Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


BEVETE piu' LATTE
......che vi fa male = il Mal di LATTE
V
ideo sul Latte: http://www.youtube.com/watch?v=tYpafipJyDE&feature=related
Articolo in Spagnolo sui danni del Latte: http://www.dsalud.com/index.php?pagina=articulo&c=430
MUCCHE da latte alla TBC (Tubercolosi che si trasmette facilmente dall'animale all'uomo)
 

Probabilmente tutto quello che sapete sul latte è quello che avete sentito dire in qualche programma TV del tipo "Salute & Benessere", o in qualche pubblicità in TV con una bella mucca che pascola in un bel prato verde.
Buona fonte di calcio, tante proteine, belle immagini di un fluido bianchissimo che fluisce dolcemente nel bicchiere e un bambino sorridente che si pulisce i baffetti bianchi.
La fantasia delle agenzie pubblicitarie ingaggiate dall'industria lattiero-casearia non ha limiti nel creare bellissime e coloratissime favole intorno ai loro prodotti. Anche se non fanno più vedere il contadino che munge la sua mucca, già non crediamo alla scenetta del fattore che porta in città i formaggi con il carretto trainato dal mulo.

Queste favole però ci impediscono di vedere una realtà che invece dovremmo conoscere, fosse solo per il legittimo desiderio di conoscere la verità.
Indipendentemente dal fatto che il latte di mucca va molto bene per i vitelli e non è un alimento adatto all'alimentazione umana e nessun animale raggiunta l'età adulta beve latte, quello che compri al supermercato o in latteria non ha nulla in comune con il latte munto dal contadino.
Il latte di mucca è un fluido malsano (NdR: specie quello pastorizzazione), proveniente da animali malati, specie di Tubercolosi (NdR: salvo quelli allevati in modo biologico e lasciati pascolare nei campi allo stato brado) che hanno un'ampia gamma di malattie pericolose (NDR: soprattutto perche' vaccinati e questi sono anche trattati farmacologicamente ed allevati con alimenti malsani), quindi latte che contiene sostanze che hanno un effetto negativo cumulativo su tutti coloro che lo consumano, anche se non pastorizzato.
vedi:  Alimenti Contaminati + Pericoli del latte + DOSSIER LATTE + Latte fa male + Latte e latticini + CRUDISMO + Latte materno

Altri comuni malattie note per essere diffuse attraverso un uso improprio del latte contaminato all'epoca erano oltre alla Poliomielite, la tubercolosi, la febbre tifoide, scarlattina, mal di gola, difterite e diarrea infantile. [16]
Può essere questa la genesi di tutte le polemiche sul latte crudo che sta avvenendo in questi giorni ? Invece di promuovere la corretta gestione sicura di latte, certificato contenente molti microrganismi salutari, la FDA degli Stati Uniti esige pastorizzazione che promuove altri problemi di salute." e promuove invece i vaccini.....

"La tubercolosi è la causa più comune di morte per AIDS"
Corbett, E. L., C. J. Watt, N. Walker, D. Maher, B. G. Williams, M. C. Raviglione, and C. Dye. 2003. The growing burden of tuberculosis: global trends and interactions with the HIV epidemic. Arch. Intern. Med. 163:1009-1021. 
Abstract/FREE Full Text
http://jcm.asm.org/cgi/ijlink?linkType=ABST&journalCode=archinte&resid=163%2F9%2F1009
Murray, S. 2006. Challenges of tuberculosis control. Can. Med. Assoc. J. 174:33-34. FREE Full Text
- http://jcm.asm.org/cgi/ijlink?linkType=FULL&journalCode=cmaj&resid=174%2F1%2F33
https://www.facebook.com/photo.php?fbid=496706313690563&set=a.183708744990323.46904.182805198414011&type=1&theater
Fonte:
- http://vactruth.com/2012/06/03/7-trivia-facts-about-polio/

Il Dottor Jean Seignalet, gastroenterologo e immunologo presso la facoltà francese di Medicina all’Università di Montpellier afferma:
"Da sempre il latte animale è ritenuto dai piu’, un alimento sano, nutriente, fortificante e rimineralizzante grazie al calcio che contiene.
In realtà, diverse ricerche hanno portato medici e ricercatori a considerarlo nocivo per l’uomo e responsabile di numerose patologie – fra cui problemi tubercolosi, digestivi, intestinali, ormonali, demineralizzazione, decalcificazione, oltre che di formazioni cistiche e tumorali".
La Caseina contenuta nel latte, genera le malattie croniche infiammatorie
Animali adulti messi a dieta di latte “fresco” del supermercato, sviluppano artrite che può essere monitorata istologicamente (iperplasia sinoviale cellulare, infiammazione e infiltra­zione linfoplasmocitica), anche se sono completamente assenti anticorpi IgE o IgG alle proteine del latte (Panush 1990).
"Queste osservazioni", concludono i ricercatori, “possono fornire un importante modello di laboratorio per lo studio delle malattie infiammatorie dei legamenti”.
L’effetto artritogenico del consumo del normale latte commerciale è ben noto ai ricercatori [Goldlust 1981].
Secondo gli studi, bere 235-350 millilitri al giorno di latte pastorizzato costituisce un piccolo, ma ripetuto stimolo antigenico a livello dell’assorbimento intestinale.


Caseina: Un esempio per i latticini (prodotti derivanti dal latte).
Come al solito, il ‘la’ per la contraffazione della mozzarella è stato offerto dalla Commissione Europea, che ha contribuito all’estendersi del fenomeno, autorizzando l’uso della caseina in luogo del latte...." - per le pressioni delle lobbies delle aziende
agroalimentari. Altrimenti perche' i NAS avrebbero sequestrato ad una azienda di Crema (I) la bellezza di 4 tonnellate di mozzarelle prodotte completamente senza il latte..."
Il latte arriva dall'estero ed in inverno arriva direttamente in cubi di ghiaccio, talmente e’ annacquato....

Latte – Annozero, Rai2.it

 

E' allarme micotossine nel latte e nei cereali: "Peggio dei pesticidi" - 04 Marzo 2011
Il latte di un
allevamento su 4 è contaminato da micotossine, pericolose per la salute e potenzialmente cancerogene.
E lo stesso vale per molti altri alimenti tra cui cereali, legumi, frutta secca e cacao. E se noi non ce la passiamo bene, ancora peggio va per gli animali da allevamento, nutriti con alimenti contaminati nel 90% dei casi.
Veleni di nuovo destinati ad arrivare sulle nostre tavole attraverso, appunto, il loro latte. Gli allarmanti dati sulla diffusione delle poco conosciute ma molto pericolose micotossine è stato lanciato ieri dall'Arpa Piemonte. "Ci è sembrato doveroso far conoscere le attività svolte da noi e dall'Istituto zooprofilattico sperimentale - spiega il direttore regionale dell'Arpa, Silvano Ravera - anche per far capire meglio cosa sono le micotossine e la loro pericolosità".

Quasi tutto il latte di mucca ha 59 ormoni attivi, allergeni in gran quantità, grasso e colesterolo (NdR: che non e' facilmente metabolizzabili dall'organismo umano).
La maggior parte del latte di mucca contiene quantità misurabili di erbicidi, insetticidi e diossina fino a 2.200 volte il livello di sicurezza, fino a 52 potenti antibiotici, sangue, pus, feces, batteri e virus. (Il latte di mucca può avere tracce di qualsiasi cosa che la mucca mangi incluso fuoriuscite radioattive provenienti dagli esperimenti nucleari.) Uno di quei 59 ormoni è un potente ormone della crescita (IGF-1) con fattore di crescita uno. 
(NdR: senza contare i Vaccini che inoculano alle vacche  e che le rendono immunitariamente deboli oltre ad intossicarle ed a creare infiammazioni che si vogliono successivamente, e da parte di veterinari al servizio di Big Pharma, combattere con farmaci, cortisone, antibiotici, ecc...rendendoli cronicamente malati ! )
Considerate questo ormone come una cellula di combustibile per qualsiasi cancro.
La FDA (Amministrazione Federale degli Alimenti e dei Farmaci) insiste che l'IGF-1 si distrugge nello stomaco.
Se fosse vero l'FDA ha dimostrato che l'allattamento non funziona. Questo fattore di crescita fa in modo che il vitello neonato cresca rapidamente, come madre natura intende. Un'altra sostanza chimica presente nel latte è la caseina. È un potente agglomerante, un polimero usato per fare plastiche e colle, ottimo per fare solidi accessori o incollare etichette alle bottiglie di birra. Ottanta % delle proteine del latte sono caseina; è anche un allergene, un'istamina che crea molto muco.
E' permesso (NdR: dalle leggi italiane odierne) che nel latte siano presenti delle feci che sono una sorgente principale di batteri.
Il latte viene di solito pastorizzato più di una volta prima di arrivare sulla vostra tavola, ogni volta per circa 15 minuti a 73° centigradi.  Per sterilizzare l'acqua occorre farla bollire a 100° per alcuni minuti.
Tenere presente anche che a temperatura ambiente, il numero di batteri del latte raddoppia ogni 20 minuti circa.

INOLTRE:
Un bicchiere di latte contiene infatti diversi prodotti chimici, da farmaci ad ormoni, frutto dei trattamenti eseguiti sull'animale produttrice.

A fare luce, una ricerca dell'Università di Jaen (Spagna), diretta da Evaristo Ballesteros e pubblicata sul "Journal of Food Chemistry".

La squadra iberica ha raccolto campioni di 20 latte, provenienti da mucche allevate in Spagna e Marocco. I test di laboratorio hanno poi riscontrato nella bevanda tracce di analgesici (acido niflumico, mefenamico e chetoprofene) antinfiammatori e ormoni sessuali ed estrogeni.

 

Secondo Ballesteros e colleghi, tali sostanze sono conseguenze del processo a cui i bovini sono sottoposti: ad esempio gli ormoni sessuali sono impiegati per stimolare la produzione di latte.

Inoltre, in base ai dati raccolti, l'esperto ed i suoi colleghi ritengono che le quantità di prodotti chimici siano troppo piccole per danneggiare la salute, anche se il loro stato indica una presenza continua nella catena alimentare.

Conclude allora Ballesteros: "La nostra metodologia di test è altamente sensibile e fornirà un sistema molto più efficace per determinare la presenza di questo tipo di contaminanti nel latte e in altri prodotti. In un momento in cui il controllo della qualità del cibo è fondamentale". Secondo lo spagnolo, il sistema in questione offre risultati corretti in soli 30 minuti.

 

FONTE: 
Abdelmonaim Azzouz, Beatriz Jurado-Snchez, Badredine Souhail, and Evaristo Ballesteros, "Simultaneous Determination of 20 Pharmacologically Active Substances in Cow's Milk, Goat's Milk, and Human Breast Milk by Gas Chromatography-Mass Spectrometry", J. Agric.
Food Chem., 2011, 59 (9), pp 5125-5132, DOI: 10.1021/jf200364w

Tratto da: free-italy.info

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Micotossine nel latte - E' allarme micotossine nel latte e nei cereali: "Peggio dei pesticidi" - 04/03/2011
Il latte di un allevamento su 4 è contaminato da micotossine, pericolose per la salute e potenzialmente cancerogene. E lo stesso vale per molti altri alimenti tra cui cereali, legumi, frutta secca e cacao. E se noi non ce la passiamo bene, ancora peggio va per gli animali da allevamento, nutriti con alimenti contaminati nel 90% dei casi.
Veleni di nuovo destinati ad arrivare sulle nostre tavole attraverso, appunto, il loro latte. Gli allarmanti dati sulla diffusione delle poco conosciute ma molto pericolose micotossine è stato lanciato ieri dall'Arpa Piemonte. «Ci è sembrato doveroso far conoscere le attività svolte da noi e dall'istituto zooprofilattico sperimentale - spiega il direttore regionale dell'Arpa, Silvano Ravera - anche per far capire meglio cosa sono le micotossine e la loro pericolosità».


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

SFRUTTAMENTO delle Vacche

Le mucche inserite nel ciclo industriale del latte (NdR: ogni mucca deve "rendere" 60 lt di latte al giorno - mentre di norma ne dovrebbe produrre solo al massimo 15-20 al di' e per il proprio vitello, cio' significa che e' pompata per produrre 3 volte di piu' delle sue salubri necessita'....).
Un inciso:

Negli USA, la Monsanto commercializza da anni un ormone chiamato RBGH, che serve per aumentare a dismisura la produzione di latte delle vacche. La produzione esasperata, con conseguente mungitura intensiva, provoca spesso mastiti le quali, oltre che essere terribilmente dolorose per l'animale, finiscono con il far colare pus  nel latte munto e devono essere curate con antibiotici, che certamente  passano nel latte e che è dubbio vengano distrutti dal processo di  pastorizzazione.
L'RBGH non viene utilizzato in Europa e anche il Canada ne ha vietato l'impiego, mentre negli USA, viene ancora usato.
Ciò non significa che in Europa non si usino altre sostanze per aumentare la produzione di latte e, imprevedibili conseguenze degli alimenti OGM a parte con i quali vengono alimentate le nostre vacche, tutto il resto vale anche qui da noi...

Come certamente saprete, non vengono munte dal contadino ma vengono collegate alle mungitrici meccaniche automatiche (vedi: Figura sotto), in maniera intensiva per ottenerne il massimo sfruttamento possibile.
Questo causa l'insorgenza della mastite e l'infiammazione purulenta da staffilococchi della mammella che viene "curata" con antibiotici. Dato che le mucche continuano ad essere sottoposte a mungitura meccanica la mastite diventa cronica.
 

Il pus passa nel latte assieme alle altre sostanze (antibiotici, ormoni, medicinali vari) e quindi le autorità sanitarIe hanno stabilito quanto pus può essere ammesso nel latte, "senza che faccia danno alla salute". (NdR: secondo i produttori e gli "Enti ufficiali preposti alla "salute umana ed animale" - vedi: Ministero informato sui danni dei vaccini....cosa fanno, come lo fanno e se lo fanno...).
In un cm3 di latte di mucca commerciale è permesso, dalle autorità sanitarie, che vi siano fino a 750.000 "
essudato cellulare granulocitario", il cui nome comune è pus e 20.000 batteri vivi prima possa venire ritirato dal mercato.
Il tutto ammonta a 20 milioni di batteri vivi e fluttuanti e fino a 750 milioni di essudato cellulare di pus per litro.
La Comunità Europea e il Canada danno il permesso per un latte meno "gustoso" con 400 milioni di cellule di pus per litro.
Di solito questi valori sono più bassi, ma potrebbero raggiungere questi livelli ed essere permesso che quel latte arrivi sulla tua tavola.

Il latte di mucca ha un contenuto di calcio tre volte superiore a quello umano. Per venire assimilato, i livelli di magnesio dovrebbero essere in proporzione uguali a quelli del calcio e non lo sono. Inoltre ci sono numerose malattie collegate con il consumo di latte come la leucemia, diabete e malattia di Crohn ed altre ancora.
Tratto da: medicinenon.it + commenti del webmaster di mednat.org

NB: Nell’articolo originale, consultabile nel sito indicato, sono presenti alcune tabelle che permettono di verificare i limiti massimi delle particelle di pus (eufemisticamente chiamate cellule somatiche) ammesse nel latte, oltre ai germi e agli antibiotici, entro i quali tale latte può essere commercializzato, estratti dalla:
NORMATIVA COMUNITARIA 92/46 G.V. recepita dal DPR 14.01.1997 N. 54.
"E' bene notare come la Natura non abbia incluso alcun amido nel latte. Il carboidrato del latte è lo zucchero. Se verso la fine del primo periodo di alimentazione, si desidera assicurare al bambino altri carboidrati oltre a quello contenuto nel latte, si dovrebbe farlo sotto forma di frutta dolce: datteri, fichi, uva, loti, banane ben mature, ecc., piuttosto che sotto forma di amidi."
Tratto da: disinformazione.it

Commento NdR:
La mancanza negli umani dell'enzima lattasi che "demolecolizza" e scinde il lattosio in maltosio e destrosio, due zuccheri non facilmente assimilabili dall'intestino umano, genera negli individui tanti disturbi, non facilmente riconducibili al latte vaccino.
Le caseine, specie l'alfa-s2, non sono  facilmente demolecolizzabili dai batteri autoctoni della flora intestinale biovitale, per cui vengono a generarsi altri problemi sovrapponibili a quelli di cui sopra, generando facilita' alle allergie, riniti, sinusiti, dolori articolari, cattiva digestione, irritabilita', eczemi, stanchezza, ecc. 
(vedi i lavori del CNR di Torino guidati dal dott. Amedeo Conti).

