Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


NUOVA MEDICINA del dott. HAMER   +  dr. HAMER  (biografia)
http://www.nuovamedicina.com/  +  Presentazione della Nuova medicina
Associazione A.L.B.A.

vedi: Terapia G. Puccio, dimostrazioni effetti del Bicarbonato di Sodio
E' INDISPENSABILE per stare sempre BENE e' l'assunzione quotidiana, per certi periodi,
di acqua Basica a pH min. di 7,35 > 11 (almeno 1,5 lt)
Le bevande troppo saline e/o le bevande industriali, non vanno bevute giornalmente e/o spesso,
anche e per le loro forti acidita', in quanto influiscono sull'alterazione dei giusti valori di pH dell'acqua del corpo.

L'acidosi e' la base fisiologica del Cancro -  Il Conflitto Spirituale Irrisolto, ne e' la Causa primaria
Nutriterapia Biologica Metabolica x Cancro
 Circolazione sanguigna: prevenzione degli infarti e del cancro. I citrati eliminano calcificazioni arteriose. Gli ascorbati fanno il resto !
Paolo-Lissoni: i-segreti-della-pineale-anticancro-io-oncologo-vi-spiego-perche-la-medicina-esclude-di-bella/
 

Il dott. Hamer è un medico Tedesco che ci ha fornito una chiave di lettura dei processi biologici che i microbi effettuano negli organismi viventi e ci dimostra come essi sono indispensabili alla guarigione dalle patologie, egli afferma che:
“Questo Sistema non è una teoria od un’ipotesi, è una scoperta empirica, in fondo è tutto molto semplice. Una volta conosciuto il sistema ontogenetico dei tumori e degli equivalenti cancri, il Sistema Ontogenico dei Microbi  mi è caduto fra le mani come un frutto maturo”.
Questo medico tedesco
è stato ed è a tutt’oggi grandemente perseguitato per le sue scoperte rivoluzionarie è il dott. Theol Ryke Geerd Hamer (Dsseldorf-Mettmann, Germania, 1935- ).
In seguito a un tragico episodio della sua vita (la morte del figlio, il 7 dicembre 1978, per mano del principe Vittorio Emanuele di Savoia, dopo tre mesi di indicibili sofferenze) il dr Hamer giunse a scoprire su un elevato numero di casi clinici (era primario internista in una clinica oncologica bavarese) quella che lui chiamò la legge ferrea del cancro ovvero la precisa relazione tra il cancro e la DHS (Dirk Hamer Syndrome, dal nome di suo figlio), un conflitto biologico-emozionale con caratteristiche ben definite.
Questa legge è la prima delle cinque leggi biologiche della Natura, scoperte da Hamer, che oggi sono oggetto di sempre maggiore attenzione da parte di molti ricercatori indipendenti sparsi in tutto il mondo, anche se purtroppo non di quella della scienza ufficiale, sempre sospettosa ma anche sempre meno indipendente e più sponsorizzata, e quindi indirizzata.
Per il discorso che stiamo facendo ora ci serve di soffermarci sulla 4^ legge biologica ovvero il Sistema Ontogeneticamente determinato dei Microbi, una legge che, dice Hamer, gli è caduta in mano come un frutto maturo come conseguenza delle tre precedenti. E questo ci obbliga a dare uno sguardo, seppur veloce, a tutto “il sistema Hamer”.
Dobbiamo in primo luogo tenere conto che, per Hamer, il cancro non è quella malattia terribile e maligna che conduce a morte (“incurabile”, si diceva fino a poco tempo addietro) ma semplicemente un programma Speciale con Senso Biologico (SBS) della Natura.
In sintesi: dalla DHS si origina il cancro, ovvero l’SBS; la psiche determina l’organo in cui si forma il cancro, e, sincronicamente, il suo correlato focolaio di Hamer nel cervello, visibile alla TAC come una chiara immagine a bersaglio (1^ legge biologica o Legge Ferrea del Cancro).
La soluzione del conflitto biologico determina la remissione del tumore, ovvero il programma Biologico Sensato (SBS) giunge a conclusione se il Conflitto irrisolto, viene risolto. Infatti l’SBS segue un percorso ben codificato da quella che Hamer ha chiamato la 2^ legge biologica della Natura o legge della bifasicità.
La figura sotto mostra l’inizio del Conflitto Attivo con la DHS e la sua fine con la soluzione del conflitto (CL= conflittolisi).
La conflittolisi dà origine alla fase di riparazione (o soluzione), la cui articolazione in fase A, fase B e crisi epilettoide non può essere spiegata qui nei dettagli, ma può essere facilmente reperita nella produzione letteraria del dr Hamer o dei suoi discepoli sparsi nel mondo e presenti anche in Italia.

Quello che invece è indispensabile spiegare per i nostri fini è che, a seconda del tipo di conflitto che noi viviamo,vengono interessati gli organi derivanti da uno dei tre foglietti embrionali, fondamento della nostra successiva evoluzione ontogenetica, endoderma, mesoderma ed ectoderma, e il loro correlato settore cerebrale: tronco encefalico per l’endoderma e cervelletto per il mesoderma antico( paleoencefalo); sostanza bianca o midollo cerebrale per il mesoderma recente e corteccia per l’ectoderma (neoencefalo). Esiste cioè una triade indissociabile: psiche (Spirito) - cervello - organo, tre unità che lavorano sempre insieme al fine della sopravvivenza, dove, se vogliamo fare un esempio informatico, la psiche è il programmatore, il cervello è il computer e gli organi sono le periferiche.
Il cervello/computer è il mediatore tra l’evento psichico e il processo organico.
In estrema sintesi: a livello psichico ci troviamo di fronte a uno shock conflittuale inaspettato e drammatico che viviamo come una situazione anomala e con un senso di isolamento (DHS).
Il cervello, sentendo minacciata la propria integrità o addirittura la sopravvivenza, si sintonizza immediatamente su un programma speciale di emergenza, già “installato” arcaicamente dalla nostra biologia, e lo fa partire (SBS bifasico).
A questo punto notiamo quelle che abitualmente chiamiamo “malattie” (vale a dire il cancro e le malattie oncoequivalenti, cioè tutte) o i sintomi di esse e ci allarmiamo, pensando di essere malati, non sapendo che, invece, sono proprio questi il segno che la nostra biologia ha reagito secondo il programma biologico predisposto dalla natura a difesa della propria integrità, scongiurando così il pericolo, e che, una volta risolto il conflitto, il processo andrà naturalmente verso la riparazione e la soluzione. Ed è proprio qui che viene finalmente svelato il ruolo dei microbi e la loro finalità.
Hamer ha chiarito in modo molto preciso ed elegante quello che era già stato supposto da Béchamp e visto da Rife e Naessens coi loro microscopi “biologici” e lo ha riassunto nella 4^ legge biologica della natura, che stiamo illustrando.
Ha dato così un senso ben definito e plausibile a quella distesa dilagante di microrganismi che, senza una ragione plausibile, a un certo punto ci attaccherebbero per farci del male, in quella giungla darwiniana (fasulla) che sarebbe il nostro mondo.
Quali sono allora le idee dei nostri scienziati di frontiera che potrebbero destabilizzare il sistema delle lobbies oncologico-farmaceutiche e delle cattedre baronali ?
I batteri e i virus non sono nostri nemici ma vivono in simbiosi con noi come microzimi (o somatidi, o protiti, come vogliamo chiamarli) e lavorano ai nostri ordini, collaborando alla nostra guarigione.
Il momento a partire dal quale ai microbi è permesso “lavorare” non dipende da fattori esterni ma è determinato esclusivamente dal nostro computer/cervello.
Scrive Béchamp: “I microzimi cambiano in batteri o virus che immediatamente vanno al lavoro per decomporre il materiale tossico pericoloso. Quando hanno completato il loro dovere essi immediatamente tornano allo stadio di microzimi.”
Scrive Hamer: “Non sono i microbi a causare le “malattie”, ma essi hanno il compito di ottimizzare la fase di riparazione” (del programma SBS, innescato dal nostro cervello in risposta a un particolare evento psichico, la DHS, N.d.A.).
“Il nostro cervello decide quale tipo di microbo può collaborare, quando e per quale tipo di lavoro.” Se dovessimo accettare queste idee le implicazioni sarebbero enormi, esagerate per il sistema:
- le “malattie” nascono all’interno di noi e all’interno di noi si curano, il contagio non esiste, la terapia non è una guerra feroce da combattere contro un nemico cattivo ma un atto di cooperazione con la natura,, il “cancro” è un programma biologico speciale e sensato della natura che si risolve con l’aiuto dei microbi, il sistema immunitario come lo intendiamo oggi, cioè un esercito di cellule assassine che combatte contro i microbi cattivi, andrebbe totalmente ripensato, gli antibiotici e i vaccini non hanno senso, anzi, sono tossici.
Non è come proporre agli aristotelici che è la terra che gira attorno al sole, agli ateniesi che i loro sono falsi dèi e agli ebrei di Amsterdam la dottrina panteistica di Spinoza ?
Alla conclusione di questo mio scritto mi piace citare ancora Hamer:
“Prima di arrivare a scoprire il sistema ontogenetico dei tumori e delle malattie oncoequivalenti ho osservato moltissimi casi, fino ad allora circa 10.000” (oggi sono più di 30.000, N.d.A.) “ed ho lavorato come dovrebbe fare un bravo scienziato, cioè in modo puramente empirico. Quindi ho diligentemente documentato tutti i casi, raccolto le tomografie computerizzate del cervello e i reperti istologici e li ho sempre raggruppati per confrontarli.
Ed ecco cosa ne è venuto fuori: un risultato da mozzare il respiro, che sino ad oggi si era ritenuto impossibile: esisteva un sistema!” (da “IL CANCRO e tutte le cosiddette “malattie”, pag. 71)
Questo sistema è meravigliosamente descritto nella 5^ legge biologica: la quintessenza, ovvero la legge che permette di comprendere ogni cosiddetta “malattia” come parte di uno o più programmi speciali, biologici e sensati della natura.
Questa legge, la base della Nuova Medicina Germanica di Hamer, è la quintessenza delle quattro precedenti leggi biologiche e capovolge completamente l’intera medicina, superando di fatto la visione deterministica e dando un senso biologico alle cosiddette “malattie” che, pertanto, non vengono a caso, per sfortuna o per una maledizione divina ma in seguito a un deterioramento del nostro terreno psico-biologico e con lo scopo di rimetterci in armonia con la natura.
D’altra parte il sistema sanitario sta cedendo sotto un sistema di spesa ormai insopportabile per un approccio che, oltretutto, potrebbe rivelarsi semplicemente sbagliato. Siamo pronti al cambiamento ?
Saremo talmente coraggiosi da riconoscere i nostri errori, abbatterli, valutare con attenzione ed obiettività quello che la scienza di frontiera ci propone e rimboccarci le maniche per ricostruire sulle macerie ? Proprio qui sta il punto critico… e la sfida…

BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE 
- Ethel D. Hume, Pasteur Exposed, 1923;
- R.B. Pearson, Pasteur, Plagiarist, Impostor, 1942;
- Gerald Geison, The Private Science of Louis Pasteur, 1995;
- Sonea- Panisset, Introduction à la Nouvelle Bactériologie, 1980;
- Sorin Sonea, “Specical Lecture” al Congresso del Maggio 1993 dell’American Society of Microbiologists: “The Nature of the Prokaryotic World and the Worrisome Fate of Bacteriology”.
- G
nther Enderlain, Wikipedia, The Free Encyclopedia.
- Ryke Geerd Hamer, Testamento per una Nuova Medicina Germanica. La “Germanica”. Le 5 leggi biologiche della natura, 1999;
- Ryke Geerd Hamer, IL CANCRO e tutte le cosiddette “malattie”, 2004.
By Sergio Belforti - Tratto da: kabbaland.com

Quindi secondo anche gli studi del dottor Hamer, ogni malattia è una risposta del cervello (mente) ad un trauma esterno e fa parte di un programma di sopravvivenza della specie. Risolto il trauma, il cervello inverte il comando e la situazione ritorna alla normalità.
La seconda Legge di Hamer ci ricorda il simbolo del Tao con i giusti rapporti tra le forze polari Yin e Yang: “Niente esiste senza il suo contrario”.
La medicina ufficiale ha individuato circa un migliaio di malattie, suddividendole in malattie “fredde” e malattie “calde”.
Quelle “fredde” sono: stato continuo di stress, insonnia, cancro, angina pectoris, neurodermatiti, psicopatologie, ecc.
Quelle “calde” sono: infezioni, reumatismi, allergie, esantemi, ecc.

In verità non esiste una malattia “fredda” o una malattia “calda”, ma esistono fasi alterne “fredde” e “calde”. Tutto in natura si muove come un'onda che mantiene nei giusti rapporti le due polarità attiva e passiva, calda e fredda, maschile e femminile, Yang e Yin.
Tutte le malattie presentano quindi due fasi: fase "fredda" o simpaticotonia e fase “calda” o vagotonia. Arriva sempre per prima la fase fredda e poi segue la fase calda di riparazione una volta superato il trauma. Il superamento del trauma è la chiave di volta per passare in fase di riparazione.
Al verificarsi di un trauma emotivo improvviso, vissuto in solitudine e che non sappiamo come risolvere, si entra in una frase di reazione di sopravvivenza. Mentalmente si continua a rimuginare il problema, dandovi ulteriore energia che permane come un criceto che gira sulla sua ruota, nel cervello vengono stimolate sempre le stesse aree con un'azione di rinforzo e viene trasmesso l'ordine al corpo fisico (a seconda della tipologia del trauma):
- creare una massa;
- sciogliere una massa;
- bloccare/sbloccare un organo.

In questa fase, chiamata fase fredda, si possono sentire le estremità del corpo molto fredde, come mani e piedi gelati.
Quando il conflitto viene risolto, inizia la fase calda, si dilegua lo stress e si riordina tutto il sistema. In questa fase avviene la crisi riparatoria (stress, evacuazione, tremore, sudore...) indicante il superamento della fase di stress.
Durante la riparazione il corpo può risultare infiammato, anche con febbre, dolore o stanchezza. Bisogna tener presente che la fase di riparazione può essere anche più pericolosa della fase di malattia (soprattutto in caso di forti febbri ed infezioni).

Questa "Legge" - ormai ampiamente dimostrabile - fu promulgata dal medico tedesco dott. R. G. Hamer 12 anni fa; confermata e presentata all’Università di Vienna nel 1988 in un simposium che fece in Germania, molto scalpore.

Il dott. Hamer è stato specialista di medicina interna, lavorando per 15 anni nelle cliniche universitarie in Germania.
Nel 1978, nell’isola Cavallo, un personaggio "eccellente" su di una barca, uccise suo figlio con un colpo di fucile, mentre stava dormendo su di un’altra barca affiancata; si appurò subito che fu Vittorio Emanuele di Savoia, l’omicida del giovane; ovviamente il processo intentato contro questo "pezzo da Novanta" fini nel nulla e l’uccisore non fu neppure condannato.

Questa morte e l’iter giudiziario che seguì, furono vissuti dal dott. Hamer (il nome stesso suona come una profezia = hAmer in francese significa "amaro"), in modo amaro, imprevisto e profondamente sofferto, anche per il modo con cui si cercò di coprire il fatto.

Questo forte trauma Spirituale (Conflitto Spirituale irrisolto sui perché) scatenò nel dottore un terribile ed improvviso cancro, che però gli permise successivamente di auto analizzarsi e comprendere quello che lui stesso in seguito chiamò:
"
La LEGGE FERREA del CANCRO

In effetti dopo aver appreso, per mezzo dell’esperienza diretta, che la biologia umana ed animale non è così assurda come se la immagina la scuola medica Universitaria, che insegna assurdamente che attraverso la proliferazione anarchica del cancro i microbi distruggono senza ragione, il dott. Hamer si è messo alla ricerca di un sistema biologico, razionale e probante.

Le leggi derivanti sono le seguenti:

1) La classificazione dei microbi: funghi, batteri, virus, corrispondono alla loro età ontogenetica: il microbi più “anziani” sono i funghi; quelli “medievali” sono i batteri ed i più “giovani” sono i virus.

2) La classificazione dei microbi si effettua in funzione dei foglietti embrionali da cui derivano le aree organiche che essi “trattano”.

a) I funghi ed i micobatteri, trattano gli organi endodermici, retti dal tronco cerebrale.

b) I micobatteri ed i batteri, trattano gli organi mesodermici retti dal cervelletto ed i batteri trattano gli organi retti dalla sostanza bianca.

c) I virus trattano solamente gli organi ectodermici retti dalla corteccia cerebrale.

3) Tutti i tipi di microbi senza esclusione “lavorano” esclusivamente durante la seconda fase, cioè nella fase di guarigione, a partire dalla “conflittolisi” (soluzione del Conflitto ovvero ripristino dell’Etica comportamentale rispetto alle Leggi della Natura) fino alla fine della completa guarigione; essi non lavorano né prima, né dopo.

“Prima”, essi sono considerati come apatogeni (non patogeni); “durante” la fase di guarigione come “patogeni” o germi virulenti e “dopo” la fase di guarigione di nuovo come germi apatogeni.

4) Tutti i microbi sono più o meno specializzati dai virus, non solamente in funzione degli organi che essi trattano, ma anche nel “modo” che essi lavorano.

a) I funghi ed i micobatteri sono degli “eliminatori”, cioè scopano via i tumori endodermici (carcinomi edenomatosi) retti dal tronco cerebrale ed i tumori mesodermici retti dal cervelletto, se il terreno è a loro favorevole.

Più precisamente essi caseificano i tumori degli organi retti dal cervello antico (tronco cerebrale e cervelletto) dall’inizio della “conflittolisi”, quando vi è soluzione di conflitto. Durante la normotonia ritrovata (una volta terminata la fase di guarigione), essi sono apatogeni, cioè inoffensivi anche per tutti gli altri organi !

b) i batteri sono degli “eliminatori” per gli organi mesodermici retti dal cervelletto e come restauratori per gli organi mesodermici retti dalla sostanza bianca del cervello, cioè essi lavorano per tutto il settore organico derivante dal mesoderma, ma essi esercitano funzioni diverse; essi scopano via i tumori adenoidi del mesoderma cerebrale e riempiono le lacune provocate dalla riduzione cellulare o dalle necrosi (osteolyti ecc.) degli organi mesodermici retti dalla sostanza bianca.

Per essi il tempo di lavoro inizia alla conflittolisi e finisce alla fine della fase di guarigione, all’inizio del ritorno alla normotonia.

Il Sistema Ontogenetico dei Microbi (ri-scoperto dal dott. Hamer) è destinato a rivoluzionare tutta la medicina “moderna”; con la Medicina Biologico Naturale a ridimensionare i fatturati di tutte le case farmaceutiche mondiali.

Sarà la microbiologia che darà il colpo finale quando essa arriverà a “scoprire” le semplici leggi che regolano le strutture Viventi: una delle quali è la “Legge dei Somatidi”; speriamo che questo avvenga il più presto possibile.

A conferma delle “scoperte” del dr. Hamer, già il dott. R. Royal Rife di San Diego (USA) negli anni 1920, insoddisfatto degli strumenti di allora con i quali poter condurre delle ricerche sui virus, costruì uno speciale microscopio in quanto era anche un appassionato di ottica; dopo molti anni riuscì nella sua impresa ed ottenne un microscopio che consentiva ingrandimenti fino a 17.000 volte.

