Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


VITAMINE ANTI CANCRO
 vedi: Terapia G. Puccio, dimostrazioni effetti del Bicarbonato di Sodio
E' INDISPENSABILE per stare sempre BENE e' l'assunzione quotidiana, per certi periodi,
di acqua Basica a pH min. di 7,35 > 11 (almeno 1,5 lt)
Le bevande troppo saline e/o le bevande industriali, non vanno bevute giornalmente e/o spesso,
anche e per le loro forti acidita', in quanto influiscono sull'alterazione dei giusti valori di pH dell'acqua del corpo.

L'acidosi e' la base fisiologica del Cancro -  Il Conflitto Spirituale Irrisolto, ne e' la Causa primaria
Nutriterapia Biologica Metabolica x Cancro
  Circolazione sanguigna: prevenzione degli infarti e del cancro. I citrati eliminano calcificazioni arteriose. Gli ascorbati fanno il resto !
 Paolo-Lissoni: i-segreti-della-pineale-anticancro-io-oncologo-vi-spiego-perche-la-medicina-esclude-di-bella/
 


II UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI
AZIENDA UNIVERSITARIA POLICLINICO
I Divisione di CHIRURGIA GENERALE E GASTROENTEROLOGICA
Cattedra di Chirurgia Generale
Dir.  Prof. RENATO DE MAGISTRIS
II POLICLINICO  VIA PANSINI, 17
- 80131 NAPOLI - Tel. 081/ 566.66.16
e-mail rdema@unina2.it
- www.renatodemagistris.net

VITAMINA B12 E OMOCISTEINA NELLA GENESI DEL CANCRO: STOMACO METABOLICO

Premessa 
Nel 1989 l’Organizzazione mondiale della Sanità (OMS) proclamò l’anno dell’Europa contro il cancro, emanando un decalogo di natura alimentare che prevedeva un maggior consumo di cereali, frutta e verdura rispetto ai prodotti e derivati animali.
Ricerche condotte da Doll e Peto posero in risalto come una alimentazione non idonea incideva nelle morti per cancro di un 5% in più, rispetto a quelle per il fumo.
Il confronto tra i consumi alimentari, delle regioni prese a campione, registra una maggiore incidenza di neoplasie gastriche laddove è più alto il consumo di grasso e derivati animali rispetto a quelle in cui si consumano in prevalenza cereali.
Importanti, per comprendere i meccanismi di tale correlazione, sono gli studi di biologia molecolare.
La moltiplicazione delle cellule dipende dai GENI e dai RECETTORI NUCLEARI.
I GENI
(fig.1) sono quella parte del DNA preposta alla trasmissione dell'informazione;

Fig.1

I RECETTORI NUCLEARI hanno la funzione di attivare il GENE. La loro funzione può essere riconducibile alla antenne radio: ricevere il segnale e poi trasmetterlo (fig.2).

 Fig.2

Per i non addetti ai lavori ci limiteremo a dare notizia sull’importanza di alcune vitamine nell’organismo umano, prima fra tutte la vitamina B12. Questa ha un ruolo importantissimo nella salute in quanto consente la trasformazione della OMOCISTEINA in METIONINA, che è la premessa indispensabile perché i sistemi neuromuscolare e cardiovascolare possano funzionare in maniera corretta  e la formazione del materiale genetico possa avvenire  in modo fisiologico.

Ora, poiché la mucosa gastrica secerne una glicoproteina che è conosciuta come fattore intrinseco di Castle, fondamentale per l’utilizzazione della vitamina B12, lo stomaco assume un ruolo centrale per il nostro stato di salute.

Da quanto sopra descritto facilmente si potrà dedurre  che se la mucosa dello stomaco è alterata nella sua funzione, quest’organo potrà  diventare  la porta d’ingresso di numerose patologie, neurovascolari, muscolari, neurologiche, cardiovascolari e neoplastiche (fig.3).

Fig.3

Altre vitamine importantissime, per la salute dell’organismo, sono la vitamina  B9, la vitamina  A e la vitamina E; la presenza di quest’ultima è fondamentale perchè i retinoidi, cioè la vitamina A  e gli acidi grassi polinsaturi possono funzionare.
Il ciclo vitale della cellula è caratterizzato da 4 fasi: nascita, differenziazione, invecchiamento e morte (fig. 5).
La vita della cellula dipende dal gene. Quando la cellula non è attiva il gene è compresso da una proteina detta corepressore;  quando invece deve trasmettere l’informazione per attivare la replicazione della cellula il corepressore deve “andare via” e deve “entrare” una proteina che svolge funzione di attivatore detta appunto coattivatore. In questa dinamica svolgono un ruolo fondamentale la vitamina A, la vitamina E, gli acidi grassi polinsaturi, la vitamina B12 e la vitamina B9.

L’APOPTOSI,  o  morte programmata della cellula, è un fenomeno naturale e fondamentale perché garantisce l’equilibrio tra la produzione delle cellule  e la loro morte, in modo che il numero delle cellule rimanga sempre costante; l’apoptosi diventa  patologica quando essa avviene precocemente o tardivamente.
I principali meccanismi capaci di indurre apoptosi sono lo stress, l’ipossigenazione, le sostanze citotossiche, i danni al DNA ed altri ancora. L’apoptosi è, solitamente, un congegno attivato dall’azione combinata tra recettori e geni.

