Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


ALTRE CURE ALTERNATIVE per il CANCRO
(Cura Metabolica)
(Protocollo del ricercatore Giovanni Puccio, Palermo, settembre 1999)
Lodevole studio di un serio ricercatore
Le sue ricerche sono state depositate in 4 copie alla Prefettura do Palermo e registrate il 15/05/99 ed il 25/11/99
46 Scienziati e ricercatori hanno aiutato questo ricercatore, in sordina, e molti Istituti stranieri stanno
proseguendo le sue ricerche, avallando di mese in mese le sue scoperte.
vedi: Terapia G. Puccio, dimostrazioni effetti del Bicarbonato di Sodio
Test per il cancro
+ Cura metabolica per il Cancro

http://pucciogiovanni.blogspot.it/2013/02/come-iniziare-la-terapia-crapu.html
Terapia CRAP per il cancro, del ricercatore Giovanni Puccio
(2013) - Cura metabolica
Le sue ricerche sono perfettamente inquadrate e parallele a cio' che insegniamo da 40 anni,

sono state inserite nel nostro Protocollo della Salute, e pubblicate sulla Guida alla Salute Naturale
fin dagli anni 1970 ed in seguito sul WEB
E' INDISPENSABILE
per stare sempre BENE e' l'assunzione quotidiana, per certi periodi, di acqua Basica a pH min. di 7,35 > 11 (almeno 1,5 lt)
Le bevande troppo saline e/o le bevande industriali, non vanno bevute giornalmente e/o spesso, anche e per le loro forti acidita',
in quanto influiscono sull'alterazione dei giusti valori di pH dell'acqua del corpo.

L'acidosi e' la base fisiologica del Cancro -  Il Conflitto Spirituale Irrisolto, ne e' la Causa primaria
Cancro = Combattere l'acidita' per sconfiggerlo - Le ultime ricerche
Nutriterapia Biologica Metabolica x Cancro

  Circolazione sanguigna: prevenzione degli infarti e del cancro. I citrati eliminano calcificazioni arteriose. Gli ascorbati fanno il resto !
Paolo-Lissoni: i-segreti-della-pineale-anticancro-io-oncologo-vi-spiego-perche-la-medicina-esclude-di-bella/
 

Protocollo del ricercatore G. Puccio
Emmanuele “ Associazione per la Ricerca Scientifica - Via A. Cesalpino, 2  - 90128 Palermo – Italia - C.F.: 97187000829:
(per socio sostenitore) - c/c postale: 51331064 c/c banca - cin/G –cab/07601-Abi/04600 -c/c 51331064

Associazione per la Ricerca Scientifica
TERAPIA COMPLEMENTARE RIDUCENTE ANTIDEGENERATIVA
Responsabile ed ideatore: Presidente  - Giovanni Puccio - Ricercatore e Consulente Scientifico
e-mail: giovannipuccio@hotmail.com - tel. 338.777.3738
Vicepresidente - Francesco Nicosia
Comitato Scientifico: Dott. Santi Scola - (Specialista in Ematologia Generale Clinica e di Laboratorio Igiene e Medicina Preventiva. Orientamento Laboratorio. Patologia Clinica)
Dott. Francesco Sortino - e-mail: francesco.sortino@vulcanieambiente.it
Pubbliche Relazioni: - Segretario Generale - Rossella Puccio - cell.: 328 6369415
e-mail: rossellapuccio@hotmail.com
vedi: PDF sullo Stress Ossidativo
+ Ascorbato di Potassio

