Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


MARIA... VERGINE ?  

https://www.academia.edu/4489606/I_Vangeli_erano_e_sono_racconti_allegorici

By Alessandro De Angelis : Ecco la vera storia della madonna Maria vergine - PDF
 

MARIA VERGINE - Miriam = l'energia immacolata.....
Il
Principio femminino, coe' la materia che ha in sé il principio di trasmutazione per manifestare l’Uomo-Umanita' Nuovo, Consapevole.
Da tutta l’eternità, lo Sposo divino attende l’umanità sua sposa per coronarla.
“Ecco, io l’attirerò e la condurrò nel deserto e parlerò al suo cuore. (…) Ti farò mia sposa per sempre,  ti farò mia sposa,  nella giustizia e nel diritto,  nella grazia e nella tenerezza”  - (Osea 2,16-21)
“Sarai una splendida corona nelle mani del tuo Signore,  un diadema regale nella palma del tuo Dio” - (Isaia 62,3)
Nella sua più eccelsa visione Giovanni riferisce:
“Nel cielo apparve poi un segno grandioso: una donna rivestita di sole, con la luna sotto i suoi piedi e sul suo capo una corona di dodici stelle” - (Apoc.12,1)
Innalzata verso il cielo per mano degli angeli, dice la tradizione, la “vergine Maria” diviene la sposa. È incoronata dalle mani dello Sposo. Ella è l’umanità realizzata. È la primizia d’ognuno di noi.......(NdR) quando diveniamo consapevoli di noi stessi, della divinita' che vive in noi e quindi iniziamo il nostro percorso Spirituale di evoluzione e di trasformazione facendo vivere la nostra parte divina.
per altri particolari vedi anche QUI
vedere anche: "Il simbolismo del corpo umano" – By Annick De Souzenelle
Tratto da:
http://www.servitium.it/desouzenell.asp

Il tema della Madonna col Bambino è tra i più antichi dell'arte cristiana e venne codificato nel medioevo in area bizantina.
Secondo molti studiosi, nella realta' la figura femminile con bambino in braccio non rappresenta la "sacra famiglia composta da Maria e Gesù da piccolo", ma rappresenta la "sacra famiglia" composta da Maddalena, moglie di Gesù, con il loro figlio, esattamente come ne parlavano e descrivevano molti antichi papiri e come credevano ed insegnavano i Templari, che furono proprio, per la loro devozione anche a Maddalena, rappresentazione del femminino, escluso dalla chiesa cattolica Romana... ed uccisi sui roghi dell'Inquisizione nel famoso "venerdi 13 Ottobre dell'anno 1307 e successivamente perseguitati, per cui i loro seguaci utilizzarono i simboli, per nascondere ai piu' le loro credenze sul "Santo gral" ovvero Sang real (Sangue reale) sul figlio od i figli di Gesù e Maddalena, cioe' sulla loro discendenza.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Alle radici di “Miriam superstar”, la Maria vergine del cattolicesimo (Madonna)

L’Immagine (rappresentazione) di questa “Donna” (femminile di Don abbreviazione di Donno che significa Signore, padrone, della casa; Donno proviene anche dalla parola latina Dominus che significa ancora Padrone, Signore della casa/Doma/Duomo ecc.); questa parola Miriam, Maria, e' stata poco studiata dagli studiosi, trascurata anche nei vangeli dei cristiani, ha una sua precisa storia che nasce nella notte dei tempi dell’umanità; fu venerata e ricordata da tutte le religioni dei popoli della terra (attraverso simboli, disegni, icone, statuine, statue di forme femminili), come simbolo del lato femminile dell’Umanità stessa (Don = Uomo maschio, Donna = Uomo femmina è il lato procreante, che dona vita e moltiplica la specie), arriva fino a noi trasformata in “madre di dio” stesso….! Nulla di più complesso e profondamente radicato nello Spirito Umano, si e’ tramandato cosi nei millenni, salvo il desiderio di sesso, procreazione, alimentazione, crescita, comunicazione, cioè la  vita per mantenerla tendente all’infinito….

Tutte le religioni della terra, anche quelle dette impropriamente “pagane”, cioè contadine, hanno anch’esse e sopra tutto queste ultime, mantenuto questo sacro simbolo della vita procreante.

Persino i papi cattolici che hanno tentato di eliminare questo simbolo, hanno dovuto ammettere le loro sconfitte !  es. Gerolamo (il santo dei cattolici) si scagliò contro tutti coloro che “non conoscono il creatore ed adorano pietre”…..

