Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


NUOVE  FRONTIERE  in MEDICINA 
 

Pubblichiamo un estratto delle interviste rilasciate dal dott. Umberto Grieco nel corso delle puntate del programma televisivo di Rete News "PIANETA SALUTE".

PRIMA PUNTATA
Abbiamo in studio a “PIANETA SALUTE” il dott. Umberto Grieco, medico e giornalista,  già ospite in varie trasmissioni della nostra rubrica,  per parlarvi ed informarvi, da   esperto in Bio Elettronica e BioRisonanza, sulle nuove frontiere della  Medicina agli inizi del terzo  Millennio.

D: Dottore si parla tanto di New Age, New Economy, cosa ci dice a proposito della Medicina ?

R:  Si è chiuso alle nostre spalle un millennio indubbiamente positivo per la Scienza.  Sono stati raggiunti traguardi inimmaginabili solo poche decine di anni fa.  Anche per la Medicina parlerei di “New Medicine” e se avete la curiosità e la pazienza di ascoltarci potete rendervene conto.

D:  Volevo  levarmi una curiosità: Dottore, è vero che il tempo con il trascorrere degli anni corre più velocemente.

R:  Questa eventuale accelerazione temporale è oggetto di discussione da parte degli esperti. Si parla perfino di una data prossima di crisi del nostro Sistema Planetario. Ma la risposta non è di mia competenza. La cosa certa, invece,  è che resta difficile all’uomo comune stare al passo con le continue scoperte e relative variazioni della vita.

D:  Questo crea problematiche esistenziali ?

R:  Indubbiamente. Prima nell’arco di una vita,  la cui media durava  molto meno di quella nostra attuale, le novità erano poche.  Ora ogni giorno il “campo”, per usare un termine tecnico, varia e tocca quotidianamente aggiornarsi.

D:  Per quanto riguarda la Salute ?

R:  Per noi ultrasettantenni, ad esempio, restando nella Medicina,  che siamo nati nell’era pre-antibiotica,  ed i  chemioterapici erano al loro primo ingresso,  il medico di famiglia ed il farmacista dominavano il campo con le prescrizioni galeniche e le specialità erano  quasi  un’eccezione.  Ora il prontuario terapeutico è diventato voluminoso quanto un’enciclopedia.  Le specializzazioni hanno frammentato il corpo: Tutto questo crea spesso una  conflittualità.  E’  necessario recuperare.

D:  Quale ruolo hanno nella “New Medicine” la Bio Elettronica e la BioRisonanza delle cui tecnologie  lei è un esperto ?

R:  La B&B  (Bio Elettronica e BioRisonanza)  avranno un ruolo primario integrate ed inserite nella diagnostica e nella terapia ed ancor più per la prevenzione.

D:  La B&B, come lei dice, darà allora un contributo alla soluzione  delle problematiche che ci affliggono ?

R:  Certamente: Potremmo a ben ragione affermare che con esse la  Biofisica prevarrà  sulla  Biochimica   che ha dominato il fine millennio. All’atomo, quasi un dogma col suo significato di “indivisibile”, si sono sostituite le particelle, e noi Medici dobbiamo adeguarci a pensare in termini di elettrodinamica  quantistica  più che di molecole.

D:  Se ne è già ufficialmente parlato ?

R: Con luminari della Fisica, quali il compianto Prof. Preparata, il  Prof. Del Giudice, col Prof. Gigante, attuale titolare di Cattedra ed autorevoli esponenti del campo medico,  quali il Prof. Messina, la Prof.ssa Roseghini,  farmacologa, etc., abbiamo avuto dei seminari presso l’Università  “La Sapienza” aventi per tema fondamentale la QED, cioè l’elettrodinamica  quantistica in Medicina e la Bio Elettronica e la BioRisonanza, a cura del CsB  (Centro Studi di  Biometeorologia).

D:  Come viene accettato questo nuovo modo di vedere ?

R:  Ogni sistema ha la sua inerzia. Non esiste alcun mistero, ma soltanto differenti livelli di ignoranza, come diceva Christian Morgensen.  L’Uomo preferisce spesso negare l’esistenza  stessa di ciò che non comprende.

D:  Ci dica ancora qualcosa in merito.