Il  Protocollo  viene aggiornato per il ns. prosieguo della  ricerca: 05.10.2004
Questo protocollo è stato richiesto e consegnato a titolo gratuito a: Americani, Russi, Tedeschi, Bulgari, Israeliani, Inglesi, Canadesi, Australiani, Svizzeri  e Spagnoli.
Esso si basa soprattutto sull'eliminazione delle VERE cause del Cancro: Intossicazione + Infiammazioni + Immunodepressione + Stress ossidativo + alterazione del pH (acidosi).
La cura consiste in sintesi; utilizzare le sinergie fra: Cistina, Acetilcisteina, Cisteina, Glutatione (Glutatione - 2) e Vitamina C (Vitamina C - 2)
(NdR: Il Glutatione è una piccola molecola che si trova sostanzialmente in tutte le cellule del corpo umano ed è deputato all’inattivazione dei sopra descritti radicali liberi.
Il Glutatione viene costruito all’interno delle cellule partendo dai tre aminoacidi che lo compongono che sono la glicina, l’acido glutammico e la cisteina.
Il fattore limitante la sintesi del Glutatione è la disponibilità di cisteina che è piuttosto rara negli alimenti. D'altro canto la cisteina assunta per bocca è rapidamente catabolizzata nel tratto gastrointestinale e nel sangue e, possedendo anche un potenziale tossico, un supplemento orale non è raccomandabile.
Alcuni farmaci che promuovono la sintesi del Glutatione stimolando la produzione e la distribuzione di cisteina alle cellule, sono stati usati con successo con indicazioni specifiche come l'intossicazione da acetaminofene, e nella fibrosi cistica, ma hanno lo svantaggio di possedere effetti collaterali rilevanti ed una breve emivita.
Da qui l’importanza dell'aminoacido cistina, che è composto da due molecole di cisteina legate tra loro da un ponte disolfuro, cioè composto da due atomi di zolfo. Tale aminoacido è molto più stabile della cisteina ed in grado di arrivare alle cellule, nel cui interno verrà trasformato in due molecole di cisteina con le quali potrà poi essere costruito il Glutatione. Gli atomi di zolfo dell'aminoacido cisteina sono responsabile dell'attività biologica del Glutatione).
L'unico appunto e' che occorre precisare  tutti coloro che hanno malattie degenerative, hanno ormai consolidato un sistema di ossido-riduzione alterato e specialmente i cancerosi, per cui non hanno piu' gli enzimi per le necessarie trasformazioni della cistina in cisteina, ecco perche' si deve introdurre la acetilcisteina.

IMPORTANTE: in caso di: OLIGURIA: chiedere la consulenza di un nefrologo
- nel caso di IPERbilirubinemia: chiedere la consulenza  di un epatologo
vedere sito su tossicità bilirubina (trattamento):
http://criglernajjar.altervista.org/duec.htm
- In caso di metastasi al cervello chiedere la consulenza di un neurochirurgo per tenere sotto controllo l’edema.

Il seguente protocollo sostituisce quello indicativo presente nel sito www.madonie.com/puccio
esso deve essere allegato alla sintesi del Protocollo scientifico  presentato al 2° congresso mondiale di Medicina Naturale di Rimini e deve essere sottoposto ad  un medico in quanto la terapia va eseguita sotto osservazione medica.
Si fa presente che l’utilizzo del GSH  da supporto nelle varie  terapie oncologiche  si sta diffondendo in tutto il mondo . recentemente  rivalutato dalla Sanità  Regionale Siciliana  (vedi nuova scheda informativa  GSH 2500mg/25 ml iv  1 fl -fascia H ) inserita nel ptors con n. vo3ab32    

GLUTATIONE RIDOTTO  (GSH)
le funzioni del GLUTATIONE  sono:
1) protezioni delle membrane cellulari
2) promozione di reazioni tio-disulfidriliche  coinvolte nell’assemblaggio, degradazione e catalasi proteica.
3) mantenimento di una capacità riducente necessaria per altre reazioni( quali ad esempio la formazione di deossiribonucleotidi a partire da ribonucleotidi)
4) detossificazione di idroperossidi, perossidi organici ed altri composti tossici.
5) interviene nel trasporto degli amminoacidi e probabilmente anche di alcuni gruppi amminici e peptici.
6) funziona in alcuni casi: da coenzima= gliossilasi/1 e 2 ;maleilacetoacetatoisomerasi;folmaldeidedeidrogenasi.
Da substrato= Glutatione reduttasi; gsh perossidasi;Yglutamiltransferasi; glutatione transidrogenasi; deidroascorbatoreduttasi.
Il gsh mantiene allo stato ridotto l’acido ascorbico  che salifica i quattro elementi  principali delle due pompe  della cellula: Na+K + e Ca2+- mg2+
Per accertare la condizione elettrochimica della cellula, criterio indispensabile per realizzare l’equilibrio  redox omeostatico cellulare, si consiglia  la “ valutazione delle tossine presenti” (esame dello stress ossidativo) insieme a tutte quelle  prove di  laboratorio  che  il curante riterra’ opportuno  richiedere al fine di un inquadramento  o di un monitoraggio della patologia  affetta dal paziente .

SCOPO   della  terapia   antiossidante   
Essa si ripropone di riequilibrare il rapporto redox - omeostatico cellulare al fine di bloccare la formazione di tossine (stress ossidativo) che degenerano l’organismo provocando l’insorgere delle varie patologie.

