubrificanti ed energia sessuale) e l’erezione del pene e del clitoride (il pene femminile) avviene; questi fattori scatenano l’atto sessuale, che termina in genere con la peneTrazione.
Con l’introduzione nella vagina, “primo piano sessuale”, l’attrito del pene con l’interno della mucosa vaginale (con il movimento avanti/indietro) si produce ancora più calore (cioè anche differenza di potenziale elettrico) che richiama ancora più liquidi (sangue, linfa, lubrificanti).

Nella parete vaginale vi è la Summa delle terminazioni nervose del SNP e nel clitoride quelle del SNS, cosi come nel pene sul glande vi è il SNS e nella parte attorno il glande il SNP; lo sfregamento fino all’orgasmo, fra le 2 parti,  SNP e SNS, porta alla rifasatura "0rgasmo" (bio elettromagnetico) di uno rispetto all’altro e questo per i due partner.

L’orgasmo avviene anche nel “secondo piano sessuale” (pene/vagina di mezzo) che sono la lingua e la bocca e nel “terzo piano sessuale” (pene/vagina in alto) all’interno del cervello nella ghiandola Ipofisaria... con la trasformazione per la Coscienza in sensazioni di Piacere e così l’Essere gode !!
L’orgasmo scatena fra i 2 sistemi nervosi una ben precisa scarica elettromagnetica, quantificabile in micro volt; questo serve ad riAttivare i processi della Vita della persona stessa, perché nell’attimo dell’orgasmo vi è la penetrazione nella Coscienza/mente/organo dell’energia fondamentale che permea tutto l’Universo.

Al momento dell’orgasmo vi è anche l’invio da parte della mente/organo del messaggio: “espulsione del seme dalle ghiandole interessate” (prodotte dai testicoli e che in certi casi si può bloccare) e per forte differenza di potenziale fra i sistemi nervosi (SNP/SNS), l’eiaculazione avviene ed ecco che l’essere maschile proietta Sé nel futuro (attraverso l’involucro degli spermatozoi); se troverà il terreno adatto, l’ovulo, ove è insediato l’essere femminile, le 2 forze maschile e femminile si fonderanno in una unità, nel figlio/a, nuovo uomo, che sarà tale fin dal suo concepimento;
Se al contrario non troverà il terreno adatto (l’ovulo da fecondare), il seme contenente le varie parti dell’essere maschile ripartite nei vari spermatozoi, si perderà andando a riciclarsi nella natura biologica delle cose create; ecco come avviene l’apparizione continua del Sé nella Manifestazione dell’UniVerso.
Pensate quale onore lo spermatozoo o l’ovulo devono avere, per portare con Sé parte di voi stessi (la vostra esperienza), essi devono essere rispettati, sia che producano un uomo (figlio/a) sia che non producano niente, ma che siano riciclati nella Natura.
Non si deve pensare di disturbare la naturalità di queste meraviglie, con pillole anticoncezionali che possono rendere malati gli ovuli generati o con altre diavolerie che l’uomo (farmacologico/medico) stupido od impreparato potrà inventare, ma che sempre oltre a disturbare ovuli e spermatozoi ammalano l’essere che ne fa uso.
La soluzione naturale è solo l’eiaculazione all’interno della vagina o fuori da essa; solo la perfetta conoscenza della femmina sul proprio ciclo mestruale attraverso la termica vaginale, il controllo del muco od il recepire il giorno - dell’ovulazione, permetterà di avere dati certi ed atti sessuali nei giusti cicli naturali sul quando fare e come fare all’amore, per avere o non avere figli.

Attenzione ai profumi che utilizzate, molte volte inibiscono il desiderio sessuale, poche volte lo rinforzano; tendete ad essere il più possibile “naturali”, lavandovi solo quel che serve, ma non toglietevi di dosso il vostro “odore” con strani profumi, salvo che abbiate odori particolarmente forti e sgradevoli, indici di patologie in atto od allo stato latente.

Per poter raggiungere una completa e regolare sessualità, NON abbandonatevi all’abitudine od alla pigrizia, gustate la coppia donandovi e ricevendo in dono ciò che l’atto sessuale vi può dare di meglio, senza falsi pudori od ipocrisie e senza reprimere i vostri più nascosti desideri sessuali, parlatene con il vs. compagno/a ma ricordando pero' di NON forzare il compagno o la compagna a fare ciò che non sono pronti a fare di propria volontà.
In ogni caso ricordate che le fantasie sessuali fin tanto che rimangono desideri (detti e non fatti) e non azioni, fungono da collante e piacere sessuale, ma se appagati agendo (mettendo in pratica i desideri), possono (in molti casi) produrre danni alla coppia che in genere puo' rompersi.
Parlate quindi dei vostri “desideri” con il vostro compagno/a reticente, discuteteli e risolveteli senza fare drammi o prendere posizioni drastiche; ci vuole molta pazienza (tempo) ed Amore per risolvere le incomprensioni.

Alle femmine ricordiamo che il desiderio sessuale nel maschio è legato molto più alle “forme” della femmina che al suo carattere/personalità) cioè al suo aspetto esteriore, per la femmina oltre a questo, ma in forma molto meno determinante, attrae del maschio più la personalità adatta ai propri desideri, ella cerca sempre il maschio che la completi e la attragga (inconsciamente) e che possegga dal punto di vista procreativo.
Un'altro problema che le femmine non tengono in considerazione e' che il maschio ha un orgasmo molto "corto", cioe' molto breve, molto meno che l'orgasmo femminile e quindi il maschio e' sempre alla "rincorsa" di questo attimo fuggente, ecco perche' egli cerca sempre e spesso di godere....!
Quindi femmine, non scandalizzatevi se il maschio vi chiede di fare spesso all'amore o di vedere vostri “cambiamenti” esteriori (farvi indossare abiti, parrucche) per lui è normale che possa chiedervi questo, egli è molto più guardone che non la femmina.
Vivete la vostra sessualità il più appieno possibile, purché questo non vi porti ad essere violenti od a stuprare, cioè a violentare il compagno se questo “non ci sta”.

Pascolate nel vostro campo” e non altrove, potreste incorrere nel dover pagare salato sconfinamenti inutili che appagano generalmente solo il lato “fisico” dell’atto sessuale, senza dare alcunché di vera informazione spirituale, che è basata sulla ricerca degli equilibri tra IO ed IO; vivere in Armonia anche con gli altri, significa vivere in Perfetta Salute per se stessi.
Inoltre creando distonie in altre coppie, vi ritrovereste a dover pagare sulla vostra pelle tutti quei disequilibri da voi causati secondo la Legge: "
ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria, non nello stesso istante".
Uscite dal vostro "orticello", solamente se la nuova esperienza è assolutamente indispensabile e non per “capriccio” o perché volete godere solo emozioni nuove.
Avere più partner nascosti l’uno all’altro, significa essere divisi e non in armonia in se stessi ed avere facilmente dei conflitti Spirituali, matrici di malattie, che si possono evitare, per esempio, avendo un partner alla volta, oppure avendo con il proprio partner la massima trasparenza, informandolo sulle vostre azioni sessuali.

