Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 

 


OSSIDO di ZIRCONIO
TITANIO - scheda di Sicurezza

Ricordiamo anche che ogni protesi introdotta in bocca che contenga leghe metalliche basate su legami ossigeno, sono pericolose in quanto l'ossigeno (potente ossidante) permette ai metalli della lega il rilascio di ioni che sicuramente interferiscono con le reazioni biochimiche dell'organismo !
MINERALOGRAMMA = test per conoscere il livello ed il tipo di intossicazioni da minerali e metalli tossici
ELIMINAZIONE effetti bioelettrici delle AMALGAMI  e Protesi DENTALI
PROTESI SALUBRI
Per gli Odontotecnici e non solo:
INTOSSICAZIONE da LAVORAZIONE della ZIRCONIA
Cari colleghi e cari pazienti, l'uso della nanotecnologia ingegnerizzata ha provocato tantissimi danni alla salute, questi materiali
sono un po' ovunque. Un attenzione è di obbligo fare a tutti quei lavoratori odontotecnici !
Cio' che qui riportiamo e' stato comunicato da un centro istituzionale di certificazione dei materiali, quindi recatevi ad un centro radiologico e fatevi fare una radiografia polmonare, probabilmente dovete attivarvi un un contenzioso legale contro le aziende che distribuiscono la zirconia.Questi hanno attentato la vostra salute, la polvere di questo materiale durante la lavorazione finisce nei vostri polmoni e li attiva lesioni tumorali.
Questo materiale è prodotto in Giappone ma, le stesse istituzioni ne vietano l'uso nel proprio paese !
Il Thiomersal dei vaccini produce danni anche gravi
Metalli tossici
Danni al sistema enzimatico da Vaccini e metalli 
By Giusy Arcidiacono (CT) - arcidiaconogiusy@hotmail.com -
Perito Commerciale - chimico
Sindrome della permeabilita' intestinale ed autismo
Metalli tossici dei vaccini = Autismo vedi: PDF dott. M. Proietti
Il Thimerosal dei vaccini distrugge e/o altera la flora intestinale essendo una sostanza altamente tossica
Studio sperimentale sulla disseminazione nel corpo di Zirconio e Titanio (effetti)
 

Ossido di Zirconio -  Zirconia = Sostanza derivante dal Zirconio

Nella sua forma pura, questo metallo è leggermente argenteo in apparenza, ed è molto malleabile e duttile.
E 'anche molto resistente alla corrosione , che lo rende estremamente popolare come leghe metalliche.
Quando una lega deve essere resistente alla corrosione, aggiungendo al mix di zirconio, essa può aumentare la sua durata.
Questo elemento appartiene ai metalli di transizione, un gruppo di metalli vicini sulla tavola periodica degli elementi, che comprende anche palladio, argento, cobalto, rame, zinco e nichel, tra molti altri.
Anche se lo zirconio può essere trovato solo in forma combinata in natura, è molto abbondante sulla Terra.
Si tratta di un elemento comune, con un numero presente naturalmente di isotopi, che può essere utilizzato per una varietà di modi.
Questo elemento è stato identificato alla fine del 1700, anche se ci sono voluti molti anni prima di poterlo isolare con successo, per dimostrare che si trattava di un distinto elemento chimico.
Una cautela con zirconio è che, quando il metallo è finemente suddiviso, può essere soggetto a combustione spontanea, soprattutto nelle calde temperature.
Cura deve essere presa quando si lavora con il metallo in alcune manipolazioni, soprattutto se viene macinato o polverizzato.
Gli usi umani al di là di leghe di zirconio, si deve includere l'industria della ceramica, che utilizza diversi composti di zirconio in ceramica e smalti.
Il metallo è usato anche in gioielleria, lo zirconio nero, è una scelta popolare per gli anelli, perché è durevole e resistente alla corrosione dell’acidita’ della pelle.
Mentre lo zirconio non è tossico, può causare irritazione a contatto con pelle ed occhi. In caso di esposizione, il soggetto dovrebbe lavarsi le zone interessate, e può essere una buona idea di andare da un medico oculista se lo zirconio è entrato negli occhi.
Questo elemento può anche causare la formazione di granulomi nei polmoni, se viene inalato.
Questi gruppi di cellule si formano quando il sistema immunitario del corpo reagisce a particelle estranee. Questo elemento non sembra essere biologicamente necessario, anche se tracce si trovano in molti organismi, comprese le persone.
 

La zirconia è tossica e radioattiva, lo dichiarano le stesse aziende, basta leggere la scheda di sicurezza ( uguale a tutte le schede di sicurezza) che la legge obbliga al corredo di ogni materiale di cui gli operatori dentisti e odontotecnici non leggono ed eludono la legge.

Allego i 2 file della scheda di sicurezza della lega agli

ossidi di zirconia, quella originale USA e un file word tradotto in italiano.

Per le dichiarazioni espresse nella scheda è veramente assurdo e inverosimile ma, la stupidità è sempre dell'operatore.

 

Odontoiatria.it................

SIAMO SICURI della NON TOSSICITA' di ALCUNI MATERIALI ?

 

Una lettura con qualche riflessione ci viene posta alla nostra attenzione da Rosario Muto

 

Quando chi addetto ai lavori è sordo e non vuol sentire…….!

Quando chi deputato e responsabile delle proprie azioni fa l’ipocrita!

Quando prevale la presunzione, il proprio io……!

Quando gli interessi sono sempre al primo posto……!

Quando la salute del prossimo non ha nessun tipo di interesse…!

Quando un settore è avvolto in una ignoranza abissale……!

 

https://www.facebook.com/groups/258993377511259/


ATTENZIONE:
Come era stato denunciato precedentemente dal Perito del Tribunale di Prato (I) Rosario Muto e dal sottoscritto, sulla tossicità del zirconio, aziende della Germania hanno ritirato il prodotto dal mercato.
“in Germania, due aziende abbastanza grosse hanno ritirato lo zirconio (lega agli ossidi di zirconio/a, truffaldinamente pubblicizzata metal free) dal mercato, il motivo ? e' TOSSICO
Questo provocherà un effetto domino e richieste di danni; molti odontotecnici e medici sono ricorsi ai legali per capire come pararsi, come salvarsi.


Caratteristiche generali:
Formula bruta o molecolare: ZrO2
Massa molecolare (u): 123,22 g/mol
Aspetto:polvere bianca
Numero CAS: [1314-23-4]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.): 5,7 (20 °C)
Solubilità in acqua: (20 °C) insolubile
Temperatura di fusione (K): ~2.953 (2.680 °C)
Temperatura di ebollizione (K): ~4.573 (4.300 °C)
Indicazioni per la sicurezza ed innocuita': NESSUNA

 

Scheda di Sicurezza dello Zirconio (english) - Scheda in Italiano

Scheda di Sicurezza, Zirconia in ambito dentale:
Ossido di zirconio MSDS

Sezione 1: prodotto chimico e della società

Nome del prodotto: Ossido di zirconio

Codici catalogo: SLZ1216

CAS #: 1314-23-4

RTECS: ZH8800000

TSCA: TSCA 8 (b): Ossido di zirconio

CI #: Non disponibile.

Sinonimo: Zironium Biossido

Nome chimico: Ossido di zirconio

Formula chimica: ZrO2

Informazioni di contatto:

Sciencelab.com, Inc.

14025 Smith Rd.

Houston, Texas 77396

USA Vendite: 1-800-901-7247

Vendite internazionali: 1-281-441-4400

Ordine online: ScienceLab.com

CHEMTREC (24HR telefono per le emergenze), chiamata:

1-800-424-9300

Internazionale CHEMTREC, chiamare: 1-703-527-3887

Per assistenza non di emergenza, chiamare: 1-281-441-4400

Sezione 2: Composizione e informazioni sugli ingredienti

Composizione:

Nome

CAS #

% In peso

Ossido di zirconio

1314-23-4

100

I dati tossicologici sugli ingredienti: Non applicabile.

Sezione 3: Identificazione dei pericoli

Effetti potenziali acuti sulla salute: Leggermente pericoloso in caso di contatto cutaneo (irritante), di contatto con gli occhi (irritante), di ingestione, di

inalazione.

Potenziali Effetti cronici sulla salute:

Effetti cancerogeni: Non disponibile. Effetti mutageni: Non disponibile. Effetti teratogeni: Non disponibile.

EFFETTI TOSSICI SULLO SVILUPPO: Non disponibile. La sostanza può essere tossico per le vie respiratorie superiori. Ripetuti o prolungati

l'esposizione alla sostanza può produrre organi bersaglio danni.

Sezione 4: Misure di primo soccorso

Contatto con gli occhi:

Controllare e rimuovere le lenti a contatto. In caso di contatto, sciacquare immediatamente gli occhi con molta acqua per almeno 15

minuti. Consultare un medico in caso di irritazione.

Contatto con la pelle: Lavare con acqua e sapone. Coprire la pelle irritata con un emolliente. Consultare un medico se si sviluppa un'irritazione.

Grave Contatto con la pelle: Non disponibile.

Inalazione:

In caso di inalazione respirare aria fresca. Se non respira, praticare la respirazione artificiale. Se la respirazione è difficoltosa, somministrare ossigeno.Consultare un medico

attenzione.

Inalazione grave: Non disponibile.

Ingestione:

NON indurre il vomito se non indicato dal personale medico. Non somministrare mai nulla per via orale ad un inconscio

persona. In caso di grandi quantità di questo materiale di ingestione, consultare immediatamente un medico. Allentare indumenti aderenti quali colletti,

cravatte, cinture o fasce.

Ingestione grave: Non disponibile.

Sezione 5: Incendio ed esplosione dei dati

Infiammabilità del Prodotto: Non infiammabile.

Temperatura di autoaccensione: Non applicabile.

Flash Punti: Non applicabile.

Limiti di infiammabilità: Non applicabile.

Prodotti di combustione: Non disponibile.

Pericoli d'incendio in presenza di varie sostanze: Non applicabile.

Rischi di esplosione in presenza di varie sostanze:

Rischi di esplosione del prodotto in presenza di urto meccanico: Non disponibile. Rischi di esplosione del prodotto in

presenza di scariche elettriche: Non disponibile.

ANTINCENDIO supporto e le istruzioni: Non applicabile.

Note particolari su Pericoli di incendio: Non disponibile.

Note particolari su esplosione: Non disponibile.

Sezione 6: Misure in caso di fuoriuscita accidentale

Piccole perdite:

Utilizzare gli strumenti adatti per mettere il solido fuoriuscito in un contenitore di recupero rifiuti. Terminare la pulizia spargendo acqua sulla

la superficie contaminata e smaltire secondo i requisiti delle autorità locali e regionali.

Versamento grande:

Utilizzare una pala o mettere il materiale in un appropriato contenitore di recupero rifiuti. Terminare la pulizia spargendo acqua sulla superficie contaminata e consentire l'evacuazione attraverso il sistema sanitario. Fare attenzione che il prodotto non è presente in un

livello di concentrazione sopra TLV. Controllare TLV sulla scheda di sicurezza e con le autorità locali.

Sezione 7: Manipolazione e stoccaggio

Precauzioni: Non respirare le polveri. Tenere lontano dai materiali incompatibili quali agenti ossidanti.

Stoccaggio: Conservare il recipiente ben chiuso. Tenere il contenitore in un luogo fresco e ben ventilato.

Sezione 8: Controllo dell'esposizione / protezione individuale

Attrezzature tecniche:

Usare recinzioni, sistemi di ventilazione locali o altri controlli di progetto per mantenere le particelle aerotrasportate al di sotto di raccomandata

limiti di esposizione.Se le operazioni dell'utente generano polvere, esalazioni o nebbia, usare la ventilazione per mantenere l'esposizione ai contaminanti aerotrasportati

sotto del limite di esposizione.

Protezione personale: Occhiali di sicurezza. Camice da laboratorio. Respiratori antipolvere. Accertarsi di usare un respiratore approvato / certificato o equivalente.

Guanti.

Protettivi in Caso di Ampio Versamento:

Occhiali antispruzzo. Tuta completa. Respiratori antipolvere. Stivali. Guanti. Un autorespiratore deve essere utilizzato al fine di evitare

inalazione del prodotto. Indumenti protettivi consigliati potrebbero non essere sufficienti; consultare uno specialista PRIMA di maneggiare il

prodotto.

Limiti di esposizione:

TWA: 5 CEIL: 10 da ACGIH (TLV) [Stati Uniti] Consultare le autorità locali per i limiti di esposizione accettabili.

Sezione 9: Proprietà fisiche e chimiche

Stato fisico e aspetto:

S olid. (P owderedsolid. C rystalssolid. Amorfo polvere solida)

Odore: Inodore.

Sapore: insapore.

Peso molecolare: 123.22 g / mole

Colore: Bianco.

pH (1% soln / acqua): Non applicabile.

Punto di ebollizione: 4300 ° C (7772 ° F)

Punto di fusione: 2680 ° C (4856 ° F)

Temperatura critica: Non disponibile.

Peso specifico: Densità: 5,85 (acqua = 1)

Pressione di vapore: Non applicabile.

Densità di vapore: Non disponibile.

Volatilità: Non disponibile.

Soglia di odore: Non disponibile.

Acqua / Olio Dist. Coeff:. Non disponibile.

Ionicità (in acqua): Non disponibile.

Proprietà di dispersione: Non disponibile.

Solubilità:

Insolubile in acqua fredda, acqua calda. Leggermente solubile in acido cloridrico, acido nitrico. Lentamente solubile in HF. Scioglie il riscaldamento con una miscela di 2 parti H2SO4 e 1 parte di acqua.

Sezione 10: Stabilità e reattività dei dati

Stabilità: Il prodotto è stabile.

Instabilità Temperatura: Non disponibile.

Condizioni di instabilità: sostanze incompatibili, generazione di polvere

Incompatibilità con varie sostanze: Reattivo con agenti ossidanti.

Corrosività: non corrosivi in presenza di vetro.

Note particolari su Reattività: Non disponibile.

Note particolari su corrosività: Non disponibile.

Polimerizzazione: Non si verificherà.

Sezione 11: Informazioni tossicologiche

Vie di ingresso: Inalazione. L'ingestione.

Tossicità per gli Animali:

DL50: Non disponibile. CL50: Non disponibile.

Effetti cronici sugli esseri umani: può causare danni ai seguenti organi: le vie respiratorie superiori.

Altri effetti tossici sugli esseri umani: Leggermente pericoloso in caso di contatto cutaneo (irritante), di ingestione, di inalazione.

Note particolari su tossicità per gli animali: Non disponibile.

Note particolari su Effetti cronici sugli esseri umani: Non disponibile.

Note particolari su altri effetti tossici sugli esseri umani:

Acuti Effetti potenziali sulla salute: Pelle: La polvere può causare irritazione meccanica. Occhi: La polvere può causare irritazione meccanica.

Inalazione: La polvere irritante per le vie respiratorie. Ingestione: Può causare irritazione del tratto gastrointestinale con nausea, vomito,

e diarrea. Potenziali effetti sulla salute cronici: Inalazione: L'inalazione prolungata o ripetuta può causare bronchiti croniche o fibrosi pulomonary. Le proprietà tossicologiche di questa sostanza non sono state pienamente investigate.

Sezione 12: Informazioni ecologiche

Ecotossicità: Non disponibile.

BOD5 e COD: Non disponibile.

Prodotti della Biodegradazione:

Prodotti di degradazione a breve termine eventualmente pericolosi non sono probabili. Tuttavia, possono sorgere prodotti di degradazione a lungo termine.

Tossicità dei Prodotti della Biodegradazione Il prodotto ei relativi prodotti di degradazione non sono tossici.

Note particolari su Prodotti della Biodegradazione: Non disponibile.

Sezione 13: Considerazioni sullo smaltimento

SMALTIMENTO RIFIUTI:

I rifiuti devono essere smaltiti in conformità alle norme statali, sul controllo ambientale statali e locali.

Sezione 14: Informazioni sul trasporto

DOT Classificazione: Non è un materiale DOT controllata (Stati Uniti).

Di identificazione: Non applicabile.

Disposizioni speciali per il trasporto: Non applicabile.

Sezione 15: Altre informazioni sulla regolamentazione

Stato federale e Regolamenti:

RTK del Massachusetts: Ossido di zirconio TSCA 8 (b): Ossido di zirconio

Altre legislazione: EINECS: Questo prodotto è l'inventario europeo delle sostanze chimiche esistenti a carattere commerciale su.

Altre Classificazioni:

WHMIS (Canada): non regolamentata in base alla normativa WHMIS (Canada).

DSCL (CEE):

Questo prodotto non è classificato secondo i regolamenti dell'Unione Europea. S24/25- Evitare il contatto con la pelle e gli occhi. S28-In caso di contatto

con la pelle lavarsi immediatamente ed abbondantemente con acqua. S36/37/39- Usare indumenti protettivi e guanti adatti e proteggersi gli occhi / la faccia.

HMIS (USA):

Pericolo per la salute: 1

Rischio di incendio: 0

Reattività: 0

Protezione personale: E

National Fire Protection Association (USA):

Salute: 1

Infiammabilità: 0

Reattività: 0

Rischio specifico:

Equipaggiamento di protezione:

Guanti. Camice da laboratorio. Respiratori antipolvere. Accertarsi di usare un respiratore approvato / certificato o equivalente. Occhiali di sicurezza.

Sezione 16: Altre informazioni

Riferimenti:

Merck Index, 13 ° ed., 2001. Scheda di sicurezza del produttore. Pericolosi Banca Dati Sostanza. Ariel Global View.

Registery degli effetti tossici delle sostanze chimiche

Altre considerazioni speciali: Non disponibile.