SONO STATI GLI STUDI SUI RECETTORI A CHIARIRE IL RAPPORTO TRA ALIMENTAZIONE E CANCRO.
Un’alimentazione ricca di acidi grassi saturi, cioè di prodotti e derivati animali, stimola in prevalenza il ruolo del metabolismo lipidico a livello del cervello e blocca l’apoptosi facilitando la comparsa del cancro. Il consumo prevalente di glicidi complessi, cioè di cereali, protegge dall’insorgenza di neoplasie perché non blocca l’apoptosi, quindi la cellula non diventa immortale. Di conseguenza, un corretto modulo nutrizionale protegge dalle malattie neoplastiche.

L’INFIAMMAZIONE o FLOGOSI può essere ritenuta la prima lesione preneoplastica. Essa può essere definita la conseguenza della perdita dei meccanismi di protezione delle cellule verso stimoli ambientali fisici-chimici-biologici perché la cellula, iniziando a perdere  la sua morfologia per l’influenza che l’infiammazione esercita  sulla espressione dei geni, perde la sua funzione.
Esiste una relazione tra infiammazione cronica e cancro: la sensibilità al cancro aumenta se i tessuti sono cronicamente sede di infiammazione. Questa deve essere considerata la madre di tutte le lesioni per generare il blocco della morte delle cellule, il primo evento perchè la cellula si possa trasformare in cellula neoplastica, a svantaggio di una proliferazione cellulare fisiologica e controllata.

In conclusione, le nozioni base sono:

1)     un modello alimentare che preveda un consumo prevalente di cereali;

2)     il ruolo fondamentale che la vitamina B12, la B9 e l’omeocisteina svolgono nella vita della cellula;

3)    l’importanza del ruolo svolto dalle vit. A ed E e dai trigliceridi nel mantenere l’equilibrio necessario perché i geni si possano esprimere.

MODELLO ALIMENTARE
Un corretto consumo di cibo deve prevedere la limitazione o abolizione del consumo di cibi dannosi per la flora batterica intestinale; la limitazione del consumo di pomodoro per la presenza di tomatina (dannosa per la flora batterica intestinale), la limitazione del consumo di latte per la presenza della lactenina (anche questa dannosa alla flora batterica intestinale), la limitazione del consumo di carne e derivati per evitare fenomeni di putrefazione intestinale; la limitazione del consumo di spezie quali pepe e peperoncino per la presenza di piperina e capsaicina (infiammano la mucosa gastro-enterica), dell’alcool per l’elevato contenuto in acido acetico (infiamma la mucosa gastro-enterica) del caffè (contiene acidi clorogenici che aumentano l’omocisteina nel sangue).

Il consumo ottimale dei vari alimenti dovrebbe essere così distribuito: cereali 60-70%; lipidi 20-25%; proteine 10-15% di cui il 5% di origine animale e il 5% di origine vegetale. È, inoltre, necessario il giusto apporto di vitamine, minerali ed acqua (fig.4).

Fig.4

I cereali sono gli alimenti che contengono elevate quantità di acido folico; in modo speciale il Riso semi integrale.
(E’ da tenere presente che la pasta non fa ingrassare come comunemente si pensa).

Grande importanza hanno, in conclusione, i FOLATI ossia la vit. B9  e, particolarmente, la vit. B12 .
Tale rilevanza è documentata dalle ricerche del dott. Young-In Kim MD dell’Università di Toronto dalle quali si ha la conferma dell’interferenza del ciclo dei folati nella genesi delle malattie di Alzheimer, nell’aterosclerosi, nell’ictus, nell’osteoporosi, nella depressione, nella demenza e in altre patologie.
In virtù della doppia funzione che lo stomaco svolge, digestiva e metabolica, quest’ultima per la produzione del fattore intrinseco di Castle, indispensabile per l’ utilizzazione della vitamina B12, i segni e sintomi a partenza gastrica saranno classificati in diretti e indiretti a seconda  se esprimono le sofferenze della funzione digestiva dello stomaco o dello “stomaco metabolico”.
S’intende, infatti, per “stomaco metabolico” l’insieme delle funzioni  svolte indirettamente dalla mucosa gastrica per la secrezione di  neuroormoni ed, in particolare, del fattore intrinseco di Castle.

Sono sintomi gastrici diretti  la  dispepsia, la gastralgia, la pirosi, la digestione lenta, l’areofagia, la nausea  e il vomito.
Sono sintomi gastrici indiretti,
invece, la difficoltà di transito del cibo nell’esofago; la risalita del cibo nell’esofago; la sensazione di addome gonfio; il meteorismo e l’alvo irregolare,arrossamento delle estremità superiori; colorito cianotico delle estremità superiori; estremità superiori fredde; estremità inferiori fredde; parestesie agli arti superiori; parestesie agli arti inferiori; sensazione costante di freddo; sensazione costante di caldo; emicrania;ed ancora  dolori articolari, dolori muscolari, dolori cervicali, dolori lombari e mestruazione dolorosa. 
Ed infine i segni e sintomi preneoplastici e paraneoplastici.
Ben si può comprendere, ora, l’enorme influenza che l’apparato gastro-enterico svolge sugli altri organi ed apparati e l’importanza, nella cura di un organo leso, di ripristinare le funzioni dell’apparato digerente. Necessarie sono, altresì, per il controllo dello stato di salute, le analisi di laboratorio per rilevare  eventuali carenze o eccessi di quei nutrienti che intervengono nei meccanismi della moltiplicazione delle cellule come le già citate vitamine:  
A;  E;  B9; B12;   trigliceridi e omocisteina.
Gli studi sull’ importanza dell’omocisteina e dell’ossido nitrico e sull’oncogenesi  sono valsi il premio Nobel per la medicina rispettivamente  agli scienziati  Louis Ignarro nell’anno 1998 e Robert Hortvitz, John Sulston e Sidney Brenner, il nell’anno 2002.

