Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


DANNI del FLUORO - 2
 

Nel 1944 il Journal of American Dental Association scrisse che la fluorazione causa OSTEOPOROSI, GOZZO e malattie alla spina dorsale !
Nel 1990 uno studio confermo' la correlazione tra fratture ossee e fluoro ! La Cornell University scopri invece danni ai reni !
Mentre uno studio del 1978 dell'Universita' di Yale scopri che bastava 1ppm di FLUORURO per diminuire resistenza e elasticita' delle ossa !
Nel 1987 NCI americana (Istituto dei Tumori) stabiliva relazione tra cancro (osteocarcinoma) e fluoro nell'acqua potabile !
La Fluorizzazione delle forniture idriche e' quindi una prassi amorale, non necessaria ed iniqua ovvero criminale, e fra i suoi sostenitori si annoverano potenti interessi acquisiti del settore industriale, governativo (USA) e della professione medica /ondotoiatrica.  
Il fluoruro si accumula nelle ossa e le rende piu' fragili e soggette a fratturarsi; la stragrande maggioranza delle nazioni dell'Europa occidentale ha respinto la fluorizzazione delle acqua potabili.
Vedi
- http://www.redflagsweekly.com/connett/2202_nov28.html 
- http://www.fluoridealert.org/absurdity.htm
-
http://www.commercialofficecleaning.com/negative-effects-of-fluoride.html

Commento (NdR): oltre alle truffe, collusioni, interessi delle case farmaceutiche, ricordiamo che la principale sostanza contenuta negli psicofarmaci e' il FLUORO
Il fluoro distrugge la flora batterica e gli enzimi - In effetti, il fluoro, lo hanno provato studi scientifici, causa una maggiore incidenza di rottura delle ossa nelle persone anziane in seguito all'osteoporosi. Il Dott. Durrant-Peatfield ci dice che il fluoro è un veleno che distrugge gli enzimi. Il suo accumulo nella tiroide è causa di squilibri ormonali, e' associato a malattie autoimmuni oltre all'osteoporosi, l'osteosarcoma e perfino un'aumento del cancro alla tiroide.

Così scriveva Charles Elliot Perkins in una lettera del 1954 alla Lee Foundation di Milwaukee-Wisconsin (vedi brillante articolo Fluorizzazione: Controllo mentale delle masse, a cura di Giuseppe Cosco, su www.the1phoenix.net/x-files/medicin2.htm
vedi:
Danni del Fluoro 2 + http://www.report.rai.it/R2_popup_articolofoglia/0,7246,243%255E90148,00.html
http://www.realfarmacy.com/fluoride-causes-hypothyroidism-leading-depression-weight-gain/

La fluorizzazione delle acque in tutto il mondo si realizza attraverso l'acquisto di sostanze CONTAMINANTI di natura chimica dei RIFIUTI TOSSICI provenienti dalla Cina che vengono poi etichettati come "fluoro" e scaricati nelle acque delle popolazioni locali nelle città.
Molti decenni fa, il fluoro veniva rilasciato nell'aria attraverso le ciminiere di compagnie minerarie di fosfato, ma questo comportarono una diffusa morte del bestiame e delle piante nelle fattorie vicine e ranch.
Per fermare le morti, le compagnie minerarie di fosfato installarono dei dispositivi che catturavano  i vapori tossici del fluoruro. Mentre i consumatori potrebbero pensare che i prodotti chimici del fluoruro
catturati in questi dispositivi vengano smaltiti come rifiuti industriali, la verità sorprendente è che sono venduti per le città e cittadine come "fluoro" pronti ad essere scaricati nelle acque locali, dove vengono consumati da adulti e bambini.
Tutto questo è stato fatto per "prevenire la carie", ma tecnicamente nessuna richiesta medica trasforma il fluoruro in farmaco che quindi viene utilizzato illegalmente come un farmaco di massa.
La FDA non ha mai approvato il fluoro come un farmaco, e ai destinatari del fluoro non è mai stato valutato un parere medico circa la "necessità" di assumere tale veleno.
"I consumatori hanno il diritto di sapere cosa c'è nella loro acqua", ha spiegato Mike Adams ."Hanno il diritto di sapere da dove viene davvero il fluoro chimico, perché se sapessero la verità su questa sostanza chimica industriale, non permetterebbero mai che venga consumato dai loro figli ".
L'inganno del fluoro, usato dai medici e odontoiatri che hanno a lungo raccomandato il fluoruro senza dire alle persone da dove viene veramente  il fluoro chimico.
Ti dicono solo che è bene per i vostri denti", ha spiegato Adams. "Ma non vi dicono quanto danneggia il cervello, le tue ossa, la tua salute e l'ambiente. Non vi dicono del cadmio, piombo e altri materiali mortali che contaminano il fluoro scaricato nella rete idrica. "
Come l’inganno del fluoruro rivela in definitiva, la pratica della fluorizzazione delle acque è un metodo con cui l'industria mineraria dei fosfati può disporre dei sottoprodotti dei propri rifiuti tossici  facendoli smaltire attraverso i corpi delle persone.
In realtà, il fluoro è una combinazione di acido esafluorosilicico e sodio silicofluoride.
Queste due sostanze chimiche sono considerati altamente tossiche per l'EPA. Sono effettivamente classificati come rifiuti pericolosi e quando imballato per il trasporto, devono essere etichettati come veleno e gestiti da lavoratori che indossano speciali indumenti di sicurezza.
Allora, cosa sono l'acido esafluorosilicico e sodio silicofluoride, e da dove vengono ?
Questa è la parte della storia che probabilmente non verrà creduta. Cioè, non fino a quando non si controlla di persona. Perché più si guarda nella mitologia del fluoro, più bizzarra questa storia diventa.
E questa bizzarra storia inizia nelle aziende minerarie di fosfati. Il fosfato è un minerale importante usato nei fertilizzanti.
E' estratto da naturali depositi rocciosi sparsi in tutto il mondo, e la roccia ricca di fosfato viene poi raffinata per la produzione di acido fosforico. Se questo nome suona familiare, è perché è uno degli ingredienti principali di bibite gassate come la Coca Cola e Pepsi.
L'acido fosforico è spesso paragonato all'acido delle batterie.Si tratta di un liquido altamente acido che si crede essere la ragione principale per cui bere bibite può causare calcoli renali e una perdita di densità minerale ossea.
Il fosfato viene utilizzato anche per creare fertilizzanti. Il problema è che il fosfato è spesso contaminato con alti livelli di fluoruro - 40.000 parti per milione, o fino a 4% del minerale grezzo. Per rimuovere il fluoro, all'acido solforico viene aggiunto un impasto umido di fosfato e di acqua. In questo modo il fluoruro vaporizza, creando composti gassosi altamente tossici come il fluoruro di idrogeno e tetrafluoruro di silicio.
Tratto da: altranews.blogspot.com
Per saperne di più:
www.FluorideAlert.org + www.NoFluoride.com + www.fluoridedangers.blogspot.com http://stopfluoridation.homestead.com

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Un importante studio di Harvard pubblicato su un giornale del governo federale conferma i danni del fluoro.
Nessuna sorpresa per coloro che hanno seguito la ricerca sul fluoro nel corso degli ultimi anni. Già nel 1977, per esempio, gli studi epidemiologici condotti dal Dott. Dean Burk, a capo della Sezione Citochimica del National Cancer Institute rivelava che l'esposizione al fluoro produce un aumento della crescita del tumore, anche quando presente a livelli minimi (inferiori ad 1 ppm, cioè un milionesimo in rapporto all'unità di misura utilizzata, che negli Usa è lo standard per la presenza del fluoro nell'acqua potabile).
Nella sua ricerca rileva infatti un'accelerazione del tasso di crescita del tumore del 25%, ma mostra anche esplicitamente come il fluoruro produca tumori melanotici [legati alla presenza di un melanoma, ndt], trasformi le cellule normali in cellule tumorali e aumenti la carcinogenesi di altri prodotti chimici [cioè aumenta il potenziale cancerogeno degli elementi a cui è associato]. Sempre nello studio del 1977, il dottor Burk stimava nel numero di 10.000 i morti causati proprio dalla fluorizzazione.
Come accennato, gli studi che hanno esposto la stessa correlazione tra abbassamento del QI ed assunzione di fluoro sono molti. Il Prof. Paul Connett, direttore del Fluoride Action Network, è stato uno dei molti attivisti a parlare apertamente dell'ultimo studio per evidenziare quest'associazione.
Al momento, ci sono stati 23 studi precedenti in materia e Connett ha ritenuto questo 24esimo di gran lunga il più forte. E cosa è stato fatto? Purtroppo, è stato 'nascosto sotto il tappeto' da parte delle organizzazioni sanitarie principali, che continuano ad affermare che il fluoro sia perfettamente sicuro.
Alcuni addirittura raccomandano di integrare la sua assenza assumendo apposite pillole di fluoro.
Di quest'ultimo studio, infatti, Connett ha detto: "In questo studio abbiamo trovato una relazione significativa tra la quantità di fluoro presente nel sangue ed il QI dei bambini.
Questo è il 24esimo studio ad aver individuato questa associazione, ma qui è più marcata che in tutti gli altri."
Tratto da:
http://ehp03.niehs.nih.gov/article/fetchArticle.action;jsessionid=5C98A897B69464FD44D98698EE9FC4A1?articleURI=info:doi/10.1289/ehp.1104912
http://www.epa.gov/ncct/toxcast/files/summit/48P Mundy TDAS.pdf

2015 - "The Lancet" conferma che il FLUORO e' una sostanza altamente tossica
http://www.thelancet.com/journals/laneur/article/PIIS1474-4422%2813%2970278-3/fulltext#article_upsell