Vivere una monogamia è la più semplice soluzione per avere armonia; la poligamia o la poliandria, producono più problemi, come l’avere più di un figlio; quindi consigliamo di saper valutare bene e con attenzione la via da percorrere anche e sopra tutto in questi casi.
Gli Stati che nel mondo proibiscono tutte le forme possibili della famiglia sono stati schiavi delle stupidaggini innaturali che i “religiosi” hanno introdotto nelle varie società.
Noi affermiamo che le vie del “signore Uomo” (maschio – femmina), sono tendenti all’infinito, ma quelle da percorrere sono solo quelle che non prevaricano nessuno e nulla e che producono armonia in tutto ed in tutti.

Occorre anche imparare a controllare la sessualità, utilizzando il sesso non solo per prolificare, ma anche per raggiungere sempre più alte consapevolezze, che solo l’amore anche sessuale può dare !
Le varie posizioni dell’amore possono essere imparate al giorno di oggi senza molta fatica, basta aggiornarsi con appropriate letture e poi fare pratica con il partner adatto, rispettando gli equilibri necessari con voglie e piaceri reciproci. Per iniziare bisogna esercitarsi, aprire tutti i “sensi” e le facoltà: annusare, vedere, toccare, leccare, gustare, ascoltare, parlare, sentire, e tentare di usarle tutte nel modo più completo per DARE e RICEVERE “gioia” dal partner.

Bisogna sapere che anche le donne, come gli uomini, amano essere sinceramente lodati ed apprezzati, sopra tutto durante l’atto sessuale. Questo fatto è anche importante in quanto serve ad imparare a far l’amore non solo esteticamente, ma anche a distogliere sopra tutto la mente/organo del maschio, dall’idea fissa della eiaculazione.
Per esempio pensare e poi parlare con il compagno dei suoi capelli, della pelle, delle forme del suo corpo delle sue labbra, della lingua o del suo sesso, sarà di valido aiuto al controllo della eiaculazione, sopra tutto per il maschio.

Per imparare questo controllo, si consiglia ai maschi di effettuare penetrazioni lente, poco profonde, ma superficiali, diciamo: 3 superficiali ed 1 profonda, arrivando ad una ottantina di colpi.
Se comincia ad eccitarsi troppo è meglio ritirarsi e rimanere fra le labbra della vagina con la sola punta del pene per il tempo necessario a poter ricominciare.
Nelle fasi successive si ricorrerà a 5 spinte lente, superficiali ed 1 lenta e profonda ed in seguito a 9 superficiali ed 1 profonda. Il movimento più è lento, maggiore è la sensazione di piacere, perché se ne gustano tutti gli attimi.
Per evitare al maschio l’eiaculazione precoce, si consiglia anche la tecnica detta della “pressione”: quando l’eccitazione è al culmine si deve estrarre il pene e fare pressione con la mano sulla punta del pene per circa 15 secondi ed attendere ancora altri 15 sec., prima di reintrodurlo nella vagina.
Questa tecnica è consigliata sopra tutto ai giovani in quanto i maschi adulti si presuppone essi abbiano imparato il controllo della eiaculazione; questo controllo permette di assaporare maggiormente l’atto sessuale e distinguere fra “Orgasmo” ed “eiaculazione” in quanto 2 cose profondamente diverse; la prima è di ordine Spirituale, la seconda di ordine fisico.

Scoprire l’odore, il sapore, la consistenza, la viscosità del partner permetterà profonde consapevolezze sul proprio compagno ed aiuterà il pieno appagamento sessuale.

Altre tecniche utili sono queste:
A) Quando la donna è “sopra”, l’uomo deve dirle quando è troppo eccitato, allora ella si solleva rapidamente ed esercita una pressione di tre o quattro secondi sull’area dell’anello coronale del pene; così si blocca il bisogno del maschio alla eiaculazione.
L’uomo perde dal 10 al 30% dell’erezione e la donna dopo la pressione attendere ancora 15 secondi prima di reinserire il pene in vagina; ripetere l’operazione ogni qualvolta è necessario.

B) L’uomo deve, per bloccare l’eiaculazione utilizzando l’indice ed il medio della mano sinistra, esercitare una pressione di tre o quattro secondi nel punto fra lo scroto e l’ano facendo contemporaneamente un respiro profondo; tutto questo senza ritirare il pene dalla vagina.
Il controllo e disgiunzione dell’idea di dover eiaculare ogni volta per il maschio è una ricerca che deve essere effettuata ad ogni età anche se più difficile dopo anni di inconscio condizionamento; però essa presenta grossi vantaggi:

1) quello di soddisfare la donna maggiormente e più a lungo, scatenandogli alle volte anche orgasmi continui.
2) anche il maschio potrà godere più frequentemente senza accusare stanchezza.

Molto importante sarà di stabilire la giusta frequenza dei rapporti sessuali per ogni individuo od ogni coppia.
Una regola importante è controllare se ci si sente molto stanchi dopo aver fatto l’amore con eiaculazione, se lo si è allora bisogna ridurre la frequenza dell’atto sessuale; in caso contrario si può provare quale è il proprio limite.
Trovare la giusta frequenza sessuale propria ed imparare a gustare le pratiche sessuali è molto importante, in quanto una buona attività sessuale preserva dalle malattie fisiche e spirituali.
Un antico detto ci ricorda: "una mela al giorno toglie il medico di torno” che può però essere modificato in quest’altro: “una scopata (la mela è il simbolo del “deretano”, ovvero del sedere/culo femminile) al giorno, toglie il medico di torno”.
Si ricorda comunque che è consigliabile avere un partner abituale e non occasionale, quest’ultimo infatti sarà sicuramente “pericoloso” e facilmente portatore anche di problemi di infestazioni od infezioni alla zona sessuale.

Una delle problematiche che le femmine hanno per eccitarsi è quella che la vagina deve essere al caldo e non al freddo, infatti si dice comunemente che la femmina va scaldata prima di essere penetrata; ciò è profondamente vero e va fatto nella realtà dei preliminari sessuali, essa va riscaldata con massaggi manuali, con la lingua sui punti adatti, con baci e leccate (fate attenzione quando avete il raffreddore, sicuramente raffreddate la vagina con il vostro fiato freddo) e quando lavate per caso il pene durante l’atto sessuale, ricordate di non introdurlo subito nella vagina, ma attendete qualche minuto finché esso sia di nuovo caldo.

Ricordiamoci che il “serpente” dell’energia sessuale se è in “ambiente caldo”, cioè se viene sollecitato dal calore del desiderio della passione, esso diviene attivo ed imperioso e difficilmente lo si può controllare se non raffreddandolo nell’acqua fredda o nella freddezza della ragione.

Facendo un controllo ragionato del desiderio sessuale possiamo domare il serpente sessuale e goderlo nel modo giusto, naturale e per quanto tempo lo desideriamo, ma per poter fare ciò occorre dedicare il tempo e l’attenzione necessaria a quest’arte, con il proprio partner; se il calore della passione per un partner sale, che sia il benvenuto, ma a condizione di essere equilibrati dal “freddo” della saggezza.

