Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 

Ponete attenzione ora ai Comandamenti dello scritto Mosaico, meglio dire della Torah e vedrete come le traduzioni esistenti sono completamente sbagliate, ve ne traduciamo tre:

Esodo 20:1-3 (dalle Bibbie di oggi) “Io sono l’Eterno il tuo Dio che ti ha tratto dalla terra di Egitto, dalla casa di schiavitù. Non avrai altri dei al di fuori di me”.

Traduzione corretta: “IO SONO, YAOUE’, l’Ego IO SONO Universale (l’insieme dei vari Ego/IO SONO individuali), Lui-gli-Dei, per ottenere una finalità, ti ho tratto da una Massa tendente all’Infinito, con la potenza generatrice della vibrazione, il Dinamismo, il Movimento, che si propaga per mezzo dei campi rotanti (oggi li chiamano vortici di Energia), da una emanazione fluidico Universale (E+ ed E-), eterea e spirituale (cioè Pensante, con proprietà di elaborare dati, seguendo il fenomeno Sintropico), onde sviluppare il tuo Essere nello spazio/tempo Infinito. Ho generato in te una azione interiore ed esteriore (la creatività trasformante), per costruire il creato (la manifestazione), inserendoti nella solitudine della separazione dell’esistenza individuale, per poi farti rientrare nella manifestazione Universale. NON servire (essere psicodipendente da) altri IO SONO, all’infuori dell’IO SONO Universale” (l’insieme di tutti i “punti di vista”).

Il pensiero Mosaico ovvero l'insegnamento al popolo di Israele, era che l’UNICA guida dell’Uomo deve essere l’Ego/IO Sono, che ogni Uomo deve manifestare e personalizzare in Sé, ma che deve seguire, l’Universalità partecipatoria, cioè divenire anche un Noi, nell’Amore per Sé e per l’UniVerso  tendente all’InFinito.

Gli Ebrei hanno sempre detto che il loro Dio era “Il Senza Nome”, ciò che non può essere definito con un nome, l’IN-DEFINIBILE, questo perché “Egli-Esso” è un “Insieme” di “insiemi” sempre aperto per mezzo di un buco nero=vortice di Vuoto Quantomeccanico sull’Infinito, cioè una Universalità di Concetti, di Idee; ecco il soggetto e lo scopo della manifestazione dell’Ego/IO/Dio degli Esseri Viventi.

Gli Ebrei, per un eccessivo rispetto, non pronunciano il nome “Tetragramma” YAOUE’ (composto da sole vocali) che con questo Suono/parola si indica nella Bibbia il “nome di Dio”, in quanto di fatto non è un nome, ma un CONCETTO, un Verbo con delle Funzioni, (più avanti troverete altre informazioni in merito).
Infatti come si può leggere in 1 Samuele 8:1-22, gli Israeliti NON avevano un capo, un re, come le altre nazioni vicine; essi vivevano in una comunità, gestita per insegnare a tutti di vivere esprimendo al meglio l’IO SONO.
Solamente quando le successive generazioni di quel popolo, persero il CONCETTO, l’Essenza, il Vivere l’Ego/IO Sono, dovettero darsi un capo, un re; naturalmente persero l’Unico vero Bene, quello della propria Creatività e della sicurezza, fiducia in Se Stessi.

Facciamo una raccomandazione a tutti i lettori della Bibbia: Tutte le volte che trovate nelle vostre Bibbie di oggi, la parola “Eterno” o “Dio”, (YAOUE’) SOSTITUITELA con le parole “Ergo Sum/IO Sono, Ero e Sarò”, che è la VERA traduzione anche se incompleta del testo originale; solo così Comprenderete meglio l’Essenza del pensiero di chi ha scritto quel testo.

