Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


HIV = AIDS ?... NO !
 

Sicuramente se provate a chiedere a una persona qualsiasi qual è la causa primaria dell'AIDS questi vi risponderà che è il virus HIV, senza ombra di dubbio.
"Il paziente malato di Aids NON muore a causa del virus dell'HIV ma per alterazioni dell'assorbimento intestinale  e quindi per ipoalimentazione  (malNutrizione), dovuta a una grave micosi." (By Dott. Gerhard Orth, Leuthkirch)

Fino a non molto tempo fa questo era vero anche per tutti gli scienziati, ma ultimamente è nato un gruppo di "dissidenti" che la pensa in maniera completamente diversa. Ma andiamo per gradi.
Secondo le tesi ufficiali l'HIV "sarebbe" (il condizionale adesso è d'obbligo) un virus, quindi come ogni virus costituito da un rivestimento proteico (Capside) al cui interno è presente l'acido nucleico virale, in questo caso RNA. In particolare l'HIV è classificato come "retrovirus", in quanto ha la capacità di invertire il normale flusso di informazione genetica DNA-RNA-proteine a RNA-DNA che andrà ad integrarsi nel genoma della cellula bersaglio, in questo caso i linfociti T, cellule che stimolano la produzione di anticorpi. Quando il DNA virale si integra nella cellula bersaglio segue una fase di latenza che può durare anche anni, fino a che non arriva uno stimolo ai linfociti che sono costretti ad attivare i geni dell'HIV che vi si sono integrati. La conseguenza è la morte di queste cellule, con gravi ripercussioni sul sistema immunitario.
Parlando di AIDS si usano due concetti: "malato asintomatico" e "sieropositivo".
Il primo è una persona in cui non vi è segno della malattia, in pratica uno che non è malato se non sulla base di un foglio di carta dove c'è scritto "positivo". Anche la sieropositività si basa sulla stessa cosa. E questo si basa solo sul risultato di un test, la diagnosi è fatta solo dal sistema sanitario che brevetta, approva e produce questi test.
In pratica è il test a decidere, al di là di ogni evidenza, se una persona è sana o malata.
Ad oggi un soggetto è classificato come "malato di AIDS" quando si verificano due condizioni:
1) Ha i sintomi di una di 29 patologie considerate possibili conseguenze dirette (es.Tubercolosi, Linfoma, Polmonite etc.);
2) E' positivo al test HIV.
Se il soggetto è positivo al test ma sta bene è un "malato asintomatico", al momento della comparsa dei sintomi diverrà un "malato conclamato". Se il soggetto ha i sintomi di una delle 29 patologie precedenti ma è negativo al test, non ha l'AIDS, se invece è anche positivo allora è un malato conclamato. In pratica ciò che conta sopra ogni cosa è il test.
La posizione ufficiale si basa sui seguenti punti:
1) Il virus HIV è causa dell'AIDS, che è una patologia infettiva;
2) Il test individua gli anticorpi contro il virus quindi ne rileva la presenza;
3) I sieropositivi (positivi al test) si ammaleranno e moriranno;
4) I farmaci antiretrovirali (AZT in testa) combattono la diffusione del virus e allungano la vita;
5) Alcuni sieropositivi non hanno sintomi perchè il virus è latente, e anche loro devono prendere i farmaci prima possibile.
E' da un pò di tempo, anche se non se ne sente parlare troppo, che queste ipotesi sono aspramente contestate da alcuni gruppi di scienziati, tra i quali possiamo ricordare Kary Mullis (Nobel per la Chimica 1993) e Peter Duesberg, direttore del laboratorio di Biologia Molecolare dell'Università di Berekley, in California.
Le teorie di questi signori attaccano il concetto di HIV alle fondamenta, in modo sconcertante per la medicina ma quanto mai, probabilmente, vicino alla verità.
I dissidenti si basano sui seguenti punti:
1) Il virus HIV non è MAI STATO ISOLATO, probabilmente neanche esiste, l'AIDS non è causato da un virus e quindi non è infettivo.
2) L'AIDS è causato da un insieme di fattori come l'uso di droghe pesanti, esposizioni ad agenti patogeni, abuso di farmaci che alla lunga minano il sistema immunitario;
3) I test HIV non sono specifici e non è chiaro cosa individuano;
4) La risposta positiva al test non è indice di niente e non giustifica la terapia;
5) I farmaci antiretrovirali sono inutili perché non c'è alcun virus e soprattutto sono letali perché distruggono il sistema immunitario, hanno trasformato in malati di AIDS individui sani che hanno avuto la sfortuna di risultare positivi al test.
In Australia un gruppo di ricercatori del Royal Perth Hospital ha concentrato le proprie ricerche sull'isolamento dell'HIV e sulla validità dei test (ELISA, Western Blot e Viral Load), concludendo che nessuno dei lavori pubblicati dimostra l'isolamento dell'HIV e che i 3 test non provano affatto la presenza del fantomatico virus nel sangue.
Anche lo stesso Kary Mullis, nobel 1993, sostiene che non esiste alcun documento scientifico che dimostri l'isolamento del virus.
Appare quasi paradossale il fatto che un migliaio di scienziati sparsi per il mondo stiano lottando per dimostrare che l'ipotesi HIV=AIDS sia falsa quando nessuno ha ancora dimostrato che è vera. D'altronde se qualcuno avesse dimostrato l'esistenza dell'HIV avrebbe sicuramente ricevuto un Nobel per la Medicina, ma non risulta che tale Nobel sia stato ad oggi assegnato.