La sessualità “stupida” porta sempre ad inappagamento, insoddisfazione, sofferenza e malattia; agli eterosessuali, omosessuali ed alle persone dalla facile sessualità diciamo:

Il rapporto sessuale deve servire anche per la CONOSCENZA profonda fra gli esseri che convivono per formare una famiglia, cioè cercare di avere dei figli, questo per imparare ad educare ed a far crescere ed evolvere il futuro spirituale nei nostri figli, la progenie Umana, serve cioè a proiettarci nel futuro; è impossibile che le persone che vivono esperienze omosessuali, possano avere figli da crescere ed educare; inoltre, più il rapporto sessuale è effettuato all’interno della coppia maschio/femmina, maggiore sarà la conoscenza, l’affiatamento e l’affinamento, che i partner otterranno.

Il sesso non deve essere utilizzato unicamente come fosse “droga”, per distrarsi e non pensare ai problemi della Vita, ma per riuscire una volta allentate le tensioni ad essa collegate, cioè a risolvere meglio e bene i problemi esistenti nella propria vita.

Ogni Uomo ha insito in Se stesso 2 Forze (maschile e femminile) per cui è ovvio che a seconda del corpo che ha, deve affinare la propria personalità per non avere problemi inutili nella crescita e nell’uso di quel corpo; questo addestramento avviene automaticamente, sopra tutto in tenera età e quando si è piccoli; la mancanza di affetto, Amore Vero (che è scambio di informazioni) da parte dei due genitori (il maschio e la femmina) porta a scompensi affettivi ed emotivi gravi, che possono cambiare la personalità stessa del piccolo/a; alla pubertà poi, se il giovane non riesce a giocare e comunicare (per paura ed incapacità) relazionalmente, affettivamente, emozionalmente, sessualmente, come vorrebbe con il vero diverso (l’altro sesso), può cadere in dubbi gravi sulla propria identità (femminile o maschile) che lo possono portare a turbe che lo devieranno facilmente verso una sessualità/identità neutra o “Gay”.

Una forte induzione ad avere turbe psichiche di identità è provocata anche dalle contaminazioni da metalli pesanti (mercurio, alluminio ecc.) derivanti ad esempio dalle vaccinazioni plurime effettuate in tenera età, dalle amalgami dentali dei genitori o quelle proprie e da cibi contaminati; l’irritazione o la deMielinizzazione delle cellule nervose che avviene in quei soggetti è sicura, di conseguenza il Sistema Nervoso Centrale funziona anomalmente e le induzioni psichiche sono sempre alterate, quindi l’Ego/IO soffre per mancanza di sicurezza in Se stesso, da qui l’incapacità a riConoscersi bene, ecco come l’identità non riesce ad affermarsi.
Queste informazioni devianti verranno poi registrate anche nei geni del DNA ed ecco che le prossime generazioni saranno molto più facilmente preda di Omosessualità o Transessualità.

Ricordiamo che ogni essere Vivente, essendo parte dell’Infinito ha insito in Sé OGNI tipo di desiderio, impulsi che possono essere attivati in azioni; ma occorre imparare che tutto si può pensare, ma non tutto si può fare, questo per non portare ulteriore disordine nella Manifestazione del Creato, che deve proseguire nella sua Forza Creativa con il minor danno per Sé e per l’Ambiente, l’Universo.
Tutti perciò possiamo anche avere desideri omosessuali, ma non tutti questi desideri in assoluto devono essere portati nell’azione per dare sfogo a questi impulsi; ad ogni età potremo avere esperienze diverse, omosessuali, eterosessuali, ma occorre ricordare che si deve rientrare nella “norma etica” del tempo in cui viviamo ed a seconda del corpo (maschio o femmina) che abbiamo, altrimenti portiamo forte disordine che si ripercuote sempre su di noi; domandiamoci sempre prima di fare azioni sessuali “strane”, siamo in grado di superare indenni le conseguenze che ne deriveranno ?

A TUTTI i giovani ricordiamo di lavarsi con acqua corrente, bene e completamente, internamente ed esternamente nella parte sessuale, prima e dopo ogni atto sessuale.

Sentite cosa afferma uno specialista francese il prof. Mathé Georges, direttore dell’ospedale Paul Brousse di Villejuif e pubblicata su “La Pratique medicale quotidienne”:
La contraccezione l’uso delle pillole antifecondative, è stata un errore in quanto ha raddoppiato la frequenza dei tumori del collo uterino. Non vale la pena di spendere milioni di franchi (francesi) per fabbricare l’interferone od altro, se si viola sistematicamente l’Etica della Natura. Bisogna cercare qualche cosa di diverso dalla pillola.
Egli continua: Sono stati scoperti certi batteri, chiamati Papova (che sono creati e convivono nella vagina di donne malaticce), che possono essere di due tipi; gli uni provocano lesioni benigne rotonde, visibili ad occhio nudo e riscontrabili negli individui che cambiano spesso il partner sessuale; gli altri generano lesioni maligne (perché hanno subito una mutazione) piane, visibili solo con la lente, localizzabili negli organi genitali, ma anche nella bocca, sulle corde vocali e persino nell’esofago”.

Ecco perché da sempre la Medicina Biologica o Naturale ha affermato che la via della sessualità vera, è quella che non ha tali rischi. Ovviamente oggi date le premesse fatte per tutte le malattie, cioè le variazioni del “terreno” dovute agli errori spirituali, alimentari, ai vaccini, alle amalgami dentali,  all’inquinamento ed all’uso dei farmaci tossici, i soggetti nelle condizioni di terreno ideale all’insediamento degli agenti patogeni, saranno i primi ad essere colpiti dalle varie infezioni sessuali.
Molti ragazzi crescendo non riescono a non essere facilmente depressi, la loro ansia di vita o di sofferenza sulla vita, li soffoca perché essi non si sentono sicuri di Sé.
Uno dei motivi di questa “depressione giovanile” sono sicuramente le vaccinazioni di qualsiasi tipo, perché questo ?
Siccome tutti i vaccini contengono oltre ai virus o batteri patogeni (di altre specie animali) che già di per Sé indeboliscono l’organismo togliendo energia vitale, vi sono i metalli molto tossici (mercurio, alluminio) che si posizionano anche nel cervello andando ad interferire nella nutrizione dei neuroni ed impedendo l’instaurazione delle nuove sinapsi per incapacità sinaptica, in quanto i neuroni sono molto meno vitali in presenza di metalli pesanti altamente tossici; questo GENERA sempre depressione, inabilità consequenziale e facilmente il rinchiudersi in Se stessi porta all’omosessualità, ma in altri casi determinano sovra eccitazione cerebrale che determinano comportamenti violenti.
La depressione influisce negativamente sull’organismo ed in particolare sul sistema immunitario, quindi è matrice di qualsiasi malattia, sopra tutto quelle cardiocircolatorie e degenerative (cancri).

Tutti i comportamenti vanno ad inserirsi anche nei Geni del DNA e sono trasmessi alle generazioni future, determinando la moltiplicazione e la virulenza in tenera età del comportamento omosessuale in giovani sempre più piccoli; inoltre i metalli pesanti, generano deMielinizzazione del sistema nervoso ed attivano le disbiosi intestinali (alterazione della flora batterica intestinale), che purtroppo e sempre favoriscono e non poco le turbe della personalità e cioè l’identità.
Gli omosessuali hanno in genere gravi problematiche Spirituali/emotive proprie, per riuscire ad accettare la loro devianza dalla naturalità, che essi stanno vivendo; di conseguenza ecco perché vi sono in genere grandi problemi in loro e fra le coppie omosessuali e queste inoltre sono mancanti di una fondamentale parte della famiglia: essi NON possono avere figli, in quanto sono simili (OMO) e non “diversi” come alle volte si sente chiamare gli omosessuali; i veri "diversi” sono solo il maschio e la femmina e non i simili.

