Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


COSA fare del FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE 
e della BANCA MONDIALE
(Francais)
 

I Veri Pirati = Banchieri, Banche, Multinazionali

"L'attuale creazione di denaro dal nulla operata dal sistema bancario è identica alla creazione di moneta da parte di falsari.
La sola differenza è che sono diversi coloro che ne traggono profitto
". (By Maurice Allais, premio Nobel per l'economia)
vedi:
Origini segrete della Banca d'Inghilterra

Comunque la SOLUZIONE a TUTTI i PROBLEMI del MONDO e' GIA' QUI - vedi: Padroni del mondo, e' finita per voi !
 
SOVRANITA' INDIVIDUALE (Dichiarazione)

Negli USA l'agenzia (privata) di riscossione delle Tasse, non paga le Tasse ed e' in mano ai soliti Criminali !

vedi: QUESTI i SOCI delle VARIE BANCHE Centrali + BCE + FEDERAL RESERVE & C. (nei fatti tutte private)
vedi: La struttura della TRUFFA EUROPEA

Il debito detto falsamente "pubblico" per di piu' totalmente fasullo ed inventato per schiavizzare la popolazione, nasce gia' con l'Unita' d'Italia:
https://dalvenetoalmondoblog.blogspot.it/2016/09/il-debito-nasce-con-lunita-ditalia.html?spref=fb

Guardate questi video vi illustrano come i CRIMINALI ci hanno resi SCHIAVI....

 
 


Il Fondo Monetario Internazionale (FMI) e l’Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC) sono agenzie PRIVATE delle Nazioni Unite
, (dove gli stessi stanno pure barando, perchè le loro quote di potere sono scese dal 70 al 40 %), e la Cina se n'è accorta.
Non esiste più un vero e libero mercato internazionale, tutto è controllato e pilotato.
Questo è quello che diceva il New York Times nel 1994: “Con l’OMC è nato il terzo pilastro del Nuovo Ordine Mondiale insieme al FMI e all’ONU. Si delinea sempre di più una chiara volontà di un unico Governo Mondiale”, gestito dai banchieri....con i militari la loro mano sinistra....
Il Fondo monetario internazionale (International Monetary Fund, di solito abbreviato in FMI in italiano e in IMF in inglese) è un'organizzazione composta dai governi nazionali di 188 Paesi e insieme al gruppo della Banca Mondiale fa parte delle organizzazioni internazionali dette di Bretton Woods, dal nome della località in cui si tenne la conferenza che ne sancì la creazione. L'FMI è stato formalmente istituito il 27 dicembre 1945, quando i primi 29 stati firmarono l'accordo istitutivo e l'organizzazione nacque nel maggio del 1946. Attualmente gli Stati membri sono 188.

Visionate questo piccolo riassunto descrittivo del meccanismo che ha messo e sta immettendo in una strada senza ritorno, se nessuno interviene, al buco nero del collasso finanziario europeo.
vedi: Debito Pubblico + FMI = Fondo Monetario Internazionale
 

ARGENTINA (2001) ed ITALIA (2012)

Le origini del Fondo Monetario Internazionale
Durante i 30 anni, il mondo capitalista è stato devastato dalla Grande Depressione.
Migliaia di banche fallite, il valore di mercato dei terreni è crollato, le fabbriche fermato e decine di milioni di lavoratori sono rimasti disoccupati.
Il sistema finanziario e monetario internazionale, lo scambio, sono stati profondamente danneggiati. Una perdita generale di fiducia nella moneta cartacea ha portato ad un aumento della domanda di oro che non poteva soddisfare le tesorerie nazionali.
È per questo che molti paesi,  la copia del documento di una decisione del Regno Unito hanno abbandonato il gold standard, che, per anni, stabilito il valore della moneta rispetto ad una certa quantità di oro.
Durante i 30 anni, il valore delle valute era incerto, i paesi avevano conservato oro. Questo ha avuto l'effetto di ridurre ulteriormente le dimensioni e la frequenza delle transazioni monetarie, aumentando la depressione.
I governi disposti a vendere ad ogni costo i loro prodotti agricoli, per i compratori stranieri, hanno abbassato la loro moneta nazionale sotto il suo vero valore al fine di minare il commercio dei paesi vendendo gli stessi prodotti.
Questa pratica ("svalutazioni competitive") è stato utilizzato anche dal commercio privato, rafforzando l'incertezza finanziaria e minando il business.
Il rapporto tra denaro e il valore dei beni è diventato sempre più confuso, come quello tra le valute.
Il Capitalismo mondiale è stato immerso in una spirale di deflazione e recessione.

Tra il 1929 e il 1932, a livello globale, i prezzi sono diminuiti del 48% e il valore degli scambi è diminuito del 63%.
La massiccia distruzione di capitale e la frantumazione della classe operaia determinato dalla seconda guerra mondiale, ha creato le condizioni per la ripresa economica. Su questa base, le potenze vincitrici imperialista costruito un sistema monetario il cui scopo era quello di evitare il ripetersi del disastro economico di 30 anni.
Nei primi anni 40, due economisti di lingua inglese - H. Dexter White negli Stati Uniti e J. Maynard Keynes in Gran Bretagna - hanno proposto progetti simili. Hanno proposto la creazione di un sistema il cui ruolo potrebbe essere:
- sostenere la conversione delle monete, senza limiti;
- stabilire un chiaro valore per ciascuna valuta;
- eliminare qualsiasi pratica restrittiva, come ad esempio svalutazioni competitive.
Per controllare questo sistema, vi e' un organismo internazionale.
Nel 1944, durante la conferenza di Bretton Woods negli Stati Uniti, il Fondo Monetario Internazionale è stato fondato.
Se tradizionalmente il capo del Fmi è un europeo, quella di un procedimento parallelo, la Banca Mondiale, è ancora un americano.
La base fondamentale del FMI è sempre stato l'imperialismo statunitense. Installato negli Stati Uniti, composto principalmente da economisti, banchieri, finanzieri americani, i rappresentanti dell'FMI regolano gli scambi con il denaro degli Stati Uniti.
Inoltre, come il principale contributore al bilancio del Fondo monetario internazionale, gli Stati Uniti hanno sempre avuto più voti di qualsiasi altro paese e sono stati in grado di bloccare qualsiasi cambiamento nella sua Carta.