R:  Più di vent’anni fa, negli Stati Uniti d’America, dopo una conferenza ed intervista alla RAI-USA  sulla Bio Elettronica e sulle incompatibilità alimentari, la Stampa mi diede l’attributo di “mago”. Ora, parlare di incompatibilità alimentari non scandalizza più nessuno. Anzi è quasi un fiore  all’occhiello per alcuni che nelle conversazioni volentieri ostentano di essere “allergici”.  Quasi come un segno di distinzione.

D:  In Italia a che punto siamo ?

R:  Nonostante che gli attuali mezzi di comunicazione abbiano fatto superare le frontiere,  forse anche a causa di problematiche linguistiche, la Bio Elettronica ed ancor più la BioRisonanza  non sono ancora diffuse come meriterebbero.

D:  In altri Paesi ?

R:  IN Germania,  ad esempio,  ove sono quasi dicasa, e devo molto ai miei maestri, da Kruger, Voll, Hermann, Morel, Schimmel, etc., è stata realizzata dalla Vega a Schiltach nella Foresta Nera  la Griesaber Accademy.  Una struttura tipo Day Hospital ove il paziente nel giro di una giornata, oltre i normali esami di routine  /ecg, analisi, etc.)  viene visto  con apparecchiature elettroniche.  Questa, con tecniche non invasive, indagano sui suoi campi elettromagnetici con riscontri utili ad integrare la conoscenza del paziente sia ai fini diagnostici che per una migliore, più adeguata ed opportuna terapia.

D:  Ci può mostrare qualcosa praticamente ?

R:  Cert.  Questo ad esempio, che abbiamo qui, è un apparecchio molto sofisticato. Ne è stato inventore uno dei miei maestri, il già citato Prof. Franz Morel.  Realizzato insieme al genere, Ing. Raske, per la precisione.  Gli hanno dato il nome MORA, questo per curiosità, unendo le loro iniziali. Con esso ho fatto molte delle mie esperienze.  Il mio strumento preferito.  Ma ce ne sono  diversi altri sia tedeschi che  americani e, di recente, anche qualcosa di italiano.
 

SECONDA PUNTATA

D:   Dottore ci ha parlato la scorsa volta di  “New  Medicine” e di nuove tecnologie  e ci ha mostrato al riguardo anche un apparecchio.  Ci può dire qualcosa su cosa si basano e come funzionano ?

R:   Basta tenere presente che la materia è “energia” e che ad essa è sempre associato un campo elettromagnetico.  Inoltre che ogni atomo, molecola o sostanza ha una sua peculiare e specifica identità  vibratoria.       

D:    Come le varie stazioni radio o canali televisivi ?

R:    Esattamente. Come possiamo sceglierci la stazione preferita così con le suddette apparecchiature ci possiamo sintonizzare su una persona e ottenere le informazioni che ci interessano.

D:   Come entrare in una comunicazione telefonica ?

R:   Mi ha preceduto. Il campo elettromagnetico del corpo umano può essere considerato come una rete  con una infinità di utenti.

D:   Possiamo così, come si dice, mettere sotto controllo il nostro corpo ?

 R:  Perfettamente. Si è in grado oltre che intercettare le comunicazioni in atto anche di inserirci con domande ed ottenere risposte.

D:   Un passo più aventi della ecografia,TAC e simili ?

R:   Mentre  queste citate,  come anche la recente Risonanza Magnetica Nucleare, ci danno  una immagine delle nostre strutture interne, nel caso nostro vengono utilizzati  i dati  dei valori elettrici cutanei e le risposte ai segnali che inviamo. Alla stessa stregua, se vogliamo, di una encefalografia, o elettrocardiografia  e l’uso di un radar.

D:   Misurare sì, ma interrogare un corpo e averne risposta, sembra “fantascienza”.

R:    Con la BioRisonanza è una realtà, e la tecnica non è invasiva.

D:    Ci può anticipare le applicazioni nella pratica ?

R:     Come  è  immaginabile il campo è vasto.

D:   Qualcosa   di valido ed utile per tutti ?

R:    Con l’esperienza pluriennale abbiamo messo a punto un programma che abbiamo  chiamato:  “CHECK-UP  di  BIOARMONIA”.

D:    Un Check-up ?

R:    Si.  E quel che è bello,non richiede né prelievi  né analisi.   Come  suonare o ascoltare uno strumento per rilevare le eventuali note stonate.

D:   Quali note, per così dire, prevede il Check-up di  BioArmonia ?

R:  Prende in considerazione alcuni aspetti del nostro essere da tener bene in conto se vogliamo salvaguardarci la salute.

D:   Ce li può elencare ?