BIBLIOGRAFIA

1. BALKWILL F. COUSSENS L.M.  AN INFLAMMATORY LINK. NATURE 431,405-406 (2004)
2. CARVALHO, C. R.AND VAZ N. N.: INDIRECT EFFECTS ARE INDIPENDENT OF THE WAY OF TOLERANCE INDUCTION. SCAN. J. IMMUNOL. 6 (1996) 613-618
3. CHEN, Y. H.  ET AL.:ORAL TOLERANCE IN MYELIN BASIC PROTEIN. PROC. NATL. ACAD. SCI. USA 93 (1996) 388-391
4.
DE VITA V.T.,JR., HELLMAN S., ROSENBERG S.A.: CANCER PRINCIPLES END PRATICE OF ONCOLOGY STH EDITION , LIPPINCOT, WILLIAMS ENS  WILKINS,PHILADELPHIA 2001
5. GOODMAN & GILMAN’S:  THE PHARMACOLOGICAL BASIS OF THERAPEUTICS, TENTH EDITION, MCGRAW-HILL,2001
6. HEINE, HJ: NEUROGENE ENTZUNDUNGEN ALS BASIS CHRONISCHER SCHMERZEN. VRTRAG MED. WOCHE BADEN-BADEN. 1.11.1997 (BIOL. MED.).
7. PIKARSKY .E,.PORAT R.M, STEIN I., ABRAMOVITCH R., AMIT S., ,KASEM S, GUTKOVICH-PYEST E., URIELI-SHOVAL S.: NF-KBETA FUNCTIONS AS A TUMOUR PROMOTERIN INFLAMMATION ASSOCIATED CANCER. NATURE 431,461-466
8. SCHIMD, F. ET AL.: ANTIOMOTOXISCHE  MEDIZIN. BD. 1, AURELIA VERLAG, BADEN BADEN, 1996
9. WEINER , H. L. AND MAYER, L. F.: ORAL TOLERANCE: MECHANISM AND APPLICATIONS. ANN. NEW YORK ACAD. SCI. 778 (1996)
 

IMPORTANTE SCOPERTA su Latte materno e Cancro
Ricercatori svedesi dell'Università di Lund hanno trovato risultati promettenti dalla ricerca gli effetti della sostanza sui pazienti. con cancro alla vescica  - Maggio 2017
Nei primi studi clinici con pazienti affetti da cancro della vescica, quelli iniettati con il composto ha cominciato a gettare le cellule tumorali morte attraverso la loro urina in pochi giorni.
Il composto derivante dal latte materno mira le cellule tumorali da solo, offrendo un'alternativa ai trattamenti chemio e radioterapia che danneggiano le cellule, sia sane e cancerose nel corpo.
http://www.independent.co.uk/life-style/health-and-families/health-news/breast-milk-cancer-sweden-university-of-lund-a7735351.html  

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>
 

In Italia, anche il Ministero della Salute italiano sembra essersi presa la licenza di mentire e di disporre delle vite dei propri cittadini.

Una recente nota del Ministero della Salute (2) avvisa gli italiani che non esiste nessun fondamento scientifico che dimostri l’efficacia dell’amigdalina (vitamina B17) nei trattamenti antitumorali.

 

Con il notevole surplus di medici in Italia (certi, in disperazione, stanno invadendo il campo degli infermieri, pur di ottenere un “posto”), si dovrebbe supporre che i più bravi siano stati accaparrati dal Ministero della Salute, e che questi insigni specialisti siano a conoscenza delle migliaia di studi fatti (in centinaia d’anni) sulle proprietà terapeutiche dei semi di certi frutti (si veda la lista parziale di questi studi disponibile su internet – sotto - e il libro, gratis, del medico dottor Nacci (3) “Mille piante per guarire dal cancro senza chemio”(4).

 

Perché i nostri governanti mentono ?

La mia risposta non può essere che la protezione del “Sistema Medico" presente, composto dalle case farmaceutiche, dai sistemi ospedalieri integrati e dai baroni universitari.

Tutti intenti a mentire sull’efficacia della chemioterapia, mentre attaccati come sanguisughe alle casse della sanità pubblica, cioè ai soldi di tutti noi.

 

E i morti ?

Nell’esempio sopra i cinesi hanno direttamente causato un morto. Quanti morti sono stati causati dall’aver denigrato un trattamento valido solo perché non porta del denaro in qualche conto bancario privato?

I NAS sono veloci nel denunciare qualcuno per delle mozzarelle scadute, ma si tengono ben alla larga delle grandi truffe mediche che, usando la paura, “vendono” costosissimi e dannosissimi intrugli chimici all’ignaro ammalato.

Anche questa è circonvenzione d’incapace.

I siti “scientifici” sono monitorati in continuazione in tutto il mondo. Riporto sotto la reazione di un ricercatore austriaco alle affermazioni contenute nella nota diffusa dal Ministero italiano della Salute.
Che figura...
 