Creazione: 10/11/2005 12:57

Ultimo aggiornamento: 2013/05/21 12:00

Le informazioni sopra riportate sono da ritenersi precisa e rappresenta la migliore informazione attualmente disponibile per noi. Tuttavia, abbiamo effettuare alcuna garanzia di commerciabilità o di qualsiasi altra garanzia, espressa o implicita, in relazione a tali informazioni, e si assume nessuna responsabilità derivante dal suo uso. Gli utenti dovrebbero fare le proprie indagini per determinare l'idoneità delle informazioni per i loro scopi particolari. In nessun caso essere ScienceLab.com responsabile per eventuali rivendicazioni, perdite o danni di qualsiasi terza parte o per profitti persi o danni speciali, indiretti, incidentali, consequenziali o esemplari, derivanti in qualunque modo, anche se ScienceLab.com è stata informata della possibilità di tali danni.

vedi il PDF della ECHA, l'Agenzia Internazionale Europea - Comunicato Stampa -
Consultazione pubblica su 20 potenziali sostanze estremamente preoccupanti fra le quali la Zirconia.

Forma e struttura: A temperatura ambiente si presenta come un polvere bianca inodore. È una sostanza cristallina polimorfa.
Fino a 1170 °C presenta struttura cristallina monoclina. Da 1170 °C a 2370 °C presenta struttura cristallina tetragonale. Oltre 2370 °C presenta struttura cristallina cubica. Il punto di fusione è 2680 °C.
Durante il riscaldamento la trasformazione dalla struttura monoclina alla struttura tetragonale avviene con una contrazione volumetrica di circa il 5%.
Durante il raffreddamento la trasformazione inversa dalla struttura tetragonale alla struttura monoclina è di tipo martensitico ed avviene con una espansione volumetrica.

L'ossido di zirconio in odontoiatria viene chiamato, una volta trasformato, "Zirconia"
Nel 1998 con i primi studi effettuati nella clinica odontoiatrica dell'Università di Zurigo vennero utilizzate delle corone e ponti in ossido di zirconio prodotte con il sistema DCM che dimostrarono da subito una straordinariamente elevata resistenza alla rottura.
La Degussa Dental (oggi Degudent azienda del gruppo Dentsply) ha acquisito nel 1990 i diritti del sistema DCM sviluppando il sistema "CAD-CAM Cercon".
Visto il suo elevato grado di biocompatibilità e leggerezza sta divenendo oggi il materiale d'eccellenza nella realizzazione di restauri dentali di alta qualità.
La tecnologia CAD/CAM si realizza mediante fresatura blocchi di ossido di zirconio presinterizzato ad uno stato di consistenza morbida e di buona lavorabilità denominato Y-TZP. Dopo la fresatura del materiale morbido si procede alla sinterizzazione a 1350 °C per circa 6/7 ore. La zirconia così diventa stabile, con caratteristiche meccaniche eccellenti e potrà essere utilizzata come supporto per la ceramica dentale.
Tra i grandi pregi della Zirconia, in luogo delle altre leghe dentali, va menzionato il fattore estetico di certo non raggiungibile con i metalli, soprattutto in termini di traslucidità, è inoltre notevole la compatibilità biologica (NdR: fino a prova contraria, visto che gli studi e le ricerche su questo materiale dentale per ora NON esistono) e la stabilità ionica, nonché il peso specifico ridotto.
Altro grande pregio è la durezza, ma soprattutto è notevole la sua resistenza alla flessione 1.320 MPa, e la resistenza alla rottura, che permettono di apportare spessori di ceramica che arrivano sino a meno di 0,6 millimetri e di costruire ponti estesi, leggeri e robusti, anche con più elementi mancanti.
Fattore molto importante è che nel procedimento di ceramizzazione la forma (macrostruttura) della struttura cristallina non si modifica sostanzialmente, dunque la parte interessata non subisce alterazioni.
Tratto da: it.wikipedia.org

Commento NdR: pur essendo un materiale utilizzato dagli odontotecnici ed in odontoiatria, dai dentisti, esso non e’ MAI stato controllato  e verificato per la sua piu' o meno innocuita’, da NESSUNO degli enti di Controllo, eppure e’ gia’ utilizzato da qualche anno ed immesso nelle bocche dei pazienti.
Cio’ e’ semplicemente VERGOGNOSO e dimostra l’assoluta indifferenza e inadempienza degli organi statali e non, di Controllo della “tutela della salute” come prescrive la Costituzione italiana.
Anche per l’amalgama fu effettuato lo stesso “servizio” ammalando milioni di esseri  umani, e solo dopo 45 anni di “onorato” servizio al servizio della in-sanita’ fu denunciato il caso da parte dei privati, ed i dentisti finalmente hanno capito che non le debbono utilizzare !
Questo e’ il tipo di servizio-“tutela”  degli organi di controllo in Italia ed all’estero !
Speriamo che anche per l'ossido di zirconio (neppure le Universita' hanno fatto ricerca sulla sua innocuita' ...) non succeda la stessa cosa !
Stiamo aspettando di ricevere la descrizione del processo effettuato per produrre il materiale dentale derivante dall'ossido di zirconio e relative sostane utilizzate nel processo...per ora le aziende che li fabbricano, non hanno voluto fornirci indicazioni in tal senso....
Lettera ricevuta da un paziente:
Ciao Rosario, sono reduce dal laboratorio di Wavre in Belgio dove mi stanno facendo il melisa e esami sul sistema immunitario degli organi viscerali. Ho conosciuto il responsabile, un anziano biochimico di oltre 70 anni, con un curricolo di tutto punto che studia le intossicazioni da metalli da quarant' anni.
Mi ha detto le stesse cose che mi hai detto tu e afferma che la zirconia non è una ceramica, ma un metalloide.
nella ceramica, dice, che c' è anche l' allumina...Dice che è solo tutto un business...
che noni paghiamo sulla niostra pelle...!

IMPORTANTE considerazione:
Non esiste sostanza estranea biocompatibile, come tutti i prodotti utilizzati in odontoiatria, che una volta introdotti nell'organismo non producano qualche tipo di reazione nociva, e le reazioni variano da individuo ad individuo !

vedi:
Materiali Dentari e denti tossici + Elettrogalvanismo dei materiali dentari + Impianti dentari +  Ricerca del CNR

La Zirconia Cad Cam, grande truffa del secolo sulla salute in ambito odontoprotesico.
Da una indagine è risultato che tantissime aziende a livello internazionale si sono trovate in tribunale a causa di tantissime ingiunzioni penali dipendenti dalla tossicità di manufatti semilavorati attraverso la nuova tecnologia CAD CAM.
Al di la della tossicità intrinseca del materiale stesso, la goccia che ha fatto traboccare il vaso è stato il fatto che durante la lavorazione di asportazione CNC  CAD CAM, per tutelare le frese dalla usura e per il raffreddamento di quest'ultime, usano olii meccanici che poi rimangono intrappolati nell'interno del materiale stesso.
Quindi a contatto con i liquidi, i fluidi organici (la saliva) non avviene solo il rilascio ionico di ossidi della zirconia altamente pericolosi ma, anche tanti altri rilasci che ha provocato un tale disastro che le aziende si sono dovute difendersi in tribunale e anno fatto retrofront dagli investimenti nel dentale mentre altre anno dovuto convertire l'uso del CAD CAM utilizzando tra le altre un altro materiale altamente tossico, il cromo-cobalto.
La pazzia è in modo più assoluto nel dentale, l'ignoranza nel professionale è talmente tale da rizzare i capelli in testa anche senza mettere le dita in una presa di corrente.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

La ZIRCONIA E' TOSSICA e RADIOATTIVA, è PUBBLICATO ANCHE su PubMed
Degradazione della zirconia
Articolo su PUB MED, praticamente dice che la zirconia è suscettibile a degradazione a causa di ambienti orali corrosivi. Hanno utilizzato campioni di saliva artificiale ph 3,5 fino a 10 per 10 giorni a temperatura di 37 gradi, oltre a test di durezza, resistenza alla frattura e test di flessione biassiale. hanno analizzato la microstruttura dei materiali e hanno fatto diverse comparazioni usando il Tukey test. Risultato: ambienti acidi e alcalini attaccano le proprietà meccaniche della zirconia, provocando degradazione, perdita del componente stabilizzante e un aumento della trasformazione da tetragonale a monovalente.
Si tratta di studi sulla zirconia e ceramiche feldespatiche, studi sui blocchi di zirconia della Zirkonzahn cercon e Everest.
Quindi anche gli impianti dentali fatti on zirconia ?

Abstract
The aim of this study was to evaluate the effects of pH changes in the oral cavity on the mechanical properties of zirconia and feldspathic ceramics. Bilayered zirconia-feldspathic samples were prepared from three different commercial brands of Y-TZP blocks: Zirkonzahn, Cercon, and Everest. Samples were stored in artificial saliva with different pH values (3.5, 7.0, and 10.0) for 10 days at 37°C. Flexural strength, Vickers hardness, and fracture toughness were calculated after samples were subjected to biaxial flexure test. Microstructural analysis of the materials was also performed.Data were analyzed by one-way analysis of variance (ANOVA), and multiple comparisons were performed using Tukey's test (α=0.05). Acidic and alkaline environments adversely affected the mechanical properties of zirconia, resulting in material degradation, loss of stabilizer content, and increase in tetragonal-monoclinic phase transformation. Commercial dental zirconia blocks have varied mechanical properties, but they are generally susceptible to degradation when exposed to corrosive environments.
PMID: 23207192 - [PubMed - in process] 
Full Text Sources: J-STAGE, Japan Science and Technology Information Aggregator, Electronic

Citotossicità:
le notizie sulla zirconia non sono tutte positive, poiché come ogni materiale impiantato causa una risposta immunitaria e ci sono evidenze cliniche che le particelle degli ossidi di zirconio posso indurre alla morte cellulare e causare l'aumento dei livelli delle proteine soppressori dei tumori. Alcuni esperti come il dott. Hal Huggings sostiene che tutti gli xenomateriali hanno il potenziale per deprimere il sistema immunitario ed è solo una questione di tempo affinchè avvenga. Inoltre diventa difficile per chi ne viene colpito guarire.
Gli impianti in zirconia e la radioattività: uno dei rischi dell' uso dentale e medico della zirconia è la radioattività poiché lo zirconio è spesso contaminato da isotopi come il radio (226Ra) e il torio (228th). Ove questo motivo solo i più puri provenienti dallo Sri Lanka possono essere usati per impianti dentali e tutti i produttori devono rilasciare una dichiarazione di radioattività per i loro prodotti dentali a base di zirconio.
La preoccupazione è che radioattività dell' impianto possa portare a forme tumorali sia orali che non nel tempo. Tuttavia la radioattività dello zirconio è pari a quella dell' allumina usata in campo ortopedico e nelle ceramiche odontoiatriche e nelle protesi ortopediche in cobalto cromo. Molte delle radiazioni emesse dalla zirconia vengono assorbite dall' impianto stesso sulla sua superficie creando un rischio per l' individuo. 

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Zirconium and Titanium in the body – Ago. 2002 - Zirconio e Titanio rilasciato nel corpo
Abstract
Metallic implants can generate and release titanium oxide (TiO2) and zirconium oxide (ZrO2) to the tissues. These products can accumulate locally or disseminate systemically. The aim of the present study was to assess the distribution of TiO2 and ZrO2 administered intraperitoneally to rats.
We used male Wistar rats of approximately 100 g body weight throughout the study. An intraperitoneal injection of a suspension of TiO2 or ZrO2 (16, 1600 and 16×103 mg/kg body weight) was administered.
The animals were killed at 5–10 months post-administration by ether overdose. Samples of peritoneum, liver, kidney, lung and spleen were taken, fixed in formalin and routine processed for embedding in paraffin. One set of sections was stained with hematoxylin and eosin and another set was prepared unstained.
The presence of titanium in the tissues was detected by X-ray diffraction crystallography. The histological analysis revealed the presence of abundant intracellular aggregates of metallic particles of Ti and Zr in peritoneum, liver, lung and spleen.
The crystallographic study revealed the presence of anatasa. The dissemination of metallic particles from orthopedic or odontological implants would not be restricted to a local phenomenon. The particles also target vital organs. The distribution of these deposits over lengthy periods deserves meticulous attention given the clinical relevance of this phenomenon.
Articolo originale PDF

Zirconia e sarcoidosi
http://www.my-personaltrainer.it/benessere/sarcoidosi.html
http://www.chirurgiatoracica.org/polmone/sarcoidosi1.htm

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Protesi in Zirconia e ceramica, NO grazie non voglio morire - 19/10/2012
L’ignoranza degli operatori e la tossicità dei materiali in campo protesico dentale, ortopedico, e non solo, sono il grande dilemma della globalizzazione attuale.
Un allarme ormai di grande interesse, gli operatori si son fatti accecare, si son fatti plasmare, convincere dalle grandi forme di marketing ingannevole sui materiali dai grandi interessi multi  aziendali e istituzionali.

Ogni qualvolta mi torvo a parlare in ambiente universitario, i vari personaggi,  ricercatori, i vari professori non corrotti, riconoscono la grande tossicità di: zirconia/o e disilicato che è la stessa cosa, delle ceramiche totali pressate etc.
Al di la della loro tossicità e radioattività intrinseca dei materiali stessi, i successivi problemi patologici hanno a che fare soprattutto con il tipo di lavorazione industriale, artigianale laboratorio odontotecnico ed infine la cementazione dei suddetti dispositivi in cavità orale.
Già durante la lavorazione industriale questi materiali subiscono un inquinamento e nel loro contesto per la loro morfologia e dimensione e volume (nanoparticelle leggerissime libere nell’aria), risultano inquinanti soprattutto per l’ambiente e quindi inalate dai malcapitati cittadini, animali e tutto il mondo vegetale che ci circonda.
Molti odontotecnici per il tipo di lavorazione del materiale, sono affetti da patologie abbastanza gravi e soprattutto da tumori, il linfoma, tumori alle vie respiratorie, ai polmoni, all’intestino e via dicendo, solo che ipocritamente non affrontano il reclamo della situazione per paura di perdere il premio, il viaggio verso la famigerata presunzione di essere.

Proprio in quest’ultimi anni, una azienda del nord Italia, la “Zircozahn” di Enrico Steger, proprio per la lavorazione della cosiddetta zirconia, a braccio pantografo senza nessun tipo di protezione (art. 626 violazione tutela salute in sede lavorativa), tanto il tipo di materiale (nanomateriale al disotto di un micron) non esistono sistemi di protezione, un materiale talmente elettromagnetico, dichiarato perfino nocivo ambientale, ha i propri dipendenti affetti da patologie avente correlazione diretta con il tipo di materiale utilizzato; questo non li associa al fattore malattie professionali, questo è una violazione bella e buona, visto che tanti centri di ricerca e organi competenti a livello internazionale hanno dichiarato la pericolosità di detto materiale, ed in diversi casi  è stato dichiarato il divieto di uso.

La  “Zircozahn” di Enrico Steger, ha sedi in tante altri parti del mondo ma, come lei di aziende produttrici di semilavorati di detto materiale pericoloso ne esistono tante (IVOCLAR, DENTSPLAY, DEGUSSA etc.), quindi vi lascio immaginare l’inquinamento ambientale.
Molti non sanno, ne l’odontotecnico, neanche l’ignaro consumatore immagina ma, la trasparenza morale risulta opaca, infatti continuando a parlare di tossicità, la realizzazione dei dispositivi dentali in questione per la loro completezza, necessitano di una colorazione superficiale con pigmenti detti ossidi metallici più uno strato di un sostanza per vetrificare la parte superficiale finale del rivestimento ceramico, questo anch’esso un elemento metallico molto pesante, il cosiddetto piombo.
E già, tutti sono prodotti marchiati CE,  ormai il marchio CE è ovunque, ma chi applica il marchio CE ?  La sanità è più corrotta della politica, dai la bustarella e tutto passa, e tutto è buono, anche se è tossico…………………………
Ma sapete cosa è, come è composta la cosiddetta zirconia o disilicato di litio?
Sapete cosa sono gli ossidi, i cosiddetti radicali liberi, conoscete la diossina, siete al corrente dei danni della industrie metallurgiche, l’Italsider (Ilva) di Taranto, Porto Marghera etc.?
Chi è che ha lanciato l’allarme dei detti materiali tossici nel dentale, in ortopedia e nella cosmetica ?
International Agency ECHA said that the zirconia and toxic carcinogen 
http://www.mercipericolose.it/articoli/47-reach/315-la-candidate-list-cresce-14-nuove-sostanze-aggiunte-dallecha.html

LIBRO BIANCO:
ESPOSIZIONE a NANOMATERIALI INGEGNERIZZATI  ed EFFETTI sulla SALUTE e SICUREZZA nei LUOGHI  di LAVORO

 http://www.inail.it/repository/ContentManagement/information/P1740055621/00.IN-IS%20LibroBianco%20Introduzione%20HRrev2.pdfCordialmenteRosario Muto

Dalle fibre minerali alle nanoparticelle: quali caratteristiche chimico-fisiche determinano la patogenicità delle polveri inalate
 http://www.ausl.re.it/GIF/FrontEnd/Home/DocumentViewer.aspx?document_id=100

La Zirconia inadatta come materiale protesico, lo conferma uno studio Usa:
http://search.incredimail.com/q=Chevalier+Zirconia&lang=italian&source=251055025105
http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/j.1551-2916.2009.03278.x/abstract

Uno studio pubblicato sul numero di settembre 2009 del Journal of the American Ceramic Society condotto dagli studiosi  Jérôme Chevalier, Laurent Gremillard, Anil V. Virkar, David R. Clarke conferma che l’utilizzo della zirconia nel campo biomedico, quindi anche nel settore delle protesi odontoiatriche, non è così indenne da problemi come riportato dalle aziende che distribuiscono i materiali odontoiatrici sulle proprie schede di sicurezza.

All’interno della nostra bocca infatti sono presenti particolari condizioni di temperatura, associata alla presenza della saliva e delle mucose che fanno perdere alla lega quelle proprietà che ne hanno motivato l’uso.