R:    Le intolleranze alimentari, delle quali finalmente si sta prendendo coscienza. Ricordo  ancora, a proposito, quando più di venti anni fa negli Stati Uniti d’America, dopo una conferenza ed una intervista a  RAI-USA sulla  Bio Elettronica e le  Incompatibilità  alimentari che la Stampa mi diede l’attributo di “mago”.  Ora, grazie a Dio, la cosa non scandalizza più nessuno. Non fa più notizia, giornalisticamente parlando.

D:   E poi ?

R:   Le situazioni geopatiche e da inquinamento elettromagnetico, anch’esse di attualità. Per finire con quelle tossico chimiche quali, pesticidi,solventi,materiali odontoiatrici,metalli pesanti.   Parassitarie, etc.

D:  Implica molto tempo ?

R:   Assolutamente no. Basta a volte una sola seduta, secondo i casi e le attrezzature disponibili.

D:  Ha citato nel Check-up di BioArmonia le geopatie e l’inquinamento elettromagnetico. Che ne pensa della dibattuta questione circa l’uso dei telefonini ?

R:   Grazie alla Bio Elettronica ho prodotto un particolare strumento ad azione elettrobiologica in corso di brevetto che migliorerebbe i nostri rapporti coi campi elettromagnetici.

D:   Può dirci di più ?

R:   Le levo la curiosità.  Ecco, ve ne  mostro uno.  Contiene un particolare segnale. Basta applicarlo all’utenza o tenerlo addosso.  Se viene in studio gliene mostrerò l’azione.

  Il dr. Grieco  ha anche altre novità.  Prevede che l’utilizzo dei  segnali deboli elettromagnetici  influenzerà significativamente il nostro futuro   modo di vivere con risvolti  sulla salute e sulla economia. A ben ragione ci parla di  “New Medicine”. 
 

TERZA PUNTATA

D:  Dottore la volta scorsa ci ha parlato del Check-up  di BioArmonia  ed oggi ?

R:  Restiamo nel tema del Check-up di BioArmonia.  A proposito vi ho portato una locandina.

D:  Una botte ?

R:  Si. Essa rappresenta il  Corpo Umano, ed il suo contenuto è tutto quello che vi introduciamo.  Cibo, acqua e purtroppo anche tossine varie.

D: E perché travasa ?

R:  Quando le tossine che vi introduciamo non riesce più a contenerle.  Questa è la  malattia.  Nient’altro che l’epifenomeno, la manifestazione e l’esito di sbagli ed errori occorsi e commessi sotto vari piani.   Un evento in genere di natura multifattoriale.

D:  Perché vi sono vari livelli ?

R:  Per esemplificazione, ma per maggiore chiarezza è opportuno  che anche se succintamente ve li elenco. Partiamo dal basso. (Sulla locandina  sono scritti in inglese, essa è del dr. Leber) .

     1° livello:  grassi ed oli non buoni. Diete con presenza di coloranti,conservanti,etc. Stile di vita consumo o abuso di alcool, tabacco,caffè,etc.

      2° livello:  metalli pesanti e tossici che bloccano i vari processi enzimatici: Pb, Cd, Hg, As, etc.

      3° livello: deodoranti, solventi, profumi, gas, spray, etc.

      4° livello: additivi alimentari, preservanti e coloranti (già citati), sostanze chimiche di uso casalingo.

      5° livello:  blocco delle attività ghiandolari, in specie surrenali.

      6° livello:  pesticidi ed insetticidi.

      7° livello:  residui industriali. Inquinamento delle acque. Uso del cloro e del fluoro.

      8° livello: sostanze sintetiche.

      9° livello: pollini, polveri, peli.

      10° livello: cibo.

D:  Pollini e cibo per ultimo ?

R:   Sono posti in alto perché sono quelli più conosciuti e cui si presta più attenzione.

      Ma quante patologie di tipo allergico ho visto regredire e perfino scomparire attuando una bonifica delle varie tossine.

D:   E può bastare per farci rigustare un cibo prima proibito ?

R:  Non solo. Ma le noiose crisi allergiche stagionali possono a volte  regredire e restare un ricordo del passato.

D:  Tutte queste risposte con la Bio Elettronica ?  Ci rammenti la tecnica.

R:  Con le attrezzature  di cui vi ho parlato e qualcuna anche mostrato, vengono  misurati ed analizzati  i valori elettrici cutanei e le eventuali variazioni degli stessi inserendo nel circuito i test che ci interessano. Siano essi  metalli,sostanze,alimenti, etc.