Cosa fare del Fondo Monetario Internazionale e della Banca Mondiale ?
La globalizzazione liberista non è caduta dal cielo. La devastazione che provoca sono il risultato di decisioni politiche, quelle di Washington prima, poi quelle delle maggiori potenze capitaliste che si trovano nel G8.
Strumenti multilaterali di questa riconfigurazione del mondo delle multinazionali e dei mercati finanziari, sono istituzioni finanziarie internazionali (IFI), primo Fondo monetario internazionale (FMI) e Banca mondiale.
Disorientate nel loro scopo originale, fissato a Bretton Woods dopo la seconda guerra mondiale, le istituzioni finanziarie internazionali dovrebbero essere radicalmente messe in discussione, sia nelle loro missioni e nelle loro modalità di funzionamento, profondamente anti-democratiche. Essi devono in particolare essere soggetti al rispetto dei diritti economici, sociali, ecologici e culturali, e la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Il "Giudice" sig.ra von Reitz riporta stralci dell'atto costitutivo del TRUST IMF (FMI) Fondo Monetario Internazionale, la CASSAFORTE delle CASSEFORTI, per dimostrarne la TOTALE EXTRA-TERRITORIALITA' e GIURISIDIZIONE di tale TRUST (chiamato Fondo)

Status, Immunities, and Privileges 
Section 1.
Purposes of Article To enable the Fund to fulfill the functions with which it is entrusted, the status, immunities, and privileges set forth in this Article shall be accorded to the Fund in the territories of each member.
Traduzione
Status, Immunità e Privilegi 
Sezione 1
Ai fini dell'articolo per consentire al Fondo di svolgere le funzioni a lui deputate, lo stato , le immunità e privilegi di cui al presente articolo sono accordati al Fondo nei territori di ciascun membro.

Section 2. Status of the Fund
The Fund shall possess full juridical personality, and in particular, the capacity:
(i) to contract;
(ii) to acquire and dispose of immovable and movable property; and
(iii) to institute legal proceedings.
Traduzione
Sezione 2. Status del Fondo 
Il Fondo ha PIENA PERSONALITA' GIURIDICA e, in particolare, DETIENE la capacità di : 
( i) AGIRE NEI CONTRATTI ; 
( Ii ) acquisire e alienare beni immobili e mobili ; 

( iii ) STARE IN GIUDIZIO

Section 3. 
Immunity from judicial process 
The Fund, its property and its assets, wherever located and by whomsoever held, shall enjoy immunity from every form of judicial process except to the extent that it expressly waives its immunity for the purpose of any proceedings or by the terms of any contract.
Traduzione
Sezione 3. Immunità dal processo giudiziario 
Il Fondo , le sue proprietà e le sue attività , ovunque si trovino e da chiunque siano detenuti, godono dell'immunità da ogni forma di processo giudiziario, eccezion fatta in cui venga espressa rinuncia alla propria immunità al fine di eventuali procedimenti o per i termini di qualsiasi contratto.

Section 4. Immunity from other action
Property and assets of the Fund, wherever located and by whomsoever held, shall be immune from search, requisition, confiscation, expropriation, or any other form of seizure by executive or legislative action.
Traduzione
Sezione 4. Immunità da azioni di terzi
Le Proprietà e le Attività del Fondo , ovunque si trovino e chiunque li detenga, sono esenti da perquisizione, requisizione, confisca, esproprio , o qualsiasi altra forma di sequestro di azione a carattere esecutivo o legislativo.

Section 5. Immunity of archives
The archives of the Fund shall be inviolable.
Traduzione
Sezione 5.
Inviolabilità degli archivi
Gli Archivi del Fondo sono inviolabili

Section 6. Freedom of assets from restrictions
To the extent necessary to carry out the activiti
es provided for in this Agreement, all property and assets of the Fund shall be free from restrictions, regulations, controls, and moratoria of any nature.
Traduzione
Sezione 6. Le Attività sono immuni da restrizioni
Nella misura necessaria per svolgere le attività previste dal presente accordo, tutti i beni e gli averi del Fondo sono esenti da restrizioni, regolamentazioni, controlli e moratorie di qualsiasi natura.

Section 7. Privilege for communications
The official communications of the Fund shall be accorded by members the same treatment as the official communications of other members.
Traduzione
Sezione 7. Tutela in materia di comunicazioni
Le comunicazioni ufficiali del Fondo avranno la stessa riservatezza delle comunicazioni ufficiali degli altri membri. (in pratica...STATEVI TUTTI ZITTI, che se ci beccano SIAMO ROVINATI!...Esattamente quello che accade in tutti gli altri comparti/ordini/istituzioni/trust MONDALISTI)

Section 8. Immunities and privileges of officers and employees
All Governors, Executive Directors, Alternates, members of committees, representatives appointed under Article XII, Section 3(j), advisors of any of the foregoing persons, officers, and employees of the Fund:
(i) shall be immune from legal process with respect to acts performed by them in their official capacity except when the Fund waives this immunity;
(ii) not being local nationals, shall be granted the same immunities from immigration restrictions, alien registration requirements, and national service obligations and the same facilities as regards exchange restrictions as are accorded by members to the
representatives, officials, and employees of comparable rank of other members; and (iii) shall be granted the same treatment in respect of traveling facilities as is accorded by members to representatives, officials, and employees of comparable
rank of other members.
Traduzione
Sezione 8. immunità e privilegi dei funzionari e dipendenti
Tutti i governatori , i direttori amministratori , i supplenti, o membri dei comitati, i rappresentanti designati ai sensi dell'articolo XII , sezione 3 ( j ) , consulenti di qualsiasi delle suddette persone (giuridiche), funzionari e dipendenti del Fondo :
( I) sono immuni da procedimenti legali in relazione ad atti da essi compiuti nell'esercizio delle loro funzioni, tranne quando il Fondo rinuncia questa immunità; (è COSI' PER TUTTO!)
( Ii ) NON SONO CITTADINI LOCALI (ovvero dipendenti cittadini americani, poichè la sede del FMI è a New Yok) e sono concesse loro le STESSE IMMUNITA' relative a restrizione migratoria, agli obblighi di registrazione validi per gli stranieri e agli obblighi di prestare servizio alle nazioni (le loro, di provenienza) e le stesse agevolazioni per quanto riguarda limitazione di cambio (di valuta) sono riconosciute dai membri del rappresentanti, ai funzionari e ai dipendenti di grado equivalente degli altri membri ; 
e ( iii ) è concesso lo stesso trattamento in materia di AGEVOLAZIONI DI VIAGGIO, come è parimenti concesso dai membri ai rappresentanti, funzionari e dipendenti di paragonabile
rango agli altri membri.