Lo studio, che si intitola “The Tetragonal-Monoclinic Transformation in Zirconia: Lessons Learned and Future Trends”, conferma conclusioni cui già altri studi condotti su animali erano giunti, cioè la pericolosità per la salute delle protesi in zirconia. Sempre più frequenti sono infatti i casi di danni alla salute provocati dal potenziale elettrochimico di manufatti protesici e per i quali solo l’informazione che a fatica si cerca di diffondere può contribuire ad identificarne la vera causa.

Le ceramiche di ossido di zirconio, o zirconia, trovano ampia applicazioni in una varietà di energia e di campi, dall’energia alla biomedicina per le particolari proprietà di robustezza, resistenza alle rotture, la conduttività ionica e la bassa conduttività termica. Queste interessanti proprietà sono in gran parte legate alla stabilizzazione in fase tetragonale e cubica attraverso la lega con ioni aliovalenti. La grande concentrazione di siti vuoti introdotto per compensare la carica della lega aliovalente è responsabile sia della conduttività ionica eccezionalmente elevata che della conduttività termica eccezionalmente bassa, indipendente dalla temperatura. L’elevata resistenza alla rottura mostrata da molte ceramiche di zirconia è attribuita Aal legame che si crea nella la transizione da fase tetragonale a monoclina e la sua uscita durante la propagazione della frattura. In altre ceramiche di zirconia contenenti la fase tetragonale, la tenacità elevata è associata alla commutazione di dominio ferroelastica. Tuttavia, molte di queste caratteristiche interessanti della zirconia, specialmente la resistenza alle fratture e la rigidità, sono compromessi dopo una prolungata esposizione al vapore acqueo a temperature intermedie (~ 30 ° -300 ° C) secondo un processo denominato low-temperature degradation (LTD), cioè degrado a bassa temperatura, identificato per la prima volta più di vent’anni fa. Ciò vale in particolare per l’ossido di zirconio in applicazioni biomediche, come protesi d'anca e protesi dentali. Esistono minori evidenze circa la possibilità che lo stesso processo possa verificarsi anche nella zirconia utilizzata in altre applicazioni, per esempio, i rivestimenti termici di zirconia, dopo lunga esposizione alle alte temperature. Sulla base dell'esperienza acquisite con gli insuccessi delle teste femorali in zirconia, così come gli studi sul degrado a bassa temperatura, è dimostrato che molti dei problemi legati a tale degrado possono essere mitigati dalla scelta appropriata della lega e / o dal controllo di processo.

Lo studioso Jérôme Chevalier aveva già pubblicato nel 2005 un articolo dal titolo “Quale futuro per la zirconia come un biomateriale?” e che aveva lo scopo di rivedere ed analizzare le attuali conoscenze in materia a riguardo alla performance di lungo termine degli impianti femorali Aal fine di distinguere i fatti scientifici e della speculazione.
Lo studio prese le mosse dai casi di fallimento delle teste femorali del 2001-2002 e dalle forti controversie sul futuro della zirconia come biomateriale.
Siccome la zirconia distribuita da diverse aziende ha subito processi di lavorazione relativi alla microstruttura diverse, vi è la necessità di valutare la loro sensibilità al passare del tempo con l’ausilio di tecniche accurate ed avanzate in modo da aggiornare gli standard ISO, in particolare per guadagnare la fiducia dei medici.

E’ possibile leggere l’abstract dei due  studi visitando  il seguente link:
http://onlinelibrary.wiley.com  +  http://www.sciencedirect.com

Di seguito riportiamo l’abstract originale in inglese:
Zirconia ceramics have found broad applications in a variety of energy and biomedical applications because of their unusual combination of strength, fracture toughness, ionic conductivity, and low thermal conductivity. These attractive characteristics are largely associated with the stabilization of the tetragonal and cubic phases through alloying with aliovalent ions. The large concentration of vacancies introduced to charge compensate of the aliovalent alloying is responsible for both the exceptionally high ionic conductivity and the unusually low, and temperature independent, thermal conductivity. The high fracture toughness exhibited by many of zirconia ceramics is attributed to the constraint of the tetragonal-to-monoclinic phase transformation and Aits release during crack propagation. In other zirconia ceramics containing the tetragonal phase, the high fracture toughness is associated with ferroelastic domain switching. However, many of these attractive features of zirconia, especially fracture toughness and strength, are compromised after prolonged exposure to water vapor at intermediate temperatures (~30°–300°C) in a process referred to as low-temperature degradation (LTD), and initially identified over two decades ago. This is particularly so for zirconia in biomedical applications, such as hip implants and dental restorations. Less well substantiated is the possibility that the same process can also occur in zirconia used in other applications, for instance, zirconia thermal barrier coatings after long exposure at high temperature. Based on experience with the failure of zirconia femoral heads, as well as studies of LTD, it is shown that many of the problems of LTD can be mitigated by the appropriate choice of alloying and/or process control. 

Zirconia, tumori e farmaco vigilanza

http://www.farmacovigilanza.org/cosmetovigilanza/corso/0602-03.asp

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Buongiorno, le avevo telefonato qualche tempo fa per chiederti un parere sul Charisma Kulzer della Heraesus, mi ha detto giustamente che e' il solito composito tossico per la presenza di alluminio, bisfenolo-a BIS-Gma Tegma, fluoro , vetro di bario  e poi le particelle di zirconio radiattivo.. ( che ci stanno sempre bene e come il cacio sopra i maccheroni )
Infatti e' un prodotto tossico ...  da quanto l'ho messo sostituendolo alle amalgame al mercurio  .. ho iniziato ad avere forte insonnia una senso di instabilita emotiva ... e poi sapore  di plastica e medicina tutto il giorno.
Cosi ho chiesto alla mia ondontoiatra di rimuoverlo sostituendolo con la sostanza meno tossica possibile.. ma quella non sapeva che pesci pigliare... quindi alla fine ho deciso di farmi mettere del cemento vetroionomerico KETAC 3M CEM  mi sembra che le cose sono un poco migliorate... anche se ce sempre un sapore strano in questo caso simile  tra la liquerizia e la plastica.
Tu pensa la saliva quanto puo' essere potente... riesce a sciogliere una lega come l'amalgama stessa cosa fa con i cementi e le plastiche polimerizzate.
Ho letto che questo prodotto rilascia fluoro ... e contiene HEMA  quindi ancora monomeri polimerizzati purtroppo non ce niente da fare viviamo nel paese del NON FARE ...
La gente vive deglutendo saliva impregnata di amalgami e plastiche ... finche hai denti curati nella bocca non ce via di scampo ... molta gente inizia a darti ragione carissimo... l'Idea di farsi mettere del metallo nobile e poi renderlo inerte con il TTSVGEL sembra una buona idea...ma chi ha passato la tragedia delle amalgami di metalli  non ne vuole piu sentire parlare.. Si va verso gli intarsi in ceramica ... 
Cordiali Saluti

 


Come era stato denunciato precedentemente dal Perito Esperto del tribunale di Prato, Rosario Muto
(odontotecnico)

Vedi CV in: www.ttsvgel.it
E da me, sulla tossicità del zirconio e come leggere quello che seguirà, prelevato dal sito
http://www.mednat.org/amalgami/ossido_zirconio.htm,
 alcune aziende della Germania hanno ritirato il prodotto dal mercato.
“in Germania, due aziende abbastanza grosse hanno ritirato lo zirconio ( lega agli ossidi di zirconio/a, truffaldinamente pubblicizzata metal free) dal mercato, il motivo ? TOSSICO
Questo provocherà un effetto domino e danni ...molti odontotecnici e medici sono ricorsi ai legali per capire come pararsi, come salvarsi.”

Ricordiamo anche che ogni protesi introdotta in bocca che contenga leghe metalliche basate su legami ossigeno, sono pericolose in quanto l'ossigeno (potente ossidante) permette ai metalli della lega il rilascio di ioni che sicuramente interferiscono con le reazioni biochimiche dell'organismo !
vedi:
Lo zirconio/a sostituisce la struttura portante di una protesi dentale, di solito le strutture vengono realizzate od in lega nobile, preziosa, in cromo-cobalto od in lega al titanio, rivestite poi dalla ceramica; questa ha la possibilità di ripristinare nella forma e nei colori, la naturalezza dei denti naturali.
Nelle ultime ceramiche certamente ritroviamo piccole percentuali di elementi radioattivi come lo zirconio, ma la loro rilevanza in percentuale è insignificante, è talmente bassa che non può essere calcolata.
 

SENATO DELLA REPUBBLICA - XIV LEGISLATURA
COMMISSIONE PARLAMENTARE D’INCHIESTA

COMMISSIONE PARLAMENTARE D’INCHIESTA SUI CASI DI MORTE E GRAVI
MALATTIE CHE HANNO COLPITO IL PERSONALE MILITARE ITALIANO IMPIEGATO NELLE MISSIONI INTERNAZIONALI DI PACE, SULLE CONDIZIONI DELLA CONSERVAZIONE E SULL’EVENTUALE UTILIZZO DI URANIO IMPOVERITO NELLE ESERCITAZIONI MILITARI SUL TERRITORIO NAZIONALE

Effect of titanium dioxide on the oxidative metabolism of alveolar macrophages: An experimental study in rats
By Daniel G. Olmedo,1* Deborah R. Tasat,2 Marı´a B. Guglielmotti,1 Ro´mulo L. Cabrini1,3
1 - Department of Oral Pathology, School of Dentistry, University of Buenos Aires, Buenos Aires, Argentina
2 - School of Science and Technology, University of General San Martin, Buenos Aires, Argentina
3 - Department of Radiobiology, National Atomic Energy Commission, Buenos Aires, Argentina

Titanium levels in the organs and blood of rats with a titanium implant, in the absence of wear, as determined by double-focusing ICP-MS -
By
Alejandro Sarmiento-González & Jorge Ruiz Encinar & Juan M. Marchante-Gayón & Alfredo Sanz-Medel                          
- File in allegato

Journal OF MATERIALS IN MEDICINE 1.3 (2002) 793- 796
An experimental study of the dissemination of Titanium and Zirconium in the body    
File allegato
By Rosario Muto (CTU – Odontotecnico) - Prato

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Ormai e’ noto che lo zirconio è tossico quanto e forse più dell'amianto; per cui quando con la zirconia (in Odotontoiatria) si parla di ossido di zirconio, vi sono anche nanoelementi tossici da un micron ! ma le istituzioni NON fanno nessun controllo e stanno zitte, forse per ignoranza totale o forse  perche’ sono conniventi con le aziende che la producono; della tutela della salute degli abitanti del pianeta, non interessa a nessunobasta far soldi
Solo in questa pagina (ente governativo USA) si parla dell'elemento zirconio metallo e dei rischi e pericoli, dai quali e' estratto l'ossido di Zirconio, trasformato per l'ondontoiatria in Zirconia.
vedi:
http://www.cdc.gov/niosh/npg/npgd0677.html
Lo studioso Jérôme Chevalier aveva già pubblicato nel 2005 un articolo dal titolo “Quale futuro per zirconio come un biomateriale ?” e che aveva lo scopo di rivedere ed analizzare le attuali conoscenze in materia a riguardo alla performance di lungo termine degli impianti femorali al fine di distinguere i fatti scientifici e della speculazione. Lo studio prese le mosse dai casi di fallimento delle teste femorali del 2001-2002 e dalle forti controversie sul futuro della zirconia come biomateriale.
Siccome la zirconia distribuita da diverse aziende ha subito processi di lavorazione relativi alla microstruttura diverse, vi è la necessità di valutare la loro sensibilità al passare del tempo con l’ausilio di tecniche accurate ed avanzate in modo da aggiornare gli standard ISO, in particolare per guadagnare la fiducia dei medici.

E’ possibile leggere l’abstract dei due  studi visitando  il seguente link:

 http://www.sciencedirect.com/science?_ob=ArticleURL&_udi=B6TWB-4H21NC5-2&_user=10&_coverDate=02/28/2006&_rdoc=1&_fmt=high&_orig=search&_origin=search&_sort=d&_docanchor=&view=c&_acct=C000050221&_version=1&_
urlVersion=0&_userid=10&md5=a2f80e96956cb46c0d4c8b5c87ab3aaa&searchtype=a

http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/j.1551-2916.2009.03278.x/abstract

Di seguito riportiamo l’abstract originale in inglese:
Zirconia ceramics have found broad applications in a variety of energy and biomedical applications because of their unusual combination of strength, fracture toughness, ionic conductivity, and low thermal conductivity. These attractive characteristics are largely associated with the stabilization of the tetragonal and cubic phases through alloying with aliovalent ions.
The large concentration of vacancies introduced to charge compensate of the aliovalent alloying is responsible for both the exceptionally high ionic conductivity and the unusually low, and temperature independent, thermal conductivity. The high fracture toughness exhibited by many of zirconia ceramics is attributed to the constraint of the tetragonal-to-monoclinic phase transformation and its release during crack propagation. In other zirconia ceramics containing the tetragonal phase, the high fracture toughness is associated with ferroelastic domain switching. However, many of these attractive features of zirconia, especially fracture toughness and strength, are compromised after prolonged exposure to water vapor at intermediate temperatures (30°–300°C) in a process referred to as low-temperature degradation (LTD), and initially identified over two decades ago.
This is particularly so for zirconia in biomedical applications, such as hip implants and dental restorations. Less well substantiated is the possibility that the same process can also occur in zirconia used in other applications, for instance, zirconia thermal barrier coatings after long exposure at high temperature. Based on experience with the failure of zirconia femoral heads, as well as studies of LTD, it is shown that many of the problems of LTD can be mitigated by the appropriate choice of alloying and/or process control.


ZIRCONIO/A
Uno studio pubblicato sul numero di settembre 2009 del Journal of the American Ceramic Society condotto dagli studiosi  Jérôme Chevalier, Laurent Gremillard, Anil V. Virkar, David R. Clarke conferma che l’utilizzo della zirconia nel campo biomedico, quindi anche nel settore delle protesi odontoiatriche, non è così indenne da problemi come riportato dalle aziende che distribuiscono i materiali odontoiatrici sulle proprie schede di sicurezza.
All’interno della nostra bocca infatti sono presenti particolari condizioni di temperatura, associata alla presenza della saliva e delle mucose che fanno perdere alla lega quelle proprietà che ne hanno motivato l’uso.

Merce pericolosa, cancerogeno.
http://www.mercipericolose.it/articoli/47-reach/315-la-candidate-list-cresce-14-nuove-sostanze-aggiunte-dallecha.html
Zirconia, tumori e farmaco vigilanza
http://www.farmacovigilanza.org/cosmetovigilanza/corso/0602-03.asp
http://italiasalute.leonardo.it/forum/printer_friendly_posts.asp?TID=5495

Scritto da Dott. Gianluca Stocco (Osservatore UEAPME alle Riunioni Aut. Comp.)
Questa è l'ultima notizia sulla tossicità della zirconia. L'ente internazionale ECHA ha dichiarato che la zirconia e tossica, cancerogena
http://www.mercipericolose.it/articoli/47-reach/315-la-candidate-list-cresce-14-nuove-sostanze-aggiunte-dallecha.html

MATERIALI TOSSICI STIAMO PARLANDO DI MATERIALI CHE HANNO UN’ALTA TOSSICITA’
NANOPARTICELLE, ZIRCONIA vedi: http://centrobenesserekundalini.blogfree.net/?f=671467

CONCLUSIONI
Secondo gli studi di chi ha contribuito, definito i termini chimici a livello internazionale, dice che tutti quei elementi legati all'ossigeno sono ossidi e i loro derivati sono definiti metalloidi.
La lega agli ossidi di zirconia è un agglomerato di elementi sottoprodotti, senza una loro formulazione atomica, senza una propria forza di coesione elettronica, immessi sotto pressione in un altro ossido siliceo, detto silicato, miscelato e compresso ad una alta pressione, circa 600 atmosfere ?
E questo la chiamate ceramica ?
La vera ceramica ha di base elementi propri, con le proprie caratteristiche atomiche e naturalmente in piccole percentuali ritroviamo ossidi di reazione primaria, ben diversi dai sotto prodotti.
Per legge biochimica, quando finiscono nel nostro sistema biologico, gli ossidi sono il presupposto di fenomeni patologici, attivano malattie autoimmuni etc.
Voi mi direte perché ?
Il nostro sistema, in gran parte circa l' 80%, è composto da liquidi, proteine, vitamine, enzimi etc, il tutto in relazione a campi elettrici e regolato da un fattore pH che per tutta una serie di situazioni è fortemente acido.
Ebbene, proprio questo fattore elettrolitico a contatto con i materiali, determina una dissoluzione dei detti materiali, cioè, l'ossigeno e la presenza degli ossidi sono il fattore determinante della dissoluzione.
Per non parlare poi della dimensione di detti microcomponenti, detti nanoparticelle paragonabili a una dimensione di un micron, basti pensare che oltre alla inoculazione attraverso la respirazione, questi elementi polverizzati durante la lavorazione possono, attraversano la pelle fino a introdursi nel sistema fisiologico e arrivare al fegato nell’incirca 12 ore e creare seri problemi patologici.
Siamo sicuri quanto detto da chi afferma che la zirconia è una ceramica ed è sicura ? Secondo la IUPAC (Unione internazionale di chimica pura e applicata) si denominano ossidi tutti i composti degli elementi con l’ossigeno (F2O escluso, è fluoruro di idrogeno). By Rosario Muto

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

La Zirconia inadatta come materiale protesico, lo conferma uno studio USA - 22 Ottobre 2010
Uno studio pubblicato sul numero di settembre 2009 del Journal of the American Ceramic Society condotto dagli studiosi  Jérôme Chevalier, Laurent Gremillard, Anil V. Virkar, David R. Clarke conferma che l’utilizzo della zirconia nel campo biomedico, quindi anche nel settore delle protesi odontoiatriche, non è così indenne da problemi come riportato dalle aziende che distribuiscono i materiali odontoiatrici sulle proprie schede di sicurezza.
All’interno della nostra bocca infatti sono presenti particolari condizioni di temperatura, associata alla presenza della saliva e delle mucose che fanno perdere alla lega quelle proprietà che ne hanno motivato l’uso.
Lo studio, che si intitola “The Tetragonal-Monoclinic Transformation in Zirconia: Lessons Learned and Future Trends”, conferma conclusioni cui già altri studi condotti su animali erano giunti, cioè la pericolosità per la salute delle protesi in zirconia. Sempre più frequenti sono infatti i casi di danni alla salute provocati dal potenziale elettrochimico di manufatti protesici e per i quali solo l’informazione che a fatica si cerca di diffondere può contribuire ad identificarne la vera causa.