Per fare un po' di storia, risaliamo al 1987 quando la FDA ha approvato l'uso della terapia a base di AZT. Grazie ad essa persone positive al test e assolutamente sane sono state messe in cura con terapie a base di questi farmaci antiretrovirali: spesso la morte è sopraggiunta in pochi mesi. Ad oggi si prevede la prescrizione della terapia quando si hanno i segni della malattia e non per la sola condizione di sieropositività. Con questo viene ammesso che il sieropositivo non è malato e non corre alcun rischio.
Il primo test HIV è nato nel 1984 e, guarda caso, sono comparsi i primi sieropositivi destinati a morire.
Fortunatamente col passare degli anni sono aumentati i sieropositivi che si sono rifiutati di sottoporsi a terapie antiretrovirali e la loro vita è andata avanti.

Perchè fino a ieri i positivi al test asintomatici che sono stati "terrorizzati", costretti all'uso di AZT sono perlopiù morti ? Perchè coloro che hanno resistito adesso conducono una vita normale ?

 

FINE della BUGIA sull'AIDS
 

 


Cerchiamo di spiegare in modo più chiaro possibile cos'è l'AZT.
Messo a punto nel '64, è una forma alterata della Timina, che è una delle 4 basi azotate che costituiscono il nostro DNA.
Ricordiamo che il DNA è un doppio filamento tenuto insieme dai legami a Idrogeno che si instaurano tra le basi azotate di ciascun filamento.
L'AZT si sostituisce al nucleotide originale, impedendo l'aggiunta di ulteriori nucleotidi, bloccando la duplicazione del DNA.
Bloccando la duplicazione del genoma impedisce la formazione di nuove cellule, però non fa differenza tra colpire una cellula sana o una malata, con la conseguenza di essere devastante per l'organismo.
In particolare all'uso spropositato di AZT si devono: distruzione del sistema immunitario, distruzione del midollo osseo, distruzione dei tessuti e della flora batterica intestinale, danni ai muscoli, al fegato, al pancreas.