Altro Comandamento del decalogo falsificato:
Esodo 20: 4-6; questo Comandamento è stato tolto nei catechismi della chiesa Cattolica romana, però siccome tutti sapevano che i Comandamenti erano 10 (dieci), non potendo inserire un nuovo comandamento, i vescovi cattolici hanno spezzato il decimo che parla della “concupiscenza”, (il desiderio smodato che porta a compiere azioni non buone) in due parti, quello del “non concupire la roba di altri” e quello del “non desiderare la moglie del prossimo”, e così i “conti quadrarono”.
Nel testo originale di questo Comandamento (il secondo) quello tolto dai catechismi, troviamo con la corretta traduzione, molti più concetti utili per comprendere il pensiero Mosaico.
Nel testo originale è inserito il concetto che NON bisogna essere Psico dipendenti da Nessuno:
NON ti “prosternerai” davanti a nessuna “IMmagine”... e NON le servirai”.

Non bisogna essere Psico dipendenti da nessuna delle innumerevoli Dimensioni dell’UniVerso: materiale, energetica, astrale o plasmica, quella dove la Fantasia da forma alle Idee creando IMmagini; da quella Spirituale, le Idee dei vari Ego/IO, all’infuori dell’Ego/IO SONO Universale, l’insieme delle idee; l’Ego/IO, il tendente all’Infinito che vive in OGNI essere Vivente deve seguire questo scopo, questo per preservare l’integrità creativa di ogni Essere e far sì che si trasformi anche in un NOI partecipatorio !
Bisogna usare le Idee e le IMmagini Mentali per creare o trasformare, senza divenire psico dipendenti da esse.
NON devono esserci MEDIATORI tra l’Ego/IO Individualizzato e l’Ego/IO SONO Universale, in quanto sono ed hanno la stessa Essenza, la differenza sta solo nella consapevolezza di essere o meno la stessa cosa.
Ne consegue che Essere significa: VIVERE l’essenza dell’Idea espressa dall’Essere; questo determinerà la massima COERENZA, tra il pensare e l’agire.

L’altro comandamento Mosaico mal tradotto è quello che dice, nelle Bibbie di oggi: “Non uccidere”;
il testo originale è molto più preciso e dice: “
Non Assassinare”, il che è molto diverso dal non uccidere, ma esso significa anche non divertirsi nell’uccidere e non premeditare l’uccisione; la caccia (quella per divertimento) degli animali oppure la deforestazione, rientrano anche in questo tipo di ottica e di definizione.
Noi uccidiamo anche e per esempio, quando mangiamo per fame un frutto, un’erba, un pesce, un pollo, ecc., se lo facciamo per necessità di nutrimento è uccisione, se invece lo facciamo per libidine, per esempio la caccia o la pesca solo per sport, senza aver bisogno per la propria fame o per premeditazione nel voler “distruggere”, eliminare, togliere di mezzo parte della Natura, questa azione diviene “biocidio” (uccisore di vita), anche se è compiuta su di un animale, vegetale, ecc.; in questo caso dovremo rendere conto, cioè pagare il “dazio” (occhio per occhio, dente per dente; ad ogni azione corrisponde un’azione uguale e contraria, non nello stesso tempo), per non aver rispettato la Legge del
DIRITTO alla Vita di ogni essere creato.

Invece la “necessità del nutrimento”, che è collegata alla legge: “Vai e sopravvivi” è un’altra Legge o funzione della Vita; in questo caso noi uccidiamo un essere per alimentare la nostra vita; la sua energia diviene una donazione per noi; noi spostiamo il suo essere/IO, in un altro spazio/tempo, un’altra dimensione; la nostra azione di uccisione è l’utilizzo di parte della sua energia, non desideriamo che “scompaia”, non desideriamo distruggerlo, questa azione NON è assassinio; ecco perché nell’antichità prima di consumare un pasto, si ringraziava la Natura per la donazione avuta ed immolata sull’altare del pasto per l’uomo; questo ricordava a tutti i partecipanti la sacralità del pasto: donazione di esseri viventi per l’utilità e la sopravvivenza di altri esseri viventi.