“Le ceramiche di ossido di zirconio, o zirconia, trovano ampia applicazioni in una varietà di energia e di campi, dall’energia alla biomedicina per le particolari proprietà di robustezza, resistenza alle rotture, la conduttività ionica e la bassa conduttività termica. Queste interessanti proprietà sono in gran parte legate alla stabilizzazione in fase tetragonale e cubica attraverso la lega con ioni aliovalenti.
La grande concentrazione di siti vuoti introdotto per compensare la carica della lega aliovalente è responsabile sia della conduttività ionica eccezionalmente elevata che della conduttività termica eccezionalmente bassa, indipendente dalla temperatura. L’elevata resistenza alla rottura mostrata da molte ceramiche di zirconia è attribuita al legame che si crea nella la transizione da fase tetragonale a monoclina e la sua uscita durante la propagazione della frattura.
In altre ceramiche di zirconia contenenti la fase tetragonale, la tenacità elevata è associata alla commutazione di dominio ferroelastica.
Tuttavia, molte di queste caratteristiche interessanti della zirconia, specialmente la resistenza alle fratture e la rigidità, sono compromessi dopo una prolungata esposizione al vapore acqueo a temperature intermedie (~ 30 ° -300 ° C) secondo un processo denominato low-temperature degradation (LTD), cioè degrado a bassa temperatura, identificato per la prima volta più di vent’anni fa. Ciò vale in particolare per l’ossido di zirconio in applicazioni biomediche, come protesi d'anca e protesi dentali. Esistono minori evidenze circa la possibilità che lo stesso processo possa verificarsi anche nella zirconia utilizzata in altre applicazioni, per esempio, i rivestimenti termici di zirconia, dopo lunga esposizione alle alte temperature. Sulla base dell'esperienza acquisite con gli insuccessi delle teste femorali in zirconia, così come gli studi sul degrado a bassa temperatura, è dimostrato che molti dei problemi legati a tale degrado possono essere mitigati dalla scelta appropriata della lega e / o dal controllo di processo.”

L’alternativa proposta da anni in Italia dall’odontotecnico Rosario Muto e quella di utilizzare non la zirconia ma le leghe preziose rese biocompatibili, o, come si può dire inertizzate, grazie un trattamento chiamato TTSVGEL che è in grado di rendere innocue le protesi (www.odontotecnicanaturale.it).
Lo studioso Jérôme Chevalier aveva già pubblicato nel 2005 un articolo dal titolo “Quale futuro per zirconio come un biomateriale?” e che aveva lo scopo di rivedere ed analizzare le attuali conoscenze in materia a riguardo alla performance di lungo termine degli impianti femorali al fine di distinguere i fatti scientifici e della speculazione.
Lo studio prese le mosse dai casi di fallimento delle teste femorali del 2001-2002 e dalle forti controversie sul futuro della zirconia come biomateriale.
Siccome la zirconia distribuita da diverse aziende ha subito processi di lavorazione relativi alla microstruttura diverse, vi è la necessità di valutare la loro sensibilità al passare del tempo con l’ausilio di tecniche accurate ed avanzate in modo da aggiornare gli standard ISO, in particolare per guadagnare la fiducia dei medici.

E’ possibile leggere l’abstract dei due  studi visitando  il seguente link:
http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/j.1551-2916.2009.03278.x/abstract
http://www.sciencedirect.com/ 
Di seguito riportiamo l’abstract originale in inglese:
Zirconia ceramics have found broad applications in a variety of energy and biomedical applications because of their unusual combination of strength, fracture toughness, ionic conductivity, and low thermal conductivity. These attractive characteristics are largely associated with the stabilization of the tetragonal and cubic phases through alloying with aliovalent ions.
The large concentration of vacancies introduced to charge compensate of the aliovalent alloying is responsible for both the exceptionally high ionic conductivity and the unusually low, and temperature independent, thermal conductivity.
The high fracture toughness exhibited by many of zirconia ceramics is attributed to the constraint of the tetragonal-to-monoclinic phase transformation and its release during crack propagation. In other zirconia ceramics containing the tetragonal phase, the high fracture toughness is associated with ferroelastic domain switching. However, many of these attractive features of zirconia, especially fracture toughness and strength, are compromised after prolonged exposure to water vapor at intermediate temperatures (30°–300°C) in a process referred to as low-temperature degradation (LTD), and initially identified over two decades ago.
This is particularly so for zirconia in biomedical applications, such as hip implants and dental restorations. Less well substantiated is the possibility that the same process can also occur in zirconia used in other applications, for instance, zirconia thermal barrier coatings after long exposure at high temperature. Based on experience with the failure of zirconia femoral heads, as well as studies of LTD, it is shown that many of the problems of LTD can be mitigated by the appropriate choice of alloying and/or process control.
By Vito Palumbo

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Fisica Sanitaria, Vol.: Source. 60, n. 6, pagine 859-862, 10 referenze, 1991
Abstract:
Questioni relative alla radioattività naturale in ossido di zirconio (1314234) in polvere utilizzati per applicazioni industriali sono stati discussi. La scoperta della radioattività naturale in polveri di ossido di zirconio ha sollevato una serie di preoccupazioni circa l'adeguatezza e l'applicabilità degli orientamenti esistenti normative. Le questioni normative sono state discusse. analisi ai raggi Gamma spettroscopica di due campioni delle polveri di lotti aperti hanno rivelato che essi contenevano 0,053% (in peso) di materiale radioattivo di origine costituito prevalentemente da uranio-238 (7.440.611) e piccole quantità di uranio-235 (15.117.961) e di torio-232 ( 7440291) (Th-232). Questo livello di radioattività collocati polveri di ossido di zirconio-marginalmente superiore alla soglia di licenza 0,05%. Implicazioni per la decontaminazione mandato legale di materiali contaminati da uranio naturale e impoverito e torio naturale sono stati considerati esposizioni esterne alle concentrazioni di uranio e le sue figlie presenti nelle polveri di ossido di zirconio-sembra essere dovuto trascurabile per il basso tasso di dose efficace.
La preoccupazione principale radiologico era la possibilità che la polvere di ossido di zirconio potrebbe diventare sospesi in aria come una polvere in una concentrazione superiore al limite OSHA respirabile composti di zirconio.
Calcoli di potenziali concentrazioni nell'aria hanno mostrato che dosi di radiazione a causa di uranio o Th-232 nella quantità di polvere di ossido di zirconio-ad appena il 15 e il 6% del limite Nuclear Regulatory Commission massimo consentito di 0,19 becquerel per metro cubo. Gli autori concludono che alcune polveri di ossido di zirconio utilizzata per applicazioni industriali contengono abbastanza significative quantità di uranio naturale.
Questa radioattività non sembra essere ben documentato e non possono essere considerati nei programmi di sicurezza sul lavoro. Lavorare con la polvere di ossido di zirconio non costituisce un serio rischio radiologico se rigide pratiche di igiene industriale sono osservati e il materiale viene trattato correttamente come un composto di zirconio.
vedi: http://toxnet.nlm.nih.gov/   

Articolo originale:
Health Physics
, Vol. 60, No. 6, pages 859-862, 10 references, 1991
Abstract:
Issues pertaining to natural radioactivity in zirconium-oxide (1314234) powders used for industrial applications were discussed. The discovery of natural radioactivity in zirconium-oxide powders raised a number of concerns about the adequacy and applicability of existing regulatory guidelines. Regulatory issues were discussed. Gamma ray spectroscopic analysis of two samples of the powders from unopened lots revealed that they contained 0.053% (by weight) radioactive source material consisting primarily of uranium-238 (7440611) and smaller amounts of uranium-235 (15117961) and thorium-232 (7440291) (Th-232). This level of radioactivity placed the zirconium-oxide powders marginally above the 0.05% licensing threshold. Implications for the legally mandated decontamination of materials contaminated with natural and depleted uranium and natural thorium were considered. External exposures from concentrations of uranium and its daughters present in the zirconium-oxide powders appeared to be negligible due to the low effective dose rate.
The principal radiological concern was the possibility that the zirconium-oxide powder could become suspended in air as a dust at a concentration exceeding the OSHA respirable zirconium compound limit. Calculations of potential airborne concentrations showed that radiation doses due to uranium or Th-232 in the zirconium-oxide powder amount to only 15 and 6% of the Nuclear Regulatory Commission maximum permissible limit of 0.19 becquerel per cubic meter. The authors conclude that some zirconium-oxide powders used for industrial applications contain fairly significant amounts of natural uranium.
This radioactivity does not appear to be well documented and may not be considered in industrial safety programs. Working with the zirconium-oxide powder should not present a serious radiological hazard if rigid industrial hygiene practices are observed and the material is treated properly as a zirconium compound.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

MATERIALI TOSSICI - MATERIALI CHE HANNO UN’ALTA TOSSICITA’= “NANOPARTICELLE, ZIRCONIA”
Materiali che hanno tantissime applicazioni e che comunque rimangono pericolosi.
Questi finiscono nel nostro sistema fisiologico non solo attraverso la normale respirazione, passano qualsiasi via di comunicazione come anche attraverso: la pelle, la saliva etc.
E’ la grande preoccupazione attuale e futura, tant’è che non esistono i presupposti risolutivi per eventuali nanopatologie.
http://www.ceramicstoday.com/articles/toxic_materials.htm
Dal sito: Ceramic Toxic Materials
Traduzione da Inglese verso Italiano
Ceramica materiali tossici
L'uso di questa pagina e le pagine Glaze sono soggetti ai Termini di Utilizzo.
A causa della necessità di una lista completa di tossici materiali ceramici in Rete, ho messo insieme le informazioni su questo argomento. Qui di seguito troverete un elenco di 35 comuni e non gli ingredienti tanto comuni in ceramica - le cose che abbiamo a che fare con su base giornaliera. Mentre la maggior parte di questa conoscenza è liberamente disponibile, la mia esperienza in varie scuole d'arte mi ha detto che la tossicità dei materiali ceramici non si sottolinea abbastanza.
Anche le cifre ben noto nel mondo della ceramica sono stati conosciuti per ignorare le regole di buon senso. Un episodio ben noto tragico fu Hans Copers morte per avvelenamento da manganese. Le istanze di emphesemia a causa di inalazione di polveri tra ceramisti è troppo alto - una malattia che è abbastanza facilmente evitata. Spero che questa lista sarà contribuire alla conoscenza disponibile sul tossine ceramica in rete.

Molte sostanze sono un problema per il vasaio durante la produzione, ad esempio, per contatto ed inalazione, altri nel prodotto finito. Un designa una sostanza che può essere pericolosa per la salute, sia attraverso l'inalazione o assimilazione attraverso la pelle. Alcune sostanze non deve essere utilizzato per la tavola, di solito a causa di lisciviazione.
Mentre il substaces elencati possono essere pericolosi, ciò non significa che non possono essere utilizzate a tutti - piuttosto che deve essere usata cautela ! Si noti che alcuni ingredienti elencati non può essere designato come tossico, ma può essere comunque pericolosi. Per dare un contributo a questo database, potete inviare una e.mail.

Un elenco completo di scheda di sicurezza (Material Safety Data Sheets) è disponibile qui:
http://avogadro.chem.iastate.edu/MSDS/.

Misure di sicurezza:
* Conoscere le materie avete a che fare con
* Indossare una maschera bene la polvere durante la manipolazione di materiali secchi
* Indossare guanti quando si toccano materiale crudo, asciutto o bagnato
* Evitare l'uso di materie prime particolarmente tossici, come piombo bianco. Usa invece fritte.
* Lavare le mani con cura dopo il contatto con materiali
* Indossare indumenti protettivi e lavarsi frequentemente
* Indossare una maschera antigas quando la riduzione o sale o soda fuoco banchi di lavoro di lavaggio * straccio bagnato e pavimenti studio
* Se smalti a spruzzo, indossare una maschera e utilizzare una cabina di verniciatura
* Mai mangiare o bere studio vicino o area di lavoro

Traduzione da Inglese verso Italiano
Ceramica materiali tossici
Elenco
- L'allumina è una polvere fastidio ai polmoni
- L'amianto provoca particolarmente brutto, fibrosi incurabile se inalato. Per saperne di più.
- Carbonato di bario
è una forma pericolosa di bario, come si forma solubile del cloruro nello stomaco e si accumula. Essa colpisce i muscoli, in particolare il cuore, aumentando la sua eccitabilità, con conseguente pressione alta e un'emorragia interna. Will penetrare nella pelle. Non consigliato per articoli alimentari, in quanto può percolare.

Vedi Feature articolo per ulteriori informazioni.
Borace esposizione cronica può causare asma, diarrea e malattie della pelle
- Cadmio
Usato come pigmento in smalti. Può causare malattie respiratorie, l'osteoporosi, il cancro ed altri problemi.
- Biossido di carbonio
Se il livello di ossigeno scende, l'udito diminuisce, il polso e la pressione arteriosa aumento. forme di anidride carbonica durante i processi di cottura di combustione.
- Monossido di carbonio combina nel corpo con l'emoglobina nel sangue e riduce la disponibilità di ossigeno al corpo. I sintomi come mal di testa, vertigini e senso di affaticamento apparire in persone sane in cui il 10% della loro emoglobina si combina con il monossido di carbonio. Può portare molto rapidamente alla sonnolenza, poi la morte. Forme durante licenziamenti riduzione pesante.
Per saperne di più.
- Cromati e acido cromico possono essere cancerogene. Anche entrare nel corpo attraverso la pelle.
- Cobalto ossido, carbonato può causare danni al fegato e dermatiti. Entrerà nel corpo attraverso la pelle.
- Rame sali sono irritanti per la pelle, occhi e mucose. L'inalazione di polveri di rame e dei risultati fumi irritazione delle vie respiratorie.
- Polveri in tutte le forme in studio dovrebbero essere evitati. Si accumulano nel corso degli anni e causare emphesemia - non una malattia bello avere. Faccia attenzione con silice.
- Solfito ferroso può essere fatale e deve essere evitato.
Coperta della fibra soprattutto nello stato licenziato può gettare invisibili fibre galleggianti che hanno effetti simili all'amianto.
- Gas da forni sale e forni riduzione, può causare problemi respiratori o addirittura acido corrosione del tessuto polmonare.
- Gomma arabica possono causare asma e infiammazioni degli occhi.
- Ferro cromato può portare a polmonite acuta e polmone provocano il cancro.
- La polvere di ossido di ferro è tossico per i bambini e possono causare "pigmentazione di ferro" dei polmoni, ma apparentemente benigno contenzioso.
- Caolino simile a silice.
- Piombo è un veleno cumulativo. Può essere conservato nella struttura ossea per anni prima di una dose mortale è accumulato. Attenzione alle disci-piombo prime, come il bianco o Yello piombo, che sono estremamente tossici. fritte piombo Usa invece. Non utilizzare per stoviglie.
- Gas di petrolio liquefatto può causare mal di testa, intorpidimento, brividi e vomito, ma è un rischio maggiore, in quanto esplosivo di inalazione.
- Ossido di Magnesio è considerato inoxious, ma le regole generali per le polveri sono ancora validi.
- Il manganese può causare danni al cervello e infine la morte. Will penetrare la pelle.
- Mica, moscovita, vermiculite, Lipidolite può contenere tracce di amianto. L'inalazione di polveri porterà a irritazione ai polmoni e la tosse, forse il cancro, pneumoconiosi, dispnea.
- Ossido di nichel può causare il cancro. Può provocare irritazione della pelle ('prurito nickel'). Will penetrare la pelle.
- Platinum possono causare asma.
- Dicromato di potassio / bicromato
è molto velenosa. Può causare insufficienza renale ed è cancerogeno. Evitate il contatto! Non consigliato per la tavola!
- Selenio colpisce il fegato.
- La silice è sempre presente nei materiali argillosi. inalazione ripetuta provoca silicosi potenzialmente fatale, o 'asma vasai', una forma di emphesemia. La molecola (soprattutto quando sparò) ha un 'gancio' che si attacca alla parete del polmone e si accumula e irrita.
- Sulpher biossido è un forte irritante polmonare e possono formare quando sali metallici di cottura solubili.
- Talco simile alla silice
- Tin Oxide può portare a 'stannosis', presumibilmente una condizione benigna. Per saperne di più.
- Biossido di titanio provoca irritazione polmonare in operai cronicamente esposti. Per saperne di più.
- Composti di uranio causare danni renali, per non parlare della radioattività.
- Pentossido di vanadio può causare anemia; un irritante delle vie respiratorie.

Per saperne di più anche qui.
- Ossido di Zinco principalmente una polvere fastidiosa, ma l'esposizione a elevate concentrazioni può provocare effetti sul sistema respiratorio.
- zirconio contatto della pelle con i composti di zirconio o di zirconio ha causato granulomi pelle in forma di striature lineari di piccole papule, causa anche granulomi polmonari dopo un'esposizione prolungata.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Odontoiatria:
Oggi, lo zirconio/a sostituisce la struttura portante di una protesi dentale, di solito le strutture vengono realizzate od in lega nobile, preziosa (questa e' la soluzione migliore, protesi che debbono essere inattivate successivamente), in cromo-cobalto od in lega al titanio, rivestite poi dalla ceramica; questa ha la possibilità di ripristinare nella forma e nei colori, la naturalezza dei denti naturali.
Nelle ultime ceramiche certamente ritroviamo piccole percentuali di elementi radioattivi come lo zirconio, ma la loro rilevanza in percentuale è insignificante, è talmente bassa che non può essere calcolata.