D:  Non necessitano prelievi o altri interventi invasivi ?

R:  Già  ho riferito che la tecnica non è invasiva. Come misurare la temperatura con un termometro.

D:  E’ facile adoperarli ?

R: Trattasi di strumenti sensibilissimi.   Come non ci si improvvisa pianista o violinista così per un buon operatore.

D:  Impararli ad usare è alla portata di tutti ?

R:  Certamente. Come per un computer  o simile.

D:  Da quanto ho capito conviene veramente farselo ogni tanto ?

R:  Nella mia pratica , senza rinunciare beninteso  agli accertamenti  che normalmente si richiedono, io  l’ho trovato di grande utilità.  Mi allarga l’orizzonte  e mi  è di grande aiuto.Come un radar nella notte.

D:  La volta scorsa ci ha parlato di geopatie e campi elettromagnetici  può dirci  qualcosa in merito?

R:  L’argomento è molto vasto troppo da parlarne in questa occasione.

D:  Un consiglio  almeno per i nostri telespettatori ?

R:  In attesa di ben schermarci, materiali, tessuti, ecc., e dovendo far uso di corrente alternata, cercate di passare meno tempo possibile vicino a  Forni a  microonde, Computer,  Frigoriferi, Lavatrici, ecc. Tenete a debita distanza la televisione e se potete ricordatevi di staccare le spine delle varie utenze, specie quelle che hanno trasformatori.  I loro campi possono perturbarci.


QUARTA PUNTATA

D:  Dottore, abbiamo parlato  della possibilità , grazie a queste nuove tecniche non invasive, di integrare  la diagnostica, di orientare la terapia e perfino un  “Check-up di BioArmonia”  utile anche per la prevenzione.  Di cosa ci occuperemo oggi ?

R: Ad integrazione di quanto riferitovi la volta scorsa con la famosa botte  che si riempie di tossine varie e poi trabocca, desidero insistere  sull’argomento dei parassiti e patologie  croniche.

D:  Parassiti ?

R:  Si. Parassiti e non solo.   E’ importante sapere  che spesso  in  molte malattie  e disturbi vari  troviamo la presenza di virus,funghi,batteri,protozoi,parassiti,tossine,etc.

D:  Di parassiti ne ho sentito parlare solo raramente,come mai ?

R:  Purtroppo, come nella vita quotidiana, si focalizza l’attenzione  solo su alcuni eventi, vedi telegiornali e giornali, e se ne ignorano  o tralasciano tanti altri, così nella Medicina. Ci sono  le varie mode, con a turno i vari imputati.  A volte perfino con deliri di massa.

D: Deliri di massa ?

R:  Sì. Vedi  inquinamenti vari, campi elettromagnetici, mucca pazza, tabacco, etc.  Basta creare la psicosi, aizzare la folla e si crea una rivoluzione. Ho assistito, ad esempio, tempo fa nel pulman per Fiumicino che per poco non linciassero un poveretto  per essersi accesa una sigaretta !

D:  Lei allora è  per il tabacco e le droghe ?

R: No  assolutamente. Non scherziamo!   Ma, per par condicio, bisognerebbe egualmente fare attenzione all’inquinamento mentale indotto dai vari messaggi attraverso i media  o alla destabilizzazione  che provocano  certi ritmi o musiche.

D: L’argomento è interessante, sarebbe bene parlarne, ma torniamo ai parassiti.

R:  Come dicevo la parassitologia non è attualmente presa nella dovuta considerazione. Anche perché con i comuni mezzi la  diagnosi  a volte è difficile se non impossibile.

D: Come, impossibile ?

R: Si. Il fatto spesso di   non prenderli in  considerazione, non è da imputare a negligenza del sanitario ma  a difficoltà tecniche delle comuni  indagini.

D:  E con le sue tecniche ?

R: Con l’aiuto della Bio Elettronica e  tenendo conto della BioRisonanza specifica di ciascuna identità patologica, sia essa virus,fungo,parassita,batterio,protozoo,etc.,  è possibile fare una diagnosi per una eventuale loro presenza nell’organismo e se volgiamo  perfino l’organo elettivamente parassitato.

D:  Ha citato prima malattie croniche e degenerative ?