L’Omosessualità (da visionare questa pagina), è una condizione di anormalità e quindi di malattia:
Vi sono studi scientifici abbastanza importanti, che dimostrano come in tutto il regno animale nasce una maggiore percentuale di esseri viventi omosessuali, quando ad esempio in uno stesso luogo vi è un sovraffollamento di animali della stessa specie, vi sono condizioni ambientali disagiate e/o di alimentazione non adatte e/o sono impediti al contatto con le femmine.

Sull’uomo anche le vaccinazioni producono mutazioni genetiche che portano anche all’omosessualità.
Ciò significa che, solo in condizioni, di sovrappopolazione, disagiate e/o di alterazione alimentare, e nel caso dell’uomo, le vaccinazioni, vi è un aumento di nascite di omosessualità; queste sono condizioni innaturali, non normali, necessarie a questo aumento anomalo;
Ciò significa anche che le condizioni “normali e naturali” sono solo quelle nelle quali non vi sono quelle condizioni e quindi non vi è un aumento di omosessualità, quindi ciò significa che trattasi di anormalità, o come è meglio precisare, di stati patologici (sociali e/o individuali), cioè malattia, che può divenire genetica quando quelle condizioni si insediano per più di due generazioni in uno stesso luogo.
L’esempio chiarificatore è quello di ciò che può avvenire, è quello del carcere: i maschi quando vengono rinchiusi in carcere e non vedono una femmina per anni, siccome le esigenze sessuali rimangono, trovano comunque il loro sfogo avendo rapporti con altri maschi. Non è possibile affermare che quelle condizioni sono “normali”, anzi sono completamente anormali, derivanti dalla condizione di non poter avere a disposizione le femmine.
Il fatto che una certa situazione si sviluppi grazie a certe anomale condizioni NON implica che essa possa divenire la normalità; l' omosessualità è quindi una “devianza” (parola che non intende essere denigratoria), anche se proviene, in certi casi, da una mutazione genetica acquisita (si nasce con la tendenza a divenire, omosessuali).

I prePotenti del mondo al contrario……….:. dicono:
NIENTE PIU’ SESSO - ECCO L'ANORESSIA SESSUALE
Nel Paese dove il sesso è un po come mangiare, gli Stati Uniti d'America, gli esperti hanno rilevato che il 40 per cento della popolazione è ora affetto da anoressia sessuale.
Si tratta di una condizione ossessiva che fa evitare sistematicamente a livello mentale, emotivo e fisico il sesso. Castità totale, intervallata da brevi periodi di promiscuità esagerata: sono i sintomi più evidenti di questa malattia. Chi ne è vittima ha terrore del sesso perché sa che potrebbe minare la sua vita sociale e quella professionale.  -  Mondadori.com - 14 settembre 2000

Probabilmente è   un esperimento (purtroppo) riuscito; da tempo si sentiva dal Tam-Tam in Internet, parlare del "progetto Nirvana"  (militare USA)  e adesso cominciano a circolare queste conferme. Quindi è certo che la maggior parte delle notizie le tengano il più segrete possibili.

Un altro importante fatto è che per fare bene all’amore occorre una certa intimità, perciò non si deve obbligare nessuno a fare all’amore (qualsiasi tipo di atto sessuale) in luoghi ove non vi sia intimità od obbligare altri, terzi, ad assistere ad atti sessuali propri, questo perché la Vera Libertà di ogni essere umano è quella di imparare che, la propria libertà termina ove inizia quella del prossimo, di conseguenza se agiamo in modo “libertino” diventiamo dei violenti, usiamo violenza verso gli altri, perché li obblighiamo a vedere “cose” che essi in quel momento non gradiscono vedere.

Se a voi piace fare atti sessuali con più persone, (ammucchiate) o con persone dello stesso sesso, fatelo con soggetti che amano tali pratiche e nei luoghi adatti, tenendo presente i pericoli che comunque sono insiti in tali pratiche; idem se siete “voyeuristi” (se amate vedere) fatelo con e dove potete farlo, senza produrre fastidio o danni a terzi.

Noi esseri Umani NON siamo solo animali, abbiamo una Coscienza maggiore di essi ed anche una personalità razionale, che dobbiamo imparare a governare anche per il Bene Comune.
Perciò se desideriamo fare all’amore perché ci piace farlo all’aperto, facciamolo almeno ove non vi sono persone a cui diamo fastidio, altrimenti non lamentiamoci delle loro giuste reazioni magari anche violente.
Noi possiamo fare ogni cosa, ma non ogni cosa è utile a noi ed al nostro prossimo; questa deve essere la Base di partenza per ogni nostra azione.

Alle femmine occorre anche ricordare a non provocare troppo sessualmente il proprio prossimo per richiamare la sua attenzione, basta farlo con discrezione e troveremo comunque l’interesse su noi stessi.
Ricordiamoci che l’Amore, con la A maiuscola è di fatto uno scambio di INFORMAZIONI e di aiuto reciproco per ottenere ciò.

Purtroppo le categorie degli Eterosessuali e Gay, sono destinate ad arricchire le statistiche degli ammalati di gravi patologie, se essi non faranno di tutto per mettere ordine nei loro disordini Spirituali, seguendo ciò che la Medicina Biologica insegna da sempre.

Se siete Prostitute o Gigolò fate il vostro mestiere con Intelligenza sapendo che è un’Arte in certi casi piacevole ma comunque pericolosa, difficile ma comunque di utilità anche per la società moderna che è religiosamente e stupidamente casta, perciò praticatela come sacerdoti/sacerdotesse in casa propria od in luoghi adatti, non per strada e controllate il vostro corpo perché non sia veicolo di morte o sofferenza per voi e per gli altri.

Ai politici suggeriamo di regolamentare quest’Arte antica, sempre ed ovunque esistita, ricordando loro che non si può metterla al di fuori della legge in quanto il Sesso è Naturale e Divino, (anche se i cristiani non sono d’accordo, malgrado che la Bibbia dica nella Genesi che siamo fatti ad immagine e somiglianza degli Dei) per cui occorre che essa sia regolata da leggi che la consentano (l’arte amatoria) nei luoghi adatti (case private, alberghi, hotel del sesso) ma con controllo sanitario obbligatorio per chi la esercita, per evitare che vi siano inutili contaminazioni fra i partner occasionali.

Come ogni attività dell’Uomo occorre che anche quest'arte sia regolamentata per il bene comune e quello della società e non come ora avviene per esempio in Italia ove si vedono delle cose “turche” e si criminalizzano le prostitute/i viados, omosessuali, i gigolò, ecc., si aiuta così a diffondere le malattie sessuali stupidamente e questo grazie a questi pseudo “religiosi” o “perbenisti”, che hanno fatto di tutto per abolire le cosiddette “case chiuse”, che anzi dovrebbero essere aperte anche alle donne.