Se l'HIV=AIDS fosse una sentenza certa, come si sostiene ufficialmente, l'utilizzo delle sostanze antiretrovirali potrebbe apparire come un male necessario, ma se l'HIV non esistesse la somministrazione di tali sostanze è da considerarsi un vero e proprio atto criminale.
Altri aspetti biologici non sono chiari: ad esempio si sa che i virus sono combattuti dal sistema immunitario, si sa che gli anticorpi che hanno già ottenuto successi sul virus cominciano a duplicarsi per costruire truppe per eliminare il nemico. Quindi la presenza di anticorpi è indice di vittoria del sistema  immunitario.
Questo è vero sempre, meno che per l'HIV. Lo si è definito mutante per spiegare la sua capacità di non farsi individuare dagli scienziati, poi visto questo si è potuto suggerire l'azione combinata di più farmaci con vantaggi evidenti per le case farmaceutiche.
Si sa che l'evoluzione ha impiegato un miliardo di anni per far assumere agli organismi unicellulari la nostra meravigliosa complessità. E va da se che per un miliardo di anni il sistema immunitario si è sviluppato vincendo tutte le sue battaglie contro i virus, altrimenti non saremmo qui a parlarne. E non ha usato l'AZT. Poi è arrivato l'HIV e quello che è stato vero per un miliardo di anni improvvisamente non lo è più.
Poi qual è il senso della ricerca per un vaccino, considerato il fatto che questo virus non è mai stato isolato...
Incredibilmente il problema attuale non sembra la crescita del fenomeno, ma per quanto grottesco possa apparire, l'esatto contrario, la sua eventuale scomparsa.
Sono ormai così imponenti gli interessi politici economici e burocratici legati al virus HIV che la sua morte prematura potrebbe sconvolgere troppi equilibri.
E' da credere, sperando di sbagliarci, che questo virus venga tenuto "in vita" per chissà quanto tempo.

By Tommaso Rondelli (Dipartimento di Biologia, Università di Firenze)

Tratto da: http://www.ultimathule.it/modules.php?name=News&file=article&sid=243

vedi: HIV e' uno pseudovirus + L'Aids e' realmente causato da un virus ? +
HIV Virus inventato ? + Bibliografia su Aids + La dott.essa Papadopoulos e l'aids + l'aids e' stato inventato in USA ? + I Postulati di Koch + L'altra storia dell'Aids + PDF di Luc Montagnier su AIDS ed HIV... + PDF di Gallo e lo HIV...

La balla dell'HIV e' al capolinea....2012

 

 

L'Aids NON e' una malattia a trasmissione sessuale, ne' e' generata dallo HIV
(Tesi di Laurea - Universita' di Bologna - Italy)

 

Lo HIV NON ESISTE !
 


L'HIV risponde ai postulati di Koch quale causa dell'AIDS ?
Tra i molti criteri utilizzati nel corso degli anni per provare la correlazione tra un sospetto agente eziologico (responsabile di malattia) ed una specifica patologia, forse i più citati sono i postulati di Koch, sviluppati alla fine del 1800.

Procedimento non veritiero anche perche’ frutto di idelogia non biologica che proveniva dalla errata ideologia sulla peste……i germi viaggiavano nell’aria e/o nei topi…e/o negli animali…….ed infettavano…..: gli umani… Le malattie NON vengono provocate da batteri e virus, bensi’ dalle mutate condizioni del terreno e dall’immunodepressione che ne deriva !

Infatti nei sani il terreno e’ diverso (valori di pH ro’ e rH) da quello dei malati; i batteri sono reperibili nelle analisi di cellule/tesssuti - terreni alterati e vi si depositano-recano in loco (il 99% sono batteri mutati endogeni) in quanto il terreno e’ a loro favorevole; se il terreno non e’ a loro favorevole il soggetto NON si ammala !
La Prova ?, semplice in una “epidemia” solo certi soggetti si ammalano, la maggioranza NO !, quindi significa che  quelli che si ammalano sono solo i piu’ deboli: il terreno, la matrice, i liquidi del corpo in questi ultimi, sono alterati.

I postulati di Koch sono stati diversamente interpretati dai vari ricercatori, e alcune modifiche sono state suggerite per adeguarsi alle nuove tecnologie, particolarmente per ciò che riguarda i virus (7, 8).

I virus sono segmenti di DNA avviluppati da proteine; le proteine sono oltre che ingerite anche endo prodotte (create-trasformate) all’interno degli organismi e possono anche arrivare a duplicarsi se il terreno e’ favorevole a certi funghi e batteri + enzimi mancanti e/o nocivi, che le riproducono.
Le proteine introdotte negli organismi viventi possono provenire da cibi solidi, liquidi, sangue tossico (trasfusioni), vaccini, farmaci; ma non galleggiano nelle goccioline di vapor acqueo in sospensione nell’aria come ci vogliono far credere certi medici-ricercatori !