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

La FLUORIZZAZIONE dell’ACQUA È LEGATA a TASSI PIÙ ELEVATI di IPOTIROIDISMO – 24/02/2015
La fluorizzazione dell’acqua al di sopra di un certo livello in Inghilterra è legata a una diffusione dell’ipotiroidismo del 30% superiore alla norma, secondo quanto indica una ricerca pubblicata online dal Journal of Epidemiology & Community Health.
I ricercatori, visti i risultati dello studio, hanno sentito l’urgenza di chiedere alle autorità sanitarie di riconsiderare la fluorizzazione dell’acqua potabile, attualmente svolta con lo scopo di proteggere la salute dentale dei cittadini.
In Inghilterra, circa il 10% della popolazione (6 milioni) vive in aree in cui l’acqua potabile è naturalmente
artificialmente fluorizzata a 1 mg di ione fluoruro per litro. I ricercatori hanno esaminato la prevalenza nazionale di diagnosi di ipotiroidismo segnalate dai medici generici inglesi nel 2012-2013 nel quadro di un programma nazionale per la qualità sanitaria.
I ricercatori hanno anche svolto un’analisi secondaria, confrontando due aree urbane fra cui una (West Midlands) con acqua fluorizzata nella rete idrica e l’altra (Greater Manchester) no.
Anche tenendo conto di fattori concorrenti, come il sesso femminile e l’età avanzata, entrambi legati a un maggiore rischio di ipotiroidismo, si continuava a rilevare un’associazione fra l’incidenza della malattia e i livelli di fluoruro nell’acqua potabile. Nelle aree con livelli di fluoruro superiori a 0,7 mg/l si riscontravano tassi di ipotiroidismo superiori alle attese rispetto alle aree in cui la concentrazione era minore.
Si tratta di uno studio osservazionale, dunque non è possibile trarne conclusioni definitive, tuttavia i ricercatori fanno notare come questi dati facciano eco a quelli di ricerche precedenti e sottolineano che lo studio considera solo l’ipotiroidismo diagnosticato, dunque potrebbero esserci anche altri casi di disfunzioni tiroidee che non sono stati ancora diagnosticati, né tantomeno trattati. “Occorre prendere in considerazione l’idea di ridurre l’esposizione al fluoruro, e gli interventi per la salute dentale dovrebbero smettere di affidarsi all’ingestione di fluoruro per passare ad applicazioni topiche che possono contenere o meno fluoruro ”, concludono.
Fonte: questo articolo si basa su contenuti forniti dal British Medicai Journal,
Tratto da nexus.it


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Fluoruro sì, fluoruro no -  1/12/2010
Il 26 ottobre 2010 l’Italia ha recepito una nuova legge europea che impone ai produttori di dentifrici al fluoro di dichiarare in etichetta, se il contenuto è tra 0,1 e 0,15%: “Bambini fino a 6 anni: utilizzare una piccola quantità di dentifricio sotto la supervisione di un adulto per ridurre al minimo l’ingerimento. In caso di assunzione di fluoruro da altre fonti consultare il dentista o il medico.” (L. 267/18 che recepisce la Direttiva 2009/129/CEE). 

Negli Stati Uniti si usa invece da anni addizionare l’acqua potabile degli acquedotti con fluoruro. Sempre più città e stati stanno rendendo questa aggiunta obbligatoria per legge. Perché? 
Il Centro governativo per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie (CDC), ha proclamato la fluorurizzazione dell’acqua pubblica uno dei dieci grandi successi nella salute pubblica del ventesimo secolo.
I sostenitori del fluoruro asseriscono che aggiungere questo composto all’acqua previene il deterioramento dei denti, fa bene a bambini e adulti, è una pratica sicura ed efficace.
Qualcuno però pensa che non sia così salutare assumere ogni giorno della propria vita fluoruro, sia ingerendolo quando si beve sia assorbendolo tramite la pelle durante la doccia o vestendo capi lavati con acqua con fluoruro. Ma esistono prove in grado di demolire decenni di propaganda pro-fluoruro ? 
L’Associazione Americana dei Medici (AMA) dichiara: “La AMA riconosce gli importanti benefici pubblici dell’acqua potabile adeguatamente fluorurizzata, e incoraggia i propri soci medici e le società mediche a lavorare con i dipartimenti sanitari locali e statali, gli studi dentistici e i cittadini, per assicurare un’ottimale fluorurizzazione dell’acqua potabile.” 
Se l’Associazione dei medici statunitensi emette dichiarazioni tanto sicure, certamente ci saranno studi scientifici a sostegno della loro posizione, che garantiscono la totale sicurezza di tale pratica.
O no ? 
L'informazione negata
Nel silenzio mediatico che caratterizza questo genere di eventi, ... sono stati di recente pubblicati due importanti libri in merito. 
Il primo, uscito nel 2006, è un rapporto redatto dal Consiglio Nazionale per le Ricerche (NRC) statunitense, il primo in 65 anni di storia della fluorurizzazione dell’acqua pubblica. Si tratta di una revisione scientifica degli standard finora utilizzati per stabilire le concentrazioni di fluoruro accettabili. 

Il secondo, “The Case Against Fluoride”, edito nel 2010, è una ricerca di tre medici, che passa in rassegna tutta la letteratura scientifica disponibile sul fluoruro. 
Entrambe queste opere portano alla luce decine e decine di studi scientifici che dimostrano la pericolosità del fluoruro, in particolare per quanto riguarda: fluorosi dentale, fluorosi dello scheletro, fratture.
 
Il rapporto del 2006 dell’NRC conclude che gli standard usati (di 4 e di 2 mg/L) sononon protettivi per la salute pubblica”.
Indica inoltre che le persone che vivono in zone dove l’acqua è fluorurizzata assumono giornalmente una quantità di fluoruro molto maggiore di quella considerata sicura (0,06 mg/Kg al giorno. 

“The Case Against Fluoride” elenca moltissimi altri studi, non disponibili nel 2006, passando in rassegna tutti i danni del fluoruro sulla salute: danni al cervello, al sistema endocrino (in particolare alla tiroide: negli USA il secondo farmaco più prescritto è la levoxitina, per regolare le funzioni della tiroide), i reni, le ossa (indebolimento dello scheletro, osteoartriti, tumori delle ossa anche nei giovani). 

Uno studio del 1978 rivelò che basta una concentrazione di 1 ppm (parte per milione), cioè quella consigliata per la fluorurizzazione dell'acqua negli USA, per diminuire la resistenza delle ossa. 
Il fluoruro è l’ingrediente fondamentale di psicofarmaci come il Prozac (fluoxetina cloridrato), il Roipnol e il Sarin.
Effetti sul cervello erano stati dimostrati fin dalla seconda guerra mondiale: la prima fluorizzazione di massa dell’acqua venne effettuata nei campi di concentramento nazisti al fine di rendere i prigionieri più docili e sottomessi.
Ma allora, a fronte di tutte queste evidenze scientifiche, perché insistere in questa pratica ? Perché spingere sempre più fortemente per rendere la fluorurizzazione dell’acqua potabile obbligatoria per legge su tutto il territorio USA ? 
Il fluoruro è stato introdotto negli acquedotti asserendo che avrebbe giovato ai bambini, rendendo più forti e sani i loro denti. La realtà è che questa pratica non solo risulta poco sicura e inefficace, ma può provocare fluorosi (i denti si macchiano e dopo un certo tempo si corrodono finendo per bucarsi) oltre a una serie di altri danni e malattie anche gravi. 
Un buon punto di partenza per trovare il classico bandolo della matassa in questa (apparentemente) paradossale vicenda, è provare a indagare come tutto ciò abbia avuto inizio. 

Tutto ebbe inizio con un dentista...
Nel 1931 il dr. Trendley Dean, dentista, scopre che alcune popolazioni degli USA che bevono acqua contaminata da alte concentrazioni di fluoruro naturale sono affette da fluorosi. Ipotizza però che il fluoro possa aiutare a prevenire la carie in quanto in queste popolazioni trova una scarsa presenza di carie.
Nel 1939 il biochimico Gerald Cox somministra fluoruro a cavie con una dieta ricca di zuccheri e riscontra bassi tassi di carie.
Perciò propone di interrompere la depurazione delle acque ricche di fluoruro, e anzi di aumentarne la dose.
Da questo momento, il fluoro smette di essere visto come rifiuto tossico pericoloso. 
In quegli anni, l'industria dell'alluminio produceva come prodotti di scarto 150.000 tonnellate di fluoro, per il cui smaltimento speciale pagava complessivamente 54 milioni di dollari l'anno. Il maggior produttore di alluminio era l'Alcoa, fondata da Andrew Mellow, che nel 1931 era Segretario del Tesoro.  L'Istituto Mellow stipendiava nel 1939 il dr. Cox quando pubblicava le sue raccomandazioni sull'utilità sanitaria del fluoro. 

I nodi iniziano a venire al pettine 
Nel frattempo arrivano gli anni ’40 e gli USA sono impegnati nel Progetto Manhattan per la produzione di bombe atomiche.Servivano grandi quantità di fluoruri, sottoforma di esafluoruro di uranio, per separare l’isotopo fissionabile dell’uranio, U-235, da quello non fissionabile, U-238. Queste grandi quantità di fluoruro venivano scartate come rifiuti tossici, che finivano per uccidere raccolti e bestiame. 

Nel 1945 una città del Michigan introdusse l'acqua pubblica fluorurizzata a scopo sanitario, in un esperimento che doveva durare 15 anni ma che si interruppe dopo soli 2 anni perché la città che doveva fungere da controllo iniziò a fluorurizzare anch'essa la propria acqua. 
Il responsabile di questo progetto fallimentare era il dr. Harold Hodge, che era anche il responsabile della sperimentazione sulla tossicità del fluoro del Progetto Manhattan del Pentagono

Nel 1947 un avvocato della Alcoa, Oscar Ewing, diventa responsabile del Servizio sanitario pubblico e subito promuove la fluorurizzazione dell'acqua potabile a livello nazionale, aiutato in questo dal padre e maestro indiscusso della propaganda, Edward Bernays. 
Grazie all'intervento benevolo del governo, il fluoruro si trasformò magicamente da rifiuto tossico (da smaltire con i relativi costi) a "sano" additivo (da vendere allo stato con lauti guadagni).
Nel tempo, oltre agli Stati Uniti, iniziarono ad addizionare l'acqua pubblica con fluoruro anche Canada, Cile, Israele, Nuova Zelanda, Brasile. 
Nel 1986 uno studio effettuato su 39.000 bambini e ragazzi statunitensi fra i 5 e i 17 anni, di cui un terzo utilizzava acqua fluorurizzata, un terzo solo parzialmente e un terzo non ne faceva uso, non furono riscontrate differenze nell'incidenza della carie. 
Uno studio del 1999 rivelò che 3.500 bambini che utilizzavano acqua con fluoruro non avevano meno carie dei loro coetanei che non ne facevano uso, ma presentavano una maggiore incidenza di fluorosi dentale. 

