Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


LIBRO del dr. SIMONCINI
(Oncologo)
vedi le dimostrazioni sui risultati ottenuti con la terapia a base di acqua basica
vedi: Terapia G. Puccio, dimostrazioni effetti del Bicarbonato di Sodio
E' INDISPENSABILE per stare sempre BENE e' l'assunzione quotidiana, per certi periodi,
di acqua Basica a pH min. di 7,35 > 11 (almeno 1,5 lt)
Le bevande troppo saline e/o le bevande industriali, non vanno bevute giornalmente e/o spesso,
anche e per le loro forti acidita', in quanto influiscono sull'alterazione dei giusti valori di pH dell'acqua del corpo.

L'acidosi e' la base fisiologica del Cancro -  Il Conflitto Spirituale Irrisolto, ne e' la Causa primaria
Cancro = Combattere l'acidita' per sconfiggerlo - Le ultime ricerche
Nutriterapia Biologica Metabolica x Cancro

  Circolazione sanguigna: prevenzione degli infarti e del cancro. I citrati eliminano calcificazioni arteriose. Gli ascorbati fanno il resto !
Paolo-Lissoni: i-segreti-della-pineale-anticancro-io-oncologo-vi-spiego-perche-la-medicina-esclude-di-bella/
 

Il dott. Tullio Simoncini, Oncologo di Roma, (medico oncologo e diabetologo, radiato dall'ordine in quanto non ha utilizzato i protocolli d gestiti da Big Pharma....) sta conducendo ormai da qualche anno degli studi su ammalati di cancro, utilizzando una sua terapia a base di acqua fisiologica + sali minerali (tamponi) per il fatto che nella sua esperienza anch'egli si è accorto che i cancri NON proliferano in certi  ambienti fisiologici  (leggasi Matrice - Terreno
vedi anche Terreno Oncologico
+ Nozione di terreno + Matrice + Rischio congenito oncologico
 

Lo studio del dott. T. Simoncini, viene introdotto nella nostra “Guida alla Salute Naturale, in quanto in sintonia con parte dei nostri punti di vista e delle nostre ricerche, iniziate decenni or sono con le quali siamo arrivate ad avere delle conclusioni abbastanza simili (ved il Commento qui sotto) alle quali è arrivato il dott. T. Simoncini e con lui abbiamo collaborato, cioe' scambiato informazioni, all'inizio del nostro incontro, con studi e ricerche teoriche-ideologiche parallele alternative.

Questo studio di portata medico scientifica non è stato ancora sintetizzato e pubblicato su riviste scientifiche per le note resistenze che esse pongono ad ogni ricerca che va contro gli indirizzi e le finalità che esse ricevono da “CHI” le finanzia.

Commento
integrativo, NdR: pur condividendo in parte le affermazioni del dott. Simoncini, quelle che riguardano il fatto che i tumori sarebbero dei funghi in parte e' vero ed in parte errato, perche' i funghi vengono inviati dal sistema immunitario assieme ai batteri, per tentare di riordinare in loco i tessuti ove ed alla cui base /livello, vi e' un  blocco informazionale dei e nei neurotrasmettitori - vedi BioElettronica - che debbono inviare segnali e funzioni da espletare ed altri autoriparatori, da e per le cellule, tessuti, ghiandole, organi....questi inviati (funghi e batteri) espletando le loro funzioni di riparazione dei tessuti colpiti dalle acidosi e malfunzioni tissutali, se non trovano antagonisti che regolano le loro quantita', mangiandoseli, proliferano a dismisura e colonizzano ulteriormente il tessuto colpito zona in cui i funghi prendono facilmente il sopravvento, (in questo caso la candida) ed avviluppano i tessuti, formando la cosiddetta massa tumorale che se circoscritta ed isolata dal contesto che la contorna, diviene il cosiddetto "tumore benigno", se al contrario non si isola dal contesto tissutale, ma prosegue come il fungo a generare le "Ife", radici/rami, perche' e' stato ormai facente parte delle funzioni del fungo che se ne e' appropriato...esso prosegue la sua nefasta azione radicandosi ed ampliando il suo raggio di azione nei tessuti vicini, in questo caso viene chiamato "tumore maligno" !
Ecco perche' il dott. Simoncini parla di tumori come funghi....ma si dimentica che la vera causa fisiologica e' il terreno in acidosi che prepara il "terreno" alla formazione del cosiddetto e falsamente chiamato "tumore"....(vedi definizione della parola malattia); inoltre il dott. Simoncini non tiene conto dei Conflitti Spirituali Irrisolti, quali VERE CAUSE del cancro di qualsiasi tipo, che se "cadono" su di un terreno in acidosi...generano malfunzione cellulare e quindi tissutale cioe' le masse cosiddette impropriamente "tumorali", le quali sono in realta' il "corpo fisico" del Conflitto Spirituale irrisolto, per cui se non si eliminano tutte le cause Spirituali e le concause fisiologiche, il cancro ricompare subito e/o nel tempo anche altrove; infatti NON vi sono metastasi, ma altri tumori in altri luoghi....secondari.
By dr.
Jean Paul Vanoli