Section 9. Immunities from taxation
(a) The Fund, its assets, property, income, and its operations and transactions authorized by this Agreement shall be immune from all taxation and from all customs duties. The Fund shall also be immune from liability for the collection or payment of any tax or duty. 
(b) No tax shall be levied on or in respect of salaries and emoluments paid by the Fund to Executive Directors, Alternates, officers, or employees of the Fund who are not local citizens, local subjects, or other local nationals.
(c) No taxation of any kind shall be levied on any obligation or security issued by the Fund, including any dividend or interest thereon, by whomsoever held:
(i) which discriminates against such obligation or security solely because of its origin;
or
(ii) if the sole jurisdictional basis for such taxation is the place or currency in which it is issued, made payable or paid, or the location of any office or place of business maintained by the Fund
Traduzione
Sezione 9. Immunità fiscale
( A) Il Fondo , i suoi beni, le sue proprietà, il suo reddito e le sue operazioni e transazioni autorizzate dal presente accordo sono IMMUNI DA OGNI IMPOSTA e da TUTTI I DAZI DOGANALI. 
Il Fondo è anche IMMUNE da responsabilità per la raccolta o il pagamento di QUALSIASI TASSA O IMPOSTA.
( B) Nessuna imposta è riscossa su o in relazione a stipendi ed emolumenti versati dal Fondo agli amministratori esecutivi, ai supplenti, ai funzionari o dipendenti del Fondo che NON SONO CITTADINI LOCALI (degli Stati Uniti, paese dove ha la sede fiscale il Fondo Monetario Internazionale) , i SOGGETTI LOCALI o ALTRI CITTADINI LOCALI (quelli DEVONO PAGARE gioco forza Emoticon grin )
( C ) Nessuna tassa di ALCUN GENERE viene riscossa su alcun obbligo o titolo emesso dal Fondo, compresi gli eventuali dividendi o interessi, da chiunque siano detenuti:
( I) non esiste discrimine per tali dette obbligazioni o titoli unicamente a causa della loro emissione d'origine;
oppure
( Ii) se la sola base giurisdizionale per (la richiesta di) tale tassazione è il luogo o la valuta in cui viene emessa, redatta, dovuta o pagata o la posizione di qualsiasi ufficio o luogo di lavoro gestito dal Fondo

Section 10. Application of Article
Each member shall take such action as is necessary in its own territories for the purpose of making effective in terms of its own law the principles set forth in this Article and shall inform the Fund of the detailed action which it has taken.
Traduzione
Sezione 10. Applicazione dell'Articolo (leggasi "il Codice")
Ciascun membro adotta le misure necessarie nei propri territori (il carattere è sempre SOVRANAZIONALE, come vedete) al fine di rendere efficaci in termini di propria giurisidizione territoriale i principi di cui al presente Articolo e ne informa il Fondo dettagliando l'azione dettagliato da esso intrapresa

La "SPECTRE" GLI FA UN BAFFO a QUESTI CRIMINALI  !!
http://annavonreitz.com/salutelisahavens.pdf

FMI: Dirigente attuale (2014) Christine Lagarde:
sappiate che lei è la PRIMA a tremare se diventa di DOMINIO PUBBLICO la reale NATURA GIURIDICA di QUESTI ORGANISMI SOVRANAZIONALI e MONDIALISTI PERCHE' PAGA IN PRIMA PERSONA E IN SOLIDO ! QUESTA è "LA LEGGE" : "THE RULE of the LAW"
By Valeria Gentili
http://www.forbes.com/sites/robertwood/2012/05/30/imfschristine-lagarde-i-dont-pay-taxes-but-you-should/#68a67fe66f36

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

AVVISATE TUTTA LA POPOLAZIONE CON QUESTO VIDEO, FATELO GIRARE ALL'INFINITO !!
Che sappiate o meno che cosa sia, il Fondo di Redenzione Europeo (E.R.F.) ci rovinerà la vita per i prossimi 20 anni !!
vedi e'
IMPORTANTE:
http://attivo.tv/player/documentari/i-media-stanno-censurando-allintera-popolazione-un-nuovo-trattato-europeo-sconvolgente.html#sthash.4QWK6rLY.dpuf

Dove e' l'Oro del Popolo Sovrano Italiano ??
 

TBC da Fondo monetario internazionale 
Lo studio è il primo che riesce a stabilire una connessione diretta e misurabile fra prestiti del FMI e modificazioni dello stato di salute pubblica.

I prestiti del Fondo monetario internazionale (FMI) sono risultati associati, fra il 1992 e il 2002, a un aumento del 16,6 per cento dei tassi di mortalità da tubercolosi nei paesi dell'ex Unione Sovietica e dell'Est Europa: lo rileva un articolo pubblicato su PLoS Medicine che illustra uno studio condotto da ricercatori dell' Università di Cambridge, in Gran Bretagna, e della Yale University, negli Stati Uniti.
Lo studio ha trovato anche che i prestiti del FMI erano associati anche a un aumento del 13,1 per cento di nuovi casi di tubercolosi all'anno.
Fra il 1992 e il 2002 la maggior parte dei paesi analizzati aveva ricevuto per la prima volta prestiti dal FMI. Come osserva David Stuckler, uno dei coordinatori dello studio, "secondo il FMI l'obiettivo di questi programmi è raggiungere la stabilità macroeconomica e la crescita dell'economia...", ma i paesi beneficiari di questi prestiti sono stati costretti a ridurre la spesa sociale per raggiungere gli obiettivi posti come condizione al credito concesso, stabilendo tetti all'impegno pubblico nel campo della salute o privatizzando i servizi sanitari.
Lo studio è il primo che riesce a stabilire una connessione diretta e misurabile fra prestiti del FMI e modificazioni dello stato di salute pubblica.
Per le loro analisi Stuckler e colleghi hanno utilizzato i dati forniti dall'Organizzazione mondiale della sanità e i "World Development Indicators" della Banca mondiale per sviluppare dei modelli che permettessero di tener conto anche di possibili altri fattori influenti, come il livello di sviluppo economico, la situazione finanziaria, la prevalenza di Hiv/Aids ecc.
Utilizzando diverso gruppi di modelli i ricercatori sono giunti così a suggerire che i programmi del FMI siano collegati a una caduta dell'8 per cento della spesa statale, del 7 per cento del numero di medici pro capite e a una minore azione di copertura nei programmi di controllo della tubercolosi, che hanno avuto come esito un aumento della mortalità da tubercolosi.
Megan Murray e Gary King della Harvard University, che non sono stati coinvolti nella ricerca, hanno affermato che nonostante alcune limitazioni intrinseche a questo tipo di studi, "siamo convinti che gli autori abbiano fatto un notevole lavoro nel testare le loro assunzioni e nel mitigare le possibili incertezze, e per questo lo studio e le sue conclusioni andrebbero presi molto seriamente." (gg)
Tratto da: lescienze.espresso.repubblica.it

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Sovranita’ monetaria e Signoraggio bancario - "DEBITO PUBBLICO"
La competenza europea non è più Costituzionale. Possiamo rientrare, persino "legalmente".
Ciò non toglie che le regole sono state costruite raggirando i popoli, e che quindi in ogni caso i popoli hanno la sovranità necessaria per ribaltare una qualsiasi legge elitaria.

