Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


Intervista con il dott. Massimo Montinari  sui DANNI da VACCINO
 

Chi è Massimo Montinari: egli e' un medico chirurgo, specialista in chirurgia pediatrica, chirurgia d’urgenza e pronto soccorso, sin da studente di medicina ha condotto i suoi interessi scientifici verso lo studio delle funzioni neurologiche del tubo digerente nei bambini discutendo la funzione della via purinica nel coordinamento della peristalsi.
Numerosi sono stati i suoi studi sull’immunogenetica applicata alla trapiantologia e alla virologia; da tali interessi è derivata la sua formazione  sulla funzione neuro immunitaria del sistema nervoso centrale.
L’approccio alla “sindrome autistica” è stato un naturale percorso formativo col quale ha formulato un protocollo terapeutico che vede  l’associazione di diete privative di glutine e caseina, ad un trattamento omotossicologico.
Tale base biochimica risulta importante per la somministrazione di specifiche terapie riabilitative”.
Tratto da: digilander.libero.it/montinari/
vedi: Boicottaggio dott. M. Montinari

video del dott. Massimo Montinari a Don Chisciotte  - Ott. 2012


Il giuramento d'Ipocrita
- (Parte del dialogo del video)

Montinari: “Iniziammo a richiamare questi pazienti per fare esami virologici su virus vaccinali, che non avevamo assolutamente indagato... mi riferisco al virus vaccinale del morbillo, a quello della rosolia, alla Borretella Pertussis, o eventualmente alla Polio. Ebbene risultavano attività virali in corso proprio da questi esami. Quindi non era piu' il citomegalovirus che era stata per noi la fatidica lampadina che pero' era poi stato smentito, ma erano altre realtà.

 

Don Chisciotte: “Dunque mi scusi dottore, erano stati vaccinati per determinati virus e quei virus...?”

Montinari: AVEVANO CREATO DEI PROBLEMI !!

 

Don Chisciotte: “Avevano creato dei problemi perché si stavano sviluppando.

Montinari: “Non soltanto. Su questi bambini vedemmo che la base comune qual era ? Una predisposizione immunogenetica... e una carenza immunitaria. C'erano bambini vaccinati in momenti in cui non avrebbero dovuto essere vaccinati. Avevano un sistema immunitario debole nel momento della vaccinazione. Pubblicammo i primi 48 casi, eravamo entusiasti.

Presentammo un lavoro presso un Congresso nazionale a Genova, facciamo uno studio randommizzato, uno studio a doppio cieco, coinvolgiamo altri centri universitari, eravamo contenti di aver trovato un meccanismo scientificamente provabile che spiegava le cose.

È successa l'ira di Dio, ricordo questa scena a Genova, è un convegno organizzato dall'Istituto di Igiene, sono i luoghi sacri dell'investimento dell'industria delle vaccinazioni, tappezzati di soldi dell'industria farmaceutica, e il direttore d'Igiene (C) FECE allontanare la stampa presente !
(C)
Commento NdR: sono stato presente a tale convegno, vidi e sentii personalmente il dott. Crovari Pietro, Professore di Igiene della Facoltà di Medicina e Chirurgia presso l'Università di Genova, fare quell'azione...

...E uno dei pediatri presenti, docente universitario del Gaslini, chiamò il direttore del nostro dipartimento a Bari per invitarlo a non farci più parlare in pubblico.

Cioè quando si entra in un....Non riuscivamo a capire in quel momento cosa stesse accadendo !

Perché per noi era un percorso scientifico agli inizi, non era una demonizzazione delle vaccinazioni. Non sapevamo quello che ci fosse sotto, noi siamo clinici, autofinanziati con i propri stipendi, molto piccoli e senza cercare o necessitare di sponsor.

Al che iniziò l'isolamento professionale, in grosse difficoltà, oggettive e fisiche..Non ci sentimmo di ritirarci con la coda tra le gambe, come molti continuano a fare.

E noi si andò avanti, seguendo il filo d'arianna di questi bambini. Diversamente da molti, eravamo liberi da relazioni con i soldi delle grosse industrie farmaceutiche. Il nostro unico legame era con i genitori di questi bambini che da noi si attendeva una riposta, poi un'altra, e ancora altre.

Al ché abbiamo bussato a tante porte: la neuropsichiatria ci ha dato picche, con i gastroenterologi non c'era dialogo, gli igienisti nemmeno a parlarne, eravamo soltanto dei terroristi per loro, I pediatri improvvisamente ci remavano contro, organizzati proprio in batterie proprio di automi che devono fare sempre le stesse affermazioni e ti attaccano, che sei un ciarlatano, che i vaccini non possono far male, hanno cercato di farmi radiare dall'ordine dei medici, hanno fatto di tutto e di più.
Poi la cosa più simpatica è quando ti vedi una bella lettera che circolava da parte dell'Istituto Superiore di Sanità in cui sei o sette personaggi che da Roma contattavano tutte le ASL chiedendo di rifiutare gli esami necessari a studiare i danni da vaccini che io dicevo ai genitori di andare a fare.