Contrariamente a quanto fino ad ora affermato dai medici allopatici, il latte non salvaguardia dall'osteoporosi, in quanto proprio nelle nazioni del mondo ove se ne fa' piu' uso, sono quelli con il piu' alto indice di quella malattia.
Senza contare che specie nei bambini i vaccini destabilizzano in primis la flora batterica ed il sistema enzimatico del vaccinato !
vedi Protocollo della Salute


Qui in Italia, è lo stato che copre le malefatte - Mar. 2011.
Il latte in circolazione arriva dalla Romania dove sono certo che ci sono allevamenti ultraintensivi i cui unici proprietari possono essere solo grosse Multinazionali. Lo stesso è accaduto per il pecorino romano (RUMENO). I pastori sardi si ammazzavano per produrre ed hanno scoperto che in Romania una ditta con partecipazioni Governo Italiano, produce formaggio Rumeno made in Italy ...
E poi fanno scattare le multe sulle quote latte,... che pagano con i fondi dedicati ai malati di Cancro (alias TBC da ingestione di alimenti infetti,... e vaccini,...) Un grosso schifo.

 

 

Le intolleranze alimentari sono dovute alla mancanza di enzimi indispensabili per la digestione di un certo cibo.
Una delle intolleranze più comuni è quella al lattosio, il principale zucchero contenuto nel latte.
Le persone che non riescono a bere latte, non riescono a digerirlo, poichè non possiedono un enzima chiamato "lattasi", (NdR: specie quando un bambino viene vaccinato si altera la flora batterica intestinale ed il sistema enzimatico, aggravando il pericolo di allergie anche alimentari) che scinde il lattosio in zuccheri semplici ed assorbibili nel tratto intestinale.  Ed i sintomi sono quelli legati alla mancanza di digeribilità: diarrea, crampi intestinali e produzione di gas di fermentazione.
 
A causa di malattie, o del passare degli anni, o di un corredo genetico particolare, la quantità di lattasi può essere insufficiente o mancare del tutto.
Negli Stati Uniti fino al 22% degli adulti è affetto da carenza di lattasi mentre i Nord-Europei hanno la prevalenza più bassa (circa il 5%). Nell’ Europa centrale la prevalenza è circa il 30% e nell’Europa del sud sfiora il 70%, come negli Ispanici e negli Ebrei.
Non vi sono invece differenze significative di incidenza fra i due sessi. L’ espressione e l’attività della lattasi iniziano a diminuire nella maggior parte delle persone intorno ai 2 anni di vita con una riduzione progressiva geneticamente programmata, ma i sintomi di intolleranza al lattosio raramente si sviluppano prima dei 6 anni.
Tratto in parte da: 100salute.it

vedi: Calcio + Osteoporosi + Bevete latte per il calcio ?

INDICAZIONI per la LETTURA del Tetrapack del Latte vaccino

Ecco quello che nessuno mai vi dice : La LUNGA STORIA della SOFISTICAZIONE del LATTE
Quale alimento nell'immaginario collettivo sia meglio del latte come fonte  di salute ?
Il latte materno è il primo alimento della nostra vita donatoci dal seno della  madre, sinonimo di salute e benessere. Su queste convinzioni si basa un  commercio colossale fondato sul raggiro del latte vaccino.

Produrre più latte a tutti i costi: questo è l'obiettivo che si impone al  lattaio per avere più guadagno possibile.
E allora negli anni '50 del XX  secolo, furono sintetizzati gli estrogeni sintetici, per indurre le vacche a  produrre più latte: gli estrogeni sintetici non potevano essere  metabolizzati, dunque si accumulavano nell'organismo producendo effetti  devastanti come il cancro al seno nelle donne e l'ipertrofia mammaria negli  uomini. Negli anni '80 gli estrogeni sintetici furono sostituiti dagli  estrogeni naturali prodotti da batteri ricombinati: gli estrogeni naturali  hanno effetti meno appariscenti dei sintetici, ma egualmente devastanti,  innanzitutto provocano sempre il cancro al seno nelle donne, negli uomini  invece, dato che possono essere metabolizzati, si convertono in testosterone  che induce il cancro ai testicoli, il cancro alla prostata e calvizie  precoce.

Per produrre più latte si pensò poi di ricorrere all'ormone della crescita  che induce le vacche a fare più latte.
Agli inizi l'ormone della crescita  veniva estratto dal cervello di animali morti, questa pratica fece comparire  alla fine degli anni '90 la malattia della 'mucca pazza'. In seguito si  utilizzò la somatotropina bovina prodotta da batteri ricombinati, che  induceva nell'animale un incremento del suo ormone della crescita.
La  presenza dell'ormone della crescita nei prodotti lattiero caseari non è  senza conseguenze sulla salute: stimolando la crescita dei tessuti stimola  anche la crescita di un tessuto canceroso, in poche parole l'ormone della  crescita è uno stimolatore di ogni tipo di cancro. Inoltre la  somministrazione dell'ormone della crescita alle vacche fa produrre un latte  con un maggior contenuto dl fattore IGF1 che a sua volta stimola  nell'organismo umano vari tipi di cancro, come il cancro al polmone il  cancro al colon e il cancro alla prostata, oltre ad indurre il diabete.

LATTE= facile CANCRO, ed altro ancora…. - Sono troppi gli interessi in gioco: tanti soldi guadagnati sulla nostra salute !

CANCRO OVARICO e INFERTILITA' FEMMINILE - Nel latte è presente uno zucchero disaccaride detto lattosio, che viene scisso producendo il monosaccaride  galattosio. Il galattosio è un monosaccaride tossico per l'organismo umano e  deve essere adeguatamente processato attraverso enzimi che diventano scarsi  nell'adulto. Il galattosio presente nel latte non può essere metabolizzato  nell'età aduta: il galattosio è tossico per gli ovociti e provoca diminuzione della fertilità nelle donne, inoltre il galattosio non  metabolizzato produce un aumento di frequenza del cancro alle ovaie.

CANCRO alla MAMMELLA e CANCRO alla PROSTATA - La mammella e la prostata sono  due ghiandole molto soggette a sviluppare il cancro, ma a difenderle vi è la  vitamina D, che però è ridotta fortemente da un'alimentazione ricca in  prodotti caseari che apportano troppo calcio. Il rapporto calcio/vit.D  troppo alto determina un aumento del rischio di sviluppare tumori al seno e  alla prostata.

CANCRO al TESTICOLO e DISTURBI della SESSUALITA' MASCHILE - Gli estrogeni  presenti in tracce nel latte vaccino, determinano un aumento del rischio di  sviluppare il cancro al testicolo: ogni 200 ml di latte o equivalenti di  latticini, assunti ogni giorno durante l'infanzia, determina un aumento del  30% del rischio di contrarre il cancro ai testicoli in età adulta.
Lo  stimolo degli estrogeni presenti nel latte vaccino, produce disturbi legati  all'erezione, impotenza, l'eiaculazione precoce e la diminuzione del numero  degli spermatozoi attivi.

DIABETE INSULINO DIPENDENTE - L'albumina contenuta nel latte vaccino,essendo  diversa da quella umana, fa produrre al sistema immunitario anticorpi che  attaccano le cellule beta del pancreas. Quando le cellule beta vengono  distrutte per reazione autoimmune al 80-90%, questo provoca un aumento dei  casi di diabete insulino dipendente, tra quei bambini ai quali è stato  somministrato latte vaccino prima del compimento del primo anno di vita.

AUTISMO - La proteina del latte vaccino detta caseina, si scinde nello  stomaco producendo la caseomorfina, una sostanza oppioide che agisce sul  cervello. Durante l'infanzia, la caseomorfina prodotta dall'ingestione di  latte vaccino, in quanto è una forma modificata rispetto alla caseomorfina  prodotta dal latte umano, è sospetta di aiutare l'innesco dell'autismo, un disturbo  dello sviluppo del cervello infantile.
Nell'adulto l'effetto sul cervello  delle caseomorfine da latte vaccino, possono scatenare in soggetti  predisposti la schizofrenia.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

LATTE alla PARA-TUBERCOLOSI  !! - Lo SANNO TUTTI, MA NON lo DICE NESSUNO ! - Per ulteriori informazioni sul latte vai a: http://www.facebook.com/l/01bf8;www.notmilk.com/
Per saperne di Robert Cohen's Milk libro The Deadly Poison: http://www.facebook.com/l/01bf8;Amazon.com
Direct Link:http://www.notmilk.com/ ...

Chi e' l'Autore Robert Cohen; e' una ricerca effettuata nel 1970 sugli effetti ormonali sul cervello e sul comportamento. Venticinque anni dopo, questo padre di tre figli si preoccupo' per l'approvazione dei farmaci più controversi della storia della FDA, l'ormone geneticamente modificato che è ora nella nostra produzione di latte.
Lungo il percorso, Cohen scoprì che il latte è implicato nel causare cancro al seno, osteoporosi, malattie cardiache e malattie infantili croniche. Cohen doti di ricercatore, e la sua passione per la sicurezza della sua famiglia, ha portato il suo contributo per esporre la verità sul latte. Sulla base delle sue ricerche esaustive e completate nel corso degli ultimi sei anni, Cohen ha predetto la mucca pazza e l'insorgenza della malattia. La sua ostinata determinazione ha fissato l'industria americana lattiero-caseario nel suo traguardo di ricerca.
Per rassicurare che tutti i cittadini del mondo, e far conoscere la verità, Cohen e' fondatore ed è direttore esecutivo dell' America's Dairy Education Board, un gruppo di medici di primo piano a livello nazionale dedicato a dissipare il mito che il latte è il cibo perfetto della natura.
Questo è uno speciale sul latte. Quello che il governo non vuole che tu sappia di latte. Non bere latte, sappiamo che contiene grassi e colesterolo, ma lo sapevate che contiene la proteina caseina (che è praticamente una colla che porta ad un sacco di muco costruire e altri problemi di salute come l'asma e la congestione), il latte contiene anche .. ormoni della crescita, potenti virus, una serie di sostanze chimiche letali e biologici agenti batterici, proteine bovine che causano allergie, insetticidi, antibiotici, tutto questo può innescare la crescita del cancro e contribuisce al problema di oggi di bambini obesi (mai notato perché giovani seni ragazze tendono a sviluppare più velocemente ?).
Il latte vaccino è l'alimento numero allergica in questo paese. E 'stato ben documentato come causa di diarrea, crampi, gonfiore, gas, emorragie gastrointestinali, anemia da carenza di ferro, eruzioni cutanee, l'aterosclerosi, e l'acne. E 'la causa principale di otiti ricorrenti nei bambini. E 'anche stata associata al diabete insulino dipendente, l'artrite reumatoide, la sterilità, e la leucemia. lo zucchero del latte e raffinato fare due dei più grandi contributi al cibo indotta salute nel nostro paese.
Latte il veleno mortale GUARDA !
http://www.youtube.com/watch?v=tYpafipJyDE&feature=related

vedi anche:  Cure naturali del dott. Valnet

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Negli USA, la Monsanto e la Eli Lilly Company commercializzano da anni un ormone chiamato RBGH, serve per aumentare a dismisura la produzione  di latte delle vacche.
La produzione esasperata, con conseguente mungitura intensiva, provoca spesso mastiti le quali, oltre che essere terribilmente dolorose per l'animale, finiscono con il far colare pus nel latte munto e devono essere curate con antibiotici che certamente passano nel latte e che è dubbio vengano distrutti dal processo di pastorizzazione.
L'RBGH non viene utilizzato in Europa e anche il Canada ne ha vietato l'impiego, mentre negli USA, per quel che ne so, viene ancora usato. Ciò non significa che in Europa non si usino altre sostanze per aumentare la produzione di latte e, imprevedibili conseguenze degli OGM a parte, tutto il resto vale anche qui in Italia.
La prima cosa da sapere è che dell'ormone artificiale "rBGH" non ce n'è bisogno, gli allevatori non ne hanno bisogno, le mucche non ne hanno bisogno, e la salute umana non ne ha bisogno.
Il problema più grave dell'industria lattiera di oggi è la sovra produzione. E i governi devono sobbarcarsi i costi per mantenere il prezzo del latte remunerativo...
E cosa succede alle mucche ? Un aumento delle mastiti, cisti ovariche, disordini uterini, lesioni agli arti.
L'introduzione di questa sostanza, denominata Posilac - (Monsanto), ha comportato un aumento delle terapie in antibiotici e antimicotici per tentare di curare le malattie indotte nell'animale. Peccato però che i residui degli antibiotici si trovino in grandi dosi nel latte e i suoi derivati.
Quindi a chi interessa la diffusione di questa pratica ? Ai produttori di farmaci usati in questo campo: le quattro multinazionali che hanno investito più di cinquecento milioni di dollari nel relativo sviluppo e promozione.
In più un particolare: negli esseri umani è stato trovato lo stesso ormone che si trova nei bovini, IGF-1, provocato dal BGH, il quale è causa di cancro al seno, ipertensione, diabete, gynecomastia (sviluppo dei seni negli uomini).
Inoltre l'uso diffuso dell'ormone artificiale rBGH aumenta la quantità di proteina animale (di sintesi chimica) e poichè il 14 % del sottoprodotto dei bovini è destinato alla produzione di farine per l'alimentazione animale, è molto probabile che contribuisca ad aumentare il rischio della diffusione dell'encefalopatia spungiforme (mucca pazza), con gravissimi rischi per la sanità pubblica.
By Cornell Students for the Ethical Treatment of Animals
http://arrs.envirolink.org/AnimaLife/index.html

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Mamme, attenzione alla colazione dei vostri bambini: importantissima fin dai primi mesi di vita, ma non con il latte vaccino
Questo il messaggio principale emerso dalla relazione del Prof. Agostoni di questa mattina alle Giornate Nazionali di Nutrizione Pratica-NutriMi 2009.
Nella sessione riguardante la nutrizione in età pediatrica sono stati infatti affrontati temi di grande interesse per le mamme, riguardanti l’educazione alimentare dei bambini con una dieta nei primi due anni di vita che preveda un’alimentazione specifica a loro dedicata, per prevenire il rischio di sovrappeso, obesità e malattie cardiovascolari. In primis, il Prof Agostoni, sconsiglia l’utilizzo di latte vaccino almeno per il primo anno di vita.
La Prof.ssa Scaglioni ha ribadito l’importanza di abituare i piccoli ad una colazione sana e completa dal punto di vista dei nutrienti, affinché imparino ad adottare stili alimentari equilibrati.