 

Questo studio di portata medico scientifica non è stato ancora sintetizzato e pubblicato su riviste scientifiche per le note resistenze che esse pongono ad ogni ricerca che va contro gli indirizzi e le finalità che esse ricevono da “chi” le finanzia.

INTRODUZIONE (Tratto dal suo LIBRO)

 


I successi registrati dalla medicina moderna negli ultimi cento anni sono indubbiamente di rilevante importanza per la vita dell'uomo, avendo acquisito strumenti capaci di aiutarlo a districarsi efficacemente nel vasto oceano della malattia.

L'organizzazione del sapere, la coscienza dell'igiene pubblica, l'educazione sanitaria, l'abbondante ricorso della medicina alle scoperte  scientifiche di altri rami della scienza quali la chimica e la fisica, sono fattori importanti che marcano un netto salto di qualità rispetto alle oscure pratiche mediche del passato.

L'incalzante sviluppo della farmacologia, le evoluzioni delle tecniche operatorie e i raffinati strumenti diagnostici sono espressione di un mondo scientifico in crescita che ha fornito solide basi al conseguimento di risultati che hanno grandemente migliorato il livello medio di salute della comunità mondiale.

Un viaggiatore del tempo proveniente dall'800 che potesse costatare i progressi ottenuti ai giorni nostri, rimarrebbe positivamente sorpreso dallo stato attuale della salute pubblica. Ciononostante, quello che rappresenta un punto d'arrivo per le precedenti generazioni, non può avere la stessa valenza per chi vive le problematiche mediche presenti.

In altri termini, il livello di salute raggiunto, mai stabile o scontato, necessita di un continuo miglioramento verso gradi più elevati e soddisfacenti di benessere, che si possono raggiungere solo con la continua vigilanza e con il continuo impegno nell'eliminare errori e distorsioni, nell'impedire gli abusi, e nel concepire nuove soluzioni.

Questi aspetti sono tanto più impellenti in quanto, da parecchi anni, si avverte da più parti la situazione di stallo che sta attraversando la medicina, troppo ancorata a concezioni sorpassate, incapace di proporre concetti innovativi sui quali rifondare le basi del sapere medico.

C'è urgenza di nuova linfa che vivifichi e rinvigorisca un apparato teorico asfittico, i cui cardini filosofici, pratici e di ricerca non sembrano essere al passo con i tempi.

La società avanzata ed esigente nella quale viviamo non si accontenta più di dominare, per un limitato periodo di tempo, una qualsiasi malattia usando solamente le conoscenze della fisica e della chimica.
Sta emergendo con sempre più forza nella nostra società la necessità di ricercare ed impostare terapie che tengano conto dell'interezza e della permanenza insita. in un essere umano, in un'economia della salute che abbia il più ampio respiro possibile, adatta ad affrontare quelle malattie croniche e degenerative che oggi non sono affrontabili con i sistemi attuali di cura particolaristici, angusti, obsoleti.

Nell'ultimo secolo si è visto in medicina un passaggio dalla predominanza di patologie steniche, malattie presenti nei giovani, a patologie asteniche, quelle che si presentano in pazienti più anziani. I notevoli risvolti di ordine scientifico e sociale che questo cambiamento ha portato non ha segnato una parallela presa di coscienza in medicina tale da favorire un allargamento dei confini teorici di una malattia.

Al contrario, si è preferito miopicamente ignorare le conseguenze di un modo di vedere eccessivamente settoriale e troppo limitato nel tempo. Si è preferito dare preferenza agli effetti immediati di una cura, lasciando il resto nelle mani del caso o del non sequitur.