Fluoruri per tutti i gusti 
Negli ultimi 30 anni, il fluoruro addizionato all’acqua potabile non è una sostanza ad uso farmaceutico, quindi pura e controllata, ma deriva dagli scarti di produzione dei fertilizzanti chimici: si tratta infatti di silicofluoruri impuri, che l’industria dei fertilizzanti fosfatici evita così di dover smaltire come rifiuti tossici, non solo risparmiando grosse somme previste per il conferimento speciale, ma guadagnando dalla vendita dei propri scarti. 
Perché allora continuare, spingendo anzi sempre più per rendere obbligatoria la fluorurizzazione dell’acqua pubblica USA con queste sostanze tutt’altro che innocue ? 
Il dr. Joel Kaufmann, professore emerito di chimica all’Università delle Scienze di Phiadelphia, parla fuori dalle righe: “I promotori della fluorurizzazione hanno censurato la maggior parte dei media, hanno ignorato importanti discussioni in merito, hanno calunniato molti oppositori della fluorurizzazione, e capovolto giudizi legali contro la fluorizzazione in un modo che dimostra il loro potere politico. Si è poi scoperto che molti studi le cui conclusioni erano a favore della fluorurizzazione non erano supportati dai loro stessi dati.” - J. Am. Phys. Surg. 2005;10:38-44, disponibile QUI in PDF
Come ben rileva Upton Sinclair: "E’ difficile rendere un uomo in grado di comprendere qualcosa, se il suo stipendio dipende dal fatto di non comprenderlo”. 

William Marcus, consigliere scientifico dell’EPA (Ente per la Protezione dell'Ambiente) nel 1990 dichiarò: “Il fluoruro è un agente cancerogeno, qualunque sia lo standard adottato. A mio parere l’EPA dovrebbe agire immediatamente per proteggere il pubblico, non solo sulla scorta dei dati sul cancro, ma anche in base alle prove fornite da fratture ossee, artriti, mutamenti genetici e altri effetti”. Fu licenziato subito dopo.
By Eileen Morgan  - ("Eileen Morgan" è il nick di un nostro utente su "Il Portico Dipinto", dove l'articolo è stato originariamente pubblicato).
Un approfondimento sulla nascita della promozione del fluoruro nell'acqua pubblica è presente in un articolo di Nicola Loda, disponibile QUI
Altre interessanti informazioni sulla storia e sugli studi fatti sul fluoruro sono contenuti in questa ricerca (formato PDF) a cura del dr. Joel M. Kauffman, professore emerito di chimica all'Università di Philadelphia.
Tratto da. luogocomune.net


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

METALLI e GAS tossici
Fluoro, cloro, bromo e iodio sono quattro metalloidi che, combinandosi facilmente con altri metalli danno luogo a diversi sali e, combinandosi con l’idrogeno, producono acidi forti, come l’acido fluoridrico, l’acido cloridrico e l’acido muriatico.
Questi metalloidi vengono chiamati alogeni (dal greco halos = mare, sale), per questa loro caratteristica di generare sali.
Ripetute dosi infinitesimali di fluoro, introdotte con acque fluorate, possono ridurre nel tempo ogni forza individuale, ogni velleità personale, ogni voglia di resistere alla dominazione. Sopravviene infatti una specie di avvelenamento e di narcosi di una specifica area del cervello, rendendo così l’individuo obbediente e remissivo, rilassato e quasi-ipnotizzato, docile e sottomesso alla volontà di quelli che desiderano manovrarlo e governarlo. Il modo migliore, dunque, per creare una maggioranza silenziosa filo-governativa.
Non a caso, sia i tedeschi che i russi aggiungevano regolarmente 1 ppm (una parte per milione) di fluoruro di sodio all’acqua da bere dei prigionieri di guerra, per tenerli tranquilli e per istupidirli.
Anche in questo caso, salta fuori la solita I.G. Farben, che aveva sviluppato durante l’Ultima Grande Guerra autentici piani globali per fluorizzare le acque dei paesi occupati.

In effetti non si scopre nulla di nuovo, dicendo questo.
L’esercito americano e la CIA si stavano dando da fare da anni allo sviluppo di sostanze stupefacenti ed incapacitanti, in grado di produrre un’apatia indotta sulla popolazione nemica e sottomessa, ma al limite anche in quella interna, spesso troppo vivace, troppo disobbediente e troppo contestatrice.
Nei composti testati per tali scopi, erano inclusi il noto allucinogeno LSD e l’amnesiaco BZ, dieci volte più potente dell’LSD, nonché un agente schizofrenico chiamato bulbocapina.
C’è addirittura un Rapporto Rockefeller, indirizzato alla presidenza USA, che parla di un programma sulle droghe facente parte di un più vasto piano CIA per studiare i possibili mezzi di controllo della mente umana.
Una droga che ricevette parecchia attenzione negli anni 50-60, sotto il criptonimo di MK-ULTRA, fu il suxamethionium chloride o Anectine, un agente alogenato anti-colinergico, ossia anti-enzimatico.
Il dr George Estabrooks, consulente del governo americano sui problemi dell’ipnotismo e del controllo psicologico del comportamento, divenne direttore del dipartimento di psicologia della Colgate University. A livello internazionale, la Colgate era ed è tuttora il più assiduo produttore e sostenitore dell’uso del fluoro nei dentifrici.
Nel suo libro Wall Street e l’ascesa di Hitler, Anthony Sutton sostiene con argomenti precisi e documentati che, senza l’aiuto dei banchieri americani e del gruppo Rockefeller, non ci sarebbero stati una I.G. Farben, un dittatore di nome Adolf, e una guerra chiamata Seconda Guerra Mondiale.
D’accordo che la Intressen Gemeinschaft Farben già esisteva, essendo stata fornitrice del cloro usato dall’esercito germanico nella Prima Guerra Mondiale. Ma l’effettiva creazione del gigantesco cartello I.G. Farben inizia nel 1924, quando i banchieri americani cominciarono a pompare all’estero il surplus finanziario derivante dal boom petrolifero.
Nel 1928 emergono le attività in terra di Germania di Henry Ford con la I.G. Farben, seguite da quelle ancora più massicce della Standard Oil Company dei Rockefeller, che assieme alla Farben sviluppò il processo di idrogenazione per trasformare il carbone in petrolio.
Nei primi anni 30, in una lettera da Berlino al presidente Franklin Delano Roosevelt, l’ambasciatore William Dodd parla di oltre un centinaio di grosse società americane coinvolte in accordi di collaborazione e joint-venture con la Germania.
I Dupont hanno una filiale in Germania che provvede al riarmo accelerato delle truppe tedesche.
Il principale alleato strategico rimane sempre la I.G. Farben. Lo prova anche uno stanziamento di 200 mila DM l’anno per un’organizzazione di propaganda che lavora sull’opinione puibblica americana.
La Standard Oil ha trasferito qui nel dicembre 1933 una cifra di 2 milioni di US$, ed ha speso 500 mila dollari/anno per aiutare i tedeschi a fabbricare il gas ersatz (derivato dalla idrogenazione del carbone) da usarsi per scopi bellici.
Perfino i nostri costruttori di aerei, come la Lockheed, hanno i loro patti segreti con i Krupp, mentre la General Motors e la Ford fanno enormi affari tramite le loro rappresentanze locali, conclude l’ambasciatore.

La composizione del consiglio direttivo della I.G. Farben America Corp la dice lunga
La I.G. Farben America comprendeva nel suo consiglio direttivo Edsel Ford, presidente della Ford Motor Co, E. Mitchell, presidente della National City Bank of New York (proprietà dei Rockefeller), Walter Teagle, presidente della Standard Oil di New York, Paul Warburg, direttore della Federal Reserve e fratello di Max Warburg, finanziere dello sforzo bellico tedesco, e Herman Metz, direttore della Manhattan Bank (controllata dai fratelli Warburg).

I carri armati tedeschi erano costruiti dagli americani della Ford, e movimentati dalle benzine speciali della Standard Oil.
Nel 1938, la I.G. Farben acquistò 500 tonnellate di piombo tetra-etile, un additivo per benzine speciali prodotto dalla Standard Oil.
Nel 1939, anno in cui Hitler invase con la Guerra Lampo l’Austria e la Polonia, la Standard Oil del New Jersey fornì alla I.G. Farben benzina ad alto numero di ottani per 20 milioni di US$.
In quello stesso anno, l’American Aluminium Co (Alcoa), maggiore produttore mondiale di fluoruro di sodio, trasferì la sua tecnologia in Germania, con l’accordo chiamato Alted, mentre la Dow Chemical faceva altrettanto con le proprie formule.
I due più grossi costruttori di carri armati erano la Opel, sussidiaria della General Motors, e la filiale tedesca della Ford Motor Co.

L’Armata Rossa fu la prima ad arrivare su Auschswitz
Il 27 gennaio 1945 l’Armata Rossa liberò il campo di sterminio di Auschwitz.  Prima della Guerra in Europa v’erano quasi 10 milioni di Ebrei, incluso donne e bambini.
Dopo la Shoah erano rimasti solo 3 milioni e mezzo, con tanti giocattoli tristi ed abbandonati, e qualche agendina come quella dell’indimenticabile Anna Frank.
Le stime parlano anche di 3,5-4 milioni di civili slavi, di 2,5-4 milioni di prigionieri di guerra, di 1-1,5 milioni di dissidenti politici, di 200-800 mila tra Rom e Sinti, di 200-300 mila handicappati, di 10-250 mila omosessuali e di 2000 testimoni di Geova.
Tutta gente finita nei forni crematori e uscita in forma di fumo dagli orrendi camini-ciminiera delle lande germaniche.