I cattolici dovettero raggiungere quindi un compromesso, molti luoghi dedicati alle divinità pagane femminili divennero santuari della madonna (mia signora, mia donna); questo atteggiamento fu un espediente della chiesa cattolica che dovette tener conto delle tradizioni popolari precedenti all’avvento del cattolicesimo in quelle zone; papa Gregorio Magno riconobbe: “piuttosto che distruggere i santuari pagani è meglio trasformare gli stessi in chiese cristiane, è infatti impossibile mondare questi animi rozzi dai loro errori in un colpo solo….”

Questi culti e miti sulla femminilità provenienti dal passato e da varie religioni preesistenti al cattolicesimo, nelle zone europee, finirono per confluire tutti quanti nel culto della madonna ora tanto caro e pubblicizzato dai cattolici !

Ciò che non si può distruggere, i prePotenti insegnano…..si deve incorporare…..e normalizzare...

Per poter arrivare a fornire ai loro credenti la “scusante dottrinale” a questo “innesto” spirituale…. si arrivò a falsificare (indicando solo dei simboli senza spiegarne il significato) anche e persino i testi dei vangeli, inserendovi, la nascita di un certo Gesu’ il nazareno, da una donna vergine per opera dello Spirito santo (vero)……tradendo quindi il vero significato nascosto di quelle parole che provenivano dal passato non cattolico, che era quindi occulto (nascosto), ma sacra narrazione simbolica della Creazione fisica della materia (il figlio) per mezzo della Energia/Mater-ia vergine nel senso di primigena (Energia E+ ed E-) fecondata dallo Spirito Santo (l’inFormAzione Vera, il “dato” Vero, cioè il Pensiero/Spirito) presente in ogni particella d’Energia InFormata…..trattasi quindi di "materia informata", nata per partenogenesi dalla vergine Energia primigena (E+ ed E-) fecondata dallo Spirito, l'In-Form-Azione, che diviene, nelle strutture piu' complesse: pensiero...

Gesu’ ci narrano i vangeli e’ nato in una grotta (luogo non riscaldato e buio) che e’ la rappresentazione delle tenebre del vuoto (pieno del tutto) nell’InFinito…….  
Vedi gli scritti di J E. Charon : “l’Esprit cet inconnu”.

Ecco la vera storia della mia signora, la mia donna, la madonna…..e della nascita di Gesù…..e come ci si arrampica sui vetri........, pur di NON spiegare i semplici significati di quei testi……da parte del cattolicesimo e delle varie religioni/sette del  cristianesimo, sue figlie...
 


Documentario, choc della BBC
 
Il cardinal Saraiva: scemenze della TV britannica
By Orazio La Rocca e Riccardo Stagliano'

ROMA - Maria, madre di Gesù e "vergine" allo stesso tempo. Il mistero teologico forse più difficile da comprendere per le centinaia di milioni di cristiani nel mondo è stato preso a picconate in prima serata da un documentario in onda ieri sera sul canale inglese BBC One. 
Niente pelle chiara, occhi azzurri e capelli biondi, tuniche di seta: la Madonna sarebbe stata piuttosto una ragazzina di pelle e chioma scura, malvestita e analfabeta che avrebbe concepito Gesu' molto presto, verso i 12-13 anni, come frutto della violenza sessuale di un centurione romano o in altre circostanze tutte molto terrene.

L'idea tradizionale della "partenogenesi" insomma, secondo il produttore della trasmissione "The Virgin Mary" Alan Bookbinder, sarebbe tutto meno che scontata alla luce di uno scavo storico aggiornato.

Le reazioni scandalizzate non hanno dovuto attendere la messa in onda del programma per esplodere un po' dappertutto.
Se in Inghilterra il vescovo di Portsmouth Crispian Hollis ha parlato di congetture "volgari e offensive", l'allarme causato da "revisionismi" del genere ha messo a rumore l'intera comunità religiosa. 
E per il Vaticano il commento del prefetto della congregazione delle cause dei santi, Martins Jose Saraiva, non potrebbe essere più netto: "E' un servizio che non fa onore alla BBC - ha detto il prelato, raggiunto telefonicamente - sono scemenze, storie vecchie che ogni tanto ritornano a galla e che non hanno mai trovato un supporto storico. 
E quando si dà spazio a queste leggende si fa un torto alla verità. Come cristiano, poi, sono semplicemente mortificato: non è bello lanciare queste fandonie, tanto più alla vigilia di Natale".

In verità, almeno in Gran Bretagna, il dogma delle verginità di Maria non era così intoccabile. 
Stando al "Sunday Telegraph", che ieri ha pubblicato un sondaggio tra 500 preti britannici, solo il 27 per cento degli interpellati ci crede.  
E proprio sulla nascita di Gesù, BBC offre tre ipotesi alternative a quella virginale.