Questo atteggiamento ha portato alla luce una profonda e grave situazione d'impasse nella cura della malattia, testimoniata dalla mancanza di teorie e di prospettive capaci di vedere un male fisico in maniera diversa da com'è stato visto fino ad oggi, con diagnosi parziali nelle quali possono entrare solo analisi patogenetiche in prospettiva terapeutica sintomatologia. Al contrario, è l'intero individuo che invece deve essere considerato; nelle sue dinamiche vitali come nelle sue tematiche psicologiche e spirituali, anche se queste non sono suscettibili di misurazione.

Anima e corpo non sono due domini separati e non comunicanti, ma due distinzioni della stessa essenza, responsabili in pari misura della salute di un individuo.

A causa di questa chiusura a priori da parte della medicina ortodossa, la necessità di un rinnovamento profondo spinge pensatori e medici a prese di posizione alternative sempre più frequenti, attestate da un'efflorescenza di scritti e testimonianze non in linea con i dettami della medicina ufficiale, specialmente nella branca dell'oncologia, dove più si avverte un profondo stato di confusione e di rassegnazione.

E'infatti in quest'area che la medicina fallisce più vistosamente; è qui che l'approccio sintomatologicio denuncia tutti i suoi limiti; è qui che la teoretica medica si esaurisce in un labirinto di vicoli ciechi.

La genetica, cavallo di battaglia dell'oncologia odierna, con i suoi infiniti processi enzimatici e recettoriali, sta esalando gli ultimi respiri. Anzi, li ha già esalati, solo che non si riesce a pensare a qualcos'altro che possa prenderne il suo posto. La conseguenza dell'incapacità dell'establishment oncologico ad ammettere il fallimento di questa linea di ricerca, ormai scientificamente indifendibile, è il continuo sperpero di grandi quantità di risorse sia economiche, che scientifiche, che umane.

Quali nuove strade battere allora ? Dove cercare quei minimi elementi logici che possano spazzare le tenebre dell'ignoranza che avvolgono l'oncologia ?

Molti pensatori, specialmente tra i biologi, sono dell'idea che applicando la teoria darwiniana sull'evoluzione degli esseri viventi si possa percorrere una strada nuova, riguardo alle cosiddette malattie degenerative come il cancro, le cardiopatie o le malattie mentali. Secondo questo pensiero, le malattie non sarebbero da ascriversi a fattori genetici o ambientali come ritenuto comunemente al presente, ma a delle infezioni.

La risposta quindi, alla domanda di ciò che causa una malattia, può essere trovata nella disciplina che più di tutte ha dato lustro alla medicina, che l'ha fatta passare dal piano della semplice praticoneria a quello di scienza, e cioè alla microbiologia.

E' chiaro infatti che, se si eccettua la batteriologia, la conoscenza in questo campo d'indagine è ancora molto limitata, specialmente per quanto concerne virus, subvirus e funghi, della cui valenza patogena, purtroppo, al momento si sa ben- poco.

E' vero che rispetto a queste entità biologiche si sta assumendo da qualche tempo un atteggiamento più vigile da parte degli studiosi, tant’è che il concetto di “commensalismo innocuo” assegnato a molti parassiti dell'uomo comincia ad essere messo in discussione con molta più convinzione. C'è però bisogno di ancor più determinazione in questo processo di revisione della microbiologia, in modo da chiarire lo stretto collegamento tra i microrganismi e le malattie degenerative.

Ed è, a mio avviso, proprio mettendo a fuoco una di queste zone d'ombra, la micologia - il regno dei funghi - che è possibile far emergere le risposte corrette al problema tumore.

Numerose evidenze indicano che questa sia la strada: l'analogia tra la psoriasi - una malattia inguaribile della pelle da molti curata come un fungo - con il tumore, anch’essa una malattia inguaribile dell'organismo; la sovrapponibilità sintomatologica della candidosi sistemica e del cancro, nonché la stretta parentela genetica tra miceti e masse neoplastiche. Questi sono tutti elementi che supportano e confermano il punto di vista che tutti i tipi di cancro, cosi come avviene nel mondo vegetale, sono dati da un fungo.

Un'infezione fungina dunque, quella da candida specie, può rappresentare la spiegazione del perché un tumore sopravviene. E' in questa direzione che andrebbero veicolate le ricerche, nel tentativo di risolvere il problema tumore una volta per tutte.