Trattamento:
Occorre tenere presente che  l'acido  ascorbico funziona in sinergia con il GSH (se manca l'uno non funziona l'altro): gli ascorbati, legano l'agente ossidante e il gruppo  tiolico  del GSH interviene per  espellerlo dall'organismo mentre il Glutatione viene riassorbito  ad opera del y-glutammiltransferasi, localizzata a livello dell'orletto a spazzola.

Con fleboclisi  pro die, per malati terminali rivolgersi all'associazione: “Emmanuele “ Associazione per la Ricerca Scientifica - Via A. Cesalpino, 2  - 90128 Palermo – Italia

Per  via orale e' utile, tre volte al dì
1.       1 ora prima dei pasti - Magnesio supremo – un cucchiaino raso disciolto in mezza tazza  di acqua calda.
2.        3/4 h  prima dei pasti -150mg di acido ascorbico + 300 mg di bicarbonato di potassio (disciolti in mezzo bicchiere di acqua) - metodo Pantellini

DURANTE il Giorno
-          50mcg  Selenio;
-          coenzima Q10 (2 capsule)
-          Vit. E-  (6 perle di olio di germe di grano x un totale 500/mg.) suddivise durante il dì
-          Plant Enzymes (proteasi, lipasi, amilasi, maltasi, saccarasi, cellulasi, lattasi) 2 capsule  prima di ogni pasto.
-          Licopene  10/mg x dì
-          Betacarotene 20000 UI x dì
-          In caso di metastasi al fegato  con enzimi epatici alterati integrare 2 capsule di Silimarina pari a 600mg suddivisi durante la giornata dopo i pasti.
-          La Silimarina possiede un effetto di stabilizzazione della membrana dell’epatocita e delle membrane interne degli organuli citoplasmatici, probabilmente attribuibile alla sua azione di inibizione della perossidazione lipidica, conseguente anche alla sua capacità di catturare le tossine.
L’effetto di stabilizzazione di membrana della Silimarina è quindi riferibile alla sua capacità di inibire il tourn-over dei costituenti fosfolipidici delle membrane epatocitarie, nonché di ridurre in maniera considerevole la velocità del processo di scambio delle basi a livello di membrana. Sembrerebbe quindi che inibendo questo sistema si produca una stabilizzazione del metabolismo della membrana.
-          Ciò porta, in ultima analisi, ad un inibizione della formazione dei lipoperossidi.
La Silimarina induce una netta diminuzione delle transaminasi, della gamma GT, della Lattico-deidrogenasi (LDH) e della Bilirubina, in presenza di pazienti con epatopatia causata da epatite virale (sia tipo A, sia tipo B, sia tipo C) ed etilica (tramite la riduzione dell’aldeide che viene dosata nel respiro, grazie alla stimolazione dell’alcool-deidrogenasi).
-          Da evidenziarsi che riduce l’insulino-resistenza nelle epatiti croniche, con conseguente diminuzione della glicemia e della glicosuria. Inoltre accelera la biosintesi delle proteine ed accelera la rigenerazione cellulare. Inibisce la produzione dei Leucotrieni svolgendo quindi un’azione anti-infiammatoria ed, in parte, anche anti-allergica.  Alcuni Autori consigliano, a causa della presenza di discrete quantità di Tiramina, di somministrarla con una certa cautela nell’ipertensione.
Sempre a causa della Tiramina potrebbe anche interferire con i farmaci anti-MAO, che comunque sono farmaci ormai sconsigliati nella maggior parte delle terapie farmacologiche.

Ginekol Pol. 2012 Oct;83(10):730-6.
Volatile organic compounds (VOCs) in exhaled breath of patients with breast cancer in a clinical setting.
By Mangler M1, Freitag CLanowska MStaeck OSchneider ASpeiser D. - Author information
Abstract
BACKGROUND:
Carcinogenic products in the exhaled breath of cancer patients are of growing medical interest as they can serve as noninvasive disease markers.
Breath analysis can be used as an alternative or complementary diagnostic tool in breast cancer patients who have a different pattern of chemical composition in their breath. This study aims to verify the existence of specific volatile organic compounds (VOCs) in the breath of breast cancer patients.
METHODS:
This prospective study included ten patients suffering from breast cancer and ten healthy pair-matched women. Breath samples of each member of the two respective groups were taken and scanned by gas chromatography/mass spectometry for the presence of volatile organic compounds such as alkanes, ketones, halogenated hydrocarbon, aldehydes, and esters.
RESULTS:
The spectrum of VOCs differed significantly within the two groups. Five specific VOCs could be identified as typical discriminatory markers in the breath samples. Four VOCs were elevated in the healthy controls, one specific VOC was found to be elevated in women affected by breast cancer
CONCLUSIONS:
This pilot study revealed a specific VOC pattern using gas chromatography in the breath of breast cancer patients. Five specific breast cancer-VOCs were identified. At relatively low cost the identification of VOCs may be used to detect breast cancer.
PMID: 23383557  - [PubMed - indexed for MEDLINE]