Un suggerimento sarebbe che questi luoghi o templi del sesso debbano e possano essere gestiti direttamente da coloro che lo praticano, in forma individuale, cooperativistica od imprenditoriale, senza la schiavitù su coloro che la praticano e che questi ultimi siano istruiti sul come (atti, concetti e perché Spirituali che essi esprimono con la loro arte), che purtroppo a parte alcune rarissime eccezioni, non sono conosciuti che solo per il loro aspetto esteriore (in ogni tipo di tecnica) e non con i propri e profondi significati che gli atti sessuali rappresentano.

Per i Transessuali ed alcuni tipi di Omosessuali, occorre fare una premessa: essi purtroppo oggi il più delle volte, si trovano in questa condizione fin dalla nascita (il loro DNA li ha creati così, per via delle mutazioni genetiche subite dai loro genitori od avi vaccinati) e questo senza essere coscienti di aver dovuto scegliere il loro modo di essere, essi devono così “subire” ed abitare in corpi che non corrispondono alla loro vera personalità; trattasi di anomalie genetiche che essi Devono Vivere per la loro propria Evoluzione spirituale.
Per loro è molto più difficile vivere serenamente, perciò vanno compresi ed aiutati per quanto possibile, senza far pesare questa loro anomalia; questo vale sopra tutto quando vivono da piccoli e da giovani in una famiglia normale, occorre che i genitori abbiano una grande bravura nell’aiutare il piccolo che cresce con questo problema, per non ingigantirlo più di quanto non lo è già. Occorre grande Amore, Informazione, per poter educare i figli che si trovano in quella situazione, affinché crescano comunque autosufficienti ed abili per poter godere appieno della Vita, qualsiasi tipo di personalità essi abbiano in qualsiasi corpo.
Quando essi saranno adulti, dovranno imparare a vivere in questa società con il minore danno, di conseguenza dovranno avere cura dei propri comportamenti in modo tale da poter vivere comunque la loro vita senza dover imporre i loro atteggiamenti agli altri in modo violento.
L’Amore è alla base della Manifestazione del Creato e pertanto va vissuto come tale.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Il TAO dell'AMORE-SESSO
Nell'antica concezione cinese del mondo l'esistenza appariva come il risultato di un processo dinamico che contemplava l'alternarsi di forze passive e attive, yang e yin, segno di positività e negatività, il tutto in un equilibrio perfetto.
Secondo questa filosofia, il rapporto sessuale è considerato come l'equivalente umano delle forze cosmiche di yang e yin.
Ma il problema principale è rappresentato dal fatto che l'essenza femminile è più forte di quella maschile: l'uomo infatti può presentare limiti che riguardano la capacità di ottenere e mantenere l'erezione mentre la donna può accogliere l'uomo tutte le volte che vuole e desidera.
La tradizione taoista afferma l'esistenza di un conflitto tra i sessi, generalmente rappresentato come opposizione naturale e gioco dinamico tra yang e yin, che si esprime nei rapporti sessuali. In questo conflitto, l'uomo risulta più debole della donna, perché, a differenza di quest'ultima, perde energia con l'orgasmo, eliminando, con ogni eiaculazione, dai 200 ai 500 milioni di spermatozoi, ognuno potenzialmente in grado di generare un essere umano.

La disuguaglianza fra uomo e donna sul piano sessuale è palese: mentre la donna può accogliere in sé il suo uomo quanto desidera, per tutto il tempo che vuole (per cui i taoisti dicono anche che la sua essenza yin è pressoché inesauribile), la capacità sessuale fisica dell'uomo è limitata, è legata alla quantità di energia a disposizione dell'erezione.
Quindi la sua essenza yang si esaurisce più facilmente. Sessualmente la donna è più forte dell'uomo perché è necessario che lo sia, già per motivi biologici: i suoi organi deputati alla riproduzione debbono essere in grado di portare a termine un compito gravoso, costituito dalla generazione fisica, dalla gravidanza, dal parto e dall'allattamento.
Questa disparità biologica esercita sull'uomo effetti notevolissimi: scatena in lui tutta una serie di reazioni che possono coinvolgere il suo intelletto, il matrimonio, i rapporti di lavoro e i ruoli che esso ricopre, come pure i modelli spirituali cui si informano la sua auto evoluzione e la sua crescita interiore.
Nel profondo del suo cuore l'uomo affronta l'inesauribile capacità sessuale della donna con lo stesso timore con cui ne subisce il fascino. Generalmente questo lo rende sessualmente insicuro e lo induce a compensare questa insicurezza con altre forze.
Forse la ragione principale per la quale gli uomini hanno sempre cercato di reprimere le donne sui piani fisico, politico, finanziario, intellettuale e religioso è proprio l'insicurezza sessuale.
La correzione di questa disparità può aiutare a creare una società armoniosa; tuttavia gli insegnamenti dei maestri di tao miravano e mirano soprattutto a migliorare la salute e l'appagamento spirituale dell'individuo.

Un primo principio fondamentale del Tao del sesso è rappresentato dalla necessità, per l'uomo, di trattenere il proprio seme e per fare cio’ deve esercitarsi al controllo della eiaculazione.
Il fondamento alla base delle posizioni del Tao del sesso è l'idea che l'amore non Il fondamento alla base delle posizioni del Tao del sesso è l'idea che l'amore non può e non deve essere piatto, ma bensì esso stesso va aiutato tramite l'assunzione di svariate posizioni le quali, se usate con un certo criterio possono ingrandire il piacere ricavato dalla pratica sessuale, ma non solo, secondo la tradizione del taoismo più ortodosso, il sesso stesso era l'immagine del divino, la manifestazione terrena del grande potere universale della creazione. può e non deve essere piatto, ma bensì esso stesso va aiutato tramite l'assunzione di svariate posizioni le quali, se usate con un certo criterio possono ingrandire il piacere ricavato dalla pratica sessuale, ma non solo, secondo la tradizione del taoismo più ortodosso, il sesso stesso era l'immagine del divino, la manifestazione terrena del grande potere universale della creazione.