Tuttavia, i principi di base rimangono gli stessi, e per più di un secolo i postulati di Koch, descritti sotto, sono serviti come riferimento per stabilire la causa di una malattia infettiva.
IMPORTANTE:

vedi I Postulati di Koch

http://www.youtube.com/watch?v=ET0cgvo7UnM&feature=share
http://www.laleva.org/noi/ivan_ingrilli/2012/02/il-castello-costruito-dallaid-12.html
http://www.youtube.com/watch?v=0fu-qy4X-WI&feature=related
http://www.youtube.com/watch?v=oF0-MwgxHQQ&feature=share
http://www.youtube.com/watch?v=TUmqcMc8SO4
http://www.youtube.com/watch?v=EcypP7PYNng
http://www.youtube.com/watch?v=4LZEQ774Zxo

Medico si inietta in diretta lo HIV e non somatizza l'aids !

 

February 2007
HIV on Trial in Australia: Court Weighs Evidence for Claims of Isolation, Transmission and Testing.
(HIV in Giudizio in Australia) - (English)

A motion for appeal in a criminal hearing in Adelaide, Australia has become the focus of international attention as fundamental claims by orthodox AIDS researchers — including the infamous Dr Robert Gallo — come under vigorous cross-examination by an attorney demanding scientific evidence that the virus exists.
Top AIDS industry spokespersons from around the world have appeared in person or by satellite in Adelaide to defend the HIV hypothesis against charges by a local team of scientific and medical experts known as "The Perth Group" who asserts that two decades of AIDS research have failed to produce a purified isolate of HIV, validation of the accuracy so-called HIV tests, or proof that HIV is transmitted through bodily fluids.

Below are two news articles about the legal proceedings. Other information about the trial and actual transcripts of testimony can be found at
http://aras.ab.ca/index.php

For this week's testimony by alleged HIV discoverer Dr Robert Gallo, go directly to Gallo Transcript.pdf
Michael Geiger, a close observer of the events in Adelaide, reports being "stunned and amazed" by Gallo's statements to the court.
Geiger says, "It's difficult to tell if Gallo was defending HIV or if his testimony is a public admission of guilt."
Geiger urges transcript readers to note:

    * Page 1294 where Gallo agrees that he found evidence of HIV in only 40% of the AIDS patients  in his original study, and that 40% is not enough to prove HIV is the cause of AIDS:

      Attorney to Gallo: "You had…48 out of 119, or 40%?"
Gallo: "I agree"

      Attorney: "Do you agree that the isolation of HIV from only 40% of patients is not proof that HIV causes AIDS ?"
Gallo: "I would say of course, in and of itself, 40% isolation of a new virus, I would not say is the cause."

    * Page
1300 where Gallo admits to finding low percentages of HIV positivity in people with AIDS symptoms:

      Attorney: "For…adults with KS, 30%; for adults…with AIDS opportunistic infections 47%. Do you accept your figures ?"
Gallo: "I accept the figures."

    * Page 1317 where
Gallo acknowledges finding no HIV in KS lesions or in T cells, and testimony on page 1318 in which Gallo admits that "viral load" tests cannot be used to prove infection with a virus.

The language in news articles covering the Adelaide trial speaks loudly and clearly of media prejudice in AIDS reporting. In the first of the two pieces that follow, medical and scientific experts challenging the notion that HIV has been isolated according to proper, scientific standards are branded "an organized group of HIV deniers" and lack official titles such as MD, while those being called by the court to produce evidence are referred to as "experts" with repeated references to their professional credentials.
The obvious bent of Australian coverage is at least one step up from the US media response:
Not a single story on the uproar from down under has appeared in American news.

La causa dell'Aids NON e' lo HIV
 

 