Con uno strumento così potente ottenne risultati stupefacenti e quello che vide nella dimensione dell’ultra piccolo fu stupefacente e ciò lo convinse che i “germi patogeni” erano l’effetto della malattia e non la loro causa e che il terreno del corpo poteva convertire, mutare i batteri a seconda delle necessità, ma vide sopra tutto che essi erano sempre presenti nella fase di guarigione dalla malattia.

Durante gli anni 1950 egli modificò il suo microscopio ed ottenne fino a 50.000 ingrandimenti; scopri anche che si potevano mutare, distruggere funghi, microbi e virus con un generatore di frequenze trovando la precisa frequenza di risonanza di quel fungo, microbo o virus.

Con le sue ricerche egli ha dimostrato che virus, batteri e funghi si trasformano, cioè sono poliformici.

Egli ha altresi' dimostrato che non è il batterio in sé che produce il male ma è la composizione biochimica del microrganismo generata e modificata dall’ambiente dei liquidi del tessuto cellulare nel quale egli risiede, che modifica il metabolismo della cellula stessa obbligando o permettendo le mutazioni.

Così si può essere certi che se il metabolismo del corpo è perfettamente sano nei suoi giusti valori, cioè i liquidi cellulari non sono intossicati, non vi è trasformazione anomala dei funghi, microbi e le interferenze nulla possono; questo tipo di risposta si chiama in medicina: reazione immunitaria aspecifica.

Purtroppo a questo valente scienziato, l’impero del male, cioè la struttura farmacologica e medicale, generò tante persecuzioni di ogni tipo fino ad arrivare a sequestrare gran parte delle sue attrezzature ottiche con gli appunti scritti, che dopo un pò di tempo “sparirono”.

I suoi collaboratori furono minacciati di ritiro di licenza ed altri furono espulsi dall’associazione dei medici ed impossibilitati a continuare le loro ricerche.

Tutto ciò perché egli riusci' a dimostrare che i farmaci erano prodotti e sostanze che distruggevano l’organismo invece di rinforzarlo.  

Un’altro scienziato che ha fornito nuove ricerche su questi argomenti è G. Naessens (F).

Nel 1945 costruì un microscopio particolare che chiamò Somatoscopio; questo strumento gli permise l’ultra risoluzione dell’immagine visibile.

Il dott. Naessens ha scoperto visto e filmato al suo microscopio nel sangue umano ed animale vivo, una ultra microscopica sub cellula vivente auto riproducente che ha chiamato “Somatide” (corpo piccolo e sottile) che ha caratteristiche polimorfiche (possibilità di cambiare continuamente forma); essa ha un ciclo di vita suddiviso in 16 stati (vedi schema illustrativo) e solamente i primi 3 stadi sono normali e permettono di mantenere la Perfetta Salute
Il ciclo deve mantenersi nel sangue, in modo normale (mutazione solo per i primi 3 stadi) e per rimanere tale, vi sono certi minerali  e delle proteine (sopra tutto quelle dei vegetali) che formano una “barriera” all’avanzamento dei somatidi negli stati successivi che sono patologici.

La Somatide è la più piccola particelle di materia vivente e ne è all’origine; è presente in tutte le sostanze organiche perché ne è la matrice; può assumere qualunque forma ed è il precursore del DNA dunque dei geni. Se la sua “capsula” è danneggiata, essa diviene matrice di malattia e di mutazione anomala. E’ autosufficiente ed è la fonte della materia vivente; NON può essere distrutta con nessun mezzo fisico o chimico.
vedi anche
BIOGRAFIA del dr. HAMER


vedi: Batteri autoctoni + Batteri sfruttamento + il sogno dell'impostore Pasteur + Pasteur e le sue bugie + l'ultima Cospirazione, dell'apparato medico

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

ECCO spiegata la Sua TEORIA suffragata da decine di migliaia di pazienti trattati

PRIMA Legge: Il trauma è il detonatore
Ogni malattia è causata da un trauma emotivo (o Conflitto Spirituale) che ci coglie impreparati, ci prende in contropiede, un trauma che viviamo in solitudine e che non sappiamo come risolvere.
Hamer stesso scrive nel suo Testamento: "Per la Nuova Medicina Germanica" l'uomo, ma anche ogni animale ed ogni pianta, è sempre un organismo Vivente che possiamo pensare funzioni a 3 livelli che procedono in sincronia fra loro:
- PSICHE (greco), (Spirito, il programmatore - l'Ego /Io SONO +  la mente che e' il programma = software = l'emotivita' appartiene solo ed unicamente al dominio dello Spirito)
- CERVELLO, (organo, computer, macchina = hardware)
- ORGANI 
L'insieme di questi fattori compongono l'insieme Ani+Ma Vivente

Allo scopo di continuare la specie, l'uomo ha sviluppato col passare del tempo dei programmi biologici di sopravvivenza che sono diventati automatici e si sono inscritti nel suo cervello, nelle sue cellule.
Esiste una triade indissociabile: mente (la mente e' il software dello Spirito per far funzionare il cervello) - cervello (insieme di cellule, tessuti nervosi identificabili come l'hardware di un computer, che formano l'organo cervello) - corpo (insieme di organi e sistemi), tre unità inscindibili che funzionano sempre insieme.
a) Il cervello non è in grado di distinguere tra reale e simbolico, tra realtà e immaginazione.
(NdR: infatti non e' esso che puo' distinguere, ma e' la mente parte dello Spirito che lo puo' fare)
b) Siamo programmati per sopravvivere, quindi la malattia è la soluzione perfetta del cervello (NdR: della mente e quindi dello Spirito) in termini biologici di sopravvivenza.
c) Tutte le volte che un individuo viene colpito da un trauma emotivo (Conflitto Spirituale) che abbia le seguenti caratteristiche:
- vissuto in maniera drammatica
- ci colga impreparati
- l'emoziona abbia il sopravvento sulla ragione
- sia vissuto in solitudine, rimuginando continuamente il problema
- non si trovi una soluzione soddisfacente
Allora e solo allora il cervello entra in azione mettendo in moto uno speciale programma biologico per la sopravvivenza dell'individuo.
L'intensità del trauma emotivo determinerà la gravità della malattia, mentre il tipo di emozione determinerà la localizzazione nel corpo.
Quindi la malattia è un simultaneo squilibrio a livello psichico (Conflitto Spirituale), cerebrale e fisiologico dovuto ad un trauma emotivo-Sprituale.
Senza conflitto non vi è malattia, rendersene conto, è il primo passo verso la guarigione !

Seconda Legge: niente esiste senza il suo contrario
Viviamo in un mondo bipolare, non esiste il giorno se non c'è la notte, la salute non ha senso senza la malattia, ecc. 
La medicina ufficiale ha individuato circa un migliaio di "malattie" (NdR: in realta' solo sintomi dell'UNICA malattia = ammalamento), suddividendole in malattie "fredde" e malattie "calde".
Quelle "fredde" sono: stato continuo di stress, insonnia, cancro, angina pectoris, neurodermatiti, psicopatologie, ecc. quelle "calde" sono: infezioni, reumatismi, allergie, esantemi, ecc. 
In verità non esiste una malattia "fredda" o una malattia "calda", ma piuttosto esistono fasi alterne "fredde" e "calde".
Tutte le malattie presentano appunto due fasi: fase "fredda" detta simpaticotonia, e fase "calda" detta vagotonia. E' sempre la fase "fredda" che arriva per prima, seguita dalla fase "calda" di riparazione una volta superato il trauma. Il superamento del trauma è la chiave di volta per passare in fase di riparazione.

FASE FREDDA:
Al verificarsi di un trauma emotivo che ci coglie impreparati, ci prende in contropiede, che viviamo in solitudine e che non sappiamo come risolvere, i tre livelli dell'essere (mente-cervello-corpo) entrano in una fase di reazione per poter sopravvivere:
- a livello psichico: il paziente continua a rimuginare il suo problema, è stressato, non ha più fame, dimagrisce, fa fatica ad addormentarsi. In questo continuo stato di allarme tutte le energie sono mobilitate al solo fine di superare il trauma.
- a livello cerebrale: si producono dei cerchi concentrici (focolai) in una certa area del cervello che presiede al funzionamento di un organo ben preciso. Alla TAC cerebrale, senza liquido di contrasto, i focolai di Hamer sono chiaramente visibili.
- a livello fisico: il cervello può dare solo quattro ordini: creare una massa (tumore, ciste, ecc) scavare un buco (lisi), bloccare, sbloccare un organo.

FASE CALDA:
Questa fase ha inizio solamente al momento della soluzione del conflitto.
- a livello psichico: iniziamo a tirare il fiato. Lo stress si dilegua, il conflitto è stato risolto. Torna l'appetito, le estremità del corpo riprendono ad essere calde.
- a livello cerebrale: nell'area del cervello dove si è verificato il "cortocircuito" comincia  a formarsi l'edema di riparazione.
Una volta terminata la riparazione una crisi epilettoide (tremori, sudori freddi, stress, evacuazioni urinarie) verificherà se l'evento conflittuale è stato completamente superato; in caso affermativo l'edema sarà evacuato tramite la diuresi, in caso negativo si manifesterà con fasi alterne di ricadute e risoluzioni che avranno come conseguenza il formarsi di una cisti cerebrale al posto dell'edema.
- livello fisico: già prima della crisi epilettoide la malattia smette di progredire ed il cervello si
ripara. 
Nella fase di vagotonia (fase calda) il paziente entra in uno stato di infiammazione; tutte le energie sono ora tese alla risoluzione cerebrale e fisica: può avere stati febbrili, dolori diffusi o localizzati e molta stanchezza. Tutti gli stati infiammatori sono delle riparazioni, ivi comprese le malattie infettive. 
E' da tener presente che la fase di riparazione può essere anche più pericolosa della fase di malattia.