Ecco cosa afferma l'associazione degli odontotecnici italiani:
"Lo zirconio è l'elemento chimico di numero atomico 40. Il suo simbolo è Zr. È un metallo di transizione bianco-grigio, duro, il cui aspetto ricorda quello del titanio.
I tessuti umani tollerano facilmente questo metallo, che quindi è adatto per giunti e protesi artificiali impiantabili, nonche nella realizzazione di strutture per protesi dentarie. (da Wikimedia)
In campo dentale ne viene utilizzato l'ossido quindi ossido di zirconio (parlare di ossido di Zirconio o Zirconia è la stessa cosa). Molto apprezzato per le proprietà meccaniche ed il colore bianco che in sostituzione del colore grigio dei metalli offre la possibilità di realizzare protesi altamente estetiche"
.
Tratto da: http://www.odontotecnici.net/dossier/Zirconio.htm


Ecco cosa afferma un fabbricante:
"La solubilità di Cercon base e, conseguentemente, il rilascio di ioni nel corpo umano è estremamente basso. Essa raggiunge, in test condotti con differenti acidi e con idrossido di sodio, un massimo di 10 ug/cm3 in un periodo di 320 giorni.
51% NaOH 320 giorni 36% HCI 320 giorni 92% H2 SO4 320 giorni
10 ug/cm3 10 ug/cm3 3 ug/cm3

In comparazione gli standard DIN EN ISO 9693 (12/2000) Restauri Denta// con Sistemi di Metallo Ceramica permettono una solubilità massima della ceramica dentale pari a 10 ug/cm3 in un periodo di 16 ore.
Questo significa un valore pari a 48000 ug/cm3 in un periodo di 320 giorni, paragonato ai 10 ug/cm3 rilasciati da Cercon base."

"L'ossido di zirconio non possiede una radioattività propria, ma può contenere tracce di ossido di uranio ed ossido di torio.
Il livello di radioattività di ogni lotto di ossido di zirconio utilizzato per la fabbricazione di Cercon base è controllato da un laboratorio indipendente: il valore massimo tollerato è di 0,03 Bq/g (bequerel/grammo) per Th-232 e U-238. La saliva umana possiede una radioattività pari a 0,025 Bq/g.
Pertanto Cercon base non provoca un aumento di radioattività nel corpo umano."

Commento NdR: facciamo notare che:
1 - “il rilascio di ioni nel corpo umano è estremamente basso”, cio’ significa che comunque vi e’ emissione di ioni nell’organismo e NESSUNO puo’ affermare che siano innocui e non interferiscano con i processi biochimici del corpo ! Inoltre si conferma che anche gli altri prodotti rilasciano ioni e quindi NON sono innocui.

2 - “L'ossido di zirconio non possiede una radioattività propria, ma può contenere tracce di ossido di uranio ed ossido di torio……” - questa e’ la conferma che vi sono tracce di ossido di uranio e torio.
Ma se gia’ l’organismo ha una sua radioattivita’ di base, qualsiasi altra radioattivita’ puo’ interferire con i processi biologici dell’organismo. NESSUNO puo' affermare il contrario !...."il valore massimo tollerato..."
3 - E poi cosa grave che e’ il produttore stesso che afferma che il Suo prodotto e’ innocuo ? -  ma vi rendete conto di quanto sia grave questa cosa ?? e’ come chiedere all’oste se il suo vino e’ buono o meno
Dove sono gli studi che dimostrano la sua innocuita' nel corso degli anni ??

4 - Nella lega Zirconio/a c'è anche l'Yttrio (Ittrio), è molto importante perchè, per prima cosa è oltre che radioattivo, secondo viene inserito nella lega per il semplice motivo che, la lega allo zirconio per problemi idrotermici nel tempo perde la sua capacità di sintesi  quindi dissocia, la presenza dell'Ittrio ne arricchisce le caratteristiche di sinterizzazione, ma comunque nel tempo va incontro a trasmigrazione ionica.....

5 - Per quanto concerne le leghe metalliche esse hanno una lunga storia e di contraddizioni (vedi ricerche sulla tossicità ecc.) chi la racconta in un modo e chi in altro, questo nell'arco di 5 secoli, per quanto concerne la zirconia al momento di documentazione positiva (di innocuita') non esiste, mentre contro (negativa) gia' esiste, vedere in Google "zirconia problems"; per quanto riguardo gli insuccessi con le teste femorali, la dott.essa Gatti dell'Università di Modena, ha identificato tracce di allumina in una lesione orale e tracce di zirconio/a in una lesione all'intestino !

6 - Ricordiamo anche che ogni protesi introdotta in bocca e/o nel corpo, che contenga leghe metalliche basate su legami ossigeno, sono pericolose in quanto l'ossigeno (potente ossidante) permette ai metalli della lega il rilascio di ioni che sicuramente interferiscono con le reazioni biochimiche dell'organismo !

Links utili:
Ricerca principale:
http://www.google.com/search?client=firefox-a&rls=org.mozilla:it:official&channel=s&hl=it&q=zirconia+problems&lr=&btnG=Cerca+con+Google
http://www.fda.gov/bbs/topics/ANSWERS/2001/ANS01102.html&sa=X&oi=translate&resnum=3&ct=result&prev=/search%3Fq%3Dzirconia%2Bproblems%26hl%3Dit%26lr%3D%26client%3Dfirefox-a%26channel%3Ds%26rls%3Dorg.mozilla:it:official%26hs%3DuN5%26sa%3DG
Importante: http://www.tga.gov.au/docs/html/qa_prosth.htm    
http://www.fda.gov/bbs/topics/ANSWERS/2001/ANS01102.html
http://www.ingentaconnect.com/content/els/09254005/1996/00000031/00000003/art80058

http://www.sciencedirect.com/science?_ob=ArticleURL&_udi=B6TX0-4625MGW-H&_user=10&_coverDate=12%2F31%2F2002&_rdoc=1&_fmt=&_orig=search&_sort=d&view=c&_acct=C000050221&_version=1&_urlVersion=0&_userid=10&md5
=6be31bc33287a5a69c4bee73196a0883

Zirconia arrichita con Ittrio: http://adsabs.harvard.edu/abs/2002AGUSM.V21B..12M

IMPORTANTE: in Germania, due aziende abbastanza grosse hanno ritirato lo zirconio (lega agli ossidi di zirconio/a, truffaldinamente pubblicizzata metal free) dal mercato, il motivo ? perche' e' TOSSICO !
Questo provocherà un effetto domino e danni
....molti odontotecnici e medici sono ricorsi ai legali per capire come pararsi, come salvarsi dalle future cause ..
Abbiamo letto che su una rivista del settore edile, si utilizza lo zirconio, che è altamente tossico, peggio dell'amianto.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

ZIRCONIA
"Ho iniziato  la rimozione delle amalgami con mercurio sostituendole con le nuove otturazioni in resina, convinto dei che possono provocare molti danni al mio organismo (ho parecchie otturazioni). Mi sono affidato ad un medico dentista che adotta le precauzioni necessarie per l'asportazione delle amalgami in maniera corretta.
Mi sono trovato durante questo cammino a dover inserire un ponte, il medico mi ha consigliato di installare un ponte in zirconio, dicendomi che il miglior materiale metal-free in commercio
. Leggendo in questi giorni degli articoli anche su internet, sono particolarmente preoccupato".
Alcuni articoli sono firmati a nome dell'odontoiatra Rosario Muto, in cui accusa che l'utilizzo dello zirconio (zirconia è sbagliato, perchè :
1) materiale radioattivo
2) materiale scarto di centrali nucleari, ecc.

TROVATA SOLUZIONE NON TOSSICA per ELIMINAZIONE dei fenomeni di elettrolisi delle Protesi Dentarie
Secondo alcuni odontoiatri, bisogna contrastare la diffusione delle leghe agli ossidi di Zirconia, sono tossiche e radioattive, le aziende le stanno pubblicizzando per ceramiche integrali, altro che non è una lega metallica a base di: zirconio, yttrio, ossigeno, titanio e alluminio.
Le leghe agli ossidi di zirconia, di zirconio, sono strutture composte da più elementi e ricavati da processi chimici, proprio per la loro provenienza e per ...

In google e digitare: zirconia problems, c'è un allarme generale, dagli anni 80 a oggi, sono saltate tutte le teste femorali in lega agli ossidi di zirconia, la federconsumatori  se ne sta occupando, come anche la comunità EU ma, con quali risultati ?
By rosario.muto@tiscali.it

Commento NdR: pero' vi sono altri studiosi che non sono completamente d'accordo con queste affermazioni, in quanto certi processi tecnologici di preparazione e di lavorazione non permettono alla lega di Zirconia di essere tossica ne' radioattiva (controllata con contatore geiger)... comunque siccome i processi biologici sono molto piu' complessi e' molto meglio evitare di immettersela in bocca, e cio' per sicurezza, anche perche' non ci sono ancora stati degli studi seri ed indipendenti, che certifichino la sua innocuita' !

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Vitrification
Vitrification has a long track record as a process for immobilizing nuclear waste and is being used at national facilities such as the Savannah River Site and West Valley Demonstration Project. At the Idaho National Engineering and Environmental Laboratory (INEEL), research on waste vitrification has been conducted since the 1960s. The method consists of mixing the high-level waste (HLW) with glass powders (''frit"), melting the mixture at high temperature (e.g., 1150 °C)1 in a joule-heated melter lined with ceramic brick,2 and pouring the melt into waste containers. After cooling, the resulting nuclear waste glass products are generally homogeneous, noncrystalline materials with high chemical durability. They are essentially free from an undissolved crystalline phase but can contain some precipitated crystalline phases and separated amorphous phases as minor phases to the extent that their overall chemical durability is not affected adversely.

This chapter begins by evaluating the vitrification plans for the INEEL HLW and associated developmental studies that were contained in presentations to the committee and in various technical reports cited below.
The nonseparation option avoids chemical separation steps by vitrifying the solid calcine directly. The separation option vitrifies the high-activity waste streams resulting from calcine dissolution (including undissolved solids; see Chapter 2) followed by chemical separations processing (see Chapter 3). These two options, and the status of developmental testing conducted to support them, are discussed below in greater detail. Both of these options use continuous, joule-heated melters and borosilicate-based glass compositions.

The chapter ends with a discussion of potential problems for these vitrification approaches, and mentions possible solutions.
A fuller treatment of technological alternatives is deferred to Chapter 7, following discussion in Chapters 6-7 of other immobilization approaches. That discussion does not summarize all emerging and viable vitrification techniques such as plasma furnaces or induction-heated cold crucible melters that can be considered for highly refractory materials, but focuses on some developments that in the committee's view were worthy of further consideration for application on INEEL HLW.
Tratto da: http://books.nap.edu


Un paziente ci scrive in questi termini:

"I sintomi sono questi: mi sveglio di notte ogni 2 ore e sento un aumento dei battiti cardiaci.

Di giorno invece mi sento tutto sommato abbastanza bene.

Ovviamente la cosa non puo' andare avanti per sempre cosi'.
Il problema e' che pero' se vado da un altro dentista e mi spacca veramente la capsula, poi per rifarla devo pagarla a prezzo pieno (e' una capsula grande che prende 2 denti, quindi ha il prezzo di 2 capsule).
Da lui invece spero che all'eventuale cambio capsula, non mi faccia pagare il prezzo pieno.
Ho letto pero' qualcosa sulla neuralterapia dove si parla delle correnti galvaniche e dei denti devitalizzati in genere e si dice che si possono avere problemi di vario genere a prescindere dal materiale che si usa per la capsula."

Un'altro paziente scrive: Gent.mo.......(omissis),
Le scrivo per una consulenza in merito alla possibilità di effettuare il procedimento da Lei consigliato
per limitare gli effetti nocivi di ossidazione di un incapsulamento in zirconio, ormai terminato ed applicato
da oltre 3 mesi.
Da quando ho effettuato l'incapsulamento con lega in zirconio (4 incisivi superiori) accuso infatti mal di testa, ho un mal di gola cronico con tanto di linfonodi ingrossati ... senza essere tragici non mi sento troppo bene.
Vorrei sapere a chi mi posso rivolgere a Milano per poter sostituire il lavoro fattomi fare ( di un estetica impeccabile ) ma con evidenti controindicazioni in salute con un altro altrettanto soddisfacente ma sottoposto al procedimento TTSVGEL.
Il mio dentista infatti non è disposto  ad accettare la versione di intossicazione da zirconio, continuando a sostenere la sua assoluta atossicità.
Visto le spese appena sostenute per il precedente lavoro sono inoltre costretta a chiedere un eventuale preventivo o costo indicativo.
Ringraziando per l'assistenza offerta rimango in attesa di suo cortese riscontro

Un medico, professore in chirurgia:

Buongiorno, sono il prof. Di Paola primario chirurgo dell'ospedale di Bracciano, Roma. Un nostro paziente, dopo aver posizionato una protesi al zirconio lamenta fastidiosissimi sapori metallico-dolciasatri, in bocca specie al mattino. E' duratura la sintomatologia o potrebbe regredire ? Si può far qualcosa per ridurla ?
grazie.
Prof Di Paola


Un dentista:
Sono un dentista, in questi ultimi tempi sto utilizzando sempre piu' zirconio per weener.
Ho pero' un grosso problema con una paziente dopo che è stata effettuata una arcata sup. in zirconio: arrossamento della  gengiva, la paziente lamenta sensibilita' ossea zona anteriore, l'assurdo che ha pure un ponte inf. da 47 a 45 sempre in zirconio. la differenza l'arcat sup. e' stata eseguita in zirconio bianco e poi successivamente  opacizzata, ora mi ritrovo nella situazione di dover smontare tutto, inserire un provvisorio in resina e attendere la guarigione dei tessuti molli; successivamente dovro' rifare l'arcata.
Tu cosa mi consigli oro-ceramica ?
Altra domanda esistono dei test per verificare se il paziente è allergico allo zirconio ? oppure conviene ritornare all'utilizzo di oro-ceramica per tutti ? aspetto una risposta.
Grazie.

Un paziente:

Mi chiamo (Omissis) ho 33 anni, abito a Roma (Italy) - Mag. 2011
,Circa 3 anni fa' mi hanno istallato una capsula molare sull'arcata superiore (26)...dopo poco tempo ho cominciato ad avere dei fastidi, che all'inizio non sapevo neppure descrivere; dopo diverse segnalazione al mio dentista, mi e' stato detto che forse avevo un'allergia ai materiali utilizzati...dopo circa 1 anno ho cambiato dentista...nel mentre avevo iniziato ad avere dei formicolii al braccio sinistro e dolori al petto.

Pensando ad un principio d'infarto sono andato al pronto soccorso. Dopo una notte sotto osservazione ed i dovuti controlli, mi hanno detto che avevo un cuore perfetto da agonismo....poi ho fatto una ricerca su Internet ed ho trovato i vostri argomenti riguardanti la Zirconia... i sintomi c'erano tutti, compreso il formicolio al braccio sx, legato all'anello di fede portato all'anulare (che ho dovuto togliere.
Hop preso una decisione drastica e cioe' quella di estrarre anche la radice del dente...ora sto un po' meglio, ma ho spesso (soprattutto nel primo pomeriggio dopo pranzo) un sapore di ferro ed un fastidio localizzato sul punto di estrazione...la mattina quando mi alzo, non  ho problemi, poi man mano che passa la giornata aumenta il disturbo
La storia gliel'ho fatta molto corta...mi chiedevo se c'era una soluzione definitiva al problema. mi aiuti, grazie.


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Composti di zirconio (come Zr)
CAS 
7440-67-7 (Metal)
Zr (Metal)
RTECS 
ZH7070000 (Metal)

Sinonimi & Trade Names 
Zirconio metallico: zirconio Sinonimi di composti di zirconio altre variano a seconda del composto specifico.
DOT ID & Guide 
1358 / 170 (polvere, umido) 1932 / 135 (rottami) 2008 / 135 (polvere, secca)

Esposizione Limiti
NIOSH REL *: TWA 5 mg / m3 ST 10 mg / m3 [* Nota: La REL si applica a tutti i composti di zirconio (come Zr), tranne tetracloruro di zirconio.]
OSHA PEL†: TWA 5 mg / m3 
IDLH 
50 mg / m3 (come Zr) Cfr.: INDEX IDLH

Conversione
Descrizione fisica 
Metallo: morbido, malleabile, duttile, solido o il grigio per l'oro, polvere amorfa.
Metallo: Combustibile, ma forma solida è difficile da accendere, ma sotto forma di polvere può accendersi spontaneamente e può continuare a bruciare sotto l'acqua.

Incompatibilità e reattività 
nitrato di potassio, ossidanti [nota: Polvere fine possono essere conservati completamente immerso in acqua.]

Metodi di misura 
NIOSH 7300, 7301, 9.102; OSHA ID121  See: Metodi NMAM o OSHA

Sintomi 
Skin (pelle), granulomi ai polmoni; negli animali: irritazione della pelle, le mucose, le prove a raggi X di ritenzione nei polmoni
Organi bersaglio: Pelle, le vie respiratorie ed altro non studiato.