Non è facile riassumere brevemente l'essenza del Tao, anche perché, secondo il più famoso aforisma taoista, "Il Tao che può essere spiegato non è più Tao". In ogni caso, la parola cinese "Tao" significa semplicemente "la via" ma, nel contesto della cosmologia taoista, indica sia l'esistenza sia lo stato di non-esistenza da cui l'esistenza stessa ha origine.
Il Tao è la consapevolezza che sta al cuore dell'esistenza manifesta, ma anche di quella non percepibile attraverso i sensi.
E' la stessa consapevolezza che fa crescere l'erba, girare i pianeti e splendere le stelle, ma anche quella che esiste nel più profondo dell'essere.
Infinitamente creativo, il Tao ha creato tutto ciò che esiste, ma non può essere visto né percepito: è contemporaneamente ovunque ed in nessun posto. La sua totalità non può essere semplicemente conosciuta. Solo quando si riesce a vuotare la mente ed a lasciar penetrare la consapevolezza nel profondo di sé fino a sperimentare uno stato di silenzio interiore, allora si è raggiunto il Tao.
E' necessario quindi che l'intelletto lasci spazio ai sensi, alla capacità di concentrarsi sulle sensazioni corporee piuttosto che sui pensieri, fino a che la mente, libera da interferenze, arriva a percepire soltanto il presente, operando all'unisono con il corpo. Solo così, secondo i maestri taoisti, ci si può sentire in pace con se stessi e con il mondo.
In questa prospettiva, l'unione sessuale è molto importante perché accentua la capacità di percepire attraverso i sensi e rallenta l'attività della mente razionale. Inoltre, poiché, per dare origine alla creazione, il Tao, l'indivisibile, si è dovuto dividere nel principio femminile (Yin) ed in quello maschile (Yang), il rapporto sessuale, ossia l'unione di Yin e Yang, simboleggia il ritorno trascendentale all'unità. Nel momento dell'orgasmo, è possibile addirittura, per un istante, percepire l'unione con il Tao ed essere illuminati.
Perciò è comprensibile che il "Tao del sesso" occupi un posto fondamentale tra gli Otto Pilastri del Taoismo (gli altri sette sono il Tao della Filosofia, il Tao della Rivitalizzazione, il Tao della Dieta Bilanciata, il Tao della Dieta del Cibo Dimenticato, il Tao dell'Arte del Guarire, il Tao della Supremazia e il Tao del Successo), di cui occorre seguire i principi per arrivare a padroneggiare completamente la propria condizione umana.


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Qui di seguito diamo alcuni concetti che crediamo siano utili a tutti coloro che disquisiscono questi argomenti per utilizzo personale o sociale.
Dalla rivista Panorama: “Mi è caduto un paziente nel letto”: Muriel Dagmar (donna, psicanalista francese) ha generato una grossa polemica perché i suoi pazienti maschi li aiuta anche andandoci a letto e rieducandoli sui problemi sessuali con pratica vera e diretta.

Ella dice: “Faccio questo mestiere per scelta; bisogna pur guadagnarsi da vivere facendo qualche cosa no ? e perché non l’amore ? Io adoro fare all’amore, è la cosa che più mi piace al mondo ” - parola di Muriel Dagmar, che contrariamente a quanto si potrebbe credere, non è una prostituta. “Professoressa d’amore”, vi è scritto sulla copertina del libro testimonianza, che è scoppiato come una bomba nel mercato editoriale francese.
Se mi cercate sulle Pagine Gialle dice la psicologa, cercate alla voce Psicoterapeuta”. Dove sta lo scandalo, io contribuisco alla salute pubblica ed alla sicurezza sociale e pago regolarmente le tasse”.

Il lavoro consiste nel portarsi a letto i pazienti secondo la regola seguente: i disturbi di natura sessuale si risolvono unicamente intervenendo nel luogo fisico dove si manifestano, le lenzuola e dintorni.
Noi pensiamo che questo dovrebbe essere il livello di tutte le prostitute/prostituti (gigolò), che andrebbero reistruiti su tutti i significati del sesso, in modo che essi diventino degli psicoterapeuti adatti a riEducare le persone che si recano da loro.

Nell’antichità le Sacerdotesse nei templi svolgevano questa attività ed erano anche venerate come si doveva, in quanto esse erano l’asse portante dell’educazione sessuale dei maschi. Anche per le femmine vi erano dei giovani sacerdoti che sceglievano di fare questo tipo di missione.

Questo concetto andrebbe riproposto oggi, ovviamente utilizzando coloro che hanno il desiderio di avere continui e frequenti rapporti sessuali con tutti; così facendo incanaleremmo delle predisposizioni ereditate, in attività autosufficienti finanziariamente e con sfondo educativo e naturale.

Il Tantra è una tecnica sessuale antichissima, utilizzata in estremo Oriente; la parola Tantra deriva dalla radice “Tan”, che significa “estendere, distendere e che con il suffisso “Tra”, che significa “strumento”, aggiunge il concetto di avere a disposizione uno “strumento” per raggiungere l’espansione della Consapevolezza e della ConoScienza; quindi ciò significa che questa tecnica permette di espandere la propria consapevolezza, fino ad arrivare all’unione con il Principio InFinito, quindi questa tecnica serve per arrivare a scoprire la propria Essenza Divina.

Infatti del nostro corpo umano il sesso rappresenta la parte più intima, quella che si tende a nascondere agli altri; la reazione inconscia di quasi tutti gli occidentali o dei religiosi, è quella di nascondere con le mani, quando si è nudi, ciò che vi è di più sacro in noi. Il sesso quindi è uno dei mezzi più sacri a disposizione per poter comprendere e vivere l’unione degli apparenti contrari, delle apparenti contrapposizioni, che ogni essere vivente ha in se stesso e che per poter divenire Dio nella forma, DEVE saper UniRe, (divenire “un Re” di se stesso). Esso va utilizzato secondo i criteri sopra elencati e goduto nella sua completa sacralità, con il proprio “apparente opposto” maschio/femmina.

Certo i “religiosi”, leggendo queste affermazione possono anche scandalizzarsi, perché purtroppo essi sono legati ai loro tabù religiosi, ma con queste “conSacreAzioni”, “libereremo” il genere umano dai falsi concetti sul sesso e quindi dalla strumentalizzazione che i “maestri” del controllo della psico dipendenza umana utilizzano, per incutere paura e timori inesistenti nella realtà naturale; risolveremmo anche e velocemente gli enormi problemi dell’Umanità su questo gravissimo tabù e contemporaneamente impediremmo alla mafia ed alla delinquenza di controllare queste attività speculandoci sopra, se esse fossero legalizzate.

Vi è un’altra osservazione da fare ed è questa: nella esperienza della vita le femmine se vogliono “vendersi” possono farlo per propria scelta od alle volte per pressioni di altri su di loro e quindi divenire come le chiamano coloro che di fatto sono ipocriti, “prostitute” o venditrici di sesso come andrebbero definite, (cioè noleggiano la propria “fica” ovvero la vagina) per denaro o per interesse di potere; ma in questo mondo vi sono molti più maschi che si prostituiscono noleggiando, alle volte anche per tutta la vita, la propria mente e ciò per denaro o per interesse di potere.

Se dobbiamo essere Giusti dobbiamo dire che è estremamente peggio vendere o noleggiare la propria mente che fa parte dell’intimità dell’essere stesso, che non noleggiare una parte esterna del proprio corpo come fanno le femmine che si vendono la “fica”; quindi è preferibile avere femmine che vendono sesso piuttosto che persone che vendono la propria anima al diavolo, al male, a ciò che non è amore e collaborazione per il bene reciproco o per distruggere l’ambiente, preparare farmaci, vaccini, prodotti tossici chimici, ecc.

Basta con l’ipocrisia, la realtà è vera e semplice; la Vera Religione (che tende ad armonizzare ciò che appare contrario/opposto) è solo quella che si riTrova in sintonia con la Manifestazione e la Natura delle cose stesse, perché emanazione del Creato e non è certo e’ quella che al contrario tende a dividere, ad allontanare dalla naturalità e dalla sacralità. .........
Viva il ........SESSO parte intima DIVINA dell’........AMOR.....