Terza Legge: Il sistema ontogenetico dei tumori e delle malattie equivalenti
Il termine ontogenetico si riferisce alla vita embrionale dell'individuo e si parla di "malattie equivalenti" perché non solo i tumori, ma tutte la malattie, si comportano secondo l'enunciato delle cinque leggi.
La ragione di tutti i comportamenti biologici risale alla notte dei tempi e comincia con l'apparizione della prima cellula sul nostro pianeta.
Abbiamo già detto che l'uomo non sarebbe potuto sopravvivere fino ad oggi se non avesse integrato nel suo cervello programmi biologici di sopravvivenza volti al superamento di ogni
genere di ostacoli che nel corso dei millenni si sono presentati sul cammino della sua evoluzione. 
Una volta superato l'ostacolo, la soluzione viene trasmessa alle generazioni future:
nei primi due mesi di vita intrauterina il feto incarna tutta questa memoria dall'inizio della vita ad oggi.

- prima tappa dell' evoluzione:
La cellula per continuare deve respirare, mangiare, eliminare e riprodursi
Col passare dei secoli la nostra cellula si associa ad altre cellule e diventa un organismo pluricellulare adattandosi così alle situazioni contingenti. Se, per esempio, esso vive in un luogo dove l'ossigeno scarseggia, entra in una fase di stress e trova la soluzione al problema moltiplicando le cellule specializzate nella respirazione. Creerà una specie di tumore, una proliferazione cellulare. Dunque a questo stadio della vita, la sopravvivenza è assicurata da un aumento delle cellule là dove è necessario e l'ordine di proliferazione viene impartito da una struttura cerebrale arcaica che diverrà il tronco cerebrale. 
Ciò che avviene nel ventre materno in qualche modo ripercorre tutti gli stadi dell'evoluzione
, tant'è vero che, nel corso del suo sviluppo, l'embrione sembrerà di volta in volta un'ameba, un girino, ecc.
Cos'à ereditato l'uomo moderno dalla prima tappa dell'evoluzione della vita sulla Terra ? 
Quali sono gli eventi conflittuali ? Sono conflitti che riguardano il...boccone
Un boccone di cibo, d'aria, un boccone da espellere, un boccone in senso figurato (nutrirsi, respirare, eliminare). L'uomo quando si sente crollare tutto addosso, il cervello trattiene i liquidi. 
Per quanto riguarda la funzione riproduttiva, i conflitti interesseranno l'endometrio e parte della prostata. 

- seconda tappa dell'evoluzione:
Qui assistiamo al passaggio degli organismi viventi dall'ambiente acquatico a quello terrestre. Ora deve proteggersi dal nuovo mondo che lo circonda: là dove sarà aggredito dai raggi solari, il cervello produrrà un ispessimento delle membrane per evitare di morire bruciato. Nel ventre materno, l'embrione continua a perfezionarsi irrubostendo tutte le membrane: derma, pleura, peritoneo, pericardio.
Quali tracce psichiche rimarranno registrate nella memoria dell'uomo moderno? In generale
tutti i conflitti relativi alla paura di venire aggrediti, di subire un'aggressione contro l'integrità fisica all'altezza del torace (mesotelioma pleurico), della cavità addominale (mesotelioma peritoneale), del cuore (mesotelioma del pericardio). Fanno ancora parte tutti i conflitti relativi al sentirsi in qualche modo colpiti nella propria integrità morale, insozzati: attacchi vissuti sulla pelle che daranno luogo a melanomi. 
La pelle è la parte del nostro corpo che per prima entra in contatto con gli altri individui

- terza tappa dell'evoluzione
Per il nostro piccolo organismo è ora di muoversi, esplorare l'ambiente circostante. Dovrà quindi sviluppare uno scheletro, dei muscoli e dei tendini. Ma se il mondo verso il quale tende (la terra) non è migliore di quello dal quale proviene (l'acqua), deciderà di tornare indietro e dovrà quindi perdere gli organi che aveva espressamente sviluppato: dovrà fare una lisi (riduzione cellulare, necrosi), perdere sostanza.
Nel ventre materno comincia è il momento in cui compare il sistema osseo e muscolare. 
Questa fase corrisponde allo sviluppo del proprio valore. 
Qui i conflitti sono di
svalutazione di (osteoporosi).

- quarta tappa dell'evoluzione:
E' un ulteriore precisarsi di tutte le tappe precedenti, il passaggio da: "mi sposto sulla superficie e mi misuro con il nuovo ambiente" a "entro in comunicazione con altri individui". Si affinano gli organi sensoriali:
Sul piano psichico assistiamo ad una proiezione di sé in un contesto sempre più vasto e complesso. 
Se ho paura di morire la soluzione biologica del cervello sarà quella di aumentare gli alveoli polmonari per prendere più aria e sopravvivere, insomma una proliferazione cellulare, un cancro ai polmoni. 
Se invece mi "tolgono il fiato", mi "manca il respiro", ossia un conflitto dipendente dal mio rapporto con gli altri, la soluzione sarà quella di ulcerare i bronchi affinché passi più aria. Mentre se il conflitto è legato a dover andare allo stesso tempo in due direzioni diverse e non sappiamo cosa decidere, la soluzione biologica è la paralisi delle gambe (blocco funzionale).

In sintesi:
Al verificarsi di un conflitto inatteso, senza soluzione apparente, vissuto in solitudine, la patologia si esprime contemporaneamente a livello mentale, cerebrale e organico.
- a livello mentale c'è uno stato di stress permanente
- a livello cerebrale si verifica un corto circuito in una specifica area del cervello
- a livello organico avviene la proliferazione cellulare (tumore) oppure la lisi (perdita di sostanza) o ancora un blocco funzionale (paralisi).

L'eliminazione del Conflitto Spirituale, è la chiave di volta che permette di passare alla fase di riparazione.

Quarta Legge: I microbi sono al servizio del cervello:
I microbi sono nostri alleati, sono loro che si occupano di riparare i danni durante la seconda fase. 
E' il cervello che invia l'ordine ai nostri amici virus, funghi o batteri.

Tutti i microbi arrivano, proliferano e scompaiono per favorire la riparazione secondo una logica ben precisa in sincronia con il nostro cervello e il nostro corpo. Essi fanno parte del programma biologico della Natura.
l'uomo convive con i microbi: il nostro corpo contiene dieci volte più batteri che cellule umane: centomila miliardi

Quinta Legge: della quintessenza:
Tutti i comportamenti dell'uomo (e malattie) sono determinati da programmi speciali di sopravvivenza inscritti nel cervello fin dalla notte dei tempi. La malattia è una soluzione biologica del cervello, l'ultima possibilità di sopravvivenza.
Ogni organismo vivente possiede un cervello più o meno sviluppato, in grado di captare inconsciamente le informazioni provenienti dal mondo che lo circonda. Le cellule i batteri che abitano in noi, i vari organi, tutto funziona all'unisono, con lo steso ritmo del cervello
principale. 

Recentemente il dott. Hamer ha aggiunto un grafico qui sotto riportato, che aggiunge alcuni particolari sulle zone del cranio/cervello, anche se parla e scrive impropriamente la parola "anima" mentre dovrebbe dire e scrivere la parola Spirito come dovrebbe essere.

La malattia ha sempre un senso. Essa è utile, necessaria, vitale, per l'individuo e per l'evoluzione della specie.
Tratto da La medicina sottosopra. E se Hamer avesse ragione ? di Giorgio Mambretti e Jean Séraphin ed. Amrita

Commento NdR: pur condividendo completamente questo approccio al cancro, devo per onor del vero e del giusto, fare un'appunto ad Hamer: a queste leggi "sacre"
mancano il vertice, il cappello e la coda.
Cosa si intende per cappello o vertice, la Legge-Idea, insita nel Progetto Vita, che sta al di sopra di queste 5 leggi, che e' legata alla successiva del "vai e sopravvivi, con il minor danno", ed e' quella del dover rispondere a queste domande:
"Chi sono io ? e da dove vengo e dove vado".
Se al sofferente, malato (psicofisico) NON si risponde indicandogli la strada per capire il senso della sua vita o della vita in senso lato...il suo "corpo di dolore" non abbandonera' completamente il suo corpo ! e successivamente curarlo non solo dal punto di vista Spiritual-Emotivo, ma indicandogli anche come mangiare, con alimentazione secondo la  Medicina naturale e se in fase avanzata anche curandolo con la Nutriterapia

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Sostanze cancerogene ?  
secondo Hamer non esiste alcuna prova dell'esistenza di sostanze cancerogene. 
Le argomentazioni a sostegno di questa tesi sono:
1) non è possibile provocare tumori su organi le cui connessioni nervose con il cervello sono state tagliate (organi trapiantati)
2) le sostanze inoculate agli animali per indurre il cancro non inducono nulla se non c'è l'intervento del cervello. Esse possono distruggere, avvelenare ma non indurre il tumore. 
Le radiazioni distruggono le cellule ma non provocano i tumori.