Dalla Farben del deodorante ascellare Zyklon-B alla Farben dei micidiali Sarin e Soman
Tornando ai gas e al fluoro, nel 1941, quando il mortale Zyclon-B della Farben, a base di cianuro, venne letalmente utilizzato per lo sterminio degli innocenti di Auschswitz e Buchenwald, vi erano legami più che sostanziali tra l’America e la Germania.
Chi altri se non la I.G. Farben poteva formulare il Sarin e il Soman, i terribili gas nervini tedeschi derivati dal fluoro, a confronto dei quali il Zyclon-B è poco più di un deodorante ascellare ?

L’uso del Sarin in Laos e in Vietnam
Il Sarin è in grado di uccidere entro pochi minuti dalla sua inalazione. Una minima quantità sulla pelle o sugli indumenti causa lo stesso micidiale effetto.
Il Sarin agisce inibendo un enzima indispensabile per il controllo di quel movimento muscolare senza il quale il nostro corpo non ha la possibilità di funzionare.
I marines americani, nel settembre 1970, sul punto di lanciare un assalto in Laos, si ritrovarono contro un numero soverchiante di vietnamiti e di soldati della forza comunista Pathet Lao.
Chiesero rinforzi e l’aviazione americana riversò sul nemico enormi quantità di Sarin (identificato anche come CBU-15 o CBU).
Le imbarazzanti ammissioni di Cyrus Vance, sottosegretario alla difesa , in Vietnam, l’esercito americano impiegò anche i gas CS, DM e CN.
Il CS è ad esempio un agente incapacitante che provoca soffocamento e vomito incontrollato.
La sezione nordvietnamita della Croce Rossa Internazionale, ed altre fonti aggiuntive, riferirono di numerose morti di donne e bambini causate da quei gas, nonché di ulcere, ustioni ed eruzioni cutanee sul volto e su tutto il corpo delle vittime.

Il vicesegretario della difesa Cyrus Vance ammise che erano stati utilizzati anche composti a base di cianuro e di arsenico.
Altre terribili armi chimiche impiegate dagli Stati Uniti in Indocina furono il noto Napalm e i lanciafiamme caricati con naftalene, a conferma che Hiroshima e Nagasaki, più che errori di percorso, più che necessità strategiche, erano stati momenti espressivi della solita tendenza egemone e sterminatrice della civile, umana e democratica potenza americana.

Che fine ha fatto la I.G. Farben ? Nessuna fine, è più che mai viva e vegeta.
L’hitleriana I.G. Farben che colpisce ancora nel 1970 e lascia il segno di morte coi suoi prodotti ideati nel 1930, con gli stessi alleati di allora.
Ma cosa è rimasto oggi della I.G. Farben a livello concreto ? Essa esiste ed è più che mai attiva.
Essa è presente in accordi di collaborazione, con legami di vario tipo, oppure con suoi ex-dirigenti nella stanza dei bottoni, in diverse aziende leader tipo la Kellogg, la Nestlé, la Bayer, la Squibb, la Procter and Gamble, la Colgate, la Hoechst, la Sanofi Aventis, la Roche, e diverse altre.

Vuoi fare molti soldini e non pagare le tasse ? E’ un gioco da bambini. Crea una fondazione.
L’America intanto sta letteralmente scoppiando di fondazioni, vale a dire enti registrati a scopo benefico, e come tali non colpibili dal fisco.
Vuoi guadagnare tanto e non pagare le tasse ?  Semplice. Crei una fondazione a scopo culturale o umanitario, con la modica spesa di 100 dollari, e poi vai ad elemosinare denaro in giro per il mondo come ha fatto Bill Clinton.
Il modo di tirar fuori poi i soldi dal gruzzolo accumulato lo si trova sempre.
Le prime fondazioni furono la Rockefeller Foundation e la Carnegie Foundation, tutte legate alle omonime Università da loro fondate....
La scoperta che trasformò la vile spazzatura fluoruro di sodio in autentico oro
La potente famiglia Carnegie si alleò con la famiglia Mellon e la relativa Foundation, creando l’Università Carnegie-Mellon a Pittsburgh in Pennsylvania nel 1967.
Dalla famiglia Mellon vegono i fondatori dell’Istituto Mellon, autori dell’idea truffaldina e infame di collegare la carie dentaria al fluoruro di sodio, ossia quella scoperta che trasformò la spazzatura inquinante chiamata fluoruro in autentico oro.
La famiglia Mellon, infatti, era proprietaria dell’American Aluminium Company (Alcoa), e non sapeva come liberarsi  delle montagne di fluoruro di sodio, una tossina pericolosa derivante dagli scarti di produzione di duralluminio.
Divenne così automaticamente il maggior fornitore mondiale del fluoruro di sodio.

Tipica qualità americana il saper trasformare gli immondezzai in dollari lucenti
E’ tipico dell’America questa capacità di trasformare l’immondezza in pietre preziose, il sangue di bovino e di maiale in eparina (Pfizer leader mondiale del business eparina), la carne in vitamina B12 (FDA, chiesa mondiale degli imbrogli piramidali), le frattaglie e gli intestini di pesce in Omega-3 (dieta a zona di Barry Sears, leader mondiale delle diete scassa-uomo), lo scarto dei macelli in ferro-eme per gli anemici (McDonalds, BurgerKing e KentuckyFriedChicken, leader mondiali del fast-food), la scemenza dei balordi e dei drogati-nottambuli nella pestilenza AIDS, ovvero nel più grosso e vergognoso affare mediatico-farmaceutico del ventesimo secolo (CDC-Atlanta, chiesa mondiale delle pandemie inventate).

E’ una fortuna che la tecnica della scissione dell’atomo abbia avuto paternità italiana in Enrico Fermi.
Ci fosse stato di mezzo il vecchio Rockefeller, avrebbe di sicuro trovato il modo di vendere le scorie radioattive ai paesi del Terzo Mondo, per guarire le loro deficienze di ordine economico.

La scuola del furbastro ambulante di cianfrusaglie e pozioni John Davison Rockefeller
Il maestro di queste operazioni fu proprio il fondatore del gruppo Rockefeller, John Davison Rockefeller (1839-1937). Prima di fondare la Standard Oil, gigante mondiale del petrolio e socio maggioritario della I.G. Farben, è ormai nota la sua attività di venditore ambulante di cianfrusaglie e di clamorosi brogli farmaceutici ai danni degli ignari contadini-coloni americani, ai quali propinava a prezzi esorbitanti pastiglie contenenti niente altro che petrolio grezzo, come cura preventiva di tutte le malattie, incluso il cancro che già affiorava a quei tempi, come vendetta di Toro Seduto e di Chiefe Seattle, che avevano a più riprese ammonito i coloni invasori e vittoriosi di rispettare, e non di annientare i sacri e intelligentissimi bisonti che popolavano le loro terre in perfetta armonia con le tribù indiane.

Alogenare un farmaco col fluoro significa renderlo decine di volte più potente
Tornando al fluoro, nello sforzo di aumentare la biodisponibilità degli ingredienti e l’effetto sensibile dei rimedi, molti prodotti farmaceutici vengono oggi alogenati.
Negli ultimi anni, il catalogo dei farmaci al fluoro si è raddoppiato più volte.
Traspare la chiara volontà di Big Pharma di potenziare ulteriormente la stimolazione metabolica dei farmaci e le loro conclamate virtù terapeutiche.
Il passaggio dai farmaci ai miracolosi superfarmaci non può prescindere dai sali e dal fluoro.
Ad esempio, l’acetato fludrocortisone ha un’azione gluocorticoide 15 volte più potente dell’idrocortisone (che è senza fluoruro), ed effetti mineralcorticoidi addirittura 100 volte maggiori.
Il fatto è che, potenziando il rimedio, vengono aggravati gli effetti collaterali. Il  disgraziato paziente diventa così cliente almeno due volte Un paziente trattato con prodotti alogenati diventa in breve cliente delle stesse industrie una seconda volta. Ed è così che Big Pharma guadagna quattrini da due parti.
Prima col trattamento della malattia originale, e poi col trattamento degli effetti iatrogenici provocati dal suo stesso farmaco iniziale. Purtroppo, la terza volta e la quarta volta il business gli scappa di mano.

Dalla culla al vaccino, dall’AIDS al Viagra, dalla tomba alla predicazione evangelica.....
Ma, anche qui, non tutte le speranze sono perdute, dal momento che i potenti undertakers americani (le pompe funebri) vengono quotati in borsa a Wall Street, e col giochino degli scambi azionari è facile estendere un controllo razionale e integrale del mercato, seguendo l’essere umano come dei segugi.
Dalla culla (B12 e Omega3), alla crescita da proteggere (industria del vaccino, del Tamiflu di Donald Rumsfeld, ex ministro della difesa USA), all’apice da tarpare (industria del profilattico e dell’AIDS, fondazioni Clinton), al declino da limitare (Viagra della Pfizer), alla tomba da onorare (pompe funebri), allo spirito da eternizzare e collocare in Paradiso (industria della predicazione evangelica).

La mafia del fluoro e la conquista di un intero paese come l’Australia
La letteratura medica non ha ritrosie a citare come la debolezza muscolare sia un effetto evidente di molti ormoni corticosteroidi, ed in particolare del fludrocortisone e del triamcinilone (entrambi ormoni fluorati).
Un utile esempio è pure il dentifricio al fluoro che, nel lungo periodo, non solo non fa migliorare la salute dei denti, ma per la sua azione anti-metabolica, ne compromette gravemente la salute.
Basti citare l’esempio del piccolo Jason Burton che ingerì una dose di pastiglie anticarie (fluoruro di sodio) e morì.
Alcuni scienziati curiosi, europei ed americani, hanno invano cercato risposte ai propri interrogativi, dal momento che le autorità australiane, da sempre favorevoli al fluoro, hanno negato persino l’esistenza di un certificato di morte.
Non a caso, l’alleanza Farben-Colgate-Kellogg, chiamata in modo irriverente la mafia del fluoro, ha grossi amici in Australia, dove la Sydney University Foundation reclamizza addirittura il fluoro e la fluorizzazione.