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Il Maschio (DON - significa Signore) e la Femmina (DONNA - femminile di DON) sono uguali davanti alla sessualita'
Assolutamente NO !
Se esiste un afrodisiaco, sia per gli uomini che per le donne, questo è il testosterone, lo stesso ormone necessario per sviluppare la forza e la massa dei muscoli.
Normalmente il testosterone viene considerato un ormone esclusivamente maschile, cosi come gli estrogeni vengono ritenuti ormoni solamente femminili. In realtà sono invece le loro proporzioni relative a determinare la mascolinità o la femminilità.
I maschi producono circa 5 mg di testosterone al giorno, 50 volte più delle femmine, che a loro volta producono dal doppio al triplo di estradiolo, che è il principale ormone estrogeno prodotto dalle ovaie durante il ciclo ed è sintetizzato principalmente dalle cellule della teca della granulosa dell'ovaio e dal testicolo ed in minima parte dalla corteccia surrenalica.

Nei maschi la differenza dipende sia dalla maggiore produzione di testosterone, sia dalla scarsa attività dell’enzima aromatasi che converte il testosterone in estradiolo. Queste aromatasi si trovano nelle cellule adipose e, come vedremo, più un uomo è grasso e più testosterone viene convertito in estradiolo.
Il Testosterone e' l'ormone che crea, mantiene vivo il desiderio sessuale nei due sessi, ed a seconda della qualita' e quantita' il desiderio sessuale varia sia nel maschio che nella femmina, ma in quest'ultima come prodotto intermedio nella sintesi degli estrogeni.
Nel Maschio, con la pubertà e l'ingresso nel mondo degli adulti, la secrezione dell'ormone aumenta anno dopo anno. Improvvisamente sente il bisogno di uscire con le ragazze, si hanno le prime erezioni complete, a volte c'è lo stimolo ad azzuffarsi tra compagni, ecc. A partire dai 30 anni inizia però un lento declino (se ne perde circa l'1% ogni 12 mesi).

Man mano che il tempo passa la produzione di qualita' e quantita' decresce, molto piu' velocemente nella femmina che nel maschio.
La carenza di testosterone non è dovuta solo alla diminuzione nella sua produzione. Con l’avanzare dell’età aumenta anche la proteina SHBG, che lega il testosterone disattivandolo. Solo il testosterone libero è infatti biologicamente attivo e disponibile per l’organismo.

-  Nel Maschio (DON), la quantita' di ormoni prodotti decresce dopo i 30 anni, in ragione del 1% all'anno, circa.
- Nella Femmina (DONNA) la quantita' di ormoni descresce molto piu' in fretta, cio' significa che essa a 40 anni ha gia' il dimezzamento della quantita' di ormoni prodotti ed alla menopausa, la quantita' di ormoni e' ormai al 25 %.
Ecco perche' il desiderio sessuale nella donna e', man mano che il tempo passa, inferiore a quello dell'uomo.
L'uomo e' rappresentato su questa Terra dal maschio e dalla femmina, i quali sono i due sessi presenti nell'Umanita' terrestre.

Come cercare di mantenere alta la produzione di testosterone nel maschio e nella femmina:
1)
Fare sesso
L'attività sessuale fa produrre più testosterone
2) Mangiare più uova provenienti da allevamento a terra
3) Stare alla larga dall'alcool
Studi del dottor Jakob Vingren dell'Università del Connecticut pubblicati dallo Strength and Conditioning Journal, ad esempio, suggeriscono che superare i 5 drink al giorno porta ad una diminuzione marcata del testosterone.
4) Attività di in palestra e/o ginnastica regolare - Footing
Un'attività cardiovascolare mantiene il corpo in forma, rilassa e difende il testosterone

5) Più proteine e più massa magra. I livelli di testosterone si abbassano man mano che si accumulano grassi nel corpo.

6) Più pesce e più frutta secca.
Uno studio pubblicato dall'International Journal of Sports Medicine ha rivelato che consumare grassi migliora i livelli di testosterone. Ma ovviamente è preferibile consumare più grassi monoinsaturi contenuti in cibi come il pesce e la frutta secca (noci, mandorle e soprattutto nocciole) che aiutano la produzione ormonale senza affaticare il cuore.

7) Attenzione ai pesci più grassi e più grossi e di allevamento. Quindi potrebbe essere utile scegliere pesce selvatico e di piccola taglia che ha una vita troppo breve per accumulare veleni al suo interno.

8) Non usare insetticidi a base di clorpirifos. Uno studio condotto in Massachusetts (USA) dimostra che causa un calo dei livelli di testosterone anche del 10%.

9) In bicicletta non usare sellini troppo stretti e rigidi. Potrebbero infatti causare disturbi erettivi. Potrebbe essere quindi meglio scegliere sellini più larghi e imbottiti.

10) Preferibile non usare cosmetici all'olio di lavanda e albero del tè.

Spauracchio di ogni dieta, i grassi sono in realtà fondamentali per la salute maschile, poiché favoriscono la produzione di testosterone. L'importante sta nel consumarne la giusta "qualità" oltre che quantità: utili per potenziare la massa muscolare sono quelle che troviamo in molta frutta secca e nell'olio d'oliva.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Da uno studio tratto da le scienze - 06 maggio 2016
Sette sinapsi per definire il sesso
Nel verme Caenorhabditis elegans, un modello animale molto studiato per la semplicità del suo sistema nervoso, la differenza tra il maschio e l'ermafrodita è in sette sinapsi, le connessioni tra neuroni: ciascuna di esse è presente in un sesso e nell'altro no. Inoltre, l'assetto definitivo di questi neuroni si raggiunge nell'età adulta con un processo di "potatura", già ampiamente descritto nel cervello dei mammiferi, in cui vengono eliminati i collegamenti che definiscono il dimorfismo sessuale(red)

vedi anche: neuroscienze - biologia dello sviluppo - sessualità

Il cervello dei maschi e quello delle femmine sono diversi tra loro, ma in che modo ?
Fino a pochi anni fa i neuroscienziati stentavano a dare una risposta. Ultimamente però gli studi condotti su varie specie animali hanno dato risultati coerenti: la differenza sembra tutta nelle diverse connessioni cerebrali.
Il fenomeno è ora ulteriormente confermato da una nuova ricerca pubblicata sulla rivista “Nature” da Oliver Hobert e colleghi della Columbia University di New York.
Hobert e colleghi hanno studiato un piccolo verme chiamato Caenorhabditis elegans, uno dei modelli preferiti dai biologi perché ha un sistema nervoso molto semplice, costituito da soli 300 neuroni circa. C. elegans, inoltre, ha due sessi: quello maschile e quello femminile, che però è costituito da individui ermafroditi. Ciò significa che quando sono giovani le femmine producono una riserva di sperma e si possono riprodurre o per autofecondazione oppure accoppiandosi con un maschio.
L'insieme delle connessioni neurali, o connettoma, dei C. elegans ermafroditi è stato mappato fin dagli anni ottanta.
Gli autori in questo caso si sono focalizzati su una sua piccola porzione: un circuito di neuroni interconnessi che ricevono e interpretano gli input di un organo di senso situato nella coda denominato fasmide. Inaspettatamente, gli autori hanno identificato sette sinapsi, i collegamenti tra due neuroni, che sono presenti in un sesso e non nell'altro, e che sono quindi responsabili del dimorfismo sessuale. Ma la scoperta più importante è che l'assetto definitivo di queste connessioni viene raggiunto in una fase adulta con un processo di “potatura sinaptica”.
Marcando in neuroni con una tecnica a fluorescenza, Hobert e colleghi hanno infatti scoperto che gli individui giovani, siano essi maschi o ermafroditi, possiedono tutti cinque delle sette sinapsi: rimangono così in uno stato sessuale intermedio. Il differenziamento dei due sessi avviene in una fase successiva, eliminando le specifiche sinapsi che definiscono il dimorfismo sessuale. La produzione di più connessioni di quelle necessarie e la successiva potatura è un fenomeno già descritto nei mammiferi, ma è la prima volta che viene documentato in C. elegans.
In conclusione, il risultato ottenuto da Hobert e colleghi supporta l'ipotesi che il sesso modula la struttura e la funzionalità delle circuitazioni nervose, in sinergia con gli stimoli ambientali. Si tratta di un ulteriore tassello al quadro delle conoscenze sul connettoma, che trasferite sull'uomo, potrebbero presto chiarire anche i meccanismi che determinano un deficit delle connessioni  e quindi delle definizioni di sesso.