By Rinaldo Lampis

www.movimentoconsensus.org

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Lettera aperta al Ministro del Ministero della Salute Italiano:
Egregio sig. Ministro, vari ricercatori indipendenti, in tutto il mondo certificano e dimostrano con le loro ricerche, che i principi attivi delle piante (radici, rami, foglie, frutti, semi) sono efficaci per la cura delle varie malattie umane ed animali

Leggendo il Vostro "comunicato stampa del 23 ottobre 2006" riguardo le proprieta' antitumorali della vitamina B17:
dal quale estrapoliamo questa parte: "Ingannevolezza di messaggi pubblicitari che attribuiscono loro proprieta' antitumorali ", ed in particolar modo la Vostra citazione: "Non ci sono evidenze scientifiche che dimostrino l'efficacia dell'amigdalina nel trattamento delle affezioni tumorali, mentre e' invece conosciuta la loro tossicita', infatti e' noto ormai da tempo che l'amigdalina contenuta nei semi delle albicocche, se ingerita in quantitativi superiori alle dosi tollerabili, puo' causare la morte di un individuo. In base al parere della Food Standard Agency la quantita' massima e' di uno, massimo due semi al giorno."
Ci sentiamo pero' in dovere di farLe presente, che le affermazioni che voi avete fornito con quel comunicato stampa, sono abbastanza superficiali ed anche in parte errate, con la conseguenza di fuorviare i lettori ed i medici che vi seguono.

1 - In primo luogo voi citate un organismo di Ricerca e di Controllo Americano - FDA - che come tutti sanno, specie nel mondo scientifico, e' di parte, in quanto molto legato a Big Pharma (Lobby che sponsorizza finanziariamente anche lo CDC, l’OMS, ecc. il che significa che vi sono veri  propri conflitti di interesse – anche la FDA ed i suoi collaboratori, sono "controllati", da quella Lobby) per questi fatti essa non offre informazioni obiettive, ma di parte. Oltre al fatto che da quando esiste la FDA, ha anche commesso tanti errori di valutazione che sono costati migliaia di vite umane, permettendo e favorendo la commercializzazione di prodotti altamente tossico-nocivi !

2 - Citate erroneamente ed in modo incompleto, che nei semi di albicocca (conosciuto come frutto a singolo seme) l’amigdalina (
B17) in esso contenuta sia fortemente dannosa e pericolosa per la salute.
Forse pensate che tale principio attivo abbia solo la massima concentrazione nel seme di Albicocca e nelle tante specie che esistono ?
Chi ha effettuato tale affermazione dimostra, che ha scritto questo in modo errato ed anche frettoloso.
Infatti si sa benissimo che, in Fitoterapia, per l’utilizzo a fini terapeutici dei semi, si usano normalmente i semi della: Mela, Pera, Limone, Arancia, Mirtilli e Lamponi e NON dei frutti a MONOSEME, come quelli della Albicocca, Pesca, Susino, che devono subire una lavorazione diversa e molto piu’ complessa per un impiego in Fitoterapia.
(vedi gli studi del Durante e di Avicenna).
Infatti nelle mele selvatiche (non quelle frutto della selezione umana per motivi industriali e di commercializzazione) i semi interni, se ben masticati o triturati nella preparazione di particolari ricette, curano in modo efficace, veloce e senza alcun tipo di controindicazione, in un uso moderato di 5-6 frutti al giorno.
Tutto cio’ e’ testimoniato da documenti che risalgono fin nel medio evo ed ancor prima. Forse si vuole mettere in discussione anche questo ?
Crediamo quindi che chi abbia scritto tale documento, debba riconoscere la superficialita’ della stesura e se questo non avvenisse, vuole dire che la persona o le persone autrici di tale documento si sono grandemente sbagliati.
NON e’ certo possibile affermare che le migliaia di studi scritti in quasi tutte le lingue del mondo, sul tema dell’uso dei principi attivi contenuti nei semi di frutta (quelli sopra elencati) siano documenti sbagliati o che affermino delle falsita’.

Promemoria anche per i soggetto che hanno redatto quel comunicato:
La vitamina B 17 e' una molecola stabile, chimicamente inerte e non nociva se assunta nelle giuste quantita' appropriate e sotto controllo medico. Il dosaggio iniziale raccomandato nell’adulto e' di 2-4 semini amari al giorno se semini amari di
ALBICOCCA(quantita' maggiori o minori se di altro frutto) per la prima settimana, salendo o meno di dosaggio nella settimane successive, a discrezione del medico, fino a raggiungere valori che devono essere accuratamente calcolati in funzione dell’emivita biologica della vitamina B17, delle analisi urinarie (presenza di Tiocianato di sodio e di acido ippurico in quantita' tale da far presumere un superamento della soglia-limite ritenuta compatibile per la terapia in atto), della massa ematica e corporea del paziente, della buona o cattiva funzionalita' epatica, renale e di altri organi, della possibile colliquazione massiccia della massa tumorale con possibile exitus per blocco renale irreversibile, etc….(quindi sotto controllo medico di tecnico specializzato, anche per l'assunzione di semi per la Vitamina B 17:
Le mandorle amare anno prese un po' alla volta, per abituare il corpo a detossificarsi dal cianuro...
300 SEMINI di ALBICOCCA EQUIVALGONO a 15  mandorle amare....