R:  Si. Ma non è il caso di entrare  in argomento. Certamente la New Medicine scioglierà tanti enigmi ed interrogativi che attualmente ci assillano. Ma la presa in considerazione  della presenza di parassiti, virus, funghi, etc. nelle patologie croniche e degenerative avrà il suo peso e potrà chiarire tante forme che ci affliggono e spesso neanche con chiara definizione diagnostica.

D:  La sua esperienza ?

R: Non desidero citare casistiche personali. Ma se ho affermato quanto su ne ho i miei   buoni  motivi  in oltre quaranta  anni di attività e di essi una trentina integrati con la Bio Elettronica.

D:  Almeno un caso, ad esempio ?

R:   Avete intervistato in altre occasioni diversi pazienti  con situazioni degenerative, neurologiche, etc.   Vi  parlo ora del mio.

D:  Ci dica.

R:  Circa 30 anni fa, esercitavo  allora da specialista dermatologo. Dopo un soggiorno in Germania mi ammalai. Le condizioni erano gravi:  ipertensione, ipercolesterolemia, etc. e nonostante le cure peggioravano sempre più.  Fino a che non incontrai il Prof. G.E. Hermann che mi diagnosticò una situazione tossica da pesticidi.

D:  Come la fece la diagnosi ?

R:  Fu a Milano.  In occasione di  un seminario sulla Bio Elettronica, con un apparecchio Pitterling, mi offrii di fare la cavia per  una dimostrazione pratica.

D:  Come andò ?

R: Guarii in pochi mesi .  In più iniziai a studiare e praticare la Bio Elettronica.

D:  Niente altro ?

R:  Tre anni fa  mi ammalai, di turno la prostata.  Ecografia, PSA, etc. Un luminare nel campo mi visitò  e consigliò  l’intervento immediato.

D:  Si è operato ?

R:  Eravamo sotto Natale. Date le S. Feste presi tempo.  Inviai al Professore una cassetta di Champagne per ingraziarlo  e per mia fortuna ad un convegno incontrai  un collega tedesco. Il Prof. Schimmel   che relazionando sulla prostata  suggerì  di fare attenzione ai funghi.

D: Non si è operato ?

R:  No. Misi in pratica il consiglio del collega e  con le cure la prostata è rientrata al suo posto ed al suo dovere.

D: E adesso sta bene ?

R:  Sono qui. Ho festeggiato i 70 anni lo scorso ottobre  ed eccomi nel nuovo millennio ancora con la mia prostata.  Non vi voglio annoiare  con la RMN fatta al cervello  con referto da far paura e con l’iperglicemia .

D:  Che ha fatto ?

R:  Per il  cervello  non  era possibile operare.  Il trapianto, dico per scherzo, non è ancora di attualità.  Ho dedicato particolare attenzione alla dieta. Ho evitato per quanto possibile, il contatto con sostanze tossiche: solventi, metalli, etc. sfrattati di casa  e  messi fuori  i vari composti chimici, saponi, etc.  Ho instaurato una terapia medica antiparassitaria ed  antifungina integrata  con Vitamine.  Più qualcosa che vi narrerò la prossima volta.

Ringraziamo il dr. Grieco per quanto riferitoci  che riteniamo veramente interessante.  Le volte scorse con i campi magnetici, i telefonini, le sue scoperte, ora con i parassiti e le sue malattie, non finisce mai di stupirci.  Il tempo a disposizione è terminato, arrivederci alla prossima .


QUINTA PUNTATA

D:  Dottore, nelle precedenti puntate ci ha parlato di tante cose nuove ed interessanti. Dai Campi Magnetici ai telefonini, alle sue invenzioni. Della Bio Elettronica e BioRisonanza  e della utilità delle stesse per la nostra salute.  Di cosa ci parla  questa volta ?

R:  Vorrei fare delle considerazioni su quanto espostovi, frutto di oltre 40 anni di attività , ricerca ed esperienze e delle proposizioni per il futuro valide per tutti.

D:  Siamo ad ascoltarla.

R: Come dettovi, la malattia è l’epifenomeno, cioè la manifestazione di sbagli ed errori occorsi sotto vari piani, un evento in genere di natura multifattoriale.  La salute  è il perfetto equilibrio dell’organismo.  Per questo abbiamo parlato di  disarmonia uguale malattia e  armonia  uguale salute  e coniato all’uopo il termine di  Ceck-up di  BioArmonia.   Il medico, in questo caso, opera come  l’accordatore di uno strumento.

D: Ed ora ?