La prima, che il programma stesso ritiene improbabile, dice che Maria avrebbe potuto concepirlo con un amante segreto.
La seconda è appunto quella dello stupro di un soldato romano, ma anche questa non è presentata come troppo probabile.
Mentre la terza, ritenuta più verosimile (dai cristiani cattolici....perche' fa loro comodo.....NdR), è che fosse il figlio di Giuseppe, a cui Maria era già promessa ma non ancora sposata.

Nei giorni scorsi, anticipando trasmissione e polemiche, il "Guardian" aveva ospitato un lungo intervento di Helen Bond, docente di Nuovo Testamento all'università di Edimburgo, che aveva ripercorso le tante teorie minoritarie sulla figura storica di Maria: quella che la racconta parrucchiera che ebbe una relazione con un milite romano di nome Panthe risale addirittura al secondo secolo, mentre quella della violenza sessuale si sarebbe affermata nel Medio evo. 
Come se non bastasse il documentario ha messo in dubbio anche la nascita nella stalla di Betlemme e la presenza dei Re Magi.
E non si fatica a capire perché, a due giorni da Natale, le reazioni siano state così veementi.

By BBC - 23 dicembre 2002

Commento NdR: ne manca una di possibilita', che fosse stata inseminata dal seme di uomo ma senza la penetrazione nella vagina, oppure e' tutta una balla inventata dai cristiani e la vergine era semplicemente una "giovane ragazza" (cosi' si chiamavano anche fra i giudei, le giovani ragazzine = vergini) che fu data e presa in sposa da Erode il grande e con lui genero' Gesu', ma e Giuseppe divenne successivamente il suo amante, per cui dovette scappare in Egitto per fuggire dalle ire di Erode che voleva ucciderla...perche' aveva tentao di avvelenarlo.., ma e nei primi secoli successivi, la barzelletta della nascita verginale di Gesu da Maria, prese piede fra le varie sette dei cristiani, questo per far quadrare l'idea che Gesu' fosse l'incarnazione diretta del dio dei cristiani...  !

Infatti:
Maria Vergine, terza moglie di Erode il Grande.
La sacra famiglia è composta da Gesù, Giuseppe e Maria, la chiesa cerca da secoli le prove storiche della loro esistenza. Le abbiamo trovate in Giuseppe Flavio, dove Maria è la terza moglie del re Erode il Grande. Dai Vangeli sappiamo che Erode cercava Maria che fuggì in Egitto con Gesù e Giuseppe dal Vangelo di Matteo 2,13: Essi erano appena partiti, quando un angelo del signore apparve in sogno a Giuseppe e gli disse: «Alzati, prendi con te il bambino e sua madre e fuggi in Egitto, e resta là finché non ti avvertirò, perché Erode sta cercando il bambino per ucciderlo».Giuseppe, destatosi, prese con sé il bambino e sua madre nella notte e fuggì in Egitto.