I nomi precisi dell’apatia e dell’istupidimento da fluoro
Consenso, letargia, apatia e stupidità da fluoro, sono gli effetti ormai noti dei tranquillanti alogenati, tra i quali:
BENPERIDOL: Anquil, frenactil, Glianimon
DROPERIDOL: Droleptan, Dridol, Inapsin, Inapsine
FLUANISONE: Sedalande
FLUBUPERONE HYDROCHLORIDE: Buronil
FLUNITRAZEPAM: Rohypnol
FLUOPROMAZINEH: Psyquil, Siquil, Vesprin
FLUOESONE: Bripidan
FLUORIPROFEN: Froben
FLOPENTHIXOL DECANOATE
FLOPENTHIXOL HYDROCHLORIDE: Depixol, Fluanxol, Emergil
FLUPHENAZINE DECANOATE
FLUPHENAZINE ENANTHATE
FLUPNENAZINE HYDROCHLORIDE: Modecate, Moditen, Anatensol, Dapotum, Lyogen, Omca,  Pancinol, Siqualone, Permitil, Prolixin, Sevinol

Il Valium Diazepam e le vittime di incidenti stradali.
La Roche e i suoi legami con la I.G. Farben.
Il FLUNITRAZEPAM (Rohypnol), che altro non è se non Valium fluorato, venne recentemente prescritto a un giovane del Western Australia, causandone il decesso.

Il Valium Diazepam è ritenuto tra i tranquillanti più coinvolti in vittime di incidenti stradali, secondo gli studi condotti dall’Università di Sydney (prof Graham Starmer, Quantum, 26 aprile 1988).
Quale effetto aggravante possono avere le varietà fluorate a potenza moltiplicata (Rohypnol) sugli incidenti stradali?
Rohypnol e Valium sono marchi di proprietà della Roche, socio svizzero del cartello I.G. Farben.
E’ giusto che automobilisti sani, ciclisti e pedoni ultrasani, debbano correre dei rischi aggiuntivi per i porci profitti delle industrie farmaceutiche ?
Un salto di qualità dal terribile cloro al più ancora micidiale fluoro
Come gli anestetici e i tranquillanti, i gas chimici per uso bellico sono pure alogenati.
I gas per l’ordine pubblico, i gas lacrimogeni, contengono sia cloro che bromo (clorurati e brominati, ad esempio il Mace).
Ma i mortali gas nervini Soman e Sarin, sviluppati in Germania dalla I.G. Farben, espertissima in gas mortali grazie ai campi di sterminio, sono entrambi fluorurati, e rimpiazzarono il precedente gas Tabun a base di cloro per la loro ottima velocità ed efficacia nella eliminazione istantanea del nemico, tramite il loro agente anti-colinergico ad effetto immediato.
La morte sopravviene per il blocco della catalisi e dell’azione dei nervi da parte dei gas al fluoro che provoca un blocco enzimatico, e la conseguente cessazione delle funzioni del cuore e dei polmoni.

La I.G. Farben che danneggiva orribilmente le truppe nemiche col cloro nella Prima Guerra Mondiale, ha fatto un salto di qualità-terrore adottando in pianta stabile il più ancora micidiale fluoro.
La I.G. Farben ha fatto e sta facendo scuola di degrado, di monetizzazione della natura, dell’uomo, dell’animale, dell’ambiente
L’intrecciarsi, il sovrapporsi, l’accavallarsi e l’incastrarsi di coincidenze tra quelle che furono aziende del gruppo I.G. Farben e il continuo degradamento della salute umana, della nostra ecologia, del nostro ambiente, in cambio di un flusso enorme di dollari per le multinazionali, è virtualmente un processo senza fine.
Le influenze dirette e indirette della I.G. Farben si fanno sentire.
L’idea che andare contro la natura, contro l’uomo, contro l’animale, conviene e paga in contanti, è stata acquisita non solo dalle imprese farmaceutiche, ma anche da quelle alimentari.

L’esempio della Nestlé e degli altri gruppi simili
La tanto declamata Nestlé, che controlla poi un numero incredibile di prodotti e di marchi (Nescafé, Nesquick, San Pellegrino, Perrier, Milo, ecc) non è esente da colpe, ed è soltanto un esempio.
E’ stata accusata di vendere latte dalle formule nutritive insane ai bambini del Terzo Mondo.
E’ rimasta coinvolta nello scandalo del latte alla melammina in Cina.
Ha messo in commercio  del puro succo di mela che tutto era fuorché puro e fuorché di mela.
E’ additata come tra le eccellenti distruttrici della foresta pluviale amazzonica, uno dei maggiori polmoni verdi del pianeta.
Gli altri gruppi tipo Philip Morris e Unilever non rivelano certamente caratteristiche migliori della Nestlé.

Il gioco calcio come tampone assorbente dei malesseri sociali
Il calcio, lo sappiamo tutti, è sempre stato una grande valvola di sfogo per le masse.
Tiri via il calcio alla domenica e metti in crisi intere città ed intere nazioni,  ingrossando le fila dei cortei di protesta contro i soprusi e le ingiustizie, contro le magagne sociali ed economiche che acidificano inevitabilmente l’umore dei popoli.

Calcio come diversivo e come droga, come tampone assorbente di molti gravi malesseri sociali.
Pochi atleti superallenati e super pagati che giocano e fanno circo, e tanti, troppi tifosi poco atletici e tendenzialmente semi-paralitici che  li seguono con sentimenti di amore misto ad odio, di ammirazione intrisa di invidia.
Sport coinvolgente ed appassionante ma anche strumento di supporto macellatorio-medico-farmaceutico
Calcio dunque come camomilla ed allucinogeno popolare, come droga di massa, soprattutto a livello degli stadi affollati delle serie maggiori.

Il famoso panem et circenses.
Il calcio, gioco coinvolgente ed appassionante di efficienza fisica, di movimento, intelligenza, coralità e salute, viene usato non solo in funzione dopante di atleti e tifosi, di sportivi e di masse rese malleabili ed impecorite, ma diventa spesso strumento e veicolo di supporto macellatorio-medico-farmaceutico. Da simpatico e divertente giocattolo sociale si trasforma così in colossale presa in giro della gente, in insulto alla salute umana ed animale, alla natura, all’etica, all’aria e all’acqua.

E’ giusto che i tifosi aprano bene gli occhi
Se il Bayer Leverkusen si chiamasse Sarin Leverkusen, se il Bayern di Monaco di Baviera, dove gioca Luca Toni, portasse il marchio Zyklon-B, se la Nazionale Irlandese allenata dai nostri bravi e simpatici Marco Tardelli e Giovanni Trapattoni, si chiamasse Eparina-Irlanda, se la Nazionale Americana si chiamasse Monsanto-USA, se la Nazionale Italiana diventasse veicolo pubblicitario delle vaccinazioni grazie alle improvvide dichiarazioni del suo trainer Marcello Lippi, spaventato a morte dal contagiosissimo virus della pandemia suina, il tifo calcistico comincerebbe ad aprire di più gli occhi.

Forse è più interessante guardare le ragazze del Tavagnacco e della serie A femminile
Se squadre italiane di nobili tradizioni evidenziassero in modo trasparente legami e sponsorizzazioni, e persino presidenze, in settori critici (vedi il Bologna di Francesca Menarini, la quale ha in mano il più potente gruppo farmaceutico italiano, vedi l’Udinese di Giampaolo Pozzo, sponsorizzata dalla multinazionale Belen nel settore pellicce), i tifosi diventerebbero ancora più scettici e disincantati.

E andrebbero magari a vedersi il calcio femminile, dove almeno c’è qualche seno ballonzolante e qualche bel paio di gambe da apprezzare, oltre che alle amate-odiate sviste arbitrali e al gioco del pallone in sé.
I soldi non hanno colore - Ma si sa come va il mondo.
Quando si va verso le grandi cifre, tutti diventano di bocca buona e i soldi non hanno più alcun colore.
La stessa cosa succede nella Formula Uno e nel Motomondiale, dove gli sponsor più attivi sono le sigarette Marlboro, la Coca-Cola e la micidiale bevanda scassa-gioventù di nome Red Bull.
Come ha scritto Luigi Boschi in un suo articolo Boicottiamo la pubblicità, del 9/8/09, la pubblicità è diventata il vero cancro di questa società.
Più uno imbroglia più guadagna. Più guadagna e più pubblicità fa ai suoi prodotti. Un circolo vizioso senza senso e senza fine.

La società degli spot produce dementi e fa sparire l’informazione
Se all’inizio dello sviluppo industriale poteva essere un volano di coinvolgimento, la sua massificazione e la sua concentrazione è divenuta devastante. Abbinata alla tv di massa è una necrosi cerebrale. E’ la stupidità globalizzata.
E’ un processo di deresponsabilizzazione che impedisce di intendere e volere.

La pubblicità produce dementi e Zombie.
Nella società degli spot sparisce l’informazione. Tutto è celato e falsato. Tutto basato sulla stupidità sociale e sull’acquisto di prodotti il più delle volte inutili e dannosi.
Il consumatore abbindolato e costretto a sovvenzionare la propria dabbenaggine
Un sano di mente non può essere disposto a farsi raggirare e a sottomettere le proprie scelte a un messaggio idiota e sviante, facendosi anche scippare le proprie risorse.
Il consumatore non solo viene abbindolato, ma deve anche alimentare le tasche altrui a sostegno della propria dabbenaggine.
Nel mondo prossimo venturo, i nostri figli rideranno per la tragicomica idea su cui si basava la nostra presente società dei consumi.