Regala un semino di mela e di altra frutta a tutte le persone che conosci, spiegando loro che TUTTI i semi di frutta contengono la vitamina B 17 la vitamina che cura anche il cancro - quindi ricordatevi di mangiare i semi della frutta !
continua
e vedi: La balla della ricerca sul cancro

3 - Crediamo quindi che in tutta fretta sia stata fatta della confusione nel redigere il vostro Comunicato Stampa.
Sarebbe opportuno da parte Vostra doverlo riscrivere in modo piu’ completo, onde evitare errate interpretazioni, visto che la Comunita’ Scientifica Internazionale e’ molto attenta alle comunicazioni ufficiali dei Ministeri della Salute dei singoli Stati.
Il consulente di
www.mednat.org


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Veronesi scopre solo ora acido retinoico usato da Di Bella da 40 anni !
Milano, 5 mag. 2006 -  Adnkronos, Salute
Il Professor Luigi Di Bella è stato il primo a suggerire le proprieta’ anticancro di vitamina A e derivati.
A rivendicare la paternità  dell’impiego di queste sostanze sono i figli del fisiologo modenese ideatore della discussa terapia che porta il suo nome, dopo la pubblicazione sugli Annali of Oncology di uno studio dell’Istituto europeo di oncologia (Ieo) di Milano secondo cui un derivato della vitamina A (fenretinide) dimezza il rischio di ricadute di tumore al seno.
Relativamente alle recenti notizie sulle proprieta’ antitumorali di  vitamina A e derivati, diffuse in questi giorni dalla stampa e dai Tg nazionali - si legge in una nota firmata da Adolfo e Giuseppe Di Bella, dalla Fondazione Di Bella, dalla Societa italiana di bioterapia oncologica razionale-Medodo di Bella (Sibor-Mdb) e dalla Federazione Nazionale delle Associazioni di volontariato che in Italia assistono gli ammalati in cura col Medodo Di Bella - ci preme precisare che la priorita’ incontestabile dell’impiego antitumorale sinergico dei tre retinoidi biologici betacarotene, acido  retinoico e axeroftolo (o vitamina A) da parte del Professor Luigi Di Bella.
Queste molecole fanno parte del suo protocollo antitumorale da oltre 30 anni. A parte prescrizioni dello scienziato, disponibili in grande copia e innumerevoli testimonianze di farmacisti preparatori, medici e pazienti, esistono documenti di incontestabile autorevolezza probatoria. Tali - scrivono i figli dello scienziato morto nel 2003 - sono i verbali di commissioni sanitarie ministeriali relativi alla terapia Di Bella, e i verbali ministeriali della sperimentazione del Metodo Di Bella del 1998  che hanno protocollato vitamina A e retinoidi come componenti del metodo antitumorale del professor Di Bella - vedi sito ufficiale www.metododibella.org nella sezione sperimentazione.
Risalgono agli anni 40 i primi studi sui retinoidi del professor Di Bella, pubblicati su riviste scientifiche italiane di fisiologia e biologia sperimentale, mentre le indicazioni antitumorali di vitamina A e retinoidi, illustrate a centinaia di medici, biologi e farmacisti in numerose conferenze in Italia e all’estero, sono state descritte nel suo libro  Cancro siamo sulla strada giusta (1997).
E ancora. Nel volume Come prevenire i tumori e nel trattato Il Metodo Di Bella, che il dottor Giuseppe Di Bella ha scritto per volonta del padre - vedi www.metododibella.org - sono riportati i componenti del Metodo Di Bella e la loro prima formulazione risalente ai primi anni 70. Tra i  componenti del Metodo, appunto, vitamina A e retinoidi.
Da pagina 223 a pagina 320 del trattato "Il Metodo Di Bella" sono spiegati gli aspetti chimici, biochimici, farmacologici, clinici e i meccanismi di biologia molecolare attraverso cui vitamina A e retinoidi, sinergicamente potenziati dalle vitamine E e D3, e dagli altri componenti del Metodo Di Bella, esercitano un potente effetto antitumorale sia preventivo che terapeutico, d’altronde documentato dalle oltre duemila citazioni bibliografiche riportate nel trattato, conclude la nota.
By Com-Opa/Adnkronos Salute


Commento NdR: anche se rispettiamo ed indichiamo tutte le possibili terapie naturali per ogni malattia, anche perche' le reazioni ad ogni tipo di terapia sono diverse da soggetto a soggetto, vogliamo ricordare che anche il cancro come qualsiasi altra malattia nasce in "luoghi" ben precisi e quindi ogni malattia ha le sue Cause, con Cause secondarie e terziarie.
Leggere  la tesi su Cancro e Medicina Naturale  +  Terreno Oncologico


IMPORTANTE
: quando si assumono le micro diete (integratori in qualsiasi forma) e' bene assumere contemporaneamente dei fermenti lattici adatti alla persona, per aiutare l'assimilazione intestinale delle sostanze contenute nelle micro diete: sali minerali e vitamine.
Cio' sta ad indicare l'estrema importanza di uno stile di vita salubre, ma e soprattutto di un'alimentazione sana e CRUDISTA  - anche l'assunzione di Vitamina C e' molto utile per evitare il formarsi di depositi di grassi nelle arterie e nelle vene.

