Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


DIRITTI negati al ricercatore G. Puccio
ALTRE CURE ALTERNATIVE per il CANCRO
(Protocollo del ricercatore Giovanni Puccio, Palermo, settembre 1999)
Lodevole studio di un serio ricercatore
Le sue ricerche sono state depositate in 4 copie alla Prefettura do Palermo e 
registrate il 15/05/99 ed il 25/11/99
46 Scienziati e ricercatori hanno aiutato questo ricercatore, in sordina, e molti Istituti stranieri stanno
proseguendo le sue ricerche, avallando di mese in mese le sue scoperte.
Le sue ricerche sono perfettamente inquadrate e parallele a cio' che insegniamo da 40 anni,
sono state inserite nel nostro Protocollo della Salute, e pubblicate sulla Guida alla Salute Naturale
fin dagli anni 1970 ed in seguito sul WEB
Eziopatogenensi del Cancro
  Documentazione
+  Puccio Diritti  +  Stress Ossidativo + Cura metabolica per il Cancro
 Ricercatore ostacolato dalla Oncologia Ufficiale + 
Giornale di Sicilia
Interrogazione parlamentare
PREVENZIONE, TERAPIA per il Cancro, perche' NON si vuole applicare ?
Semeiotica e Biofisica
Bioeletttronica  +  Acidosi alla base del Cancro
vedi: Terapia G. Puccio, dimostrazioni effetti del Bicarbonato di Sodio
E' INDISPENSABILE per stare sempre BENE e' l'assunzione quotidiana, per certi periodi,
di acqua Basica a pH min. di 7,35 > 11 (almeno 1,5 lt)
Le bevande troppo saline e/o le bevande industriali, non vanno bevute giornalmente e/o spesso,
anche e per le loro forti acidita', in quanto influiscono sull'alterazione dei giusti valori di pH dell'acqua del corpo.

L'acidosi e' la base fisiologica del Cancro -  Il Conflitto Spirituale Irrisolto, ne e' la Causa primaria
Cancro = Combattere l'acidita' per sconfiggerlo - Le ultime ricerche
Guarisce dal Cancro con la dieta Vegana utilizzata per 1 anno
http://informatitalia.blogspot.it/2014/12/guarisce-da-tumore-esteso-e-metastasi.html
Nutriterapia Biologica Metabolica x Cancro 
Circolazione sanguigna: prevenzione degli infarti e del cancro. I citrati eliminano calcificazioni arteriose. Gli ascorbati fanno il resto !

Test per il cancro
http://pucciogiovanni.blogspot.it/2013/02/come-iniziare-la-terapia-crapu.html

Terapia CRAP per il cancro, del ricercatore Giovanni Puccio (2013)
 

Giovanni Puccio  -  1992: “La consapevolezza di avere fatto  delle  scoperte fondamentali sul cancro e non avere la possibilità di dimostrarle”.
“L’angoscia, che mi opprime, nel sapere che soltanto in Italia circa  435 persone al giorno continuano a morire a causa di questa patologia senza che io  possa tentare di  aiutarli, attraverso i Medici e le strutture sanitarie, a  vincere la loro battaglia, ma soprattutto a migliorargli la qualità della vita.”
Tutto questo mi è stato e mi  è  negato ancora  oggi, dopo 15 anni di dura ricerca e dopo aver rifiutato proposte da parte di Fondazioni Straniere che m’invitavano ad andare  via dall’Italia, per proseguire i miei studi ed approfondire la ricerca. Il mio rifiuto, anche se è  stato fatto alla presenza  di un’Assessore  Regionale  e come riportato dal quotidiano  “Repubblica”,marzo 2003, non è stato apprezzato ma disprezzato, anzi la mia vita è diventata un’inferno. Dopo tutti i tentativi falliti  per dimostrare le nostre scoperte  abbiamo deciso di   presentare  una richiesta  formale al Tribunale  Internazionale di Giustizia, cosi come consigliatoci da uno studio legale Straniero.

CHI NON RISPETTA la COSTITUZIONE NON E' DEGNO di GOVERNARCI
18 ITALIANI MUOIONO OGNI ORA di CANCRO (COMUNICAZIONE del 25/10/00 - AIAC)
By G. Puccio (ricercatore)
Interrogazione parlamentare
art.2 - la Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali 
ove si svolge la sua personalita'. 
A ME NON VENGONO RICONOSCIUTI !!!
art.3 comma 2 - E' compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che limitano di fatto 
la libertà e l'uguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione 
di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del paese. - 
(Palermo, settembre 1999)

INTERROGAZIONE PARLAMENTARE

Atti Parlamentari

- 25049 -

Camera dei Deputati

XIII LEGISLATURA - ALLEGATO B AI RESOCONTI - SEDUTA DEL 15 GIUGNO 1999

I.O PRESTI. - Al Presidente del Consiglio dei ministri ed ai Ministri della sanità e dell'università e della ricerca scientifica e tecnologica - Per sapere - premesso che:

Il signor Giovanni Puccio, in seguito alla morte della madre per un tumore, ha cominciato uno studio in materia sul quale lavora oramai da più di otto anni nel tentativo di scoprire la causa originale delle patologie tumorali avvalendosi dell'aiuto della documentazione esistente e dei consigli di illustri professori, arrivando a scoprire che l'innesto della malattia dipenderebbe da una degenerazione cellulare determinata da uno squilibrio elettrochimico all'interno dell'organismo indotto da un batterio, non ritenuto patologico, scoperto nel 1844 dentro lo stomaco di un paziente affetto da una malattia gastrica;
dopo essersi rivolto, nel 1993, all'ora Ministro dell'università e della ricerca scientifica e tecnologia Mario Colombo che lo indirizza all'Istituto di chimica biologica di Palermo, struttura che gli fornisce supporto fin dove è competente ma si rivela carente di apparecchiature e personale per continuare la ricerca, il signor Puccio porta avanti i suoi esperimenti con l'aiuto di società private quali "Dionex" e la "Superchrom" fino ad arrivare al punto che gli mancavano due soli esperimenti per dimostrare la validità della sua teoria;

data la necessità di svolge questi ultimi due esperimenti con l'ausilio delle strutture pubbliche idonee e con l'avvallo delle istituzioni sanitarie competenti, il signor Puccio si rivolge sia all'Istituto superiore di Sanità che al Ministro dell'università e della ricerca scientifica, senza ricevere però mai alcun tipo di riscontro; (DOPO QUESTA INTERROGAZIONE HANNO RISPOSTO INFASTIDITI)

nell'aprile del 1998, in seguito ad un appello lanciato dalle colonne del Giornale di Sicilia, il signor Puccio è stato

 contattato dal professor...omissis...del Centro ontologico Maurizio Ascoli di Palermo che gli comunica di ritenere interessanti i suoi studi e conseguentemente la sua richiesta meritevole di essere seguita, affermazioni che si dimostrano purtroppo solo vuote parole; nei primi mesi del 1999 il signor Puccio ha lasciato un appello via Internet - allegando la documentazione da lui prodotta - al quale ha risposto un ricercatore che opera in un istituto all'estero  prospettandogli la possibilità di utilizzare le strutture presso le quali egli lavora per eseguire i due esperimenti finali; questo stesso professore è, fra l'altro, autore di uno studio che avalla in parte i risultati ottenuti dal signor Puccio già nel 1994.

il 6 maggio 1999 il signor Puccio ha ripresentato la propria documentazione e la sua richiesta di poter eseguire gli ultimi due esperimenti, presso una struttura pubblica, al professor..omissis...dell'Istituto di farmacologia di Palermo, al professor...omissis....dell'Istituto di chimica biologica di Palermo, al professor ...omissis....del centro ontologico Maurizio Ascoli di Palermo e al professor ....omissis...del ministero dell'università e della ricerca scientifica e tecnologica, 

quali opportune misure il Governo ed i Ministri interrogati intendano assumere al fine di far sì che la richiesta del signor Puccio sia quanto meno esaminata nella sede competente al fine di sottoporre ad un attento vaglio la validità dei suoi esperimenti e la possibilità che gli sia messa a disposizione una struttura per svolgere gli esperimenti mancanti per suffragare la sua teoria;

se i Ministri non ritengano opportuno disporre delle strutture atte a recepire ed a seguire con la dovuta attenzione tutti gli studi - e non solo quelli sostenuti dalle..................