Bibliografia :
- Atzori (2000). In Vitro activity of HIV protease inhibitors against Pneumocystis carinii. J Infect Dis; 181; 1629-1634.
- Bacellar A, Munoz A, Miller EN, Cohen EA, Besley D (1994). Temporal trends in the incidence of HIV-1 related neurological diseases: Multicenter AIDS cohort study.
Neurology; 44:1892-1900.
- Barre-Sinoussi F, Chermann JC, Rey F, Montagnier L, et al. (1983).
Isolation of a T-lymphotrtophic retrovirus from a patient at risk for AIDS. Science 220: 868-871.
- Busch MP, Henrard DR, Hewlett IK, Mehaffey WF, Epstein JS, Allain JP, Lee TH, Mosley JW (1992). Poor sensitivity, specificity, and reproducibility of detection of HIV-1 DNA in serum by polymerase chain reaction. The Transfusion Safety Study Group. J Acquir Immune Defic Syndr; 5(9):872-7
- Cassone(1999). In vitro and in vivo anticandidal activity of HIV protease inhibitors. J Infect Dis; 180; 448-453.
- CDC (1997). HIV/AIDS surveillance report. Centers for Disease Control; Atlanta, Georgia.
- Challakeree K, Rapaport MH (1993, August). False positive HIV-1 ELISA results in low risk subjects. Western Journal of Medicine; 159(2); 214-215.
- Chiodi F, Albert J, Olausson E, et al. (1988) Isolation Frequency of Human Immunodeficiency Virus from Cerebrospinal Fluid and Blood of Patients with Varying Severity of HIV Infection. AIDS Res Hum Retrovirol; 4:351-358.
- Cordes RJ & Ryan ME (1995). Pitfalls in HIV testing. Postgraduate Medicine 98(5); 177-189.
- Daar ES, Little S, Pitt J, Santangelo J, Ho P, Harawa N, Kerndt P, Glorgi JV, Bai J, Gaut P, Richman DD, - Mandel S, Nichols S(January 2, 2001). Diagnosis of primary HIV-1 infection. Los Angeles County Primary HIV Infection Recruitment Network. Ann Intern Med.;134(1):25-9.
- Dalakas MC, Illa I, Pezeshkpour GH, Laukaitis JP, Cohen B, Griffin JL. (1990, April 19) Mitochondrial Myopathy caused by long-term Zidovudine therapy. New England Journal of Medicine; 322(16):1098-1105.
- de Harven E (1998a). Retroviruses: the recollections of an electron microscopist. Reappraising AIDS 6(11); 4-7
- de Harven E (1998b, Spring). Remarks on methods for retroviral isolation. Continuum; Volume 5, Number 3; pages 20-21.
- Duesberg PH (1992). AIDS acquired by drug consumption and other non-contagious risk factors. Pharmacology and Therapeutics; 55:201-277.
- Duesberg P, Rasnick D (1998). The AIDS dilemma: drug diseases blamed on a passenger virus. Genetica; 104(2): 85-132
- Gallo RC, Salahuddin SZ, Popovic M, et al (1984). Frequent Detection and Isolation of Cytopathic Retroviruses (HTLV-II) from Patients with AIDS and at Risk for AIDS. Science; 224:500-502.
- Genesca J, Jett BW, Epstein JS, et al. (1989). What do Western Blot indeterminate patterns for HIV mean in EIA (ELISA) -negative blood donors ? Lancet II: 1023-1025.
- Gerberding JL (1994). Incidence and prevalence of HIV, hepatitis B virus, and cytomegalovirus among health care personnel at risk for blood exposure: Final report from a longitudinal study. J Infect Dis 170; 1410-1417.
- Gilbert PB, DeGruttola V, Hammer SM, & Kuritzkes DR (February 14, 2001). Virologic and regimen termination surrogate end points in AIDS clinical trials. JAMA; 285(6); 777-784
- Giraldo RA (1998/1999, Midwinter). Everybody reacts positive on the ELISAtest for HIV. Continuum; Volume 5, Number 5; pages 8-10.
- Greenberg R & Fisher S (1997). From placebo to panacaea. Wiley, New York.
- Havlichek DH, Hage-Korban E (November 16, 1999). False-positive HIV diagnosis by HIV-1 plasma viral load testing. Ann Intern Med. ;131(10):794.