Metastasi e chemioterapia
secondo la medicina ufficiale le cellule cancerogene migrano dal cancro primario per via arteriosa o linfatica; ma questa è solo un'ipotesi, mai dimostrata in laboratorio. Per di più il cancro al seno è una massa mentre il cancro alle ossa è una lisi: queste cellule tumorali devono essere molto intelligenti per modificarsi strada facendo ! 
Secondo Hamer le metastasi sono nuovi conflitti provocati da nuovi choc conflittuali, provocati cioè dallo choc da diagnosi e prognosi mediche apparentemente ineluttabili. Il paziente cui viene diagnosticato il cancro, cioè viene preso dal panico del "brutto male che prolifera in modo anarchico e dal quale apparentemente non c'è scampo", e "questo panico" sarebbe il nuovo choc all'origine di quelle che vengono chiamate metastasi: autosvalutazione, "non ho più alcuno valore"--> cancro alle ossa, paura di morire --> cancro ai polmoni, tutto mi crolla addosso --> patologia renale, mi sento ai margini della società --> patologia della pelle.
Secondo Hamer il 30% dei cancri operati, sono vecchi cancri senza pericolo. Se questo 30% è sottoposto a sedute di chemioterapia, una parte di questi subirà un nuovo conflitto di panico e morirà, ma coloro che non avranno vissuto un nuovo trauma emotivo (malgrado l'intervento e la chemioterapia che elimina il vecchio cancro incapsulato) certamente guariranno.

Tratto da: http://asac.multimania.com/, http://www.krebsinformation.de/ e La medicina sottosopra. 
E se Hamer avesse ragione
? di Giorgio Mambretti e Jean Séraphin ed. Amrita

Operazioni
Le operazioni eseguite sono in gran parte delle cosiddette operazioni tumorali. Sappiamo che tutte le necrosi dirette dal midollo cerebrale nella fase di riparazione danno dei tumori sin qui chiamati maligni (linfomi, osteosarcomi, cisti renali, cisti ovariche); per la Nuova Medicina sono tutti "tumori di riparazione", cioè delle innocue proliferazioni cellulari che è consentito operare solo se causano un impedimento meccanico o se sono psichicamente inaccettabili al paziente. 
Nei tumori diretti dal paleoencefalo abbiamo ancora bisogno del chirurgo proprio come abbiamo bisogno del cacciatore da quando non ci sono più lupi nel bosco: occorre distinguere esattamente, ad esempio quanto è grande il tumore intestinale, se si arrivasse alla soluzione del conflitto. Se il tumore è ancora relativamente piccolo si può ritenere che anche in assenza di TBC non si possono presentare delle complicazioni. 
Se però il tumore è grosso e in qualunque momento può causa una occlusione intestinale allora si deve valutare con molto attenzione se attendere la fase di riparazione.
Il caso sicuramente più favorevole per un'operazione chirurgica si ha quando il paziente si trova nella fase attiva, perché nella fase di riparazione l'anestesia presenta dei rischi più elevati a causa della vagotonia.
Nella Nuova Medicina si sono anche delle indicazioni chirurgiche, pure di tipo negativo, ad esempio una cisti ovarica o renale, che hanno un ritmo simile a quello di una gravidanza e hanno bisogno di nove mesi circa per indurirsi  e per poter riprendere la funzione organica che spetta loro. In questi nove mesi non è consentito operare perché durante tale periodo le cisti sono cresciute a ridosso degli altri organi viscerali dove, in mancanza di un proprio sistema arterioso e venoso, si riforniscono temporaneamente del sangue necessario. Questo processo è stato mal interpretato come "crescita tumorale maligna infiltrante". 
La prova si è avuta proprio quando dopo l'ablazione della ciste tali "parti tumorali" infiltrate continuavano a crescere per il resto dei nove mesi e in seguito dovevano essere operate di nuovo rivelandosi così come particolarmente maligne. Ma se lasciamo che trascorrano i nove mesi, allora le piccole cisti fino a 12 cm possibilmente non dovranno essere operate perché queste cisti assolvono la funzione della produzione ormonale, rispettivamente, per il rene, della eliminazione dell'urina, come appunto l'organismo prevede.

Tratto da "Il capovolgimento diagnostico, la genesi delle malattie e in particolare il cancro" del dott. Ryke Geer Hamer, ed. "Amici di Dirk" Fuengirola, Spagna

Ago Aspirato
In base alla conoscenza della Nuova Medicina riguardo al fatto che anche nel caso di un cancro si trova sempre la stessa formazione istologica nel medesimo punto dell'organo, diventano praticamente del tutto superflue delle prove mediante ago aspirato o escissione. In base alla nostra esperienza sappiamo che la TAC cerebrale può fornire dati più sicuri su una formazione istologica rispetto a una biopsia.
Un'escissione, nel caso di un osteosarcoma, costituisce quasi sempre l'inizio di una catastrofe, perché il liquido del callo che si trova sotto pressione si fa strada attraverso il periosto aperto versandosi nel tessuto circostante e li causa un enorme sarcoma. Se non fosse stata fatta nessuna prova di escissione il tessuto circostante esternamente sarebbe stato "solo" gonfio perché il liquido fuoriesce attraverso il periostio ma non le cellule del callo. Avremo un processo, come nel caso di un reumatismo articolare acuto, che dopo un certo periodo di tempo regredisce spontaneamente.
L'aspirazione con l'ago può avere delle conseguenze fatali ad esempio dove viene aperto verso l'esterno un cosiddetto ascesso freddo del seno, cioè un adenocarcinoma della ghiandola mammaria nella fase post conflittuale. Appare quindi una secrezione tubercolotica maleodorante dal seno. 
Come nel caso dell'osteolisi in fase di riparazione che viene aperta e dove la fuoriuscita di callo può essere impedita momentaneamente con la chemio, va a finire perlopiù con l'amputazione, così anche nel caso del seno agoaspirato si arriva spesso all'amputazione.

Tratto da "Il capovolgimento diagnostico, la genesi delle malattie e in particolare il cancro" del dott. Ryke Geer Hamer, ed. "Amici di Dirk" Fuengirola, Spagna

Elenco delle patologie e spiegazione secondo Hamer

1. Cancro al seno sinistro, cervelletto destro: emozione detta del "conflitto del nido". 
Hamer definisce tale conflitto come "conflitto madre-figlio piccolo" (ancora sotto la tutela dei genitori) reale o virtuale ; per esempio, succede qualcosa al figlio e la madre se ne attribuisce la colpa ; o succede qualcosa al marito invalido (vissuto come figlio piccolo "virtuale") e la moglie se ne attribuisce la colpa; oppure ancora conflitto coniugale caratterizzato da collera, verso marito ritenuto irresponsabile (cioè figlio piccolo "virtuale").

2. Cancro seno destro, cervelletto sinistro: conflitto madre-figlio grande; per esempio, la madre soffre, perché il figlio o la figlia si allontana o si sposa, o non le dà retta come lei vorrebbe o le crea preoccupazioni o in effetti non è in accordo, ma può anche essere il caso di uno stress fisico, legato al rimanere in casa dei figli grandi, che devono essere accuditi. 

3. Cancro dei linfonodi ascellari, della pleura : come il cancro del seno, con uno sviluppo temporale più rapido.

4. Cancro dei bronchi: in fase attiva vi è ulcerazione, in fase di riparazione le ulcere si chiudono. 
Conflitto di territorio indiretto, cioè quando la sfera personale e dello spazio vitale è insidiata da sensi di colpa, da minacce o semplicemente da paure, da insicurezze irrisolte dell'infanzia o dell'adolescenza, riattivate da specifici eventi. Per es. “mi togli l’aria”, “lasciami respirare”, "non ho più il mio spazio" ecc.

5. Cancro peribronchiale del mediastino: simile, anche come localizzazione cerebrale, al cancro bronchiale, causato da paura di perdere la salute, paura di perdere il partner, paura della solitudine, paura dell’ignoto.

6. Cancro dei polmoni (alveoli polmonari): in fase attiva carcinoma, la fase di riparazione avviene mediante tubercolosi polmonare. Qui rappresenta la paura arcaica di morire, di non poter più respirare. Conflitti familiari solitamente, ma anche di lavoro, dove l'individuo è stato lungamente e pesantemente soppresso e infine è accaduto un episodio che ha fatto traboccare il vaso, eventualmente anche qualcosa obiettivamente ma non soggettivamente insignificante.

7. Cuore e coronarie: dalla letteratura medica è noto che i tumori del cuore sono un'eventualità rarissima ; ma Hamer considera i disturbi ischemici del cuore alla stregua di tumori.
Per effetto di un conflitto, il tessuto cardiaco e la parete delle coronarie si gonfia, sino ad occludere la circolazione,provocando dunque un infarto. Le sedi cerebrali colpite parallelamente al cuore, sono il cervelletto e il lobo temporale controlaterale : se il disturbo ha sede nella parte destra del cuore, sono coinvolti il lobo cerebellare sinistro e il lobo temporale sinistro; viceversa nel caso della parte sinistra del cuore.
Il conflitto riguarda la difesa e la conquista del territorio, per esempio sul lavoro(connessione con il cuore sinistro) ma anche nel campo degli affetti (connessione con il cuore destro).

8) Cancro dei gangli linfatici del collo, dei gangli sopraclavicolari, dei gangli linfatici mediastinici: bulbo spinale e corteccia frontale controlaterale; conflitto: paura delle malattie e della morte, che diviene una fissazione dopo un episodio nel quale si è temuto per la propria salute o quella dei propri cari o dopo un episodio di malattia o di morte, da cui si è rimasti molto impressionati.

9) Tiroide: area cerebrale e conflitto del tutto sovrapponibile a quelli dei gangli linfatici del collo, sopraclavicolari e mediastinici; "bisogna fare in fretta", "presto, presto, non c'è abbastanza tempo per far tutto", "non ce la faccio a star dietro agli avvenimenti".

10) Cancro della laringe: simile ai tumori della tiroide e dei gangli linfatici del collo, ma con un episodio scatenante, nel quale l'individuo rischiò di soffocare o annegare o qualcuno a lui caro; area cerebrale : corteccia frontale interemisferica.