UN CITTADINO ITALIANO  SENZA DIRITTI………al TRIBUNALE del SILENZIO

Il 25 gennaio 2006 a Roma, presso il Ministero della Salute, il segretario particolare del ministro Dott. Ridolfi (in presenza di  un  sacerdote , dell'ordine della Madonna della Mercede, Enrico Schirru' e del Sovraintendente, della Polizia di Stato, Francesco Nicosia) mi ha detto: “grazie per quello che ha fatto e per quello che sta facendo. cercheremo a breve tempo di fare verificare e applicare la terapia di supporto da lei elaborata agli  ammalati di cancro.”,  ancora oggi, per l’ennesima volta, non  è stato fatto nulla, cambiano i politici al governo, cambiano i ministri ma nessuno vuole fare qualcosa per cambiare lo stato delle cose, malgrado l’evidenza dei fatti mi dia ragione, non trovo nessuno che mi permetta di dimostrarlo in maniera ufficiale,  perchè?

Dal 1995 cerco di  dimostrare che qualsiasi forma di tumore infiltrante (cancro) si manifesta per lo squilibrio elettrochimico della cellula a causa del blocco graduale delle due pompe cellulari (na/k e ca/mg) queste mantengono un rapporto di equilibrio costante tra gli elementi interni ed esterni della cellula (evitando un interscambio improprio degli elementi  e mantenendo  costante il potenziale membrana). Il blocco delle pompe è dovuto alla mancata salificazione operata dell'acido ascorbico, questo non arriva allo stato ridotto alla cellula con i tessuti danneggiati, perché vengono a mancare i gruppi SH  legati al Glutatione.

IL GLUTATIONE RIDOTTO E’ QUELLO CHE MANTIENE ALLO STATO RIDOTTO TUTTO LO SCUDO MOLECOLARE DEL SISTEMA  ANTIOSSIDANTE. LE RISERVE DEL GLUTATIONE SONO DISTRUTTE DA UNA MOLECOLA CHIAMATA CLOROACETALDEIDE (VELENO) IMMESSA DA UN BATTERIO SARCINA VENTRICULI (ONNIPRESENTE IN PRESENZA DI CARCINOMA) QUESTO AVVIENE PER LA CONIUGAZIONE DELLA CISTEINA CON LA CAA , ESPULSA ATTRAVERSO LE URINE. LA NOSTRA TERAPIA SERVE A RISTABILIRE IL RAPPORTO RIDUCENTE/OSSIDANTE DELLA CELLULA (redox) E QUINDI DELL'ORGANISMO, CHE E' SOTTO STRESS OSSIDATIVO.

I risultati raggiunti ci hanno dato ragione, la terapia funziona e va applicata a sostegno di qualsiasi terapia tradizionale. ha migliorato la qualità della vita, ha eliminato la cachessia e attivato il sistema immunitario (quando il sistema mitocondriale non è stato compromesso dalle terapie invasive), infatti gli ammalati che arrivano a noi dopo le terapie invasive arrivano  con  valori ematochimici paragonabili a gente ustionata. Stiamo cercando di portare a termine la ricerca sull' eziopatogenesi  del cancro iniziata nel 1992, tutti i tentativi  istituzionali per avere aiuti e portare a termine la ricerca sono falliti.                           

Sono stati vani:

    l’interrogazione parlamentare del 1999;

    due esposti al Procuratore Generale della Repubblica;

    un esposto al Mediatore della Comunità Europea.(dove mi ha chiesto di presentare denuncia)

    L’incontro avuto al Ministero della Sanità  a Gennaio 2006.

    Decine di Lettere spedite ai Responsabili Istituzionali con risposte evasive e incostituzionali, visto che negavano  dei   diritti   sanciti dalla Costituzione Italiana.

 per questo mi chiedo:

    dove si trova lo stato del diritto 

    Perchè viene calpestato il mandato del popolo italiano ?

    Perche'  non vengono rispettate le norme costituzionali ? 

    Perché, la Presidenza della Repubblica, dice che per motivi istituzionali non può aiutarmi ?

    Chi è il garante dello stato del diritto ?

    Il Ministero della Sanità della Russia ha approvato le tiopoietine  componente del farmaco GLUTOXIM (glutatione ridotto) a supporto delle terapie  oncologiche e/o delle terapie antidegenerative ,perché  in Italia non è stato possibile ?( vedi risposta  Parlamentare e quella  speditami   dagli Esperti dell’Istituto Superiore di Sanità )

-Il Dipartimento di Chimica Biologica del Centro Medico dell’Università di Francoforte (Germania)  ha dimostrato in vitro che  il GSH  e L’acetil Glutatione  innescano l’apoptosi nelle cellule neoplastiche .Ciò significa che in presenza di questo elemento difficilmente le cellule vanno in degenerazione.

 Decine e decine di pubblicazioni sono state eseguite da altri ricercatori, sin dal 1993 , da quando ho comunicato, nei vari  seminari e congressi, che alla base delle patologie degenerative e autoimmunitarie c’è lo stress ossidativo. Ma nessuno sa e sapeva che lo stress ossidativo avviene  soltanto quando le riserve di GSH epatico sono assente o sono insufficiente a stabilizzare i radicali liberi e a tenere ridotto tutto il sistema antiossidante.  Infatti nel plasma normalmente il GSH  è assente, ma se avviene una cascata di radicali liberi( endogeni e/o esogeni) interni e/o esterni all’organismo,  le riserve del glutatione ridotto si immettono nel flusso sanguigno per ristabilizzare il rapporto ox/red  di tutto il sistema biochimico, secondo il  principio degli equilibri.
Esempio: Perché  si fa bere   la coca cola ai  bambini intossicati ? uno per ristabilire il rapporto dei liquidi e l’altro perché la caffeina stimola la produzione di glutatione nel fegato richiesto in quatità  enorme  dall’organismo, cioè l’aiuta a disintossicarsi oltre ad evitare l’acidosi metabolica. 

Le dichiarazioni su un quotidiano Nazionale,  fatte dai tre più grandi Esperti Italiani e Europei  in Oncologia( 29 Novembre 1992)  che hanno detto   a proposito della Nac  ( N-acetilcisteina- precursore del Glutatione ) : Previene mutazioni sia spontanee sia indotte e i tumori negli animali  da esperimento. Viene adoperato, a discrezione dell’oncologo, a supporto si alcune terapie  Chemioterapiche .Lo sanno in pochi.