Ricordiamo che le alterazioni degli enzimi, della flora, del pH digestivo e della mucosa intestinale influenzano  la salute,  non soltanto a livello intestinale, ma anche a distanza in qualsiasi parte dell'organismo.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Il LATTE, un ALIMENTO da EVITARE (specie quello pastorizzato)
La gloriosa reputazione del latte di vacca come bevanda fortificante e rimineralizzante, grazie al calcio in esso contenuto sta per cadere dal suo antico piedistallo.
Diverse ricerche hanno portato medici e ricercatori a considerarlo nocivo per l’uomo e responsabile di numerose patologie – fra cui demineralizzazione, decalcificazione, problemi digestivi, intestinali, ormonali – oltre che di formazioni cistiche e tumorali.
Così come gli alcolici, il tabacco, lo zucchero bianco e i grassi cotti, il latte di vacca è un prodotto nocivo.
Noi consumiamo tutti i prodotti lattieri e ne abusiamo, senza guardare oltre l’immediata soddisfazione dei nostri bisogni. Poiché non è semplice liberarsi dalle abitudini alimentari, per noi è difficile cambiare dieta. Abbiamo perduto l’istinto profondo, garante del nostro equilibrio e del nostro interesse vitale.
In questo modo, ci siamo abituati progressivamente a un’alimentazione carente e non specifica per le nostre esigenze.

Conoscendo perfettamente la composizione del latte materno umano e quello della vacca (NdR: anche il pH e' diverso: quello della mucca e' molto piu' acido di quello materno che e' circa pH 7 - neutro o leggermente basico), si mettono bene in rilievo le maggiori differenze esistenti tra queste due bevande, la prima assolutamente adatta al lattante umano, la seconda al vitello, ma non a un bambino.
Queste le numerose ragioni che dovrebbero quindi portarci a eliminare dalla nostra alimentazione il latte di vacca e i suoi derivati: burro, formaggio, panna, yogurt e gelati. - (NdR: meglio il Kefir)
By Dottor Jean Seignalet, gastroenterologo e immunologo presso la facoltà di Medicina all’Università di Montpellier (Francia)

Ecco alcune testimonianze:
Signora G. N. (Tolosa): " Dovevo sottopormi alle analisi del sangue ormonali per verificare alcuni valori (sterilità), e sono rimasta sorpresa nell’apprendere dal laboratorio che dovevo astenermi dai prodotti lattieri un giorno prima dell’esame. Di fronte al mio stupore, mi hanno risposto che questi ultimi alterano il sistema ormonale ! "

Signora G. L. (Parigi): " Dietro raccomandazione di mia madre (naturopata), ho sospeso l’assunzione di prodotti lattieri. Avevo delle cisti alle mammelle, che sono scomparse. Poi ho ripreso a consumare latticini per golosità, e ho visto ricomparire le cisti. Mi sono quindi convinta della loro origine."

Signora A. L. W. (Gers) " Ero affaticata da un fibroma emorragico, da artrosi, colite, colesterolo e angine croniche. I medici mi proponevano pillola, antibiotici e medicine. Una prima rettifica alimentare ha migliorato le mie condizioni, ma l’elemento determinante è stato la soppressione totale dei i prodotti lattieri. Sei mesi dopo è rientrato tutto nella norma. Oggi ho 54 anni, ho cicli regolari e la mia vitalità mi consente di scalare le montagne.
Sono 15 anni che non assumo farmaci di sintesi. Che cosa ne penserebbe la Previdenza sociale ? "

Certo, sarebbe semplicistico incriminare tutti i prodotti lattieri dei vari tipi di patologie. Vi sono altre cause o ragioni oltre ai latticini, ma essi, a mio parere, restano responsabili di un gran numero di patologie, e se li si elimina dalla dieta, una buona metà dei disturbi può scomparire spontaneamente, a patto, beninteso, che non si commettano altri errori.
Un individuo con una grande energia vitale potrebbe consumare latte senza per questo ammalarsi, ma a poco a poco egli noterà una diminuzione del proprio potenziale più rapida di quanto non avverrebbe se non avesse assunto i latticini. In compenso, con un consumo maggiore di quanto necessario sarà esposto a diverse patologie.
Per un individuo dotato di una debole energia vitale (soggetto ad allergie), anche una modesta quantità di latte basterebbe a scatenare una crisi o una malattia.
Potete ben constatare che ogni individuo è diverso dagli altri, reagisce a suo modo, segue la propria ereditarietà e l’insieme delle proprie esperienze. Per tale ragione, è saggio non generalizzare mai in materia di nutrizione: quest’ultima deve corrispondere a un individuo specifico, in funzione della sua natura, dell’ambiente, dell’età, del lavoro e, aggiungerei, della sua coscienza.

Nonostante tutto ciò che abbiamo affermato a proposito dei danni alla salute provocati dai prodotti lattieri, questi ultimi in determinate circostanze possono costituire tuttavia una risorsa temporanea, anche se non ideale. Per esempio, chi non ha sentito parlare di qualche neonato salvato da un latte sostitutivo (vacca o capra) per l’intolleranza a quello materno o per l’assenza di quest’ultimo ?
Il latte di capra, più leggero e meno grasso, è meglio tollerato dai bambini rispetto a quello di vacca. L’ideale sarebbe somministrare loro latte d’orzo o di mandorla, i cui valori nutritivi si adattano perfettamente all’essere umano. Il latte di riso è di grande beneficio in caso di diarrea.
Sebbene lo yogurt (inseminato con batteri lattici) sia più digeribile e assimilabile del latte e abbia un’azione efficace sulla flora intestinale, rimane comunque un alimento acido. E una quantità eccessiva di acido lattico nell’organismo è dannosa. Bisognerebbe ridurne il consumo, e addirittura evitarlo in caso di spasmofilia. Lo yogurt alla soia naturale può sostituirlo, anche se in piccole quantità, poiché non bisogna dimenticare che questa pianta contiene purine.
La migliore fonte di acido lattico si trova nei crauti, nelle carote e nelle barbabietole lattofermentate, sempre in piccole quantità.

Gli alimenti sostitutivi
La soia (da assumere con parsimonia - assolutamente evitate quella OGM)
La soia è un alimento ricco di ferro, povero di grassi, privo di colesterolo e contiene proteine, in particolare otto amminoacidi.
Certi organismi non la tollerano. In tal caso, provate ad allungarla con un po’ d’acqua sorgiva, oppure evitatela. In ogni modo, siate prudenti nel consumo (contiene purine) e nella scelta della qualità di origine biologica, e non transgenica.

Il filtrato o «latte» di soia
Il filtrato di soia sostituisce molto bene il latte di vacca in tutte le preparazioni culinarie (crema, besciamella, minestre, sformati, crêpe, torte). Si trova in cartoni nei negozi di prodotti dietetici e nei grandi supermercati; ne esistono diverse marche. Scegliete filtrati senza zucchero aggiunto.
Potete anche fabbricarvelo da soli a casa, tritando nel frullatore, con aggiunta di acqua sorgiva, semi di soia gialla in precedenza lasciati in ammollo e accuratamente decorticati.
È spesso ben accetto dai bambini a guisa della sacrosanta tazza di latte mattutina. Essi l’apprezzano molto con l’aggiunta di polvere di carruba, che nei primi tempi può mascherare il sapore per loro insolito. Il filtrato di soia garantisce una crescita armoniosa e, pur senza eguagliarlo, può sostituire in alcuni casi e per brevi periodi, il latte materno.
(NdR: Molto meglio il latte di Avena e Riso !)

Le creme dessert
Alcune preparazioni pronte di crema dessert in diversi gusti sono deliziose. Esse sostituiscono benissimo quelle al latte di vacca: sono molto digeribili e hanno sapori gradevoli (vaniglia, cioccolato, nocciola, carruba, caramello). Queste creme, senza zucchero aggiunto, sono le preferite dai neonati.

Il tofu
Il tofu, ottenuto cagliando il latte di soia con il nigari (cloruro di magnesio e altri derivati del sale marino), non possiede il sapore intenso dei formaggi di vacca; con un po’ di tamari (salsa di soia), aromi e verdurine diventa delizioso. Si trova sotto forma di crocchette, polpettine, bistecche e pâté vegetale, e fa parte di tutte le basi culinarie dei vegetariani.

Gli yogurt - meglio evitarli oppure ridurli al minimo
Si possono preparare a casa propria, con fermento bulgaro. Gli yogurt di soia sono meno acidi di quelli del latte vaccino, ma in ogni caso limitatene il consumo. Si trovano anche alla frutta; evitate quelli contenenti frutti troppo acidi (agrumi).

Il latte vegetale e oleoso
Il latte vegetale e quello oleoso sono una buon alternativa al latte di vacca. Molto meno allergizzanti di quest’ultimo, sono più digeribili e più ricchi di minerali, glucidi e lipidi di buona qualità.
– Tra i vegetali, troviamo l’orzo, il riso, l’avena, il grano, il farro, il mais, la soia nelle leguminose.
Consigli d’uso: far bollire i semi in acqua sorgiva, schiacciarli o frullarli e poi filtrare.
– Tra gli oleaginosi, abbiamo le mandorle, le nocciole, i girasoli, le noci di anacardio, le noci di cocco e i semi di sesamo.
Consigli d’uso: mettere a bagno i semi e lasciare riposare per 24 ore in acqua sorgiva, schiacciarli o frullarli e poi filtrare.

Latti di frutta secca (noci, nocciole, mandorle, noci brasiliane, cocco, canapa, ecc.)
In commercio si trova facilmente il latte di mandorla e molti tipi di latte estratti dalla frutta secca fondamentalmente nati dall’ammollo di frutta secca per una notte e successivamente macinati con acqua zuccherata e all’occorrenza un po’ di vaniglia.


Latte di cocco
un’altra gradevolissima alternativa (ottima base per smoothie e frullati); non è difficile da trovare sopratutto negli empori biologici e nei Suq cittadini. Surfando il web si trovano anche utili consigli per autoprodurlo.

Il latte di sesamo
Lasciare a bagno in acqua sorgiva per tutta la notte 7 cucchiai da minestra di semi di sesamo crudi. Lavare i semi, scolarli e frullarli con 2 tazze d’acqua sorgiva. Aggiungere 5 datteri senza noccioli oppure sciroppo d’acero. Frullare.
Sono possibili anche altre miscele:
– 2 cucchiai da minestra di sesamo + 3 di soia cotta
– 2 cucchiai da minestra di sesamo + 3 di noci di cocco
– 2 cucchiai da minestra di sesamo + 3 di girasole
– 2 cucchiai da minestra di sesamo + 3 di anacardio
– 2 cucchiai da minestra di sesamo + 3 di mandorle senza polpa.

Il sesamo è molto ricco di calcio. La miscela di grano e mandorle è fattibile e anche benefica, perché le loro qualità sono complementari.

Il latte di mandorla
Il latte di mandorla è il più simile a quello materno. Sbucciate le mandorle dopo averle lasciate 24 ore in acqua sorgiva o qualche minuto in acqua tiepida. Asciugatele e poi frantumatele grossolanamente.
Frullate le mandorle con acqua sorgiva.
Se avete fretta, potete ottenere il latte di mandorla o di sesamo mescolando 3 cucchiai da minestra di passato di mandorle bianche o di tahin bianco con 300 grammi d’acqua.

Latte di semi di Canapa
ora che la Canapa sta guadagnando sempre più popolarità perchè si è constatato che i semi hanno un enorme valore nutrizionale e di conseguenza il latte che se ne ricava è un’ottimo sostituto proteico è più semplice reperire questo prodotto, non solo on line.

Latte di soia
E' apparso sugli scaffali dei supermercati molti anni fa; alcune persone lo amano, molte altre non ne sopportano neanche l’odore questo perché ovviamente la soia ha un gusto molto intenso e noi tutti siamo fatti in modo diverso, per cui alcuni di noi sperimenteranno su loro stessi i vantaggi della soia, altri invece la non piacevolezza di gusto e consistenza. Il consiglio è provare, sperimentare anche le versioni aromatizzate al cioccolato, orzo, caffè e vaniglia. Per i gelati fatti in casa sono un ottimo sostituto.

Latte di riso
E una combinazione di riso bollito, sciroppo di riso e amido di riso.  Il latte di riso è spesso arricchito di vitamine e minerali. Molti marchi commerciali propongono anche gusti aromatizzati alla vaniglia e cioccolato.


Questi tipi di latte vegetale, che si possono anche produrre in casa propria, vanno mantenuti al fresco e non si conservano più di un giorno, tranne i filtrati di soia o di riso acquistati in cartone.
Il latte vegetale biologico è gradevole da bere e presenta diversi vantaggi:
– sono più leggeri e digeribili, caratteristica che li rende meno allergizzanti;
– sono ricchi di minerali e vitamine, e privi di prodotti chimici. Non contengono alcun germe o microrganismo. I loro grassi sono ricchi di acidi grassi insaturi.

Quando scegliete la vostra alternativa al latte, assicuratevi, come in ogni acquisto, di leggere etichette e indicazioni varie sulle confezioni: molti sono arricchiti con zuccheri artificiali o aromi non naturali, talvolta la consistenza ed il gusto possono variare da marca a marca.

Dinanzi all’eterna domanda delle persone alle quali propongo di ridurre o addirittura di eliminare i prodotti lattieri dalla loro dieta:
«Ma allora dove troverò il calcio ?» rispondo che il consumatore di latte e formaggio ha bisogno di un apporto di calcio ben maggiore in quanto, per l’appunto, i latticini demineralizzano. Si trova del «buon calcio» assimilabile nelle alghe, nei frutti, nei semi oleaginosi, nei cereali, nella verdura fresca.
Eliminare il latte di derivazione animale, significa una diminuzione delle conseguenze negative che il lattosio provoca sul nostro organismo, una diminuzione della crudeltà sugli animali, una diminuzione della deforestazione e altri impatti ambientali causati dalla mega industria lattiero-casearia.

Tratto in parte dagli scritti di Anne Laroche de Rosa: iridologa, nutrizionista del CEHMN (Collège Européen d’Hygiène et de Médecine Naturelles) ed è autrice di numerosi articoli e libri sul vivere sano. Ex allevatrice di capre riconvertita, conosce a fondo la questione dei vari tipi di latte. Ha scritto un libro intitolato:
“IL LATTE, un ALIMENTO da EVITARE”

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Nestlé fa marcia indietro.......
18-10-2005 - Fonte: MediaGuardian.co.uk
Il latte non è un alimento indispensabile ! La Vegan Society costringe la multinazionale a dichiararlo pubblicamente
La Vegan Society ha obbligato Nestlé a ritrattare pubblicamente alcune affermazioni che la compagnia aveva fatto relativamente al ruolo del calcio all’interno di una dieta salutare.
L'autorità che controlla gli standard pubblicitari ha riconosciuto che la pubblicità Nestlé era ingannevole perché sosteneva che i latticini fossero "essenziali per le ossa sane".
Nestlé ha detto di aver rimosso la parte relativa alla sua bevanda yogurt Sveltesse sul website AOL dopo che l'ASA ha sostenuto un reclamo giunto dalla Vegan Society.
“L'utilizzo della parola 'essenziale' implicava che i latticini fossero l'unica fonte di calcio," dice l'ASA nel suo comunicato.
"Dato che ciò non era corretto, abbiamo concluso che la pubblicità era probabilmente fuorviante."
Il reclamo presentato dalla Vegan Society sosteneva che il dire che i latticini fossero essenziali per il calcio era come "affliggere e fuorviare" coloro che non ne consumavano per motivi etici.
"Questo è un esempio reale di trionfo di Davide sulla forza di Golia," ha detto il presidente della Vegan Society, Alex Bourke.
"Nestlé ha usato una pubblicità ingannevole per promuovere un prodotto quando non c’è assolutamente nessuna prova che i latticini siano essenziali e siamo felici che il consiglio dell'ASA sia d’accordo con noi."
La pubblicità era indirizzata alle donne e titolava "acquista padronanza del tuo metabolismo parte 3: mangia bene, sentiti alla grande ". Un paragrafo era intitolato "latticini" e dichiarava "essenziale per le ossa sane..."
Nestlé ha detto che i latticini sono comunemente considerati come una fonte primaria di calcio.
"Abbiamo utilizzato il termine 'essenziale' per evidenziare l’importanza dei latticini nel contribuire alla capacità di assorbimento del calcio ed al mantenimento di ossa sane," ha detto una portavoce Nestlé.
"Nestlé riconosce che ci sono altre fonti di calcio e non abbiamo inteso suggerire che i latticini fossero l'unica fonte di calcio.
"Un numero sempre crescente di persone sta adottando uno stile di vita vegano – comprese le celebrità come Bryan Adams, Steve Jobs, Moby, Benjamin Zephaniah e molti altri – preoccupati per la loro salute e per quella dei popoli dei paesi in via di sviluppo, della condizione pietosa degli animali e della distruzione dell'ambiente che tutti dividiamo."
La Vegan Society dice che gli ortaggi a foglia verde, il tofu, i semi, le noci ed il latte di soia fortificato sono fonti perfettamente adeguate di calcio.  (Stephen Brook, corrispondente per la pubblicità)
Tratto da: www.MediaGuardian.co.uk -  28 Settembre 2005
Tradotto da: Valeria Ballarati

Commento NdR:
Il calcio introdotto con i latticini non viene bene assimilato dall'organismo, le eccedenze non "digerite" vengono accumulate assieme al grasso del latte, generando problemi anche intestinali, senza contare che il calcio si lega ai grassi e produce l'irrigidimento di arterie e vene, e quindi genera problemi seri circolatori e di cuore.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

P
iù si beve latte vaccino e si mangiano formaggi, più si rischiano fratture alle ossa:
Ecco un'altro luogo comune, questa volta inculcatoci dalle multinazionali del latte, smentito dai fatti.
In realtà il latte vaccino è deleterio alle ossa.
Come l'idea della chemioterapia, venduta dalle case farmaceutiche come "benefica" nella cura del cancro, quante altre bugie dovranno essere eliminate dai fatti, prima che la nostra mente possa pensare liberamente, senza i condizionamenti delle varie lobbies economiche ?