(NdR: 27/10/2014 - Pubblicato nel web un'articolo sul tema dell'aldehydes: Breath for breast cancer: Volatile aldehydes for diagnosis
- vedi:
http://www.separationsnow.com/details/ezine/6885641/Breath_for_breast_cancer_Volatile_aldehydes_for_diagnosis.html?tzcheck=1&tzcheck=1&tzcheck=1
Stranamente, dopo che ho inviato una mail agli editori del sito, ricordando loro che la scoperta non e' dei firmatari dell'articolo, ma di G. Puccio, ricercatore di Palermo (I), l'articolo non e' piu' rintracciabile...)
- Abbiamo salvato comunque il testo in PDF, che trovate QUI

- Ripristinare la flora batterica intestinale (danneggiata od alterata) con i batteri probiotici ed enzimi opportuni. (Ricordarsi sempre che le pareti dell'intestino sono composte da un semplice ed unico strato di cellule, dello spessore di 25millesimi di millimetro. Una sottile barriera, come unico elemento separatore tra sangue e feci. La flora batterica probiotica protegge la sottile membrana intestinale). Questo per cercare di evitare uno choc settico.  

Terapia del dolore (se occorre)
Sostituzione della morfina con Fentanil  transdermico per ridurre la tossicità da oppioidi.
-          In caso d’oliguria, utilizzo di diuretici opportuni.
-          Tenere  sotto  controllo l'acido lattico deidrogenasi
-          in caso di  acidosi metabolica  integrare la carnosina ( B alanina -istidina) e in casi estremi  flebo da 100ml  con 4,5% di bicarbonato di sodio ( ma sempre sotto consulenza del cardiologo).
-       Occorre tenere sotto controllo la funzionalità renale, perché i reni vengono sottoposti ad uno stress di super lavoro a secondo l'estensione  della massa tumorale.                                                                         
-       Occorre tenere presente  che l'ossidazione del glucosio non è un ossidazione diretta  quale la combustione.
Pertanto dopo vari passaggi  di Ox/red, negli  ultimi passaggi  dell'ossidazione, gli elettroni per ridurre O2 ad H2O sono forniti da ioni ferro (come di seguito) 1/2 O2   + 2 H + 2Fe 2+  cellula>   H2O +  Fe 3+ .  Nelle cellule, lo ione ferroso è rigenerato attraverso la reazione dello ione  ferrico con un 'idrochinone. Il chinone prodotto, presente in tutte le cellule (UBI), è il coenzima Q.
Negli ammalati di cancro sarà sicuramente deficitario (come è stato regolarmente confermato in quei pochi esami che siamo riusciti a fare eseguire cosi come è stato confermato l'aumento del GSH eritrocitario ( fattore omeostatico).

Risultati:
-           Stabilizzazione della temperatura corporea tra i 36,5/38° ca.
-           Riassorbimento  graduale dell’ascite e dell’edema se presenti.
-           Normalizzazione dei valori ematochimici.
-           Miglioramento delle condizioni generale del degente.      
-           Riduzione graduale della sindrome dolorosa.
-           Remissione della patologia

TENERE PRESENTE CHE NON APPENA SI RIEQUILIBRERA' IL RAPPORTO REDOX OMEOSTATICO CELLULARE SI ATTIVERANNO I LINFOCITI T CD4 e  CD16 (NK natural Killer).

Attenzione Dopo la remissione della patologia occorre  eseguire una terapia di mantenimento
(Per qualsiasi difficoltà telefonare al 338 7773738 - od alla dott.essa A. Callari: amcallari@tin.it - cell.: 333.3545304)

IMPORTANTI INFORMAZIONI AGGIUNTIVE
L’ammalato di cancro  è affetto da stress: ossidativopsicologico
Fasi superabili entro i tre mesi, nelle quali si agisce sul riequilibrio cellulare e quindi organico.
la seconda fase è l’infiltrazione linfocitaria nella massa tumorale ad opera del sistema immunitario (da quattro mesi a sei mesi).
La riuscita del trattamento è legato allo status del substrato biologico dopo la chemio.