SOLUZIONE:
Dovremmo per risolvere il problema della Sovranita' monetaria, innanzi tutto nazionalizzare le Banche Centrali (FED + BCE
, ecc.), togliendole dalle mani dei privati, cosi come la Banca Italia (NON d'Italia, perche' anch'essa in mano ai privati), poi stampare carta moneta, come Stati Uniti d'Europa (UE), pari al debito "pubblico" delle varie nazioni UE che gli uomini di governo dei vari stati hanno contratto (e' tutto fatto di carta straccia, che i banchieri, del mondo piazzando i loro uomini negli stati o comprandoseli...hanno fatto si che gli stati si indebitassero con loro....e quindi ci potessero tenere per le palle....ricattandoci con il debito stesso), ed inviare la carta moneta stampata (la parte che li compete) al Fondo monetario internazionale (il FMI e' di proprieta' dei banchieri...e' una loro creatura, contemporaneamente, riscatta-ricompra i titoli statali emessi, che hanno acquistato i privati, gli altri stati e le banche) in modo da eliminare il debito, e cosi' ci riapproprieremmo degli interessi che ogni anno paghiamo (in Italia c.a. 100 miliardi di euros l'anno) e li potremmo investire nell'industria, nel turismo, nei servizi...e cio' per i vari stati indebitati...
CMQ ma sara' una gara dura, perche' gli USURAI del mondo hanno i loro uomini piazzati ovunque nel mondo e nei posti chiave....che faranno di tutto per impedirci di arrivare a farlo...!
Ma noi ce la possiamo fare !

Altra proposta per la soluzione-annullamento del cosiddetto falso Debito Pubblico:
in circa 30 anni l'Italia ha pagato interessi annui per il debito pubblico per un totale di circa € 3.400.000.000.000 (3 mila quattrocento miliardi), mentre il debito pubblico ammonta al 2014 a c.a. € 2.200.000.000.000 (duemila duecento miliardi
) per cui sottraendo dal totale, la somma gia' pagata, vi e' una plus valenza di c.a. 1.200.000.000.000, che le banche dovrebbero ridarci.....ma anche se non ce li ridanno, noi possiamo cessare di pagarle immediatamente investendo la stessa cifra annuale di falsi interessi, nella nostra economia....
http://www.centrostudimalfatti.org/cms/wp-content/uploads/2013/11/LA-TRUFFA-DEL-DEBITO-PUBBLICO.pdf

Video di Paolo Barnard, Rivoluzionario !

L’Islanda si libera in parte, del Fondo monetario internazionale 
By Elena Colombari – Tratto da “Rinascita” http://www.rinascita.eu/index.php?action=news&id=10290
L'Islanda è fuori dal Fondo monetario internazionale.
La Nazione-isola del Nord Europa si sta riprendendo dalla crisi economica indotta dal monetarismo usuraio internazionale e lo sta facendo in modo del tutto opposto a quello che viene generalmente propagandato come inevitabile.
Niente salvataggi da parte di Bce, Fmi o Banca Mondiale, niente cessione della propria sovranità a nazioni straniere, ma piuttosto un percorso di riappropriazione dei diritti e della partecipazione, e un coinvolgimento dell’opinione pubblica nazionale tra le più alte d’Occidente.
Anzi, dopo circa tre anni di aut aut rigettati dal popolo islandese attraverso un referendum e una Assemblea Costituente, il Fondo Monetario Internazionale e l’Islanda hanno preso strade diverse.
In tempi di presunti salvataggi nazionali portati avanti con ricette neoliberiste, di annullamenti di sovranità monetarie nazionali e di politiche di tagli violenti alle strutture amministrative, sociali ed economiche dei singoli Stati, lo stato islandese ha deciso di proseguire fermamente nella strada intrapresa oltre un anno fa, attraverso un imponente consenso dell’opinione pubblica nazionale, generalmente formata ed informata su temi così delicati e importanti.

Come riportato da diversi servizi della tv pubblica islandese Ruv, l’Fmi, portato a termine la sua sesta revisione dell’economia nazionale islandese a Washington, non proseguirà con altri “rapporti” o “consigli” pertinenti l’isola dell’Atlantico.
L’Fmi conclude quindi le operazioni in Islanda, e la lascia.
Il Primo Ministro islandese Johanna Siguroardottir ha annunciato la partenza dei funzionari in una conferenza stampa nella cittadina di Iono nei giorni scorsi, aggiungendo che la ricostruzione economica islandese è sulla retta via, con miglioramenti in corso e risultati ottenuti prima del previsto. Ha inoltre detto che la ricostruzione islandese dopo il collasso bancario del 2008 “è andata oltre ogni aspettativa” ...
Il ministro delle Finanze Steingrimur J. Sigfusson ha preso parte alla conferenza sostenendo che la stabilità finanziaria islandese sarebbe nuovamente solida.

Il ministro dell’Economia e del Commercio Arni Pall Arnason ha ricordato come molte persone fossero preoccupate e avverse alla cosiddetta cooperazione tra Fmi e Islanda, proprio per il timore che il loro “benessere” – altro elemento di vanto e di efficienza - sarebbe stato tagliato duramente e che sarebbero state prese misure drastiche, basate sui diktat classici utilizzati dal Fondo Monetario nei suoi interventi in Europa, Estremo Oriente e in Sudamerica.

L’arrivo del FMI in Islanda fu accolto in maniera estremamente fredda da gran parte della popolazione, convinta che il Fmi avrebbe affogato la nazione in uno stato di permanente debito, come ormai troppi paesi hanno già sperimentato in passato.
La partenza dei funzionari del Fmi è stata quindi vista con soddisfazione da gran parte dei cittadini.
L’Islanda ha seguito un particolare percorso per questo sganciamento dal sistema monetario occidentale. Anche chiedendo un aiuto alla Russia (4 miliardi di euro) nel 2008.
E di fatto duplicando quanto a suo tempo operato sia dalla stessa Russia (caduta nel baratro monetarista ai tempi di Eltsin) che dall’Argentina, la cui economia - fermato il debito pubblico sotto la presidenza Kirchner - è tornata a volare a tassi del'8% annuo.