Per mia esperienza personale, l'unica sostanza efficace contro le neoplasie. in maniera diffusa è il bicarbonato di sodio. Anni di utilizzo per via parenterale, somministrato cioè direttamente nell'intimità dei tessuti per via venosa, arteriosa o nelle cavità, hanno mostrato che è possibile far regredire le masse neoplastiche in molti pazienti, e spesso risolvere il loro stato di malattia fino alla guarigione.

È scopo di questo libro spiegare questo nuovo, semplice approccio che combatte una malattia devastante e variegata come il tumore. È mia ferma speranza che presto si prenda coscienza del ruolo fondamentale dei funghi nello sviluppo della malattia neoplastica, in modo da trovare, con il concorso di tutte le forze sanitarie esistenti, quei farmaci antimicotici e quei sistemi di cura in grado di sconfiggere in breve tempo, senza danni o sofferenze, un male che tanta devastazione sta portando all'umanità.
Dott. Tullio Simoncini (medico, Oncologo - Roma)


INDICE del LIBRO

            Introduzione dell'autore

PRIMO CAPITOLO

            Perché il cancro è ancora tra noi

            Nuove modalità di conoscenza medica

            L'insufficienza logica del determinismo

            Il sintomo

            L’anatomia patologica

            Spirito e corpo: considerazioni anatomo-funzionali

            La malattia

            Presupposti morali della salute

            Presupposti morali della malattia

            L'anima e il problema mente-corpo

 

SECONDO CAPITOLO

            Medicina olistica e medicina allopatica

            Responsabilità personali nella malattia

            Lo stato attuale dell'oncologia

            Il bluff della genetica e dello “scientificamente provato"

            Il bluff delle cause multiple del cancro

            Il bluff delle statistiche oncologiche

            Il bluff delle scoperte infinite

            Contraddizioni dell'oncologia

            Le reali percentuali di sopravvivenza nel cancro

 

TERZO CAPITOLO

            La Candida: una nuova teoria sul cancro

            Considerazioni preliminari

            Il mondo dei funghi

            Miceti patogeni per l'uomo

            Perché la candida è il cancro

L'opportunismo, della candida

La Candida è sempre presente nel cancro

Il tumore è concettualmente uno

La Candida presenta la stessa struttura genetica del cancro

Il fenomeno della metastasi

La Psoriasi come il cancro

 

QUARTO CAPITOLO

La terapia del cancro-fungo

Considerazioni terapeutiche

Cancro e fungo, un percorso di ricerca personale

L'arteriografia selettiva

Considerazioni generali sulla terapia

La necessità di cambiare la mentalità medica

La chemioterapia

La radioterapia

La chirurgia

I farmaci di sostegno

Gli ormoni e gli antiormoni

La terapia con bicarbonato di sodio

Limiti del trattamento

Esempi di terapia

Cancro dell'oro-faringe

Cancro dello stomaco

Cancro del fegato 

Carcinosi del peritoneo

Cancro dell'intestino

Cancro della milza

Tumore del pancreas

Tumore della vescica

Tumore della prostata

Tumore della pleura

Tumore degli arti

Cancro del cervello

Tumore del polmone

Cancro della mammella

Tumori della pelle

Conclusioni 

 

APPENDICE

 

Casi clinici

Tumore del polmone

Epatocarcinoma con metastasi polmonari

Metastasi epatiche da colangiocarcinoma operato

Sarcoma di Ewing

Carcinoma della cervice uterina in stato terminale

Carcinosi peritoneale

Neoplasia recidivante della vescica

Linfoma non Hodgkin

Adenocarcinoma della prostata

Epatocarcinoma 

Epatocarcinoma con metastasi polmonari

Epatocarcinoma

Metastasi cerebrali in melanoma diffuso

Compressione midollare metastatica

Tumore del colon

Adenocarcinoma bronchiale

Carcinoma della prostata 

Melanoma occhio destro

Esempi d'uso del port-a-cath

Glossario

Note 

Vita dei Funghi 

L'autore

Il Movimento CONSENSUS


vedi video: http://www.curenaturalicancro.org/base_schermo_grande_testimonianza_dottore.htm

 