Il Cancro nasce in sintesi e secondo la Medicina naturale, perche' l’organismo del canceroso e' intossicato, e la microcircolazione, nei tessuti intossicati, viene ad essere alterata, producendo, a valle di essa, nelle cellule dei tessuti investiti da quel processo: malfunzione cellulare, (nutrimento ed eliminazione = respirazione cellulare alterata = metabolismo alterato = malnutrizione cellulare e tissutale assicurata), producendo successivamente infiammazione nei tessuti e stress ossidativo cellulare e per caduta immunodepressione, e parallelamente alterazione anche del sistema enzimatico per la precedente alterazione della flora batterica, pH digestivo non regolare (e quindi l'organismo e' mancante di minerali e vitamine ed in stato di acidosi), in quelle condizioni esso e' molto facilmente parassitato da certi, parassiti batteri e funghi (candida) i quali producono anche tossine ed ulteriori infiammazioni: Ma tutto cio' e' "gestito" come Causa primordiale dai Conflitti Spirituali (consci ed inconsci) e dall'intenso stress  del vissuto.
Il Cancro quindi e' una malattia MULTIFATTORIALE.
Quindi il medico, il terapeuta od il soggetto stesso DEVONO operare seguendo la stessa strada percorsa per l'
ammalamento.
Cioe' devono lavorare per
disintossicare il malato + disinfiammare l'organismo ed i tessuti interessati, ripristinare il pH digestivo, e normalizzare le digestioni + il malassorbimento sempre presente nel malato ed eliminare quei parassiti, batteri e funghi, che hanno proliferato in modo abnorme, per mancanza dei loro antagonisti + rinforzare il sistema immunitario SEMPRE compromesso in TUTTI i malati, cancerosi compresi ed eliminare i Conflitti Spirituali (quali Vere Cause) e lo stress esistenti, oltre a lavorare sul metabolismo alterato per ridurre ed eliminare lo stress ossidativo cellulare e quindi quello tissutale, sempre presenti in qualsiasi malattia e specie nel cancro, per i danni alla microcircolazione indotti dalle intossicazioni piu’ o meno intense.
E tuttavia, laddove ci sia anche una piccola volontà e speranza di vivere, un’adeguata terapia fito-nutrizionale (NdR: anche via endovena con soluzioni mineral - vitaminiche - vedi QUI il medico che utilizza con successo questo sistema -  l'ideale e utilizzare quelli non di sintesi chimica, ma di estrazione naturale - assieme all'assunzione via orale di fermenti lattici appropriati a seconda del paziente ed enzimi) può rendere normale il guarire naturalmente dal tumore, cosa che oggi vogliono farci ritenere impossibile o puramente miracoloso (vedi quei medici che alle volte preferiscono spedire il malato a Lourdes piuttosto che permettergli di curarsi naturalmente).

L'acidosi e' la base fisiologica del Cancro -  Il Conflitto Spirituale Irrisolto, ne e' la Causa primaria
Cancro = Combattere l'acidita' per sconfiggerlo - Le ultime ricerche
Nutriterapia Biologica Metabolica x il Cancro e non solo + Terapia Biologica Metabolica CRAP + Cura metabolica per il Cancro + Stress Ossidativo + PREVENZIONE, TERAPIA per il Cancro, perche' NON si vuole applicare ? + Terreno Oncologico + Bioelettronica + Semeiotica e Biofisica

Documenti provanti l'indispensabilita' delle Vitamine della Frutta e verdura, oltre ai sali minerali:
 Doc.1 
+  Doc.2  Doc.3  +  Doc.4  +  Doc.5  +  Doc.6  +  Doc.7  +  Doc.8  +  Doc.9  +  Doc.10  +  Doc.11  +  Doc.12  +  Doc.13  +  Doc.14  +  Doc.15  +  Doc.16  +  Doc.17  +  Doc.18  +  Doc.19  +  Doc.20  +  Doc.21  +  Doc.22 +  Doc.23  +  Doc.24  +  Doc.61

Guarisce dal Cancro con la dieta Vegana utilizzata per 1 anno
http://informatitalia.blogspot.it/2014/12/guarisce-da-tumore-esteso-e-metastasi.html

vedi anche : CURE Naturali del Cancro + Documentazione
 + Protocollo G. Puccio +  Diritti negati + Ricercatore ostacolato dalla Oncologia Ufficiale + Giornale di Sicilia + Come fare i clisteri di acqua basica + Cancro e Medicina Naturale  +  1.000 Piante per il Cancro  +  Libro del dott. Nacci  (Italiano) +  Libro del dott. Nacci in Inglese +  Condiloma eliminato con acqua basica al Bicarbonato di Sodio + Protocollo della SaluteCancro + Diagnosi precoce

vedi: VitaminaC anticancro + Vitamina D + Vitamine + Vitamine enzimi +  Ascobato di Potassio (Pantellini) + Importante Ruolo delle Vitamine nel Cancro + 1.000 Piante per il Cancro  Malassorbimento + MICRO DIETE + MINERALI + VITAMINE 2 +  Vitamina C anti Cancro + 10 Comandamenti del Pasto  + ELIMINARE un TUMORE senza FARMACI con gli Ultrasuoni + Bicarbonato di Sodio

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Alluminio ed altro
....nei Vaccini ecco i gravi danni:
http://edgytruth.com/2016/07/18/vaccine-ingredients-comprehensive-guide/#

IMPORTANTE SEGNALAZIONE
L'iniezione della Vitamina K1 (s'intende una serie di composti che derivano dal 2-metil-1,4-naftochinone, la K1 e' chiamata anche fillochinone), ai neonati in  Italia ed in altre nazioni del mondo, viene fatta a tutti bambini appena nascono ma di nascosto o con genitori "consenzienti", senza pero' aver fatto leggere loro il bugiardino del farmaco.
Non hanno bisogno del vostro consenso, l'iniezione è inclusa nelle pratiche mediche che effettuano nella  sezione dove voi dichiarate di lasciare in cura il vostro bambino, al reparto nursering, per esser lavato, medicato ecc.
Per le sostanze che contiene questa iniezione (alluminio, vedi foto, sostanze che passano facilmente nel cervello del piccolo e che ecciteranno od altereranno i neuroni fin da subito, e poi nel tempo potrebbero generare problemi ....tipo intossicazione del fegato, infatti questa iniezione puo' portare, a stress ossidoriduttivo con diminuzione dei livelli di emissione di glutatione, da parte delle cellule, anche epatiche, perche', nel neonato specialmente, e' stato intossicato da quelle SOSTANZE con l'iniezione di VitaminaK1, e puo' produrre anche e non  solo emolisi), queste sostanze iniettate (vitaminaK1...) sono state sempre  e preventivamente irradiate da Cobalto 60...., quindi ogni genitore avrebbe, secondo i "diritti umani", di denunciare il Ministero della Salute Italiano per complicità premeditata in crimine organizzato !!
Segue alle volte, sempre all'insaputa dei genitori e senza scriverlo sulla cartella clinica, anche la vaccinazione per l'epatite A o B, con vaccino irradiato dal Cobalto 60, tutte sostanze in grado di scatenare anche e non solo malattie autoimmunitarie, sordità, cecità, patologie neurologiche, AIDS, epatite B, epatite C, Cancro, Autismo precoce, ecc.
A due giorni dalla nascita spuntano fuori varie associazioni che vi fanno firmare la vendita del DNA del vostro figlio a Terzi (case farmaceutiche) mediante il prelievo del sangue dal tallone, per la cosiddetta prevenzione delle malattie metaboliche !
Insomma appena nasci ATTENTANO alla tua salute !