VOLEVAMO ESSERE AIUTATI:

A)a dimostrare che, la rivelazione  della presenza nelle urine del metabolita chimico che distrugge le   riserve della cisteina e del GSH- (Causa dello stress ossidativo e blocco delle pompe cellulari che  portano alla degenerazione della cellula, ovvero al Cancro);

B)a proseguire la sperimentazione di un antibiotumorale  ricavato da una mucillagine  prodotta da batterio non tossico selettivo, che in vitro ha innescato un processo citolico del 30% in un ora  dose/risposta

C)al potenziamento della Terapia di supporto Crap  con la scoperta di molecole per modulare la risposta dell’infiammazione cronica che uccide gli ammalati di cancro che arrivano come se fossero ustionati.(consegnata a  Scienziati Stranieri). APPLICATA A POCHI E NON A TUTTI  DA DIVERSI ONCOLOGI IN ITALIA  E ALL'ESTERO.

COSA VORREMO AVERE A DISPOSIZIONE ?

    Apparecchiature per fare il test del DNA(Disponibile ad eseguirlo  una Prof.ssa dell’Università di Catania)   per capire  a quale farmaco è sensibile la cellula neoplastica, eviteremo di fare chemioterapia inutile e dannosa, (test al momento eseguibile soltanto  a Florina in Grecia( grazie all’aiuto di un Prof. dell’Università dell’Aquila)  e il costo è  di 1000 euro ca.);

    Apparecchiature  per dosare il SISTEMA RIDUCENTE (unico centro in italia I.D.I. di Roma);

    Apparecchiature per dosare l'aminoacidogramma plasmatico (apparecchio guasto da anni all'Università di Palermo).

VOLEVAMO CREARE UN LABORATORIO DI RICERCA SULLE MALATTIE RARE E CI HANNO DETTO DI NO’.

Abbiamo scoperto che alcuni ammalati di  sclerosi laterale amiotrofica e multipla  hanno nel sangue  etanolo  senza mai averne ingerito. Proveniente sicuramente  da un metabolismo batterico che li ha resi immunodepressi. Non abbiamo potuto continuare la ricerca  per mancanza di mezzi  e strutture. Ma abbiamo visto su un’ammalata di sla di Genova che i linfociti  NK  dal 2% sono arrivati a 14% e l’etanolo era sparito, dopo una terapia antiossidante mirata.Questi e  altre piccoli risultati  abbiamo ottenute su malattie invalidanti, ma la cosa non interessa nessuno.     

DOV’ E' LO STATO DEL DIRITTO ?
ABBIAMO BISOGNO DI APPARECCHIATURE  E DI REAGENTI  PER POTER   FARE RICERCA,  LE MALATTIE SONO UN PROBLEMA DI TUTTI NON DEGLI ALTRI.
Su tutti i  motori  di ricerca basta digitare  - Giovanni  Puccio - la  mia storia, le  mie scoperte e le mie vicissitudine, portate a conoscenza  degli  Italiani e fra non molto in tutto il mondo.

QUI DI SEGUITO ALLEGO LA RELAZIONE FIRMATA DAI PROFESSORI UNIVERSITARI E DAI MEDICI CHE SIN DAL 1992 MI HANNO AIUTATO A PORTARE AVANTI LA RICERCA , AUTOFINANZIATA DAL SOTTOSCRITTO E DA ALCUNI AMICI.
QUESTA PARTE DI RELAZIONE  E' STATA CONSEGNATA NEL 2000  A UN  DEPUTATO  NAZIONALE PER PORTARLA AL MINISTRO DELLA SALUTE . 

ASPETTIAMO ANCORA LA RISPOSTA.

Voglio precisare che l’art.28 della Costituzione Italiana è categorico nei confronti di chi nega un diritto  ad un cittadino, specialmente quando si tratta di qualcosa che serve alla comunità

- Art. 28. della Costituzione Italiana -

I funzionari e i dipendenti dello Stato e degli enti pubblici sono direttamente responsabili, secondo le leggi penali, civili e amministrative, degli atti compiuti in violazione di diritti. In tali casi la responsabilità civile si estende allo Stato e agli enti pubblici.

GIOVANNI PUCCIO, UN CITTADINO ITALIANO  SENZA DIRITTI.

Ringraziamenti
Ringrazio Dio che mi ha permesso di dare una risposta alle mie domande, donandomi una grande forza d’animo per mantenere la promessa fatta a mia madre prima e ad un bambino di 12 anni poi, permettendomi di non cedere ai dolori, e a tutte le difficoltà che ho incontrato in questi lunghi anni;
A mia moglie e alle miei figlie, che mi hanno supportato con il loro amore e la loro comprensione;
A Padre Enrico Schirru (ordine dei Mercedari)e a Padre Mario Golesano (Il sostituto di padre Puglisi) che mi hanno supportato con le loro preghiere. Ai miei amici, S.Rappa, F. Sortino e A. D’aiello e che hanno sempre creduto in me, sacrificando il loro tempo libero.
Al Dott. G. Francese (Giornalista) per i suoi consigli e per aver creduto in me. A questi signori, sotto elencati, rimarrò sempre grato per la  consulenza prestatami e l’aiuto concessomi per portare avanti la mia ricerca:

Dottori  F. Sortino e G. Volpicelli e A. Machì    (C.N.R. Pa );

Nino D’Aiello  Tecnico di lab.di Virologia e Batteriologia ( Osp.Civ.Pa.);

Dott. A. Militello  Medico e ricercatore Scienza dell’alimentazione.

Dottori  S. Scola e Tricarico Centro Analisi (Osp.Civ. Pa);

Prof. Bono , dott.ssa D’ancona e Tecn. Sig. Saia ( Chimica Biologica);

Prof.PalazzoAdriano  (Ist. Di Farmacologia  dell’Univ. diPa);

Prof.  Romano   e Dott. Orecchio ( Chimica inorganica Univ. Pa);

Professori  Venturelli ( Marito e moglie) (Chimica organica  Univ. Pa);

Dottoresse  Dolo e Lo Rè   (Ist. Biocellulare dello sviluppo);

Professori  Filpi , Favaloro e Sammarco ( microbiologia del terreno);

Prof. Nitri (Fitopatologia), Prof. Bazan ( Chimica Agraria);

Sig.Centomani Tecn. ( Medicina Legale);

Professori  Camarda, Ceraulo e Fontana  (Chimica e tecn. Farmaceutiche);

Dottori Minetti, Mallozzi, Davanzo e Pietraforti  (Ist. Sup. Sanità –Roma );

Prof. Mazzola  (Botanica);

Ing. Santini e Dott. Cavalli   (Ditta Dionexx  HPLC);

Sig. Belloli Tecn. Della Ditta Superchrom (Supelco) Gas-Massa;

Tutti i bibliotecari delle varie facoltà che mi hanno aiutato nella ricerca dei testi scientifici;

Dottori  Metus e Bonvicini  (Dipartimento di medicina Padova);

Dott.Lergergren (Istituto Karolinska di Stoccolma)


Un grazie particolare al Dr. G. Paolo Vanoli che grazie al materiale dei suoi studi, inviatomi, ho potuto confermare ancora di più la mia ipotesi e completare, teoricamente, la mia ricerca.
Protocollo Terapeutico del ricercatore G. Puccio  -  http://emmanuele.splinder.com

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

La mia SFIDA CONTRO il CANCRO ASSASSINO       
MY CHALLENGE AGAINST CANCER , THE KILLER - Giornale di Sicilia del 18.04.98