FMI = Carestia, la povertà, l'imperialismo Gestiti dai criminali prePotenti = Bilderberg (gruppo di criminali)
vedi: Debito pubblico inesistente

Pilastro del Nuovo Ordine Mondiale imperialista dal dopoguerra, il FMI (Fondo Monetario Internazionale) è per i lavoratori "in via di sviluppo" una situazione che significa licenziamenti, gli attacchi contro le condizioni di vita dei lavoratori e della miseria generalizzata per la classe operaia ed impiegatizia.
Infatti, al fine di "stabilizzare" l'economia e "ristabilire la fiducia degli investitori", il FMI insiste sul fatto che ogni governo applichi la sua austerità in "piani" che i lavoratori di tutto il mondo subiscono con le conseguenze del caso.
Il piano di austerità è diventata la principale prima di finanziare FMI in atto per, affrontare la fuga dei capitali, il debito estero a diventare opprimente o la perdita di riserve valutarie - i classici segni di una peggiorata crisi finanziaria .
Il FMI, e' la struttura di base del moderno imperialismo, si è autodefinito come segue:
- E' politicamente neutrale, come una sorta di banchiere di volontariato, ma pieno di buon senso, applicando la volontà dei suoi paesi membri.
- Ed il suo unico obiettivo e' quello di sostenere lo sviluppo e la crescita del commercio internazionale.
- Il finanziamento viene utilizzato solo per consentire ai paesi membri di superare temporanee difficoltà finanziarie - in particolare nel campo delle bilance dei pagamenti (vale a dire avere i soldi per pagare le importazioni) - e contribuendo a realizzare i cambiamenti strutturali necessari per aumentare le esportazioni.
La sua dottrina è quella del neoliberismo, con l'obiettivo che tutti i paesi possono avere una specializzazione nel campo della produzione, per massimizzare il benessere dei cittadini.

Questa è la versione ufficiale, la visione imperialista della cosa.
La verità è ben diversa.
In realtà, il FMI agisce come una sorta di ministero delle finanze su scala globale.
Esso controlla la situazione dei paesi particolare "terzo mondo" - il semi-colonie di Asia, America Latina e Africa - nell'interesse di una manciata di potenze imperialiste, specialmente gli Stati Uniti, Germania, Francia, Giappone e Gran Bretagna, che dominano l'economia mondiale.

I veri obiettivi
del Fondo Monetario Internazionale (FMI) sono infatti molto chiari:
- Assicurarsi che la capacità di un paese a rispettare gli obblighi debito verso le banche private. L'eventuale eccedenza finanziaria creata da l'esportazione o la privatizzazione deve prima essere utilizzati per pagare gli interessi sui debiti alle banche straniere.
- Apertura dei mercati nazionali agli investimenti e proprietà da parte dei principali paesi imperialisti.
In seno al FMI, alcuni paesi membri - le potenze imperialiste - sono più uguali degli altri.
Nel perseguire
il suo progetto di abolire tutte le restrizioni alla libera circolazione delle merci, dei servizi e dei capitali, il Fondo monetario internazionale rende chiaro che si tratta di un arma al servizio dei ricchi e dei potenti.

Il FMI e la crisi degli anni 80
Fino ai primi anni '70, la maggior parte dei paesi semi-coloniali hanno navigato l'ondata della crescita che sono stati i "boom del dopo guerra". Le esportazioni sono cresciute ad un ritmo sufficiente ad evitare che il disavanzo nella bilancia dei pagamenti. Hanno sbriciolato sotto il peso delle importazioni. Loro deficit possibili sono stati finanziati da crediti commerciali, prestiti a governi stranieri o agenzie internazionali.
Nel 1971, le banche private erano solo un terzo dei prestiti esteri nei paesi del "terzo mondo".
Poi verso la fine degli anni '70 sono stati segnati dalla crisi, due recessioni globali colpito l'economia mondiale e la domanda per le esportazioni tradizionali provenienti da Africa, Asia e America Latina sono cadute.
Alla fine della recessione globale del 1980-82, paesi come Brasile, Messico, Argentina e Venezuela sono falliti. Non riuscivano a pagare gli interessi sui debiti alle banche private che avevano offerto i prestiti per i 70 paesi che costituivano il deficit prodotto dalla crisi internazionale.
Nel 1970, il debito dei paesi dominati dall'imperialismo era l'ordine di $ 75 miliardi. 15 anni dopo, questa cifra è stata moltiplicata per 12: il debito era di 900 miliardi di dollari.
La maggior parte dei prestiti richiesti dalle classi dominanti di semi-coloniale, in quei paesi, non erano destinate ad aumentare il tenore di vita della popolazione. Molti di loro erano direttamente connessi alle commesse militari il cui obiettivo era quello di rafforzare i regimi repressivi in America Latina e in Africa di fronte pressione popolare e rafforzando, allo stesso tempo, i profitti multinazionali in Europa e negli Stati Uniti che ha prodotto beni militari (armi, aerei, elicotteri, automobili, ecc) ..
Altri di questi finanziamenti sono stati utilizzati, per progetti chiamati di "prestigio", inutili per la popolazione, ma avevano lo scopo di rafforzare il regime agli occhi del popolo e le classi dirigenti degli Stati confinanti.
E, naturalmente, tra questi prestiti i miliardi di dollari e/o parte di essi sono stati semplicemente dirottati su conti privati di cui hanno goduto ad esempio alcuni dittatori: Mobutu e Suharto.
Durante la recessione del 1980-82, il peso del debito è diventato troppo complesso. Il crollo della domanda di materie prime durante i '70 ha inferto un primo colpo ai paesi dell'America Latina. Questo fu seguito nel 1979 dall'esplosione dei tassi di interesse dal 7% al 17% - mentre gli Stati Uniti cercarono di frenare l'inflazione.
Di conseguenza, il rimborso del solo interesse - non il debito - ha consumato una quota crescente dei proventi delle esportazioni, che sono diminuite. La quota di reddito dei paesi semi-coloniali assorbita dalla spesa per interessi è passata dal 15% nel 1977 al 25% nel 1982.
Durante questo stesso periodo, l'importo totale versato dai paesi dominati dall'imperialismo aumentata dal 40-121 miliardi di dollari. Paese dopo paese, la borghesia locale erano sul punto di gettare la spugna.
Banche, minacciate dalla perdita dei loro soldi, hanno chiesto l'intervento del FMI per salvare i risparmi. Abbiamo dovuto evitare il fallimento e di imporre misure politiche ed economiche necessarie per garantire il rimborso del debito. In questo contesto, il FMI ha trovato il suo scopo.
Dalla fondazione delle istituzioni finanziarie alla gestione dell'economia capitalista mondiale nel 1944, gli Stati Uniti assicurarono che tutti i paesi che desideravano ricevere denaro dalla Banca Mondiale dovevano essere tenuti ad aderire al Fondo monetario internazionale e quindi a servire la sua politica.
Nel 1978, gli Stati Uniti hanno modificato lo statuto del Fondo monetario internazionale, in modo che qualsiasi prestito è subordinato l'accettazione della politica di riforma economica del FMI.
Questo cambiamento ha diffusa una politica che era stato precedentemente applicato solo selettivamente.
Per esempio, quando un paese imperialista stava lottando per sbarcare il lunario - come nel caso della Gran Bretagna nel 1960 - nessuna condizione particolare è stato associato con il prestito dal Fondo monetario internazionale.
Il destino dei paesi semi-coloniale era molto diverso.
Nel 1954, il Perù è stato il primo paese latinoamericano a rivolgersi al Fondo Monetario Internazionale, ha dovuto subire un drastico programma di riforme economiche. Lo stesso vale per il Cile nel 1956.
La crisi del debito degli anni '80 ha portato a una corsa al FMI. Alla fine del 1984, il 40 dei paesi semi-coloniale,hanno firmato accordi con il FMI. Naturalmente, questi accordi sono stati formulati per evitare il controllo democratico sul processo di "riforma" richiesto dal FMI.
Le cose sono sempre le stesse:
il Fondo monetario internazionale ha scritto una lettera di intenti che precisa le condizioni imposte, il governo di quel paese che riceve i prestiti deve firmare. Solo successivamente i fondi vengono poi rilasciati.
L'accordo non può essere pubblicato e non hanno lo status di un trattato internazionale, non è necessariamente discussa dal parlamento di quel paese.