Parliamo di un lavoro fatto a tappeto sul territorio nazionale, parliamo di persone che si erano schierate con certi poteri economici dell'industria farmaceutica.
Un lavoro di isolamento professionale di tutte le persone che lavoravano con noi.


Don Chisciotte”
Un po' parafrasando il giuramento d'Ippocrate, io lo chiamerei talvolta per molti, il giuramento d'ipocrita, molti sanno come funziona, la maggior parte dei medici pur non avendo interessi economici personali in gioco, senza essere corrotti, senza essere coinvolti in prima fila in questo sistema,  però pur di non avere problemi,  semplicemente si adeguano…


Due Domande Personali al Dottor Massimo Montinari
Lei è stato spesso oggetto di calunnie e cattiverie. Molti hanno cercato di boicottarla e di screditarla.
Perchè secondo Lei c'è questo "accanimento" nei suo confronti ?

Non è proprio così, non sono stato oggetto di calunnie e cattiverie, ma di una vera persecuzione che ha avuto inizio nel 1995 quando osai presentare in un congresso a Genova, presso l’Università, un mio lavoro in cui proponevo uno studio sulle encefalopatie immunomediate, tra cui erano presenti alcuni casi di bambini affetti da Sindrome Autistica, che avevano una stretta correlazione con la somministrazione di vaccini.
Non conoscevo quell’ambiente, provenivo dalla ricerca chirurgica, immunogenetica, mi interessavo di trapiantologia e oncologia pediatrica, le mie osservazioni  cliniche su questi bambini derivavano dalla mia personale esperienza ospedaliera presso il Policlinico di Bari. Proponevo uno studio che coinvolgesse più centri universitari per confermare o meno le mie osservazioni cliniche.
Fu un disastro !
Gli organizzatori del convegno fecero allontanare alcune emittenti televisive presenti, annullarono una conferenza stampa per il giorno seguente e, cosa ancor più grave, venni avvicinato con modi mafiosi da alcuni pediatri di Genova, presenti al convegno che, con atteggiamento minatorio mi invitarono al silenzio. Avrebbero avvertito il Direttore del Dipartimento pediatrico di Bari, al quale afferivo, per non farmi più parlare.
Mi sembrava tutto inverosimile, ma divenne tragicamente reale. Conservo gelosamente ancora i loro nominativi, nella vita ci si può sempre reincontrare...

In quella occasione avevo toccato il cuore di interessi farmaceutici enormi, e non lo sapevo. Erano presenti igienisti di chiara fama, molto legati a multinazionali del farmaco, pediatri in carriera che, con i propri Istituti, partecipavano a sperimentazioni di vaccini e farmaci: in gergo mafioso si potevano definire dei “pezzi da 90”. Tutto questo lo capii dopo, non poteva essere vero, non l’avrei mai immaginato.
Già nei giorni seguenti al mio rientro a Bari potei tastare con mano quello che non potevo supporre: l’inizio dell’isolamento professionale, giorno dopo giorno.
La mia salvezza era il ruolo di Aiuto Ospedaliero che ricoprivo, non dipendente dall’Università, nonchè una certa unicità specialistica nella gastroenterologia chirurgia pediatrica che non potevano annullare con facilità. Assistevo in ospedale tantissimi bambini, non rifiutavo nessuno, non avevo un mio studio privato, lavoravo soltanto per il Pubblico, non avevo rapporti con multinazionali e non ricevevo “viaggi premio” da informatori farmaceutici.

Ricordo che diversi colleghi pediatri mi facevano visitare i propri figli di nascosto, senza che il loro Direttore sapesse nulla, altrimenti gli avrebbe “stroncato la carriera”. Lavorare ogni giorno, per anni, in un clima simile, certamente non era facile.
I miei collaboratori hanno subito la stessa sorte: una collega virologa che aveva osato “pubblicare” con me ha perso l’insegnamento, boicottata dal suo Direttore igienista al concorso per il primariato.
Ho provato cosa vuol dire “mafia sanitaria”, documentando tutto; un accanimento quotidiano che mirava a screditarmi professionalmente. Avevo soltanto proposto uno studio clinico, ma mi ritrovai addosso il ”marchio” di “untore”, di colui che non voleva far vaccinare, di colui che voleva diffondere le malattie infettive. Affermazioni gravi, tutte costruite ad arte, calunnie che non trovavano un responsabile da identificare con nome e cognome. Finanche taluni informatori farmaceutici di vaccini, nelle loro “visite” ai medici, usavano il mio nome come esempio da aborrire.