Eseguire gli esami ematochimici, indicati nel protocollo, ogni 10/15gg. per un attento monitoraggio dell’ammalato e poter intervenire con il curante per superare gli inconvenienti  che si presenteranno.   

-          Le urine odoreranno di zolfo, per la formazione dell’etantiolo.
Eseguendo l’esame dello Stress Ossidativo  completo (unico centro in Italia  I.D.I di Roma) i valori che si riscontreranno sono:
-          deficenza dell’attività catalasi,
-          glutatione ridotto eritrocitario aumentato per fattore omeostatico,
-          glutatione ossidato aumentato per mancanza del selenio,
-          acidi grassi saturi deficitari,
-          acidi grassi polinsaturi aumentati,
-          nei linfociti deficitano: la vitamina E e Coenzima Q10
-          Nel plasma deficitano: il Coenzima Q10, Vitamina A/C/E
-          Nel plasma  deficit della vit. A e accumulo del beta carotene(si ritiene per deficit dell’enzimaB-C diossigenasi .
-          Nel plasma  deficit  del licopene

(secondo studi recenti, da confermare: il licopene stimola le comunicazioni cellulari; sopprime la fosforilazione di proteine  regolatorie antioncogeni  p53 e Rb, indotta dai carcinogeni,e quindi fermare la divisione cellulare alla faseGo-G1 del ciclo cellulare. 
Esso intrappola i radicali perossilici; inibisce l’ossidazione del DNA; inibisce la perossidazione lipidica.Inoltre è stato dimostrato che il licopene incrementa l’attività dei recettori per LDL  nei macrofagi  oltre a proteggere il fegato da  lesioni  indotte da alcuni  carcinogeni.)

In presenza di patologie degenerative il sistema  REDOX OMEOSTATICO CELLULARE è sempre compromesso.
Presentando tali valori, al proprio medico curante, egli non si potrebbe sottrarre dall’applicare la Terapia riducente per regolare il rapporto OX/RED.
IN PRESENZA di PROTEINE PLASMATICHE in CALO, lo STRESS OSSIDATIVO RAGGIUNGE VALORI MASSIMALI

Per coloro i quali seguono la cura rigorosamente, secondo tempi e posologie indicate, sotto ecografia le masse tumorali possono apparire dilatate, inducendo a credere ad un avanzamento della malattia, ma la causa è un’infiltrazione linfocitaria.
Non tenere  nemmeno  in  considerazione i marcatori tumorali  perchè risultano talvolta alterati.

Importante anche monitorare se si innesca una flogosi acuta perenne  (aumento della proteina C reattiva, neutrofili, V.E.S., ferritina; ecc.ecc. ) che bisogna tenere sotto controllo con  i farmaci che il curante riterrà opportuno.   
Si tenga presente che il perdurare di questa situazione è pericolosa poiché nell’organismo i fagociti (neutrofili, monociti, macrofagi, eosinofili) responsabili delle risposte immunitarie dell’organismo generano O2- H2O2 –OHCL – NO – NO2 e ONOO.
Questi sono anche utili, ma tossiche se presenti in eccesso.
La presenza dell’ H2O2 nell’organismo degli ammalati è superiore al massimo consentito di 300/dl (enzima catalasi deficitario). 
Il perossinitrito in eccesso porta all’ossidazione dei gruppi SH- di conseguenza allo stress proteico( come da noi riscontrato) e quindi alla cachessia (infatti le albumine precipitano perché vengono spezzati i legami S-S) .
E’ indispensabile contrastare la esocitosi aumentata dei radicali sopra indicati e dei mediatori delle infiammazioni dei macrofagi attivati. Questo si ottiene con antiossidanti.    
In questa situazione risulta utile integrare 400/mg, suddivise durante il Dì, di acido alfa lipoico e di OPC. Inoltre, abbiamo notato che l’aloe cosi come il fegato di maiale e di capra contiene una buona percentuale di enzima catalasi(utile per degradare i perossidi.                                        