La Vitamina K1 negli USA, è stata definitivamente introdotta nei reparti di maternita' nel 1961 in quanto le emorragie erano tante perché facevano circoncisione prima dell'8" giorno di vita, cioe' nel tempo in cui i valori sanguigni del bimbo si stabilizzano. In Italia non so da quando, ma credo poco dopo perché siamo una loro colonia....
La maggior parte dei neonati nella prima settimana di vita sviluppa un certo grado di ittero, che è una colorazione giallastra della pelle. L’ittero è generalmente una condizione benigna. non riesco a trovate statistiche, ma solo dati che affermano che la maggior parte quindi suppongo un 80-90% dei neonati.... siccome il 99,9% dei neonati viene trattato dalla iniezione ed oggi viene fatta in vena....non piu' in muscolo, del Konakion....e' facile capire da dove viene l'ittero nei neonati !
praticamente gli fanno fare una epatite = infiammazione del fegato che gli puo' durare negli anni....
le tossine della Vitamina K1, gliele inoculano alla nascita per far sviluppare malattie...che poi vengono ancora di piu' alimentate ed aggravate con i vaccini !
Tutto programmato da Big Pharma e filiera fin dentro gli ospedali con infermiere e medici ignoranti od in malafede !


A parte il discorso alluminio, vedi foto e porcherie varie dentro l'iniezione della VitaminaK1 (Sostanze che contiene questa iniezione), a fronte di una azione "tendenzialmente razionale" nel dare/iniettare e/o somministrare la vitamina K1, per "evitare emorragie cerebrali fatali", sarebbe più indicato somministrare la vitamina K2 (non aditivata con sostanze tossiche come la K1 e preparate su colture batteriche), se si considera che poi l'integrazione del neonato puo' continuare anche con vitamina D....perchè la vitamina K2 aiuta a fare si che la vitamina D3 venga assorbita e vada veramente dove deve andare, cioè nelle ossa e non nelle arterie.
Quindi a pensare bene la vitamina K1 viene data per salvare dalle emorragie, a pensar male viene data, sapendo poi dei Vaccini fatti dopo poco tempo (3 mesi), per aumentare ancora di più l'effetto di microischemia cerebrale che un vaccino puo' causare in un neonato con barriera ematoencefalica ancora immatura (l'ittero neonatale infatti è pericoloso e viene curato proprio perchè la bilirubina potrebbe finire nel cervello e creare danni !).... Questa e' solo biochimica spicciola e patologia generale...
Precisazione necessaria:
le reazioni in questo caso all'alluminio (presente in VitaminaK1 e Vaccini) dipendono anche da dove arriva, cioe' va, la sostanza tossica, se nei tessuti o fin nella cellula ed a seconda del luogo (organo), variano le tipologie di reattivita' alle sostanze tossiche ed al metalli tossici, senza contare le reattivita' immunitarie del soggetto che sono SEMPRE individuali e non hanno collegamento solo con la quantita'...ma anche e soprattutto con il riconoscimento della vibrazione, cioe' con la frequenza di battimento atomico delle molecole della sostanza inoculata, che la mente/cervello detetta, rivela ed individua in realtime, attivando le opportune e necessarie reazioni di eliminazione che possono essere anche abnormi.... e se non ce la fa, ad eliminarle per le vie naturali emuntorie....sono guai...perche esse vengono facilmente trasportate anche dai macrofagi, specie nel cervello per mezzo della via linfatica) e/o incistata dalla melanina in sospensione nei liquidi corporei e depositata nei tessuti grassi (anche il cervello in particolare).... sostanza che si puo' rendere di nuovo disponibile in certi stati febbrili.....generando gravi problemi, anche neurologici.
Lo stesso meccanismo vale anche per TUTTI i Vaccini e le loro sostanze nocive !

Ricordo a tutti che il farmaco Vitamina K1 chiamato Konakion e' commercializzato da Roche spa, in Italia e nei bugiardini, difficili da reperire in Italia, NON si fa cenno all'alluminio....forse perche' l'alluminio contenuto e' sotto i limiti di Legge...ma nelle indicazioni dell' Ag. Farmaco del governo, si legge:
Avvertenze e precauzioni
Si rivolga al medico, al farmacista o all’infermiere prima di prendere/ di somministrare al bambino o prima che le venga somministrato Konakion.
In particolare informi il medico: - se lei/il bambino soffre di una grave malattia del fegato.
Pertanto il medico sottoporrà lei/il bambino ad esami del sangue per monitorarne la fluidità.
Bambini Non somministri Konakion a bambini di età inferiore ad 1 anno.
Tratto da:
https://farmaci.agenziafarmaco.gov.it/aifa/servlet/PdfDownloadServlet?pdfFileName=footer_000108_008776_FI.pdf&retry=0&sys=m0b1l3 

...e' per questo motivo che viene facilmente l'itterizia ai bambini appena nati.... per l'intossicazione del fegato, che questi criminali fanno alla nascita, e quando la barriera ematoencefalica si sta ancora rafforzando ... !