SCHEDA dello Zirconio - Carlo Erba
Scheda di sicurezza ai sensi della Dir.2001/58/CE recepita dal D.M. 7/9/2002
Stampato il: 30.04.2003 Vers. N° 1 Data di aggiornamento: 30.04.2003

# * 1 Identificazione della sostanza/preparato e della società/impresa
* Dati del prodotto
* Formula molecolare: ZrO(NO3)2
* Denominazione commerciale: Zirconile nitrato
* SDS N°: CH1160
* Utilizzazione della Sostanza / del Preparato Reagente per Laboratorio
* Produttore/fornitore: Carlo Erba Reagenti, Strada Rivoltana Km 6/7 - 20090 Rodano

* Informazioni fornite da: Q.A / Normative
# * 2 Composizione/informazione sugli ingredienti
* Caratteristiche chimiche:
Numero CAS
14985-18-3 zirconio nitrato ossido
* Numero/i di identificazione
* Numero EINECS: 237-529-3
* Numero CEE: 056-002-00-7

# * 3 Identificazione dei pericoli
* Classificazione di pericolosità:
Xi Irritante
O Comburente
* Indicazioni di pericolosità specifiche per l'uomo e l'ambiente:
R 8 Può provocare l'accensione di materie combustibili.
R 36/37/38 Irritante per gli occhi, le vie respiratorie e la pelle.

# * 4 Interventi di primo soccorso
* Inalazione:
Se il soggetto è svenuto provvedere a tenerlo durante il trasporto in posizione stabile su un fianco.
* Contatto con la pelle:
Lavare immediatamente con acqua e sapone sciacquando accuratamente.
* Contatto con gli occhi:
Lavare con acqua corrente per diversi minuti tenendo le palpebre ben aperte Se persiste il dolore consultare il medico.
* Ingestione: Non provocare il vomito, chiamare subito il medico.

# * 5 Misure antincendio
* Mezzi di estinzione idonei:
CO2, polvere o acqua nebulizzata. Estinguere gli incendi di grosse dimensioni con acqua nebulizzata o con schiuma resistente all'alcool.
* Rischi specifici dovuti alla sostanza, ai suoi prodotti della
combustione o ai gas liberati:
Favorisce la combustione.
Fumi contenenti ossidi metallici.
Ossidi d'azoto (NO + NO2)
* Mezzi protettivi specifici: Non inalare i fumi.
# 6 Provvedimenti in caso di dispersione accidentale
* Misure cautelari rivolte alle persone:
In caso di vapori/polvere/aerosol adottare protezioni respiratorie.
* Misure di protezione ambientale:
Non sono richiesti provvedimenti particolari.
* Metodi di pulitura/assorbimento:
Raccogliere con mezzi meccanici.
Provvedere ad una sufficiente areazione.
Per polveri fini usare un aspirapolvere.

# * 7 Manipolazione ed immagazzinamento
* Manipolazione:
* Indicazioni per una manipolazione sicura:
In caso di formazione di polvere procedere all'aspirazione.
* Indicazioni per prevenire incendi ed esplosioni:

Esplosivo in miscele con sostanze organiche.
* Stoccaggio:
* Requisiti dei magazzini e dei recipienti:
Non sono richiesti requisiti particolari.
* Indicazioni sullo stoccaggio misto:
Non conservare a contatto con sostanze infiammabili.
* Ulteriori indicazioni relative alle condizioni di immagazzinamento:
Mantenere i recipienti ermeticamente chiusi.

# * 8 Protezione personale / controllo dell'esposizione
* Ulteriori indicazioni sulla struttura di impianti tecnici:
Nessun dato ulteriore, vedere punto 7.
* Componenti i cui valori limite devono essere tenuti sotto controllo
negli ambienti di lavoro:
Zirconile nitrato
TLV: Valore a breve termine: 10 mg/m3
Valore a lungo termine: 5 mg/m3 (Zr)
* Ulteriori indicazioni:
Le liste valide alla data di compilazione sono state usate come base.
* Mezzi protettivi individuali: -
* Norme generali protettive e di igiene del lavoro:
Tenere lontano da cibo, bevande e foraggi.
Togliere immediatamente gli abiti contaminati.
Lavarsi le mani prima dell'intervallo o a lavoro terminato.
Evitare il contatto con gli occhi e la pelle.
* Maschera protettiva:
Nelle esposizioni brevi e minime utilizzare la maschera; nelle esposizioni più intense e durature indossare l'autorespiratore.
Filtro P2, in caso di lavorazioni che producono polvere.
* Guanti protettivi: Guanti protettivi
* Materiale dei guanti Guanti leggeri monouso in PVC o PE
* Tempo di permeazione del materiale dei guanti
Richiedere dal fornitore dei guanti il tempo di passaggio preciso il quale deve essere rispettato.
* Occhiali protettivi: Occhiali protettivi a tenuta

# * 9 Proprietà fisiche e chimiche
* Peso molecolare: 231,23 (anidro)
* Forma: Cristallino
* Colore: Bianco
* Odore: Inodore
* Valore/Ambito Unità Metodo
* Cambiamento di stato
* Temperatura di fusione/ambito di fusione:
Non definito.
* Temperatura di ebollizione/ambito di ebollizione:
Non definito.
* Punto di infiammabilità: Non applicabile.
* Infiammabilità (solido, gassoso):
Può provocare l'accensione di materie combustibili.
* Pericolo di esplosione:
Esplosivo in miscela con materie combustibili.
* Densità: Non definito.
* Solubilità in/Miscibilità con
* acqua: Facilmente solubile.
* solventi organici: Insolubile

# *10 Stabilità e reattività
* Decomposizione termica/ condizioni da evitare:
Il prodotto non si decompone se utilizzato secondo le norme.
* Reazioni pericolose
Reazioni con perossidi e altri formatori di radicali.
Decomposizione di acqua ossigenata.
Può reagire pericolosamente con sostanze riducenti o infiammabili in massa.
* Prodotti di decomposizione pericolosi:
Non sono noti prodotti di decomposizione più pericolosi del prodotto stesso.

# 11 Informazioni tossicologiche
* Tossicità acuta:
Valori LD/LC50 rilevanti per la classificazione:
Orale: LD50: 2500 mg/kg (ratto)
* Irritabilità primaria:
* sulla pelle: Irrita la pelle e le mucose.
* sugli occhi: Classificato irritante.
* Sensibilizzazione: Non si conoscono effetti sensibilizzanti.
* Ulteriori dati (relativi alla tossicità sperimentale):
Non disponibili altri dati rilevanti.

# *12 Informazioni ecologiche
* Dati sulla eliminazione (persistenza e biodegradabilità)
* Ulteriori indicazioni: Dati non reperiti.
* Effetti tossici per l'ambiente:
Tossicità acquatica:
prevedibilmente non rilevante.
* Ulteriori indicazioni:
Non si conoscono dati di pericolosità per le acque (Classificazione tedesca - WGK).

# 13 Osservazioni sullo smaltimento
* Prodotto:
* Consigli:
Non smaltire il prodotto insieme ai rifiuti domestici Non immettere nelle fognature.
Riciclare se possibile altrimenti rivolgersi ad azienda autorizzata per smaltimento rifiuti industriali.
* Imballaggi non puliti:
* Consigli:
Smaltimento in conformità con le disposizioni amministrative.
Lavare con acqua da inviare a depurazione e smaltimento.

# *14 Informazioni sul trasporto
* Trasporto stradale/ferroviario ADR/RID (oltre confine):
* Classe ADR/RID-GGVS/E: 5.1 Materie comburenti
* Numero Kemler: 50
* Numero ONU: 1477
* Gruppo di imballaggio: II
* Descrizione della merce:

1477 NITRATI, INORGANICI, N.A.S. (zirconio nitrato ossido)
* Trasporto marittimo IMDG:
* Classe IMDG: 5.1
* Numero ONU: 1477
* Label 5.1
* Gruppo di imballaggio: II
* Numero EMS: F-A,S-Q
* Denominazione tecnica esatta:

NITRATES, INORGANIC, N.O.S.
* Trasporto aereo ICAO-TI e IATA-DGR:
* Classe ICAO/IATA: 5.1
* Numero ONU/ID: 1477
* Label 5.1
* Gruppo di imballaggio: II
* Denominazione tecnica esatta:

NITRATES, INORGANIC, N.O.S.

# *15 Informazioni sulla normativa
* Classificazione secondo le direttive CE:
Il prodotto è classificato e codificato conformemente alle direttive CE / norme sui prodotti pericolosi / dir. 67/548 28° adeguamento e direttive 1999/45/CE e 2001/60/CE preparati pericolosi.
* Sigla ed etichettatura di pericolosità del prodotto:
Xi Irritante O Comburente
* Natura dei rischi specifici (frasi R):
8 Può provocare l'accensione di materie combustibili.
36/37/38 Irritante per gli occhi, le vie respiratorie e la pelle.
* Consigli di prudenza (frasi S):
17 Tenere lontano da sostanze combustibili.

# 16 Altre informazioni
I dati sono riportati sulla base delle nostre conoscenze attuali, non rappresentano tuttavia alcuna garanzia delle caratteristiche del prodotto e non motivano alcun rapporto giuridico contrattuale.
* Scheda rilasciata da: Q.A / Normative
* Interlocutore: Telefono di emergenza: 0039 2 953251
* Riferimenti bibliografici

ECDIN (Environmental Chem. Data and Information Network)
IUCLID (International Uniform Chemical Information Database)
NIOSH - Registry of Toxic Effects of Chemical Substances
Roth - Wassergefährdende Stoffe
Verschueren - Handbook of Environmental Data on Organic Chemicals
ChemDAT - Safety Data Sheets from E.Merck on CD-ROM
Merian - Metals and their compounds in the environment
* * Dati modificati rispetto alla versione precedente

Alla fine della scheda compare questa scritta....:
"I dati sono riportati sulla base delle nostre conoscenze attuali, non rappresentano tuttavia alcuna garanzia delle caratteristiche del prodotto e non motivano alcun rapporto giuridico contrattuale".

Commento
NdR: Questo significa che i produttori si mantengono nel vago, perche' sono nella più totale ignoranza e quindi vogliono pararsi....il di dietro....

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

A proposito dello zirconio e i suoi composti:

MINISTERO DELLA SANITA' - DECRETO 17 agosto 2000
Aggiornamento degli elenchi allegati alla legge 11 ottobre 1986, n. 713, sulla produzione e la vendita dei cosmetici, in attuazione delle direttive della Commissione dell'Unione europea 2000/6/CE e 2000/11/CE.

IL MINISTRO DELLA SANITA' DI CONCERTO CON
IL MINISTRO DELL'INDUSTRIA DEL COMMERCIO E DELL'ARTIGIANATO

VISTA la legge 11 ottobre 1986, n. 713, modificata con decreto legislativo 10 settembre 1991, n.300 e con decreto legislativo 24 aprile 1997, n. 126, recante norme per l'attuazione delle direttive della Comunita' economica europea sulla produzione e la vendita dei cosmetici;

VISTO, in particolare, l'articolo 2, comma 6, della predetta legge, il quale stabilisce che gli elenchi e le prescrizioni di cui agli allegati della stessa sono aggiornati, tenuto conto anche delle direttive dell'Unione Europea, con decreto del Ministro della sanita', di concerto con il Ministro dell'industria, del commercio e dell'artigianato;

VISTI i decreti ministeriali 24 gennaio 1987, n.91, 24 novembre 1987, n. 530, 28 dicembre 1988, 15 gennaio 1990, 3 settembre 1990, 25 settembre 1991, 30 dicembre 1992, 16 luglio 1993, 29 ottobre 1993, 2 agosto 1995, 2 settembre 1996, 24 luglio 1997, 22 gennaio 1999 e 11 giugno 1999 pubblicati rispettivamente nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 65 del 19 marzo 1987, nel supplemento ordinario n. 3 alla Gazzetta Ufficiale n. 303 del 30 dicembre 1987, nella Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 48 del 27 febbraio 1989, nella Gazzetta Ufficiale - serie generale. n. 58 del 10 marzo 1990, nella Gazzetta Ufficiale - serie generale, n. 255 del 31 ottobre 1990, nello Gazzetta Ufficiale - serie generale n. 299 del 21dicembre 1991, nella Gazzetta Ufficiale - serie generale, n. 28 del 4 febbraio 1993, nella Gazzetta Ufficiale serie generale - n. 177 del 30 luglio 1993, nella Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 37 del 15 febbraio 1994, nella Gazzetta Ufficiale, serie generale - n.301 del 28 dicembre 1995, nella Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 213 dell'11 settembre 1996, nella Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 233 del 6 ottobre 1997, nella Gazzetta Ufficiale – serie generale - n. 78 del 3 aprile 1999 e nella Gazzetta Ufficiale - serie
generale - n. 151 del 30 giugno 1999, con i quali si e' provveduto ad aggiornare gli elenchi allegati alla legge n. 713/1986, anche in attuazione delle direttive della Commissione delle Comunita' europee numeri 85/391/CEE, 86/179/CEE, 86/199/CEE, 87/137/CEE, 88/233/CEE, 89/174/CEE, 90/121/CEE, 91/184/CEE, 92/8/CEE, 92/86/CEE, 93/47/CEE, 94/32/CE, 95/34/CE, 96/41/CE, 97/1/CE, 97/45/CE, 98/16/CE e 98/62/CE:

VISTO il decreto ministeriale 8 maggio 1996, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale serie generale n. 114 del 17 maggio 1996:
RITENUTA la necessita' di Modificare ulteriormente gli allegati della legge citata in attuazione delle direttive 2000/6/CE e 2000/11/CE, adottate dallo Commissione delle Comunita' europee rispettivamente in data 29 febbraio 2000 e 10 marzo 2000.

VISTO il parere espresso dall'Istituto Superiore di Sanita' con la note prot n.021747/TOC12-CHF datato 25 maggio 2000

DECRETA

Art. 1.
1. Agli allegati, della legge 11 ottobre 1986, n. 713, modificata dal decreto legislativo 10 settembre 1991, n. 300, e dal decreto legislativo 24 aprile 1997, n. 126, sono apportate le modifiche previste dagli articoli seguenti.

Art. 2.
1. Nell'allegato II, contenente l'elenco delle sostanze che non possono entrare nella composizione dei prodotti cosmetici, da ultimo modificato con decreto ministeriale 11 giugno 1999, sono soppressi i seguenti numeri d'ordine:
362. 3'-etil-5',6',7',8'-tetramentil-2'- acetonoftalene (acetil-etil-tetrametil-tetralina) (AETT);
365. Acido aristolochico e suoi sali;
366. Zirconio e suoi composti, esclusi i complessi che figurano con il numero d'ordine 52 nell'allegato III, prima parte, le lacche, i pigmenti o i sali di zirconio dei coloranti che figurano, con il riferimento (3) nell'allegato III, parte seconda e nell'allegato IV, parte seconda;
376. Minoxidil, suoi sali e derivati.
377. 2,3,7,8-Tetraclorodibenzo-p-diossina;
382. 3,4',5-Tribromosalicilanilide (tribromsalan);
383. Fitolacca Species e loro preparati;
389. 11-alfa-idrossipregn-4-ene-3,20-dione e tutti i suoi esteri;
390. Colorante C I 42 640;
394. Antiandrogeni a struttura steroidea;
395. Acetonitrile;
396. Tetraidrozolina e suoi sali;
2. Nello stesso allegato II sono aggiunti i seguenti numeri d'ordine:
362. 3'-etil-5',6',7',8'-tetraidro-5',6',8',8'-tetrametil-2'-acetonaf talene (acetil-etil-tetrametil-tetralina) (AETT);
1-[2-(3-etil-5,6,7,8-tetraidro-5,5,8,8-tetrametil)naftalenil]eta none;
1,1,4,4-tetrametil-6-etil-7-acetil-1,2,3,4-tetraidronaftalene; [88-29-9];
365. Acido aristolochico e suoi sali; acido 8-metossi-6-nitrofenantro[3,4-d]-1,3-diossolo-5-carbossilico[313
-67-7]; Aristolochia Spp. e suoi preparati;
366. Zirconio e suoi derivati, ad eccezione delle sostanze che fanno capo al numero d'ordine 52 dell'allegato III, parte prima e di lacche, pigmenti o sali di zirconio dei coloranti che figurano nell'allegato IV, parte prima, con il riferimento "3";  [7440-67-7];
376. 6-(1-piperidinil)-2,4-pirimidindiammina-3-ossido (Minoxidil) e suoi sali; [38304-91-5];
377. 2,3,8-Tetraclorodibenzo-p-diossina;
2,3,7,8-tetraclorodibenzo[b,e][1,4] diossina: [1746-01-61];
382. 3,4'5-Tribromosalicilanilide;
3,5-dibromo-N-(4-bromofenil)-2-idrossibenzammide; [87-10-5];
383. Fitolacca (Phytolacca Spp.) e suoi preparati;
389. 11-alfa-idrossipregn-4-ene-3,20-dione- e suoi esteri; [80-75-1;
390. Colorante C1.42 640: sale sodico di
N-[4-[[(dimetilammino)fenil][4-[etil(3-sulfofenil)metil]ammino]fenil]metilen]-2,5-cicloesadien-1-iliden]-N-etil-3-sulfobenzenmet anamminio idrossido, sale interno; [1694-09-3];
394. Antiandrogeni a struttura steroidea;
395. Acetonitrile, [75-05-8];
396. Tetroidrozolina e suoi sali;
4,5-diidro-2-(1,2,3,4-tetraidro-1-natftalenil)-1H-imidazolo;
Tetrizolina (DC It); [84-22-0];
3. Nello stesso allegato II il primo trattino del paragrafo b) del numero d'ordine 422 e' sostituito dal seguente:
"Transesterificazione o idrolisi ad un minimo di 200o C e sotto pressione corrispondente adeguata, per 20 minuti (glicerolo, acidi grassi ed esteri degli acidi grassi)";
Art. 3
1. Nell'allegato III, parte prima, da ultimo modificato con decreto ministeriale 11 giugno 1999, il numero d'ordine 1 e' modificato come indicato nella seguente tabella:

Art. 4
1. Nell'allegato V, sezione prima, parte prima, da ultimo modificato con decreto ministeriale 11 giugno 1999, si aggiungono i seguenti numeri d'ordine:

Art. 5.
I prodotti cosmetici non conformi alle disposizioni previste dal presente decreto non possono essere messi in commercio da produttori e importatori a decorrere dalla data di entrata in vigore del
presente decreto e non possono essere venduti ne' ceduti al consumatore finale a decorrere dal 1 gennaio 2001.
Il presente decreto sara' trasmesso alla Corte dei conti per la registrazione e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
Roma, 17 agosto 2000
Il Ministro della sanità: Veronesi
Il Ministro dell'industria
del commercio e dell'artigianato: Letta
Registrato alla Corte dei conti il 2 ottobre 2000
Registro n. 2 Sanità, foglio n. 158

Vedi ISS Ist. Sup. di Sanita'
Determinazione di elementi inorganici di interesse tossicologico in matrici ambientali, biologiche e alimentari


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Salute e Medicina :Odontoiatria - Risponde il Dott. Maurizio Turchetta
Topic: La ceramica è tossica ? - Autore Messaggio moby.ts - Newbie - Postato: 28 Settembre 2009

Gentile dott. Turchetta, recentemente un dentista mi ha posizionato un ponte di titanio rivestito di ceramica (credo zirconia).  Poichè il ponte risultava alto,il dentista ha limato parecchio la ceramica, questo con il ponte già cementato. Naturalmente io sputavo fuori e sciacquavo la bocca,ma sicuramente un bel pò di questa ceramica è finita nel mio organismo.
Dal giorno successivo avverto strani sbandamenti e problemi di equilibrio. E' passata una settimana e questi disturbi sono ancora presenti. La causa di questi disturbi potrebbe dipendere dalla ceramica che è stata da me assorbita ? Se si,cosa devo fare ?
La ringrazio molto per la Sua cortese risposta.
Franco.