Oncologia Farmaci rivolgersi all'associazione: “Emmanuele “ Associazione per la Ricerca Scientifica - Via A. Cesalpino, 2  - 90128 Palermo – Italia -
Sostituzione della Morfina con il Fentanil transdermico per ridurre la tossicità da oppioidi nei pazienti con malattia tumorale terminale
Lo studio compiuto al St Oswald’s Hospice a Gosforth (Gran Bretagna), ha valutato se la sostituzione della Morfina con il cerotto transdermico al Fentanil fosse in grado di ridurre gli effetti indesiderati della Morfina.
A 19 pazienti di età compresa tra i 42 e gli 86 anni, con malattia tumorale terminale, che stavano assumendo la Morfina e che presentavano problemi di tossicità da Morfina, sono stati trattati con una corrispondente dose di Fentanil. Il Fentanil (50-100 microg/h ) è stato somministrato per 14 giorni.
Durante tutto lo studio è stato osservato un miglioramento significativo della qualità della vita,  una riduzione della sonnolenza e dell’intorpidimento, ed una tendenza ad un miglioramento dell’attenzione/concentrazione.
I test di funzionalità cognitiva hanno anche rivelato un significativo miglioramento dell’attività lavorativa ( a breve termine ) e della capacità di memoria.
I pazienti non hanno presentato allucinazioni o delirio e non sono stati osservati cambiamenti nello stato d’ansia e di depressione. (Hospital Anxiety Depression Scale)
L’incidenza di vertigini è risultata significativamente ridotta. Si è avuta una riduzione non significativa nel numero di pazienti che hanno sofferto di mioclono.
I pazienti hanno assegnato al trattamento con Fentanil transdermico un punteggio di 74 (range: 0: peggiore – 100: migliore ).
Questo dato deve tuttavia essere confermato su una Popolazione più ampia. ( Xagena_2002 )
McNamara P, Palliat Med 2002; 16: 425-434 e-Oncologia.it
Conferme scientifiche (digitare sul motore di ricerca Google e/o Copernic)

I  NOSTRI PROSSIMI OBIETTIVI
- Organizzare un Simposio Informativo per tutti i medici, biologi, scienziati, professori che applicano la terapia per creare una rete di contatti che faciliti gli ammalati nell’applicazione della cura.
- Dimostrare la presenza nel sangue, degli ammalati di cancro, del Cloroacetaldeide  e portare a termine la scoperta dell’antibiotumorale, selettivo non tossico, il vaccino terapeutico E.M.M.A.NU.ELE. bloccato, dal 1998, per mancanza di fondi  presso L’Università di Palermo.

Vogliamo precisare che qualsiasi patologia si può curare se si conoscono  le cause e i meccanismi biochimici che l’ hanno  innescato . Il tumore è l’ultimo anello di una catena patologica iniziato molti anni prima. 
Esso è il prodotto di uno squilibrio chimico biatomico cellulare: Squilibrio elettrochimico: Blocco delle due pompe sodio/potassio e Calcio/magnesio --> abbassamento del potenziale membrana = abbattimento del sistema immunitario (acidosi metabolica;scarsa adesività; ricerca di energia attraverso la via filogenicamente primitiva < glicolisi, glicogenesi e la via del pentosofosfati).

Le leggi della biochimica sono stati fondamentali per  i  pionieri della Medicina e in particolare il principio più importante è : Soltanto inibendo l’elemento che altera il sistema  si può ottenere la remissione di  una patologia. (inibizione COMPETITIVA O NON COMPETITIVA).
Qualsiasi problema di matematica, fisica, chimica. ecc., ecc. si risolve applicando i principi fondamentali che  regolano  il nostro  ecosistema  e noi, senza presunzione, in 12anni di ricerca abbiamo fatto questo. Non accettare questo è rifiutare tutto il Credo Scientifico.

La NOSTRA SPERANZA E’ quella di CONTINUARE a REGALARE il FRUTTO del NOSTRO LAVORO ai MEDICI AFFINCHE’ POSSANO  CURARE  le MALATTIE DEGENERATIVE e  DIFENDERE il DONO PIU’ BELLO “il DONO della VITA”

HO AVUTO la CONFERMA che ENTRO il PROSSIMO ANNO in CINQUE PAESI STRANIERI, PARTIRA’ la SPERIMENTAZIONE UFFICIALE del NOSTRO PROTOCOLLO. 
ABBIAMO RIFIUTATO di PARTECIPARVI DIRETTAMENTE PERCHE’ NON VOGLIAMO ANDARE  VIA dall’ITALIA.

PASTEUR DISSE: “NON IMPORTA CHE gli ACCADEMICI ci ATTACCHINO, l’IMPORTANTE E’ STRAPPARE la GENTE della MORTE ”!