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>
 

In uno dei vari scambi di opinione che ho avuto fin dall'inizio della nostra conoscenza, come webmaster di questo portale, con il dott. Tullio Simoncini  gli ho fatto presente che, secondo la Medicina Naturale:
La Candida Albicans e' un fungo saprofita, cioe' essa produce sostanze utili e si nutre di parti morti od ammalate dei tessuti, di fatto essa e' uno degli spazzini dell'organismo; essa  fino a quando, per la presenza di microbi antagonisti che la controllano,  rimane nei valori quantitativi necessari vitali, essa e' utile all'organismo, ma quando per la mancanza di antagonisti per l'alterazione della flora autoctona residente, e per mancanza di nutrienti tossici, essa prolifera a dismisura, e diviene "patogena", cioe' produce anche sostanze tossiche ed inizia a veicolarsi in certe parti del corpo ove essa si puo' recare attirata dal Terreno - tessuto - cellule intossicato, infiammato ed in acidosi, in loco tende a proliferare a dismisura (sempre la mancanza degli antagonisti accorpando i tessuti e quindi formando la massa tumorale che tenta alle volte anche di fagocitare.

Il bicarbonato agisce si sulla proliferazione della candida, basicizzando la zona ove essa prolifera.

Il rendere basici i tessuti od i liquidi serve a normalizzare il pH in loco ed a far rientrare l'abnorme proliferazione della candida in modo che essa riprenda le sue normali funzioni di aiuto all'organismo.
In questo modo anche le cellule si rimettono a funzionare bene immediatamente ove la normalizzazione del pH e' avvenuta.

Per cui in certe ricerche effettuate e' possibile, come in questo nel modello animale indicato qui, che la parte studiata-analizzata ove e' presente la Candida, non abbia tutte le condizioni reali che si presentano nei vari tipi di tessuto UMANO canceroso (intossicazione + acidosi + infiammazione + + alterazione del sistema enzimatico e della flora autoctona + Conflitto spirituale irrisolto, quale primaria causa dell'ammalamento) ed ecco che essa svolge il suo normale lavoro di aiuto e non quello contro la vita dell'ospitante.
Ecco perche' NON condivido tutto cio' che afferma il dott. Tullio Simoncini sulla Candida, essa NON e' l'unica Causa fisiologica, ma una con-causa efficace della formazione del tumore (freddo o caldo), cosi come descritto nella mia tesina: CANCRO e MEDICINA NATURALE  (Principi, Cause, con-Cause, Diagnosi, Terapia); il cancro come tutte le malattie, e' quindi una malattia Multifattoriale. - vedi anche: Protocollo della Salute + Terreno Oncologico

Inoltre occorre dire che ogni malato che segue le terapie della Medicina Naturale, subisce a sua insaputa o meno la "crisi di eliminazione", cioe' il corpo tende ad eliminare le sostanze tossiche depositate nei tessuti; in quel "frangente" se l'organismo non e' piu' che supportato dalle adatte terapie naturali, per poter sopportare quella crisi di eliminazione, egli puo' soccombere e morire.
Altra considerazione, occorre tenere presente che NON tutti coloro che seguono le terapie naturali e che sono malati di cancro, guariscono.
Alcuni bloccano solo l'avanzata del tumore o del cancro, altri guariscono totalmente, ma sono pochi, altri infine muoiono, in quanto non riescono a superare la "crisi di eliminazione" e/o sono arrivati tardi ad applicarle, quando le loro riserve vitali erano ormai state esaurite da Chemio, Radio terapia, od altro, per cui non ce la fanno, come non ce la fanno le centinaia di migliaia di cancerosi che affidandosi esclusivamente alla Chemio ed alla Radioterapia, muoiono (salvo quelli che si operano chirurgicamente i quali hanno maggiori possibilita' di sopravvivenza.
Le statistiche a livello mondiale parlano del 2-5 % di possibilita' di sopravvivenza nel primi 10 anni, dalla diagnosi di cancro, dei malati curati con la Chemio-Radio terapia... e' veramente deprimente come questa medicina ufficiale sia totalmente impotente davanti al male del secolo.