Hanno fatto scalpore negli USA le dichiarazioni, di recente rilasciate al settimanale Newsweek dal capo della Nutrizione della Scuola di Salute Pubblica dell'Università di Harvard.
Dice Walter Willet: "I paesi con più alte assunzioni di calcio hanno le percentuali più alte di fratture, non le più basse"....I grandi amanti di latte e formaggi: norvegesi, svedesi e americani, hanno un'incidenza di fratture tra la popolazione di molte volte superiore a quella che si registra in Cina, dove non si beve latte".

Così, Italia e Singapore, Francia e Giappone, hanno le stesse percentuali di incidenza di fratture, pur non essendoci latticini nelle tavole degli asiatici. Vuol dire che la salute delle ossa non dipende esclusivamente dalla quantità di calcio che assumiamo, ma da altri fattori: nutrizionali, comportamentali e altri, legati agli ormoni e all'immunità.

Qual è il meccanismo con cui si realizza la perdita di calcio ?
Una dieta ricca di proteine animali (nella carne e nei formaggi) è fortemente acidificante e costringe i reni a produrre un sovrappiù di  sostanze tampone. In questo lavoro vengono sottratti calcio e altri  minerali dalle ossa.
Da qui il paradosso. Un eccesso di calcio introdotto con una dieta ricca di formaggi può avere come effetto finale un eccesso di perdita di  calcio dalle ossa.
Ma il sistema per tentare di risolvere il paradosso c'è: aumentare la quantità di alimenti basici, (NdR: diventare quasi vegetariani) in grado di tamponare l'acidità... cioè aumentando il  consumo di Frutta e Verdure, CRUDE, ricche di sostanze basiche.
Tratto da: www.simaiss.it


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Antiossidanti: Latte sotto accusa - vedi: Latte e Calcio ?
Sembra che il latte, se associato ad alimenti con alto potere antiossidante, ne inibisca completamente le proprietà protettive e preventive.E' quanto emerge da una sperimentazione condotta in vivo da ricercatori dell'INRAN (Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione).
Inutile quindi prendere tè verde e nero con latte oppure yogurt alla frutta di bosco ? Pare proprio di sì. Ad azzerare il potere antiossidante dei nutrienti, sarebbe il tipo di proteine contenute nel latte.
"Quando parliamo con la gente di potere antiossidante - spiega Mauro Serafini, il ricercatore che ha guidato la sperimentazione - dobbiamo essere chiari: purtroppo, oggi i messaggi non sempre sono completi. Il potere antiossidante di un prodotto alimentare, come dimostrano recentissimi studi, da solo, ha un valore assolutamente relativo." Tra poco Serafini vuole avviare col suo gruppo un nuovo studio sull'interazione tra la comune bistecca (altamente proteica) e l'insalata verde (antiossidante).
By: lgline@interfree.it
Tratto da: http://protonutrizione.blogosfere.it


Il Latte causa l'osteoporosi e carie dentali, ma la propaganda degli  "Enti" governativi al "servizio" delle industrie multinazionali afferma che fa bene, es:
National Institutes of Health National Institute of Child Health & Human Development:
https://www.nichd.nih.gov/milk/about/Pages/collab.aspx
"The NICHD collaborates with the National Institute of Dental and Craniofacial Research (NIDCR) on educational materials for dental care providers and their patients about the importance of milk and calcium to dental health."

Commento NdR: dato che in questo caso Certezze non ne abbiamo ancora, anche se le indicazioni fino ad ora ottenute sono verso l'eliminazione del latte vaccino dall'alimentazione umana, si consiglia assolutamente di ridurre il piu' possibile a seconda delle reazioni di ognuno, l'assunzione del latte vaccino e dei suoi derivati.
Pero' per ridurre e/o eliminare carie ed osteoporosi occorre eliminare dall'alimentazione giornaliera quei prodotti !

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

LATTE CRUDO ed intossicazioni ?
Mi occupo spesso di alimentazione, qui. Per due motivi: credo che la crisi si farà sentire anche in quel settore, sia per la produzione che per la distribuzione; e poi, perché una crisi economica incoraggia chi imbroglia e occorre quindi vigilare ancora di più su ciò che mangiamo.

Ultimamente, a causa di una tosse persistente e altri piccoli indizi, sospetto di essere diventata "intollerante" al latte. Sospesi latte e latticini mi pare di stare meglio. Ma la cosa che più mi incuriosisce è la seguente: sembra che milioni di bambini, e migliaia di adulti, siano diventati improvvisamente allergici al latte. I medici non battono ciglio su questa diagnosi, si limitano a trarre conclusioni e a consigliare (l'obbrobrioso) latte di soia.
Eppure, fino a vent'anni fa nessuno era allergico al latte. Trattavasi di cosa inaudita, come l'allergia all'acqua.
Mai conosciuto, nell'infanzia, bambino che lo fosse. Oggi è la norma.
Insomma, qualche dubbio dovrebbe sorgere a chi di dovere. Cosa diamine c'è nel latte moderno ?
Processato, pastorizzato, sottoposto a trafile industriali, e infine impacchettato in tetrapak che secerne inchiostro ?
Quali sono queste fatidiche proteine del latte, tipo... la melamina ? Cosa danno da mangiare alle mucche ?
Qualcuno ha mai provato a dare latte appena munto a questi bambini, per vedere se per caso l'allergia scompaia ?
No, e probabilmente non accadrà mai.
L'ultima novità con cui cercano di terrorizzarci è infatti proprio questa: il latte crudo fa male e spedisce i bambini all'ospedale, comprate latte del supermercato che è "più sicuro". Vien da dire che è un miracolo che tutti noi siamo ancora qui per raccontarla, date le quantità di latte non pastorizzato che ci siamo ingurgitati nell'infanzia. 
Sono solo 9 gli "intossicati" (qualche giornale trova il numero troppo basso per i suoi gusti e lo arrotonda a 40).
Il responsabile ? Il solito Escherichia coli, che da quel che sapevo al massimo causa qualche cagotto e ora invece spedisce i bambini in dialisi. Si sarà modernizzato anche lui. 

(NdR: NON e' il batterio la causa, bensi' l'alterazione del pH digestivo, del sistema enzimatico, della flora batterica alterata che quei soggetti hanno e che per mancanza di batteri e funghi antagonisti, non controlla quel batterio (E.Coli), che quindi prolifera a dismisura e crea altri danni = emissione di tossine).

Vorrei fare due conti della lavandaia, di quelli che fa il mio collega Pietro: in Italia ci sono 2000 distributori di latte crudo. Poniamo che ognuno venda 20 litri di latte al giorno, fa 40 mila litri. Ogni litro bevuto da 2 persone, sono 80 mila persone al giorno che bevono latte crudo.
In un anno, sono appena 9 gli "intossicati" . Mi pare una percentuale più che esigua, soprattutto confrontandola con i milioni di allergici al latte di tetrapak. Eppure, eccoli a terrorizzarci con l'allarme batteri, e si sa che i microbi spaventano la massaia molto più dei veleni chimici.
Un'ultima nota a tanto sconforto. Sapete chi è in prima fila in questa battaglia per chiudere i distributori di latte crudo e difendere il cittadino dai nemici dell'igiene ?
Bravi, avete indovinato: la nostra inesausta sinistra, mai paga di tutelare gli interessi degli amici suoi.... Che, come si sa, non sono certo amici nostri...
By Debora Billi - Tratto da: crisis.blogosfere.it/2008/12/nuovo-spauracchio-il-latte-crudo.html

Commento NdR: la Causa ?: e' colpa dei Vaccini che alterano nell'intestino, il pH digestivo e facilmente il sistema enzimatico e la flora batterica anche intestinale,  ed immunodeprimono i soggetti (animali ed umani) vaccinati oltre a creare delle mutazioni genetiche occulte che si trasmettono alla prole che se rivaccinata a sua volta = slatentizza-somatizza = Rendere manifesta una condizione patologica, malattia latente !
Mentre qualche decennio fa, nel caso degli umani i ns genitori (1 e 2° generazione di vaccinati) potevano permettersi di assumere il latte crudo NON pastorizzato senza avere tanti problemi, ora nei giovani (3 e 4° generazione di plurivaccinati) il problema delle reazioni all'ingestione del latte e' divenuto importante !

Ricordiamo che le alterazioni degli enzimi, della flora, del pH digestivo e della mucosa intestinale influenzano  la salute,  non soltanto a livello intestinale, ma anche a distanza in qualsiasi parte dell'organismo.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>
 

LATTE VACCINO:
I prodotti “scremati” o “magri” che ormai imperversano nei nostri negozi non sono sani. State pagando denaro per alimenti scippati di una delle loro componenti più preziose, il grasso. Capisco, siete stati condizionati da 50 anni di menzogne alimentari e imboniti dall’industria del “light” e del “dietetico”, ma rendetevi conto che quelli che consumate non sono cibi, almeno non quelli originali che hanno nutrito i nostri avi per migliaia di anni.
 
Tratto da it.wikipedia.org ...... Un "latte H.D." è un prodotto precedentemente delattosato, in cui gli enzimi lattasi non sono presenti, mentre lo "Zymil" è un marchio di fabbrica di una azienda italiana, di prodotto delattosato in cui sono presenti tali enzimi.
Nella pratica clinica il lattosio è responsabile di un'intolleranza alimentare molto frequente, l'intolleranza al lattosio, generata dal deficit di produzione da parte delle cellule intestinali del duodeno dell'enzima lattasi deputato alla scissione del lattosio in glucosio e galattosio che sotto questa forma possono essere assorbiti. La permanenza del lattosio come tale nell'intestino ne determina l'utilizzo da parte della flora batterica intestinale che ne provoca la fermentazione (da questo processo si ha una grande produzione di gas e acidi organici) ed essendo il lattosio una sostanza osmoticamente attiva richiama nel colon acqua e sodio impedendo la formazione delle feci solide. L'intolleranza al lattosio si manifesta, quindi, con flatulenza, meteorismo, crampi addominali, diarrea e dimagrimento. In caso di difformità intestinali i sintomi possono trarre in inganno: oltre alla flatulenza, meteorismo, crampi addominali, si possono avere diarrea e stitichezza alternati con un forte aumento delle dimensioni del ventre. La diagnosi è possibile con il test del respiro (breath test secondo la dizione inglese) con la biopsia duodenale ed attraverso uno specifico esame del sangue. L'intolleranza congenita conclamata in Italia è oggettivamente rara (sono stati descritti in letteratura non più di 100 casi); è più facile imbattersi in casi di progressiva perdita di efficienza dell'enzima nell'individuo con l'avvicinarsi dell'età adulta, più presente in popolazioni di ceppo etnico riferibile al sud del pianeta con picchi del 90% nella popolazione nera e asiatica fino ad un minimo del 15% nella popolazione del Nord Europa. In Italia si riscontra maggiore frequenza al sud.
Esiste una forma "transitoria" di intolleranza al lattosio, particolarmente frequente in età pediatrica. In questi casi, una causa primitiva (per esempio una gastroenterite infettiva) può provocare un deficit temporaneo di lattasi. Per questo motivo è buona norma, in pediatria, evitare di somministrare latte nel primo giorno di una gastroenterite in quanto essendoci un deficit di lattasi il lattosio non digerito può peggiorare la diarrea. La terapia è alimentare e prevede l'esclusione totale dalla dieta dei cibi contenenti il lattosio (latte e derivati) o l'utilizzo di prodotti commerciali contenente lattosio predigerito; principalmente latte vaccino, latte di capra, latticini freschi, gelati, panna e molti dolci e biscotti contenenti latte. Altri rischi possono presentarsi con l'assunzione di cibi come prosciutti cotti o insaccati dove il lattosio viene aggiunto come additivo al fine di mantenere una giusta morbidezza delle carni. Anche altri alimenti come i cibi precotti, alcuni tipi di pane in cassetta e molti farmaci possono contenere lattosio.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Le innumerevoli disgrazie del latte bovino, e di ogni tipo di latte animale
(per i bimbi già svezzati)
Il Latte di mucca che le combina davvero grosse:
1)   Acidifica la digestione e quindi anche i liquidi del corpo, che sono leggermente alcalini.
2)   Provoca intenso prelevamento di osseina (cioè di calcio buono e pronto per l’uso urgente comandato dal sistema immunitario come tampone anti-acidificante), e questo porta alla osteoporosi, come provato dalle statistiche mondiali che trovano ai primi posti per l’osteoporosi i paesi grandi consumatori di latte, latticini, gelati al latte, yogurt, cioccolati al latte, formaggi.
3)   Provoca calcificazioni errate e calcoli, perché il calcio del latte, inorganico, giustamente bollito o pastorizzato, non viene metabolizzato ma va a depositarsi nei punti sbagliati.
4)   La sua caseina collosa stende un velo micidiale sui villi intestinali, impedendo e contrastando il prezioso compito assorbitivo dei medesimi.
5)   Il latte bovino, usato come cibo umano, è il cibo più allergenico del pianeta. Contiene 100 diverse sostanze che causano facilmente allergia (NdR: specie se il soggetto e' stato Vaccinato). Le conseguenze più note sono la sinusite, l’asma, i disturbi intestinali, problemi alle vie respiratorie, ecc..
6)   Il latte bovino è difficile da digerire ed assimilare. Gli adulti, privi come sono dell’enzima lactasi per demolire il lattosio (zucchero del latte) si ritrovano con gas intestinali, dilatazioni, crampi, costipazioni, estrema debolezza alle giunture e ginocchia.
7)   La caseina, principale proteina del latte, è indigesta ed aterogenica (aterosclerosi), mentre la lattoglobulina non viene demolita dal riscaldamento e nemmeno dagli enzimi, per cui provoca la peggiore delle evenienze gastro-enteriche, ovvero la micidiale putrefazione intestinale, con miasmi e sostanze che mandano in putro-fermentazione ogni frutto mangiato a stomaco-intestino non vuoti e non puliti.
8)   Il latte bovino contiene l’ormone pro-lattina. Noto stimolatore di crescite tumorali al seno ed alla vagina per le donne, nonché all’apparato emuntore ed urinario di entrambi i sessi.
9)   Il latte è cibo fortemente anemizzante, essendo deficiente in ferro.
10) I formaggi poi, specie quelli più vecchi, per quanto buoni al palato, contengono 10 volte più grasso e proteine del latte intero con tutte le nefaste conseguenze.
11) I latticini, e i formaggi vecchi in particolare, sono la massima fonte di crisi ossidative nel corpo umano, con sviluppo intenso di radicali liberi.
12) Tutti i tipi di latte non umano fanno ugualmente male all’uomo e fanno pure male a qualunque creatura mammifera già svezzata.
By Valdo Vaccaro - Direzione Tecnica AVA-Roma (Associazione Vegetariana Animalista) - Direzione Tecnica ABIN-Bergamo (Associazione Bergamasca Igiene Naturale)

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

I DANNI CAUSATI dalla CASEINA (assomiglia e lavora anche come detergente) del LATTE VACCINO
La caseina rappresenta l'ottanta per cento delle proteine del latte di mucca. Sostanza che e' anche collosa, la caseina è ciò che mantiene l'etichetta affissa ad una bottiglia di birra. Se siete bevitori di birra, provate a togliere via l'etichetta questo fine settimana al pub. Non sarà un compito facile e nel contempo imparerete qualcosa sulla qualità della caseina bovina !
La caseina è anche usata per attaccare pezzi di legno dei vostri mobili o finestre. L'industria alimentare, che usa la caseina nei cibi congelati, prodotti per microonde e prodotti elaborati, ha capito da tempo che questa colla mantiene insieme gli alimenti, dando loro una consistenza più stabile e concreta.