Dal 1992, dopo la morte atroce di mia madre a causa della patologia a margine, mi sono interessato all’eziopatogenesi del cancro. L’ho studiato su tutte le forme di vita, dedicandoci migliaia di ore di studio e di sperimentazione.
Attraverso un’indagine ematochimica ho scoperto che etanolammina e gaba erano in eccesso e ammoniaca metabolica in difetto, in tutti gli ammalati di cancro esaminati, Partendo da questi dati e da due punti fondamentali dell’oncologia sperimentale che: il cancro si sviluppa sui tessuti danneggiati, il carcinogeno per essere trasformante deve essere continuo e l’organismo non possa liberarsene.
Ho dedotto che il carcinogeno doveva derivare da un metabolismo interno dell’organismo, e come ? Analizzando e studiando l’anamnesi di centinaia di cancerosi ho scoperto che tutti avevano avuto, prima che la patologia avesse superato l’orizzonte clinico, dei problemi all’apparato digerente ho avevano adottato una terapia di antibiotici che avevano causato un dismicrobismo intestinale.
Attraverso una ricerca, fatta con la banca dati americana, vidi che l’organismo era stato setacciato da parte tutti i ricercatori nel cercare una proteina o un enzima estranea all’ospite ma tutti i tentativi erano stati inutili. Mi convinsi che la degenerazione cellulare era opera di un carcinogeno chimico derivante da un metabolismo dei batteri.
Mi convinsi ancora di piu’ studiando il cancro sulle piante superiori e inferiori e sugli animali.
Studiando ecologia microbica scopri che nel 1844 uno scienziato aveva isolato dentro lo stomaco di un paziente affetto di malattia gastrica i batteri Sarcina ventriculi. Ricerche successive hanno dimostrato che essi non sono mai presenti in individui sani e si sviluppano solo in condizione patologica, non sono ritenuti patologici. Essi sono acidi resistenti e potenti fermentatori di zuccheri solubili.
Producono etanolo, H2, acido acetico e formico. Questi due riscontrati nell’analisi delle feci del canceroso.
L’etanolo reagendo, per mezzo dell’idrogeno, con l’acido cloridrico dello stomaco forma un alogenuro alchilico CH3 CH2 Cl, Veleno, esso immesso in circolo e’ tamponato dall‘NH3 e dal gruppo SH del glutatione (glutatione reduttasi in eccesso)creando ammine alifatiche di prima ed etantiolo ma un gruppo reattivo si lega al DNA delle cellule dei tessuti danneggiati innescando la degenerazione cellulare.
Soltanto eliminando la causa si potra’ ottenere la remissione della patologia. L’escissione della neoplasia non elimina la causa, infatti il suo ritorno e’ di norma.
Il canceroso muore sempre per arresto cardiocircolatorio paragonabile ad un’intossicato da alogenuri alchilici. Adottando la terapia del caso si puo’ prolungare la vita. Negli animali erbivori il cancro e’ rarissimo perche’ nel tubo digerente hanno un enzima cellulasi che gli permette di scindere il legame beta-glicosico di cui e’ formata la cellulosa, elemento anche della corazza dei sarcina.
Perche’ il Prof. Steven Rosemberg nell’asportare una parte dello stomaco di James De Angelo, affetto da cancro, ha scoperto nella zona circostante la massa neoplastica infiltrazioni di linfociti T e successivamente senza l’utilizzo di farmaci ha visto guarire il paziente ?
La risposta e’ che il Professore indirettamente elimino la causa, cioe’ i batteri, e il sistema biochimico riequilibratosi ha distrutto cio’ che erroneamente aveva creato.
Nel 1932 Moravek e Kishi misero in evidenza l’alta presenza di K all’interno della cellula, in normale attivita’ fisiologica; contemporaneamente notarono dei valori decrescenti di presenza di K all’interno dei tessuti neoplastici ed in particolare all’interno della cellula dei medesimi.
Alle stesse conclusioni e’ arrivato Demetrio Sodi Pallares, cardiologo, “perche’ vi sia una malattia di cuore, la morte delle cellule cardiache, bisogna che il sodio entri all’interno della cellula e che potassio e magnesio ne escano. Lo stesso avviene per il cancro” Cosi come il potenziale membrana che scende gradualmente da –75 a 15 mV.
Tutto questo ci fa capire che la degenerazione cellulare e’ graduale. Un elemento estraneo all’organismo che attraverso il sangue, sui tessuti danneggiati blocca gli enzimi e, di conseguenza, tale effetto si ripercuote sul RNA, che e’ lesionato, L’informazione genetica resta cosi’ alterata, e la degenerazione cellulare puo’ presentarsi in qualsiasi momento.
Tutti sappiamo che se un sistema e’ in equilibrio e uno dei fattori che lo regolano viene variato il sistema si modifica in modo da ristabilire l’equilibrio. Ma se l’elemento che squilibra il sistema viene allontanato si riforma il sistema originale .Infatti in oncologia sperimentale quando si interrompe l’immissione del carcinogeno sulle cavie si ha sempre una remissione, questo avviene anche sulle piante. Occorrerebbero decine di pagine a disposizione per avallare ancora di piu’ la mia teoria .

Per motivi di lavoro non potendo piu’ continuare la mia ricerca, e dimostrare il tutto, avevo chiesto ai responsabili del settore scientifico Italiano che mi aiutassero ad eseguire il dosaggio del CH3CH2Cl nei succhi gastrici e/o CH3CH2SH nelle urine dei cancerosi; sebbene l’idea e’stata dichiarata valida e’ da sperimentare HANNO CREATO UN MURO DI SILENZIO ATTORNO ALLA MIA RICHIESTA, COMPRESO I NOSTRI MINISTRI.

Dopo cinque anni sono riuscito a convincere un Docente Universitario a ricavare da una particolare muffa, sotto mia indicazione, una sostanza che e’ un pool di enzimi capaci di idrolisare composti macromolecolari e polisaccaridi di cui e’ composta anche la corazza dei sarcina. Esiste un farmaco Americano, antitumorale, simile in commercio ma non e’ uguale.( si passerebbe subito alla fase due della sperimentazione).

Essa e’ stata testata in vitro su culture cellulari neoplastiche. Il risultato e’ stato che ha innescato un processo, dose/risposta x h , citolitico del 30%.
Il professore si e’ rifiutato di comunicare l’esperimento perche’ non ha la possibilita’ di decifrare le proteine, manca di tutto, per spiegare che cosa ha funzionato e come ha funzionato. Inoltre, allo stesso, ho consegnato le metodica, a mezzo gas massa, per dosare l’etantiolo nelle urine.
Il Prof. per continuare vorrebbe la mia collaborazione ma io sono impossibilitato, perche’ sto rischiando di perdere il lavoro che mi permette di vivere. Anche gli amici, che mi hanno aiutato, sono nella mia stessa situazione
Sebbene sto venendo meno a quel giuramento fatto a mia madre prima di morire, che avrei dedicato la mia vita alla lotta contro il cancro, non posso chiedere alle mie figlie e a mia moglie questo ulteriore sacrificio.
Il vaccino terapeutico: Equilibratore, Microelementi, Minerali, Antibiotico Nucleofilo Elettrolitico, secondo gli elementi che contiene elimina i sarcina ventriculis, riequilibra il sistema enzimatico quindi anche immunitario e innesca un processo autolitico nei confronti della neoplasia Ma occorre continuare il protocollo della ricerca. Sette lunghi anni durante i quali ho dovuto elemosinare gli esperimenti ed adesso per motivi di lavoro ho dovuto abbandonare.