- HIV surrogate marker coll. group (2000). HIV type 1 RNA level and CD4 count as prognostic markers and surrogate end points. AIDS Research and Human Retroviruses; 16(12); 1123-1133.
- Ho DD et al. (1995). Rapid turnover of plasma virions and CD4 lymphocytes in HIV-1 infection. Nature 373; 123-126.
- Learmont J, Tindall B, Evans L, et al. (1992). Long-term symptomless HIV-1 infection in recipients of blood products from a single donor. Lancet 340:863-867.
- MacKenzie WR, Favis JP, Peterson DE et al. (1992). Multiple false positive serologic tests for HIV, HTLV-1, and Hepatitis C following influenza vaccination. JAMA; 268(8); 1015-1017. McNaughten A et al. (2001). 8th Conference on Retroviruses and Opportunistic Infections in Chicago
- Mendoza C, Holguin A, & Soriano V (1998). False positives for HIV using commercial viral load quantification assays. AIDS; 12(15); 2076-2077.
- More D, O'Brien K, Walter E. Utility of an HIV-1 RNA assay in the diagnosis of acute retroviral syndrome. South Med J. 2000 Oct;93(10):1004-6.
- Mylonakis E, Paliou M, Greenbourgh TC, Flaningan TP, Letvin NL, Rich JD. Report of a false-positive HIV test result and the potential use of additional tests in establishing HIV serostatus. Arch Intern Med. 2000 Aug 14-28;160(15):2386-8.
- Olivero OA et al. (1999). Incorporation of zidovudine into leukocyte DNA from HIV-1-positive adults and pregnant women, and cord blood from infants exposed in utero. AIDS 13: 919-925.
- Papadopulos-Eleopulos E, Turner VF, Papadimitriou JM (1993b). Is a Positive Western Blot Proof of HIV Infection ?. Bio/Technology; 11:696-707.
- Physician's Desk Reference (1999).
- Piatak M, Saag MS, Yang LC, et al. (1993). High levels of HIV-1 in plasma during all stages of infection determined by quantitative competitive PCR. Science: 259;1749-1754.
- Popovic M, Sarngadharan MG, Read E, et al. Detection, Isolation , and Continuous Production of Cytopathic Retroviruses (HTLV-II) from Patients with AIDS and Pre-AIDS. Science: 1984; 224: 497-500.
- Proffitt MR & Yen Lieberman B (1993, June). Laboratory diagnosis of HIV infection. Infectious Disease Clinics of North America: 7(2).; 203-215.
- Rich JD, Merriman NA, Mylonakis E et al. (1999). Misdiagnosis of HIV infection byHIV-1 plasma viral load testing: A case series. Ann Internal Med: 130(1); 37-39.
- Rosenberg ES, Caliendo AM, Walker BD (1999). Acute HIV infection among
Patients Tested for Mononucleosis. New England Journal of Medicine;
340 (12):969.
- Sarngadharan MG, Popovic M, Bruch L, et al. (1984). Antibodies Reactive to Human T-Lympho-trophic Retroviruses (HTLV-II) in the Serum of Patients with AIDS. Science: 224:506-508.
- Sayre KR, Dodd RY, Tegtemeier G et al. (1996). False positive HIV-1 Western Blot tests in noninfected blood donors.
Transfusion: 36; 45-52.
- Schmitz SH, Scheding S, Voliotis D, Rasokat H, Diehl V, Schrappe M (1994).
Side effects of AZT prophylaxis after occupational exposure to HIV-infected blood. Annals of Hematology; 69:135-138.
- Schupbach J, Popovic M, Gilden RV, et al. (1984). Serological analysis of a Subgroup of Human T-Lymphotrophic Retroviruses (HTLV-II) Associated with AIDS. Science; 224:503-505.
- Schwartz DH et al. (1997). Extensive evaluation of a seronegative participant in an HIV-1 vaccine trial as a result of a false positive PCR. Lancet: 350; 256-259.
- Shallenberger F (1998). Selective compartmental dominance: an explanation for a non- infectious, multifactorial etiology for AIDS. Medical Hypotheses: 50; 67-80.
- Weber B, Fall EH, Berger A, Doerr HW (August 1998). Reduction of diagnostic window by new fourth-generation human immunodeficiency virus screening assays. J Clin Microbiol;36(8):2235-9.