Ricordiamoci che la Natura ha una Legge inesorabile ma altamente educativa: “Chi sbaglia paga ed i cocci sono suoi”, tutto ciò che riguarda l’Essere (Salute fisica e Spirituale) risponde e deve confrontarsi a questa Legge Perfetta; non si può sfuggire a questa divina Giustizia. Ecco come si deve interpretare questo testo: “Occhio per occhio, dente per dente”; ecco come la Manifestazione si esplica; al di fuori di questa perfetta Legge NON vi è vera Giustizia.
Provate a buttarvi dal 5 piano od a tagliarvi un dito, la Natura non vi porgerà l’altra guancia, ma vi farà pagare fino all’ultimo tutto, compresi gli interessi della vostra ignoranza sulla trasgressione alle Leggi delle strutture Viventi.  Ogni vostro atto nella vita quotidiana dovrà tenere conto di questa immane e perfetta Legge di Giustizia.
La Natura ha predisposto che TUTTI i trasgressori (consapevolmente o meno) PAGHINO i misfatti compiuti (prima o poi) anche perché le loro trasgressioni sono sempre scritte e memorizzate negli atomi che compongono i loro corpi, all’atto dell’azione illegale compiuta, cioè le trasgressioni delle Leggi del creato.
Tutte le azioni ed i pensieri sono inscritti, cioè memorizzati nell’Energia Vitale e Pensante, vedi per esempio: i geni del DNA sono portatori di informazioni; in essi è scritto il patrimonio genetico; ma non sono solo i geni ad avere iscritto e memorizzate in essi le informazioni della e sulla vita; ogni particella energetica, Elettrone, Atomo, molecola, cellula, organo, corpo stesso, ecc., hanno al loro interno TUTTE le informazioni delle loro esperienze e di quelle alle quali partecipano, in quanto informatizzano anche il loro proprio Campo Psico Elettro Magnetico Informato.
Anche l’aria, l’acqua, il terreno, il “vuoto cosmico”, tutto è permeato dai vari Campi (CEI),ecc.,  essi hanno insite in sé le informazioni di Sé e dell’Ambiente nel quale esistono; ecco perché ogni nostro pensiero od azione deve essere effettuata tenendo conto che NULLA può essere nascosto alla Natura Pensante e che ogni cosa giusta o sbagliata, pensata o fatta produrrà nel tempo futuro un’altra azione o pensiero per compensare la precedente; è come dire che: “ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria non nel medesimo istante”.

Al Libro della Vita NON si può mentire, OGNI cosa vi è scritta dentro perché è vissuta; di ogni situazione che creiamo, dobbiamo rendere conto perché tutto è scritto nel “Libro della Vita” e non si può cancellare un’azione errata, quindi ingiusta se non rivivendola e ridandole Giustizia, cioè cancellandola con un’azione contraria, cioè Giusta.
NESSUNO può pensare di “scappare” od essere impunito, se tenderà a fare ciò, lo sarà invece 7 volte di più, cioè dovrà pagare anche gli interessi se non accetterà ciò che la Legge della Vita gli comminerà per l’ingiustizia praticata. Questo perché ogni essere creato è responsabile di ogni cosa pensata o fatta nella Manifestazione.

Come possiamo vedere e comprendere NON si possono raccontare BUGIE a Se stessi, né agli altri; più tentiamo di nascondere la verità, più la Vita si accanirà contro di noi rendendoci 7 volte di più, come per KAINO (la personalità imperante ed aggressiva che non sa vivere normalmente e deve sempre scappare e per trovare, con la parte violenta della sua personalità, al limite nuove prede da aggredire).

Questa è la VERA GIUSTIZIA alla quale NESSUNO si può sottrarre
 
Ricordiamo che tutte le Leggi Cosmiche sono permeate di AmOr...base della Manifestazione del Creato....
vedi: Comandamenti + Diritti dell'Uomo + Sovranita' Individuale


vedi anche:
False traduzioni della Bibbia  +  Falsi Comandamenti  +  Prime 7 parole Genesi  +  Come leggere la Genesi 