Il Cancro nasce in sintesi e secondo la Medicina naturale, perche' l’organismo del canceroso e' intossicato, e la microcircolazione, nei tessuti intossicati, viene ad essere alterata, producendo, a valle di essa, nelle cellule dei tessuti investiti da quel processo: malfunzione cellulare, (nutrimento ed eliminazione = respirazione cellulare alterata = metabolismo alterato = malnutrizione cellulare e tissutale assicurata), producendo successivamente infiammazione nei tessuti e stress ossidativo cellulare e per caduta immunodepressione, e parallelamente alterazione anche del sistema enzimatico per la precedente alterazione della flora batterica, pH digestivo non regolare (e quindi l'organismo e' mancante di minerali e vitamine ed in stato di acidosi), in quelle condizioni esso e' molto facilmente parassitato da certi, parassiti batteri e funghi (candida) i quali producono anche tossine ed ulteriori infiammazioni: Ma tutto cio' e' "gestito" come Causa primordiale dai Conflitti Spirituali (consci ed inconsci) e dall'intenso stress  del vissuto.
Il Cancro quindi e' una malattia MULTIFATTORIALE.
Quindi il medico, il terapeuta od il soggetto stesso DEVONO operare seguendo la stessa strada percorsa per l'
ammalamento.
Cioe' devono lavorare per
disintossicare il malato + disinfiammare l'organismo ed i tessuti interessati, ripristinare il pH digestivo, e normalizzare le digestioni + il malassorbimento sempre presente nel malato ed eliminare quei parassiti, batteri e funghi, che hanno proliferato in modo abnorme, per mancanza dei loro antagonisti + rinforzare il sistema immunitario SEMPRE compromesso in TUTTI i malati, cancerosi compresi ed eliminare i Conflitti Spirituali (quali Vere Cause) e lo stress esistenti, oltre a lavorare sul metabolismo alterato per ridurre ed eliminare lo stress ossidativo cellulare e quindi quello tissutale, sempre presenti in qualsiasi malattia e specie nel cancro, per i danni alla microcircolazione indotti dalle intossicazioni piu’ o meno intense.
E tuttavia, laddove ci sia anche una piccola volontà e speranza di vivere, un’adeguata terapia fito-nutrizionale (NdR: anche via endovena con soluzioni mineral - vitaminiche - vedi QUI il medico che utilizza con successo questo sistema -  l'ideale e utilizzare quelli non di sintesi chimica, ma di estrazione naturale - assieme all'assunzione via orale di fermenti lattici appropriati a seconda del paziente ed enzimi) può rendere normale il guarire naturalmente dal tumore, cosa che oggi vogliono farci ritenere impossibile o puramente miracoloso (vedi quei medici che alle volte preferiscono spedire il malato a Lourdes piuttosto che permettergli di curarsi naturalmente).

Cancro = Combattere l'acidita' per sconfiggerlo - Le ultime ricerche
Nutriterapia Biologica Metabolica x il Cancro e non solo + Terapia Biologica Metabolica CRAP + Cura metabolica per il Cancro + Stress Ossidativo + PREVENZIONE, TERAPIA per il Cancro, perche' NON si vuole applicare ? + Terreno Oncologico + Bioelettronica + Semeiotica e Biofisica

Documenti provanti l'indispensabilita' delle Vitamine della Frutta e verdura, oltre ai sali minerali:
 Doc.1 
+  Doc.2  Doc.3  +  Doc.4  +  Doc.5  +  Doc.6  +  Doc.7  +  Doc.8  +  Doc.9  +  Doc.10  +  Doc.11  +  Doc.12  +  Doc.13  +  Doc.14  +  Doc.15  +  Doc.16  +  Doc.17  +  Doc.18  +  Doc.19  +  Doc.20  +  Doc.21  +  Doc.22 +  Doc.23  +  Doc.24  +  Doc.61

vedi anche : CURE Naturali del Cancro + Documentazione
 + Protocollo G. Puccio +  Diritti negati + Ricercatore ostacolato dalla Oncologia Ufficiale + Giornale di Sicilia + Come fare i clisteri di acqua basica + Cancro e Medicina Naturale  +  1.000 Piante per il Cancro  +  Libro del dott. Nacci  (Italiano) +  Libro del dott. Nacci in Inglese +  Condiloma eliminato con acqua basica al Bicarbonato di Sodio + Protocollo della SaluteCancro + Diagnosi precoce


IMPORTANTE:
Come Portale segnaliamo vari personaggi che hanno avuto contrasti con le autorita' mediche, e per essere precisi,  affermiamo che NON condividiamo in toto le loro terapie (quelle monoterapeutiche), in quanto per noi, seguaci della Medicina Naturale  la malattia (cancro compreso) e' MULTIFATTORIALE, quindi NESSUN prodotto puo', da solo, guarire dalla malattia della quale si e' malati !

 

RICERCA Parole nel SITO