Il latte materno umano contiene caseina? 40 milligrammi in un litro. Cioè in un litro di latte umano c'è 1 grammo di proteine, e di queste il 4% è caseina. Il latte bovino contiene il 400% in più di proteine rispetto a quello umano, e la caseina in questo caso è la proteina più abbondante (l'80%).
Dunque il latte materno umano non è la stessa cosa di quello bovino. Non solo ha una quantità di proteine molto inferiore a quello di mucca (vedi a pag. xx), ma ha proteine completamente diverse da quelle bovine. In effetti, mentre il latte umano forma nell'intestino piccole masse soffici e fioccose che risultano di facile digestione, il latte bovino forma cagli grossi, grandi e spessi che l'organismo ha difficoltà a digerire.
È questo uno dei motivi per cui Antony Robbins scrive: "Per ottenere il meglio di sè non mangiare latticini". Egli spiega: "Qual è l'effetto principale che il latte ha sull'organismo? Il latte ingerito diviene una massa mucillaginosa che si indurisce, aderendo a qualsiasi altra sostanza si trovi nel tenue, rendendo assai più difficile il funzionamento dell'organismo. E il formaggio ? Non è che latte concentrato. Tenete presente che per produrre un chilo di formaggio occorrono da 4 a 5 litri di latte.

Il latte produce muco ! (il latte di vacca ha un pH attorno a 6,5 - 6,7 per cui e' acido, mentre quello umano invece pH 7,1)
"I residui della decomposizione batterica della caseina producono muco spesso e filamentoso che si attacca alle mucose ostruendone i condotti.
Mangiate caseina, in seguito a ciò vengono prodotte istamine, e quindi c'è formazione di muco. Il muco congestiona gli organi interni del corpo. In media la persona che consuma latticini vive con la sua vita con 4-5 litri di muco che intasano i reni, la milza, il pancreas, l'albero tracheale-bronchiale, i polmoni, il timo, etc...
Immaginate di non consumare formaggio o altri derivati del latte per 6 giorni. Una nebbia interna inizierà a sollevarsi dal vostro corpo man mano che il muco se ne va. Ma prendete solo una fetta di pizza al settimo giorno e 12- 15 ore dopo il muco ritornerà ad appesantirvi" [Cohen R., "Milk, A-Z", Argus Publishing, ISBN: 0-9659196-8-4, 1999.].

Uhlig [1997] monitorò l'attività elettrica cerebrale in bambini con sindrome di deficit attentivo ed iperattività. Egli dimostrò per la prima volta una correlazione tra attività elettrica cerebrale ed assunzione di caseina, la cui sospensione dalla dieta faceva scomparire anche i sintomi mentali e comportamentali. Lucarelli [1995] segnala il ruolo dei peptidi derivanti da caseina nella produzione di effetti tossici sulla neurotrasmissione del sistema nervoso centrale.

Studi su animali di laboratorio hanno dimostrato che, subito dopo aver trattato cavie con elevati livelli di frammenti di caseina (caseomorfina), gli animali diventavano agitati e correvano violentemente, con un battere di denti e una respirazione accelerata. Qualche momento dopo la cavia diventava inattiva, si muoveva di meno, e infine si sedeva in un angolo della gabbia ponendo la propria testa contro le sbarre. I ricercatori, che successivamente andavano a esaminare i tessuti di cervello, scoprivano che la caseomorfina si trovava in 32 diverse aree del cervello, incluse le sezioni responsabili per la vista, l'udito e la comunicazione [Panksepp 1979, Sandyk 1986, Sahley & Gillman 1986, Ozonoff, 1994].

Montinari [2002], descrive gli effetti e le interferenze della caseina in maniera ancora più precisa e dettagliata, e li inserisce nel contesto di un "network citochinico neuron-glio- linfocitario". Con questa espressione il prof. Montinari intende dire che l'azione diretta del frammento caseomorfina (e altri rimasugli mal smantellati di proteine del latte) è stata ben documentata sia sul sistema endocrino, sia sul sistema nervoso, sia in casi di ìmmunosoppressione. Rimando il lettore al testo del professore di Bari per la trattazione scientifica completa (che cade al di fuori dei tempi e spazi di questo libro). In sommario, la caseomorfina e il consumo di latticini provocano interferenze multiple, una tempesta di "contatti" che smette solo con la sospensione del latte.

Molti ricercatori cercano farmaci efficaci per guarire la permeabilità intestinale. Per sperimentarne, questi ricercatori hanno bisogno di avere animali di laboratorio con permeabilità intestinale; come fanno per produrne? Essi usano una prolungata alimentazione con latte di mucca per creare cavie con standardizzata permeabilità intestinale !! [Theodorou 1994].

I quattro stomaci dei vitelli sono molto più adatti dell'organismo umano a smantellare la caseina e le proteine bovine in amminoacidi. L'apparato digestivo umano non riesce a fare lo stesso e ciò si traduce nella formazione di ingombranti prodotti di scarto. È come se ad un motore venisse fornito il carburante sbagliato: in tal caso il motore, in alcune sue parti, si deteriora. Questa è la stessa cosa che la letteratura medica documenta come conseguenza dell'impossibilità di smantellare la caseina: un deterioramento a carico della mucosa intestinale.

Gli studi che dimostrano che l'ingestione di latticini provocano un aumento della permeabilità intestinale.
La capacità di creare un ambiente digestivo efficiente diminuisce con l'età: parliamo del fatto che l'acido cloridrico necessario alla digestione, oltre i 60 anni, viene prodotto nello stomaco solo per il 20%; parliamo della rennina, enzima necessario per smantellare la caseina, che scompare dall'organismo dell'adulto per una programmazione genetica simile a quella della lattasi negli intolleranti al lattosio; infine parliamo degli enzimi pancreatici della digestione e degli ormoni della digestione, anch'essi possono subire un ridimensionamento. E quando tutto ciò avviene, la priorità è certamente evitare la caseina, una proteina molto più difficile da gestire e smantellare di qualunque altra sostanza che troviate come cibo.

Ricapitolando, non solo noi non abbiamo il motore adatto come la mucca e i suoi 4 stomaci, ma deviazioni dal funzionamento metabolico ideale avvengono nel corso della vita ed alcuni di noi diventano più intolleranti di altri.

AUTOIMMUNITÀ
In una situazione di permeabilità intestinale (infiammazione della mucosa) si raggiunge quello stadio dove ciò che è nell'intestino, infezioni, lieviti, tossine batteriche, sostanze tossiche, raggiunge anche il sangue e
quindi il cervello e tutte le cellule. È stato dimostrato dalla recente letteratura medica che questa situazione di alterata permeabilità intestinale è una tappa obbligata verso le patologie autoimmuni, e dunque, volendole evitare o guarire, bisogna sospendere il consumo di prodotti caseari.

Una barriera intestinale sana costituisce una barriera invalicabile per ciò che staziona o transita nell'intestino. In una situazione normale, gli elementi vitali, opportunamente smantellati nel tratto gastrointestinale vengono assorbiti e portati nel sangue a partire dai villi intestinali.
Macromolecole o altro passano attraverso la mucosa sana solo in misura di uno su un milione, come saggio per il sistema immunitario (meccanismo pinocitotico).

In individui sani, la mucosa processa antigeni modificando la maggior parte delle loro proprietà antigeniche, rendendoli perciò parzialmente inerti all'immunità sistemica [Pong 1990], mentre la presentazione anomala dell'antigene attraverso una barriera epiteliale danneggiata/ permeabile è un evento che avviene prima che un processo autoimmune inizi a svilupparsi.
È noto, in modelli sperimentali di morbo di Chron basati su cavie, che l'antigene deve attraversare una barriera epiteliale danneggiata. Questo può essere ottenuto distruggendo cellule epiteliali "per permettere all'antigene di penetrare il sistema immunitario della mucosa" [Morris 1989]. "In qualsiasi caso in cui si vuole creare autoimmunità in cavie, bisogna causare una permeabilità intestinale alterata" [Fargeas 1995].

A conferma di ciò che abbiamo detto, ricordiamo che uno stato alterato della permeabilità intestinale è una condizione che si presenta puntuale addirittura un mese prima della deficienza pancreatica acuta che precede il diabete. La permeabilità intestinale viene prima, poi viene l'autoimmunità; questo processo è spiegato e documentato in dettaglio nel capitolo 5, alla voce "Patologie autoimmuni".
Oltre che il diabete, ciò caratterizza in modo definitivo anche artrite reumatoide, Sjogren, spondilite anchilosante, morbo di Behcet, vasculiti autoimmuni, tiroidite, morbo di Chron, lupus, sclerosi multipla. Questi studi sono riportati nel dettaglio a pag. xx, in "Patologie autoimmuni". Un'ampia letteratura medica mostra che su questo tipo di pazienti viene riscontrata sempre un'alterata permeabilità intestinale, sempre maggiore confrontata con i gruppi di controllo sani.

"Tutti i sub-tipi di condizioni artritiche croniche giovanili che abbiamo studiato hanno rivelato una aumentata permeabilità intestinale. Ciò, nella maggior parte dei casi, non era associato con nessun sintomo gastrointestinale" [Picco 2000].
Tutto ciò è tanto comune: pazienti con artropatie, lupus ed altre condizioni sistemiche ed autoimmuni continuano a consumare derivati del latte, cosa che aumenta la loro permeabilità intestinale, senza apparenti problemi a seguito di tale ingestione.

"I nostri dati finali suggeriscono che fattori esogeni che causino l'infiammazione dell'intestino (specie del tenue) portano a disturbata permeabilità delle pareti dell'intestino e immunosoppressione locale, permettendo agli antigeni di iniziare meccanismi immunologici e reazioni che inducono l'infiammazione del legamento e del tendine. I sintomi a carico del legamento sono l'unica manifestazione clinica di questa condizione di permeabilità intestinale", conclude il ricercatore [Mielants 1988].

Secondo Scarpa [2000], pazienti con psoriasi senza sintomi gastrointestinali possono non mostrare a livello macroscopico una anomala mucosa intestinale, sebbene ognuno di loro mostri alterazioni microscopiche nella biopsia della mucosa stessa.

Un'ultima cosa. Nelle autoimmunità dobbiamo ben guardarci anche dalle infezioni intestinali croniche. Abbiamo visto che i latticini non digeriti irritano costantemente l'intestino.

Il consumo di latte contribuisce ad alterazioni morfologiche nella mucosa intestinale sia in bambini che in adulti [Go 1994], e questi cambiamenti, è stato dimostrato, aumentano la permeabilità intestinale a batteri e virus [Duffy 2000]. E quello dei virus attivi latenti è il fattore più comune, insieme a metalli pesanti e antigeni di origine alimentare, nell'attivazione dell'autoimmunità.

Virus latenti trovano un'accoglienza confortevole in una mucosa permeabile e la loro eventuale attività, con produzione di materiale tossico e passaggio nella cellula, aggiunge danno ad essa.

Go [1994] ricorda che il passaggio batterico è raramente visto in animali allattati al seno, contrariamente ad animali alimentati con formulazioni di latte bovino per neonati. Ciò è dovuto al fatto che le cellule epiteliali delle cavie alimentate con latte bovino, diversamente dalle membrane intestinali di cavie allattate dalla loro madre, entrambe apparentemente normali, erano si sane, ma "vacuolate". I villi intestinali di animali alimentati con formulazioni di latte bovino erano meno densamente compattati rispetto a quelli degli animali allattati dalla loro madre.
L'adesione batterica, la penetrazione e il passaggio attraverso la mucosa erano osservati solo nelle membrane di animali alimentati con formulazioni di latte bovino.

Secondo Cummings [1991], le formulazioni sintetiche di latte bovino portano ad un aumento di ricambio cellulare ("shedding") delle cellule epiteliali. Può essere concluso che uno svezzamento precoce con alimentazione artificiale a base di latte bovino contribuisce ad infezioni nell'infanzia, e a numerose allergie e malattie autoimmuni.
Il consumo di prodotti caseari produce un'alterata permeabilità intestinale anche in adulti.

MALASSORBIMENTO
Le pareti dell'intestino non solo dovrebbero tenere fuori ciò che è dannoso al corpo, queste dovrebbero anche assimilare i micronutrienti che il corpo necessita attraverso una corretta funzione dei villi intestinali. Se l'intestino perde questa capacità, si parla di "malassorbimento". Noi consumiamo latte, che contiene molto calcio, ma poi il processo di assimilazione stesso dei micronutrienti è reso difficile a causa dell'effetto della caseina sui villi e l'istologia della mucosa.

In questi casi si verifica un aumentato assorbimento di ossalato da cibo. Hesse [1995] riporta che più grave è la situazione di permeabilità/ alterazione morfologica, più importante diventa il fattore di rischio nella cristallizzazione dell'ossalato di calcio nei reni. La correlazione tra casi di malassorbimento e insorgenza di calcoli renali è documentata anche da Bohles [1982], Abdullah [1992], Johnes [1987], Bennet [1987].

Del resto, la forma estrema e più grave che può assumere il malassorbimento è la completa atrofia dei villi intestinale, condizione che è associata con una straordinaria moltitudine di possibili sintomi. Una volta eliminato l'agente che scatena l'atrofia dei villi, cioè il latte (o, nella celiachia, il glutine), viene riportata la scomparsa non solo degli anticorpi specifici nel sangue ma, con la normalizzazione della morfologia della mucosa intestinale, si arrestano gli attacchi epilettici, le calcificazioni, le anomalie cardiovascolari, l'anemia, aborti spontanei, ciclo irregolare, scompaiono autoanticorpi relativi a tiroide, pancreas, artriti reumatoidi,
etc.
Per questo motivo anemia, ma anche cattiva assimilazione degli elementi nutritivi e dei minerali, perdita di peso, deficienza nella crescita, feci untuose, perdita di proteine a livello gastrointestinale e emorragie evidenti o più frequentemente nascoste, tutti questi sono ben documentati effetti del consumo di latte di mucca.