Messaggio Postato: 23 Ottobre 2009 alle 16:17
Al gentile dott. Turchetta, (che però non risponde) con le righe che seguono intendo solo informare e raccontare il seguito di quanto scritto in precedenza.
A distanza di 10 giorni dal posizionamento del ponte, gli sbandamenti con perdite di equilibrio sono spariti.  E' sparita anche un pò di polvere di Zirconia che si era attaccata in gola (e che dovevo continuamente grattare come si fa col catarro).
Desidero precisare che nella mia vita non ho mai avuto sbandamenti ! ! Poichè gli sbandamenti e la polvere sono arrivati e spariti assieme,attribuisco il disturbo da me sofferto alla polvere di Zirconia che il mio organismo ha assorbito.
La Zirconia è davvero innocua ? ? ?
Grazie per l'attenzione.

Dott.Turchetta a Newbie - Messaggio: 20 - Postato: 17 Novembre 2009

Buongiorno, mi scuso per la risposta data in ritardo. Sulla tossicità dello zirconia si discute da tempo, con opinioni discordi. Può farsela anche lei un'idea leggendo quello che le riporto nelle righe sottostanti.
Lo zirconio/a sostituisce la struttura portante di una protesi dentale, di solito le strutture vengono realizzate od in lega nobile, preziosa, in cromo-cobalto od in lega al titanio, rivestite poi dalla ceramica; questa ha la possibilità di ripristinare nella forma e nei colori, la naturalezza dei denti naturali.
Nelle ultime ceramiche certamente ritroviamo piccole percentuali di elementi radioattivi come lo zirconio, ma la loro rilevanza in percentuale è insignificante, è talmente bassa che non può essere calcolata.
Ecco cosa afferma l'associazione degli odontotecnici italiani: "Lo zirconio è l'elemento chimico di numero atomico 40. Il suo simbolo è Zr. È un metallo di transizione bianco-grigio, duro, il cui aspetto ricorda quello del titanio.
I tessuti umani tollerano facilmente questo metallo, che quindi è adatto per giunti e protesi artificiali impiantabili, nonche' nella realizzazione di strutture per protesi dentarie.
In campo dentale ne viene utilizzato l'ossido quindi ossido di zirconio (parlare di ossido di Zirconio o Zirconia è la stessa cosa). Molto apprezzato per le proprietà meccaniche ed il colore bianco che in sostituzione del colore grigio dei metalli offre la possibilità di realizzare protesi altamente estetiche".
Ecco cosa afferma un fabbricante: "La solubilità di Cercon base e, conseguentemente, il rilascio di ioni nel corpo umano è estremamente basso. Essa raggiunge, in test condotti con differenti acidi e con idrossido di sodio, un massimo di 10 ug/cm3 in un periodo di 320 giorni.
51% NaOH 320 giorni 36% HCI 320 giorni 92% H2 SO4 320 giorni
10 ug/cm3 10 ug/cm3 3 ug/cm3

In comparazione gli standard DIN EN ISO 9693 (12/2000) Restauri Denta// con Sistemi di Metallo Ceramica permettono una solubilità massima della ceramica dentale pari a 10 ug/cm3 in un periodo di 16 ore.
Questo significa un valore pari a 48000 ug/cm3 in un periodo di 320 giorni, paragonato ai 10 ug/cm3 rilasciati da Cercon base."
"L'ossido di zirconio non possiede una radioattività propria, ma può contenere tracce di ossido di uranio ed ossido di torio.
Il livello di radioattività di ogni lotto di ossido di zirconio utilizzato per la fabbricazione di Cercon base è controllato da un laboratorio indipendente: il valore massimo tollerato è di 0,03 Bq/g (bequerel/grammo) per Th-232 e U-238. La saliva umana possiede una radioattività pari a 0,025 Bq/g.
Pertanto Cercon base non provoca un aumento di radioattività nel corpo umano."

Commento NdR: facciamo notare che:
1 - “il rilascio di ioni nel corpo umano è estremamente basso”, cio’ significa che comunque vi e’ emissione di ioni nell’organismo e NESSUNO puo’ affermare che siano innocui e non interferiscano con i processi biochimici del corpo ! Inoltre si conferma che anche gli altri prodotti rilasciano ioni e quindi NON sono innocui.
2 - “L'ossido di zirconio non possiede una radioattività propria, ma può contenere tracce di ossido di uranio ed ossido di torio……” - questa e’ la conferma che vi sono tracce di ossido di uranio e torio.
Ma se gia’ l’organismo ha una sua radioattivita’ di base, qualsiasi altra radioattivita’ puo’ interferire con i processi biologici dell’organismo. NESSUNO puo' affermare il contrario !...."il valore massimo tollerato..."
 3 - E poi cosa grave che e’ il produttore stesso che afferma che il Suo prodotto e’ innocuo ? -  ma vi rendete conto di quanto sia grave questa cosa ?? e’ come chiedere all’oste se il suo vino e’ buono o meno…

Dove sono gli studi che dimostrano la sua innocuita' nel corso degli anni ??
4 - Nella lega Zirconio/a c'è anche l'Yttrio (Ittrio), è molto importante perchè, per prima cosa è oltre che radioattivo, secondo viene inserito nella lega per il semplice motivo che, la lega allo zirconio per problemi idrotermici nel tempo perde la sua capacità di sintesi  quindi dissocia, la presenza dell'Ittrio ne arricchisce le caratteristiche di sinterizzazione, ma comunque nel tempo va incontro a trasmigrazione ionica.....
5 - Per quanto concerne le leghe metalliche esse hanno una lunga storia e di contraddizioni (vedi ricerche sulla tossicità ecc.) chi la racconta in un modo e chi in altro, questo nell'arco di 5 secoli, per quanto concerne la zirconia al momento di documentazione positiva (di innocuita') non esiste, mentre contro (negativa) gia' esiste, vedere in Google "zirconia problems"; per quanto riguardo gli insuccessi con le teste femorali, la dott.essa Gatti dell'Università di Modena, ha identificato tracce di allumina in una lesione orale e tracce di zirconio/a in una lesione all'intestino !
6 - Ricordiamo anche che ogni protesi introdotta in bocca e/o nel corpo, che contenga leghe metalliche basate su legami ossigeno, sono pericolose in quanto l'ossigeno (potente ossidante) permette ai metalli della lega il rilascio di ioni che sicuramente interferiscono con le reazioni biochimiche dell'organismo !

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Documento molto interessante a proposito della zirconia che e’ più tossica dell'amianto usato in campo edile.
Molte volte la "tecnologia detta impropriamente scientifica" pensa di aver trovato soluzioni a problemi sociali mentre ne aggiunge degli altri ancor più gravi senza pensare l'impatto ancor più pesante che il ritrovato puo' avere.
Inoltre gli "enti che dovrebbero essere preposti al controllo essendo "legati"...al mondo industriale, si fidano di cio' che dichiarano i produttori del materiale stesso, NON effettuano nessun controllo (es. vedi: Ministero informato sui danni dei vaccinie quelli delle amalgami) permettendone la commercializzazione e l'utilizzo su uomini ed animali, con le conseguenze del caso = danni alla salute !
Ormai con la zirconia ci vogliono fare di tutto, tutto fa pensare a come smaltire scorie dalle centrali nucleari.
leggete con attenzione il documento che e’, è stato redatto dalla ISPESL, organo istituzionale che si occupa delle malattie professionali, questa te la dice lunga............

Il Gruppo Interregionale Fibre (GIF) (FCR)
Le fibre ceramiche refrattarie (FCR) sono un particolare tipo di fibre artificiali vetrose, prodotte a partire da una miscela di allumina, silice ed altri ossidi o caolini, utilizzate da molti decenni, spesso in alternativa all'amianto, soprattutto come materiale isolante per il contenimento termico.

Secondo la Direttiva Europea 97/69/CE, recepita in Italia con il Decreto del Ministero della Sanità del 1 settembre 1998, le FCR sono definite come “Fibre artificiali vetrose (di silicati) che presentano un'orientazione e un tenore di ossidi alcalini e alcalino-terrosi (Na2O + K2O + CaO + Mg + BaO) pari o inferiore al 18 % in peso”.

Le FCR, più precisamente, sono fibre di silicato d'alluminio, appartenenti alle fibre inorganiche sintetiche, impiegabili per applicazioni sino a circa 1000 ° C, commercializzate a partire dagli anni '50. Vengono prodotte a partire da una miscela di silico-allumina (in Europa) o di caolinite (in America e Asia); sono quindi composte essenzialmente da silicio (47-54 %) ed alluminio (35-51 %), ma sono possibili aggiunte di ossidi di zirconio (fino al 17 %), di boro o di titanio, per alcune funzioni particolari.
I costituendi sono fusi tra loro a temperature comprese tra 1500 e 2100 °C e la massa vetrosa ottenuta è trasformata in fibre tramite processi rotativi o di soffiatura ed il prodotto finale, di colore bianco e di aspetto “cotonoso”, molto simile ad una lana minerale in fiocco, viene poi lavorato per ottenere uno degli innumerevoli articoli che si possono confezionare con tali fibre (in assoluta analogia a quanto è possibile con le fibre di amianto): materassini, moduli, feltri, carta, pannelli, pezzi preformati, tessuti, corde, guarnizioni, mattoni.

Le caratteristiche chimico-fisiche principali delle FCR, diametro medio compreso tra 1 e 3º , resistenza a temperature superiore all'amianto sino a 1200 °C (possono diventare oltre 1400 °C con il contributo dello zirconio), una buona resistenza chimica, agli sbalzi termici e alle sollecitazioni meccaniche, rendono conto della diffusione e dei suoi molteplici impieghi industriali, e non solo (molti elettrodomestici, stufe ed accessori domestici contengono parti realizzate con FCR).

Gli usi principali sono comunque legati alle alte temperature ed agli usi industriali per l'isolamento termico dei forni, nelle fornaci, nelle fonderie e nel settore petrolchimico, ma le FCR trovano impiego anche nella produzione di automobili, aerei e nella protezione antincendio.

La produzione annuale di FCR nell'Europa dei 15, supera le 50.000 tonnellate e sin dagli anni '70 ha superato quella dell'amianto, sotto la spinta della necessità di accrescere il risparmio energetico a seguito della crisi petrolifera di quegli anni; secondo lo studio europeo CAREX , il numero dei lavoratori potenzialmente esposti a FCR in questi paesi, arriva ad essere stimata in oltre 60.000 unità , ma quello reale potrebbe essere di molto superiore, poiché la stima tiene conto soprattutto degli addetti alla produzione (i principali produttori europei sono la Unifrax, la Thermal Ceramics e la Rath) , ma non degli utilizzatori.

Le dimensioni delle fibre, la composizione chimica, le proprietà di superficie delle fibre e la loro capacità di persistere nei tessuti polmonari giocano un ruolo decisivo nel determinare la tossicità delle FCR . Si ricorda che nell'uomo solo le fibre con diametro inferiore a 3 º possono penetrare negli alveoli del polmone e che praticamente tutte le FCR, se inalate, lo possono fare.

Se si escludono le dermatosi irritative, le patologie provocate dalle FCR sono appunto a carico dell'apparato respiratorio, come le placche pleuriche e le alterazioni della funzionalità respiratoria, ma l'effetto più grave correlato alla inalazione è risultato un eccesso di rischio per mesotelioma pleurico e per tumori al polmone, dimostrato per gli animali, ed ancora sotto osservazione in studi epidemiologici per l'uomo.

Con la Direttiva Europea 97/69/CE del 5 dicembre 1997 i materiali o preparati che contengano le FCR in concentrazione superiore allo 0.1 %, con diametro medio (geometrico, pesato per la lunghezza, meno due errori standard) inferiore a 6 º sono stati comunque classificati come sostanze chimiche pericolose, inseriti nella classe dei cancerogeni di categoria 2, etichettati come Tossico (T) ed accompagnati con le frasi di rischio R 49 ed R 38, con le frasi di sicurezza S 53 e S 45.

Nella normativa italiana non sono presenti valori limite o indicazioni tecniche sulla valutazione della esposizione, come ad esempio in diversi paesi europei (Francia: 0,6 fibre/cm3), ma esiste una indicazione relativa al TLV-TWA dell'ACGIH (0,2 fibre/cm3) contenuta in una Circolare del Ministero della Sanità (n.° 4/2000).

La necessità di affrontare in termini omogenei e coordinati la tematica di come valutare l'esposizione a FCR e di come limitarla, ha stimolato la costituzione di un coordinamento tecnico degli Operatori della Prevenzione che in Italia hanno affrontato il problema dell'utilizzo sicuro delle fibre artificiali vetrose, con particolare riferimento all'uso per alte temperature in alcuni settori produttivi (ceramica, metalmeccanica, produzione di energia). L'obiettivo è quello di raccogliere gli elementi utili da ogni esperienza realizzata anche presso altri enti o strutture di prevenzione per:
- documentare i livelli di esposizione ambientale presenti in diverse lavorazioni dei vari comparti indagati, le soluzioni di bonifica proposte o attuate, gli eventuali risultati ottenuti;
- definire comuni linee guida di prevenzione per affrontare in modo corretto e adeguato il problema nelle aziende dei comparti interessati.

Questo ha portato alla costituzione di un gruppo di lavoro tecnico, denominato Gruppo Interregionale Fibre (GIF), costituito appunto da Operatori di diversi servizi di prevenzione ambientale (Arpa Emilia Romagna e Toscana) e dei luoghi di lavoro (ASL Reggio Emilia, Piacenza, Modena, Viterbo, Perugia) nonché di Tecnici degli istituti centrali (Istituto Superiore di Sanità, Istituto Superiore per la Prevenzione e Sicurezza del Lavoro, Consulenza Tecnica per l'Accertamento dei Rischi dell'Inail) che si è attualmente attivato attualmente per:
- implementare una banca dati (schede tecniche, analisi, schede di sicurezza, documentazione) sui materiali “alternativi” all'amianto, con l'intento di produrre anche reports periodici;
- realizzare un repertorio esposizione delle attività a rischio di esposizione a FCR nei principali settori produttivi italiani studiati;
- mettere a punto delle linee guida di prevenzione per gli esposti a FCR, come norme di buona tecnica per limitare la esposizione negli utilizzatori;
- definire e condividere linee guida di applicazione normativa, analizzando leggi, normative, direttive e orientamenti italiani ed europei;
- definire e condividere le metodiche di campionamento, analisi e misura delle concentrazioni e della tipologia delle fibre artificiali (diametro pesato per la lunghezza e composizione chimica), nonché descrivere le metodiche attualmente più diffuse e confrontarne interlaboratoriamente i risultati; effettuare inoltre una ricognizione e degli approfondimenti sui metodi analitici più adeguati e praticabili in assenza di metodiche ufficiali di riferimento

Nell'ambito di tale attività è stato recentemente messo a punto un documento (“Prime indicazione di prevenzione del rischio da esposizione a fibre ceramiche refrattarie”) che si propone quale riferimento tecnico-sanitario agli addetti ai lavori per affrontare la problematica dell'uso sicuro delle FCR nei luoghi di lavoro, in mancanza di riferimenti normativi specifici.Il documento elaborato nell'ambito delle attività del GIF, che di seguito viene riportato, è all'esame del Coordinamento Tecnico delle Regioni per la Prevenzione per una sua approvazione, contiene indicazioni su come limitare il potenziali rischio di esposizione associato all'uso di fibre ceramiche refrattarie e sulle precauzioni da prendere quando si lavori con materiali che le contengano, con l'esclusione delle fasi di produzione.

PRIME INDICAZIONI di PREVENZIONE del RISCHIO da ESPOSIZIONE a FIBRE CERAMICHE REFRATTARIE
Questo documento contiene indicazioni sul potenziale rischio di esposizione associato all'uso di FIBRE CERAMICHE REFRATTARIE e sulle precauzioni da prendere quando si lavori con materiali che le contengono, con l'esclusione delle fasi produttive.