I 10 comandamenti mosaici, provengono dai (42 PRECETTI del SAGGIO ANI), cioe' sono stati copiati...
Il Papiro di Ani è una delle versioni più complete del Libro dei Morti che abbiamo in possesso, da cui deve la sua fama.
Fu composto durante la XIX dinastia, intorno al 1275 a.C., per Ani, scriba reale di Tebe, e sua moglie Tutu, sacerdotessa di Amon.
Il papiro fu composto unendo sei sezioni diverse, di lunghezza variabile tra 150 e i 540 centimetri, fino ad ottenere un rotolo lungo 235 centimetri per un altezza media di 42. La sua realizzazione è stata il frutto di un lavoro di equipe a cui parteciparono i scriba più importanti e i migliori illustratori.
Dentro il Papiro di Ani ci sono oltre 60 formule, molte delle quali con bellissime illustrazioni.
Il Papiro attualmente è custodito al British Museum. Contiene circa duecento formule dei primi Testi delle Piramidi e dei Testi dei Sarcofagi, apparentemente scritte da Thoth per conto di Osiride, che giudica i defunti e stabilisce la destinazione dell’anima del morto. Solo lui poteva dare la vita dopo la morte perchè lui stesso l’aveva ottenuta attraverso la resurrezione.
Il libro è stato definito il “Vangelo di Osiride”, in quanto cerca di trasmettere gli insegnamenti esoterici che consentirebbero all’uomo di raggiungere la vita eterna dopo la morte.  Questa può essere ottenuta solo se il defunto ha vissuto una vita pura e buona durante il suo periodo sulla terra.  Le anime giudicate buone, al momento della morte raggiungono Osiride nei cieli per la vita eterna, mentre le altre vanno incontro alla distruzione.
Lo scriba Ani, viene poi condotto nella sala del giudizio di fronte a 42 dei che gli chiedono una confessione negativa di 42 peccati terreni. Il defunto deve proclamare la sua innocenza rispetto ad ognuno dei suoi peccati. Quindi, procedendo, attraverso la sala del giudizio, Anubis, dio dei morti, pesa il cuore morto di Ani ponendolo su di un piatto della bilancia, mentre sull’altro piatto viene posta una piuma. Lo scriba Thot registra il risultato. Se il cuore pesa più della piuma, allora il defunto viene condannato a morte e il suo cuore viene divorato dal demone Ammut. Quelli che hanno superato la prova, cioè coloro il cui cuore e più leggero della piuma, procedono mano nella mano con Horus per incontrare Osiride che concede la vita eterna.
Ani supera la prova e viene condotto di fronte ad Osiride. Durante i funerali, i vivi cantavano preghiere per conto dei defunti, con versioni tratte dal Libro dei Morti. I capitoli e i versetti venivano spesso sistemati con il defunto o dipinti nei sarcofagi o nelle urne, questo li avrebbe mandati da Osiride, Orione nel cielo per la resurrezione e la vita eterna.

Dalla Tavola 31

1. Non essere cattivo

2. Non depredare

3. Non rubare

4. Non uccidere nessuno

5. Non alterare le misure di grano

6. Non essere perverso

7. Non rubare i beni degli dei

8. Non mentire

9. Non rubare il cibo

10. Non affliggere nessuno

11. Non fornicare

12. Non causare dispiacere

13. Non mangiare il tuo cuore

14. Non trasgredire

15. Non essere cupido

16. Non mietere nei campi

17. Non spiare

18. Non parlare male degli altri

19. Non litigare per i tuoi affari

20. Non unirti con la donna di un altro

21. Non unirti con la donna di un altro

22. Non masturbarti

23. Non terrorizzare

24. Non trasgredire nulla

25. Non arrabbiarti

26. Non restare sordo alle parole giuste

27. Non utilizzare incantesimi

28. Non essere insolente

29. Non causare discordie

30. Non dare giudizi affrettati

31. Non origliare alle porte

32. Non essere pettegolo

33. Non fare del male

 

Dalla Tavola 32

34. Non usare incantesimi contro il re

35. Non andare nell'acqua

36. Non alzare la voce

37. Non essere blasfemo contro il dio

38. Non favorirti

39. Non distruggere le offerte agli dei

40. Non portare via il cibo dei Beati

41. Non portare via il cibo del bambino

42. Non uccidere il gregge divino

Lettere, numeri, ed info sull'Ebraico antico, pre-sinaitico http://paperzz.com/doc/354741/hebrew-letters-numbers---bet-hashem-midrash
http://www.revelation2seven.org/WebPages/SideLinks/PhonicianToEnglish.htm


 
 

I DIECI COMANDAMENTI secondo Benigni - Rai TV