Che motivo avrebbe avuto Erode, ormai anziano e a pochi giorni dalla morte, di cercare Maria per uccidere Gesù ? Se Gesù era ancora piccolo, come avrebbe potuto pensare che potesse diventare il re d'Israele e prendere il suo posto ?
Erode aveva inoltre un esercito imponente e l'appoggio delle legioni romane, quindi sotto la fuga della sacra famiglia deve celarsi ben altro motivo, in Guerra Giudaica dello scrittore ebreo G. Flavio, abbiamo trovato una Maria, terza moglie del re Erode, che cercò di avvelenare il marito con un veleno venuto dall'Egitto; ma si tratta della stessa Maria? Vediamo i passi da Guerra Giudaica:
Viveva a Gerusalemme un sacerdote molto noto di nome Simone, figlio di Boeto, un Alessandrino, che aveva una figlia considerata la più bella del tempo. Siccome di lei si parlava molto dai cittadini di Gerusalemme, e come capita, sulle prime Erode fu eccitato da quanto udiva, poi, dopo averla vista, fu colpito dall'avvenenza della ragazza;
Erode per sposare Maria, figlia di Simone Boeto, sacerdote ad Alessandria sotto Cleopatra, adoratrice del culto di Iside, nomino Simone sacerdote del tempio di Gerusalemme. Poi lo scrittore continua il racconto facendoci sapere che:
Inoltre, il padre lo aveva anche privato della speranza nei figli; infatti non uno dei suoi figli
Erode aveva nominato come prossimo successore dopo la sua morte, bensì Erode figlio di Mariamme[1].
Erode aveva nominato suo figlio Antipatro che aveva 50 anni suo successore e dopo la morte di Antipatro il figlio di Maria di due anni. Il nome Mariamme in ebraico è reso come מִרְיָם, (Miriam), nome di tradizione biblica Maria in Italiano. Poiché nella società giudea di epoca tardo-asmonea le due lingue più diffuse erano l’aramaico e il greco della koine, presso la corte era diffusa la versione greca di questo nome. Giuseppe Flavio lo scrive «Μαριάμη» («Mariame»), ma in alcune edizioni la “m” viene raddoppiata, diventando così Mariamme. Successivamente la seconda “m” divenne “n” per dissimilazione, mutandosi così in “Mariamne”.
Ancora da Guerra Giudaica:
Si trovò che anche Mariamme (Maria), la figlia del sommo sacerdote, era partecipe della congiura; lo svelarono, infatti, i suoi fratelli sottoposti alla tortura. Della colpa materna il re punì anche il figlio, cancellando dal testamento Erode (Gesù), suo figlio, che vi era nominato come successore di Antipatro
[2]. […] Il veleno fu portato dall'Egitto da Antifilo, al quale era stato dato da suo fratello, che è un medico, e Teudione lo portò da noi. Dopo fu preparato da Antipatro per usarlo contro di te; io lo ricevetti da Ferora, e io stesso l'ho custodito[3].
Abbiamo trovato una Maria che nel 5 a.C., cospirò per uccidere il re Erode, suo marito con un veleno venuto dall'Egitto, stesso luogo dove fuggirà la Maria dei vangeli. Inoltre coincidono sia la data della fuga di Maria dei Vangeli con la cospirazione della moglie del re, sia il fatto che Erode cercava entrambe. Pura coincidenza ?
Vediamo chi era Maria Boeto, nella sua famiglia troviamo:
-
Simone, figlio di Boeto, padre di Maria;
- Mariamne o Maria II Boeto, terza moglie del re Erode il Grande;
- Eleazar o Lazzaro, figlio di Boeto, attestato in Giuseppe Flavio e nel testo Mandaean Sidra d-Yahia; successe a suo fratello Joazar e fu sommo sacerdote dal 4 al 3 a.C;
- Gesù Boeto; sommo sacerdote nel 63-65 d.C.
- Marta Boeto che sposerà Gesù in tarda età;
Tutti i cinque personaggi li ritroviamo nei vangeli quando:
Gesù si trovava a Betània nella casa di Simone il lebbroso. Mentre stava a mensa, giunse una donna con un vasetto di alabastro, pieno di olio profumato di nardo genuino di gran valore; ruppe il vasetto di alabastro e versò l'unguento sul suo capo. Ci furono alcuni che si sdegnarono fra di loro: «Perché tutto questo spreco di olio profumato? Si poteva benissimo vendere quest'olio a più di trecento denari e darli ai poveri!». Ed erano infuriati contro di lei
[4].
Sei giorni prima della Pasqua, Gesù andò a Betània, dove si trovava Lazzaro, che egli aveva risuscitato dai morti. E qui gli fecero una cena: Marta serviva e Lazzaro era uno dei commensali. Maria allora, presa una libbra di olio profumato di vero nardo, assai prezioso, cosparse i piedi di Gesù e li asciugò con i suoi capelli, e tutta la casa si riempì del profumo dell'unguento. Allora Giuda Iscariota, uno dei suoi discepoli, che doveva poi tradirlo, disse: “Perché quest'olio profumato non si è venduto per trecento denari per poi darli ai poveri?”. Questo egli disse non perché gl'importasse dei poveri, ma perché era ladro e, siccome teneva la cassa, prendeva quello che vi mettevano dentro. Gesù allora disse: “
Lasciala fare, perché lo conservi per il giorno della mia sepoltura. I poveri infatti li avete sempre con voi, ma non sempre avete me”[5].

Dalla comparazione di questi due passi dei vangeli, scopriamo che la donna che si trovava a casa di Simone era Maria e che con lei vi erano anche Marta e Lazzaro, tutti e cinque i personaggi della famiglia Boeto riuniti insieme: casa di Simone Boeto con dentro Gesù, Maria, Marta e Lazzaro. Ma ancora non siamo contenti, sappiamo che Joshua ben Phabet Boeto, nipote di Simone Boeto e figlio di Phabet Boeto fratello di Simone, aveva tre figlie: Anna, Elisabetta e Giovanna, tutte e tre cugine di Maria Boeto. Ora se la Maria dei vangeli è la Maria moglie del re Erode, dovremmo trovare una relazione di parentela anche nei vangeli tra questi personaggi.