Bibliografia sul Fatto che lo HIV non e' responsabile, ne' causa lo AIDS
! -
By Peter H. Duesberg Ph.D.

- Duesberg, P., Koehnlein, C. and Rasnick, D. (2003) The Chemical Bases of the Various AIDS Epidemics: Recreational Drugs, Anti-viral Chemotherapy and Malnutrition. (J. Biosci. 28: 383-412)

- This paper is accompanied by a Commentary from Haverkos, H. (J. Biosci. 28: 365-366).

- It is also reviewed by an Editorial from Current Science.(Current Science 85: 117-118)

- Gordon T. Stewart et al.  The Durban Declaration is not accepted by all (2000) Nature 407: 286. pdf

- Duesberg, P. H. and Rasnick, D. (1998) The AIDS dilemma: Drug Diseases Blamed on a Passenger Virus. (Genetica 104: 85-132.), and a searchable textfile.

- Duesberg, P.H. (1997) Duesberg Defends Challenges to the Existence of HIV: Article 2 of 2 for Continuum (Continuum 4 (5), 26)

- Duesberg, P.H. (1996) Duesberg Defends Challenges to the Existence of HIV: Article 1 of 2 for Continuum (Continuum 4 (2), 8-9)

- Duesberg, P. H. (1996) How much longer can we afford the AIDS virus monopoly? (In: Duesberg, P. (eds.) AIDS: Virus- or Drug Induced ?, Kluwer, Dordrecht, Netherlands, 241-270)

- Duesberg, P. and Bialy, H. (1996) Duesberg and the Right of Reply According to Maddox - Nature(In: Duesberg, P. (eds.) AIDS: Virus- or Drug Induced ?, Kluwer, Dordrecht, Netherlands, 111-125)

- Baumann, E., Bethell, T., Bialy, H., Duesberg, P.H., Farber, C., Geshekter, C. L., Johnson, P. E., Maver, R. W., Schoch, R.,  Stewart, G. T., Strohman, R. C. and Thomas Jr., C. A. (1995) The Constitution of the Group for the Scientific Reappraisal of  the HIV/AIDS Hypothesis (Science 267, 945)

- Duesberg, P.H. (1995) Foreign-protein-mediated immunodeficiency in hemophiliacs with and without HIV (Genetica 95: 51-70)

- Duesberg, P. H. (1994) Results fall short for HIV theory (Insight 10, February 14, 27-29)

- Duesberg, P. H. (1994) Infectious AIDS - stretching the germ theory beyond its limits (Int. Arch. Allergy Immunol. 103: 131-142)

- Duesberg versus Piatak et al: "HIV and AIDS" Duesberg P, Science, 260, p1705 (1993); Response: Lifson et al., p 1705-6.

- Duesberg, P. H. (1993) The HIV gap in national AIDS statistics (Biotechnology 11: 955-956)

- Duesberg, P. H. (1993) Can epidemiology determine whether drugs or HIV cause AIDS? (AIDS-Forschung 12: 627-635)

- Duesberg, P. H. (1993) The Enigma of Slow Viruses (The Lancet 342: 720)

- Duesberg, P. H. and Schwartz, J. R. (1992) Latent viruses and mutated oncogenes: no evidence for pathogenicity (Prog Nucleic Acid Res Mol Biol 43: 135-204)

- Duesberg, P. H. and Schwartz, J. R. (1992) Latent viruses and mutated oncogenes: no evidence for pathogenicity.  (Prog Nucleic Acid Res Mol Biol 43: 135-204) pdf

- Duesberg, P. H. (1992) AIDS acquired by drug consumption and other non contagious risk factors (Pharmac. Ther. 55: 201-277), and a searchable text file.

- Duesberg, P.H. (1992) The role of drugs in the origin of AIDS (Biomed. Pharmacother. 46, 3-15)

- Duesberg, P. H. (1991) AIDS epidemiology: inconsistencies with human immunodeficiency virus and with infectious disease
(Proc Natl Acad Sci USA 88: 1575-1579)

- Duesberg, P. H. (1989) Human immunodeficiency virus and acquired immunodeficiency syndrome: Correlation but not causation
(Proc Natl Acad Sci USA 86: 755-764)

- Duesberg, P. H. (1988) HIV is not the cause of AIDS  (Science 241: 514-516)

- Duesberg, P.H. (1987) Retroviruses as Carcinogens and Pathogens: Expectations and Reality  (Cancer Research 47: 1199-1220)
Tratto dal sito del virologo dott. Duesberg: http://www.duesberg.com
 

HOME

BACK

"Questo sito WEB vi informa", Non siamo responsabili della correttezza e/o della solvibilità degli inserzionisti del ns. Network.
 Webmaster  - Vietata la copia anche parziale dei contenuti, se non viene citata la fonte - All rights reserved - Publisher DataBit s.a.