Il malassorbimento può essere dimostrato da specifiche prove di funzionalità intestinale, mentre un reperto biochimico alquanto indicativo è "l'aumento notevole dei livelli plasmatici di fosfatasi alcalina, a causa della
presenza del suo isoenzima intestinale" [Montinari 2002].

Fonti bibliografiche...
Latte di mucca e aumento di permeabilità intestinale, una bibliografia
Le 24 pubblicazioni scientifiche cui si fa riferimento sopra, che dimostrano una correlazione tra consumo di latte di mucca e aumento di permeabilità intestinale, vengono elencate a fine libro, vedere nel capitolo 5, "Malattie e latte di mucca, una guida alfabetica A-Z", alla voce "Mucosa intestinale".

Caseomorfina e tempesta immuno- neuro- endocrina, una bibliografia
Le 38 pubblicazioni scientifiche cui si fa riferimento sopra, che dimostrano gli effetti dannosi della caseomorfina derivante da una progressiva incapacità biologica in alcuni organismi, vengono elencate nel capitolo 5, "Malattie e latte di mucca, una guida alfabetica A-Z", alla voce "Disturbi comportamentali dacaseomorfina". Le implicazioni sono, tra le altre cose, per schizofrenia, sindrome di deficit attentivo e iper-attività, autismo).

Consumo di latte e sclerosi multipla, una bibliografia
- Malosse, D., Perron, H. and Seigneurin, J.M.,
1992,"Correlation between milk and dairy product consumption and multiple sclerosis prevalence, a worldwide study", Neuroepidemiology, v. 11, p. 304-312.
- Meyer, M.G., Johnston, A., Coca A.F., 1954, "Is Multiple Sclerosis a manifestation of idioblaptic allergy?", The Psychiatric Quarterly, Jan. p. 1-15.
- Soll R.W., 1968, "Delayed hypersensitivity: a possible mechanism in the etiology of multiple sclerosis", in Alter, M. and Kurtzke, J.(eds.). The epidemiology of multiple sclerosis. C.C. Thomas, Springfield, Illinois, p. 110-128.
- Swank R.L., Dugan B.B., 1987, "The Multiple S
clerosis dietbook", Doubleday, Garden City, New York.
- Yacyshyn B, Meddings J, Sadowski D, Bowen-Yacyshyn MB, "Multiple sclerosis patients have peripheral blood CD45RO+ B
cells and increased intestinal permeability", Dig Dis Sci 1996 Dec;41(12):2493-8
- Walker WA, "Antigen absorption from the small
intestine and gastrointestinal disease", Pediatr Clin North Am 1975 Nov;22(4):731-46
- Winer S, Astsaturov I, Cheung RK, Sch
rade K, Gunaratnam L, Wood DD, Moscarello MA, O'Connor P, McKerlie C, Becker DJ, Dosch HM., "T cells of multiple sclerosis patients target a common environmental peptide that causes encephalitis in mice", J Immunol 2001 Apr 1;166(7):475

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

LATTE, ALIMENTO KILLER …..anche per la coscienza  - By Franco Libero Manco
MOTIVAZIONI ETICO-SALUTISTICO-ANTROPOLOGICHE
Dopo i primi tre ani di vita l’uomo perde gli enzimi (rennina e lattasi) preposti per la digestione del latte.
L’uomo è il solo animale che continua a prendere il latte (dopo lo svezzamento) di un animale che egli considera inferiore sotto l’aspetto intellettivo, emotivo e spirituale.
Tra il latte umano e quello vaccino c’è la stessa differenza tra una donna ed una mucca. Il latte della mucca è adatto al vitello che ha una velocità di crescita 3 volte superiore a quella del cucciolo umano ed una necessità proteica quasi 4 volte maggiore.
I reni di un bambino nutrito con latte vaccino arrivano ad essere un terzo più grossi di quelli di un bambino nutrito al latte di donna: l’ipertrofia è determinata dal superlavoro cui sono sottoposti i reni a causa dell’eccesso proteico del latte vaccino che oltre ad oberare i reni ed il fegato, arreca danni all’ipofisi, alla tiroide e al surrene.
Il latte vaccino nei bambini può provocare sanguinamento gastroenterico; è carente di ferro perchè il fosforo e il calcio che contiene interferiscono con l’assorbimento di questo minerale. (Dr.ssa Elena Guarnieri, nutrizionista. “Viversani”, maggio 2009)
Il latte umano oltre ad avere (in assoluto) il più basso valore proteico, è anche il più dolce. Il cervello umano funziona a glucosio.
I glucidi del latte umano, sotto forma di lattosio, sono essenziali per lo sviluppo cerebrale del bambino: sono presenti nel latte umano in misura quasi doppia rispetto al latte vaccino.
Solo il 25-30% del calcio presente nei latticini viene assimilato, il resto viene eliminato con le feci perché i latticini non contengono la vitamina K fondamentale per il corretto assorbimento del calcio. Il latte di vacca, anche se ricco di calcio, quando è nel tubo digestivo umano la maggioranza di esso precipita sotto forma di fosfato di calcio e viene eliminato attraverso le feci. Solo una piccola parte viene assorbita.
Nei formaggi vi è un’alta concentrazione di farmaci, di diserbanti ed additivi. I nitrati (conservanti) si trasformano facilmente in nitrosammine potenzialmente cancerogene. I formaggi stagionati contengono molte proteine, grassi saturi e colesterolo.

EFFETTI
Tre quarti di tutte le allergie e metà dei problemi digestivi del bambino sono causati dal latte vaccino, oltre a casi di asma, di insonnia e di affezioni cutanee.
Il latte produce catarro e muco che si fissa sulle pareti dello stomaco impedendo l’assorbimento delle sostanze alimentari.
La caseina del latte è la base di una delle più potenti colle per il legno usata per la costruzione delle navi.
Il latte vaccino apre la strada a: catarro, febbre da fieno, asma, bronchite, raffreddore, allergie, dissenteria, stitichezza, palpitazioni, malattie cardiache, angina, calcoli renali, artriti, spondiliti, tumori e cancro.
Al latte e alle uova sono da attribuire almeno la metà di tutti i cancri maschili e a più di due terzi dei cancri femminili.
Il fosforo presente nel latte vaccino è circa 6 volte maggiore che nel latte umano, questo blocca l’assorbimento del calcio provocando nel lattante una tendenza alla ipocalcemia. Il fosforo serve all’animale per costruire rapidamente il suo scheletro che gli consente di fuggire anche da cucciolo ad un pericolo improvviso.
Rudolf Steiner sostiene che il bambino nutrito con il latte vaccino presenterà da anziano sclerosi ed invecchiamento precoce.
Nel 1942 un’indagine in Scandinavia sui legami tra latte vaccino e l’insorgenza dell’artrite, durata 30 anni, ha dimostrato che il latte vaccino causa il fattore artritico.
Da un’indagine in alcune zone dell’India dove lo yogurt si consuma abbondantemente, pare che il galattosio sia la causa dell’insorgere della cataratta.
I fermenti dello yogurt utilizzano per il proprio sviluppo la vit. B12 che si forma nell’intestino umano provocandone una diminuzione.
Un quinto dell’umanità vive benissimo senza usare latte vaccino: Cinesi, Giapponesi e Coreani...
Il latte di mucca provoca nel bambino carenza di ferro.
L’uomo del paleolitico non usava latte vaccino ma aveva ossa robustissime con una dieta basata su cereali, verdure e frutta.
Il pediatra prof. Marcello Giovannini ed il nutrizionista Ermanno Lanzola sconsigliano il latte vaccino nei primi 12 mesi di vita del bambino perché:
- ha troppe proteine;
- ha meno lattosio del latte umano;
- ha uno squilibrato rapporto di acidi grassi;
- ha valori squilibrati di calcio e fosforo;
- è privo di fattori di difesa specifici;
Il latte umano ha un elevato contenuto di acido linoleico, precursore delle prostaglandine e leucotrieni antiinfiammatori.
Al contrario, il latte di vacca é una sostanza infiammatoria al 100%.
Il latte vaccino contiene circa 59 tipi di ormoni (pituitari, steroidei, adrenali, sessuali etc.) tra cui il piú importante l’ormone della crescita veloce dei vitelli.
Il latte puó anche essere contaminato da prodotti chimici, ormoni, antibiotici, pesticidi, pus proveniente dalle mastiti, virus, batteri, prioni...viene arricchito con additivi, vitamine e minerali sintetici, semi, piante, frutti, proteine, acidi grassi... In alcuni casi, anche grassi di animali diversi.
Le sostanze tossiche che con piú frequenza si possono trovare in un bicchiere di latte di vacca sono:
- Metalli e plastica;
- Detergenti e disinfettanti;
- Pesticidi e fertilizzanti;
- Micotossine: provenienti dal mangime che si dá alle vacche;
- Antibiotici ed altri farmaci;
- Diossine.

MALATTIE CONNESSE al CONSUMO di LATTE
ANEMIA FERROPENICA; ARTRITE REUMATOIDE e OSTEOARTRITE; ASMA; AUTISMO; CANCRO ALLO STOMACO; CANCRO DELLA MAMMELLA; CANCRO  OVARIO; CANCRO del PANCREAS; CANCRO della PROSTATA; CANCRO AL POLMONE; CANCRO al TESTICOLO; CATARATTA; COLITE ULCEROSA; DIABETE MELLITUS TIPO 1; DOLORI ADDOMINALI SENZA INTOLLERANZA al LATTOSIO; MALATTIA di CROHN; MALATTIE CORONARIE; SCLEROSI MULTIPLA; STITICHEZZA; FATICA CRONICA; INCONTINENZA URINARIA; INTOLLERANZA al LATTOSIO; LINFOMI; EMICRANIA; ORECCHIE, NASO, GOLA; REAZIONI ALLERGICHE; EMORRAGIE GASTROINTESTINALI; SINDROME di CATTIVO ASSORBIMENTO; PROBLEMI di SONNO; ULCERA PEPTICA.

IL PROBLEMA del CALCIO
Negli Stati Uniti, il paese maggior consumatore mondiale di latte, c’é un’incidenza maggiore di osteoporosi tra la sua popolazione.
Il Progetto di nutrizione Cornell Oxford-Cina, salute e ambiente, che si iniziò nel 1983 con uno studio delle abitudini quotidiane di 6500 abitanti di 65 province disperse nella Cina rurale, una delle ricerche più rigorose effettuate in materia di salute, si provò che le donne che non bevevano latte di vacca non soffrivano di osteoporosi. Se lasciavano questa dieta e introducevano latte di vacca, i loro livelli di calcio si abbassavano e aumentava l’incidenza di questa patologia.
Le ricerche svolte dal dottor John McDougall (medico nutrizionista del ST. Helena Hospital di Napa California, USA) dimostrarono che le donne dell’etnia Bantú che non bevono latte di vacca pur avendo una media di 10 figli e li allattano per lunghi periodi, non soffrono osteoporosi.
Il lavoro del Dr. William Ellis, ex presidente dell’Accademia Americana di Osteopatia Applicata, stabilì che le persone che bevevano da 3 a 5 bicchieri di latte al giorno presentano i livelli più bassi di calcio nel sangue.
Lo Studio pubblicato dall’American Journal of Clinical Nutrition stabilì che l’eccesso di proteine del latte é uno dei fattori più importanti nello sviluppo dell’osteoporosi. Inoltre si dimostrava che fino all’età di 65 anni le donne che non bevevano latte ed erano vegetariane, avevano solo il 18% di perdita ossea, mentre le onnivore avevano una perdita ossea del 35%.
Studi più recenti mostrano che con un’ingestione di 75 grammi giornalieri di proteine del latte si perde più calcio nell’urina di quello che si assorbe attraverso la dieta.

L’OPINIONE di JEAN SEIGNALET
Il dottor Seignalet-ematologo, immunologo, biologo e cattedratico di Medicina all’Universitá di Montpellier, a proposito del latte riferisce: “Il pericolo della mancanza di calcio é un’illusione. É vero che il latte di vacca é ricco in calcio, però una volta che si trova nel tubo digestivo umano, l’immensa maggioranza di esso precipita sotto forma di fosfato di calcio e viene eliminato attraverso le feci. Solo una piccola parte viene assorbita. Il calcio assimilabile é apportato in quantità più che sufficiente dai vegetali, ortaggi, legumi secchi, verdure, frutta secca e fresca. Eliminare dall’alimentazione il latte animale non provoca carenza di calcio.
Al contrario, il regime alimentare che esclude i derivati del latte, blocca 70 volte su 100 l’evoluzione dell’osteoporosi e permette di recuperare parte del terreno perso”.

LA CASEINA del  LATTE
Il bambino lattante assimila completamente la caseina del latte materno ma non quella del latte di vacca. La caseina animale in alcune persone aderisce ai follicoli linfatici dell’intestino impedendo l’assorbimento di altri nutrienti. Sbarazzarsi dei suoi residui metabolici causa perdita energetica per l’organismo e può provocare problemi immunologici.

I GRASSI del  LATTE
Il latte umano contiene 45 grammi di lipidi per litro, dei quali 55% sono acidi grassi poliinsaturi, e 45% di saturi; ha, soprattutto, un elevato contenuto di acido linoleico, precursore delle prostaglandine e leucotrieni antiinfiammatori. Al contrario, il latte di vacca contiene un 70% di acidi grassi saturi e 30% di poliinsaturi. Inoltre questo 30% di poliinsaturi perde le sue proprietá quando per effetto del calore (tra i 40 º e i 45ºC) si denaturano e non possono essere precursori di sostanze antiinfiammatorie.
Per questo il latte trattato per il consumo é una sostanza infiammatoria al 100%.
I bambini che sono soliti bere vari bicchieri di latte al giorno hanno le arterie in peggiori condizioni di quelli che non lo prendono.

LA CARICA ORMONALE
La professoressa jane Plant, autrice del libro “La tua vita nelle tue mani” spiega che l’IGF1 é specialmente attivo durante la pubertà e la gravidanza. Nel caso delle bambine adolescenti quest’ormone stimola la crescita del tessuto della mammella. Durante la gravidanza aumenta i tessuti mammari e i dotti del latte materno per favorire l’allattamento.
Alti livelli di quest’ormone incrementano fino a tre volte il rischio di soffrire di cancro della mammella o di prostata da parte di quelli che consumano molto latte, come la carne delle vacche da latte. Nello stesso modo gli estrogeni che si aggiungono al latte bovino sono altri fattori che stimolano l’effetto nocivo di quest’ormone e che indirettamente favoriscono la comparsa di tumori.

SOSTANZE  TOSSICHE  nel LATTE.
I macchinari utilizzati negli allevamenti per trasportare e immagazzinare il latte può contaminarlo. Di fatto si é arrivati a trovare in esso ferro, rame, piombo, cadmio, zinco etc... o loro residui.

Detergenti e disinfettanti.
Formiolo, acido borico, acido benzoico, sali alcalini, bicromato di potassio etc...sostanze che si usano nella pulizia e disinfezione del materiale che viene a contatto col latte. Il suo uso viene giustificato dal fatto che l’acqua da sola é incapace di trascinare i resti di materia organica e distruggere i batteri che contaminano le istallazioni e che possono passare al latte.

Pesticidi e fertilizzanti.
Nel mangime che si dà alla vacca si possono trovare composti chimici: acaricidi, nematicidi, fungicidi, rodenticidi, erbicidi, DDT, dieldrin, lindano, metoxicloro, malation, aldrin etc...che possono causare il cancro.

Micotossine.
Provenienti dal mangime che si dà alle vacche, quando é contaminato da muffe, specialmente Aspergyllus flavus.

Antibiotici ed altri farmaci.
Impiegati nel trattamento e prevenzione delle malattie infettive e parassitarie delle vacche: possono passare al latte contaminandolo. La maggioranza delle industrie casearie usano circa 60 tipi di trattamento chimico per trattare i gonfiori del capezzolo dopo ogni minzione e per ridurre la propagazione della mastite nei branchi.