Vangelo di Luca 1,36: “Vedi: anche Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia, ha concepito un figlio e questo è il sesto mese per lei, che tutti dicevano sterile”.
Elisabetta e Anna risultano essere sorelle per il cristianesimo, così come lo sono nella famiglia Boeto. Nei vangeli la parentela di Elisabetta e Maria non viene specificata, ma nella tradizione cristiana più tarda è definita sua cugina, figlia di Ismeria, figlia a sua volta di Emerenzia e sorella di Anna. Dal protovangelo di Giacomo e dallo PseudoMatteo sappiamo che Anna si prese cura di Maria, inoltre Giovanna la ritroviamo nei vangeli come discepola di Gesù. Nel prossimo articolo vi daremo prova del fatto che Maria era la figlia di Simone Boeto e della regina Cleopatra d'Egitto.
Cleopatra morì nel 30 a.C., quando Maria aveva all'incirca 7 anni e verrà sposata da Erode il Grande nel 23 a.C., quando aveva 14 anni. Nonostante sembri un'incongruenza il fatto che Anna si prenda cura di Maria alla morte di Cleopatra, essendo la figlia di Joshua ben Phabeth Boeto, cugino di Maria, non è cosi, in quanto Joshua Boeto nacque prima dello zio Simone Boeto, tanto che Joshua fu sommo sacerdote tra il 30 ed il 23 a.C. sotto Erode, e fu sostituito nel 23 a.C. proprio dallo zio Simone Boeto, a cui Erode il Grande aveva dato tale carica al fine di sposare la figlia Maria Boeto di Cleopatra, alias Maria Vergine.

Tutte le scoperte hanno il copyright e sono tratte dai libri: Sangue Reale e L'ultimo faraone, acquistabili su macrolibrarsi.it

[1]      gg I, 586.

[2]gg I, 599, 600.

[3]ag XVII, 73.

[4]mc 14:3-5.

[5]gv 12:1-6; cfr. anche mt 26:6-13 e mc 14:3-9.

By Alessandro De Angelis : Ecco la vera storia della madonna Maria vergine - PDF

vedi: Fratelli e Sorelle di Gesu' +
Cristiani-Cattolici +  EVA il principio femminile + Adamo ed Eva  +  Adam  +  EVA +  AlfaBeto
vedi anche: 
GESU' e' esistito ? pare di no,anzi SI !
Cattolicesimo + Cristiani-Cattolici e Trinita' Gesu' l'Illuminato + Gesu' e' morto per noi ? + Gesu' = Budda ?  Gesu' il Nazareno NON di Nazareth Ebraismo e sue origini + Gesu' il Serpente  +  Gesu' NON e' morto di Venerdi di Pasqua +  GESU’ NON e' NATO il 25 DICEMBRE  +  Gesu' la Vera Storia + Chi e', cosa e', dov'e' il diavolo ? + Chi e' e cosa e' dio ? + Gesu' cristo ritorna ?
+ Pietro e Paolo coinvolti nella trama contro Nerone

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>
 

Verginita’ perpetua della Maria vergine  +  Fratelli e Sorelle di Gesu '

Questa e’ la pretesa dei cattolici che vogliono la madre di Gesu’ immune dal peccato originale, dichiarando che ella e’: Immacolata o immacolata concezione. Nel Nuovo Testamento, di questo concetto non si trova traccia !

 

Parlare della perpetua verginità di Maria, dopo che ha partorito Gesu’, cioe' abbia dato alla luce Gesù, il quale, secondo la versione di Dante Alighieri, sarebbe passato dal ventre della madre alla luce “Come festuca in vetro”, cioe’ sarebbe apparso accanto alla madre senza passare per la vagina….

Che sia passato per la vagina e’ ovviamente certo e naturale, altrimenti non si potrebbe parlare di “parto”.
Di questo invece si trovano prove, almeno su tre dei quattro Vangeli. Le prove per escludere la perpetua verginità di Maria, si trovano soprattutto nel Vangelo di Luca:

 “Anche Giuseppe, che era della casa e della famiglia di Davide, dalla città di Nazareth e dalla Galilea salì in Giudea alla città di Davide, chiamata Betlemme, per farsi registrare insieme con Maria sua sposa, che era incinta. Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo depose in una mangiatoia, perché non c'era posto per loro nell'albergo”.

Per comprendere appieno il valore di quanto afferma Luca, bisogna tener presente che egli era un medico e non poteva non sapere che dire Primogenito equivale a dire che poi ne ebbe altri ed anche per il fatto che egli scrisse si compirono i giorni del parto, un medico sa’ anche e bene cosa significa la parola "partorire" !.

Vangelo di Marco:

Giunsero sua madre e i suoi fratelli e, stando fuori, lo mandarono a chiamare. Tutto attorno era seduta la folla e gli dissero: Ecco tua madre, i tuoi fratelli e le tue sorelle sono fuori e ti cercano". Ma egli rispose loro: "Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli ?. Girando lo sguardo su quelli che gli stavano seduti attorno, disse: "Ecco mia madre e i miei fratelli ! Chi compie la volontà di Dio, costui è mio fratello, sorella e madre".