Sto cercando in tutto il mondo qualcuno che possa portare a termine la mia ricerca. Possa Dio avere pieta’ di quelli che calpestano la dignita’ dell’ammalato per arricchirsi e di quelli che ci hanno precluso la possibilita’ di continuare.

Ben 16 discipline scientifiche diverse sono state implicate in questa ricerca, implicando decine di amici e di grandi scienziati che mi hanno supportato, compreso i tecnici delle ditte Dionex e Superchrom.
Che Dio gli renda merito per quello che hanno fatto. Abbiamo sacrificato tutto il tempo libero e parte delle nostre risorse economiche. Non abbiamo mai chiesto soldi a nessuno e non intendiamo farlo. Non chiedevamo ne onori ne’ gloria.
Il nostro grande sogno era di sconfiggere questa patologia e creare un piccolo Istituto di eziopatologia, scusate se e’ troppo.  Palermo, 22.01.99 Giovanni Puccio  - E-mail giovannipuccio@hotmail.com

From: giovannipuccio@hotmail.com
To: centromessaggi@governo.it
Subject: una supplica per essere aiutato a fermare con la scienza e coscienza la strage del cancro.
Date: Thu, 2 Feb 2012 09:38:03

Gentile Presidente del Consiglio
Nel trasmetterle la relazione su una ricerca privata  sul cancro durata 7 anni con l'aiuto di 46 scienziati,firmata dai alcuni direttori di istituto dell'Università di Palermo, e che nessuno dal 1998 mi ha dato la possibilità di poterlo  dimostrare ufficialmente.  
Rinnovo per l’ennesima volta  la domanda  anche a Lei, visto che nessuno mi vuole dare una risposta : << possono le regole sovvertire le norme sancite da Popolo Italiano( art.3 comma 2 e  art.4)  e negare a un cittadino, non titolato, dimostrare  i propri studi per fermare una patologia che causa  ogni anno  in Italia migliaia di morti ?.

Anche quest’anno in Italia  i morti di cancro hanno  superato le 160.000 persone (come previsto dall’AIOM ) e se consideriamo anche i morti di infarto (  visto che lo stesso meccanismo biochimico del cancro se  avviene a livello del muscolo cardiaco si ha l’infarto  (Sodi Pallares)) i morti a causa dello stress ossidativo hanno superato le 300.000 persone. Situazione patologica che ho fatto presente sin dal  1999 ,da come si evince  nell’interrogazione parlamentare  e dagli  esposti alle  Procure di Palermo e di Roma.

Le faccio presente che  dal 1998  ad oggi sono morti 1800.000 Italiani soltanto di cancro, non considerando i morti per le altre patologie degenerative. E visto le statistiche  dell'OMS, milioni di persone non avranno un domani e/o un futuro, questo adesso lo dovrà decidere  anche Lei.
http://www.camera.it/_dati/leg13/lavori/stenografici/sed868/s040.htm

Volevo  dimostrare che alla base delle patologie degenerative  c’è lo stress ossidativo – cioe', lo squilibrio del rapporto ossidante/riducente  nella cellula, (stress ossidativo)  causato dalla distruzione di una molecola e che questa distruzione avviene ad 'opera di un batterio onnipresente in  caso di
 accertamento di patologia degenerativa. Manca l'ultimo test dell'accertamento della molecola che distrugge la cisteina nelle urine che mi boicottano sin dal 1998.

lo stress ossidativo  che è alla base di alcune patologie (contestatomi sempre) oggi è  dimostrato da tante pubblicazioni  scientifiche, avallate definitivamente a febbraio  dagli Americani
http://ricerca.repubblica.it/repubblica?query=giovanni puccio ricercatore &view=archivio
http://www.sciencedaily.com/releases/2011/02/110215102836.htm

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

From: giovannipuccio@hotmail.com
To: info@mednat.org; lorettat@libero.it ; daniela_mascellino@hotmail.com ; inthc.com@alice.it
Subject: FW: fermare una strage a tutti costi
Date: Sat, 16 Feb 2013 11:44:05 +0000

Si devono soltanto vergognare. Prendono i miei lavori e li fanno propri, (Giovanni Puccio)

RISPOSTA AD UNA  INTERROGAZIONE PARLAMENTARE SU  UNA RICHIESTA DI DIMOSTRARE UFFICIALMENTE DA PARTE DI UN CITTADINO NEL 1998 "  CAUSA PREVENZIONE E CURA DEL CANCRO" STUDI CHE DOPO 15 ANNI, COMINCIANO  AD ESSERE DICHIARATI VALIDI DA TUTTI .(Sostegno all'attività di ricerca sul cancro posta in essere da un privato)

PRESIDENTE.
Passiamo all'interrogazione Lo Presti n. 3-03912 (vedi l'allegato A - Interpellanze e interrogazioni sezione 3).
Il sottosegretario di Stato per la sanità ha facoltà di rispondere.

GRAZIA LABATE,
Sottosegretario di Stato per la sanità. Signor Presidente, rispondiamo a questa interrogazione parlamentare dietro delega della Presidenza del Consiglio. L'Istituto superiore di sanità, organo tecnico-scientifico del Ministero della sanità ha esaminato e approfondito gli aspetti della teoria di sviluppo dei tumori formulata dal signor Giovanni Puccio di Palermo secondo la quale i tumori sarebbero generati in seguito all'azione di carcinogeni-endogeni, prodotti a livello dello stomaco per l'azione di un batterio, il sarcina ventriculi.
In effetti, a sostegno di detta teoria non risultano presentati significativi dati sperimentali. Viene citato uno studio condotto di recente in Svezia, il quale ha dimostrato che la sindrome da reflusso gastroesofageo rappresenta un importante fattore di rischio per la genesi dell'adenocarcinoma dell'esofago.

Tuttavia, tale studio, pur costituito su solide basi scientifiche, non avalla alcuna teoria particolare sulla genesi del cancro, limitandosi ad osservare che esiste una chiara e stretta relazione di causa-effetto tra il reflusso gastroesofageo e l'adenocarcinoma dell'esofago, senza però spiegare perché il reflusso gastroesofageo possa determinare l'insorgenza del carcinoma dell'esofago.
Peraltro, viene presentato un dato importante: la rimozione delle cause del reflusso gastroesofageo non sembra diminuire la probabilità di sviluppare nel tempo una neoplasia esofagea. Anche lo schema di trattamento dei tumori proposto dal signor Puccio, basato sull'utilizzo di elementi nutritori fluidificanti per via orale (acido ascorbico, beta carotene, agenti riducenti GSH, bicarbonato e vari integratori alimentari), non presenta alcun dato sperimentale che consenta di proporne una sperimentazione clinica. Inoltre, l'efficacia terapeutica del bicarbonato di sodio nel trattamento delle neoplasie non è supportata da evidenza clinica controllata. Del pari, le alterazioni dei radicali riducenti, quali il GSH, osservate nelle cellule tumorali sono il risultato di una serie di anomalie che determinano uno scompenso metabolico generalizzato, ma non sono all'origine dello sviluppo del processo neoplastico.
È nota invece l'importanza degli agenti antiossidanti naturali presenti nei cibi, in grado di esercitare una possibile azione preventiva nei confronti dello sviluppo di alcune neoplasie. In particolare, l'Istituto superiore di sanità ha inteso sottolineare