L’America ci ha dato cose importanti, ma non si è scrollata da dosso la violenza delle sue origini
Nessuno abbia la faccia tosta di accusarci di sentimenti antiamericani o antitedeschi.
Sappiamo troppo bene che l’America ci ha dato cose eccellenti, fungendo da contro-barriera antisovietica ed antimaoista, regalandoci ottima musica, producendo la scuola igienistico-naturale più avanzata del globo, con migliaia di medici di alto livello oltre ai troppo noti Isaac Jennings, Sylvester Graham,  Russell Thacher Trall, John Tilden ed Herbert Shelton, per non citare l’incommensurabile  Peter Duesberg, scienziato tedesco, insegnante tuttora biologia cellulare e molecolare alla californiana Berkeley University.

Niente contro la Germania, purché la Bayer continui a fare le sue aspirine e non voglia di nuovo prendersi il mondo con una Nuova Guerra Lampo dietro nuove sigle
Sappiamo troppo bene come la Germania ci abbia dato personaggi irripetibili del calibro di Arnold Ehret e di Albert Schweitzer.
Ma la parte marcia, dovunque essa sia, va individuata e bersagliata, se vogliamo gustare la porzione sana della torta.
E’ un po’ la stessa discriminante che viene regolarmente posta allo stivale italico, che ogni giornale straniero dipinge di mafia, prima ancora di vederci dentro i Dante e i Leonardo da Vinci, i Giotto e i Raffaello.

Gira e volta i nomi sono sempre quelli, sintetizzati nell’ormai famigerato Codex Alimentarius
I nomi sono sempre quelli, America e Germania, Casa Bianca e Hitler, Rockefeller e Farben, Bayer ed Hoechst, Pfizer e Monsanto, Clinton e Soros, Obama e Rumsfeld, Roche e Novartis, Baxter e Sanofi Aventis, GlaxoSmithKline e Nestlé, Philip Morris e Kraft. CDC ed FDA, NDC e CIA, OMS e Ministeri della Salute (o meglio della Malattia).

Tradotti in un nome soltanto diventano una parola sola, una sola sintesi, ed è quel famoso Codex Alimentarius, dietro il quale si nascondono i vaccinatori di tutte le specie, gli avvelenatori delle terre e delle acque, gli appestatori degli OGM, gli sgozzatori impenitenti di creature magnifiche come e più di noi uomini, gli inventori di tutti gli AIDS e di tutti i Papilloma Virus, i veri terroristi e i più disinvolti delinquenti seriali e legali del Terzo Millennio.
By Valdo Vaccaro - Direzione Tecnica AVA-Roma (Associazione Vegetariana Animalista)
- Direzione Tecnica ABIN-Bergamo (Associazione Bergamasca Igiene Naturale)

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Esistono pochissimi studi scientifici correttamente condotti sugli integratori al fluoro e tutti dimostrano che l'effetto di questi supplementi sulla prevenzione delle carie è molto blando se non nullo.
Decisamente più numerosi sono invece gli studi sugli effetti negativi del fluoro sulla salute dell'uomo.
Nonostante tutto, molti pediatri e dentisti consigliano ancora in modo automatico e sistematico la fluoroprofilassi (compressine o gocce) per i bambini di pochi mesi. L'integrazione di fluoro non è solo inutile, ma può essere addirittura dannosa.
Vediamo perché.
Le industrie del farmaco sono notoriamente molto abili nel manipolare, se non nell'influenzare, gli studi scientifici. Inoltre, non c'è migliore guadagno di quello che si ricava da farmaci prescritti in modo sistematico ad intere fasce della popolazione.......vedi le vaccinazioni, le terapie ormonali per la menopausa, solo per citarne alcune.
Contrariamente a quello che si credeva un tempo, il fluoro è efficace solo se applicato localmente e non quando assunto internamente.
Assorbito per bocca, il fluoro entra nel dente attraverso il sangue e altera la struttura del dente stesso. Questo può causare fluorosi dentale. Invece, applicato localmente sul dente si lega allo smalto dei denti e li protegge dalle carie. Soprattutto nei bambini piccoli, i rischi dell'assunzione di fluoro superano di gran lunga i benefici.

Le industrie del farmaco e quelle produttrici di dentifrici hanno a lungo sottaciuto e sottovalutato gli effetti tossici dei prodotti a base di fluoro.
La fluorosi dentaria è in aumento soprattutto tra la popolazione che fa uso sistematico di integratori a base di fluoro. Si presenta sotto forma di uno scolorimento intrinseco dello smalto dei denti: i denti appaiono screziati, macchiati, puntinati, decolorati e a volte anche bucherellati (immagini). Lo smalto saturato di fluoro è più vulnerabile all'attrito e all'erosione. I danni aumentano nel tempo.
Non esiste un dosaggio sicuro di fluoro. I danni da fluoro non si manifestano solo a livello dei denti, ma anche delle ossa e di altri tessuti umani. Il fluoro ha effetti negativi anche sul sistema nervoso centrale e determina alterazioni comportamentali e deficit cognitivi.
Studi scientifici dimostrerebbero che il fluoro può essere neurotossico anche per il feto a dosaggio considerati sicuri per la madre.
Dopo la nascita, il bambino può manifestare un ridotto quoziente intellettivo e alterazioni comportamentali.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

FLUORO: I fluoruri di sodio somministrati ai bambini con le "pastiglie al Fluoro", per, dicono i pediatri, combattere la carie dei denti, non solo fanno in modo che il sistema immunitario si comporti come se fosse il sistema immunitario di una vecchia persona, ma cagiona anche dei danni autoimmuni in tutto il corpo ed accelera il processo di invecchiamento del corpo.
La bassa concentrazione in cui i
fluoruri di sodio esercitano il loro effetto deleterio mostra chiaramente che in realtà non esiste una concentrazione di fluoruro di sodio che non sia dannosa.
Lo stesso
problema si riscontra nell’acqua potabile "fluorata" per, dicono i "tromboni del potere sanitario", combattere la carie dei denti. ....

Il FLUORURO
Il fluoruro è stato l'elemento chimico chiave per la costruzione della bomba atomica. Si, stiamo parlando di un derivato del fluoro contenuto nel dentifricio che usiamo tutte le mattine o nelle gomme da masticare vendute a coloro che non hanno neanche il tempo di lavarsi i denti.
Dopo circa 50 anni (periodo in cui è stata scoperta la bomba atomica) che gli americani hanno cominciato ad aggiungere fluoruro alle loro sorgenti idriche per ridurre le carie dentali, sono stati resi pubblici dei documenti che mettono seriamente in discussione la sicurezza del fluoro e la buonafede del governo americano.
Diversi scienziati legati al progetto della bomba A condussero degli studi sui fluoruri concludendo che il fluoro provoca seri danni al sistema nervoso centrale e al nostro organismo in generale.
Molti di questi rapporti furono classificati segreti per "ragioni di sicurezza nazionale" e molti altri sparirono dagli archivi statali.
Il conflitto di interessi è chiaro: se si fosse reso pubblico che l'esposizione al fluoro è dannosa, il progetto della bomba A, i suoi fornitori e tutte quelle istituzioni ad esso legate, sarebbero state annientate da uno scandalo dalle immense proporzioni e dalle relative cause intentate per danni alla salute pubblica.
Così tutto fu messo a tacere, ma nonostante ciò gli studi sugli effetti del fluoro dovevano continuare, anzi servivano cavie umane. Esiste forse un modo migliore che metterlo nelle tubature dell'acqua con la scusa della salute dentale dei nostri figli ? Ed ecco subito organizzati convegni, pubblicità e associazioni di medici e dentisti preposte a pubblicizzare e a rassicurare la gente sull'utilizzo del fluoro e dei suoi "effetti benefici".
Il risultato fu dei migliori: la gente accettò l'utilizzo del fluoro come salvaguardia della propria salute dentale, furono smentite tutte le implicazioni del fluoro con diverse malattie che colpirono operai e persone che abitavano nei pressi delle fabbriche che producevano questo materiale di scarto altamente tossico e inoltre, a loro insaputa, diventarono tutti potenziali cavie da laboratorio su cui studiare gli effetti dell'ormai beneamato fluoro.
Molti sono gli studi e le argomentazioni che attestano la pericolosità del fluoro e grazie a Joel Griffiths e Chris Bryson un medico scrittore e un giornalista indipendente si sta facendo luce su questa sconcertante situazione.
Uno degli effetti più evidenti dei fluoruri sul nostro organismo è quello sul sistema nervoso centrale. Diversi studi mostrano come ripetute dosi di quantità infinitesimali di fluoro possono ridurre nel tempo ogni forza individuale di resistere alla dominazione, con l'avvelenamento e la narcosi di una certa area del cervello, rendendo così l'individuo sottomesso alla volontà di quelli che desiderano governarlo.
Sono molte le evidenze storiche che mostrano accordi tra il governo americano e il regime di Hitler per il finanziamento del progetto della fluorizzazione delle acque dei paesi conquistati per renderli docili al controllo e alla dittatura.
I fluoruri sono dei materiali di scarto di molte industrie chimiche e la loro sicura distruzione ha dei costi così elevati che hanno costretto i "poveri industriali ad industriarsi per trovare una soluzione
alternativa e più economica!"……
E così, una sostanza tossica di SCARTO è stata trasformata in una fonte di immensi guadagni.
Oggi l'impiego del fluoro viene utilizzato per la realizzazione dei seguenti prodotti:

1) Refrigeranti e propellenti
Il risultato è un bel buco nell'ozono e un'ulteriore inquinamento grazie al naturale riciclo delle piogge che riportano sulla terra e quindi in tutto quello che mangiamo e beviamo le sostanze dannose che immettiamo nell'aria.

2) I Farmaci
Per incrementare la biodisponibilità degli ingredienti contenuti nei farmaci, molti prodotti delle case farmaceutiche vengono alogenati. La proclamata intenzione dei farmacisti nell'additivare di floruro un prodotto, è di potenziarne ulteriolmente l'attività metabolica, e perciò le sue proprietà terapeutiche. Ma, potenziando l'effetto del rimedio, verranno anche aggravati gli effetti collaterali e l'industria "terapeutica" guadagna soldi da due parti: dal trattamento della malattia originale e, di conseguenza, dal dover poi porre rimedio agli effetti collaterali provocati dal trattamento stesso.