Ed ecco ancora Luca:

Un giorno andarono a trovarlo la madre e i fratelli, ma non potevano avvicinarlo a causa della folla. Gli fu annunziato: Tua madre e i tuoi fratelli sono qui fuori e desiderano vederti. Ma egli rispose: Mia madre e miei fratelli sono coloro che ascoltano la parola di Dio e la mettono in pratica".

Vangelo di  Matteo.13:

Terminate queste parabole, Gesù partì di là e venuto nella sua patria insegnava nella loro sinagoga e la gente rimaneva stupita e diceva: Da dove mai viene a costui questa sapienza e questi miracoli ? Non è egli forse il figlio del carpentiere ? Sua madre non si chiama Maria e i suoi fratelli Giacomo, Giuseppe, Simone e Giuda ? E le sue sorelle non sono tutte fra noi ? Da dove gli vengono dunque tutte queste cose?. E si scandalizzavano per causa sua. Ma Gesù disse loro: Un profeta non è disprezzato se non nella sua patria e in casa sua. E non fece molti miracoli a causa della loro incredulità”.

Come si fa a sostenere che Maria è rimasta sempre vergine se dopo Gesù ebbe altri figli e figlie, come ho documentato con i vangeli tratti dalla cattolicissima BIBBIA di GERUSALEMME ? Semplicissimo !

Contando sull’indottrinamento precoce, dall’imprinting dato ai bambini in età in cui non hanno ancora la capacità di utilizzare il senso critico,  hanno cercato di far credere che gli ebrei chiamavano fratelli anche i cugini. A parte che l’ultimo passo riportato non dovrebbe lasciar dubbi sulla fraternità di Gesu' con i nominati nel passo, anche da noi si dice “fratello cugino”, ma non si fa mai confusione sui due gradi di parentela.

Dove sta la falsità dell’interpretazione data dai cattolici ?
Eccola nel passo che riporto dalla lettera di Paolo.

Traggo dalla lettera ai Galati, 1: “In seguito, dopo tre anni andai a Gerusalemme per  consultare Cefa, e rimasi presso di lui quindici giorni; degli apostoli non vidi nessun altro, se non  Giacomo, il fratello del Signore.”

Sì, fratello ! I cattolici affermano falsamente, che trattasi di una parola che indica il cugino….ma più avanti, nella lettera ai Colossesi si legge: “Vi salutano Aristarco, mio compagno di carcere e Marco il cugino di Barnaba”…qui la parola cugino e’ usata per differenziarsi dalla parola fratello…..come potete osservare i cattolici sono dei falsificatori delle scritture e della Storia !

vedi: Sacro e profano + Simbolo del Natale + Simbolo della Chiesa + le prime 7 parole della Genesi + Arca dell'alleanza

 

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

MARIA MADDALENA NON ERA LA COMPAGNA DI GESÙ MA SUA MADRE E LA TERZA MOGLIE DI ERODE
Nella seconda apocalisse di Giacomo, nel brano dopo l’apparizione del “risorto”, ecco cosa scrive Giacomo il Giusto:
Una volta, mentre ero seduto e meditavo, egli (Gesù) aprì la porta. Colui che avete udito e perseguitato venne da me. Egli mi disse: “Salve, fratello mio ! Fratello mio, salve”. Allorché alzai il viso per guardarlo, la madre mi disse: “Non ti stupire, figlio, che Egli ti abbia detto “fratello mio !”. Voi foste nutriti tutti e due con lo stesso latte. “Perciò egli mi chiama: “madre mia! […]1.
In questo passaggio Gesù è andato a casa della madre Maria, che dice a suo figlio Giacomo di non stupirsi che egli lo chiami “fratello”, in quanto entrambi furono allattati da lei. Questo vuol dire che Maria è madre sia di Gesù che di Giacomo, entrambi figli di Giuseppe.

Analizziamo ora dei passi di liturgia copta, che possiede fra il suo tesoro omiletico una lunga Catechesi, attribuita a Cirillo di Gerusalemme.
«Ed ecco che la vergine, dal canto suo, stendendo la mano verso di me, mi dice: “Cirillo, se vuoi conoscere la mia stirpe e la casa dei miei padri, ascolta: sono stata una bambina, votata a dio. Questa promessa l’hanno fatta i miei genitori, prima di darmi alla luce. I genitori che mi misero al mondo appartengono alla tribù di Giuda e alla casa di Davide. Gioacchino è mio padre, lo stesso che Cleopa. Anna è mia madre, che mi generò ed era chiamata Mariham. Io sono Maria Maddalena, dal nome del villaggio in cui sono nata: Magdalia. Il mio nome è Maria di Cleopa. Io inoltre sono Maria di Giacomo, figlio di Giuseppe il falegname, a cui mi consegnarono.2