Il FMI non è gratuito.
Il paese debitore  deve pagare lo 0,25% del prestito per coprire "spese di agenzia" FMI !
Poi, deve pagare il 4,5% del prestito direttamente ai paesi membri le cui valute compongono il denaro prestato

Il risultato è un trasferimento di ricchezza dai paesi semi-coloniale, verso i paesi paesi imperialisti.
Infine, il paese mutuatario deve adottare un "aggiustamento strutturale", senza il quale non gli è consentito agire sui mercati dei capitali internazionali, il che lo priva di accesso alla ricchezza se non aderisce.
Lo scopo del progetto è quello di profitti delle banche e il trasferimento di ricchezza nazionale agli imperialisti.

Il piano tradizionale della FMI ha alcuni elementi immutabili:
- svalutazione della moneta;
- pagamento di tassi di interesse;
- l'eliminazione dei sussidi, compresi gli alimenti;
- aumento dei prezzi praticati dalle imprese di Stato per l'acqua e di energia, ecc,. o la privatizzazione di tali imprese;
- salario controlli;
- la restrizione del credito.

Tutte queste misure di "adattamento" hanno lo stesso obiettivo: limitare la domanda interna e delle importazioni e il rafforzamento delle esportazioni causato dalla diminuzione dei loro prezzi.
Tutti i ricavi dalle esportazioni devono essere utilizzati in primis per il rimborso degli interessi sul debito e successivamente il pagamento del debito (capitale) stesso....

Gli investimenti stranieri
Ripristinando l'equilibrio della bilancia dei pagamenti, il FMI fornisce il paese di attrarre nuovi investimenti stranieri. Quando gli imperialisti tornano in questi paesi, ogni cosa è per loro, più conveniente a causa della svalutazione.
Anche in questo caso, queste misure hanno un solo obiettivo: creare - o ricreare - le condizioni per l'estrazione del super-profitti per gli imperialisti.
In America Latina, il 80, la politica del FMI ha portato ad un "decennio perduto" per le masse. Il Brasile è un esempio tipico.
Nel gennaio 1983, il Brasile ha firmato un accordo con l'FMI e ha intrapreso un programma di "stabilizzazione" fornito in tre anni.
In cambio ha ricevuto un prestito di 4,5 miliardi di dollari, ed ha dovuto applicare il piano deciso dal FMI:
- svalutazione della moneta del 30%;
- dimezzare il deficit della bilancia dei pagamenti nel 1983;
- dimezzare il deficit di bilancio;
- Il calo dell'inflazione del 100% annuo al 85% in 12 mesi;
- tassi di interesse e la rimozione dei sussidi;
- l'abbandono di indicizzazione dei salari, dando luogo ad una perdita di potere d'acquisto dei lavoratori.

Considerato che con la svalutazione, i prezzi sono saliti due volte più veloce dei salari, molti lavoratori hanno vissuto la povertà.
Le esportazioni sono cresciute ma la resistenza degli operai 'ha fatto sì che i salari non sono stati in diminuzione nelle proporzioni auspicato dal FMI.
Di conseguenza ? Il FMI ha rifiutato di consegnare la seconda tranche del prestito, fino a quando il governo avesse passato una legge decretando che l'aumento dei salari non  avrebbe potuto raggiungere l'80% dell'aumento dei prezzi !
I lavoratori sono messi in moto e il Governatore della Banca del Brasile fu costretto a dimettersi. Ai margini del fallimento, il governo brasiliano schiaccio' il movimento e porto' velocemente il paese nella politica del FMI.
Nel novembre 1983, il FMI finalmente rilascio' la seconda tranche del prestito pari a 11 miliardi dollari, la cui unica funzione è stata ... per ripagare il debito.
I paesi latino-americani per 80 anni ha agito come cavie neoliberiste del FMI.
Uno dopo l'altro, ogni paese ha dovuto adottare una politica di export orientata e basato su un programma di privatizzazione delle industrie nazionali a beneficio delle multinazionali e dei banchieri imperialisti con una vera e propria distruzione di aiuti di Stato per i più poveri
.
Ma nel 1997, il crollo del sud-est asiatico ha dimostrato l'errore del neo-liberalismo, e le teorie sostenute dal FMI sullo sviluppo capitalistico.
Il FMI stava cantando le lodi di queste economie. Il FMI  prese i suoi modelli, per mostrare come i paesi del "terzo mondo" avrebbero potuto registrare una crescita e di stabilità e godere degli investimenti esteri.
Tra il 1990 e il 1996, in quei paesi le banche estere, applauditi dal FMI, che hanno visto modelli applicati in tutto il mondo semi-coloniale.
Ma e successivamente,  la verità si e' stata palesata: sovrapproduzione, crollo dei profitti, crediti inesigibili e fuga di capitali.
Uno dopo l'altro, Indonesia, Tailandia, Malesia, Corea del Sud e Filippine sono tutti caduti e no sono stati
in grado di difendere le loro valute contro la corrente finanziaria gestita dai banchieri imperialisti, le loro economie sono quindi crollate.
Dal momento che tutti quelli che hanno seguito l'incondizionata politica del FMI, hanno creduto al diritto di aspettarsi che lo FMI rilasciasse immediatamente i fondi per salvarli.
Niente affatto. Per il FMI, la crisi doveva essere pagata dal popolo. Ciò ha comportato la riduzione delle spese statali, la limitazione della domanda interna e dei salari e tassi di interesse in aumento.
Il "apprendisti stregoni" del FMI hanno anche aggiunto una clausola alla deregolamentazione dei movimenti di capitali uno dei fattori che hanno innescato la crisi !
Lo scopo del Fondo monetario internazionale è semplice: usare la crisi per aprire il paese come tante ostriche, consentendo alle banche ed agli imperialisti delle aziende multinazionali di ottenere i migliori prezzi e pezzi del paese.
Ecco perché l'accordo del 1997 dicembre tra il FMI e la Corea del Sud ha richiesto una profonda riforma strutturale, la chiusura di istituti finanziari, l'acquisizione di banche nazionali da parte di banche estere e una fine ai prestiti del governo. Nelle parole di un commentatore, l'obiettivo del Fondo è nettamente chiaro
"Non ci può essere alcun dubbio, i veri vincitori sono le società giapponesi e occidentali.
Il trasferimento a proprietari stranieri e' iniziato, segnato da euforia, come mostrato in questa nota un funzionario di una banca
UK:
'Se ieri qualcosa valeva £ 1.000.000.000, ora vale solo 50 milioni, è piuttosto eccitante.
La combinazione di svalutazioni massicce di liberalizzazione a qualsiasi recupero dei costi e sostenuto dal Fondo monetario internazionale, potrebbe anche generare il più grande trasferimento di ricchezza domestica ai proprietari stranieri, mai visti in tempo di pace per 50 anni. Anche il trasferimenti verso gli Stati Uniti che abbiamo visto in America Latina negli anni '80 e' stato  niente in confronto a queste ultime fasi di questa. "