3) Tranquillanti
Sono tutti agenti anti-colinergici che agiscono sul sistema nervoso centrale causando depressioni cardiache e respiratorie. Effetti: consenso, letargia, apatia e... stupidità ed ignoranza da fluoro !

4) Anelgesici, ovvero incoscienza al fluoro
Come per i tranquillanti sono tutti anti-colinergici e gli effetti sono gli stessi.
Vi sono studi scientifici che dimostrano come la discendenza degli anestesisti ha un numero maggiore di difetti di nascita superiore alla media.

5) Sterminatori Fluorurati
Come al punto 3 e 4 i gas chimici per uso bellico sono alogenati. I gas per l'ordine pubblico, i gas lacrimogeni sono alogenati e i mortali gas nervini come il Soman e il Sarin sviluppati in Germania (casualmente usati durante la seconda guerra mondiale nei campi di sterminio) sono entrambi fluorurati. La morte immediata dovuta all'esposizione di questi gas è il risultato del blocco istantaneo della catalisi e dell'azione dei nervi, causando un effetto anti-colinergico (blocco enzimatico) e la conseguente cessazione delle funzioni del cuore e dei polmoni.

La nostra società continua ad essere "bombardata" da sostanze dannose che ci vengono vendute come rimedi per questo e quell'altro problema o come sostanze miracolose, arrivando addirittura all'immissione di queste sostanze nelle nostre tubature per renderle alla "portata di tutti" raggirando in modo subdolo e meschino la liberta di scelta dei consumatori: consumatori lo siamo tutti, lo è anche il barbone che si disseta bevendo "ignaro" alle fontanelle comunali poste nel giardino dove risiede.
Per ragioni di spazio molte notizie, nomi di persone, industrie e farmaci coinvolti in questo scritto non sono state menzionate, per avere una visione completa dell'argomento consultare la rivista Nexus, dove vengono riportate anche le fonti originali della documentazione e una ricca bibliografia per rendere possibili ricerche a livello personale per i più scettici.
Edizioni Nexus n.2, n.3, n. 18 - Avalon Edizioni - Casella postale 008 - 35127 Padova Interporto
e.mail: nexus_it@hotmail.com
L
inks utili:    www.laleva.cc  - www.inter-view.net/~sherrell/bomb.htm (inglese)  -  www.iahf.com (inglese)

Ricordiamo che:
Il dott. Ionel Rapaport, un ricercatore dell’Università del Wisconsin, ritiene che ci sia un legame diretto tra l’incidenza del mongolismo e l’acqua potabile fluorizzata. Effettivamente una percentuale superiore alla media di casi di mongolismo è stata riscontrata in quelle zone dove lo scoloramento dello smalto dei denti indica un eccesso di fluoruri nell’acqua.
Dosi molto alte possono causare la fluorosi scheletrica (indurimento anormale delle ossa) che è associata a dolori artritici, debolezza, rigidità delle articolazioni, danno al sistema nervoso e paralisi. Questo disturbo può presentarsi dopo aver assunto dosi quotidiane di fluoruro dai 20 agli 80 mg o dai 72 ai 285 mg di fluoruro di sodio per 20 anni. Dosi elevate di fluoruro di sodio (dai 40 ai 70 mg al giorno) possono causare pirosi e dolore ai piedi e alle caviglie. Sono attualmente sotto studio nuove forme che elimineranno questi effetti collaterali.
E’ stato sostenuto che il fluoro può essere un agente cancerogeno, ma non esiste nessuna prova scientifica di una tale affermazione. Malattie come la sindrome di Down sono state correlate all’acqua fluorizzata.
Il calcio è un antidoto in caso di intossicazione da fluoro.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Fluoride reclassified as a poison: Ballina council rejects fluoride

Ballina council rejects fluoride
Last Update: Thursday, March 25, 2004. 8:27am (AEDT)
Source: ABC News
After almost 40 years of providing fluoride to the shire's residents northern NSW's Ballina council is recommending that it scrap the service. Since 1965 the council has offered fluoride in one form or another.
But new legislation now classifies fluoride as a poison.
Ballina's manager of water and sewerage, Phil Warner, says it is time stop the practice because the council is no longer authorised to hand out fluoride.
The council has been providing fluoride to the community over the counter for many years now, but in tablet form and also in drop form," Mr Warner said.
"Basically fluoride is now considered a poisonous substance."

Read Also: AFIN BULLETIN # 101: Fluoride [re]classified as a poison.
AUSTRALIAN FLUORIDATION INFORMATION NETWORK AFIN BULLETIN # 101: Fluoride [re]classified as a poison. March 27, 2004.

Altre Notizie:
Dal Corriere della Sera 14/07/05 - by E.C. Washington.
Uno dei docenti piu' noti dell'Universita' di Harvard, prof. Chester Douglass, e' oggetto di una inchiesta diretta ad accertare se nascose il legame che sembra esistere fra il fluoro nell'acqua potabile ed un raro tipo di cancro alle ossa, l'osteosarcoma.
Nel 2001 Douglass diresse una ricerca di una sua studentessa, E. Bassin, che stabili' che dosi eccessive di acqua con il  fluoro espongono i maschi da 5 ai 19 anni, il rischio delle femmine sarebbe la meta', ad una malattia di solito mortale. Nel 1990, un'altra ricerca aveva accertato che esse hanno lo stesso effetto sui topi.
Il fluoro viene immesso nei dentifrici, ma in America e' anche immesso nell'acqua potabile e bevuta da circa 170 milioni di persone. Nonostante l'esito della ricerca della Bassin, la piu' rigorosa in questo campo- nel 2004 Douglass, che lavorava per la Colgate - produttore di dentifrici - smenti che l'acqua con il fluoro possa provocare il cancro alle ossa in un rapporto che desto' aspre polemiche !

Commento NdR: Una legge dell'Arabia Saudita (paese che noi occidentali riteniamo retrogrado...) afferma: "un prodotto NON puo' essere immesso sul mercato se non se produce prima la dimostrazione della sua assoluta innocuita"....

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Le industrie del farmaco sono notoriamente molto abili nel manipolare, se non nell'influenzare, gli studi scientifici. Inoltre, non c'è migliore guadagno di quello che si ricava da farmaci prescritti in modo sistematico ad intere fasce della popolazione... vedi le vaccinazioni, le terapie ormonali per la menopausa, solo per citarne alcune.
Contrariamente a quello che si credeva un tempo, il fluoro è efficace solo se applicato localmente e non quando assunto internamente. Assorbito per bocca, il fluoro entra nel dente attraverso il sangue e altera la struttura del dente stesso. Questo può causare fluorosi dentale. Invece,  applicato localmente sul dente si lega allo smalto dei denti e li protegge dalle carie. Soprattutto nei bambini piccoli, i rischi dell'assunzione di fluoro superano di gran lunga i benefici.
Le industrie del farmaco e quelle produttrici di dentifrici hanno a lungo sottaciuto e sottovalutato gli effetti tossici dei prodotti a base di fluoro.
La fluorosi dentaria è in aumento soprattutto tra la popolazione che fa uso sistematico di integratori a base di fluoro. Si presenta sotto forma di uno scolorimento intrinseco dello smalto dei denti: i denti appaiono screziati, macchiati, puntinati, decolorati e a volte anche bucherellati (immagini).
Lo smalto saturato di fluoro è più vulnerabile all'attrito e all'erosione.
I danni aumentano nel tempo.
Non esiste un dosaggio sicuro di fluoro. I danni da fluoro non si manifestano solo a livello dei denti, ma anche delle ossa e di altri tessuti umani. Il fluoro ha effetti negativi anche sul sistema nervoso centrale e determina alterazioni comportamentali e deficit cognitivi. Studi scientifici dimostrerebbero che il fluoro può essere neurotossico anche per il feto a dosaggio considerati sicuri per la madre. Dopo la nascita, il bambino può manifestare un ridotto quoziente intellettivo e alterazioni comportamentali.
La Drssa Mullenix, dell'Harvard University nel 1994 ha condotto studi sui danni congeniti del fluoro nei topi. Dosi somministrate prima della nascita davano luogo a marcata iperattività della prole. La somministrazione dopo la nascita determinava dei topi infanti. Le analogie con la sindrome da deficit attentivo e da iperattività dei bambini moderni sono presto fatte.
Per questi studi, la Drssa Mullenix fu licenziata dall'Istituto Forsyth, che subito dopo ricevette fondi per un quarto di milione di dollari dalla Golgate..coincidenza ?

In America la pratica di aggiungere il fluoro alle acqua potabili (iniziata negli anni quaranta per prevenire la carie) si è dimostrata sostanzialmente inutile se non addirittura dannosa, aumentando il rischio di fluorosi dentale. L'addizione di fluoro nelle acque potabili è praticata da altri paesi, tra cui Australia ed alcune zone della Gran Bretagna. E' invece proibita in Belgio, Danimarca, Olanda, Francia, mentre in Spagna e in Germania ogni decisione è rimessa alle autorità locali. In Italia, non esiste una normativa in materia.
Dopo anni di acque fluorate e integratori a base di fluoro in America l'incidenza della fluorosi dentale è aumentata dell'80% in alcune zone.
Attualmente, sempre in America si spendono più soldi per trattare i danni ai denti causati dal fluoro di quelli che si sarebbero spesi nel curare le carie !
Recenti studi epidemiologici mostrano come la fluorizzazione delle acque è chiaramente correlata all'aumento delle fratture dell'anca in persone ultrasessantenni e alla diminuzione del tasso di fertilità negli esseri umani.
Alcuni recenti studi hanno mostrato che l'incidenza delle carie tra la popolazione di alcune cittadine era addirittura diminuita dopo che le amministrazioni comunali avevano smesso di aggiungere fluoro alle  acque potabili. 
Secondo gli esperti, una dose singola di fluoro giornaliera (quella che i bambini assumono sotto forma di una compressina da 0,25 mg o 1 mg al giorno per la profilassi delle carie) più facilmente può causare fluorosi dentale rispetto all'assunzione, più diluita durante la giornata, attraverso l'acqua fluorata.
I bambini stanno assumendo troppo fluoro! Oltre al fluoro contenuto negli integratori per la profilassi dentale, i bambini possono assumere altro fluoro quotidianamente attraverso altre forme: dentifrici (che per il buon sapore, spesso ingoiano), alimenti e bevande dell'industria alimentare, residui di pesticidi nel cibo, abuso di presidi dentistici, emissioni inquinanti nell'aria, farmaci, anestetici, ma anche tè e particolari acque minerali. I bambini possono realmente saturarsi di fluoro ed esporsi al rischio di fluorosi.
Ricercatori inglesi sull'autorevole rivista medica "British Medical Journal" mettono in guardia dall'uso del fluoro e dichiarano che i benefici derivati dalla supplementazione con il fluoro sono stati sovrastimati nel passato e che invece i bambini rischiano la fluorosi dentale.