R: Consci di quanto detto. Non vi meravigliate, né invocate l’avverso destino, quando dovesse insorgere una patologia acuta o instaurarsene una cronica. Infarti, ictus, sclerosi varie, cancri, etc. sono da ricondurre per buona parte alla cattiva gestione che noi facciamo di quel magnifico mezzo messoci a disposizione da  Madre Natura: il nostro Corpo Fisico.

D: E allora ?

R:  Mentre per le forme infettive si è fatto molto : vaccinazioni,antibiotici,etc. profilassi e protezioni adeguate, per le forme degenerative siamo ancora lontani  da una adatta e consapevole condotta.

D: Cosa suggerisce ?

R: Per prima liberarsi dalle usanze e dalle cattive abitudini che ci danno per frutto un comportamento sciocco, da kamikaze.

D:  Poi ?

R: Sarebbe opportuno e ce lo auspichiamo  una simbiosi della Medicina Accademica con le Nuove  e  varie  Tecniche, nel rispetto  e senza alcuna prevaricazione reciproca, al fine di ottimizzare sia una diagnostica integrata  (Clinica Ontologica) che la scelta terapeutica, la più opportuna.

D:  Quanto alle geopatie, campi magnetici, etc .?

R: Interessano la Medicina ma sono di competenza delle  specifiche discipline.  Logicamente integrando gli studi e le scoperte  ci auspichiamo che si riporti il Pianeta a condizioni ottimali di vita.

D: Non abbiamo parlato della  Mente.                                                                                     

R:  Con particolari tecniche e segnali, sempre mediante la BioRisonanza, premessa la specificità vibratoria di ciascuna identità e struttura della persona, possiamo  rilevare  se le stesse sono in armonia o no con l’organismo intero, pure nelle interazioni mente-soma.

D:  E’ un discorso affascinante.

R:  Si, ma ci porta  in altri campi. Conviene per ora  limitarci a quanto detto.

D:  Una digressione, almeno ?

R:  L’accontento. Recenti indagini, negli Stati Uniti d’America, hanno appurato ad esempio, il riscontro favorevole del comune decorso previsto di varie patologie se alle cure degli  operatori sanitari veniva associato il ricorso della pratica della preghiera all’insaputa dei pazienti stessi.

D: C’è una spiegazione ?

R: Scientifica per il momento no.  Ma supponiamo di sintonizzarci con la nostra piccola radio ricetrasmittente: calotta cranica quale parabola, epifisi quale sensore, etc. su un canale di Amore potremmo entrare in risonanza con l’Amore Assoluto del nostro Creatore.

D:  E cioè ?

R: Potrebbe spiegarci l’efficacia della Preghiera, quella vera, con la P maiuscola,  fatta  col cuore, in Umiltà ed Amore  che a volte suscita  miracoli che trascendono le nostre conoscenze razionali biofisiche e mediche.

D: Concludendo sulle  “Nuove Frontiere in Medicina” ?

R:  Consapevoli e coscienti di quanto esposto e delle innumerevoli possibilità che ci offrono  e queste nuove tecnologie e del progresso delle scienze convenzionali e collaterali è auspicabile che il quotidiano ed il futuro sia  ispirato ed adeguato a tutte le conoscenze, senza preconcetti né preclusioni, né prevaricazioni, per perseguire  sempre e solo la Verità.  Verità che come diceva Gesu’, ci farà  “Liberi”.

D:  Liberi anche dagli affanni,dolori,dispiaceri che attualmente le malattie ci riservano ?

R:  E’ il mio auspicio agli inizi del Terzo Millennio e sarà compito della  New Medicine.

D:  E la preghiera ?

R: Mi vuole provocare ?  Ben venga. Chissà che un domani vivendo tutti in un rapporto di Amore in continua BioRisonanza col nostro Creatore la nostra opera non sarà più necessaria.

D: Prevede l’Età dell’Oro ?

R:  Per ora pensiamo a perseguire la Salute. Il resto, perché no, è anche il nostro Augurio.
Tratto da: http://www.health-salute.it/nuove_frontiere.htm


vedi: Nuove frontiere in medicina + Medicina: tutto quello che avreste voluto sapere + Falsita' della medicina ufficiale  +  Pubblico Credulone + Industria della Malattia  +  Medicina secondo Ragione + NUOVA MEDICINA: HUMAN DEVELOPMENT INTERPRISE (PDF in Italiano del dott. F. Verzella)

HOME