11) Cancro della mucosa orale, dei seni paranasali, delle ossa facciali: regione encefalica retro-orbitale, frontobasale e/o temporale omolaterale (dalla stessa parte) ; conflitto legato a qualcosa difficile da masticare , o da odorare o difficile da affrontare. Per esempio, una situazione familiare di litigi continui è difficile da masticare quotidianamente e ci può essere sempre una goccia che fa traboccare il vaso ; l'odore può essere connesso ad episodi emozionalmente molto negativi (traumi,operazioni), dove era presente un forte odore(per esempio di benzina nel caso di incidente stradale o di etere o alcool, nel caso di interventi chirurgici); il viso è connesso ad episodi , nei quali il viso è stato sfigurato o traumatizzato oppure nei quali si è trovato insopportabile affrontare "a viso aperto" qualcuno, di cui si ha timore.

12) Cancro delle ossa: la localizzazione nel sistema nervoso è a carico della sostanza grigia cerebrale; conflitto di autosvalutazione, in quanto lo scheletro è la parte che maggiormente nel corpo rappresenta l'Io. In fase attiva si ha decalcificazione, mentre in fase di riparazione leucemia o osteosarcoma.

14) Cancro della pelle, melanoma: connesso in generale con il cervelletto; qualche malattia o deformazione della pelle vista su di sé o su altri ha impressionato profondamente l'individuo, creando in lui forte repulsione per tutto ciò che appare sporco o deformato oppure il conflitto può nascere da una profonda delusione relativa al proprio aspetto o al proprio modo di apparire agli altri.

14) Sclerosi a placche: colpisce la guaina isolante che riveste i nervi,formata da un lipide complesso chiamato mielina; il venir meno della mielina produce delle" placche " di demielinizzazione, dove i nervi, nei quali si propaga l'elettricità per la regolazione degli organi e dei muscoli in particolare,sono fra di loro in cortocircuito e sono inutilizzabili per la conduzione nervosa; perciò si producono delle paralisi muscolari, che possono regredire o peggiorare alternativamente, in relazione con la rigenerazione delle guaine e la loro distruzione, come una costruzione di sabbia sul bagnasciuga viene azzerata dalle onde e nuovamente ricostruita dai bambini .
Aree del sistema nervoso centrale colpite: qualsiasi area può venire colpita, in modo del tutto variabile e imprevedibile.
Il conflitto alla base della sclerosi è un conflitto di dipendenza da una figura genitoriale, che imprigiona la personalità individuale dentro un involucro isolante (una guaina psichica), che impedisce all'individuo il contatto diretto con l'ambiente circostante.
L'inizio della sclerosi è connesso con un evento psichicamente traumatico (per esempio un divorzio da un partner, che di solito viene scelto inconsapevolmente del tutto simile alla figura genitoriale).

15) Cancro dello stomaco: tronco cerebrale inferiore,bulbo; conflitto: episodio o episodi indigesti, il "boccone" che rimane nello stomaco, spesso con familiari, costretti a vivere sotto lo stesso tetto o in vicinanza; in fase attiva adenocarcinoma in fase di riparazione intervengono funghi e micobatteri a caseificare il tumore.

16) Cancro del duodeno: tronco cerebrale inferiore, bulbo; conflitto analogo a quello dello stomaco, ma in personalità sanguigne, che devono sopprimere i propri normali sfoghi emozionali per convenienza sociale o materiale.

17) Cancro del pancreas: tronco cerebrale; conflitto analogo a quello dello stomaco e duodeno, in personalità molto fini e sensibili, che si offendono molto per le indelicatezze subite.

18) Cancro del fegato e cistifellea: tronco cerebrale, bulbo; conflitto: forte arrabbiatura, spesso con parenti, per questioni economiche, associato a sentimenti negativi, come la gelosia e l'invidia. 
Paura di morire di fame per mancanza di mezzi, paura di mancare all’essenziale. Il “cibo”  è tutto quello che serve alla sopravvivenza, quindi: soldi, lavoro, ecc.

19) Cancro all'esofago: area encefalica colpita è la regione interventricolare, vicino alla base del cranio; conflitto: un episodio per il quale "non si è riusciti a mandar giù qualcosa"; personalità: orgoglio eccessivo, dolersi eccessivamente anche per piccoli torti; precedente episodio solitamente accaduto nell'infanzia di scampato soffocamento per ingestione di un oggetto o per asfissia, per esempio, dopo avere messo la testa in un sacchetto di cellophane o per rischio di annegamento.

20) Cancro del piccolo intestino: del tutto simile a quello del duodeno.

21) Cancro al grosso intestino: tronco cerebrale; conflitto: situazione eccessivamente complessa e pesante,difficile da mandare avanti, sulla quale insorge un evento traumatizzante, che toglie ogni gusto della vita; personalità insicura, eccessivamente timorosa di sbagliare e che ha soffocato la propria vita sentimentale .

22) Cancro al Sigma: tronco cerebrale; conflitto e personalità: come per il grosso intestino, ma in modo ancora più accentuato.

23) Cancro del retto: tronco cerebrale ; conflitto : avere subito una "stronzata" spesso da persona della quale si aveva fiducia . Personalità : come per il grosso intestino, con un particolare atteggiamento perfezionista .

24) Cancro alla vescica: lobi temporali ; conflitto : eccessiva assunzione di responsabilità, spesso dei genitori nei confronti dei figli adulti, che non sanno badare da soli alla propria vita, ma anche di manager, che si trovano in situazioni troppo stressanti per loro; personalità : testardaggine, impongono a se stessi e agli altri una disciplina eccessivamente rigida .

25) Cancro del Rene : mesencefalo; conflitto: episodio connesso con un liquido: latte nei poppanti (per esempio rigurgito che quasi lo soffocava), acqua (per esempio rischio di annegamento o acqua bollente su una parte del corpo), acidi (causticazione accidentale di un bambino, o anche di una persona adulta sul lavoro); condizione di fondo: dover sopportare una personalità sopraffacente la propria sensibilità sul lavoro o in famiglia. In medicina cinese il rene è l'organo della volontà e l'acqua è la portatrice della sensibilità.

26) Cancro alla prostata: ponte, nel tronco cerebrale; conflitto da sessualità impropria, non nella norma, relativo alla vita di coppia, ad un partner che si comporta male, in modo spiacevole.

27) Cancro al testicolo: mesencefalo; conflitto di perdita in seguito alla perdita reale o figurata di un figlio; soppressione sessuale, impedimento a formarsi una famiglia, da parte del padre.

28) Cancro alle ovaie: mesencefalo; conflitto: figlia, che subisce soppressione sessuale e non, da parte della madre o, al contrario, madre che non riesce a sopprimere la vita sessuale del figlio o della figlia, volendo trattenere la prole con sè ; problemi sessuali con il marito o con il compagno, nati dal fatto che lei non desidera concepire, mentre lui vuole un figlio, o viceversa; timore di essere rimasta incinta in seguito a un rapporto extraconiugale o, viceversa, timore di non essere in grado di concepire, di non essere fertile; litigio con il marito o il compagno sui problemi della contraccezione.

29) Cancro al corpo dell'utero : ponte (tronco cerebrale); conflitto: legato ad aborti temuti, subiti o provocati a se stessa; episodi prenatali di tentativo di aborto subito, che agiscono come fattori scatenanti profondi del conflitto legato all'aborto.

30) Cancro all' orifizio e collo dell'utero, vagina : lobo temporale sinistro ; conflitto sessuale, che origina dal fatto di non sentirsi posseduta , ma anzi rifiutata , perché l'uomo agognato ha preferito un'altra, oppure di sentirsi trascurata sul piano sessuale ; mancanza di figli e/o di rapporti sessuali. 
Spesso tale conflitto è connesso con disturbi coronarici o della conduzione a carico del cuore destro o con embolia polmonare destra. 
Altre situazioni patologiche , anche se non tumorali, presentano lo stesso andamento bifasico , cioè una predisposizione fisica, seguita da uno scatenamento psichico conflittuale del problema 

31) Malattie Autoimmuni: conflitto di auto-disistima in seguito a una sconfitta vera o supposta; l'area più colpita chiarisce il tipo di emozione implicata; per esempio, se viene colpito in particolare il fegato, l'emozione è di rabbia, se viene colpito il polmone l'emozione è di paura, se vengono colpiti i vasi arteriosi in particolare, l'emozione è di antagonismo, in seguito a un conflitto di territorio; se vengono colpite le articolazioni, il conflitto è di soppressione subita, di solito da una figura parentale reale o virtuale (artrite reumatoide).

32) Malattie allergiche: Non esiste allergia senza un conflitto a monte. Ipersensibilità a situazioni difficili reali o virtuali; anche qui il territorio più colpito chiarisce le emozioni e le motivazioni implicate .

33) Morbus Crohn: depressione per chiusura dei rapporti interpersonali e impossibilità di comunicare, perché una persona emotivamente importante ha negato la sua comunicazione.  

34) Vitiligine: in seguito ad un episodio traumatico, perdita della gioia di vivere, che conduce ad una visione pessimistica, "nera" delle cose. Sono implicati organi endocrini, in particolare l'ipofisi e l'epifisi.

35) Malattie infettive acute, come l'influenza: Il virus dell'influenza (come tutti i virus) nella fase di riparazione aiuta a risolvere piccoli conflitti di territorio, prevenendo così il cancro ai bronchi. 
Ben venga l'influenza !

36) Sindromi da immunodeficienza: conflitto di perdita profondo, legato alla perdita della stima di sé. Anche in presenza di trauma da diagnosi.

37) Malattie del sangue: il sangue, come l'osso, è connesso con l'io: in effetti il sangue si produce all'interno del midollo osseo; il conflitto in questo caso è legato a una crisi di identificazione con modelli di comportamento o di pensiero proposti dall'ambiente in cui si vive e a perdita del senso di gioia e libertà della vita.

38) Anoressia: conflitto: venire rifiutati, sentirsi abbandonati e in pericolo.  