Antiossidanti, una valida terapia contro il cancro
http://www.tiopoietine.info/Trial_USA.htm
doct. Michael Lisanti e pubblicata su "Cancer Biology and Therapy"
Riducono lo stresso ossidativo, ostacolando così lo sviluppo delle cellule infette - Pubblicato il 17/02/2011 alle 10:01

Gli antiossidanti possono costituire una risorsa valida nelle terapie anticancro. Questo il risultato di una ricerca del Jefferson's Kimmel Cancer, diretta dal dottor Michael Lisanti e pubblicata su "Cancer Biology and Therapy".
Nelle specifico, la squadra del dottor Lisanti ha valutato gli anticancro usati contro malaria, raffreddore ed altre malattie polmonari.
Per fare ciò, gli esperti hanno creato un modello genetico trattabile per il cancro umano associato a fibroblasti usando un sh-RNA mirato.
Di base, la perdita dei meccanismi anti tumore come la proteina Caveolin-1 (Cav-1) avesse come conseguenza la comparsa di stress ossidativo nei mitocondri del microambiente stromale. Tale processo è alla base di alcune forme di tumore, come quello al seno: infatti, la mancanza di Cav-1 aumenta lo stress ossidativo, aumentando sia la massa tumorale e il volume del tumore di circa quattro volte.
Quando entravano in gioco gli antiossidanti in questione, lo stress ossidativo si riduceva, ostacolando di conseguenza la formazione e l'espansione del tumore.
Secondo il dottor Lisanti, "Ora abbiamo la prova genetica che lo stress ossidativo mitocondriale è importante per capeggiare la crescita del tumore". Di conseguenza i medici devono pensare che "E' necessario ridurre lo stress ossidativo nel corpo per diminuire la crescita del tumore".
A tale scopo, il dottore suggerisce come sia fondamentale progettare "Farmaci anticancro che abbiano appositamente l'obiettivo di evitare questo tipo di stress ossidativo. E ci sono già farmaci antiossidanti presenti sul mercato come integratori alimentari, come la N-acetilcisteina".
Non è la prima volta che la scienza indica negli antiossidanti un possibile mezzo di lotta al tumore. Questa è stata la tesi sostenuta, tra gli altri, dall'italiano dottor Di Bella, le cui teorie incontrarono però ben poca approvazione.

FONTE: Casey Trimmer, Federica Sotgia, Diana Whitaker-Menezes, Renee M. Balliet, Gregory Eaton, Ubaldo E. Martinez-Outschoorn, Stephanos Pavlides, Anthony Howell, Renato V. Iozzo, Richard G. Pestell, Philipp E. Scherer, Franco Capozza and Michael P. Lisanti, "Caveolin-1 and mitochondrial SOD2 (MnSOD) function as tumor suppressors in the stromal microenvironment: A new genetically tractable model for human cancer associated fibroblasts", Cancer Biology and Therapy, Pages 383 - 394, DOI: 10.4161/cbt.11.4.14101
By
Matteo Clerici  

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>
 
 Obiettivo: l’habitat del tumore” - La Stampa  +  Tutto Scienza & Salute
Debutta una strategia alternativa: ridurre l’acidità che rende il cancro inattaccabile - By Valentina Arcovio
«Una delle migliori strategie che abbiamo per sconfiggere il tumore, oltre ad attaccarlo direttamente, è di distruggere il suo habitat». Sono oltre 5 anni che Licia Rivoltini, responsabile dell’Unità di Immunoterapia dei tumori umani dell’Istituto nazionale tumori di Milano, lavora a questo innovativo approccio. «Ora abbiamo capito che le cellule cancerose sono in grado di proteggersi dall’attacco delle nostre difese naturali, costruendosi una specie di “roccaforte” e stiamo anche scoprendo come violare questa protezione per permettere al sistema immunitario di attaccare il tumore e di distruggerlo». 
 
Dottoressa, com’è fatta questa «casa» del tumore?  
«Crescendo, un tumore causa profondi cambiamenti del microambiente, tra cui una diminuzione del pH e un elevato livello di acidità. Si pensi che, se il pH fisiologico è 7.4, quello di una lesione cancerosa può raggiungere un valore di 6 o anche meno, una condizione che nessuna cellula normale è in grado di tollerare, tantomeno le cellule immunitarie. Si crea così un “effetto barriera”, un sistema molto efficiente con cui il tumore riesce ad isolarsi per crescere indisturbato». 
 
Come fanno i tumori a costruirsi questo habitat ideale ?  
«E’ una loro caratteristica intrinseca. I tumori, infatti, avendo bisogno di molta energia per crescere, attivano, tra gli altri geni, anche quello che aumenta il consumo del glucosio. Ciò provoca uno squilibrio metabolico e un accumulo di cariche elettriche all’interno della cellula tumorale (E), una condizione dannosa anche per la cellula cancerosa stessa. Ma i tumori, purtroppo, hanno mille risorse e riescono prontamente a liberarsi di queste cariche, “sputandole” all’esterno e acidificando quindi l’ambiente circostante». 

(NdR: (E):
ENZIMI (importante e' leggere il lavoro del Perito Commerciale - chimico - Giusy Arcidiacono) + Metalli tossici dei vaccini = Autismo vedi: PDF
 
Che cosa succede invece alle cellule sane ?  
«L’ambiente acido paralizza letteralmente i linfociti T, le cellule che difendono l’organismo dall’attacco di agenti estranei e dalla crescita tumorale, e impedisce loro di penetrare nella lesione cancerosa e di distruggerla. I linfociti T sopravvivono comunque all’assalto acido, ma le loro capacità aggressive sono quindi bloccate». 
 
Questo vale per tutti i tumori ?  
«Per molti. Da tempo, in collaborazione con Stefano Fais, direttore del Reparto Farmaci Antitumorali dell’Istituto Superiore di Sanità, si sta studiando il ruolo dell’acidità in numerosi tumori umani inoculati in topi di laboratorio. In molte neoplasie, quali ad esempio il melanoma, i linfomi e il tumore della mammella, l’abbassamento del pH tumorale risulta una caratteristica costante». 
 
Come si può ristabilire il pH naturale, distruggendo quindi l’habitat del tumore ?  
«Sono stati già condotti studi clinici, sponsorizzati dall’Istituto Superiore di Sanità e realizzati in collaborazione con altri istituti (ad esempio l’Istituto Rizzoli di Bologna), che hanno valutato l’uso di farmaci modulatori del pH, in combinazione con la chemioterapia. Per correggere l’acidità abbiamo utilizzato gli “inibitori della pompa protonica”, cioè dei farmaci comunemente usati nel trattamento dell’ulcera gastrica, che, se usati ad alte dosi, aumentano il pH del tumore. I risultati sinora ottenuti sono interessanti.
Nei pazienti con melanoma si è osservata una ripresa delle risposte immunitarie anti-tumore, mentre in un gruppo di pazienti affetti da sarcoma l’effetto della chemioterapia è risultato di molto aumentato dalla terapia con gli anti-acidi e i chemioterapici». 
 
Lo scopo dei farmaci antiulcera è solo quello di demolire la casa del tumore ?  
«In realtà, se riduciamo l’acidità del tumore, otteniamo una serie di effetti potenzialmente molto positivi per il paziente oncologico: le cellule neoplastiche smettono di crescere, aumenta la loro sensibilità alla chemioterapia e si osserva anche un’importante riattivazione delle risposte immunitarie.
Gli “inibitori di pompa”, inoltre, aumentano l’efficacia dell’immunoterapia anti-tumorale, come recentemente dimostrato grazie all’Airc e in collaborazione con Matteo Bellone dell’Ospedale San Raffaele di Milano. Risulta quindi chiaro come le condizioni metaboliche e biochimiche del microambiente tumorale, favorendo la crescita delle cellule neoplastiche a sfavore delle risposte anti-tumorali dell’ospite, rappresentino una nuova e rivoluzionaria frontiera». 
 