Maria dice di essere di Magdalia, oltre che figlia (di) Cleopa (diminutivo di Cleopatra), inoltre dice di essere Maria Maddalena. Cirillo di Gerusalemme pensava che Magdalia fosse un villaggio quando scrisse il testo, in realtà Magdala (in aramaicoמגדלא Magdala, in ebraico מגדל Migdal, significa torre.
Nel 25 a.C., Erode il Grande fece rafforzare le difese di Gerusalemme e costruì tre torri, la torre Fasael, Hippica e Mariamne, quest’ultima in onore di quella che sarebbe diventata la sua nuova moglie. I lavori terminarono nel 22 a.C., e nel 23 a.C.
Erode sposò Mariamne II figlia del sommo sacerdote Simone dedicandogli il nome della torre che abbellì più delle altre. Da escludere che alla torre sia stato dato il nome di Mariamne l’Asmonea, seconda moglie di Erode, in quanto fu uccisa dal re nel 29 a.C. essendo sospettata di tradimento, Ora se seguiamo la scoperta che Maria dice di chiamarsi Magdala e che ella era la terza moglie del re Erode, possiamo supportare con fondatezza che l’ipotesi che l’epiteto Magdala sia stato attribuito a Maria in seguito alla costruzione della torre-Magdala.
Esistono anche due villaggi con questo epiteto, ma i loro nomi sono accanto a Magdala e non esiste nessun villaggio che porti solamente Magdala come nome di luogo. Se Maria voleva indicare il nome del villaggio da cui veniva avrebbe sicuramente messo accanto a Magdala anche il nome del villaggio.
Nei vangeli non è scritto da nessuna parte che Magdala sia un luogo geografico di una città, ma viene sempre riferito a Maria in qualità di epiteto.
In Matteo 15:39 si legge, “Congedata la folla, Gesù salì sulla barca e andò nella regione di Magadàn”. Il passaggio parallelo nel vangelo di Marco 8:10 leggiamo invece “Salì poi sulla barca con i suoi discepoli e andò dalle parti di Dalmanùta”. 
Il Talmud ebraico distingue solo due Magdala, Magdala Gadar a est, sul fiume Yarmouk e Magdala Nunayya. Ci fu un altro Magdala vicino a Tiberiade, Magdala Nunayya che la maggior parte degli studiosi cristiani presumono essere il luogo descritto dal Talmud, ma la nostra osservazione ci porta a considerare che Maria avrebbe detto sono Maria di Nunaya Magdala o solamente Nynaya.
Molti ricercatori identificano Mariamne a cui Erode dedicò la torre con l’Asmonea, uccisa da Erode, a causa dei sensi di colpa per l’uccisione della moglie di cui era innamorato, ma leggendo G. Flavio dobbiamo escluderla sia per il fatto che conobbe e sposò la sua terza moglie Mariamne figlia di Simone Boeto e madre di Gesù quando finì la costruzione delle torri, sia perché Salomè, sorella del re Erode, aveva incolpato di adulterio la seconda moglie Mariamne l’Asmonea, tanto che nel 29 a.C. Erode la uccise credendogli.
Ancora conferme sulla prova schiacciante che Maria terza moglie di Erode è la Maria dei vangeli. Ricordiamo ancora una volta che Maria Boeto era cugina di Anna e Elisabetta Boeto, come nei vangeli dove vengono definite parenti ed infine cugine nel tardo cristianesimo, e che inoltre nella famiglia Boeto troviamo oltre a Maria Simone come padre, Marta e Lazzaro come fratelli e Gesù che diventerà sommo sacerdote nel 63 d.C., e che tutti e cinque i personaggi si ritrovano insieme più volte nei vangeli con Gesù che va a casa di Simone dove incontra Maria che gli unge i piedi di olio con ivi presenti i suoi fratelli Marta e Lazzaro. Inoltre nella tomba di Gesù a Talpiot ritroviamo insieme Mariamne e Mara che è un’abbreviazione del nome Marta. Mara fu aggiunto in un secondo tempo da altro scriba in quanto essendo più giovane di sua sorella Maria morì molti anni dopo, inoltre la zia di Gesù divenne anche sua moglie come testimonia il Talmud.
Prima di Marta Gesù era sposato con Erodiade, da cui ebbe Salomè che ritroviamo sotto la croce del padre nel vangelo di Marco. Erodiade tradì poi Gesù con Erode Antipa e questo causò la rivolta di Giovanni Battista Boeto, figlio di Elisabetta Boeto e Giuda di Gamala, nonché cugino di Gesù a cui verrà dato l’epiteto di Gesù Gamala dallo storiografo G. Flavio.
Anna Boeto, Elisabetta Boeto e Giovanna Boeto discepola di Gesù, erano figlie di Yoshua ben Fabi Boeto, nipote di Simone Boeto. Dopo la morte di Cleopatra, Anna si prese cura di Maria insieme al suo secondo marito Gioacchino.
Tutte le prove e la ricostruzione storica del processo Gesù-Pilato nel libro in prossima uscita Cristo il Romano, dove dimostriamo che oltre che nipote di Cleopatra, di Marco Antonio e del primo imperatore di Roma Cesare Augusto a sua volta nipote di Giulio Cesare, il Cristo Re era anche cugino carnale di Nerone.
Dopo 2000 anni di menzogne la verità storica e documentata travolgerà la chiesa, ma non il messaggio d’amore del cristianesimo insito nei discordi di Gesù.
By Alessandro De Angelis scrittore e ricercatore di storia delle religioni e di cristianesimo primitivo
Note:
1 seconda apocalisse di giacomo, 50.
2 gharib g., testi mariani del primo millennio, vol. IV, città nuova 1991, pp. 686-697, passim.