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Ringraziamenti

Ringrazio Dio che mi ha permesso di dare una risposta alle mie domande, donandomi una grande forza d’animo per mantenere la promessa fatta a mia madre prima e ad un bambino di 12 anni poi, permettendomi di non cedere ai dolori, e a tutte le difficoltà che ho incontrato in questi lunghi anni;
A mia moglie e alle miei figlie, che mi hanno supportato con il loro amore e la loro comprensione;
A Padre Enrico Schirru (ordine dei Mercedari)e a Padre Mario Golesano (Il sostituto di padre Puglisi) che mi hanno supportato con le loro preghiere. Ai miei amici, S.Rappa, F. Sortino e A. D’aiello e che hanno sempre creduto in me, sacrificando il loro tempo libero.
Al Dott. G. Francese (Giornalista) per i suoi consigli e per aver creduto in me. A questi signori, sotto elencati, rimarrò sempre grato per la  consulenza prestatami e l’aiuto concessomi per portare avanti la mia ricerca:

Dottori  F. Sortino e G. Volpicelli e A. Machì    (C.N.R. Pa);

Nino D’Aiello  Tecnico di lab.di Virologia e Batteriologia (Osp.Civ.Pa.);

Dott. A. Militello  Medico e ricercatore Scienza dell’alimentazione.

Dottori  S. Scola e Tricarico Centro Analisi (Osp.Civ. Pa);

Prof. Bono , dott.ssa D’ancona e Tecn. Sig. Saia (Chimica Biologica);

Prof.PalazzoAdriano  (Ist. Di Farmacologia  dell’Univ. diPa);

Prof.  Romano   e Dott. Orecchio (Chimica inorganica Univ. Pa);

Professori  Venturelli (Marito e moglie) (Chimica organica  Univ. Pa);

Dottoresse  Dolo e Lo Rè   (Ist. Biocellulare dello sviluppo);

Professori  Filpi , Favaloro e Sammarco (microbiologia del terreno);

Prof. Nitri (Fitopatologia), Prof. Bazan (Chimica Agraria);

Sig.Centomani Tecn. (Medicina Legale);

Professori  Camarda, Ceraulo e Fontana  (Chimica e tecn. Farmaceutiche);

Dottori Minetti, Mallozzi, Davanzo e Pietraforti  (Ist. Sup. Sanità –Roma);

Prof. Mazzola  (Botanica);

Ing. Santini e Dott. Cavalli   (Ditta Dionexx  HPLC);

Sig. Belloli Tecn. Della Ditta Superchrom (Supelco) Gas-Massa;

Tutti i bibliotecari delle varie facoltà che mi hanno aiutato nella ricerca dei testi scientifici;

Dottori  Metus e Bonvicini  (Dipartimento di medicina Padova);

Dott.Lergergren (Istituto Karolinska di Stoccolma)


Un grazie particolare al Dott. Jean Paul Vanoli che grazie al materiale, dei suoi studi, inviatomi, ho potuto confermare ancora di più la mia ipotesi e completare, teoricamente, la mia ricerca.
Protocollo Terapeutico del ricercatore G. Puccio  -  http://emmanuele.splinder.com   
vedi: PDF sullo Stress Ossidativo  + 
Stress Ossidativo - 1  +  Stress Ossidativo - 2  + Come fare i clisteri di acqua basica

(NdR: ENZIMI (importante e' leggere il lavoro del Perito Commerciale - chimico - Giusy Arcidiacono) + Metalli tossici dei vaccini = Autismo vedi: PDF )

Commento NdR:

Occorre dire che ogni malato che segue le terapie della Medicina Naturale, subisce a sua insaputa o meno la "crisi di eliminazione", cioe' il corpo tende ad eliminare le sostanze tossiche depositate nei tessuti; in quel "frangente" se l'organismo non e' piu' che supportato dalle adatte terapie naturali, per poter sopportare quella crisi di eliminazione, egli puo' soccombere e morire.
Altra considerazione, occorre tenere presente che NON tutti coloro che seguono le terapie naturali e che sono malati di cancro, guariscono. Alcuni bloccano solo l'avanzata del tumore o del cancro, altri guariscono totalmente, ma sono pochi, altri infine muoiono, in quanto non riescono a superare la "crisi di eliminazione" e/o sono arrivati tardi ad applicarle, quando le loro riserve vitali erano ormai state esaurite da Chemio, Radio terapia, od altro, per cui non ce la fanno, come non ce la fanno le centinaia di migliaia di cancerosi che affidandosi esclusivamente alla Chemio ed alla Radioterapia, muoiono (salvo quelli che si operano chirurgicamente i quali hanno maggiori possibilita' di sopravvivenza.
Le statistiche a livello mondiale parlano del 2-5 % di possibilita' di sopravvivenza nel primi 10 anni, dalla diagnosi di cancro, dei malati curati con la Chemio-Radio terapia... e' veramente deprimente come questa medicina ufficiale sia totalmente impotente davanti al male del secolo.