Che cosa vedremo nel breve futuro a questo riguardo ?  
«Siamo in procinto di avviare uno studio in cui i farmaci anti-acidi verranno utilizzati in combinazione con un vaccino antitumorale in pazienti affetti da tumore della prostata o da melanoma. Dato che questo tipo di terapia è privo di importanti effetti collaterali, vorremo poi proporla per prevenire a lungo termine le ricadute della malattia dopo la terapia standard oppure per curare i tumori iniziali.
Tutto questo, però, non sarebbe stato possibile senza il sostegno dell’Istituto Superiore di Sanità e dell’Airc. Grazie infatti a questa coraggiosa associazione siamo riusciti a fare enormi progressi, sopperendo alla mancanza di sostegno da parte di alcune case farmaceutiche poco interessate ad appoggiare studi che si basano su farmaci liberi da brevetti». 

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Ipotesi enunciata sin dal 1993 - Cancro - punto di arrivo di una evoluzione patologica iniziata molti anni prima  
Punti assodati oncologia sperimentale -
a) il cancro si sviluppa sui tessuti danneggiati (ove la vitalità è carente)
b) il carcinogeno deve essere continuo e l'organismo non può eliminarlo.

1° FASE = stress - inquinamento - dismicrobismo intestinale - fumo - conflitti spirituali - cattiva alimentazione (accertato);
2° FASE = squilibrio della flora batterica intestinale => proliferazione dei batteri Sarcina Ventriculis (onnipresenti in presenza di carcinoma)
3° FASE = immissione di un veleno (CAA) nell'organismo => blocco del GSH (epatico) - GSSG - ATP REDOX = STRESS OSSIDATIVO e ENCEFALOPATIA EPATICA (accertato in parte);
4° FASE = alterazione enzimatica, squilibrio elettro - chimico della cellula (CANCRO)(accertato).
SECONDO I PRINCIPI DELLA CHIMICA PER RIEQUILIBRARE UN SISTEMA BIOCHIMICO OCCORRE ALLANTANARE L'INIBITORE (INIBIZIONE NON COMPETITIVA) AGGREDIRLO VA CONTRO TUTTI I PRINCIPI DELLA CHIMICA E DELL'ECOSISTEMA 
A)  ELIMINAZIONE DELLE CAUSE
B)  RIEQUILIBRIO DEL RAPPORTO REDOX CELLULARE ATTRAVERSO UNA TERAPIA RIDUCENTE E DIURESI FORZATA
C) VACCINO TERAPEUTICO - PER ELIMINARE BATTERI (CAUSA) RIEQUILIBRIO DEL SISTEMA ENZIMATICO E QUINDI IMMUNITARIO => RICONOSCIMENTO DELLE CELLULE NON SELF E AUTODISTRUZIONE DELLE STESSE
CANCRO SENZA ELIMINARE LA CAUSA = RECIDIVA

IO DA STUDIOSO HO FINITO - ADESSO E' UN PROBLEMA DELLO STATO E DELLA COSCIENZA DEI MEDICI SE VOGLIONO ACCERTARE CIO' E PORTARE A TERMINE IL MIO PROTOCOLLO DI SPERIMENTAZIONE DEL VACCINO TERAPEUTICO 
(BLOCCATO DAL 1998, PER MANCANZA DI MEZZI, DENTRO IL POLICLINICO DI PALERMO)

Ringraziamenti
Ringrazio Dio che mi ha permesso di dare una risposta alle mie domande, donandomi una grande forza d’animo per mantenere la promessa fatta a mia madre prima e ad un bambino di 12 anni poi, permettendomi di non cedere ai dolori, e a tutte le difficoltà che ho incontrato in questi lunghi anni;
A mia moglie e alle miei figlie, che mi hanno supportato con il loro amore e la loro comprensione;
A Padre Enrico Schirru (ordine dei Mercedari)e a Padre Mario Golesano (Il sostituto di padre Puglisi) che mi hanno supportato con le loro preghiere. Ai miei amici, S.Rappa, F. Sortino e A. D’aiello e che hanno sempre creduto in me, sacrificando il loro tempo libero. Al Dott. G. Francese (Giornalista) per i suoi consigli e per aver creduto in me. A questi signori, sotto elencati, rimarrò sempre grato per la  consulenza prestatami e l’aiuto concessomi per portare avanti la mia ricerca:

Dottori  F. Sortino e G. Volpicelli e A. Machì    (C.N.R. Pa );

Nino D’Aiello  Tecnico di lab.di Virologia e Batteriologia ( Osp.Civ.Pa.);

Dott. A. Militello  Medico e ricercatore Scienza dell’alimentazione.

Dottori  S. Scola e Tricarico Centro Analisi (Osp.Civ. Pa);

Prof. Bono , dott.ssa D’ancona e Tecn. Sig. Saia ( Chimica Biologica);

Prof.PalazzoAdriano  (Ist. Di Farmacologia  dell’Univ. diPa);

Prof.  Romano   e Dott. Orecchio ( Chimica inorganica Univ. Pa);

Professori  Venturelli ( Marito e moglie) (Chimica organica  Univ. Pa);

Dottoresse  Dolo e Lo Rè   (Ist. Biocellulare dello sviluppo);

Professori  Filpi , Favaloro e Sammarco ( microbiologia del terreno);

Prof. Nitri (Fitopatologia), Prof. Bazan ( Chimica Agraria);

Sig.Centomani Tecn. ( Medicina Legale);

Professori  Camarda, Ceraulo e Fontana  (Chimica e tecn. Farmaceutiche);

Dottori Minetti, Mallozzi, Davanzo e Pietraforti  (Ist. Sup. Sanità –Roma );

Prof. Mazzola  (Botanica);

Ing. Santini e Dott. Cavalli   (Ditta Dionexx  HPLC);

Sig. Belloli Tecn. Della Ditta Superchrom (Supelco) Gas-Massa;

Tutti i bibliotecari delle varie facoltà che mi hanno aiutato nella ricerca dei testi scientifici;

Dottori  Metus e Bonvicini  (Dipartimento di medicina Padova);

Dott.Lergergren (Istituto Karolinska di Stoccolma)


Un grazie particolare al Dr. G. Paolo Vanoli che grazie al materiale, dei suoi studi, inviatomi, ho potuto confermare ancora di più la mia ipotesi e completare, teoricamente, la mia ricerca.
Protocollo Terapeutico del ricercatore G. Puccio -  http://emmanuele.splinder.com


(NdR: ENZIMI (importante e' leggere il lavoro del Perito Commerciale - chimico - Giusy Arcidiacono) + Metalli tossici dei vaccini = Autismo vedi: PDF )
 