Commento NdR:
come volevasi dimostrare, anche i vaccini cosi come i farmaci possono modificare le sinapsi fra neuroni (per intossicazione delle cellule neuroniche o di quelle delle ghiandole ormonali) impostando un diagramma sinaptico “universo sessuale”, che non risponde alle caratteristiche del sesso fisico, che poi con l’ambiente famigliare o sociale vengono rifiniti…e divengono piu’ o meno stabili…..e cosi questi danni possono influire anche con meccanismi qui sotto esposti, sulle funzioni cerebrali e quindi anche sul tipo di "sesso" al quale legare il nuovo nato, se al suo aspetto fisico oppure ad altre anomalie sessuali (omosex, transgender,ecc.ecc.)

vedi anche questi articoli su lescienze:
Uno sviluppo diverso per il cervello di maschi e femmine - 04 febbraio 2015
- Tempi e livelli di attivazione dei geni coinvolti nello sviluppo del cervello umano nel periodo fetale differiscono in misura notevole fra maschi e femmine. La scoperta può aiutare a ...
Tempi e livelli di attivazione dei geni coinvolti nello sviluppo del cervello umano nel periodo fetale differiscono in misura notevole fra maschi e femmine. La scoperta può aiutare a comprendere perché alcune malattie neurologiche colpiscano con diversa frequenza i due sessi (red)
E' una differenza nei livelli di attivazione di numerosi geni del tessuto cerebrale che porta in epoca fetale a distinguere il cervello maschile da quello femminile.
La scoperta, effettuata da scienziati dell'Università di Exeter e pubblicata su “Genome Research”, potrà chiarire le cause della forte differenza nella suscettibilità ad alcune malattie neurologiche nei due sessi. Per esempio, nel caso dell'autismo il rapporto tra maschi e femmine è di cinque a uno.
Lo sviluppo del cervello umano è un processo complesso che coinvolge una coordinazione dinamica dell'espressione di molti geni. In passato alcune ricerche avevano scoperto che nel cervello i cambiamenti nei livelli di trascrizione dei geni durante il periodo prenatale si verificano più rapidamente rispetto a qualsiasi altra fase della vita. Tuttavia ben poco si sapeva riguardo alla precisa regolazione temporale di questi processi di trascrizione, la cui esatta scansione è indispensabile per il corretto sviluppo della complessa struttura del cervello e della sua funzionalità.

Il sistema di segnalazione che guida i collegamenti tra i neuroni - 06 maggio 2015

Glia-neuroni, la comunicazione cambia con l'età - 11/01/2013

Una proteina chiave per lo sviluppo dei neuroni - 20/02/2010

Come cambia il flusso sanguigno nel cervello degli adolescenti - 28/05/2014

Lo sviluppo delle reti neurali nel neonato - 06/05/2014

La nascita prematura può alterare le connessioni cerebrali - 06/05/2015
Nei bambini nati prematuramente, prima della trentatreesima settimana, si osserva un'alterazione nelle connessioni fra alcune regioni del cervello: una riduzione di quelle fra il talamo e le aree che controllano le funzioni cognitive superiori, e un aumento di quelle fra il talamo e le aree che elaborano i segnali sensoriali (red)
La nascita prematura può alterare lo sviluppo di alcune connessioni fra aree chiave del cervello. La scoperta, fatta da un gruppo internazionale di ricercatori che firmano un articolo sui “Proceedings of the National Academy of Sciences”, aiuta a spiegare perché i nati prematuri hanno un maggiore rischio di problemi neurologici dello sviluppo...

L'ascesa della microglia, "scultore" del cervello - 03/09/2014
I risultati degli studi degli ultimi anni hanno portato i neuroscienziati a cambiare opinione sulla microglia:  da sempre considerata solo la prima barriera immunitaria del cervello, si sta ora rivelando cruciale sia in molte funzioni cerebrali sia in disturbi neurobiologici.
La microglia, l'insieme delle cellule immunitarie del cervello, è stata considerata a lungo una componente trascurabile della glia, rimanendo in ombra rispetto ai “cugini” più appariscenti, gli astrociti.
Ora invece i neuroscienziati si stanno rendendo conto che le cellule della microglia non solo rappresentano la prima linea di difesa del sistema nervoso centrale, ma hanno anche un ruolo nello sviluppo del cervello e possono essere implicate sia nei disturbi che insorgono in questa delicata fase sia nella neurodegenerazione.
Il cambiamento di prospettiva è dimostrato dal dibattito intorno a questo argomento in occasione della conferenza di quest'anno della Society for Neuroscience (SfN) degli Stati Uniti, che si è svolta a Chicago dal 17 ottobre al 21, dove è stato discusso il ruolo della microglia in condizioni fisiologiche e patologiche.
Nel cervello malato, le cellule della microglia attivate vanno a caccia di neuroni danneggiati e ne interrompono i collegamenti, le sinapsi. Queste cellule costituiscono circa il 10 per cento di tutte le cellule del cervello e compaiono durante le prime fasi dello sviluppo. Per decenni gli scienziati le hanno considerate esclusivamente come cellule immunitarie, ritenendo che, in assenza di un invasore esterno, fossero inattive e passive. Tutto è cambiato nel 2005, quando un gruppo di ricercatori ha scoperto che la microglia è in realtà la struttura che si muove più rapidamente in un cervello adulto sano. Scoperte successive hanno rivelato che le loro ramificazioni riescono a raggiungere i neuroni circostanti e a stabilire un contatto con le sinapsi. Questi risultati indicano che questi “spazzini cellulari” hanno una funzione che va ben oltre quella che svolgono negli stati patologici.

Il fumo materno altera l'espressione dei geni nel feto - 31 marzo 2016
Diverse sostanze presenti nel fumo di sigaretta attraversano la placenta e raggiungono il feto, alterando i livelli di espressione di molti geni. Queste modificazioni possono permanere per diversi anni nel nascituro, esponendolo a un maggior rischio di sviluppare malattia.


Continua
in: SESSO, pag.2