39) Leucemia: fase di riparazione di profondi conflitti di autosvalutazione. A grosse lisi ossee seguiranno grosse ricalcificazioni che richiederanno una maggiore quantità di cellule sanguigne (una leucemia). 
La leucemia si arresterà alla fine di questo processo. Per quanto riguarda i bimbi che nascono con la leucemia, siamo sempre in presenza di una fase di riparazione conseguente ad un conflitto di svalutazione che si è prodotto in fase intrauterina (cordone ombelicale attorcigliato attorno al collo, desiderio di uscire, ecc).

40) Morbo di Parkinson: è un conflitto relativo alla motricità che è vissuto con un'alternanza di fasi attive e di fasi di risoluzione.
I tremiti sono presenti nella fase di vagotonia, ma il malato li teme, e ricade in fase attiva.

41) Torcicollo: conflitto di autosvalutazione intellettuale; voler girare la testa per guardare qualcuno, ma avere forti remore d'ordine etico: due ordini contraddittori al cervello, riguardanti la mobilità del collo.   
Tratto dal sito
www.naturalismedicina.com


Commento NdR: pur condividendo lo scritto mi permetto di precisare che:
Hamer ha individuato giustamente i Conflitti irrisolti quali cause Spirituali della malattia, ma attenzione anche i "Conflitti di incoerenza" rispetto alle leggi che regolano gli esseri viventi, sono causa (inconscia) di malattia=ammalamento negli organi bersaglio legati alla zona del cervello ove si attua e circola il conflitto di incoerenza, di cui sopra, ma Hamer non lo ha contemplato e cio' e' stato motivo di un mio scritto ad Hamer, al quale non ho avuto riscontro, probabilmente per le sue vicissitudini e tribulazioni carcerarie.
Peccato, perche' arricchirebbe e di molto la sua giusta dottrina.

Perche' vi sono vari tipi e localizzazione dei tumori
(cancri) ?
Il dott. Hamer qui sopra ci spiega a grandi linee, con le sue ricerche, i significati causali PsicoEmozionali del perche' e del perche nel dove, ompare la malattia degenerativa.
Il mio personale commento a questa ricerca e' che, Non sarei così determinato nel conferire con assoluta precisione, come fanno gli Hameriani, al perche' od al dove, nasce il relativo corpo del dolore, la massa (liquido o solido) od il vuoto (il buco), del problema emozionale, perché la complessità del sistema di controllo della mente conscia (che risiede nella testa) ed inconscia (che risiede nel sistema nervoso enterico, della pancia),  da parte della ghiandola Pineale, è molto più complesso di quanto persino gli Hameriani affermano, in quanto non si sono neppure essi ricordati del principale ruolo di quella ghiandola nella vita dell'Essere.
Quella ghiandola, quando gli manca la melatonina specializzata, diviene malfunzionante e va piano piano verso la cristallizzazione, perde liquidi e quindi anche la melanina  che agisce come una "pila a combustibile", apportatrice, per mezzo della Luce, di ossigeno e di idrogeno e di elettroni, quindi non controlla più come si deve il corpo ....
La Pineale esegue, per mezzo degli atomi esistenti del DNA, che e' presente in tutte le cellule dei suoi tessuti, d'altra parte il Progetto di vita dell'Essere, che ha creato e preso possesso di quel corpo, dalla nascita alla morte e lo esegue in funzione dell'input ricevuto dall'IO SONO che ha preso forma e che ha creato il proprio corpo o scafandro, con relativa mente per apparire sulla Terra e svolgere la vita, il film che ha scelto di vivere per la propria evoluzione spirituale.


IMPORTANTE:
Come Portale segnaliamo vari personaggi che hanno avuto contrasti con le autorita' mediche, e per essere precisi,  affermiamo che NON condividiamo in toto le loro terapie (quelle monoterapeutiche), in quanto per noi, seguaci della Medicina Naturale  la malattia (cancro compreso) e' MULTIFATTORIALE, quindi NESSUN prodotto puo', da solo, guarire dalla malattia della quale si e' malati !


vedi anche : Cura Metabolica per il cancro e malattie degenerative CURE Naturali del Cancro + Documentazione
 + Protocollo G. Puccio +  Diritti negati + Ricercatore ostacolato dalla Oncologia Ufficiale + Giornale di Sicilia + Come fare i clisteri di acqua basica + Cancro e Medicina Naturale  +  1.000 Piante per il Cancro  +  Libro del dott. Nacci  (Italiano) +  Libro del dott. Nacci in Inglese +  Condiloma eliminato con acqua basica al Bicarbonato di Sodio + Protocollo della SaluteCancro + Diagnosi precoce + Ascorbato di Potassio
 
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Università di Trnava - Slovacchia
Autenticazione ufficiale Herisau: il 17.09.1998
Attestato : http://i38.tinypic.com/157kvep.jpg

Nei giorni 8 settembre e 9 settembre 1998 presso l'Istituto oncologico S. Elisabetta a Bratislava e dipartimento oncologico dell'ospedale di Trnava sono stati esaminati sette casi di pazienti per un totale di oltre 20 singole malattie alla presenza del Prorettore dell'università di Trnava, del decano della Facoltà di Metodologie curative e sociali dell'università di Trnava e di complessivamente 10 docenti e professori.
(I verbali medici di questi casi clinici, redatti dal dottor Hamer, si trovano in allegato). Si doveva verificare il suo siste­ma in base ai test di riproducibilità. La verifica è stata effettuata.

In mancanza di referti medici completi non è stato possibile controllare tutti i circa cento elementi che possono essere presi in esame secondo le regole della Nuova Medicina, ma quelli effettivamente esaminati hanno dimostrato di corrispondere alle leggi naturali enunciate dalla Nuova Medicina.

Perciò i sottoscritti ritengono che il suo sistema, così come è stato presentato nei due incontri di verifica, abbia un alto grado di attendibilità. Abbiamo massima per l'impegno umano, etico e perseverante del dottor Hamer e del suo nuovo approccio olistico al paziente. In base a tutti questi fattori, siamo giunti alla conclusione che la questione di una rapida, per quanto possibile applicazione della Nuova Medicina vada urgentemente perseguita.
Trnava, il 11.09.1998

Prof. Dott. J. Pogàdy, professore in psichiatria, presidente della commissione scientifica.
Prof. Dott. V Krcméry decano della facoltà di Metodologie curative.
Dott. J. Miklosko, Prorettore della facoltà di Ricerca.

Per queste sue scoperte il dottor Hamer è stato perseguitato, radiato dall'albo dei medici, imprigionato ... di cosa hanno paura le lobby medico-farmacologiche ? Ma è ovvio, di una cura naturale e poco costosa. D'altronde come già dimostrato in altri articoli, una delle manovre più subdole di chi ci domina è quella di avvelenarci, farci ammalare, inebetirci, con ogni mezzo lecito ed illecito.

La Scuola Tedesca della Nuova Medicina del dott. Hamer e’ in dura lotta contro la lobby dei farmaci, perché le tesi di Hamer non sono basate specialmente sulla proliferazione dei prodotti velenosi nell'organismo, sostanze intossicanti, ed infiammanti visto che, sempre secondo Hamer,  non hanno poco a che fare con le malattie, specie il cancro.
Le migliori cose, sono le sue affermazioni su farmaci e vaccini, nonché la sua voglia di reindirizzare il sistema medico ufficiale verso la biologia, il naturalismo e l’etica, cioe’ verso la spiritualità).
E’ giusto dire che gli stress al sistema nervoso ed alle cellule portano a notevoli perdite energetiche, ma si tratta sempre di una delle coordinate che portano allo stato di malattia anche se fra le principali, e che anzi sono proprio le sostanze incompatibili, biologicamente parlando a far saltare il più delle volte i giusti rapporti energetici e tutto quello che ne consegue.
I limiti di Hamer, della sua teoria e quindi della sua scuola, stanno proprio nella carenza culturale di base su come funzionano, l’apparato digerente, il sistema nervoso (specie quello enterico), il sistema endocrino, quello immunitario ed infine il metabolismo cellulare (stress ossidativo).
La teoria dello Conflitto Spirituale o stress psicologico e dello shock psico-nervoso  e dello stress cronico derivante, come unica causa della malattia è un po’ il limite della teoria del dott. Hamer, se si vuole seguire DEVE essere integrata con quelle della Medicina Naturale, dato che questo sintomo (malattia) e' un sintomo multifattoriale:

Commento NdR: La  Psiconeuroendocrinoimmunologia CONFERMA cio' che il sottoscritto ed Hamer divulgano da anni !
vedi: CANCRO e MEDICINA NATURALE (Principi, Cause, con-Cause, Diagnosi, Terapia)
La malattia e la sofferenza, come abbiamo già affermato, sono la conseguenza dei Conflitti Spirituali irrisolti, che “scendono dal cielo dello Spirito” nella ”terra fisiologica” e quando trovano il Terreno adatto (la matrice), proliferano generando il corpo del conflitto, la malattia, in altre parole l’azione del male, cioè dell’ignoranza. Ciò significa che ogni conflitto irrisolto quindi, tende a scendere nel corpo fisico ed a fissarsi nell’organo bersaglio collegato all’archetipo conflittuale.
L'antico detto della Medicina Naturale e' questo: "
cio' che non si esprime, si imprime nell'organismo"..
Quindi una volta impresso nel fisico il Conflitto Spirituale va risolto, contemporaneamente al riordino delle funzioni metaboliche cellulare nei tessuti colpiti dal Conflitto Spiritual-Biologico.