Il futuro del Fondo Monetario Internazionale:
I filo-imperialisti ed il carattere delle condizioni avanzate dal Fondo Monetario Internazionale non sono mai stati chiari nonostante quello che Michel Camdessus ha detto, senza ridere, alla fine di ottobre, i programmi del FMI  sono preparati per "cercare di garantire che le dinamiche di recupero degli sviluppi al servizio dello sviluppo umano, come la spesa pubblica è più possibile per l'educazione alla sanitaria di base, ecc. è il modo migliore per dare la possibilità ai poveri ".
L'unico punto di critica di Camdessus  che ha ammesso cinicamente, che "la liberalizzazione è stata spesso condotta in spregio del buon senso".
E i milioni di lavoratori e giovani che hanno sperimentato gli effetti nocivi dei programmi del FMI sulla loro vita, allora ?
Dimenticato !
Come Piaf, il FMI non ha rimpianti. Dopo tutto, queste conseguenze sono la sua ragione d'essere.
Il futuro del FMI e' che si possono prendere due direzioni. Da un lato, è possibile che il numero e la profondità delle crisi finanziarie degli anni '90 e future, possano esaurire le risorse del FMI.
Pertanto, gli imperialisti temono che la prossima crisi sarà l'ultima. Perché la risposta alla crisi strisciante che ha spazzato i mercati azionari del mondo, il FMI ha bisogno di più soldi.
Stati Uniti, il Congresso ha dato "solo" 18 miliardi dollari per il Fondo monetario internazionale il mese scorso. Ma il suo strumento prediletto ente finanziario ha bisogno di molto di più. Se crolla sotto il peso di questa crisi o per la prossimo, potremo vedere il crollo del sistema commerciale globale e un ritorno al caos, che ha caratterizzato gli anni '30. Questo è il senso reazionario.
Ma c'è un altro lato.
Le lotte dei poveri e degli sfruttati contro l'austerità imposte dal Fondo Monetario Internazionale potrebbero bloccare i piani di quest'ultimo, che portano al rovesciamento di governi borghesi che cercano di attuarle. Ecco la via rivoluzionaria.
Solo seguendo questo percorso che può strappare dalle mani dei capitalisti, delle banche e delle fabbriche di tutto il mondo e metterli sotto il controllo di coloro che vi lavorano e producono il vero denaro con le loro fatiche.
In queste circostanze, se i paesi più sviluppati sono stati costruiti con gli operai del governo, potrebbero cominciare la costruzione di un ordine monetario internazionale, opposto a quello del FMI. Sarebbe un ordine basato su un sistema globale di pianificazione, un sistema progettato per aumentare il tenore di vita dei poveri.
L'espropriazione e la nazionalizzazione delle banche potrebbe abolire il debito nazionale.
Proventi delle esportazioni non alimenterebbero più l'avidità del capitale internazionale e dando luogo al trasferimento di ricchezza nelle mani di un pugno di multinazionali.
Un'istituzione monetaria internazionale sotto il controllo democratico degli stati ormai ritornati sovrani, porterebbe ad un sistema di tassi di cambio stabile di pagamento tra i Paesi membri di una federazione di paesi, consentendo alle  valute di esistere, se questa fosse la volontà delle masse lavoratrici di quei paesi.
Ma una transizione, durante la quale ciascun paese potrebbe essere integrato all'interno di una produzione internazionale e la distribuzione, si tradurrebbe inevitabilmente, minano la necessità per le monete nazionali. I soldi spesi per il commercio potrebbe essere un'utile aggiunta.
Da questa prospettiva, quella rivoluzione, la politica monetaria avrebbe il solo scopo di misurare la produttività del lavoro, indicando le istituzioni pianificazione modo migliore per distribuire il denaro all'interno del nuovo sistema nel suo complesso.
Questa è una prospettiva molto diversa da quella del FMI. Ma è l'unico che può tirar fuori l'umanità del ciclo di crisi, la repressione e la guerra che è la sorte comune sotto il dominio del capitalismo. Si tratta di una prospettiva razionale e di emancipazione mettendo la produzione al servizio dell'uomo e non viceversa.

Come è stato detto nel 1983 dal Segretario del Tesoro degli Stati Uniti, Donald Regan:
"Il FMI è essenzialmente un istituto non-politico ... Ma questo non significa che gli interessi politici e di sicurezza degli Stati Uniti non sono serviti dal FMI".
Durante i suoi primi 25 anni, il FMI era molto visibile. Il sistema monetario internazionale era stabile. Secondo l'accordo di Bretton Woods, 1 oncia di oro valeva 35 dollari. Gli Stati Uniti erano pronti a vendere e comprare a questo prezzo in ogni momento.
Fino a quando
il dominio economica degli Stati Uniti è stato assoluto e che ci sia stato abbastanza oro nei forzieri, non vi era alcuna necessità di intervento del FMI.
Ma durante il "boom dopo guerra", il predominio degli Stati Uniti da altri paesi si è indebolito, mentre i secondi - Europa e Giappone - sono stati arricchiti.
Nei primi anni
'70, il tesoro degli Stati Uniti non aveva più riserve di oro sufficiente a scambiare dollari detenuti all'estero.
Nel 1971
, di fronte a una crisi finanziaria fiorente, gli Stati Uniti unilateralmente hanno abbandonato tassi di cambio fissi. Un nuovo periodo si è aperto, quello di tassi di cambio fluttuanti. Ma come evitare il ritorno di svalutazioni competitive degli anni '30 ?
E 'stato in quel momento che il FMI e' entrato in scena.