Il Cancro nasce in sintesi e secondo la Medicina naturale, perche' l'organismo del canceroso e' intossicato, e la microcircolazione, nei tessuti intossicati, viene ad essere alterata, producendo, a valle di essa, nelle cellule dei tessuti investiti da quel processo: malfunzione cellulare, (nutrimento ed eliminazione = respirazione cellulare alterata = metabolismo alterato = malnutrizione cellulare e tissutale assicurata), producendo successivamente infiammazione nei tessuti e stress ossidativo cellulare e per caduta immunodepressione, e parallelamente alterazione anche del sistema enzimatico per la precedente alterazione della flora batterica, pH digestivo non regolare (e quindi l'organismo e' mancante di minerali e vitamine ed in stato di acidosi), in quelle condizioni esso e' molto facilmente parassitato da certi, parassiti batteri e funghi (candida) i quali producono anche tossine ed ulteriori infiammazioni: Ma tutto cio' e' "gestito" come Causa primordiale dai Conflitti Spirituali (consci ed inconsci) e dall'intenso stress  del vissuto -
Il Cancro quindi e' una malattia MULTIFATTORIALE.
Quindi il medico, il terapeuta od il soggetto stesso DEVONO operare seguendo la stessa strada percorsa per l'
ammalamento.
Cioe' devono lavorare per
disintossicare il malato + disinfiammare l'organismo ed i tessuti interessati, ripristinare il pH digestivo, e normalizzare le digestioni + il malassorbimento sempre presente nel malato ed eliminare quei parassiti, batteri e funghi, che hanno proliferato in modo abnorme, per mancanza dei loro antagonisti + rinforzare il sistema immunitario SEMPRE compromesso in TUTTI i malati, cancerosi compresi ed eliminare i Conflitti Spirituali (quali Vere Cause) e lo stress esistenti, oltre a lavorare sul metabolismo alterato per ridurre ed eliminare lo stress ossidativo cellulare e quindi quello tissutale, sempre presenti in qualsiasi malattia e specie nel cancro, per i danni alla microcircolazione indotti dalle intossicazioni piu’ o meno intense, che alimentano il Corpo di dolore.
E tuttavia, laddove ci sia anche una piccola volontà e speranza di vivere, un’adeguata terapia fito-nutrizionale (NdR: anche via endovena con soluzioni mineral - vitaminiche - vedi QUI il medico che utilizza con successo questo sistema -  l'ideale e utilizzare quelli non di sintesi chimica, ma di estrazione naturale - assieme all'assunzione via orale di fermenti lattici appropriati a seconda del paziente ed enzimi) può rendere normale il guarire naturalmente dal tumore, cosa che oggi vogliono farci ritenere impossibile o puramente miracoloso (vedi quei medici che alle volte preferiscono spedire il malato a Lourdes piuttosto che permettergli di curarsi naturalmente).

Esso si puo'
diagnosticare facilmente anche PRIMA che il tumore si manifesti:
vedi:
Diagnosi precoce + Terreno Oncologico Cancro + Cancro e Medicina Naturale Protocollo della Salute
+  STRESS, FUNZIONI VITALI e SISTEMA IMMUNITARIO  + Eziopatogenensi del Cancro  +  Diritti negati +  Documentazione +  Ricercatore ostacolato dalla Oncologia Ufficiale + Giornale di Sicilia + CANCRO RENALE ....rischio congenito + PREVENZIONE, TERAPIA per il Cancro, perche' NON si vuole applicare ?  + Semeiotica e Biofisica + Bioeletttronica  +  Acidosi alla base del Cancro + Nutriterapia Biologica Metabolica x il Cancro e non solo

Guarisce dal Cancro con la dieta Vegana utilizzata per 1 anno
http://informatitalia.blogspot.it/2014/12/guarisce-da-tumore-esteso-e-metastasi.html

IMPORTANTE:

Come Portale segnaliamo vari personaggi che hanno avuto contrasti con le autorita' mediche, e per essere precisi,  affermiamo che NON condividiamo in toto le loro terapie (quelle monoterapeutiche), in quanto per noi, seguaci della Medicina Naturale  la malattia (cancro compreso) e' MULTIFATTORIALE, quindi NESSUN prodotto puo', da solo, guarire dalla malattia della quale si e' malati !