Commento NdR:
Il
Cancro nasce in sintesi e secondo la Medicina naturale (che non e' non legata alle multinazionali dei farmaci e Vaccini), perche' l’organismo del canceroso e' intossicato, e la microcircolazione, nei tessuti intossicati, viene ad essere alterata, producendo, a valle di essa, nelle cellule dei tessuti investiti da quel processo: malfunzione cellulare, (nutrimento ed eliminazione = respirazione cellulare alterata = metabolismo alterato = malnutrizione cellulare e tissutale assicurata), producendo successivamente infiammazione nei tessuti e stress ossidativo cellulare e per caduta immunodepressione, e parallelamente alterazione anche del sistema enzimatico per la precedente alterazione della flora batterica, pH digestivo non regolare (e quindi l'organismo e' mancante di minerali e vitamine ed in stato di acidosi), in quelle condizioni esso e' molto facilmente parassitato da certi, parassiti batteri e funghi (candida) i quali producono anche tossine ed ulteriori infiammazioni: Ma tutto cio' e' "gestito" come Causa primordiale dai Conflitti Spirituali (consci ed inconsci) e dall'intenso stress  del vissuto.
Il Cancro quindi e' una malattia MULTIFATTORIALE.
Quindi il medico, il terapeuta od il soggetto stesso DEVONO operare seguendo la stessa strada percorsa per l'
ammalamento.
Cioe' devono lavorare per
disintossicare il malato + disinfiammare l'organismo ed i tessuti interessati, ripristinare il pH digestivo, e normalizzare le digestioni + il malassorbimento sempre presente nel malato ed eliminare quei parassiti, batteri e funghi, che hanno proliferato in modo abnorme, per mancanza dei loro antagonisti + rinforzare il sistema immunitario SEMPRE compromesso in TUTTI i malati, cancerosi compresi ed eliminare i Conflitti Spirituali (quali Vere Cause) e lo stress esistenti, oltre a lavorare sul metabolismo alterato per ridurre ed eliminare lo stress ossidativo cellulare e quindi quello tissutale, sempre presenti in qualsiasi malattia e specie nel cancro, per i danni alla microcircolazione indotti dalle intossicazioni piu’ o meno intense.
E tuttavia, laddove ci sia anche una piccola volontà e speranza di vivere, un’adeguata terapia fito-nutrizionale (NdR: anche via endovena con soluzioni mineral - vitaminiche - vedi QUI il medico che utilizza con successo questo sistema -  l'ideale e utilizzare quelli non di sintesi chimica, ma di estrazione naturale - assieme all'assunzione via orale di fermenti lattici appropriati a seconda del paziente ed enzimi) può rendere normale il guarire naturalmente dal tumore, cosa che oggi vogliono farci ritenere impossibile o puramente miracoloso (vedi quei medici che alle volte preferiscono spedire il malato a Lourdes piuttosto che permettergli di curarsi naturalmente).
  
Seria RICERCA sul CANCRO (
ostacolata dall'Oncologia ufficiale)  - vedi: Cancro e Medicina Naturale + Nutriterapia Biologica Metabolica x il Cancro e non solo

CHI NON RISPETTA la COSTITUZIONE NON E' DEGNO di GOVERNARCI
18 ITALIANI MUOIONO OGNI ORA di CANCRO (COMUNICAZIONE del 25/10/2000 - AIAC)
By G. Puccio (ricercatore)

Interrogazione Parlamentare
art.2 - la Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalita'.  A ME NON VENGONO RICONOSCIUTI !!!
art.3 comma 2 - E' compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che limitano di fatto la libertà e l'uguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del paese. -
(Palermo, settembre 1999)

Atti Parlamentari

- 25049 -

Camera dei Deputati

XIII LEGISLATURA - ALLEGATO B AI RESOCONTI - SEDUTA DEL 15 GIUGNO 1999

I.O PRESTI. - Al Presidente del Consiglio dei ministri ed ai Ministri della sanità e dell'università e della ricerca scientifica e tecnologica - Per sapere - premesso che:

Il signor Giovanni Puccio, in seguito alla morte della madre per un tumore, ha cominciato uno studio in materia sul quale lavora oramai da più di otto anni nel tentativo di scoprire la causa originale delle patologie tumorali avvalendosi dell'aiuto della documentazione esistente e dei consigli di illustri professori, arrivando a scoprire che l'innesto della malattia dipenderebbe da una degenerazione cellulare determinata da uno squilibrio elettrochimico all'interno dell'organismo indotto da un batterio, non ritenuto patologico, scoperto nel 1844 dentro lo stomaco di un paziente affetto da una malattia gastrica;
dopo essersi rivolto, nel 1993, all'ora Ministro dell'università e della ricerca scientifica e tecnologia Mario Colombo che lo indirizza all'Istituto di chimica biologica di Palermo, struttura che gli fornisce supporto fin dove è competente ma si rivela carente di apparecchiature e personale per continuare la ricerca, il signor Puccio porta avanti i suoi esperimenti con l'aiuto di società private quali "Dionex" e la "Superchrom" fino ad arrivare al punto che gli mancavano due soli esperimenti per dimostrare la validità della sua teoria;
- data la necessità di svolge questi ultimi due esperimenti con l'ausilio delle strutture pubbliche idonee e con l'avvallo delle istituzioni sanitarie competenti, il signor Puccio si rivolge sia all'Istituto superiore di Sanità che al Ministro dell'università e della ricerca scientifica, senza ricevere però mai alcun tipo di riscontro; (DOPO QUESTA INTERROGAZIONE HANNO RISPOSTO INFASTIDITI)

Nell'aprile del 1998, in seguito ad un appello lanciato dalle colonne del Giornale di Sicilia, il signor Puccio è stato

 contattato dal professor...omissis...del Centro ontologico Maurizio Ascoli di Palermo che gli comunica di ritenere interessanti i suoi studi e conseguentemente la sua richiesta meritevole di essere seguita, affermazioni che si dimostrano purtroppo solo vuote parole; nei primi mesi del 1999 il signor Puccio ha lasciato un appello via Internet - allegando la documentazione da lui prodotta - al quale ha risposto un ricercatore che opera in un istituto all'estero  prospettandogli la possibilità di utilizzare le strutture presso le quali egli lavora per eseguire i due esperimenti finali; questo stesso professore è, fra l'altro, autore di uno studio che avalla in parte i risultati ottenuti dal signor Puccio già nel 1994.

Il 6 maggio 1999 il signor Puccio ha ripresentato la propria documentazione e la sua richiesta di poter eseguire gli ultimi due esperimenti, presso una struttura pubblica, al professor..omissis...dell'Istituto di farmacologia di Palermo, al professor...omissis....dell'Istituto di chimica biologica di Palermo, al professor ...omissis....del centro ontologico Maurizio Ascoli di Palermo e al professor ....omissis...del ministero dell'università e della ricerca scientifica e tecnologica, 
- quali opportune misure il Governo ed i Ministri interrogati intendano assumere al fine di far sì che la richiesta del signor Puccio sia quanto meno esaminata nella sede competente al fine di sottoporre ad un attento vaglio la validità dei suoi esperimenti e la possibilità che gli sia messa a disposizione una struttura per svolgere gli esperimenti mancanti per suffragare la sua teoria;

se i Ministri non ritengano opportuno disporre delle strutture atte a recepire ed a seguire con la dovuta attenzione tutti gli studi - e non solo quelli sostenuti dalle..................


 

IMPORTANTE:
Come Portale segnaliamo vari personaggi che hanno avuto contrasti con le autorita' mediche, e per essere precisi,  affermiamo che NON condividiamo in toto le loro terapie (quelle monoterapeutiche), in quanto per noi, seguaci della Medicina Naturale  la malattia (cancro compreso) e' MULTIFATTORIALE, quindi NESSUN prodotto puo', da solo, guarire dalla malattia della quale si e' malati !