Diossine.
Derivati del cloro sono relazionati col cancro di polmone ed i linfomi. La esposizione alla diossina é stata messa in relazione con il diabete, i problemi di sviluppo del bambino e diversi problemi di squilibrio del sistema immunitario.

MALATTIE CONNESSE al CONSUMO di LATTE
ANEMIA FERROPENICA.
Il Dr. Frank Oski (direttore del dipartimento di Pediatria della scuola di medicina dell’Universitá John Hopkins (USA) asserisce che nel suo paese tra il 15 e il 20% dei bambini minori di due anni soffrono anemia ferropenica e che la metà del resto delle anemie che si producono negli USA sono relazionate con il consumo di latte e suoi derivati a causa delle piccole emorragie gastrointestinali che il latte può provocare.

ARTRITE REUMATOIDE ed OSTEOARTRITE.
Si é constatato che i complessi antigene-anticorpo generati dal latte si depositano a volte nelle articolazioni provocandone infiammazione e tumefazione. Studi realizzati nell’Universitá della Florida (USA) confermano che i sintomi si aggravano in pazienti, che consumano latte, con artrite reumatoide. In un articolo pubblicato nella rivista Scandinavian Journal of Rheumatology, si affermava che in persone affette da questa patologia quando smisero di ingerire latticini e bevvero solo acqua, té verde, frutta e succhi vegetali entro 7 e 10 giorni l’infiammazione e il dolore diminuirono significativamente: quando uno tornava a una dieta latto-ovo-vegetariana i sintomi riapparivano. Un gruppo di ricercatori israeliani dimostrò nel 1985 che il latte può indurre anche l’artrite reumatoide giovanile.

ASMA.
Il latte può stimolare la produzione eccessiva di muco nelle vie respiratorie. L’allergia al latte é causa di asma.
I bambini con eccesso di muco e difficoltà respiratorie ai quali si toglie il latte di vacca migliorano in modo sorprendente.

AUTISMO.
I sintomi neurologici dei pazienti autistici peggiorano quando consumano latte o grano. Si crede che i peptidi del latte possano avere un effetto tossico nel sistema nervoso centrale interferendo con i neurotrasmettitori. Nelle loro ricerche i dottori dell’Universitá di Roma notarono un miglioramento marcato nel comportamento di questi malati dopo aver smesso di ingerire latte per otto settimane.
Nel loro sangue c’erano alti livelli di anticorpi contro la caseina, la lattoalbumina e la betalattoglobulina.

CANCRO allo STOMACO.
Ricercatori dell’Istituto Nazionale di Salute Pubblica di Morelos (Messico) trovarono un aumento significativo di rischio di contrarre cancro allo stomaco in pazienti che consumano latticini: in quelli che consumavano anche carne, il rischio triplicava.

CANCRO della MAMMELLA.
Il latte é considerato da molti esperti causa diretta di questo tipo di cancro. Se a questo si aggiunge l’influenza dell’ormone insulinico, le probabilitá di contrarlo aumentano considerevolmente nelle grandi consumatrici di latte.

CANCRO OVARICO.
Il galattosio (uno degli zuccheri del latte) é stato messo in relazione anche con il cancro dell’ovario. Alcuni ricercatori affermano che le donne che bevono più di un bicchiere di latte intero al giorno hanno tre volte più probabilità di contrarre cancro di ovario rispetto a quelle che non ne bevono.

CANCRO del PANCREAS.
Ricercatori dell’ Universitá di Harvard (USA) affermano che esiste una relazione “positiva e forte” tra il cancro del pancreas e il consumo di latte, uova e carne.

CANCRO della PROSTATA.
Secondo il Dr. Chan (epidemiologo dell’Universitá di Harvard) il consumo di molto latte e suoi derivati é associato con un incremento del rischio di cancro di prostata nell’uomo. Ciò può essere dovuto al fatto che l’alto contenuto di calcio nel latte fa diminuire la quantitá di vitamina D del corpo incaricata di proteggere dal cancro di prostata.
Epidemiologi italiani del Aviano Cancer Center calcolarono che se si prendono due o più bicchieri di latte al giorno il livello di rischio di soffrire questo cancro aumenta 5 volte. Un altro studio (realizzato dalla stessa equipe di ricercatori dimostrò che gli uomini che consumano grandi quantità di latte e/o latticini hanno un 70% di rischio in più di contrarre cancro di prostata.
Il consumo di latte scremato é associato con un maggior incremento rispetto a quello intero.

CANCRO al POLMONE.
Ricercatori olandesi nel 1989 hanno concluso che le persone che bevono due o più bicchieri di latte al giorno hanno una probabilità 2 volte maggiore di sviluppare cancro al polmone di quelle che non lo bevono. Le persone che bevono questa stessa quantità di latte scremato sembrano essere più protette. Inoltre si é documentato che esiste una relazione diretta tra l’ormone somatotropina e il cancro al polmone, e tra questo e la diossina che contamina il latte. In un articolo pubblicato nel giornale americano The Washington Post, si affermava che le persone che consumano grandi quantità di grassi (carne e latticini) sono 10 volte più predisposte a contrarre il cancro, specialmente di polmone.

CANCRO al TESTICOLO.
Ricercatori britannici scoprirono che esiste una relazione tra il cancro testicolare e il consumo di latte. Il rischio incontrato fu 7,19 volte maggiore rispetto alla popolazione generale e aumenta di un 1,39 per ogni quarto di litro di latte in più che si consuma.

CATARATTA.
C’é una crescente evidenza della relazione tra il consumo di latte e la cataratta. Secondo diversi studi scientifici le popolazioni umane che consumano grandi quantità di latticini hanno una maggior incidenza di cataratta rispetto a quelli che lo evitano.
Questo difetto é stato posto in relazione con il lattosio e il galattosio.

COLITE ULCEROSA.
Anche in questo disturbo è stato associato il consumo di latte.

COLON IRRITABILE.
Ci sono diversi studi che mettono in relazione il consumo di latte con lo sviluppo di questa patologia.

DIABETE MELLITUS TIPO 1.
Diversi studi dimostrano che i lattanti alimentati con latte di vacca presentano un maggior rischio di soffrire di diabete insulino dipendente. Uno studio pubblicato nella Rivista di medicina della Nuova Inghilterra identifica il latte come “elemento responsabile o fattore scatenante in alcune persone geneticamente sensibili”. Eliminare il latte e derivati dalla dieta infantile potrebbe diminuire drasticamente l’incidenza di questo tipo di diabete.

MALATTIA di CROHN.
Il Dottor John Hermon-Taylor, direttore del Dipartimento di Chirurgia della Scuola di Medicina dell’Hospital St. George (Gran Bretagna) afferma: “Dopo aver studiato la malattia di Crohn per 20 anni, la Paratubercolosi é indubbiamente associata a questa patologia e che questo microorganismo si trasmette fondamentalmente attraverso il latte perché la pastorizzazione non lo distrugge”. In uno studio realizzato tra il 1990 e il 1994 sui contenitori per il latte si trovò che il 7% di essi erano contaminati con la Paratubercolosi.

MALATTIE CORONARICHE.
Numerosi ricercatori relazionano alcuni componenti del latte (il colesterolo, i grassi, il suo alto contenuto in calcio, la presenza di xantina ossidasi, etc.) con questo tipo di problemi. L’enzima bovino xantina-ossidasi causa problemi quando il latte é omogeneizzato: il suo danno si centra nei vasi sanguigni. Sembra che questo enzima attraverserebbe intatto le pareti intestinali facendosi trasportare dal sangue e distruggerebbe il masmogeno, uno dei componenti della membrana delle cellule che formano il tessuto cardiaco.
Uno di questi ricercatori é il dottor Kurt Oster, capo di servizio di cardiologia dell’ospedale Park City a Bridgeport (USA), durante un periodo di quasi 4 anni studiò 75 pazienti che soffrivano di angina pectoris e arteriosclerosi.
Quando si eliminò il latte dalla loro dieta e gli si dette acido folico e vitamina C (entrambe combattono la xantina-ossidasi) il dolore diminuì. Il dottor Kurt Esselbacher ( dell’Universitá di Harvard) afferma che: “Il latte omogeneizzato, dovuto al contenuto di xantina-ossidasi, é uno delle cause maggiori di malattie coronarie negli Stati Uniti”.
Studi realizzati in Russia secondo i quali chi beve tre o più bicchieri di latte al giorno ha 1,7 volte più probabilità di soffrire malattie ischemiche cardiache di chi non ne consuma. Il consumo abituale di latticini aumenta il colesterolo cattivo (LDL). Anche il consumo di proteine lattee sembra avere una relazione diretta con la mortalità coronaria. Inoltre le proteine del latte contribuiscono alla formazione di omocisteina: la connessione tra il latte, il lattosio, il calcio e l’omocisteina potrebbe essere responsabile della calcificazione delle arterie.

SCLEROSI MULTIPLA.
Scienziati dell’Università di Michigan (USA) hanno potuto stabilire una relazione tra la sclerosi multipla e un eccessivo consumo di latte.

STITICHEZZA.
Il latte é causa accertata di stitichezza in bambini ed anziani. La sua eliminazione dalla dieta e un maggior consumo di verdure e fibra di solito risolve questo problema. Allo stesso modo, tanto la stitichezza cronica come le lesioni perianali sono state associate ad una chiara intolleranza al latte di vacca.

FATICA CRONICA.
Secondo uno studio realizzato con bambini a Rochester (New York) nel 1991, bere latte aumenta 44,3 volte il rischio di soffrire questa malattia.

INCONTINENZA URINARIA.
Molti bambini che bagnano le lenzuola smettono di farlo quando eliminano dalla loro dieta il latte, i prodotti che lo contengono ed i loro derivati.

INTOLLERANZA al LATTOSIO.
Il lattosio, zucchero del latte, per essere utilizzato dal nostro organismo deve essere previamente idrolizzato per mezzo di un’enzima chiamato lactasi, che sparisce lentamente quando cominciano a crescere i denti. Nella razza bianca la lactasi resta per più tempo che nella razza negra. Nella maggior parte delle persone che non producono lactasi, o lo producono a livelli molto bassi, il lattosio non idrolizzato passa all’intestino dove viene attaccato dai batteri generando fermentazione, meteorismo, coliche, diarrea, etc. oltre che irritazione delle pareti intestinali, micro-ferite con perdite di sangue che possono provocare carenza di ferro. Inoltre il lattosio può favorire l’assimilazione dei metalli pesanti come il cadmio, il mercurio e il ferro ed altre sostanze tossiche.

LINFOMI.
In uno studio realizzato nell’Università di Bergen (Norvegia) durante un anno e mezzo con quasi 16.000 pazienti si osservò che le persone che consumano due bicchieri di latte al giorno presentano un rischio 3,4 volte maggiore di soffrire di linfoma rispetto a quelli che ne bevevano di meno. Pare che il latte di vacca possa trasmettere il virus della leucemia bovina.
Questo stesso studio trovò un’associazione, anche se debole, tra il consumo di latte e il cancro ai reni ed agli organi riproduttivi femminili. Un altro meccanismo attraverso il quale si può contrarre linfoma é il latte contaminato con diossine.

EMICRANIA.
Si é provato sperimentalmente che quando si sopprime il latte dalla dieta di pazienti affetti da emicrania si riducono significativamente i sintomi.

ORECCHIE, NASO, GOLA.
Nel 1994 la rivista Natural Health pubblicava una serie di scoperte che relazionano al latte l’aumento di infezioni di orecchie e gola.
Gli studi dimostrano che le tonsille e le adenoidi si riducono quando si limita il consumo di latte.

REAZIONI ALLERGICHE.
L’allergia alle proteine del latte di vacca é una reazione dei meccanismi immunologici a una o piú proteine del latte (caseina, alfa lattoalbumina, betalattoglobulina). Attualmente molti studi medici riconoscono la relazione tra il latte e le reazioni allergiche stabilendone la prevalenza tra un 2 e un 5% della popolazione mondiale.

EMORRAGIE GASTROINTESTINALI.
Dovute all’intolleranza alle proteine del latte di vacca nei bambini sono state adeguatamente documentate. Il sanguinamento é cosí serio che si colloca come una delle cause più comuni di anemia nei bambini.

SINDROME di CATTIVO ASSORBIMENTO.
Ricercatori dell’Universitá di Helsinki (Finlandia) hanno provato la relazione tra le proteine del latte e il danno alla mucosa intestinale. Questo danno é caratterizzato da diarrea cronica, vomito e crescita ritardata.

PROBLEMI di SONNO.
Studi realizzati nell’Università Free di Bruxelles tra gli anni1986 e 1988 confermarono la relazione tra il consumo di latte ed i problemi di sonno nei bambini. Tutti i sintomi miglioravano quando si escludeva il latte dalla dieta e peggioravano quando lo si riintroduceva. Il tempo medio per notare un miglioramento era di 5 settimane. Anche l’agitazione che manifestavano i bambini diminuiva.

ULCERA PEPTICA.
Il latte e derivati aggravano tutti i sintomi. Il sollievo temporaneo che in passato sentivano questi pazienti era dovuto semplicemente al fatto che normalmente il latte lo si beveva freddo ed era la temperatura del liquido che faceva migliorare temporaneamente la situazione.

ALTRE REAZIONI PROVOCATE dal LATTE.
Acidosi lattea associata all’allergia al latte di vacca; difficoltà di apprendimento in bambini e, alcuni casi, infertilità femminile.
Le madri che bevono latte di vacca durante il periodo dell’allattamento espongono i loro figli ai rischi associati a quest’alimento.

L’omogeneizzazione.
Un processo meccanico mediante il quale si riduce la misura delle particelle di grasso del latte evitando che la crema si concentri nella superficie. Si spara un getto di latte a pressione contro una placca di acciaio ad una temperatura tra 50 e 60ºC: si ottiene un latte più bianco che si mantiene liquido nel contenitore ma si rompono anche gran parte delle strutture lipidiche e proteiche. Secondo alcuni esperti, diminuire di 10 volte la dimensione delle particelle di grasso può far aumentare il rischio di soffrire attacchi al cuore in quelli che ne consumano grandi quantitá, probabilmente a causa dell’enzima bovino xantina-ossidasi che attraversa intatto le pareti intestinali e, utilizzando il sangue come veicolo, distruggerebbe il masmogeno, un componente delle membrane cellulari del tessuto cardiaco.

Pastorizzazione.
Consiste nell’applicazione di alte temperature per un determinato tempo. Con questo metodo si distrugge la maggior parte dei microorganismi che possono alterare il latte, ma non tutte le spore: si ottiene il latte fresco del giorno che si mantiene in condizioni adeguate solo per 2 o 3 giorni. Esistono due tipi di pastorizzazione: quella alta (che dura 15 secondi ad una temperatura di 72ºC) e quella bassa (che dura 30 minuti a 65ºC). Il latte é poi sottoposto ad un raffreddamento rapido, ma se quest’ultimo trattamento non avviene in forma corretta possono germininare le spore che sono sopravvissute al trattamento termico. Inoltre con questo metodo si produce la coagulazione delle proteine e si perde il 5% delle vitamine B1 e B6, il 10% della B12 e il 25% della vitamina C. La pastorizzazione disgrega calcio, magnesio e fosfati indispensabili per la formazione delle ossa, oltre a causare parziale coagulazione delle proteine.

Sterilizzazione.
Un processo che combina alte temperature in un tempo abbastanza lungo: si assicura l’assenza di germi patogeni e tossine ed il prodotto si mantiene in buone condizioni per un tempo più lungo. Con questo processo si perdono però le vitamine B1, B2, B3, B6, B12, A, C, D ed alcuni amminoacidi essenziali.