Screditare un professionista con l’arma della calunnia è molto pesante da accettare: il danno subìto è stato enorme.
Ho sempre archiviato tutto, tanto da poter disegnare un percorso “a tappe” che mi ha condotto ad individuare i mandanti: persone “autorevoli” , tutte legate all’industria del farmaco, garantiti da un potere difficilmente scardinabile.

Eppure non avevo mai fatto alcuna campagna contro le vaccinazioni, avevo soltanto proposto uno studio clinico.
Avevo involontariamente sfiorato interessi economici fortissimi. Ma in questo clima ho continuato ad andare avanti a raccogliere dati, a seguire sempre più bambini ammalati, a studiare con alcuni colleghi come “carbonari”.
Anche l’accesso a riviste scientifiche veniva bloccato, pubblicare i dati raccolti diventava impossibile tranne che presentarli nel corso di convegni medici “non accreditati”. Ricordare quei momenti vissuti non è bello, particolarmente quando devi lavorare e difenderti per qualcosa che non hai mai fatto. Difendersi dalla calunnia è la cosa più difficile, e lavorare in questo clima in cui qualcuno aspetta un tuo “scivolone” è durissimo.
Studiare soluzioni terapeutiche nuove, ricercare senza aiuti e fondi, impegnare le proprie risorse economiche, diventare Dirigente di Unità Operativa senza apparecchiature, avere a disposizione soltanto una stanza, una barella ed un comodino, credo sia il “top” dell’isolamento, ma per lavorare ho utilizzato apparecchiature personali, a disposizione dell’assistenza pubblica, finanche ho dovuto provvedere ad acquistare personalmente le sedie, la scrivania, il materiale di consumo. Una vergogna che documentavo giorno dopo giorno, decine di lettere, di richieste rivolte all’amministrazione che regolarmente restavano inevase, ma proseguivo con il mio lavoro, quotidianamente, senza retrocedere di un metro.
I canali della ricerca finanziata erano chiusi, ma continuavo ad archiviare dati su dati, a studiare le patologie autoimmunitarie del tubo digerente, la malattia celiaca, la correlazione con i DNA, virus, l’azione dei vaccini sul tubo digerente e sul SNC.
Tantissimi sono stati i casi risolti in ospedale, molti provenienti da regioni del Nord, abitualmente meta di pazienti meridionali.

In questi anni ho potuto documentare come anche una certa stampa ha avuto il “bavaglio” dell’informazione. Non era possibile parlare di danni vaccinali, dovevano passare nel silenzio: nessuno doveva parlare, il silenzio era d’obbligo.
Un giorno venne in ospedale un inviato speciale di un noto settimanale italiano in seguito alla pubblicazione di un mio libro sull’autismo.
Mi venne a trovare in reparto, un pomeriggio in cui era aperto l’ambulatorio. Restò in ospedale per alcune ore, vedendo il via vai di tantissimi bambini, alcuni dei quali affetti da enteropatie associate ad encefalopatie post-vaccinali.
Non erano fantasmi, ma bambini veri, quei bambini che non fanno parte delle statistiche sanitarie propagandate dai media. Rimase sconvolto per quello che osservò, dalle testimonianze che vide sfilare innanzi ai suoi occhi nella sala d’attesa.
Mi disse che in precedenza mi avevano descritto come uno “stregone” e che avrebbe scritto un servizio molto ampio su quanto da lui osservato. Apprezzai la sua sincerità, lo ringraziai, ma preannunciai che se avesse scritto “la verità” osservata, il suo editore non l’avrebbe mai pubblicata.
L’articolo uscì, dopo tantissimo tempo, e non come l’aveva strutturato: un “servizio di inviato speciale” trasformato in una paginetta...
Per telefono mi disse che c’era rimasto male, aveva subito pressioni: ne ero sicuro, e per me non fu una sorpresa.
E questo è soltanto un episodio, ce ne sono tantissimi da raccontare, tutti ben documentati.
By Massimo Montinari


Case farmaceutiche e Corruzione: lo scandalo planetario della Glaxo Smith Kline - 26/04/2014
https://www.ilfattoquotidiano.it/2014/04/26/case-farmaceutiche-e-corruzione-lo-scandalo-planetario-della-glaxo-smith-kline/964564/

TRANI (BA), VACCINI ed AUTISMO - MEDICI e MAGISTRATI a CONFRONTO GRAZIE alla BUSSOLA (Ass.) - 13/01/2014

vedi: MINISTERO "SALUTE" informato su DANNI VACCINI + Danni Biologici dei Vaccini e Cure (dott. M. Montinari+  Danni dei Vaccini (testimonianze) + Esami indispensabili, prima di vaccinare + Bibliografie e Studi del dott. Massimo Montinari - (Curriculum)  + URANIO impoverito ? NO sono i Vaccini
Ecco l'intervista al dott. M. Montinari:
http://www.video.mediaset.it/video.html?sito=striscia&data=2007/11/20&id=6218&categoria=servizio&from=striscia

HOME