Le Fibre Ceramiche Refrattarie (FCR)
Le FCR sono fibre artificiali vetrose, rappresentate chimicamente da allumino-silicati e sono usate per la coibentazione termica di impianti e macchinari, in particolare in forni e fornaci. Possono causare irritazione della pelle, degli occhi e delle prime vie respiratorie, sono sufficientemente sottili da essere “respirabili” e quindi depositarsi nei polmoni (IARC, Vol.68, 1997).
I principali rischi per la salute derivano dai loro potenziali effetti a lungo termine (IARC, Vol.81, 2002): risultati sperimentali hanno dimostrato in animali da esperimento, per esposizioni sufficientemente intense e prolungate, che le FCR possono indurre fibrosi polmonare, tumori del polmone ed anche mesoteliomi (un raro tumore della pleura associato usualmente con l'esposizione ad amianto).
A livello comunitario (Direttiva 97/69/CE) le FCR che presentano un diametro medio pesato per la lunghezza inferiore a 6 ºm sono state classificate in categoria 2 (sostanza con probabili effetti cancerogeni per l'uomo) dal 1998 (1).
La maggior parte dei prodotti contenenti FCR messi in commercio ricadono in questa classificazione e devono riportare in etichetta il simbolo del teschio con tibie incrociate con la dicitura “TOSSICO” e le frasi di rischio “R 49 - Cancerogeno per inalazione” e “R38 - Irritante per la pelle”.

Ciò non significa che sia vietato l'uso di FCR, ma che, quale sostanza con possibili effetti cancerogeni, necessita di stringenti misure di controllo. Le normative vigenti in materia di protezione della salute dei lavoratori (a partire dal Titolo VII del D.Lgs 626/1994 e successive integrazioni e modifiche) prevedono infatti che sia effettuata una valutazione dei rischi per l'uso di sostanze tossiche e che appropriate misure di prevenzione siano messe in atto durante l'utilizzo.
Per prima cosa le norme prevedono che sia valutata la possibilità di sostituire la sostanza in questione con una meno tossica ( 2).

Se la sostituzione non risultasse praticabile, la esposizione dovrebbe essere controllata e mantenuta al più basso livello tecnicamente possibile. I valori limite ( 3) attualmente suggeriti dall'ACGIH risultano essere pari a 0,2 fibre/cc, come media ponderata del turno di lavoro (TLV-TWA), mentre l'OSHA suggerisce 0,1 fibre/cc (PEL -TWA).
Dovranno quindi essere effettuati campionamenti ambientali (4 ) per verificare i livelli di esposizione dei lavoratori nelle normali condizioni operative nonché l'efficacia delle misure di sicurezza adottate (D.Lgs 626/1994, artt.64 e 72-quinquies).
Va inoltre sottolineato che dopo diversi cicli ad alta temperatura (maggiore di 1000° C e per lungo tempo) le FCR poste, ad esempio, a rivestimento della superficie interna di una fornace, possono fondere e cristallizzarsi, trasformandosi in silice cristallina e/o cristobalite, (altre sostanze cancerogene per via inalatoria secondo lo IARC, Vol.68, 1997; ACGIH: TLV-TWA= 0,05 mg/m3), con la conseguenza che i lavoratori impegnati nella manutenzione o nello smantellamento di forni, possono essere esposti anche a queste due sostanze.

PRECAUZIONI nell'USO delle FCR
L'esposizione a fibre dovrebbe essere sempre evitata e comunque prevenuta, limitandone il più possibile il loro impiego e controllandone i livelli di rilascio in ambiente. Prima di procedere alle lavorazioni con FCR, nei casi di posa, manutenzione e rimozione, è necessario eseguire la valutazione preventiva del rischio ed individuare le specifiche misure di prevenzione e protezione (previste dagli articoli 68, 72-quater, comma 6, D.Lgs 626/1994) nonché, nel caso di applicazione del D.Lgs 494/1996 per i cantieri temporanei e mobili, provvedere alla redazione del Piano Operativo di Sicurezza (POS ).
Qualora l'esposizione non possa essere evitata, vanno adottate opportune modalità operative, tecniche ed organizzative per ridurre i livelli di esposizione ed il numero dei potenziali esposti. A tale proposito si potranno prendere le seguenti precauzioni:


Limitazione di impiego
Va sempre presa in considerazione, attraverso adeguate scelte progettuali nella costruzione degli impianti (ad esempio, forni e fornaci), si deve puntare a evitarne o limitarne l'impiego, tramite una maggiore utilizzazione di materiali refrattari non fibrosi oppure prevedendo nell'uso un confinamento strutturale che ne impedisca il rilascio anche durante fasi di usuale manutenzione.
Controllo della polverosità

La dispersione di polveri e fibre può essere minimizzata tramite:
- preparazione del luogo di lavoro con l'allontanamento delle confezioni, dei contenitori e delle attrezzature mobili, o, nell'impossibilità, alla loro copertura;
- il confinamento statico delle fasi polverose ( 5);
- l'impiego di utensili muniti di aspirazione e/o sistemi di aspirazione mobili per ottenere una aspirazione localizzata (con filtri assoluti o HEPA);
- la conservazione del materiale negli imballaggi e con stoccaggio in luogo idoneo (al chiuso) se non immediatamente necessario;
- l'acquisto di materiali presagomati e rivestititi, ad esempio di polietilene, diminuendo in tal modo lo “spolverio” dovuto al taglio e alla manipolazione che caratterizzano le operazioni di istallazione;
- la delimitazione dell'area di “cantiere” per una superficie che comprenda la zona di possibile contaminazione da fibre e/o materiali di risulta, delimitando l'accesso e segnalando il pericolo con una chiara ed evidente cartellonistica di pericolo;
- l'adozione di lavorazioni ad umido, quando è possibile, soprattutto nelle operazioni di rimozione (dati ambientali dimostrano una diminuzione di un fattore 10 nella quantità di fibre diffuse);
- l'uso comunque di tecniche di rimozione e di installazione meno dispersive possibili (limitare l'uso di attrezzi ad alta velocità, non gettare dall'alto delle strutture i materiali di risulta, evitare l'uso di aria compressa senza adeguati apparati di contenimento, convogliamento ed aspirazione);
- la pulizia con mezzi aspiranti delle attrezzature utilizzate ed i pavimenti delle zone interessate e non separate al termine di ogni giornata di lavoro.
Dispositivi personali di protezione delle vie respiratorie

Anche se l'esposizione a FCR viene ridotta al più basso livello tecnicamente possibile, sarà necessario prevedere l'utilizzo di DPI respiratori in ogni occasione in cui ci si aspetti una possibile dispersione di fibre, come durante operazioni di manutenzione, rimozione, o altri interventi su materiali che le contengano, con particolare riferimento a quelli friabili.
I DPI devono essere marcati CE ed avere i requisiti essenziali di sicurezza conformi al D.Lgs 475/1992, secondo gli standard tecnici delle norme EN.
La scelta dovrà essere fatta seguendo i criteri sanciti dal D.Lgs 626/1994, Titolo IV, tenendo conto delle indicazioni tecniche stabilite dalla specifica guida (D.M. 2.05.2002), nonché in funzione dei livelli espositivi previsti e delle particolari condizioni di lavoro.

In ragione della pericolosità delle FCR, la classe di filtrazione sarà sempre quella identificata come P3; in tal senso le tipologie da prendere in considerazione, sono:
-
facciali filtranti “usa e getta” contro le polveri nocive. Quelli marcati FFP3 hanno un FPO (fattore di protezione operativo) pari a 30, utili per concentrazioni pari a 30 volte il valore limite ambientale. Si sottolinea che il ricorso ai DPI rappresenta una misura di protezione ultima ed estrema, dopo che si è ridotta, con tutti i mezzi possibili, la dispersione in aria delle fibre. I facciali filtranti dovrebbero essere sempre gettati a fine turno.

Semimaschera con filtri sostituibili.
Questi DPI devono utilizzare filtri P3, ottenendo un fattore di protezione di 30. Prefiltri e cartucce devono essere sostituiti regolarmente, secondo le indicazioni del produttore.

Respiratori assistiti, inclusi quelli completi di casco e maschera facciale completa. Questi DPI (THP3 e TMP3 rispettivamente) hanno una più alto fattore protettivo e risultano indispensabili per situazioni espositive estreme, come ad esempio, demolizioni o manutenzioni straordinarie.

Si sottolinea la necessità di scegliere il sistema protettivo più adeguato al tipo di lavorazione in atto e che il sistema sia mantenuto in perfetta efficienza, secondo le indicazioni del costruttore, fornendo inoltre una formazione adeguata agli utilizzatori ( 6).
L'utilizzazione di questa tipologia di DPI deve essere riservata solo ai casi nei quali le condizioni di lavoro prefigurino alte esposizioni che non possono essere ridotte con altri mezzi.

Le indicazioni generali per scegliere adeguatamente i DPI per la protezione respiratoria da FCR possono essere le seguenti :
- per concentrazioni basse (fino a 6 ff/cc): maschera facciale FFP3 o semi-maschera con filtro P3;
- per concentrazioni medie (fino a 18 ff/cc) e fino ad 1 ora di lavoro: maschera completa con filtro P3;
- per concentrazioni medie (fino a 18 ff/cc) e per tempi maggiori di 1 ora di lavoro: elmo o cappuccio a ventilazione assistita (THP3);
- per concentrazioni elevate (oltre 30 ff/cc) e per tempi maggiori di 1 ora: maschera completa a ventilazione assistita (TMP3).

Indumenti protettivi ( 7 )
Per la manipolazione di materiali contenenti FCR è necessario indossare indumenti protettivi e per operazioni polverose è indicata una tuta integrale con cappuccio, del tipo “usa e getta” che non trattenga le polveri (tipo tyvek), da eliminare a fine turno, togliendola con cautela, avvolgendola esponendone l'interno, dall'alto verso il basso. L'uso di guanti è necessario per prevenire irritazione della pelle.
Prescrizioni igieniche
Durante l'attività lavorativa è fatto divieto di bere, mangiare (comprese caramelle e/o gomme da masticare), fumare e, comunque, togliersi i DPI indossati nell'area di cantiere.
Va approntata una area “pulita”, nelle vicinanze del cantiere per consentire di bere e/o mangiare, dopo essersi spogliati, e dove sia possibile lavarsi; deve essere assicurata la presenza di servizi igienici dotati di doccia con acqua corrente calda e fredda. Gli indumenti civili devono essere conservati separatamente dagli abiti da lavoro; la pulizia di quest'ultimi, quando imbrattati dalle FCR, è a carico del datore di lavoro.
Stoccaggio provvisorio e rimozione dei rifiuti (CER 17 06 03*)
Onde evitare contaminazioni dell'ambiente di lavoro, va prevista la rimozione frequente dei rifiuti e degli scarti di lavorazione nel cantiere di FCR. Non deve essere usata aria compressa, non devono essere utilizzati sistemi di rimozione a secco ma, dove è possibile, il materiale fibroso deve essere trattato con prodotti impregnanti e/o incapsulanti, erogati con spruzzatori che non impiegano aria per la nebulizzazione (air-less). Ogni materiale residuo da eliminare deve essere aspirato con sistemi dotati di filtri ad alta efficienza (tipo HEPA). I materiali contenenti FCR da eliminare devono essere posti con cura in contenitori a tenuta (plastica bag) per evitare per quanto possibile lo spolveramento; devono quindi essere reimbustati ed etichettati per l'avvio in discarica. (8 )
Il deposito temporaneo dei rifiuti deve essere chiaramente segnalato al fine di evitare manipolazioni improprie.

Informazione, formazione e addestramento
Tutti i lavoratori devono ricevere una specifica informazione e formazione sui rischi per la salute da FCR e per l'impiego dei DPI.
I lavoratori devono essere sottoposti ad un adeguato addestramento per l'uso dei DPI di 3° categoria, svolto da persona qualificata.


Segnaletica di sicurezza
Sulle installazioni soggette a frequenti interventi, manutentivi od altro, allo scopo di evitare che le stesse possano essere oggetto di interventi inadeguati da parte di addetti, interni o terzi, vanno previsti e installati cartelli segnaletici contenenti le avvertenze specifiche.


Sorveglianza sanitaria, idoneità specifica e Registro degli Esposti
Le conoscenze sugli effetti sanitari delle FCR (cancerogenicità documentata a livello sperimentale; induzione di alterazioni pleuriche, in particolare placche pleuriche e polmonari; disturbi e alterazioni della funzionalità respiratoria; effetti irritativi a carico delle mucose esposte e della cute), nonché l'attuale classificazione tossicologica delle FCR, segnalano la necessità di attivare una sorveglianza preventiva e periodica dei lavoratori esposti.
La sorveglianza sanitaria proposta per gli esposti a FCR viene comunque parzialmente mutuata da quella prevista per esposizione a lane minerali (MMMF) e per esposizione ad amianto.
Il medico competente incaricato della sorveglianza sanitaria provvederà all'esecuzione di una visita preventiva (prima dell'affidamento di mansioni comportanti l'esposizione a FCR), integrata da un esame radiologico del torace (se non già eseguito di recente) condotto in modo idoneo a mettere in evidenza eventuali condizioni di fibrosi polmonari e di preesistenti placche pleuriche e da prove di funzionalità respiratoria, complete di esame del Volume Residuo e di Test di Diffusione del CO.
Periodicamente, condurrà una visita di controllo all'anno, salvo disturbi che richiedano una visita immediata; un esame radiologico, in accordo con quanto previsto dal D.Lgs 187/2000, andrà previsto soltanto se ritenuto effettivamente utile a definire lo stato di salute del lavoratore, tenuto conto degli esiti degli altri e precedenti accertamenti, degli anni e dei livelli di esposizione sperimentati dal lavoratore, nonché delle dotazioni di sicurezza collettive e individuali messe a disposizione.

Sulla cartella sanitaria e di rischio di ogni lavoratore va riportata la storia lavorativa in cui le attuali e pregresse lavorazioni a rischio saranno dettagliatamente descritte.
Il medico competente cura inoltre la tenuta del registro degli esposti a cancerogeni per conto del datore di lavoro (titolo VII D.Lgs 626/1994 e D.Lgs 66/2000). - Tratto da ispesl.it

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Sospetto inquinamento radioattivo ambientale, anche falde acquifere, della Zirconia, in  AUSTRALIA e forse nel mondo intero.
Un uomo di DUBBO (AU) vuole che il governo dello stato sia risarcibile con 1 miliardo di dollari per il progetto Dubbo Zirconia ( DZP ), in parte perché le sue operazioni “Toongi” avrebbero "rilasciato ogni anno, fino a 700.000 tonnellate di polvere leggermente radioattiva nell'aria".

E' una affermazione che il proprietario e fautore di DZP chiama "ridicola".
Alkane Resources respinge anche l'affermazione di Wayne Connor che lascerà alle spalle dei "sali tossici" in contenitori di plastica", sperando che non ci siano perdite nelle acque sotterranee".
Il governo deve ancora approvare il DZP, cioe’ la dichiarazione di impatto ambientale, Environmental Impact Statement  (EIS), che è attualmente in visione pubblica.
Mr Connor "ha avuto una lettura sintetica" della EIS alla Civica Amministrazione di un edificio di Dubbo prima di presentare un documento con il NSW Department di Pianificazione ed Infrastrutture, ed inviarlo al quotidiano liberale con una lettera al direttore del giornale.
 Wayne Connor's letter to the editor on the Dubbo Zirconia Project
Alkane Resources responds to Wayne Connor's claims

La lettera invita i residenti a Dubbo a considerare le loro contribuzioni e mette in evidenza tre delle sue preoccupazioni, compresi le due di cui sopra.
Alkane Resources ha risposto con suggerimenti che intende estrarre ed elaborare un milione di tonnellate di minerale all'anno.
"Quindi, per perdere 700.000 tonnellate di minerale come polvere è ridicolo", ha detto un portavoce in un comunicato.
La società ha parlato di radiazioni che sono verificabili naturalmente all'interno dell'ambiente del centro-occidentale, comprese le rocce ed il suolo a Dubbo, Toongi e Wellington, e nelle argille del fiume Macquarie.
Ha detto che in media gli adulti australiani hanno ricevuto un 0,6 per 1.1mSv (Sievert) come dose di radiazioni da radon inalate per anno.
La dose media di una persona che ha preso un volo da Sydney a Perth era 0.05mSv.
Il portavoce ha detto che i livelli di radiazione dalla polvere e radon, al ricevitore esistente vicino al sito DZP a Toongi è stato stimato essere non più di 0.03mSv all'anno.
"Questo è ben al di sotto della dose media di radiazione ricevuta da un adulto australiano e ben al di sotto dello standard della dose pubblico internazionale, 1 mSv per anno", ha detto il portavoce dell'azienda.
Mr Connor, la cui casa alla periferia di Dubbo sarà "sottovento in estate" dalla miniera proposta, ha detto che il sale usato rilasciato a Toongi sarebbe leggermente radioattivo, e il 33 milioni dollari che e’ il costo anno di smaltimento, è stato ritenuto troppo oneroso dall’operatore della miniera.
Tratto da:
http://www.dailyliberal.com.au/story/1879099/poll-alkane-refutes-claims-zirconia-mine-will-release-toxic-dust/
per altri particolari: http://www.ispesl.it/Profili_di_rischio/_Fonderie1/index.pdf

IMPORTANTE: DENTI DEVITALIZZATI e CANCRO
Collegamento scioccante: il 97% di tutti i pazienti oncologici terminali, aveva fatto in precedenza una procedura dentale (denti devitalizzati)
vedere su:
http://humansarefree.com/2014/02/shocking-connection-97-of-all-terminal.html?m=0#sthash.YzBWXGrm.dpuf

 

RICERCA Parole nel SITO

"Questo sito WEB vi informa", Non siamo responsabili della correttezza e/o della solvibilità degli inserzionisti del ns. Network.
 Webmaster  - Vietata la copia anche parziale dei contenuti, se non viene citata la fonte - All rights reserved - Publisher DataBit s.a.