Come ha detto uno storico ufficiale del FMI:
"Con l'adozione del sistema attuale, i paesi membri del FMI hanno chiesto di andare oltre l'importo di scambio che, dopo tutto, è il risultato finale di una serie di politiche economiche, e di esaminare tutti gli aspetti l'economia di un paese membro che portano lo scambio e come è onesto valutare l'andamento dell'economia in modo che tutti i paesi membri possano saperlo.
In breve,
l'attuale sistema richiede maggiore trasparenza per quanto riguarda le politiche dei paesi membri e di dare al Fondo monetario internazionale una maggiore capacità di controllo di tali politiche.
il Fondo monetario internazionale
definisce di "controllo" questa attività, o alla vigilanza, la politica di scambio dei paesi -soci.
Questo "controllo" si basa sulla convinzione che la politica economica interna è la base per un forte e coerente per avere tassi di cambio piu' stabili possibile, ed un'economia in crescita e prospero globale "

Conclusione:

Il FMI è il "poliziotto" dell'imperialismo finanziario.
Vi
è quello di garantire che le politiche economiche nazionali dei paesi membri utilizzato l'apertura del commercio e dei movimenti di capitali, il beneficio dei paesi imperialisti.
Inevitabilmente, un tale sistema di apertura può solo aiutare e valorizzare la ricchezza ed il potere degli imperialisti, la cui produttività economica, risorse, capitali e leadership tecnologica, possibile eliminare qualsiasi concorrenza dove non vi sono barriere protezionistiche per i movimenti di capitali o di beni.
Il FMI è quello di garantire che i paesi che entrano in una crisi finanziaria e sono costretti a chiedere aiuto - soprattutto quelli semi-coloniale, cioe' i paesi più poveri, sono costretti a rimuovere tali barriere
.
..

Video da visionare per comprendere il meccanismo del FURTO dei nostri beni da parte di questi CRIMINALI a livello mondiale !

IMPORTANTE
La Banca d’Inghilterra conferma attraverso il documento (dettagliatissimo in lingua originale) raggiungibile al link sottostante, la creazione di denaro dal NULLA attraverso la riserva frazionaria e il signoraggio bancario in mano a banche private e autorizzate dalle banche centrali anch’esse di proprietà delle suddette banche in percentuale più o meno variabile:"
http://www.bankofengland.co.uk/publications/Documents/quarterlybulletin/2014/qb14q102.pdf
In più, quest'altro link come ulteriore, robusta conferma:
http://www.theguardian.com/commentisfree/2014/mar/18/truth-money-iou-bank-of-england-austerity

EURO FALSO:  TUTTI I DEBITI CONTRATTI CON LE BANCHE SONO ANNULLABILI !
Nel contrato non è scritto chi è il proprietario della moneta….quindi: chi è il creditore ? chi il debitore ?...e per cui TUTTI i debiti sono nulli “tutti i debiti contratti con le banche sono infatti annullabili”.
 “Il sillogismo è semplice: siccome le banche evitano di iscrivere in contabilità, a patrimonio netto, la quota annuale di denaro virtuale che creano dal nulla, è evidente che lo considerano esse stesse “denaro falso“.
I debiti contratti con denaro falso ovviamente non sono giuridicamente validi.”
Ecco quindi che, se non tutti in generale, almeno quei debiti che implicano come creditore o controparte una banca, devono essere considerati nulli dalla nascita !
In sostanza, parafrasando, se il denaro non risulta “battezzato” contabilmente alla nascita certificandone l’origine, non può godere dei diritti civili.
Tratto dal testo dell’economista Nino Galloni, IL FUTURO DELLA BANCA, da dove si impara che la contabilità bancaria attuale è completamente falsa.

INOLTRE
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-000302/2012 alla Commissione Articolo 117 del regolamento
Marco Scurria (PPE)
Oggetto: Natura giuridica della proprietà dell’euro
In risposta ad un’interrogazione scritta sul medesimo tema presentata dall’on. Borghezio fornita il 16 giugno 2011, la Commissione informa il collega che “al momento dell’emissione, le banconote in euro appartengono all’Eurosistema e che, una volta emesse, sia le banconote che le monete in euro appartengono al titolare del conto su cui sono addebitate in conseguenza”.
Può la Commissione chiarire quale sia la base giuridica su cui si basa questa affermazione ?
Olli Rehn non fa altro che ribadire che dopo l’emissione, ossia dopo la creazione fisica delle banconote o più verosimilmente dell’apparizione in video delle cifre sui terminali dell’Eurosistema (totalmente a costo zero, se si esclude l’energia elettrica che mantiene accesi i computers…) la proprietà dei valori nominali appartiene al nuovo proprietario, e se uno e' proprietario non puo' essere contemporaneamente debitore, dato che il denaro precedentemente all'emissione nei fatti apparteneva al NULLA.....e non alla banca ! e quindi e' al NULLA che semmai va reso....


Guardate cosa afferma il Consiglio Direttivo della Banca Centrale Europea – BCE - (Tratto dal sito ufficiale www.ecb.int) nel  loro documento: “Decisione della Banca Centrale Europea del 6 dicembre 2001 relativo all’emissione delle banconote in euro”, al comma 3: “L’emissione delle banconote in euro non necessita di essere soggetta a limiti quantitativi o di altro tipo, visto che la immissione in circolazione di banconote è un processo indotto dalla domanda.”
Tratto da: http://www.ecb.europa.eu/home/html/index.en.html

Commento NdR: L'Eurosistema e' nei fatti di proprieta' di PRIVATI cosi come le varie Banche Centrali Nazionali dei paesi aderenti alla UE, quindi tutto il sistema bancario europeo e' in mano ai privati cosi pure come l'emissione della moneta (denaro)
Ricordiamo a tutti che le Banche facendo sorgere dal "nulla" (che non esiste, per proprieta' intrinseca) il denaro, esse lo "prendono" dal TUTTO presente ed esistente nell'INFINITO, e ce lo accreditano nel nostro conto corrente di cui siamo proprietari e non debitori;, se noi chiediamo ad esse di darci un credito,  quindi trattasi di DONAZIONE dell'Infinito a tutti noi, che le Banche ci RUBANO e ci chiedono pure gli interessi, I banchieri e le banche, sono dei veri e propri CRIMINALI, protetti dalle leggi inique degli "stati" (a loro volta aziende private) loro servi, perche' i Banchieri immettono, sponsorizzano o pagano, i "loro" uomini politici e non, nei posti chiave degli stati, per ottenere cio' che vogliono... da questi ultimi, alla faccia del popolo che rimane in TOTALE schiavitu' !