 
 

Vitamina K1, iniezione fatta il primo o secondo giorno dalla nascita,  ecco il resoconto di una madre che ha riscontrato i danni di questa Vitamina K1 sintetica (di sintesi chimica) denunciandoli alle autorita', in-sanitarie, iniezione che e' fatta il giorno della nascita di ogni bambino nel mondo occidentale ed ora anche in quello orientale... infatti per l'intossicazione del fegato che essa produce, molti neonati somatizzano la cosiddetta "Itterizia"...che e' una forte intossicazione epatica !
- per altri particolari vedi QUI: Danni dei Vaccini


Vitamina K
(Konakion)
NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE CONCORDATA CON L'AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO (AIFA) - 26 giugno 2014
Modifica via di somministrazione da intramuscolare ad endovenosa - giugno 2014
Oggetto: Konakion 10mg/ml soluzione orale e iniettabile per uso endovenoso
Modifica via di somministrazione parenterale autorizzata da intramuscolare ad endovenosa
Gentile Dottoressa/Egregio Dottore, l'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) in accordo con l'Azienda titolare AIC, Roche S.p.A, desidera comunicarLe le seguenti informazioni in materia di sicurezza relative all'uso di Konakion 10 mg/ml soluzione orale e iniettabile per uso endovenoso - fitomenadione (vitamina K1 sintetica).
Sintesi
- Durante il trattamento con Konakion sono stati segnalati casi in cui la somministrazione intramuscolare determinava un effetto di deposito ed un rilascio continuato di vitamina K1 che potevano causare difficoltà in fase di ripristino del trattamento anticoagulante oltre ad un possibile rischio di formazione di ematomi.
- Dopo attenta valutazione dei dati scientifici presenti in letteratura e di quelli di farmacovigilanza, si è ritenuto necessario, a tutela della sicurezza dei pazienti, modificare la via di somministrazione parenterale autorizzata da intramuscolare ad endovena.
- Gli operatori sanitari devono prestare attenzione alla nuova via di somministrazione del Konakion 10 mg/ml soluzione orale e iniettabile a seguito dell'aggiornamento delle informazioni sul prodotto (Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto, Foglio Illustrativo ed etichette), di cui è riportato l'estratto per pronto riferimento in allegato.
Le modalità corrette di somministrazione del farmaco sono esclusivamente la via orale e la via endovenosa.
Altre informazioni di sicurezza
- Si specifica che la somministrazione endovena di Konakion 10mg/ml era già autorizzata prima dell'aggiornamento delle informazioni sul prodotto (utilizzo limitato in caso di pericolose emorragie da anticoagulanti di tipo dicumarolico) e che tale via di somministrazione era già utilizzata nella pratica clinica descritta in letteratura.
- L'eliminazione della via intramuscolare, che tutela il paziente da un possibile effetto deposito e dal rischio di formazione di ematomi nel sito d'iniezione, non comporta alcuna limitazione terapeutica del medicinale in quanto le indicazioni autorizzate vengono coperte anche dalla via orale.
 Indicazioni terapeutiche
Konakion 10 mg/ml soluzione orale e iniettabile per uso endovenoso è indicato:
In caso emorragie o pericolo di emorragie da grave "ipoprotrombinemia" (deficit dei fattori della coagulazione II, VII, IX e X) di diversa eziologia, incluso sovradosaggio di anticoagulanti di tipo cumarinico, della loro associazione con fenilbutazone ed altre forme di ipovitaminosi K (ad es. ittero da occlusione, affezioni epatiche ed intestinali, e dopo trattamenti prolungati con antibiotici, sulfamidici o salicilati).
Ulteriori informazioni
Tutte le informazioni relative alla prescrizione e agli eventi avversi di Konakion sono consultabili nelle informazioni sul prodotto attualmente autorizzate disponibili sulla Banca Dati Farmaci di AIFA (https://farmaci.agenziafarmaco.gov.it/bancadatifarmaci/).
Richiamo alla segnalazione
I medici e gli altri operatori sanitari sono tenuti a segnalare qualsiasi sospetta reazione avversa associata al medicinale KONAKION.
I medici e gli altri operatori sanitari devono, a norma di legge, trasmettere le segnalazioni di sospette reazioni avverse, tramite l'apposita scheda cartacea (reperibile sul sito http://www.agenziafarmaco.gov.it/sites/default/files/tipo_filecb84.pdf) o compilando online la scheda elettronica (http://www.agenziafarmaco.gov.it/sites/default/files/scheda_aifa_operatore_sanitario16.07.2012.doc) tempestivamente, al Responsabile di Farmacovigilanza della struttura sanitaria di appartenenza o, qualora operanti in strutture sanitarie private, tramite la Direzione sanitaria, al responsabile di farmacovigilanza della ASL competente per territorio.

Ulteriori informazioni
Qualora necessiti di ulteriori informazioni di natura medica sul prodotto, La preghiamo di fare riferimento al servizio di Medical Information di Roche S.p.A. al numero verde 800.31.21.55 o all'indirizzo e-mail: milano.romis@roche.com ....
...cioe' ci si affida al produttore....FOLLIA TOTALE !