UHT.
Latte che é stato trattato a temperatura molto alta per un tempo molto corto. Con questo metodo le alterazioni biochimiche a danno delle proteine sono molto importanti.

TIPI di LATTE di vacca.
Latte intero.
Presenta il maggior contenuto di grasso del latte. Il suo apporto calorico e di colesterolo é molto elevato: un bicchiere di latte apporta 7,2 grammi di grasso e 123 calorie: l’impatto di questa sostanza sul sistema cardiovascolare è molto significativo.

Latte scremato.
Ha meno calorie del latte intero. In funzione della quantità di grasso si chiama “scremato” (<0,18%) o “semiscremato” (0,5-2%).
Ha un sapore più gradevole ma il suo valore nutritivo è scarso.

Latte condensato.
Latte al quale si toglie circa un 60% del contenuto acquoso e gli si aggiunge un 40% in peso di zucchero per impedire la proliferazione di batteri.

Latte in polvere.
Si ottiene scaldando il latte liquido fino a fargli perdere circa il 60% dell’acqua che contiene. Nel processo si perdono tra un 25 ed un 50% delle vitamine idrosolubili (vitamina C e complesso B).

Formaggi.
Le materie prime utilizzate possono essere molto diverse, come i processi di elaborazione: tutti hanno bisogno della coagulazione della caseina per mezzo del caglio. Il caglio si elabora con mucosa seccata della quarta cavitá stomacale dei ruminanti e, a volte, del maiale. Perciò nutrendosene si ingerisce un derivato animale.

Una storia reale
La storia della professoressa Jane Plant, goechimica e capo scientifico del British Geological Survey è un esempio significativo per molte donne: é sopravvissuta a 5 tumori della mammella e alle pratiche mediche convenzionali per trattare i suoi cancri.
Lo ha fatto, come ella stessa afferma, eliminando tutti i latticini dalla sua dieta.
“Soffrii l’amputazione di una mammella, mi sottomisero a radioterapia e a chemioterapia molto dolorosa. Mi videro specialisti tra i più eminenti del mio paese: dentro di me sentivo che stavo per morire e fui al punto di arrendermi” racconta la professoressa Plant nel suo libro (La tua vita nelle tue mani) e racconta la propria esperienza e come arrivò all’idea che le ha salvato la vita.
“All’origine di un viaggio con mio marito in Cina cominciai a pensare che la mia malattia era inesistente in quel paese.
Di fatto solo una tra 10.000 donne muore di cancro al seno in Cina mentre solo nel Regno Unito le cifre officiali parlano di una ogni 12. Allora con mio marito (uno scienziato) cominciammo a studiare il modo di vita e l’alimentazione delle orientali fino a che arrivammo all’idea che mi salvò la vita: le donne cinesi non si ammalano di cancro al seno, né gli uomini sviluppano tumori prostatici perché sono incapaci di tollerare il latte e, pertanto, non lo prendono. I cinesi non utilizzano mai il latte e tanto meno per allattare i loro bambini !
Non è una casualità che piú del 70% della popolazione mondiale sia incapace di digerire il lattosio.
Allora decisi di sopprimere completamente l’ingestione di latticini, compresi tutti gli alimenti che contengono un po’ di latte: zuppe, biscotti, dolci, margarine etc... E cosa successe? In solo pochi giorni il tumore cominciò a ridursi. Due settimane dopo il tumore cominciò a prudere.
Dopo diventò più blando e cominciò a diminuire. Sei settimane dopo era sparito. Il mio oncologo del Charing Cross Hospital di Londra non poté reprimere un’esclamazione di meraviglia: “Non lo trovo!”. Indubbiamente non si aspettava che qualcuno con un cancro tanto avanzato (che aveva invaso il mio sistema linfatico) potesse sopravvivere”.
Piú di 60 donne che soffrivano di cancro al seno si misero in contatto con lei per domandarle consiglio. I loro tumori sparirono.
La Plant spiega che la relazione tra i latticini e il cancro al seno é simile a quella che esiste tra il tabacco e il cancro di polmone.
Ma non solo questo. Ad esempio nel 1989 il dottor Daniel Cramer (dell’Universitá di Harvard) determinó che questi prodotti sono implicati anche nella comparsa del cancro di ovario. E i dati sul cancro di prostata conducono a conclusioni simili.
Anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) afferma che il numero di uomini che soffre questo cancro in Cina é dello 0,5 per ogni 10.000 persone, mentre nel Regno Unito la cifra é 70 volte maggiore, La chiave sta dunque, senza dubbio, nel consumo di latticini.
Per la professoressa Plant il latte di vacca é un grande alimento... ma solo per il vitello ! Ed afferma che la natura non lo ha destinato ad essere consumato da nessun’altra specie. “Spero che la mia esperienza possa servire a più donne ed uomini che, senza saperlo, possono star male a causa dei latticini che consumano.”
Tratto da:  centopercentoanimalisti.com
vedi: CRUDISMO

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Epidemienon infettive, favorite ed occultate… - “Sicurezza” del latte. Cronistoria di un'infezione diffusa. – 08/07/2013
Ti diranno che la malattia è debellata da decenni, che a portarla in Itala sono gli immigrati, che le vacche sono tutte indenni... se non facciamo girare queste informazioni rischiamo di soccombere alle bugie del sistema! 
- 14/11/2009 - La Val d’Aosta travolta dallo scandalo
http://www.qualeformaggio.it/italia/59-attualita/341-la-val-daosta-travolta-dallo-scandalo
- 20/01/2010 - Scandalo Fontina infetta da TB - Epidemia bovina occultata per anni.
http://consumatori.myblog.it/archive/2010/01/20/scandalo-della-fontina.html 
http://www.12vda.it/cronaca/cronaca/6052-tredici-arresti-per-uninchiesta-contro-la-truffa-ed-il-falso-nel-settore-dellallevamento-bovino.html 
- 14/04/2011 - AOSTA Fontina da latte infetto, chiesto il rinvio a giudizio di 61 allevatori
http://www3.lastampa.it/cronache/sezioni/articolo/lstp/397924/ 
- 07/04/2011 - Farmaci abusivi negli allevamenti decine di blitz e 68 persone indagate - Parma - Repubblica.it
http://parma.repubblica.it/cronaca/2011/04/07/news/farmaci_abusivi_negli_allevamenti_decine_di_blitz_e_68_persone_indagate-14619506/
- 01/11/2011 - Mucche malate di Tbc scatta l'allarme carne  - Palermo - Repubblica.it
http://palermo.repubblica.it/cronaca/2011/11/01/news/mucche_malate_di_tbc_scatta_l_allarme_carne-24219326/
- 03/11/2011 - Tbc, sono 25 gli animali infetti Vitellino positivo alla brucellosi - Corriere del Mezzogiorno
http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/notizie/cronaca/2011/2-novembre-2011/bovini-tbc-sale-25-numero-animali-affetti-malattia-1902027881186.shtml 
- 09/11/2011 - Tubercolosi bovina, quattro casi a Torre in Pietra | Altre Notizie
http://www.fregeneonline.com/Altre-Notizie/tubercolosi-bovina-quattro-casi-a-torre-in-pietra.html
- 09/11/2011 - Veterinari e tangenti Scatta l'indagine: è bufera
http://www.livesicilia.it/2011/11/09/controlli-veterinari-e-tangenti-scatta-lindagine-e-bufera/
- 18/11/2011 - Un caso di Tbc pure in un allevamento bovino a Marsala. Ma è allarme brucellosi...
http://marsala.it/inchieste/item/53770-un-caso-di-tbc-pure-in-un-allevamento-bovino-a-marsala-ma-%C3%A8-allarme-brucellosi.html
- 23/11/2011 - Palermo – tubercolosi e allevamenti: allevatore si scaglia contro i poliziotti
http://www.geapress.org/allevamenti-2/palermo-%E2%80%93-tubercolosi-e-allevamenti-allevatore-si-scaglia-contro-i-poliziotti/21544
- 25/11/2011 - Avellino: a rischio sequestro il più grosso centro di macellazione della provincia
http://www.geapress.org/allevamenti-2/avellino-a-rischio-sequestro-il-piu-grosso-centro-di-macellazione-della-provincia/21637
- 31/12/2012 - REGIONE - Tubercolosi bovina a Formello, i cittadini si rivolgono a Codici - Il Giornale Nuovo.it
http://www.ilgiornalenuovo.it/2012/01/regione-tubercolosi-bovina-a-formello-i-cittadini-si-rivolgono-a-codici/
- 09/05/2012 - Tbc bovina, allevamento sequestrato - Cronaca - La Nuova Sardegna
http://lanuovasardegna.gelocal.it/sassari/cronaca/2012/05/09/news/tbc-bovina-allevamento-sequestrato-1.4484421
- 25/06/2012 - Tbc in allevamento? Indaga la Procura. L'Ordine: nessun decesso per tbc
http://www.anmvioggi.it/rubriche/regioni/57179-tbc-in-allevamento-inchiesta-della-procura-l-ordine-nessun-decesso-per-tbc.html
- 25/06/2012 - Gioia dei Marsi - Allarme TBC, le “vacche sacre” al tempo della crisi
http://www.terremarsicane.it/node/22334
- 06/09/2012 - Tubercolosi, brucellosi, leucosi. Misure straordinarie in quattro Regioni
http://www.sivempveneto.it/vedi-tutte/9251-tubercolosi-bricellosi-leucosi-misure-straordinarie-polizia-veterinaria-in-quattro-regioni.html
- 18/10/2012 - Falsi certificati sanitari all’insaputa dell’IZS 
http://www.anmvioggi.it/rubriche/attualita/57613-falsi-certificati-sanitari-all-insaputa-dell-izs.html
- 04/12/2012 - Latina: false profilassi contro tbc in allevamenti bufale, arrestati 9 veterinari - Adnkronos... 
http://www.adnkronos.com/IGN/News/Cronaca/Latina-false-profilassi-contro-tbc-in-allevamenti-bufale-arrestati-9-veterinari_313957523030.html
- 10/12/2012 - Bufale morte per falsi controlli TBC 
http://www.cynze.com/notizie-animali/bufale-morte-per-falsi-controlli-tbc-1478.html
- 19/04/2015 - Una mucca colpita da Tbc: abbattuta
http://iltirreno.gelocal.it/massa/cronaca/2013/04/19/news/una-mucca-colpita-da-tbc-abbattuta-1.6917163
- 10/05/2015 - Enna. Tubercolosi bovina in due allevamenti
http://www.vivienna.it/2013/05/21/enna-tubercolosi-bovina-in-due-allevamenti/
- 25/06/2013 - Leonforte. Sequestrati quattro allevamenti per brucellosi e tubercolosi bovina | Vivienna.it 
- http://www.vivienna.it/2013/06/25/leonforte-sequestrati-quattro-allevamenti-per-brucellosi-e-tubercolosi-bovina/
- 10/07/2013 - Tubercolosi e brucellosi in due allevamenti. Emessa ordinanza sindacale 
http://www.comunedipignataro.it/modules.php?name=News&file=article&sid=19859

- 10/07/2013 - GRAN BRETAGNA - Carne di buoi con tubercolosi immesse nel mercato
Dopo la mucca pazza e la frode della carne di cavallo, un nuovo problema di sicurezza alimentare e' emerso. Secondo il Sunday Times, 28.000 carcasse di bue infettati con bacilli della tubercolosi sarebbero state esportate ogni anno...
http://www.aduc.it/notizia/carne+buoi+tubercolosi+immesse+nel+mercato_127694.php
- 15/07/2013 - Rischio brucellosi ad Enna: scatta il sequestro di 4 allevamenti
http://www.gds.it/gds/edizioni-locali/enna/dettaglio/articolo/gdsid/274546/
- 15/07/2013 - Leonforte: sequestrati altri due allevamenti a causa della tubercolosi (sono 6)
http://www.ilgiornaledienna.it/index.php?option=com_content&view=article&id=27177:leonforte-sequestrati-altri-due-allevamenti-a-causa-della-tubercolosi&catid=416:cronaca-en&Itemid=879
- 30/07/2013 - Tubercolosi bovina Abbattuti 31 capi
http://www.laprovinciadisondrio.it/stories/Cronaca/tubercolosi-bovina-abbattuti-31-capi_1018059_11/
- 08/08/2013 - Brucellosi e tubercolosi in alcuni allevamenti della provincia di Enna
http://www.vivienna.it/?p=238573
- 25/08/2013 - Enna. Dissequestro per due allevamenti con animali affetti da tubercolosi, altri tre sotto sequestro
http://www.vivienna.it/2013/08/25/enna-dissequestro-per-due-allevamenti-con-animali-affetti-da-tubercolosi-altri-tre-sotto-sequestro/
- 30/08/2013 - Sequestato allevamento a Cinisi: animali positivi alla Tbc
http://www.palermotoday.it/cronaca/sequestro-allevamento-tubercolosi-cinisi.html
- 30/08/2013 - Sondrio - Altro caso di TBC bovina. Nessun pericolo per la salute -
http://www.gazzettadisondrio.it/cronaca/30082013/altro-caso-tbc-bovina-nessun-pericolo-salute
- 05/09/2013 - Tbc bovina in Valle, l'Apa annulla tutte le Mostre Zootecniche
http://www.ilgiorno.it/sondrio/cronaca/2013/09/05/945419-tbc-mostre-zootecniche-annullate.shtml
- 12/09/2013 - Tbc, Livigno contro Apa - Allevatori: faremo la mostra
Quando muore un paziente a Bari isolano l'interno obitorio mentre quando si tratta di cibo ($$$) "La Tbc bovino non sembra far più paura." e come se non bastasse "le scuole resteranno chiuse per permettere ai bambini di ammirare gli animali da vicino"
http://www.laprovinciadisondrio.it/stories/Cronaca/tbc-livigno-contro-apa-allevatori-faremo-la-mostra_1023405_11/
- 10/11/2013 - Allarme tubercolosi a Enna:sigilli a 5 allevamenti
http://www.gds.it/gds/edizioni-locali/enna/dettaglio/articolo/gdsid/301050/
- 05/12/2013 Messina - AVVISO URGENTE PER LA CITTADINANZA
http://www.comune.castellumberto.me.it/wp-content/uploads/2013/12/animali-TBC.pdf    
- 12/12/2013 - Sezze, bovini malati di tubercolosi. Il sindaco ne ordina l’abbattimento
http://onirikaedizioni.it/2013/12/12/sezze-bovini-malati-di-tubercolosi-il-sindaco-ne-ordina-labbattimento/ 
- 03/01/2014 - Enna. Focolai della tubercolosi bovina in due allevamenti
http://www.vivienna.it/2014/01/03/enna-focolai-della-tubercolosi-bovina-in-due-allevamenti/
- 10/01/2013 - SVIZZERA - San Gallo, caso di tubercolosi bovina
http://www.cdt.ch/confederazione/cronaca/98665/san-gallo-caso-di-tubercolosi-bovina.html

Pubblicazione dell' Università degli Studi di Milano (a cura del Prof. Alfonso Zecconi) del Dipartimento Patologia Animale (DIPAV) Fonte: http://www.aral.lom.it/public/upload/00000251_04_Zecconi.pdf

Salviamo i BAMBINI !!
https://www.facebook.com/photo.php?fbid=510130069014854&set=a.183708744990323.46904.182805198414011&type=3&theater

Tratto da:
https://www.facebook.com/notes/informare-per-sopravvivere/sicurezza-alimentare-del-latte-cronistoria-di-uninfezione/504433352961856
 

"Questo sito WEB vi informa", Non siamo responsabili della correttezza e/o della solvibilità degli inserzionisti del ns. Network.
 Webmaster  - Vietata la copia anche parziale dei contenuti, se non viene citata la fonte - All rights reserved - Publisher DataBit s.a.