Riflessione
W. Price, dentista americano vissuto agli inizi dello scorso secolo, fece il giro del mondo alla ricerca delle ultime popolazioni che vivevano in modo tradizionale, in equilibrio con la natura circostante e che avevano mantenuto una alimentazione immutata da centinaia se non da migliaia di anni. Nonostante l'assoluta mancanza di dentifrici, spazzolini, fili interdentali, chewing gum al fluoro e soprattutto in mancanza (fortunati loro !) della fluoroprofilassi, che la moderna medicina propina ai nostri figli, queste popolazioni godevano tutte di una dentatura che rasentava la perfezione, praticamente quasi libera da carie. Studiando invece le popolazioni civilizzate e modernizzate, Price riscontrava immancabilmente un notevole deterioramento delle condizioni dei denti con una incidenza delle carie qualche decina di volte superiore. Il Dr Price, uomo di grande esperienza, era convinto che il modo di alimentarsi della gente influenzava grandemente la salute dei denti più di tutte le pratiche igieniche dentali.
Le popolazioni che si alimentavano ancora in modo tradizionale e consumavano cibi così come li offriva Madre Natura, non devitalizzati o comunque poco modificati (carne, pesce, uova, ortaggi, latte, formaggi, burro, grassi animali, frutta e cereali integrali) godevano delle dentature migliori, le persone che invece mangiavano cibi preparati dall'industria alimentare (raffinati, dolci, devitalizzati, inscatolati, sgrassati, pastorizzati, etc.) avevano le dentature peggiori e più vulnerabili alle carie.

Conclusione
Non somministrate ai vostri figli i supplementi di fluoro consigliati per la profilassi della carie, potrebbero essere dannosi. Che la mamma in gravidanza curi bene la propria alimentazione, anzi che la curi molto prima di concepire. Nei cibi, quelli buoni, quelli più vicini a come la Natura li offre, non manipolati dall'industria alimentare, c'è tutto quello di cui l'uomo ha bisogno. Una buona alimentazione, la vita all'aperto, la luce del sole, l'attività fisica, il giusto riposo e la serenità mentale sono tutti fattori che concorrono al benessere del corpo e quindi anche dei denti. Una corretta, ma non ossessiva igiene dentale fa il resto.
Per quanto riguarda la profilassi nel caso di persone particolarmente soggette a carie (per tendenze costituzionali, per mal nutrizione, per concomitanti malattie croniche, ecc.), vi sono ottimi prodotti naturali, che funzionano bene e soprattutto non intossicano.

Bibliografia
Aoba T, The effect of fluoride on apatite structure and growth, Crit Rev Oral Biol Med, 1997;8(2):136-153.
Awad MA, Hargreaves JA, Thompson GW, Dental Caries and Fluorosis in 7-9 and 11-14 Year Old Children Who Received Fluoride Supplements from Birth, J. Canadian Dental Association, 1991, 60:4, 318-322.
Burt BA, The Case for Eliminating The Use of Dietary Fluoride Supplements Among Young Children, Fluoride, 1994 April, 27(2), 121. Abstract presented at the Dietary Fluoride Supplement Conference, ADA Chicago, Jan 31-Feb 1, 1994.
Clark C, 1994 - Trends in prevalence of dental fluorosis in North America, Community Den Oral Epidem, 22, 148-52.
Fejerskov O, Larsen MJ, A Richards and V Baelum, 1994 - Dental tissue effects of fluoride, Fluoride, 1994 October, 27(4), 236, from Advances in Dental Research, 1994, 8(l), 15-31.
Heilman JR, Kiritsy MC, Levy SM, Wefel JS, 1997 - Fluoride concentrations of infant foods, J Am Dent Assoc,  Jul, 128(7), 857-863.
Ismail AI, 1994 - Fluoride supplements: current effectiveness, side effects, and recommendations, Community Dental Oral Epidemiology, 1994, 22, 164-72.
Kunzel et al. 2000 - Caries prevalence after cessation of water fluoridation in LaSalud, Cuba. Caries Res Vol.34, N.1:20:25.
Kunzel et al. 2000 - Decline of caries prevalence after the cessation of water fluoridation in the former east Germany. Comm Dent Oral Epidem, Vol.28, N. 5:382-389.
Levy SM, Kiritsy MC, Slager SL, Warren JJ, Kohout FJ, 1997 - Patterns of fluoride dentifrice use among infants, Pediatr Dent, 1997 Jan 19 (1) 50-55.
Levy SM, Kohout FJ, Guhachowdhury N, Kiritsy MC, Heilman JR and Wefel JS,
1996 - Infants' Fluoride Intake From Drinking Water Alone, And From Water Added To Formula, Beverages, And Food, Fluoride, 1996 Feb, 29:1, 54, from J. of Den. Res., 1995, 74:7, 1399-1407.
Levy SM, Kohout FJ, Kiritsy MC, Heilman MR, Wefel JS, 1995 - Infants Fluoride Ingestion From Water, Supplements and Dentifrice, Fluoride, May, 29:2,113. from JADA, 1995, 126:12 1625-1632.
Levy SM, Kiritsy MC, Warren JJ, 1995 - Sources Of Fluoride Intake In Children, Fluoride, 28:4, November, 215-216, from J. of Public Health Dentistry, 55 (1), 39-52 1995.
Lewis DW, Banting DW, 1994 - Water fluoridation: current effectiveness and dental fluorosis. Community Dental Oral Epidemiology, 22, 53-8.
McDonagh M.S. et al., 2000 - Systematic Review of Water Fluoridation. Brit Med J Vol. 321, October, N. 7265: 855-859.
Newbrun,  1999 - The case for Reducing the current council on dental therapeutics fluoride supplementation schedule. J of Pub Health Dentistry, (Fall): 263.
Price A W 1997 - Nutrition and Physical degeneration. 6th edition.
Price-Pottenger Nutrition Foundation.
Riordan PJ, 1997 - The Place Of Fluoride Supplements In Caries Prevention Today, Fluoride, Feb, 30:1, 67, from Australian Dent J, 1996, 41:5, 335-342.
Riordan PJ, 1993 - Dental Fluorosis, Dental Caries And Fluoride Exposure Among 7-year-olds, Fluoride, July, 26:3, 231-232, from Caries Research, 1993, 27, 71-77.
Riordan PJ, 1994 - Perceptions of Dental Fluorosis, Fluoride, January, 27:1, 54-55, abstracted from Journal of Dental Research, 72 (9), 1268-1274 1993.
Riordan PJ. 1989 - Guidelines for the use of dietary fluoride supplements in Australia. Australian Dental Journal, Aug, 34(4):359-62.
Rock WP, 1997 - Sabieha AM, The relationship between reported toothpaste usage in infancy and fluorosis of permanent incisors, Br Dent J, 1997 Sep 13, 183(5), 165-170.
Seppa et al., 2000 - Caries trends 1992-1998 in two Low-Fluoride Finnish Towns Formerly with and without Fluoridation. Caries Res., 34, N. 6:20:25.
Sergio GS, Weber A, Torres C, 1989 - Fluoride content of tea and amount ingested by children, Odontol Chil, Dec, 37:2, 251-255.
Silva M, Reynolds EC, 1996 - Fluoride Content Of Infant Formulae In Australia, Fluoride, 199, May, 29:2, 15-116, from Australian Den J., 1996, 41:1, 37-42.
The Natick Report. Findings, Conclusions and Recommendations of the Natick Fluoridation Study Committee. 27 Sept, 1997
Warren JJ, Kanellis MJ, Levy SM, 1999 - Fluorosis of the primary dentition: What does it mean for permanent teeth? JADA 130(3):347-356.
Weeks KJ, Milsom KM, Lennon MA, 1994 - Enamel Defects In 4-Year-Old to 5-Year-Old Children In Fluoridated and Non-Fluoridated Parts of Cheshire, UK, Fluoride, Jan, 27(1), 55, from Caries Research, 1993, 27:4 317-320.
Woltgens JH, Etty EJ, Nieuwland WM, Lyaruu DM, 1989 - Use of fluoride by young children and prevalence of mottled enamel. Advances in Dental Research, Sep, 3(2):177-82.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Scientific American Has Second Thoughts About Fluoride
Editors for Scientific American believe recent studies suggest that fluoride raises the risks of disorders affecting teeth, bones, the brain and the thyroid gland, and in general “scientific attitudes” about fluoridation may be shifting.
"Fluoride, the most consumed drug in the USA, is deliberately added to 2/3 of public water supplies theoretically to reduce tooth decay, but with no scientifically-valid evidence proving safety or effectiveness," says lawyer Paul Beeber, president of the New York State Coalition Opposed to Fluoridation.
Meanwhile, according to environmental reporter and director of New York University's Science, Health and Environmental Reporting Program Dan Fagin, "There is no universally accepted optimal level for daily intake of fluoride."
After analyzing hundreds of fluoride studies, researchers found that fluoride: Alters endocrine function, especially in the thyroid. Causes dental fluorosis in young children. May lower IQ. May increase the risk of bone fractures

Because scientific evidence suggests that water fluoridation is ineffective and dangerous to health, over 1,200 professional are now urging Congress to stop water fluoridation.
Sources: Reuters January 2, 2008