Il Cancro nasce in sintesi e secondo la Medicina naturale, perche' l'organismo del canceroso e' intossicato, e la microcircolazione, nei tessuti intossicati, viene ad essere alterata, producendo, a valle di essa, nelle cellule dei tessuti investiti da quel processo: malfunzione cellulare, (nutrimento ed eliminazione = respirazione cellulare alterata = metabolismo alterato = malnutrizione cellulare e tissutale assicurata), producendo successivamente infiammazione nei tessuti, stress ossidativo cellulare e per caduta immunodepressione, e parallelamente, alterazione anche del sistema enzimatico per la precedente alterazione della flora batterica, pH digestivo non regolare (e quindi l'organismo e' mancante di minerali e vitamine ed in stato di acidosi), in quelle condizioni esso e' molto facilmente parassitato da certi, parassiti batteri e funghi (candida) i quali producono anche tossine ed ulteriori infiammazioni: Ma tutto cio' e' "gestito" come Causa primordiale dai Conflitti Spirituali (consci ed inconsci) e dall'intenso stress  del vissuto
Il Cancro quindi e' una
malattia MULTIFATTORIALE.

Quindi il medico, il terapeuta od il soggetto stesso, DEVONO operare seguendo la stessa strada percorsa per l'
ammalamento.
Cioe' devono lavorare per
disintossicare il malato + disinfiammare l'organismo ed i tessuti interessati, ripristinare il pH digestivo, e normalizzare le digestioni + il malassorbimento sempre presente nel malato ed eliminare quei parassiti, batteri e funghi, che hanno proliferato in modo abnorme, per mancanza dei loro antagonisti + rinforzare il sistema immunitario SEMPRE compromesso in TUTTI i malati, cancerosi compresi ed eliminare i Conflitti Spirituali (quali Vere Cause) e lo stress esistenti, oltre a lavorare sul metabolismo alterato per ridurre ed eliminare lo stress ossidativo cellulare e quindi quello tissutale, sempre presenti in qualsiasi malattia e specie nel cancro, per i danni alla microcircolazione indotti dalle intossicazioni ed infiammazioni piu’ o meno intense.
E tuttavia, laddove ci sia anche una piccola volontà e speranza di vivere, un’adeguata terapia fito-nutrizionale (NdR: anche via endovena con soluzioni mineral - vitaminiche - vedi QUI il medico che utilizza con successo questo sistema -  l'ideale e utilizzare quelli non di sintesi chimica, ma di estrazione naturale - assieme all'assunzione via orale di fermenti lattici appropriati a seconda del paziente ed enzimi) può rendere normale il guarire naturalmente dal tumore, cosa che oggi vogliono farci ritenere impossibile o puramente miracoloso (vedi quei medici che alle volte preferiscono spedire il malato a Lourdes piuttosto che permettergli di curarsi naturalmente).

La Seria RICERCA sul CANCRO
(ostacolata dall'Oncologia ufficiale)  - vedi anche: Ascorbato di Potassio

Cancro = Combattere l'acidita' per sconfiggerlo - Le ultime ricerche
Nutriterapia Biologica Metabolica x il Cancro e non solo + Terapia Biologica Metabolica + Cura metabolica per il Cancro +
 Stress Ossidativo + PREVENZIONE, TERAPIA per il Cancro, perche' NON si vuole applicare ? + Terreno Oncologico + Bioelettronica + Semeiotica e Biofisica

Documenti provanti l'indispensabilita' delle Vitamine della Frutta e verdura, oltre ai sali minerali:
 Doc.1 
+  Doc.2  Doc.3  +  Doc.4  +  Doc.5  +  Doc.6  +  Doc.7  +  Doc.8  +  Doc.9  +  Doc.10  +  Doc.11  +  Doc.12  +  Doc.13  +  Doc.14  +  Doc.15  +  Doc.16  +  Doc.17  +  Doc.18  +  Doc.19  +  Doc.20  +  Doc.21  +  Doc.22 +  Doc.23  +  Doc.24  +  Doc.61

Hamer in Wikipedia
A volte le informazioni di Wikipedia sono davvero fuorvianti come, ad esempio, quelle relative alle scoperte del dr. Ryke Geerd Hamer. A nulla sono valse le richieste di correzioni presentate da più persone come risulta anche da questo link che riporta un articolo pubblicato dalla rivista Scienza e Conoscenza:
http://www.macrolibrarsi.it/speciali/wikipedia.php
Qualche esempio:
– “ ….Hamer propone trattamenti originali, come il contagio volontario con agenti microbici … ”Hamer ha rilevato che i microbi, come già Bechamp ed altri, si trovano in un terreno biologico alterato da più fattori (shock psico-fisici, cattiva igiene, errori alimentari, inquinamento vaccinico, atmosferico, nucleare, alimentare, ecc.) e che quindi non sono, ad esempio, la causa dell’ulcera gastroduodenale come invece ritiene la medicina ufficiale. Alcuni medici suoi seguaci hanno assunto l’helicobacter pilory per dimostrare che non hanno sviluppato l’ulcera, ma solo un leggero fastidio intestinale. Allorchè è stato proposto loro di assumere il retrovirus "hiv" risposero che non sarebbe stato possibile perchè nessuno ha mai isolato questo retrovirus.

 – “Le sue teorie alternative, logicamente contraddittorie e scientificamente implausibili in quanto prive di qualsiasi riscontro biologico o clinico………..”
Sono state presentate a vari ministeri della salute europei, compreso quello italiano, richieste di verifica di cartelle cliniche documentate.
I cinque giudici del Tar di Stoccarda che nel 2004 dovevano verificarne alcune, sciolsero l’udienza da tempo prefissata, dichiarandosi incompetenti a giudicare.
Era presente nell’aula anche il noto genetista-virologo Stefan Lanka che prima d’allora aveva presentato agli stessi giudici prove documentali che confutavano le scoperte ufficiali sull’hiv-aids di Gallo-Montagnier. Se si leggono le recenti dichiarazioni di Luc Montagnier riportate su internet si scopre che ha cambiato il suo parere circa l’evoluzione hiv-aids..

 – “ …Ad oggi non si conosce nessun caso documentato di persona guarita grazie al metodo di Hamer, mentre sono noti i casi di coloro che sono morti seguendo tale metodo”
Non è un metodo. Ogni caso è un unicum comprovabile scientificamente. Sono scoperte che consentono alle persone di avere maggior consapevolezza circa le cause, prevalentemente endogene, ovvero shock psico-fisici, e pertanto di assumersi maggior responsabilità nello scegliere eventuali cure psico-fisiche, responsabilità che ora è invece richiesta dalla medicina convenzionale nel caso di interventi o cure gravi che per le persone non costituisce una loro responsabilità ma una deresponsabilizzazione deo medici. Sono sempre più numerose le persone che hanno testimoniato pubblicamente in convegni vari la loro esperienza di guarigione grazie alle scoperte del dr. Hamer. Wikipedia evidenzia i casi di persone decedute e non offre spazio ai casi di persone guarite . Se si elencassero tutti gli insuccessi della medicina convenzionale sarebbe difficile ammettere che si tratti di una scienza esatta come sovente viene erroneamente percepita.

 – “Il caso di Olivia Pilhar”: Il caso di Olivia è molto noto perchè i genitori vennero arrestati perchè rifiutarono di sottoporre la loro bambina ad ulteriori cure chemioterapiche. Basta leggera almeno parte del sito del padre di Olivia, un ingegnere austriaco che ha molto divulgato le scoperte del dr. Hamer in Austria e in Germania.
http://translate.googleusercontent.com/translate_c?depth=1&hl=it&prev=search&rurl=translate.google.it&sl=de&u=http://www.olivia-tagebuch.at/medizinische-bilanz.html&usg=ALkJrhhWCBCADaa7cBlUmFUr410cVuePBg

Wikipedia dovrebbe pubblicare quanto Hamer scrisse a pag. 28 del suo libro “Testamento per una nuova medicina”: “Amici miei, vi assicuro ancora una volta che sono, Dio sa, tutt’altro che un razzista… Non faccio alcuna differenza con i miei pazienti…” E non fece alcuna differenza nemmeno fra i suoi studenti. E’ noto che fra questi vi è stato anche il famoso rabbino medico francese Claude Sabbah titolare di alcuni siti.
Wikipedia dovrebbe evidenziare che sostanzialmente il dr. Hamer è stato perseguito e incarcerato perchè si è dichiarato apertamente contro le cure chemioterapiche e pubblicare però anche le dichiarazioni che Umberto Veronesi rilasciò il 23-4-2010 al forum “Sportello cancro” del Corriere della Sera. Veronesi rispose ad un utente che la chemio deve essere via via diminuita fino ad essere abbandonata. Le stesse affermazioni furono pubblicate anche on line dalla nota rivista scientifica Nature il 6 agosto 2012.
Da quanto sopra si evince quanto sia difficile per tutti accedere ad informazioni veritiere. Si pensi ai giovani studenti che, come ha detto la giornalista, risultano essere i maggiori fruitori di Wikipedia.
Da “I giovani e il nuovo piano di coscienza – informazioni – era tecnotronica” di Bernardino de Boca:
http://www.teosofia-bernardino-del-boca.it/categorie/giovani-nuovo-piano-coscienza/:
“E’ soprattutto nocivo l’uso delle mezze verità… la scienza trovi la sua morale”
By Paola Botta Beltramo - Tratto da: ingannati.it

vedi anche: STRESS e CANCRO + Ansia e Cancro + CURE Naturali del Cancro + Documentazione + Protocollo G. PuccioDiritti negatiRicercatore ostacolato dalla Oncologia Ufficiale + Giornale di Sicilia + Come fare i clisteri di acqua basica + Cancro e Medicina Naturale +  1.000 Piante per il Cancro + Libro del dott. Nacci  (Italiano) + Libro del dott. Nacci in Inglese +  Condiloma eliminato con acqua basica al Bicarbonato di Sodio + Protocollo della SaluteCancro + Diagnosi precoce