Continua QUI: Madonna, chi e' cosa e' ?

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Gesu'-cristo e' un mito solare dei cosiddetti "pagani".
Certo che si, ma non confondiamo gesu'-cristo con Gesu' il nazareno (questa confusione dei termini, nomi, e' l'eterno problema di coloro che non vanno in fondo ai problemi !) - vedi: cosa e', dove e' e chi e' il cristo ?

Il gesu'-cristo dei cristiani deriva da un mito solare, insito nelle religioni antiche ed anche in quella dell'Impero Romano di cui l'imperatore era il Pontefice maximum; i religiosi avendo compreso che le varie idee cristiane potevano minare l'Impero, decisero di inserire i loro concetti religiosi in quelli delle sette nascenti dette "cristiane", cambiando i nomi dei loro "dei" con i nomi allora in voga nelle varie sette cristiane...e cosi nacque gesu-cristo !
Gesu' il nazareno e' un soggetto che e' vissuto in Palestina c.a. 2000 anni fa, era figlio di Erode il grande ed anche un rabbi Esseno e divenuto successivamente uno Zelota, contro i Romani e contro i Farisei e Sadducei (sacerdoti e rabbini di Gerusalemme) che avevano cambiato la legge mosaica ed i profeti, la Torah,..... fin dal tempo di Giosia ed Esdra (600 anni prima dell'era volgare, nella cattivita' di Babilonia/Assiria), non seguendo la dottrina originale che era basata sull' IO SONO un Dio e sulla Legge dell'AmOr.

Il GESU'- cristo dei cristiani, e' in realta' il simbolo mitologico, della realta' del SOLE

- le PROVE
 

Oggi nei fatti, E' crollato miseramente, dopo 1700 anni, il castello di menzogne con cui hanno costruito il cristianesimo su quello che hanno definito un ebreo marginale, ovvero Gesù. Era il figlio di Erode il Grande, nipote della regina Cleopatra e figlio di Maria di Cleopatra figlia della regina.
Giuseppe ?
Altro che un falegname, era il figlio di Alessandro Helios, figlio del triumviro Marco Antonio e della regina Cleopatra di Alessandria. Cleopatra cercò di far sbarcare a Roma il culto di Iside, traslitterato poi sulla figlia Maria e su Gesù figlio del sole. Yeshua ben Pantera, la pelle della pantera era usata dai sacerdoti egizi nelle loro cerimonie, nonché da Cleopatra stessa.
Pan=figlio, neter-ra=del sole. Yeshua Pantera, Gesù figlio del sole o di Giuseppe figlio di Alessandro Helios, ovvero Alessandro il sole, figlio della regina Cleopatra e di Marco Antonio. Immaginate il povero Pilato costretto a processare Gesù figlio del re Erode e nipote della regina Cleopatra, costretto a tirarlo giù dal palo dopo averlo flagellato e crocifisso, su richiesta di Giuseppe nipote di Marco Antonio e di Cleopatra e con Maria figlia della regina.
Abbiamo messo sotto la lente d'ingrandimento i libri degli storici dell'epoca per riuscire a trovare il legame tra Cleopatra e Simone Boeto dalla cui relazione nacque la vergine Maria, moglie di Erode che cercò di avvelenare, in quanto incinta di Giacomo e con il suo amante Giuseppe, da cui ebbe poi altri figli.
La storia è stata riscritta ora spetta anche a voi diffonderla. Stiamo per uscire con il terzo libro della trilogia "Il figlio segreto di Gesù" cui è seguito "Sangue Reale-Gesù il figlio segreto del re Erode il Grande" e "L'ultimo faraone- Erode Gesù la discendenza reale del sangue di Gesu'.
By Alessandro De Angelis - https://www.facebook.com/alessandro.deangelis.330?fref=ts

RICERCA Parole nel SITO
HOME

BACK